Progetto per il centenario della Prima Guerra Mondiale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto per il centenario della Prima Guerra Mondiale"

Transcript

1 COMUN GENERAL DE FASCIA PROVINCIA DI TRENTO COMUN GENERAL DE FASCIA PROVINZIA DE TRENT Strada di Pré de gejia, POZZA DI FASSA/POZA (Trento) Tel Fax C.F P.IVA Internet: - Progetto per il centenario della Prima Guerra Mondiale

2 INDICE 1. PREMESSA p INTERVENTI SULLE INFRASTRUTTURE p EVENTI CULTURALI p UN ARCHIVIO BASE VIA WEB p PROMOZIONE TURISTICA E DIDATTICA p PRIORITÀ p BIBLIOGRAFIA p ALLEGATI p. 27 2

3 1. PREMESSA Sarebbe riduttivo, in questa sede, presentare un mero resoconto degli eventi bellici, che hanno trascinato il territorio della Val di Fassa nel turbinio della guerra. Un'imponente linea di confine tra l'austria e l'italia correva lungo i ripidi versanti delle Dolomiti, un conflitto combattuto in alta quota, un gioco architettonico di postazioni e di trincee, culminato nell'abile e impressionante costruzione della Città di Ghiaccio sulla Marmolada. Militari impegnati a combattere sul fronte, non solo verso gli altri soldati, ma contro il freddo, la fame, la morte. La celebrazione del Centenario vuole essere un monito a ricordare quell'evento eccezionale, testificando attraverso i manufatti e le memorie lasciate dai soldati, gli aspetti strategici e devastanti della grande guerra. I progetti e le idee spiegate in seguito non vogliono valorizzare le vestigia belliche solo in un'ottica turistica, ma soprattutto in una prospettiva formativa e culturale, al fine di trasmetterne il loro intrinseco valore storico. 2. INTERVENTI SULLE INFRASTRUTTURE COMUNE DI MOENA Gli interventi proposti in seguito, volti al ripristino dell'ospizio di San Pellegrino e all'installazione presso la Ciasa Tòfol di Moena della collezione inerente alla grande guerra conservata presso l'archivio del Museo Ladin de Fascia, vanno letti come un progetto organico. Infatti, la necessità di illustrare ogni punto separatamente, non deve distogliere l'attenzione del lettore dallo scopo principale del progetto: la volontà di creare una sorta di percorso unificato sui diversi spazi espositivi presenti in Valle. A questo punto è d'obbligo richiamare l'attenzione anche sull'associazione Sul fronte dei ricordi di Moena, in quanto il Museo della guerra di Someda, da essa fondato, potrebbe diventare parte integrante del percorso prima citato. Proprio lo spazio di Ciasa Tòfol potrebbe fungere, all interno del progetto, da punto nevralgico, dal quale fare dunque scaturire, mediante uno studio idoneo, una rete unificata di percorsi sul territorio. 1. Ospizio di San Pellegrino L'antico ospizio di San Pellegrino venne fondato nel 1358 dalla Regola di Moena per volontà di Frate Gualtiero della confraternita dei frati bianchi di San Pellegrino in Alpe; nel 1420, con la soppressione dell'ordine dei frati, la gestione della struttura venne affidata alla Regola di Moena. Con l'avvento della Prima Guerra mondiale l'ospizio venne bruciato dall'armata austriaca; ricostruito poco dopo la fine del conflitto, già nel 1924 divenne un luogo fruibile. Purtroppo, da diversi anni, la struttura staziona in uno stato d'abbandono meritevole di rifacimento Il Comune di Moena ha proposto il seguente intervento, suddividendo la struttura in due spazi, uno adibito a hospitale e uno a luogo culturale: 3

4 LO SPAZIO HOSPITALE LO SPAZIO CULTURALE - le camere, i cameroni - il museo della guerra - la cucina e la sala da pranzo - le mostre temporanee - il lager, rifugio gratuito - gli spazi per la didattica - il bar - l'appartamento per il gestore - lo spazio per la Croce Rossa - lo spazio multifunzionale per gli sportivi La stima dell'intervento ammonta a L'Istitut Cultural Ladin ha ipotizzato una seconda possibilità di riutilizzo dell'edificio: pur mantenendo l'idea di destinare il primo spazio a hospitale, ha pensato di designare il secondo a centro visite, sollecitando, in particolare per i percorsi e le attività didattiche, la partecipazione del Museo Ladin de Fascia, del Museo Geologico di Predazzo e dell'associazione Sul fronte dei Ricordi di Moena. CENTRO VISITE: STRUTTURA ESPOSITIVA E INFORMATIVA PER L'ESPLORAZIONE DEL TERRITORIO TEMATICHE ESPO/INFO VISITE A RIMANDI A - storia le antiche vie e l'ospizio storie di confini il fronte della Grande Guerra chiesetta cippi confinari luoghi del fronte Museo Ladin de Fascia/ Associazione Sul fronte dei ricordi - ambiente geologia flora e fauna alpina territorio territorio Museo Geologico di Predazzo - cultura leggende dolomitiche la malga alpina malga comunale Museo Ladin de Fascia 2. Sezione Museo Ladino La Grande Guerra, Moena: Ciasa Tòfol Il Museo Ladin de Fascia conserva all'interno del proprio archivio un'importante raccolta di oggetti relativi alla Prima Guerra Mondiale, provenienti in misura maggiore dal territorio di Moena, nello 4

5 specifico dalla collezione Simonetti Federspiel. L'intera raccolta si compone di circa pezzi, accuratamente schedati mediante un adeguato software di catalogazione. L'Istitut Cultural Ladin propone di collocare la collezione presso la Ciasa Tòfol di Moena, destinando l'edificio alla funzione di: centro anziani, struttura sociale - ricreativa sezione del Museo Ladin de Fascia La Grande Guerra La proposta di installare il museo a Moena è legata alle seguenti motivazioni: provenienza di gran parte della collezione dal territorio di Moena attiva presenza dell'associazione Sul fronte dei ricordi, che potrebbe eventualmente far confluire nella nuova mostra anche l attuale Museo di Someda vicinanza al Passo San Pellegrino, quindi ai 7 anelli storici La collocazione si dimostra notevolmente strategica: per la posizione centrale, quindi per la contiguità con l'uffico APT, con il Teatro Navalge e con l'ampio parcheggio per la vicinanza al Passo San Pellegrino per la presenza del centro anziani, i quali potrebbero fungere da supporto ai visitatori e custodire le stanze museali 3. A nord di Fango recupero e restauro conservativo dei ruderi dell'osservatorio austroungarico delle Zigolade (edificio e galleria in roccia) La proposta di intervento è volta al recupero di un edificio in muratura (pietra/cemento), che venne utilizzato dagli austriaci come punto di osservazione, e di una galleria in roccia. I siti sono dislocati sul versante occidentale di uno sperone roccioso, il quale sovrasta quelle che furono le postazioni di difesa austriache di Fango. L'edificio (composto da tre sale che in totale misurano 24x4 m.) e la galleria (lunga m.), a causa dello stato di degrado, dovuto al trascorrere del tempo, ma in misura maggiore dalle difficili condizioni climatiche, necessitano di urgenti lavori di recupero. L'intervento prevede una fase preliminare conoscitiva, alla quale farà seguito uno stadio progettuale, volto al recupero dei beni. 2.1 Fase preliminare conoscitiva: ricerca storica, per interpretare al meglio le funzionalità originali dell'edificio rilievo strumentale e fotografico 2.2 Fase progettuale e lavori di recupero dell'edificio: consolidamento delle murature dell'edificio mediante tecniche e materiali che permettano la conservazione originale del sito ricostruzione delle murature utilizzando le stesse pietre crollate asportazione del materiale crollato nell'edificio, conseguente analisi dei frammenti, al fine di eludere la perdita di testimonianze belliche 5

6 asportazione della vegetazione che è cresciuta all'interno dell'edificio valutazione della proposta di realizzare una copertura (ad esempio un tetto in legno) almeno per una delle tre stanze dell'edificio 2.3 Fase progettuale e lavori di recupero della galleria: verifica della stabilità della roccia, ed eventuale previsione di sostegno o rimozione delle parti instabili collocazione, al termine della galleria, quindi nel punto più suggestivo, di una fotografia panoramica con la toponomastica, situata su di un sostegno a leggio in corten studio di un'opportuna segnaletica e di essenziali pannelli esplicativi La stima dell'intervento, considerando anche che la zona non è raggiungibile da nessun mezzo, ad esclusione dell'elicottero, ammonta a ,00 4. Recupero dei manufatti nei pressi del Doss di Colvere (a sud di Fango) L'intervento, volto al ripristino di alcune postazioni belliche situate sul versante nord di col di Colvere, ha come scopo la realizzazione di un piccolo percorso escursionistico. Considerando la folta vegetazione che circonda i siti, e tenendo conto dei continui crolli dei materiali, è auspicabile un'azione di recupero a breve termine, onde evitare l'ulteriore degrado di questi importanti manufatti storici, e un eccessivo aumento dei costi di recupero. L'intervento prevede una fase preliminare conoscitiva, alla quale farà seguito uno stadio progettuale, volto al recupero dei beni. 3.1 Fase preliminare conoscitiva: ricerca storica, per interpretare al meglio le funzionalità originali dell'edificio rilievo strumentale e fotografico 3.2 Fase progettuale e lavori di recupero dei manufatti: rimozione del materiale crollato, ripristino delle vestigia di due cannoniere situate vicino a Malga Colvere rimozione del materiale crollato, ripristino delle postazioni di osservazione e artiglieria in roccia rimozione della vegetazione dalle feritoie e delle bocche rimozione della vegetazione antistante i siti, al fine di rendere accessibile alla vista il panorama di San Pellegrino studio di un'opportuna segnaletica con essenziali pannelli esplicativi La stima dell'intervento ammonta a ,00 6

7 5. Recupero e manutenzione straordinaria dei manufatti e postazioni belliche lungo i 7 itinerari storici attualmente esistenti Il Comune di Moena assieme all'associazione storica Sul fronte dei ricordi ripristinò e propose, nei primi anni del 2000, sette differenti itinerari storici che, ripercorrendo ed illustrando i luoghi del conflitto, soddisfano, nelle loro svariate configurazioni, diverse tipologie di escursionisti. Attualmente i percorsi si articolano in: Itinerario 1: Museo, Finestrola e Forte Someda. Il percorso permette di visitare la Mostra-Museo di Someda, che espone numerosi reperti relativi alla Prima Guerra Mondiale; la località Finestrola, dove si può esplorare una caverna munita di feritoia per fucili o mitragliatrice, e i resti del Forte. Itinerario 2: Fango-Galleria di Ricoleta. Il percorso si compone dei resti delle trincee relative alla seconda linea difensiva austriaca, inoltre è visibile anche una galleria riferibile alla prima linea. Itinerario 3: Anelli sui pascoli della Campagnacia. Il percorso propone un labirinto di trincee e mulattiere parzialmente conservate. Itinerario 4: Alta via dei Monzoni. Il percorso presenta numerosi residui bellici quali ricoveri, cannoniere, trincee, fondamenta di baracca, strutture in ferro infisse nella roccia, i ruderi dell'osservatorio delle Zigolade. Itinerario 5: Alta via Creste Costabella. Il percorso, arricchito da caverne, trincee, postazioni e fondamenta di baracche, è contrassegnato all'inizio dalla camerata austriaca dei Kaiserschützen, mentre alla fine dalla preziosa mostra Guerra alla Guerra. Itinerario 6: Col Margherita-Alta Via della Mariota. Il percorso si articola in numerose gallerie ben conservate. Itinerario 7: Lusia-Gronton. Cima Bocche. Il percorso è caratterizzato da trincee, postazioni, scalinate e fondamenta di baracche. Nonostante i lavori di recupero e di ordinaria manutenzione, il trascorrere del tempo ha inevitabilmente causato il parziale degrado dei manufatti storici, per i quali in breve si richiedono i seguenti interventi: rilievo strumentale e fotografico rimozione della vegetazione d'alto fusto cresciuta all'interno di alcuni resti di baracche rimozione del materiale crollato all'interno dei manufatti recupero dei nuovi manufatti rinvenuti, al fine di inserirli all'interno dei percorsi necessità di mettere a sicurezza i diversi siti studio di un'opportuna segnaletica e di essenziali pannelli esplicativi La stima degli 'interventi ammonta a ,00 7

8 6. Censimento e rilevamento delle opere belliche sul territorio secondo le linee guida dettate dal Servizio della Soprintendenza per i Beni Architettonici Il Parco Naturale di Paneveggio Pale di San Martino ha proposto al Comune di Moena, membro dello stesso, un censimento delle opere belliche costruite durante la Prima Guerra Mondiale attorno ai 7 anelli storici prima citati. L'intervento prevede: raccolta di dati storici concernente il territorio da censire attenta ricerca dell'esistente in loco rilievo strumentale e fotografico dei manufatti mirata schedatura dei reperti storici La stima degli 'interventi ammonta a ,00 7. Il Forte di Someda Il Forte di Someda, presso San Pellegrino, è un'importante testimonianza storica che attesta, con la sua immensa mole, i segni lasciati dalla Prima Guerra Mondiale. Purtroppo, il bene, essendo di proprietà privata, è lasciato completamente al suo stato d'abbandono. Considerando la situazione, per il Forte non è stato avanzato alcun progetto volto al recupero dello stesso, tuttavia in questa sede è quasi d'obbligo segnalare la circostanza, auspicando un meritevole intervento di recupero e di conservazione. COMUNE DI SORAGA 8. Recupero e manutenzione di una strada militare, presso la località Fuciade Nei pressi della località Fuciade è tuttora visibile quel che resta di un sentiero militare ciottolato. La via, lasciata completamente al suo stato di abbandono, avrebbe bisogno di essere ripristinata e valorizzata, per renderla maggiormente percorribile, non solo dagli appassionati della guerra, ma dai numerosi turisti che durante l'anno raggiungono gli splendidi posti di Fuciade. L'intervento prevede: rilievo strumentale e fotografico pulizia del percorso intervento di ripristino e manutenzione realizzazione di segnaletica direzionale e descrittiva 9. Cimitero Code In tempo di guerra, presso la località Fuciade, alla sinistra dell'inizio della strada Code, venne edificato un cimitero militare. Attualmente non esistono sufficienti testimonianze documentabili e 8

9 mancano dei residui di materiali costruttivi che permettano una qualche ricostruzione storica. Sarebbe interessante approfondire la circostanza. L'intervento prevede: un'attenta ricerca d'archivio un sopralluogo un'indagine del terreno per valutare se vi è la possibilità di recuperare, anche mediante scavo, qualche testimonianza storica 10. Recupero baracche Baic de Cela, località Soraga Nel Comune di Soraga, sotto la zona Palua, sono visibili dei residui di alcune baracche, Baic de Cela, costruite dalla popolazione locale durante il periodo del primo conflitto. In sintesi, la funzione era quella di nascondere il bestiame dai soldati, onde evitare la detrazione dello stesso. Si potrebbe azzardare un recupero delle strutture, sia a scopo didattico/divulgativo, sia per evitare la completa estinzione di queste testimonianze. L'intervento prevede: un approfondimento storico e documentativo rilievo strumentale e fotografico pulizia dall'area della vegetazione intervento di ricostruzione realizzazione di segnaletica direzionale e descrittiva COMUNE DI POZZA 11. Recupero di due cippi commemorativi nella Valle San Nicolò La Val San Nicolò rivestì una funzione strategica durante la Prima Guerra Mondiale, in quanto sul territorio vi erano dislocati i numerosi accampamenti delle riserve austriache e le stazioni delle teleferiche che fornivano le postazioni situate sul Costabella. In corrispondenza del villaggio di baracche austriaco, in ricordo dei comandanti di questo settore e dei caduti, furono eretti due cippi commemorativi. Nel 1988 la compagnia degli Schützen restaurò i due monumenti, ma, inevitabilmente, il trascorrere del tempo ha causato un deterioramento delle parti che costituiscono i manufatti. Alcune parti risultano mancanti, le incisioni, oltre a non essere più chiaramente leggibili, in certe zone sono state ripassate con il pennarello. Inoltre, la struttura dei cippi, che richiama quella di una piccola montagnola, viene spiacevolmente scambiata dai bambini come un divertimento: un masso da scalare. L'intervento prevede: intervento di ripristino e di manutenzione dei cippi ricostruzione di due piccole cortine, poste a protezione dei monumenti posa della segnaletica e dei pannelli esplicativi 9

10 COMUNE DI CAMPITELLO 12. Risanamento conservativo del Casino del Bersaglio comunale Non si sa con esattezza l'anno in cui venne costruito il Casino del Bersaglio comunale, tuttavia alcune storiche fotografie, di Franz Dantone Pascalin, permettono di collocare l'edificazione in un arco temporale che spazia dal 1890 al Probabilmente, la struttura aveva la funzione sia di postazione da tiro, sia di magazzino, ove venivano conservate le armi e i bersagli. Attualmente l'edificio è in disuso e in un evidente stato di degrado; circostanze che richiedono tempestivi lavori di consolidamento. L'obiettivo del risanamento è quello di realizzare all'interno della struttura un punto informativo sui siti della guerra, sui musei e sulle mostre tematiche, nonché sulle iniziative turistico/culturali, attinenti al tema del conflitto organizzate in Valle di Fassa. Potrebbe essere interessante creare all'interno del Casino un allestimento che associ una parte storica con una tecnologica: ad esempio, si potrebbero collocare accanto a delle fotografie storiche illustranti i luoghi del conflitto sul Fedaia e sul Passo San Pellegrino, degli schermi touchscreen che illustrino i posti attualmente visitabili. Questo, per avvalorare anche il fatto che tutta la Valle possa diventare, in occasione del Centenario, un unico intreccio di percorsi diversi. L'intervento prevede: pulitura e restauro non invasivo degli intonaci esterni, qualora possibile è preferibile il mantenimento dell'intonaco esistente rifacimento parziale del tetto, procedendo con la sostituzione dei travetti danneggiati e della lamiera con delle lastre in ardesia, già presenti su di una falda sostituzione degli infissi danneggiati sistemazione degli interni, mediante il restauro degli intonaci e del soppalco in legno e tramite la realizzazione della pavimentazione (ora non presente) studio dell'allestimento La stima degli interventi ammonta a ,00 COMUNE DI CANAZEI 13. Il Museo della Grande Guerra a Passo Fedaia Il Museo della Grande Guerra a Passo Fedaia è un museo di modeste dimensioni, allestito e curato dalla famiglia De Bernardin. Il materiale esposto è una fonte preziosa che ben documenta gli eventi della Prima Guerra in montagna. Nell'attesa del Centenario, il museo avrebbe bisogno di un potenziamento, considerando anche il reale successo turistico che vanta: circa visitatori nella sola stagione estiva. L'intervento prevede: l'ampliamento della superficie espositiva l'ammodernamento dei supporti espositivi la predisposizione di una sala multimediale la predisposizione di pannelli esplicativi 10

11 la predisposizione di un punto informativo che illustri i luoghi della grande guerra in Marmolada l'elaborazione di un adeguato software di catalogazione, per schedare opportunamente l'importante patrimonio conservato 14. Recupero e valorizzazione della Tricea del Nido (postazione bellica della Fedaia Occidentale) La Trincea del Nido è dislocata a pochi minuti dal Museo della Grande Guerra di Fedaia. La struttura è in un evidente stato di degrado, nonostante che nel corso del 2002 e del 2003 la Società Storica della Grande Guerra di Bolzano abbia intrapreso alcuni lavori di recupero. L'intervento prevede: approfondimento storico presso il Kriegsarchiv di Vienna, o presso altri archivi che conservano documenti militari, fotografie, cartine pulizia dell'area dalla vegetazione circostante ripulitura e ricostruzione della trincea, magari utilizzando la tecnica originale e le pietre crollate nella struttura nella trincea è presente una zona utilizzata come cucina da campo che merita di essere ripulita e restaurata posa della segnaletica e dei pannelli esplicativi 15. Parziale recupero de Il Ciamp de Stanzon (postazione bellica della zona a nord del Passo Fedaia) Il sito è raggiungibile dal Passo Fedaia seguendo a piedi la strada sterrata presente sopra la galleria. La zona è ricca di manufatti bellici quali: una complessa rete di trinceramenti punto di osservazione scavato in un blocco di roccia dai soldati italiani ad est, una postazione dotata da massicce mura di protezione poco lontano, il cippo confinario datato 1778 L'intervento prevede: pulizia dalla vegetazione circostante ripristino, ai fini turistici, di alcuni tratti di trincea posa della segnaletica posa di pannelli esplicativi 16. Sentiero divulgativo dalla zona del Col de Bous e del Gran Poz alla zona del Sass da le Doudesc e del Sass da le Undesc (postazione bellica sul versante nord del Fedaia) I siti non conservano importanti reperti bellici, ma durante il conflitto erano luoghi strategici e attivi: nella zona del Gran Poz erano dislocati vari baraccamenti e rappresentava uno dei più importanti centri di smistamento austriaci la zona del Sass da le Doudesc e del Sass da le Undesc è costellata dalle gallerie e dalle caverne delle postazioni la zona del Sass da le Doudesc presentava storicamente la Postazione D e la maggiore sede dei baraccamenti della Città di Ghiaccio 11

12 L'intervento prevede: la postazione di segnaletica, al fine di creare un itinerario sui sentieri della guerra la posa di pannelli esplicativi sugli avvenimenti della guerra che hanno trasformato quei luoghi 17. Valorizzazione del Museo della Grande Guerra in Marmolada Il Museo della Grande Guerra in Marmolada è collocato in un piano dell'edificio della stazione funiviaria di Forcella Serata. L'importanza del patrimonio esposto è notevole, tuttavia manca di un'adeguata valorizzazione, considerando, come per il museo del Passo Fedaia, l'abbondante numero di visitatori. L'intervento prevede: un possibile ampliamento della superficie espositiva la valorizzazione degli oggetti esposti mediante un ammodernamento delle strutture espositive la predisposizione di una piccola sala multimediale l'elaborazione di un adeguato software di catalogazione, per schedare opportunamente il patrimonio conservato 18. Recupero dei siti bellici nella zona della Serauta Forcella a Vu Il percorso che si sviluppa dalla cresta della Punta Serauta fino alla Forcella a Vu, per giungere alla Quota 3153, è quello che maggiormente attesta le testimonianze della guerra. Gli interventi prevedono: Il recupero di due gallerie situate nella spalla orientale della forcella, quella del cannone e quella dello scavo di mina, mediante: verifica delle condizioni dei manufatti rilievo strumentale e fotografico eventualmente recupero e restauro dei manufatti posa di segnaletica e di pannelli esplicativi Di ovviare al vano tentativo di recupero dei resti delle salme del gruppo di soldati del Tenente Flavio Rosso, mediante: l'allestimento di un cippo commemorativo, in onore dei caduti; tuttavia le modalità sono da definirsi Il recupero delle baracche per l'alloggiamento dei militari. Tenendo conto della precaria situazione di stabilità del sito, si propone di intervenire mediante: il coinvolgimento di enti specializzati nel restauro dei manufatti bellici, come ad esempio il Museo della Guerra di Rovereto 12

13 un'approfondita valutazione delle condizioni delle baracche programmazione delle azioni necessarie per il recupero delle baracche eventuale coinvolgimento delle guide alpine, al fine di pianificare il recupero nella maniera più idonea possibile 19. Valorizzazione dei siti bellici del Padon Nella zona Mesolina-Bivacco Bontadini sarebbe auspicabile intervenire mediante: rilievo strumentale e fotografico, al fine di delineare una mappatura completa dell'esistente pulizia dei trinceramenti predisposizione di un sistema di drenaggio, ove le trincee presentano delle infiltrazioni messa in sicurezza dei percorsi se possibile, allestimento di un impianto di illuminazione nelle trincee posa della segnaletica e dei pannelli esplicativi Nella zona denominata La Collinetta della Morte l'intervento prevede: rilievo strumentale e fotografico pulizia dalla vegetazione circostante controllo della sicurezza del sito Nella zona Bech de Mesdì, contrassegnata dai resti dei baraccamenti austriaci, l'intervento prevede: il coinvolgimento di uno storico o di un appassionato di reperti bellici, al fine di valutare le azioni necessarie per il ripristino del sito 20. Ripristino di alcuni siti bellici della zona del Contrìn Per alcune gallerie militari situate sul fianco del Col Ombert, l'intervento prevede: un sopralluogo per valutare la situazione conservativa eventuale ripristino, ai fini della visita, almeno di un tratto di trincea posa di segnaletica e di pannelli esplicativi Sulla cresta che separa il Ciamp da Mez dalla Val San Nicolò sono presenti, oltre ad una galleria agibile, anche alcuni residui murali bellici. L'intervento prevede: rilievo strumentale e fotografico recupero e consolidamento dei resti basali delle murature, al fine di evitare un ulteriore degrado realizzazione di una tabella esplicativa del sito Nella zona del Passo Pasché sono visibili una trincea e alcune strutture in muratura conservate relativamente bene. Tuttavia nel sito sono presenti anche dei resti di gallerie di roccia in parte franate. L'intervento prevede: rilievo strumentale e fotografico 13

14 se possibile, procedere con un'azione di recupero conservativo 1. Monumento commemorativo nella località Fango 3. EVENTI CELEBRATIVI E CULTURALI In memoria dei combattimenti avvenuti durante la Prima Guerra Mondiale sul Passo San Pellegrino, l'associazione d'arma Kaiserschützenbund TIROL 1921, grazie al presidente (Obmann) Hans-Peter Gärtner, ha espresso la sua disponibilità ad ubicare nella zona del Passo o del Fango un monumento commemorativo. La Dott.ssa Maria Piccolin, membro dell'associazione storica Sul fronte dei ricordi, avendo fatto da interprete e da intermediario per questa iniziativa, ha sottolineato che fino ad ora la proposta non ha avuto un riscontro positivo. Tuttavia, la celebrazione del Centenario potrebbe essere un'occasione singolare per concretizzare questo progetto. L'intervento prevede: l'approvazione comunale, essendo il suolo di proprietà del Comune di Moena il posizionamento dell'obelisco, che solitamente consta di un monumento in pietra bianca dell'altezza di m.1,50 circa, su cui possono venir fatte incidere alcune parole o frasi significative la continua collaborazione dell'associazione storica Sul fronte dei ricordi il coinvolgimento del Gruppo degli Alpini o degli Schützen Ladins de Fascia, al fine di promuovere la celebrazione a una sorta di monumento alla pace e simbolo di amicizia tra i popoli, nel segno dell'europa Unita 2. Uh sta guerra maledetta e bestia, spettacolo a cura dell'istitut Cultural Ladin Lo spettacolo Uh sta guerra maledetta e bestia, Pagine di soldati fassani dal fronte orientale e oltre ( ), memorie, suoni, immagini, è una piece teatrale ideata dal Direttore dell'icl Fabio Chiocchetti e allestita dalla compagnia I Amisc del teater di Moena e dalla Compagnia Zampanò di Trento. La rappresentazione, proposta nell'estate del 2004 per l'iniziativa Le Notti dei Musei, si sposa perfettamente con il programma previsto per la celebrazione del Centenario dalla Prima Guerra Mondiale. Infatti, la lettura dei testi tratti dalle memorie che i soldati di Moena spedirono dal fronte sovietico ai loro cari, assieme alla proiezione delle immagini di guerra e alla suggestione della musica, sono fattori che, inevitabilmente, trascinano idealmente il fruitore nel dramma vissuto dai soldati, spingendoli a riflettere sul ruolo della guerra. In sintesi l'iniziativa prevede: la disposizione di una sala teatrale l'accompagnamento musicale, coinvolgendo la Compagnia Zampanò il coinvolgimento della compagnia I Amisc del teater, per la lettura delle memorie La stima dell'iniziativa ammonta a circa

15 3. Aneta, spettacolo a cura dell'istitut Cultural Ladin L'Istitut Cultural Ladin propone la messa in scena dello spettacolo Aneta, un'opera lirica divisa in due atti e tredici scene, tratta dal romanzo di Franz Tumler Das Tal von Lausa und Duron. Il tema della guerra, del dolore, ma al tempo stesso della speranza, muove gli argomenti della tragedia, ambientata in una piccola comunità montana, che idealmente potrebbe corrispondere ad un paese della Val di Fassa (come, ad esempio, Penia). L'iniziativa abbraccia un ampio progetto: pensare ad una composizione dell'opera e alla sua messinscena in ladino, al fine di valorizzare e di offrire ai fruitori un'idea originale di utilizzo della lingua programmare una tournée teatrale che comprenda non solo il territorio della Val di Fassa, ma tutto il Trentino 4. Mostra inedita di lastre fotografiche relative alle Standschützen di Pozza L'idea, in previsione del Centenario, è quella di organizzare un percorso di mostre tematiche e itineranti: uno stesso allestimento potrebbe venir ospitato in diversi paesi della Val di Fassa, al fine di trasmettere ai turisti la conoscenza, e di invogliare la popolazione locale a contribuire, con il materiale che potrebbero serbare in casa, ad organizzare esclusive esposizioni o nuove pubblicazioni. L'Istitut Cultural Ladin conserva una raccolta inedita di lastre fotografiche relative agli Standschützen di Pozza; la circostanza è un buon proposito per l'allestimento di una mostra. L'iniziativa prevede: la collaborazione di studiosi, specializzati e competenti, in grado di interpretare i soggetti fotografici, quali ad esempio le divise degli Standschützen, gli stemmi... catalogazione specifica del materiale coinvolgimento anche di privati appassionati, disposti ad accrescere con il loro materiale l'esposizione, (ad esempio esaminando l'archivio della Frazion de Gries) predisposizione di uno spazio adeguato per l'esposizione, magari nel locale dell'istitut che normalmente viene adibito a delle mostre temporanee studio dell'allestimento per l'esposizione: sistema d'illuminazione, pannelli esplicativi, bacheche... acquisto degli elementi necessari per l'allestimento della mostra realizzazione del materiale pubblicitario 5. Mostra tematica con materiale documentario e fotografico offerto da privati Si propone l'allestimento di una mostra fotografica e documentaria sul tema della guerra, mediante l'esposizione di materiale concesso da privati. 15

16 L'iniziativa prevede: ricerca del materiale catalogazione del materiale predisposizione di un locale per l'esposizione studio dell'allestimento acquisto degli elementi necessari per l'allestimento della mostra promozione 6. Dalla Galizia al Ciaut de Ciasa Per rievocare la tragicità causata dalla guerra si propongono, nel periodo estivo, due serate tematiche in due luoghi suggestivi: l'una nei pressi del Forte di Someda, l'altra in una zona da destinarsi, che potrebbe essere ad esempio sul Passo San Pellegrino, aspro luogo di combattimenti e di ricordi. La manifestazione in sintesi prevede: la lettura delle memorie da parte di Stefano Dellantonio, Marco Soraperra e Marianna Romanin la partecipazione musicale predisposizione di un sistema di illuminazione allestimento di un palcoscenico organizzazione delle sedute per i fruitori 7. Incontri a tema Per il Centenario sarebbe formativo organizzare una serie di incontri con storici o ricercatori, ad esempio: serate tematiche con la la Dott.ssa Maria Piccolin che potrebbe proiettare delle immagini relative alla grande guerra rinvenute durante il lavoro di ricerca per la stesura del volume M. Piccolin, Per no desmentièr...gardolo 2007 presentazione della Grande Guerra combattuta sulla Marmolada, con il coinvolgimento di Andrea De Bernardin, curatore del Museo della Grande Guerra sito al Passo Fedaia, il quale, considerando anche i volumi scritti, potrebbe intrattenere il pubblico, ad esempio illustrando la particolarità della Città di Ghiaccio 4. UN ARCHIVIO BASE VIA WEB 1. Sarebbe interessante creare un unico sito web (in più lingue: ladino, italiano, tedesco, inglese), nel quale far confluire tutte le informazioni digitalizzate riguardanti i beni inerenti alla Prima Guerra Mondiale, dislocati e conservati in Val di Fassa. L'idea sarebbe quella di creare una pagina iniziale 16

17 essenziale, magari rappresentata da una mappa o da una foto satellitare della Valle, sulla quale verranno contrassegnati tutti i punti e i percorsi che abbiano una qualche relazione con la Prima Guerra Mondiale. Ogni punto potrà poi essere approfondito con un semplice clic, fino nel dettaglio. Ad esempio nella zona del Fedaia, cliccando sul logo del Museo della Grande Guerra, sarà possibile conoscere la storia del museo, gli orari d'apertura, il prezzo del biglietto, i volumi disponibili nel bookshop. Si potrebbe creare un piccolo archivio digitale, nel quale rendere disponibili le schede di catalogazione degli oggetti posseduti, affiancati da foto a bassa risoluzione. Per i forti, le trincee o la città di ghiaccio, sarebbe interessante creare una ricostruzione virtuale in 3D, con la documentazione fotografica originale, al fine di comprenderne l'architettura e il loro ruolo tattico. Il progetto mira a soddisfare un'ampia fascia di utenti, dagli studiosi, ai turisti più curiosi, alle scuole. Infine, sarebbe importante che i percorsi inseriti nel siti, relativi alla Prima Guerra, fossero resi rintracciabili mediante le strumentazioni di tipo GPS. L'intervento prevede: rilievo strumentale e fotografico dei manufatti censimento del posseduto catalogazione specifica dei beni relativi alla guerra, creando una scheda differenziata per ogni dissimile tipologia di bene, quale può essere una trincea, un forte, una bomba, una divisa... creazione di un unico sito web che raccolga per tutta la Val di Fassa le notizie riguardanti i beni, i sentieri, i musei, le iniziative culturali, i percorsi didattici e turistici... un collegamento con gli altri luoghi e musei della guerra in Trentino Il progetto implica: la progettazione del sito la disponibilità di un ente/istituzione che se ne occupi la cura e il costante aggiornamento dello stesso 5. PROMOZIONE TURISTICA E DIDATTICA 1. Gli enti culturali e territoriali, le APT e le Guide Alpine fanno sinergia per: promuovere, in relazione ai siti della Prima Guerra Mondiale, la creazione di differenziati itinerari escursionistici, per soddisfare le richieste dei turisti e dei gruppi scolastici programmare gite inusuali, come visite notturne ai siti bellici predisporre cartine, guide rilegate, dépliant informativi sui manufatti della guerra presenti in Valle da distribuire agli alberghi, ai musei, e in tutte le occasioni possibili incuriosire e invogliare gli studenti ad approfondire la conoscenza del proprio territorio, degli avvenimenti storici e delle potenzialità che esso offre 2. In particolare, in questa sede, si vuole sottolineare la necessità di creare per i siti d'interesse bellico della Marmolada una rete di sentieri, opportunamente segnalati e differenziati, al fine di soddisfare le esigenze di una tipologia di turisti diversificata. Parametro di riferimento potrebbe essere rappresentato dai 7 itinerari storici che il Comune di Moena propose e attuò nei primi anni del

18 L'intervento, non tralasciando una adeguata documentazione storica, prevede: la realizzazione dei punti elencati in sintesi al paragrafo 2, numeri la progettazione della rete dei sentieri lo studio analitico e funzionale di pannelli esplicativi, utilizzando lingue differenti (ladino, italiano, tedesco/inglese) la predisposizione di determinati percorsi a tema 3. Il compimento degli interventi sulle infrastrutture, e la seguente organizzazione di escursioni o visite guidate, sottintende il coinvolgimento di persone specializzate, in grado di guidare il turista lungo i siti in Valle interessati dalla Prima Guerra Mondiale. L'idea è dunque di proporre, magari tramite l'organizzazione da parte della Provincia, un corso volto alla formazione di accompagnatori sul territorio. 6. PRIORITÀ PRIORITÀ SULLE INFRASTRUTTURE 1. In occasione del Centenario, sulla località del Passo Fedaia, sarebbe auspicabile almeno il recupero e la valorizzazione della Trincea del Nido e della zona gravitante attorno a Il Ciamp de Stanzon (si vedano nel paragrafo 2, i punti 14 e 15). Le ragioni si possono sintetizzare come segue: i siti sono dislocati in una posizione facilmente raggiungibile, sia da chi si occuperà dei lavori, sia dai turisti ne conseguirebbe una valorizzazione anche del Museo della Grande Guerra sito al Passo Fedaia i luoghi potrebbero rappresentare l'inizio di un percorso, che poi proseguirebbe a quote più elevate Il costo degli interventi ammonta a circa Si ritiene inoltre necessario un finanziamento destinato allo studio di fattibilità del percorso descritto nell'introduzione al paragrafo 2, con l obiettivo di creare un progetto organico che includa l'ospizio di San Pellegrino, la Ciasa Tòfol e il Museo di Someda, valorizzando le competenze dell'associazione Sul fronte dei ricordi di Moena. Nella proposta dovrebbe essere compreso anche il Forte di Someda, per l'importante testimonianza storica che rappresenta. La stima dello studio di fattibilità ammonta a circa Considerando che il Comune di Moena propone nella località del Passo San Pellegrino 7 itinerari storici (si veda nel paragrafo 2, il punto 5), si ritiene fattibile con risorse non ingenti accrescere il numero dei percorsi ad 8, includendo l'intervento sullo studio del territorio di Fuciade, dove in tempo di guerra sorgeva il cimitero militare (si veda sempre nel paragrafo 2 il punto 9). 18

19 4. Nel Comune di Campitello sarebbe fondamentale il recupero del Casino del Bersaglio, in quanto potrebbe fungere da struttura direzionale per i siti di interesse bellico di tutta la Valle, dal Passo Fedaia, fino al Passo San Pellegrino (si veda nel paragrafo 2 il punto 12). La stima dell'intervento ammonta a ,00 PRIORITA SULLE INFRASTRUTTURE PER IL COMUNE DI MOENA Visto l impegno che il comune di Moena e l associazione Sul fronte dei ricordi hanno portato avanti nel corso degli ultimi anni ( l associazione lavora sul territorio dal 1992) e visti i lavori già fatti sul territorio in val San Pellegrino, in occasione del centenario è auspicabile che vengano finanziati i seguenti lavori inserendoli come priorità: 1. Recupero e manutenzione straordinaria dei manufatti e postazioni belliche lungo i 7 itinerari storici attualmente esistenti. (Vedi punto 5 di pag 7). L intervento ha lo scopo di mettere in sicurezza e valorizzare i 7 percorsi storici che vanno a toccare le principali opere belliche in val San Pellegrino dando al visitatore la possibilità di scegliere l itinerario più adatto alle sue esigenze. Si sottolinea che all interno di questi percorsi fanno parte i sentieri attrezzati Federspiel e Bepi Zac lungo i quali si snoda uno tra i più bei percorsi storici dell intero sentiero della pace e probabilmente di tutto il fronte dolomitico. L associazione storica assieme al Comune da anni lavora al fine di mantenere questo patrimonio ma in 20 anni non sono mai stati dati contributi significativi per i lavori fatti. La stima degli interventi ammonta a , ,00 2. A nord di Fango si ritiene necessario l intervento di recupero e restauro dei ruderi dell osservatorio austroungarigo delle Zigolade (vedi punto 3 pag 5). Si tratta di un edificio in muratura di 24x4m con relativa galleria di osservazione e piazzola di arrivo della teleferica. L edificio ha urgente bisogno di lavori di recupero. Tutto il complesso è situato sul percorso storico alta via Federspiel ; a livello provinciale è una delle poche strutture di questo genere ancora così ben conservata, urge però di interventi perché l intera struttura sta cedendo. Stima dell intervento ,00 3. Al fine di avere un quadro realistico su ciò che tuttora rimane e riuscendo a programmare al meglio gli interventi futuri è necessario un censimento delle opere belliche. A correzione di quanto scritto nel paragrafo 6 di pag 8 nel progetto per il centenario della Grande Guerra si sottolinea il fatto che nel territorio comunale di Moena è già stato fatto questo tipo di censimento per la porzione di territorio che ricade all interno del Parco di Paneveggio Pale di S.Martino. Si tratta quindi di continuare questo tipo di lavoro ampliandolo alla val San Pellegrino attorno ai 7 percorsi storici. La stima dell intervento ammonta a ,00 3. Intervento sulle postazioni belliche a Colvere. Questo intervento consiste nel recupero di alcune postazioni belliche (vedi punto 4 pag 6) in una zona comoda adiacente ad una baita comunale 19

20 servita da una strada forestale lungo la quale si snoda un sentiero naturalistico. L intervento andrebbe a valorizzare la zona che è facilmente raggiungibile. La stima dell intervento è di ,00 PRIORITÀ SUGLI EVENTI CULTURALI 1. Al fine di giungere preparati al Centenario, si ritiene indispensabile l'elaborazione di un percorso espositivo che implica la raccolta di materiale fotografico e documentario, l'ideazione di spettacoli e l'organizzazione di conferenze e manifestazioni di carattere storico, turistico e culturale (si veda il paragrafo 3). La stima totale degli interventi ammonta a BIBLIOGRAFIA MEMORIE DI GUERRA 1976 Lettere di prigionieri di guerra italiani: , a cura di Leo Spitzer, Boringhieri, Torino Sti egn a Moena, a cura di Carlo Jellici del Garber, Grop Ladin da Moena, Moena 1986 (1^ ed.) 1991 Un Kaiserjäger d'ampezzo. Diario di guerra di Silvio Zardini Polizioto per Iddio, la famiglia, l'imperatore e la patria, La Cooperativa di Cortina, Cortina d'ampezzo Mario Bartoli, Dalla Marmolada al Piave: diari e testimonianze della Grande Guerra , Edizioni turismo veneto, Mestre 1995 Piccolo Diario di Caterina : dalla Pace alla Grande Guerra, a cura di Michele Simonetti Federspiel, Grop Ladin da Moena, Moena 1995 Memorie della guerra Austro-Russa 1914, Battista Chiocchetti di Moena, val di Fiemme Süd-Tirol Austria, a cura di Mario Gallarati-Claudio Boselli, Istitut Cultural Ladin, Vigo di Fassa Scritture di guerra n. 6, Simone Chiocchetti, Vigilio Iellico, Giacomo Sommavilla, Albino Soratroi, a cura di Luciana Palla, Museo storico italiano della guerra, Rovereto

Soggiorni didattici in Trentino in occasione del Centenario della Grande Guerra

Soggiorni didattici in Trentino in occasione del Centenario della Grande Guerra Dalla Guerra alla Pace Soggiorni didattici in Trentino in occasione del Centenario della Grande Guerra Rovereto e Vallagarina Folgaria Lavarone e Luserna Trento Rovereto e Vallagarina Attraversata durante

Dettagli

PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI

PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI Il gruppo della Marmolada detiene, in Dolomiti, una indiscussa sovranità, da cui il nome di Regina delle Dolomiti, appunto per la massima elevazione dell intero sistema dolomitico di cui ne ospita anche

Dettagli

Promozione e valorizzazione del patrimonio storico della Prima guerra mondiale in Lombardia

Promozione e valorizzazione del patrimonio storico della Prima guerra mondiale in Lombardia Legge Regionale 14 novembre 2008, n. 28 Promozione e valorizzazione del patrimonio storico della Prima guerra mondiale in Lombardia (BURL n. 47, 1 suppl. ord. del 18 Novembre 2008 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2008-11-14;28

Dettagli

GLI EVENTI TERRA, STORIA, MEMORIA VALLARSA I SENTIERI RACCONTANO ALL ALBA DEL 24 MAGGIO TERRA, STORIA, MEMORIA

GLI EVENTI TERRA, STORIA, MEMORIA VALLARSA I SENTIERI RACCONTANO ALL ALBA DEL 24 MAGGIO TERRA, STORIA, MEMORIA GLI EVENTI TERRA, STORIA, MEMORIA Manifestazioni di commemorazione Mostra Il Pasubio di carta, scoprimento cippo, inaugurazione targa 23 maggio, dalle ore 10 alle ore 17 Campogrosso e Pian delle Fugazze,

Dettagli

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA Già nel 1882 la Val Resia era militarmente vincolata agli imperi Austro-Ungarico e Tedesco. Data la sua collocazione sulla linea di confine, la Val Resia era considerata un

Dettagli

Monte Nagià-Grom, Valle di Gresta, percorso storico I G.M.

Monte Nagià-Grom, Valle di Gresta, percorso storico I G.M. Monte Nagià-Grom, Valle di Gresta, percorso storico I G.M. Escursione T, per turisti, che da Manzano ci porta a visitare il Caposaldo Austro-Ungarico di Nagià-Grom (768). Descrizione breve: percorso tematico

Dettagli

MEMORIE DI UNA GUERRA PER LA PREPARAZIONE DI UNA SECONDA

MEMORIE DI UNA GUERRA PER LA PREPARAZIONE DI UNA SECONDA MEMORIE DI UNA GUERRA PER LA PREPARAZIONE DI UNA SECONDA COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO *** Su concessione dell Archivio storico del Comune di Cortina d Ampezzo 1915 2015 CENTENARIO GRANDE

Dettagli

Il progetto: DOLOMITI - MONTAGNE E PAESAGGI: DA TEATRO DI GUERRA A SIMBOLO UNIVERSALE

Il progetto: DOLOMITI - MONTAGNE E PAESAGGI: DA TEATRO DI GUERRA A SIMBOLO UNIVERSALE Il progetto: DOLOMITI - MONTAGNE E PAESAGGI: DA TEATRO DI GUERRA A SIMBOLO UNIVERSALE Promosso da: Fondazione Dolomiti Dolomiten Dolomites Dolomitis Unesco Rete del patrimonio geologico (Provincia Autonoma

Dettagli

Con la scuola a Rovereto Idee per un viaggio tra arte, storia e scienza

Con la scuola a Rovereto Idee per un viaggio tra arte, storia e scienza Con la scuola a Rovereto Idee per un viaggio d istruzione in Trentino tra arte, storia e scienza Vicina a Trento e al lago di Garda, Rovereto propone itinerari interdisciplinari e viaggi d istruzione su

Dettagli

ATTIVITA A PREZZO AGEVOLATO PER I CLIENTI DELLE STRUTTURE SPORT & OUTDOOR VAL DI FASSA - ESTATE 2016 PROGRAMMA SETTIMANALE

ATTIVITA A PREZZO AGEVOLATO PER I CLIENTI DELLE STRUTTURE SPORT & OUTDOOR VAL DI FASSA - ESTATE 2016 PROGRAMMA SETTIMANALE ATTIVITA A PREZZO AGEVOLATO PER I CLIENTI DELLE STRUTTURE SPORT & OUTDOOR VAL DI FASSA - ESTATE 2016 PROGRAMMA SETTIMANALE Lunedì - MTB TEST TOUR adulti Escursione medio/facile in MTB attraverso boschi

Dettagli

<> 26 giugno 2 luglio 2010

<<Itinerari sul filo della memoria: la prima guerra mondiale in Vallarsa (TN)>> 26 giugno 2 luglio 2010 26 giugno 2 luglio 2010 UNA SETTIMANA EMOZIONANTE DI ESCURSIONI NEL TRENTINO PER GLI AMANTI DEL CAMMINO LUNGO SENTIERI DI

Dettagli

SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri

SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri Propongo un percorso molto vario ed interessante, una delle più belle escursioni sulle Alpi della Liguria,che taglia i dirupati versanti italiani

Dettagli

Le nostre agenzie, primi in Trentino

Le nostre agenzie, primi in Trentino 2011 www.tecnocasa.it MOENA MADONNA DI CAMPIGLIO ANDALO PINZOLO TIONE e COMANO TERME ARCO FOLGARIA GardaTrentino RIVA DEL GARDA Le nostre agenzie, primi in Trentino Affiliato: Studio MADONNA di CAMPIGLIO

Dettagli

Via Ferrata del Somator, Monte Biaena

Via Ferrata del Somator, Monte Biaena Via Ferrata del Somator, Monte Biaena Via Ferrata F / Facile, panoramica e facilmente accessibile, ci porta sulla cima del Monte Biaena (1.618). Descrizione breve: ferrata facile e breve, dal Rifugio Malga

Dettagli

Verso l ottimizzazione della differenziata

Verso l ottimizzazione della differenziata COMUN GENERAL DE FASCIA PROPOSTA PROGETTUALE Verso l ottimizzazione della differenziata BANDO PER LE INIZIATIVE E GLI INTERVENTI DI PROMOZIONE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE DELL AMBIENTE a.2012 RIVOLTO ALLE

Dettagli

LIONS CLUB VALLECAMONICA 25043 BRENO (Brescia)

LIONS CLUB VALLECAMONICA 25043 BRENO (Brescia) Domenica 13 settembre 2015 Meeting Rivivere la Grande Guerra Cari Amici Lions, il Lions Club di VALLECAMONICA ha il piacere di informarvi che quest anno svolgerà il meeting di apertura della nuova annata

Dettagli

Studio propedeutico all attivazione dell Azione 4 Interventi per la valorizzazione culturale delle aree rurali

Studio propedeutico all attivazione dell Azione 4 Interventi per la valorizzazione culturale delle aree rurali 187 PROPOSTE DEL TERRITORIO Richieste di finanziamento da parte dei Comuni ed enti appartenenti al GAL Alto Bellunese in riferimento al P.S.L. V.E.T.T.E. Misura 32/A Azione 4 - Realizzazione Studi e Censimenti.

Dettagli

25 febbraio 2012 Scuola e formazione. Beatrice de Gerloni Nicoletta Pontalti

25 febbraio 2012 Scuola e formazione. Beatrice de Gerloni Nicoletta Pontalti 25 febbraio 2012 Scuola e formazione Beatrice de Gerloni Nicoletta Pontalti Anna 25 min 10 min 10 min Progetto didattico Animare la memoria della Grande Guerra Progetto nato all interno della Rete Trentino

Dettagli

FIEMME NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE 1914 1918

FIEMME NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE 1914 1918 FIEMME NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE 1914 1918 Proposta per l allestimento di una mostra dedicata alla memoria della Grande Guerra presso il museo Villa Flora di Ziano di Fiemme Redatto per il Tavolo Grande

Dettagli

VALLI DI FIEMME E FASSA

VALLI DI FIEMME E FASSA www.marcialonga.it +39 0462 501110 info@marcialonga.it VALLI DI FIEMME E FASSA Le valli di Fassa e Fiemme sono circondate da alcune tra le più belle e famose montagne dolomitiche del mondo, e proprio in

Dettagli

PROGRAMMA MOENA OUTDOOR ESTATE 2016

PROGRAMMA MOENA OUTDOOR ESTATE 2016 PROGRAMMA MOENA OUTDOOR ESTATE 2016 Lunedì VIAC CULTURAL E BOTEGHE STORICHE Passeggiata nella storia, cultura e curiosità di Moena attraverso le vie, i rioni e gli angoli più caratteristici ed affascinanti

Dettagli

C r o c e R o s s a I t a l i a n a Va l d i Fa s s a VOLONTARIATO E VACANZA

C r o c e R o s s a I t a l i a n a Va l d i Fa s s a VOLONTARIATO E VACANZA C r o c e R o s s a I t a l i a n a Va l d i Fa s s a VOLONTARIATO E VACANZA VIGO DI FASSA LA CROCE ROSSA VAL DI FASSA PROPONE LA FORMULA DI SOGGIORNO VOLONTARIATO E VACANZA RIVOLTO A TUTTI I VdS E PIONIERI

Dettagli

Comun General de Fascia ISTITUT CULTURAL LADIN MUSEO LADIN DE FASCIA

Comun General de Fascia ISTITUT CULTURAL LADIN MUSEO LADIN DE FASCIA Comun General de Fascia ISTITUT CULTURAL LADIN MUSEO LADIN DE FASCIA INCONTRI CULTURALI SPETTACOLI TEATRALI MOSTRE DA LUGLIO A SETTEMBRE UN CAMMINO IDEALE, LUNGO IL SENTIERO DELLA CONOSCENZA, CHE PORTA

Dettagli

ALL 05 Fonti visive: monumenti ai caduti, musei della guerra, francobolli, propaganda di regime

ALL 05 Fonti visive: monumenti ai caduti, musei della guerra, francobolli, propaganda di regime ALL 05 Fonti visive: monumenti ai caduti, musei della guerra, francobolli, propaganda di regime Contestualizzazione: La guerra ha prodotto anche un esaltazione di se stessa (attraverso la propaganda di

Dettagli

(Relatore di minoranza Codega) sulla. PROPOSTA DI LEGGE n. 229

(Relatore di minoranza Codega) sulla. PROPOSTA DI LEGGE n. 229 N. 229 A bis RELAZIONI DELLA VI COMMISSIONE PERMANENTE (ricerca scientifica e tecnologica, istruzione, beni e attività culturali, identità linguistiche e culturali, spettacolo e manifestazioni, attività

Dettagli

CASERMA OTTAVIANI ANALISI STORICO URBANISTICA DEL COMPLESSSO MILITARE. Committente : FINTECNA IMMOBILIARE S.R.L. Esecutore : Arch.

CASERMA OTTAVIANI ANALISI STORICO URBANISTICA DEL COMPLESSSO MILITARE. Committente : FINTECNA IMMOBILIARE S.R.L. Esecutore : Arch. Comune di Brescia Provincia di Brescia CASERMA OTTAVIANI ANALISI STORICO URBANISTICA DEL COMPLESSSO MILITARE Committente : FINTECNA IMMOBILIARE S.R.L. Esecutore : Arch. Carlo Ivan Serino Luglio 2007 Note

Dettagli

PROGRAMMA ESCURSIONI BIKE HOTEL ESTATE 2013 AREA COMMERCIALE APT VAL DI FASSA

PROGRAMMA ESCURSIONI BIKE HOTEL ESTATE 2013 AREA COMMERCIALE APT VAL DI FASSA PROGRAMMA ESCURSIONI BIKE HOTEL ESTATE 2013 AREA COMMERCIALE APT VAL DI FASSA 1 ESCURSIONI RISERVATE OSPITI BIKE HOTELS PRENOTAZIONE: Le escursioni vanno prenotate ai recapiti del Check Point: info@fassasport.com

Dettagli

Trentino in Rete: il progetto nel Comun General de Fascia

Trentino in Rete: il progetto nel Comun General de Fascia Trentino in Rete: il progetto nel Comun General de Fascia 24 maggio 2011-1 - Il contesto 1/2 La digitalizzazione, l innovazione e la disponibilità di infrastrutture a larga banda sono le leve attraverso

Dettagli

(Friuli-Venezia Giulia, BUR 9 ottobre 2013, n. 41) IL CONSIGLIO REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA REGIONE. promulga. la seguente legge:

(Friuli-Venezia Giulia, BUR 9 ottobre 2013, n. 41) IL CONSIGLIO REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA REGIONE. promulga. la seguente legge: Legge Regionale 4 ottobre 2013 n. 11 Valorizzazione del patrimonio storico-culturale della Prima guerra mondiale e interventi per la promozione delle commemorazioni del centenario dell'inizio del conflitto,

Dettagli

SEDE DI MILANO CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE MILANO ASSICURAZIONI

SEDE DI MILANO CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE MILANO ASSICURAZIONI CENTENARIO GRANDE GUERRA SUGLI ALTIPIANI DI FOLGARIA LAVARONE LUSERNA 11 / 14 SETTEMBRE 2015 Ricorre quest anno il centenario della Prima guerra mondiale (1915-1918); un evento che ha cambiato la storia

Dettagli

Croce Rossa Italiana Val di Fassa > www.crifassa.com

Croce Rossa Italiana Val di Fassa > www.crifassa.com Croce Rossa Italiana Val di Fassa Volontariato e Vacanza wonderful times > www.crifassa.com Foto: Robert Bernard - www.photorobert.it DOLOMITES CRI - Vigo di Fassa Il Comitato Locale della Croce Rossa

Dettagli

DESCRIZIONE PERCORSO. Pizzegoro. Montagnole alte

DESCRIZIONE PERCORSO. Pizzegoro. Montagnole alte DESCRIZIONE PERCORSO 1 GIORNO. Arrivati a Schio via treno, saliremo con un pulman fino a località Recoaro Mille (1015 msl), Comune di Recoaro Terme. La Conca di Pizzegoro è una vasta area adibita a pascolo

Dettagli

BIBBIENA CITTÀ DELLA FOTOGRAFIA

BIBBIENA CITTÀ DELLA FOTOGRAFIA BIBBIENA CITTÀ DELLA FOTOGRAFIA Progetto del Centro Italiano della fotografia d'autore Il Centro Italiano della Fotografia d Autore è stato inaugurato il 28 maggio del 2005 su iniziativa del Comune di

Dettagli

PASSI ALPINI Gold : 28-29 Giugno 14'

PASSI ALPINI Gold : 28-29 Giugno 14' PASSI ALPINI Gold : 28-29 Giugno 14' 28 giugno 2014 ( Prima giornata ) PRIMA TAPPA: PARTENZA ORE 8,30 DA: SAN MARTINO DI CASTROZZA, PASSANDO PER PASSO ROLLE, FALCADE, ED ARRIVO PASSO GIAU KM PERCORSI:

Dettagli

Sentiero attrezzato delle Vipere, San Valentino di Brentonico, Parco Naturale del Monte Baldo

Sentiero attrezzato delle Vipere, San Valentino di Brentonico, Parco Naturale del Monte Baldo Sentiero attrezzato delle Vipere, San Valentino di Brentonico, Parco Naturale del Monte Baldo Sentiero Attrezzato EEA / F, per escursionisti esperti con attrezzatura / facile, nella zona dell Altissimo

Dettagli

Promozione e valorizzazione del patrimonio storico della Prima guerra mondiale in Lombardia

Promozione e valorizzazione del patrimonio storico della Prima guerra mondiale in Lombardia Legge Regionale 14 novembre 2008, n. 28 Promozione e valorizzazione del patrimonio storico della Prima guerra mondiale in Lombardia (BURL n. 47, 1 suppl. ord. del 18 Novembre 2008 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2008-11-14;28

Dettagli

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 SCHEDA RILEVAMENTO PROGETTO (in attuazione della Legge regionale del 20 gennaio 2004 n. 2 Legge

Dettagli

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno Il Cornizzolo da Civate Zona Prealpi Lombarde Triangolo Lariano Corni di Canzo Tipo itinerario Ad anello Difficoltà E (per Escursionisti) Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero

Dettagli

Descrizione delle escursioni nel Parco Naturale Tre Cime. Indicazioni generali:

Descrizione delle escursioni nel Parco Naturale Tre Cime. Indicazioni generali: ESCURSIONI NATURALISTICHE NELL ANNO 2015 Parco naturale TRE CIME Parco naturale FANES-SENES-BRAIES Con gli accompagnatori ufficiali ficiali del parco naturale Prenotazione e informazioni: Associazione

Dettagli

CENTRO CONGRESSI PALAZZO DELLE FESTE BARDONECCHIA (TO)

CENTRO CONGRESSI PALAZZO DELLE FESTE BARDONECCHIA (TO) CENTRO CONGRESSI PALAZZO DELLE FESTE BARDONECCHIA (TO) La Storia & il Contesto Bardonecchia, adagiata in una conca soleggiata, attorniata da splendide montagne con cime che superano i 3000m, è uno degli

Dettagli

Sede Legale: Piazza della Vittoria, 21 32036 Sedico (BL) Tel. (+39)-0437-838586 - Fax (+39)-0437-443916 - e-mail: info@gal2.it - www.gal2.

Sede Legale: Piazza della Vittoria, 21 32036 Sedico (BL) Tel. (+39)-0437-838586 - Fax (+39)-0437-443916 - e-mail: info@gal2.it - www.gal2. SCHEDA PROGETTO Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 - Asse 4 LEADER Programma di Sviluppo Locale PRE.D.I.R.E. Prealpi e Dolomiti per l Innovazione e il Rilancio dell Economia Misura 323/a

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE BANDO GARANZIA GIOVANI

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE BANDO GARANZIA GIOVANI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE BANDO GARANZIA GIOVANI Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina Via E. Mach, 2 38010 San Michele all Adige (TN) Tel. 0461-650314 Referente per i

Dettagli

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato La nuova biblioteca pubblica della città di Prato, l Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini, è situata

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

TREKKING PRIMAVERA/ESTATE

TREKKING PRIMAVERA/ESTATE TREKKING PRIMAVERA/ESTATE Domenica 10 aprile I CUSTODI DI PIETRA - trek Un percorso ad anello attraverso mulini e antichi borghi, custoditi dalle guglie di arenaria del Parco Regionale dei Sassi di Roccamalatina.

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 18/6

DELIBERAZIONE N. 18/6 Oggetto: Iniziative commemorative del contributo della Sardegna all'evento bellico del 1915/1918 (L.R. n. 6/1995, art. 83, L.R. n. 22/1998, articoli 1-27 1 27-28 28-29) 29). Spettacolo e Sport, esprime

Dettagli

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere IL PROGETTO F.A.T.A. Il progetto FATA, Formazione e Aggiornamento sui Temi dell Accessibilità, costituisce la naturale prosecuzione del Progetto Parchi Accessibili (2003-2006), del quale condivide principi,

Dettagli

ATTIVITÀ DI ESCURSIONISMO - LUGLIO 2015 -

ATTIVITÀ DI ESCURSIONISMO - LUGLIO 2015 - ATTIVITÀ DI ESCURSIONISMO - LUGLIO 2015 - Per informazioni e prenotazioni: http:///iscriversi.html Email: info@friultrekandtrout.com - Cellulare: 3453597254 PER POTER PARTECIPARE ALLE SINGOLE ATTIVITÀ

Dettagli

Percorso di visita autoguidata al Lager di Buchenwald

Percorso di visita autoguidata al Lager di Buchenwald Percorso di visita autoguidata al Lager di Buchenwald Capire e rispettare Ti appresti a visitare ciò che resta del Lager nazista di Buchenwald cercando di leggere quei pochi segni originari ancora presenti

Dettagli

scheda tecnica per pubblico concorso DI progettazione

scheda tecnica per pubblico concorso DI progettazione PROGETTO: RIQUALIFICAZIONE DELLA PIAZZA GIOVANNI XXIII, SPOSTAMENTO PARCO GIOCHI, REALIZZAZIONE PARCHEGGIO PUBBLICO E GARAGE INTERRATO, SISTEMAZIONE CIMITERO CON REALIZZAZIONE NUOVO ACCESSO, SISTEMAZIONE

Dettagli

E un idea nata per caso

E un idea nata per caso Che cos è? E un idea nata per caso E possibile realizzare ciclabili vicine, parallele o immediatamente affiancate alle grandi vie presenti nel Paese? Collegamenti sostenibili ed ecologici che permetterebbero

Dettagli

La visita inizia dallo spazio antistante l ingresso al Lager di Dachau, oggi parcheggio a pagamento.

La visita inizia dallo spazio antistante l ingresso al Lager di Dachau, oggi parcheggio a pagamento. Percorso di visita autoguidata al Lager di Dachau Capire e rispettare Ti appresti a visitare ciò che resta del Lager nazista di Dachau cercando di leggere quei pochi segni originari ancora presenti in

Dettagli

Domenica 27 settembre 2015

Domenica 27 settembre 2015 Descrizione generale CLUB ALPINO ITALIANO ESCURSIONE ESTIVA Domenica 27 settembre 2015 Cima Cavallazza (Lagorai) Grado di difficoltà E-EE Media Equipaggiamento Attrezzatura Alimentazione Passo Rolle (m.

Dettagli

Accessibilità e Partecipazione. Nuovi progetti per la fruizione del patrimonio culturale. Silvia Guideri, Debora Brocchini, Cinzia Murolo, Marta

Accessibilità e Partecipazione. Nuovi progetti per la fruizione del patrimonio culturale. Silvia Guideri, Debora Brocchini, Cinzia Murolo, Marta Accessibilità e Partecipazione. Nuovi progetti per la fruizione del patrimonio culturale. Silvia Guideri, Debora Brocchini, Cinzia Murolo, Marta Coccoluto, Giuseppe Fichera (Parchi Val di Cornia Spa) TUTELA,

Dettagli

ALL AVVISO PUBBLICO DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO, VALLO DI DIANO E ALBURNI LA RETE DI SERVIZI TURISTICO-CULTURALI DI ECCELLENZA

ALL AVVISO PUBBLICO DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO, VALLO DI DIANO E ALBURNI LA RETE DI SERVIZI TURISTICO-CULTURALI DI ECCELLENZA APPENDICE ALL AVVISO PUBBLICO RETE DI SERVIZI TURISTICO-CULTURALI DI ECCELLENZA DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO, VALLO DI DIANO E ALBURNI LA RETE DI SERVIZI TURISTICO-CULTURALI DI ECCELLENZA L Ente Parco

Dettagli

COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO ORIGINALE COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 68 della GIUNTA del COMUNE DI LEDRO OGGETTO: Accettazione in donazione (ex art. 783 del Codice Civile) di beni mobili da collocare

Dettagli

Trento. www.trekkingurbano.info. www.trekkingurbano.info. TREKKING PAESAGGI AMENI Vico mezzano-gazzadina Gardolo di Mezzo- Meano

Trento. www.trekkingurbano.info. www.trekkingurbano.info. TREKKING PAESAGGI AMENI Vico mezzano-gazzadina Gardolo di Mezzo- Meano TREKKING PAESAGGI AMENI Vico mezzano-gazzadina Gardolo di Mezzo- Meano Snodandosi attraverso le colline del Meanese, immerso tra vigneti, luoghi d arte e antiche chiesette, il percorso trasmette il fascino

Dettagli

COMANDO MILITARE DELLA CAPITALE COMUNICATO STAMPA COMANDO MILITARE DELLA CAPITALE

COMANDO MILITARE DELLA CAPITALE COMUNICATO STAMPA COMANDO MILITARE DELLA CAPITALE L Esercito Marciava attraversa il Lazio Dal 16 al 19 maggio i villaggi allestiti dall Esercito a Cassino, Roma e Viterbo per commemorare il centenario della Grande Guerra con mostre, mezzi storici, concerti

Dettagli

Museo Storico della Fanteria

Museo Storico della Fanteria COMANDO MILITARE DELLA CAPITALE Museo Storico della Fanteria Manifestazioni ed eventi B envenuti al Museo della Fanteria. 000185 Roma P.zza S. Croce in Gerusalemme, 9 - Metropolitana San Giovanni Accesso

Dettagli

Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron

Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron REGIONE PIEMONTE Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron PROVINCIA DI BIELLA Ricetto - Uno dei borghi più belli d Italia Centro Documentazione Ricetti Ricetto di Candelo (BI) Piano di Programmazione:

Dettagli

XXIV incontro annuale delle giornate italo-austriache per la pace. Genova, 23-24 maggio 2015.

XXIV incontro annuale delle giornate italo-austriache per la pace. Genova, 23-24 maggio 2015. Mura delle Cappuccine, 33 16128 GENOVA tel. 010.591598 XXIV incontro annuale delle giornate italo-austriache per la pace. Genova, 23-24 maggio 2015. Da oltre venti anni si celebrano in Europa le giornate

Dettagli

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento La Relazione Geologica è allegata al presente progetto ed il suo contenuto ha approfondito le notizie generali di carattere geologico,

Dettagli

Istituto di Ricerche Storiche e Archeologiche di Pistoia

Istituto di Ricerche Storiche e Archeologiche di Pistoia Istituto di Ricerche Storiche e Archeologiche di Pistoia Con la presente siamo ad inviarvi informazioni riguardanti la nostra rete museale, gestita dall Istituto di Ricerche Storiche e Archeologiche di

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Trento, 97 UDINE (UD) 1 Allegato

Dettagli

PROGRAMMA GENERALE DELLE OPERE PUBBLICHE del triennio 2011-2013

PROGRAMMA GENERALE DELLE OPERE PUBBLICHE del triennio 2011-2013 scheda 1 Quadro dei lavori e degli interventi necessari sulla base del programma del Sindaco Importo complessivo Eventuale OGGETTO DEI LAVORI di spesa dell'opera finanziaria Realizzazione nuovo accesso

Dettagli

SCHEDA PROGETTO Misura 313 Incentivazione delle attività turistiche Azione 2 Accoglienza Contesto di riferimento

SCHEDA PROGETTO Misura 313 Incentivazione delle attività turistiche Azione 2 Accoglienza Contesto di riferimento SCHEDA PROGETTO Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 - Asse 4 LEADER Programma di Sviluppo Locale PRE.D.I.R.E. Prealpi e Dolomiti per l Innovazione e il Rilancio dell Economia Misura 313

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SPINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SPINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 139 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SPINI Disposizioni per la tutela del patrimonio storico della guerra di Liberazione e della

Dettagli

Vedere All interno dello spazio Lager esistono delle tabelle esplicative in tre lingue: tedesco, inglese, francese.

Vedere All interno dello spazio Lager esistono delle tabelle esplicative in tre lingue: tedesco, inglese, francese. Percorso di visita autoguidata al Lager di Ravensbrück Capire e rispettare Ti appresti a visitare ciò che resta del Lager nazista di Ravensbrück cercando di leggere quei pochi segni originari ancora presenti

Dettagli

LAND ROVER SELLARONDA EXCLUSIVE ADVENTURE,

LAND ROVER SELLARONDA EXCLUSIVE ADVENTURE, Quest'anno Land Rover affiancherà gli eroi della Sellaronda HERO, la mitica cavalcata delle Dolomiti, in mountain bike. La maratona in sella, più impegnativa del mondo, sarà la cornice di questo evento,

Dettagli

ISTITUTO STATALE DUCA DEGLI ABRUZZI

ISTITUTO STATALE DUCA DEGLI ABRUZZI Comunicato n 200 ISTITUTO STATALE DUCA DEGLI ABRUZZI con indirizzi liceali: Linguistico, Scientifico, Scienze Umane, Scienze Applicate, Economico Sociale Via Caccianiga 5 31100 Treviso tel. 0422/548383-541785

Dettagli

Proposte Didattiche. Raccolta Museale

Proposte Didattiche. Raccolta Museale Proposte Didattiche Raccolta Museale IL PARCO PALEONTOLOGICO DI CENE Situato in media Valle Seriana, il Parco è nato per tutelare e valorizzare uno dei più importanti giacimenti paleontologici del mondo.

Dettagli

COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO

COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO Art. 1 Denominazione, definizione, sede Il Museo Civico di Bracciano è un organismo permanente, senza fini di lucro, istituito dal Comune di Bracciano con

Dettagli

C.A.I. PONTE S. PIETRO

C.A.I. PONTE S. PIETRO Il n. dei partecipanti è fissato in 10/15 massimo Le iscrizioni si ricevono in sede c.a.i. il martedì e venerdì dalle ore 20,30 alle ore 22,00 previo versamento di 100 quale caparra. Il costo complessivo

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE DATI GENERALI Dati informativi - descrittivi Denominazione del museo o della

Dettagli

www.new-engineering.it

www.new-engineering.it www.new-engineering.it TRENTINO SVILUPPO S.p.A. - PROVINCIA AUTONOMA TRENTO Polo della Meccatronica Polo della Meccatronica Trentino Sviluppo S.p.A. - rif. Ing. Michele Ferrari Polo Tecnologico - Trentino

Dettagli

Da sasso a eremo di San Valentino

Da sasso a eremo di San Valentino Da sasso a eremo di San Valentino Escursioni e Trekking intorno al lago di Garda: all'eremo di San Valentino. Da Gargnano (m. 65 s.l.m.) o da Sasso (m. 546), in una balconata sul lago di garda. Tenendo

Dettagli

REGOLAMENTI MUSEO FORTE BRAMAFAM REGOLAMENTO ISTITUTIVO

REGOLAMENTI MUSEO FORTE BRAMAFAM REGOLAMENTO ISTITUTIVO REGOLAMENTI MUSEO FORTE BRAMAFAM Il Consiglio Direttivo del due aprile 2012 visto il verbale di consegna da parte dell Ufficio Tecnico Erariale all Associazione per gli Studi di Storia e Architettura Militare

Dettagli

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità Progetto Titolo Mut(u)azioni tra arte e scienza: I Licei Artistici dell Umbria, i Musei scientifici dell Ateneo e l Accademia di Belle Arti di Perugia esplorano e sperimentano le interazioni possibili

Dettagli

www.new-engineering.it

www.new-engineering.it www.new-engineering.it INFRASTRUTTURE LOMBARDE Nuova Casa dello Studente S. Carlo Borromeo a l Aquila Descrizione: Realizzazione di uno studentato universitario Committente: Infrastrutture Lombarde Luogo:

Dettagli

La memoria delle terre alte. a colloquio con. Aldo Audisio. http://www.museomontagna.org/it/home/index.php

La memoria delle terre alte. a colloquio con. Aldo Audisio. http://www.museomontagna.org/it/home/index.php FOCUS ORIZZONTI La memoria delle terre alte Museo della montagna Duca degli Abruzzi Torino: il più importante del mondo a colloquio con Aldo Audisio http://www.museomontagna.org/it/home/index.php Il Museo

Dettagli

Totes Gebirge - Austria

Totes Gebirge - Austria Escursione Sociale del 17 19 Luglio 2015 Totes Gebirge - Austria Descrizione generale Il Totes Gebirge è una catena montuosa delle Alpi Nord-orientali delle Alpi orientali. Si tratta di un altopiano di

Dettagli

Presentazione Programma Amministrativo. Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010

Presentazione Programma Amministrativo. Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010 Presentazione Programma Amministrativo Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010 FILOSOFIA E PRINCIPI ISPIRATORI DELLA LISTA N.1 INSIEME PER DIANO - al servizio della

Dettagli

COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO Provincia di Brescia Ufficio Patrimonio

COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO Provincia di Brescia Ufficio Patrimonio COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO Provincia di Brescia Ufficio Patrimonio Via Trento n. 5 25088 Toscolano Maderno (BS) telefono 0365/546018 fax 0365/540808 codice fiscale 00839830171 PROGETTO DI VALORIZZAZIONE

Dettagli

Terminal autobus, ristrutturazione del Lato nord del centro storico e impianto di risalita dal parcheggio Orzolo a piazzale Azzalino.

Terminal autobus, ristrutturazione del Lato nord del centro storico e impianto di risalita dal parcheggio Orzolo a piazzale Azzalino. Terminal autobus, ristrutturazione del Lato nord del centro storico e impianto di risalita dal parcheggio Orzolo a piazzale Azzalino. Fermo, Ascoli Piceno 1997-2002 Massimo e Gabriella Carmassi Il progetto

Dettagli

Comando Regionale Veneto Guardia di Finanza COMUNICATO STAMPA

Comando Regionale Veneto Guardia di Finanza COMUNICATO STAMPA Comando Regionale Veneto Guardia di Finanza COMUNICATO STAMPA APERTURA DELLA MOSTRA LA GUARDIA DI FINANZA NELLA GRANDE GUERRA 1915-1918. IL LUNGO CAMMINO VERSO VITTORIO VENETO VENEZIA, PALAZZO DUCALE 9

Dettagli

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione...

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... Sommario 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... 4 Pagina 1 di 6 1. Premessa Il recupero funzionale della conca di navigazione

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI PER L'ANNO 2013-2015 - 3^ variazione al bilancio - assestamento

PIANO DEGLI INTERVENTI PER L'ANNO 2013-2015 - 3^ variazione al bilancio - assestamento PIANO DEGLI INTERVENTI PER L'ANNO 2013-2015 - 3^ variazione al bilancio - assestamento INVESTIMENTO OGGETTO ANNO 2013 RISORSA ENTRATA CAPITOLO ENTRATA DESCRIZIONE IMPORTO FUNZIONI GENERALI DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Casa Cüs. Luogo della Memoria della Gente e della Cultura di Montagna. Il Museo dello sci e della montagna

Casa Cüs. Luogo della Memoria della Gente e della Cultura di Montagna. Il Museo dello sci e della montagna Titolo Descrizione Localizzazione Come è nato «Viviamo in un tempo che si ciba di Presente, rimpiange il Passato e non riesce a immaginare il Futuro». Enrico Camanni Storia Mito - Tradizione - Modernità

Dettagli

PROGETTO DI RECUPERO. Entrata miniera alla Costa. Piantina Gallerie

PROGETTO DI RECUPERO. Entrata miniera alla Costa. Piantina Gallerie PROGETTO DI RECUPERO Entrata miniera alla Costa Piantina Gallerie INTRODUZIONE Malcantone è il nome della regione luganese compresa fra il fiume Vedeggio, il fiume Tresa, il lago di Lugano e la catena

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

Vivere il museo 2013

Vivere il museo 2013 OBIETTIVI DEL PROGETTO: 1. ACQUARIO CIVICO (Sede 91334) Scheda progetto Vivere il museo 2013 apporre migliorie alle vasche espositive del percorso interno supportando il lavoro dei biologi acquaristi nella

Dettagli

Biblioteca e archivio storico CARTA DELLE COLLEZIONI

Biblioteca e archivio storico CARTA DELLE COLLEZIONI Biblioteca e archivio storico CARTA DELLE COLLEZIONI 2014 Finalità della biblioteca La biblioteca del Museo Storico Italiano della Guerra di Rovereto si propone di raccogliere, conservare e valorizzare

Dettagli

REGOLAMENTO MUSEO LABORATORIO DELLA MENTE ASL ROMA E REGIONE LAZIO. Maggio 2012

REGOLAMENTO MUSEO LABORATORIO DELLA MENTE ASL ROMA E REGIONE LAZIO. Maggio 2012 REGOLAMENTO MUSEO LABORATORIO DELLA MENTE ASL ROMA E REGIONE LAZIO Maggio 2012 Il museo denominato Museo Laboratorio della Mente (d ora in avanti MLM) con sede a Roma Piazza S. Maria della Pietà n.5, Padiglione

Dettagli

in associazione con in collaborazione con presentano

in associazione con in collaborazione con presentano in associazione con in collaborazione con presentano con il patrocinio di Cieli rossi, Bassano in Guerra: le cicatrici di uomini e luoghi che raccontano la Grande Guerra Cieli rossi, Bassano in Guerra

Dettagli

Cosa faremo. Programma legislatura 2010-2015 TURISMO

Cosa faremo. Programma legislatura 2010-2015 TURISMO Cosa faremo Programma legislatura 2010-2015 TURISMO INFRASTRUTTURE Utilizzo e valorizzazione delle infrastrutture già in opera, studio di fattibilità per adeguamento e abbattimento delle barriere architettoniche

Dettagli

RESIDENCE BOSCOVERDE

RESIDENCE BOSCOVERDE RESIDENCE BOSCOVERDE LOCATION L antico insediamento rurale e situato a Gliera, nel Comune di Livinallongo del Col di Lana (1.470 m), proprio nel cuore autentico delle Dolomiti, all estremità dell Alto

Dettagli

ELENCO DEI PROGETTI FINORA APPROVATI E FINANZIATI NELL AMBITO DI INTERREG IV I-A ADMUSEUM BANDO A SPORTELLO (scaduto il 31.12.

ELENCO DEI PROGETTI FINORA APPROVATI E FINANZIATI NELL AMBITO DI INTERREG IV I-A ADMUSEUM BANDO A SPORTELLO (scaduto il 31.12. ELENCO DEI PROGETTI FINORA APPROVATI E FINANZIATI NELL AMBITO DI INTERREG IV I-A ADMUSEUM BANDO A SPORTELLO (scaduto il 31.12.2013) 1) Una forma peculiare di emigrazione bellunese: i gelatieri del Cadore

Dettagli

Villa Peyron e le botteghe della pietra (Itinerario 1 ANPIL Montececeri)

Villa Peyron e le botteghe della pietra (Itinerario 1 ANPIL Montececeri) Villa Peyron e le botteghe della pietra (Itinerario 1 ANPIL Montececeri) Splendida escursione, fra vedute mozzafiato su Firenze, sulle pendici di Montececeri, la montagna della "pietra forte" e della "pietra

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A ETS0148 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice ETS0148 Via Rota, 9 TRIESTE

Dettagli