Luca Romagnoli: un anno di attività parlamentare INDICE LA SEGRETERIA PARLAMENTARE... 9 IL COORDINAMENTO DELLE DESTRE EUROPEE...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Luca Romagnoli: un anno di attività parlamentare INDICE LA SEGRETERIA PARLAMENTARE... 9 IL COORDINAMENTO DELLE DESTRE EUROPEE..."

Transcript

1 INDICE PREMESSA... 7 PER UN'ALTRA EUROPA, LA NOSTRA: SOVRANA, DELLE PATRIE, SOCIALE... 7 LA SEGRETERIA PARLAMENTARE... 9 IL COORDINAMENTO DELLE DESTRE EUROPEE INTERROGAZIONI SCRITTE E RISPOSTE ESENZIONE IVA DALLE PRESTAZIONI SANITARIE RISPOSTA DATA DAL SIG. KOVÁCS A NOME DELLA COMMISSIONE ( ) ACCISE E IMPOSTE SUI CARBURANTI RISPOSTA DATA DAL SIG. KOVÁCS A NOME DELLA COMMISSIONE ( ) CONTAMINAZIONE DA AMIANTO ED INCIDENZA SULLE CAUSE DI MORTALITÀ RISPOSTA DATA DAL SIG. KYPRIANOU A NOME DELLA COMMISSIONE ( ) IMPOSTE SU ATTIVITÀ TURISTICHE RISPOSTA DATA DAL SIG. KOVÁCS IN NOME DELLA COMMISSIONE ( ) RAPPRESENTANZA NON ELETTIVA DEGLI IMMIGRATI EXTRACOMUNITARI RISPOSTA DAL SIG. FRATTINI A NOME DELLA COMMISSIONE ( ) CANDIDATURA PER L'UNESCO COME PATRIMONIO DELL'UMANITÀ DELL'AREA NATURALISTICA PAESAGGISTICA E MONUMENTALE DENOMINATA "TORRE ASTURA - POLIGONO MILITARE" RISPOSTA DATA DAL SIG. FIGEL A NOME DELLA COMMISSIONE ( ) RUBINETTERIA CINESE E CONCORRENZA SLEALE

2 RISPOSTA DATA DAL SIG. MANDELSON A NOME DELLA COMMISSIONE (23 MARZO 2005) CRISI OCCUPAZIONALE RISPOSTA DATA DAL SIG. SPIDLA A NOME DELLA COMMISSIONE ( ) DIRETTIVA SUI DIRITTI D'AUTORE RISPOSTA DATA DAL SIG. MCCREEVY A NOME DELLA COMMISSIONE ( ) ACCERTAMENTO DELLA POSSIBILITÀ DI ESERCITARE LE FUNZIONI DI CONTROLLO A GARANZIA DEI CITTADINI DA PARTE DELLA BANCA D'ITALIA RISPOSTA DATA DAL SIG. MCCREEVY A NOME DELLA COMMISSIONE ( ) VERIFICARE SE LA BANCA D'ITALIA SIA DA CONSIDERARE UNA SOCIETÀ SEGRETA E INCOSTITUZIONALE RISPOSTA DATA DAL SIG. MCCREEVY A NOME DELLA COMMISSIONE ( ) CASINÓ DI CAMPIONE D'ITALIA RISPOSTA DEL CONSIGLIO (6 GIUGNO 2005) RICONOSCIMENTO ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI RISPOSTA DATA DAL SIG. MCCREEVY A NOME DELLA COMMISSIONE (30 AGOSTO 2005) LA CONFISCA E LA RESTITUZIONE DI "RETI DA POSTA DERIVANTI" RISPOSTA DATA DAL SIG. BORG IN NOME DELLA COMMISSIONE ( ) ACCORDO UE-USA SULLE IMPORTAZIONI DI RISO RISPOSTA DATA DALLA SIGNORA FISCHER BOEL A NOME DELLA COMMISSIONE ( ) ESODO DA ISTRIA - FIUME - DALMAZIA RISPOSTA DATA DAL SIG. FRATTINI A NOME DELLA COMMISSIONE ( ) RISPOSTA DEL CONSIGLIO (23 NOVEMBRE 2005) INTERROGAZIONI ORALI CON DISCUSSIONE INTERROGAZIONE: FERMARE LO SFRUTTAMENTO DEL LAVORO MINORILE SULLO SFRUTTAMENTO DEL LAVORO MINORILE

3 INTERVENTI IN SEDUTA PLENARIA DICHIARAZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE DESIGNATO Premessa: le sfide di Barroso Intervento DICHIARAZIONE DI JOSÉ MANUEL BARROSO, PRESIDENTE ELETTO DELLA COMMISSIONE Intervento DICHIARAZIONE DI JOSÉ MANUEL BARROSO, PRESIDENTE ELETTO DELLA COMMISSIONE Intervento PROTEZIONE DELLE SCOGLIERE CORALLINE DI ACQUE PROFONDE DELL OCEANO ATLANTICO Intervento SITUAZIONE IN MEDIO ORIENTE Intervento PATENTE DI GUIDA Intervento NEPAL Intervento SITUAZIONE SOCIALE NELL'UNIONE EUROPEA Premessa: "direttiva Bolkestein" = dumping sociale. Dalla delocalizzazione delle imprese all'esportazione di lavoro e servizi a minor costo Intervento LAMPEDUSA Intervento AIUTO UMANITARIO AI PROFUGHI DEL SAHARA OCCIDENTALE Intervento INTERVENTO DI UN MINUTO SU QUESTIONI POLITICHE IMPORTANTI: CURDI E AVVIO DEI NEGOZIATI DI ADESIONE DELLA TURCHIA Intervento SITUAZIONE DEI ROM NELL'UNIONE EUROPEA Proposta di risoluzione comune Intervento PROTEZIONE DELLE ACQUE SOTTERRANEE DALL'INQUINAMENTO 84 Intervento NOMINA DI UN MEMBRO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA

4 Intervento CAMBIAMENTO CLIMATICO Intervento TOGO Premessa: un Paese strangolato dalla povertà e dagli interessi esterni Intervento SULLA SITUAZIONE SOCIALE NELL'UNIONE EUROPEA Premessa: dopo "l'allargamento"; economia, occupazione, politica sociale Intervento AZERBAIGIAN Premessa: un altro nodo della questione geopolitica dell'energia Intervento SFRUTTAMENTO SOSTENIBILE DELLE RISORSE DELLA PESCA NEL MEDITERRANEO Premessa Intervento LLOYD S AFFAIR Premessa: Intervento DICHIARAZIONE DI VOTO: SULLA RICHIESTA DI DIFESA DEI PRIVILEGI E DELL'IMMUNITÀ DI UMBERTO BOSSI Premessa alla relazione sulla richiesta di difesa dei privilegi e dell'immunità di Umberto Bossi 2004/2203(IMM) Intervento BREVETTABILITÀ DELLE INVENZIONI ATTUATE PER MEZZO DI ELABORATORI ELETTRONICI Premessa: un altro tentativo per strangolare piccole e medie imprese europee Intervento TESSILE E ABBIGLIAMENTO (DOPO IL 2005) Intervento RISOLUZIONE SU SREBRENICA Premessa Proposta di risoluzione comune del Parlamento europeo su Srebrenica Dichiarazione di voto

5 DICHIARAZIONI SCRITTE DICHIARAZIONE SCRITTA SULLA ISTITUZIONE DI UNA FESTA EUROPEA DEI SINDACI DICHIARAZIONE SCRITTA SULLA TUTELA DEI MARCHI NAZIONALI DI ARMAMENTI DICHIARAZIONE SCRITTA SULLA DECISIONE DI AVVIARE I NEGOZIATI CON LA TURCHIA, CHE IL CONSIGLIO EUROPEO DOVREBBE ADOTTARE NEL DICEMBRE MISSIONI ALL'ESTERO XVII CONFERENZA INTERPARLAMENTARE PARLAMENTO EUROPEO-AMERICA LATINA (LIMA, GIUGNO 2005) Sullo sviluppo sostenibile e le prospettive economiche per i Paesi dell'america latina Atto finale della XVII Conferenza Interparlamentare Parlamento Europeo-America Latina FACT-FINDING MISSION TO ISRAEL AND PALESTINE Premessa: Fuoco infinito in Medio Oriente Invitation to a fact-finding mission to Israel and Palestine Programma della missione: COMMISSIONE PER I TRASPORTI E IL TURISMO QUESTIONARIO PER IL COMMISSARIO DESIGNATO JACQUES BARROT (TRASPORTI) Premessa AUDIZIONE DEL COMMISSARIO EUROPEO Domande dell'on. Luca Romagnoli al candidato designato Commissario europeo per le politiche dei trasporti, Jacques Barrot GRUPPI DI VISITATORI AL PARLAMENTO EUROPEO. 195 APPENDICE STATISTICHE SULLA PRESENZA DEI DEPUTATI ITALIANI AL PARLAMENTO EUROPEO INCONTRO CON IL MOVIMIENTO SOCIAL REPUBLICANO CONVEGNO VELA, CUORE E RAGIONE

6 CONVEGNO INFANZIA E ADOLESCENZA: IMPEGNO E MISSIONE DEL LIONS CLUB INTERNATIONAL LUCA ROMAGNOLI RECAPITI:

7 Premessa Per un'altra Europa, la nostra: sovrana, delle patrie, sociale Qui ho inteso sintetizzare il lavoro svolto nel primo anno di legislatura in Parlamento Europeo. Si tratta dunque del primo volume di cinque (uno per ciascuno anno di legislatura fino al luglio 2009) che raccoglieranno, è intenzione mia e dei miei validissimi collaboratori, l'attività parlamentare svolta dal sottoscritto, unico eletto in rappresentanza del Movimento Sociale Fiamma Tricolore. Trattasi di sintesi perchè non tutta l'attività effettivamente svolta é stato possibile documentare (si pensi, a puro titolo d'esempio, ai numerosissimi incontri con rappresentanti delle istituzioni, delle categorie, delle associazioni, più in generale della società italiana, tanto operanti all'estero che nel nostro Paese, nonché ai confronti con i "lobbysti" e i rappresentanti dei più vari "interessi" e a quanti, da semplici cittadini, si sono rivolti al sottoscritto a diverso titolo e motivo). Credo di aver svolto la mia attività con dedizione ed impegno che, al di là di come possa essere giudicato, lascia senz'altro me gratificato, fiero di aver rappresentato il Partito che mi ha voluto eleggere, certo soprattutto, di aver onorato l'impegno con l'elettorato che ha votato prima di tutto per la Fiamma Tricolore, poi per colui che ne rappresentava e ne rappresenta tuttora il Segretario politico. Orgoglioso di poter portare in questa sede le idee il progetto "senza se e senza ma" che ha contraddistinto la mia vita di militante missino, credo di aver ottenuto per il Partito che rappresento il rispetto, se non la simpatia, anche degli avversari politici: per la coerenza e la serietà dell'impegno, ma anche per il costante spirito di servizio che caratterizza la nostra lotta politica nel nome dell'italia e della nostra Comunità di Popolo. Per il portato del menzionato progetto politico, seppure non condiviso in parte o in toto da colleghi e avversari italiani e di altri Stati dell'unione, credo di aver guadagnato una stima o quantomeno un'attenzione difficilmente esperita nel passato più recente. Con lo stesso spirito di servizio intendo diffondere, per quanto possibile, il presente volume, e quelli futuri, ai rappresentanti delle principali istituzioni pubbliche, delle diverse categorie del mondo del lavoro e della produzione; l'auspicio é che serva non per mera testimonianza dell'attività svolta, ma piuttosto da documentazione e utile confronto, magari da spunto, per riflettere sugli indirizzi che si dovrebbero dare alle attività socioeconomiche dell'uomo, che oggi, come sempre a mio giudizio, devono essere informate in primis dalla politica. 7

8 I nostri giorni, non facili per l'italia e l'europa, richiedono a chi fa politica, passione, impegno, serietà e disponibilità; queste credo di averle dimostrate, sull'intelligenza e le competenze lascio giudicare ad altri. Concludo ringraziando quanti hanno collaborato con me, per realizzare questa iniziativa e le tantissime altre che hanno distinto questo primo anno di attività, in particolare gli assistenti Leonardo Gori e Valerio Cignetti e il funzionario Manlio Massei. Senza il loro sostegno e aiuto, questo volume e molto altro ancora non sarebbe stato realizzato. Luca Romagnoli 8

9 LA SEGRETERIA PARLAMENTARE Manlio Massei Nato a Fermo (AP) il 20 maggio Laureato in economia e commercio presso l'università Politecnica di Ancona. Diploma di Studi Specializzati in Analisi Interdisciplinare della Costruzione Europea. Ha svolto la propria attività professionale presso il Gruppo Loccioni A.E.A. di Jesi, presso la società di consulenza S.I.D.A. di Ancona, presso la Camera di Commercio Belgo-Italiana di Bruxelles. La collaborazione con l'on. Romagnoli ha avuto inizio nel mese di settembre 2004, in qualità di suo assistente parlamentare. Gli obbiettivi che ci siamo posti per il primo anno di legislatura hanno riguardato la ricerca della massima visibilità, l'ottimizzazione degli strumenti messi a disposizione dal Parlamento Europeo, l'approfondimento delle tematiche di più stretto interesse ed utilità per gli elettori italiani. Il lavoro svolto all'interno della Commissione Trasporti e Turismo ha riguardato diversi dossier, la creazione della patente europea, la salvaguardia della sicurezza aerea, la definizione dei progetti prioritari da finanziare, attraverso la presentazione di emendamenti, interventi in aula, presenza e partecipazione ad incontri, conferenze e scambi di vedute con lobbisti e esperti del settore. Intensa attività si é svolta inoltre nella Commissione Affari Sociali, nella quale abbiamo seguito con forte interesse sia la direttiva sull'orario di lavoro, sia quella sulla regolamentazione dell'accesso al mercato dei servizi, sia quella sulla liberalizzazione di tale settore. Ci siamo impegnati inoltre nella costruzione di una rete ampia, trasversale di contatti sia istituzionali sia informali, con lo scopo di valorizzare l'attività 9

10 parlamentare dell'on. Romagnoli, e rendere più efficaci e puntuali i suoi interventi Il nostro lavoro si é concentrato nella prima parte dell'anno nella conoscenza delle procedure, nella presentazione di numerose interrogazioni parlamentari, dichiarazioni scritte e orali con discussione, al fine di sottolineare le problematiche che più direttamente colpivano la sensibilità degli elettori e per fornire loro adeguate risposte. Forte attenzione é stata dedicata inoltre ai rapporti con i media, e ad una proficua collaborazione con tutti gli attori istituzionali presenti a Bruxelles ( Rappresentanza Permanente, Consolato, Ambasciata); sono stati programmati diversi incontri con rappresentati di organizzazioni di categoria, degli enti locali e della società civile, non dimenticando di privilegiare continui e profittevoli legami con delegazioni straniere, e movimenti, partiti, associazioni portatori di esperienze e realtà a volte poco conosciute dal grande pubblico. Ci siamo preoccupati inoltre di organizzare visite guidate al Parlamento Europeo sia a Bruxelles sia a Strasburgo, organizzando seminari, coinvolgendo scolaresche, istituzioni e cittadini, non dimenticando di restare aperti ad ogni suggerimento, richiesta e consiglio, che sempre é stato possibile indirizzarci. Si é provveduto inoltre alla redazione di una newsletter, per informare periodicamente gli elettori sull'attività dell'on. Romagnoli, e alla creazione del nuovo sito web Mi ritengo soddisfatto dei risultati che abbiamo ottenuto, perfettamente in linea con gli obbiettivi prefissati, con la convinzione che dopo questo primo anno, molto intenso, professionalmente stimolante e appagante, ci siano tutte le possibilità per migliorare e crescere. Manlio Massei 10

11 Valerio Cignetti 43 anni, nato a Strambino (TO), iscritto al Fronte della Giuventù nel 1979, consigliere comunale e di Comunità Montana dal 1995 al 2005, Segretario Regionale del Piemonte della Fiamma Tricolore dal Membro della Direzione Nazionale, nonché vice-presidente del Comitato Centrale, da anni Cignetti é il responsabile dei rapporti con i movimenti politici esteri. Nel luglio del 2004, quando la Fiamma Tricolore é tornata ad avere un deputato eletto a Bruxelles, l'on. Romagnoli lo ha voluto nominare responsabile della Segreteria al Parlamento Europeo del M.S.-F.T. Quando nel luglio 2004 ho accompagnato il nostro Segretario Nazionale che, appena eletto, doveva recarsi a Bruxelles per essere accreditato presso il Parlamento Europeo ero assolutamente certo che avremmo trovato difficoltà di ogni tipo: - pratiche, in quanto nessuno di noi era a conoscenza dei meccanismi e delle procedure dell Europarlamento. - tecniche, perché eravamo soli e senza poter contare sull aiuto di qualche eletto in precedenza dal nostro Movimento. - politiche, di certo saremmo stati guardati con sospetto se non isolati o ghettizzati. Ero però altrettanto certo che alcune qualità e una certa capacità erano in nostro possesso e che, visto chi ci ha preceduto, non avremmo potuto fare peggio. Dopo pochi giorni ho inoltre realizzato che anche chi ci stava intorno non era poi un granché. Come poi è stato, mi è apparso subito chiaro che la nostra parte l avremmo fatta in maniera egregia. Infatti poco più di un anno dopo i risultati sono sotto gli occhi di tutti: Luca Romagnoli è il deputato più presente e più attivo. Inoltre oggi egli gode di una stima, da parte dei colleghi e dei funzionari, che è ben superiore a quanto il nostro Movimento rappresenta in termini di visibilità e peso elettorale. 11

12 Le motivazioni che hanno prodotto un risultato simile sono semplici, ottenerlo però non era alla portata di tutti. Romagnoli e la sua squadra hanno saputo, attingendo all immenso patrimonio di idee e progetti che le nostre radici ci hanno trasmesso, concretizzare sempre interventi centrati su tutti gli argomenti in discussione: in ogni occasione possibile il nostro eurodeputato ha avuto la parola in aula e ha potuto ribadire e trasmettere la nostra visione dell agire politico. Sono state presentate interrogazioni e dichiarazioni che hanno sempre individuato il problema e in qualche caso hanno pure avuto un effetto significativo. Infine le relazioni con gli altri partiti rappresentati al Parlamento Europeo sono, senza inutili abiure o retromarce, improntate al confronto, magari aspro, ma sempre corretto. Siamo persone serie, concrete e preparate, questo ci è oramai riconosciuto da tutti. Mi sembra inoltre opportuno ricordare che pure le relazioni con gli altri Movimenti Identitari e Nazional-Popolari europei hanno subito un significativo miglioramento. Dopo la fine dell M.S.I. nel 1995 il nostro Movimento per molto tempo è stato in qualche modo isolato e privato delle relazioni con altri partiti all estero. Con l elezione di Romagnoli a Segretario Nazionale nel 2002 abbiamo potuto fare progetti a più ampio respiro e, fra le altre cose, ci siamo resi conto che era impossibile fare politica a un certo livello senza prospettive e contatti extra-nazionali. Da allora la Fiamma non ha mai mancato gli appuntamenti europei più importanti, una nostra delegazione è sempre stata presente agli eventi di carattere internazionale. Inoltre oggi possiamo vantare una collaborazione stabile e proficua al Parlamento Europeo con i deputati del Front National, del Vlaams Belang e con Andreas Molzer. Nelle prossime settimane infine nascerà un'iniziativa che, partendo dalla condivisione di una serie di punti programmatici comuni, porterà in breve alla realizzazione di un sito internet e di molte altre iniziative nelle Nazioni d Europa. Dalla penisola Iberica alla Russia, dal Mediterraneo alla Scandinavia, i Movimenti Identitari si stanno riunendo e organizzando: la Fiamma Tricolore non solo è presente, oggi è alla guida di questo processo. Valerio Cignetti Coordinatore della Segreteria al P.E. Responsabile rapporti con l estero M.S.-F.T. 12

13 Leonardo Gori Nato a Buenos Aires il 6 marzo 1982, laureato in Economia ed Istituzioni dell'integrazione Europea ed Internazionale all'università degli Studi di Roma "La Sapienza". Master in studi Europei dell'ulb e Camera di Commercio Belgo- Italiana. Ha collaborato nel Dipartimento di Studi Geoeconomici, Linguistici, Statistici, Storici per l'analisi Regionale della Facoltà di Economia dell'universita "La Sapienza". Ha effettuato attività di ricerca per il dipartimento di statistica del Comune di Roma e per l'istituto Guglielmo Tagliacarne. Gennaro Gargiulo attualmente tra i massimi dirigenti. Nato a San Giorgio a Cremano (Napoli), il 01/11/1925, volontario di guerra, combattente della R.S.I. nel battaglione dei paracadutisti della divisione Nembo, decorato al valore militare per atti eroici, con medaglia d'argento e croce di ferro di 2 classe. Già commerciante nel settore calzaturiero e rappresentante presso la Camera del Commercio di Roma. Iscritto al MSI dal 1947, alla Sezione del Colle Oppio, nel 1995 ha aderito alla Fiamma Tricolore, di cui é 13

14 Carmine Pepe Carmine Pepe 28 anni di Potenza, studente in ingegneria civile per le strutture, referente nazionale per le politiche comunitarie della Fiamma Tricolore, presidente del Centro studi euriniziative onlus, corrispondente dei quotidiani «La Nuova» e del «Quotidiano della Basilicata», nonchè radiocronista, per cinque anni presidente della F.C. Murese 2000 Aurora e allenatore di base del giuoco del calcio. Amedeo M. Amedei 48 anni di Roma, coniugato, Consulente del lavoro, già simpatizzante del MSI-DN, poi della Fiamma Tricolore; appassionato di cinema e musica, é animatore di varie iniziative di solidarietà sociale e collabora con associazioni e di carattere socioeconomico e culturale; coordina e gestisce l'amministrazione dell'indennità della Segreteria parlamentare. Altri collaboratori: Luigi Aronica (Roma), Gaetana Ascenzo (Modica, Ragusa), Piero Cappellari (Nettuno, Roma), Riccardo Cirri (Rimini), Giuseppe Corona (Ostuni, Brindisi), Luigi Protopapa (Martano, Lecce), Eminda Turli (Chieti). 14

15 IL COORDINAMENTO DELLE DESTRE EUROPEE Il regolamento del Parlamento Europeo prevede che per la formazione ufficiale di un gruppo parlamentare vi siano al meno 20 deputati che rappresentino almeno 5 Stati dell'unione. Intanto, insieme agli altri Deputati dei Partiti Nazionalisti di Francia, Belgio, Austria si é dato vita ad un "gruppo tecnico" che, al luglio 2005, conta 14 componenti. Con periodicità almeno mensile il Gruppo si riunisce e coordina le sue attività, essenzialmente: tempi di parola, iniziative comuni, analisi e confronto sulla situazione politica interna ai singoli Paesi di riferimento dei Deputati ed ovviamente europea ed internazionale. Ad oggi l'on. Romagnoli e i deputati del Front National hanno effettuato un presidio di protesta contro l'inizio della procedura d'adesione alla UE della Turchia. Le principali battaglie politiche e la comune opposizione alle proposte della Commissione Europea, si sono fin quì incentrate su: no alla Costituzione Europea; l'equità fiscale e la salvaguardia dello Stato sociale europeo; la salvaguardia e il rilancio dei piccoli Comuni d'europa; la difesa dei diritti doganali e il rilancio delle produzioni europee. 15

16 In alto: 1. Koenraad DILLEN, Vlaams Belang 2. Frank VANHECKE, Vlaams Belang 3. Marine LE PEN, Front national 4. Jean-Claude MARTINEZ, Front national 5. Carl LANG, Front national 6. Luca ROMAGNOLI, Movimento Sociale Fiamma Tricolore In basso: 8. Philip CLAEYS, Vlaams Belang 9. Jean-Marie LE PEN, Front national 16

17 INTERROGAZIONI SCRITTE E RISPOSTE INTERROGAZIONE SCRITTA P-0256/05 di Luca Romagnoli (NI) alla Commissione Esenzione IVA dalle prestazioni sanitarie Vista la Direttiva 77/388/CEE artt. 13 lett. a)-n). 1 lett. g). Visto il DPR 633/72 art.10 commi in materia d'esenzione IVA per le prestazioni sanitarie fornite da case di cura, ospedali, cliniche e assimilabili. Sottolineato che tali prestazioni sono esenti da IVA in tutti i Paesi comunitari. Rilevato che le cooperative sociali, dette ONLUS, in molti casi gestiscono gli enti di cui sopra, e applicano per tali prestazioni l'iva al 4%. Appreso che questa applicazione dell'iva al 4% risulta essere un onere per il degente/cliente, mentre alla cooperativa dà la possibilità di recuperare l'iva sugli acquisti. Rilevata l'importanza sociale dell'argomento, visto che il governo italiano è intervenuto in materia (inserendo nel maxi-emendamento finanziaria 2005 una modifica, a partire dal 1/1/2005), riconoscendo alle cooperative l'applicazione dell'iva al 4% per le loro prestazioni. Sottolineato che tale modifica produce effetti, intanto dal 1/1/2005; che è in contrasto con il DPR 633/72 IVA e la menzionata direttiva 77/388/CEE; che le cooperative italiane del settore, anche per gli anni addietro, hanno sempre applicato l'iva in contrasto con le disposizioni menzionate ed in particolare del DPR 633/72 art. 10 commi Potrebbe la Commissione far sapere: se le prestazioni sanitarie fornite in Italia da cooperative sociali nell'ambito delle strutture residenziali socio-sanitarie-assistenziali ed assimilate, siano soggette ad IVA, in contrasto con quanto previsto dai trattati? 17

18 P-0256/05IT Risposta data dal sig. Kovács a nome della Commissione ( ) L articolo 13, parte A, paragrafo 1, lettere b), g) e h), della sesta direttiva IVA 1 prevede una serie di esenzioni IVA applicabili ai servizi prestati da organismi di diritto pubblico o da alcuni altri organismi. In particolare, la lettera b) fa riferimento alle cure mediche assicurate da istituti della stessa natura debitamente riconosciuti e le lettere g) e h) si riferiscono a servizi strettamente connessi con l assistenza sociale e la sicurezza sociale (compresi quelli forniti dalle case di riposo) e con la protezione dell infanzia. Secondo i criteri applicati costantemente dalla Corte di giustizia, spetta allo Stato membro determinare se un organismo diverso da un organismo di diritto pubblico possa essere assimilato ad un ospedale pubblico o ad un organizzazione caritatevole. Questa decisione deve fondarsi su un analisi obiettiva della sua attività e struttura. Quando uno Stato membro conclude che un particolare organismo debba essere riconosciuto come organizzazione caritatevole, i servizi da esso prestati del tipo indicato all articolo 13, parte A, paragrafo 1, lettere g) e h), devono essere esentati. Le esenzioni di cui all articolo 13, parte A, non sono facoltative né per gli Stati membri né per il soggetto passivo. Riguardo alle aliquote IVA, l Italia può continuare ad applicare un aliquota ridotta inferiore al 5% (l aliquota minima di cui all articolo 12, paragrafo 3, della direttiva 77/388/CEE in materia di aliquote ridotte), alle condizioni stabilite all articolo 28, paragrafo 2, lettera a), della stessa direttiva. Una di queste condizioni sancisce che l aliquota superridotta doveva essere in vigore al 1º gennaio Si tratta di una deroga transitoria concessa nel corso dei negoziati sul ravvicinamento delle aliquote del L Italia non può estendere l ambito dell aliquota ridotta del 4% oltre a quello in vigore al 1º gennaio Direttiva 77/388/CEE del Consiglio, del 17 maggio 1977, in materia di armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative alle imposte sulla cifra di affari Sistema comune di imposta sul valore aggiunto: base imponibile uniforme (GU L 145 del ). 18

19 Articolo pubblicato su "Italia Oggi", mercoledì 22 giugno

20 INTERROGAZIONE SCRITTA E-0274/05 di Luca Romagnoli (NI) alla Commissione Accise e imposte sui carburanti Viste le preoccupazioni dei consumatori suscitate dal problema del continuo innalzarsi del prezzo del greggio e conseguente aumento della benzina; Visto che per ogni euro di costo della benzina lo Stato italiano incassa il 70% in IVA e accise, per cui, del costo totale che sostiene il consumatore, detta percentuale è costituita da tasse, mentre solo il 30% ne rappresenta il prezzo industriale (materia prima, raffinazione, stoccaggio e distribuzione, trasporto, oneri finanziari e commerciali, margine economico). Considerato il sostanziale perdurare del monopolio della distribuzione della benzina in Italia (il 43% in mano allo Stato tramite AGIP/IP). Considerato inoltre il fatto che lo Stato italiano è al contempo "controllore e controllato". Potrebbe la Commissione far sapere: - quali interventi intenda intraprendere presso i Ministri italiani delle Attività Produttive e dell'economia e Finanze affinché questi agiscano per una sostanziale riduzione della fiscalità sul carburante, al fine di favorire la conseguente diminuzione di costi e servizi generali e quindi garantire pari opportunità ai consumatori italiani rispetto agli altri cittadini dell'unione? - Quali interventi sono previsti per favorire e pubblicizzare le compagnie petrolifere che praticano prezzi più bassi, garantendo così la libera concorrenza? E-0274/05IT Risposta data dal Sig. Kovács a nome della Commissione ( ) La direttiva sulla tassazione dell energia 1 stabilisce il quadro comunitario applicabile alla tassazione dei carburanti. Armonizzando le strutture delle 1 Direttiva 2003/96/CE del Consiglio, del 27 ottobre 2003, che ristruttura il quadro comunitario per la tassazione dei prodotti energetici e dell elettricità, GU L 283 del , modificata da ultimo dalla direttiva 2004/75/CE del Consiglio, del 29 aprile 2004, GU L 157 del

21 accise, la direttiva ravvicina le aliquote d imposta. In effetti, vengono definite soltanto le aliquote minime: 302 e 359 euro per litri di gasolio per autotrazione e benzina senza piombo rispettivamente 2. Gli Stati membri sono liberi di applicare aliquote superiori a tali livelli minimi. Attualmente, mentre l aliquota IVA è pari al 20%, l Italia applica le aliquote seguenti: 403 euro per il gasolio per autotrazione e 559 euro per la benzina senza piombo. Si tratta di cifre leggermente superiori alla media dell UE 15. La Commissione è contraria al ricorso allo strumento fiscale per attutire l impatto dell aumento del prezzo del greggio sui prezzi al consumo. Essa ritiene necessaria una reale armonizzazione verso l alto delle accise sui carburanti per garantire il corretto funzionamento del mercato interno e conseguire gli obiettivi fissati nel settore ambientale, segnatamente nel quadro del protocollo di Kyoto. Effettivamente, la tassazione dei prodotti petroliferi va considerata come un modo per integrare nel prezzo pagato dai consumatori le esternalità ambientali negative, soprattutto le emissioni di gas serra. Tuttavia, l unanimità richiesta per l adozione della normativa fiscale ostacola notevolmente l avanzamento in questo settore. Non bisogna poi dimenticare che le accise sui carburanti rappresentano un mezzo efficace per incrementare le entrate di bilancio degli Stati membri. Non spetta infine alla Comunità imporre misure relative alla pubblicità dei prezzi dei prodotti petroliferi negli Stati membri. A questo settore si applica chiaramente il principio di sussidiarietà. 2 Fatte salve le disposizioni transitorie previste dalla direttiva. 21

22 INTERROGAZIONE SCRITTA E-0275/05 di Luca Romagnoli (NI) alla Commissione Contaminazione da amianto ed incidenza sulle cause di mortalità Visti i reiterati studi epidemiologici che evidenziano l'aumento della mortalità provocata dal mesotelioma pleurico in Europa con un impatto previsto nel 2030 di circa 500mila decessi. Sottolineato il nesso causale tra esposizione all'amianto e contrazione della forma tumorale, accertato da numerosi studi. Rilevato che l'area di Casale Monferrato (Provincia Alessandria) è stata particolarmente toccata da tale patologia tumorale a causa del dismesso stabilimento Eternit, maggiore produttore di cemento-amianto in Italia. Appreso che in tale area la casistica del mesotelioma è in crescita in misura nettamente superiore al triennio precedente. Rilevato altresì che le statistiche dell'istituto Superiore di Sanità individuano le Province italiane d'alessandria, Gorizia, Livorno e Taranto come quelle ove si registrano i maggiori tassi di mortalità per mesotelioma. Sottolineato che, anche dopo un lungo periodo di latenza, la malattia colpisce cittadini che mai hanno avuto a che fare direttamente con i processi di lavorazione dell'amianto. Potrebbe la Commissione far sapere: quali iniziative intenda intraprendere a livello comunitario e con quali coperture finanziarie, in materia di lotta all'inquinamento d'amianto? Se ritenga necessaria l'emanazione di una specifica Direttiva o Legge Europea? Se ritenga opportuno avviare iniziative specifiche di tutela delle aree particolarmente interessate dal fenomeno, in concorso con le vigenti legislazioni nazionali, con particolare riferimento alla bonifica ambientale ed alla ricerca medica finalizzata a conseguire risultati nella prevenzione e lotta a tale incurabile malattia? 22

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI

IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI CONFERENZA INTERNAZIONALE IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI Roma, 29-30 novembre 2012 Sala delle Conferenze Internazionali P.le della Farnesina,

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 36 del 04.05.2006 Indice ART. 1 - OBIETTIVI...2 ART. 2 - FUNZIONI DELLA CONSULTA...2

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE 2015-2018 LE NOSTRE CONVINZIONI La nostra politica di approvvigionamento sostenibile si ispira ai principi del Codice di Condotta per la Pesca Responsabile della FAO Dipartimento Pesca. In particolare,

Dettagli

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 1. PREMESSA La Legge n. 40 del 2 aprile 2007 Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 31 gennaio 2007, n. 7, recante

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO Art. 1 Origine e sede Su iniziativa del Parco Regionale del Delta del Po Emilia Romagna, con la collaborazione della

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 1 Il Comitato di Sorveglianza dei Programmi Operativi Regionali (POR)

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.1.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 3/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 3/2008 DEL CONSIGLIO del 17 dicembre

Dettagli

3URSRVWDGLGHFLVLRQHGLILQDQ]LDPHQWRDLVHQVLGHOODUWLFROR%GHO ELODQFLR 3URJUDPPDGLERUVHGLVWXGLR8(&LQD

3URSRVWDGLGHFLVLRQHGLILQDQ]LDPHQWRDLVHQVLGHOODUWLFROR%GHO ELODQFLR 3URJUDPPDGLERUVHGLVWXGLR8(&LQD IB/1043/99IT (EN) COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE I RELAZIONI ESTERNE: POLITICA COMMERCIALE, RELAZIONI CON L AMERICA SETTENTRIONALE, L ESTREMO ORIENTE, L AUSTRALIA E LA NUOVA ZELANDA Direzione F

Dettagli

Le istituzioni politiche dell Unione europea. Le funzioni delle istituzioni politiche CONSIGLIO EUROPEO

Le istituzioni politiche dell Unione europea. Le funzioni delle istituzioni politiche CONSIGLIO EUROPEO Le istituzioni politiche dell Unione europea Le funzioni delle istituzioni politiche Riflettono il loro carattere rappresentativo delle istanze che coesistono nell UE Il centro nevralgico dell Unione europea

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

Politiche europee per i giovani

Politiche europee per i giovani Politiche europee per i giovani Roma, 25 maggio 2011 Natalja Montefusco della Commissione europea Base giuridica: Trattato di Lisbona Articolo 165 (ex articolo 149 del TCE) L'azione dell'unione è intesa

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. E L ONG ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WIDE FUND FOR NATURE - ONLUS WWF ITALIA PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Dettagli

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo)

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo) Legge regionale 12 giugno 2009, n. 18 Accoglienza dei richiedenti Asilo, dei rifugiati e sviluppo sociale, economico e culturale delle Comunità locali. (BUR n. 11 del 16 giugno 2009, supplemento straordinario

Dettagli

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE All attenzione del Dirigente Scolastico del Liceo Classico Adolfo Pansini, prof. Salvatore Pace Oggetto: Progetto Scriviamo... CAMBIAMO Introduzione Il sottoscritto, Salvatore Salzano, Presidente Nazionale

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione consiliare

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO STATUTO ART. 1 - COSTITUZIONE E FINALITA Il COMITATO GENITORI MONTEOLIMPINO dei PLESSI

Dettagli

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Art.1 - Costituzione e sede E costituita, con sede legale a Lodi, l Associazione denominata: LAUS Volontariato della Provincia

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

RACCOLTA DEGLI STATUTI E REGOLAMENTI IN VIGORE NEL COMUNE DI AREZZO

RACCOLTA DEGLI STATUTI E REGOLAMENTI IN VIGORE NEL COMUNE DI AREZZO SEGRETERIA GENERALE UFFICIO AFFARI GENERALI RACCOLTA DEGLI STATUTI E REGOLAMENTI IN VIGORE NEL COMUNE DI AREZZO ULTIMA MODIFICA EFFETTUATA CON DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N. 120 DEL 26.06.2007. COORDINAMENTO

Dettagli

da una parte dall altra

da una parte dall altra Area Generale di Coordinamento 17 - Istruzione, Educazione, Formazione Professionale, Osservatorio Regionale Settore 03 - Politiche Giovanili e del Forum Regionale della Gioventù Agenzia Nazionale per

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Approvata dal Consiglio d Europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 e ratificata dall Italia con la legge 20 marzo 2003 n. 77 Preambolo Gli Stati

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 12 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa del senatore MICHELONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 OTTOBRE 2013 Istituzione di una Commissione

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI d) relazioni bilaterali con la Turchia, i Paesi del Caucaso, le Repubbliche centrasiatiche e la Russia; e) temi trattati nell ambito delle Nazioni Unite e delle Agenzie Specializzate; f) temi relativi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997 Camera dei Deputati 1 Senato della Repubblica CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XII N. 76 RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO APPROVATA NELLA SEDUTA DI VENERDÌ 13 DICEMBRE 1996 Risoluzione sui diritti delle persone

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 30.4.2009 C(2009) 3177 RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE che integra le raccomandazioni 2004/913/E e 2005/162/CE per quanto riguarda il regime concernente

Dettagli

DICHIARAZIONE CONGIUNTA FRA IL MINISTRO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

DICHIARAZIONE CONGIUNTA FRA IL MINISTRO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA DICHIARAZIONE CONGIUNTA FRA IL MINISTRO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA ed IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA FAMIGLIA E DELLE PARI OPPORTUNITA DELLA ROMANIA IN MATERIA DI PROMOZIONE DELL

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DE POLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DE POLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 349 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato DE POLI Istituzione del Garante nazionale dei diritti dell infanzia e dell adolescenza Presentata

Dettagli

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 Modalita' di applicazione della comunicazione della Commissione europea «Quadro temporaneo dell'unione per le misure di aiuto di Stato

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori,

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori, Roma, 18 giugno 2008 INTERVENTO VIDEO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA ALL ASSEMBLEA ANNUALE DELL UNIONE PETROLIFERA Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore

Dettagli

Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.72 DEL 30DICEMBRE2014 REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397-A PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO ACCORDO QUADRO tra Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (di seguito denominato CNR), C.F. 80054330586, con sede in Roma, Piazzale Aldo Moro n. 7, rappresentato dal Prof. Luigi Nicolais, in qualità di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 26.10.2009 DOCUMENTO DI LAVORO relativo alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Oggetto: Linee guida per l attuazione da parte di Amministrazioni e altri soggetti diversi dal Ministero

Dettagli

Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale di esenzione per categoria

Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale di esenzione per categoria European Commission Directorate General for Competition State aid Registry HT 364 B 1049 Brussels Prot. N. BLD/im 474/07 Milano, 1 giugno 2007 Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale

Dettagli

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Milano, 18 gennaio 2013 1 NORMATIVA RELATIVA ALLA SOLIDARIETA, AL BENESSERE DEGLI STUDENTI E ALL AUTONOMIA DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI L. 285/97 relativa

Dettagli

STATUTO SOCIETÀ ITALIANA PER L ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE SIOI PALAZZETTO DI VENEZIA PIAZZA DI SAN MARCO 51 00186 ROMA

STATUTO SOCIETÀ ITALIANA PER L ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE SIOI PALAZZETTO DI VENEZIA PIAZZA DI SAN MARCO 51 00186 ROMA SOCIETÀ ITALIANA PER L ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE STATUTO SIOI PALAZZETTO DI VENEZIA PIAZZA DI SAN MARCO 51 00186 ROMA TEL. 06-6920781 FAX 06-6789102 sioi@sioi.org - WWW.SIOI.ORG STATUTO STATUTO DELLA

Dettagli

Cos e un disegno o un modello?

Cos e un disegno o un modello? Disegni e modelli La forte propensione all innovazione ed i repentini mutamenti di scenario, che caratterizzano il contesto economico attuale, rendono gli interventi di tutela e valorizzazione della Proprietà

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

(Atti legislativi) REGOLAMENTI

(Atti legislativi) REGOLAMENTI 22.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 339/1 I (Atti legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1210/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 relativo all autenticazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DEI VIAGGI DI ISTRUZIONE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE M A C E D O N I O M E L L O N I Viale Maria Luigia, 9/a 43125 Parma Tel 0521.282239 Fax 0521.200567 ssmellon@scuole.pr.it www.itcmelloni.it ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO PRINCIPI E FINALITA GENERALI 1. L Osservatorio Turistico di Destinazione del Comune di Chianciano Terme (SI) (di seguito

Dettagli

Perché è importante la valutazione dei rischi?

Perché è importante la valutazione dei rischi? Intervista al sig. Jukka Takala, direttore dell'agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro Bilbao, 28 aprile 2008 Cosa si intende per valutazione dei rischi? Jukka Takala: La valutazione dei

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

Comune di Polverara Provincia di Padova. Consiglio Comunale dei Ragazzi

Comune di Polverara Provincia di Padova. Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Polverara Provincia di Padova Consiglio Comunale dei Ragazzi Premessa La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (28.11.89) ratificata a tutt'oggi da ben 191 paesi, racchiude

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

ACCORDO QUADRO TRA L UFFICIO PARLAMENTARE DI BILANCIO (UPB) L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (ISTAT)

ACCORDO QUADRO TRA L UFFICIO PARLAMENTARE DI BILANCIO (UPB) L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (ISTAT) ACCORDO QUADRO TRA L UFFICIO PARLAMENTARE DI BILANCIO (UPB) E L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (ISTAT) PER DISCIPLINARE LA COLLABORAZIONE IN MATERIA DI MODELLI DI PREVISIONE MACROECONOMICA E MODELLI

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE STATUTO

PROVINCIA DI LECCE STATUTO PROVINCIA DI LECCE FORUM PROVINCIALE DEI GIOVANI STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE FINALITÀ E PRINCIPI GENERALI ART. 1 COSTITUZIONE E istituito il Forum Provinciale dei Giovani, di seguito Forum, della Provincia

Dettagli

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL COINVOLGIMENTO DEI BAMBINI NEI CONFLITTI ARMATI Gli Stati Contraenti il presente Protocollo, Incoraggiati dal travolgente

Dettagli

CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ

CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità è stata adottata il 13 dicembre 2006 durante la sessantunesima sessione

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato JANNONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato JANNONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2680 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato JANNONE Disposizioni per favorire l avvio di nuove attività imprenditoriali da parte dei

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 60/ 25 DEL 5.11.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 60/ 25 DEL 5.11.2008 IBERAZIONE N. 60/ 25 5.11.2008 Oggetto: LR3/2008, art. 8, comma 5. Programma di interventi sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali della Sardegna. Euro 4.000.000 (UPB S05.01.013)

Dettagli

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA CONVENZIONE CONVENZIONE TRA - l Associazione ItaliaCamp, con sede in viale Pola, 12, 00198 Roma (di seguito, ItaliaCamp ), nella persona del Presidente Pier Luigi Celli, nato a Verucchio (Rimini) l 8 luglio

Dettagli

Un mestiere difficile

Un mestiere difficile Un mestiere difficile.forse troppo? a cura di Beatrice Chirivì INTRODUZIONE Sono in media 1.300 all anno le persone che inviano il proprio curriculum al COSV. In gran parte si tratta di candidature di

Dettagli

SERVIZI LIONS A FAVORE DEI BAMBINI VALUTAZIONE DEI BISOGNI COMUNITARI

SERVIZI LIONS A FAVORE DEI BAMBINI VALUTAZIONE DEI BISOGNI COMUNITARI SERVIZI LIONS A FAVORE DEI BAMBINI VALUTAZIONE DEI BISOGNI COMUNITARI Le statistiche attuali mostrano un numero impressionante di bambini che, in tutto il mondo, vivono in condizioni di vita precarie e,

Dettagli

REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE. della Regione

REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE. della Regione REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE della Regione Art. 1 Costituzione E costituita su delibera della ConVol nazionale la Rete regionale ConVol della Regione come articolazione regionale della ConVol nazionale,

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013)

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA POR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) Comitato di Sorveglianza 13 maggio 2011 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo Le priorità per il 2014-2019 Chi siamo Siamo la più grande famiglia politica europea, ispirata da una visione politica di centrodestra. Siamo il Gruppo del Partito Popolare Europeo al Parlamento europeo.

Dettagli

del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008)

del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008) Legge federale sulla politica regionale 901.0 del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

S T A T U T I. La stessa riunisce, aiuta e sostiene i suoi membri nella loro attività professionale.

S T A T U T I. La stessa riunisce, aiuta e sostiene i suoi membri nella loro attività professionale. S T A T U T I I. DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA Articolo 1 - Generalità Con il nome dell Associazione Svizzera delle Imprese di Rimozione Amianto e Bonifiche (abbreviato ASIRAB) viene costituita un associazione

Dettagli

TRA. Il Comune di Pomezia, rappresentata dal Sindaco Fabio Fucci o suo delegato nato a il in qualità di

TRA. Il Comune di Pomezia, rappresentata dal Sindaco Fabio Fucci o suo delegato nato a il in qualità di Inserire logo del Comune PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI POMEZIA E LA CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI POMEZIA - PER ATTIVITA DI VOLONTARIATO DI SUPPORTO ALL ASSISTENZA SANITARIA DA ATTUARSI

Dettagli

PATTO PER IL RISPETTO DEL DECORO URBANO E LA TUTELA DELLA «URBAN STREET ART»

PATTO PER IL RISPETTO DEL DECORO URBANO E LA TUTELA DELLA «URBAN STREET ART» PATTO PER IL RISPETTO DEL DECORO URBANO E LA TUTELA DELLA «URBAN STREET ART» TRA ROMA CAPITALE, con sede in Roma, Via del Campidoglio 1, Codice fiscale 024387505886, nella persona del Sindaco, On.le Giovanni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4454 PROPOSTA DI LEGGE AL PARLAMENTO N. 0011. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4454 PROPOSTA DI LEGGE AL PARLAMENTO N. 0011. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4454 PROPOSTA DI LEGGE AL PARLAMENTO N. 0011 di iniziativa del Presidente della Giunta regionale Istituzione di una Zona Economica Speciale (ZES)

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli