ISBN:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISBN: 978-88-96540-08-4"

Transcript

1

2 LA TASSAZIONE DELLE SOCIETÀ NELL EUROPA ALLARGATA ROMA, 2012

3 ISBN: Tutti i diritti sono riservati Discendo Agitur è un marchio registrato Copyright Dott. N. Ciampi s.a.s ROMA Viale Carso, 55/57 Tel Finito di stampare nel mese di marzo 2012 Tipografia LA NUOVA STAMPA P.za Ippolito Nievo, 1 (ROMA)

4

5 Hanno collaborato alla ricerca: Prof. Augusto Fantozzi; Prof. Giovanni Fiori; Prof. Franco Gallo; Prof. Fabio Marchetti; Prof. Giuseppe Melis; Prof. Pasquale Pistone; Prof.ssa Livia Salvini; Prof. Riccardo Tiscini; Lukasz Adamczyk; Marco Baldacci; Séverine Baranger; Juanita Brockdorff; Martina Cotini; Luigi D Alterio; Maria Teresa Divì i Torns; Rolf Eicke; Borbála Kolozs; Milan Matijevic; Pere Moles; Lorenzo Moschella; Tom O Shea; Helen Pahapill; Alessio Persiani; Ramona Piscopo; Filomena Racioppi; Federico Rasi; Daniel Smit; Mario Tenore; Francesca Vitale.

6 INDICE GENERALE Presentazione della ricerca (di Fabio Marchetti)... 1 SEZIONE PRIMA ANALISI COMPARATA 1. Introduzione e finalità della ricerca comparatistica Principi generali Principi generali del sistema tributario Esistenza di una norma generale anti-elusione Caratteristiche principali della vigente imposta sulle società Periodo d imposta: anno solare (sì/no) Soggetti passivi dell imposta sulle società (regole di tassazione: ordinarie/speciali) Principio temporale usato (cassa/competenza). Eventuali eccezioni (IAS/IFRS) Quadro giuridico-amministrativo Dichiarazioni dei redditi Verifiche Accertamento Appelli Pagamenti e rimborsi Interpelli e ruling Interessi e sanzioni Termini di decadenza dall accertamento (eventuali termini speciali in caso di ricorsi) Poteri riqualificatori dell A.F. in caso di fattispecie elusive...25 V

7 LA TASSAZIONE DELLE SOCIETÀ NELL EUROPA ALLARGATA 4. Rapporto tra utile di bilancio e reddito imponibile Principi contabili: recepimento della normativa IAS/IFRS (sì/no). Campo di applicazione degli IAS/IFRS (bilanci consolidati/individuali) Relazione tra bilancio e reddito imponibile (derivazione/doppio binario). Metodo di determinazione del reddito (risultato conto economico/variazione PN) Presenza di regimi fiscali dipendenti dalle classificazioni di bilancio. Potere dell amministrazione finanziaria di riqualificare le poste di bilancio (sì/no) La determinazione del reddito imponibile: componenti positivi e negativi Esistenza di una definizione generale di reddito imponibile. Sistema basato su categorie di redditi Componenti positivi. Ricavi Eventuali categorie di redditi esenti Trattamento fiscale dei contributi statali Definizione di plusvalenza. Distinzione tra il trattamento fiscale delle plusvalenze immobiliari e finanziarie Rilevanza fiscale della rivalutazione contabile delle immobilizzazioni: regime ordinario; IAS/ IFRS Regole specifiche applicabili alle plusvalenze (non finanziarie) Beni ammortizzabili Beni non ammortizzabili Ammortamento: disciplina generale Ammortamento: beni materiali Ammortamento: beni immateriali Metodo usato per la determinazione del valore dei beni ammortizzabili (costo storico ecc.). Regole speciali per le società IAS/IFRS Ammortamento del magazzino: metodo utilizzato (FIFO, LIFO, media ponderata) Componenti negativi. Regole generali Spese non deducibili (%) Riserve, fondi e accantonamenti deducibili Trattamento delle perdite Aliquote Tassazione degli strumenti finanziari Trattamento fiscale dei dividendi: modello adottato (classico, participation exemption, credito d imposta) Dividendi distribuiti a soggetti residenti Dividendi distribuiti a soggetti non residenti. Ritenute (normativa interna) Dividendi: normativa anti-elusiva...54 VI

8 INDICE GENERALE 6.5. Plusvalenze azionarie: regime generale Minusvalenze: rilevanza e eventuali limiti di compensazione Plusvalenze azionarie: casi particolari Direttiva madre-figlia. Normativa di attuazione: credito/esenzione Ritenute sui dividendi Trattamento fiscale degli interessi Interessi e canoni in uscita: ritenute Regimi anti-abuso Tassazione degli strumenti finanziari diversi da azioni e obbligazioni Altre imposte gravanti sulle società Imposte locali (dirette) Altre imposte dirette gravanti sulle società Deducibilità delle altre imposte dirette dalla base imponibile dell imposta sulle società (sì/no) Incentivi fiscali e altri regimi speciali Incentivi non temporanei per investimenti in beni materiali (sì/no; strumento utilizzato: es. credito, detrazione; settore) Incentivi non temporanei per investimenti in beni immateriali (sì/no; strumento utilizzato: es. credito, detrazione; settore) Incentivi fiscali statali non temporanei ad operatori commerciali (sì/no; strumento utilizzato: es. credito, detrazione; settore) Incentivi fiscali ad operatori nel settore finanziario (compresi fondi di investimento e fondi pensione) Incentivi fiscali per speciali categorie di operatori (elencare quali) Aiuti di Stato (autorizzati; non autorizzati) Aiuti di Stato (esistenti; sotto esame presso la Commissione) Riorganizzazioni aziendali: ristrutturazioni e liquidazione Regole generali applicabili alle ristrutturazioni societarie (neutralità; tassazione) Trattamento fiscale delle operazioni di liquidazione Effetti delle operazioni di fusione in base Effetti delle operazioni di scissione in base Effetti delle operazioni di scambio di azioni previsti in base Effetti delle operazioni di trasferimento di azienda in base Trattamento dell avviamento in base...84 VII

9 LA TASSAZIONE DELLE SOCIETÀ NELL EUROPA ALLARGATA 10. Tassazione di gruppo Disciplina fiscale del gruppo di imprese nazionale: regole generali Disciplina fiscale del gruppo di imprese nazionale: requisiti di ammissione Disciplina fiscale del gruppo di imprese nazionale: aspetti tecnici Disciplina fiscale delle perdite Cessazione del consolidamento Disciplina fiscale del gruppo di imprese nazionale: regole procedurali Disciplina fiscale del gruppo di imprese multinazionale: regole generali Disciplina fiscale del gruppo di imprese multinazionale: aspetti tecnici Regimi di tassazione di gruppo diversi dal consolidato: regole generali Regimi di tassazione di gruppo diversi dal consolidato: aspetti tecnici Imposte indirette applicabili alle società Imposte dovute al momento di costituzione della società Oneri fiscali parametrati sul costo del lavoro (payroll tax) Imposte sul patrimonio della società Aspetti di diritto tributario internazionale Informazioni generali Sistema di imposizione Criteri per definire la residenza delle società Esistenza di norme riguardanti la esterovestizione Criteri di collegamento all imposizione per i soggetti non residenti Regole territoriali di imposizione Le politiche di negoziazione Altre Convenzioni rilevanti in materia fiscale Eliminazione unilaterale della doppia imposizione Metodi unilaterali di eliminazione della doppia imposizione per i redditi di impresa Applicazione del metodo del credito di imposta (overall o per country) Riporto (in avanti/all indietro) dell eccesso di credito per le imposte pagate all estero Deduzione delle spese relative al reddito di fonte estera Utilizzo delle perdite estere Metodo di eliminazione comunemente previsto dalle convenzioni contro la doppia imposizione Regime CFC Società incluse nel regime CFC Dividendi distribuiti dalla CFC Credito di imposta indiretto per la CFC VIII

10 INDICE GENERALE Cause di esclusione Possibilità di ottenere un ruling preventivo Normativa sui prezzi di trasferimento Definizione delle parti correlate Metodi previsti dalla normativa sui prezzi di trasferimento Normative antielusive Regole sulle società conduit Non residenti senza stabile organizzazione. Redditi in uscita. Ritenute alla fonte secondo la normativa interna Non residenti con stabile organizzazione Regole di tassazione della stabile organizzazione Assoggettamento della stabile organizzazione ad imposte diverse dall imposta sui redditi delle società Trasferimenti di residenza. Trasferimento all estero di società Tassazione del trasferimento all estero Tassazione dei trasferimenti di beni tra stabile organizzazione e casa madre Trasferimenti in entrata Step-up del valore dei beni Aspetti temporali relativi all accertamento della residenza fiscale Aspetti di diritto tributario comunitario Direttiva madre figlia Direttiva interessi e royalties Direttiva fusioni Direttive sulle riorganizzazioni societarie Acquis communautaire Procedure di infrazione Norme interne in conflitto con il diritto comunitario Giurisprudenza comunitaria Il diritto comunitario nei rapporti con i paesi terzi. Cause pendenti Paesi dell area di Libero Scambio Europea (EEA) IX

11 LA TASSAZIONE DELLE SOCIETÀ NELL EUROPA ALLARGATA SEZIONE SECONDA ANALISI ECONOMICA SULLA COMPETITIVITÀ 1. Introduzione e finalità della ricerca economica sulla competitività Lo stato attuale della tassazione societaria in europa: concorrenza fiscale e competitività delle imprese Metodologia della ricerca Definizione del modello di simulazione economico-finanziario per ciascun Paese Acquisizione, catalogazione e formattazione dei dati economico-finanziari per ciascun settore Applicazione del modello di simulazione ai dati economico-finanziari Rifinitura, analisi ed interpretazione dei risultati Presentazione del campione Costruzione delle variazioni fiscali I risultati dell analisi sulla tassazione societaria: un analisi comparata L analisi comparata dei tax rate effettivi L analisi delle determinanti dei tax rate effettivi: aliquote nominali e determinazione delle basi imponibili L analisi delle determinanti dei tax rate effettivi: le variabili del modello di simulazione della base imponibile Gli effetti dei singoli sistemi di tassazione sulle scelte aziendali Introduzione al modello di analisi degli effetti dei sistemi di tassazione sulle scelte aziendali Italia Germania Francia Gran Bretagna Olanda Spagna Slovenia Polonia Ungheria Estonia Malta Considerazioni di sintesi sull analisi dei sistemi di tassazione societaria Il modello di simulazione della tassazione personale dei dividendi Conclusioni Appendice X

12 PRESENTAZIONE DELLA RICERCA La ricerca che viene qui presentata è il risultato di un pluriennale lavoro che si è svolto in due tappe fondamentali: la raccolta della documentazione normativa su tutti i Paesi analizzati e la sua risistemazione per capitoli (Principi generali; Determinazione del reddito imponibile; Altri istituti rilevanti nella tassazione societaria; Aspetti di diritto tributario internazionale e comunitario); la rielaborazione dei dati raccolti in un modello che consenta di verificare la competitività della tassazione italiana delle società rispetto ai principali Paesi dell Unione Europea allargata. La prima parte della ricerca (presentata ad Orvieto fin dal 2008) ha raccolto in una serie di tavole sinottiche la documentazione relativa agli 11 Paesi presi in considerazione (Italia, Francia, Spagna, Olanda, Germania, Gran Bretagna, Slovenia, Estonia, Polonia, Ungheria, Malta), evidenziando la sostanziale convergenza dei modelli di tassazione delle società relativamente ai Paesi dell Europa occidentale e la divergenza, invece, rispetto ai Paesi dell Est. La seconda parte della ricerca ha rielaborato tale materiale al fine di procedere ad un analisi quantitativa degli effetti economici dei singoli sistemi di tassazione analizzati, anche in chiave di comparazione fra l Italia e gli altri Paesi Europei presi in considerazione. Il metodo di analisi è stato per la prima parte quello della predisposizione di questionari ed invio a corrispondenti esteri dei questionari stessi al fine di raccogliere analiticamente tutta la documentazione necessaria alla descrizione del sistema fiscale, in materia di tassazione delle società, di ciascun Paese. Il materiale raccolto è stato rielaborato in tabelle comparative. Per la seconda parte della ricerca si è innanzitutto proceduto all estrazione dei dati aggregati relativi ai bilanci delle prime settanta società in ordine di fatturato per ciascun settore oggetto di analisi (commercio, costruzioni, energetico, manifatturiero, telecomunicazioni). Sulla base di tali dati è stato elaborato, per ciascun Paese, il modello di simulazione economico finanziario un grado di valutare gli effetti delle singole normative sulla tassazione dell impresa o comunque sulla redditività netta. 1

13 LA TASSAZIONE DELLE SOCIETÀ NELL EUROPA ALLARGATA Tanto dall analisi giuridico-comparata quanto dal modello di simulazione economico-finanziario non solo emerge il differenziale di competitività fra il sistema fiscale italiano e quello di tutti i Paesi analizzati (non solo, dunque, dei Paesi dell ex est europeo, ma anche di quelli dell Europa occidentale), ma vengono ad evidenza anche i principali difetti strutturali del nostro ordinamento. L allargamento della base imponibile realizzato con la legge finanziaria 2008, con la soppressione di tutte le misure c.d. sovvenzionali al fine di perseguire l obbiettivo tecnico di uniformare la base imponibile fiscale al risultato del bilancio civilistico (principio di derivazione), non risulta in alcun modo compensato dalla riduzione di 5 punti percentuali e mezzo dell aliquota formale (dal 33% al 27,5%). L allargamento della base imponibile porta ad un aliquota effettiva ben superiore al 27,5%; e ciò è dovuto non solo all effetto spesso distorsivo dell IRAP, ma anche a difetti endogeni delle norme di determinazione della base imponibile IRES. Ci si riferisce, in particolare, alla mancata revisione delle tabelle dei coefficienti fiscali di ammortamento, spesso ormai anacronistici; o ai limiti alquanto stringenti previsti per la deduzione degli interessi passivi. Più in generale, lo stesso principio di derivazione stretta rischia di creare rigidità e, soprattutto, di condizionare la deduzione fiscale dei componenti negativi del reddito d impresa a scelte prettamente civilistiche che nulla hanno a che vedere con la determinazione di un utile economico-effettivo da assoggettare a tassazione. Come ben messo in luce nella conclusioni dell analisi quantitativa, l Italia mostra poi un gap particolarmente rilevante rispetto agli altri Paesi europei nelle politiche incentivanti per lo sviluppo. Quasi nulla esiste per favorire le nuove iniziative produttive o la capitalizzazione delle imprese; anche quelle iniziative a favore delle piccole imprese volte a sostenere processi di aggregazione appaiono per la scarsità dei mezzi finanziari a disposizione ben poca cosa rispetto a similari politiche estere. In un momento, quale l attuale, quasi recessivo dovrebbero svilupparsi politiche a favore dell incremento della produttività, anche eventualmente ripensando all introduzione di sistema di tassazione duale, forse troppo frettolosamente abbandonato nell illusione di poter competere nel contesto europeo solo ponendo mano alla riduzione del tax rate formale dell imposta societaria. * * * La ricerca è stata coordinata dal Prof. Augusto Fantozzi e curata da un Comitato scientifico costituito, oltre che dallo stesso Prof. Fantozzi, dai Proff. Giovanni Fiori, Franco Gallo, Fabio Marchetti, Giuseppe Melis, Pasquale Pistone, Livia Salvini e Riccardo Tiscini. La direzione della ricerca è stata affidata ai Proff. Fabio Marchetti, Giuseppe Melis, Pasquale Pistone e Riccardo Tiscini. Per la parte giuridica l attività di ricerca è stata seguita dai Dott. Alessio Persiani, Filomena Racioppi, Federico Rasi, Mario Tenore, Francesca Vitale. Per la parte economica l attività di ricerca è stata seguita dai Dott. Martina Cotini, Luigi D Alterio e Lorenzo Moschella. 2

14 SEZIONE PRIMA ANALISI COMPARATA Hanno fornito le informazioni rilevanti circa le legislazioni estere: Lukasz Adamczyk per la Polonia, Borbála Kolozs per l Ungheria, Helen Pahapill per l Estonia, Milan Matijevic per la Slovenia, Ramona Piscopo e Juanita Brockdorff per Malta, Séverine Baranger e Francesca Vitale per la Francia, Tom O Shea per il Regno Unito, Rolf Eicke per la Germania, Daniel Smit per i Paesi Bassi, Maria Teresa Divì i Torns e Pere Moles per la Spagna e Mario Tenore per l Italia. Lo svolgimento della ricerca è stato possibile grazie al contributo finanziario di Banca Antonveneta. Roma, settembre 2011 Fabio Marchetti 3

15

16 SEZIONE PRIMA ANALISI COMPARATA 1. Introduzione e finalità della ricerca comparatistica Il decreto legislativo 12 dicembre 2003, n. 344, di riforma dell imposizione sul reddito delle società, ha avuto come obbiettivo quello di adottare un modello fi scale omogeneo a quelli più effi cienti in essere nei Paesi membri dell Unione Europea (così la relazione di accompagnamento al citato decreto legislativo). L armonizzazione del regime italiano di tassazione delle società con quello degli altri ordinamenti europei avrebbe dovuto consentire di rendere neutrale la variabile fiscale nelle decisioni degli operatori economici, nonché di facilitare l eventuale adozione di un sistema fiscale unico per l Unione Europea. Non vi è dubbio che la riforma ha avuto come effetto immediato l avvicinamento, anche se non l armonizzazione, del nostro sistema fiscale ai sistemi fiscali dei principali Paesi dell Unione Europea. Ora il contesto è modificato. I sistemi fiscali dei principali Paesi dell Unione Europea sono stati oggetto di profonde riforme e l allargamento dell Unione Europea ai Paesi dell Est prospetta un diverso e ben più complesso scenario. L entrata nell Unione Europea di questi Paesi, che hanno avuto una storia non solo politica, ma anche economica ben diversa da quella dei Paesi dell Europa Occidentale, pone una serie di questioni nuove sia di ordine giuridico-formale che economico. Non si può, infatti, fare a meno di segnalare la possibilità di problemi nuovi di integrazione fra sistemi giuridico-fiscali spesso molto diversi fra loro e rispetto agli altri Paesi membri, problemi che fino ad ora non si erano posti per l integrazione fra i Paesi dell Europa Occidentale, accomunati da una comune storia politica ed economica. Vi sono differenze tra le tradizioni giuridiche dei Paesi fondatori dell Unione Europea e quelli dei nuovi Paesi che sono entrati a farne parte. Di tali differenze hanno tenuto conto le stesse istituzioni comunitarie che, in sede di allargamento, hanno consentito ai c.d. nuovi Paesi di diluire l entrata in vigore del diritto comunitario derivato. Se quindi tra i Paesi della vecchia Europa esiste un linguaggio comune, occorre in primo luogo verificare se questo esiste anche con i Paesi dell Est Europa. Dal punto di vista economico, tali Paesi offrono peraltro già adesso agli operatori commerciali opportunità di 5

17 LA TASSAZIONE DELLE SOCIETÀ NELL EUROPA ALLARGATA investimento grazie a sistemi fiscali fortemente competitivi e favorevoli al commercio internazionale (c.d. fl at tax). L allargamento ai Paesi dell Est Europa significa quindi confrontarsi con sistemi non rispondenti alla nostra tradizione giuridico-economica, che pongono da un lato sfide del tutto nuove in termini di competitività e, dall altro, problemi finora sconosciuti di integrazione fra ordinamenti giuridici. Le considerazioni che precedono chiariscono le ragioni che hanno indotto ad una ricerca sulla tassazione delle società in Europa il cui obbiettivo finale è quello di verificare la competitività del sistema di tassazione italiano delle società rispetto ai principali Paesi dell Unione Europea allargata. Si sono analizzati i sistemi di tassazione delle società appartenenti all area dell Europa continentale e dell Europa dell Est. Sono stati, pertanto, oggetto di analisi i sistemi fiscali dei seguenti Paesi: Austria, Estonia, Francia, Germania, Italia, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Regno Unito, Slovenia, Spagna e Ungheria. La ricerca si è articolata mediante la predisposizione di un questionario, attraverso cui raccogliere i dati necessari alle successive analisi, suddiviso in tre parti. Nella prima parte si è proceduto all analisi dei caratteri generali dei singoli sistemi impositivi con particolare riferimento ai principi che regolano la determinazione della base imponibile. A questo scopo si è concentrata l attenzione sulle regole di determinazione del reddito di impresa per comprendere le interazioni tra bilancio civile e bilancio fiscale. Nella seconda parte del questionario, si è proceduto all analisi puntuale delle regole che presiedono alla determinazione dei singoli componenti del reddito di impresa. Si è avuto riguardo ai problemi fiscali che incontra un impresa che opera prevalentemente sul territorio nazionale e si sono analizzati quindi i componenti positivi e negativi che concorrono alla determinazione della base imponibile. Nel contesto di un economia globalizzata assume inoltre rilievo l opportunità di analizzare le scelte di finanziamento delle imprese. Distinguendo gli strumenti finanziari in strumenti di capitale di rischio e strumenti di capitale di debito si è cercato di individuare i principi che nei vari Paesi presiedono alla distinzione tra gli uni e gli altri, e il trattamento fiscale loro riservato nei singoli Stati membri. Con la riforma IRES l ordinamento tributario italiano ha per la prima volta preso atto della crescente rilevanza sulla scena economica dei grandi gruppi di imprese e della necessità di regolare tale fenomeno attraverso norme specifiche, come accade nella maggioranza dei Paesi dell Unione Europea. Le varie normative nazionali in materia, pur presentando numerose similitudini, differiscono però per un aspetto rilevante: il riconoscimento o meno di autonoma soggettività tributaria al gruppo di imprese. È questa una inevitabile conseguenza delle differenze esistenti tra i vari ordinamenti riguardo al problema della soggettività giuridica, in generale, e di quella tributaria, in particolare degli enti associativi. Esaurita l analisi dei profili fiscali che regolano la determinazione del reddito imponibile per una società che opera prevalentemente a livello interno, si è ipotizzata una società che opera prevalentemente a livello transnazionale. Tale parte della ricerca si è indirizzata all analisi non solo delle norme attraverso cui ciascuno Stato consente di includere nella base imponibile redditi provenienti da Stati esteri, ma anche delle norme applicabili ad un operatore non residente che percepisce redditi provenienti dallo Stato coinvolto. Si è poi tenuto separato il piano internazionale da quello comunitario. Se dal punto di vista internazionale si è dovuta prestare 6

18 SEZIONE PRIMA ANALISI COMPARATA attenzione alle Convenzioni contro la doppia imposizione, a livello comunitario vi è una molteplicità di fonti normative coinvolte: non solo il diritto primario dell Unione Europea, ma anche il diritto secondario e il c.d. acquis communautaire, inteso quale piattaforma comune di diritti ed obblighi che si sono sviluppati nel corso del processo che ha dato vita all Unione Europea, e che pertanto vincolano gli Stati membri. Tale nozione assume particolare rilievo nei confronti dei nuovi Paesi membri dell Unione europea che pure si sono obbligati a rispettare tale insieme di diritti ed obblighi. I dati raccolti hanno formato oggetto di un analisi comparata fra sistemi fiscali formali che forma la presente Sezione della Ricerca. Le tavole sinottiche che seguono espongono i dati, aggiornati al 30 giugno 2008, che si sono raccolti tramite le risposte al questionario. Obiettivo di questa fase dell analisi è la comprensione dei meccanismi impositivi cui ricorrono i diversi Stati oggetto della ricerca al fine di verificare il grado di convergenza delle legislazioni. Risulta da tale documentazione una tensione degli Stati all adozione di schemi similari (anche sotto la crescente pressione del processo di armonizzazione perseguito dalle istituzioni comunitarie), schemi che differiscono quanto a taluni aspetti tecnici quantitativi. Le tavole sinottiche sono state predisposte dal dott. Federico Rasi per i capitoli 1, 2, 3 e 6; dalla dott.ssa Francesca Vitale per i capitoli 4 e 5, parr ; dal dott. Alessio Persiani per il capitolo 5, parr , e per il capitolo 8; dalla dott.ssa Filomena Racioppi per il capitolo 7 e per i capitoli 9, 10 e 11, e per i capitoli 12 e 13 dal dott. Mario Tenore. Più ambizioso è stato il secondo momento verso cui tende la ricerca. L ampiezza dell indagine appare in grado di supportare una rielaborazione dei dati raccolti in termini di comparazione economica del livello di imposizione esistente nei diversi Paesi considerati. I dati raccolti hanno consentito di elaborare per ciascun Paese, sulla base di un modello realistico di bilancio, i risultati fiscali derivanti dalle diverse regole di determinazione della base imponibile, in modo da raffrontare in termini effettivi il livello di imposizione societaria esistente in tutti i Paesi considerati. Tale secondo momento, affidato alla direzione scientifica dei proff. Giovanni Fiori e Riccardo Tiscini, è confluito nella Sezione Seconda della Ricerca. 7

19 LA TASSAZIONE DELLE SOCIETÀ NELL EUROPA ALLARGATA 2. Principi generali 2.1. Principi generali del sistema tributario IT DE EE ES FR HU MT NL PL SL UK Il sistema italiano si fonda, a livello costituzionale, sui principi di legalità e capacità contributiva. Dal punto di vista dell azione amministrativa, deve essere garantita la trasparenza degli atti legislativi ed amministrativi che si manifesta, in particolare, negli obblighi di chiarezza e di motivazione degli atti dell A.F. Il sistema tedesco è conformato al principio di capacità contributiva. Esso è interpretato nella sua accezione egualitaristica e solidaristica (anche nel senso di riconoscere ai contribuenti una quota del loro reddito, pari al minimo vitale, completamente esclusa da tassazione). Opera inoltre il principio di legalità. L azione amministrativa deve essere ispirata a criteri di efficienza, efficacia e imparzialità. Il sistema estone si fonda sul principio, riconosciuto a livello costituzionale, dell uguaglianza sostanziale. Si è data attuazione a tale principio attraverso la costruzione di un sistema tributario semplice (è prevista l applicazione ad una ampia base imponibile di una stessa aliquota proporzionale valida sia per le persone fisiche, sia per le persone giuridiche) e trasparente (non sono previste possibilità di accordi con l A.F.). Il sistema spagnolo è conformato, a livello costituzionale, al principio di capacità contributiva. Il sistema tributario, ancora secondo la Costituzione, deve rispettare i criteri di uguaglianza, da attuarsi sulla base del principio di progressività e neutralità. È garantito il rispetto dei diritti del contribuente. Il sistema francese si fonda sui principi di legalità e capacità contributiva. Trova applicazione il principio di territorialità (salve alcune eccezioni quali la disciplina in tema di consolidato o in tema di incentivi per investimenti esteri). L azione amministrativa è ispirata a criteri di trasparenza a efficienza. Il sistema ungherese si fonda sul principio di capacità contributiva sancito a livello costituzionale. A livello di legge ordinaria, sono, invece, sanciti il principio di uguaglianza e legalità. L A.F. nella propria attività, oltre a rispettare tali principi, deve garantire ampi diritti partecipativi al contribuente che si sostanziano in un obbligo di cooperazione nell esercizio dell attività di accertamento. Il sistema maltese si ispira a criteri di efficienza, effettività, stabilità, certezza e semplicità, L obiettivo è garantire ai contribuenti certezza nella applicazione delle regole e ridotti costi amministrativi. Il sistema olandese si fonda su un criterio di uguaglianza nella tassazione delle persone fisiche e delle società e sul ricorso a meccanismi di tassazione sostitutiva del reddito delle persone fisiche. Efficienza, effettività, stabilità, certezza e semplicità sono i principi che ispirano l azione amministrativa. Il sistema polacco si fonda sul principio di capacità contributiva e di neutralità nella tassazione. Il sistema sloveno si ispira al principio di uguaglianza (salva la possibilità di interventi speciali in aree svantaggiate del paese), semplicità, certezza. La leva fiscale è fortemente utilizzata per lo sviluppo del paese. L azione amministrativa è ispirata al criterio della trasparenza. Il sistema inglese, anche per la tassazione delle società, si fonda sulla riconduzione del reddito entro specifiche categorie (c.d. Schedular system). Specificatamente, l imposizione sulle società si articola sull Income tax (imposta sui profitti derivanti dall esercizio dell attività d impresa) e sulla Capital Gain tax (imposta sui profitti derivanti da atti dispositivi aventi ad oggetto gli elementi che costituiscono il capitale). L imposta dovuta deriva dalla somma algebrica di tali due imposte. 8

20 SEZIONE PRIMA ANALISI COMPARATA 2.2. Esistenza di una norma generale anti-elusione IT DE EE ES FR HU MT NL PL SL UK Non esiste una norma di portata generale, ma esiste una norma di portata quasi generale che rende inopponibili all A.F. i negozi giuridici posti in essere, in assenza di valide ragioni economiche, diretti ad aggira obblighi o divieti. Detta norma si applica solo a talune tipologie di operazioni. Si segnala, peraltro, un recente orientamento giurisprudenziale in tema di abuso del diritto che considera nulli per difetto di causa le operazioni poste in essere al solo fine di conseguire un risparmio fiscale. A seguito di recenti modifiche, opera una norma generale anti-abuso per effetto della quale l A.F. può disconoscere gli effetti derivanti dall utilizzo di strutture legali inappropriate. Si intendono per tali quelle artificiali e fittizie dall utilizzo delle quali deriva un vantaggio fiscale per il contribuente ed il ricorso alle quali non consente il perseguimento di altri vantaggi diversi da quello fiscale. Esiste una norma generale finalizzata a contrastare non solo i fenomeni elusivi, ma anche quelli evasivi. È basata sul principio della prevalenza della sostanza sulla forma ed opera allorquando un accordo negoziale risulti finalizzato al solo risparmio di imposta. L A.F. può diversamente qualificare l operazione ed i relativi componenti reddituali. Nelle ipotesi più gravi in cui vengono poste in essere operazioni assolutamente fittizie, l A.F. può reagire a tali operazione sulla base di una clausola anti-abuso attraverso cui considerare nulle le suddette operazioni. Esiste una norma generale che consente all A.F. di attribuire prevalenza alla sostanza sulla forma allorquando il contribuente ricorra a schemi negoziali artificiali il cui unico effetto è il conseguimento di un risparmio di imposta. L A.F. può diversamente qualificare l operazione, ma non imporre alcuna sanzione. Esistono in Francia una norma generale anti-buso ed una norma anti-elusione. Esse consentono all A.F. di considerare nulle le operazioni poste in essere con strumenti negoziali artificiali o fittizi la cui esclusiva finalità è quella di conseguire un risparmio di imposta. Opera in Ungheria un generale principio di diritto per effetto del quale si deve attribuire prevalenza alla sostanza sulla forma. Invocando tale disposizione, è consentito all A.F. riqualificare atti negoziali poste in essere dai contribuenti ed attribuire a tali negozi la corretta qualificazione giuridica. La deducibilità dei componenti negativi del reddito è condizionata alla circostanza che le relative spese non siano state sostenute solo per motivi fiscali. Accanto a tali norme, opera anche un generale principio anti-abuso non limitato alla materia tributaria. Tale principio si desume dalle disposizioni che obbligano le parti a comportarsi secondo buona. Nella materia tributaria, la regola della buona fede è intesa nel senso di porre a carico del contribuente l obbligo di adempiere a tutti gli obblighi di natura formale e sostanziale previsti dalle norme tributarie. Esiste una norma generale antielusione attraverso cui è consentito all A.F. disconoscere i vantaggi fiscali derivanti dall utilizzo di schemi negoziali artificiosi o fittizi. Unitamente ad una norma generale antilesione, trova applicazione un consolidato orientamento giurisprudenziale in tema di frode alle legge. Porre in essere negozi giuridici, anche collegati tra loro, il cui principale obiettivo è il conseguimento di un risparmio fiscale contrario alle norme positive di legge autorizza l Amministrazione Finanziarie a considerare nulle o a sostituire le suddette operazioni. Tale orientamento opera nei casi di frode; in situazioni meno gravi, l Amministrazione opera secondo la dottrina della c.d. autonoma qualificazione fiscale attribuendo diversa qualificazione giuridica all operazione. Sono vigenti due norme generali a carattere antielusivo attraverso cui l A.F. può attribuire prevalenza alla sostanza sulla forma. L A.F. può riqualificare un negozio giuridico sulla base della reale intenzione della parti o può considerare nulli i negozi giuridici il cui unico scopo è il conseguimento di un vantaggio fiscale. Non esiste una norma generale, ma esistono norme speciali tramite cui perseguire specifici fenomeni nel caso di negozi con soggetti non residenti. In queste ipotesi all A.F. è concesso considerare queste operazione come in frode alla legge e diversamente qualificarle Non esiste una norma generale, ma esistono norme speciali introdotte nel corso del 2007 norme anti-elusive a carattere speciale che individuano talune operazioni e riconoscono all A.F. il potere di neutralizzare i loro effetti. Al di fuori di tali previsioni esiste un generale dovere del contribuente di notificare all A.F. preventivamente operazioni potenzialmente elusive. 9

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità 1 Introduzione La riscossione delle imposte è un attività che risale ai tempi antichi. Richiami al pagamento delle imposte si trovano anche nell Antico Testamento.

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli