Esempi di politiche degli acquisti:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esempi di politiche degli acquisti:"

Transcript

1 Gestione dei fornitori

2 Politica degli acquisti Esempi di politiche degli acquisti: Acquistare solo i materiali non critici, gli altri internamente? Acquistare al miglior prezzo? Acquistare con la migliore qualità di prodotto? Acquistare da fornitori con la qualità globale? Decentrare all esterno, fare solo il collaudo e commercializzare? Trovare dei partner e attivare il comakership e/o codesign?

3 Formulazione della politica per gli acquisti-1 Fare un ordine basandosi solo sul prezzo di acquisto non é sufficiente! Definire i fattori di acquisto per ogni settore merceologico Definire le priorità nelle valutazioni e nella selezione

4 Formulazione della politica per gli acquisti -2 Fattori di acquisto: puntualità dei termini di consegna grado di sintonia tra azienda e fornitore nella soluzione dei problemi comuni (emergenze, urgenze, NC, Azioni Correttive (AC) e Preventive (AP)) supporto da parte del fornitore come consulente esperto delle sue tecnologie, metodi, ecc. gestione logistica (scorte, lotti economici, buy-make in condizione di saturazione produttiva interna, prodotti nuovi) costi (conoscenza dei tempi:di produzione, informazione, consegna, cambi attrezzature, industrializzazione, ecc..)

5 Obiettivi degli acquisti Obiettivi aziendali - utile previsto per l anno entrante - budget totale dell anno entrante - previsioni vendite x prodotto e per periodo (su base mensile) - previsioni acquisti per mix pre-definito con costi consuntivi anno corrente - previsioni acquisti con fattori correttivi comprendenti i fattori valutari e finanziari - approvazione del budget acquisti e delle deleghe gestionali Obiettivi relativi al marketing strategico acquisti - piano sviluppo nuovi prodotti - piani straordinari per riduzione costi (buy or make) e innovazione di processo

6 Azioni per conseguire gli obiettivi degli acquisti e gli obiettivi aziendali - 1 Lavoro preliminare degli Acquisti/UT/Programmazione Classificare i fornitori in classi merceologiche (ed eventualmente sottoclassi) Identificare i fornitori critici e per quali fattori di acquisto Fare una analisi ABC dei fornitori per classe merceologica per valore o quantità

7 Azioni per conseguire gli obiettivi degli acquisti e gli obiettivi aziendali - 2 Lavoro preliminare dell UT/AQ/Acquisti identificazione Norme di riferimento (ISO, CEI) specifiche tecniche per classi (o sottoclassi) merceologiche creazione di specifiche assieme ai fornitori per i processi in conto lavoro distribuzione specifiche e approvazione da parte del fornitore individuazione delle forniture per le quali é necessaria l attestazione o la certificazione di conformità alle norme di sicurezza

8 Azioni per conseguire gli obiettivi degli acquisti e gli obiettivi aziendali -3 Definire la politica degli acquisti (fattori di acquisto) per ogni settore merceologico per l anno entrante (o per tre anni). Ad esempio (A= prioritario, B=nella norma, C=secondario) Fattori di acquisto MP COM SER MA Costo B B C C Lead time consegna A A B A Puntualità consegne A B A A Qualità B A A B Supporto B B A B (MP=materie prime, COM=componenti su disegno; SER=servizi; MA=componenti std e ausiliario) NB I fattori di acquisto possono essere diversi da classe a classe merceologica Con questa tabella è possibile desumere i pesi da assegnare ai vari fattori di acquisto per la valutazione dei fornitori.

9 Azioni per conseguire gli obiettivi degli acquisti e gli obiettivi aziendali - 4 Ridurre (sulla carta) il numero dei fornitori impiegando i dati precedenti (primi tre di ogni classe merceologica) partendo da quelli più critici. Qualificare o riqualificare i primi tre fornitori di ogni classe merceologica, partendo da quelli più critici. Selezionare i fornitori sulla base delle indicazioni emerse in fase di qualificazione Negoziare con i primi tre fornitori quantità e programmi, impegni, azioni a fronte di NC, ecc. Stimare i costi degli acquisti sui consumi dell anno precedente Se OK dare attuazione al piano di riduzione fornitori Se non OK ridefinire i fattori di acquisto e il numero di fornitori per classe (da tre a due) e ripetere il ciclo.

10 Azioni per conseguire gli obiettivi degli acquisti e gli obiettivi aziendali -5 Gestione dei fornitori (AQ /CQ + Acquisiti) evidenziazione, registrazione e gestione delle NC piano di azioni correttive e preventive supporto in loco per difficoltà risolutive (introduzione dell analisi causa-effetto e raccolta dati) trasformare la raccolta dati in specifica di processo utilizzare i dati di processo come attestazione di conformità attivare il free-pass in ingresso censire le azioni aperte a fine anno e farne oggetto di un Piano di Miglioramento legare le quote di fornitura a obiettivi pre-concordati

11 Responsabilità e deleghe Elenco dei processi/attività Individuazione delle funzioni coinvolte Assegnazione delle Responsabilità dell attività Indicazione delle interfacce del responsabile con le altre funzioni e con i fornitori Deleghe e decentramenti delle decisioni

12 La riduzione dei costi di acquisto tramite - l effetto di scala (il costo unitario varia al variare del lotto) - riduzione del numero dei fornitori per settore - conoscere e gestire i costi di attrezzaggio del fornitore e gestire il lotto economico - l utilizzo dei prodotti standard del fornitore - ridurre il numero di codici di materia prima e componenti - far coincidere i prodotti standard con quelli del fornitore - la riprogettazione con gli standard di processo del fornitore - co - design (il fornitore integrato in UT) - co - makership (il fornitore come reparto interno)

13 La riduzione dei costi delle scorte: individuare i colli di bottiglia e controllarne il carico conoscere costi di immobilizzo delle scorte e definire gli stock di riordino introduzione del kan-ban e tecniche organizzative riduzione dei tempi di attraversamento in produzione (tecniche di attrezzaggio rapido + riduzione dei lotti di produzione)

14 La riduzione dei costi di mancata qualità piano azioni correttive e preventive per ridurre le NC in ingresso spostamento dei controlli in produzione e in ingresso del fornitore formazione e addestramento dei fornitori abituali valutazione e qualificazione dei nuovi fornitori omologazione e nuovi codici, studi di capacità fatti presso e con il fornitore.

15 L aumento della efficienza produttiva e logistica interna tramite: - riduzione selezioni e rilavorazioni materiali riduzione deroghe e loro gestione riduzione fermate di produzione rispetto degli appuntamenti (forniture a programma) riduzione scarti e rilavorazioni dopo collaudo finale

16 Trasformazione della politica degli acquisti in modalità operative Politica-->Strategia Acquisti solo per materiali critici Acquistare al miglior prezzo Collaudare e commercializzare solo Modalità operative Acquisti Spremere al massimo i fornitori Nessuna garanzia per il fornitore Ruolo della Qualità Specifiche e indicazioni solo da una parte Apporto dei fornitori zero Specifiche Rating qualitativo Accettazione 100% Ruolo degli Acquisti Acquistare al miglior prezzo ogni ordine Budget acquisti Parco fornitori allargato Gestione vendor rating/concorrenza Decentrare il più possibile Integrazione con i fornitori, ordini aperti, forniture JIT Process capability Free pass esteso Piani di miglioramento Far crescere i fornitori Integrazione Riduzione costi interni+esterni Partnership, logistica integrata Qualificare pochi fornitori, reti gestionali comuni Investimenti comuni e sincronizzati Codesign Valutazione comune dei reclami Make-buy esteso al fornitore Marketing di acquisto

17 Il costo di approvvigionamento - 1 Costo di approvvigionamento Costi di negoziazione Costo di emissione documenti (ordini, disegni specifiche) Costi di gestione spedizioni Costo di trasporto Azioni per ridurre i costi Attivazione contratti aperti Da fare solo per nuovi prodotti o modifiche di processo o o per la revisione dei contratti aperti Attivare ordini aperti Distribuire in modo controllato dei documenti Impiegare codici con l indice di revisione (per variazioni di specifica, materiali, disegni, ecc) Ordini aperti La spedizione é soggetta ad automatismi (stock di riordino, kan ban c/o fornitore) Utilizzo integrato dei mezzi di trasporto utlizzati per le consegne ai clienti. Contratti con società di trasporto aperti

18 Il costo di approvvigionamento - 2 Costo di approvvigionamento Costi gestionali di ricevimento merci Costi di ispezione per ricevimento merci e inoltro ai reparti Costi di marketing di acquisto Costo di assitenza fornitori Azioni per ridurre i costi Impiego codici a barre Fatturazione a consuntivo a fine mese Impiego codici a barre Consegna direttamente nelle linee di produzione Addestremento personale Impiego di reti di fornitori qualificati Standardizzazione e riduzione componenti Trasformazione del personale dedicato alla accettazione Attivazione del processo di omologazione

19 Il marketing degli acquisti - 1 Mercato Prodotto ricerca distretti tecnologici locali e extra, capacità a fornire, vie di comunicazione, vincoli economici e finanziari, fiscali e protezionistici, brevettuali, condizioni sociali (costo del lavoro)) Produzione parti da acquistare,import export, dove si consumano le parti da acquistare Previsione domanda offerta delle parti da acquistare livelli qualitativi disponibili, stadio di vita capacità di rispettare le specifiche stadio di vita del prodotto da acquistare Reti distributive e di vendita parco fornitori, dimensioni dei fornitori politiche di vendita dei fornitori struttura di vendita lead time prezzi unitari in funzione del lotto e livello qualità voluto

20 Il marketing degli acquisti - 2 Reperibilità sul mercato e importanza per il prodotto finito Importanza Alta Riduzione scorte Decisione Acquisti Fonti vicine Ottimizzazione volumi Decisioni decentrate Rapporti di lungo periodo stabili Decisioni di vertice Fonti mondiali Rapporti di lungo periodo stabili Decisioni decentrate coordinate Bassa Alta Fonti locali Fonti mondiali Reperibilità Bassa

21 Quando i fornitori sono critici? Il peso degli acquisti supera il 30-50% del costo industriale del prodotto Le tecnologie e l innovazione sono esterne Time to Market breve Servizio e tempi consegna al cliente migliori danno problemi senza tempestività nella risoluzione non hanno un sistema di allarme efficace

22 Gestione e selezione dei fornitori Fase del rapporto Liv. 1 - Avvio Liv. 2 - Attivazione progetti qualità Liv. 3 - Integrazion e per processi Liv. 4 - Integrazion e per businnes Tipo di relazione col fornitore Prezzo innanzitutto Accettazione in ingresso Accordi sulla qualità Gestione NC Visite dai fornitori Qualità innanzitutto Qualificazione fornitori Riduzione N. fornitori Gestione NC insieme Coinvolgimento alcuni fornitori critici nella progettazione Fornitura con attestazione di qualità Studi di capacità del fornitore Obiettivi di qualità comuni Co-design per la industrializzazione Investimenti condivisi Free-pass esteso Partnership con alcuni fornitori critici Accordi sulle strategie e politiche Co-design esteso, gruppo di lavoro e studio con i fornitori Diagnosi dei reclami in tempo reale con i fornitori Slogan I fornitori sono negozi dove comprare al miglior prezzo Fare la qualità con i fornitori La progettazione può iniziare se conosco i processi interni e quelli esterni dei fornitori Il mio mercato diventa il mercato del mio fornitore. Gli affari si fanno insieme.

23 Il parco di fornitori qualificati; esempio relativo al Conto lavoro Fornitore Settore SQ Qualifica Obiettivo 96 Alfa CL no Audit 01/96 Indice qualità progressivo Tipo e stato del fornitore Classe A Abilitato Beta CL 9002 = Classe B Abilitato con riserva Gamma CL 9001 = Classe A Abilitato Delta CL 9002 Audit 02/ Classe C Abilitato con riserva

24 Il rapporto con i fornitori - 1 Fabbisogni da acquistare per conseguire gli obiettivi aziendali La politica degli acquisti Il parco fornitori qualificati La selezione dei fornitori La gestione corrente, il vendor rating Il piano di miglioramento degli acquisti Presupposti di un rapporto fornitore-cliente sono: fiducia e collaborazione reciproca

25 Evoluzione del rapporto Fornitore-Cliente per la gestione della Qualità Fornitore Cliente Fase Produzione Uscita Ingresso Produzione 1 Nessuna ispezione Nessuna ispezione Nessuna ispezione Ispezione 100% 2 Nessuna ispezione Nessuna ispezione Ispezione 100% = 3 Nessuna ispezione Ispezione 100% Ispezione campione = 4 Ispezione 100% Ispezione campione Ispezione campione = 5 Ispezione campione Ispezione campione col cliente 6 Ispezione campione Ispezionecampione col cliente 7 Controllo di processo 8 Controllo di processo Ispezione campione = Nessuna ispezione, = ispezione ridotta su campioni Nessuna ispezione = Ispezione ridotta su campioni Nessuna ispezione Nessuna ispezione =

26 Cosa sta cambiando nel rapporto con i fornitori -2 La competizione commerciale comporta: la riduzione dei costi industriali del prodotto (materiali + mdo diretta + macchine + processi interni) la riduzione tempo di sviluppo dei nuovi prodotti (TIME TO MARKET) la riduzione del tempo di consegna la riduzione dei costi non più a tutti i costi,ma tenendo conto degli obiettivi di altri enti (aumento della puntualità e affidabilità delle consegne del prodotto finito, riduzione del costo degli acquisti e delle inefficienze e dei costi nascosti di mancata qualità)

27 Cosa sta cambiando nel rapporto con i fornitori -3 Presupposti di un rapporto fornitore-cliente sono: cooperazione per la soddisfazione dei clienti finali indipendenza, per assicurare un rapporto basato sulle regole del libero mercato responsabilità della applicazione delle tecniche e metodi della qualità Il metodo e gli strumenti per la valutazione delle specifiche devono essere concordate al momento dell ordine

28 Codice di comportamento con i fornitori - 4 Il cliente é responsabile della correttezza e completezza delle informazioni e delle specifiche che il fornitore impiegherà per produrre Fornitore e cliente, prima di iniziare il loro rapporto devono concludere un contratto riguardante: qualità, prezzi, quantità, termini di consegna e forme di pagamento una procedura relativa ai contenziosi al fine di pervenire ad accordi amichevoli la responsabilità della qualità che deve soddisfare il cliente finale.

29 Qualificazione(iter) Invio questionario di valutazione Visita al processo Eliminazione fornitore no no Azioni correttive Piano Azioni OK? si Avvio omologazione con fornitura di campionatura si no Audit azioni si Attuazione azioni Controllo OK no Fornitore qualificato

30 La valutazione del fornitore-1 fornitura della campionature modifiche o adeguamenti per migliorare l'applicazione finale omologazione e qualificazione del processo l attestazione di qualità (Può essere citata come parte integrante della fornitura) la difettosità presso il cliente finale configurazione del progetto/prodotto consuntivo forniture e obiettivi contrattuali piano di miglioramento e obiettivi di qualità

31 La valutazione del fornitore-2 Indice di qualità totale del fornitore Iqt = I1*peso1 + I2*peso2 + I3*peso3 +.. dove: I1 = indice relativo al fattore di acquisto 1 Peso1 = peso del fattore di acquisto Peso1+Peso2+Peso3+... = 1 Indice di qualità per ogni fattore di acquisto I = (Ft - Fs)/Ft * 100 dove: Ft = forniture totali Fs = forniture segnalate (secondo un criterio da definire)

32 La classificazione del fornitore-3 Livello fornitore Acquisti e logistica Qualità Sviluppo nuovi progetti Valutazione Omologato Classe C Qualificato Classe B Partner Classe A Scorte di sicurezza Ordini singoli Contratti aperti o a programma Consegne JIT, sicronizzate Piani per riduzione scorte e lead time Flussi produttivi integrati Sistemi gestionali comunicanti Fornitore é responsabile del rispetto delle specifiche Controlli di accettazione Forniture con attestazione qualità Free-pass Obiettivi concordati di qualità Fornitore coinvolto nella soddisfazione del cliente finale Co-design per le specifiche qualitative Specifiche tecniche Controllo 1 campionatura Fornitore come esperto e consulenze Specifiche definite insieme al fornitore Co-design e design review con i fornitori Investimenti e piani di sviluppo concordati Rispetto specifiche Rispetto consegne Audit di valutazione positivo Audit sistema e di processo Costi totali fornitore cliente Indice di qualità totale (tutti i fattori di acquisto) Strategie comuni

33 Le interazioni con i fornitori abituali Ordini di prodotti codificati Personalizzazioni Supporto tecnico, invio cataloghi e note informative Quotazioni, revisione prezzi e negoziazione Solleciti per ritardi forniture o pagamenti Richieste di anticipo e urgenze Programmi di fornitura e contratti Nuove applicazioni Omologazioni di nuovi codici Collaborazioni (comakership)

34 Le interazioni con nuovi fornitori Comunicazione, fiere e promozioni Cataloghi Visite Campionature per omologazione Quotazioni Programmi Personalizzazioni Nuovi prodotti

35 Richieste offerte di prodotti standard già codificati Analisi dati della richiesta da parte del fornitore Chiarimenti per i requisiti non chiari o equivoci Valutazione dell offerta e contratti

36 Richieste di prodotti con personalizzazioni Le modifiche si attuano durante il ciclo di vita del prodotto standard a seguito di migliorie dell'applicazione finale del Cliente o dei mezzi produttivi del Fornitore. Di norma le modifiche comportano una variazione dell'indice di modifica del disegno e implicano sempre la revisione dei contratti e nuovi ordini. Attivazione di un gruppo di studio del progetto(co-design) Prototipo e preserie field Test Valutazione dei costi e convalidazione del progetto

37 Documentazione tecnica di riferimento per i fornitori Requisiti citati nell ordine (Specifiche e capitolati clienti) Norme specifiche relative al prodotto, lavorazione, servizio Manuali e Cataloghi dei fornitori (non commerciali) (collimazione) Specifiche tecniche (acquisto, proc., controllo) (collimazione) Leggi nazionali e internazionali (sicurezza, inquinamento, imballi, ecc.) UNI EN ISO 9001: procedure relative del fornitore(collimazione).

38 Analisi tecnica/logistica da parte del fornitore relativamente ad un ordine Corrispondenza codice cliente con codice fornitore Disponibilità prodotti in magazzino Se no, disponibilità e fattibilità a produrre il prodotto nei termini richiesti

39 Ordine e suo riesame da parte del fornitore Gli ordini solo verbali sono da evitare tassativamente Lista di controllo: il prezzo di vendita la quantità per la quale è stato formulato il prezzo di vendita disponibilità logistica a produrre (tempo di attraversamento o data di consegna dal momento dell'ordine) termini di pagamento schede e allegati tecnici

40 Contratti di fornitura prodotto finito, semilavorato, o servizio secondo le specifiche o concordate o stipulate in forma scritta prezzo di vendita stabilito (con algoritmi di aggiornamento o termini di revisione prezzi) predefinita quantità e periodo termini di consegna predefiniti (tempo di attraversamento o data di consegna dal momento della conferma d'ordine) lotti di riordino criteri di spedizione e relativi costi e termini termini di pagamento trattamento delle Non Conformità e deroghe

41 Negoziazione definire il prezzo finale per l'ordine definire le quantità e il prezzo finale in funzione dei lotti per ordini ripetitivi definire programma di forniture su un predefinito periodo definire un contratto commerciale in cui siano fissati: termini di consegna quantità lotto economico definire un contratto commerciale in cui siano fissati: obiettivi di qualità del prodotto e di servizio obiettivi di miglioramento della qualità.

42 Emissione conferme d ordine (Cdo) L'emissione della Conferma d'ordine (Cdo) è l'evidenza formale della avvenuta Revisione del Contratto poiché la sua emissione implica l'avvenuto controllo di: fattibilità tecnica congruenza logistica rispondenza termini contrattuali con esito positivo.

43 Invio solleciti ai Fornitori Si intende la richiesta al fornitore relativa a : ritardo nell'invio offerte e contratti necessità di anticipare la consegna ritardi nella consegna della commessa Ricevimento solleciti dai Fornitori Si intende la richiesta del Fornitore relativa a: ritardo nell'approvazione di un progetto inviato in allegato ad una offerta ritardo nell'avere l'approvazione di una deroga ritardo nei pagamenti

44 Chiusura Fornitura Tecnica: il carico a magazzino della fornitura evasione fisica di ordine (quantità) Amministrativa : archiviazione della bolla di consegna e della fattura evasione dell ordine da punto di vista contabile, pagamento della fornitura nei termini previsti in fattura

45 Il lead time di approvvigionamento - 1 Tempo speso nell approvvigionamento tempo di definizione dell ordine tempo di emissione documenti tempo risposta dei fornitori nel caso di prodotti a catalogo tempo risposta dei fornitori nel caso di prodotti su commessa Azioni per ridurre i tempi Abbinamento codice interno con codice fornitore Ricorso a ordini aperti Invio via EDI e sistema gestionali condivisi Invio posta elettronica Progettare con gli standard dei fornitori Utilizzo prodotti standard fornitre Ordini aperti senza riesame contratto Costituzione scorte concordate presso i fornitori Kan-ban presso i fornitori + ordine aperti e gestione Riduzione tempi di produzione Investimenti in tecnologie

46 Il lead time di approvvigionamento - 2 Tempo speso nell approvvigionamento tempo di trasporto tempo di ricezione e accettazione tempo di carico-scarico magazzino tempo di movimentazione alle linee Azioni per ridurre i tempi Depositi presso distributori Impiego mezzi per consegne ai clienti. Forniture in assicurazione qalità Free-pass Controllo del processo del fornitore Impiego sistemi con codice a barre Magazzini di linea Consegna in free-pass direttamente in reparto Gestione delle coordinate del magazzino Utilizzo con contenitori adatti alla movimentazione

47 Il lead time di approvvigionamento - 3 Il lead time con tecniche di acquisto tradizionali Tempo definizione Ordine Tempo emissione documenti Tempo risposta Fornitore Tempo trasporto Tempo ricevimento Accettazione Tempo scarico per reparti Il lead time con tecniche di acquisto TQC e JIT Tempo emissione documenti Tempo risposta Fornitore Tempo trasporto

48 I rifornimenti Just in Time (JIT o Jit) - 1 JIT = Previsioni mensili + conferme giornaliere Ricevimento del programma Orizzonte del piano Periodo interessato Direttive del mese M-1 2 mesi Mese Mese M: Invio 3 blocchi da 10 giorni. Sintesi del programma giornaliero previsto entro ciascuno dei bloccchi da 10 giorni Mese M+1:... Mese M+2:... Da 48 ore a 1 ora 3-6 giorni 1 giorno Consegna dei contenitori prima della consegna...

49 I rifornimenti Just in Time (JIT o Jit) - 2 Kanban (consegna forniture materiali in linea chiamata dal reparto o dal magazzino PF) Processo Parte Fornitore Direttive Centro di Contenitori lavoro Montaggio Viti Magazzino Consegna entro 15 minuti Gialli interno Imballaggio Linea X Imballo XZ Pallett Subassieme ZZZ Magazzino Imballi Alfa Consegna entro 10 minuti Consegna ore 10:30 e ore 15:00 ingresso A

50 I rifornimenti Just in Time (JIT o Jit) - 3 Le consegne sincronizzate: solo per pezzi voluminosi o per indisponibilità di spazio in magazzino o in linea su ordine della produzione con anticipo di 1-2 ore (con i dati del flusso reale) per rispettare gli appuntamenti in produzione

51 Gestione Non Conformità, Deroghe, Modifiche Per Disposizione (in forma scritta o con riferimenti) si intende la decisione che autorizza: l'effettuazione di una operazione non prevista nei disegni Per Deroga (formalmente emessa dalla Assicurazione Qualità) si intende la decisione che autorizza: l'impiego di materiali diversi da quelli previsti in distinta base l'operazione aggiuntive provvisoria o temporanea (cioè che non verranno richiesti in ordini successivi o dopo un periodo predefinito) su richiesta del cliente la consegna di una fornitura che non rispetta le specifiche concordate con il cliente Per Rilavorazione si intende l'effettuazione di una o più operazioni aggiuntive per: rendere conforme una commessa su cui è stata riscontrata un difetto ricuperabile modificare un prodotto su cui il Cliente ha chiesto una modifica (n questo caso i costi sono concordati con il Cliente)

52 procedura concordata per: Preserie Prodotti in garanzia Prodotti da modificare Prodotti Non Conformi Resi materiale e addebiti Prodotti con difetti rilevati dal fornitore I fornitori pagano se si può dimostrare che hanno torto: lo stabilimento ha l onere della prova. Attenzione alla documentazione: lucro cessante, danno emergente attenzione ai termini di tempo della contestazione responsabilizzare i fornitori sul call rate dal mercato chi verifica? ASSQ, ispettori

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

M180 Rev. 0 Pag. 1 di 5 CONDIZIONI GENERALI DI QUALITÀ SOMMARIO

M180 Rev. 0 Pag. 1 di 5 CONDIZIONI GENERALI DI QUALITÀ SOMMARIO Pag. 1 di 5 SOMMARIO SOMMARIO...1 1. GENERALITA...2 1.1.1. Criteri di qualifica... 2 1.1.2. Sviluppo sistema qualità fornitore... 2 1.1.3. Attività di Valutazione... 2 1.1.4. Valutazione annuale... 2 1.1.5.

Dettagli

Just-In-Time: la definizione

Just-In-Time: la definizione 1 Just In Time Definizione e concetti generali Produzione a flusso continuo Vantaggi della flessibilità degli impianti e della riduzione del set-up Le relazioni con i fornitori Relazioni con i sistemi

Dettagli

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti Corso di Gestione dei Flussi di informazione Programmazione operativa della produzione Processo di approvigionamento Programmazione operativa

Dettagli

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS MOTIS Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS COMMERCIALE AMMINISTRAZIONE PERSONALE - ACQUISTI PROGETTAZIONE DIREZIONE MAGAZZINO MATERIA PRIMA INGRESSO

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 1.0 Scopo e campo di applicazione Lo scopo della procedura è quello di definire le principali attività svolte dall Organizzazione per garantire l'affidabilità degli approvvigionamenti

Dettagli

Informazioni Chiave per fare scelte consapevoli

Informazioni Chiave per fare scelte consapevoli Informazioni Chiave per fare scelte consapevoli Il controllo di gestione per costruire il sistema delle informazioni chiave: metodologie e risvolti operativi nella realtà delle PMI RELATORI Dott.ssa Mariella

Dettagli

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti PAG. / 9 GD Srl N Specificato il Foro Competente AQ CQ DIR 05/02/5 Barigazzi Torchio Giannitti N 0 Allineamento ai requisiti della norma UNI EN ISO 900:2008 e della specifica tecnica ISO/TS 6949:2009 AQ

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

prof. Paolo Aymon Piani operativi GIA-L04 seconda parte

prof. Paolo Aymon Piani operativi GIA-L04 seconda parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Piani operativi seconda parte Sommario della lezione Gestione dell Informazione nella Supply Chain Piani

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE PQO.07 Pagina N : 1 Elaborato RESP. UFF. ACQUISTI : N Tot. Pagine: 8 Indice Rev.: 1 Verificato DIRETTORE GENERALE: Data emissione: 01-09-2004 Approvato RESP. ASS. : 1. INTRODUZIONE Nel presente Capitolato

Dettagli

3. ALLEGATO PR02-3 Prescrizioni generali per la fornitura

3. ALLEGATO PR02-3 Prescrizioni generali per la fornitura Paragrafo 7.4. e 7.4.2 della norma UNI EN ISO 900:2000 Pagina 4 di 9 3. ALLEGATO -3 Prescrizioni generali per la fornitura 3. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo del presente documento è di definire i

Dettagli

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

Il caso FrescoMagic s.r.l.

Il caso FrescoMagic s.r.l. LE TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE SCORTE Il caso FrescoMagic s.r.l. Le scorte servono a fronteggiare in ogni momento improvvise esigenze di produzione e di vendita Rilevano importanza perché

Dettagli

4.6 APPROVVIGIONAMENTO

4.6 APPROVVIGIONAMENTO Unione Industriale 43 di 94 4.6 APPROVVIGIONAMENTO 4.6.1 Generalità Il capitolo indica le modalità con le quali la filatura conto terzi deve gestire il rapporto di subfornitura nell ambito di un sistema

Dettagli

PROCEDURA DELLA QUALITÀ

PROCEDURA DELLA QUALITÀ Pagina 1 di 8 PROCEDURA DELLA QUALITÀ GESTIONE DEL PRODOTTO NON CONFORME INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. PROCEDURE E ISTRUZIONI OPERATIVE COLLEGATE 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 4. MODALITA

Dettagli

Schede di autovalutazione per ambito

Schede di autovalutazione per ambito Schede di autovalutazione per ambito Classic Le schede sono concepite per evidenziare l argomento dell analisi, imputare una rilevanza (ovvero un peso ) a seconda dell importanza dell argomento, indicare

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT Esperienza e Innovazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT L approccio proposto da M&IT per il miglioramento degli Acquisti e per l integrazione dei Fornitori Consulenza di Direzione Risorse Umane Sistemi Normati

Dettagli

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Previsioni della domanda Pianificazione delle scorte Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Lo scenario nel quale le aziende si trovano oggi ad operare è spesso caratterizzato da

Dettagli

Gli indicatori per la Qualità. a cura di Gianfilippo Macchi

Gli indicatori per la Qualità. a cura di Gianfilippo Macchi Gli indicatori per la Qualità 1 La UNI ISO 9001: 2008 recita 8.2.3. Monitoraggio e misurazione dei processi L organizzazione deve adottare adeguati metodi per misurare e monitorare i processi del SGQ.

Dettagli

La logistica nella gestione d impresa

La logistica nella gestione d impresa La logistica nella gestione d impresa Introduzione alla logistica Definizioni e obiettivi Sistema logistico e suoi sottosistemi Costi logistici Livello di servizio Evoluzione della logistica Prof. Luigi

Dettagli

Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti

Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE CAP. 16 Una definizione La logistica è il sistema di connessione tra l approvvigionamento dei materiali, la trasformazione

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA QUALITA 1 di 11 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI FORNITURE DI PRODOTTI SULLA BASE DI DOCUMENTI DI PIANIFICAZIONE DELLA Parte PARTE I I.1 PREMESSA Titolo I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Parte Quarta Aspetti Logistici della Vendita

Parte Quarta Aspetti Logistici della Vendita Parte Quarta Aspetti Logistici della Vendita Con il simbolo ^ le slide che non sono state discusse in aula La logistica di vendita La logistica di vendita riguarda l insieme delle operazioni compiute nell

Dettagli

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01 N. SOMMARIO PAGINA 1 SCOPO 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 RIFERIMENTI E DOCUMENTI RICHIAMATI 2 4 TERMINI E DEFINIZIONI 2 5 RESPONSABILITÀ 2 6 MODALITÀ OPERATIVE 2 TIPO COPIA N. COPIA DESTINATARIO/ UBICAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE DEI FORNITORI DI OTO MELARA S.p.A. (UNITÀ OTO ED UNITÀ BMB) - VENDOR RATING

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE DEI FORNITORI DI OTO MELARA S.p.A. (UNITÀ OTO ED UNITÀ BMB) - VENDOR RATING PROGRAMMA DI VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE DEI FORNITORI DI OTO MELARA S.p.A. (UNITÀ OTO ED UNITÀ BMB) - VENDOR RATING 1. SCOPO Lo scopo del programma di valutazione della prestazione dei Fornitori detta

Dettagli

OTTIMIZZARE I COSTI DI MAGAZZINO E RIDURRE LE SCORTE

OTTIMIZZARE I COSTI DI MAGAZZINO E RIDURRE LE SCORTE OTTIMIZZARE I COSTI DI MAGAZZINO E RIDURRE LE SCORTE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DEI COSTI LA PIANIFICAZIONE DEI COSTI PERMETTE DI FARE 4 COSE: q PREVEDERE IL FUTURO q DEFINIRE GLI OBIETTIVI DI REDDITIVITA

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

Relatore: Antonino Galatà. Bologna, Villa Gandolfi Pallavicini, 23 marzo 2012

Relatore: Antonino Galatà. Bologna, Villa Gandolfi Pallavicini, 23 marzo 2012 Relatore: Bologna, Villa Gandolfi Pallavicini, 23 marzo 2012 DEFINIZIONE DI CAPITALE CIRCOLANTE Il Capitale Circolante (o Working Capital) di un azienda è tecnicamente formato da una serie di macro voci

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Glossario e Formulario

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Glossario e Formulario UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Glossario e Formulario Glossario e Formulario Pianificazione Programmazione Tempi di produzione KanBan

Dettagli

King Produzione. Gestione. produzione

King Produzione. Gestione. produzione King Produzione Gestione flessibile della produzione Gestione flessibile della produzione... 3 CARATTERISTICHE GENERALI... 4 IL LANCIO DI PRODUZIONE... 6 IL LANCIO PRODUZIONE CON MRP... 7 PRODUZIONE BASE...

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI

PROCEDURA GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI PROCEDURA GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE.2 2 DEFINIZIONI...2 3 RIFERIMENTI.3 4 RESPONSABILITA...3 5 MODALITA OPERATIVE.4 5.1 Acquisti... 4 5.1.2 Trasmissione dell

Dettagli

ALLEGATI AL MANUALE DELLA QUALITA UNI EN ISO 9001 : 2000

ALLEGATI AL MANUALE DELLA QUALITA UNI EN ISO 9001 : 2000 ALLEGATI AL MANUALE DELLA QUALITA UNI EN ISO 9001 : 2000 PER LE IMPRESE DI SPEDIZIONI INTERNAZIONALI ASSOCIATE A FEDESPEDI Allegato 1 PROCEDURA DI SISTEMA: TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI pg. 2 8

Dettagli

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione La e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri e Controllo di Produzione : compiti 2 Rendere disponibili le informazioni necessarie per: Gestire in modo efficiente ed efficace il

Dettagli

LA PRODUZIONE JUST IN TIME

LA PRODUZIONE JUST IN TIME Economia e Organizzazione Aziendale II Prof. Gestione della Produzione Industriale LA PRODUZIONE JUST IN TIME IL KAN-BAN: LE REGOLE 1. LA FASE DI LAVORO A VALLE DEVE PRELEVARE PRESSO LA FASE DI LAVORO

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione Tutti i processi in un'unica piattaforma software Il software Quadra di Quadrivium è una soluzione applicativa di Supply Chain

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com roj X Soluzione SCM www.solgenia.com Experience the Innovation OBIET T IVO: catena del valore www.solgenia.com Experience the Innovation 2 Proj è la soluzione Solgenia in ambito ERP e SCM per l ottimizzazione

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

Moduli Applicativi. BMS-PRS: Produzione di Serie

Moduli Applicativi. BMS-PRS: Produzione di Serie Moduli Applicativi BMS-PRS: Produzione di Serie BMS-PRC: Produzione a Commessa BMS-PIP: Pianificazione Produzione BMS-CNP: Configuratore di Prodotto BMS-QUA: Qualità e Non Conformità BMS-DOC: Gestione

Dettagli

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Sommario Procedure gestionali obbligatorie secondo ISO 9001:2008; Gestione Documenti; Audit Interni; Non Conformità; Azioni di miglioramento (azioni correttive

Dettagli

PRQ 7.4/A REQUISITI QUALITA PER I FORNITORI ELETTROMIL

PRQ 7.4/A REQUISITI QUALITA PER I FORNITORI ELETTROMIL 1 di 17 REQUISITI QUALITA PER I FORNITORI ELETTROMIL DISTRIBUZIONE INTERNA DIR RDD AQ AMM PER TEC PRG ING TEM ACQ PROD PNF CQ COM Prima Emissione M. Milic S. Milic S. Milic Rev. Data Descrizione PREP VER

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA 1 SCOPO... 1 2 RIFERIMENTI... 1 3 APPLICABILITÀ... 1 4 CLAUSOLE GENERALI... 2 4.1 Accesso allo stabilimento... 2 4.2 Riservatezza... 2 4.3 Sub-fornitura... 2 4.4 Garanzia... 2 5 DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

COME VIENE REALIZZATO IL PROCESSO DI ACQUISTO?

COME VIENE REALIZZATO IL PROCESSO DI ACQUISTO? COME VIENE REALIZZATO IL PROCESSO DI ACQUISTO? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE Domanda di beni che l azienda utilizza a scopo interno oppure

Dettagli

Definizioni di scorte

Definizioni di scorte LA GESTIONE DELLE SCORTE Nozioni di base Definizioni di scorte insieme di materie, semilavorati e prodotti che in un determinato momento sono in attesa di partecipare ad un processo di trasformazione o

Dettagli

Norma UNI 11155 Gli Indici Logistici Attività operative delle imprese Misurazione delle prestazioni logistiche

Norma UNI 11155 Gli Indici Logistici Attività operative delle imprese Misurazione delle prestazioni logistiche Norma UNI 11155 Gli Indici Logistici Attività operative delle imprese Misurazione delle prestazioni logistiche Cos è l UNI L'UNI - Ente Nazionale Italiano di Unificazione è un'associazione privata senza

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2011-2012 Università di Macerata Facoltà di Economia 1 Operational Audit: Macerata Plant Kick-off Detailed scope Daniele 2 Bruni: Esercitazione

Dettagli

CAPITOLATO FORNITURA

CAPITOLATO FORNITURA D-CAPFOR CAPITOLATO FORNITURA EDIZIONE 03 01/09/2010 per UNI EN ISO9001:2008 VARIANTI EDIZIONE 02 Inserito paragrafo Scopo e Campo di applicazione + riferimento al documento Lavorazioni Esterne D-LAVEST

Dettagli

VIBU VITERIA BULLONERIA ARTICOLI TECNICI LOGISTICA IL MAGAZZINO È IL VERO FOCUS DI VIBU CONSEGNE EFFICIENTI E TEMPESTIVE GESTIONE MAGAZZINO KANBAN

VIBU VITERIA BULLONERIA ARTICOLI TECNICI LOGISTICA IL MAGAZZINO È IL VERO FOCUS DI VIBU CONSEGNE EFFICIENTI E TEMPESTIVE GESTIONE MAGAZZINO KANBAN VITERIA BULLONERIA ARTICOLI TECNICI LOGISTICA IL MAGAZZINO È IL VERO FOCUS DI VIBU CONSEGNE EFFICIENTI E TEMPESTIVE GESTIONE MAGAZZINO KANBAN A PARMA E PROVINCIA DAL 1965 Dal 1965 Vibu è il punto di riferimento

Dettagli

NSQ / il Software di Qualità

NSQ / il Software di Qualità La soluzione informatica per la costruzione di un Sistema Qualità Norme di riferimento: UNI EN ISO 9000:2005 Sistema di gestione per la qualità - Fondamenti e vocabolario UNI EN ISO 9001:2008 Sistema di

Dettagli

Specialisti della Supply Chain

Specialisti della Supply Chain Specialisti della Supply Chain Link Management Srl Via S. Francesco, 32-35010 Limena (PD) Tel. 049 8848336 - Fax 049 8843546 www.linkmanagement.it - info@linkmanagement.it Analisi dei Processi Decisionali

Dettagli

Addetti agli approvvigionamenti

Addetti agli approvvigionamenti M generali Fornire le conoscenze di base per gli addetti agli approvvigionamenti, in relazione a tutto il processo relativo Consolidare conoscenze e metodiche di gestione che risultino le più consone allo

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

Il software per le Ortopedie & Sanitarie

Il software per le Ortopedie & Sanitarie Il software per le Ortopedie & Sanitarie L introduzione in azienda di un software applicativo, che si pone come obiettivo la informatizzazione completa di tutti gli aspetti legati all attività dell azienda,

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DI FORNITURA

CAPITOLATO TECNICO DI FORNITURA CAPITOLATO TECNICO DI FORNITURA ultimo aggiornamento: luglio 2012 1 GENERALITA...2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3 CONDIZIONI DI FORNITURA...2 3.1 ACCETTAZIONE ORDINI...2 3.2 IDENTIFICAZIONE E RINTRACCIABILITA...3

Dettagli

La soluzione erp PeR La gestione integrata della PRoduzione industriale

La soluzione erp PeR La gestione integrata della PRoduzione industriale J-Mit La soluzione ERP per la gestione integrata della produzione industriale J-Mit La soluzione ERP per la gestione e il controllo della produzione J-Mit di Revorg è la soluzione gestionale flessibile

Dettagli

esolver per la Moda Software e servizi per le imprese del settore fashion. Sistema integrato per la gestione aziendale. www.sistemi.

esolver per la Moda Software e servizi per le imprese del settore fashion. Sistema integrato per la gestione aziendale. www.sistemi. SISTEMA IMPRESA Sistema integrato per la gestione aziendale. esolver per la Moda Software e servizi per le imprese del settore fashion. esolver per la Moda è la soluzione software completa e integrata

Dettagli

MONITORAGGIO E MISURAZIONE DEL PRODOTTO

MONITORAGGIO E MISURAZIONE DEL PRODOTTO 25/02/2011 Pag. 1 di 6 MONITORAGGIO E MISURAZIONE DEL PRODOTTO 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5. DEFINIZIONI...

Dettagli

Dispensa Definizione di Sistema Produttivo

Dispensa Definizione di Sistema Produttivo Dispensa Definizione di Sistema Produttivo 1) Introduzione ai Sistemi Produttivi 1.1 Definizione di Sistema Produttivo In questa prima sezione si vuole dare una visione generale del sistema produttivo,

Dettagli

LA QUALITÀ DELLE FORNITURE

LA QUALITÀ DELLE FORNITURE GUIDA PER IL FORNITORE Pag. 1/1 01/03/2008 DROPSA S.p.A. La Qualità delle Forniture GUIDA PER IL FORNITORE GUIDA PER IL FORNITORE Pag. 2/2 01/03/2008 CONTENUTO Pag. 0 INDICE 2 1. Introduzione al concetto

Dettagli

QUESTIONARIO QUALIFICAZIONE FORNITORE

QUESTIONARIO QUALIFICAZIONE FORNITORE Data: Spett.le Società vi informiamo che (inserire nome azienda) ha attivato un sistema di valutazione, qualificazione e monitoraggio dei propri fornitori. Nell ambito del nostro Sistema di Gestione della

Dettagli

Dal 2003 sviluppiamo e commercializziamo soluzioni gestionali per piccole e medie aziende

Dal 2003 sviluppiamo e commercializziamo soluzioni gestionali per piccole e medie aziende Dal 2003 sviluppiamo e commercializziamo soluzioni gestionali per piccole e medie aziende Gradualmente abbiamo cominciato ad affidare la distribuzione dei nostri prodotti software ad aziende e liberi professionisti

Dettagli

La logistica del farmaco Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it

La logistica del farmaco Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it La logistica del farmaco Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it Organizzazione dell azienda farmacia e Farmacoeconomia Definizione e compiti della funzione produzione e logistica Definizione Insieme

Dettagli

settore AUTOMAZIONE MACCHINE AUTOMATICHE IMPIANTI e ROBOTICA

settore AUTOMAZIONE MACCHINE AUTOMATICHE IMPIANTI e ROBOTICA settore AUTOMAZIONE MACCHINE AUTOMATICHE IMPIANTI e ROBOTICA Le imprese che operano nel campo dell automazione, macchine automatiche, impianti e robotica rappresentano una delle più importanti filiere

Dettagli

PER LE AZIENDE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE SIMAG. Soluzioni Informatiche di Qualità

PER LE AZIENDE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE SIMAG. Soluzioni Informatiche di Qualità Q SISTEMA INFORMATIVO PER LE AZIENDE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE SIMAG Soluzioni Informatiche di Qualità SIMAG I Moduli di SIMAG Dati tecnici e costi Distinta base La distinta base è lo strumento più

Dettagli

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali Just-In-Time (JIT) Filosofia produttiva nata presso l azienda giapponese Toyota negli anni 70. Ha l obiettivo di soddisfare la domanda del cliente in termini di cosa e quanto produrre, configurando l intero

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO LEVA SRL

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO LEVA SRL CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO LEVA SRL Le presenti Condizioni Generali di Acquisto rappresentano le Condizioni Generali di Acquisto della ditta Leva s.r.l. (di seguito indicata come Committente ). Esse

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

GESTIONE APPROVVIGIONAMENTI. UFFICIO TECNICO Pag. 1 di 6

GESTIONE APPROVVIGIONAMENTI. UFFICIO TECNICO Pag. 1 di 6 UFFICIO TECNICO Pag. 1 di 6 SOMMARIO 1. Scopo 2 2. Generalità 2 3. Applicabilità 2 4. Termini e Definizioni 2 5. Riferimenti 2 6. Responsabilità ed Aggiornamento 3 7. Modalità operative 3 REVISIONI N REV.

Dettagli

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione e principi generali Art. 2 - Decorrenza e durata del

Dettagli

CGA Condizioni Generali di Acquisto

CGA Condizioni Generali di Acquisto CGA 01 Pagina 1 di 13 Condizioni Generali di CGA 01 Condizioni Generali di Ultima Revisione Rev. Data Preparata da FAA Verificata da RGQ Approvata da DR 3 28/04/2015 Marella Baudano Giorgio Gramolelli

Dettagli

Fiscal News N. 45. Invio dei beni in deposito extra - UE. La circolare di aggiornamento professionale 10.02.2014 R.M. 94/E/2013

Fiscal News N. 45. Invio dei beni in deposito extra - UE. La circolare di aggiornamento professionale 10.02.2014 R.M. 94/E/2013 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 45 10.02.2014 Invio dei beni in deposito extra - UE R.M. 94/E/2013 Categoria: IVA Sottocategoria: Operazioni extracomunitarie Con la R.M. 94/E/2013,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE 1.1 Il rapporto contrattuale conseguente al perfezionamento dell'ordine è retto dalle presenti condizioni generali e da quelle specifiche espresse

Dettagli

INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 5. SICUREZZA MAGAZZINO 6 6. RESPONSABILITÀ 7 7.

INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 5. SICUREZZA MAGAZZINO 6 6. RESPONSABILITÀ 7 7. Foglio 2 di 8 INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 3.1. Abbreviazioni 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 4.1. Controlli in ingresso 3 4.2. Gestione del magazzino e delle aree di stoccaggio

Dettagli

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE Nozioni di base In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 1 La logistica aziendale Qualsiasi impresa

Dettagli

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon. Information Management Riepilogo 19 marzo 2012

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon. Information Management Riepilogo 19 marzo 2012 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Information Management Riepilogo 19 marzo 2012 Forrester Effect Trappole Mancanza di indicatori Definizione

Dettagli

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain - VANTAGGI L introduzione della soluzione software COMPASS e la contemporanea realizzazione di cambiamenti di carattere organizzativo

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA E LOGISTICA DEGLI APPROVVIGIONAMENTI. Come aumentare l efficienza attraverso una nuova gestione del processo di approvvigionamento

GESTIONE OPERATIVA E LOGISTICA DEGLI APPROVVIGIONAMENTI. Come aumentare l efficienza attraverso una nuova gestione del processo di approvvigionamento GESTIONE OPERATIVA E LOGISTICA DEGLI APPROVVIGIONAMENTI Come aumentare l efficienza attraverso una nuova gestione del processo di approvvigionamento La tecnologia e la strategia La tecnologia e lo sviluppo

Dettagli

Sme.UP Approvvigionamenti

Sme.UP Approvvigionamenti Sme.UP Approvvigionamenti Approvvigionamenti Obiettivo L'obiettivo degli Approvvigionamenti è procurare, dall'esterno all'azienda, i materiali e i servizi che servono al funzionamento dell'azienda stessa.

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 2

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 2 Lucidi prima parte 2.1.1.1 ~ 2.2.1.3 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 2 Pag. 8 Quale è lo scopo principale della norma UNI EN ISO 9001:2000/2008? A. Garantire il controllo della

Dettagli

REQUISITI DI FORNITURA

REQUISITI DI FORNITURA Pag. 1 di 8 CONDIZIONI GENERALI DI DELLA BRUNO NESTORE s.r.l. e REQUISITI DI FORNITURA EMESSA e VERIFICATA DA: R.A. P. PALLAVIDINO FIRMA APPROVATA DA: D.G. NESTORE BRUNO FIRMA TEL. 011-8950400 TEL. 011-8950400

Dettagli

GESTIONE DEL MAGAZZINO AZIENDALE

GESTIONE DEL MAGAZZINO AZIENDALE GESTIONE DEL MAGAZZINO AZIENDALE Pag. di 0 RIFERIMENTI UNI EN ISO 900:008 Par. 7.5 Manuale SEZ 7 UNI EN ISO 400:004 Par. 4.4.6 Manuale SEZ 7 BS OHSAS 800:007 Par. 4.4.6 Manuale SEZ 7 REVISIONI REV. DATA

Dettagli

AREA ACQUISTI. Milano - Novembre/Dicembre 2015

AREA ACQUISTI. Milano - Novembre/Dicembre 2015 www.simcoconsulting.it Cert. UNI EN ISO 9001: 2008 N 9175 SMCO Settori: EA 35 EA 37 AREA ACQUISTI Milano - Novembre/Dicembre 2015 SIMCO, oltre alla formazione a catalogo, offre la possibilità di progettare

Dettagli

Figure di Presidio Richieste dall All.II.2: Responsabile Unità Operativa Sede Principale del Sistema di gestione della Qualità Aziendale

Figure di Presidio Richieste dall All.II.2: Responsabile Unità Operativa Sede Principale del Sistema di gestione della Qualità Aziendale Allocazione delle Attività dei responsabili posti a presidio dei processi Aziendali e delle sedi operative di Roma e Cassino, secondo quanto richiesto dalla DGR 968/07 e dall All.II.2, all interno del

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Pag. 1 / 9 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO Indice: 8.0 - Oggetto 8.1 - Pianificazione delle misurazioni 8.2 - Misurazione e monitoraggio delle prestazioni del sistema 8.3 - Controllo del prodotto/servizio

Dettagli

Capitolo XIV. La gestione della produzione

Capitolo XIV. La gestione della produzione Capitolo XIV La gestione della produzione La funzione di produzione Approvvigionamenti La funzione di produzione riguarda il processo di trasformazione dei beni, ossia l insieme l di operazioni mediante

Dettagli

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi Lean Production CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE Lean Production e approccio Just In Time! Insieme di attività integrate progettato per ottenere alti volumi produttivi pur utilizzando scorte

Dettagli

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 LEZIONE GESTIONE STRATEGICA DEGLI ACQUISTI DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 1.1. Prima

Dettagli

Gli stakeholder Fornitori

Gli stakeholder Fornitori Gli stakeholder Fornitori Fornitori Trasparenza, imparzialità, correttezza e presidio dei principi di sostenibilità sono alla base delle attività di approvvigionamento dei beni e dei servizi aziendali.

Dettagli

Automazione gestionale

Automazione gestionale ERP, MRP, SCM e CRM Automazione gestionale verticale editoria banche assicurazioni orizzontale contabilita (ordini fatture bolle) magazzino logistica (supply chain) Funzioni orizzontali (ERP) ordini vendita

Dettagli

Teseo 7 Industry. Il gestionale ideale per le aziende di produzione. ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it

Teseo 7 Industry. Il gestionale ideale per le aziende di produzione. ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it Teseo 7 Industry Il gestionale ideale per le aziende di produzione. Z ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it tel. (+39) 055 91971 fax. (+39) 055 9197515 e mail: commerciale@centrosistemi.it

Dettagli

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami PROCEDURA SGQ PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI...2 3.1

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEL CASO ELETTROPOMPE ITALIA S.p.A. 5 modelli per 40% del fatturato. fabbricaz. soprattutto interna; assemblaggio interno

RICOSTRUZIONE DEL CASO ELETTROPOMPE ITALIA S.p.A. 5 modelli per 40% del fatturato. fabbricaz. soprattutto interna; assemblaggio interno RICOSTRUZIONE DEL CASO ELETTROPOMPE ITALIA S.p.A. 3 famiglie per 76 modelli 5 modelli per 40% del fatturato fabbricaz. soprattutto interna; assemblaggio interno "Assemble To Order" Piano qualità dal '90

Dettagli

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA GLI SPRECHI DA EVITARE Quali erano gli sprechi che Toyota voleva evitare, applicando la Produzione snella? Essenzialmente 3: le perdite di tempo legate alle rilavorazioni

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE

GESTIONE DELLA PRODUZIONE 25/02/2011 Pag. 1 di 5 GESTIONE DELLA PRODUZIONE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5. DEFINIZIONI...

Dettagli

Corso di gestione dell informazione aziendale. Casi Aziendali

Corso di gestione dell informazione aziendale. Casi Aziendali Corso di gestione dell informazione aziendale Casi Aziendali Anno Accademico 2004/2005 1 Caso 3 Progettazione di un Nuovo Sistema Informativo Aziendale 2 Progettazione di un Nuovo SI Aziendale Obiettivi

Dettagli