SVILUPPARE PIANI INCENTIVANTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SVILUPPARE PIANI INCENTIVANTI"

Transcript

1 SVILUPPARE PIANI INCENTIVANTI

2 CAPITOLO X INCENTIVAZIONE Il valore (oggi) emana da quello che c è intorno al prodotto: dall applicazione della Creatività e del Capitale Intellettuale - Tom Peters L incentivazione oggi è fondamentale per un azienda. Andiamo verso un modello di business nel quale il dipendente diventa sempre di più un knowledge worker, cioè una persona che possiede un patrimonio di conoscenze che hanno un vero e proprio valore. Perdere un knowledge worker ha un costo per l azienda, in quanto non perde una semplice persona, ma perde un pezzo dei suoi capitali intangibili e questa perdita arrecherà un danno economico. La crisi della quarta settimana, cioè il fatto che molti impiegati non riescono con quello che guadagnano ad arrivare a fine mese è un ulteriore fattore che entra nel gioco. Come è possibile tenere una persona motivata nel suo lavoro se quello che guadagna non è più sufficiente? Oggi un azienda per poter competere in modo efficiente, ha bisogno di riuscire ad avere i migliori collaboratori possibili e questo è possibile solamente con buoni programmi di crescita che includano anche la crescita economica. E certo che l incentivazione funzionerà poco o solamente su alcune persone, a meno che anche i fattori soft siano presenti nella gestione della persona (lodi e apprezzamenti, coinvolgimento e interesse). Una volta che avrai cominciato a mettere in atto una gestione ottimale delle persone dal punto di vista dei fattori intangibili, l incentivazione e le prospettive economiche possono far molto per incrementare ulteriormente la produttività e il coinvolgimento dei singoli. Se incentivi le persone sulle cose giuste puoi guadagnare moltissimo denaro. L ABBONDANZA Per espandere un territorio, dividi il bottino - Sun Tzu, l Arte della Guerra Se vuoi impossessarti dei beni del nemico, occorre ricompensare gli uomini con una parte del bottino catturato, così che siano invogliati a battersi per fare preda. Per questo è detto che, là dove ci sono grandi ricompense, ci sono uomini valorosi Zhang You, generale cinese della dinastia Sung Le persone nel mondo si dividono in due macro categorie: quelle che pensano che c è scarsità di ricchezza e di risorse e quindi hanno come loro principale soluzione quella di economizzare, tagliare i costi, ridurre le spese, ecc. Ci sono poi quelle che pensano che c è abbondanza di ricchezza e di risorse. Il loro modo principale di agire è quello di investire, di dividere la ricchezza, di incentivare per crearne ancora di più. E questa seconda categoria di persone che è più efficace nell incentivazione ma è anche quella che, statistiche alla mano, si arricchisce più in fretta. Un mio amico imprenditore svedese un giorno mi raccontò che il fondatore di Ikea era una persona che amava l abbondanza. Mi disse che il suo punto di vista principale per quel che riguarda gli affari era il seguente: se qualcuno mi aiuta a guadagnare quello che non sto guadagnando adesso, io posso dargli anche il 50% di tale cifra, se lui mi aiuta a guadagnarla.

3 E come se la tua azienda potesse fatturare un milione di euro in più che adesso non sta fatturando grazie all aiuto di qualcuno e, grazie a questo milione in più, tu arrivassi a guadagnare centomila euro in più di utile lordo. Secondo la teoria del Sig. Ikea, tu potresti dare alla persona che ti aiuta a sviluppare quel milione di euro di fatturato in più, anche euro (la metà di quello che guadagneresti tu) se lui effettivamente ti aiutasse a guadagnarlo. Quello sarebbe il suo incentivo. Partendo dall esempio estremo del Sig. Ikea, un programma di incentivazione potrebbe funzionare come segue: supponiamo che l azienda ora come ora fatturi euro al mese. Tu hai intenzione di incentivare il tuo Responsabile Commerciale. Sai che se l azienda fatturasse 1 milione di euro in più all anno (= euro al mese) tu guadagneresti euro all anno in più di utile lordo (circa 8000 euro al mese). Potresti quindi stabilire un incentivo per il tuo direttore commerciale al raggiungimento dei euro al mese di fatturato (lo fai su base mensile piuttosto che su base annuale in quanto se tu facessi un incentivo su base annuale, in realtà sarebbe troppo spalmato e non sarebbe efficace nel tenere sempre attivo il tuo responsabile. Su base mensile invece fa sì che egli sia sempre attento e concentrato. Se anche facesse un mese non buono, il mese successivo potrebbe tornare subito a guadagnare). Visto che il tuo guadagno mensile al raggiungimento dei euro di fatturato sarebbe di circa 8000 euro in più, potresti mettere come incentivo per il direttore commerciale, una frazione di quegli ottomila euro. A mio avviso potresti dedicare al suo incentivo circa il 25% di quella cifra e comunque quello ti lascerebbe un ampio margine di manovra, ma in alcuni casi dove reputi che sia importante davvero spingere le persone all azione, potresti mettere l incentivo anche al 40% di quello che guadagni in più. Quello che stai facendo in poche parole è: ottenere maggiore ricchezza creata, dividendone una parte con i tuoi collaboratori che ti aiuteranno a raggiungerla. Chiaramente l incentivo dovrebbe essere lordo (se lo mettessi netto, potresti avere la brutta sorpresa di doverlo raddoppiare a seguito di ritenute, ecc). Nel caso in cui per raggiungere i euro fosse importante anche il contributo del responsabile di produzione, potresti invece ricorrere ad uno schema del genere: Obiettivo euro mese. Ogni volta in cui i vengono raggiunti e superati, gli incentivi sono come segue: Responsabile Commerciale 1200 euro lordi Responsabile Produzione 1200 euro lordi Hai speso 2400 euro totali, vale a dire il 30% dei maggiori utili che creeresti raggiungendo tale cifra d affari. Legge 1: Per creare maggiore ricchezza, dividine una parte con le persone che ti aiuteranno a crearla Una domanda che mi sento ripetere quando propongo un sistema del genere è come faccio a pagare l incentivazione alla persona?. Ciò capita soprattutto quando la persona è inquadrata come dipendente. Ti posso assicurare che le soluzioni sono molteplici e comunque nel rispetto della legge. La cosa da fare è far sì che il tuo consulente del lavoro ci studi un po sopra e proponga una soluzione. Sappi che i consulenti del lavoro non proprio bravi generalmente storcono il naso quando gli proponi una cosa del genere. Nel qual caso, sappi che forse non hai il meglio a tua disposizione. Trova un vero consulente che capisca le necessità dell impresa e proponga delle soluzioni.

4 IMPORTANZA DEL CONTROLLO DI GESTIONE PER UNA INCENTIVAZIONE FUNZIONALE Come potrai mai stabilire un incentivazione funzionale se non conosci le esatte marginalità, se non riesci a calcolare che impatto avrebbe un incremento del fatturato sugli utili dell azienda? Incentiveresti alla cieca o, più probabile, non incentiveresti affatto per paura di perdere dei soldi. Per poter incentivare in maniera efficace, devi riuscire ad avere un informazione esatta riguardo a quali sono i maggiori utili che vengono creati grazie all incremento della fatturazione o in alcuni altri casi all ottimizzazione dei costi, ecc. Ci sono comunque altre leggi che regolano un incentivazione efficace. L INCENTIVO E A TEMPO Mi sono reso conto che un incentivo funziona molto meglio se gli si dà una durata temporale ridotta (sei mesi o max un anno), alla scadenza dei quali si può decidere di apportarci delle variazioni o di rinnovarlo. Una delle ragioni per le quali gli imprenditori non mettono in moto un programma incentivante è il fatto che aspettano di aver elaborato il piano di incentivazione perfetto. Questo è uno degli errori più gravi perché se aspetti di avere il programma di incentivi perfetto non incentiverai mai nessuno. Il piano di incentivazione è qualcosa che viene sviluppato e migliorato con il tempo. La prima versione degli incentivi ha qualcosa che funziona bene e una serie di cose che non funzionano. Facendolo a scadenza, avrai modo di vedere dove ha funzionato e dove non ha funzionato. Potrai quindi mantenere quello che funziona ed elaborare diversamente quanto non ha funzionato. Potrai migliorarlo e la seconda versione sarà sicuramente più efficace. E COL TEMPO E CON L ESPERIENZA CHE SI SVILUPPA UN PIANO INCENTIVI PERFETTO. Anche dare l incarico di sviluppare un programma incentivante perfetto a una società di consulenza è un errore. In primo luogo la società di consulenza non conosce così bene la tua azienda e le dinamiche relazionali interne. In secondo luogo, anche se lavora bene, ti fornirà comunque un piano di incentivi che dovrai poi rivedere tra qualche mese. Perché quindi non cominciare a farlo tu? La cosa da fare è invece: a) Conoscere esattamente i tuoi margini: metti in funzione un programma di controllo di gestione b) Elabora un primo piano incentivante usando la legge n. 1: se vuoi guadagnare di più, devi dividere una parte del maggiore guadagno con le persone che ti aiuteranno a guadagnarlo. Fatto questo programma di incentivi, diciamo per sei mesi, avrai modo, già dal quinto mese, di fare il punto della situazione. Vedrai allora se qualcuno ha guadagnato cifre esorbitanti mentre ha fatto poco o niente (succede) oppure se per qualcuno in realtà l incentivo era irraggiungibile e così facendo non ha creato nessuna motivazione aggiuntiva in quanto la persona è diventata apatica al riguardo (obiettivo troppo difficile). Un fattore ulteriore da tenere in considerazione è che un azienda è dinamica (in movimento) piuttosto che statica. Mettiamo che tu incentivi il tuo direttore vendite al raggiungimento dei euro mese di venduto. Se hai fatto bene il piano di incentivi, dopo un po di tempo diventerà normale per l azienda fare i euro/mese. Al che potresti fare un nuovo piano di incentivi che cominci ad incentivare la persona dai euro/mese. A volte ti capiterà di

5 incentivare le persone per sconfiggere un determinato male che affligge l azienda, per esempio potresti incentivare la produzione sui resi dai clienti (per ridurli). Se sei stato bravo a fare il programma incentivante dopo alcuni mesi o forse dopo un anno o più, questo problema sarà stato risolto quasi completamente. L incentivo avrà contribuito a creare un cambiamento culturale nelle persone che lavorano in produzione: loro ora si rendono conto dell importanza di fare un lavoro di qualità che possa soddisfare i clienti. A questo punto potresti passare a incentivarli sul volume della produzione, o mettendo tutti i soldi dell incentivo sul fatturato, oppure lasciandone una parte inferiore sui resi e mettendone una parte più importante sul volume della produzione. In questo modo potrai, un po alla volta, alzare la barra per i tuoi collaboratori rendendoli sempre più capaci e anche un po più ricchi Una nota finale sulla modifica e miglioramento dei piani incentivanti: NON AVERE PAURA E NON PREOCCUPARTI SE I TUOI UOMINI, a seguito dell incentivo, GUADAGNANO TANTO. Non c è niente di sbagliato, anzi deve essere per te un motivo di orgoglio. Il problema sarebbe semmai se loro guadagnassero tanto senza far niente. Se invece, proprio perché hai stabilito degli ottimi incentivi, loro lavorano come pazzi e prendono anche dei grandi premi, non preoccuparti. Ricordati che tu comunque, guadagni sempre molto più di loro. INCENTIVI MENSILI E NON ANNUALI Di norma è meglio che il programma di incentivi funzioni su base mensile piuttosto che su base annuale. In alcuni casi potresti anche farli su base trimestrale ma ritengo che su base mensile siano meglio. In questo modo gli incentivi continueranno a funzionare anche se la persona oggetto dell incentivazione ha avuto due mesi non proprio ottimali. All inizio del mese successivo comunque l incentivazione ripartirà da zero. Se invece, sempre nello stesso caso, gli incentivi funzionassero su base annuale, casomai la persona ora vede il target annuale come irraggiungibile e di conseguenza ci dà su e ti ritrovi con una persona che non ha stimoli per dieci mesi. Altra cosa importante nel fare il programma su base mensile è che la persona può raccogliere i frutti del suo lavoro subito, questo credimi fa miracoli!!! FAR VINCERE LA PERSONA Per far funzionare il programma di incentivazione c è un altra cosa che devi fare oltre ad architettarlo: devi far sì che funzioni. E per far sì che funzioni e che prenda piede, devi aiutare la persona a raggiungere il suo obiettivo. Ho sempre sostenuto che si riconosce un buon direttore vendite da quanta cura e passione ci mette nel far guadagnare i suoi venditori. Egli vuole che questi guadagnino molto. Funziona allo stesso modo con chi ha stabilito un piano di incentivi. Devi spronare la persona affinché raggiunga l obiettivo che gli permetta di guadagnare dei soldi, devi di tanto in tanto fare con lei il punto della situazione e programmare con lei le azioni che deve fare per raggiungere l obiettivo, devi allenarla, devi seguirla. Tutto questo cade sotto l intestazione di mettere in moto il piano incentivante. Il tuo risultato è che i tuoi uomini effettivamente raggiungano l obiettivo e guadagnino di più. Così facendo anche tu guadagnerai tanto.

6 INCENTIVARE LE VENDITE SULLE QUALI L AZIENDA GUADAGNA Alla 3M se un collaboratore ha un idea che fa guadagnare più soldi all azienda, l azienda è disposta a dividere con il collaboratore una parte del guadagno. Ciò arriva fino all estremo di aver reso partecipe degli utili generati la persona che ha inventato il post-it (il foglietto adesivo giallo che tutti noi usiamo in ufficio). Quando hai dei collaboratori validi che hanno dimostrato di saperci fare, nel caso abbiano delle buone idee, devi saper dividere con loro una parte delle ricchezze create. Casomai tu non hai bisogno di tanti soldi, economicamente stai già bene. Per loro invece potrebbero fare la differenza. Guadagnare qualcosa è meglio di risparmiare guadagnando niente. Ricordati il Sig. Ikea: Puoi dare via anche il 50% di quello che non guadagni se qualcuno ti aiuta a guadagnarlo. PIANI INCENTIVANTI PER I COMMERCIALI E norma comune credere che i commerciali non abbiano bisogno di essere incentivati, infatti essi sono già incentivati avendo una provvigione su quello che vendono. E un errore. Le aziende migliori hanno invece una provvigione a scala per i venditori, vale a dire più vendono, più le loro provvigioni aumentano. Piuttosto che dare al venditore il 10% su tutto quello che vende, ho trovato che è molto migliore un programma come segue (i numeri chiaramente vanno adattati alla situazione di ogni azienda): VENDITE PROVVIGIONE % FASCIA BASSA (DA DISINCENTIVARE) % FASCIA MEDIA (quello che fa ora la maggior parte della forza vendita) % FASCIA ALTA (raramente viene fatta) sopra % FASCIA ALTISSIMA (la fa quasi nessuno) In altre parole, più il venditore vende, più i suoi guadagni diventano esorbitanti. Ogni venditore è stimolato a vendere tanto. Nel caso in cui il mese cominciasse con una grande vendita, egli automaticamente si metterebbe in moto e starebbe in moto tutto il mese per cercare di sfondare il tetto dei Nel caso in cui invece le provvigioni fossero tutte uniformate al 10%, dopo aver fatto la grande vendita, probabilmente il venditore si siederebbe soddisfatto per aver già ottenuto un discreto risultato durante il mese. Altro spunto per ciò che concerne le provvigioni ai venditori, è quello di differenziare le provvigioni, tenendole più elevate sui prodotti sui quali l azienda guadagna di più. Se inserisci un nuovo prodotto o servizio in azienda e lo vuoi spingere, la cosa da fare è di dare ai venditori una provvigione più elevata su tale prodotto, di modo che, siano più incentivati a spingerlo. D altro canto, se dal tuo controllo di gestione emergesse che su un prodotto guadagni poco o niente, ti è utile ridurre la provvigione su tale prodotto, di modo che la forza vendita ne spinga un altro sul

7 quale c è maggiore marginalità. Ma nel fare ciò ricordati di una cosa: ogni volta che riduci le provvigioni ai venditori su qualcosa, devi dare qualcosa in cambio, devi aggiungere un altro prodotto sul quale abbiano la possibilità di guadagnare di più, altrimenti otterrai solamente demotivazione e disaccordi (e ricordati che i venditori che hanno disaccordi, dopo sono meno produttivi). COMPENSI DEI TITOLARI O SOCI DELL AZIENDA In alcune piccole medie aziende mi è stata posta la domanda di come stabilire i compensi dei titolari o soci dell azienda. In alcune aziende il titolare si limita a prelevare gli utili a fine anno facendosi pagare nel corso dell anno degli anticipi sull utile, in altre aziende il titolare è anche inquadrato come dipendente e percepisce uno stipendio, in altre ancora ha un contratto di collaborazione, insomma ci sono vari sistemi in uso. Questi sistemi diventano più complessi da mettere in funzione nel momento in cui in azienda esistono più soci o nel momento in cui vengono coinvolte all interno della società più persone. Diventa poi enormemente complesso quando in un azienda a gestione famigliare i figli o i parenti del titolari lavorano in azienda. Non è raro trovare casi, soprattutto in aziende che hanno crisi di liquidità, nei quali i soci prelevano denaro quando gli serve e non esiste un sistema funzionale per compensare i soci o titolari. Ciò è comprensibile in quanto l azienda non ha liquidità ma nel contempo corre il rischio di diventare una trappola: non è facendo morire di fame il socio dell azienda che lo renderemo motivato per rilanciarla o farla crescere. Per determinare i compensi dei soci o dei titolari bisogna partire da un dato di fatto: il ruolo di socio è diverso dal ruolo operativo che il socio svolge in azienda. Il ruolo di socio viene remunerato una volta all anno con il dividendo (che è l utile netto che gli spetta in base alle quote aziendali che detiene), il ruolo operativo invece deve essere oggetto di una remunerazione differente. Quindi i soci operativi dell azienda (non quelli che si limitano a possedere una parte del suo capitale senza lavorarci) avranno due tipi di remunerazione: una come socio dopo che il bilancio è stato chiuso e le tasse pagate e una che percepiranno mensilmente per il ruolo operativo che svolgono. Ho trovato questo sistema funzionale a prescindere se l azienda di cui stiamo parlando sia una SAS, una SNC, una SRL o SPA. Se lui svolge un ruolo in azienda, viene pagato (e incentivato) per quel ruolo. Poi a fine anno percepisce anche gli utili che gli spettano. Nella maggior parte delle PMI, il socio svolgerà un ruolo dirigenziale o quasi. Ho trovato poco funzionale dargli un compenso fisso. Questo fa sì che egli non sia incentivato e apre la porta al rischio che egli possa sedersi e non rendere al meglio. Il compenso di un socio operativo per il suo lavoro in azienda dovrebbe essere un compenso più che altro basato sul variabile: una percentuale degli incassi o una percentuale delle vendite o una percentuale dell utile lordo. Questa dovrebbe essere stabilita tenendo a mente le due regole fondamentali del processo di incentivazione: a) puoi dar via anche il 50% di quello che non stai guadagnando ora se qualcuno ti aiuta a guadagnarlo e b) assicurati che con i soldi che spendi stai comprando qualcosa di maggior valore, un incremento delle vendite, un incremento della marginalità, maggiori incassi, ecc. Anche il compenso legato al variabile del socio operativo dovrebbe essere rivisto su base annuale per rinnovarlo o adeguarlo alla crescita dell azienda. Faccio un esempio pratico: all inizio della Mind Consulting il mio compenso lordo per il ruolo di direttore tecnico era il 4% del fatturato. Se quello stesso compenso non fosse mai stato cambiato per adeguarlo alla crescita dell azienda, oggi percepirei più di 40,000 euro lordi al mese solamente di compensi. Va bene che sono bravo ma forse starei costando un po troppo alla mia azienda. In realtà questo compenso con il tempo è stato adeguato o migliorato, a volte anche semplicemente rinnovato, così che io fossi sempre incentivato a rendere il massimo e a fare la mia parte per far crescere l azienda.

8 A volte il solo fatto di rendere variabili, almeno in parte, i compensi dei responsabili più elevati dell azienda può fare molto per incrementare la produttività e la marginalità dell azienda stessa. DISACCORDI TRA I SOCI Questo paragrafo forse c entra poco con il controllo di gestione o l incentivazione ma vista la sua importanza ho voluto comunque aggiungerlo. Alle volte troverai aziende che hanno al loro vertice dei soci che sono in disaccordo tra di loro, il loro rapporto è gradualmente peggiorato fino a diventare freddo o in alcuni casi addirittura rovente. Quelle sono situazioni che vanno affrontate e gestite soprattutto quando non esiste un socio dominante che grazie al suo carisma o grazie al maggior numero di quote possedute possa detenere un po più di autorità. I disaccordi al vertice dell azienda possono frenare l azienda e generare il suo declino. Quando ho incontrato queste situazioni ho trovato di grande utilità il capitolo Prima cerca di capire e poi di farti capire dal libro Le Sette Regole del Successo di Stephen Covey (Franco Angeli Editore). Se sei un consulente, leggilo e poi fai sì che venga applicato tra i due soci, nel caso in cui tu sia uno dei due soci coinvolto in tale situazione, applicando quanto hai letto in quel capitolo puoi sperare di fare dei passi avanti nella risoluzione di tale situazione. Risolverla è importante. Se non si risolve, prima o poi causerà dei seri problemi. PAGARE I COMMERCIALI SULL INCASSATO E NON SUL FATTURATO A volte incontro aziende che pagano i commerciali con una percentuale sul fatturato e che poi si lamentano perché hanno dei seri problemi di recupero crediti. Se devo essere sincero non conosco con esattezza tutte le clausole del contratto di agenzia, ma devo dirti che quando un azienda paga i suoi agenti sul fatturato, apre la porta a seri problemi con gli incassi. Gli agenti dovrebbero essere pagati sull incassato e non sul fatturato, in questo modo diventeranno responsabili per far sì che il cliente riceva un ottimo prodotto o servizio e paghi le fatture. PRIORITA DI INCENTIVAZIONE Sicuramente anche l incentivazione ha le sue priorità. Sarebbe stupido avere un programma di incentivi per l amministrazione mentre non ne hai nessuno per i commerciali. Mentre sono un accanito sostenitore del fatto che tutti in azienda dovrebbero avere degli incentivi, ritengo anche che dovresti cominciare dall incentivare le persone che creano più denaro o valore per l azienda. Aspettare di avere un piano incentivi per tutti prima di metterne in funzione uno è un errore madornale. Incentiva sul valore prodotto, incentiva il prima possibile, cerca di incentivare più persone possibili. Non cercare di incentivare tutta l azienda allo stesso modo (destinare una parte dell utile da dividersi equamente tra i collaboratori a fine anno è una cosa positiva ma ha valore ZERO dal punto di vista dell incentivazione. Infatti la persona difficilmente saprà mettere in relazione quello che fa in un dato giorno con la sua possibilità di guadagnare di più. Nella maggior parte dei casi quello che succede è che a fine anno la persona si prende la sua parte di utili, ma durante l anno non è mai stata davvero coinvolta o almeno così è come funziona il più delle volte). Parti assicurandoti di incentivare i dirigenti più elevati dell azienda (nella maggior parte dei casi sono loro quelli che possono fare la maggiore differenza). Assieme a loro o subito dopo incentiva anche i commerciali o le persone addette alle vendite nel caso di grandi magazzini o negozi (sono loro che portano il denaro), poi incentiva anche i tecnici di produzione (loro possono farti

9 guadagnare tanto facendoti risparmiare, lavorando di più, convincendo clienti a fare ulteriori ordini, collaborando con il commerciale), incentiva anche le persone in amministrazione sugli incassi o sul recupero dei crediti, incentiva anche l ufficio acquisti se ce l hai. Un imprenditore potrebbe domandarsi: ma se incentivo tutti, quanto mi costa???? Domanda sbagliata!!! Se incentivi tutti seguendo le regole dell incentivazione guadagnerai un sacco di soldi e avrai un azienda piena di gente carica e coinvolta. Quello che ti costa è NON AVERE UN PROGRAMMA DI INCENTIVI. E non avere liquidità o non fare innovazione o non fare vendite perché non coinvolgi i tuoi collaboratori nel guadagno. ESEMPI DI INCENTIVAZIONE Nelle pagine che seguono riporterò semplici esempi di incentivazione possibile per le varie figure professionali presenti in un azienda (sono aperto a qualsiasi suggerimento ulteriore o a qualsiasi contributo da parte del lettore nel caso in cui mancassero alcune figure professionali). Mi limiterò a citare solamente le figure professionali più ricorrenti. DIRIGENTI (O RESPONSABILI) ELEVATI DELL AZIENDA - Fisso mensile basso e alto variabile. Il variabile dovrebbe essere legato all incremento dell utile lordo o al valore dell utile lordo, oppure potrebbe essere una percentuale dell incassato o ancora un programma a fasce di questo tipo (ipotizzando tre dirigenti di alto livello in un azienda che mediamente incassa circa euro al mese) basato sull incassato: INCASSATO DEL MESE PERCENTUALE DA DESTINARSI AL COMPENSO DEL DIRIGENTE euro 0% (prendono solo il fisso). Ovviamente questa prima fascia sarebbe una fascia che l azienda raggiunge normalmente, qualcosa che se fosse raggiunta, sarebbe quasi una delusione euro fisso + 1% dell incassato Questa seconda fascia sarebbe un risultato positivo, un risultato di cui essere contenti, una fascia nella quale ci piacerebbe essere, non certo una fascia nella quale perdiamo soldi euro fisso + 1,5% dell incassato Questa sarebbe una fascia estremamente desiderabile per l azienda, si fanno grandi utili Sopra euro fisso + 2% dell incassato Sopra 350 mila euro l azienda fa utili importanti. Vediamo ora che il dirigente sicuramente lavorerà sempre per fare oltre i euro (e questo farà sì che l azienda si stabilisca come minimo a quel livello). Ma soprattutto farà sì che i dirigenti lavorino assieme per superare il muro dei euro in quanto superando quel livello prendono 4500 euro di premi o compensi ciascuno. Ovviamente, dovessero fare 340,000 euro l azienda

10 dovrebbe pagare circa 14,000 euro di compensi extra. Ma quanto guadagnerebbe l azienda in quel caso? Chiaramente tutte le cifre e percentuali di cui sopra sono relative. Molto dipende dal giro d affari dell azienda, da quanto guadagna sui vari prodotti. Quello che sto cercando di rendere qui è che usando bene l incentivazione possiamo spingere le persone a dare davvero il massimo. DIRETTORE O RESPONSABILE VENDITE PRESO SINGOLARMENTE: Si potrebbe stabilire per lui un programma a fasce sull incassato dell azienda, oppure stabilire per lui una percentuale sul fatturato o addirittura percentuali diverse a seconda dei prodotti trattati dall azienda (gli lasciamo una percentuale più elevata sui prodotti sui quali l azienda guadagna di più, di modo che egli possa spingere i suoi venditori a vendere più che altro quelli) DIRETTORE O RESPONSABILE DI PRODUZIONE PRESO SINGOLARMENTE: Generalmente il direttore di produzione viene incentivato con una percentuale sul fatturato dell azienda (quindi pagabile sull incassato, di modo che anch egli si assicuri che i clienti paghino). Potrebbe anche essere incentivato con una percentuale sull utile lordo di modo che si assicuri che il lavoro venga svolto tenendo a mente la marginalità, oppure ancora dandogli una frazione della marginalità delle singole commesse (un mio cliente che lavora nel settore edile, paga ai suoi responsabili delle commesse un fisso mensile e una percentuale della marginalità finale della commessa, di modo che questi portino avanti le commesse nel modo più economico possibile). DIRETTORE O RESPONSABILE AMMINISTRATIVO Questa figura è generalmente pagata con un fisso mensile e incentivata con una piccola percentuale sugli incassi dell azienda. Ciò farà sì che egli si dia da fare per assicurarsi che tutto il denaro dovuto all azienda sia prontamente incassato. VENDITORI O COMMERCIALI Se sono agenti, fare un programma provvigionale a fasce, più alto è l incassato che sviluppano, maggiore è la percentuale che percepiscono. Se sono commessi o addetti o funzionari commerciali, stabilire un fisso mensile minimo e percentuali crescenti o premi crescenti a seconda del volume di vendita che sviluppano. IMPIEGATI AMMINISTRATIVI Gli impiegati amministrativi hanno funzioni diverse tra di loro soprattutto quando l azienda cresce e i loro ruoli iniziano ad essere sempre più specializzati (addetto alla fatturazione, addetto alla contabilità, ecc). Nella PMI comunque il lavoro principale dell amministrativo verte sulla fatturazione, emissione di ricevute bancarie ed incassi. E giusto a mio avviso incentivare queste figure (o perlomeno quelle che sono addette alla fatturazione e incassi) sul recupero crediti devolvendo una percentuale degli incassi a questo scopo. In alcune aziende è in vigore un sistema tramite il quale l intero ufficio amministrativo è incentivato con una percentuale dell incassato che viene divisa tra le persone che lo compongono, tenendo conto della loro relativa importanza. Per esempio:

11 VOLUME DEGLI INCASSI MENSILI % DEGLI STESSI DEVOLUTA ALL INCENTIVAZIONE % % % Questa percentuale viene poi divisa come segue: Responsabile amministrativo 40% Impiegata A addetta al recupero crediti 20% Impiegata B addetta al recupero crediti 20% Impiegata fornitori 10% Receptionist 10% Facendo euro di incassato, il responsabile amministrativo avrebbe 1000 euro lordi, le impiegate A e B 500 euro cadauna e le altre due persone 250 euro lordi cadauna, ti assicuro che correranno per fare quella cifra, sto mese le fatture e le riba verranno emesse per tempo e tu, non ti dovrai preoccupare di stargli addosso perché lo facciano ---- In altri casi ho trovato che gli impiegati addetti ai fornitori venivano incentivati con una frazione del valore di quello che riuscivano a risparmiare su bollette, ecc, però non so esprimermi riguardo alla funzionalità e praticità di un sistema del genere (è difficile starci dietro). TECNICI DI PRODUZIONE ESTERNI I tecnici di produzione esterni (tecnici addetti alla manutenzione o all installazione, in poche parole tutti i tecnici che svolgono attività presso il cliente) dovrebbero essere incentivati singolarmente sul volume del fatturato mensile che riescono a svolgere, facendo per loro un programma a fasce che riconosca per loro una somma in premio a seconda della fascia di produzione raggiunta nel mese. Ovviamente una produzione insufficiente dovrebbe dare zero come incentivo, una produzione soddisfacente (ma non sempre raggiunta) dovrebbe garantire il primo incentivo, una produzione ottima avere un incentivo ancora migliore. Generalmente piuttosto che una percentuale del fatturato, metterei per loro un premio in denaro a seconda della fascia di produzione raggiunta nel mese (per esempio da 0 a niente premio da a centocinquanta euro lordi, da 20 a cinquecento euro lordi, ecc). Inoltre spesso ho trovato che i tecnici esterni possono giocare un ruolo importante nel far sì che il cliente faccia ulteriori acquisti di assistenza o di prodotti. In alcune aziende l imprenditore ha stabilito, dopo essersi messo d accordo con i commerciali dell azienda, che nel caso in cui il tecnico di produzione preparasse un cliente all acquisto successivo e facesse l opportuna segnalazione al commerciale, una frazione della provvigione del venditore sarebbe andata al tecnico commerciale. I venditori generalmente sono contenti di questa operazione in quanto anche loro sanno che spesso il

12 cliente accetta o vede di buon grado i consigli del tecnico che viene considerato un vero e proprio esperto, ma nel contempo anche i tecnici sono ben contenti di agire in quella direzione. In alcune aziende questa procedura ha permesso anche all azienda di rendersi conto di avere tra i suoi tecnici degli individui che in realtà nel commerciale avrebbero fatto faville. Ho notato che in questi casi serve lasciare una percentuale che va dal 20 al 30% della provvigione spettante al venditore per mettere in moto i tecnici. OPERAI Gli operai possono essere incentivati sia sulla qualità (sul numero di resi o di scarti) che sulla marginalità (facendo sì che si concentrino su produrre nel modo più economico possibile) che sulla quantità (volume sviluppato). Le mie esperienze di incentivazione sugli operai sono in quest ultima area, la quantità. In alcune aziende l operaio produce direttamente un pezzo che andrà dal cliente, in altri casi è una squadra di operai che contribuisce a produrre il pezzo o i prodotti che andranno dal cliente. Questa squadra (alla quale potrebbero essere aggiunte le persone di supporto, esempio magazzinieri, ecc), dovrebbe essere incentivata con un sistema a fasce che potrebbe prevedere fasce mensili di produttività (valore del fatturato prodotto dal singolo operaio o dalla squadra) o numeriche (numero di pezzi di qualità prodotti, gli scarti o quelli che non passano il controllo qualità non si contano). Al raggiungimento di ogni fascia di produzione dovrebbe essere legata una somma che è il premio corrisposto. Il mio collega Flavio Cabrini ha sperimentato con successo una divisione a fasce del genere per gli operai: a) Sufficiente (la produzione che mediamente stiamo ottenendo ora): no premio b) Buono c) Ottimo d) Eccellente Stabilendo premi crescenti mensili per la fascia di produzione raggiunta, l operaio viene incentivato a fare di più e inizia soprattutto a rendersi conto del proprio concetto di produttività. Un discorso a parte potrebbe essere fatto per aziende che abbiano un gran numero di magazzinieri o debbano gestire magazzini di materie prime o semi lavorati importanti. Tali magazzinieri potrebbero essere incentivati per esempio sul valore delle perdite di magazzino, stabilendo con loro delle fasce che potrebbero partire dal valore ottenuto l anno scorso (= niente incentivo) e prevedere degli incentivi man mano che questo valore cala. Non so quanto un sistema del genere possa essere applicabile, mi limito a dire che una volta compresi i principi che regolano l incentivazione, stabilire un piano incentivante dovrebbe essere facile per chi si concentri sul problema con un po di creatività ed ingegno. NOTE IMPORTANTI SUI PIANI INCENTIVI Riassumo qui alcune note importanti sui piani incentivanti di modo che l imprenditore o il responsabile che volesse dare avvio a un piano di incentivi non cada in nessuna di queste trappole (fanno sì che il programma incentivante perda molto del suo appeal):

13 1) Prima di mettere in funzione l incentivazione economica, deve essere presente, in una certa misura l incentivazione soft: le persone devono sentire che il clima in azienda è buono, che quanto fanno bene viene riconosciuto (dai apprezzamenti ed elogi, sorprendi le persone mentre fanno qualcosa di giusto, utilizza la causatività), che l azienda li coinvolge e non viene deciso tutto in direzione e che c è interesse per loro come persone. In poche parole dobbiamo preparare il terreno all incentivazione, altrimenti questa verrà rifiutata. 2) Non cercare di incentivare tutti subito. Faresti un pessimo lavoro. Inizia ad incentivare le figure più importanti (quelle che creano i soldi per l azienda): generalmente dirigenti e commerciali, seguiti a ruota dagli uomini di produzione. Se cerchi di incentivare tutti subito e in un sol colpo ti troverai su numerosi fronti tutti assieme e gli incentivi non prenderanno piede. Mettere in funzione gli incentivi è come piantare un albero. Non basta fare una buca e mettervelo dentro. Devi seguirlo, innaffiarlo, assicurarti che attecchisca. Fatto ciò puoi piantarne un altro. 3) L incentivo o il sistema incentivante funziona molto meglio quanto è calcolato e pagato su base mensile o massimo trimestrale. L incentivo annuale perde molto del suo appeal (il premio è troppo lontano dallo sforzo) e generalmente non funziona o ha una funzionalità limitata. 4) L incentivo o sistema incentivante all inizio non è perfetto. Aspettare di metterne in funzione uno fino a che non sia perfetto è un grave errore. Una volta che hai i dati del controllo di gestione ci dovrebbe volere al massimo una mezz ora per sviluppare un piano incentivante e metterlo in funzione. Dagli una durata di tempo limitata all inizio (validità 6 mesi) per poi migliorarlo e lanciarne una seconda versione migliorata. 5) L incentivo dovrebbe essere facilmente comprensibile ed IMMEDIATO, in altre parole chi è oggetto dell incentivo dovrebbe capire facilmente CHE COSA PUO FARE PER GUADAGNARE DI PIU!!! Se l incentivo è troppo elaborato generalmente le persone non si danno da fare per raggiungerlo. Un esempio di incentivo troppo elaborato sarebbe incentivare gli operai con una frazione dell utile lordo da dividersi tra tutti. Questo fa sì che l operaio veda se stesso troppo distante dalle attività che determinano il valore in denaro del suo premio e, nella maggior parte dei casi, limiti dunque il suo impegno. Infatti come può egli influire sulle spese generali dell azienda che nella maggior parte dei casi vengono decise da altre persone? Come può egli influire sulla marginalità dei contratti di vendita? Un incentivo del genere provocherà unicamente il fatto che egli si impegni relativamente in un contenimento degli sprechi, non ci porterà affatto a far sì che egli scateni il suo potenziale. Molto meglio incentivarlo sul numero dei pezzi prodotti o sul costo per l azienda dei pezzi da lui prodotti, qualcosa insomma di immediato che lo coinvolga da subito in attività migliori. 6) La presentazione di un piano incentivi è una vera e propria attività di vendita. Mandare il piano di incentivi per fa sì che esso perda la maggior parte del suo fascino. Segui la procedura descritta nella sezione che segue (PRESENTARE IL PIANO INCENTIVI). 7) Non cambiare gli incentivi prima della scadenza stabilita perché qualcuno guadagna troppo. Ricordati che se lui guadagna tanto, tu guadagni ancora di più. La distruttività di una tale azione per la motivazione di tutti e anche per la tua immagine nei confronti dei tuoi collaboratori è così grande che dovresti pensarci bene prima di intraprendere una mossa del genere. Aspetta la scadenza naturale del piano incentivi e poi facci le modifiche necessarie, ma nel farle ricordati la mentalità dell abbondanza e quello che diceva il Sig Ikea: puoi dare via anche il 50% di quello che non stai guadagnando, se qualcuno ti aiuta a guadagnare quei soldi. 8) Non farti frenare dal pensiero Ma chi li farà tutti questi calcoli per calcolare i premi?. Nella nostra azienda che ha 140 persone, una persona calcola tutti gli incentivi in sette giorni al mese. Quei sette giorni di lavoro stipendiato in più, ce li ripaghiamo alla grande con una forza lavoro carica, motivata e soprattutto orgogliosa di essere parte della nostra azienda.

14 9) Ricordati che dopo che hai messo in funzione gli incentivi, devi assicurarti che le persone giochino il gioco e effettivamente raggiungano le fasce di produzione o gli obiettivi che le porteranno a guadagnare di più. Usa gli incentivi come strumenti, fornisci classifiche aggiornate, ogni tanto fermati a fare il punto della situazione con i tuoi collaboratori e dai loro consigli su come fare a raggiungere i risultati premianti. Ricordati che tu sei il loro allenatore, il loro coach. PRESENTARE IL PIANO INCENTIVI La presentazione di un piano incentivi è una vera e propria vendita. In poche parole stai andando dai tuoi clienti interni a comprare maggiore dedizione, maggiore impegno, maggiore orientamento ai risultati in cambio di un ritorno economico migliore per loro (e anche per l azienda). Come ognuno di noi ormai sa bene, qualsiasi prodotto, anche il migliore, se presentato male potrebbe essere percepito male o non destare entusiasmo presso il cliente. Lo stesso vale per gli incentivi. Quando li si presenta bisognerebbe far presente che l azienda ha a cuore il guadagno dei suoi collaboratori e il fatto che l azienda o l imprenditore vuole che i suoi collaboratori guadagnino bene e che per questa ragione ha deciso di stabilire un piano di incentivi. Bisognerebbe spiegare per bene come funziona il piano, elencando quali sono le azioni differenti che dovrebbero fare le persone al fine di raggiungere l obiettivo (una sorta di mini formazione) e illustrando anche alcune casistiche ed esempi pratici che mostrino come, con un poco di impegno in più il collaboratore possa guadagnare più soldi. Far vedere degli esempi di quanto un collaboratore potrebbe guadagnare così da stuzzicare l appetito dei suoi uomini. Bisognerebbe poi far sì che ogni collaboratore facesse un piano per come farà a raggiungere l incentivo nel corso del mese entrante. A questa presentazione, tutta fatta con stile positivo, dovrebbero seguire nei giorni e nelle settimane successive delle azioni da parte del responsabile di queste persone per far sì che esse rimangano sul piano, per far sì che rimangano in corsa per l incentivo e che effettivamente porti diversi collaboratori a raggiungerlo. Nel momento in cui una serie di collaboratori lo raggiunge per la prima volta, il gioco è fatto. Da lì in poi il meccanismo si è innestato. Ricordatelo: architettare e presentare l incentivo è solamente una parte del lavoro. La parte successiva è far sì che diverse persone lo raggiungano. L INCENTIVAZIONE DI PERMETTE DI CAMBIARE LA CULTURA AZIENDALE L incentivazione è uno strumento poderoso per cambiare la cultura e i valori dell azienda e renderli più consoni alle necessità del mercato o a quello che la sua leadership vuole realizzare. L incentivazione permette di far attecchire nella popolazione aziendale valori come la qualità, l attenzione al cliente, l orientamento alla vendita, la riduzione degli sprechi. Osservando i piani di incentivazione in uso in un azienda si può capire molto di quell azienda e dei suoi valori. Gli incentivi in uso infatti ti dicono quali sono i comportamenti che l azienda premia, quali sono gli ideali che quell azienda si prefigge di realizzare e, dove non ce ne sono, capisci pure la loro mancanza o perlomeno una mancanza di attenzione da parte dei vertici dell azienda per il benessere delle persone che la compongono.

15 Nella vita puoi avere quello che vuoi, se solo aiuti abbastanza altre persone ad avere quello che vogliono - Zig Ziglar

7 errori che distruggono le tue vendite in fiera

7 errori che distruggono le tue vendite in fiera 7 errori che distruggono le tue vendite in fiera INTRO: Ciao, mi chiamo Giampaolo Formica e sono uno specialista nella progettazione e realizzazione di stand fieristici per le PMI italiane. Probabilmente

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi.

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. "Successo senza paura nel lavoro e nella vita" di Geshe Michael Roach Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. Note

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Qual è lo scopo del colloquio di selezione? Lo scopo del colloquio di selezione è: CAPIRE L INVESTIMENTO CHE DOVREMO FARE SULLA PERSONA IN

Dettagli

Vuoi Essere Padrone della tua vita?

Vuoi Essere Padrone della tua vita? Vuoi Essere Padrone della tua vita? Ti servono 3 cose! Caro Amico/a, con queste pagine vorrei condividere con te un sistema semplice per tutti, per poter diventare padrone della propria vita! Vuoi diventare

Dettagli

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE EPOCH BUSINESS ANALYSIS Azienda: Indirizzo: Nome Persona: Mansione: Telefono: E Mail: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE ISTRUZIONI: Questa è un analisi del potenziale

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti?

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti? - Fermati un Momento a Riflettere sulla Direzione in cui stai Procedendo e Chiediti se proprio in quella Vuoi Andare. Se la tua Risposta è Negativa, Ti Propongo di Cambiare. - Se Fossi Sicuro di non poter

Dettagli

GIACOMO BRUNO NETWORK MARKETING 3X PARTE 1

GIACOMO BRUNO NETWORK MARKETING 3X PARTE 1 GIACOMO BRUNO NETWORK MARKETING 3X PARTE 1 I 18 Segreti per Avere Successo nel Multi-Level Marketing 2 Titolo NETWORK MARKETING 3X Autore Giacomo Bruno Editore Bruno Editore Sito internet http://www.brunoeditore.it

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it

MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1) Qual è la prima cosa che un imprenditore o responsabile dovrebbe fare per far sì che i propri uomini

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI Scopri i Segreti della Professione più richiesta in Italia nei prossimi anni. www.tagliabollette.com Complimenti! Se stai leggendo questo

Dettagli

L ETICA DELL ECCELLENZA

L ETICA DELL ECCELLENZA INTRODUZIONE Nel gestire le nostre organizzazioni e nel costruire le nostre carriere abbiamo bisogno di principi che trascendano il tempo. Abbiamo bisogno di standard elevati l'etica dell'eccellenza. Price

Dettagli

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere!

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! Luca d Alessandro COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO L INVESTIMENTO IMMOBILIARE ----------- O ----------- Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! 2 Titolo COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO

Dettagli

presenta: By: Centro Informazioni

presenta: By: Centro Informazioni presenta: By: Centro Informazioni Sito Internet: http://www.centroinformazioni.net Portale: http://www.serviziebay.com Blog: http://www.guadagnare-da-casa.blogspot.com/ Email: supporto@centroinformazioni.net

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

2OTT. Sogni e obiettivi: intervista a Silvia Minguzzi

2OTT. Sogni e obiettivi: intervista a Silvia Minguzzi Sogni e obiettivi: intervista a Silvia Minguzzi 2OTT Silvia Minguzzi Silvia Minguzzi si occupa professionalmente di formazione, coaching e crescita personale (vedi sito). Come spettatrice segue assiduamente

Dettagli

Sponsorizzazione. Puoi distribuire liberamente questo PDF al Tuo Team e alla Tua Downline se ritieni utile queste informazioni senza modificarlo.

Sponsorizzazione. Puoi distribuire liberamente questo PDF al Tuo Team e alla Tua Downline se ritieni utile queste informazioni senza modificarlo. Sponsorizzazione Magica www.sponsorizzazionemagica.com Bonus Speciale Obiezioni: Come Gestire FACILMENTE le obiezioni dei Tuoi Contatti Puoi distribuire liberamente questo PDF al Tuo Team e alla Tua Downline

Dettagli

A) Accenni al fatto che avete frequentato la stessa Università, subito, mentre vi presentate

A) Accenni al fatto che avete frequentato la stessa Università, subito, mentre vi presentate Rispondi al questionario per scoprire quanto sei incisivo nella PERSUASIONE! Per te 10 domande selezionate dal Prof. Robert Cialdini, cattedra di Psicologia e Marketing presso l Università dell Arizona,

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG

Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG Report tratto da: Fare Soldi Online con Blog e MiniSiti Puoi distribuire gratuitamente questo ebook a chiunque. Puoi inserire i tuoi link affiliato. I segreti dei Blog

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 3 Fino ad ora abbiamo lavorato sulla consapevolezza, identificando le 4 chiavi che ci servono per aver successo nel nostro

Dettagli

Le 7 Leggi della Ricchezza

Le 7 Leggi della Ricchezza Maurizio Fiammetta Le 7 Leggi della Ricchezza Un percorso in sette tappe per realizzare nella propria vita gli eterni principi per il tuo benessere mentale, materiale e spirituale 7 DISPENSA CORSO ON LINE

Dettagli

Giacomo Bruno RENDITE DA 32.400 AL MESE!

Giacomo Bruno RENDITE DA 32.400 AL MESE! Giacomo Bruno RENDITE DA 32.400 AL MESE! Report collegato a: FARE SOLDI ONLINE CON GOOGLE Il programma per inserire annunci pubblicitari su Google - Mini Ebook Gratuito - INVIALO GRATIS A TUTTI I TUOI

Dettagli

Stai per cambiare l Auto? Allora devi tenere in Considerazione Il Sistema che reputo essere il Migliore in Assoluto

Stai per cambiare l Auto? Allora devi tenere in Considerazione Il Sistema che reputo essere il Migliore in Assoluto Stai per cambiare l Auto? Allora devi tenere in Considerazione Il Sistema che reputo essere il Migliore in Assoluto Valore Toyota Roberto Parolin Consulente alle Vendite - Concessionaria AUTO DUE S.r.l.

Dettagli

Rendite da 32.400 al mese!

Rendite da 32.400 al mese! Giacomo Bruno Rendite da 32.400 al mese! NOTA: puoi ripubblicare gratis questo ebook sul tuo sito o blog, a patto di non modificare il testo, nè l'autore. Mandalo gratis ai tuoi amici. Puoi modificare

Dettagli

''Come Vendere ai tuoi Contatti''

''Come Vendere ai tuoi Contatti'' ''Come Vendere ai tuoi Contatti'' @ Secondo Reporter: Che cosa devi fare perche i tuoi contatti comprino quello che tu vendi? Ciao sono GIUSEPPE ANGIOLETTI e sono il creatore di COME GUADAGNARE CON 7EURO

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Copyright NEWONE Global www.newoneglobal.net Pag. 1

Copyright NEWONE Global www.newoneglobal.net Pag. 1 Copyright NEWONE Global www.newoneglobal.net Pag. 1 Il Network Marketing di nuova generazione Come utilizzare il Network Marketing risolvendo alla base i 4 problemi di ogni attività di network (costruzione

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

Primi Passi Guadagno

Primi Passi Guadagno Primi Passi Guadagno Online Questo è un report gratuito. E possibile la sua distribuzione, senza alterare i contenuti, gratuitamente. E vietata la vendita INTRODUZIONE Mai come in questo periodo è scoppiato

Dettagli

Importante! Questo documento rappresenta solo le prime 3 sezione. del Corso : Lavoro Dei Sogni

Importante! Questo documento rappresenta solo le prime 3 sezione. del Corso : Lavoro Dei Sogni Importante! Questo documento rappresenta solo le prime 3 sezione del Corso : Lavoro Dei Sogni Indice: INTRODUZIONE I 3Segreti Per Creare Un Business Online Di Successo Definisci Il Tuo Business Obiettivo

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

GUIDA PER DIVENTARE IMPRENDITORE NEL NETWORK MARKETING PERCHE IL NETWORK MARKETING E LA SCELTA MIGLIORE PER DIVENTARE IMPRENDITORI

GUIDA PER DIVENTARE IMPRENDITORE NEL NETWORK MARKETING PERCHE IL NETWORK MARKETING E LA SCELTA MIGLIORE PER DIVENTARE IMPRENDITORI GUIDA PER DIVENTARE IMPRENDITORE NEL NETWORK MARKETING PERCHE IL NETWORK MARKETING E LA SCELTA MIGLIORE PER DIVENTARE IMPRENDITORI http://www.creatoridibusiness.net Ciao e grazie per aver scaricato questo

Dettagli

CREA LA SFIDA DEL TUO FUTURO PROFESSIONALE

CREA LA SFIDA DEL TUO FUTURO PROFESSIONALE www.certificatocasa.it GUIDA PRONTA ALL USO PER NEO LAUREATI Tutti i diritti riservati 1 La professione del Progettista è cambiata, l'approccio tecnico va combinato con un modo di presentare le soluzioni

Dettagli

DA IPSOA LA SOLUZIONE PER COSTRUIRE E GESTIRE IL SITO DELLO STUDIO PROFESSIONALE!

DA IPSOA LA SOLUZIONE PER COSTRUIRE E GESTIRE IL SITO DELLO STUDIO PROFESSIONALE! DA IPSOA LA SOLUZIONE PER COSTRUIRE E GESTIRE IL SITO DELLO STUDIO PROFESSIONALE! 1 Web Site Story Scoprite insieme alla Dott.ssa Federica Bianchi e al Dott. Mario Rossi i vantaggi del sito internet del

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

Pochi minuti possono cambiare la tua vita

Pochi minuti possono cambiare la tua vita Pochi minuti possono cambiare la tua vita Caro amico/cara amica, i pochi minuti spesi per la lettura di questa presentazione saranno quelli spesi meglio in tutta la tua vita! Lo so che questa affermazione

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

SpeedWealth T.Harv Eker

SpeedWealth T.Harv Eker Appunti del libro: SpeedWealth T.Harv Eker Solo il succo dei bestseller del marketing mondiale in Italiano Francesco Diolosà Luca Datteo www.alchimiadigitale.com Principio: La saggezza popolare non funziona,

Dettagli

Cos è il Marketing del consiglio?

Cos è il Marketing del consiglio? Cos è il Marketing del consiglio? Il Marketing del consiglio è uno dei metodi di commercializzazione dei prodotti con la crescita più rapida e peggio compresi al giorno d oggi. Marketing significa semplicemente

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

Anche Lenza, come Grosso, è un grande appassionato di Finanza Derivata e tempo fa è venuto a sapere della sua intenzione di ampliare il business

Anche Lenza, come Grosso, è un grande appassionato di Finanza Derivata e tempo fa è venuto a sapere della sua intenzione di ampliare il business SW2 - Le Controparti nello Swap Anche Lenza, come Grosso, è un grande appassionato di Finanza Derivata e tempo fa è venuto a sapere della sua intenzione di ampliare il business Come certamente ricorderete,

Dettagli

ATTENZIONE! SE VUOI CONTINUARE A BUTTARE INUTILMENTE I TUOI SOLDI NELLE BOLLETTE DI LUCE, ACQUA E GAS, NON LEGGERE QUESTA LETTERA

ATTENZIONE! SE VUOI CONTINUARE A BUTTARE INUTILMENTE I TUOI SOLDI NELLE BOLLETTE DI LUCE, ACQUA E GAS, NON LEGGERE QUESTA LETTERA ATTENZIONE! SE VUOI CONTINUARE A BUTTARE INUTILMENTE I TUOI SOLDI NELLE BOLLETTE DI LUCE, ACQUA E GAS, NON LEGGERE QUESTA LETTERA Ecco come un esperto termoidraulico con oltre 30 anni di esperienza ti

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Rilancia la tua azienda

Rilancia la tua azienda Gli specialisti delle strategie di vendita per le PMI Rilancia la tua azienda Con le 12 Fasi del sistema di vendita 1 st Class Selling http://www.1stclassselling.com/ Premessa Se stai leggendo questo report

Dettagli

CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE?

CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE? CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE? Se metti in soldi in banca che tasso di interesse ti danno? Il 2% forse. Se compri obbligazioni quale rendimento ti puoi aspettare? Quelle buone e non troppo rischiose

Dettagli

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Sono sempre di più i liberi professionisti e le imprese che vogliono avviare o espandere la propria attività e hanno compreso

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Introduzione all analisi per flussi

Introduzione all analisi per flussi C 1 a p i t o l o Introduzione all analisi per flussi 1 I flussi finanziari L obiettivo di questo libro è illustrare una diversa visione d impresa: non più quella statica legata alla contabilità e all

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 5

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 5 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 5 Eccoci al penultimo modulo di questo percorso. Fino ad ora abbiamo affrontato le due chiavi interiori : la consapevolezza

Dettagli

C O M E U S A R E FACEBOOK ADS 7 E R R O R I D A P R I M A D I C R E A R E Q U A L S I A S I A N N U N C I O

C O M E U S A R E FACEBOOK ADS 7 E R R O R I D A P R I M A D I C R E A R E Q U A L S I A S I A N N U N C I O C O M E U S A R E FACEBOOK ADS 7 E R R O R I D A P R I M A D I C R E A R E Q U A L S I A S I A N N U N C I O Ciao sono Alessio Giampieri, web marketer e consulente da 5 anni. Ho scritto questa guida con

Dettagli

Avete mai sentito parlare della corsa del topo?

Avete mai sentito parlare della corsa del topo? Avete mai sentito parlare della corsa del topo? Avete presente il criceto che corre nella ruota fino allo sfinimento tutti i giorni? Beh, forse non ne avete piena consapevolezza ma anche voi, anche noi

Dettagli

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai.

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Prima di tutto voglio farti i complimenti per l apertura mentale che ti ha portato a voler scaricare questo mini ebook. Infatti, non è da

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

Datti Un Opportunità. Sperimentazione di un modello nuovo per affrontare l esperienza lavorativa. Gianluigi

Datti Un Opportunità. Sperimentazione di un modello nuovo per affrontare l esperienza lavorativa. Gianluigi Datti Un Opportunità Sperimentazione di un modello nuovo per affrontare l esperienza lavorativa Gianluigi Datti Un Opportunita è lo slogan che associo ad un modello alternativo (perchè poco praticato...

Dettagli

Possiedi il tuo futuro

Possiedi il tuo futuro Galaxy Network Project Piano marketing Possiedi il tuo futuro PREMESSA ISCRIZIONE PIANO MARKETING FONDO NAZIONALE NETWORK PRECHE LA VENDITA DIRETTA Trovarsi insieme è un opportunità, rimanere insieme è

Dettagli

Sommario. Parte I Pensare da ricchi 2. Introduzione xi Ringraziamenti 1

Sommario. Parte I Pensare da ricchi 2. Introduzione xi Ringraziamenti 1 Sommario Introduzione xi Ringraziamenti 1 Parte I Pensare da ricchi 2 1 Chiunque può diventare ricco: basta impegnarsi 4 2 Stabilisci che cos è per te la ricchezza 6 3 Definisci i tuoi obiettivi 8 4 Non

Dettagli

GRUPPO DIAMANTE NETWORK MARKETING MLM

GRUPPO DIAMANTE NETWORK MARKETING MLM GRUPPO DIAMANTE NETWORK MARKETING MLM 12 SUGGERIMENTI PER AVERE SUCCESSO COL MARKETING MULTI LIVELLO 1 PARTE I IL NETWORK MARKETING MLM Una domanda che ci viene rivolta spesso è: Come si possono creare

Dettagli

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software.

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. PREFAZIONE Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. Ho costituito, oltre 29 aziende in Italia e all estero, ed ormai ho una certa

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

IL PRIMO PASSO PER NON FARTI SCHIACCIARE DALLA CONCORRENZA

IL PRIMO PASSO PER NON FARTI SCHIACCIARE DALLA CONCORRENZA Con questo special report vogliamo essere d aiuto e di supporto a tutte quelle aziende e professionisti che cercano nuovi spunti e idee illuminanti per incrementare il numero di clienti e di conseguenza

Dettagli

Fino a pochi anni fa chi voleva approfondire la valutazione di un. prodotto si riferiva spesso all esperienza diretta di parenti, amici e

Fino a pochi anni fa chi voleva approfondire la valutazione di un. prodotto si riferiva spesso all esperienza diretta di parenti, amici e 1 Scopo della guida Fino a pochi anni fa chi voleva approfondire la valutazione di un prodotto si riferiva spesso all esperienza diretta di parenti, amici e conoscenti che lo avessero già sperimentato,

Dettagli

IL MANUALE PER LA TUA BOLLETTA SEMPLICE

IL MANUALE PER LA TUA BOLLETTA SEMPLICE IL MANUALE PER LA TUA BOLLETTA SEMPLICE PER RISPARMIARE SU LUCE E GAS A CASA E IN AZIENDA STEFANO MACRI AZIONI VINCENTI PER RISULTATI ECCELLENTI 1 STEFANO MACRI Imprenditore fin dal 1994, coltivo da sempre

Dettagli

scopri i 7 rischi che corri 5 servizi che devi dall agenzia immobiliare

scopri i 7 rischi che corri 5 servizi che devi dall agenzia immobiliare 1 scopri i 7 rischi che corri nell acquisto della tua nuova casa e le 3 soluzioni che possono salvarti dall acquisto sbagliato. 5 servizi che devi pretendere dall agenzia immobiliare 2 Che si tratti dell

Dettagli

!"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente

!#$%&%'()*#$*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente !"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente Il Terzo Pilastro del Biker Vincente La Mountain Bike e la Vita Ciao e ben ritrovato! Abbiamo visto nelle ultime due lezioni, come i dettagli siano fondamentali

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

2. Se un test ha l indice di attendibilità tra -39 e 0, che cosa devi fare con quel test?

2. Se un test ha l indice di attendibilità tra -39 e 0, che cosa devi fare con quel test? INTERPRETAZIONE DEL TEST HT BETA ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Che cosa misura l HT BETA? Il test misura i 10 ingredienti della produttività. Aiuta ad individuare l ingrediente o gli ingredienti

Dettagli

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA?

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? 7+1 suggerimenti per preparare una richiesta di ristrutturazione finanziaria dell impresa. 1 CIOMPI ROBERTO VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

VENDERE BENE LA TUA CASA,

VENDERE BENE LA TUA CASA, 1 SCOPRI I SEGRETI PER VENDERE BENE LA TUA CASA, E LE AZIONI COMMERCIALI SBAGLIATE DA NON COMMETTERE. 2 Oggi il nostro compito è quello di proteggerti da tutto ciò che potrebbe trasformare Vendita di casa

Dettagli

LEADERSHIP E GESTIONE DEL PERSONALE Con gli imprenditori

LEADERSHIP E GESTIONE DEL PERSONALE Con gli imprenditori Giovedì 16 / Venerdì 17 Aprile 2015 Sede di Livigno, Via Freita 1660 Relatore : Roberto Bonacasa LEADERSHIP E GESTIONE DEL PERSONALE Con gli imprenditori 1 Link Utili www.bonacasa.net 2 Parte 1: Affrontare

Dettagli

La Scorciatoia per Guadagnare Online

La Scorciatoia per Guadagnare Online La Scorciatoia per Guadagnare Online Sono anni che mi sgolo sul Blog per convincere le persone sul fatto che non esistono scorciatoie per Guadagnare con Internet. Sono anni che lo dico in tutte le salse,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Vivere il Sogno. Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito

Vivere il Sogno. Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito Vivere il Sogno Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito VIVERE IL SOGNO!!! 4 semplici passi per la TUA indipendenza finanziaria (Il Network Marketing)

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

i 5 Passi per Dupplicare il tuo metodo di fare ---> 4 Lezione: Come Guadagnare col Programma di

i 5 Passi per Dupplicare il tuo metodo di fare ---> 4 Lezione: Come Guadagnare col Programma di J.AThePowerOfSponsorship'' Di Giuseppe Angioletti http://www.segretidei7uero.altervista.org i 5 Passi per Dupplicare il tuo metodo di fare Network Marketing ---> 4 Lezione: Come Guadagnare col Programma

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI NELLA PRESENTAZIONE

ELEMENTI ESSENZIALI NELLA PRESENTAZIONE GUIDA ALL UTILIZZO ELEMENTI ESSENZIALI NELLA PRESENTAZIONE A. SVEGLIARE le NECESSITÀ B. RICONOSCERE il SUO PERCHÈ C. SODDISFARE il SUO PERCHÉ con il PROGETTO FM GROUP 1 ASCOLTARE: (INTERVISTA) SITUAZIONE

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

[NRG] Power Sponsoring Video#1 Trascrizione del video:

[NRG] Power Sponsoring Video#1 Trascrizione del video: [NRG] Power Sponsoring Video#1 Trascrizione del video: "Come venire invitato: Perché i contatti dal mercato freddo sono morti, e che cosa fare ora... " Ciao il mio nome è Alessandro Zani e io sono il creatore

Dettagli

Come fare Soldi scrivendo ebook di Successo

Come fare Soldi scrivendo ebook di Successo Nicolò Corrente Come fare Soldi scrivendo ebook di Successo Lezione nr. 2 Pubblicato da: Copyright 2014 Nicolò Corrente Laboratorio ebook Edizioni Seconda edizione digitale Aprile 2014 Quest opera è protetta

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE VALUTA OGNUNA DI QUESTE DIMENSIONI LEGGI BENE LE DOMANDE, PENSA CON TRASPARENZA ED ONESTA CON TE STESSE E COMPLETA CON UN AUTOVALUTAZIONE DA A 0 PER OGNUNA. RIPORTA IL SUL GRAFICO (UTILIZZA QUELLO IN FONO

Dettagli

Professionalità, metodo ed esperienza sono alla base della loro preparazione specifica.

Professionalità, metodo ed esperienza sono alla base della loro preparazione specifica. Premessa Giuseppe Nappi e Vittorio del Re sono tra i massimi esponenti Italiani nel panorama della consulenza alle reti sia dirette che Franchising. Negli ultimi dieci anni hanno sviluppato molte catene

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli