Relazione Finanziaria Annuale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione Finanziaria Annuale"

Transcript

1 Relazione Finanziaria Annuale Al 31 dicembre Esercizio

2 Relazione Finanziaria Annuale Al 31 dicembre 2012

3

4 3 Assemblea degli Azionisti I signori Azionisti sono convocati in assemblea ordinaria presso il Centro Congressi Lingotto in Torino, via Nizza n. 280, per le ore 11 del 9 aprile 2013 in unica convocazione per deliberare sul seguente: Ordine del giorno 1. Proposta di approvazione del Bilancio al 31 dicembre 2012 e destinazione del risultato di esercizio; 2. Remunerazioni e azioni proprie: a) Politica in materia di remunerazione ai sensi dell articolo 123-ter del D.Lgs. 58/98; b) Autorizzazione all acquisto ed alla disponibilità di azioni proprie. Partecipazione e rappresentanza in Assemblea Sono legittimati a intervenire all assemblea coloro che risulteranno titolari di diritto di voto al termine della giornata contabile del 27 marzo 2013 (record date) e per i quali sia pervenuta alla Società la relativa comunicazione effettuata dall intermediario abilitato. Ogni legittimato ad intervenire potrà farsi rappresentare in assemblea ai sensi di legge mediante delega. La Società ha designato, ai sensi dell art. 135-undecies del D.Lgs. 58/98, la Servizio Titoli S.p.A. quale rappresentante a cui i titolari di diritto di voto potranno conferire, entro il 5 aprile 2013, una delega con istruzioni di voto su tutte o alcune delle proposte all ordine del giorno. I moduli da utilizzare per il conferimento delle deleghe sono disponibili sul sito internet della Società (sezione Investor Relations/Info per gli Azionisti/Assemblee degli Azionisti) e saranno inviati a coloro che ne faranno richiesta al n.ro Documentazione e informazioni L Avviso di convocazione, reperibile nel sito internet (sezione Investor Relations/Info per gli Azionisti/Assemblee degli Azionisti) contiene tutte le informazioni e le istruzioni di dettaglio sui diritti esercitabili dagli Azionisti. La relazione finanziaria annuale e la relazione sulla corporate governance sono disponibili presso la sede sociale e nel menzionato sito internet della Società; le relazioni relative agli ulteriori argomenti all ordine del giorno con le relative proposte di deliberazione, verranno messe a disposizione del pubblico presso la sede sociale e pubblicate nel citato sito internet della Società entro i rispettivi termini di legge.

5 4 Indice Indice Organi di Amministrazione e Controllo Lettera del Presidente e dell Amministratore Delegato Il Gruppo in sintesi Highlights Il Gruppo nel mondo I marchi Azionisti I fatti salienti del 2012 Un Gruppo globale e responsabile Relazione sulla gestione Principali rischi e incertezze cui Fiat S.p.A. e le sue controllate sono esposte Analisi della situazione economico-finanziaria del Gruppo Andamento della gestione nei Settori di Attività Marchi generalisti (Nafta, Latam, Apac, Emea) Marchi di lusso e sportivi (Ferrari, Maserati) Componenti e sistemi di produzione (Magneti Marelli, Teksid, Comau) Sostenibilità Governance della sostenibilità e stakeholder Ricerca, innovazione e mobilità sostenibile Performance ambientali delle fabbriche e dei processi non produttivi Dipendenti e comunità Corporate Governance Rapporti infragruppo e con parti correlate Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura dell esercizio ed evoluzione prevedibile della gestione Situazione economico-finanziaria della Fiat S.p.A. Proposta di approvazione del Bilancio e di destinazione del risultato di esercizio 2012 Gruppo Fiat Bilancio consolidato al 31 dicembre 2012 Conto economico consolidato Conto economico complessivo consolidato Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata Rendiconto finanziario consolidato Variazioni del Patrimonio netto consolidato Conto economico consolidato ai sensi della Delibera Consob n del 27 luglio 2006 Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata ai sensi della Delibera Consob n del 27 luglio 2006 Rendiconto finanziario consolidato ai sensi della Delibera Consob n del 27 luglio 2006 Nota integrativa al Bilancio consolidato Appendice I - Le Imprese del Gruppo Fiat al 31 dicembre 2012 Appendice II - Informazioni ai sensi dell art. 149-duodecies del Regolamento Emittenti Consob Attestazione del Bilancio consolidato ai sensi dell art. 154 bis del D.Lgs. 58/98

6 Fiat S.P.A. Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012 Conto economico Conto economico complessivo Situazione patrimoniale-finanziaria Rendiconto finanziario Variazioni del patrimonio netto Conto economico ai sensi della Delibera Consob n del 27 luglio 2006 Situazione patrimoniale-finanziaria ai sensi della Delibera Consob n del 27 luglio 2006 Rendiconto finanziario ai sensi della Delibera Consob n del 27 luglio 2006 Nota integrativa al Bilancio d esercizio Appendice Informazioni ai sensi dell art. 149-duodecies del Regolamento Emittenti Consob Attestazione del Bilancio d esercizio ai sensi dell art. 154 bis del D.Lgs. 58/ Relazioni e proposte all Assemblea Relazioni della società di revisione Relazioni del collegio sindacale Relazioni e proposte sugli argomenti all ordine del giorno Nel seguente documento con i termini Gruppo Chrysler o Chrysler si intende il gruppo costituito dalla società Chrysler Group LLC e dalle sue controllate dirette e indirette. Parimenti con i termini Fiat, Gruppo Fiat o Gruppo si intende il gruppo costituito dalla Fiat S.p.A. e dalle sue controllate dirette e indirette, tra le quali, a decorrere dal 1 giugno 2011 è inclusa anche la Chrysler Group LLC con le società da essa controllate.

7 6 Organi di Amministrazione e Controllo Organi di Amministrazione e Controllo Consiglio di Amministrazione Collegio Sindacale Presidente John Elkann (1) Amministratore Delegato Sergio Marchionne Consiglieri Andrea Agnelli Joyce Victoria Bigio (1)(2) Tiberto Brandolini d Adda René Carron (2)(3) Luca Cordero di Montezemolo Gian Maria Gros-Pietro (2)(3) Patience Wheatcroft (1)(3) Sindaci Effettivi Ignazio Carbone Presidente Lionello Jona Celesia Piero Locatelli Sindaci Supplenti Lucio Pasquini Fabrizio Mosca Corrado Gatti Società di Revisione Reconta Ernst & Young S.p.A. (1) Componente del Comitato Nomine, Corporate Governance e Sostenibilità. (2) Componente del Comitato Controllo e Rischi. (3) Componente del Comitato Remunerazioni.

8

9 8 Lettera del Presidente e dell Amministratore Delegato Lettera del Presidente Signori Azionisti, Grazie all integrazione con Chrysler, siamo ora capillarmente presenti in tutte e quattro le grandi aree economiche mondiali, con una gamma completa di modelli sono felice di presentarvi il bilancio di un Gruppo che nel 2012 ha saputo raggiungere o superare tutti gli obiettivi che si era posto. I ricavi hanno sfiorato gli 84 miliardi di euro, mentre l utile della gestione ordinaria ha raggiunto i 3,8 miliardi di euro. Le consegne di automobili e veicoli commerciali in tutto il mondo sono state superiori a 4 milioni. Guardando oltre alle cifre, c è un dato che spicca su tutti: la crescita conseguita non poggia su un unico mercato, né su un solo segmento. Grazie all integrazione con Chrysler, siamo ora capillarmente presenti in tutte e quattro le grandi aree economiche mondiali, con una gamma completa di modelli. In questa completezza c è la forza del nostro Gruppo: è come avere quattro ruote motrici al posto di due. Lo si è visto bene in questi mesi, segnati da una profonda crisi del mercato europeo: nonostante il calo delle immatricolazioni nel Vecchio Continente, che è tornato ai livelli del 1996, Fiat-Chrysler nel complesso è riuscita a migliorare la propria performance, grazie al positivo andamento delle attività nelle Americhe e in Asia. La strategia annunciata alla fine dell anno, che punta a valorizzare marchi premium come Jeep, Maserati e Alfa Romeo, non rappresenta solo una risposta alla difficile contingenza dell area europea, ma guarda anche oltre. Essa risponde infatti al nostro obiettivo di utilizzare al meglio le potenzialità di cui dispone il Gruppo, a partire dal suo patrimonio di capacità tecnologiche e stilistiche, per sostenere programmi di crescita ambiziosi in tutto il mondo. La Relazione Finanziaria di quest anno contiene inoltre una novità, che desidero portare alla vostra attenzione: a conferma dell importanza che le tematiche sulla crescita responsabile rivestono per il nostro Gruppo, abbiamo deciso di arricchire questo volume con una più ampia sezione dedicata alla sostenibilità. L obiettivo è quello di rendere ancor più esaustiva la comunicazione verso gli stakeholder in un percorso che porterà progressivamente verso una rendicontazione integrata, capace di rappresentare le necessarie connessioni tra le dimensioni economica, ambientale e sociale. È con questa prospettiva che intendiamo continuare a crescere, cogliendo con determinazione e impegno nuove opportunità di sviluppo ovunque si presentino. /f/ John Elkann IL PRESIDENTE John Elkann

10 9 Lettera dell Amministratore Delegato Signori Azionisti, il bilancio del 2012 è il primo nel quale i risultati del gruppo Chrysler sono stati consolidati per l intero anno, mettendo quindi in evidenza i primi frutti della nostra alleanza. Il lavoro che è stato fatto negli ultimi tre anni e mezzo tra Fiat e Chrysler, per condividere e integrare le migliori competenze e le rispettive esperienze e tradizioni, è oggi visibile tanto sul piano economico-finanziaro quanto a livello commerciale, industriale e culturale. Insieme, siamo ormai il settimo costruttore di automobili al mondo. Nel corso del 2012, abbiamo compiuto significativi progressi riguardo l ulteriore convergenza di prodotti-chiave sulle tre principali architetture globali del Gruppo con il lancio della Fiat Panda e della 500L in Europa (EMEA), della Dodge Dart in Nord America (NAFTA) e della Fiat Viaggio in Asia-Pacifico (APAC). Grazie alla presenza globale che abbiamo conseguito e alla ricchezza di risorse e talenti, possiamo finalmente confrontarci con i migliori concorrenti. I risultati del 2012, con tutti gli obiettivi raggiunti o superati, parlano di un gruppo globale, focalizzato sulla crescita dei volumi e della redditività. Nel complesso, i ricavi sono aumentati del 12 per cento, raggiungendo 84 miliardi di euro e l utile della gestione ordinaria è stato di 3,8 miliardi di euro, che rappresenta il risultato più alto nella storia del Gruppo. L utile netto è di 1,4 miliardi di euro e la liquidità disponibile, pari a 20,8 miliardi di euro, è rimasta robusta. Abbiamo conseguito questi risultati malgrado le condizioni dell Europa, dove la prolungata contrazione del settore automobilistico, per il quinto anno consecutivo, è stata accentuata da una più ampia crisi economica. I solidi risultati economici e commerciali ottenuti dai nostri marchi generalisti in tutte le altre aree geografiche in cui operiamo ci hanno permesso di minimizzare l impatto del calo dei volumi e della perdita operativa in EMEA. Parallelamente, è proseguita la crescita dei marchi di lusso e sportivi e anche il business della componentistica ha contribuito in modo positivo. In NAFTA le nostre vendite sono aumentate ad un ritmo superiore a qualunque altro costruttore americano. Negli Stati Uniti, con la fine del 2012 abbiamo messo a segno 33 mesi di crescita consecutiva, mentre in Canada siamo vicini alla meta di diventare il primo costruttore del Paese. Grazie alla presenza globale che abbiamo conseguito e alla ricchezza di risorse e talenti, possiamo finalmente confrontarci con i migliori concorrenti

11 10 Lettera del Presidente e dell Amministratore Delegato L utile della gestione ordinaria della region è cresciuto del 59% rispetto all anno precedente, attestandosi a 2,7 miliardi di euro. In America Latina (LATAM) il Gruppo ha registrato un altro anno di solide performance con un risultato della gestione ordinaria a 1,1 miliardi di euro e un margine operativo a doppia cifra. Abbiamo saputo trarre vantaggio dal contesto favorevole, in particolare nel secondo semestre, facendo meglio del mercato e chiudendo l anno con volumi di vendita record, mai raggiunti prima d ora nella pur lunga storia di successo della Fiat in Sud America. In Brasile, in particolare, abbiamo guadagnato un punto percentuale pieno di quota di mercato, rafforzando ulteriormente una posizione di leadership detenuta per undici anni. Nell area APAC, a fronte di una domanda in crescita in quasi tutti i nostri mercati di riferimento, abbiamo realizzato una significativa performance, con ricavi cresciuti del 50% e risultato della gestione ordinaria quasi raddoppiato rispetto al In Cina, in particolare, abbiamo inaugurato lo stabilimento di Changsha, avviando la produzione locale della Fiat Viaggio, che rappresenta solo il primo passo della nostra strategia di espansione nel più grande mercato automobilistico del mondo. In India abbiamo intrapreso alcune iniziative per rafforzare la nostra presenza, tra cui la costituzione di una società di distribuzione del Gruppo per assumere la gestione diretta delle nostre attività commerciali e riorganizzare la rete di vendita. Dietro questi risultati c è l essenza di quello che Fiat e Chrysler sono oggi. Un gruppo forte e competitivo, con una disponibilità di tecnologia tra le più innovative ed una gamma di prodotti tra le più ampie. Un gruppo flessibile e comunque compatto, solido e capace di affrontare i mutamenti inattesi delle condizioni di mercato, la cui presenza globale riduce il rischio di eccessiva dipendenza da un singolo mercato o area geografica. Un gruppo che trae la propria forza dalla diversità di talento, esperienza e cultura delle proprie persone: persone che lavorano ogni giorno con lo sguardo rivolto al futuro e con la determinazione che li caratterizza come leader. Il 2012 si è chiuso con un senso di soddisfazione per i traguardi raggiunti e per il supporto che essi ci forniscono nella successiva fase di sviluppo. Nello stesso tempo siamo consapevoli dell urgenza, perché sappiamo che è solo l inizio. In Europa abbiamo parzialmente riorientato la nostra strategia in risposta alle attuali difficoltà del mercato e alle tendenze in atto nella domanda e nelle preferenze dei clienti. Come annunciato il 30 ottobre 2012, intendiamo sfruttare il potenziale dei nostri marchi di lusso e sportivi per espanderci nella fascia più alta e remunerativa del mercato e accrescere progressivamente l utilizzo della base produttiva del Gruppo in EMEA per sviluppare i nostri marchi globali: Alfa Romeo, Maserati, Jeep e i modelli chiave del brand Fiat derivati dalla famiglia della 500 e dalla Panda. È una scelta strategica che possiamo perseguire non soltanto per il prestigio e la qualità associati a marchi come Ferrari, Maserati e Alfa Romeo ma anche in virtù del modo in cui la Fiat si è trasformata grazie all alleanza con Chrysler. Nel corso degli ultimi tre anni, la condivisione di competenze tecnologiche ci ha portati a sviluppare architetture e motori che ci consentono di aggredire il segmento premium permettendoci di indirizzare una parte significativa del nostro portafoglio prodotti verso opportunità con margini superiori. La nostra accresciuta presenza globale ci dà l opportunità di utilizzare parte della nostra eccedenza di capacità produttiva in Europa per coprire le esportazioni verso i mercati extra europei. Tutto ciò ci consentirà di riallocare l attuale capacità in eccesso dal mercato generalista e di raggiungere il pareggio in Europa entro il Si tratta di un processo che è già iniziato con l avvio produttivo della nuova Maserati Quattroporte nello stabilimento Avv. Giovanni Agnelli di Grugliasco, cui seguirà la produzione della Maserati Ghibli nell estate del Sono stati inoltre avviati nello stabilimento di Melfi gli investimenti per installare una nuova piattaforma modulare per la produzione della Fiat 500X e di un nuovo Sport Utility Vehicle del marchio Jeep, entrambi destinati ai mercati mondiali nel Il nostro impegno nelle altre aree geografiche verrà indirizzato a rafforzare il business ed espandere la nostra presenza.

12 11 In NAFTA abbiamo definito un piano ambizioso, con il lancio nel periodo di oltre 50 tra nuovi modelli e aggiornamenti significativi. In LATAM, la priorità è quella di rafforzare la nostra posizione di leadership tramite una maggior diversificazione dell offerta, pur mantenendo una robusta redditività. Tra i futuri impegni, c è lo sviluppo del nuovo polo industriale in Pernambuco, che potrà raggiungere una produzione compresa tra e veicoli l anno e ci permetterà di ampliare la gamma di prodotti a quei segmenti in crescita nel mercato. In APAC abbiamo posto le basi per beneficiare dell aumento della domanda, anche sulla spinta del successo registrato dal marchio Jeep, le cui vendite sono quasi raddoppiate nel 2012 rispetto all anno precedente e hanno rappresentato il 64% delle vendite totali del Gruppo nella region. In Cina, è in corso un piano di sviluppo della rete commerciale che ci porterà a raddoppiare il numero dei concessionari entro la fine del Anche in India stiamo espandendo la nostra rete di vendita indipendente. Per il 2013 ci aspettiamo che le condizioni di mercato in NAFTA, LATAM e APAC continuino a supportare le nostre proiezioni finanziarie. Quanto all Europa il mercato continuerà ad essere caratterizzato da significativi livelli di incertezza. Con l obiettivo di preservare un elevato livello di liquidità e anche considerando che vi sono restrizioni alla possibilità di Chrysler di distribuire dividendi ai propri soci, il Consiglio di Amministrazione ha deciso per il 2012 di non raccomandare la distribuzione di un dividendo alle azioni Fiat. Sulla base del piano aggiornato presentato alla fine del terzo trimestre del 2012, il Gruppo conferma i propri obiettivi per il 2013, con ricavi compresi tra 88 e 92 miliardi di euro, un utile della gestione ordinaria nell intervallo tra 4 e 4,5 miliardi di euro, un utile netto tra 1,2 e 1,5 miliardi di euro e un indebitamento netto industriale di circa 7 miliardi di euro. Lavoreremo per raggiungere questi obiettivi con lo stesso spirito che ci ha guidato finora, con attenzione ai bisogni delle comunità locali e all ambiente, così come all eredità che lasceremo alle generazioni future. Il nostro impegno a operare in modo responsabile e a promuovere un modello di sviluppo sostenibile è parte integrante della tradizione e dei valori del Gruppo e continua ad essere riconosciuto e apprezzato a livello internazionale. Per il quarto anno consecutivo, il Gruppo Fiat è stato incluso nei prestigiosi indici Dow Jones Sustainability World e Europe, ai quali sono ammesse solo le aziende giudicate migliori in termini di performance economica, ambientale e sociale. Inoltre, a conferma degli sforzi fatti nel contrastare i cambiamenti climatici, Fiat è stata ammessa anche nel Carbon Disclosure Leadership Index (CDLI) Italy 100 e nel Carbon Performance Leadership Index (CPLI) Italy 100, raggiungendo la valutazione più alta tra tutte le aziende partecipanti. La nostra filosofia di business, in cui l eccellenza dei prodotti si coniuga ad un modo di agire responsabile, è condivisa e promossa ad ogni livello dell organizzazione. Ogni giorno quasi persone nel mondo mettono in pratica questa filosofia con impegno e dedizione per costruire un Gruppo forte e competitivo, senza perdere di vista l obbligo morale di contribuire al benessere della società nel suo complesso e alla costruzione di un futuro migliore. Il mio ringraziamento va a tutti loro, alle donne e agli uomini del nostro Gruppo, per il loro contributo professionale e personale, per l impegno e la passione che dedicano ogni giorno per creare un futuro migliore. Grazie anche ai nostri azionisti, per averci accompagnati finora nel processo di crescita e trasformazione dell azienda e per continuare a sostenerci nella prossima fase del nostro sviluppo. 20 febbraio 2013 /f/ Sergio Marchionne L AMMINISTRATORE DELEGATO Sergio Marchionne

13

14 Il Gruppo in sintesi Highlights Il Gruppo nel mondo I marchi Azionisti I fatti salienti del 2012 Un Gruppo globale e responsabile xx xx xx xx xx xx

15 14 Il Gruppo in sintesi Highlights Highlights (in milioni di euro) Fiat inclusa Chrysler Fiat esclusa Chrysler Fiat inclusa Chrysler (*) Fiat esclusa Chrysler Fiat (**) Fiat (**) Ricavi netti Utile/(perdita) della gestione ordinaria EBIT (1) EBITDA (2) Utile/(perdita) prima delle imposte (621) Utile/(perdita) dell esercizio (1.041) (345) Attribuibile a: Soci della controllante 348 (1.087) (374) Interessenze di pertinenza di terzi Risultato base per azione ordinaria (in euro) (3) 0,286-1, Risultato diluito per azione ordinaria (in euro) (3) 0,284-1, Investimenti in immobilizzazioni materiali e immateriali di cui: Costi di sviluppo capitalizzati Spesa in Ricerca e Sviluppo (4) Indebitamento netto delle Attività Industriali (*) Inclusa Chrysler da Giugno (**) I dati escludono le attività trasferite a Fiat Industrial con la scissione che ha avuto effetto il 1 gennaio (1) Utile/(Perdita) della gestione ordinaria più proventi ed oneri atipici più risultato partecipazioni. (2) EBIT più Ammortamenti. (3) Per il 2011 il calcolo presuppone la conversione di tutte le azioni privilegiate e di risparmio in azioni ordinarie Fiat S.p.A. dal 1 gennaio 2011, mentre per gli esercizi 2009 e 2010 il dato non è disponibile. Per ulteriori informazioni circa la determinazione del Risultato per azione base e diluito, si rinvia alla Nota 13 della Nota integrativa. (4) Include i costi per Ricerca e Sviluppo capitalizzati e quelli imputati direttamente al conto economico dell esercizio.

16 15 Il Gruppo in sintesi (1) 2010 (2) Dipendenti a fine esercizio (numero) di cui donne (in %) 19,2 17,9 17,8 Ore di formazione (migliaia) Indice di frequenza degli infortuni (nr. infortuni ogni ore lavorate) 0,22 0,28 0,44 Indice di gravità degli infortuni (nr. giorni di assenza dovuti a infortuni ogni ore lavorate) 0,07 0,08 0,13 Consumi energetici degli stabilimenti (3) (TeraJoule - TJ) Emissione di CO 2 degli stabilimenti (3) (migliaia di tonnellate di CO 2 ) Prelievi idrici degli stabilimenti (migliaia di m 3 ) Rifiuti generati dagli stabilimenti (migliaia di tonnellate) Liberalità a favore delle comunità locali (4) (milioni di euro) 20,8 36,5 25,6 Nota: Tutte le informazioni sono sottoposte all attività di verifica, di terza parte indipendente, di SGS Italia S.p.A.: lo scopo di attestazione, la metodologia, le limitazioni e le conclusioni sono riportate nella Lettera di Attestazione rilasciata dall Organismo di Certificazione pubblicata nel Bilancio di Sostenibilità 2012 del Gruppo Fiat. (1) I dati includono Chrysler Group per l intero anno. (2) I dati includono Chrysler Group per l intero anno ed escludono le aziende confluite in Fiat Industrial S.p.A. al 1 gennaio (3) I dati 2010 e 2011 sono stati ricalcolati sulla base del perimetro di rendicontazione relativo al (4) I dati fanno riferimento agli interventi/iniziative a livello globale promosse dal Gruppo per supportare le comunità locali in accordo allo standard London Benchmarking Group (LBG). Dati per area geografica Ricavi per area Dipendenti Stabilimenti Centri di Ricerca e sviluppo di destinazione (*) (in milioni di euro) (numero) (**) Italia Europa esclusa Italia Nord America America Latina Altre aree Totale (*) I ricavi di ciascuna area geografica comprendono anche le vendite dei marchi di Lusso e Sportivi e dei Componenti e Sistemi di Produzione effettuate nell area stessa. (**) Inclusa Chrysler da Giugno 2011.

17 16 Il Gruppo Il Gruppo in sintesi nel mondo Il Gruppo nel mondo Il Gruppo svolge attività industriali e di servizi finanziari nel settore automotive attraverso società localizzate in circa 40 paesi e intrattiene rapporti commerciali con clienti in oltre 140 paesi. Italia Europa esclusa Italia Ricavi per area di destinazione Dipendenti Stabilimenti Centri di ricerca e sviluppo 9% 29% % 12% 33 15

18 Brand Centri di Ricerca e Sviluppo Stabilimenti Dipendenti Il Gruppo in sintesi Nord America America Latina Resto del mondo 54% 34% % 22% % 3% 14 4

19 18 Il Gruppo I marchi in sintesi I marchi Fiat è tra i fondatori dell industria automobilistica europea. In più di un secolo di attività, l azienda ha prodotto quasi 100 milioni di vetture e veicoli commerciali leggeri e per 12 volte i modelli del Gruppo si sono aggiudicati il titolo di Auto dell anno in Europa. Chrysler è uno storico costruttore di automobili americano, nato nel 1925, che focalizzandosi sui valori dell eccellenza tecnica e dell innovazione ha conquistato numerosi primati che hanno segnato la storia dell automobile. Nel 2009 le due aziende hanno dato vita ad un alleanza, sfociata nel 2011 nell acquisizione della maggioranza di Chrysler da parte di Fiat, che ha portato enormi benefici ad entrambe le aziende. Tra questi, l opportunità di raggiungere un adeguata massa critica per ottenere grandi economie di scala; la possibilità di aumentare i volumi associati alle singole piattaforme, in modo da ottenere una adeguata redditività; l occasione di disporre di una gamma completa, unendo la presenza e l esperienza di Fiat nei segmenti bassi e quelle di Chrysler nei segmenti medi e alti. Con l obiettivo di integrare le attività di Fiat e Chrysler, nel 2011 il Gruppo si è data una nuova organizzazione adeguata ad operare in un contesto di mercato globale, strutturando il business auto dei Marchi Generalisti su quattro aree operative regionali: Stati Uniti, Canada e Messico (NAFTA), America Centrale e Meridionale (LATAM), Asia e Stati del Pacifico (APAC), Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA). A queste aree si aggiungono segmenti operativi che operano su scala mondiale: il primo progetta, produce e vende automobili di lusso e sportive (Ferrari e Maserati), mentre il secondo produce e vende componenti e sistemi di produzione per il settore automotive (Magneti Marelli, Teksid e Comau).

20 19 Marchi autoveicolistici Fiat È il simbolo dell auto italiana per eccellenza che punta ad offrire risposte semplici a un bisogno complesso, come la libertà di muoversi con automobili flessibili, divertenti e accessibili nel prezzo. In altre parole, vetture tecnologiche e facili da usare, economiche nell uso quotidiano e nella gestione lungo il ciclo di vita, ricche di soluzioni innovative e con basse emissioni inquinanti e di CO 2. Alfa Romeo Linee fluide ed eleganti richiamano lo spirito sportivo che da sempre caratterizza il brand. La storia del marchio si riflette in ogni vettura e si traduce nel perfetto equilibrio tra emozione, tecnologie all avanguardia, sicurezza, comfort e autentico piacere di guida. Alfa Romeo oggi vuole essere espressione di agilità ed efficienza grazie alla continua ricerca sui materiali leggeri e alle sofisticate tecnologie motoristiche applicate. Garantisce più che mai prestazioni entusiasmanti e bassi costi di gestione riuscendo a emozionare anche nell utilizzo quotidiano. Il Gruppo in sintesi Lancia Una gamma tra le più ampie del panorama internazionale. Una nuova dinastia automobilistica che fonde la passione e l estetica italiane con l energia e la sostanza americane. Questo è Lancia. Style, Substance, Attitude, con un tocco di Italian Essence. Le dimensioni, la personalità, le prestazioni tipicamente americane del marchio Chrysler si fondono con l eleganza, il comfort e l esclusività di Lancia. Da due culture automobilistiche diverse è nata così una nuova gamma di auto che parte dal segmento B per raggiungere quello dei Large MPV, includendo le categorie delle medie, delle ammiraglie e delle convertibili. Modelli esclusivi, capaci di affascinare il più esigente e raffinato dei clienti. Abarth Da sempre Abarth basa la sua filosofia sui concetti di «empowerment, di elaborazione, di trasformazione di ciò che è ordinario in straordinario. Abarth, infatti, è il marchio di Fiat Group Automobiles che ha colto l eredità della leggendaria azienda fondata nel 1949 da Karl Abarth, vero e proprio mito del mondo racing, e che dal 2007 si occupa della produzione e commercializzazione di vetture sportive da utilizzare nella vita di ogni giorno. Fiat Professional Professionisti al servizio di professionisti. Fiat Professional è il brand di Fiat Group Automobiles dedicato ai veicoli commerciali. Un partner per le imprese, grandi e piccole, che mette a loro disposizione una gamma vastissima, perfetta per lavorare e per soddisfare ogni esigenza di trasporto. I veicoli commerciali di Fiat Professional sono stati progettati per contenere consumi e costi di esercizio, massimizzando la redditività.

21 20 Il Gruppo in sintesi I marchi Chrysler Lo spirito del duro lavoro. Guadagnare il proprio posto al mondo senza dimenticare le proprie origini. Ecco cosa sono il marchio Chrysler e i suoi veicoli. Veicoli come l iconica Chrysler 300, la nuova vettura più premiata al mondo. Poi c è la berlina Chrysler 200, che ha ispirato l immagine e l identità del marchio: Imported from Detroit significa qualità di un prodotto d importazione abbinata all orgoglio di comprare Americano. Infine, dalla città che diede al mondo il suo primo minivan, abbiamo preso il miglior esemplare del settore, e best-seller negli USA nel 2010, e l abbiamo ulteriormente migliorato: Chrysler Town & Country. Jeep Il marchio Jeep, con ormai settant anni di storia leggendaria alle spalle, continua a rappresentare un chiaro invito a vivere appieno la vita e offre una gamma completa di veicoli che regalano ai conducenti senso di protezione e sicurezza per affrontare con serenità qualsiasi tipo di avventura. Dal 1941, anno di produzione della prima Jeep, il marchio ha continuato a produrre veicoli unici, versatili e funzionali. Jeep assicura ai suoi clienti un esperienza che nessun altra casa automobilistica è in grado di offrire. Dodge Da quasi cent anni Dodge realizza vetture appassionanti e innovative che si distinguono per prestazioni e stile. Basandosi sul suo ricco patrimonio di auto muscolose, sulla tecnologia derivante dal mondo delle corse e su un brillante engineering, Dodge offre una linea completa di auto, crossover, minivan e SUV costruiti per garantire massime prestazioni in termini di potenza sprigionata e maneggevolezza in curva. Veicoli di alta qualità che assicurano versatilità ineguagliata ed eccellente efficienza nei consumi. Solo Dodge propone queste innovative funzionalità combinate con prestazioni ai vertici della categoria, valore eccezionale e design inconfondibile. Ram Ram continua ad affermare la propria identità e a differenziarsi chiaramente per la propria clientela fin dal suo lancio come marchio indipendente. La creazione di un marchio distinto per i pickup ha permesso di sviluppare veicoli dotati delle caratteristiche necessarie per soddisfare le specifiche esigenze d uso dei suoi clienti. Ram è quindi in grado di coprire le richieste dell intero mercato, costituito da famiglie che usano il loro mezzo in modo continuativo, proprietari di Ram Heavy Duty che li impiegano per lavoro o imprese che dipendono quotidianamente dai loro veicoli commerciali. Il marchio Ram Truck dispone della gamma di veicoli full-size più innovativa del mercato. Ram Truck è diventata leader di questo settore grazie a ingenti investimenti in nuovi prodotti, arricchiti da un estetica accattivante, interni raffinati, motori resistenti e caratteristiche che ne ampliano le potenzialità.

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO LA PRODUTTIVITÀ HA UN NUOVO LOGO ED UNA NUOVA IMMAGINE resentiamo il nuovo logo e il nuovo pay off aziendali in un momento P storico della realtà Laverda, contraddistinto

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

SEAT LEON PIÙ POTENZA ALLE TUE EMOZIONI TECHNOLOGY TO ENJOY

SEAT LEON PIÙ POTENZA ALLE TUE EMOZIONI TECHNOLOGY TO ENJOY SEAT LEON PIÙ POTENZA ALLE TUE EMOZIONI TECHNOLOGY TO ENJOY E l anima sportiva di SEAT, l icona del marchio, la massima espressione dei valori del brand: design accattivante, tecnologia all avanguardia

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti Ufficio Stampa Jacobacci & Partners DATASTAMPA Simonetta Carbone Via Tiepolo, 10-10126 Torino, Italy Tel.: (+39) 011.19706371 Fax: (+39) 011.19706372 e-mail: piemonte@datastampa.it torino milano roma madrid

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Patto per una Svizzera produttiva

Patto per una Svizzera produttiva Unia Segretariato centrale Weltpoststrasse 20 CH-3000 Berna 15 T +41 31 350 21 11 F +41 31 350 22 11 www.unia.ch Patto per una Svizzera produttiva La Svizzera ha bisogno di un fondo per la produzione basato

Dettagli