Allerta Fed. Outlook Globale 2015: secondo trimestre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allerta Fed. Outlook Globale 2015: secondo trimestre"

Transcript

1 RUSSELL INVESTMENTS Allerta Fed. Outlook Globale 2015: secondo trimestre La principale minaccia per il nostro outlook moderatamente positivo è un ritorno delle pressioni su salari e inflazione negli Usa. 31 MARZO 2015 Graham Harman Senior Investment Strategist, Asia-Pacific Shailesh Kshatriya, CFA Associate Director, Canadian Strategy Group Kara Ng Investment Strategy Analyst Andrew Pease Global Head of Investment Strategy Abraham Robison Quantitative Investment Strategist Wouter Sturkenboom, CFA, CAIA Senior Investment Strategist, EMEA Stephen Wood, Ph.D. Chief Market Strategist

2 Il prezzo del petrolio enfatizza le differenze tra le politiche monetarie Il primo rialzo dei tassi della Federal Reserve (Fed) si avvicina, i profitti Usa stanno rallentando, la Banca centrale europea (Bce) ha avviato il Quantitative Easing (QE), e i prezzi del petrolio sono scesi del 50%. Tra queste tendenze contrastanti, continuiamo a preferire l azionario europeo, siamo prudenti sui titoli del Tesoro Usa, e rimaniamo in allerta sull aumento della volatilità. EXECUTIVE SUMMARY By Andrew Pease Global Head of Investment Strategy, Russell Investments Un evento fondamentale si avvicina, mentre la Fed prepara accuratamente il terreno per il primo aumento dei tassi. Sono passati sei anni e mezzo da quando i tassi sui federal fund sono stati portati di fatto a zero e quasi nove anni dall ultima volta che la Fed ha aumentato i tassi di interesse. Il timore per il tapering nel 2013, quando l allora presidente Ben Bernanke avvertì che la Fed avrebbe potuto rallentare il ritmo degli acquisti di asset, evidenzia i rischi derivanti dai cambiamenti di politica monetaria. Sono due i fattori che rendono le prospettive più complesse: le divergenze tra la politica monetaria della Fed e quelle della maggior parte delle altre banche centrali, e le implicazioni del forte calo del prezzo del petrolio. Da un lato, i costi più bassi dell energia stanno accrescendo le pressioni deflazionistiche, mentre dall altro favoriscono il potere d acquisto delle famiglie nelle economie sviluppate. CONTENUTI 3 Outlook degli investimenti 6 Stati Uniti 8 Eurozona 10 Asia-Pacifico 12 View del modello quantitativo Le nostre view sono sostanzialmente invariate rispetto a quanto espresso a dicembre nell Outlook Annuale Globale I mercati azionari dovrebbero aumentare moderatamente nella parte restante dell anno, mentre i bassi prezzi del petrolio alimentano l aumento dei consumi, e i rendimenti dei Treasury probabilmente aumenteranno, una volta che la Fed inizierà ad alzare i tassi. Questo trimestre è Wouter Sturkenboom, Senior Investment Strategist, EMEA, a occuparsi dell outlook sugli Stati Uniti, dove mette in evidenza i venti contrari dovuti al rialzo del dollaro e al calo dei margini di profitto delle imprese. Se a questo si aggiungono le alte valutazioni azionarie, gli Stati Uniti iniziano a scendere nella nostra lista dei mercati azionari preferiti. Sturkenboom è ancora positivo sull economia statunitense, ma in questa tarda fase del ciclo, l arrivo di buone notizie economiche potrebbe costare l anticipo dell avvio della stretta da parte della Fed. L Europa, al contrario, sta attraversando solo correnti favorevoli. La crescita è in ripresa, i profitti sono in miglioramento, il tasso di cambio è diminuito, e la politica monetaria è stata allentata con decisione. Ci sono ancora timori sulla Grecia, ma Sturkenboom pensa che siano esagerati. Il percorso dell Europa lungo il re-rating europeo ha ancora spazio per crescere. L Asia-Pacifico, come al solito, è un area molto variegata. Cina, Australia e Nuova Zelanda stanno rallentando, mentre in Giappone la ripresa si sta rafforzando. Graham Harman, Senior Investment Strategist dell area Asia-Pacific, sceglie il Giappone come mercato preferito e pensa che l Abe-nomics stia guadagnando forza. I profitti sono in rialzo e il mercato del lavoro sta migliorando. L inflazione resta vicina allo zero, ma il lato positivo è che questo dovrebbe incoraggiare una dose extra di allentamento quantitativo da parte della Banca del Giappone. Harman rimane relativamente tranquillo sulle prospettive della Cina. La crescita sta rallentando, ma il supporto politico è già in atto e presto saranno attuate altre misure di sostegno. L Europa sta attraversando solo correnti favorevoli. La crescita è in ripresa, i profitti sono in miglioramento, il tasso di cambio è diminuito, e la politica monetaria è stata allentata con decisione. Il nostro processo di strategia di investimento si basa sui segnali provenienti da una serie di modelli quantitativi. In questo trimestre, Abe Robison e Kara Ng evidenziano i segnali dei nostri principali modelli di previsione macro sugli Usa. Il nostro modello sui fed fund indica settembre come la data più probabile per l avvio della stretta da parte della Fed, mentre il nostro modello sul ciclo economico degli Usa prevede che la media mensile dei nuovi posti di lavoro sarà intorno alle 230 mila unità per il resto del L indicatore aggregato sull azionario Usa rispetto al reddito fisso è ancora favorevole alle azioni, ma si sta spostando sempre più verso una posizione neutrale. Russell Investments // Outlook Globale 2015 // 31 Marzo of 14

3 Outlook della strategia di investimento I prezzi del petrolio, il quantitative easing della Bce, e le speculazioni sul rialzo dei tassi della Fed, hanno dominato il primo trimestre del Con l inizio del secondo trimestre la nostra convinzione più forte rimane il sovrappeso sull Europa e il nostro sorvegliato speciale è la crescita dei salari Usa. Disinflazione oggi, inflazione domani Nel nostro Outlook Annuale Globale 2015 pubblicato a dicembre 2014 c erano due temi fondamentali di interesse per gli investitori quest anno: 1. Le implicazioni delle divergenze tra le politiche monetarie della Fed, della Banca d Inghilterra (BoE), e del resto del mondo, e il conseguente impatto sulla volatilità del mercato. 2. La quantità di capacità inutilizzata nell economia degli Stati Uniti e come questa possa influenzare la politica monetaria della Federal Reserve. Questi due temi si sono già manifestati. Per quanto riguarda le politiche monetarie divergenti, la Bce ha avviato un piano di acquisto di oltre miliardi di euro in obbligazioni dell eurozona, della durata di 19 mesi, e si ipotizza che la Bank of Japan (BoJ) incrementerà la portata del suo Quantitative Easing (QE) nei prossimi mesi. Le banche centrali dei mercati emergenti nel corso di quest anno hanno già allentato la politica monetaria. Contemporaneamente, la Fed si sta avvicinando a porre fine a sei anni di tassi di interesse a livello zero. In base ai movimenti di prezzo rilevati, il mercato degli swap sui tassi di interesse overnight prevede tre rialzi di 25 punti base (0,25%) dei tassi nel corso dei prossimi 12 mesi. Per quanto riguarda il tema della capacità inutilizzata, in precedenza, quando il tasso di disoccupazione era sceso al 5,5%, come mostra il grafico alla pagina seguente, è stato normalmente associato a una più rapida crescita dei salari. Il calo del 50% del prezzo del petrolio greggio dallo scorso giugno amplifica questi due temi fondamentali. Per Bce e BoJ, il calo del petrolio ha incrementato i timori di deflazione e sostenuto la determinazione delle due banche centrali nel rendere la politica monetaria ancora più accomodante. La Fed, invece, sembra più concentrata sullo stimolo di crescita offerto dai minori costi energetici in un momento in cui il tasso di disoccupazione degli Stati Uniti è in rapida discesa. L indicatore più importante da monitorare è la paga oraria nel rapporto mensile sull occupazione USA. Questo fornirà la prima prova che le condizioni del mercato del lavoro si stanno rafforzando al punto da intaccare i margini, spingere l inflazione al rialzo e rendere la Fed meno accomodante. Nel frattempo, le azioni europee e giapponesi hanno sovraperformato le azioni statunitensi da inizio anno 1 in termini di valuta locale. Inoltre, il dollaro Usa (Usd) ha continuato a rafforzarsi e lo spread tra i rendimenti dei Treasury decennali e dei titoli di stato tedeschi (Bund) si è allargato, fino a raggiungere il massimo da 25 anni, al 13 marzo Il nostro scenario centrale è che i mercati azionari cresceranno leggermente per il resto del 2015, e crediamo che l Europa abbia il maggiore potenziale di rialzo. Pensiamo che gli Stati Uniti potranno generare rendimenti a una cifra sugli utili per azione (Eps) e che Europa e Giappone potranno generare guadagni a doppia cifra in termini Eps. Un fattore fondamentale sarà la reazione dei rendimenti obbligazionari a lungo termine rispetto alle diverse politiche monetarie negli Stati Uniti e in Europa. Ci aspettiamo che la Fed inizi un graduale rialzo dei tassi più avanti nell anno che porterà il rendimento dei Treasury decennali sopra il 2,5%. Allo stesso modo, ci aspettiamo che l entità del programma di QE della Bce manterrà i rendimenti del Bund vicino ai livelli attuali. Il credito dovrebbe performare bene, a nostro avviso, tra tassi di default bassi e la continua ricerca di rendimento da parte degli investitori. La principale minaccia per il nostro outlook moderatamente positivo potrà arrivare dai salari statunitensi e dalle pressioni inflazionistiche. Questi fattori potrebbero ridurre i margini di profitto e creare timori di una stretta della Fed più aggressiva. I rendimenti obbligazionari in questo scenario potrebbero aumentare ulteriormente e la volatilità potrebbe crescere ancora. Azioni, obbligazioni e credito potrebbero tutti generare rendimenti negativi. Questa situazione potrebbe essere aggravata dal fatto che il mercato azionario rialzista ha ormai sei anni, fatto che, in generale, aumenta i rischi. 1 Come misurato dall indice Russell Developed Europe, dall indice Russell Japan e dall indice US large-cap Russell Russell Investments // Outlook Globale 2015 // 31 Marzo of 14

4 % of y/y Crescita salari USA e tasso di disoccupazione LE BARRE GRIGIE INDICANO I PERIODI DI RECESSIONE Unemployment rate % Paga Oraria Tasso di disoccupazione (invertito) Finora, il forte aumento dell occupazione Usa non ha innescato aumenti salariali, e il nostro scenario preferito di moderata crescita dei posti di lavoro, inflazione moderata, e aumento dei profitti a una cifra è ancora valido. Il nostro modello Business Cycle Index (Bci) indica - al 13 Marzo che mediamente nel 2015 saranno creati 230 mila posti di lavoro mensili. Con un tasso di partecipazione del lavoro immutato, questo porterebbe il tasso di disoccupazione vicino al 5% entro la fine del 2015, al di sotto della soglia dove ci si può aspettare che il basso tasso di disoccupazione possa spingere verso l alto i salari. Fonti: Thomson Reuters Datastream e National Bureau of Economic Research L indicatore più importante da monitorare è la paga oraria nel rapporto mensile sull occupazione USA. Questo fornirà la prima prova che le condizioni del mercato del lavoro si stanno rafforzando al punto da intaccare i margini, spingere l inflazione al rialzo e rendere la Fed meno accomodante. A febbraio, il report mensile sull occupazione ha mostrato una sorprendente mancanza di pressione sui salari. Azionario globale: Valore, ciclo, sentiment Il nostro processo di investimento strategico si concentra su tre indicatori chiave: valutazioni, ciclo economico e sentiment degli investitori. Applicato all azionario dei mercati sviluppati globali, vediamo (al 20 marzo 2015): Valutazioni: gli Stati Uniti rappresentano il mercato azionario più caro, con un price-to-book di 2,9 volte e un rapporto price-to-earnings (P/E) - aggiustato ciclicamente - a 22 volte. Valutiamo le azioni giapponesi e quelle europee leggermente care dopo i rialzi registrati in entrambi i mercati da inizio anno. Ciclo economico: questo è moderatamente positivo per Usa e Giappone. La crescita economica degli Stati Uniti è robusta e i profitti stanno crescendo a un ritmo moderato. In Giappone i profitti sono in ripresa, ma gli indicatori economici sono fiacchi. Il Giappone, tuttavia, è ampiamente favorito dai bassi prezzi energetici: lo yen debole sta spingendo le esportazioni e potrebbero esserci ulteriori misure di stimolo da parte della BoJ. In Europa, il ciclo è molto positivo. Gli indicatori economici stanno migliorando, il programma di QE della Bce è partito e c è un potenziale di forti guadagni in termini di profitti aziendali dopo quattro anni di crescita lenta. Sentiment: Il momentum è un driver positivo per la maggioranza dei mercati azionari, anche se questo si è indebolito negli Usa e si è rafforzato in Giappone e in Europa. Molti dei nostri segnali contrarian, come le misure del sentiment degli investitori, sono in territorio di ipercomprato. Tuttavia questi puntano verso un modesto ribasso piuttosto che verso una forte correzione. Un importante indicatore, il livello di margin debt del New York Stock Exchange, è diminuito negli ultimi quattro mesi 2, a suggerire che il mercato Usa non è ancora troppo esuberante o a rischio di un profondo cambiamento di sentiment. 2 La New York Stock Exchange pubblica mensilmente le cifre sui Margin Debts sul suo sito: NYXdata.com. Russell Investments // Outlook Globale 2015 // 31 Marzo of 14

5 I valori del ciclo e del sentiment, più importanti nell orizzonte tattico di breve termine, si compensano. Ciò significa che nel breve abbiamo una view tattica neutrale. La nostra view dinamica (a un anno) è relativamente più forte. Il sentiment pesa in misura minore nell orizzonte dinamico nel quale hanno invece più peso ciclo e valore. La nostra view costruttiva sul ciclo economico ci rende moderatamente positivi sul sull outlook di medio termine. Le diverse view sulle valutazioni, comunque, ci fanno preferire l Europa e il Giappone rispetto agli Stati Uniti. Treasury Usa versus Bund Il rendimento dei Bund decennale è sceso di oltre 30 punti base (0,30%) a un minimo storico intorno al 0,2% a inizio marzo. Questo porta lo spread tra il rendimento Treasury decennale e quello del Bund alla maggiore ampiezza degli ultimi 25 anni. Il nostro outlook per i Treasury è guidato dal contrasto tra flussi e fondamentali. I flussi riflettono l aumento della domanda per i Treasury, che rendono più dei bond europei acquistati in quantità enormi grazie al QE della Bce. Al contrario, i fondamentali includono il rafforzamento del mercato del lavoro statunitense e le prospettive di aumenti salariali, inflazione e la stretta della Fed. Nel breve periodo, i flussi potrebbero dominare, dato che l acquisto di obbligazioni europee da parte della Bce crea domanda per i Treasury, che offrono maggiore rendimento, da parte degli investitori che hanno venduto alla Bce. I fondamentali, tuttavia, potrebbero subentrare nel corso dell anno, quando la Fed inizierà ad alzare i tassi di interesse. Pensiamo che i rendimenti dei Treasury decennali potrebbero superare il 2,5% nel corso dei prossimi 12 mesi e che lo spread con il Bund potrebbe ampliarsi ancora di più. Sempre difficile essere pessimisti sul dollaro americano Il dollaro Usa ha avuto la miglior performance rispetto a tutte le altre principali valute da inizio È aumentato di oltre il 5% in termini di scambi reali (al 13 marzo 2015). È vicino alla parità nei confronti dell euro e vicino ai massimi da otto anni contro lo yen. Gli argomenti contro una crescita prolungata del dollaro Usa puntano sul fatto che ha già registrato un forte rialzo e ora è sopra la sua media di lungo periodo del 7,5% 3 ; ed eventi come il QE della Bce, l allentamento della BoJ e l attesa stretta della Fed sono già ampiamente valutati nel prezzo del dollaro. Le valute, tuttavia, sono inclini al surriscaldamento e, a nostro avviso, sarebbe poco saggio scommettere contro l attuale momentum, soprattutto visto che la Fed sta andando nella direzione opposta rispetto a Bce e BoJ. Mercati emergenti: a buon mercato, ma con cautela Il nostro processo basato su valutazioni, ciclo e sentiment considera conveniente l esposizione verso i mercati emergenti, sia sull azionario sia sull obbligazionario, il che suggerisce ci sono buone opportunità di rendimento nel lungo termine. Tatticamente siamo cauti a causa dei timori relativi al ciclo. Il dollaro americano in rialzo, il calo dei prezzi delle materie prime e l instabilità politica in molte regioni alimentano il nostro giudizio negativo sul ciclo. Questo potrebbe cambiare se la politica di allentamento di molte banche centrali degli emergenti inizierà a diventare effettiva, se la Cina allenterà la politica fiscale in modo significativo, e il dollaro Usa continuerà a stabilizzarsi. Ancora in attesa della Fed La domanda centrale per il 2015 resta la quantità di capacità inutilizzata nell economia americana. Questo determinerà l entità della pressione inflazionistica, l estensione della stretta della Fed, i dati sui margini di profitto e i tassi di interesse a lungo termine. Prevediamo pressioni inflazionistiche moderate e una Fed misurata, ma c è il rischio di turbolenze sui mercati quando comincerà l aumento dei tassi. Europa e Giappone offrono un maggiore potenziale di rialzo azionario, e siamo consapevoli della possibilità di un rialzo dei tassi di interesse a lungo termine nel corso dell anno. La view generale punta sul perdurare di un forte dollaro Usa, e la divergenza nelle politiche monetarie di Fed, Bce e BoJ indica che un inversione è ancora prematura. I rendimenti dei Treasury decennali potrebbero superare il 2,5% nel corso dei prossimi 12 mesi e lo spread con il Bund potrebbe ampliarsi ancora di più. 3 Fonte: US Federal Reserve. Tasso di cambio in termini di scambi reali contro le principali valute, media a partire dal Russell Investments // Outlook Globale 2015 // 31 Marzo of 14

