Sintesi delle regole per l'armonizzazione del basso

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sintesi delle regole per l'armonizzazione del basso"

Transcript

1 Sintesi delle regole per l'armonizzazione del basso Il punto di riferimento della musica tonale è la scala, in quanto essa è la sintesi di tutte le note che appartengono ad una data tonalità. Inoltre, la scala è la relazione organizzata di tutti i suoni (per grado congiunto) che fanno riferimento ad un suono generatore (il primo suono della scala) che è detto tonica. Nella musica tonale si hanno solo due tipi di scala (a differenza della musica modale o extraoccidentale): quella maggiore e quella minore. La scala maggiore, qualunque sia la sua tonica, mantiene gli stessi rapporti intervallari tra i suoni. ovvero: DO (tono) RE (tono) MI (semitono) FA (tono) SOL (tono) LA (tono) SI (semitono) DO Ciascun suono della scala, detto grado, viene numerato con un numero romano. Osserviamo che i semitoni si trovano posizionati tra il III e il IV grado e tra il VII e VIII grado della scala maggiore, ed è in questa posizione che si dovranno trovare in qualsiasi scala, qualsiasi suono sia la sua tonica. Osserviamo ora la scala minore con le sue due varianti: Scala minore naturale: DO (tono) RE (semitono) MIb (tono) FA (tono) SOL (semitono) LAb (tono) SIb (tono) DO Scala minore melodica: DO (tono) RE (semitono) MIb (tono) FA (tono) SOL (tono) LA (tono) SI (semitono) DO Scala minore armonica: DO(tono)RE(semitono)MIb(tono)FA(tono)SOL(semitono)LAb(tono+semitono)SI(tono)DO La triade è la sovrapposizione di una terza e di una quinta a partire da un suono fondamentale, le triadi sono differenti tra loro in ragione degli intervalli che le compongono: Maggiore (M), composta dalla fondamentale, terza Maggiore e quinta giusta; Minore (m), composta dalla fondamentale, terza minore e quinta giusta; Diminuita (d), composta dalla fondamentale, terza minore e quinta diminuita; ed infine Eccedente (e), composta dalla fondamentale, terza Maggiore e quinta eccedente. Costruendo su ciascun grado della scala, sia maggiore che minore naturale, armonica e melodica, una triade, andremmo ad evidenziare i diversi tipi di triade come dallo schema che segue: Scala maggiore: M m m M M m d I II III IV V VI VII Scala min. naturale: m d M m m M M I II III IV V VI VII Scala min. melodica: m m e M M d d I II III IV V VI VII Scala min. armonica: m d e m M M d I II III IV V VI VI E evidente che, nelle scale minori che presentano suoni alterati su alcuni gradi della scala stessa, tali suoni si manterranno alterati anche quando saranno sovrapposti a formare le triadi. 1

2 Nell armonizzare a quattro parti con triadi (3 suoni) evidentemente sarà necessario raddoppiare un suono dei tre che compongono la triade, anche in questo caso si può considerare quella che segue una regola: si dovrà prediligere il raddoppio del suono fondamentale della triade (ben inteso che nei rivolti esso non corrisponde al basso), in secondo luogo, se non è possibile raddoppiare la fondamentale, si preferirà la quinta, in ultima istanza si dovrà raddoppiare la terza. Il raddoppio della terza è vietato in quelle triadi nelle quali la terza è vincolata da un moto obbligatorio (es: nella triade di dominante la terza è obbligata a salire in qualità di sensibile, quindi il suo raddoppio è escluso per non incorrere in errori di parallelismi). Per mantenere le tre parti aggiunte in una corretta tessitura, nell'armonizzazione del basso è necessario scegliere la migliore posizione in base alla tonalità del basso stesso. Per posizione si intende la diversa disposizione dei suoni a partire dal basso (es. 3). Si tenga ben presente che il basso rimane immutato nelle varie posizioni e gli altri suoni sono disposti in maniera differente. Es: I pos. DO (suono fondamentale) MI - SOL - DO (detta anche posizione di ottava) II pos. DO (suono fondamentale) SOL - DO - MI (detta posizione di terza) III pos. DO (suono fondamentale) DO - MI - SOL (detta posizione di quinta). Le posizioni che andranno preferite in base alla tonalità, indifferentemente che siano maggiori o minori, sono le seguenti: DO - RE - MI FA SOL - LA SI I posizione III posizione II o III posizione II posizione. Ciascuna triade, costruita su ciascun grado della scala possiede di per se una naturale tendenza verso un altra triade. Inoltre, è importante sottolineare che all interno di una data tonalità alcune triadi costruite sui gradi della scala possiedo una forza centrifuga (di allontanamento dalla tonica) o centripeta (di avvicinamento alla stessa) più forte di altre. Fermo restando che il cardine della tonalità è la triade di tonica (attorno alla quale ruotano tutte le altre), ve ne sono altre che, all interno della tonalità hanno un ruolo molto importante: queste sono la triade di sottodominante (IV grado) e quella di dominante (V grado). E questo il circolo su cui si basa tutta la musica tonale. Tutte le altre triadi possono essere associate ad una di queste e, pertanto, mantenere la stessa funzione. 2

3 Le regole fondamentali per una corretta armonizzazione del basso sono essenzialmente due: ovvero quella del legame armonico e del moto contrario. Queste due regole possono essere sintetizzate come segue: è obbligatorio legare nella stessa posizione i suoni comuni (ove ce ne siano) tra due o più triadi in successione ciò al fine di evitare di incorrere negli errori di parallelismi (2 o più quinte o 2 o più ottave udite alle stesse voci sono vietate!). Nel caso in cui tra due triadi in successione non vi siano suoni in comune si dovrà adottare il moto contrario, ovvero: qualora il basso salga le altre parti dovranno scendere; ove il basso scenda le altre parti dovranno salire. In ogni caso, che vi siano note comuni tra due triadi o meno, le parti che si muovono dovranno compiere il minor spostamento possibile. triadi senza suoni comuni triadi con suoni comuni La nota posta al basso non è necessariamente sempre la nota fondamentale della triade: in questo caso ha luogo il rivolto. supponiamo di avere la triade di do maggiore (DO - MI - SOL), tale rimane se la si disponga a partire dal basso in maniera differente: (MI - SOL - DO), o ancora, (SOL - DO - MI). Nei tre casi sopraindicati la triade rimane uguale a se stessa, in quanto i tre suoni che la compongono rimangono immutati ma, come osserviamo è la disposizione ad essere mutata: DO (fondamentale della triade) - MI (terza della triade) - SOL (quinta della triade) = triade in stato fondamentale MI (terza della triade) - SOL (quinta della triade) - DO (fondamentale della triade) = Primo rivolto SOL (quinta della triade) - DO (fondamentale della triade) - MI (terza della triade) = secondo rivolto. E evidente che gli intervalli tra i suoni, sempre osservati a partire dal basso, nel caso dei rivolti, saranno mutati: nel primo rivolto avremo una terza ed una sesta sovrapposta al basso (che è la terza dell accordo), nel secondo rivolto avremo una quarta ed una sesta a partire dal basso (che è la quinta dell accordo). fondamentale I rivolto II rivolto Come è possibile osservare nell esempio, la nota raddoppiata anche nei rivolti rimale la fondamentale. Da quanto detto sopra è desumibile il seguente specchietto: il I riv. della triade di tonica (I grado) risiede sul III grado della scala; il II riv. della triade di tonica (I grado) risiede sul V grado della scala; il I riv. della triade di sopratonica (II grado) risiede sul IV grado della scala; il II riv. della triade di sopratonica (II grado) risiede sul VI grado della scala; il I riv. della triade di mediante (III grado) risiede sul V grado della scala; il II riv. della triade di mediante (III grado) risiede sul VII grado della scala; il I riv. della triade di sottodominante (IV grado) risiede sul VI grado della scala; il II riv. della triade di sottodominante (IV grado) risiede sul I grado della scala; il I riv. della triade di dominante (V grado) risiede sul VII grado della scala; il II riv. della triade di dominante (V grado) risiede sul II grado della scala; il I riv. della triade di sopradominante (VI grado) risiede sul I grado della scala; il II riv. della triade di sopradominante (VI grado) risiede sul III grado della scala; il I riv. della triade di sensibile (VII grado) risiede sul II grado della scala; 3

4 il II riv. della triade di sensibile (VII grado) risiede sul IV grado della scala. 4

5 Accordi di settima Per accordo di settima si intende un accordo formato dalla sovrapposizione di una terza, una quinta e una settima a partire dal basso. Le settime sono classificate per specie. La Settima di I specie è composta da Terza Maggiore, Quinta Giusta e Settima Minore (es: SOL-SI- RE-FA); la Settima di II specie da Terza minore, Quinta Giusta e Settima Minore (es: RE-FA-LA-DO); la Settima di III specie da Terza minore, Quinta diminuita e Settima minore (es: SI-RE-FA-LA); la Settima di IV specie da Terza Maggiore, Quinta Giusta e Settima Maggiore (es: DO-MI-SOL-SI). Essendo l accordo di settima un accordo dissonante (a causa della presenza dell intervallo di settima che, come sappiamo, è un intervallo dissonante) è necessario che esso risolva su un accordo consonante. Di seguito analizzeremo l uso e le risoluzioni dell accordo di settima specie per specie. La settima di I specie uso e risoluzioni Questa specie di settima risiede sul V grado della scala maggiore e minore, infatti, è anche detta settima di dominante. La sua risoluzione avviene sulla tonica. Quindi, potremo usare questa settima sul V grado che va al primo. Nell accordo di settima di dominante abbiamo due suoni che possiedono un moto obbligatorio: la terza, che è la sensibile, è obbligata a salire di semitono e, così, raggiungere la tonica; la settima (tutte le settime si comportano così) è obbligata a scendere di grado. Osserviamo nel caso sopraindicato come il SI (sensibile) dovendo salire e il FA (settima) dovendo scendere costringono il RE (che è parte libera) a dovere andare a raddoppiare il DO oppure il MI creando così un accordo di tonica incompleto (mancante della quinta). Per ovviare a questo inconveniente si preferisce usare l accordo di settima di dominante, quando è in stato fondamentale, privo della quinta e con il raddoppio della fondamentale per ottenere, così, una triade di tonica completa di tutte le sue parti. Osserviamo adesso come si comporta l accordo di settima di dominante nei suoi rivolti. Il Primo rivolto della settima di dominante risiede sul VII grado, che essendo la sensibile dovrà salire al I. In questo caso l uso dell accordo di settima di dominante completo della quinta non da luogo ad alcun problema. Il secondo rivolto risiede su II grado (che essendo parte libera) risolve indifferentemente scendendo al I o salendo al III. 5

6 Come osserviamo in questo nel secondo caso otterremo la fondamentale (in primo rivolto) con il raddoppio della terza. Il III rivolto risiede sul IV grado (che essendo la settima dell accordo) dovrà obbligatoriamente scendere al III. La settima di II specie uso e risoluzioni Gli accordi di settima (escluso, però, quello di I specie) necessitano di preparazione. E necessario, cioè, che la nota che compone l intervallo di settima rispetto al suono fondamentale dell accordo debba essere udita anche nell accordo che precede quello di settima e quindi, a questo, essere legata. preparazione L accordo di settima di II specie risiede sul II grado del modo maggiore e risolve sul V. Il Primo rivolto della settima di II specie risiede sul IV grado e risolve sul V. Il secondo rivolto della settima di II specie risiede sul VI grado e risolve sul V. Il terzo rivolto della settima di II specie risiede sul I grado (legato) e risolve sul VII. 6

7 La settima di III specie uso e risoluzioni L accordo di settima di III specie è il corrispondente, nel modo minore, della settima di II specie. Anche questa risiede sul II grado e risolve sul V. Pertanto i suoi rivolti saranno uguali a quelli della seconda specie. La settima di IV specie uso e risoluzioni L accordo di settima di IV specie risiede sul I grado e risolve sul IV. Anche in questo caso si preferisce omettere la quinta nell accordo di settima per ottenere un accordo di risoluzione completo. Il Primo rivolto della settima di IV specie risiede sul III grado e risolve sul IV. Il secondo rivolto della settima di IV specie risiede sul V grado e risolve sul IV. Il terzo rivolto della settima di IV specie risiede sul VII grado (legato) e risolve sul VI. La modulazione 7

8 Per modulazione si intende il passaggio ad un altra tonalità, avvenuta la quale i rapporti armonici andranno riconsiderati in funzione della nuova tonica che si viene ad instaurare. Essa potrà essere una modulazione ad uno dei toni vicini oppure ad un tono lontano. I toni vicini di una tonalità maggiore sono: il relativo minore (VI grado); la sottodominante (IV grado) e il suo relativo minore (II grado); la dominante (V grado) e il suo relativo minore (III grado). Di una tonalità minore avremo come toni vicini i seguenti: Il relativo maggiore (III grado); la sottodominante minore (IV grado) e il suo relativo maggiore (VI grado); la dominante minore (V grado) e il suo relativo maggiore (VII grado). tonalità maggiore tonalità minore I procedimenti armonici per modulare da una tonalità all altra sono diversi qui di seguito li osserveremo uno per uno: Se il basso viene alterato in senso ascendente esso diventa un VII grado che va al I. Se il basso viene alterato in senso discendente esso diventa un IV grado che va al III. 8

9 La settina diminuita La settima diminuita, poiché rivoltata e opportunamente modificata enarmonicamente, da luogo a un altra settima diminuita, si presta ad essere utilizzata come accordo modulante. Questa proprietà della settima diminuita è detta proprietà enarmonica. L utilizzo di questa proprietà consiste nel riconsiderare, all interno di una settima diminuita, indifferentemente che essa si costruisca sul settimo grado del modo minore o sul quarto grado alterato del modo maggiore, ciascun suono come sensibile e, quindi, trasformarla enarmonicamente in un rivolto di una settima diminuita differente di una nuova tonalità. Consideriamo intanto la settima diminuita sul VII grado del modo minore. Es. 1 Riportiamo, come primo esempio, la risoluzione consueta che avviene sul I grado armonizzato con due terze e una quinta (tutti gli esempi che seguono prendono in considerazione la settima diminuita sul VII grado del tono di LA minore e sul IV alterato del tono di DO maggiore): Es. 2 Nel seguente esempio, la medesima settima diminuita, viene riconsiderata come un III rivolto della settima diminuita sul VI grado della tonalità di DO minore (sensibile SI naturale) che risolve sul V grado con una tonica in II rivolto: Es. 3 In questo caso, la settima diminuita viene riconsiderata come un II rivolto della settima diminuita sul IV grado di MIb minore (sensibile RE naturale) che risolve su una tonica in stato di I rivolto: Es. 4 Adesso riconsideriamo la settima diminuita come I rivolto della settima diminuita sul II grado di SOLb minore (sensibile FA naturale) che risolve su una tonica in stato di I rivolto. In questo caso l inusuale tonalità di SOLb minore può essere subito trasformata enarmonicamente nella sua omologa FA# minore: 9

10 Es. 5 Infine trasformiamo il VII grado su cui risiede la settima diminuita in IV grado alterato e risolviamo la settima come tale: Riassumendo: di fronte alla settima diminuita sul settimo grado di LA minore possiamo: a) risolverla restando in tono; b) modulare al tono minore della terza minore (DO minore); c) modulare al tono minore della quinta diminuita (MIb minore); d) modulare al tono mimore della sesta maggiore (FA# minore); e) modulare al tono maggiore della quarta giusta (RE maggiore). Consideriamo adesso la settima diminuita sul IV grado alterato del modo maggiore. Es. 1 Osserviamo prima la risoluzione consueta di tale settima: Es. 2 Il IV grado alterato viene riconsiderato come VII grado del modo minore: Es. 3 Oppure come I, II o III rivolto di altre settime come nel caso precedentemente descritto: I riv. 10

11 II riv. III riv. Riassumendo, di fronte alla settima diminuita sul IV grado alterato di DO maggiore possiamo: a) risolverla restando in tono; b) modulare al tono minore della quinta giusta (SOL minore); c) modulare al tono minore della quarta diminuita-terza maggiore (FAb minore - MI minore); d) modulare al tono minore del semitono superiore (DO# minore); e) modulare al tono minore della settima minore (SIb minore). Resta inteso che tutte le modulazioni ad un tono minore possono essere ai medesimi toni maggiori (e non viceversa) attraverso l utilizzo della terza piccarda o terza di piccardia, tuttavia è consigliabile, laddove sia richiesta una modulazione ad un tono maggiore, di ricercare possibilità modulanti alternative alla settima diminuita e all uso della terza piccarda. Gli accordi di sesta eccedente Nella scala maggiore armonizzata in senso discendente, per giustificare l inusuale direzione discendente della sensibile, si suole interpretare il passaggio VII - VI - V come modulazione temporanea al tono della dominante, quindi come un III - II - I: Il VI grado viene armonizzato pertanto come un II rivolto di una settima di dominante. Utilizzando la stessa armonizzazione nel modo minore osserviamo che sul VI grado otteniamo un accordo composto da intervalli differenti dal caso del modo maggiore ed piuttosto inusuali. 11

12 L accordo che si crea sul sesto grado è composto da: terza maggiore, quarta eccedente e sesta eccedente. Ossia dal un II rivolto della settima di dominante ma con la quinta abbassata. In questo caso parliamo di accordo di sesta francese. Per definizione diciamo che l accordo di sesta eccedente risiede sul VI grado che va al V del modo minore e sul VI abbassato che va al V del modo maggiore. In letteratura osserviamo diverse varianti di questo accordo che prendono il nome di sesta eccedente italiana, sesta eccedente tedesca e sesta eccedente svizzera: italiana: formata da due terze maggiori e una sesta eccedente. tedesca: formata da terza maggiore, quinta giusta e sesta eccedente. svizzera: formata da terza maggiore, quarta più che eccedente e sesta eccedente. In quest unico caso risolve su un V grado in stato di II rivolto. 12

13 Schema riassuntivo delle modulazioni a tutti i toni Qui di seguito riportiamo un esempio di modulazione a tutti i toni a partire dal tono di DO maggiore specificando, però, che esse vanno considerate come dei suggerimenti ed inoltre, che per ciascuna modulazuione, quella indicata potrebbe non essere l unica (o la migliore!) soluzione praticabile. Il seguente schema, quindi, ha il solo scopo di rappresentare un pro-memoria. es. 1 modulazione da Do maggiore a Reb maggiore la modulazione viene praticata attraverso l utilizzo della cadenza d inganno del modo minore (al sesto grado abbassato) che diviene V grado della nuova tonalità; es. 2 modulazione da Do maggiore a Reb minore la modulazione avviene per mezzo dell uso della proprietà enarmonica della settima diminuita sul IV grado alterato della tonalità di DO maggiore che diviene secondo rivolto (sul IV grado) della settima diminuita sul settimo grado (DO) di REb minore; es.3 modulazione da Do maggiore a Re maggiore la modulazione viene praticata cambiando la funzione armonica della dominante di DO maggiore che diventa sottodominante di RE maggiore; es. 4 modulazione da Do maggiore a Re minore si modula per mezzo dell abbassamento della sensibile che diviene VI grado di Re minore. es. 5 modulazione da Do maggiore a Mib maggiore si modula per mezzo dell abbassamento della terza, facendo diventare l accordo di tonica minore e, quindi, VI grado della nuova tonalità; es. 6 in questo caso il VII (armonizzato con un secondo rivolto della dominante) diventa V della nuava tonalità; es. 7 anche in questo caso (come nell esempio 3) il VI grado di DO viene riconsiderato come IV della nuova tonalità; 13

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

La scala musicale e le alterazioni

La scala musicale e le alterazioni La scala musicale e le alterazioni Unità didattica di Educazione Musicale classe seconda Obiettivi del nostro lavoro Acquisire il concetto di scala musicale e di intervallo. Conoscere la struttura della

Dettagli

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13 Teoria musicale - 13 CAP X GLI INTERVALLI Quando si parla di intervalli nella teoria musicale, si intende la valutazione tonale della distanza tra due note. Non si tratta quindi l argomento dal punto di

Dettagli

MANUALE DI ARMONIA PRATICA

MANUALE DI ARMONIA PRATICA RUGGERI MANUALE DI ARMONIA PRATICA per lo studio del basso continuo, dell accompagnamento e della composizione secondo il metodo della Scuola Napoletana settecentesca RICORDI E.R. 986 ai miei allievi del

Dettagli

Introduzione al sistema modale

Introduzione al sistema modale Introduzione al sistema modale a cura di Massimo Mantovani, Roberto Poltronieri, Lorenzo Pieragnoli La scala maggiore di Do, composta dalle note Do Re Mi Fa Sol La Si Do, è basata sulla struttura Tono

Dettagli

Impariamo a calcolare gli intervalli

Impariamo a calcolare gli intervalli Impariamo a calcolare gli intervalli A cosa servono gli intervalli? 1. Costruire le scale 2. Costruire gli accordi e i loro arpeggi 3. Capire da quale scala proviene una frase 4. Capire quale accordo puoi

Dettagli

La scala maggiore. In questa fase è come se sapessimo il modo giusto di aprire la bocca per parlare ma non avessimo idea delle parole da dire

La scala maggiore. In questa fase è come se sapessimo il modo giusto di aprire la bocca per parlare ma non avessimo idea delle parole da dire La scala maggiore Ora che abbiamo dato un pò di cenni teorici e impostato sia la mano destra che la sinistra è venuto il momento di capire cosa suonare con il basso ( impresa ardua direi ), cioè quando

Dettagli

Teodori. Fondamenti di composizione, appunti rapidi. ad uso degli studenti dei Conservatori di Musica

Teodori. Fondamenti di composizione, appunti rapidi. ad uso degli studenti dei Conservatori di Musica Teodori Fondamenti di composizione, appunti rapidi ad uso degli studenti dei Conservatori di Musica Roma, ottobre 2014 1 Indice Prima parte, Teoria 6 Scale 6 Intervalli 7 Accordi, definizioni, costruzione

Dettagli

CORSO DI CHITARRA moderna Marco Felix

CORSO DI CHITARRA moderna Marco Felix CORSO DI CHITARRA moderna Marco Felix 1 Sito internet : www.marcofelix.com email: info@marcofelix.com tel. 3470548692 1 2 Tipologie di chitarre e nomi delle parti che le compongono Distinguiamo le chitarre

Dettagli

Carmine Emanuele Cella APPUNTI PER LO STUDIO DELL ARMONIA

Carmine Emanuele Cella APPUNTI PER LO STUDIO DELL ARMONIA Carmine Emanuele Cella APPUNTI PER LO STUDIO DELL ARMONIA c Marzo 2011 0.1 Premessa Queste note sullo studio dell armonia nascono come strumento di supporto per i corsi di armonia (principale o complementare)

Dettagli

Provenienza(sconosciuta) Lezione di Armonia #1: Nozioni Teoriche di base ================================

Provenienza(sconosciuta) Lezione di Armonia #1: Nozioni Teoriche di base ================================ Provenienza(sconosciuta) Lezione di Armonia #1: Nozioni Teoriche di base ================================ Attenzione: Questa prima lezione è indirizzata solo a coloro che non hanno nessuna conoscenza della

Dettagli

Arrangiamento 05/11/2013

Arrangiamento 05/11/2013 Arrangiamento Tratteremo ora alcune tecniche per modificare il tessuto armonico di una composizione secondo i propri gusti. Le variazioni armoniche che si possono apportare in un brano riguardano fondamentalmente

Dettagli

I modi della scala maggiore - prima parte

I modi della scala maggiore - prima parte I modi della scala maggiore - prima parte Perché imparare i modi? La risposta è molto semplice, direi quasi banale. E per inciso è applicabile per tutti i musicisti indipendentemente dallo strumento suonato,

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

INDICE. Il Tempo Composto... Cellule ritmiche... Solfeggio ritmico... Solfeggiamo... Solfeggiamo cantando...

INDICE. Il Tempo Composto... Cellule ritmiche... Solfeggio ritmico... Solfeggiamo... Solfeggiamo cantando... INDICE...ancora sulla scrittura musicale - Segni di Espressione La legatura di portamento... La legatura di frase... Lo staccato... Il portato o appoggiato... Lo sforzato o accentato... Facciamo Pratica...

Dettagli

Quante cose si possono fare con una scala pentatonica?

Quante cose si possono fare con una scala pentatonica? Quante cose si possono fare con una scala pentatonica? Bene, iniziamo! In questo incontro vorrei analizzare la scala pentatonica, come è generata e come poterla utilizzare in modo creativo. Per inciso,

Dettagli

Le Scale e gli Accordi Fondamenti di Armonia Diteggiature per Chitarra

Le Scale e gli Accordi Fondamenti di Armonia Diteggiature per Chitarra Le Scale e gli Accordi Fondamenti di Armonia Diteggiature per Chitarra di Paolo Guiducci Copyright 2006 Paolo Guiducci Tutti i diritti riservati 1 1 Indice 1 INDICE 2 2 PREFAZIONE 5 3 PARTE PRIMA - TEORIA

Dettagli

SOMMARIO. 1 Il sistema temperato... Pag 1 1.1 Semitono cromatico e semitono diatonico 1.2 il tono

SOMMARIO. 1 Il sistema temperato... Pag 1 1.1 Semitono cromatico e semitono diatonico 1.2 il tono SOMMARIO 1 Il sistema temperato... Pag 1 1.1 Semitono cromatico e semitono diatonico 1.2 il tono 2 Scala maggiore e scala minore... Pag 2 2.1 Definizione di scala 2.2 Scala di C maggiore 2.3 La scala di

Dettagli

Metodo per chi suona la chitarra ad orecchio. Indice. PARTE I - La teoria delle scale ad accordi

Metodo per chi suona la chitarra ad orecchio. Indice. PARTE I - La teoria delle scale ad accordi Roberto Villari Metodo per chi suona la chitarra ad orecchio Indice Introduzione al manuale PARTE I - La teoria delle scale ad accordi 1. Note ed intervalli Il materiale di questa lezione introduttiva

Dettagli

1. Intervalli. può essere ascendente e discendente

1. Intervalli. può essere ascendente e discendente 1. Intervalli I. Definizioni generali Intervallo = Distanza tra due note Esempio 1.1 Intervallo melodico = Distanza tra due note in successione, può essere ascendente e discendente Esempio 1.2 Intervallo

Dettagli

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Alta Formazione Artistica e Musicale CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI CORSO PREACCADEMICO PROGRAMMA

Dettagli

Introduzione V. 261 M.

Introduzione V. 261 M. Introduzione L ampia aneddotica della vita di Wolfgang Amadeus Mozart, ma potremmo dire dell intera storia della musica, ci ricorda come il giovane musicista salisburghese aveva appena quattordici anni

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

Musica Coerente con Intonazione a 432 Hz

Musica Coerente con Intonazione a 432 Hz Musica Coerente con Intonazione a 432 Hz Cos'è la musica a 432 Hertz di Marco Amadeux Stefanelli, Ph.D. Da un po' di tempo a questa parte, fortunatamente, si parla molto di musica a 432 Hz (Hertz). Spesso

Dettagli

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici.

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici. Teoria musicale - 8 ALTRI MODI E SCALE Nell iniziare questo capitolo bisogna subito premettere che questi argomenti vengono trattati con specifiche limitazioni in quanto il discorso è estremamente vasto,

Dettagli

L Autore...4 Filadelfo Castro...4. Lezione 1 II-V-I maggiore...6. Lezione 2 II-V-I minore... 20. Lezione 3 Dominanti secondarie e turnaround...

L Autore...4 Filadelfo Castro...4. Lezione 1 II-V-I maggiore...6. Lezione 2 II-V-I minore... 20. Lezione 3 Dominanti secondarie e turnaround... Indice Dedica...2 Credits...2 Indice...3 L Autore...4 Filadelfo Castro...4 Ciao e benvenuto in Jazz Guitar Improvvisation!...5 Che cos è?...5 Obiettivi...5 È divertente!...5 Com è strutturato?...5 CD...5

Dettagli

Scale Musicali Perchè si studiano, e come studiarle. Pianosolo.it. Scale Musicali. Perchè si studiano, E Come Studiarle. a cura di Christian Salerno

Scale Musicali Perchè si studiano, e come studiarle. Pianosolo.it. Scale Musicali. Perchè si studiano, E Come Studiarle. a cura di Christian Salerno Scale Musicali Perchè si studiano, E Come Studiarle a cura di Christian Salerno 1 Chi sono Credo che una presentazione, per chi non mi conosce, sia d'obbligo. Mi chiamo Christian Salerno, sono un ragazzo

Dettagli

Q 1 = +3 10-5 C carica numero 1 Q 2 = +4 10-5 C carica numero 2 forza esercitata tra le cariche distanza tra le cariche, incognita

Q 1 = +3 10-5 C carica numero 1 Q 2 = +4 10-5 C carica numero 2 forza esercitata tra le cariche distanza tra le cariche, incognita Problema n 1 A quale distanza, una dall'altra bisogna porre nel vuoto due cariche (Q 1 =3 10-5 C e Q 2 =4 10-5 C) perché esse esercitino una sull'altra la forza di 200 N? Q 1 = +3 10-5 C carica numero

Dettagli

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Alta Formazione Artistica e Musicale CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI CORSO PREACCADEMICO PROGRAMMA

Dettagli

HARE & TORTOISE REGOLAMENTO (PER TUTTE LE VERSIONI)

HARE & TORTOISE REGOLAMENTO (PER TUTTE LE VERSIONI) HARE & TORTOISE REGOLAMENTO (PER TUTTE LE VERSIONI) Le seguenti regole si applicano a tutte le versioni del gioco, anche se ogni edizione può avere delle differenze. Ci sono quattro principali gruppi di

Dettagli

BIOGRAFIA. www.francobaggiani.it www.soundrecords.it

BIOGRAFIA. www.francobaggiani.it www.soundrecords.it BIOGRAFIA Franco Baggiani non è solo un trombettista dalle sonorità morbide e allo stesso tempo grintose e un docente estroverso, ma è anche un artista a tutto tondo con un esperienza alle spalle che spazia

Dettagli

Energia potenziale elettrica e potenziale. In queste pagine R indicherà una regione in cui è presente un campo elettrostatico.

Energia potenziale elettrica e potenziale. In queste pagine R indicherà una regione in cui è presente un campo elettrostatico. Energia potenziale elettrica e potenziale 0. Premessa In queste pagine R indicherà una regione in cui è presente un campo elettrostatico. 1. La forza elettrostatica è conservativa Una o più cariche ferme

Dettagli

Basi di Teoria + Suonare la tastiera + Suonare la chitarra

Basi di Teoria + Suonare la tastiera + Suonare la chitarra 1 PREFAZIONE Questo lavoro non vuole essere esaustivo, viste la materie estremamente estese che tratta. Sia la Teoria Musicale che le nozioni di tastiera elettronica e di chitarra sono tuttavia esaminate

Dettagli

Le Scale. Una scala è la successione graduale di otto suoni consecutivi, di cui l ultimo è la ripetizione del primo.

Le Scale. Una scala è la successione graduale di otto suoni consecutivi, di cui l ultimo è la ripetizione del primo. Le Scale Che cos è una scala? Una scala è la successione graduale di otto suoni consecutivi, di cui l ultimo è la ripetizione del primo. La scala musicale prende il nome dal primo grado della nota) chiamato

Dettagli

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore Lezione 5 Argomenti Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore 5.1 PREESSA Nonostante le preferenze portino a desiderare quantità crescenti di beni, nella realtà gli individui non sono

Dettagli

Paolo Teodori. Fondamenti di composizione. Testo sintetico con approfondimenti

Paolo Teodori. Fondamenti di composizione. Testo sintetico con approfondimenti Paolo Teodori Fondamenti di composizione Testo sintetico con approfondimenti Roma, novembre 2015 Indice Introduzione 7 Testo breve, PRIMA PARTE 12 Capitolo I: Scale e Modi 13 - Semitono/tono 13 - I modi

Dettagli

CORSO DI MUSICA PER TUTTI di Cristiano Rotatori

CORSO DI MUSICA PER TUTTI di Cristiano Rotatori Corso di orientamento musicale diviso in lezioni semplici ed essenziali. L obiettivo è di assolvere alla funzione didattica utilizzando i parametri teorico-musicali essenziali in modo propedeutico ma anche

Dettagli

Prontuario accordi per Chitarra. e Pianoforte -Tastiera

Prontuario accordi per Chitarra. e Pianoforte -Tastiera Prontuario accordi per Chitarra e Pianoforte -Tastiera Accordi Maggiori DO Do# / RE b RE RE # / MI b MI FA FA # / SOL b SOL SOL # / LAb LA LA # / SI b SI Sol Do# - Reb Accordi Minori DO min DO#min Rebmin

Dettagli

Corso di Musica per tutti... quelli che la amano!

Corso di Musica per tutti... quelli che la amano! Corso di Musica per tutti... quelli che la amano! Questo piccolo corso, scritto con umiltà da un umile musicista, ha l' intento di fornire un trampolino di lancio nella teoria e nella pratica del musicista,

Dettagli

TEST D'INGRESSO PER LA VERIFICA DI DEBITI FORMATIVI - sessione autunnale 2014 -

TEST D'INGRESSO PER LA VERIFICA DI DEBITI FORMATIVI - sessione autunnale 2014 - MINISTERO DELL ISTRUZIONE, UNIVERSITÀ E RICERCA CONSERVATORIO DI MUSICA LUCIO CAMPIANI ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE Via della Conciliazione 33 46100 Mantova Italia tel. +39 0376 324636 fax +39

Dettagli

INDICE. Introduzione... 7

INDICE. Introduzione... 7 INDICE Introduzione... 7 Capitolo I Il basso continuo in Francia fra il 1690 ca. e il 1720 Estratti da Michel de St. Lambert, Nouveau Traité de l Accompagnament du Clavecin (1707) Estratti da Jean-François

Dettagli

AMMISSIONE AI CORSI PRE-ACCADEMICI PROVA DI TEORIA E ARMONIA

AMMISSIONE AI CORSI PRE-ACCADEMICI PROVA DI TEORIA E ARMONIA ARMONIA 1 Accedono direttamente a questo livello coloro che sono stati assegnati al 1 livello dei Corsi di strumento o canto e che non hanno le minime conoscenze di teoria musicale. ARMONIA 2 Il Sistema

Dettagli

Lezione 10 Funzione di produzione ed

Lezione 10 Funzione di produzione ed Corso di Economica Politica prof. S. Papa Lezione 10 Funzione di produzione ed efficienza economica Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Costi e produzione 102 Da che dipendono i costi? Dipendono

Dettagli

LE SCALE. Le scale nel linguaggio quotidiano. La scala musicale. Utilità delle scale

LE SCALE. Le scale nel linguaggio quotidiano. La scala musicale. Utilità delle scale Le scale nel linguaggio quotidiano Scala è un termine molto comune che usato in contesti diversi può assumere significati diversi. Nel campo dell architettura, una scala è una struttura composta da una

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

PROGRAMMA DI CANTO PRIMO ANNO

PROGRAMMA DI CANTO PRIMO ANNO PROGRAMMA DI CANTO PRIMO ANNO La prima fase del programma prevede un periodo di tempo, soggettivo per ciascun alunno, in cui il lavoro sarà impostato volgendo una particolare attenzione a studi mirati

Dettagli

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale Discuteremo di. La determinazione dell insieme delle alternative all interno del quale sceglie il consumatore La descrizione e la rappresentazione delle sue preferenze Come si determina la scelta ottima

Dettagli

INTERVALLI & SCALE MAGGIORI

INTERVALLI & SCALE MAGGIORI INTERVALLI & SCALE MAGGIORI Nella teoria musicale, la scala maggiore è una delle scale musicali eptafoniche (ovvero composta da sette suoni lungo un intervallo di ottava), il cui modo è individuato dalla

Dettagli

Dieci campane in DO 3 crescente sistema di suono alla veronese azionamento manuale

Dieci campane in DO 3 crescente sistema di suono alla veronese azionamento manuale CONCERTO CAMPANARIO DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI S. GIUSEPPE FALEGNAME IN BOVOLONE (Vr) Dieci campane in DO 3 crescente sistema di suono alla veronese azionamento manuale Nota Ø mm Anno fusione Fonditore

Dettagli

CHITARRA ACUSTICA Fase Iniziale

CHITARRA ACUSTICA Fase Iniziale CHITARRA ACUSTICA Fase Iniziale 1 INDICE Conoscenza della tastiera p. 2 Accordi p. 2 Scale p. 3 Sezione Performance p. 3 Ritmica p. 3 Melodie p. 4 CONOSCENZA DELLA TASTIERA L esaminatore sceglierà una

Dettagli

La scala fondamentale

La scala fondamentale La scala fondamentale Le note da cui derivano tutte le scale sono 12: 7 note naturali 5 note intermedie (alterate) reb mib do# re# solb lab fa# sol# sib la# reb mib do# re# solb lab fa# sol# sib la# do

Dettagli

Altri metodi di indicizzazione

Altri metodi di indicizzazione Organizzazione a indici su più livelli Altri metodi di indicizzazione Al crescere della dimensione del file l organizzazione sequenziale a indice diventa inefficiente: in lettura a causa del crescere del

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

CAPITOLO 1: "A CHE COSA SERVONO I TASTI NERI?"

CAPITOLO 1: A CHE COSA SERVONO I TASTI NERI? CAPITOLO 1: "A CHE COSA SERVONO I TASTI NERI?" La nostra sala prove era nientemeno che lo scantinato del Liceo Scientifico Galilei, opportunamente equipaggiato grazie al fondo studenti. Avrò avuto sì e

Dettagli

Il Gestionale: Gestionalino-Magazzino

Il Gestionale: Gestionalino-Magazzino Tempi & Metodi di Giorgio Andreani Servizi di Controllo e di Organizzazione dei Processi Produttivi Iscrizione al Registro delle Imprese CCIAA di Verona REA 357269 Partita Iva 03686020235 - Cod. Fisc.

Dettagli

La Voce e il Movimento Educazione all uso della voce con bambini di 3-12 anni

La Voce e il Movimento Educazione all uso della voce con bambini di 3-12 anni La Voce e il Movimento Educazione all uso della voce con bambini di 3-12 anni Prima di chiedere ai bambini di usare la voce Attivazione psico-fisica Esplorazione e sensibilizzazione corporea Respirazione,

Dettagli

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari Serie numeriche Definizioni e proprietà elementari Sia { } una successione, definita per ogni numero naturale n n. Per ogni n n, consideriamo la somma s n degli elementi della successione di posto d s

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO DETTAGLIATO DI PAOLO PATRIGNANI

PROGRAMMA DI STUDIO DETTAGLIATO DI PAOLO PATRIGNANI PROGRAMMA DI STUDIO DETTAGLIATO DI PAOLO PATRIGNANI Introduzione Premessa sulla metodologia di studio adottata Si impara ad improvvisare e a fraseggiare perché educhiamo il nostro orecchio a percepire

Dettagli

CURRICOLO DI COMPETENZE DI MUSICA

CURRICOLO DI COMPETENZE DI MUSICA CURRICOLO DI COMPETENZE DI MUSICA 1 Competenze in uscita per la classe prima 2 NU CLE I FON DA NTI O.S.A. -Individuare i ritmi interni del corpo aventi andamento costante (cardiaco, respiratorio) -Riconoscere

Dettagli

Il concetto di correlazione

Il concetto di correlazione SESTA UNITA Il concetto di correlazione Fino a questo momento ci siamo interessati alle varie statistiche che ci consentono di descrivere la distribuzione dei punteggi di una data variabile e di collegare

Dettagli

Scritto da Administrator Giovedì 19 Novembre :19 - Ultimo aggiornamento Venerdì 04 Dicembre :19

Scritto da Administrator Giovedì 19 Novembre :19 - Ultimo aggiornamento Venerdì 04 Dicembre :19 GLI ACCORDI Un accordo è un insieme di due o più note suonate contemporaneamente. Esistono nel jazz due mondi distinti: il modale ed il tonale; un brano musicale si definisce modale quando è composto a

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

E = Cp/Cr (dal momento che tutti gli altri valori sono comuni alle due formule)

E = Cp/Cr (dal momento che tutti gli altri valori sono comuni alle due formule) LE FORMULE ED I DIAGRAMMI Come abbiamo visto, la possibilità di variare la velocità di un veleggiatore è legata indissolubilmente all'angolo di incidenza: perchè? Perchè è proprio l'angolo di incidenza

Dettagli

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè:

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè: 1 Limiti Roberto Petroni, 2011 Possiamo introdurre intuitivamente il concetto di limite dicendo che quanto più la x si avvicina ad un dato valore x 0 tanto più la f(x) si avvicina ad un valore l detto

Dettagli

Considerazioni sulle specifiche.

Considerazioni sulle specifiche. # SINTESI PER TENTATIVI IN ω PER GLI ASSERVIMENTI # Considerazioni sulle specifiche. Come accennato in precedenza, prima di avviare la prima fase della sintesi di un sistema di asservimento, e cioe la

Dettagli

TEORIE E TECNICHE DELL ARMONIA LEZIONE XIV

TEORIE E TECNICHE DELL ARMONIA LEZIONE XIV TEORIE E TECNICHE DELL ARMONIA LEZIONE XIV by Mario MUSUMECI TEORIE E TECNICHE DELL ARMONIA L ENARMONIA LE PRINCIPALI TRASFORMAZIONI ENARMONICHE (SETTIMA DIMINUITA, TRIADE ECCEDENTE, SESTA TEDESCA) SETTIME

Dettagli

Istruzioni per l uso dei programmi MomCad, TraveCon, TraveFon

Istruzioni per l uso dei programmi MomCad, TraveCon, TraveFon Istruzioni per l uso dei programmi MomCad, TraveCon, TraveFon I tre programmi sono utility generali preparate appositamente per gli studenti (ma che potrebbero essere utili anche per professionisti). MomCad

Dettagli

Lettura musicale e sviluppo della musicalità

Lettura musicale e sviluppo della musicalità Lettura musicale e sviluppo della musicalità Corso di alfabetizzazione musicale SECONDO LIVELLO Lettura musicale e sviluppo della musicalità Corso di alfabetizzazione musicale SECONDO LIVELLO Copyright

Dettagli

Rappresentazione grafica di entità e attributi

Rappresentazione grafica di entità e attributi PROGETTAZIONE CONCETTUALE La progettazione concettuale, ha il compito di costruire e definire una rappresentazione corretta e completa della realtà di interesse, e il prodotto di tale attività, è lo schema

Dettagli

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione 1 INFANZIA 3-4 anni INFANZIA 5 anni Discriminare la

Dettagli

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva Brugnaro Luca Progetto formativo complessivo Obiettivo: incrementare le competenze degli operatori sanitari nelle metodiche

Dettagli

Terza Edizione Giochi di Achille (13-12-07) - Olimpiadi di Matematica Soluzioni Categoria E4 (Alunni di quarta elementare)

Terza Edizione Giochi di Achille (13-12-07) - Olimpiadi di Matematica Soluzioni Categoria E4 (Alunni di quarta elementare) Il Responsabile coordinatore dei giochi: Prof. Agostino Zappacosta Chieti tel. 0871 6584 (cell.: 40 47 47 952) e-mail:agostino_zappacosta@libero.it Terza Edizione Giochi di Achille (1-12-07) - Olimpiadi

Dettagli

TICHU NANJING (per 4 giocatori)

TICHU NANJING (per 4 giocatori) TICHU NANJING (per 4 giocatori) Le carte Sono di quattro tipi (Jade/Sword/Pagoda/Star) (Giada-verde/Spada-nero/Pagoda-blu/Stella-rosso) di 13 valori ognuna che corrispondono alle carte del Poker. L Asso

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI CARATTERI

CLASSIFICAZIONE DEI CARATTERI CLASSIFICAZIONE DEI CARATTERI Come abbiamo visto, su ogni unità statistica si rilevano una o più informazioni di interesse (caratteri). Il modo in cui un carattere si manifesta in un unità statistica è

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE -MATEMATICA 2006/2007 Modelli Matematici per la Società Incontro del 15.02.07

PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE -MATEMATICA 2006/2007 Modelli Matematici per la Società Incontro del 15.02.07 PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE -MATEMATICA 2006/2007 Modelli Matematici per la Società Incontro del 15.02.07 CODICI MONOALFABETICI E ANALISI DELLE FREQUENZE (organizzata da Francesca Visentin) Riprendiamo

Dettagli

PARTE PRIMA: APPROCCIO AI FONDAMENTI BASILARI DELLA MUSICA ED ALLO STRUMENTO

PARTE PRIMA: APPROCCIO AI FONDAMENTI BASILARI DELLA MUSICA ED ALLO STRUMENTO PROGRAMMA DI BASSO PARTE PRIMA: APPROCCIO AI FONDAMENTI BASILARI DELLA MUSICA ED ALLO STRUMENTO Concetti basilari di teoria musicale Note naturali ed alterazioni, conoscenza della scala naturale di do.

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

GENITORI, FIGLI E ALCOOL

GENITORI, FIGLI E ALCOOL GENITORI, FIGLI E ALCOOL Un sondaggio Osservatorio - Doxa SINTESI E GRAFICI Roma, 4 dicembre 2008 I GIOVANI E LA COMUNICAZIONE SULL ALCOOL I GENITORI SONO INFORMATI DI COSA FANNO I FIGLI NEL TEMPO LIBERO?

Dettagli

Logistica Magazzino: Distinta base

Logistica Magazzino: Distinta base Logistica Magazzino: Distinta base Premessa 2 Centri di lavoro 2 Cicli di lavorazione 3 Fasi cicli di lavorazione 4 Dettaglio costi 4 Distinta base 5 Archivio distinta base 5 Dettaglio distinta 5 Duplicazione

Dettagli

CURRICOLO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: STRUMENTO CLASSI 1^-2^-3^

CURRICOLO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: STRUMENTO CLASSI 1^-2^-3^ CURRICOLO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: STRUMENTO CLASSI 1^-2^-3^ Nucleo fondante: COMPRENSIONE DEL LINGUAGGIO MUSICALE E PRATICA STRUMENTALE Conoscenze L insegnamento strumentale

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

ACQUA, ARIA E TERRENO

ACQUA, ARIA E TERRENO ACQUA, ARIA E TERRENO PREMESSA Gli impianti d irrigazione a goccia svolgono un ruolo fondamentale negli apporti irrigui alle colture. Se utilizzato correttamente permette un sano sviluppo della pianta

Dettagli

Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Sequenze CAPITOLO II

Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Sequenze CAPITOLO II CAPITOLO II 2. - PROBLEMI DI SEQUENZA I problemi di sequenza si presentano ogni qualvolta vi sono delle attività che richiedono delle risorse limitate ed indivisibili e bisogna definire l'ordine secondo

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE Istituto di Istruzione Superiore G. Curcio Ispica I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. Angelo Carpenzano Dispensa di Informatica per il Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Sommario Sommario... I numeri...

Dettagli

Regolamento nazionale

Regolamento nazionale Regolamento nazionale (Per capire meglio tra virgolette la nota da che regolamento è tratta la regola, dove non ci sono virgolette la regola è presente sia nel Faentino che nel Ravennate.) LE PEDINE Sono

Dettagli

TEORIA, RITMICA E PERCEZIONE MUSICALE 1

TEORIA, RITMICA E PERCEZIONE MUSICALE 1 Istituto Superiore di Studi Musicali Giovanni Paisiello TARANTO Esame di Certificazione Competenze TEORIA, RITMICA E PERCEZIONE MUCALE 1 a.a. 01-13 - sessione autunnale Prova 1 : TEST DI TEORIA Candidato:

Dettagli

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione La catena di assicurazione A cosa serve la corda? A trattenere una eventuale caduta Solo questo? Che cosa succede al momento dell arresto di una caduta? L arrampicatore avverte uno strappo Quanto è violento

Dettagli

Che cos è l intelligenza e come funzionano i test del Q.I.

Che cos è l intelligenza e come funzionano i test del Q.I. Che cos è l intelligenza e come funzionano i test del Q.I. Non esiste, al giorno d oggi, un parere unanime della comunità scientifica sulla definizione di intelligenza. In generale, potremmo dire che è

Dettagli

I documenti di www.mistermanager.it. Gli ingredienti per l allenamento per la corsa LE RIPETUTE

I documenti di www.mistermanager.it. Gli ingredienti per l allenamento per la corsa LE RIPETUTE I documenti di www.mistermanager.it Gli ingredienti per l allenamento per la corsa LE RIPETUTE Le Ripetute sono una delle forme di allenamento che caratterizzano i corridori più evoluti, in quanto partono

Dettagli

Il Suono acustico. Capitolo 2 - Le caratteristiche del suono. Introduzione. L intensità del suono

Il Suono acustico. Capitolo 2 - Le caratteristiche del suono. Introduzione. L intensità del suono Il Suono acustico Capitolo 2 - Le caratteristiche del suono Introduzione pag 1 L intensità del suono pag 1 Relazione tra l intensità sonora e la distanza dalla sorgente pag 6 L altezza di un suono pag

Dettagli

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Microeconomia, Esercitazione 2 (26/02/204) Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Antonio compra solo due beni, sigarette e banane.

Dettagli

VIOLINO. CORSI PREACCADEMICI Programmi dei livelli A, B,C.

VIOLINO. CORSI PREACCADEMICI Programmi dei livelli A, B,C. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ALTA FORMAZIONE ARTISTICA, MUSICALE E COREUTICA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA LATINA CORSI PREACCADEMICI

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

REGOLAMENTO FAENTINO L INIZIO. Il tavolo sarà composto da 4 giocatori dove ognuno gioca per sé stesso.

REGOLAMENTO FAENTINO L INIZIO. Il tavolo sarà composto da 4 giocatori dove ognuno gioca per sé stesso. REGOLAMENTO FAENTINO LE PEDINE Sono 144 così divise: Fiori x 4 (Est, Sud, Ovest, Nord) Stagioni x 4 (Est, Sud, Ovest, Nord) Dall 1 al 9 x 4 Scritti (detti anche caratteri) Dall 1 al 9 x 4 Canne (detti

Dettagli

Principi per la memorizzazione digitale della musica

Principi per la memorizzazione digitale della musica Principi per la memorizzazione digitale della musica Agostino Dovier Univ. di Udine, DIMI 1 Preliminari Ogni suono/rumore udibile è generato da una vibrazione. Il corpo vibrante, per essere udito deve

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL NUOVO OBBLIGO. ADi Silvia Faggioli La Spezia 20 aprile 2012

LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL NUOVO OBBLIGO. ADi Silvia Faggioli La Spezia 20 aprile 2012 LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL NUOVO OBBLIGO ADi Silvia Faggioli La Spezia 20 aprile 2012 LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI ISTRUZIONE: Di cosa parleremo

Dettagli

Capitolo 2 Distribuzioni di frequenza

Capitolo 2 Distribuzioni di frequenza Edizioni Simone - Vol. 43/1 Compendio di statistica Capitolo 2 Distribuzioni di frequenza Sommario 1. Distribuzioni semplici. - 2. Distribuzioni doppie. - 3. Distribuzioni parziali: condizionate e marginali.

Dettagli