SALTERNUM SEMESTRALE DI INFORMAZIONE STORICA, CULTURALE E ARCHEOLOGICA A CURA DEL GRUPPO ARCHEOLOGICO SALERNITANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SALTERNUM SEMESTRALE DI INFORMAZIONE STORICA, CULTURALE E ARCHEOLOGICA A CURA DEL GRUPPO ARCHEOLOGICO SALERNITANO"

Transcript

1 SALTERNUM SEMESTRALE DI INFORMAZIONE STORICA, CULTURALE E ARCHEOLOGICA A CURA DEL GRUPPO ARCHEOLOGICO SALERNITANO

2 REG. TRIB. DI SALERNO N. 998 DEL 31/10/1997 ANNO XII - NUMERO GENNAIO/DICEMBRE 2008

3 GABRIELLA D HENRY EDITORIALE Salerno e l UNESCO Nell anno 2000, il Comitato Scientifico del Gruppo Archeologico Salernitano decise di affrontare una prima analisi di quel monumento civile di età longobarda, inserito nel complesso religioso di S. Pietro a Corte: l ala sud del Palazzo di Arechi II, che comprende l Aula Palatina, individuata negli anni Settanta dello scorso secolo e resa pubblica nel Vennero invitati a collaborare alla pubblicazione San Pietro a Corte recupero di una memoria nella città di Salerno diversi studiosi, tra cui chi era intervenuto materialmente sul complesso con la ricognizione e lo scavo, il professor Paolo Peduto, docente di Archeologia Medievale nella locale Università. L iniziativa culturale ebbe successo, ed alla presentazione furono invitati due esperti del settore, i professori Carlo Bertelli e Paolo Delogu. Questa iniziativa portò, in breve tempo, ad una convenzione tra l Istituto di Tutela (la Soprintendenza per i Beni Architettonici) ed il Gruppo Archeologico per la gestione del Bene e la promozione di attività volte a valorizzare il sito: ora la parte ipogea del monumento, debitamente restaurata e fornita di percorso didattico, è aperta al pubblico e le visite guidate si tengono quasi giornalmente. Nel 2002, il Gruppo Archeologico organizzò, per soci e non soci, una gita di studio a Cividale del Friuli per ammirare i reperti altomedioevali nel centro del primo Ducato Longobardo, patria d origine sia di Arechi II che di Paolo Diacono, i quali, alla sconfitta di re Desiderio da parte dei Franchi, ebbero nel Sud, tra Salerno e Benevento, un ruolo importante per la storia dei Longobardi meridionali. Da questo incontro con le istituzioni locali di Cividale nacque dapprima un idea di gemellaggio, che poi si concretò invece in un Associazione, la Federarcheo (Federazione Italiana delle Associazioni Archeologiche) il cui primo obiettivo era di rendere visibile e fruibile l apporto che ciascun insediamento longobardo ha trasmesso nei singoli territori, dal punto di vista storico, linguistico e della cultura materiale. Questi sono gli antefatti ai recenti avvenimenti. Nell anno 2007 i Sindaci dei comuni di Cividale e di Brescia presentano all Unesco un progetto intitolato Italia Langobardorum Centri di potere e di culto ( ). La prima sorpresa è la data: perché concludere il progetto al 774, quando, alla morte del re Desiderio, i Principati del Sud, Capua, Benevento e Salerno, sono tuttora vigili e fiorenti e portano avanti una politica di difesa della loro identità? E perché non prendere in considerazione centri come Monza o Pavia? La presentazione del Piano di Gestione del sito Italia Langobardorum, che viene inviata per l iscrizione nella lista del Patrimonio Mondiale dell UNESCO, non può prescindere da un preliminare inquadramento che illustri e giustifichi le motivazioni che hanno portato alla scelta dei luoghi. Essi sono i seguenti: - Cividale del Friuli (UD), l area della Gastaldaga con il c.d. Tempietto Longobardo e il complesso episcopale con i resti del Palazzo Patriarcale; - Brescia, il Monastero di san Salvatore santa Giulia; - Castelseprio (VA), l area del castrum con la Torre di Torba e la chiesa extra-moenia di santa Maria foris portas

4 SALTERNUM Con il procedere dei lavori, si sentì l esigenza di estendere la ricerca (e si spera che l esigenza sia stata esclusivamente scientifica) anche ad alcuni centri dell Italia centro-meridionale: - Spoleto (PG), la Basilica di san Salvatore; - Campello (PG), il tempietto del Clitumno; - Benevento, il complesso di santa Sofia, con la chiesa, il chiostro e parte dell Abbazia; - Monte S. Angelo (FG), il Santuario di s. Michele. Ciò, al fine di comprendere in un unico sito le maggiori testimonianze della cultura longobarda nel momento della loro massima capacità espressiva. Nel 2008, la Federarcheo ha organizzato ad Udine e Cividale del Friuli, per il mese di marzo, il primo Convegno Nazionale Le presenze longobarde in Italia, che si poneva come obiettivo il far conoscere ai funzionari di coordinamento del progetto altre e importanti presenze longobarde sul territorio nazionale, da inserire negli itinerari previsti dal progetto stesso. Il Gruppo Archeologico Salernitano vi partecipò presentando una relazione che metteva in risalto il complesso monumentale di s. Pietro a Corte, unico esempio in Europa di architettura palaziale di epoca longobarda, ed altre importanti presenze altomedievali nel territorio campano, come la Grotta di Olevano sul Tusciano e la chiesa di s. Ambrogio di Montecorvino Rovella. Nello stesso anno, il Gruppo Archeologico Salernitano ha organizzato, in collaborazione con l Università degli Studi ed il Comune di Salerno, il Convegno Il Popolo dei Longobardi meridionali. Testimonianze storiche ed architettoniche ( ) per porre all attenzione delle istituzioni locali la necessità di accelerare i tempi della conclusione del restauro di s. Pietro a Corte e, nel frattempo, evidenziare l opportunità di organizzare visite guidate dell intero complesso, comprese le parti di recente ripristinate, allo scopo di valorizzarlo e farlo conoscere soprattutto ai principali fruitori, gli abitanti della città. Purtroppo, nonostante un notevole successo culturale dell iniziativa, non è venuta nessuna risposta né a livello locale né a livello ministeriale, e le presenze longobarde del Salernitano, pur così cospicue, restano fuori dal progetto UNESCO. Forse esso, nato con una certa approssimazione, non ha avuto né modo né tempo d essere approfondito, come dovrebbe essere per una iniziativa di così importante significato; e l insieme, a nostro parere, pecca di scarsa professionalità

5 SARA ROTUNDI Edilizia privata in Daunia tra IV e II secolo a.c. Il presente contributo si propone di analizzare le realtà insediative in Daunia (fig. 1), in un periodo cronologico compreso tra il IV e il II secolo a. C., quando in questo territorio si avvertono sostanziali cambiamenti. Si assiste, infatti, in quasi tutti i centri qui esaminati, alla nascita delle città. Dagli agglomerati di capanne sparsi in vaste aree e dagli insediamenti formati da villaggi staccati e tra loro autonomi, si giunge alla nascita di veri e propri centri urbani, con la fondazione, in alcuni casi, di fortificazioni che delimitano un area abbastanza circoscritta e molto spesso l antico abitato viene abbandonato per scegliere verosimilmente una posizione più favorevole 1. All interno dell area urbana viene realizzata una viabilità più regolare e viene creato uno spazio per la vita pubblica, civile e religiosa; le case si uniscono in gruppo e in alcuni casi, all esterno, vengono abbellite da pavimenti a ciottoli fluviali; le tombe continuano ad essere collocate anche all interno dell abitato, lungo le vie principali e, probabilmente, in spazi creati appositamente. La tecnica costruttiva impiegata per la realizzazione delle costruzioni private si sviluppa in stretta aderenza alla materia prima reperibile in sito. Generalmente così era per tutte le abitazioni dell Italia meridionale, dove si assiste all utilizzo, nelle fondazioni, di materiale variegato, dai ciottoli di varie forme e dimensioni, ai blocchi di reimpiego, alle tegole, alle scorie di fornace, pietre di calcare e così via. Si trattava comunque di una tecnica costruttiva piuttosto irregolare e molto povera. Fig. 1 - Carta degli insediamenti dauni analizzati. Fig. 2 - Lavello, loc. Casino. Ricostruzione grafica. (MAZZEI 1996). Non è sempre facile ricostruire l alzato di una struttura poiché, per la maggior parte dei casi, questo è costituito da materiale deperibile. Si può comunque ipotizzare la sua ricostruzione (fig. 2) attraverso resti che si sono conservati e anche le fonti letterarie possono darci informazioni preziose al riguardo 2. Nelle case analizzate in Daunia sono stati individuati tre tipi di elevato: in mattoni crudi (fig. 3); in blocchi di terra cruda impostati direttamente sul terreno di base o su uno zoccolo di - 5 -

6 SALTERNUM Fig. 3 - Formatura di mattoni nell area in cui essiccheranno (ADAM 1988). Fig. 5 - Monte Bibele. Pali lignei lungo il perimetro e all interno della casa per sostenere la copertura e le pareti in materiale deperibile (VITALI 1991). Fig. 4 - Schema ricostruttivo di un muro realizzato in opus craticium (LAVIOSA 1970). pietra; con intelaiatura lignea tamponata da un impasto di fango e argilla, impostata sullo zoccolo di fondazione (fig. 4). Elevati in mattoni crudi sono presenti ad Ascoli Satriano, in loc. Serpente; a Banzi, in loc. Carbone; a Canne, in loc. Fontanella; a Lavello, in loc. Casino e ad Ordona. In alcuni casi, questi tipi di elevato venivano sorretti da un intelaiatura lignea, che, oltre a sostenere l edificio, rinforzavano anche la copertura. A Canosa, in località San Martino, la copertura della struttura abitativa è in materiali leggeri e, dunque, il sostegno in mattoni crudi potrebbe essere stato sufficiente 3. Bisognerebbe capire se una struttura in mattoni crudi possa sostenere una copertura di tipo pesante senza l impiego di un intelaiatura lignea. Questa, infatti, potrebbe distribuire su di sé il peso della copertura e irrigidire la muratura. Fig. 6 - Mazzapicchiatura del pisé all interno di una cassaforma (ADAM 1988). In epoca moderna esempi di case in soli mattoni crudi che sorreggono un tetto in tegole sono presenti in Turchia e a Corfù 4. Quindi, è probabile che anche nel nostro caso, in mancanza di buche di palo nelle fondazioni, si possa parlare di un elevato di questo tipo. Elevati in blocchi di terra cruda sono presenti ad Arpi, in loc. Montarozzi; ad Ascoli Satriano, in loc. Serpente; a Canosa in loc. Madonna di Costantinopoli, in via Molise e in loc. Costantinopoli; ad Ordona e a San Paolo di Civitate, loc. Mezzana-Tratturo. Anche in questo caso, è possibile rinvenire lungo il perimetro della case, come ad Ordona, buche per l alloggiamento dei pali che contribuivano a sostenere la copertura costituita da tegole 5 (fig. 5). Qualora non fossero stati rinvenuti i fori di infissione nello zoccolo di fondazione, si potrebbe pensare all utilizzo di una muratura cosiddetta in pisé 6. Essa è ottenuta versando un - 6 -

7 SARA ROTUNDI aggregato costituito da terra argillosa, acqua, sgrassanti vegetali (paglia, erba secca, cenere) o minerali (sabbia) 7, entro casseforme realizzate con assi di legno che hanno la larghezza dello zoccolo di fondazione su cui vengono impostate. Man mano che il materiale viene messo in opera, viene pestato e costipato, e più specificamente battuto con il mazzapicchio, una pesante mazza di legno (fig. 6). Una volta essiccato il composto al sole, si rimuovono le casseforme ripetendo l operazione sia in senso orizzontale che verticale. La muratura così ottenuta non necessita di pali che sorreggano la copertura in materiale pesante perché ha una buona capacità portante 8. Questo sistema viene utilizzato in tutti i paesi del Mediterraneo ed è citato anche da Vitruvio 9. Il terzo tipo di elevato che ritroviamo nelle case daunie è quello con intelaiatura lignea tamponata da un impasto di fango e argilla, impostata sullo zoccolo di fondazione. Esso è presente nelle strutture di Canne, in loc. Antenisi; a Lavello, in loc. S. Felice e Acropoli; ad Ordona e a Salapia, nella villa di S. Vito. Probabilmente si ritrova anche a Canosa, in loc. S. Martino; a Lavello, in loc. Casino e in loc. Carrozze e a Minervino, in loc. Corsi. Successivamente, dopo aver messo in opera l alzato, le pareti venivano livellate con argilla e rivestite di uno strato protettivo di intonaco composto di fango e paglia, talvolta completato in superficie con uno strato di argilla fine diluito nell acqua e a volte dipinto. Testimonianze di case intonacate provengono, per esempio, da Arpi, in loc. Montarozzi, dove in diversi ambienti sono stati rinvenuti frammenti di intonaco. Un vano presentava pareti in stile strutturale con basso zoccolo azzurro e fascia sormontate con resti di un iscrizione, kyma lesbio, due fasce rosa orizzontali comprendenti fasce verticali parallele in bruno, ovoli in celeste e bruno e motivo a gocce, fascia nera e anthémion in nero; un altro ambiente, a Sud, mostrava uno zoccolo con ortostati di colore rosso, fasce marmorizzate e su un architrave d accesso un fregio con anthémion e incisioni colorate in blu 10. Grazie agli estesi crolli, che caratterizzano numerose aree, conosciamo anche le caratteristi- che dei tetti. Le strutture analizzate mostrano sia l impiego di tegole in terracotta e coppi (fig. 7), sia di materiale leggero come travi lignee, frasche, paglia e argilla. Le funzioni principali del tetto erano quelle di proteggere l ambiente interno e anche i muri di argilla cruda dall umidità; essi dovevano essere quindi inclinati e presentare uno spiovente sporgente rispetto all elevato, per evitare che le piogge danneggiassero le pareti costruite con materiale deperibile. Probabilmente, a partire dalla fine del V secolo a. C., in Daunia, le case vennero dotate quasi esclusivamente di una copertura più consistente e durevole, in tegole. Difficile è invece constatare se lo spiovente fosse unico o doppio. Se al centro dell abitazione sono state rinvenute buche di palo per l alloggio dei pali di sostegno alla trave centrale, quasi sicuramente il tetto era a doppio spiovente. Fig. 7 - Tegole piane, coppo semicircolare e coppo di colmo (VITALI 1991). Fig. 8 - Tetto a doppio spiovente. San Paolo di Civitate, loc. Mezzana- Tratturo (MAZZEI 2003)

8 SALTERNUM Fig. 9 - Ascoli Satriano, loc. Serpente. Oikos 1. Ricostruzione grafica. (FABBRI, OSANNA 2002). Fig Ipotesi ricostruttiva del tetto di una casa di V sec. a. C. (GRECO 1991). Un edificio rinvenuto ad Ascoli Satriano, in loc. Serpente, doveva avere una copertura a doppio spiovente, realizzata con tegole e coppi 11, così come per S. Paolo, in loc. Mezzana Tratturo, dove i resti del crollo fanno ipotizzare una soluzione architettonica con una copertura di tegole piane e coppi a sezione semicircolare, talvolta triangolare, con tettuccio spiovente anche all interno del frontone aperto 12 (fig. 8). Anche a Lavello, in loc. Acropoli, la copertura doveva essere a doppio spiovente, visto il ritrovamento di un frammento di kalyptèr hegemón a sezione semicircolare 13. Il tetto a doppio spiovente doveva caratterizzare anche gli oikoi 1 e 2 di Ascoli Satriano, in loc. Serpente, così come risulta dalla ricostruzione grafica 14 (fig. 9). La presenza, all interno delle case, di focolari per la cottura dei cibi, per l illuminazione e per il riscaldamento, doveva presupporre l esistenza nelle abitazioni aperture più antiche, che venivano effettuate sul tetto, e di finestre in quelle più recenti. L apertura è chiamata opàion e veniva eseguita nel centro di una tegola e per mezzo di uno sportello poteva essere chiusa o aperta 15 (fig. 10). La casa o l edificio collettivo nel passaggio da una struttura apparentemente precaria, realizzata con pareti e alzato di materie vegetali, ad una architettura più robusta per l impiego di terra cruda, si dota di un tetto ornato di terrecotte architettoniche che oltre a caratterizzare la copertura dell edificio, lo proteggevano 16 (fig. 11). I Greci le impiegavano soprattutto per la copertura dei tetti degli edifici sacri, sia a scopo decorativo che apotropaico. Quando poi, quest usanza si diffuse nelle aree periferiche sia del mondo greco-orientale che di quello greco-occidentale, si adattò alle differenti esigenze culturali dei centri indigeni e fu adottata da edifici funzionalmente differenti da quelli di origine, come le case private 17. L impiego della decorazione architettonica fittile rimase comunque legata ad un edilizia privilegiata e rivestì una particolare valenza e un ruolo determinato. Ed è l enfatizzazione di lusso, fasto, prestigio delle nuove élites aristocratiche che si vanno formando nel mondo indigeno daunio a dare una chiave di lettura da proporre per capire la presenza, in siti indigeni, di numerose terrecotte architettoniche. In Daunia la presenza di decorazioni architettoniche su edifici privati è attestata a partire dalla fine del VI a. C. Tra gli elementi architettonici documentati, gli esemplari più numerosi sono rappresentati dalle antefisse. Sono presenti, in particolare, quelle di tipo etrusco campano (fig. 12) e circolare con testa di Gorgone, di origine magno-greca 18 (fig. 13). Le antefisse di tipo etrusco-campano le troviamo, per lo più, ad Arpi, Lucera, San Paolo di Civitate ed Ordona 19 e il soggetto più comune è a testa femminile nimbata. Le versioni daunie del tipo etrusco-campano riprendono modelli architettonici e decorativi italici. Le relazioni culturali e geografiche, insieme ad alcune particolarità tecniche, inducono ad individuare nelle botteghe capuane il riferimento per le produzioni daunie 20. Questi - 8 -

9 SARA ROTUNDI contatti con l area campana avvenivano, probabilmente, lungo l asse fluviale costituito dai fiumi Volturno, Calore, Tammaro, Fortore 21. Il tipo magno-greco, è attestato nel Melfese (Banzi, Lavello), nei centri della Daunia interna, centro-meridionale (Ascoli Satriano, Ordona) e anche a S. Paolo, Lucera, Arpi 22. Sicuramente, a partire dal VI a. C., con la diffusione di questi esemplari di antefisse troviamo modelli estranei alla cultura daunia ed è evidente l immediato allontanamento dai modelli stessi. Ci si trova, infatti, in Daunia, di fronte ad originali esempi di un artigianato indigeno in grado di realizzare creazioni autonome sulla base di un modello importato, arrivando alla produzione di tipi nuovi che possono definirsi dauni e sui quali si stabilisce una vera e propria tradizione di artigianato locale 23. Per ciò che concerne le planimetrie, le case analizzate presentano una notevole varietà che sembra subire un evoluzione, dal tipo più semplice, a pianta absidata, a quello più complesso, con più ambienti, ed è possibile trovare, all interno di uno stesso centro abitativo, una diversa tipologia planimetrica. La scelta di un tipo planimetrico specifico per gli edifici a destinazione domestica può dipendere da vari fattori che possono essere culturali, sociali, economici, da cui deriva l impossibilità di individuare una casa-tipo e la sua dipendenza da diverse variabili. L abitazione in muratura di forma absidata potrebbe essere stata una delle prime attestazioni in ambito greco (fig. 14). Infatti, in Grecia, a partire dall VIII sec. a. C., la pianta absidata viene utilizzata per impianti sacri e profani, per magazzini e luoghi di riunione della collettività 24. Questo tipo di planimetria sembrerebbe riprendere la forma delle antiche capanne. In Daunia, nel periodo analizzato sono state individuate due tipi di case di forma absidata, a Canne, in loc. Antenisi e a Lavello, in loc. Casino, entrambe datate alla metà del V sec. a. C., con dimensioni intorno ai 30 mq. L abitazione a pianta quadrata sembra sia stata, nella sua forma più elementare, la dimora delle classi più umili della società (fig. 15). In Grecia questo tipo planimetrico si diffonde Fig Gocciolatoio a protome leonina (Museo Civico di Foggia). Fig Antefissa di tipo etrusco-campano con testa femminile, da Arpi (Museo Civico di Foggia). Fig Antefissa di tipo magno-greco con Gorgonéion. (Museo Civico di Foggia). Fig Planimetria Lavello, loc. Casino della casa absidata. (LISENO 2007)

10 SALTERNUM Fig Ordona. Planimetria della casa a pianta quadrangolare. (LISENO 2007). Fig Ordona. Planimetria della casa a pianta rettangolare. (IKER 1995). verso la fine dell VIII sec. a. C. 25. In realtà, la sola planimetria non ci può fornire indicazioni sulla condizione economica dei proprietari. In Grecia, per esempio, esistevano oikoi di piccole dimensioni che appartenevano a personaggi ricchi. Non esiste, dunque, una tipologia abitativa propria di un unico gruppo sociale, ma l attribuzione è data dal complesso di elementi che insieme alla pianta caratterizzano l abitazione. Le dimensioni di tali strutture abitative, che ritroviamo ad Ordona, a Canosa, a Banzi, a Canne, Lavello e Minervino, vanno dai 30 mq circa ai 75 mq circa e sono tutte datate in un arco cronologico compreso tra la fine del V ed il IV sec. a. C. Tra le strutture analizzate, la tipologia planimetrica più diffusa è quella a pianta rettangolare, preceduta o meno da vestibolo, che ritroviamo in quasi tutti i centri dauni considerati (fig. 16). Esse sono datate tra la fine del V e la fine del IV sec. a. C. e hanno dimensioni che vanno dai 9 mq ai 230 mq circa. L unico edificio a pianta subcircolare è quello di Canosa, loc. Costantinopoli, datato intorno al IV sec. a. C., interpretato come vano per le abluzioni, ma non è possibile ricostruire le precise dimensioni. Un altra tipologia individuata tra gli edifici considerati è quella a pianta complessa, con ambienti che si affacciano su un cortile scoperto (fig. 17). Essa si riscontra ad Ascoli Satriano in loc. Serpente, a Banzi in loc. Mancamasone, a Canne in loc. Fontanella, a Canosa in loc. Toppicelli, a Lavello in locc. Alicandro e Gravetta. La maggior parte di tali strutture sono state interpretate come abitazioni di carattere produttivo, non solo residenziale, in cui si svolgevano mansioni specifiche. Le strutture sono datate tra IV e III sec. a. C. e hanno un estensione che va dai 130 mq ai 400 mq. Come si può notare, si possono trovare strutture abitative di ampie metrature che fanno pensare alla presenza di gruppi rilevanti che, all interno di una compagine disorganica strutturalmente, tende ad emergere e ad acquisire un elevato controllo sul resto della comunità che resta legata a forme di economia primaria, con forme abitative semplici, che ancora ben rispondono alle esigenze della società di cui sono espressione 26. A questo proposito, emblematico è il caso del centro di Arpi, dove a partire dal è stata esplorata una superficie di circa 780 mq di una casa che doveva essere molto più estesa. L edificio di cui è possibile individuare il settore residenziale e un settore dei servizi, presentava un ricco apparato decorativo parietale e pavimentale risalente alla fine del IV-III sec. a. C. che ha permesso di datare la seconda fase costruttiva della casa 28. La complessa articolazione planimetrica ben testimonia l alto livello sociale raggiunto dai suoi abitanti. Alcuni vani interpretati come vani di rappresentanza e di residenza, presentano ricchi pavimenti in ciottoli e in tessere irregolari che rivelano una qualità artistica nella quale l apporto ellenico è fondamentale. A Sud, infatti, è stata riconosciuta un area scoperta dalla quale, attraverso un accesso monumentale fiancheggiato da due lesene con cornici con kyma

11 SARA ROTUNDI dorico in stucco, si accedeva ad un altra corte. Da qui, si accedeva ad un andrón (400 x 415) orientato a Sud-Est, pavimentato con un mosaico in opus segmentatum con un émblema con delfini (cm 184 x 220) convergenti verso una palmetta e verso una testa di bue, e una soglia (cm 110 x 140) con rosetta a sei petali bianchi su fondo nero inscritta un cerchio delimitato da una fascia a tessere nere e palmette angolari (fig. 18). Le pareti erano dipinte con fregi marmorizzati, mentre sull architrave correva un anthémion inciso sullo stucco bianco. Di grande rilievo è anche il grande fregio di stucco bianco che ornava l esterno di un accesso all andrón, decorato con una successione di palmette ottenute con una fine incisione 29 (fig.19). Altri ambienti si riconoscono ad Est. Un grande vano (cm 520 x 520), probabilmente l esedra, orientato a Nord-Est, presentava uno splendido mosaico in opus segmentatum (cm 400 x 450) detto dei Grifi e delle Pantere poiché presentava quattro riquadri campiti da due coppie di pantere e di leoni o grifi alternati su fondo bianco e nero con una testa di bue originata dal loro accostamento (fig. 20). L ambiente era preceduto da tre basi di colonne, di cui solo due sono state rinvenute. Un altro vano (cm 520 x 465) ad esso retrostante era pavimentato con un mosaico a ciottoli fluviali policromi (in situ; cm 480 x 250) decorato da cornici con motivi a meandri e serie di rosette e palmette angolari che comprendono un campo ricco di animali, domestici, selvatici e fantastici (fig. 21). È stato accertato che il patrimonio figurativo di questi mosaici deriva dalla Grecia settentrionale, attraverso la circolazione di cartoni o un diretto coinvolgimento nella impostazione del pavimento, così come lascia pensare il mosaico dei grifi e delle pantere. I confronti tra l ambiente ellenico, in particolare quello macedone, e la Daunia, derivano quasi sicuramente da un contatto molto stretto con il mondo macedone-epirota 30, nello specifico, si ricordi la spedizione di Alessandro il Molosso che, intorno al 333 a. C., ebbe un forte controllo dei porti adriatici 31, conquistò Siponto e il porto di Arpi, dove venivano imbarcati i cereali prodotti nel territorio della metropoli daunia 32. Fig Ascoli, loc. Serpente. Planimetria della casa con più ambienti. (FABBRI,OSANNA 2002). Fig Arpi, loc. Montarozzi, scavi Andrón mosaicato con delfini. (MAZZEI 2004b). Fig Arpi, loc.montarozzi. Frammento di stucco con motivi a palmette. (MAZZEI 2000). Fig Arpi, loc. Montarozzi. scavi Mosaico denominato dei grifi e delle pantere. (Museo Civico di Foggia), (MAZZEI 2004b)

12 SALTERNUM Fig Arpi, loc. Montarozzi. Mosaico a ciottoli in situ (MAZZEI 1995a). Fig. 22a - Arpi, loc. Montarozzi. Frammento di lastra del fregio fittile. (MAZZEI 1997). Ma il quadro culturale arpano risulta essere molto più complesso, come, più in generale, quello della Daunia centro-settentrionale, non estraneo agli influssi provenienti dal mondo etrusco-campano, con Capua in particolare 33. Lo dimostra il ritrovamento di una lastra di fregio fittile, con una scena di danza, nella quale si conservano due figure femminili, ritrovate in due posti differenti, e che faceva parte del materiale di reimpiego della casa ellenistica (fig. 22 a,b). Infatti, una lastra era stata utilizzata come zeppa della porta di una tomba a grotticella; l altra era inserita nel muro di fondo di una grande fornace appartenente all impianto della casa ellenistica. Nonostante i differenti luoghi di ritrovamento, le due lastre sembrano combaciare 34. I dati acquisiti inducono a riferire questo piccolo fregio di sapore arcaico proprio all ispirazione del centro capuano. Ma come è noto, l adozione di un sistema decorativo architettonico segnala le scelte politi- co-culturali di una comunità. E il caso di Arpi, per la presenza di antefisse nimbate 35, insieme all acroterio a protome equina (fig. 23), come già nel santuario del Regio Tratturo di Tiati 36, consolida la possibilità di individuare in Capua il riferimento più vicino. Non solo, dunque, scelte o contatti individuali determinarono l importazione del singolo oggetto, ma si verificarono partecipazioni più complessive e consapevoli delle comunità daunie al modello di architettura cultuale dettato in quei decenni dall area campana. Il ritrovamento delle decorazioni di Arpi apre una nuova analisi sullo studio della pittura parietale di primo ellenismo, che supera l esclusivo ambito del documento funerario e figurato e prende in considerazione anche i documenti relativi alla sfera domestica o pubblica e le decorazioni parietali più semplici. Infatti, la pittura strutturale e/o a zone 37, sembra quella più diffusa in Puglia a partire dal III sec. a. C., soprattutto in ambito funerario: sempre ad Arpi, la ritroviamo nell ipogeo della Medusa, a Canosa, negli interni degli ipogei Lagrasta I e Barbarossa, ma anche a Ruvo, Rudiae, Gravina, Egnazia, Messagne e Taranto 38. Bisogna considerare che, certamente, l aristocrazia arpana di quel tempo, nelle costruzioni individuali, come tombe o case, ricalcava in versione minore, ma in buona fedeltà, modelli greci, per la cui realizzazione, come per i mosaici delle case di Montarozzi, non è da escludere la partecipazione di artigiani ellenici. È certo che non diversa doveva essere la situazione nei centri vicini ad Arpi, come a Salapia, Canosa o Lavello, dove è attestata l esistenza di élite locali profondamente ellenizzate, che, a partire dalla metà del IV sec. a. C., contribuirono in gran parte alla realizzazione di case monumentali per le loro residenze, con decorazioni, per quello che è giunto sino a noi, di altissimo livello (fig. 24). M. D. Marin così descriveva la decorazione della parete dell atrio della villa di S. Vito a Salapia (fig. 25): dal basso verso l alto, zoccolo (bianco, grigio, azzurro), ortostati (rosso, giallo, verde, viola, bruno con riquadri marmorizzati), corsi orizzontali, motivo a meandro, filari oriz

13 SARA ROTUNDI zontali, semicolonnine. Essa, forse, doveva terminare con una cornice aggettante con dentelli o con un fregio dorico in stucco. Questo tipo di decorazione parietale imita la disposizione architettonica della superficie del muro. Molti esempi di essa si trovano, oltre che nelle case di Delo, anche nelle tombe di Alessandria oscillanti fra III e inizi II sec. a. C., in particolare nella Necropoli di Moustafa Pacha 39, e in tombe ellenistiche della Russia meridionale 40, e in tombe apule del III sec. a. C. La villa, precisamente, mostra una decorazione a zone già nella fase più evoluta, quando è presente, nella parte superiore del muro, l imitazione della struttura isodoma mediante linee incise, rilievo e policromia. Essa, dunque, non può non proporsi come una tappa eccezionale nello sviluppo della pittura parietale che confluirà nel primo stile, ma la decorazione delle pareti della villa di Salapia è ancora interamente mutuata dai sistemi strutturali ellenistici, come in particolare è dall ambiente alessandrino che deriva il motivo dell imitazione dei marmi variegati. Raccogliendo i dati relativi alle strutture indagate, si è articolato un quadro di insieme sulle caratteristiche strutturali, planimetriche e funzionali di tali abitazioni: se attraverso il tempo si notano cambiamenti nelle caratteristiche generali delle case, specie per ciò che riguarda la pianta, diverso è quanto si può dire per le tecniche edilizie. Esse, a partire dalle prime costruzioni in muratura, intorno al VI a. C., rimangono sostanzialmente le stesse. Così, ad una più articolata organizzazione planimetrica di un abitazione, con due o più ambienti nel IV o III a. C., non corrisponde un evoluzione della tecnica di costruzione rispetto all epoca precedente. Dunque, è evidente da queste considerazioni che la Daunia, nel periodo preso in considerazione, risulta essere una realtà particolarmente complessa, punto di incontro di varie culture, ricca di apporti esterni e differenti, anche se si dimostra una realtà non ancora ben definita a causa, in particolare, dei pochi scavi sistematici effettuati nella regione e, non da ultimo, il problema dello scavo clandestino che da sempre colpisce, in particolar modo, questa regione e le sue ricchezze. Fig. 22b - Arpi, loc. Montarozzi. Ricostruzione grafica del fregio fittile (MAZZEI 1997). Fig. 23 s- Arpi. Protome fittile di cavallo (MAZZEI 2000). Fig Salapia. Villa di S.Vito. Frammento del fregio fittile del compluvium (GIAMPIETRO 1975). Fig Salapia. Resti della villa di S.Vito (FOTO DA WEB)

14 SALTERNUM NOTE 1 In particolare, l intervento romano in Daunia investe entità politiche già di per sé avviate a profonde trasformazioni e ne favorisce lo sviluppo, accelerando e comunque condizionando decisamente la formazione dei centri urbani, la definizione dei loro rapporti col territorio circostante, la delimitazione delle aree di influenza di ciascuno di essi GRELLE 1993, pp In generale, sull urbanizzazione dei centri dauni cfr VOLPE 1990, pp Sui processi che investono la società daunia tra la fine del IV-inizi III sec. a. C., nel confronto con i Sanniti e con i Romani, LEPORE 1963, 107 sgg. Formazione e consolidamento dei centri urbani sono analizzati da DE JULIIS 1988, pp. 142 ss. 2 VITRUVIO, De Arch. 2, 8. 3 La casa è stata datata alla seconda metà del IV sec. a. C. L utilizzo di un tetto in materiali leggeri può essere collegato ad un problema culturale, ovvero a modalità di trasformazione da leggersi in rottura con il passato. Ciò significa che è possibile che i cambiamenti non siano sempre improvvisi, ma che accanto a strutture di un certo rilievo, sia continuato l uso delle capanne o si siano affiancate realizzazioni che, a elementi innovativi, univano i caratteri delle precedenti abitazioni cfr LISENO 2007, pp , In alternativa, si potrebbe ipotizzare che l impiego di una copertura leggera sia da ricollegare ad una diversa condizione economica e sociale: MAZZEI 1996, p. 350; MAZZEI cds. 4 STOOP 1983, pp. 22 e 47, LISENO 2007, p IKER 1995, pp Tale termine non è attestato prima del DE VOS et ALII 1993, citato da ROTTOLI 1996, definisce tale modalità di costruire equivalente al termine parietes fornacei di PLINIO, Nat. Hist. 35, p La composizione di fango, paglia/fieno è chiamata torchis, (ROTTOLI 1996, p. 161). 8 Per la tecnica in pisé cfr. ADAM 1988, pp È possibile che tale tecnica sia stata utilizzata per alcune strutture di Ordona del V sec. a. C. Se così fosse, è attestato l impiego antico di questa tecnica. 9 VITRUVIO, De Arch. 2, 1, MAZZEI 1995a, pp , ; EAD. 2000, 51; EAD. 2002, 74; EAD. 2004a, MAZZEI 1987, pp , tav. XXX, 1-2; EAD. 1988a, , figg. 7-8; FABBRI et ALII 2002, MAZZEI 2003, pp , figg TAGLIENTE 1991, p. 21, Tav. CII. 14 FABBRI et ALII 2002, fig ÖSTENBERG 1975, p. 40, fig. 250; BARRA BAGNASCO 1990, pp. 74; 79. Una tegola con opàion e sportello è stata rinvenuta in edificio di Monte Sannace (LISENO 2007, p. 82) e nella «casa dei pythoi» a Serra di Vaglio: (GRECO 1991, pp. 55; 61). 16 Le terrecotte venivano posizionate nella parte terminale della travatura lignea dei tetti a e, dunque, sensibile all umidità prodotta dalle intemperie. 17 DE JULIIS 1984, p. 152; ID. 1985, MAZZEI 1981, pp ; EAD. 1988b, pp ; EAD. 2003, pp MAZZEI 2003, p. 263; per Arpi: cfr MAZZEI 1981, tav. IX, 2; X, 2; XI, 1; per Lucera Ibidem, tav. VIII, 1-2; IX, 1; X, 1; per Ordona IKER 1995, fig. 29; per S. Paolo MAZZEI 2003, figg Il tipo consueto in Daunia ha però il nimbo strigilato o baccellato visibilmente ridotto nelle sue dimensioni rispetto al modello originale, mentre le varianti si colgono più facilmente nel particolare dei volti iscritti nel nimbo e delle decorazioni della base: MAZZEI 1981, pp ; EAD. 2003, Su tale itinerario si veda COLONNA 1974, p. 301; MAZZEI 1981, p Per Lavello cfr TAGLIENTE 1991; Per Ascoli Satriano, FAB- BRI et ALII 2002, fig. 34; per Ordona IKER 1995, fig. 28. Per S. Paolo cfr MAZZEI 2003, fig MAZZEI 1981, Per un ottima descrizione della pianta absidata, si veda PESANDO 1989, p. 18 ss. 25 PESANDO 1989, pp. 45; RUSSO TAGLIENTE 1992, pp Diverso è il caso di Ordona, maggiormente isolata dal mondo esterno, con forme di economia agricola e pastorale, dove non risulta l emergere di alcun gruppo elitario prima della fine del V sec. a. C. 27 Soprintendenza Archeologica della Puglia 1992, 1994, 1995, 1997 M. Mazzei. MAZZEI 1992; EAD. 1994a; EAD. 1995a; EAD. 1995b, pp ; EAD. 2000, pp ; EAD. 2004a, pp Una fase precedente risale agli inizi del IV sec. a. C., che a sua volta si impostò su un area funeraria del VI-V sec. a. C. ubicata sicuramente nelle vicinanze di un luogo di culto tardoarcaico: MAZZEI 1997, pp MAZZEI 2000, p MAZZEI 2002, pp EAD. 2004a, pp LIVIO, 8, 24, 4. In generale si fa riferimento a LOMBARDO 1987, IUST. 12, 2, 5. In generale, sui rapporti con il mondo macedone-epirota: MAZZEI, LIPPOLIS 1984, ; MAZZEI 2004a, ; GRELLE 1995, Su Capua BONGHI JOVINO 1990, 47, Ead. 1965, e BEDELLO TATA 1990, MAZZEI 2000, 41; EAD In generale, sulle antefisse cfr MAZZEI Si tratta di elementi architettonici importanti per avanzare l ipotesi nei pressi dell area della casa-palazzo di Arpi dell esistenza di un edificio religioso di tipo etrusco-campano, simile a quello ubicato lungo il Regio Tratturo L Aquila-Foggia presso l antica Tiati (MAZZEI 1994b). Protome equina da Arpi: Ead. 1997, 158, Ead. 2000, 50; per l acroterio a protome equina da Tiati: Ead. 1985, ; ANTONACCI SANPAO- LO La questione tradizionale dello stile strutturale ha riguardato a lungo l origine del cosiddetto Primo Stile, che secondo V. Bruno, nel 1969, risale all ambito greco. Infatti, esemplari greci risalgono al V sec. a. C. in tombe di Olinto e nell agorà di Atene e al IV nelle case di Olinto e nell heròon di Samotracia, fino a conoscere una più diffusa attestazione in Grecia, nella Russia meridionale e ad Alessandria (MAZZEI 1995a, p. 198). La denominazione di decorazione parietale a zone si deve a Thiersh 1904, che per primo individuò, a proposito della tomba di Sidi Gaber, l esistenza di un sistema decorativo anteriore al cosiddetto I stile pompeiano Thiersh Per l ipogeo della Medusa, Arpi: MAZZEI 1995a, ; per ipogei Lagrasta I e Barbarossa, Canosa: TINE BERTOCCHI 1964; MAZZEI 1995a, 184 nn. 20, 22; CASSANO 1996; Ruvo: tb. 10; Egnazia: tb. 12 e 15; Taranto: tb. 37; Rudiae: tb. 72; per Messagne: COCCHIARO ANDRIANI 1958, p. 208, fig ROSTOVTZEFF 1919, pp. 144 ss

15 SARA ROTUNDI ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE ADAM 1988 ADAM J. P., L arte di costruire presso i Romani. Materiali e tecniche, Milano ANDRIANI 1958 ANDRIANI A., A.V. Alessandria, in Enciclopedia dell arte antica classica e orientale, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, ANTONACCI SANPAOLO 1999 ANTONACCI SANPAOLO E., L archeologia del culto tra Tiati e Lucera: le forme del simbolismo nella stipe del Belvedere, in ANTO- NACCI SANPAOLO E. (a cura di), Lucera. Topografia Storica, Archeologia, Arte, Bari BARRA BAGNASCO 1990 BARRA BAGNASCO M., Edilizia privata in Magna Grecia: modelli abitativi dall età arcaica all ellenismo, in PUGLIESE CARRATEL- LI G. (a cura di), Magna Grecia. Arte e Artigianato, Milano 1990, pp BEDELLO TATA 1990 BEDELLO TATA M., Capua preromana. Terrecotte votive. IV. Oscilla, thymiateria, arulae, Firenze 1990, pp BONGHI JOVINO 1965 BONGHI JOVINO M., Capua preromana. Terracotte votive. I. Teste e mezzeteste, Firenze 1965, pp BONGHI JOVINO 1990 BONGHI JOVINO M., La decorazione architettonica di Capua: peculiarità, itinerari e modelli, in Deliciae Fictiles, Proceedings of the First International Conference on Central Italic Architectural Terracottas at the Swedish Institute in Rome, december 1990, Stockholm 1993, pp CASSANO 1996 CASSANO R., Ruvo, Canosa, Egnazia e gli scavi dell Ottocento, in La Magna Grecia nelle collezioni del Museo archeologico di Napoli, Napoli 1996, pp COCCHIARO 1988 COCCHIARO A., Messagne, via S. Pancrazio, in TARAS, VIII, 1988, pp COLONNA 1974 COLONNA G., Ceramica geometrica dell Italia meridionale nell area etrusca, in Aspetti e problemi dell Etruria interna, Atti VIII Convegno di Studi Etruschi ed Italici, Orvieto 1972, Firenze DE JULIIS 1984 DE JULIIS E. M., L età del Ferro, in MAZZEI M. (a cura di), La Daunia Antica. Dalla preistoria all altomedioevo, Milano 1984, pp DE JULIIS 1985 DE JULIIS E. M., Bilancio degli studi e delle attuali conoscenze sulla civiltà daunia, in Atti del 7 Convegno sulla Preistoria, Protostoria e Storia della Daunia, San Severo dicembre 1985, II, San Severo 1985, pp DE JULIIS 1988 E. M. DE JULIIS, Gli Iapigi. Storia e civiltà della Puglia preromana, Milano DE VOS et ALII 1993 DE VOS M., CIOTOLA A., ALLAVENA L., Relazione di scavo dell edificio romano sotto l ex Scuola dell infanzia di Isera, eseguito dal 15 giugno al 4 luglio I primi risultati, in Annali dei Musei Civici di Rovereto, 8, 1993, pp FABBRI et ALII 2002 FABBRI M., MAZZEI M., OSANNA M., VIRTUOSO T., Sacrificio e banchetto funebre nella Daunia preromana: l area sacra di Ausculum, in Siris. 3. Studi e ricerche della Scuola di Specializzazione in Archeologia di Matera ( ), Bari 2002, pp FABBRI, OSANNA 2002 FABBRI M., OSANNA M. (a cura di), Ausculum I. L abitato daunio sulla collina del Serpente di Ascoli Satriano, Foggia GIAMPIETRO 1975 GIAMPIETRO M. L., La villa ellenistica di S. Vito, Laurenziana- Napoli GRECO 1991 GRECO G. (a cura di), Serra di Vaglio. La casa dei Pithoi, Modena GRELLE 1993 GRELLE F.,Canosa romana, Roma GRELLE 1995 GRELLE F., La parabola della città, in MAZZEI M. (a cura di), Arpi. L ipogeo della Medusa e la necropoli, Bari 1995, pp IKER 1995 IKER R., L epoca daunia, in MERTENS J. (a cura di), Herdonia, Scoperta di una città, Bari 1995, pp LAVIOSA 1970 LAVIOSA C., L urbanistica delle città arcaiche e le strutture in mattoni crudi di Roselle, in La città etrusca e italica preromana, in Studi sulla città antica, Atti del Convegno di studi sulla città etrusca e italica preromana, Bologna 1970, pp LEPORE 1963 LEPORE E., Ricerche sulla penetrazione romana in Apulia e Lucania fino alla III guerra sannitica, Bari LISENO 2007 LISENO A., Dalla capanna alla casa. Dinamiche di trasformazione nell Italia sud-orientale (VIII- V sec. a. C.), Bari LOMBARDO 1987 LOMBARDO M., La Magna Grecia dalla fine del V sec. a. C. alla conquista romana, in PUGLIESE CARATELLI G. (a cura di), Magna Grecia. Politica, società, economia, Milano MAZZEI 1981 MAZZEI M., Appunti preliminari sulle antefisse fittili etrusco campane nella Daunia preromana, in Taras, I, 1, 1981, pp MAZZEI 1987 MAZZEI M., Ascoli Satriano (Foggia), Serpente, in «Taras», VII, 1987, 1-2, pp MAZZEI 1988a MAZZEI M., Nuovi documenti sui centri di Ascoli Satriano e Ordona in età preromana, in Profili della Daunia antica: terzo ciclo di conferenze sulle più recenti campagne di scavo, Foggia, 24 aprile-6 giugno 1987, Foggia 1988, pp MAZZEI 1988b MAZZEI M., La Daunia centro-settentrionale fra VI e IV secolo a. C.: nuovi ritrovamenti e problemi di interpretazione, in Atti del VII Convegno di Preistoria, Protostoria e Storia della Daunia, San Severo 1985, S. Severo 1988, pp MAZZEI 1992 MAZZEI M., Arpi (Foggia), in Taras, XII, 1992, 2, pp MAZZEI 1994a MAZZEI M., Arpi (Foggia), in Taras, XIV, 1994, 1, pp MAZZEI 1994b MAZZEI M., Documenti di cicli figurativi in terracotta della Daunia preromana e romana, in Ostraka. Rivista di Antichità, III (1), 1994, pp MAZZEI 1995a MAZZEI M. (a cura di), Arpi. L ipogeo della Medusa e la necropoli, Bari MAZZEI 1995b MAZZEI M., Arpi (Foggia), in Taras, XV, 1995, 1, pp MAZZEI 1996 MAZZEI M., Appunti per lo studio della casa nella Daunia antica, in D ANDRIA F. MANNINO K., Ricerche sulla casa in Magna Grecia e in Sicilia, Atti del colloquio, Lecce, giugno 1992, Galatina 1996, pp MAZZEI 1997 MAZZEI M., Fregio fittile di età tardoarcaica da Arpi, in Annali di Archeologia e Storia Antica, Dipartimento di Studi del Mondo Classico e del Mediterraneo antico, 4, Napoli, 1997, pp MAZZEI 2000 MAZZEI M., Gli scavi di Arpi Dati preliminari, in Profili della Daunia antica: nono ciclo di conferenze sulle più recenti campagne di scavo, Foggia 2000, pp

16 SALTERNUM MAZZEI 2002 MAZZEI M., La Daunia e la Grecia settentrionale. Riflessioni sulle esperienze pittoriche del primo ellenismo, in PONTRANDOLFO A. (a cura di), La pittura parietale in Macedonia e Magna Grecia, Atti del Convegno internazionale di studi in ricordo di Mario Napoli, Salerno-Paestum novembre 1996, Paestum (SA) 2002, pp MAZZEI 2003 MAZZEI M., Tiati. I sistemi di decorazione architettonica di età preromana e l esempio dell edificio del Regio Tratturo, in Santuari e Luoghi di Culto nell Italia Antica, Atlante di Topografia Antica, Atta 12, 2003, pp MAZZEI 2004a MAZZEI M., Condottieri epiroti nella Daunia ellenistica: l evidenza archeologica, in Alessandro il Molosso e i Condottieri in Magna Grecia, Atti del convegno internazionale di studi sulla Magna Grecia, Taranto- Cosenza, settembre 2003, Taranto 2004, pp MAZZEI 2004b MAZZEI M., Nella Daunia antica. Passeggiate archeologiche in provincia di Foggia, Foggia MAZZEI cds. MAZZEI M., I Dauni, archeologia dal X al V a. C., Foggia cs. Claudio Grenzi editore. MAZZEI, LIPPOLIS 1984 MAZZEI M., LIPPOLIS E., Dall ellenizzazione all età repubblicana: IV e III secolo a. C., il panorama storico archeologico, in La Daunia antica. Dalla preistoria all altomedioevo, Milano 1984, pp ÖSTENBERG 1975 ÖSTENBERG C. E., Case etrusche di Acquarossa, Roma PESANDO 1989 PESANDO F., La casa dei Greci, Milano ROSTOVTZEFF 1919 M. ROSTOVTZEFF, Ancient decorative wall-painting, in J.H.S., 39, 1919, p.144 ss. ROTTOLI 1996 ROTTOLI M., La tecnica edilizia in PASSI PITCHER L. (a cura di), Bedriacum. Ricerche archeologiche a Calvatone. 1.1 Studi sul vicus e sull ager. Il campo del generale: lo scavo del saggio 6, Milano 1996, pp RUSSO TAGLIENTE 1992 RUSSO TAGLIENTE A., Edilizia domestica in Apulia e Lucania. Ellenizzazione e società nella tipologia abitativa indigena tra VIII e III sec. a. C., Galatina STOOP 1983 STOOP M. W., Note sugli scavi nel Santuario di Atena sul Timpone della Motta (Francavilla Marittima. Calabria), in BABesch, 58, 1983, pp TAGLIENTE 1991 TAGLIENTE M., L acropoli di Lavello e i suoi monumenti, in BOT- TINI A., TAGLIENTE M. (a cura di), Forentum II, Venosa 1991, pp THIERSH 1904 THIERSH H., Zwei antike Grabenlage bei AIexandria, Berlin, 1904 TINE BERTOCCHI 1964 TINÈ BERTOCCHI F., La pittura funeraria apula, Monumenti antichi della Magna Grecia, Napoli VITALI 1991 VITALI D., L abitato etrusco-celtico di Monte Bibele (Bologna), in L alma mater e l antico, Scavi dell Istituto di Archeologia di Bologna, Catalogo della Mostra Novembre 1991, Bologna 1991, pp VOLPE 1990 VOLPE G., Insediamenti rurali di età romana, in VOLPE G. (a cura di), La Daunia nell età della romanizzazione, Bari 1990, pp

17 MARCO AMBROGI Centuriazione e coloni nel Vallo di Diano Dall Applicazione della Legge Agraria del 131 a.c. al periodo tardo-romano - Prime ipotesi di ricerca - N il iucundius vidi Valle mea Dianense, la citazione epigrafica, dal sapore sentimentale e gaio, fu espressa da Domenico Pica dall alto del Monte Rascini a Sant Arsenio, ove sorge il santuario della Beata Vergine del Carmelo, in una tersa giornata di sole, in cui la plaga lucana del Vallo di Diano appariva in tutta la sua bellezza. Da quell alto monte, la vallata si delinea geometrica e regolare, divisa nei diversi appezzamenti di terreno dai multiformi colori, segnata dalle tracce della storia e intrisa di tanti episodi delle vicende cronologiche d Italia, più o meno significative. Con un po d attenzione, alle pendici della vasta plaga, ove il fondovalle del fiume Tanagro si lega alle due catene montuose degli Alburni e della Maddalena, si possono ancora scorgere le tracce di un operazione sociale di forte spessore dell età repubblicana romana, che si formalizzò inizialmente in pochi territori della penisola italiana, tra cui appunto la vallata dianense. Le prime forme di assetto del territorio e di assegnazione di lotti di terreno agrario vanno sotto il nome di centuriazione e costituiscono una delle principali valenze socioeconomiche dell aspetto gestionale del territorio, operate nel mondo romano. Questa sintesi storico-analitica intende analizzare quelle assegnazioni di terreno operate nel Vallo di Diano (allora Campus Atinas) e nella contigua bassa Valle del Tanagro e delinearne gli aspetti concreti e visibili, attraverso la cartografia, relativi alle linee storiche del prima, durante e dopo l operazione agraria ed al reale riconoscimento dei segni presenti attualmente sul territorio, atti a ricostruire, almeno in parte, l assetto centuriato romano in questa parte della Tertio Regio, Lucania et Bruttium del mondo romano. Il Vallo di Diano dal Monte Carmelo di Sant'Arsenio. Il principio delle operazioni di centuriazione (disegno dell'autore)

18 SALTERNUM Uno sguardo alla Valle del Tanagro in età romana Dopo secoli di amministrazione territoriale greco-lucana, il Vallo di Diano e i territori contermini si presentavano, alle soglie della romanizzazione, con un assetto urbano e agrario del tutto particolare: una serie di città, una volta costituenti la Dodecapoli Lucana, cinte da pagi e vici, piccole borgate sorte dalla terra, lontane dai centri da cui dipendevano; un assetto molto simile al Vallo di Diano odierno, con i suoi paesi posti in alto e le loro frazioni a valle. Ponte San Cono a Buccino (da una stampa del '700). Con la dominazione romana gli antichi centri divennero prefetture ed il territorio fu diviso amministrativamente tra Volcei (attuale Buccino) a Nord, Atina (Atena Lucana) e Cosilinum (nei pressi di Padula) nel versante orientale del Vallo di Diano e Tegianum 1 (Teggiano) in quello occidentale. Nella convalle del Bussento, l antica Sontia lucana vegliava il passo verso il mare e la colonia di Buxentum. La cura di queste città avveniva tramite la nomina di prefetti incaricati dell amministrazione dei singoli centri, una sorta di deduzione coloniale da Roma, pur se questi erano civitates federatae (ostili ai Romani durante le guerre civili). All azione militare di Roma seguì quella economica, con la costruzione delle strade, dei fori e con il riassetto del territorio mediante la centuriazione. Non tutto il Vallo di Diano fu però pianificato territorialmente. Infatti la centuriatio agrorum avvenne su lunghe strisce di terreno percorse dalla via, mentre il centro del fondovalle rimaneva acquitrinoso per più mesi durante l anno. Al centro della politica agraria di amministrazione delle conquiste di Roma nel Vallo di Diano, venne realizzato un foro nell attuale sito di San Pietro di Polla, che costituì oltre ad un punto di transito facilmente accessibile dalle campagne, anche un interesse per il passeggero che vi trovava conforto e sosta in una delle sue cauponae disposte lungo la via. Nella raccolta piazza arricchita da aedes publicae l agricoltore vi teneva mercato con le derrate da vendere o acquistare. Con la Lex Palutia-Papiria dell 89 a. C. che concedeva la cittadinanza romana, i centri della Valle del Tanagro divennero Municipia e le vecchie prefetture che amministravano il territorio pubblico scomparvero. Il sistema della divisione centuriata creò un sistema misto di piccoli proprietari accanto ai latifondisti, contro i quali si diresse la rivolta di Spartaco (autunno del 73 a.c.), che, giunto nel Forum Annii, lo saccheggiò e venne seguito da numerosi schiavi provenienti dalla valle. Il restauro di questo borgo fu forse realizzato da Lucio Popilio Lenate al quale venne probabilmente dedicato, contribuendo a far perdere la memoria del pretore Annio, primo suo fondatore, così come la storiografia recente ha dimostrato ampiamente. Nonostante la durezza della politica accentratrice di Roma, la cultura indigena sopravvisse per più secoli: ancora nell anno 89 a. C., infatti, l osco ed il greco comparivano nella lingua parlata e nei documenti ufficiali e furono sostituiti tempo dopo dal solo latino. Per il governo dei centri, sappiamo che a Volcei ed Atina è attestato il quattuorvirato, mentre di questo tipo d amministrazione non si hanno notizie per Cosilinum e Tegianum, pur se le città divennero comunque autonome. Nell età di Nerone la cittadina di Tegianum fu tenuta in grande considerazione dall Imperatore che le conferì il titolo (probabilmente solo onorifico) di colonia, senza importarvi un contingente di ex militi. Per ciò che concerne la Via Consolare, la sua costituzione era di certo non agevole dal punto di vista strutturale: di terra battuta e forse rivestita di basoli solo nell attraversamento dei principali centri, costituì comunque un asse viario dei viaggi brevi, considerando i riferimenti letterari dell epoca, tra i quali quello di scarsa considerazione nei suoi confronti, da parte del

19 MARCO AMBROGI poeta Lucilio, che per un viaggio in Sicilia preferì la via del mare al posto della strada sdrucciolevole e fangosa. L asse fu quindi Via glarea strata ad impianto modesto anche se ebbe l onore di essere percorsa da illustri personaggi, come il celebre oratore Cicerone, che pernottò in casa di parenti ad Atina, nel corso del viaggio di esilio da Roma. La via era comunque ben collegata ad altri assi minori, infatti alle Nares Lucanae (attuale frazione dello Scorzo di Sicignano degli Alburni) vi si innestava lo snodo per Potentia e Grumentum (la via Herculia), mentre altri ramuli la collegavano a Tegianum, Atina e Cosilinum, con transito per Marcellianum. Al sistema viario, restaurato in età dioclezianea ed all epoca di Gioviano, nella seconda metà del IV sec. d. C. (secondo il riferimento epigrafico d un miliario trovato tra Atena e Sala Consilina), facevano da contraltare i numerosi pagi e vici disseminati lungo la via o nei pressi; sono documentati un villaggio (forse Rustillanum) presso l attuale borgata rurale di Sant Antuono di Polla ed i siti di Vicus Mendicoleo e Caesariana. Tra i centri maggiori del Campus Atinas (il Vallo di Diano in età romana), vi fu dunque il Forum Anni (ricordato nell Epistolae, libro III, di Sallustio a proposito della rivolta servile di Spartaco), dipendenza di Volcei, dall aspetto agricolo e boschivo, nel quale era vivo il culto al dio Fauno ed era presente un tempio -nel 1955, durante uno scavo, ne furono ritrovati i gradini del podio- ed il noto mausoleo di Caio Utiano Rufo eretto dalla consorte Insteia Polla, sacerdotessa di Livia Augusta. Il Forum Annii si poneva all imbocco della valle dopo il transito di altri tre pagi dipendenti da Volcei: Naranus, Transamunc (lanus) ed Aequa (ra). La città di Atina, collocata nell itinerario verso Sud successivamente a Forum Annii, possedeva un foro lastricato e numerosi edifici pubblici e di culto, descritti, anche se con particolare enfasi e spirito municipalistico, dallo storico Curto di Atena Lucana 2 al quale comunque si devono molte delle notizie sulla città antica. Su Tegianum abbiamo poche note storiche ed alcune rare testimonianze epigrafiche e scultoree che ci assicurano dell esistenza di un teatro o odèon, di un tempio pagano (attribuito tra- Il Vallo di Diano in età romana (carta dell'autore). La Via Annia ricalcata su una carta dell'igm degli anni '30 del XX secolo. dizionalmente ad Esculapio) e di un circuito di mura con porte, di cui rimane quella dell Annunziata, all ingresso meridionale dell attuale paese. Sulle mura romane possediamo una preziosa testimonianza di un cronista del 600, il frate agostiniano Luca Mandelli di Teggiano, che le descrisse nella sua celebre opera sulla Lucania sconosciuta. Nel territorio dell antico Ager Tegianensis ancora sussistono due ponti di età romana, benché rifatti in età medioevale e moderna, e numerosi siti archeologici di pagi, tra cui quello della località San Marzano (nel comune di San Pietro al Tanagro) che potrebbe

20 SALTERNUM restituire, al vaglio dei resti fortuiti ritrovati negli scorsi anni (monete e frammenti fittili), interessanti testimonianze del suo passato. Nel versante meridionale dell ager sono venute alla luce negli anni passati alcune domus nel territorio di Sassano e di Padula, che dimostrano la straordinaria policentricità del territorio, nonostante l impaludamento costante della plaga dianense in quel punto. Il sito che meglio offre oggi pro- Pianta di Cosilinum lucana e romana. Disegno dell'assetto centuriato romano. spettive archeologiche allettanti è quello di Cosilinum 3, nota in primis da un epigrafe che nomina un Curator rei publicae Cosilinatium e da testimonianze su una torre di età repubblicana costruita da M. Minazio Sabino, di una recinzione di un lucus (boschetto sacro) e della ricostruzione in età imperiale di una porticus Herculis da parte di M. Vehilio Primo (il curator prima nominato). Da Cosilinum dipendeva il sobborgo di Marcellianum posto lungo la Via Consolare, il cui toponimo 4 parrebbe riferirsi all età di Costantino (esattamente al papa Marcello I); più che di un pago dovette trattarsi di un villaggio sparso. Il riassetto del territorio Iniziare un discorso storico sulla centuriazione graccana nel Vallo di Diano equivale innanzitutto a stabilirne la derivazione, almeno in termini topografici, dalla via Regio-Capuam. Un termine fondamentale nell indicazione delle tappe poste lungo l asse viario romano è costituito dal Lapis Pollae, l iscrizione ubicata in località San Pietro di Polla e riportante le principali città site lungo la via e le distanze tra esse. Uno dei primi riferimenti alla via si ritrova nel 1603 in Gruter 5 che colloca l iscrizione presso un osteria (probabilmente la Taverna del Passo) indicandone il ritrovamento possibile in villa S. Petri proxima ossia nel sobborgo di Polla, in località San Pietro 6. Il Mommsen, nella sua monumentale opera (Corpus Inscriptionum Latinarum) sulle iscrizioni latine, raccolse la notizia, di sapore schiettamente campanilistico, sul ritrovamento del Lapis Pollae nel tenimento di Atena, nota che ha ravvivato nei secoli la rivalità sulle origini antiche di questo paese nei confronti di Polla; in realtà l epigrafe rimase murata sulla facciata della casa colonica di Polla (antica Taverna del Passo) fino al 1934, quando l Ente per le Antichità della provincia di Salerno la collocò su un cippo dal profilo schiettamente monumentale, qual ricordo ai passanti 7. La numerazione delle città e le loro distanze presentò comunque delle imperfezioni di calcolo già all origine: alcuni numeri furono infatti modificati direttamente sul posto, ad esempio quelli relativi al calcolo in miglia da Cosentia a

L arte paleocristiana

L arte paleocristiana Storia dell Arte docente : Prof.ssa Addolorata RICCO L arte paleocristiana Il nuovo nella continuità della civiltà romana Panorama cronologico dei primi 6 secoli di cristianesimo Date importanti per il

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica I MODI DI COSTRUIRE DEGLI ANTICHI ROMANI

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica I MODI DI COSTRUIRE DEGLI ANTICHI ROMANI Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica I MODI DI COSTRUIRE DEGLI ANTICHI ROMANI La visione diretta delle innumerevoli testimonianze archeologiche che popolano i nostri territori, unita alla

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

Cercando i riusi 01. www.archeologiametodologie.com. Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010:

Cercando i riusi 01. www.archeologiametodologie.com. Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010: Cercando i riusi 01 Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010: 2010: Nicoletta Balistreri SAN SALVATORE A SIRMIONE (BS) UN CIPPO REIMPIEGATO COME BLOCCO NELLA FONDAZIONE

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Le terrecotte architettoniche nelle coperture degli edifici templari arcaici sicelioti.

Dettagli

L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA. 1 Scheda 12

L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA. 1 Scheda 12 di: Alfonsina Russo L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA Gli abitati dauni del Melfese Il Melfese si configura, nel quadro articolato di gruppi ed ambiti culturali diversi della Basilicata antica,

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Dalla tarda età repubblicana le ampie aree verdi che si affacciavano lungo le vie consolari, al di fuori dell antica

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico Indagini topografiche

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174.

AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174. AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174. M. Giangiulio - M. Lombardo, Ricognizione esplorativa 1983 G.

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com -

Dettagli

I musei si muovono insieme

I musei si muovono insieme I musei si muovono insieme Progetti didattici del Sistema museale Archeologico Provincia di Varese Anno scolastico 2013-2014 2014 Angera - Sesto Calende - Arsago Seprio - Castelseprio seprio SIMARCH 2014:

Dettagli

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Marinaccio Il Colombario Costantiniano è situato nel

Dettagli

MAPPA LABORATORIO ANTROPOLOGICO : Bari TERRITORIO. Ecosistema lame Ecosistema Murge Ecosistema mare

MAPPA LABORATORIO ANTROPOLOGICO : Bari TERRITORIO. Ecosistema lame Ecosistema Murge Ecosistema mare CLASSI TERZE, QUARTE E QUINTE MAPPA LABORATORIO ANTROPOLOGICO : Bari IL LUOGO BARI CITTÀ SUL MARE LA CONCA BARESE LA STORIA L uomo vive nel territorio GEOGRAFIA Posizione geografica:il promontorio sul

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico SEZIONE 1 - LOCALIZZAZIONE SCHEDA DI INDAGINE N. 3 Frazione

Dettagli

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria I resti dell insediamento etrusco di Marzabotto giacciono sepolti sulla terrazza di Pian di Misano, protesa nella valle

Dettagli

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA IL CASTELLO DI NEBULANO Sorge a 563 metri sul colle omonimo che domina Montecorvino ad occidente ed il nome deriva probabilmente dalla frazione Nuvola posta ai suoi piedi. I ruderi che si vedono oggi sono

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

Conservazione e valorizzazione dei monumenti allo stato di rudere della Costiera amalfitana I

Conservazione e valorizzazione dei monumenti allo stato di rudere della Costiera amalfitana I Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale «L. Vanvitelli» Corso di Caratteri costruttivi dell edilizia storica A.A. 2012/2013 Prof. arch. Francesco Miraglia

Dettagli

Livia SORDINI. La villa di Livia Drusilla a Prima Porta, nell Agro Veiente

Livia SORDINI. La villa di Livia Drusilla a Prima Porta, nell Agro Veiente La villa di Livia Drusilla a Prima Porta, nell Agro Veiente CULTURA Introduzione A Prima Porta, località distante pochi chilometri dalla Scuola, a pochi passi dalla piazza Saxa Rubra, su Via della Villa

Dettagli

LA CULTURA VILLANOVIANA

LA CULTURA VILLANOVIANA LA CULTURA VILLANOVIANA Percorso per le classi quinte della scuola primaria Col termine villanoviano si definisce convenzionalmente un aspetto culturale dell Italia protostorica (IX-VIII secolo a.c.),

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica GLI ACQUEDOTTI NELL ANTICA ROMA

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica GLI ACQUEDOTTI NELL ANTICA ROMA Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica GLI ACQUEDOTTI NELL ANTICA ROMA Come si può leggere nell introduzione del trattato sugli acquedotti di Frontino, il noto curator aquarum (magistrato preposto

Dettagli

la Tomba dei dolii la tomba dei vasi greci la tomba dei letti e dei sarcofagi

la Tomba dei dolii la tomba dei vasi greci la tomba dei letti e dei sarcofagi la Tomba dei dolii la tomba dei vasi greci Il tumulo della capanna (Recinto della necropoli della Banditaccia), oltre alla tomba omonima, ospita altre tre sepolture monumentali. Si tratta di un fenomeno

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 N 14 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 PIANO di GOVERNO del TERRITORIO di PALOSCO- Nuclei di Antica Formazione N.14 Disciplina Spazi Edificati

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI (Provincia dell Aquila)

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI (Provincia dell Aquila) COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI (Provincia dell Aquila) Cap. 67028 Viale Dante Alighieri n. 1 Tel. 0862 810834 C.F. 80002710665 E mail: s.demetrio@katamail.com Fax. 0862 810017 P.I. 00193050663 c.c.b.

Dettagli

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame 2.5 Pontestura PATRIMONI INDIVIDUATI 1: PALAZZO MUNICIPALE, ARCHIVIO STORICO E DEPOSITO MUSEALE ENRICO COLOMBOTTO ROSSO Il Palazzo, edificato a fine 800, è stato donato al Comune dopo la metà degli anni

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

C1 2 C2 C3 S2 1 5 CPT1 9 S1 3 C4 8 CPT2 6 4 7 PIANTA DI RIFERIMENTO INDAGINI 1) Basilica 2) Edificio del Palladio 3) Edificio di A. Selva 4) Edificio di epoche diverse 5) Edificio di epoche diverse 6)

Dettagli

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014.

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014. Il progetto di Risanamento e restauro conservativo dell ex sede della Società Operaia di Mutuo soccorso a Breno (BS) in Via Prudenzini è nato dalla necessità di recuperare un immobile di ampie dimensioni

Dettagli

Il teatro a Roma e nel mondo romano

Il teatro a Roma e nel mondo romano Il teatro a Roma e nel mondo romano Il Mediterraneo Romano nel II secolo d. C. e la diffusione dei teatri nelle province romane Per quanto riguarda gli edifici teatrali romani, è necessario fare alcune

Dettagli

TORRENTE TAMMARECCHIA

TORRENTE TAMMARECCHIA al fine di far conoscere le caratteristiche storiche culturali, ambientali ed economico- produttive del proprio paese e delle zone limitrofe e per valorizzare il territorio. Il nostro paese, ubicato a

Dettagli

Storia del Comune di Casapulla

Storia del Comune di Casapulla Storia del Comune di Casapulla Superficie: 2,88 Kmq Altezza s.l.m.: 46 mt Abitanti: 8.636 Densità: 2.998,61 ab./kmq Latitudine: 41 4' 32,82'' Longitudine: 14 17' 24,63'' Prefisso telefonico: 0823 C.A.P.:

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione altomedievale... p. 3. Costi attività didattiche...p. 5

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione altomedievale... p. 3. Costi attività didattiche...p. 5 INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione altomedievale....... p. 3 Costi attività didattiche........p. 5 Dove sono i musei e i siti...p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale

Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale Scheda N : 140 Oggetto: SIPE NOBEL modificata in seguito alle osservazioni Vincoli

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

DELL ARCHITETTURA GRECA

DELL ARCHITETTURA GRECA GLI ORDINI DELL ARCHITETTURA GRECA APPUNTI SCHIZZI E COMPOSIZIONI DI. Anno scolastico 2013/2014 Classe I media Arte e Immagine Prof.ssa Giuditta Niccoli 1 Gli stili o ordini dell architettura greca sono

Dettagli

Saggio di scavo nell area settentrionale delle Terme di Diocleziano a Roma

Saggio di scavo nell area settentrionale delle Terme di Diocleziano a Roma The Journal of Fasti Online (ISSN 1828-3179) Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA FALCONE E BORSELLINO CLASSE QUINTA B a.s.2011/12

SCUOLA PRIMARIA FALCONE E BORSELLINO CLASSE QUINTA B a.s.2011/12 SCUOLA PRIMARIA FALCONE E BORSELLINO CLASSE QUINTA B a.s.2011/12 Le origini Secondo una leggenda la città di Perugia avrebbe avuto origine da Euliste, un nobile guerriero che, tornando dalla guerra di

Dettagli

INDIRIZZO: Vicolo S. Agostino, 12 53024, Montalcino (SI) info@etrurianova.org etrurianova@gmail.com www.etrurianova.org

INDIRIZZO: Vicolo S. Agostino, 12 53024, Montalcino (SI) info@etrurianova.org etrurianova@gmail.com www.etrurianova.org CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE ETRURIA NOVA ONLUS DENOMINAZIONE NOME: TIPO DI ATTIVITÀ: CODICE FISCALE: 94173540488 PRESIDENTE: VICEPRESIDENTE: TESORIERE: VICE- SEGRETARIO: Etruria Nova Onlus Tutela, valorizzazione

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

COMUNE DI TRICASE IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI TRICASE IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA COMUNE DI TRICASE PROGETTO PER LA COSTRUZIONE DI UN NUOVA CAPPELLA LOCULI COMUNALE NEL CIMITERO CAPOLUOGO IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA Il comune di Tricase ha affidato l incarico al sottoscritto

Dettagli

età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c.

età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c. L et età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c. Appunti per la preparazione all incontro con Antonello Pellegrino, autore del romanzo Bronzo Cagliari 1 Fasi del Nuragico I fase: 1800-1500 (bronzo antico Cultura

Dettagli

Storia di Alessandria

Storia di Alessandria Storia di Alessandria Alessandria è nata con la lega lombarda nel 1168, nel periodo storico che va sotto il nome di Medioevo. Da tanto tempo, attorno al borgo di Rovereto, ed alla sua chiesa di Santa Maria

Dettagli

Elenco dei contratti conto terzi stipulati dall ex Dipartimento di Rilievo, analisi e disegno dell ambiente e dell architettura

Elenco dei contratti conto terzi stipulati dall ex Dipartimento di Rilievo, analisi e disegno dell ambiente e dell architettura Elenco dei contratti conto terzi stipulati dall ex Dipartimento di Rilievo, analisi e disegno dell ambiente e dell architettura 2009 ROMA, SCAVO ARCHEOLOGICO TOR VERGATA ROMA, SCAVO ARCHEOLOGICO DELL AREA

Dettagli

Aggiornamenti sul Castello di Romanengo

Aggiornamenti sul Castello di Romanengo FERRUCCIO CARAMATTI Aggiornamenti sul Castello di Romanengo Si forniscono alcuni aggiornamenti sullo stato dei lavori nella rocca del castello di Romanengo e il risultato di indagini archeologiche e geofisiche

Dettagli

STILI POMPEIANI STILI POMPEIANI

STILI POMPEIANI STILI POMPEIANI 1 di 5 26/01/2011 16.13 architettura pubblica STILI POMPEIANI Le pitture pompeiane erano eseguite nella tecnica dell affresco, esattamente come prescrive Vitruvio nel suo De architectura. I toni caldi

Dettagli

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1 The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale Centro per i servizi educativi del museo e del territorio Proposte didattiche

Dettagli

GENOVA AL TEMPO DEGLI EMBRIACI:

GENOVA AL TEMPO DEGLI EMBRIACI: Il Progetto GENOVA AL TEMPO DEGLI EMBRIACI: UNA CAPITALE DEL MEDITERRANEO Mostre, convegno, percorsi e manifestazioni Museo di Sant Agostino Ottobre 2015 Lo Scenario Genova medievale e il suo ruolo nel

Dettagli

Gaetano Arricobene Architetto

Gaetano Arricobene Architetto INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIAPERTURA DELLA CRIPTA SACRO MONTE DI VARESE Varese, 29 settembre 2014 Committente: Parrocchia di Santa Maria del Monte via Assunzione, 21-21100 Varese Finanziatori: IL PROGETTO

Dettagli

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA 1. Introduzione Ogni indagine storica operata su di un manufatto storico è imprescindibile da un corretto ed accurato rilievo, in particolar modo quando

Dettagli

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Aggiornato 01.07.05 ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Applicato in forma sperimentale agli interventi edilizi maggiori. (Approvato ai sensi dell art. 30 delle Norme di Attuazione del Piano Territoriale

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8 Allegato E COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico (art. 55 LRT n. 1/05) Norme Tecniiche dii Attuaziione Variante parziale Allegato 8 Elenco dei materiali da impiegare

Dettagli

Villa della Cupa. Loc. La Cupa Colle di Nocera Umbra. Prof. Francesco Rambotti Email: info@villadellacupa.com

Villa della Cupa. Loc. La Cupa Colle di Nocera Umbra. Prof. Francesco Rambotti Email: info@villadellacupa.com Villa della Cupa Loc. La Cupa Colle di Nocera Umbra Prof. Francesco Rambotti Email: info@villadellacupa.com RELAZIONE STORICO-DESCRITTIVA Villa della Cupa, nel comune di Nocera Umbra, è il toponimo di

Dettagli

Prof. DINU ADAMESTEANU. Università degli Studi di Lecce

Prof. DINU ADAMESTEANU. Università degli Studi di Lecce Prof. DINU ADAMESTEANU Università degli Studi di Lecce Fin da questa mattina ho sentito come l'archeologia della Basilicata viene chiamata sempre in causa; non so, dato il tempo limitato a mia disposizione,

Dettagli

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15)

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15) INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione etrusca... p. 3 Costi attività didattiche...........p. 5 Dove sono i musei e i siti... p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

DATI DI SINTESI GS Giudizio sintetico

DATI DI SINTESI GS Giudizio sintetico PALERMO 1 Percentuale edifici in muratura 34% 2 Materiali: Tipi Tufo Calcareo (calcarenite): domina nei terreni su cui si è sviluppato l abitato e rappresenta da sempre la pietra più utilizzata a Palermo.

Dettagli

Salerno. www.trekkingurbano.info. www.trekkingurbano.info. Salerno: i Luoghi del Risorgimento

Salerno. www.trekkingurbano.info. www.trekkingurbano.info. Salerno: i Luoghi del Risorgimento Salerno: i Luoghi del Risorgimento Partendo dai Portici di Palazzo di città si sale per Via dei Canali fiancheggiando famosi monumenti legati agli avvenimenti insurrezionali ed all Unità d Italia. Si percorre

Dettagli

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche.

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. Elaborazione su immagine tratta dal sito www.padovanavigazione.it

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO mura, porte, torri e giardini quel che resta di visibile oggi La nostra passeggiata lungo il tracciato delle mura di Como ha inizio dove sorgeva la Porta Sala, allo sbocco

Dettagli

C IT T À di T U R S I. Provincia di Matera AVVISO PUBBLICO

C IT T À di T U R S I. Provincia di Matera AVVISO PUBBLICO C IT T À di T U R S I Provincia di Matera Tursi, 07 Settembre 2015 AVVISO PUBBLICO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA PARTECIPAZIONE PER LA SELEZIONE DI OPERE D ARTE FINALIZZATE ALLA DIVULGAZIONE DEL PATRIMONIO

Dettagli

Guardaroba E previsto uno spazio nell atrio del Museo, accanto all ingresso (attualmente utilizzato per biglietteria e bookshop), di mq. 14,40.

Guardaroba E previsto uno spazio nell atrio del Museo, accanto all ingresso (attualmente utilizzato per biglietteria e bookshop), di mq. 14,40. Provincia: racusa Lotto: SR 1 Museo Archeologico Regionale Paolo Orsi Viale Teocrito 66. racusa Tel. 0931 464022 Relazione Biglietteria. Il locale biglietteria è in atto costituito da un ambiente indipendente,

Dettagli

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO Università degli Studi di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura L.Quaroni C.d.L. Specialistica Architettura Restauro dell Architettura A.A. 2006/2007 CORSO DI COMPORTAMENTO DEI MATERIALI MURARI

Dettagli

BOLOGNA. Forma Urbis. conventi e borghi

BOLOGNA. Forma Urbis. conventi e borghi BOLOGNA Forma Urbis 3 conventi e borghi 1088 data convenzionale di fondazione dello Studio Bolognese Alma Mater Studiorum La presenza dello Studio richiama studenti dall Italia e da ogni parte d Europa

Dettagli

Urbanistica etrusca. Urbanistica etrusca

Urbanistica etrusca. Urbanistica etrusca Urbanistica etrusca Cittàdi Misa (presso attuale Marzabotto BO) e di Spina (presso Comacchio) Misa Misa Urbanistica etrusca Cittàdi Misa (presso attuale Marzabotto BO) e di Spina (presso Comacchio) Misasedime

Dettagli

ITINERARIO 5 1) Sepolcro a dado

ITINERARIO 5  1) Sepolcro a dado ITINERARIO 5 L ingresso all area archeologica è sul lato destro di via dell Arco di Travertino, a poca distanza dalla via Appia Nuova; nel parco è visibile un tratto di ca 450 metri dell antica via Latina,

Dettagli

La villa Arca del Santo di Anguillara

La villa Arca del Santo di Anguillara La villa Arca del Santo di Anguillara Veneta è stata per oltre tre secoli la sede locale della Ven. Arca del Santo di Padova, l Istituzione padovana creata per gestire il patrimonio della Basilica di S.

Dettagli

Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia

Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia 1 Lo scavo della villa romana di San Felice, territorio di Gravina in Puglia, giugno e luglio 2010. Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia La campagna di scavo effettuata durante

Dettagli

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1 di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) San Paolo Albanese Le sue origini sono antiche. Dominio dello stato di Noia (l odierna Noepoli) per molto tempo, tra il 1526 e il 1534 fu popolato dai

Dettagli

Prof. Arch.Vincenzo Zucchi Politecnico di Milano - Italia. Malaga 22 marzo 2006

Prof. Arch.Vincenzo Zucchi Politecnico di Milano - Italia. Malaga 22 marzo 2006 Prof. Arch.Vincenzo Zucchi Politecnico di Milano - Italia Malaga 22 marzo 2006 Atene: Agorà, 300 a.c. Atene: Agorà, alla fine dell età ellenistica Atene: Agorà, II sec. d. C. Assi fondamentali della centuriazione

Dettagli

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA L'antica Grecia era divisa in tante piccole città-stato (poleis) che avevano tutte più o meno lo stesso assetto. La parte alta della città, l'acropoli, era il luogo sacro

Dettagli

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 FEBBRAIO Sabato 15, ore 16 - Ponte coperto (lato città) MARZO Sabato 8, ore 16 - piazza S. Michele (basilica) PAVIA, CAPITALE DI REGNO

Dettagli

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL UNITÀ IMMOBILIARE 2.1 Caratteristiche estrinseche dell edificio in cui è ubicata l unità immobiliare L

Dettagli

Prof. Bianca Petrella Lab. Tecnica e Pianificazione Urbanistica

Prof. Bianca Petrella Lab. Tecnica e Pianificazione Urbanistica Le civiltà monumentali Gerico: 8000-6000 a.c. Piramidi cinesi Antico Egitto e Mesopotamia Trasporti: imbarcazioni e slitte Polis e civitas Impero romano: rete stradale Ricostruzioni di Atene e Roma L

Dettagli

L ABITAZIONE MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DELLA TOSCANA SEZIONE DIDATTICA

L ABITAZIONE MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DELLA TOSCANA SEZIONE DIDATTICA MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DELLA TOSCANA SEZIONE DIDATTICA L ABITAZIONE Quando si parla della vita quotidiana di un popolo, la prima immagine che ce ne viene

Dettagli

Adele Mormino Lina Bellanca. Restauro e documentazione L esperienza della Soprintendenza BCA di Palermo

Adele Mormino Lina Bellanca. Restauro e documentazione L esperienza della Soprintendenza BCA di Palermo Adele Mormino Lina Bellanca Restauro e documentazione L esperienza della Soprintendenza BCA di Palermo Cantieri oggetto di applicazione del programma SICAR: Albergo dei Poveri Arsenale della Real Marina

Dettagli

Locali ex Bazzi siti in Piazza Municipale, Ferrara LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE

Locali ex Bazzi siti in Piazza Municipale, Ferrara LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE SETTORE OPERE PUBBLICHE E MOBILITA SERVIZIO BENI MONUMENTALI Locali ex Bazzi siti in Piazza Municipale, Ferrara LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE 1) Localizzazione I locali ex Bazzi occupano parte del piano

Dettagli

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi Gli scavi successivi condotti dallo stesso Evans a Cnosso e da altri archeologi a Festo, Haghià Triada, Mallia, Gurnià, Zacros

Dettagli

Il cufico in Puglia.

Il cufico in Puglia. Il cufico in Puglia. Un particolare tipo di calligrafia arabica 1 prende il nome dalla città irachena di al-kufah, sede di califfato prima che fosse trasferito a Baghdad. Al contrario del corsivo, detto

Dettagli

Confronto fra la casa di ieri ed oggi

Confronto fra la casa di ieri ed oggi Confronto fra la casa di ieri ed oggi A cura di: Turatti Manuele, Zennaro Carlo, Gagliardo Pier Francesco LE CASE RURALI ANTICHE La casa rurale tradizionale veneta è stata costituita quasi sempre da un

Dettagli

incertum e l opus reticulatum (opera incerta e reticolata)

incertum e l opus reticulatum (opera incerta e reticolata) L opus incertum e l opus reticulatum (opera incerta e reticolata) L opus incertum: una definizione Possono essere definite come opera incerta tutte le murature cementizie a struttura tripartita, con paramenti

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

CLASSI QUINTE SCUOLA PRIMARIA DI SAN FLORIANO ANNO SCOL. 2011-2012 INS. MANCINI - PECCOLO

CLASSI QUINTE SCUOLA PRIMARIA DI SAN FLORIANO ANNO SCOL. 2011-2012 INS. MANCINI - PECCOLO CLASSI QUINTE SCUOLA PRIMARIA DI SAN FLORIANO ANNO SCOL. 2011-2012 INS. MANCINI - PECCOLO Come è nata Verona? Com'era Verona all'epoca dei romani? Dove è sorto il primo insediamento romano? Che cosa ci

Dettagli

Tiziana D Este. In collaborazione con studi professionali o esercitando individualmente ha svolto la sua opera nei seguenti lavori di rilievo:

Tiziana D Este. In collaborazione con studi professionali o esercitando individualmente ha svolto la sua opera nei seguenti lavori di rilievo: Tiziana D Este Diplomata nel 1981 in studi artistici, ha seguito parte degli studi Accademici nel corso di Pittura. Si è poi diplomata alla scuola specialistica di Illustrazione affinando oltre alle tecniche

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli