RADIOCORRIERE TV SETTIMANALE DELLA RAI RADIOTELEVISIONE ITALIANA numero 19 - anno maggio 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RADIOCORRIERE TV SETTIMANALE DELLA RAI RADIOTELEVISIONE ITALIANA numero 19 - anno 83 12 maggio 2014"

Transcript

1 RADIOCORRIERE TV SETTIMANALE DELLA RAI RADIOTELEVISIONE ITALIANA numero 19 - anno maggio 2014 Reg. Trib. n. 673 del 16 dicembre 1997

2 in questo numero Vita da strada Lorenzo Flaherty Mister Ignis. L'operaio che fondò un impero 04 EVENTI RAI RAGAZZI Gaetano Curreri 12 RADIOCORRIERE TV SETTIMANALE DELLA RAI RADIOTELEVISIONE ITALIANA Reg. Trib. n. 673 del 16 dicembre 1997 Numero 19 - Anno maggio 2014 Direttore responsabile FABRIZIO CASINELLI Redazione - Rai, Viale Mazzini, Roma Tel fax radiocorrieretv.blog.rai.it A cura dell'ufficio Stampa Rai Anna Fraschetti (c.r.) Serena Iannicelli (c.r.), Dante Fabiani (vc.r.) Carlo Casoli (c.s.) Elisabetta Marinelli (c.s) Mauro Scaramuzzo (c.s.) Coordinamento Desk Marina Cocozza (c.s.) In redazione Silvia Battazza Antonio Caggiano Rossella Ferruzza Lucilla Perelli Rizzo Rita Pernarella Scina Santacatterina Stefano Corradino FICTION Gino Strada La Partita del cuore 08 RADIO Segreteria Gian Marco Fabretti Marina Matteucci Maria Rita Burghi Valentina Dragani Grafica, impaginazione e sito internet Valerio Rosati Cinzia Geromino Luca Romanelli Claudia Tore Fotografico Barbara Pellegrino Fabiola Sanesi Palinsesti Michele Trobbiani Filippo Blandino Anna Penta Violetta 36 Sommario numero VELE ROSA AL LARGO DI OMAN. SPECIALE DI GIULIO GUAZZINI 22. TIBERIO TIMPERI 24. ALEX ZANARDI 26. FESTIVAL DI CANNES FICTION RESURRECTION 32. SEGNALIBRO "A SINISTRA" DI STEFANO CORRADINO E GIORGIO SANTELLI 42. CINEMA IN TV 44. ALMANACCO 46. SOCIAL TV/RADIO 48. DICONO DI NOI 50. LA SETTIMANA DELLO SPORT 52. PALINSESTI SETTIMANALI FABRIZIO CASINELLI Care amiche e cari amici, in una settimana in cui non si è fatto altro che parlare dei gravi disordini avvenuti allo stadio Olimpico in occasione della finale di Coppa Italia, ho deciso di raccontarvi quello che mi è capitato in una partita di pallavolo femminile campionato Under 13. Da quest'anno, infatti, mia figlia ha deciso di praticare come attività sportiva la pallavolo. Uno sport al quale sia io che mia moglie siamo molto legati. Con grandissimo piacere, dunque, abbiamo accolto l'idea della nostra bambina. Mia moglie accompagna mia figlia agli allenamenti e alle partite: quest'anno ha giocato in due campionati diversi Under 12 e Under 13. All'inizio di aprile mia figlia mi ha chiesto di accompagnarla in una gara in trasferta, chiaramente una trasferta di quartiere perché le società che partecipano sono tutte di Roma. Ho accolto con piacere la sua richiesta e l'ho accompagnata. Parliamo di bambine che si avvicinano allo sport. Lo fanno con la loro ingenuità considerando giustamente quella attività un semplice gioco. E come tale dovrebbe essere interpretato, a volte anche dai genitori. Invece, succede che nel corso della partita alla quale assistevano mamme, papà, nonni, zii, fratellini e anche amichetti, qualche genitore riusciva ad andare sopra le righe attaccando, solo verbalmente (per fortuna), l'arbitro e le nostre figlie che giocavano nella squadra avversaria. Parole abbastanza forti e un incitamento al limite della decenza. A quel punto, insieme a un altro genitore, siamo intervenuti per chiedere un minino di rispetto per le nostre figlie e riportare il tutto nell'ambito del gioco. Il genitore non ha capito il nostro intento, anzi ha continuato ad alzare la voce e ad inveire nei confronti delle nostre bambine-atlete, ree soltanto di essere più brave. Questo accade in una palestra romana, campionato di pallavolo femminile Under 13. Non ci meravigliamo poi se allo stadio una tifoseria blocchi una partita e qualcuno spari contro il "nemico sportivo". Buona settimana a tutti 3

3 LORENZO FLAHERTY quell'intuizione cambiò la VITA di TUTTI «Dobbiamo avere la forza di credere nelle nostre idee». Nella miniserie di Rai1 "Mister Ignis. L'operaio che fondò un impero", Lorenzo Flaherty interpreta Giovanni Borghi, che nel dopoguerra fu un grande esempio di imprenditoria. «Sono rimasto affascinato da lui e dalla storia della sua famiglia, così fuori dal comune, che rappresentava i valori di amore, sacrificio, lavoro e rispetto per gli altri», afferma l'attore di Silvia Battazza La storia di Giovanni Borghi, l'uomo che nei duri anni del dopoguerra fondò la Ignis, rivivrà in prima serata su Rai1 lunedì 12 e martedì 13 maggio nella miniserie "Mister Ignis. L'operaio che fondò un impero", per la regia di Luciano Manuzzi. A dare volto e anima all'imprenditore italiano simbolo del miracolo economico degli anni Sessanta è Lorenzo Flaherty. «Ha rappresentato e rappresenta ancora oggi un punto di riferimento importante. Conoscevo la sua storia - racconta l'attore romano -, ma quando l'ho approfondita ho scoperto tante cose che mi hanno davvero molto sorpreso. Sono rimasto affascinato dalla sua figura e ho capito perché Borghi fosse considerato un perno centrale non solo dell'industria italiana, ma anche internazionale. Sono felice, inoltre, che la fiction esca proprio in questo momento, perché credo possa servire da stimolo per quanti hanno voglia di fare e hanno delle belle idee. E in Italia sono davvero tanti. Spero che la forza incrollabile di Borghi possa essere fonte di ispirazione. Lui non si tirava mai indietro. Affrontava con determinazione tutti i problemi, e in quel periodo ce n'erano tanti, a partire dai bombardamenti. Gli anni della seconda guerra mondiale sono stati devastanti e lui, per salvare l'attività di famiglia, insieme ai suoi cari, si è trasferito da Milano a Comerio dove poi è cominciata la straordinaria storia dell'ignis. Si è rimboccato le maniche. Mai un passo indietro, perché l'italia, come diceva lui, non si abbandona». L'attore prosegue nelle sue considerazioni: «Anche noi oggi, ovviamente con le dovute differenze, stiamo vivendo un periodo di grave crisi economica che non interessa solo il nostro Paese, ma la comunità internazionale e l'esempio di Borghi può aiutare a capire quanto sia importante saper stringere i denti e rimboccarsi le maniche. Non è un discorso politico, ma civile, che riguarda tutti. Dobbiamo avere la 4 5

4 forza di credere nelle nostre idee». Un operaio diventato un grande imprenditore. Il momento della vera svolta per Borghi quando è arrivato? Dopo la guerra saltavano spessissimo i ponti elettrici perché nelle case si consumava tantissima, troppa elettricità. Per questo le fabbriche molto spesso dovevano fermarsi per mancanza di corrente. Borghi voleva trovare una soluzione a questo problema. Così s'inventa, insieme a Enrico Mattei, di utilizzare bombole di gas per alimentare i fornelli di casa. Ecco come è nata la cucina a gas, la nonna di quella che oggi abbiamo tutti nelle nostre case. Ed è solo la prima di tante sue intuizioni che hanno cambiato in meglio la vita di tutti Già, anche se oggi siamo abituati alle comodità e le diamo tutte per assodate. Io, per esempio, agli inizi della carriera a casa avevo un fornelletto elettrico. Cucinavo lì. Anche quello, peraltro, veniva dai brevetti di Borghi. Poi col tempo mi sono potuto permettere anche io una cucina a gas (ride, ndr). Ed è stata una grande conquista! Oggi avere il frigorifero, la lavastoviglie e la lavatrice sembra scontato. Ci accorgiamo della loro importanza e di quanto migliorino il nostro vivere solo quando si rompono. Tutto ciò che ha pensato e poi realizzato Borghi aveva l'obiettivo, per lui prioritario, di migliorare la vita delle persone. Le sue straordinarie invenzioni hanno permesso alla gente, soprattutto alle donne, di avere più tempo libero e di faticare di meno in casa. Un risvolto sociale notevole! Altra sua genialità? Comprendere l'importanza delle sponsorizzazioni sportive per portare il nome della Ignis, e quello dell'italia, in giro per il mondo. Dal basket al pugilato passando per il ciclismo. Era un uomo veramente avanti con i tempi. Una miniserie che parla di grandi valori. Come li avete rappresentati? Raccontando semplicemente la storia di una famiglia fuori dal comune, che quei valori li rappresentava tutti: amore, sacrificio, lavoro e rispetto per gli altri. Giovanni aveva due fratelli, il padre era il loro punto di riferimento ed era il tecnico operaio che costruiva i fornelletti elettrici. Quando il lavoro comincia a crescere, ognuno di loro assume un ruolo specifico. C'è chi segue l'amministrazione, chi le vendite e chi l'evoluzione e la progettazione dei prodotti. Era una famiglia molto unita, sostenuta da un profondo affetto e dal rispetto reciproco, insomma da valori molto solidi. Erano meticolosi e tutti con una grande voglia di fare. Spesso, come capita in tutte le famiglie, arrivavano anche a dei "sani" contrasti, ma rappresentavano sempre una spinta a fare meglio, ad andare avanti. Nella famiglia c'era un po' tutto. Era la loro più grande forza. Un esempio virtuoso che Borghi ha riportato fedelmente anche nel rapporto con sua moglie Maria, nel film interpretata da una bravissima Anna Valle. Fu lei, per esempio, a suggerire per l'azienda di famiglia il nome Ignis, "fuoco". Com'era il suo rapporto con i dipendenti? Straordinario. Borghi vedeva la Ignis come una grande famiglia. Tutti coloro che ci lavoravano erano importanti nella stessa misura, l'ingegnere quanto l'operaio. Aveva capito che i lavoratori, se stavano bene, lavoravano meglio. Aveva creato per loro il villaggio Ignis, vicino alla fabbrica. E non erano case popolari, ma villini. Aveva fatto anche costruire una piscina olimpionica per i suoi operai e regalava loro delle auto quando gli affari andavano bene. Tutti lo adoravano. Ha conosciuto i suoi eredi? Ho avuto il piacere di incontrare la figlia e la nipote. E mi ha fatto molto piacere il commento commosso della figlia dopo aver visto una breve cilp della fiction. Con noi c'era anche Gianni Spartà, il giornalista che ha scritto il bellissimo libro "Mister Ignis" dal quale è tratta la miniserie. Alla fine della proiezione lei ha detto: "A un certo punto mi è proprio sembrato di vedere papà". Un'osservazione che ovviamente mi ha reso molto felice. Quale delle tante doti di Borghi vorrebbe possedere? Era in grado di semplificare anche le cose più complicate e difficili. E questa è una dote straordinaria, direi unica nel suo genere. Non aveva studiato, però conosceva a fondo tutte le dinamiche tecniche del suo lavoro. Seguiva tutti i ruoli e sapeva parlare con competenza tanto d'ingegneria quanto di stile e design. Era un vero self made man. 6 7

5 GINO STRADA una LEZIONE di CIVILTÀ «Continuo a pensare che un mondo senza guerre sarebbe molto più bello». Ne è convinto Gino Strada, il fondatore di Emergency. All'Associazione, che compie vent'anni e offre cure medico-chirurgiche gratuite alle vittime di guerre, mine antiuomo e povertà, è dedicato l'incasso della Partita del cuore del 19 maggio a Firenze, trasmessa in diretta su Rai1 Stefano Corradino 8 9

6 La sera del 19 maggio allo stadio Artemio Franchi di Firenze si disputa la "Partita del cuore", una manifestazione divenuta celebre negli anni per aver raccolto, grazie alle sfide fra la Nazionale cantanti e una formazione mista di artisti e attori, numerosi fondi in favore di diverse organizzazioni benefiche. Quest'anno l'incasso sarà devoluto all'ong Emergency, che nasceva proprio nel mese di maggio di vent'anni fa. Coloro che seguiranno l'evento in diretta tv su Rai1 o allo stadio potranno manifestare concretamente la loro solidarietà all'associazione con un sms, con il 5 x 1000 o con una donazione. Abbiamo raggiunto al telefono il fondatore di Emergency Gino Strada, che si trova in Sudan, in un villaggio a venti chilometri da Khartoum, dove la sua Organizzazione ha costruito il Centro Salam di cardiochirurgia, l'unica struttura specializzata e gratuita in Africa. Strada, come nacque l'idea di Emergency? Scaturì da un incontro che molti di noi fecero con i feriti di guerra. Medici, infermieri, personale sanitario. Partì dall'idea che si poteva e si doveva dare una mano nelle realtà martoriate dalla guerra. Un bilancio di questi venti anni. È stata un'esperienza straordinaria. Abbiamo potuto curare più di sei milioni di persone in giro per il mondo e lo abbiamo fatto soprattutto grazie alla solidarietà e al sostegno dei cittadini italiani che hanno condiviso e condividono i principi di Emergency. E penso sia una bellissima lezione di civiltà. Venti anni di risultati importanti, ma anche di inevitabili difficoltà. Qual è stata la situazione più spinosa? Ce ne sono state tante. La difficoltà maggiore la incontrammo quando il nostro ospedale di Lashkar Gah, in Afghanistan, fu invaso militarmente. Furono arrestati tre medici italiani di Emergency accusati di far parte di un complotto per realizzare attacchi suicidi. Una bugia colossale, una stupida montatura che poi si è rivelata tale e che però ci ha creato seri problemi. Nel 2006 il vostro primo esperimento di assistenza sanitaria anche in Italia. Per quale ragione? La dinamica è probabilmente la stessa che ci spinse molti anni prima a fare chirurgia di guerra in altri Paesi. Ci siamo resi conto che in Italia, intorno a noi, si stava sviluppando una vera e propria guerra. Contro i poveri, contro gli emarginati e gli esclusi, che si possono chiamare in mille modi: clandestini, ma non si capisce rispetto a cosa, comunitari o extracomunitari. Tutte porcate di definizioni che sanno molto di razzismo. La realtà è che ci sono persone che stanno male e soffrono perché quello che dovrebbe essere un diritto di un Paese civile, e cioè essere curati, previsto anche dalla Costituzione italiana, viene assolutamente ignorato. Queste necessità riguardano solo gli immigrati? Non solo. Diverse persone che oggi si rivolgono a noi sono cittadini italiani che si trovano a non potersi più permettere le cure. E questo è molto triste in una società che si vorrebbe civile. Lei è da sempre un operatore di pace, uno strenuo oppositore di tutte le guerre. Uno dei temi più infuocati nel dibattito politico riguarda gli F35 e l'approvvigionamento militare. Che idea si è fatto a riguardo? Penso che chi è alla guida di un Paese dovrebbe scegliere da che parte stare. Se dalla parte dei cittadini che non vogliono armi e guerre o dall'altra. Purtroppo, finora, abbiamo verificato un'assoluta distanza tra la politica e i valori della pace e del disarmo, quei principi che s'ispirano allo spirito di fratellanza, quelli della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo. Continuo a pensare che un mondo senza guerre sarebbe molto più bello Su questi princìpi la società è più sensibile della politica? Assolutamente sì. Se fossero le persone a volere la guerra e le spese militari, i governi, come quello italiano, non dovrebbero fare tutta la fatica che fanno per convincerci che siamo stati in Afghanistan a spendere un miliardo di euro ogni anno per una missione "di pace". Se si trattasse di una vera missione di pace non ci sarebbe bisogno di tanta propaganda e delle tante bugie pazzesche, paradossali che sono state dette. Il 26 maggio si vota per le elezioni europee. Quale speranza coltiva? Sinceramente sono molto scettico e pessimista. Non si capisce dove sta andando l'europa e purtroppo non vedo nessuna idea comune. È un tema che mi preoccupa, ma al tempo stesso non mi sento sufficientemente competente né per cercare né per dare delle risposte adeguate. Tralasciando le polemiche sulla non presenza del presidente Renzi allo stadio, cosa si aspetta dalla "Partita del Cuore" dedicata a Emergency? Sarà un momento di festa perché quest'anno festeggiamo un ventennio di lavoro fatto con passione, competenza e trasparenza

7 GAETANO CURRERI In internet trovi di tutto MA SOGNI DI MENO «Lucio Dalla mi ha insegnato come si scrivono le musiche sui testi. È stato amico, maestro, fustigatore e consolatore». Gaetano Curreri conduce la Hit Parade di Radio2: «La radio trasporta le emozioni delle canzoni, è uno strumento perfetto per la divulgazione della musica». Poi spiega che il successo del suo gruppo, gli Stadio, sta nella condivisione: «Come dice Vasco "dobbiamo essere portatori di felicità"»

8 Lucio Dalla, barba incolta, occhiali tondi e cappello di lana è seduto al pianoforte. Tra un brano e l'altro con la sua inimitabile voce graffiata e dalle tonalità disumane presenta un giovanissimo e timidissimo Gaetano Curreri. Il video, riproposto dalla Rai per celebrare i 150 anni dell'unità d'italia, facilmente rintracciabile sul web, segna il battesimo artistico degli Stadio, una delle band italiane più longeve i cui brani appartengono di diritto agli evergreen italiani. Oggi il frontman degli Stadio conduce una storica trasmissione musicale su Radio2. Fu il grande Lelio Luttazzi a far entrare Hit Parade nelle case degli italiani attraverso Radio Rai. Com'è stato trovarsi oggi alla conduzione di questo programma? Un'esperienza fantastica non solo perché ho potuto trasmettere al pubblico i miei gusti musicali, ma anche perché mi è stato possibile condividere momenti di vita vissuta, dialogare con amici con cui ho lavorato, musicisti che stimo e ammiro come Giuliano Sangiorgi o Noemi. E poi ovviamente Vasco con cui ho duettato ne "La faccia delle donne". Un programma che mi ha offerto l'opportunità di far ascoltare le canzoni che hanno segnato e contraddistinto i momenti principali della mia vita musicale, le esperienze, le emozioni. La radio come veicolo di informazione musicale resta lo strumento ideale? Indubbiamente. La radio trasporta le emozioni delle canzoni. È uno strumento perfetto per la divulgazione della musica. " Se il sasso nel cielo è già una stella cometa. Se fosse per questo che hanno inventato la radio ". Ti dice niente? È "Canzoni alla radio", che ho scritto insieme a Luca Carboni. Lì c'è la nostra filosofia della radio, che ti propone la musica in tutta la sua purezza. E per la tv non è così? Con la televisione ci sono molte "controindicazioni". Spesso è fuorviante perché ti obbliga a proporre un'immagine. Negli ultimi tempi di musica in televisione se ne fa di più. Specie attraverso i "talent". Che contributo danno alla scoperta dei nuovi artisti? Non so se i talent fanno bene o male. Sicuramente sono figli di quest'epoca che è francamente un po' confusa. I talent servono per far conoscere un personaggio. Ma in questi contenitori, molto spesso, ciò che conta di più è la parolina giusta o una faccia ammiccante. La radio è meno "furba". Ti propone qualcosa di più. A me francamente i talent non interessano molto e penso che certi talenti emergerebbero in ogni caso. Veronica (Noemi, ndr) per la sua bravura sarebbe diventata popolare comunque. Se non hai qualità vere, quelle che ti fanno diventare un artista che scavalca le generazioni, con i talent rischi di fare il passo più lungo della gamba. E se non hai la gamba giusta rischi di cadere. Per riassumere, non ho feeling con i talent, ma capisco che oggi sono un modo per farsi conoscere. Anche internet è figlia dei nostri tempi. Che rapporto c'è tra la musica e il web? Un sodalizio positivo o nocivo? Appartengo alla cultura del vinile. Nel 33 giri ci leggevo la storia dell'artista, i testi delle canzoni, mi incantavo guardando una splendida copertina talvolta paragonabile a una raffigurazione artistica. Lo compravo, lo scartavo, lo ascoltavo e iniziavo un vero e proprio viaggio d'amore. Così è stato per "Revolver" dei Beatles. Sinceramente, quando accendo l'mp3 questo viaggio d'amore non riesco a farlo. Su internet trovi di tutto di più, ma sogni di meno. E io sono per una musica che faccia ancora sognare. Internet è troppo immediato e questo non fa bene all'espressione artistica. La rete non consente la stessa introspezione. Per il resto è innegabile che sia uno strumento utilissimo per dare e avere informazioni in tempo reale. Colpisce, nella home page del sito ufficiale degli Stadio, il ricordo ancora in bella vista di don Andrea Gallo, nonostante sia trascorso quasi un anno dalla sua morte. Andrea era un nostro grande amico, una figura di straordinaria umanità. Molte delle cose che lui affermava oggi le dice papa Francesco. "Chi sono io per giudicare i gay?" si domandava don Gallo e lo stesso ha fatto il pontefice. Da credente penso che il Signore vorrebbe che i preti fossero come don Gallo, autenticamente vicini alla gente che soffre e che ha bisogno di aiuto morale e materiale. Don Gallo prima e papa Francesco oggi sono due begli esempi di come dovrebbe essere un buon cristiano. La vostra carriera inizia del Qual è il segreto della longevità artistica degli Stadio? Credo la buona musica, ma soprattutto il rapporto di stima e amicizia che ci lega. Quando sali con altri su un palco devi farlo con la consapevolezza che c'è un arricchimento reciproco tra tutti i membri della band. E insieme cerchi di emozionare le persone che ti ascoltano. Come dice Vasco "dobbiamo essere portatori di felicità". Il vostro primo singolo è stato "Grande figlio di puttana", scritto con Lucio Dalla e il rapporto con lui ha scandito tutta la vostra carriera musicale. Quanto vi manca? Mi manca enormemente. Sto lavorando adesso su alcune poesie che mi ha lasciato Roberto Roversi, che con Lucio ha scritto tra le pagine più importanti della canzone d'autore italiana. Se ne sono andati entrambi ed è un vuoto pesante. Lucio mi ha insegnato come si scrivono le musiche sui testi. È stato amico, maestro, fustigatore e consolatore. E sento che mi manca soprattutto oggi mentre sto lavorando su testi nuovi. E mi domando spesso: adesso a chi le faccio sentire queste canzoni per sapere se sono sulla strada giusta? (Ste. C.)

9 SPECIALE Vele rosa AL LARGO DI OMAN Il sultano Quboos Bin Said Al Said, che nel 1997 aveva consentito il voto alle donne, da tre anni ha inaugurato per le più giovani un "Woman's Sailing Program". Hanno chiesto di far parte del progetto velistico centocinquanta ragazze tra i diciotto e i trentacinque anni, provenienti da tutto il Paese, e in trenta sono state scelte per diventare istruttrici. Lo racconta Giulio Guazzini in uno Speciale su Rai Sport1 il 17 maggio di Giulio Guazzini *RaiSport Quando cala il tramonto e il silenzio avvolge i contorni di uno scenario ancora incontaminato sono in molti a stupirsi, a provare emozioni, a riconoscere con il nuovo giorno le sembianze di un Paese tutto da scoprire. Una cultura millenaria quella dell'oman, da sempre legata al mare, protesa naturalmente sull'oceano Indiano, una realtà che fra tradizioni e aperture tecnologiche guarda al futuro con spirito innovativo e rara lungimiranza. A dare spettacolo sono i protagonisti del circuito Extreme Sailing Series, sbarcato a Muscat per la seconda tappa di stagione. Fra i nove team in gara a vincere a sorpresa nelle acque di

10 SPECIALE casa, dopo 29 prove, davanti a Emirates Team New Zealand e ad Alinghi, proprio l'equipaggio di The Wave Muscat, campione incontrastato. Un circuito, quello degli Extreme 40, catamarani ultratecnologici di circa dodici metri, riprodotto nelle acque esotiche della penisola arabica in un format di grande livello agonistico ma soprattutto spettacolare. La possibilità per il pubblico di seguire da vicino, come in uno stadio naturale, i protagonisti della grande vela in azione su barche che spesso superano i trenta nodi si è rivelata ancora una volta carta vincente. Al suo ottavo anno di regate la manifestazione, questa volta, proprio in Oman, ha mostrato un alto e qualificato livello tecnico grazie alla presenza dei migliori velisti internazionali reduci dall'ultima America's Cup disputata a San Francisco. Fra questi, riflettori puntati su vinti e vincitori come Dean Barker, timoniere di Emirates Team New Zealand, e soprattutto Ben Ainsie, trionfatore dell'ultima edizione della Coppa con gli americani di Oracle Team. «Sono regate incredibili - ha commentato Ben, il velista olimpico più titolato della storia -. Chiunque abbia visto o partecipato alle Series Extreme 40, può confermare che la velocità delle imbarcazioni, gli spazi ristretti e il numero delle barche rendono le regate ricche di azione e di difficoltà tecniche. Inoltre ci sono team molto forti che partecipano da tempo al circuito. Per esempio Leigh McMillan, timoniere di "The Wave Muscat", e il suo team sono stati il punto di riferimento delle passate stagioni. Senza dimenticare Alinghi. Guardando al talento di questi team e alla loro storia nel tour, ci sentiamo un po' come se fossimo dei nuovi giovani esordienti sulla linea di partenza». Un'avvincente battaglia fra le boe in un campo di gara suggestivo e nuovo rispetto agli altri anni, allestito presso l'almouj Golf Course di Wave Muscat, attuale ed antica capitale dell'oman. Da qui, un tempo, carichi di merci e spezie prendevano il largo verso mete lontane, oggi le limpide acque della costa omanita sono diventate palestra insospettabile, singolare occasione per l'apprendimento e la pratica della vela. E non è certo un miraggio dovuto alle temperature roventi, perché al timone di centinaia di derive, di piccole imbarcazioni, c'è un esercito di ragazzini entusiasti che oltre al gioco del pallone hanno scoperto la sfida in mare. Soprattutto le giovani donne, alcune con la chioma trattenuta dal tradizionale Hijab. Sono le allieve del Woman's Sailing Program, un Progetto rivoluzionario, quello di Oman Sail, per ragazze adolescenti, nato solo tre anni fa, come racconta Salma Hashmi, direttrice della comunicazione dell'iniziativa: «Lo sviluppo di questo sport fra le giovani donne fa parte di un programma a lungo termine per prendere parte alle più importanti regate internazionali nelle varie specialità della vela. Credo che sia un mezzo per far conoscere anche turisticamente l'oman, ma soprattutto per far diventare la vela una reale opportunità sociale. Qualcosa che può rappresentare lavoro a tempo pieno per tanti giovani». All'orizzonte una nuova generazione di giovani velisti punte di diamante del Team Oman Sail, che partecipa alle regate. Le iscrizioni ai corsi sono ammesse dagli otto anni in poi. Delle centocinquanta donne in età compresa fra i diciotto e i trentacinque anni, provenienti da tutto il Paese che hanno chiesto di far parte del programma, solo poche

11 SPECIALE sapevano nuotare. In trenta sono state scelte per diventare istruttrici. Grande fautore del rivoluzionario progetto, il sultano Quboos Bin Said Al Said, che ha il merito di aver garantito nel lontano 1997 per primo il voto alle donne. «Nel suo progresso - sostiene il sultano - l'oman ha bisogno sia degli uomini che delle donne, perché è come un uccello che necessita di entrambe le ali per prendere il volo verso il futuro». Un programma creato ad hoc per le ragazze tenendo presente l'esigenza del contesto sociale, puntando sul coinvolgimento di famiglia: istruttrici e personale femminile come impostazione essenziale. Nello staff della comunicazione anche l'italiana Donatella Donatelli, che vive a Muscat da quasi due anni: «Mi occupo di comunicazione da sempre. Da Milano, dove vivevo, mi sono trasferita prima a Dubay per quattro anni e poi, rispondendo alla proposta di Oman Sail, mi sono fermata a Muscat, dove ho iniziato a lavorare al progetto del sultano per la comunicazione. Qui ho scoperto una realtà davvero interessante per lavorare ed investire sapientemente sui giovani attraverso lo sport della vela». Le migliaia di iscrizioni ai corsi annoverano estrazioni sociali molto diverse, dalle figlie di pescatori a quelle di professionisti, ma non mancano le giovani berbere arrivate dai villaggi di montagna o dai Wadi più sperduti. Regate in mare e allenamenti ogni giorno sotto la guida di istruttrici esperte come l'inglese Shirley Robertson, oro olimpico a Sydney Dalle selezioni nascono già potenziali campioni, talenti come la giovanissima Raja, prima donna ad aver partecipato alla Fastnet Race inglese, che custodisce il sogno di prendere parte alle Olimpiadi, ma non solo. «Vorrei fare parte della squadra che in futuro, spero, prenderà parte alle Olimpiadi - conferma -, ma vorrei soprattutto creare un equipaggio preparato nel match race in grado di competere nell'america's Cup. Lo sport da noi è molto importante, per questo esiste da parte dello Stato, del Governo, un benefit, delle agevolazioni riservate ai giovani, una generazione che va aiutata e sostenuta attraverso investimenti mirati, nelle strutture e con aiuti e facilitazioni». Tra le iniziative agonistiche promosse, anche la partecipazione a una delle regate più famose del Golfo Persico, quella che parte da Manama, capitale del Barein, fino a Mascat, capitale omanita. Coinvolti ben nove team internazionali: Barein, Arabia Saudita, Ras al Khaima, Quatar e Francia oltre a quattro team dell'oman. Sui volti di queste ragazze a parlare più di ogni altra cosa è il sorriso, la passione autentica per lo sport, quella voglia di mettersi alla prova, affrontando il gioco del mare e del vento in un'attività che sicuramente le renderà più libere

12 TIBERIO TIMPERI il CAFFÈ è PRONTO TI STAVAMO ASPETTANDO! Mentre continua la sua esperienza con Francesca Fialdini a "Uno Mattina in famiglia", Tiberio Timperi fa il pendolare con la sede di Napoli per condurre "Verdetto finale", sempre su Rai1. «Qui c'è l'odore e il sapore dell'azienda degli anni Sessanta e Settanta, anche se proiettata verso il futuro. Ne è un esempio "Made in Sud"», afferma il giornalista di Rita Pernarella «I Lo "pizzichiamo", tra farfalle al pesto e un'insalata, verdetti vanno e vengono e, a dispetto del titolo, non sono mai finali». Tiberio Timperi è il nuovo conduttore di "Verdetto finale", su Rai1 alle mentre pranza nella mensa della sede Rai di Napoli da dove va in onda il programma, che gli ha permesso di ritrovare vecchi amici. Una città nella quale si diverte molto. Un bis che arriva a sorpresa? Beh sì. Io conducevo tranquillamente "Uno Mattina in famiglia" il sabato e la domenica, poi è arrivata la chiamata: ho fatto i bagagli e sono partito per Napoli. Per te è un ritorno. Evidentemente, la tua prima esperienza e gli ascolti più che lusinghieri hanno avuto il loro peso. Non lo so, non guardo mai gli ascolti. Vado, faccio il mio lavoro e non tengo conto delle chiacchiere. E tu come hai accolto questo "richiamo" ufficiale da parte dell'azienda? Bene. Mi piace fare il mio lavoro, mi fa piacere lavorare a Napoli, dove c'è un personale d'eccellenza, magnifico. La sede Rai è una "chicca" per i "feticisti" che amano la Rai come me. Qui c'è l'odore e il sapore dell'azienda degli anni Sessanta e Settanta, anche se proiettata verso il futuro. Ne è un esempio "Made in Sud", programma-evento che non capitava dai tempi di "Quelli della notte". Come sei stato accolto? Con le sfogliatelle e il caffè! Quando sono arrivato, alla reception di via Marconi, ho ritrovato il barman Giacomino che mi ha detto: "Uè venite, il caffè è pronto, vi stavamo aspettando!". E tu cosa ti aspetti? Che le fatture dell'albergo mi vengano rimborsate! Rispondi seriamente. Non mi aspetto nulla. Fino al 24 maggio sarò impegnato con Uno Mattina in famiglia, poi partono le grandi offerte per l'estate. A proposito di "In Famiglia" si percepisce un grande feeling con la tua nuova compagna di viaggio. È davvero così? Confermo. E va oltre, nel senso che la stimo molto. Francesca Fialdini è davvero una gran brava persona. Tra i presentatori storici, chi hai apprezzato di più? Corrado ed Enzo Tortora. Direi che i miei Scilla e Cariddi sono loro due. Ieri una lunga militanza nelle radio, oggi riesci a portare davanti alle telecamere un po' del tuo "vecchio" microfono? Sicuramente, mi dà una marcia in più. Può succedere qualunque cosa intorno, possono crollare le scenografie, ma io vado avanti

13 SFIDE Emozioni MONDIALI a trasmettere a chi guarda da casa. Io mi emoziono perché, ancor prima di essere un uomo che nella vita ha avuto la grande fortuna di poter trasformare la propria passione in un mestiere, sono un appassionato dello sport». Il calcio come scusa per far rivivere le passioni, un passato che resta presente e che basta citare per rendere attuale, scoprendo persino il dispiacere, sottile, di aver sconfitto. Un punto di vista inedito anche per "Sfide": «Non più solo una squadra, un evento - dice Zanardi -, ma un insieme di momenti particolari contro squadre che non solo rispettiamo, ma per le quali nutriamo anche una forma molto particolare di affetto. Ad esempio, l'episodio dell'espulsione di Zidane nella finale dei Mondiali 2006 ci ha regalato anche una certa sadica soddisfazione. Poi, però, vivi il dramma dei tifosi francesi che probabilmente sognavano di vederlo uscire di scena alzando la Coppa del mondo. E, in fondo, stai un pochino male anche tu perché avresti voluto vincere quella coppa con lui in campo, un avversario che hai studiato a lungo perché lo temi. E lo temi perché lo rispetti. Così finisce che te ne innamori anche un po'». Concetti sui quali si potrebbero scatenare dibattiti e che sembrano lontani anni luce dal calco un po' velenoso e un po' becero che a volte incontriamo, ma che raccontano perfettamente la "diversità" di Sfide. La ricetta però è molto semplice, spiega Zanardi: «Curiosità. È la curiosità che ci tiene vivi e ci consente di vivere davvero. Quando senti la sigla finale con la splendida canzone di David Bowie, secondo me, la fantasia e la curiosità ti spingono a dire: cosa posso fare domani perché sia una giornata migliore? Come posso, nel mio piccolo, lanciare la mia sfida? Noi abbiamo semplicemente il merito di raccontare le cose per quelle che sono, il resto lo fa il grande potere dello sport». E se lo dice Zanardi - una vita fatta di sport anche in direzione ostinata e contraria, come direbbe De Andrè - c'è da credergli. Anche perché lui, che pure non si considera un grande esperto di calcio, non riesce a sottrarsi al fascino del pallone, soprattutto quando diventa un pezzo di vita che si porta con sé: «La mia generazione - conclude - è fortunata perché ha visto i nostri giocatori portare a casa la Coppa del Mondo per ben due volte. Quando Grosso, con il rigore contro la Francia, ci ha regalato il Mondiale del 2006 è stato stupendo. Ma io ricordo soprattutto la finale del 1982 contro la Germania: ero un ragazzino e dopo quella partita andai fuori a festeggiare con i miei amici, fu anche una scusa per star fuori tutta la notte a far casino. E vedere il nostro presidente della Repubblica che abbracciava Bearzot e i ragazzi fu una cosa memorabile, unica, che qualsiasi altro grande avvenimento può semplicemente uguagliare, ma non certo battere». di Carlo Casoli Riprendono, il venerdì sera su Rai3, le "Sfide" di Alex Zanardi alla vigilia del Mondiale brasiliano. Un sottotitolo, "I nostri avversari amatissimi", per raccontare le Nazionali storicamente rivali degli Azzurri, le immagini delle partite e le voci dei protagonisti. «La mia generazione - dice Zanardi - è fortunata perché ha visto i nostri giocatori portare a casa la Coppa del Mondo per ben due volte» hai un avversario, per batterlo, devi conoscerlo. E, a forza di conoscerlo, scopri che ti affezioni a lui, che fa parte della tua vita, «Quando che gli vuoi anche bene. Noi abbiamo cercato di rendere racconto l'evoluzione di queste rivalità tra l'italia e le altre Nazionali, facendocela raccontare dai protagonisti». Questa è la nuova edizione speciale di "Sfide - I nostri avversari amatissimi", sintetizzata da Simona Ercolani, la "mamma" di questo programma, che da sedici anni racconta sport e dintorni con un linguaggio «inimitabile e ormai strettamente intrecciato alla storia di Rai3», come dice il direttore Andrea Vianello. L'occasione, i Mondiali di Calcio, è di quelle ghiotte. E la sfida è raccontarli, il venerdì in prima serata, attraverso le Nazionali storicamente rivali dell'italia, le immagini delle partite, le voci dei protagonisti: dopo Francia e Brasile, tocca ora a Germania e Inghilterra. Un viaggio nella memoria e nell'emozione del calcio, in una sorta di "sindrome di Stoccolma" che ci fa odiare e amare i rivali di sempre. E soprattutto ci tiene incollati alla tv. Un racconto affidato al personaggio che indossa "Sfide" come se fosse un abito cucito su misura, perfetto come lo smoking che veste in trasmissione: Alex Zanardi. Anche se lui ribalta la questione: «Non credo che sia cucito addosso a Zanardi, credo piuttosto che a "Sfide" servisse la curiosità di un uomo come Zanardi. E la mia curiosità diventa ancora più preziosa perché parte dalla mia ignoranza. Per questo riesco a meravigliarmi e a tirar fuori quel qualcosa che magari altri, un po' più navigati del sottoscritto, non riuscirebbero

14 FESTIVAL DI CANNES SULLA CROISETTE IL CINEMA ITALIANO SI TINGE DI ROSA Dal 14 al 25 maggio, occhi puntati sul Festival di Cannes, dove Rai Cinema presenta "Le meraviglie" di Alice Rohrwacher, in concorso per la Palma d'oro, e "Incompresa" di Asia Argento nella sezione "Un Certain Regard". Sophia Loren, che torna sul grande schermo con "Human Voice" diretta dal figlio Edoardo Ponti, sarà ospite d'onore per la presentazione della versione restaurata di "Matrimonio all'italiana" di Marina Cocozza Sarà lo sguardo magnetico di Marcello Mastroianni, che fa capolino dagli occhiali da sole calati sul naso, ad accompagnare la sessantasettesima edizione del Festival del Cinema di Cannes, che prende il via dal 14 maggio. Uno splendido primo piano del celebre attore italiano tratto dal felliniano "Otto e mezzo" è infatti il manifesto ufficiale alla Croisette. Un omaggio di cui si è detta orgogliosa e commossa la figlia Chiara: «Lo trovo molto bello e moderno, con un'ironia dolce e un raffinato senso di distacco. È davvero lui in tutto e per tutto». Il cinema italiano sarà rappresentato da due donne con altrettanti film che Rai Cinema ha contribuito a realizzare. Alice Rohrwacher correrà per la Palma d'oro con il suo secondo lungometraggio "Le meraviglie", che vede nel cast Maria Alexandra Lungu, Sam Louwyck, Alba Rohrwacher, Sabine Timoteo, Agnese Graziani e Monica Bellucci. «Ho girato una fiaba - afferma la regista -. È la storia del rapporto tra padre e figlia in un paese rurale. Quando ho saputo che ero in concorso non ho potuto trattenere le lacrime, un pianto di gioia». Asia Argento, alla sua terza esperienza dietro la macchina da presa, arriva al Festival francese con "Incompresa", che sarà presentato nella sezione "Un Certain Regard". L'amministratore di Rai Cinema Paolo Del Brocco commenta con soddisfazione: «È la conferma che il lavoro costante al fianco dei produttori indipendenti, anche quando vanno alla scoperta di nuovi autori, porta sempre buoni frutti. In particolare, per Alice Rohrwacher, essere stata selezionata in concorso alla sua seconda prova di autrice è un risultato straordinario, misurarsi

15 Voice", prodotto in collaborazione con Rai Cinema, che segna il ritorno di Sophia Loren sul grande schermo diretta dal figlio Edoardo Ponti. E l'attrice, alla vigilia dei suoi splendidi ottant'anni, sarà anche l'attesissima ospite d'onore nella sezione Cannes Classics per presentare la versione restaurata del film di Vittorio De Sica "Matrimonio all'italiana", a mezzo secolo dalla prima uscita. Il Festival renderà poi omaggio al western all'italiana con la proiezione di "Per un pugno di dollari" di Sergio Leone, anche questo fresco di restauro. Tra gli altri grandi protagonisti internazionali della rassegna 2014 Jean Luc Godard, David Cronenberg, Olivier Assayas, Ken Loach, Nuri Bilge Ceylan, Atom Egoyan, Michel Hazanavicius, Tommy Lee Jones, Mike Leigh, Jean Pierre e Luc Dardenne. nella competizione con i più grandi registi del mondo è una sfida importante. Il fatto che quest'anno l'italia sia rappresentata nella selezione ufficiale da due giovani registe è un segnale di attenzione del Festival di Cannes a uno sguardo femminile sul mondo che rafforza la nostra convinzione che abbiamo bisogno di più racconti a voci femminili. Voci che dobbiamo incoraggiare e sostenere. Questi, in particolare, sono due lavori rigorosi e originali. Auguro alle due registe di riuscire a conquistarsi, in un Festival internazionale prestigioso come quello di Cannes, tutta la visibilità e l'attenzione che meritano». Rai Cinema, inoltre, distribuirà in Italia la pellicola in concorso "The Search" di Michel Hazanavicius, il regista Premio Oscar 2012 per "The Artist", e sarà presente nella sezione Proiezioni speciali con il film collettivo "I ponti di Sarajevo", prodotto per l'italia da Mir Cinematografica in collaborazione con Rai Cinema. Un progetto europeo per un lavoro a episodi sulla Prima Guerra mondiale, realizzati da tredici registi tra i quali gli italiani Leonardo Di Costanzo e Vincenzo Marra. Riflettori puntati anche sul cortometraggio "Human

16 RESURRECTION Il mistero della VITA e della MORTE La nuova serie "Resurrection", che Rai2 trasmette il lunedì in prima serata fino al 26 maggio, è anche il primo progetto per il piccolo schermo del divo Brad Pit. I "ritornati" non sono zombi assetati di sangue che invadono un paese della provincia americana, ma portano un'aura di misticismo per chi crede nella resurrezione insieme a una buona dose di realismo di Serena Iannicelli Come vi comportereste se uno dei vostri cari, morto da anni, bussasse un giorno alla vostra porta? È la domanda, assai inquietante, che propone la nuova serie di Rai2, "Resurrection", tre puntate in onda in prima serata il 12, 19 e 26 maggio. La serie si basa sul romanzo d'esordio di Jason Mott "The returned". Il primo a "tornare" è Jacob, un bambino di otto anni annegato ad Arcadia, nel Missouri, trent'anni prima. Jacob viene trovato in Cina e fatica a riacquistare la memoria, ma poi ricorda che i suoi genitori sono Harold e Lucille Langston, una coppia ormai anziana. Nel rivederlo la madre crede subito nel miracolo, mentre il padre pensa a una truffa per spillargli del denaro. Lo sceriffo di Arcadia, Fred, che ha perso la moglie nello stesso incidente in cui è morto Jacob, comincia però a indagare. E non potrebbe fare altrimenti, perché altri defunti cominciano a riapparire in città. Inizialmente la serie televisiva era stata ambientata ad Aurora, sempre nel Missouri, ma si decise di cambiare set perché nell'omonima città del Colorado il 20 luglio 2012 c'era stata una strage nel cinema dove si proiettava "Il cavaliere oscuro - Il ritorno". Ossessionato da Batman, James Eagan Holmes, con i capelli tinti di arancione per somigliare a Joker, aveva fatto fuoco uccidendo dodici persone e ferendone cinquantotto. Le riprese sono comunque state realizzate ad Atlanta, in Georgia. "Resurrection" rappresenta il primo progetto per il piccolo schermo della Plan B del divo Brad Pitt, che ha sviluppato la serie con Jason Mott e il produttore Aaron Zelman. Lo sceriffo Fred è interpretato dall'attore canadese Matt Craven, mentre è Omar Epps, il neurologo del Dottor House, il Martin Bellamy che riporta Jacob dai genitori. Lucille è interpretata da Frances Fisher, che ricordiamo in "Titanic". Nei panni di Harold, l'attore Kurtwood Smith, noto anche per i suoi ruoli ne "Il Cacciatore", "Rambo III" e "Robocop". Il piccolo Jacob è ovviamente un attore esordiente e Landon Jimenez ha proprio quel visino innocente e innocuo di tutti i bambini che interpretano i film dell'orrore. Sbaglia chi pensa che "Resurrection" sia il solito film sugli zombi assetati di sangue che invadono un paese della provincia americana. Qui i "ritornati" portano invece con sé il mistero della vita e della morte, il misticismo per chi crede alla resurrezione e anche una buona dose di realismo, perché, se veramente i morti potessero tornare, il mondo non sarebbe più come lo conosciamo

17 SEGNALIBRO di Lucilla Perelli Rizzo «Un dialogo a distanza fra dieci personaggi, protagonisti della politica, della cultura e della società civile che hanno qualcosa di sinistra da dire». Stefano Corradino firma con Giorgio Santelli "A Sinistra - Un futuro possibile". «Quasi un libro di fantascienza, hanno commentato in molti, perché la sinistra in Italia oggi è meno certa dell'esistenza degli Ufo» LA SITUAZIONE DELLA SINISTRA? Grave ma non seria Oggi ha ancora senso parlare di sinistra? Nel dibattito politico è una domanda molto ricorrente e spesso ci si chiede se non sia qualcosa di superato, come la vecchia dicotomia "comunismo e fascismo". L'opinione degli intervistati è che sinistra e destra continuano ad esistere. Le disuguaglianze, la precarietà del lavoro, la mancanza di diritti sono temi che reclamano una risposta di sinistra-sinistra, non edulcorata con intese più o meno larghe. Gli intervistati sono dieci: Stefano Rodotà, Maurizio Landini, Dacia Maraini, Nichi Vendola, Fiorella Mannoia, Giuseppe Civati, Moni Ovadia, Vauro, Michele Giarrusso, Francesco Campanella. Qual è stato il criterio di questa scelta? L'obiettivo era far dialogare personalità politiche di schieramenti differenti e trovare possibili minimi comuni denominatori di sinistra fra la politica e la società civile, le organizzazioni sindacali, il mondo giuridico e quello della cultura Cercare un ponte, anelli tematici di congiunzione fra donne e uomini che non si sentono depositari di un pensiero unico, ma che sono disposti a mettersi in gioco in un confronto aperto e plurale sull'identità della sinistra. Sono più le cose che li uniscono o i motivi di divisione? Sono più quelle che li uniscono. L'unica eccezione potrebbe essere quella di Giarrusso, del Movimento Cinque Stelle, che ha qualche difficoltà a rientrare in una catalogazione di sinistra e preferisce sostituire questa parola con il termine partecipazione. Poi però, nei contenuti, è lui stesso a fare riferimento a temi che sono appannaggio anche degli altri nove. Ovviamente il M5S è quello che si distingue di più, ma riconosce che si è trovato a "cavalcare" argomenti che la sinistra negli anni ha abbandonato. Poi c'è Vauro, a cui la definizione di uomo di sinistra non basta. Lui si sente ancora fieramente comunista. Ma la sua intervista fuoriesce dai canoni del libro. Noi gli abbiamo rivolto alcune domande e lui ci ha risposto con proverbiali vignette. Intervistare un collega, con cui per di più si condivide la stessa redazione dell'ufficio Stampa e del Radiocorriere Tv, non è cosa semplice come si potrebbe pensare. Ma l'occasione era imperdibile, visto che Stefano Corradino, insieme a Giorgio Santelli (Rainews24, ndr), è uscito in libreria con la sua opera prima: "A Sinistra - Un futuro possibile". Dieci interviste per raccontare a che punto è la politica. «Il libro - spiega l'autore - nasce dalla consapevolezza che c'è una forte domanda di sinistra nel nostro Paese. Ciò che manca è una seria risposta». Entriamo nel dettaglio. Qual è lo stato di salute della sinistra in Italia? Negli ultimi anni c'è stato uno smembramento, una disintegrazione delle forze di sinistra tradizionalmente intese, in formazioni piccole e troppo litigiose. Con differenze talvolta minime tra di loro, che però non hanno mai saputo o voluto trovare processi di sintesi su alcuni valori e temi importanti. Così, anche in previsione del voto europeo abbiamo cercato di tracciare una piccola mappa della sinistra nel Paese per capire se è possibile aprire un confronto costruttivo. Che non si deve necessariamente tradurre in un nuovo soggetto politico. In una fase così difficile e incerta far dialogare soggetti diversi con alcuni punti in comune è già un piccolo successo. Qual è il tema più unificante? Il lavoro, soprattutto oggi. È quello che fa dire a molti che "l'italia è un Paese affondato sul lavoro". Il primo punto della Costituzione si trova ad essere disatteso. Convergente poi è la critica ai governi che in questi anni si sono succeduti, non ultimo quello attuale a cui si contesta, per dirla con le parole dell'economista Vaciago, "il governo Renzi ha dimostrato attenzione per i penultimi, ma non per gli ultimi". Una politica di sinistra dovrebbe partire dai meno privilegiati e da coloro che hanno problemi di sussistenza minima. E su questo convergono tutti i nostri dieci interlocutori. A proposito di ultimi. Non è che Papa Francesco ha superato tutti a sinistra? È ricorrente questo pensiero. Il pontificato di Francesco ha dimostrato una sensibilità forte, quasi inusuale per la Chiesa tradizionale, per le situazioni di maggior degrado. Non solo a parole, ma con atti concreti. Non a caso, alla vigilia delle primarie, quando si ragionava sui leader

18 della sinistra, una delle battute più frequenti che circolava in rete era che Francesco fosse il "candidato" ideale. Allora la geografia che emerge è quella di un vuoto politico? Purtroppo sì. Nel resto dell'europa invece la sinistra è ancora radicata e porta avanti progetti riconoscibili. In Italia, invece, c'è stata una progressiva disintegrazione dei valori. La nobile tradizione del Pci si è edulcorata per diventare qualcosa di completamente diverso. Trasformandosi in cosa? In un'alleanza tra due anime molto differenti tra loro, ex Pci ed ex Popolari, dalle quali si è tentata una sintesi. Non so se sarebbe stato possibile costruirla in altro modo. La sensazione, per chi ha sempre creduto in una certa sinistra, è che il Pd fosse in fondo una forzatura storica e culturale perché nasce dall'idea tutta "americana" di una politica che si contrappone in due blocchi. Non solo nel bipolarismo, ma addirittura in un bipartitismo, come negli Usa con Democratici e Repubblicani. L'Italia e l'europa però hanno altre tradizioni. E da questa tradizione la sinistra non può rimanere fuori. Una scissione del Pd è un passaggio obbligato per recuperare la sinistra? Quella di Renzi è l'accelerazione di un partito che guarda altrove. E che stringe patti con la destra politica, economica e finanziaria. Un centro liberal, insomma. Quantomeno Renzi non finge di essere ciò che non è. Si guarda bene dal definirsi di sinistra. E questo è ciò che di lui piace maggiormente a Silvio Berlusconi. Quindi, quella cosiddetta sinistra storica è destinata a sparire definitivamente? Se per storica si intende una sinistra tradizionale, ideologizzata, di "retroguardia" probabilmente sì. Ma l'esigenza di una sinistra nuova si tradurrà inevitabilmente, presto o tardi, in un soggetto politico nuovo che parta da una analisi critica della società e del modello economico dominante, e dia risposte radicalmente diverse. La pace, la libertà, il lavoro, l'eguaglianza, lo stato sociale, la giustizia, l'ambiente Quale di questi valori è di destra e quale di sinistra? O forse sarebbe più opportuno affermare che questi sono, semplicemente, i "temi", ma che diversa è la risposta fornita dalla destra e da una vera sinistra. La maggior parte dei nostri interlocutori nel libro sostiene che ci sono state esperienze molto virtuose in questi anni dalle quali partire. Ma il riferimento non è ai partiti, quanto ai movimenti, come Emergency, Libera di don Ciotti, la Tavola della Pace, il Movimento per l'acqua pubblica, Slow food. Organizzazioni che hanno combattuto battaglie di cui la sinistra partitica sembra essersi dimenticata. Quali scenari futuri ti aspetti? Sono un ottimista di natura, nonostante le avversità storiche. La sinistra può guidare processi di trasformazione del Paese se la smette, come sottolinea nel nostro libro Moni Ovadia, di annegare nei settarismi o nelle differenze puntigliose. O nel narcisismo, una vera e propria peste. Parafrasando Flaiano, la situazione della sinistra in Italia è grave ma non è seria

19 È TORNATA L'AMATISSIMA Rai Gulp sta trasmettendo la seconda serie di "Violetta", interpretata da Martina Stoessel. La protagonista si ritrova con i suoi amici storici Leòn, Andrés, Ludmilla, Nata, Max, Francesca e tanti altri, a cui si aggiungono Diego, Lara e Marco. Ancora una volta, la musica e la danza saranno il fil rouge delle loro avventure È diventata l'amica speciale di milioni di piccole donne e piccoli uomini che sono stati letteralmente polarizzati dalle sue coinvolgenti avventure, sempre al ritmo di musica e danza. Un fenomeno televisivo ormai planetario che ha fatto centro nel cuore di tantissimi adolescenti di tutto il mondo. Su Rai Gulp, Canale della Direzione Rai Ragazzi, per la gioia dei suoi fedelissimi telespettatori, è arrivata da fine aprile, dal lunedì al venerdì alle 19.30, la seconda stagione della serie Disney "Violetta" con i nuovi attesissimi episodi. Dopo le vacanze estive, Violetta e i suoi amici si ritrovano ancora una volta allo Studio 21 e per loro sarà molto emozionante rivedersi. Nell'atmosfera magica di sempre arriveranno nuovi protagonisti e non mancheranno altre storie d'amore. La dolce Vilu, sempre interpretata da Martina Stoessel, è finalmente cosciente della sua passione per la musica, ha più fiducia in se stessa e splenderà sul palco insieme ai suoi compagni. Suo padre, però, continuerà a seguirla ovunque e a scoraggiare chiunque cerchi di conquistarla. Insieme a lei torneranno Leòn, Andrés, Ludmilla, Nata, Max, Francesca e tanti altri, tra cui i nuovi arrivi Diego, Lara e Marco. La serie, interamente girata a Buenos Aires, è

20 composta da due cicli che comprendono in totale centosessanta episodi, ma a febbraio, per la felicità dei suoi fan, è stata annunciata la produzione della terza stagione. Su Rai Gulp, fin dal debutto, ha riscosso un grande ascolto ed anche l'esordio delle nuove puntate della seconda serie hanno segnato immediatamente ottimi risultati. Musica, commedia e sentimenti sono al centro delle avventure, un prodotto che miscela i valori tradizionali, propri della Disney, a vicende ricche di emozioni, passioni, umorismo e allegria. Il tutto viene sviluppato su uno sfondo musicale composto da canzoni originali, cantate dai personaggi e diventate in poco tempo grandissimi successi. I primi tre album "Violetta", "Violetta - La musica è il mio mondo/ le canzoni inedite", "Hoy Somos Mas" hanno venduto un totale di oltre centoquarantamila copie. Il primo si è aggiudicato il disco di platino, mentre gli altri due il disco d'oro. Nel novembre 2013 gli attori principali. guidati da Martina Stoessel, Diego Dominguez (Diego), Jorge Blanco (Leòn) Mercedes Lambre (Ludmilla) e Lodovica Comello (Francesca), insieme ad un gruppo di straordinari ballerini e un'eccezionale band, hanno portato i ritmi e la musica di questo originale spettacolo in Europa con la tournée "Violetta il Concerto". Un live show diventato evento, con una vera e propria caccia al posto, che ha registrato il tutto esaurito in Italia con centossantamila biglietti venduti in otto città per trentadue concerti complessivi. In contemporanea alla messa in onda della seconda serie, è arrivato nelle sale italiane, il 30 aprile scorso, il film "Violetta- Backstage Pass", che racconta il "dietro le quinte" dei concerti live, sold out in tutto il mondo. Una nuova occasione per rivivere le emozioni dello show, scoprire cosa si nasconde dietro il sipario e cantare con i protagonisti dello spettacolo. Il pubblico rimane coinvolto nei momenti più emozionanti del concerto, può vivere l'adrenalina che cresce nei protagonisti prima di calcare il palco e può divertirsi a scoprire tanti segreti dei loro artisti preferiti. Un'occasione che fa tornare alla mente "Violetta - L'Evento", il memorabile appuntamento al cinema che l'anno scorso, in un week-end di maggio, ha catturato duentosettantacinquemila ammiratrici scatenate che hanno invaso duecento cinema di tutt'italia. Il fenomeno Violetta impazza anche sul web: la sua pagina Facebook ufficiale ha ormai superato un milione di fan e il sito di Rai Gulp (www.raigulp.rai.it) ha fatto segnare tre milioni di contatti, mentre su Youtube la clip in cui Violetta canta "Yo soy asi" ha registrato trenta milioni di visualizzazioni. (S.S.) VIOLETTA RITROVA LA SUA GRANDE "FAMIGLIA" LEÒN La pausa estiva gli ha portato un nuovo hobby e una nuova passione, grazie ai quali ha conosciuto Lara, una ragazza molto speciale. Non sarà facile per lui tornare a scuola e allo Studio 21. Come reagirà di fronte a Violetta? Sarà costretto a scegliere tra lei e Lara? Come se non bastasse, León dovrà superare un altro ostacolo: Diego, uno del gruppo molto sicuro di sé che diventerà il principale antagonista di León nella lotta alla conquista del cuore di Violetta. LUDMILLA È e resterà sempre la star dello Studio 21. Ma se vuole diventare una cantante di successo, deve assolutamente imparare a lavorare in armonia con i suoi compagni di classe, accettando di far parte di una squadra. Nonostante abbia promesso di voler essere una persona migliore, mettendo da parte le divergenze con Violetta e con gli altri studenti, nessuno realmente si fida di lei. MAXI Resta il miglior ballerino dello Studio 21. È spiritoso, creativo e anche un po' sognatore. La sua ambizione principale è quella di sfondare nella musica. Ha passato le vacanze pensando a Nata e non vede l'ora di incontrarla nuovamente. VIOLETTA Ha finalmente scoperto la sua passione per la musica. La vedremo brillare sul palco insieme ai suoi amici dello Studio 21, più combattiva e sicura di sé. Ma non sarà sempre semplice per lei, infatti, suo padre continuerà a seguirla ovunque mostrandosi più protettivo che mai. Inoltre, l'arrivo di un nuovo e misterioso compagno di classe porterà scompiglio e confusione nella sua vita. Ancora una volta, la ragazza sarà costretta a guardarsi dentro e far chiarezza sui propri sentimenti. NATA È la migliore amica di Ludmilla, ma a volte si comporta come fosse anche il suo cagnolino. Nel profondo è molto insicura ed è convinta che l'unico modo per avere successo sia quello di frequentare Ludmilla. Nata ha ancora una cotta per Maxi, nonostante l'estate sia trascorsa senza mai incontrarsi. CAMILLA È molto divertente e responsabile. Fedele fino alla fine, non c'è nulla che non farebbe per sostenere i suoi amici e le proprie convinzioni. Ha grande talento, ma sa benissimo di non aver ancora sviluppato al massimo le proprie potenzialità. Nonostante Broadway continui a implorare il suo perdono, è ancora ANDRÉS È il migliore amico di León e suo fedele compagno di avventure. A volte può sembrare un po' goffo e distratto, ma è sempre molto caparbio in tutto ciò a cui si dedica. Chissà che in questa nuova stagione non arrivi l'amore a bussare alla sua porta? FRANCESCA È la migliore amica di Violetta. Il suo talento nel canto e nella danza sembra non conoscere limiti. Rispetto ai suoi compagni, dà spesso l'impressione di avere un approccio alla vita molto più maturo. In questa nuova stagione, giocherà un ruolo fondamentale nel tenere unito il gruppo

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta:

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta: SOTTO LO STESSO TETTO: Gender MainstreaMinG e valorizzazione delle differenze a scuola La classe 4A presenta: Tutti diversi... ma uguali ;-) Nell'anno scolastico 2014/15 la classe 4A dell'i.c. Via d'avarna,

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli