FONDI&SICAV. CONOSCERE PER INVESTIRE AL MEGLIO Anno 3 - Numero 17 - Febbraio Azionari ciclici Quali scegliere se si crede alla ripresa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDI&SICAV. CONOSCERE PER INVESTIRE AL MEGLIO Anno 3 - Numero 17 - Febbraio 2010. Azionari ciclici Quali scegliere se si crede alla ripresa"

Transcript

1 FONDI&SICAV CONOSCERE PER INVESTIRE AL MEGLIO Anno 3 - Numero 17 - Febbraio 2010 Azionari ciclici Quali scegliere se si crede alla ripresa Obbligazionari emerging in valuta locale Un grande mercato, grandi ritorni Consensus paesi emergenti Sempre forti, anche nelle difficoltà

2

3 EDITORIALE Il momento delle scelte Che fare? Comprare, vendere o restare immobili? Sui mercati ci sono troppi dubbi, specie dopo le traversie della borsa spagnola. Anche dall analisi dei gestori non emerge una linea univoca sul prossimo futuro. L inizio d anno ha visto soffrire anche i mercati emergenti, indicati da tutti come la scelta di investimento privilegiata per il Le peripezie della Grecia stanno aprendo ulteriori fronti di riflessione con ripercussioni sulle borse europee e sull euro che ha subito la risalita del dollaro. Qualcuno indica già in Portogallo, Spagna, Irlanda e la stessa Italia i prossimi paesi nel mirino. Insomma per l investitore non si preannunciano sonni tranquilli. Per chi però investe con un ottica di lungo periodo questo può essere ancora una volta il momento delle scelte: scelta tra azionario e obbligazionario, scelta dei mercati e, non dimentichiamolo, scelta del gestore e di colui da cui ottenere consigli, sia esso banca, promotore o consulente indipendente. In una fase così caratterizzata da incertezza, credo diventi fondamentale avere ben chiaro a chi e perché si affidano i propri risparmi. Pare incredibile, ma troppo spesso nel rapporto con gli investimenti non si usa la stessa razionalità che si è soliti utilizzare in tutte le altre scelte della vita quotidiana. Se ci si deve rivolgere a un medico si comincia a telefonare ad amici e conoscenti per sapere a quale specialista rivolgersi, ci si informa sulla qualità delle strutture sanitarie e alla fine si sceglie (anche se non sempre al grande nome corrisponde un buon servizio). Se dobbiamo cambiare l auto si va avanti per mesi a disquisire sui 5 km/orari di differenza tra due diversi modelli, si analizza la sfumatura di colore o la qualità degli interni. Persino nella scel- GIUSEPPE RICCARDI ta di un ristorante non ci affidiamo alla prima insegna che ci troviamo davanti, ma si cerca il ristorante che possa offrire ciò che ognuno di noi sta cercando in quel preciso momento: la buona cucina o il locale modaiolo, la trattoria tranquilla o il ristorante romantico. Con gli investimenti invece troppo spesso la scelta è quella della prima insegna che ci si trova davanti. All urlo di «tanto sono tutti uguali» ci si riduce a scegliere per comodità. Forse è il momento di chiedersi se veramente siano tutti uguali o se esista qualcuno che a parità di scelte di investimento possa dare un valore aggiunto, possa consigliare, possa anche tranquillizzare nei momenti di difficoltà argomentando le ragioni e non affidandosi a un «fidati che risalirà tutto». Credo che un simile cambio di approccio alla fine farà la differenza tra chi sarà soddisfatto dei propri investimenti e chi invece continuerà a recriminare perché «tanto sono tutti uguali». Si fa presto a dire ciclici Le scelte finora sono state essenzialmente di nicchia: dubbi sull intera struttura del proprio Paese. Per questo in una fase di grandi perturbazioni dei mercati, tutti motivo in questo numero di Fondi&Sicav abbiamo affrontato proprio questo argomento. erano impegnati a cercare quei settori che potevano difendere meglio nella tempesta o che potevano ripartire prima di altri. Oggi, dopo quasi un anno dalla ripresa delle borse, nonostante le pessime notizie arrivate dalla Spagna, occorre prendere una decisione su un settore che rappresenta il cuore di ogni mercato: i titoli ciclici, quelli cioè che sono strettamente connessi con l andamento del ciclo economico. Puntare sui ciclici significa in pratica credere nella forza di un intero sistema economico, nella capacità di questo sistema di crescere e di produrre ricchezza. Al contrario, fuggire Ma, stabilito di entrare sui ciclici e che si decide di credere nella ripresa, nonostante le turbolenze, occorre compiere scelte ulteriori: non tutti i ciclici sono uguali e soprattutto non tutti i cicli economici sono sovrapponibili, per cui settori che nelle precedenti riprese erano andati bene nella crescita prossima ventura potrebbero restare al palo, se non addirittura arretrare. Il nostro sforzo nella cover story di questo numero è stato proprio di cercare di comprendere come muoversi in questo comparto. Come prendere il toro per le corna in un eventuale ripresa dai titoli ciclici significa avere profondi ALESSANDRO SECCIANI dell economia. Anche se la Spagna fa paura. FONDI&SICAV/Febbraio

4 FEBBRAIO N 17 SOMMARIO S O M M 6 16 I portafogli di Mc Gestioni Ciclici AVANTI, MA CON PRUDENZA Gennaio a due velocità: in crescita la prima parte, in netto calo la seconda, per le preoccupazioni sul settore finanziario in Usa e in Cina. È però favorevole il ritorno in area positiva del Pil degli Stati Uniti, dell Eurozona e dei principali paesi emergenti, con previsioni per i prossimi mesi tutt altro che negative Per alcuni gestori la categoria dei titoli legati alla ripresa avrebbe già scontato il recupero dei mercati. Secondo diversi altri, un economia che inviasse segnali deboli non favorirebbe troppo il comparto. Ma la maggior parte degli operatori ritiene che queste azioni, nonostante la Spagna e la Grecia, rappresentino ancora la migliore esposizione. Ciò che è meno chiaro è quali sottosettori scegliere, in una fase in cui la disoccupazione e il basso livello di consumi la fanno da padroni PROMOTORI & CONSULENTI FONDI&SICAV Febbraio 2010 Sergio Boido, di Ipb: «Con l arma della consulenza» Reclutamento Professionista cercasi, ma esperto Life-cycle Forte nel mondo, ma non in Italia Il leader di Independent private bankers sim spiega la strategia di una piccola rete di consulenti con 40 professionisti che ha puntato le sue carte sulla capacità di fornire consigli, senza spinte commerciali. I risultati sembrano positivi, al punto che, secondo Assoreti, questa società ha la più alta raccolta 2009 pro capite: 2 milioni di euro. «Per dimostrare l assoluta assenza di conflitto di interessi nella selezione dello strumento, tutti i contratti prevedono la retrocessione integrale al cliente delle commissioni generate» 46 Reclutamento PURCHÉ SIA ESPERTO 42 Intervista A COLLOQUIO CON SERGIO BOIDO DI IPB La maggior parte delle reti, con il ritorno al bello dei mercati e di prospettive positive per tutto il settore, sta incrementando la ricerca di professionisti da inserire nell organico e sta espandendo le aree di presenza. Quasi tutti, però, puntano su figure che possano dimostrare una buona competenza e soprattutto abbiano un portafoglio clienti consolidato. E per i migliori le offerte in termini di bonus e di supporti operativi possono essere molto allettanti Associazioni La crescita di Assonova Nei paesi finanziariamente più evoluti dell Italia i prodotti costruiti in funzione del ciclo dell esistenza del cliente sono la regola, specie oggi che si stanno allungando a dismisura le speranze di vita. Nel nostro Paese a portare avanti questo tema sono solamente pochi precursori, ma alcuni si stanno muovendo con estrema determinazione e hanno costruito pacchetti e strategie ad hoc per chi vuole essere tutelato anche se avesse il problema di vivere molto a lungo 52 Life-cycle DALLA CULLA ALLA TOMBA 4 FONDI&SICAV / Febbraio 2010

5 FEBBRAIO N 17 SOMMARIO A R I O Il money manager del gruppo Intesa-Sanpaolo, secondo le classifiche di Citywire, si è classificato al terzo posto in Europa, primo fra gli operatori del nostro Paese. Alla base di questa ottima performance c è un attento stock picking e soprattutto un controllo molto accurato del rischio. E per il futuro piazza Affari, che oggi appare abbastanza sottovalutata, potrebbe dare un ulteriore spinta L intervista al gestore UN PODIO COSTRUITO SULL ITALIA 60 Come già accaduto nel 2008, nell anno appena trascorso questi prodotti hanno visto un forte incremento sia come numero di strumenti, sia sul piano degli asset gestiti, che hanno avuto un aumento del 45,2%. Gli azionari rappresentano ancora la grande maggioranza, con i mercati emergenti in grande crescita, ma continua la marcia degli obbligazionari, nonostante le difficoltà dei fondi indice di liquidità. ishares, del gruppo BlackRock, si conferma leader a livello mondiale Etf, i dati 2009 L ISOLA ANCORA FELICE 62 Il continuo afflusso di capitali in questa asset class e il costante miglioramento dei dati economici globali giustificano la sovraponderazione dei prodotti obbligazionari che puntano su prestiti in moneta locale. La crescita economica delle aree a forte sviluppo e policy più attente sono alla base del successo. Nonostante la riduzione degli spread rispetto alle economie più tradizionali, i risultati finora sono stati largamente positivi, seppure in uno scenario dominato da un elevata volatilità Fondi local emerging bond CON LA FORZA DELLE VALUTE EMERGENTI 68 L anno non è cominciato bene per i mercati delle aree a forte tasso di sviluppo, anche se la maggior parte dei money manager tende a non drammatizzare. È indubbio che queste zone stanno acquisendo sempre più spazio nell'interscambio globale e di conseguenza nei portafogli e si tratta di un trend che non è destinato a rallentare. Il problema oggi è vedere quanto queste economie riusciranno ancora a essere le locomotive di se stesse Consensus sui paesi emergenti QUALCHE SCRICCHIOLIO 74 3 Editoriale 12 Notizie in breve 80 Previdenza 84 My Life, My style Rubriche FONDI&SICAV / Febbraio

6 I PORTAFOGLI DI MC GESTIONI Qualche timore Un anno di DJ Eurostoxx Un anno di S&P500 Sul mercato azionario l inizio anno è stato in linea con la fine dell anno precedente, ovvero si è registrato un proseguimento del trend rialzista caratterizzato da un basso livello di volatilità nelle prime due settimane, seguito da un marcato ribasso nella seconda parte del mese sui timori generati dalle dichiarazioni di Obama sul settore finanziario, in particolare quello bancario, e sulla stretta credi- Gennaio a due velocità: in crescita la prima parte, in netto calo la seconda, per le preoccupazioni sul settore finanziario in Usa e in Cina. E però favorevole il ritorno in area positiva del Pil degli Stati Uniti, dell Eurozona e dei principali paesi emergenti, con previsioni per i prossimi mesi tutt altro che negative tizia che potrebbe abbattersi sulla Cina nel corso del A gennaio l indice rappresentativo delle borse azionarie mondiali è andato sotto di oltre il 3,5%, mentre quello obbligazionario area euro ha guadagnato circa lo 0,4%. Continua la ripresa delle economie avanzate con un ulteriore rafforzamento in quelle emergenti: le politiche economiche espansive dei principali paesi facilitano la graduale normalizzazione. Il tasso di disoccupazione dovrebbe stabilizzarsi in Usa per poi cominciare a scendere nel corso del Situazione opposta in area euro, dove le tensioni sul mercato del lavoro potrebbero rimanere vive per tutto l an- no. In ambo le aree le politiche espansive dovrebbero tuttavia esaurirsi nel corso dell anno: gli analisti stimano infatti in un rialzo di 50 punti base le manovre adottate da Fed e Bce. Proprio per le dinamiche del mercato del lavoro, che rimane una delle variabili chiave a livello macro, l exit strategy dovrebbe essere messa in atto prima in Usa e solo successivamente in Europa. Operativamente bisogna quindi porre molta attenzione all esposizione sulla componente obbligazionaria governativa, che nel corso dell anno potrebbe essere penalizzata. Tornando alla componente macro, nel III trimestre del 2009 il Pil è tornato a crescere negli Stati Uniti e nell area dell euro, ha continuato a espandersi in Giappone e ha accelerato nelle economie emergenti dell Asia e dell America latina. Le previsioni parlano di leggera crescita con valori un po superiori al 2% per Usa e area euro. L inflazione rimane sotto controllo sia nella componente core, sia in quella comprensiva di cibo ed energia. Tutte queste considerazioni ci portano a preferire nel medio periodo il mercato azionario rispetto a quello obbligazionario. Nel breve periodo aumenta il livello di prudenza: molto dipenderà dagli esiti delle trimestrali, anche se è molto probabile che, allungando l orizzonte temporale dell investimento, il risparmiatore possa cominciare ad accumulare rischio sul proprio portafoglio. 6 FONDI&SICAV/Febbraio 2010

7 Tredici prodotti per attaccare Investment Tipo Macroarea Area Stile Peso Mc Fdf America Acc Eur Azionario America Nord America Blend 12 Parvest Us Mid Cap P Usd Usd Azionario America Nord America Blend 7 Etf Db X-Trackers Msci Japan Total Return Index Eur Azionario Asia Giappone Blend 7 Oyster Japan Opportunities Yen S (Ist) Jpy Azionario Asia Giappone Blend 7 Templeton Eastern Europe Fund A Acc Eur Azionario Emergenti Europa Generico 4 Caam Emerging Internal Demand Acc Ist Usd Azionario Emergenti Globale Generico 6 Hsbc Gif Euroland Equity A Eur Acc Eur Azionario Europa Euro Blend 10 Threadneedle European Quantitative Equities Ae Eur Azionario Europa Globale Blend 8 Julius Baer Sam Smart Energy Fund Acc Ist Eur Azionario Settoriale Energy Globale 8 Mc Fdf Flex High Volatility Eur Flessibile Mondiale Generico Generico 6 Morgan Stanley Sicav Euro Bond Fund A E Acc Eur Obbligazionario Diversificati Europa Generico 10 Mc Fdf High Yield Eur Obbligazionario Emergenti Globale Generico 5 Etf Db Iboxx Global Inflation-Linked Total Return Index Hedged Etf Eur Obbligazionario Inflation linked Generico Generico 10 La visione dinamica Sempre più emergenti Il portafoglio si rivolge a un investitore dal profilo di rischio medio-alto: l obiettivo è la crescita del capitale in un orizzonte temporale di medio periodo. L esposizione è pari al 75% sul comparto azionario e flessibile aggressivo e al 25% tra titoli obbligazionari e monetari. Lo storno che ha colpito i titoli azionari nella seconda metà di gennaio non ha posto problemi in termini operativi: non muta pertanto l asset allocation strategica sui diversi portafogli della sgr. In termini di macroaree geografiche rimaniamo neutrali sull America; sottopesiamo nel breve quella europea, mentre continuano i segnali di inversione e conseguente miglioramento in Asia, Giappone in primis; view ancora favorevole per i paesi emergenti. A livello settoriale i titoli aciclici hanno avuto performance migliori in termini relativi, molto male i finanziari e le risorse di base, su cui pesano i timori per la crescita cinese e le dichiarazioni di Obama. In Usa in una fase di incertezza preferiamo tatticamente le grandi capitalizzazioni, soprattutto growth, ma rimane buona la visione sulle small e mid cap, che continuano a erogare extravalore in termini relativi. La componente emergente deve essere ancora presente, anche se in maniera ridotta rispetto al passato, considerando alcuni segnali di decadimento in termini di forza relativa. In Europa rimaniamo neutrali su Germania e Francia, mentre usciamo definitivamente, a livello tattico, dal mercato spagnolo, che continua a perdere in termini relativi e risente della situazione delicata legata alla Grecia. Permane la visione positiva sul listino inglese, in particolare sulle piccole capitalizzazioni, e sull intera componente small cap dell area europea. Come suddividere i pesi Etf Db Iboxx Global Inflation-linked Total Return Index Hedged Etf Eur Mc Fdf High Yield Eur Morgan Stanley Sicav Euro Bond Fund A E Acc Eur Mc Fdf Flex High Volatility Eur Julius Baer Sam Smart Energy Fund Acc Ist Eur 10% 6% 8% 5% Threadneedle European Quantitative Equities Ae Eur Il Giappone si conferma l area best performer del panorama asiatico: la moneta più competitiva favorisce le aziende locali. Registriamo una leggera perdita di forza relativa sul listino australiano, sul quale la view rimane neutrale. I mercati emergenti, pur non erogando particolare valore nelle ultime settimane, non sono stati impattati in via peggiorativa dalle prese di beneficio degli ultimi giorni. Riteniamo si debba iniziare a riportare a benchmark l area americana e quella asiatica, dove si preferisce la Cina. Migliora la visione sulla componente europea, in particolare Russia e Turchia. 8% 10% 10% 12% Mc Fdf America Acc Eur 6% Parvest Us Mid Cap P Usd Usd 7% 4% 7% 7% Hsbc Gif Euroland Equity A Eur Acc Eur Etf Db X-trackers Msci Japan Total Return Index Eur Oyster Japan Opportunities Yen S (Ist) Jpy Templeton Eastern Europe Fund A Acc Eur Caam Emerging Internal Demand Acc Ist Usd FONDI&SICAV/Febbraio

8 I PORTAFOGLI DI MC GESTIONI La visione moderata Proteggere gli investimenti Come suddividere i pesi Etf Db Iboxx Global Inflation-linked Total Return Index Hedged Etf Eur Jpm Eu Government Bond Fund Acc Ist Eur Schroder Emerging Markets Debt Usd C Ist Acc. Usd Mc Fdf High Yield Eur Parvest Euro Medium Term Bond P Eur Eur 5% 5% 8% 5% Morgan Stanley Sicav Euro Bond Fund A E Acc Eur Il portafoglio si rivolge a un investitore dal profilo di rischio medio-alto: l esposizione è pari al 46% sul comparto azionario, al 48% sull obblgazionario e al 6% sul flessibile. I mercati finanziari rimangono molto sensibili: l intenzione di Obama di riformare il sistema finanziario con limiti alle operazioni delle grandi banche commerciali Usa, specie il trading ad alto potenziale di rischio, ha gettato gli investitori nel panico con prese di profitto per oltre due punti in una 12% 13% 6% 8% 5% Mc Fdf Flex High Volatility Eur sola seduta. La volatilità è leggermente cresciuta nell ultimo mese sia sugli indici americani sia su quelli europei e il differenziale tra titoli non rischiosi e rischiosi ha ripreso ad allargarsi. Lo scenario di breve potrebbe quindi portarci a vedere ancora il segno meno sulle principali piazze finanziarie. Si consiglia pertanto di proteggere il portafoglio. Sulla componente azionaria puntiamo sulle large cap in Usa e sul listino giapponese, che, dopo avere toccato livelli di minimo assoluto, van- Parvest Us Mid Cap P Usd Usd 8% Nordea-1 North American Growth Fund Bp Eur Acc Eur 7% 4% Etf Db X-trackers Msci Japan Total Return Index Eur Templeton Eastern Europe Fund A Acc Eur 8% Hsbc Gif Euroland Equity A Eur Acc Eur 6% Threadneedle European Quantitative Equities Ae Eur Lemanik Sicav - World Portfolio Equities Cap Ist Eur Acc Eur ta la migliore performance relativa da un paio di mesi. In Europa abbiamo assistito a una brusca inversione di tendenza: in quest area meglio le small cap delle large cap. Privilegiamo il listino inglese, ritenuto, come nel caso del Giappone, un asset a sconto e perciò conveniente. Introduciamo gli strumenti flessibili: in una fase di incertezza deleghiamo la scelta tra azionario e obbligazionario a un gestore terzo. La diversificazione deve essere la principale regola sulla componente obbligazionaria: la parte governativa euro si è apprezzata a gennaio, ma è rischioso allungare la duration in un contesto potenzialmente inflativo e caratterizzato da premi per il rischio, sulla parte governativa, crescenti. La componente monetaria trarrà certamente beneficio nel corso dell anno, ma è prematuro differire la liquidità per rendimenti prossimi allo zero; la componente rischiosa corporate, emerging ed high yield ha corso molto e in maniera sorprendente: la strategia è mantenimento/alleggerimento. Meglio allora puntare sulle emissioni legate all inflazione ed è la nostra scommessa nell immediato. Quattordici prodotti per ogni scenario Investment Tipo Macroarea Area Stile Peso Parvest Us Mid Cap P Usd Usd Azionario America Nord America Blend 8 Nordea-1 North American Growth Fund Bp Eur Acc Eur Azionario America Nord America Growth 8 Etf Db X-Trackers Msci Japan Total Return Index Eur Azionario Asia Giappone Blend 7 Templeton Eastern Europe Fund A Acc Eur Azionario Emergenti Europa Generico 4 Hsbc Gif Euroland Equity A Eur Acc Eur Azionario Europa Euro Blend 8 Threadneedle European Quantitative Equities Ae Eur Azionario Europa Globale Blend 6 Lemanik Sicav - World Portfolio Equities Cap Ist Eur Acc Eur Azionario Mondiale Globale Blend 5 Mc Fdf Flex High Volatility Eur Flessibile Mondiale Generico Generico 6 Morgan Stanley Sicav Euro Bond Fund A E Acc Eur Obbligazionario Diversificati Europa Generico 12 Parvest Euro Medium Term Bond P Eur Eur Obbligazionario Diversificati Europa Generico 5 Mc Fdf High Yield Eur Obbligazionario Emergenti Globale Generico 5 Schroder Emerging Markets Debt Usd C Ist Acc. Usd Obbligazionario Emergenti Globale Generico 5 Jpm Eu Government Bond Fund Acc Ist Eur Obbligazionario Governativo Europa M/L euro 8 Etf Db Iboxx Global Inflation-Linked Total Return Index Hedged Etf Eur Obbligazionario Inflation linked Generico Generico 13 8 FONDI&SICAV/Febbraio 2010

9

10 I PORTAFOGLI DI MC GESTIONI Dodici prodotti per difendersi Investment Tipo Macroarea Area Stile Peso Schroder Us Small Mid-Cap Equity Usd C Ist Acc. Usd Azionario America Nord America Small cap 9 Blackrock European Focus Fund Acc Ist Eur Azionario Europa Globale Blend 6 Franklin Mutual Global Discovery Fund I Eur Eur Azionario Mondiale Globale Blend 10 Mc Fdf Flex Low Volatility Eur Flessibile Mondiale Generico Generico 8 Etf Lyxor Euro Cash Eonia Eur Monetario Euro Generico Generico 7 Parvest Euro Medium Term Bond P Eur Eur Obbligazionario Diversificati Europa Generico 10 Gdp Sungear Euro Bond Acc Ist Eur Obbligazionario Governativo Europa M/l euro 10 Jpm Eu Government Bond Fund Acc Ist Eur Obbligazionario Governativo Europa M/l euro 12 Mc Fdf Global Bond Eur Obbligazionario Governativo Globale Generico 10 Hsbc Gif Euro High Yield Bond Acc Ist Eur Obbligazionario Hy Europa Generico 5 Etf Db Iboxx Global Inflation-Linked Total Return Index Hedged Etf Eur Obbligazionario Inflation linked Generico Generico 8 Parvest Euro Inflation Link Bond P Eur Eur Obbligazionario Inflation linked Generico Generico 5 La visione prudente Cresce lo spread Btp-Bund Come suddividere i pesi Etf Db Iboxx Global Inflation-linked Total Return Index Hedged Etf Eur Hsbc Gif Euro High Yield Bond Acc Ist Eur Mc Fdf Global Bond Eur Jpm Eu Government Bond Fund Acc Ist Eur 10% 5% 12% Parvest Euro Inflation Link Bond P Eur Eur 8% 10% 5% 9% 10% Schroder Us Small Mid-cap Equity Usd C Ist Acc. Usd 6% 7% Blackrock European Focus Fund Acc Ist Eur 10% 8% Franklin Mutual Global Discovery Fund I Eur Eur Mc Fdf Flex Low Volatility Eur Etf Lyxor Euro Cash Eonia Eur Il portafoglio si rivolge a un investitore dal profilo di rischio mediobasso: l esposizione è il 67% sull obbligazionario, l 8% su flessibili a basso rischio e il 25% sull azionario. L ultimo mese ha visto una leggera risalita dello spread tra il Btp e il Bund tedesco con scadenza dieci anni. Il flight to quality degli investitori, in un mese caratterizzato da ampi movimenti ribassisti sui mercati azionari, si è riversato sulle emissioni francesi e tedesche. L indice di riferimento rappresentativo dell obbligazionario governativo area euro Jpm Emu ha registrato un leggero recupero; da segnalare tuttavia gli andamenti in controtendenza dei titoli periferici, in particolare quelli spagnoli, portoghesi e greci. Il mercato ha reputato le scadenze sui due anni della Grecia, in termini di differenziale sul Bund, più rischiose di una emissione di un paese emergente europeo. Riteniamo che i titoli greci possano costituire una buona opportunità d acquisto in via speculativa per una componente residuale di portafoglio, specialmente in caso di miglioramento del clima di fiducia. Nell ultimo periodo abbiamo notato una leggera discesa verso il basso della parte breve, mentre la parte lunga ha mostrato segnali di tenuta a testimonianza di come il mercato sconti a tutti gli effetti delle tensioni inflazionistiche, nonostante gli stessi livelli d inflazione siano al momento tenuti ampiamente sotto controllo dalle autorità monetarie. I break-even americani registrano un leggero aumento di forza relativa nel breve periodo, tendenza che invece non viene osservata per i break-even europei. Resta positivo il sentiment sulle attività rischiose: i corporate investment grade e gli emergenti mantengono il trend ascendente, seppure con una perdita di forza relativa; andamento coniugato anche agli spread creditizi e dei mercati emergenti in ulteriore diminuzione. Probabilmente non è più il caso di allungare la posizione su questi strumenti, ma vale la pena cominciare un alleggerimento per trarne beneficio. Gdp Sungear Euro Bond Acc Ist Eur Parvest Euro Medium Term Bond P Eur Eur 10 FONDI&SICAV/Febbraio 2010

11

12 NOTIZIE IN BREVE Assoreti Che buon 2009! Con gli ultimi dati di raccolta pubblicati da Assoreti è possibile stilare un bilancio dell anno appena concluso. E per le reti di promozione si tratta di un resoconto da record. Il 2009 si è infatti chiuso con una raccolta netta complessiva pari a 17,8 miliardi di euro, valore quasi triplo rispetto all anno precedente (6,3 miliardi) e, negli ultimi dieci anni, inferiore solo a quanto riscontrato nel 2000 (25 miliardi). Inoltre la ripartizione tra i vari comparti ha evidenziato che l affluenza di risorse nette sul risparmio gestito, pari a 12,3 miliardi di euro, è stata di gran lunga su- Regno Unito Ripresa debole, ma andrà meglio periore alla componente amministrata, ferma a 5,5 miliardi. Nel dettaglio la raccolta netta diretta in quote di fondi e sicav è stata complessivamente positiva per 10,1 miliardi di euro. Ancora una volta a farla da padrone sono stati gli strumenti d investimento esteri, che hanno visto un flusso netto di risorse pari a 10,6 miliardi di euro, mentre i fondi italiani hanno registrato deflussi netti per 938 milioni. Positiva anche la raccolta in fondi di fondi (723 milioni di euro), mentre gli speculativi vedono la prevalenza dei riscatti con una raccolta negativa pari a 286 milioni. Secondo i dati più recenti, la più lunga e dura recessione mai registrata nel Regno Unito si sarebbe conclusa nel quarto trimestre Il Pil è aumentato, tuttavia, solo dello 0,1%, sotto le aspettative, e, nonostante il Ftse 100, l indice azionario della borsa di Londra, sia avanzato sulla scia dell aumento di fiducia dei consumatori americani, i mercati sono ancora deboli. I dati, pubblicati dall Office of national statistics, mostrano che il Regno Unito è stato trainato verso la crescita dall espansione dei settori manifatturiero e dei servizi, dopo sei trimestri consecutivi di contrazione. Tuttavia, anche se il mercato ha accolto favorevolmente la fine della recessione, l aumento dello 0,1% è visto come una magra consolazione per il crollo del 4,8% subito nel Grazie all aggressiva azione di stimoli fiscali da parte del governo e della Banca d Inghilterra, l economia inglese ha trainato altri paesi fuori della crisi. Nonostante ciò, i deboli dati di crescita hanno sollevato diversi dubbi riguardo alla durata della ripresa, minando la fiducia degli investitori e facendo calare il valore della sterlina rispetto all euro e al dollaro. «Siamo d accordo con il resto del mercato nell affermare che la Gran Bretagna è emersa dalla recessione, tuttavia, secondo il nostro punto di vista, la crescita dello 0,1% rispetto al trimestre precedente è debole e deludente, se paragonata ad altre statistiche», commenta Stewart Robertson, economista di Aviva investors. «Le stime preliminari dell Office of national statistics sono basate solo sul 40% delle informazioni finali necessarie a produrre una stima definitiva e sono quindi soggette a modifiche. Basandoci sulla forte ripresa dei servizi, sull indice di produttività e sul mercato immobiliare, crediamo che l economia del Regno Unito sia cresciuta in misura maggiore rispetto a quanto queste stime iniziali suggeriscono. L Office of national statistics tende a correggere i dati per difetto, specialmente durante le fasi di ripresa economica, quindi accade spesso che i dati della prima fase di crescita siano poi rivisti al rialzo». Inoltre, nonostante l inaspettato aumento dell inflazione del Regno Unito in dicembre, le attuali statistiche calmeranno probabilmente i timori che la Banca d Inghilterra possa alzare i tassi di interesse più in fretta del previsto. 12 FONDI&SICAV/Febbraio 2010

13

14 NOTIZIE IN BREVE Portogallo Un pianto greco Dal mare Egeo le prossime turbolenze sui titoli di stato area euro potrebbero spostarsi verso la penisola iberica. E non ci sono solo le difficoltà della Spagna, che hanno messo in crisi i mercati: il Portogallo ha ricevuto due solenni avvertimenti da parte di Moody s e del Fondo monetario internazionale. La pressione dei mercati e delle agenzie di rating si sta intensificando. Moody s ha infatti avvertito che l economia lusitana corre il rischio di andare incontro a una morte lenta nei prossimi anni ed equipara i problemi di Lisbona a quelli della Grecia, sottolineando che si tratta di due esempi di paesi dell area euro con livelli di competitività molto bassi, che si traducono in deficit elevati. Lo scenario delineato dall agenzia di rating statunitense sul futuro del paese non può essere più deludente. Il pagamento degli interessi alle banche internazionali (i principali creditori) assorbirà una quota crescente della ricchezza prodotta e aumenterà la dipendenza del paese dall estero. Parallelamente, gli investitori esteri esigeranno interessi più alti per sottoscrivere titoli di debito portoghesi e, in un contesto di crescita quasi Cina Cresce l economia, scende la borsa Nei primi giorni di gennaio, le autorità cinesi hanno comunicato che la crescita su base annua del Pil registrata nel quarto trimestre del 2009 è stata del 10,7%, confermando che l incremento è stato eccellente e superiore al risultato delineato dalle aspettative. Ebbene, dopo la diffusione del dato, i listini azionari del paese hanno subito un sensibile calo. È ovvio che gli accadimenti di uno o di qualche giorno non sono sufficienti per ipotizzare che vi sia una stretta correlazione tra nulla, il governo si vedrà obbligato ad aumentare le imposte per riportare in equilibrio il deficit. Non è la prima freccia avvelenata che Moody s e altre agenzie di rating lanciano al Portogallo. Lo scorso settembre, Fitch aveva rivisto al ribasso l outlook per il debito portoghese, portandolo da stabile a negativo. A dicembre è stata la volta di Standard and Poor s, che ha posto l accento sui problemi derivanti dal binomio bassa crescita-alto indebitamento. Queste prospettive hanno scatenato la dura reazione di alcuni circoli economici e imprenditoriali portoghesi, che hanno definito le valutazioni «pressioni inaccettabili» per creare allarme sociale. Fatte salve le polemiche, la lettura dei dati conferma che la situazione domestica non è delle migliori: il deficit fiscale è all 8% del Pil e il debito pubblico è il quarto più elevato di tutta l area euro. Le ragioni del trend negativo vanno ricercate nella crisi e nei calcoli non esatti messi a punto dal governo del socialista Josè Socrates, peraltro in una fase politica molto concitata (basti pensare che nel 2009 ci sono state ben tre tornate elettorali). l economia e il mercato, tuttavia, rappresentano una conferma del fatto che la crescita da sola non basta per garantire la rivalutazione degli indici di borsa. Per gli analisti di Schroders, il problema attuale per la Cina è che il forte ritmo della crescita sta alimentando i timori per un surriscaldamento dell economia. Di conseguenza, le autorità potrebbero trovarsi ad affrontare nuove sfide per mantenere l inflazione sotto controllo. I mercati hanno confermato che qualsiasi altro provvedimento teso alla riduzione della liquidità potrebbe avere conseguenze sui prezzi degli asset e sull economia reale. Ciò che i mercati chiedono è l evidenza di prospettive di crescita sostenibile e il pericolo è che le misure intraprese dalle autorità per limitare la liquidità possano segnare l inizio di una fase restrittiva che alimenti i timori per l arrivo di una fiammata inflazionista. 14 FONDI&SICAV/Febbraio 2010

15

16 CICLICI IL PARERE DEI MONEY MANAGER Avanti, ma con prudenza Testi di Gloria Valdonio Analisi e tabelle di Luca Brambilla Nel momento in cui dalla Spagna arrivano minacce pesanti per l economia europea, potrebbe sembrare azzardato puntare su titoli legati a settori il cui andamento è strettamente correlato a una data situazione dell economia. Ma il vero problema è comprendere quali settori si riprenderanno e quali no. Questo tipo di titoli viene definito ciclico appunto perché legato al ciclo economico e perché particolarmente esposto alla congiuntura. Con questo termine si intende l andamento nel breve periodo dei principali fenomeni dell economia. Di solito, l arco temporale entro il quale si può parlare di congiuntura non supera il trimestre e l esame che si compie consiste soprattutto nell analisi di certi indicatori. Tra i più importanti ci sono gli indici dei prezzi, quelli al consumo e alla produzione, gli scambi con l estero. A chi non mastica l economia di mestiere, i concetti economici specialistici possono non dire molto. Ma se pensiamo alla vita di tutti i giorni, ci accorgiamo che ognuno di noi tocca con mano ciò che i titoli ciclici rappresentano sui listini mondiali. Ogni giorno infatti accendiamo la luce, ci muoviamo con l auto e svolgiamo un attività perché, magari, desideriamo comprare una casa. Ebbene, l energia, l au- Per alcuni gestori la categoria dei titoli legati alla ripresa avrebbe già scontato il recupero dei mercati. Secondo diversi altri, un economia che inviasse segnali deboli non favorirebbe troppo il comparto. Ma la maggior parte degli operatori ritiene che queste azioni, nonostante la Spagna e la Grecia, rappresentino ancora la migliore esposizione. Ciò che è meno chiaro è quali sottosettori scegliere, in una fase in cui la disoccupazione e il basso livello di consumi la fanno da padroni 16 FONDI&SICAV/Febbraio 2010

17 INVESTIRE IN CINA to e ciò con cui si costruiscono le case rappresentano i settori ciclici classici che, quando l economia va bene, salgono e quando l economia va male, vanno giù. Ritornando al quotidiano, quando sentiamo il desiderio di comprare un auto o un immobile? Quando le finanze ce lo permettono, quando cioè la nostra situazione economica vive un buon momento. In parole povere, siamo spinti a comprare perché siamo più ricchi. L investitore non può però controllare i cicli dell economia, ma può aggiustare i propri investimenti. È importante che conosca quindi la differenza fondamentale fra le aziende cicliche e non, così da potere distinguere fra i settori che sono influenzati dai cambiamenti economici e quelli che ne sono più immuni. Quali sono i settori cosiddetti ciclici? Anche se la letteratura in propo- sito non sembra sempre impostata in modo coerente, si può comunque parlare dei seguenti settori: bancario; immobiliare di investimento; assicurativo; tecnologico; materiali di base; auto e componenti per auto; beni e servizi per l industria; costruzioni e materiali edili; chimico; distribuzione; viaggi e tempo libero. Nel momento in cui ci si attende dunque una ripresa economica, i titoli ciclici potranno sicuramente sovraperformare l indice di borsa di riferimento. Si può notare nel grafico sottostante come l indice dei titoli ciclici di Morgan Stanley (in giallo) che raggruppa 30 azioni statunitensi con una diversificazione in 26 sottosettori ciclici tenda ad amplificare l andamento dello S&P 500 (in verde). Il periodo scelto è di tre anni, che è sembrato il più adatto a valutarne le performance dopo la nota crisi borsistica. Ebbene, si può facilmente notare che, investendo tre anni fa in un portafoglio di titoli ciclici statunitensi, non si sarebbero ancora rivisti i propri soldi, ma sicuramente si sarebbe performato meglio dell indice S&P 500 (certo, con maggiore volatilità). Per il 2010 l unica granitica certezza è che i tassi di interesse non possono più scendere. Possono salire, però, dallo zero (o quasi) dove si trovano ora. E questo fatto cambierà un altra volta il mondo. I mercati hanno tuttavia una grande incertezza sui tempi e sugli effetti del ritorno alla normalità, dopo la prima recessione globale. Che cosa succederà alle azioni, specie dopo le turbolenze di Grecia, Portogallo e Spagna? L idea più condivisa è che i listini, favoriti dagli stimoli economici e dal costo del denaro ancora fermo, saliranno. A guidare la pattuglia sempre i titoli ciclici, purché dotati di free cash flow, utili visibili e debiti leggeri. Quasi inutile dire che tra i meriti per finire nella lista delle azioni dell anno fa gran punteggio avere una vasta quota di fatturato nei paesi emergenti, il nuovo motore dell economia in convalescenza. Guardando alle performances settoriali negli ultimi 12 mesi, si nota che tecnologici, finanziari e materie prime hanno avuto ritorni intorno al 50% circa, mentre i titoli industriali sono intorno al 33%, i consumi discrezionali al 43% e l energia al 20% circa. Negli ultimi 30 giorni il trend migliore è stato quello degli industriali con un risicato +0,5%, ma gli altri settori sono FONDI&SICAV/Febbraio

18 Fondi azionari bancari e assicurativi Descrizione Valuta ISIN Patrimonio Perf. 3m Volat. A. 3m Sharpe 3m Info.Ratio 3m Perf. 6m Volat. A. 6m Sharpe 6m Info.Ratio 6m Fideura. Europe Listed Financials Equity EUR LU ,44 17,04 0,02 0,02 9,68 18,63 0,28 0,29 Fortis. Equity Finance World Classic/Cap. EUR LU ,05 19,98-0,14-0,13 10,21 20,26 0,18 0,19 UBS (Lu. Financial Services P Acc. EUR LU ,06 19,6-0,06-0,05 19,03 20,94 0,25 0,26 EURIZON AZIONI FINANZA EUR IT ,58 15,37 0,02 0,03 8,33 18,09 0,31 0,32 ING (L). European Banking & Insurance P Cap. EUR LU ,31 24,81-0,24-0,23 7,43 25,19 0,15 0,16 Eurizon. EasyFund Equity Banks R EUR LU ,61 19,39-0,16-0,23 8,95 20,51 0,17 0,13 ING (L). Banking & Insurance P Cap. EUR LU ,42 19,32-0,15-0,14 10,78 21,1 0,19 0,19 BNP Par. Europe Financials Classic/Cap. EUR LU ,49 25,68-0,24-0,24 6,64 25,63 0,14 0,15 Fortis. Equity Finance Europe Classic/Cap. EUR LU ,04 25,18-0,25-0,24 5,9 24,9 0,13 0,13 Dexia E. Europe Finance Sector C Cap. EUR LU ,32 21,48-0,14-0,13 8,17 20,73 0,17 0,18 BlackRo. BGF World Financials A2 Cap. EUR LU ,25 18,17-0,12-0,11 9,42 18,15 0,2 0,21 Fidelit. Global Financial Services A Dist. EUR LU ,64 17,09-0,1-0,09 8,24 16,83 0,19 0,2 Fideura. Euro Financials R EUR LU ,65 20,78-0,21-0,21 3,64 21,14 0,19 0,19 SGAM Fu. Equities Euroland Financial AC EUR LU ,34 26,78-0,31-0,31 4,23 27,95 0,11 0,12 Mediola. Financial Equity L - A EUR IE ,75 14,37-0,11-0,1 7,01 15,21 0,23 0,24 Mediola. Financial Equity S - A EUR IE ,62 14,39-0,12-0,11 6,72 15,21 0,23 0,23 Eurizon. EasyFund Equity Insurance R EUR LU ,55 19,73 0,04 0,04 11,41 22,01 0,19 0,2 Fondi azionari industriali stati tutti negativi; molti analisti di mercato consigliano di sovrappesare nei propri portafogli i settori ciclici da ormai quattro-cinque mesi; valutando ciò ex-post hanno avuto ragione. È probabile tuttavia che nel breve periodo non arrivino immediate soddisfazioni dai ciclici, ma nel mediolungo periodo saranno l unica scelta praticabile in presenza di segnali di ripresa economica più coerenti e consistenti. UN CORO DI TIMIDI SÌ È il momento dei titoli ciclici? Da parte dei gestori si alza un coro di timidi sì, dopo il rally di borsa verificatosi nella seconda parte del 2009 che, come è tradizione, ha favorito quell ampia categoria di titoli che vanno dall energia alle materie prime, dai titoli industriali ai comsumer good. Nonostante i mercati azionari siano risaliti del 50% dai minimi di marzo, i gestori restano quindi moderatamente positivi, poiché, spiegano a Fondi&Sicav, le valutazioni sarebbero decisamente attraenti sul lungo termine rispetto soprattutto a obbligazioni e altre classi d investimento che offrono in questa fase (e la situazione non dovrebbe mutare a breve) rendimenti decisamente bassi. Per tutti, gli economisti di Morgan Stanley: «Siamo positivi», è scritto nel loro report sul 2010, «seppure in un contesto di rischi crescenti». Ma attenzione. Le scelte di investimento non sempre corrispondono alle tesi finanziarie. «Continuiamo a sovrappesare le azioni», spiegano da Morgan Stanley, «ma stiamo riducendo l esposizione verso i titoli più ciclici e con il maggiore beta. Riteniamo infatti che nel 2010 le borse potranno compiere un balzo del 10-15%, balzo che tuttavia porterà i mercati a superare il loro fair value, cioè il giusto valore così come è stabilito dai fondamentali». Descrizione Valuta ISIN Patrimonio Perf. 3m Volat. A. 3m Sharpe 3m Perf. 6m Volat. A. 6m Sharpe 6m Fidelit. Global Industrials A Dist. EUR LU ,21 18,43 0,08 17,82 19,35 0,31 Fortis. Equity Industrials Europe Classic/Cap. EUR LU ,76 16,84 0,06 19,31 20,06 0,3 UBS (Lu. Infrastructure (EUR) P Acc. EUR LU ,19 12,37 0,24 14,74 13,2 0,38 ING (L). Industrials P Cap. EUR LU ,91 13,94 0,24 20,01 16,87 0,4 Fortis. Equity Industrials World Classic/Cap. EUR LU ,11 15,5 0,18 15,02 16,51 0,31 Eurizon. EasyFund Equity Industrials R EUR LU ,05 13,7 0,2 16,05 15,33 0,35 Mediola. Cyclical Equity S - A EUR IE ,33 12,09 0,25 12,27 13,06 0,38 18 FONDI&SICAV/Febbraio 2010

19 INVESTIRE (tabelle tratte dalle classificazioni di Analysis - Per una comparazione più esatta sono stati esaminati solo prodotti quotati IN in CINA euro) Perf. 1a Volat. A. 1a Sharpe 1a Info.Ratio 1a Perf. 2a Volat. A. 2a Sharpe 2a Info.Ratio 2a Perf. 3a Volat. A. 3a Sharpe 3a Info.Ratio 3a Perf. 5a Volat. 5a Sharpe 5a Info.Ratio 5a 56,12 41,56 0,12 0,12-38,13 47,75-0,05-0,02-53,96 40,16-0,07-0,01-32,08 32,24-0,02 0, 43,84 37,25 0,15 0,15-46,19 45,06-0,07-0,04-59,45 38,79-0,09-0,04-40,72 31,12-0,04-0,02 43,38 37,01 0,15 0,15-28,07 41,63-0,04 0, -49,13 36,22-0,07-0,01-30,47 29,01-0,03 0, 43,25 30,51 0,11 0,11-29,61 33,63-0,06-0,01-46,6 29,44-0,08-0,01-28,96 23,57-0,03-0,01 42,75 39,5 0,14 0,15-37,41 46,28-0,05-0,02-53,08 40,03-0,07-0,01-29,01 32,26-0,02 0, 42,08 37,4 0,13 0,14-37,7 41,83-0,06-0,06-56,1 36,54-0,09-0,08-39,87 29,22-0,04-0,03 38,74 35,35 0,13 0,14-36,73 41,24-0,06-0,03 36,59 42,39 0,12 0,13-40,2 46,7-0,06-0,03-56,03 40,09-0,07-0,02-33,45 32,25-0,02 0, 36,06 39,81 0,13 0,13-36,8 44,74-0,05-0,02-53,91 38,61-0,07-0,02-28,96 31, -0,02 0, 34,59 38,68 0,12 0,13-36,7 42,26-0,06-0,03-52,32 36,84-0,08-0,02-21,23 30,18-0,01 0,01 33,5 26,55 0,14 0,14-32,47 34,21-0,07-0,03-48,44 30,67-0,1-0,03-32,05 26,16-0,04-0,01 31,63 22,67 0,15 0,16-23,7 28,86-0,06-0,02-38,97 26,22-0,09 0, -2,76 21,54-0,01 0,03 31,17 36,84 0,1 0,11-37,29 44,76-0,06-0,03-49,78 37,5-0,07-0,01-24,41 30,19-0,02 0,01 30,49 45,05 0,09 0,09-35,48 46,37-0,05-0,02-51,53 38,94-0,07-0,01-23,71 31,53-0,01 0,01 26,99 30,37 0,09 0,1-34,55 35,35-0,07-0,03-52,34 30,5-0,1-0,03-34,41 24,78-0,05-0,02 26,31 30,35 0,09 0,1-35,23 35,35-0,07-0,03-53,09 30,5-0,11-0,04-36,09 24,78-0,05-0,02 11,62 33,45 0,04 0,05-40,12 34, -0,1-0,04-49,15 29,24-0,1-0,03-27,95 23,77-0,04-0,01 ENTUSIASMI FRENATI E aggiunge ulteriori dubbi Clelia Rezzonico, senior portfolio manager di Ubs global asset management: «Abbiamo ridotto l esposizione verso i titoli ciclici, che hanno già dato ottimi risultati lo scorso anno e che ora mostrano la corda, anche se questi settori presentano ancora qualche ottima opportunità. All interno del comparto oggi cerchiamo di investire in quelle società che hanno un modello di business che garantisce una solida crescita degli utili in un ambiente economico in continua evoluzione». Ma d altra parte possono avere fiato per correre più veloci titoli che, per loro natura, dipendono da un buon livello della domanda da parte dei consumatori, delle aziende e degli stati? Che è come dire: quanto sarà solida e vivace la ripresa economica? «È probabile che nel medio termine il livello della domanda di beni e servizi resterà limitato. Tasso di disoccupazione alle stelle e fiducia dei consumatori ai minimi sono fattori fondamentali e negativi nelle economie più mature», spiega Philip Parker, fund manager azionario europeo di Aviva investors. «A livello mondiale, poi, la domanda di prodotti ciclici rimarrà molto debole a causa della necessità di eliminare gli eccessi di debito che il sistema ha permesso di accumulare negli ultimi anni». Un altra ragione che frena gli entusiasmi intorno ai titoli ciclici è rappresentata dal fatto che i consumi sono limitati dal basso grado di utilizzo della capacità produttiva nell economia. Dopo una decade in cui si è costruita questa capacità alimentandola ampiamente con il debito, il mondo oggi non sembra avere bisogno di investire nella sua base produttiva. Ma la ragione principale è forse quella citata all inizio, cioè che le valutazioni di gran parte dei titoli ciclici stanno già (tabelle tratte dalle classificazioni di Analysis - Per una comparazione più esatta sono stati esaminati solo prodotti quotati in euro) Perf. 1a Volat. A. 1a Sharpe 1a Perf. 2a Volat. A. 2a Sharpe 2a Perf. 3a Volat. A. 3a Sharpe 3a Perf. 5a Volat. 5a Sharpe 5a 45,52 24,17 0,24-7,59 29,5-0,01-2,37 26,12 0, 60,45 22,66 0,06 38,56 25,04 0,21-17,41 31,63-0,03-30,09 29,12-0,05 13,75 24,22 0,02 36,8 17,27 0,23 35,75 23,7 0,2-15,22 27,66-0,04-25,86 24,66-0,05 1,64 20,72 0, 27,96 22,15 0,17-21,21 26,66-0,05-31,12 23,59-0,07-10,79 19,74-0,02 24,35 21,32 0,15-17,86 25,23-0,05-27,75 22,46-0,07-2,9 18,93-0,01 20,14 19,82 0,12-17,64 23,44-0,06-27,5 20,97-0,08-5,08 17,96-0,02 FONDI&SICAV/Febbraio

20 Fondi azionari tecnologici Descrizione Valuta ISIN Patrimonio Perf. 3m Volat. A. 3m Sharpe 3m Info.Ratio 3m Perf. 6m Volat. A. 6m JPMorga. JPMF Europe Technology A Acc. EUR LU ,35 20,53 0,02 0,03 27,61 21,62 0,29 0,29 Allianc. Asian Technology Portfolio A EUR LU ,97 13,89 0,05 7,58 14,56 0,27 AXA Wor. Framlington Global Technology A Cap. EUR LU ,15 17,23 0,2 0,21 14,21 15,22 0,33 0,34 IT Asse. IT Technology Global Cap. 1 EUR LU ,06 15,8 0,2 14,66 15,09 0,4 Janus C. Global Technology A Acc. EUR IE ,24 15,91 0,09 0,1 10,09 16,57 0,3 0,31 ING (L). New Technology Leaders P Cap. EUR LU ,42 15,19 0,19 0,11 14,51 15,25 0,33 0,12 BlackRo. BGF World Technology A2 Cap. EUR LU ,84 17,73 0,22 0,16 14,01 15,45 0,31 0,09 Vitruvi. Growth Opportunities B Cap./Hedged Euro EUR LU ,63 13,89 0,07 12,06 13,77 0,33 Fidelit. Global Technology A Dist. EUR LU ,3 15,22 0,16 0,17 12,14 14,96 0,33 0,34 Fortis. Equity Technology Euro Classic/Cap. EUR LU ,09 20,04-0,04-0,03 20,83 20,1 0,22 0,23 Frankli. Franklin Technology A Acc. EUR LU ,11 17,75 0,26 0,21 15,7 15,96 0,35 0,15 Raiffei. Azionario Tecnologia V EUR AT ,68 18,12 0,17 11,68 16,03 0,32 Fortis. Equity Technology World Classic/Cap. EUR LU ,77 13,79 0,24 0,25 11,04 12,74 0,32 0,33 Eurizon. EasyFund Equity High Tech R EUR LU ,59 14,31 0,25 0,26 11,57 13,22 0,33 0,34 Fortis. Equity Technology World P EUR LU ,57 13,79 0,23 0,24 10,6 12,75 0,31 0,32 Groupam. Actions Techno Monde N Cap. EUR FR ,83 15,18 0,23 0,14 10,09 13,22 0,29 0,01 Sella G. Internet Fund EUR LU ,53 17,72 0,16 0,17 6,65 16,27 0,23 0,24 EURIZON AZIONI TECNOLOGIE AVANZATE EUR IT ,23 11,62 0,44 0,45 10,4 12,15 0,45 0,45 BNP Par. Technologies EUR FR ,56 21,11 0,02 9,6 22,45 0,16 Selecto. W&R Science & Technology A1 EUR LU ,01 17,08 0,14 7,86 14,89 0,23 Popso Innovation Equity EUR LU ,37 10,75 0,26 5,63 10,54 0,32 Sharpe 6m Info.Ratio 6m scontando la forte impennata degli utili del semestre passato. «L attuale livello delle valutazioni», spiega Parker, «implicherebbe un ritorno a una fase vivace come quella della metà anni degli novanta, fattore che sembra tuttavia poco probabile per via degli elementi di ostacolo menzionati». «Riteniamo che le valutazioni dei settori ciclici incorporino già uno scenario di crescita degli utili importante», confermano Giovanni Vietti e Massimo Cavalli di Allianz global investors Italia. E aggiunge Philip Parker: «Non crediamo inoltre che, nel breve termine, assisteremo a una crescita economica elevata dal momento che l economia globale deve prima eliminare gli eccessi creati nell ultimo decennio. Di conseguenza, puntiamo su quei settori con un potenziale di crescita organica e che offrono rendimenti elevati indipendentemente dall incerto contesto economico, come l healthcare, alimentato dalla crescente introduzione di nuove terapie, e le telecomunicazioni, che of- frono dividend yield elevati e soprattutto sicuri». Per Frédéric Buzaré, global head of equity di Dexia asset management, se i tassi di interesse aumenteranno più velocemente degli utili, assisteremo a una minore resa dei ciclici: «Le imprese industriali sono il migliore strumento per ottenere un esposizione verso la ripresa economica, ma vorremmo sottolineare la necessità di essere molto selettivi, privilegiando le imprese del lusso, del commercio al dettaglio e degli alimenti di base. Abbiamo anche sovrappesato il comparto estrattivo, della tecnologia dello spazio e dell energia, che beneficiano di una tendenza positiva di fondo. Il settore che ci piace meno, infine, è il bancario, poco attraente da molti punti di vista, ma soprattutto troppo esposto ai giochi politici». C È CHI PENSA AI DIFENSIVI Naturalmente ci sono tante tonalità di grigio e proprio intorno ai ciclici i gestori srotolano l intera gamma. Per Christoph Riniker, senior strategist di Bank Julius Baer, il comparto ha ancora in po di strada da percorrere verso quello dei titoli difensivi. «Ma il gap si sta restringendo, dato che gli indicatori di tendenza sono in forte anticipo», dice Riniker. «A causa del livello attuale degli utili, i previsti tassi di crescita sono notevolmente superiori rispetto a quelli dei settori difensivi. Attualmente i nostri portafogli sono sovrappesati sui settori energia, beni di consumo durevoli e abbigliamento, software e hardware, ma solo in Usa. Ciononostante, riteniamo che in futuro alcuni settori difensivi torneranno a essere più interessanti e riconquisteranno importanza». Non mancano infine i gestori che si dichiarano decisamente ottimisti nei confronti dell intera categoria. Questa linea prevale ovviamente tra quelli che credono in una ripresa più robusta. Molte le argomentazioni a favore di questa tesi. In primo luogo, dicono gli analisti, il 2010 si profila come un anno in cui l economia crescerà ancora e i tassi d interesse saranno mantenuti 20 FONDI&SICAV/Febbraio 2010

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859 Vediamo di aggiornare l Etf Portfolio in ottica di Investimento, che avevo introdotto a fine gennaio 2009. (a fondo articolo metto anche un portafoglio per chi inizia adesso, chiaramente con differenti

Dettagli

ILR con. Posizione. attuale.

ILR con. Posizione. attuale. ILR con il gestore G. Spinola del 16/04/15 Trend vs. Msci World Dal lancio ( 15/02/93 ) al 16/04/15. Posizione attuale. 63% %* in Azioni (profilo di rischio teoricoo del portafoglio mediamente in lineaa

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto 29 Settembre 2015 Fonditalia Core MERCATO Azionario Da metà aprile gli indici azionari hanno corretto al ribasso dopo il rialzo di inizio anno (prima a causa dell acuirsi della crisi greca, poi per via

Dettagli

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Sviluppo Rete Arca Fund Manager Webinar Fondi Obbligazionari

Dettagli

LYXOR UCITS ETF IBOXX $ TREASURIES 1-3Y

LYXOR UCITS ETF IBOXX $ TREASURIES 1-3Y Verso fine gennaio 2009 avevo introdotto un Portafoglio in Etf. Ricordo che questo portafoglio, è stato concepito per essere tenuto fino alla completa uscita dalla crisi. Introdurrò in questo report un

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 80 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti,

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

Comitato Investimenti 11.1.2016

Comitato Investimenti 11.1.2016 Comitato Investimenti 11.1.2016 1 SNAPSHOT Il 2016 non dovrebbe presentare delle sorprese nell'euro-zona, con ciò il Comitato Investimenti intende un rialzo dei rendimenti, perché l'inflazione è modesta

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds 1 Sintesi Gli attuali squilibri Le prospettive Le strategie nelle varie asset class 2 Gli

Dettagli

Rassegna stampa - TENDERCAPITAL

Rassegna stampa - TENDERCAPITAL Rassegna stampa - TENDERCAPITAL Rassegna del 22/05/2014 INDICE TENDERCAPITAL 21/05/2014 Fondi & Sicav È sempre grande America 21/05/2014 Fondi & Sicav Nel complesso benino 21/05/2014 Fondi & Sicav Il vero

Dettagli

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In

Dettagli

UBS Dynamic. Portfolio Solution

UBS Dynamic. Portfolio Solution Dynamic 30 giugno 2013 UBS Dynamic Linee di Gestione di UBS (Italia) S.p.A. Linea Global Credit Linea Income Linea Yield Linea Balanced Linea Equity Linea Global Credit Linea Income Linea Yield Linea Balanced

Dettagli

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015)

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) STOXX600 Europe Lo STOXX600 ha superato l importante resistenza toccata nel 2007 a quota 400, confermando le nostre previsioni di un mese fa. Il trend di medio-lungo periodo

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Per Consulenti E Investitori Qualificati Strategic Solutions Schroder Global Diversified Growth Fund Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Quando gli strumenti classici non bastano

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

GP Benchmark GP Quantitative

GP Benchmark GP Quantitative Servizio d'investimento commercializzato da: GP Benchmark GP Quantitative Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.313111 www.cassacentrale.it Messaggio pubblicitario.

Dettagli

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA MERCATO MONETARIO E MERCATO OBBLIGAZIONARIO La scorsa settimana ha visto un andamento differenziato dei tassi tra area euro ed area dollaro: se infatti quelli

Dettagli

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato No. 10 giugno 2015 N. 10 giugno 2015 2 Le principali Banche Centrali hanno aumentato complessivamente di oltre 6.000 miliardi

Dettagli

Commento & Analisi operative

Commento & Analisi operative Commento & Analisi operative Mese di ottobre che ha visto variazioni mensili modeste (con cali in molti paesi specifici ma con azionario Usa e Giapponese ai massimi storici) ma nasconde molti fatti e movimenti

Dettagli

RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC. Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico

RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC. Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico ASSET SG S.p.A. A SOCIO UNICO Via Tre Settembre, 210 47891 Dogana R.S.M.

Dettagli

Fondi & Gestioni Gennaio 2014. Rispondiamo in tempo reale alle domande sui fondi e le gestioni di AcomeA SGR su Twitter. Utilizza l hashtag #aad

Fondi & Gestioni Gennaio 2014. Rispondiamo in tempo reale alle domande sui fondi e le gestioni di AcomeA SGR su Twitter. Utilizza l hashtag #aad Fondi & Gestioni Gennaio 2014 Rispondiamo in tempo reale alle domande sui fondi e le gestioni di AcomeA SGR su Twitter. Utilizza l hashtag #aad Indice Classifiche: rassegna stampa fondi...3 AcomeA Classifiche

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 6 giugno A cura dell

Dettagli

2014 meglio del 2013?

2014 meglio del 2013? S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica 2014 meglio del 2013? Roberto Cesarini Intesa Sanpaolo Private Banking 20 marzo 2014 - Milano Contesto 1/2 Quadro economico in lento

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico"

Portafoglio Invesco a cedola Profilo dinamico Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico" Questo documento è riservato per i Clienti Professionali/Investitori Qualificati e/o Soggetti Collocatori in Italia e non per i clienti finali. È vietata

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati

Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati Oltre gli schemi, verso nuove opportunità d investimento Adottare un approccio di gestione standard, che utilizza l esposizione azionaria come un indicatore

Dettagli

GP Private. Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.

GP Private. Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461. GP Private Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.313111 www.cassacentrale.it Messaggio pubblicitario. Non costituisce offerta

Dettagli

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A.

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. Relazione Semestrale al 30.06.2015 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO Kairos Income Kairos Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via San Prospero 2, 20121 Milano Tel 02.777181

Dettagli

2014 : Fondi o Etf? Mono o multimarca?

2014 : Fondi o Etf? Mono o multimarca? 2014 : Fondi o Etf? Mono o multimarca? Venerdì 29 novembre 2013 In questo Diario di Bordo parliamo in sintesi: MERCATO OBBLIGAZIONARIO. MEGLIO FONDI O ETF? MEGLIO OPERARE CON UNA SOLA SOCIETA DI GESTIONE

Dettagli

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti:

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti: Analisti e strategisti di mercato amano interpretare le dinamiche dei mercati azionari in termini di fasi orso, fasi toro, cercando una chiave interpretativa dei mercati, a dimostrazione che i prezzi non

Dettagli

8a+ Investimenti Sgr. Latemar

8a+ Investimenti Sgr. Latemar 8a+ Investimenti Sgr Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Latemar RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Sede Legale: Varese, Piazza Monte Grappa 4 Tel 0332-251411 Telefax 0332-251400 Capitale

Dettagli

Questo ciclo è esemplificativo di quelli degli altri future su indici azionari che seguo.

Questo ciclo è esemplificativo di quelli degli altri future su indici azionari che seguo. Prima di parlare dei problemi dell Euro, facciamo prima un breve aggiornamento ciclico. Vediamo il Ciclo settimanale per l Eurostoxx future iniziato il 12 luglio intorno alle ore 16:30 (dati a 15 minuti

Dettagli

MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva

MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva Data Pubblicazione 04/06/2015 Sito Web www.impresamia.com MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva Commento mensile di Giugno 2015 a firma di Alessandro

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 4 aprile 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 4 aprile 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 4 aprile A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono unicamente

Dettagli

Partiamo dal Bund e vediamo il Ciclo Trimestrale ed il Ciclo Settimanale: (Ricordo che il 21 aprile è chiuso).

Partiamo dal Bund e vediamo il Ciclo Trimestrale ed il Ciclo Settimanale: (Ricordo che il 21 aprile è chiuso). Vediamo un analisi della situazione Ciclica su Bund ed Euro/Dollaro. Partiamo dal Bund e vediamo il Ciclo Trimestrale ed il Ciclo Settimanale: (Ricordo che il 21 aprile è chiuso). (Il grafico è realizzato

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 5 - Maggio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA:

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA INCOME FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE

Dettagli

Note di mercato. Aprile 2012 UN' IDEA DI INVESTIMENTO - QUI C'E' VALORE!!!

Note di mercato. Aprile 2012 UN' IDEA DI INVESTIMENTO - QUI C'E' VALORE!!! Note di mercato Aprile 2012 UN' IDEA DI INVESTIMENTO - QUI C'E' VALORE!!! A che punto siamo Confronto con le riprese economiche precedenti E uscito da pochi giorni il World Economic Outlook a periodicità

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

DAILY 27.02.2015. venerdì 27 febbraio 2015-1 -

DAILY 27.02.2015. venerdì 27 febbraio 2015-1 - DAILY 27.02.2015 venerdì 27 febbraio 2015-1 - Oro, strumento di copertura Ieri abbiamo visto ancora un super Dollaro nonostante i dati sull inflazione particolarmente tranquilli e richieste di sussidio

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Offerta al pubblico di UNIVALORE STARS prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL13US) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di UNIVALORE STARS prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL13US) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di UNIVALORE STARS prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL13US) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS F INFLAZIONE

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale - l Euro/Dollaro si è indebolito ed ha chiuso sotto l importante soglia psicologica di 1,35 - l Oro ha arrestato il recupero dopo i minimi del 31 dicembre

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

L investimento azionario nei portafogli istituzionali: le opportunità offerte da strategie alternative

L investimento azionario nei portafogli istituzionali: le opportunità offerte da strategie alternative L investimento azionario nei portafogli istituzionali: le opportunità offerte da strategie alternative Marzio Zocca Responsabile Clienti Istituzionali Azimut Consulenza Sim Santander 2008 100.0% 100.0%

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 5 maggio 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 5 maggio 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. maggio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono unicamente

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 1 Gennaio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 1 Gennaio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 1 Gennaio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Considerazioni riassuntive degli indicatori analizzati

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale - l Euro/Dollaro si è rafforzato ulteriormente ed ha chiuso intorno a 1,373 - l Oro è salito ulteriormente ed ha chiuso intorno a 1326 dollari - l Indice delle

Dettagli

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento Data xx/xx/xxxx Piano di Intervento Cliente: ESEMPIO/09/03/1 Gentile CLIENTE, Il presente elaborato è stato redatto sulla base di quanto emerso durante i nostri precedenti incontri e costituisce uno strumento

Dettagli

Linea Azionaria. Avvertenza

Linea Azionaria. Avvertenza Avvertenza Si allegano le schede relative alle analoghe LInee di Gestioni di CFO SIM, come elemento di continuità gestoria alle nuove Linee di Gestione Elite di CFO GESTIONI FIDUCIARIE Capitale Sociale

Dettagli

I fondi a distribuzione Parvest

I fondi a distribuzione Parvest Il presente documento ha natura pubblicitaria e viene diffuso con finalità promozionali, è redatto a mero titolo informativo e non costituisce (i) un offerta di acquisto o una sollecitazione a vendere;

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

TROVA I RENDIMENTI OVUNQUE

TROVA I RENDIMENTI OVUNQUE DOCUMENTO PUBBLICITARIO TROVA I RENDIMENTI OVUNQUE CON BGF FIXED INCOME GLOBAL OPPORTUNITIES FUND (FIGO) È un nuovo mondo per i mercati obbligazionari. È quindi giunto il momento di considerare un approccio

Dettagli

Fondo Interno Core. 31 luglio 2012

Fondo Interno Core. 31 luglio 2012 Fondo Interno Core 31 luglio 2012 Indice FIDEURAM VITA INSIEME Commento mensile FVI - Fondo Interno Core Classe K FVI - Fondo Interno Core Classe Y FVI - Fondo Interno Core Classe Z Indice Luglio 2012

Dettagli

Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti

Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti Fausto Tenini - Analista Quantitativo presso Ufficio Studi MF-MilanoFinanza - Prof. presso Univ. Statale di Milano, facoltà

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

Prospettive 2015 - Divergenze

Prospettive 2015 - Divergenze NOVEMBRE 2014 Prospettive 2015 - Divergenze Jean-Sylvain Perrig, CIO Union Bancaire Privée, UBP SA Rue du Rhône 96-98 CP 1320 1211 Ginevra 1, Svizzera Tel. +4158 819 21 11 Fax +4158 819 22 00 ubp@ubp.com

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 11 novembre A cura

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 86 MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il 29 giugno

Dettagli

Coniugare esigenza e soluzione d investimento: controllare i rischi con l approccio Global Macro. Marco Serventi Senior Relationship Manager AMUNDI

Coniugare esigenza e soluzione d investimento: controllare i rischi con l approccio Global Macro. Marco Serventi Senior Relationship Manager AMUNDI Coniugare esigenza e soluzione d investimento: controllare i rischi con l approccio Global Macro Marco Serventi Senior Relationship Manager AMUNDI EFPA Italia Meeting 2014, 5/6 Giugno Lecce Siamo stati

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

FR0010869578 IE00BKS8QN04 IE00BKS8QT65 IE00B3VTPS97. Azioni Vendita in utile dell 1% l Etf Global Titans che aveva guadagnato parecchio: FR0007075494

FR0010869578 IE00BKS8QN04 IE00BKS8QT65 IE00B3VTPS97. Azioni Vendita in utile dell 1% l Etf Global Titans che aveva guadagnato parecchio: FR0007075494 Verso fine gennaio 2009 avevo introdotto un Portafoglio in Etf. Ricordo che questo portafoglio, è stato concepito per essere tenuto fino alla completa uscita dalla crisi (che ricordo è soprattutto legata

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 6 giugno 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 6 giugno 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 6 giugno 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

SOLUZIONE MOLTO PRUDENTE p. 2. SOLUZIONE PRUDENTE p. 3. SOLUZIONE MODERATA p. 4. SOLUZIONE AGGRESSIVA p. 5. SOLUZIONE MOLTO AGGRESSIVA p.

SOLUZIONE MOLTO PRUDENTE p. 2. SOLUZIONE PRUDENTE p. 3. SOLUZIONE MODERATA p. 4. SOLUZIONE AGGRESSIVA p. 5. SOLUZIONE MOLTO AGGRESSIVA p. AL 12/11/04 FONDI INTERNI SOLUZIONE AL 12/11/04 REPORTING SETTIMANALE - FONDI INTERNI SOLUZIONE: SOMMARIO : SOLUZIONE MOLTO PRUDENTE p. 2 SOLUZIONE PRUDENTE p. 3 SOLUZIONE MODERATA p. 4 SOLUZIONE AGGRESSIVA

Dettagli

Europa: Ripresa o deflazione?

Europa: Ripresa o deflazione? Europa: Ripresa o deflazione? 1 Cosa è successo quest anno? Ripresa in rallentamento 2 Cosa è successo quest anno? Inflazione verso lo zero 3 Cosa è successo quest anno? Tensioni geopolitiche 4 Impatto

Dettagli

Copertura Valutaria Franklin Templeton Investments

Copertura Valutaria Franklin Templeton Investments Copertura Valutaria COSA E LA COPERTURA VALUTARIA? La copertura valutaria è utilizzata allo scopo di ridurre l effetto causato sui rendimenti dalle fluttuazioni dei tassi di cambio. I movimenti valutari

Dettagli

CEDOLARMENTE UNA SELEZIONE DI PRODOTTI CHE PREVEDE LA DISTRIBUZIONE DI UNA CEDOLA OGNI 3 MESI. REGOLARMENTE.

CEDOLARMENTE UNA SELEZIONE DI PRODOTTI CHE PREVEDE LA DISTRIBUZIONE DI UNA CEDOLA OGNI 3 MESI. REGOLARMENTE. CEDOLARMENTE UNA SELEZIONE DI PRODOTTI CHE PREVEDE LA DISTRIBUZIONE DI UNA CEDOLA OGNI MESI. REGOLARMENTE. PERCHÉ UN INVESTIMENTO CHE POSSA GENERARE UN FLUSSO CEDOLARE LE SOLUZIONI DI UBI SICAV Nell attuale

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 Cfa Society: +56,8 pt Italy sentiment in maggio, fiducia confermata 2015-05-04

Dettagli

Il risparmio durante la crisi: Diversificazione o concentrazione del rischio?

Il risparmio durante la crisi: Diversificazione o concentrazione del rischio? Il risparmio durante la crisi: Diversificazione o concentrazione del rischio? Fabio Innocenzi CEO UBS Italia S.p.A. 8 Giugno 2012 QFinPanel, Politecnico di Milano Gli effetti della crisi economica sul

Dettagli

CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund

CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund piano di accumulo gennaio 100 febbraio 50 marzo 150 agosto 50 aprile 15o maggio 100 LUgLio 100 giugno 50 La SoLUzionE per

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

I Differenziali di rendimento

I Differenziali di rendimento I Differenziali di rendimento continuano ad orientare il mercato FX 14 Febbraio 2011 Durante la scorsa settimana abbiamo avuto un attività di trading favorevole sul Dollaro USA in quanto i differenziali

Dettagli

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO www.momentumborsa.it Pierluigi Lorenzi Muoversi nel mercato finanziario per uscire dalla crisi CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO 2 CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO Muoversi nel mercato finanziario

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

Vediamo un analisi della situazione Ciclica su Bund ed Euro/Dollaro (prezzi chiusura del 16 gennaio)

Vediamo un analisi della situazione Ciclica su Bund ed Euro/Dollaro (prezzi chiusura del 16 gennaio) Vediamo un analisi della situazione Ciclica su Bund ed Euro/Dollaro (prezzi chiusura del 16 gennaio) Prima un breve cenno alla situazione Macroeconomica che interessa questi 2 mercati- Anche qui ha pesato

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica Veloce e Fragile Le dinamiche dell economia britannica 2 maggio, 2011 Rimbalzo nel primo trimestre per il Regno Unito? Come è già stato precedentemente sottolineato, l economia britannica è un economia

Dettagli

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library.

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library. Questo Documento fa parte del corso N.I.Tr.O. di ProfessioneForex che a sua volta è parte del programma di addestramento Premium e non è vendibile ne distribuibile disgiuntamente da esso. I testi che seguono

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2014 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 2.200.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale No. 4 - Giugno 2013 Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Nelle ultime settimane si sono verificati importanti

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli