VIVERE IL CAMPO CON STILE AMBIENTALISTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VIVERE IL CAMPO CON STILE AMBIENTALISTA"

Transcript

1 VIVERE IL CAMPO CON STILE AMBIENTALISTA Volume VII manuali campi volontariato

2

3 Un campo di volontariato non è solo un evento di grande altruismo, in cui giovani provenienti da tutto il mondo, dedicano una parte del loro tempo libero, per la cura della cosa pubblica. Da sempre i campi di volontariato sono anche un occasione di scambio interculturale e linguistico, uno stimolo alla cooperazione e dunque al rispetto e alla pace tra popoli e culture differenti. Per Legambiente, la più grande associazione ambientalista italiana, questi temi sono fortemente connessi con la difesa e la salvaguardia dell ambiente, che rappresenta uno dei migliori indicatori della qualità della vita delle persone. I campi di volontariato di Legambiente, perciò, rappresentano anche un opportunità per i cittadini per riqualificare e salvaguardare i territori e un occasione di cittadinanza attiva per spronare le Istituzioni a valorizzare le risorse ambientali e culturali e per sostenere le economie locali. Le attività di riqualificazione ambientale servono a cambiare e stimolare le coscienze dei cittadini e di alcuni amministratori e servono a cercare di proporre dei modelli di sviluppo nuovi sotto molteplici punti di vista: economico, ambientale, civile, ma soprattutto umano. Questa cultura di cui vogliamo essere portatori e difensori coincide con la convinzione che la relazione consapevole e responsabile tra gli uomini e tra le comunità e l ambiente sia la futura strada verso un mondo equo e sostenibile per le generazioni presenti e future; inoltre rispecchia anche la visione che sia possibile un mondo migliore, ricercando la sostenibilità con l uomo, la comunità e l ambiente, in rapporto di equilibrio. La prassi stessa delle nostre esperienze permette di vivere i giorni del campo all insegna di pratiche sostenibili, mostrandone la semplicità e la facilità con la quale, facendo attenzione a piccole cose, si possano raggiungere grandi risultati che inducano un reale cambiamento nei territori e nelle coscienze di tutti gli attori di questi progetti, soprattutto dei volontari, delle comunità e delle amministrazioni. I campi possono così svolgere un ruolo attivo per centrare molti obiettivi strategici che appartengono alla maggior parte delle associazioni di volontariato che organizzano campi: sensibilizzare le Istituzioni, i singoli e le comunità sull adozione di stili di vita e comportamenti sostenibili; promuovere e difendere la qualità ambientale e culturale dei territori per conservare la natura, la biodiversità e il paesaggio e per facilitare l accoglienza, la solidarietà e la coesione sociale tra i popoli; favorire la partecipazione, il confronto e il cambiamento; combattere l illegalità ambientale diffondendo i valori e la cultura della legalità come presupposto irrinunciabile per lo sviluppo economico e sociale dei territori; dimostrare che la sostenibilità ambientale produce risparmio di costi, crea un valore economico e sociale e migliora la qualità della vita; promuovere la cooperazione e la solidarietà internazionale; creare valore sociale, ambientale ed economico. Nei campi di Legambiente, da sempre, si cerca di vivere e diffondere alcune buone pratiche ecologiche e stili di vita (risparmio energetico e idrico, raccolta differenziata, utilizzo di prodotti ecologicamente ed eticamente sostenibili, ecc.). In questo modo si svolge un azione educativa verso i volontari ma soprattutto verso i residenti che osservano il campo. Questo aspetto deve essere vissuto dai responsabili e dagli organizzatori con grandissimo senso di responsabilità. Per questo nei campi di Legambiente vengono praticate: raccolta differenziata e riduzione dei volumi dei rifiuti anche dove il comune non la pratica; massima attenzione agli sprechi energetici, idrici e culinari; autoproduzione di saponi ecologici o comunque acquisto di saponi a basso impatto ambientale; spesa con prodotti ecologici, possibilmente da fornitori locali e molti altri comportamenti praticabili secondo i contesti. Un campo è anche un occasione per molti volontari di sperimentare stili di vita sostenibili. Risparmio energetico, risparmio idrico, raccolta differenziata dei rifiuti, cibi biologici, sono alcuni dei temi che possono essere proposti, ma soprattutto sperimentati, all interno di un campo. Ecco che allora un campo diventa un centro per l ecologia del vivere, un posto dove il gesto virtuoso di un responsabile di campo diventa insegnamento per un ragazzo che sino a quel momento, per un

4 fattore sociale o culturale, non aveva mai praticato la sostenibilità ambientale dell essere. Ecco allora che il semplice chiudere il rubinetto mentre ci si lava i denti diventa un momento di educazione ambientale. Nelle prossime pagine cercheremo di sviluppare alcuni temi e comportamenti individuali e collettivi che sarebbe opportuno diventassero punti irrinunciabili per un campo di volontariato. In questo modo, in particolare se saremo capaci di mostrare all esterno quello che noi stiamo facendo nel campo, saremo riusciti ad arricchire il nostro evento, a trasformarlo in una scuola sia per i nostri volontari, che per la cittadinanza che ci osserva. Non dobbiamo comunque dimenticare che l ecologia del vivere è anche rispetto per l altro. Ecco allora che il dialogo all interno e all esterno del campo, il rispetto dell opinione diversa, il sapere ascoltare, diventano elementi irrinunciabili della vita di un campo e che forse, se vissuti intensamente in quelle due settimane, diventano elementi irrinunciabili per la nostra vita. Ci piacerebbe, attraverso questo lavoro, che iniziasse un confronto tra le associazioni che porti a riflettere e a migliorarsi per centrare meglio questi obiettivi e contribuire quindi a realizzare un possibile mondo migliore. Ciò che ci distingue gli uni dagli altri sono i nostri sogni e quel che facciamo perché si realizzino. Joseph Epstein Evviva l acqua in brocca L acqua è un elemento base della nostra vita. In un campo beviamo mediamente tra i 15 ed i 30 litri di acqua al giorno. Abbiamo di fronte a noi due possibilità: acquistarla in bottiglia oppure spillarla dal rubinetto. Acquistare acqua in bottiglia spesso significa proporre un acqua con alta carica batterica, spesso contaminata dalla plastica e soprattutto con costi notevolmente superiori a quelli del rubinetto. Non dobbiamo poi dimenticare che ogni anno in Italia dobbiamo smaltire qualcosa come 7 miliardi e mezzo di bottiglie di plastiche, che, seppure avviate al riciclo, hanno un impatto ambientale per essere prodotte, riempite e soprattutto trasportate nei punti vendita. L acqua del rubinetto: - Non produce rifiuti plastici - Solo nel 2006, ci sono volute 350mila tonnellate di PET per confezionare l acqua minerale. Di queste solo il 35% è stato avviato a riciclo. - Non inquina e non aumenta l effetto serra - Per produrre gli imballaggi necessari alla commercializzazione dell acqua in bottiglia, nel solo 2006 sono state impiegate 665 mila tonnellate di petrolio e sono state emesse 910 mila tonnellate di CO2

5 - È di alta qualità, è più controllata e sicura - Basti pensare che sulle acque di rubinetto vengono eseguite numerosissime analisi ogni anno (circa controlli), mentre per quelle in bottiglia la normativa prevede la revisione delle analisi solo ogni 5 anni. - È poco costosa - L acqua del rubinetto costa fino a 1000 volte di meno dell acqua in bottiglia. - È comoda: arriva direttamente a domicilio! - Spesso l acqua confezionata valica i confini regionali per essere consumata a centinaia di chilometri di distanza da dove viene imbottigliata. Sempre restando in tema di acqua, dobbiamo riuscire a far capire ai nostri volontari che essa è un bene prezioso, che non va sprecata e sporcata. Ecco allora che nell economia di un campo chiederemo di chiudere il rubinetto mentre ci si insapona sotto la doccia o si lavano i denti, useremo detersivi ecologici, l eventuale lavatrice o lavastoviglie dovrà funzionare a pieno carico, riutilizzeremo l acqua usata per la cottura della pasta per il successivo lavaggio delle stoviglie. Pur non potendo in un campo installare sciacquoni a scarico differenziato, non dobbiamo però dimenticare che il water è responsabile del 30% dei consumi domestici dell acqua. Un altro accorgimento da usare per risparmiare l acqua è quello di installare sui rubinetti dei frangi getto, banali apparecchi di bassissimo costo che fanno sì che con gli stessi risultati si utilizzi meno acqua. ormai irrinunciabile. Prevenire è meglio che smaltire Uno dei problemi ambientali più importanti dei nostri tempi è il problema rifiuti. Le statistiche ci riferiscono che nelle regioni più ricche d Italia ormai si viaggia ben oltre il chilo e mezzo di produzione di rifiuti pro-capite. Questo vuole dire, ad esempio, che una città come Milano produce qualcosa come circa tonnellate al giorno di rifiuti. E ovvio che l obiettivo principale è la raccolta differenziata, il riuso ed il riciclaggio dei rifiuti. E altrettanto ovvio però che riuscire a produrre meno rifiuti è un obiettivo Ecco allora che proponiamo alcuni piccoli comportamenti e scelte da praticare sia dentro un campo che nella nostra vita: 1. Utilizza le borse di tela o quelle in plastica biodegradabile (materbi) al posto degli shopper in plastica tradizionale, e utilizzali più e più volte. 2. Acquista verdura e frutta sfusa e non quella confezionata nelle vaschette di plastica. Fai lo stesso con gli affettati, le carni e i formaggi. 3. Bevi l'acqua del rubinetto per ridurre i rifiuti. 4. Scegli i prodotti confezionati in imballaggi riciclati o facilmente riciclabili, come quelli mono-materiale, evita le confezioni multi materiali (per esempio composte da carta e plastica insieme) e le monodosi, preferendo i formati famiglia. 5. Evita i prodotti usa e getta come piatti e bicchieri di plastica. Se proprio non puoi farne a meno, scegli quelli in materiale biodegradabile.

6 6. Laddove possibile, scegli detersivi, detergenti e alimenti distribuiti alla spina, per riutilizzare lo stesso contenitore: produci meno rifiuti e risparmi. 7. Scegli i prodotti con la margherita europea (Ecolabel), il marchio di certificazione ambientale concesso ai prodotti che nel loro ciclo di vita hanno prodotto il minor impatto ambientale. 8. Se hai un giardino o un grande balcone, utilizza gli scarti organici e quelli verdi per fare del compost per i tuoi fiori. 9. Programma le tue stampe/fotocopie in fronte-retro (o utilizza la parte bianca dei fogli che non servono più per prendere appunti) e con la modalità economia di inchiostro; usa caratteri più piccoli. Utilizza cartucce/toner ricaricabili. 10. Usa sempre apparecchiature con pile ricaricabili anziché usa e getta. Nonostante la buona volontà, sarà comunque pressoché impossibile arrivare all obiettivo rifiuti zero. Ecco allora l importanza di pretendere dai volontari una corretta raccolta differenziata dei rifiuti, indipendentemente dal fatto se in quel luogo poi vengano poi riciclati. Il campo può anche mettere in gioco un azione dimostrativa in tale direzione. Prima però della raccolta differenziata, ogni volta che gettiamo qualcosa proviamo a porci la domanda: Posso riutilizzarla in qualche modo? Magari non tutto sarà recuperabile, ma una parte sì! Riutilizzare significa anche riparare. Se mi si rompe qualcosa, ecco la domanda giusta: Posso riparare o far riparare questo oggetto? Riutilizzare significa anche pensare se c è qualcuno cui il mio oggetto può ancora servire. Allungando il ciclo di vita di un oggetto evitiamo di creare un rifiuto, utilizzando così le risorse in modo più sostenibile e comprarne un altro, riducendo il consumo di materie prime per la produzione. Tutti i rifiuti organici, ma anche i tovaglioli di carta sporchi, possono essere tranquillamente compostati, cioè messi in contenitori areati dove la loro decomposizione ci regalerà, di lì a qualche mese, dell ottimo humus. La tabella che segue riepiloga quelli che oggi sono i simboli da conoscere per poter avviare al riciclo i nostri rifiuti da smaltire ECOLABEL: Unico marchio ufficiale in Europa per la qualità ecologica. Il prodotto è stato ottenuto con ridotto impatto ambientale in ogni fase del suo ciclo di vita (produzione, imballaggio, distribuzione, utilizzo, smaltimento). L etichetta indica al consumatore che il prodotto è stato confezionato cercando di minimizzarne l impatto ambientale e dovrebbe essere, per chi ha un minimo di sensibilità, un marchio di preferenza tra prodotti simili. Particolare attenzione è data al processo produttivo, con la riduzione delle sostanze tossiche per l ambiente (visto che si tratta di prodotti da risciacquare e che, quindi, finiscono nelle acque di scarico). Può fregiarsi del marchio ecolabel il prodotto che dimostra di avere un carico ambientale inferiore alla media dei prodotti simili in commercio.

7 I numeri da 1 a 6 contenuti in questo marchio indicano il tipo di plastica utilizzato secondo un codice prestabilito, con l eccezione del 7 che indica che il materiale non è riciclabile 1 = PET (polietilentereftalato) 2 = HDPE (polietilene alta densità) 3 = PVC (polivinilcloruro) 4 = LDPE (polietilene bassa densità) 5 = PP (polipropilene) 6 = PS (polistirolo) Cartone accoppiato Banda stagnata (acciaio) Alluminio Materiali poliaccoppiati Simbolo internazionale dei materiali riciclabili. Indica che parte del materiale dell imballaggio è riciclato, oppure che lo stesso è riciclabile, ma non necessariamente riciclato. Significa "non disperdere nell'ambiente dopo l'uso" I tetrapak in genere sono costituiti da materiali poliaccoppiati (carta, plastica, alluminio) Ci indica come schiacciare una bottiglia di plastica prima di gettarla nell apposito cassonetto. Ridurre il volume è importante per far sì che ogni rifiuto occupi meno spazio. Marchio Compostabile Cic (Consorzio italiano compostatori), indica che il materiale si può avviare a compostaggio.

8 Prodotti biologici, km 0 e solidali Mangiare sano e rispettare la natura. Questo, che potrebbe sembrare uno slogan, è in realtà lo stile di vita che dovremmo scegliere. Per troppi anni abbiamo pensato che il mercato venisse prima della qualità. Grandi produzioni a bassi costi è stato il miraggio che ha portato l agricoltura ad essere per anni, ad esempio, una delle principali cause dell inquinamento delle falde. Per troppi anni ed in molti casi ancora oggi, tracce di pesticidi e residui di fertilizzanti sono arrivati nei nostri piatti. Negli ultimi dieci anni però si è notevolmente affermata una domanda di mercato rivolta a prodotti di qualità, più genuini, con più giusto e sapore, meno impattanti sull ambiente. Se tutti conoscono la genuinità dei prodotti bio, pochi sanno che l agricoltura biologica è un alternativa a quella convenzionale anche dal punto di vista dei problemi posti dai cambiamenti climatici. Tra i vantaggi derivati dall applicazione dei principi cardine dell agricoltura biologica: incremento della sostanza organica e quindi maggiore fertilità dei terreni, accumulo di CO 2 nel terreno, risparmio energetico. Due criticità sono però legate al mondo del biologico: i costi e la tracciabilità. Spesso anche ingiustificatamente, i prodotti bio hanno costi di gran lunga maggiore rispetto ai prodotti provenienti dall agricoltura convenzionale. Per questo spesso diventa strategico per il bilancio di un campo, andare ad acquistare prodotti bio direttamente dai produttori. L altro aspetto critico è legato al fatto che la certificazione di azienda biologica è su scala volontaria attraverso una dozzina di associazioni di produttori. Per il consumatore è perciò difficile avere una visione completa e chiara Anche in questo caso diventa strategico la conoscenza diretta del produttore agricolo. Acquistare inoltre prodotti dall azienda sotto casa oltre che darci un vantaggio economico e prodotti di sicura provenienza, quindi sani, genuini e freschi, ha un vantaggio ambientale non da poco: quei prodotti non sono causa di inquinamento legato al trasporto delle merci. A volte, soprattutto in certe condizioni territoriali, come le aziende agricole di montagna, è preferibile acquistare direttamente dal produttore sotto casa, piuttosto che avere un prodotto che, prima di arrivare sulla nostra tavola, ha percorso centinaia di chilometri. Sia sotto l aspetto ambientale che economico, occorre scegliere prodotti alimentari, come frutta e verdura, di stagione. Questo sia per una migliore qualità del prodotto stesso, sia per il fatto che un prodotto fuori stagione ha un impatto ambientale decisamente superiore legato al trasporto e alla sua conservazione, senza dimenticare il pericolo conservanti. Un ultimo aspetto da tenere in considerazione nella nostra spesa è quello della solidarietà: commercio equosolidale, prodotti della legalità, gruppi di acquisto, sono opportunità per una spesa etica e spesso sono pure garanzie di controlli sulle filiere alimentari. L energia migliore è quella che risparmiamo Senza un deciso intervento nel settore dello sviluppo delle fonti energetiche alternative e del trasporto urbano è certo che l Italia non riuscirà mai a recuperare il clamoroso ritardo nella riduzione delle emissioni di gas serra. È altrettanto vero che tutti noi in prima persona possiamo combattere l effetto serra e i mutamenti climatici risparmiando energia e riducendo il più possibile gli sprechi. Un campo di volontariato, pur svolgendo un azione sociale di grande rilevanza, non può dimenticarsi alcuni comportamenti di sostenibilità ambientale nel proprio agire quotidiano. Innanzitutto cerchiamo di usare l automobile solo quando è necessario. L'automobile è, per il singolo come per la famiglia, la seconda voce di spesa dopo l'abitazione, sia per l'acquisto che per i consumi energetici. Rappresenta generalmente il più alto contributo individuale all'inquinamento ambientale, inoltre la combustione dei carburanti contribuisce in maniera pesante alle emissioni di anidride carbonica e quindi all aggravamento dell effetto serra. Si calcola che in Italia dal 1990 ad oggi le emissioni dei gas serra prodotte dal settore trasporti siano aumentate del 25%. Solo il trasporto stradale nel 2007 ha rappresentato il 23,3% delle emissioni totali di anidride carbonica nel nostro Paese. Se

9 proprio non possiamo farne a meno, quando usiamo l automobile cerchiamo di viaggiare a velocità moderata, pratichiamo il car-pooling, cioè organizziamo spostamenti collettivi con colleghi e amici, per contenere il numero di veicoli che compiono lo stesso percorso, l inquinamento e le spese. Anche la regolare manutenzione e controllo dell efficienza della nostra auto contribuisce a diminuire il nostro apporto di inquinanti in atmosfera. Un altro aspetto strategico per un ecosostenibile stile di vita è l attenzione verso i consumi elettrici. Illuminazione ed elettrodomestici sono le due componenti di consumo energetico sia in un abitazione, che, nel nostro caso, in un campo. Piccoli accorgimenti possono di fatto contribuire a ridurre i consumi e di conseguenza a diminuire il fabbisogno energetico: spegnere le luci quando non servono; spegnere gli stand-by (anche la lucina è un consumo inutile: spegnendo lo stand-by del televisore in un anno si possono risparmiare fino a 33 euro e ben 80 kg di CO 2 ); usare lavatrice e lavastoviglie a pieno carico ti aiuta a risparmiare in un anno 37 euro in bolletta e 45 kg di CO 2. Anche la pulizia e la manutenzione di elettrodomestici come frigorifero e congelatore contribuisce ad un migliore rendimento e conseguentemente ad un minor fabbisogno di energia elettrica per garantire le temperature. Un'altra accortezza da avere con i frigoriferi è quella di non introdurre cibi caldi e di evitare di lasciarli aperti senza necessità. In caso di acquisto di elettrodomestici nuovi valutiamo solo quelli in classe energetica A o superiore. Sostituiamo le lampadine tradizionali con quelle a fluorescenza di classe A. Quest ultime infatti consumano fino a 5 volte di meno ed immettono in atmosfera l 80% in meno di anidride carbonica. Meglio ancora se riusciamo ad orientarci sui Led, che al momento rappresentano il futuro dell illuminazione. Un ultima attenzione va rivolta alla produzione di acqua calda. Uno scaldabagno elettrico è quanto di più energivoro si possa avere in una casa. Scaldabagni a gas e collettori solari sono la risposta di efficienza energetica che abbiamo il dovere di ricercare. Anche se la maggior parte dei nostri campi si svolgono in estate, vale comunque la pena, parlando di risparmio energetico, affrontare il tema del riscaldamento. Per evitare sprechi energetici ed economici, gli impianti di riscaldamento hanno bisogno di una costante manutenzione: è per questo che la normativa nazionale ha reso obbligatori periodici controlli sulla sicurezza e sull efficienza. L eccessivo tepore casalingo non solo produce grosse dispersioni di energia ed elevate emissioni di anidride carbonica, principale gas serra, ma non fa neanche bene alla salute. Le temperature consigliate dai medici sono infatti di 20 C durante il giorno e 16 C durante la notte. Inoltre, è sempre opportuno tenere sotto controllo le dispersioni di calore attraverso gli spifferi di porte e finestre. Regolare i termosifoni dei diversi ambienti in funzione delle necessità e spegnerli quando si è fuori casa per medilunghi periodi (anche se il sistema è centralizzato). Chiudere le tapparelle quando inizia a fare buio (in modo da evitare la dispersione di calore verso l esterno). Non coprire i termosifoni con stoffe o mensole. Sfiatare periodicamente l aria attraverso le apposite valvole (affinchè non si ostruisca il passaggio dell acqua calda). Applicare su ciascun termosifone valvole termostatiche, dispositivi che permettono di regolare la temperatura. Eliminare le dispersioni di calore con guarnizioni di gomma, silicone o metallo agli infissi. Certo, non tutte le indicazioni che abbiamo voluto dare in questo capitolo saranno facilmente applicabili in un campo, non fosse altro per il fatto che le strutture non sono quasi mai di nostra proprietà ed il budget economico a disposizione di un campo non ci permette di investire. Crediamo però sia ugualmente importante avere la nozione del problema e sapere spiegare ai nostri volontari e all esterno anche ciò che non siamo riusciti a fare oltre a quello che invece possiamo e abbiamo il dovere di fare in materia di risparmio energetico. Ecco perché, in chiusura di questo capitolo, crediamo sia utile presentare un breviario delle fonti di energia rinnovabili. Le fonti rinnovabili sono quelle che si formano spontaneamente in un tempo minore di quello impiegato per consumarle. Sono fonti energetiche rinnovabili il sole, il vento, l acqua, il calore sotterraneo e le biomasse. Queste fonti non sono solo ambientalmente pulite, ma anche

10 economicamente convenienti. Lo sviluppo delle energie rinnovabili, insieme al risparmio energetico e all efficienza, è l unica risposta efficace all esigenza di ridurre sensibilmente l uso del petrolio e degli altri combustibili fossili, responsabili dell aumento dell effetto serra e di gran parte dei fenomeni d inquinamento dell aria. Puntare sull energia rinnovabile è anche una straordinaria occasione per creare nuova occupazione. Sole Circa il 50% delle radiazioni del Sole colpisce il nostro pianeta, sviluppando una quantità di energia volte superiore ai bisogni mondiali. Può essere utilmente sfruttata per mezzo di collettori solari per la produzione di acqua calda sanitaria o di pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica. Acqua Utilizzata già dagli antichi nei mulini a pale, viene oggi sfruttata nelle centrali idroelettriche dove per mezzo di turbine e alternatori, l energia dell acqua in caduta nelle condotte forzate si trasforma in elettricità. L idroelettrico però, soprattutto quello dei grandi impianti con grandi dighe e captazioni d acqua, ha un forte impatto sull ambiente e sugli ecosistemi. Il miglior sfruttamento di questa risorsa viene dal Mini-idroelettrico, impianti fino a 3MW che sfruttano i piccoli salti d acqua o anche gli acquedotti per la produzione di energia. Impianti così piccoli sono meglio integrabili in natura. Vento L energia eolica, usata fin dai tempi più remoti per navigare ed azionare i mulini a vento, è oggi impiegata per produrre elettricità attraverso le pale eoliche. La produzione di energia varia il base alla grandezza dell impianto e alla velocità del vento. Geotermia In alcune zone del nostro pianeta l acqua calda proveniente dagli strati profondi del sottosuolo può fuoriuscire sotto forma di vapore (soffione) o di getto d acqua (geyser) oppure venire estratta da falde sotterranee. L'energia generata si distingue in alta entalpia, alta temperatura utilizzata dalle grandi centrali per produrre sia calore che energia elettrica, e bassa entalpia, bassa temperatura utilizzata dalle utenze domestiche per la produzione di calore e acqua calda sanitaria o per il raffreddamento. Biomassa Materiali vegetali, legno, scarti agricoli e liquami costituiscono la biomassa che rappresenta per l uomo un importante riserva di energia rinnovabile, che può essere vantaggiosamente riutilizzata per produrre calore ed energia elettrica. E se imparassimo l arte e salvassimo il pianeta? Forse il titolo di quest ultimo capitolo è un po eccessivo. Va da sé che oltre ai comportamenti pocanzi indicati, un campo, che tradizionalmente ha molta manodopera a disposizione, può offrire opportunità di auto educazione ambientale, ad esempio, producendo saponi, preparandosi il pane e cuocendolo in rudimentali forni solari, imparando a riciclare cibi avanzati in frittatone, saporite torte salate e dolci, squisiti e stuzzicanti piatti freddi. La fantasia di ciascuno di noi, ma soprattutto l esperienza di chi ha già sperimentato queste cose, sono elementi importanti per una sostenibilità della vita di campo. Sarebbe stato troppo lungo riportare in questo manuale ricette e consigli per l uso, ma soprattutto molti di voi hanno già un proprio modo di fare. Chi vuole condividere la propria esperienza può scrivere un contributo in questo senso e inviarlo all ufficio nazionale

11 Riepilogo di alcune azioni sostenibili da poter adottare al campo Riunione iniziale sulle buone pratiche per la sostenibilità nel campo o a casa propria Riduzione del volume dei rifiuti (all acquisto e nel gettarli) Raccolta separata di: organico, plastica, metallo, carta, vetro, ecc. Installazione di: riduttori di flusso per i rubinetti, lampade a fluorescenza, contenitori per raccolta differenziata. Spegnimento degli interruttori stand-by e di tutte le luci non necessarie in quel momento Limitazione del consumo di carne Rinuncia a piatti, bicchieri, posate e tovaglioli di plastica/carta Riutilizzo di carta ove possibile Consumo di acqua di rubinetto, se potabile I generi alimentari acquistati (locali, stagionali, biologici, provenienti dal mercato solidale) Uso nel campo di mezzi di trasporto più sostenibili (piedi, bici, mezzi pubblici, mezzi a minori emissioni) Nelle informazioni sulla sostenibilità coinvolgere soggetti terzi: comunità locale, amministratori, associazioni locali, commercianti, ecc. Altro

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M COMUNE DI PICCOLI GESTI PER UN MONDO MIGLIORE La Città di Udine aderisce, con altri 14 enti pubblici europei, al progetto Cyber Display. Lo scopo è aumentare e migliorare la conoscenza nell uso delle risorse

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile Più intelligenti e più ecologici Consumare e produrre in maniera sostenibile 1 Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea.

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

Realizzato in PET riciclato. La natura ci guida. Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it

Realizzato in PET riciclato. La natura ci guida. Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it Realizzato in PET riciclato La natura ci guida Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it Insieme per l ambiente. La nuova vita della plastica Questo supporto è stato realizzato con materiale riciclato:

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. Questa è la visione di Solcrafte per il futuro. La tendenza in aumento ininterrotto, dei

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO La gestione ambientale di una struttura turistica prevede di porre sotto controllo, gestire e ridurre gli impatti ambientali legati al ciclo di vita

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili.

Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili. Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili. I rifiuti: un problema di grande attualità. SCUOLA PRIMARIA VITTORIO VENETO DI CALCI [Calci aprile 2010] Lavoro svolto dalle Classi V A e

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA LA COTTURA IN PENTOLA A PRESSIONE La pentola a pressione è uno strumento ancora tutto da scoprire, da conoscere e da valorizzare, sia dal punto di vista

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve ZHUJIANG BEER Al Rawdatain. Al Rawdatain in breve SETTORE ACQUA & CSD Al-Rawdatain Al-Rawdatain Water Bottling Co. Safat, Kuwait >> cartonatrice SMI WP 300 >> fardellatrice SMI SK 350 T >> manigliatrice

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI

DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI IT- Settore Tecnologico - B. FOCACCIA Salerno Piano dell Offerta Formativa 2011/2012 Presentazione del Progetto: DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI Referente Prof. Anna Maria Madaio Cosa

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Appena sfornate! Calde... pizze dal Pizzaport Per un ottimo isolamento: struttura

Dettagli

Solare Pannelli solari termici

Solare Pannelli solari termici Solare Pannelli solari termici Il Sole: fonte inesauribile... e gratuita Il sole, fonte energetica primaria e origine di tutti gli elementi naturali, fonte indiscussa dell energia pulita, libera, eterna,

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Risparmiare energia ogni giorno

Risparmiare energia ogni giorno Risparmiare energia ogni giorno Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige Indice Prefazione pag. 1 1. Introduzione pag. 2 2. Gli elettrodomestici pag. 4 3. Il riscaldamento pag. 10 4. La mobilità pag. 14

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

GUIDA ALLE BUONE PRATICHE NEI RIFUGI IN QUOTA

GUIDA ALLE BUONE PRATICHE NEI RIFUGI IN QUOTA GUIDA ALLE BUONE PRATICHE NEI RIFUGI IN QUOTA Per gestori e proprietari espace-mont-blanc.com 2 GUIDA ALLE BUONE PRATICHE NEI RIFUGI IN QUOTA INTRODUZIONE In ragione della loro posizione in siti peculiari

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

PROGETTO ENERGIA Dispense Biennio a.s. 2012-2013. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Forlì

PROGETTO ENERGIA Dispense Biennio a.s. 2012-2013. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Forlì ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Forlì Viale Della Libertà, 14 -Tel. 0543 28620, Fax 0543 26363 Email: itisfo@itisforli.it Sito: www.itisforli.it ENERGIA E AMBIENTE PROGETTO ENERGIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia (affiliata all International Society of Doctors for the Environment, in rapporto consultivo con l'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

LINEA AMBIENT UNA GAMMA PER OGNI DESIDERIO

LINEA AMBIENT UNA GAMMA PER OGNI DESIDERIO LINEA AMBIENT UNA GAMMA PER OGNI DESIDERIO LINEA AMBIENT UNA GAMMA PER OGNI DESIDERIO La linea Ambient rappresenta l integrazione perfetta di un design lineare con una funzionalità semplice ed intuitiva.

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... VetReRiA CARtieRA CoMPoStAggio Regione del Veneto Presidente Giancarlo Galan Assessore alle Politiche dell Ambiente Giancarlo Conta Segretario

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli