STUDIO UBOLDI IL CONDONO PER COLF E BADANTI EXTRACOMUNITARIE PRIVE DEL PERMESSO DI SOGGIORNO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDIO UBOLDI IL CONDONO PER COLF E BADANTI EXTRACOMUNITARIE PRIVE DEL PERMESSO DI SOGGIORNO"

Transcript

1 /*Z STUDIO UBOLDI Luglio agosto 2009 newsletter n 7/8 G.E.P.S. S.a.s. IL CONDONO PER COLF E BADANTI EXTRACOMUNITARIE PRIVE DEL PERMESSO DI SOGGIORNO Costerà 500 euro mettere in regola le colf o le badanti irregolari. Per avvalersi della procedura di regolarizzazione si presenta la dichiarazione di emersione fra il 1 e il 30 settembre Ma attenzione, a non commettere errori perché con false/errate dichiarazioni si rischiano fino a 6 anni di carcere. Chi può presentare la domanda. La domanda per la sanatoria di colf e badanti può essere presentata da un datore di lavoro italiano o cittadino di un Paese dell'unione europea o extracomunitario (se in possesso di titolo di soggiorno), che alla data del 30 giugno 2009 occupava irregolarmente alle proprie dipendenze da almeno 3 mesi lavoratori italiani o cittadini di un Paese Ue o lavoratori extracomunitari presenti in Italia. Altro vincolo è che il datore continui a occupare questi lavoratori alla data di presentazione della denuncia. I lavoratori devono essere impiegati come colf o badanti. Quando e a chi si invia la domanda. La domanda si invia dal 1 al 30 settembre 2009 all'inps Quanto costa. La dichiarazione di emersione si presenta previo pagamento di un contributo forfetario di 500 euro per ogni lavoratore. Contributo che non è deducibile ai fini dell'imposta sul reddito. Quale è il reddito minimo. Il datore di lavoro deve possedere un reddito imponibile non inferiore a 20mila euro annui in caso di famiglia con un solo percettore di reddito o di almeno 25mila euro in caso il nucleo sia composto da più soggetti conviventi percettori di reddito. Per le badanti è stata approvata una modifica: la regolarizzazione può essere fatta anche da un componente della famiglia non convivente con la persona non autosufficiente per la quale si rende necessaria l'assistenza di questa figura. Necessario allegare l'attestazione dell'occupazione del lavoratore per il periodo previsto dalla sanatoria, la dichiarazione della retribuzione convenuta (non inferiore a quella prevista dal contratto collettivo nazionale di lavoro) e, in caso di lavoro domestico, l'orario lavorativo a tempo pieno o a tempo parziale non inferiore a 20 ore settimanali. E, ancora, la proposta di contratto di soggiorno, gli estremi della ricevuta di pagamento del contributo forfetario. Limitazioni alla regolarizzazione. La disposizione prevede un limite nell'assunzione di lavoratori extra Ue: ogni nucleo familiare può regolarizzare una colf per il lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare e 2 badanti per le attività di assistenza a persone affette da patologie o handicap che ne limitano l'autosufficienza ( in questi caso il datore deve produrre una certificazione della struttura sanitaria pubblica o del medico convenzionato con il Ssn che attesti la limitazione dell'autosufficienza della persona per la quale viene chiesta l'assistenza, attestando eventualmente anche la necessità della presenza di 2 persone per l'assistenza). Chi non può essere ammesso alla procedura di emersione. Non sono ammessi alla procedura di emersione i lavoratori extracomunitari per i quali sia stato emesso un provvedimento di espulsione o quando lo straniero sia segnalato ai fini della non ammissione in Italia in base ad accordi o convenzioni internazionali. Non sono ammessi alla regolarizzazione anche gli extracomunitari che risultino condannati anche con sentenza non definitiva. 1

2 LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO Il lavoro occasionale di tipo accessorio è una particolare modalità di prestazione lavorativa prevista dalla Legge Biagi. La sua finalità è regolamentare quei rapporti di lavoro che soddisfano esigenze occasionali a carattere saltuario, con l obiettivo di far emergere attività confinate nel lavoro nero, tutelando in tal modo lavoratori che usualmente operano senza alcuna protezione assicurativa e previdenziale. Il pagamento della prestazione avviene attraverso i cosiddetti voucher (buoni lavoro), che garantiscono, oltre alla retribuzione, anche la copertura previdenziale presso l'inps e quella assicurativa presso l'inail. Dopo una prima sperimentazione, la prima significativa applicazione della disciplina contenuta nella Legge Biagi è stata attuata in occasione della vendemmia 2008 (limitatamente a studenti e pensionati), ed è stata poi estesa a tutte le attività agricole. La Legge n. 133/2008 e la Legge n. 33 del 9 aprile 2009 hanno successivamente ampliato la platea dei prestatori. Alcune circolari Inps hanno fornito indicazioni rispetto all'applicazione delle norme: Circolare n. 104 del 1 dicembre 2008 (modalità applicative nel settore commercio, turismo e servizi ) Circolare n. 44 del 24 marzo 2009 (modalità applicative nel settore domestico) Circolare INPS n. 76 del 26 maggio 2009 (modalità applicative per l impresa familiare) Circolare INPS n. 88 del 9 luglio 2009 (indicazioni sull'ampliamento dell ambito di applicazione del lavoro occasionale di tipo accessorio) Vantaggi Per il committente (datore di lavoro). Il committente può beneficiare di prestazioni nella completa legalità, con copertura assicurativa INAIL per eventuali incidenti sul lavoro, senza rischiare vertenze sulla natura della prestazione e senza dover stipulare alcun tipo di contratto. Per il prestatore (lavoratore). Il prestatore può integrare le sue entrate attraverso le prestazioni occasionali, il cui compenso è esente da ogni imposizione fiscale e non incide sullo stato di disoccupato o inoccupato. Il compenso dei buoni lavoro dà diritto all'accantonamento previdenziale presso l'inps e alla copertura assicurativa presso l'inail ed è totalmente cumulabile con i trattamenti pensionistici. Il committente I committenti cioè coloro che impiegano prestatori di lavoro occasionale - possono essere: - Famiglie - Privati - Aziende - imprese familiari operanti nei settori del commercio, turismo e servizi - imprenditori agricoli - enti senza fini di lucro - enti pubblici (solo in caso di prestazioni per lavori di emergenza e di solidarietà - comma 1, lettera d, art. 70 del D.Lgs n. 276/03 modificato dalla Legge n. 33/2009). Il ricorso ai buoni lavoro è limitato al rapporto diretto tra prestatore e utilizzatore finale, mentre è escluso che una impresa possa reclutare e retribuire lavoratori per svolgere prestazioni a favore di terzi come nel caso dell appalto o della somministrazione. 2

3 Soggetti che possono svolgere lavoro occasionale accessorio I prestatori che possono accedere al lavoro occasionale accessorio sono: - pensionati titolari di trattamento pensionistico in regime obbligatorio - studenti nei periodi di vacanza e il sabato e la domenica sono considerati studenti "i giovani con meno di 25 anni di età, regolarmente iscritti ad un ciclo di studi presso l'università o istituto scolastico di ogni ordine e grado" (art. 22, comma 1, lettera f, Legge n. 133 del 6/8/2008). I giovani debbono, comunque, aver compiuto i 16 anni di età e, se minorenni, debbono possedere autorizzazione alla prestazione di lavoro occasionale da parte dei genitori o di chi esercita la patria potestà. Per periodi di vacanza si intendono (Circolare n. 4 del 3 febbraio 2005 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali): a) per vacanze natalizie il periodo che va dal 1 dicembre al 10 gennaio; b) per vacanze pasquali il periodo che va dalla domenica delle Palme al martedì successivo il lunedì dell'angelo; c) per vacanze estive i giorni compresi dal 1 giugno al 30 settembre. I giovani possono effettuare prestazioni di lavoro occasionale anche il sabato e la domenica in tutti i periodi dell anno, (comma 1, lettera e, art. 70 del D.Lgs. n. 276/03 modificato dalla Legge n. 33/2009). Si precisa che studenti e pensionati possono svolgere attività di natura occasionale in qualsiasi settore produttivo. - le casalinghe - i disoccupati (titolari di disoccupazione ordinaria o a requisiti ridotti o disoccupazione speciale per agricoltura ed edilizia), - sperimentalmente per l anno 2009, i cassintegrati e i lavoratori in mobilità, nell ambito delle tipologie di attività individuate dalla norma. Secondo le fattispecie previste, possono accedere al lavoro occasionale accessorio anche tutti i cittadini stranieri regolarmente presenti sul territorio nazionale. I prestatori possono svolgere attività di lavoro occasionale: o in generale fino ad un limite economico di euro per singolo committente nell anno solare; o nel caso di cassaintegrati o lavoratori in mobilità fino ad un limite economico di euro per anno solare. Aree di attività in cui si applica il lavoro occasionale accessorio Il sistema dei voucher trova al momento applicazione per prestazioni rese nei seguenti ambiti lavorativi: - imprese del settore agricolo: per tutte le attività di carattere stagionale e per le attività agricole anche non stagionali svolte a favore dei produttori aventi un volume di affari non superiore a euro; - imprese familiari nei settori commercio, turismo e servizi: per le attività specifiche normalmente esercitate nel campo del commercio, del turismo e dei servizi, l impresa familiare potrà utilizzare qualsiasi tipologia di prestatori, con buoni lavoro ai quali si applica la contribuzione ordinaria del lavoro subordinato. In questo caso la prestazione di lavoro occasionale deve essere svolta da soggetti estranei all imprenditore e all impresa familiare stessa. In tutti i casi di utilizzo di prestazioni di lavoro occasionale l impresa familiare dovrà rispettare il limite economico dei euro per anno fiscale; - settore domestico: i lavori domestici di tipo occasionale accessorio riguardano quelle prestazioni svolte esclusivamente in maniera occasionale, discontinua e saltuaria per far fronte ad esigenze familiari relative alla cura della famiglia e della casa che non presentano il carattere dell abitualità. In questa fattispecie si inseriscono il babysittering così come il dogsittering; 3

4 - lavori di giardinaggio, pulizia e manutenzione di edifici, strade, parchi e monumenti; - manifestazioni sportive, culturali, fieristiche o caritatevoli e di lavori di emergenza o di solidarietà (svolti anche a favore di committenti pubblici); - consegna porta a porta e vendita ambulante di stampa quotidiana e periodica; - insegnamento privato e supplementare; - in qualsiasi altro settore produttivo, ma limitatamente a queste tipologie di prestatori: o giovani con meno di 25 anni di età, regolarmente iscritti a un ciclo di studi presso l università o un istituto scolastico di ogni ordine e grado e compatibilmente con gli impegni scolastici nonchè il sabato e la domenica, in tutti i periodi dell anno, e durante i periodi di vacanza; o pensionati; o percettori di prestazioni integrative del salario o con sostegno al reddito, in via sperimentale per il 2009 e nel limite di 3000 euro annui. PARLAMENTO: PUBBLICATA LA LEGGE SULLA SICUREZZA E' stata pubblicata, sul supplemento ordinario n. 128/L alla Gazzetta Ufficiale n. 170 del 24 luglio 2009, la legge 15 luglio 2009 n. 94, con la quale sono state introdotte e riviste una serie di disposizioni che concernono vari aspetti (sicurezza stradale, decoro urbano, criminalità organizzata, reato di clandestinità, ecc.). Le norme entreranno in vigore il giorno 8 agosto Di particolare importanza per l attività di vigilanza svolta dalle Direzioni del Lavoro sono gli articoli che riguardano l immigrazione clandestina, nel caso in cui si trovino lavoratori stranieri privi del permesso di soggiorno. Si fa riserva di comunicare ulteriori approfondimenti, alla luce dei chiarimenti che dovessero pervenire dall amministrazione centrale, in considerazione anche del provvedimento in itinere, già approvato dalla Camera, che consentirà la regolarizzazione anche dei lavoratori extracomunitari addetti ai servizi familiari. MIN.LAVORO: IL COSTO MEDIO ORARIO DEL LAVORO DEI DIPENDENTI DA AZIENDE DEL SETTORE TURISMO Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 167 del 21 luglio 2009, il Decreto Ministeriale del 6 luglio 2009 relativo al costo orario del lavoro per i lavoratori dipendenti da aziende del settore Turismo - comparto aziende alberghiere, riferito al mese di luglio La Tabella allegata INPS: CUMULO DELLA PENSIONE CON I REDDITI DA LAVORO AUTONOMO L INPS, con messaggio n del 20 luglio 2009, fornisce i chiarimenti in ordine all'individuazione dei pensionati tenuti alla comunicazione dei redditi da lavoro autonomo conseguiti nell'anno Il messaggio n /09 4

5 LA BUSTA PAGA SEMPRE IN BUSTA CHIUSA Il garante per la privacy nella Newsletter del n.325, nel paragrafo buste paga e privacy, è venuto a riaffermare che i cedolini dello stipendio devono essere consegnati spillati o in busta chiusa e non devono contenere informazioni lesive della riservatezza. Gli uffici addetti STRAORDINARI SANZIONE UNA TANTUM La sanzione sul lavoro straordinario è «una tantum». Non deve, cioè, essere moltiplicata per ciascun lavoratore coinvolto nella violazione. Lo precisa il ministero del lavoro nell'interpello n. 56/2009. Il chiarimento è stato sollecitato da Confindustria e riguarda LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO: IL LIMITE AL COMPENSO È NETTO PER IL LAVORATORE L'Inps, in funzione dell'evoluzione normativa (da ultimo art. 7, D.L. n. 5/2009, legge n. 33/2009) in materia di lavoro occasionale di tipo accessorio ex art. 70, D.lgs. n. 276/2003, con particolare riguardo all'ampliamento del campo di applicazione (studenti, casalinghe, pensionati, percettori di prestazioni integrative del reddito) e all'estensione, in alcuni casi, a tutti i settori produttivi, fornisce importanti precisazioni sull'utilizzo di tale tipologia contrattuale. In particolare precisa che il limite del compenso di euro per anno solare, con riferimento al singolo committente, va inteso, in analogia con i criteri che regolano le posizioni assicurative nella gestione separata, come netto per il prestatore di lavoro. Conseguentemente, per il committente il limite reddituale risulta fissato in euro. PENSIONE DI ANZIANITÀ E VECCHIAIA Cessazione dell'attività lavorativa e successiva rioccupazione - La ripresa dell'attività lavorativa da parte del lavoratore che consegue la pensione di anzianità non può in alcun caso coincidere con la data di decorrenza del trattamento pensionistico qualora il lavoratore si rioccupi presso lo stesso o un altro datore di lavoro. Nel caso della pensione di vecchiaia valgono le stesse conclusioni solo nel caso in cui la rioccupazione avvenga presso lo stesso datore di lavoro. (Inps. circ. 10 luglio 2009, n. 89) PENSIONE AI SUPERSTITI Diritto per il coniuge divorziato - Qualora l'assegno divorzile sia liquidato, anziché periodicamente, in un'unica soluzione, viene meno qualunque diritto della parte che lo ha ricevuto a proporre ulteriori richieste di natura economica, e in tal caso il coniuge beneficiario non avrà diritto alla pensione a favore dei superstiti. (Inps, messaggio 15 luglio 2009, n ) DANNO BIOLOGICO Indennità Inail - Dal 2008 l'aumento delle indennità dovute dall'inail a titolo di recupero del valore dell'indennità risarcitoria del danno biologico è stato stabilito nella misura dell'8,68%. L'incremento interessa i ratei di rendita, di ristoro del danno biologico, maturati e gli indennizzi in capitale liquidati dal 1 gennaio 2008 e si applica esclusivamente agli importi effettivamente erogati dall'inail. (Inail, circolare 7 luglio 2009, n. 37) 5

6 MANOVRA D'ESTATE misure per il lavoro - Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 1 luglio 2009, n. 150 il decreto legge 1 luglio 2009, n. 78 recante "Provvedimenti anticrisi, nonché proroga di termini e della partecipazione italiana a missioni internazionali". La manovra contiene importanti misure in materia di lavoro: la possibilità di rientro anticipato dei lavoratori cassintegrati per progetti di formazione o riqualificazione che possono includere attività produttiva connessa all'apprendimento; l'erogazione anticipata in un'unica soluzione dei sussidi per intraprendere un'attività autonoma; l'aumento all'80% dell'integrazione per i contratti di solidarietà; proroga del trattamento di CIGS per crisi aziendale oltre i 24 mesi. (Decreto legge 1 luglio 2009, n. 78 in G.U. 1 luglio 2009, n. 150) FERIE NON GODUTE Le Sezioni unite della Corte di Cassazione si pronunciano sulla mancata fruizione del periodo di ferie annuali e l'insorgenza del diritto alla c.d. indennità per ferie non godute e affermano che qualora il dirigente non abbia il potere di auto-assegnazione delle ferie, trattandosi di dirigente di primo livello, ha diritto a percepire l'indennità per le ferie non godute per cause indipendenti dalla sua volontà. (Cass. S.U. 17 aprile 2009, n. 9146) ISPEZIONI Il 16 giugno è terminato il periodo di flessibilità da parte degli organi ispettivi nella verifica degli obblighi, non sostanziali, riferiti alle nuove procedure operative nella predisposizione del libro unico del lavoro; deve quindi ritenersi esaurito il tempo a disposizione delle aziende (e dei loro consulenti) e delle case produttrici di software per adeguare le procedure alle effettive esigenze e finalità del libro unico del lavoro. Gli ispettori del lavoro potranno quindi effettuare le verifiche in materia di libro unico anche sugli aspetti più formali dello stesso. CIG COMPUTO DEI LIMITI TEMPORALI In merito ai limiti massimi di Cigo ex art. 6 legge n. 164/1975 ("l'integrazione salariale è corrisposta fino ad un periodo massimo di 3 mesi continuativi; in casi eccezionali detto periodo può essere prorogato trimestralmente fino ad un massimo complessivo di 12 mesi") l'istituto previdenziale precisa che i criteri interpretativi fissati dalla precedente circolare n. 58 del 20 aprile 2009 in base ai quali i limiti di cui sopra possono essere computati avuto riguardo non ad un'intera settimana di calendario ma alle singole giornate di sospensione del lavoro e considerando usufruita una settimana solo allorché la contrazione del lavoro abbia interessato 6 giorni, o 5 in caso di settimana corta) - si applicano a partire dai trimestri in corso alla data di emissione della circolare (quindi dal 20 aprile 2009). (Inps, messaggio 16 giugno 2009, n ) CIG IN DEROGA A seguito delle convenzioni stipulate tra regioni e Inps, l'istituto fornisce le istruzioni per la gestione delle domande cartacee giacenti presso le regioni stesse. L'Inps dovrà attivarsi per acquisire telematicamente tali domande. A regime le domande di Cig in deroga con anticipazione da parte dell'inps devono essere inviate direttamente a quest'ultimo, mentre nel caso di pagamento a conguaglio vanno indirizzate alla regione. (Inps, messaggio 15 giugno 2009, n

7 CIG INDENNITÀ DI MALATTIA L'Inps fa il punto sul rapporto tra integrazione salariale e indennità di malattia alla luce anche degli orientamenti giurisprudenziali: - nella CIGS e nella CIGO a zero ore viene erogata l'integrazione salariale quando la malattia sopraggiunge durante la CIGS; - se la malattia è antecedente alla cassa integrazione, continua l'erogazione dell'indennità di malattia nel caso in cui non venga sospesa la totalità dei lavoratori del reparto/ufficio del lavoratore. (Inps, circolare 16 giugno 2009, n. 82) CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI IN DEROGA APPRENDISTI È ammissibile la presentazione di una domanda di cassa integrazione guadagni in deroga per i lavoratori apprendisti unitamente ad una altra diretta ad ottenere la CIGO o la CIGS per il restante personale. La decorrenza delle prestazioni di cassa in deroga deve essere individuata nel momento di sospensione del rapporto di lavoro dei lavoratori apprendisti. (Ministero del lavoro, risposta a interpello 5 giugno 2009, n. 52 CIG ORARIO INFERIORE AL NORMALE E INTEGRAZIONE SALARIALE INPS Se l'impresa attua un orario inferiore a quello contrattuale, le ore integrabili dall'inps in caso di richiesta di CIG sono esclusivamente quelle previste dall'orario di fatto praticato in azienda e a quest'ultimo deve essere rapportata la retribuzione settimanale, anche se l'impresa dovesse chiedere l'integrazione sulle 40 ore di orario normale. (Inps, messaggio 11 giugno 2009, n ) CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA - SUCCESSIVA ALLA CIG ORDINARIA L'Inps, facendo proprio l'orientamento del Ministero del lavoro, precisa che un'azienda che si ritrovi in uno stato di crisi causata da fattori esterni non risolti con il ricorso alla CIG ordinaria e in mancanza di una ripresa dell'attività, può accedere alla Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria immediatamente dopo e senza soluzione di continuità con la Cassa Integrazione Ordinaria quando questa sia stata fruita nel limite massimo di 52 settimane. A tal fine dovrà essere presentata domanda al Ministero del lavoro secondo le consuete modalità. (Inps, messaggio 10 giugno 2009, n CIGS NEL SETTORE AEROPORTUALE I trattamenti di Cigs e di mobilità possono essere concessi a favore dei lavoratori del settore aeroportuale per periodi massimi pari, rispettivamente, a 48 mesi e 36 mesi indipendentemente dalla età anagrafica e dall'area geografica di riferimento, sulla base di specifici accordi in sede governativa. I contributi Cigs e mobilità sono pertanto dovuti dai vettori aerei, dalle società derivate, dalle imprese del sistema aeroportuale come le imprese che gestiscono gli aeroporti. L'obbligo è in vigore da gennaio 2009 e gli arretrati contributivi dovranno essere versati entro la scadenza del 16 settembre (Inps, circolare 15 giugno 2009, n. 80) 7

Provincia di Pordenone Settore Politiche del Lavoro e Programmazione Sociale LAVORO ACCESSORIO

Provincia di Pordenone Settore Politiche del Lavoro e Programmazione Sociale LAVORO ACCESSORIO Provincia di Pordenone Settore Politiche del Lavoro e Programmazione Sociale LAVORO ACCESSORIO LAVORO ACCESSORIO Particolare modalità di prestazione lavorativa prevista dalla Legge delega 14 febbraio 2003,

Dettagli

IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO (VOUCHER) Rag.Roberto Ciotti

IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO (VOUCHER) Rag.Roberto Ciotti IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO (VOUCHER) Rag.Roberto Ciotti CHE COS'È IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO E' una particolare modalità di prestazione lavorativa, che regolamenta tutte quelle

Dettagli

BUONI LAVORO PER LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO VADEMECUM

BUONI LAVORO PER LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO VADEMECUM BUONI LAVORO PER LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO VADEMECUM COSA SONO I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Oggetto: LAVORO ACCESSORIO: REGOLE APPLICATIVE E ADEMPIMENTI CONTABILI

Oggetto: LAVORO ACCESSORIO: REGOLE APPLICATIVE E ADEMPIMENTI CONTABILI Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LAVORO ACCESSORIO: REGOLE APPLICATIVE E ADEMPIMENTI CONTABILI La Manovra d estate 2008 (D.L. n.112/08, convertito in L. n.133/08) ha disciplinato la regolamentazione

Dettagli

/DYRURRFFDVLRQDOHGLWLSRDFFHVVRULR

/DYRURRFFDVLRQDOHGLWLSRDFFHVVRULR /DYRURRFFDVLRQDOHGLWLSRDFFHVVRULR Il lavoro occasionale di tipo accessorio è una particolare modalità di prestazione lavorativa prevista dalla Legge Biagi. La sua finalità è regolamentare quei rapporti

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) posso utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio dopo gli interpelli del ministero del lavoro

Il lavoro occasionale accessorio dopo gli interpelli del ministero del lavoro N. 104 del 07.03.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Il lavoro occasionale accessorio dopo gli interpelli del ministero del lavoro Negli ultimi mesi il Ministero del

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

cosa sffino s ffiqltrnr LAVffiRffi?

cosa sffino s ffiqltrnr LAVffiRffi? REGIONE SICLIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DEL LAVORO DIPARTIMENTO REGIONALE LAVORO CENTRO PER L'IMPIEGO DI PETRALIA SOPRANA occetto: IL LAVORO OCCASIONALE ED ACCESSORIO-

Dettagli

VADEMECUM BUONI AVORO. per il lavoro occasionale accessorio

VADEMECUM BUONI AVORO. per il lavoro occasionale accessorio VADEMECUM BUONI AVORO per il lavoro occasionale accessorio COSA SONO I Buoni Lavoro (o voucher) sono un sistema diretto per il pagamento di servizi di breve durata destinati alle aziende e ai privati.

Dettagli

BUONI AVORO VADEMECUM. per il lavoro occasionale accessorio

BUONI AVORO VADEMECUM. per il lavoro occasionale accessorio vademecum orizzontale_layout 1 08/03/12 15:32 Pagina 1 VADEMECUM Prodotto a cura di Italia Lavoro in collaborazione con Inps nell ambito del progetto Diffusione del Buono Lavoro per il lavoro occasionale

Dettagli

NORMATIVA e APPROFONDIMENTI

NORMATIVA e APPROFONDIMENTI NORMATIVA e APPROFONDIMENTI APPROFONDIMENTI LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO Settembre 2009 - LAVORO ACCESSORIO E BUONI LAVORO - Il presente approfondimento ha lo scopo analizzare la normativa di

Dettagli

Direttore Responsabile: Franco Bolner Per eventuali problemi di non corretta ricezione telefonare allo 0461/805595

Direttore Responsabile: Franco Bolner Per eventuali problemi di non corretta ricezione telefonare allo 0461/805595 Spa 38100 TRENTO Via Solteri, 74 INFORMATIVA PER L AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Direttore Responsabile: Franco Bolner Per eventuali problemi di non corretta ricezione telefonare allo 0461/805595 INFORMATIVA

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE? SI, MA SERENO E SICURO. le opportunita' dei buoni lavoro per lavoratori e datori di lavoro

LAVORO OCCASIONALE? SI, MA SERENO E SICURO. le opportunita' dei buoni lavoro per lavoratori e datori di lavoro LAVORO OCCASIONALE? SI, MA SERENO E SICURO le opportunita' dei buoni lavoro per lavoratori e datori di lavoro Avevo diversi lavori straordinari da fare in azienda; e in casa alcuni lavoretti che non ci

Dettagli

IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO ED IL SISTEMA DEI VOUCHER

IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO ED IL SISTEMA DEI VOUCHER Numero 63 Settembre 2013 IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO ED IL SISTEMA DEI VOUCHER Lavoro a cottimo, lavoro a domicilio, lavoro nero, lavoro interinale, lavoro precario: sembra davvero che di

Dettagli

Vademecum_VERS_def_Layout 1 17/10/12 16:53 Pagina 1. Buono Lavoro sempre più vantaggi per il lavoro occasionale accessorio

Vademecum_VERS_def_Layout 1 17/10/12 16:53 Pagina 1. Buono Lavoro sempre più vantaggi per il lavoro occasionale accessorio Vademecum_VERS_def_Layout 1 17/10/12 16:53 Pagina 1 Buono Lavoro sempre più vantaggi per il lavoro occasionale accessorio Vademecum_VERS_def_Layout 1 17/10/12 16:53 Pagina 2 COSA SONO I Buoni Lavoro (o

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 74 15.04.2013 Voucher: i chiarimenti dell INPS Per instaurare un rapporto occasionale accessorio è necessario effettuare la

Dettagli

Quadro di sintesi normativa

Quadro di sintesi normativa Allegato n.1 Quadro di sintesi normativa Articolo 19 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 Articolo 7 ter del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito

Dettagli

Le prestazioni occasionali di tipo accessorio

Le prestazioni occasionali di tipo accessorio Le prestazioni occasionali di tipo accessorio Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È IL LAVORO ACCESSORIO? La riforma del mercato del lavoro (Legge 92/2012) è intervenuta modificando anche questa tipologia

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Lavoro accessorio: valutazioni Cisl e materiali informativi e di approfondimento 1

Lavoro accessorio: valutazioni Cisl e materiali informativi e di approfondimento 1 Lavoro accessorio: valutazioni Cisl e materiali informativi e di approfondimento 1 INDICE 1) Valutazioni sul lavoro accessorio (Dip. Mercato del Lavoro Cisl) 2) La Campagna di Comunicazione del Ministero

Dettagli

VOUCHER ATTIVITA OCCASIONALE

VOUCHER ATTIVITA OCCASIONALE VOUCHER ATTIVITA OCCASIONALE Riferimenti normativi Dlgs n 276 /2003 artt 70-73 Legge 33/2009 VALORE NOMINALE DEI BUONI 10 EURO per buono singolo Bonus multiplo da 50 euro (pari a 5 buoni) Importo stabilito

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 20 del 17 settembre 2009 La manovra d estate (DL 1.7.2009 n. 78 convertito nella L. 3.8.2009 n. 102) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE

Dettagli

Voucher Lavoro: I compensi aumentano

Voucher Lavoro: I compensi aumentano Voucher Lavoro: I compensi aumentano È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale (G.U. Serie Generale n.144 del 24-6-2015 Supplemento Ordinario n. 34) il decreto legislativo n. 81 del 15 giugno 2015 che

Dettagli

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro N. 157 del 13.04.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro Il Governo, al fine di sostenere il reddito delle famiglie

Dettagli

LAVORO ACCESSORIO Incontro Centro Studi 14/10/2014. A cura di Luca Furfaroe Monica Fogliatto

LAVORO ACCESSORIO Incontro Centro Studi 14/10/2014. A cura di Luca Furfaroe Monica Fogliatto LAVORO ACCESSORIO Incontro Centro Studi 14/10/2014 A cura di Luca Furfaroe Monica Fogliatto Lavoro ACCESSORIO Le prestazioni di lavoro accessorio sono attività lavorative svolte senza l instaurazione di

Dettagli

I Buoni Lavoro. Centro Studi AssoAPI Salerno

I Buoni Lavoro. Centro Studi AssoAPI Salerno I Buoni Lavoro Un vademecum per comprendere quali committenti e tipologie di lavoratori possono utilizzare il sistema dei voucher e la metodologia di utilizzo Centro Studi AssoAPI Salerno 9/8/2013 INDICE

Dettagli

La legge n. 33 del 9 aprile 2009 ha modificato profondamente il decreto iniziale del 2003 di seguito si riportano gli articoli modificati

La legge n. 33 del 9 aprile 2009 ha modificato profondamente il decreto iniziale del 2003 di seguito si riportano gli articoli modificati LAVORO OCCASIONALE ED ACCESSORIO D.LGS N. 276/2003 E SUCCESSIVE MODIFICHE COMUNEMENTE DETTO LAVORO CON I VOUCHERS O BUONI LAVORO" ULTIME MODIFICHE LEGISLATIVE La legge n. 33 del 9 aprile 2009 ha modificato

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Lavoro accessorio: riforma del lavoro, chiarimenti del ministero e novità introdotte dal DL 83/2012 convertito

Lavoro accessorio: riforma del lavoro, chiarimenti del ministero e novità introdotte dal DL 83/2012 convertito N. 384 del 03.10.2012 La Memory A cura di Mauro Muraca Lavoro accessorio: riforma del lavoro, chiarimenti del ministero e novità introdotte dal DL 83/2012 convertito La legge di riforma del mercato del

Dettagli

COMUNE DI LA LOGGIA PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI LA LOGGIA PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI LA LOGGIA PROVINCIA DI TORINO ------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGETTO RECIPROCA SOLIDARIETÀ E LAVORO ACCESSORIO 2011 Dichiarazione

Dettagli

Città di Brienza REGOLAMENTO RELATIVO A PRESTAZIONI DI LAVORO ACCESSORIO DI NATURA MERAMENTE OCCASIONALE I N D I C E

Città di Brienza REGOLAMENTO RELATIVO A PRESTAZIONI DI LAVORO ACCESSORIO DI NATURA MERAMENTE OCCASIONALE I N D I C E Città di Brienza (Prov. di Potenza) (D.p.r. del 7/11/2005) Piazza dell Unità d Italia 85050 Brienza tel. 0975381003 - fax 0975381988 comune.brienza@cert.ruparbasilicata.it www.comune.brienza.pz.it REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CERRETO CASTELLO ( Provincia di Biella )

COMUNE DI CERRETO CASTELLO ( Provincia di Biella ) COPIA COMUNE DI CERRETO CASTELLO ( Provincia di Biella ) DELIBERAZIONE N.47 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: UTILIZZO VOUCHER PER LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO PERIODO 01.12.2012-30.04.2013

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale

Istituto Nazionale Previdenza Sociale Istituto Nazionale Previdenza Sociale Prestazioni Occasionali di tipo Accessorio Normativa di riferimento comma d) dell articolo 4 della Legge n. 30 del 14 febbraio 2003 articoli da 70 a 73 del Decreto

Dettagli

I CONTRATTI FLESSIBILI NEL TURISMO

I CONTRATTI FLESSIBILI NEL TURISMO Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro Direttore responsabile: Edi Sommariva Numero 10-2010 I CONTRATTI FLESSIBILI NEL TURISMO Area Lavoro a cura di : Area Lavoro Silvio Moretti con la collaborazione

Dettagli

COMUNE DI CASTELLI CALEPIO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI CASTELLI CALEPIO PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI CASTELLI CALEPIO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DEI "BUONI LAVORO" VOUCHER relativi a prestazioni lavorative di tipo occasionale accessorio svolte in favore del Comune di Castelli

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AVVISO PER ACQUISIZIONE DISPONIBILITA A SVOLGERE LAVORO DI NATURA OCCASIONALE PRESSO IL COMUNE DI MERATE CON PAGAMENTO MEDIANTE BUONO LAVORO (VOUCHER) PER ATTIVITÀ RESE NELL AMBITO DI LAVORI DI GIARDINAGGIO,

Dettagli

REGOLAMENTO per l erogazione dei buoni lavoro (voucher) relativi a prestazioni lavorative di tipo occasionale svolte in favore del

REGOLAMENTO per l erogazione dei buoni lavoro (voucher) relativi a prestazioni lavorative di tipo occasionale svolte in favore del COMUNE DI CARIATI (Prov. di COSENZA) AREA COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. - Cultura - Assistenza - Pubblica Istruzione - Turismo - Sport REGOLAMENTO per l erogazione dei buoni lavoro (voucher)

Dettagli

INPS messaggio 14 maggio 2010, n. 13211

INPS messaggio 14 maggio 2010, n. 13211 INPS messaggio 14 maggio 2010, n. 13211 Premessa Il sistema di regolazione dei "Voucher" per il lavoro occasionale di tipo accessorio ha fatto registrare un notevole sviluppo, raggiungendo il numero di

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

DISCIPLINARE REGOLANTE LO SVOLGIMENTO DI PRESTAZIONI DI LAVORO ACCESSORIO DI NATURA MERAMENTE OCCASIONALE

DISCIPLINARE REGOLANTE LO SVOLGIMENTO DI PRESTAZIONI DI LAVORO ACCESSORIO DI NATURA MERAMENTE OCCASIONALE C.a.p. 83057 Comune di TORELLA DEI LOMBARDI Provincia di AVELLINO MEDAGLIA D ORO AL VALORE CIVILE Partita I.V.A. 00241950641 - Tel. 0827/44060-44147 Fax 0827/49209 e-mail comtorella@tiscali.it - segreteria@comune.torelladeilombardi.av.it

Dettagli

IL LAVORO OCCASIONALE O ACCESSORIO

IL LAVORO OCCASIONALE O ACCESSORIO IL LAVORO OCCASIONALE O ACCESSORIO Il lavoro accessorio consiste nella prestazione di attività lavorative di natura occasionale, rese per lo svolgimento di determinate attività, che non diano complessivamente

Dettagli

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione

Dettagli

Finalità: Far valere a fini previdenziali piccole attività lavorative che altrimenti andrebbero disperse.

Finalità: Far valere a fini previdenziali piccole attività lavorative che altrimenti andrebbero disperse. Si tratta di prestazioni di lavoro di natura meramente occasionale, e accessoria', non riconducibili a contratti di lavoro in quanto svolte in modo saltuario e discontinuo. Si offrono, così occasioni di

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.54 del 13 Aprile 2016 Ai gentili clienti Loro sedi Lavoro accessorio: no Profit e Condomini con soglie più alte per prestatore Gentile cliente con la presente intendiamo

Dettagli

La sanatoria in Pillole (per quanto è dato di sapere ora)

La sanatoria in Pillole (per quanto è dato di sapere ora) La sanatoria in Pillole (per quanto è dato di sapere ora) Consiglio iniziale A coloro che hanno presentato domanda di assunzione di lavoratori extra UE negli anni scorsi e sono ancora in attesa di risposta

Dettagli

Associazione Nazionale delle Agenzie per il Lavoro

Associazione Nazionale delle Agenzie per il Lavoro www.bollettinoadapt.it, 11 gennaio 2013 Interpelli in sintesi: lavoratori svantaggiati, fondi di solidarietà bilaterale, successione somministrazione e contratto a termine, contributo addizionale Inps

Dettagli

COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA --------------------------------------------------- PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA --------------------------------------------------- PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA --------------------------------------------------- PROVINCIA DI TREVISO VIA VITTORIO EMANUELE, 13 31040 MEDUNA DI LIVENZA C.F.: 8001 237 0260 P.IVA: 0049 741 0266 WWW.COMUNE.MEDUNADILIVENZA.TV.IT

Dettagli

Perequazione dei trattamenti pensionistici, ex D.L. n. 65/2015 Aggiornamenti in materia di NASpI

Perequazione dei trattamenti pensionistici, ex D.L. n. 65/2015 Aggiornamenti in materia di NASpI Videoconferenza EPASA 8 settembre 2015 Perequazione dei trattamenti pensionistici, ex D.L. n. 65/2015 Aggiornamenti in materia di NASpI Relatori: Antonio Licchetta Carla Innocenzi Chiara Pierannunzi Consulenza

Dettagli

CUMIGNANO SUL NAVIGLIO

CUMIGNANO SUL NAVIGLIO CUMIGNANO SUL NAVIGLIO PROVINCIA DI CREMONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.41 Cod. Ente 10742 Trasmessa all ORECO/Capigruppo Consiliari Il 27.08.2014 prot. n. 1317 OGGETTO: APPROVAZIONE

Dettagli

GUIDA AL LAVORO ACCESSORIO AGGIORNATA AL DECRETO LAVORO N. 76-2013

GUIDA AL LAVORO ACCESSORIO AGGIORNATA AL DECRETO LAVORO N. 76-2013 Premessa generale GUIDA AL LAVORO ACCESSORIO AGGIORNATA AL DECRETO LAVORO N. 76-2013 La caratteristica principale del lavoro accessorio è rappresentata dal modo in cui il Committente compensa il lavoratore

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

Le domande più frequenti

Le domande più frequenti Le domande più frequenti ACQUISTO E RISCOSSIONE VOUCHER: 1. Che cosa si intende per prestazioni occasionali di tipo accessorio? Per qualificare le prestazioni occasionali di tipo accessorio si deve fare

Dettagli

Il lavoro accessorio. a cura di Patrizia Clementi. Supplemento a ex Lege 1/2009 Aggiornata con la Finanziara 2010 ( L. 23 dicembre 2009, n.

Il lavoro accessorio. a cura di Patrizia Clementi. Supplemento a ex Lege 1/2009 Aggiornata con la Finanziara 2010 ( L. 23 dicembre 2009, n. Il lavoro accessorio a cura di Patrizia Clementi Supplemento a ex Lege 1/2009 Aggiornata con la Finanziara 2010 ( L. 23 dicembre 2009, n. 191) Fonti normative: L. 14 febbraio 2003, n. 30 (legge delega)

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

I rapporti di lavoro. Tamara Capradossi. capradossi@esplora.biz

I rapporti di lavoro. Tamara Capradossi. capradossi@esplora.biz I rapporti di lavoro Tamara Capradossi capradossi@esplora.biz TIPOLOGIE DEI RAPPORTI DI LAVORO LAVORO AUTONOMO (OCCASIONALE) LAVORO ACCESSORIO (VOUCHER) LAVORO PARASUBORDINATO (CO.CO.PRO., MINI CO.CO.CO,

Dettagli

Ufficio Legislativo. Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Ufficio Legislativo. Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Ufficio Legislativo Entrate Organizzazione Sistemi Informativi e Tecnologici Bilanci e Servizi fiscali Roma, 24 Marzo 2009 Circolare n. 44 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle

Dettagli

Un occasione in più per l occupazione: Il lavoro accessorio. Promozione e Utilizzo dei Voucher per il Lavoro Accessorio (LOA)

Un occasione in più per l occupazione: Il lavoro accessorio. Promozione e Utilizzo dei Voucher per il Lavoro Accessorio (LOA) Un occasione in più per l occupazione: Il lavoro accessorio Promozione e Utilizzo dei Voucher per il Lavoro Accessorio (LOA) Lavoro Accessorio COSA E è un attività lavorativa di natura puramente occasionale

Dettagli

IL LAVORO AUTONOMO CON PARTITA IVA

IL LAVORO AUTONOMO CON PARTITA IVA LAVORO AUTONOMO CON PARTITA IVA Le prestazioni lavorative rese da persona titolare di posizione fiscale ai fini dell'imposta sul valore aggiunto sono considerate, salvo che sia fornita prova contraria

Dettagli

Prestazioni di tipo accessorio BUONI LAVORO VOUCHER

Prestazioni di tipo accessorio BUONI LAVORO VOUCHER Prestazioni di tipo accessorio BUONI LAVORO VOUCHER A cura della Commissione Lavoro Dott. Leonello Fontana Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Viterbo Viterbo, 16 Aprile 2014 Disciplina

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

COMUNE DI CAMPOTOSTO

COMUNE DI CAMPOTOSTO COMUNE DI CAMPOTOSTO Provincia di L Aquila C.A.P. 67013 C. F. 00085160661 c.c.p. 12153672 Tel. 0862 900142 900320 fax VERBALE DI DELIBERAZIONE COPIA DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: Acquisto buoni lavoro

Dettagli

IL LAVORO ACCESSORIO

IL LAVORO ACCESSORIO IL LAVORO ACCESSORIO (Artt. 70-73 del D.Lg. n. 276/03 - L. 133/2008- L. 33/2009-L. 191/2009- D.L. 225 del 29/12/2010 convertito in legge n. 10/2011- L. 92/2012 c.d. Riforma Fornero - circ. Ministero del

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 151 01.09.2015 Lavoro accessorio: i chiarimenti dell INPS Fino al 31 dicembre 2015 resta in vigore la vecchia disciplina per

Dettagli

Lavoro accessorio: i chiarimenti dell'inps. INPS, circolare 12/08/2015 n 149. Pubblicato il 25/08/2015

Lavoro accessorio: i chiarimenti dell'inps. INPS, circolare 12/08/2015 n 149. Pubblicato il 25/08/2015 Lavoro accessorio: i chiarimenti dell'inps INPS, circolare 12/08/2015 n 149 Pubblicato il 25/08/2015 L art 48, comma 1, del d.lgs. n. 81 del 15 giugno 2015 innalza il limite massimo del compenso che il

Dettagli

Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208. Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro

Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208. Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208 Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro Gli interventi in materia di Lavoro nel 2015 SEMPLIFICAZIONE

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO 05 2015

NEWSLETTER LAVORO 05 2015 Normativa lavoro TRIBERTI COLOMBO & ASSOCIATI AVVOCATI COMMERCIALISTI CONSULENTI del LAVORO NEWSLETTER LAVORO 05 2015 1. DISABILI IN SOMMINISTRAZIONE: COMPUTO NELLA QUOTA DI RISERVA 2. AMMORTIZZATORI SOCIALI:

Dettagli

OGGETTO: Tfr in busta paga. La domanda di richiesta

OGGETTO: Tfr in busta paga. La domanda di richiesta OGGETTO: Tfr in busta paga. La domanda di richiesta dal prossimo mese di aprile, i lavoratori appartenenti al settore privato potranno chiedere l anticipo - mensilmente in busta - del proprio Tfr (tecnicamente

Dettagli

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI Nel corso del rapporto lavorativo può accadere che il datore di lavoro si trovi impossibilitato, soprattutto per oggettivi motivi economici e di mancanza di lavoro, a ricevere

Dettagli

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO Una crisi aziendale può comportare diverse variazioni delle forme di lavoro, talvolta orientate alla

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO AVVISO PUBBLICO PER LA CREAZIONE DI UN ELENCO DI PERSONE DISPONIBILI A PRESTARE ATTIVITA OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO NELL AMBITO DEL PROGETTO RECIPROCA SOLIDARIETA E LAVORO ACCESSORIO FINANZIATO DALLA

Dettagli

Cassa integrazione guadagni ordinaria. Enzo Mologni 01-10-2013

Cassa integrazione guadagni ordinaria. Enzo Mologni 01-10-2013 Cassa integrazione guadagni ordinaria Enzo Mologni 01-10-2013 CIG legge 164/1975 Il datore di lavoro può sospendere i lavoratori e ricorrere alla CIG per fronteggiare situazioni di crisi caratterizzate

Dettagli

Il limite annuo di compensi si calcola conteggiando le somme ricevute da tutti i committenti.

Il limite annuo di compensi si calcola conteggiando le somme ricevute da tutti i committenti. 251 01/2014 PICCOLI LAVORI, VOUCHER FINO A 5.050 EURO Il limite annuo di compensi si calcola conteggiando le somme ricevute da tutti i committenti. So che si può occupare un lavoratore pagandolo con il

Dettagli

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012, n. 92 Flessibilità

Dettagli

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA INTEGRAZIONE MALATTIA, INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE CONTROLLI CASSA EDILE, ALIQUOTE PER CALCOLO INTEGRAZIONE E GESTIONE EVENTI NEL MUT IN VIGORE DALLE DENUNCE MUT DEL MESE DI GIUGNO 2012 (INTEGRATIVO

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 luglio 2014 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi

Dettagli

PRESTAZIONE DI LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE ART. 2222 del codice civile

PRESTAZIONE DI LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE ART. 2222 del codice civile PRESTAZIONE DI LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE ART. 2222 del codice civile Tra L Università di, Dipartimento di con sede in alla Via, codice fiscale, in persona del rappresentante legale sig., di seguito denominata

Dettagli

SCADENZE FEBBRAIO 2015

SCADENZE FEBBRAIO 2015 SCADENZE FEBBRAIO 2015 MARTEDì 10 FEBBRAIO IMU TERRENI Scade il termine per il versamento dell IMU sui terreni; l imposta è calcolata in base alle aliquote standard (7,6 per mille) tranne quando i Comuni

Dettagli

Al via la regolarizzazione di collaboratori domestici e assistenti familiari

Al via la regolarizzazione di collaboratori domestici e assistenti familiari Al via la regolarizzazione di collaboratori domestici e assistenti familiari I contenuti del provvedimento e le osservazioni della Uil Pensionati Il 3 agosto il Parlamento ha approvato la regolarizzazione

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE PERSONE NON OCCUPATE NEI 6 MESI PRECEDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO Tutti i datori di lavoro privati Tempo (a tutele crescenti) Riduzione del 40% dei contributi previdenziali a carico del datore

Dettagli

In atti deliberazione della Giunta Comunale n. 155 del 03.10.2013

In atti deliberazione della Giunta Comunale n. 155 del 03.10.2013 In atti deliberazione della Giunta Comunale n. 155 del 03.10.2013 AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA DI PERSONALE DISPONIBILE A SVOLGERE LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PRESSO I

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

SCADENZE MAGGIO 2013 DOMENICA 12 MAGGIO

SCADENZE MAGGIO 2013 DOMENICA 12 MAGGIO SCADENZE MAGGIO 2013 DOMENICA 12 MAGGIO AGENTI DI COMMERCIO, MEDIATORI E SPEDIZIONIERI Gli adempimenti previsti entro tale data ed indicati all interno della nostra circolare 10.2013 (http://www.contrino.it/?p=1555)

Dettagli

Legge n. 326/2003: indennità di mobilità in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA.

Legge n. 326/2003: indennità di mobilità in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA. OGGETTO: A -Legge n. 326/2003: disposizioni in materia di indennità di mobilità e di pensioni in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA. B - Indennità di mobilità

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

BOOM DI MINI-JOBS ==================

BOOM DI MINI-JOBS ================== BOOM DI MINI-JOBS Nel 2014 la CGIA prevede una vendita di oltre 71.600.000 ore di lavoro: interessato un milione di persone. Commercio, ristorazione/turismo e servizi i settori più interessati ==================

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER A FRONTE DI PRESTAZIONI LAVORATIVE SVOLTE PER IL COMUNE DI PASSIRANO

BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER A FRONTE DI PRESTAZIONI LAVORATIVE SVOLTE PER IL COMUNE DI PASSIRANO BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER A FRONTE DI PRESTAZIONI LAVORATIVE SVOLTE PER IL COMUNE DI PASSIRANO 1) Norme generali e finalità dell intervento Il Comune di Passirano intende ricercare personale disponibile

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 104 05.06.2015 Assegno per il nucleo familiare: i livelli reddituali 2015/2016 Aggiornati i nuovi livelli reddituali dell ANF

Dettagli

REGOLARIZZAZIONE COLF E BADANTI

REGOLARIZZAZIONE COLF E BADANTI REGOLARIZZAZIONE COLF E BADANTI EX ART. 1 TER Legge 102/2009 DI COSA SI TRATTA? La procedura prevista dall art. 1ter della L. 102/2009 è finalizzata all emersione del lavoro in nero svolto nei seguenti

Dettagli

Guide operative. Le collaborazioni occasionali

Guide operative. Le collaborazioni occasionali Guide operative Schede di sintesi A cura di Stefano Liali - Consulente del lavoro Le collaborazioni occasionali Requisiti principali Differenze con le mini co.co.co. Caratteristiche lavoro autonomo occasionale

Dettagli

STUDIO DE ALEXANDRIS Commercialisti Revisori Contabili Avvocati

STUDIO DE ALEXANDRIS Commercialisti Revisori Contabili Avvocati Circolare Studio Prot. N 14/09 del 27/02/09 MD/lb Monza, lì 27.02.2009 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto: Voucher INPS per lavoro occasionale accessorio nei settori commercio, turismo, servizi

Dettagli

Indennità di disoccupazione agricola

Indennità di disoccupazione agricola G.A.I.A. Project Consulting snc http://gaiaprojectconsulting.it Indennità di disoccupazione agricola Il 31 marzo 2016 è l ultimo giorno utile per i lavoratori del comparto agricolo per presentare la domanda

Dettagli

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 di 1 Con il comma 118 e ss. della Legge di Stabilità 2015 2, al fine di promuovere forme di occupazione stabile, viene introdotto

Dettagli

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 INDENNITA DIS-COLL Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 1 DESTINATARI Dal 1 gennaio 2015 è stata istituita, in via sperimentale, in relazione agli eventi di cessazione dal lavoro verificatisi

Dettagli

Le pensioni nel 2006

Le pensioni nel 2006 Le pensioni nel 2006 Proponiamo il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE

Dettagli