X Nuovo Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "X Nuovo Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno:"

Transcript

1 Comune sede progetto: Bariano AT n Romano di Lombardia Progetto: Progetto "Media Dispersione" di Bariano Sede presso Oratorio di Bariano Via don Luigi Paganessi 6/P Tel. fax Tipologia di progetto extrascuola Solo compiti X Compiti e proposte aggregative integrate Attività aggregative e di socializzazione raccordate al progetto della scuola Altre attività nell extrascuola Soggetto titolare: Associazione CAF Centro Aiuto alla Famiglia Onlus Soggetto gestore: Associazione CAF Centro Aiuto Famiglia Soggetti partner: Oratorio di Bariano Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado di Bariano Ufficio di Piano Ambito 14 Progetto X Nuovo Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: Il progetto si raccorda a X Scuola X Famiglie X Territorio Si rivolge a ragazzi delle scuole X Primarie (Elementari) X Secondarie di 1 grado (Medie Inferiori) Secondarie di 2 grado (Medie Superiori) Accoglie La generalità dei ragazzi X Ragazzi con difficoltà di apprendimento (segnalati in specifico dalla scuola) X Ragazzi stranieri Ragazzi disabili Altro: Accesso al servizio: X Gratuito A pagamento Periodo di funzionamento: X Tutto l anno scolastico Altro periodo: Ragazzi coinvolti nelle attività proposte dal progetto n. 16 Rapporto educatori / utenti: n. 1 educatore ogni n. 5 ragazzi Personale educativo impiegato - Coordinatore... n. 1 - Operatori professionali (retribuiti)... n. 2 - Volontari... n. 6

2 - Insegnanti o ex-insegnanti - Religiosi... n. - Studenti p tirocinanti... n. - Giovani in Servizio Civile... n. Autopresentazione Il Progetto "Media Dispersione" è rivolto a minori a rischio di dispersione scolastica e in fase di transizione. Raccoglie le segnalazioni provenienti dalla scuola media ed elementare, dai Servizi territoriali e si propone i seguenti obiettivi: - creare una rete più ampia tra gli attori territoriali (UdP,Comune, oratorio, Scuole...), facilitare sinergie e la costruzione di interventi efficaci a sostegno dei minori a rischio di insuccesso scolastico; - sviluppare azioni condivise all interno del servizio, che privilegia il sostegno educativo e scolastico del minore, proposte aggregative integrate, il coinvolgimento della famiglia e della comunità locale, per contrastare il fenomeno della dispersione scolastica; - promuovere il progetto di extrascuola con il sostegno di due educatori professionali e di risorse di volontariato - Coordinare azioni educative tra diversi extrascuola (es. prog. Fontanella)

3 Comune sede progetto: Cologno al Serio AT n Romano di Lombardia Progetto: Con le forbici in tasca Sede presso Oratorio S. Giovanni Bosco Via Manzoni 15 Tel fax Tipologia di progetto extrascuola X Solo compiti Compiti e proposte aggregative integrate Attività aggregative e di socializzazione raccordate al progetto della scuola Altre attività nell extrascuola Soggetto titolare: Gruppo "Con le forbici in tasca" Soggetto gestore: Gruppo Con le forbici in tasca Soggetti partner: Scuola Primaria A. Locatelli Cologno Oratorio S.G. Bosco di Cologno Consulta Giovanile Cologno Progetto Il progetto si raccorda a X Scuola X Famiglie Territorio Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: Si rivolge a ragazzi delle scuole X Primarie (Elementari) X Secondarie di 1 grado (Medie Inferiori) Secondarie di 2 grado (Medie Superiori) Accoglie X La generalità dei ragazzi X Ragazzi con difficoltà di apprendimento (segnalati in specifico dalla scuola) X Ragazzi stranieri Ragazzi disabili Altro: Accesso al servizio: X Gratuito A pagamento Periodo di funzionamento: X Tutto l anno scolastico Altro periodo: Ragazzi coinvolti nelle attività proposte dal progetto n. 40 Rapporto educatori / utenti: n. 1 educatore ogni n. 2 ragazzi Personale educativo impiegato - Coordinatore... n. 3 - Operatori professionali (retribuiti)... n. - Volontari... n. 18

4 - Insegnanti o ex-insegnanti 1 - Religiosi... n. - Studenti p tirocinanti... n Giovani in Servizio Civile... n. Autopresentazione Questo progetto è stato pensato nell'ottobre 2004 da un gruppo di genitori e condiviso con altre realtà del territorio con le quali si sono confrontati. Il progetto prevede di creare un luogo extrascuola per supportare i bambini di elementare nello svolgimento dei compiti scolastici. L'intento è che la proposta possa diventare una risorsa utile e pregnante per bambini,genitori e insegnanti,tre soggetti che interagiscono significativamente in un reciproco percorso educativo ed evolutivo. Gli obiettivi sono:fornire alle famiglie in situazioni di disagio,in cui i genitori lavorano entrambi, dove c'è un solo genitore, alle famiglie migranti, uno strumento di sostegno ai bambini nello svolgimento dei compiti scolastici per: a) migliorare lo svolgimento dei compiti scolastici favorendo maggiore autonomia dei bambini; b) Motivare i bambini all'interesse e all'impegno scolastico; c) Favorire le relazioni tra i bambini; d)nei casi in cui è possibile, attraverso la ricerca di un contatto diretto, coinvolgere i genitori interessati a partecipare al cammino dei loro figli.

5 Comune sede progetto: Fontanella AT n Romano di Lombardia Progetto: Insieme dopo la scuola Sede presso Oratorio di Fontanella Via Scotti 19 Tel. fax Tipologia di progetto extrascuola Solo compiti X Compiti e proposte aggregative integrate Attività aggregative e di socializzazione raccordate al progetto della scuola Altre attività nell extrascuola Soggetto titolare: Comune di Fontanella Soggetto gestore: Associazione CAF Centro Aiuto Famiglia Soggetti partner: Scuola Primaria e secondaria 1 grado Oratorio e Parrocchia di Fonrtanella Progetto Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: Il progetto si raccorda a X Scuola X Famiglie X Territorio Si rivolge a ragazzi delle scuole X Primarie (Elementari) Secondarie di 1 grado (Medie Inferiori) Secondarie di 2 grado (Medie Superiori) Accoglie La generalità dei ragazzi X Ragazzi con difficoltà di apprendimento (segnalati in specifico dalla scuola) X Ragazzi stranieri Ragazzi disabili Altro: Accesso al servizio: X Gratuito A pagamento Periodo di funzionamento: X Tutto l anno scolastico Altro periodo: Ragazzi coinvolti nelle attività proposte dal progetto n. 16 Rapporto educatori / utenti: n. 1 educatore ogni n. 5 ragazzi Personale educativo impiegato - Coordinatore... n. 1 - Operatori professionali (retribuiti)... n. 2 - Volontari... n. - Insegnanti o ex-insegnanti 2

6 - Religiosi... n. 1 - Studenti p tirocinanti... n. 2 - Giovani in Servizio Civile... n. Autopresentazione Il progetto nasce con l'obiettivo di creare uno spazio di sostegno educativo e scolastico per minori in condizioni di difficoltà. Nato con particolare attenzione ai minori che frequentano la scuola primaria, quest'anno si intende sperimentare tale iniziativa anche con un piccolo gruppo di ragazzi che frequentano la scuola secondaria di 1 grado. Finalità: integrazione con un piccolo gruppo di coetanei, sostegno scolastico in collaborazione con la scuola al fine di prevenire l'insuccesso scolastico, spazio di socializzazione attraverso laboratori ludico-ricreativi che sviluppino capacità creative e relazionali, prevenzione della devianza minori, lavoro di sostegno delle famiglie e condivisione dei bisogni educativi del minore. Nel corso degli anni tale spazio si è venuto a connotare particolarmente, anche sulla base dell'invio della scuola, come luogo di integrazione per i minori extracomunitari. Questo risulta, per quanto riguarda gli obiettivi iniziali, un punto critico poichè riduce la possibilità di inserimento degli altri minori.

7 Comune sede progetto: Fontanella AT n Romano di Lombardia Progetto: Progetto "Media Dispersione" Sede presso Oratorio di Fontanella Via Scotti 19 Tel. fax Tipologia di progetto extrascuola Solo compiti X Compiti e proposte aggregative integrate Attività aggregative e di socializzazione raccordate al progetto della scuola Altre attività nell extrascuola Soggetto titolare: Associazione CAF Centro Aiuto alla Famiglia Onlus Soggetto gestore: Associazione CAF Centro Aiuto Famiglia Soggetti partner: Oratorio di Fontanella Comune di Fontanella Scuola Primaria di Fontanella e Ufficio di Piano Ambito 14 Progetto X Nuovo Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: Il progetto si raccorda a X Scuola X Famiglie X Territorio Si rivolge a ragazzi delle scuole Primarie (Elementari) X Secondarie di 1 grado (Medie Inferiori) Secondarie di 2 grado (Medie Superiori) Accoglie La generalità dei ragazzi X Ragazzi con difficoltà di apprendimento (segnalati in specifico dalla scuola) X Ragazzi stranieri Ragazzi disabili Altro: Accesso al servizio: X Gratuito A pagamento Periodo di funzionamento: X Tutto l anno scolastico Altro periodo: Ragazzi coinvolti nelle attività proposte dal progetto n. 12 Rapporto educatori / utenti: n. 1 educatore ogni n. 5 ragazzi Personale educativo impiegato - Coordinatore... n. 1 - Operatori professionali (retribuiti)... n. 2 - Volontari... n. 1

8 - Insegnanti o ex-insegnanti - Religiosi... n. - Studenti p tirocinanti... n. - Giovani in Servizio Civile... n. Autopresentazione Il Progetto "Media Dispersione" è rivolto a minori a rischio di dispersione scolastica e in fase di transizione. Raccoglie le segnalazioni provenienti dalla scuola media e dai Servizi territoriali e si propone i seguenti obiettivi: - creare una rete più ampia tra gli attori territoriali (UdP, Comune, Oratorio, Scuole...) e facilitare sinergie e la costruzione di interventi efficaci a sostegno dei minori a rischio di insuccesso scolastico; - sviluppare azioni condivise all interno del servizio, che privilegia il sostegno educativo e scolastico del minore, proposte aggregative integrate, il coinvolgimento della famiglia e della comunità locale, per contrastare il fenomeno della dispersione scolastica; - promuovere il progetto di extrascuola con il sostegno di due educatori professionali e di risorse di volontariato.

9 Comune sede progetto: Martinengo AT n Romano di Lombardia Progetto: Progetto Giovani di Martinengo Sede presso Via Piave 33 Tel. fax Tipologia di progetto extrascuola Solo compiti X Compiti e proposte aggregative integrate Attività aggregative e di socializzazione raccordate al progetto della scuola Altre attività nell extrascuola Soggetto titolare: Comune di Martinengo Settore Socio Culturale Soggetto gestore: Cooperativa Sociale Itaca Soggetti partner: Progetto Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: Il progetto si raccorda a X Scuola X Famiglie X Territorio Si rivolge a ragazzi delle scuole Primarie (Elementari) X Secondarie di 1 grado (Medie Inferiori) Secondarie di 2 grado (Medie Superiori) Accoglie X La generalità dei ragazzi X Ragazzi con difficoltà di apprendimento (segnalati in specifico dalla scuola) X Ragazzi stranieri Ragazzi disabili Altro: Accesso al servizio: X Gratuito A pagamento Periodo di funzionamento: X Tutto l anno scolastico Altro periodo: Ragazzi coinvolti nelle attività proposte dal progetto n. 20 Rapporto educatori / utenti: n. 1 educatore ogni n. 6 ragazzi Personale educativo impiegato - Coordinatore... n. 1 - Operatori professionali (retribuiti)... n. 2 - Volontari... n. - Insegnanti o ex-insegnanti - Religiosi... n.

10 - Studenti p tirocinanti... n. - Giovani in Servizio Civile... n. Autopresentazione Il progetto si sostanzia in attività extrascolastiche complementari attinenti la didattica vera e propria (supporto compiti, studio assistito ecc..) e ludiche/ricreative strutturate o libere, laboratori espressivi, attività sportive, momenti di convivialità (merenda,feste) ed esperienze di socializzazione e di integrazione, per ragazzi della fascia di età anni.

11 Comune sede progetto: Romano di Lombardia AT n Romano di Lombardia Progetto: Insieme per Sede presso Oratorio S. Pietro e Oratorio S. Filippo Via Crotti 12 e via Montegrappa 27 Tel e fax Tipologia di progetto extrascuola Solo compiti X Compiti e proposte aggregative integrate Attività aggregative e di socializzazione raccordate al progetto della scuola Altre attività nell extrascuola Soggetto titolare: Circolo Didattico di Romano di Lombardia Soggetto gestore: Circolo Didattico di Romano di Lombardia Soggetti partner: Associazione CAF Centro Aiuto Famiglia Associazione "Solidarietà scolastica" Oratori di S. Pietro ap. ai Cappuccini e S. Filippo Neri Progetto Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: Il progetto si raccorda a X Scuola X Famiglie X Territorio Si rivolge a ragazzi delle scuole X Primarie (Elementari) Secondarie di 1 grado (Medie Inferiori) Secondarie di 2 grado (Medie Superiori) Accoglie X La generalità dei ragazzi X Ragazzi con difficoltà di apprendimento (segnalati in specifico dalla scuola) X Ragazzi stranieri Ragazzi disabili X Altro: Ragazzi vantaggiati e a disagio Accesso al servizio: X Gratuito A pagamento Periodo di funzionamento: X Tutto l anno scolastico Altro periodo: Ragazzi coinvolti nelle attività proposte dal progetto n. 80 Rapporto educatori / utenti: n. 1 educatore ogni n. 2 ragazzi Personale educativo impiegato - Coordinatore... n. 3 - Operatori professionali (retribuiti)... n. 1 - Volontari... n. 99

12 - Insegnanti o ex-insegnanti 99 - Religiosi... n. - Studenti p tirocinanti... n. - Giovani in Servizio Civile... n. Autopresentazione Le azioni relative al Progetto Insieme per non sono esclusivamente indirizzate all integrazione degli alunni stranieri, ma concorrono alla costruzione di progetti personalizzati per minori in difficoltà. Il Progetto è stato preceduto dalla stipula di una Convenzione tra il CAF e il Circolo Didattico e dalla stesura di un Protocollo d Intesa con la Comunità Alloggio Il Decollo. Annualmente le Associazioni Solidarietà Scolastica e CAF fanno pervenire alla Referente di Circolo i loro progetti relativi ai bambini stranieri. Da pochi mesi il CAF offre alla Scuola anche l opportunità della rete familiare Il Decollo per l accoglienza dei minori in difficoltà. Sia per le verifiche in itinere, sia per l efficace consolidamento degli interventi, sono previsti incontri tra i Referenti delle Associazioni, la Referente del Circolo e a volte con gli Insegnanti delle équipes coinvolte. Ai bambini stranieri i progetti offrono un supporto scolastico (esecuzione dei compiti assegnati) e la possibilità di partecipare ad attività ludiche e di laboratorio con un gruppo dei pari allargato.

13 Comune sede progetto: Romano di Lombardia AT n Romano di Lombardia Progetto: Progetto "Laboratori dell'extrascuola" di Romano Sede presso Oratori San Filippo Neri e O. Cappuccini Via XXV Aprile 1 e Via G. Crotti 12 Tel e fax Tipologia di progetto extrascuola Solo compiti X Compiti e proposte aggregative integrate Attività aggregative e di socializzazione raccordate al progetto della scuola Altre attività nell extrascuola Soggetto titolare: Associazione Solidarietà Scolastica Soggetto gestore: Associazione CAF Centro Aiuto Famiglia Soggetti partner: Associazione CAF Centro Aiuto Famiglia Oratorio San Filippo Neri e Oratorio dei Cappuccini di Romano Scuole Primarie e Secondarie di 1 grado di Romano Progetto X Nuovo Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: Il progetto si raccorda a X Scuola X Famiglie X Territorio Si rivolge a ragazzi delle scuole X Primarie (Elementari) X Secondarie di 1 grado (Medie Inferiori) Secondarie di 2 grado (Medie Superiori) Accoglie La generalità dei ragazzi X Ragazzi con difficoltà di apprendimento (segnalati in specifico dalla scuola) X Ragazzi stranieri Ragazzi disabili Altro: Accesso al servizio: X Gratuito A pagamento Periodo di funzionamento: X Tutto l anno scolastico Altro periodo: Ragazzi coinvolti nelle attività proposte dal progetto n. 60 Rapporto educatori / utenti: n. 1 educatore ogni n. 8 ragazzi Personale educativo impiegato - Coordinatore... n. 1 - Operatori professionali (retribuiti)... n. 4 - Volontari... n. 20

14 - Insegnanti o ex-insegnanti - Religiosi... n. - Studenti p tirocinanti... n. - Giovani in Servizio Civile... n. Autopresentazione Il Progetto "Laboratori dell'extrascuola" si rivolge a minori stranieri con bisogni di alfabetizzazione culturale e di integrazione sociale e a minori del territorio a rischio di dispersione scolastica, segnalati dalle scuole e dalle realtà oratoriane. Attiva laboratori per il sostegno scolastico e per la realizzazione di percorsi animativi e aggregativi sia all'interno dell'oratorio San Filippo Neri che l'oratorio dei Cappuccini. E'gestito da educatori professionali e da volontari. Crea connessioni con le Istituzioni e le agenzie educative e formative del territorio (UdP, Ufficio interculturalità, il Comune, gli Oratori, le Scuole e le Associazioni), per costruire sensibilizzazioni e azioni comuni a favore dei minori a rischio di insuccesso scolastico e delle loro famiglie in condizione di disorientamento e difficoltà.

15 Comune sede progetto: Romano di Lombardia AT n Romano di Lombardia Progetto: Servizio extrascolastico CAF - InChiostro Sede presso Centro Aiuto alla Famiglia Via G. Crotti 12 Tel fax Tipologia di progetto extrascuola Solo compiti X Compiti e proposte aggregative integrate Attività aggregative e di socializzazione raccordate al progetto della scuola Altre attività nell extrascuola Soggetto titolare: Associazione CAF Centro Aiuto alla Famiglia Onlus Soggetto gestore: Associazione CAF Centro Aiuto Famiglia Soggetti partner: Progetto Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: Il progetto si raccorda a X Scuola X Famiglie X Territorio Si rivolge a ragazzi delle scuole X Primarie (Elementari) X Secondarie di 1 grado (Medie Inferiori) Secondarie di 2 grado (Medie Superiori) Accoglie X La generalità dei ragazzi X Ragazzi con difficoltà di apprendimento (segnalati in specifico dalla scuola) X Ragazzi stranieri Ragazzi disabili X Altro: Bambini della Scuola dell'infanzia Accesso al servizio: Gratuito X A pagamento Periodo di funzionamento: X Tutto l anno scolastico Altro periodo: Ragazzi coinvolti nelle attività proposte dal progetto n. 50 Rapporto educatori / utenti: n. 1 educatore ogni n. 8 ragazzi Personale educativo impiegato - Coordinatore... n. 1 - Operatori professionali (retribuiti)... n. 3 - Volontari... n. 2 - Insegnanti o ex-insegnanti - Religiosi... n. 1

16 - Studenti p tirocinanti... n. - Giovani in Servizio Civile... n. Autopresentazione Servizio didattico di doposcuola, educativo, socializzante, creativo e di gioco che vuole rispondere sempre meglio al bisogno dei genitori di avere dei partner educativi nella gestione del tempo extrascolastico dei propri figli, quando è per loro impossibile la presenza in famiglia durante il giorno; ha la finalità di accogliere bambini/ragazzi con bisogno di socializzazione, integrazione, sostegno scolastico e sperimentazione del sé nel lavoro del piccolo gruppo, attraverso le diverse opportunità che il servizio stesso offre, nello specifico: prescuola - refezione educativa doposcuola laboratorio attività socializzanti e di integrazione - gioco.

Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: 2002-2003

Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: 2002-2003 Comune sede progetto: Bolgare AT n. 4 - Grumello Progetto: Spazio Gioco Cerchio dei Piccoli Sede presso Sala polivalente Tel. fax e-mail Tipologia di progetto extrascuola Solo compiti X Compiti e proposte

Dettagli

X Nuovo Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno:

X Nuovo Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: Comune sede progetto: Almè AT n. 11 - Valle Imagna e Villa d'almè Progetto: Giochiamo e compitiamo: compiti, giochi e non solo Sede presso Oratorio di Almè Tel. fax e-mail Tipologia di progetto extrascuola

Dettagli

Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: 2000-2001. Il progetto si raccorda a Scuola X Famiglie Territorio

Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: 2000-2001. Il progetto si raccorda a Scuola X Famiglie Territorio Comune sede progetto: Bianzano AT n. 5 - Val Cavallina Progetto: Spazio compiti - Spazio giochi - Spazio Medie Sede presso Scuola Primaria Via degli orti Tel. 035 814015 fax 035 816556 e-mail Tipologia

Dettagli

Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: 2000-2001

Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: 2000-2001 Comune sede progetto: Bergamo AT n. 1 - Bergamo Progetto: Aggregazione e contrasto alla dispersione scolastica Sede presso Oratorio Seminarino Via Tassis 12 Tel. 035 247478 fax e-mail dongianlucabre@virgilio.it

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

UN ANNO PER CRESCERE INSIEME

UN ANNO PER CRESCERE INSIEME TITOLO DEL PROGETTO: UN ANNO PER CRESCERE INSIEME SETTORE E AREA D INTERVENTO Assistenza - Minori LUOGO DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ENTE TITOLARE DEL PROGETTO COMUNE INDIRIZZO CODICE SEDE ATTUAZIONE

Dettagli

giovani l opportunità di un sereno e armonioso sviluppo;

giovani l opportunità di un sereno e armonioso sviluppo; Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Protocollo d Intesa tra MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER LO STUDENTE e CSI CENTRO SPORTIVO ITALIANO

Dettagli

COOPERAZIONEFAMIGLIE

COOPERAZIONEFAMIGLIE COOPERAZIONEFAMIGLIE Chi siamo La Cooperativa Sociale CAF nasce nel 2011 a Romano di Lombardia ( BG ) dalla filiazione dell Associazione di Volontariato Sociale CAF Centro Aiuto Famiglia, sorta nel 1986,

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Foscolo- Altamura Via C. Baffi, 2/4-71100 Foggia Tel. 0881.743522 - Fax. 0881/712334

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Foscolo- Altamura Via C. Baffi, 2/4-71100 Foggia Tel. 0881.743522 - Fax. 0881/712334 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Foscolo- Altamura Via C. Baffi, 2/4-71100 Foggia Tel. 0881.743522 - Fax. 0881/712334 Cod. Meccanografico FGMM01100G - Cod.Fisc. 80030630711 smsfoscolofg@tiscali.it PROTOCOLLO

Dettagli

Si ricorda che: SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

Si ricorda che: SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Si ricorda che: - LA DOMANDA DI SERVIZIO CIVILE VA INVIATA A : PER LA SEDE DI SASSARI: COSPES SALESIANI SARDEGNA VIA DE MARTINI N. 18 07040 SASSARI (SS) PER LA SEDE DI CAGLIARI: PARROCCHIA S. PAOLO, PIAZZA

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Progetto Scuola: «TUTTI FUORI!»

Progetto Scuola: «TUTTI FUORI!» Roma, settembre 2013 IL DIRETTORE Agli Insegnanti di Religione Cattolica e agli Insegnanti cattolici di ogni disciplina delle scuole statali e paritarie Secondarie di II grado di ROMA Carissima/o, in considerazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO Anno scolastico 2010/11 1 PROGETTO PER IL QUALE SI RICHIEDE IL FINANZIAMENTO PER L ANNO SCOLASTICO

Dettagli

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI ASSOCIAZIONE INTERCULTURALE NARRAMONDI onlus Sede Legale: Via L. Settembrini, n 14 90145 Palermo Via Mario Rapisardi n 68/A 90144 Palermo Codice Fiscale: 97148690825 Partita IVA: 05187110829 telefono e

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali CognomeNome Indirizzo ROMANO ROBERTO C.so Allamano 40/5U 10136 Torino Telefono 011/95.91.840 Mobile: 329/26.36.166 Fax E-mail roberto.romano100@gmail.com

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Progetto DopolaScuola Presentazione Esiti 1 fase. Caregivers e percezione del bisogno formativo dei soggetti dagli 11 ai 14 anni. Legnano, 09.10.

Progetto DopolaScuola Presentazione Esiti 1 fase. Caregivers e percezione del bisogno formativo dei soggetti dagli 11 ai 14 anni. Legnano, 09.10. Presentazione Esiti 1 fase Caregivers e percezione del bisogno formativo dei soggetti dagli 11 ai 14 anni Legnano, 09.10.2014 Obiettivi dell'incontro Presentare gli esiti della prima fase di analisi Attivare

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il : Cooperativa Nuova Generazione Via P. Mattarella snc 90019 Trabia (PA) P.IVA 02732380825

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE Obiettivi del Produrre un miglioramento nella condizione di vita delle famiglie in situazione di difficoltà che abitano il

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO SANTARCANGELO DI ROMAGNA. IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura di Barbara Tosi

DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO SANTARCANGELO DI ROMAGNA. IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura di Barbara Tosi DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO SANTARCANGELO DI ROMAGNA IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura di Barbara Tosi PREMESSA L impegno che oggi è richiesto ad ogni cittadino della Terra,

Dettagli

Pensare le difficoltà, il disagio, lo svantaggio la disabilità

Pensare le difficoltà, il disagio, lo svantaggio la disabilità Pensare le difficoltà, il disagio, lo svantaggio la disabilità MOTIVAZIONI DEL PROGETTO La scuola in quanto agenzia educativa è l Istituzione che deve farsi garante del diritto all educazione e al successo

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PIAZZA S. COLOMBANO, 5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA FINALITA Questo documento contiene informazioni, principi, criteri ed indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per l inclusione degli alunni

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI INDICE: PREMESSA 1. FINALITA 2. CONTENUTI 3. LA COMMISSIONE ACCOGLIENZA 4. PRIMA FASE DI ACCOGLIENZA

Dettagli

Protocollo per l accoglienza degli alunni stranieri

Protocollo per l accoglienza degli alunni stranieri LICEO G. MARCONI San Miniato Pisa Protocollo per l accoglienza degli alunni stranieri Questo documento intende presentare una modalità corretta e pianificata con la quale affrontare e facilitare l inserimento

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo passo PREMESSA Questo documento denominato

Dettagli

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 ANALISI DELLA SITUAZIONE/DELLE SITUAZIONI SPECIFICHE CUI SI RIVOLGE IL PROGETTO Per quanto concerne le

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE Servizio Progetti alla Persona Aias di Milano Onlus Vigevano, 25 settembre 2009 Settembre 2001 In convenzione con il Comune di San Donato avvio del Progetto di coordinamento,

Dettagli

PROGETTO "Diversità e inclusione"

PROGETTO Diversità e inclusione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO CERVARO Corso della Repubblica, 23 (Fr) Tel. 0776/367013 - Fax 0776366759 - e-mail:fric843003@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo NORD 2 - Brescia Via Costalunga, 15-25123 BRESCIA Cod. Min. BSIC88400D - Cod.Fisc. 80049710173 Tel.030307858-0308379448-9

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM!

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! Premessa Provaci ancora Sam! è un Progetto integrato e interistituzionale

Dettagli

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI STRANIERI Anno Scolastico 2008 2009 (confermato e inserito nel POF 2012/13) PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI STRANIERI LINEE GUIDA PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA Cos'è Il Protocollo d'accoglienza è un documento con

Dettagli

P i a n A n n u a l e

P i a n A n n u a l e ISTITUTO COMPRENSIVO VADO - MONZUNO P i a n o A n n u a l e dell Inclusività ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Quadro di sintesi delle risorse a disposizione della scuola : Risorse di personale : Dirigente Scolastico,

Dettagli

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO SERVIZI RESIDENZIALI I SERVIZI DI PRONTA ACCOGLIENZA: IL CENTRO PER L INFANZIA IL CENTRO DI PRONTA ACCOGLIENZA Il Centro per l Infanzia accoglie bambini

Dettagli

SCHEDA 1 L ASSOCIAZIONE

SCHEDA 1 L ASSOCIAZIONE SCHEDA 1 L ASSOCIAZIONE L associazione Fabbrica dei Sogni si può definire come il punto di arrivo di un percorso iniziato nell anno 2000 all interno della Comunità del Centro giovanile S. Giorgio di Bergamo,

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA COMUNE DIOCESI di PADOVA

PROTOCOLLO D'INTESA COMUNE DIOCESI di PADOVA PROTOCOLLO D'INTESA COMUNE DIOCESI di PADOVA 1 PROTOCOLLO D'INTESA TRA: Il Comune di Padova, in seguito denominato Comune, con sede a Padova, in via del Municipio n. 1, C.F. 00644060287, e in particolare:

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 NOME PROGETTO: PER UNA SCUOLA DELL INCLUSIONE 2014 AMBITO D INTERVENTO: Assistenza scolastica agli alunni diversamente abili AMBITO TERRITORIALE: I volontari svolgeranno

Dettagli

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Progetto UN MODELLO D INCLUSIONE SCOLASTICA DEL BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI

Progetto UN MODELLO D INCLUSIONE SCOLASTICA DEL BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI Progetto UN MODELLO D INCLUSIONE SCOLASTICA DEL BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI Associazione Uniti per Crescere Onlus Anno scolastico 2015-2016 CON IL PATROCINIO: COMUNE DI PADOVA Titolo del Progetto:

Dettagli

Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni, via Castellino da Castello, 10, Milano

Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni, via Castellino da Castello, 10, Milano Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni, via Castellino da Castello, 10, Milano Scuole primarie Rinnovata Pizzigoni, Dante Alighieri, scuola secondaria di primo grado Puecher PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Dettagli

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO Un ponte per unire: in viaggio con Ulisse SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA- SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Venite

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso 11/11/12 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH dell'i.c.di Belgioioso 1 FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche

Dettagli

PROGETTO DI SINGOLA SCUOLA PROGETTO DI RETI DI SCUOLE PROGETTO IN RETE CON ALTRI SOGGETTI SCUOLA CAPOFILA DI RETE

PROGETTO DI SINGOLA SCUOLA PROGETTO DI RETI DI SCUOLE PROGETTO IN RETE CON ALTRI SOGGETTI SCUOLA CAPOFILA DI RETE PROGETTO n. 1: RETE CON LO SPORTELLO SCUOLA PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI DI VERDELLINO E CON GLI ENTI LOCALI DEL TERRITORIO (PIANO DI ZONA L.328/2000) A- PROGETTUALITÀ DELL ISTITUTO PROGETTO

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

Scheda Anagrafica Istituto

Scheda Anagrafica Istituto Chi siamo Denominazione Codice meccanografico della sede centrale "FERRARIS" PALMI RCIS021002 Indirizzo Scuola Agraria 89015 Palmi Dirigente Scolastico Caccamo Libero Carmelo Provincia RC Telefono 096646013

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE CENTRO DI ALFABETIZZAZIONE IN ITALIANO L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria di II grado Scuola Secondaria di I grado Scuola

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 Il programma annuale è direttamente raccordato al Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) e traduce, in

Dettagli

Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2013/2014 Approvato nel Collegio dei Docenti del 13 giugno 2014 1 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

I percorsi con la scuola dei bambini e dei ragazzi adottati e delle loro famiglie

I percorsi con la scuola dei bambini e dei ragazzi adottati e delle loro famiglie L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola I percorsi con la scuola dei bambini e dei ragazzi adottati e delle loro famiglie 1 Adottare

Dettagli

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente Formulario Allegato 2 1. Dati sul soggetto richiedente - Denominazione Associazione Rimettere le ali Onlus - Data costituzione 14 Aprile 2011 - Codice Fiscale 97650020585 - P.IVA _12112461004 (se in possesso)

Dettagli

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE Prof. Federico VILARDO La Funzione Strumentale Area 6 si pone come OBIETTIVO GENERALE quello di migliorare

Dettagli

Casella di posta elettronica (PEC): apic83600e@pec.istruzione.it. Istituto Comprensivo Statale n. 1 PORTO SANT ELPIDIO (FM) a.s.

Casella di posta elettronica (PEC): apic83600e@pec.istruzione.it. Istituto Comprensivo Statale n. 1 PORTO SANT ELPIDIO (FM) a.s. ' ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE N. 1 DI PORTO SANT ELPIDIO Via Fontanella, 2 PORTO SANT ELPIDIO (FM) Tel. 0734/992287 - C.F. 90055060447 e-mail:apic83600e@istruzione.it Fax : 0734/801181 URL:www. primocircolopse.it/isc1pse

Dettagli

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI IL RUOLO DELLA SCUOLA Dr.sa Laura Pedrinelli Carrara Dalla percezione del disagio a scuola al modello di intervento Dott.sa Laura Pedrinelli Carrara

Dettagli

PREMESSA disagio scolastico Difficoltà di apprendimento Difficoltà relazionali/emozionali Apatia FINALITA OBIETTIVI

PREMESSA disagio scolastico Difficoltà di apprendimento Difficoltà relazionali/emozionali Apatia FINALITA OBIETTIVI DISAGIO 0 PREMESSA La scuola ha il compito di creare le condizioni che favoriscano nell alunno la costruzione di un immagine positiva di sé poiché l esperienza scolastica riveste un ruolo importante per

Dettagli

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Scheda progetto Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Il progetto si sviluppa in otto comuni delle province di Bergamo e Brescia. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Padova, 01 settembre 2011 Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Il Punto di Ascolto attivo ormai da quattro anni presso l Ufficio Scolastico Territoriale di Padova, coordinato

Dettagli

Oratorio San Giovanni Vicolo Due torri, 5-25122 Brescia 030280305 - sangiovanniev@libero.it

Oratorio San Giovanni Vicolo Due torri, 5-25122 Brescia 030280305 - sangiovanniev@libero.it CAg 2Torri Oratorio S. Giovanni il progetto Oratorio San Giovanni Vicolo Due torri, 5-25122 Brescia 030280305 - sangiovanniev@libero.it La storia Il Centro di Aggregazione Giovanile (CAG) Due torri è un

Dettagli

PROGETTO ALUNNI IMMIGRATI ANNO SCOLASTICO 2010-2011. AREE A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO Art. 9 CCNL Comparto Scuola 2006/09

PROGETTO ALUNNI IMMIGRATI ANNO SCOLASTICO 2010-2011. AREE A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO Art. 9 CCNL Comparto Scuola 2006/09 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TOSCANINI Piazza Trattati di Roma 1957 n.5-21011 CASORATE SEMPIONE (VA) Tel.0331/296182 Fax 0331/295563 E-mail: comprensivocasoratebesnate@ictoscanini.it PROGETTO ALUNNI IMMIGRATI

Dettagli

COMUNE DI REGGELLO (Provincia di Firenze)

COMUNE DI REGGELLO (Provincia di Firenze) GARA D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI SCOLASTICI DI PRE SCUOLA E POST SCUOLA 4.09.20-30.06.204 CIG. 3570808D3 ALLEGATO DESCRIZIONE SERVIZI PRE E POST SCUOLA E SITUAZIONE A.S. 20/202

Dettagli

e ilgioco com inciò..

e ilgioco com inciò.. e ilgioco com inciò.. PROGETTO EDUCATIVO 1.1 PRESENTAZIONE GENERALE Il progetto CRD si rivolge a bambini/e e ragazzi/e della scuola primaria e secondaria di primo grado del paese con attività diurne presso

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO : voce 4 Percorsi Paralleli ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e AREA DI INTERVENTO voce 5 : Settore Educazione e Promozione culturale Area di Intervento : Centri di

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA U FFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA L'inserimento delle/degli studenti diversamente abili nelle classi è finalizzato alla piena integrazione di

Dettagli

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare A cura di Dr.ssa BOVE Daniela Laura Cooperativa Sociale AMANI Comune di Brindisi Roma, 18 Gennaio 2010 cambiamenti

Dettagli

Sviluppo di comunità

Sviluppo di comunità Sviluppo di comunità Rendere la comunità locale un attore del cambiamento sociale S e per comunità si intende un gruppo sociale (comunità locale, scuola, organizzazione, associazione), nel quale relazioni,

Dettagli

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA 2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA Il nostro impianto educativo vuol porre al centro la ricerca del sé nella scoperta della necessità dell altro. Noi siamo tutti gli altri che abbiamo incontrato

Dettagli

V. Attività formative per una didattica inclusiva

V. Attività formative per una didattica inclusiva V. Attività formative per una didattica inclusiva a. Bisogni Educativi Speciali (BES) Una scuola che include è una scuola che pensa e che progetta pensando a tutti. Una scuola inclusiva è una scuola che

Dettagli

Direzione Didattica Statale di Caluso. Protocollo d accoglienza per alunni stranieri.

Direzione Didattica Statale di Caluso. Protocollo d accoglienza per alunni stranieri. Direzione Didattica Statale di Caluso Protocollo d accoglienza per alunni stranieri. 1 Indice Premessa Finalità Contenuti Prima fase di accoglienza : - domanda di iscrizione; - compiti della segreteria.

Dettagli

ASSOCIAZIONE CASA DELLA COMUNITA SPERANZA

ASSOCIAZIONE CASA DELLA COMUNITA SPERANZA PRESENTAZIONE ASSOCIAZIONE L Associazione Casa della Comunità Speranza, nasce dalla sinergia di volontari che da anni supportarono la Provincia Italiana dell Istituto delle Suore Francescane Missionarie

Dettagli

LE RETI LA COOPERAZIONE CON IL TERRITORIO

LE RETI LA COOPERAZIONE CON IL TERRITORIO LE RETI LA COOPERAZIONE CON IL TERRITORIO Le Reti favoriscono meccanismi di scambio finalizzati alla cooperazione con il territorio, con le altre agenzie formative e le strutture amministrative attraverso

Dettagli

PROGETTO: ENTE PROPONENTE IL PROGETTO, DOVE PRESENTARE LA DOMANDA

PROGETTO: ENTE PROPONENTE IL PROGETTO, DOVE PRESENTARE LA DOMANDA PROGETTO: ENTE PROPONENTE IL PROGETTO, DOVE PRESENTARE LA DOMANDA Segreteria Servizio Civile Salesiano Piemonte e Valle d Aosta Via Maria Ausiliatrice 32-10152 Torino Tel. 011/52.24.720 Fax 011/52.24.665

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli

ALLEGATO A) all'avviso LINEE GUIDA DEL PROGETTO EDUCATIVO CRESCERE NEL CENTRO

ALLEGATO A) all'avviso LINEE GUIDA DEL PROGETTO EDUCATIVO CRESCERE NEL CENTRO ALLEGATO A) all'avviso LINEE GUIDA DEL PROGETTO EDUCATIVO CRESCERE NEL CENTRO 1. Premessa Il Comune di Forlì, in relazione al proprio ruolo di promozione e governo del sistema territoriale integrato dei

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI SOMMARIO 1. Premessa 2. Finalità 3. Valutazione 4. Strumenti e risorse 5. Fasi e modalità di lavoro 6. Commissione Accoglienza- Intercultura 7. Piano organico

Dettagli

LUDOTECA Equilibrio Art. 1 Definizione e Finalità Art. 2 Ammissione

LUDOTECA Equilibrio Art. 1 Definizione e Finalità Art. 2 Ammissione LUDOTECA Equilibrio Art. 1 Definizione e Finalità La ludoteca, sia pubblica che privata, si configura come un luogo finalizzato alla promozione e alla diffusione della cultura del gioco. La ludoteca in

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore "Giovanni Maria Sforza" PALAGIANO (TA)

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza PALAGIANO (TA) Istituto di Istruzione Secondaria Superiore "Giovanni Maria Sforza" PALAGIANO (TA) con Sede Coordinata di Palagianello PROGETTO ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Anno scolastico /14 versione definitiva Premessa

Dettagli

Protocollo Accoglienza Alunni Stranieri

Protocollo Accoglienza Alunni Stranieri Protocollo Accoglienza Alunni Stranieri Proposta di lavoro ed intervento a cura del Gruppo Provinciale dei Referenti per Intecultura e l Integrazione degli Alunni Stranieri Scuola Secondaria di 2 grado

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico 2015-2016

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico 2015-2016 Finalità della Scuola del primo ciclo Compito fondamentale della scuola del primo ciclo d istruzione, che comprende la Scuola Primaria e la Scuola Secondaria di primo grado, è la promozione del pieno sviluppo

Dettagli