6 Stati Uniti: due passi avanti, uno indietro L economia Usa continua a migliorare, ma alcuni investitori stanno facendo un passo indietro. E non possiamo biasimarli dato che i venti contrari che ostacolano il mercato finanziario Usa si stanno rafforzando. Le valutazioni elevate, il dollaro forte e minori margini di profitto, rendono il contesto sempre più complesso. Paradossalmente, perfino i rapporti mensili sull occupazione non possono più essere considerati inequivocabilmente buone notizie, perché potrebbero anticipare la data del primo rialzo dei tassi da parte della Fed. Un economia solida porta alla normalizzazione della politica monetaria Anche se l Economia Usa sta attraversando una fase di debolezza, rimaniamo ottimisti sulla ripresa della crescita complessiva nel corso del Un consumatore forte, sostenuto dalla caduta dei prezzi dell energia e dal miglioramento del mercato del lavoro, sarà un importante driver per la crescita fino alla metà del La forza dei consumi, addirittura, ha l opportunità di diventare un driver sostenibile nel lungo termine. Questo richiede una ripresa dei salari, che a nostro avviso si materializzerà nei prossimi trimestri. Gli investimenti delle imprese dovrebbero rimanere solidi, perché la crescita dei ricavi è interessante e perché l ottimismo dei Ceo è alto. Va tuttavia considerato il lato negativo: il dollaro forte colpirà le esportazioni e i profitti delle multinazionali, mentre la stretta sulla politica monetaria agirà da freno alla crescita. Comunque, dal momento che i prezzi del petrolio più bassi deprimono le importazioni di energia, è improbabile che gli scambi netti possano essere molto negativi. Con il miglioramento dell economia Usa, diminuisce lentamente il suo potenziale di crescita senza inflazione. A ogni robusto report sull occupazione, il mercato del lavoro si rafforza, elemento che a tempo debito porterà la crescita dei salari e il rialzo del costo di beni e servizi. La Fed riconosce questo percorso ed è per questo che ha chiuso il suo programma di Quantitative Easing, ha rimosso l espressione periodo prolungato dalle sue dichiarazioni del 2010 e ha iniziato a comunicare ai mercati l intenzione di alzare i tassi. È interessante notare che lo sta facendo mentre l inflazione scende rapidamente il dato a 12 mesi è diminuito dal 2% dello scorso luglio allo 0,2% di gennaio e il dollaro forte sta effettivamente inasprendo le condizioni monetarie. Tuttavia, la Fed oggi sta scegliendo di ignorare quella che considera una fase transitoria nel calo del prezzo del petrolio, minimizzando al contempo l impatto negativo del dollaro forte su un economia relativamente chiusa come quella americana. Le aspettative sulla crescita degli utili per il 2015 sono crollate dal 12% al 2% negli ultimi sei mesi (alla fine di febbraio). Circa la metà di questo calo si deve ai downgrade negli utili del settore energetico e il resto può essere attribuito al dollaro forte e ai margini sui profitti in caduta. Dal nostro punto di vista, la Fed è sulla strada giusta. Si sta allontanando dalla forward guidance basata sul calendario, per spostarsi verso una politica monetaria legata ai dati. Questo darà alla Fed la flessibilità di reagire in base all evoleversi dell economia. Se abbiamo ragione, la crescita CEO Confidence Index Confidence score Fonte: The Conference Board as at December Russell Investments // Outlook Globale 2015 // 31 Marzo of 14

7 dei salari subirà un accelerazione in scia al calo della disoccupazione, e di conseguenza un rialzo dei tassi in settembre è molto probabile. Naturalmente è possibile che la Fed possa scegliere di non aspettare l aumento dei salari per anticipare il rialzo dei tassi nel qual caso vedremo il primo rialzo dei tassi già nel mese di giugno. Tuttavia, dato l approccio prudente della Fed, combinato con l attuale tornata di dati deboli, riteniamo che non ci sarà un rialzo dei tassi prima della fine dell estate. Outlook degli investimenti Nonostante abbiamo un outlook positivo sulla crescita economica, siamo preoccupati degli elementi che ostacolano un rally sostenibile nel mercato finanziario americano. Tra l altro, i venti contrari che il mercato statunitense sta affrontando sono quasi l esatto opposto degli elementi favorevoli che contraddistinguono la situazione in Europa: Valutazioni: le azioni americane sono assolutamente care. L indicatore P/E 4 di Shiller è sopra 27, contro una media di 16, e il rapporto price-to-book è a 2,9 (dato al 15 marzo 2015). Dollaro più forte: la continua salita sta influenzando negativamente le esportazioni e abbattendo gli utili delle imprese esportatrici. Margini sui profitti in calo: la pressione sui margini dei profitti è già visibile ed è probabile aumenti con la crescita dei salari. Crescita degli utili aziendali: le aspettative sulla crescita degli utili nel 2015 sono crollate dal 12% al 2% negli ultimi sei mesi sino a fine febbraio (come misurate dall indagine dell Institutional Broker Estimate Service sugli utili previsti dagli analisti per l Indice S&P 500 ). Circa metà di questo calo è dovuto ai downgrade sugli utili delle aziende del settore energetico, mentre il resto è attribuibile al già citato rafforzamento del dollaro e al calo dei margini di profitto. Combinati, l outlook si è deteriorato sotto la nostra precedenza aspettativa di una crescita degli utili intorno al 5% per il Politica monetaria: mentre la Fed si muove lentamente verso il suo primo rialzo dei tassi, i mercati azionari iniziano a utilizzare un tasso di sconto più elevato per valutare i profitti futuri. Naturalmente, la crescita positiva dei ricavi e un prezzo del petrolio più basso sono fattori favorevoli, ma pesano poco come elemento di contrappeso. In sintesi, anche se non siamo eccessivamente negativi sui mercati finanziari americani, non li vediamo proiettati verso una crescita sostenibile. Outlook strategico Applicando il nostro processo di strategia di investimento all azionario americano, al 20 marzo 2015 vediamo: Valutazioni: sia le azioni sia i titoli governativi americani sono considerati cari, e questo rappresenta un elemento sostanzialmente sfavorevole. Ciclo economico: l economia degli Stati Uniti è solida e la crescita del Pil è probabile si attesti tra il 2,5% e il 3% nel 2015, fattore mantiene i nostri punteggi moderatamente positivi. Questo non significa, tuttavia, che scontiamo totalmente l impatto negativo sui mercati azionari derivanti da una crescita degli utili potenzialmente deludente e da margini dei profitti in calo. Quanto ai Treasury americani, sarà importante vedere quando la Fed alzerà i tassi e come procederà. La politica monetaria della Fed unita alla crescita del Pil e all aumento dell inflazione nella seconda metà dell anno dovrebbe spingere in alto i rendimento del Treasury a 10 anni. Sentiment: il momentum azionario è rimasto positivo, ma diversi nostri indicatori del sentiment hanno continuato a lampeggiare. Come risultato, il sentiment generale sull azionario è neutrale. Riguardo al sentiment sul reddito fisso, i Treasury americani sono stati iper-comprati a gennaio 2015, e manteniamo un punteggio negativo da allora. Conclusioni: ci siamo mossi da un leggero sovrappeso sulle azioni americane rispetto a quelle globali verso un leggero sottopeso a causa delle alte valutazioni e di una crescita degli utili aziendali deludente. Ci aspettiamo ancora che i rendimenti del Treasury a 10 anni raggiungano tra il 2,5% e il 3% entro la fine del L outlook è peggiorato al di sotto delle nostre precedenti aspettative di una crescita degli utili nel 2015 intorno al 5%. 4 Definizione del rapporto P/E di Shiller: questo rapporto prezzo/ utili aggiustato ciclicamente, noto anche come Cape, misura il prezzo di un azione di una società in relazione agli utili medi degli ultimi dieci anni. Russell Investments // Outlook Globale 2015 // 31 Marzo of 14

8 Eurozona: tutti i pezzi stanno andando al posto giusto Il puzzle dell Eurozona fatto da crescita economica, utili aziendali e misure politiche si sta pian piano componendo. La crescita sta tornando e gli utili stanno aumentando, mentre le politiche monetarie e fiscali sono decisamente reflazionarie. In altre parole, i fattori favorevoli stanno creando il loro effetto. Gli asset della zona euro stanno riflettendo questa realtà e il nostro sovrappeso basato su alte convinzioni sta dando risultati. Quando un piano va a buon fine Il Presidente della Banca Centrale Europea Mario Draghi in questi giorni sembra agire quasi come Hannibal di A-Team*. Il suo coraggioso intervento per fermare la caduta delle aspettative sull inflazione dal restringimento delle politiche monetarie sta funzionando e la crescita sta avendo un buon impulso, per cominciare. Ha sempre il sorriso stampato sul volto, gli manca solo un buon sigaro per completare il quadro. Naturalmente, Draghi si sta prendendo il merito di qualcosa che solo parzialmente è dovuto alla sua azione. Certamente il suo intervento ha spinto in basso il tasso di cambio dell euro e sostenuto la crescita del credito. Questi effetti, a turno, hanno supportato gli utili aziendali e le esportazioni. Ciò che non è dovuto a lui è la caduta del prezzo del petrolio e la spinta dei consumi domestici. Ancor di più, dal punto di vista di un investitore, non ha reso gli asset dell Eurozona meno cari rispetto a quelli internazionali. Nonostante il forte rally, gli asset finanziari della zona euro sono ancora relativamente a buon mercato, soprattutto rispetto a quelli americani. Il suo piano sta andando a buon fine. Le aspettative sull inflazione stanno aumentando e il momentum sulla crescita si sta riprendendo. Anche gli effetti collaterali sono buoni: crescita robusta degli utili aziendali, aumento del prezzo degli asset e maggiore libertà per politiche fiscali. Questo circolo virtuoso dimostra quanto velocemente una situazione possa migliorare quando si uniscono forti forze reflazionarie a basse aspettative. Nel grafico di seguito, è possibile vedere come l economia dell Eurozona abbia sorpreso al rialzo per sei mesi di fila e i suoi mercati finanziari abbiano di conseguenza sovraperformato in maniera significativa. Index measure Citigroup Economic Surprise Index Sep 2014 Oct 2014 Nov 2014 Dec 2014 Jan 2015 USA: -49 G-10: 49.5 EMU: -6.5 Feb 2015 Fonte: Thomson Reuters Datastream al 9 marzo 2015 L indice misura il risultato attuale dei dati economici diffusi rispetto alle stime del consensus. G-10: undici nazioni industrializzate che si incontrano ogni anno per consultarsi reciprocamente, dicutere e cooperare su questioni di finanza internazionale. I paesi membri sono: Francia, Germania, Belgio, Italia, Giappone, Paesi Bassi, Svezia, Regno Unito, Stati Uniti e Canada, con la Svizzera che gioca un ruolo minore. UEM: Unione economica e monetaria europea *A-Team è una serie televisiva degli anni 80 su un gruppo immaginario di ex soldati delle forze speciali americane che lavorano come soldati di fortuna. Il leader del team che fumava sempre il sigaro pronunciava spesso questa frase: Amo quando un piano va a buon fine. Russell Investments // Outlook Globale 2015 // 31 Marzo of 14

9 Guardando avanti, manteniamo il nostro sovrappeso sull Eurozona in quanto pensiamo che gli effetti positivi delle condizioni favorevoli menzionate sopra continueranno ancora. Il nostro sovrappeso sulla zona euro non è una scommessa di breve termine: Valutazioni: nonostante il forte rally, gli asset finanziari della zona euro sono ancora relativamente a buon mercato, specialmente rispetto a quelli americani. Crescita degli utili aziendali: le aspettative hanno tenuto bene nonostante i significativi downgrade nei settori dell energia e dei materiali. Al 15,4%, il consensus osservato sulle aspettative relative alla crescita degli utili per azione (Eps) per il 2015 è un pò alto rispetto alle nostre stime tra l 8% e il 12%, ma non impossibile. Euro più basso: l euro continua a scendere, favorendo sia gli utili societari sia l inflazione. Prezzo del petrolio più basso: il prezzo del petrolio ha rimbalzato un po in euro, ma è ancora sotto del 30% rispetto a un anno fa. Politiche fiscali e monetarie: il quantitative easing è arrivato, spingendo in basso i rendimenti obbligazionari e favorendo i prezzi azionari. Tra l altro, i rendimenti obbligazionari più bassi stanno dando ai titoli governativi il necessario sollievo fiscale. Crescita del credito: la crescita del credito nell Eurozona continua a aumentare ed è tornata positiva per la prima volta da metà del Anche la crescita della base monetaria sta accelerando e ci aspettiamo che il trend continui, supportando la crescita generale dell economia. Naturalmente, questo ottimismo non significa che smettiamo di essere vigili, motivo per il quale continuiamo a monitorare i nostri punti di attenzione: Manteniamo il nostro sovrappeso sugli asset della zona euro. Per gli investitori internazionali, ripetiamo che le preoccupazioni relative alla Grecia devono essere significativamente scontate. Alla fine, crediamo sia una situazione troppo contenuta per preoccupare. Lo swap sull inflazione futura a cinque anni (5y5y forward inflation swap). Non vogliamo vedere scendere le aspettative sull inflazione come misurate da questo indicatore eccessivamente al di sotto dell 1,8% (al 20 marzo 2015 si attestava all 1,76%); Lo spread dei rendimenti del titolo governativo portoghese a 10 anni rispetto a quelli tedeschi. Guardiamo solitamente i rendimenti dei Bund, così come gli spread italiani e spagnoli, ma l impatto del QE sul primo e il mancato rischio contagio dalla Grecia sul secondo ci hanno fatto spostare il focus sul Portogallo. Non vogliamo vedere salire lo spread sopra il 2,5% (al 10 marzo 2015 si attestava all 1,36%). Crescita del credito. Il miglioramento dovrebbe continuare. Outlook strategico: Valutazioni: le azioni dell Eurozona sono valutate in maniera neutrale in senso assoluto, ma sono ancora a buon mercato rispetto al mercato americano. Ciclo economico: manteniamo il nostro outlook positivo per il ciclo economico. Alla luce della crescita del momentum meglio delle attese, abbiamo aumentato le nostre aspettative di crescita del Pil per il 2015, dal range tra 1% e 1,5% al range tra 1,5% e 2%. Sentiment: il price momentum sta migliorando, ma i nostri indicatori contrarian si stanno ora allungando, dando come risultato un leggero punteggio negativo generale. Conclusioni: manteniamo il nostro sovrappeso sugli asset della zona euro. Per gli investitori internazionali, ripetiamo che le preoccupazioni relative alla Grecia devono essere significativamente scontate. Alla fine, crediamo sia una situazione troppo contenuta per preoccupare. La situazione in Ucraina è più seria, ma a meno che non vi sia un escalation verso una guerra commerciale, non ci aspettiamo grossi impatti per i mercati. Crediamo, inoltre, che le discussioni sulla fattibilità del QE siano esagerate. Con 8 trilioni di euro più della metà dei quali è in mani straniere ci sono molte obbligazioni da comprare, anche se facendo così si spingono al ribasso i rendimenti e gli spread. La vera sorpresa, infatti, potrebbe essere che la Bce sospenda il QE prima di quanto atteso, visto che la crescita e l inflazione migliorano. Russell Investments // Outlook Globale 2015 // 31 Marzo of 14

L OPINIONE DEI COMPETITOR

L OPINIONE DEI COMPETITOR L OPINIONE DEI COMPETITOR 11 A cura della Direzione Studi. L Opinione dei Competitor Sintesi e Indicazioni Tattiche SINTESI MACRO E ASSET ALLOCATION Pictet - AGGIORNATO A SETTEMBRE QUADRO MACRO: Timori

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati Analisi mensile dei principali eventi e previsioni sui mercati globali 22 ottobre 2014 Analisi dei Mercati Crediamo che i mercati stiano reagendo in modo esagerato considerato lo stato di salute dei fondamentali.

Dettagli

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS ARCA FOCUS Outlook dei mercati I Trimestre 2015 Ad uso esclusivo dei Soggetti Collocatori, vietata la diffusione alla clientela. Il presente documento ha semplice scopo informativo. 1 Indice Outlook di

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015 12 ottobre 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Confermiamo di non aver apportato revisioni significative

Dettagli

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati IV Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5 Outlook

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI 60 Victoria Embankment London EC4Y 0JP ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI Economie divergenti

Dettagli

Una stretta globale RUSSELL INVESTMENTS GENNAIO 2015. Douglas Gordon. Kara Ng. Wouter Sturkenboom, CFA, CAIA. Andrew Pease.

Una stretta globale RUSSELL INVESTMENTS GENNAIO 2015. Douglas Gordon. Kara Ng. Wouter Sturkenboom, CFA, CAIA. Andrew Pease. RUSSELL INVESTMENTS Una stretta globale Outlook Annuale Globale 2015 Gli investitori nel 2015 dovranno affrontare le politiche divergenti delle varie banche centrali e i differenti tassi di crescita a

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 1 Gennaio 214 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 Febbraio 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Le prime settimane dell anno sono state caratterizzate

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Aprile 2015 Quo vadis, FED? Ancora una volta un trimestre è stato fortemente influenzato dalle banche centrali.

Dettagli

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati III Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 13 Gennaio 2014 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Mercati e Valute, 10 aprile 2015 Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Nel primo trimestre dell anno, il forte calo dell Euro nei confronti del Dollaro USA ha reso più attraenti

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Anthilia Capital Partners SGR 05/14. Analisi di scenario Maggio. Maggio 2014 2011

Anthilia Capital Partners SGR 05/14. Analisi di scenario Maggio. Maggio 2014 2011 05/14 Anthilia Capital Partners SGR Analisi di scenario Maggio Maggio 2014 2011 Maggio 2014 Analisi di scenario Mercati 22/05/2014 2 Analisi di scenario Il nuovo Conundrum Tra le principali sorprese del

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 9 giugno 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari

View. Fideuram Investimenti. 9 giugno 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari 9 giugno 2015 View Fideuram Investimenti Scenario macroeconomico Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 I dati diffusi nelle ultime settimane mostrano che

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5 maggio 2015 Mantenere la rotta in mezzo alla volatilità Nonostante il paracadute della Bce nelle ultime settimane sui mercati è tornato il nervosismo. A medio termine lo scenario resta favorevole alle

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 13 gennaio 2015 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE ZENIT MC BREVE TERMINE ZENIT MC OBBLIGAZIONARIO ZENIT MC PIANETA ITALIA ZENIT MC EVOLUZIONE ZENIT MC PARSEC ZENIT MC MEGATREND RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Febbraio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Febbraio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Febbraio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi Macro: Cina & India Pag.8 - Analisi del Rischio Pag.11

Dettagli

Schroders. Economia e Mercati. Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013

Schroders. Economia e Mercati. Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013 Schroders Economia e Mercati Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013 Introduzione Il rally dei mercati azionari che è iniziato nel terzo trimestre ha proseguito la sua

Dettagli

Alla ricerca di reddito: guardare oltre l evidenza

Alla ricerca di reddito: guardare oltre l evidenza Alla ricerca di reddito: guardare oltre l evidenza Intervista con Francesco Sandrini INTERVISTA Gli investitori focalizzati solo sul rischio di mercato ignorano i nuovi pericoli in cui potrebbero incorrere

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 12 maggio 2016 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Dopo la revisione al ribasso apportata alle stime

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 11 novembre A cura

Dettagli

Market Focus. Outlook. Un 2015 trainato dagli USA, aspettando l Europa

Market Focus. Outlook. Un 2015 trainato dagli USA, aspettando l Europa Market Focus Outlook 2015 Un 2015 trainato dagli USA, aspettando l Europa Indice Outlook 2015 05 Scenario 10 Asset Allocation 13 Azioni 19 Obbligazioni 25 Materie Prime 27 Real Estate e Alternativi 28

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Aprile 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. Abbandonato l impegno ad essere pazienti, nell attendere i tempi e le condizioni

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 10 marzo 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari

View. Fideuram Investimenti. 10 marzo 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari 10 marzo 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Nel corso delle ultime settimane abbiamo rivisto al

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 5 maggio 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 5 maggio 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. maggio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono unicamente

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 4 aprile 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 4 aprile 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 4 aprile A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono unicamente

Dettagli

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi No. 8 - Luglio 2014 N. 86 Luglio Dicembre 2014 2013 2 Come negli scorsi anni, anche nel 2014 le politiche monetarie delle principali

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 2 Aprile 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico La politica monetaria nelle economie avanzate sta

Dettagli

STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie)

STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2011 A cura dell ufficio Ricerca e

Dettagli

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds 1 Sintesi Gli attuali squilibri Le prospettive Le strategie nelle varie asset class 2 Gli

Dettagli

Allianz Flexible Bond Strategy

Allianz Flexible Bond Strategy Allianz Flexible Bond Strategy In un mondo che cambia rapidamente è importante essere flessibili Ottobre 2012 Documento con finalità promozionali destinato al cliente al dettaglio e al potenziale cliente

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 86 MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il 29 giugno

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 3 marzo A cura dell

Dettagli

Aggiornamento sui mercati valutari

Aggiornamento sui mercati valutari 9 luglio 2014 Aggiornamento sui mercati valutari A cura di: Peter Butler, Emanuele Del Monte e Pietro Calati Il quadro di riferimento Il mercato dei cambi, dopo l introduzione del pacchetto di misure da

Dettagli

Dopo aver ritardato per diverso

Dopo aver ritardato per diverso Fondi obbligazionari absolute return per generare performance positive anche con tassi al rialzo L'analisi dei fondi Fixed income alternativi ha messo in evidenza l'elevata allocazione nei bond americani,

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

Investment Insight. Il segmento High Yield in Europa nel 2016. Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015

Investment Insight. Il segmento High Yield in Europa nel 2016. Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015 Investment Insight Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015 Il segmento High Yield in Europa nel 2016 I mercati continuano ad essere nervosi a fine 2015, a causa di una serie di eventi risk-off.

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Marzo 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. L'appuntamento con il rialzo dei tassi si avvicina. Lo ha detto la presidente della

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Marzo 2015 Rischio? Quale rischio? Le prime settimane dell anno nuovo sono state caratterizzate dai temi

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 6 giugno 2011 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 6 giugno A cura dell

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio?

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? 14 marzo, 2011 Dovrebbe essere sufficiente dire che il più grande fondo obbligazionario mondiale, Pimco, ha deciso di uscire dal mercato

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 4 settembre 2015 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T STATI UNITI REALE Pil 1,8% t/t 0,4% t/t 1,6% a/a 1,7% a/a Consumi privati 2,6% t/t 1,8% t/t 1,9% a/a 1,8% a/a 3% t/t 14% t/t 5,5% a/a 7,2% a/a 0,4% t/t 13,2% t/t non residenziali 3,7% a/a 5,5% a/a 14%

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Giugno 2015 Il ritorno della volatilità Nelle ultime settimane, agli investitori è stato ricordato che

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 8 Luglio 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico La pesante flessione del PIL degli USA nel primo trimestre

Dettagli

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015)

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) STOXX600 Europe Lo STOXX600 ha superato l importante resistenza toccata nel 2007 a quota 400, confermando le nostre previsioni di un mese fa. Il trend di medio-lungo periodo

Dettagli

Trascrizione Videochat ANIMA del 24 settembre 2015

Trascrizione Videochat ANIMA del 24 settembre 2015 Trascrizione Videochat ANIMA del 24 settembre 2015 Lo strumento che ANIMA utilizza per comunicare con la massima chiarezza e trasparenza ai propri clienti e partner commerciali Partecipano: Luca Felli

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

La crescita accelera nella seconda metà del 2013

La crescita accelera nella seconda metà del 2013 Approfondimento mensile sulla situazione attuale e sui probabili sviluppi dei mercati globali 21 agosto 2013 Analisi dei Mercati L outlook di mercato è positivo, grazie ai solidi indicatori economici e

Dettagli

Analisi Settimanale 31.10.2015. sabato 31 ottobre 2015-1 -

Analisi Settimanale 31.10.2015. sabato 31 ottobre 2015-1 - Analisi Settimanale 31.10.2015 sabato 31 ottobre 2015-1 - Le pagelle delle banche centrali In questa settimanale vogliamo fare un analisi delle banche centrali, alla luce del loro operato e dei loro target.

Dettagli

Asset Allocation Mensile

Asset Allocation Mensile Riservato agli investitori professionali Asset Allocation Mensile Aprile 2016 ASSET ALLOCATION IN SINTESI Joost van Leenders, CFA, Chief economist, Multi Asset Solutions joost.vanleenders@bnpparibas.com

Dettagli

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio Newsletter mercati e valute 22 febbraio 2013 Le minute dell ultima riunione della Federal Reserve mostrano divergenze all interno della Banca Centrale Usa sul piano di stimoli monetari a sostegno dell

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 10 novembre 2015 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

Osservatori metà giugno 2013

Osservatori metà giugno 2013 Osservatori metà giugno 2013 Mercati azionari I mercati azionari hanno iniziato a correggere dal 22 maggio e prodotto nel mese rendimenti divergenti: il mercato americano poco mosso, quello europeo negativo,

Dettagli

ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI

ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI Luglio 2015 ECONOMIC RESEARCH AND MARKETS STRATEGY Salvo diversa specificazione, Thomson Reuters è la fonte per i dati ed i grafici riportati. CONGIUNTURA

Dettagli

Operazione salvataggio internazionale.

Operazione salvataggio internazionale. Operazione salvataggio internazionale. Gli interventi messi in atto per evitare la recessione Keith Wade Capo Economista L economia americana oggi Revisione del rischio Diminuzione del debito Settore finanziario

Dettagli

Aggiornamento sui mercati valutari

Aggiornamento sui mercati valutari 14 novembre 2014 Aggiornamento sui mercati valutari A cura di: Peter Butler, Emanuele Del Monte e Pietro Calati Il quadro di riferimento Il mercato dei cambi resta molto influenzato dalle diverse politiche

Dettagli

Asset Allocation Mensile

Asset Allocation Mensile Asset Allocation Mensile Febbraio 2015 CLIMA DI MERCATO IN SINTESI QE della BCE al momento giusto, economia in miglioramento La crescita USA non è così debole da ritardare il rialzo dei tassi della Fed

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Gennaio/Febbraio 2015 Si preferiscono gli USA L inizio dell anno è cautamente positivo se parliamo dei

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 1 Gennaio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 1 Gennaio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 1 Gennaio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Considerazioni riassuntive degli indicatori analizzati

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Sulla base delle informazioni disponibili al 22 febbraio 2013, gli esperti della hanno elaborato le proiezioni relative

Dettagli

SULLE ALI DELLA DISCONNESSIONE: ATTO II

SULLE ALI DELLA DISCONNESSIONE: ATTO II SULLE ALI DELLA DISCONNESSIONE: ATTO II Dopo il grande rush che ha visto i principali mercati raggiungere e superare i precedenti massimi storici, è iniziata l attesa fase di correzione degli indici. Ad

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto 29 Settembre 2015 Fonditalia Core MERCATO Azionario Da metà aprile gli indici azionari hanno corretto al ribasso dopo il rialzo di inizio anno (prima a causa dell acuirsi della crisi greca, poi per via

Dettagli

Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali

Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali 2014 Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali R I S U L T A T I P R I N C I P A L I I risultati del nostro Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali del 2014 indicano che gli investitori

Dettagli

04/14. Anthilia Capital Partners SGR. Analisi di scenario Maggio Aprile 2014 2011

04/14. Anthilia Capital Partners SGR. Analisi di scenario Maggio Aprile 2014 2011 04/14 Anthilia Capital Partners SGR Analisi di scenario Maggio Aprile 2014 2011 Aprile 2014 Analisi di scenario Mercati 17/04/2014 2 Jun 13 Jul 13 Aug 13 Sep 13 Oct 13 Nov 13 Dec 13 Jan 14 Feb 14 Mar 14

Dettagli