LE FRONTIERE DELLA MICROECONOMIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE FRONTIERE DELLA MICROECONOMIA"

Transcript

1 22 LE FRONTIERE DELLA MICROECONOMIA L economia studia le scelte degli individui e le loro reciproche interazioni. Questo studio assume molte forme, come abbiamo visto nei capitoli precedenti. Ma sarebbe sbagliato pensare che tutte queste sfaccettature compongano un gioiello finito, perfetto e immutabile. Come tutti gli scienziati, anche gli economisti sono sempre alla ricerca di nuove aree di studio e nuovi fenomeni da analizzare. Questo ultimo capitolo dedicato alla microeconomia presenta una panoramica su tre tematiche di frontiera, ai fini di illustrare come gli economisti stiano cercando di espandere la propria comprensione del comportamento umano e della società. Il primo argomento è l economia dell informazione asimmetrica. In molte situazioni alcuni dispongono di informazioni migliori di altri, e questa differenza può condizionare le scelte che gli individui compiono e le interazioni reciproche. La riflessione sulle asimmetrie informative può gettare luce su molti aspetti della vita quotidiana, dal mercato delle automobili usate all abitudine di scambiarsi regali. La seconda tematica che affronteremo in questo capitolo è l economia politica. Fin dall inizio del libro abbiamo fatto riferimento ai fallimenti del mercato e agli strumenti a disposizione del potere esecutivo e legislativo per migliorare potenzialmente la situazione. La parola chiave, in questo contesto, è «potenzialmente»: la realizzazione di questa potenzialità dipende il larga misura dal buon funzionamento delle istituzioni politiche. Il campo dell economia politica utilizza gli strumenti dell economia per comprendere il funzionamento del governo. Il terzo e ultimo argomento è l economia comportamentale. Si tratta di un campo che appartiene più al mondo delle discipline psicologiche che a quelle economiche, avendo come obiettivo l analisi di comportamenti umani più complessi e sofisticati di quelli che formano convenzionalmente l oggetto della teoria economica. Questo capitolo, dunque, spazia su territori molto vasti. Per poterlo fare, rinuncia alla completezza propria dei capitoli precedenti a favore di una visione d insieme, quindi forzatamente parziale. L obiettivo, d altra parte, è mostrare in quali direzioni si stia espandendo la conoscenza del funzionamento dell economia. Obiettivo secondario è suscitare in voi l interesse per i corsi più avanzati di teoria economica. L INFORMAZIONE ASIMMETRICA «Io lo so e tu no». I bambini sembrano ripetere in continuazione questa frase, come una cantilena. Eppure questa affermazione ha una enorme importanza anche nelle interazioni tra adulti: sono infinite le occasioni in cui una persona dispone di informazioni migliori degli altri su quanto sta accadendo. Tale differenza nell accesso a conoscenze rilevanti è detta asimmetria informativa. Gli esempi abbondano. Un lavoratore sa meglio del proprio datore di lavoro quanto impe-

2 Le frontiere della microeconomia 355 gno profonde nello svolgere la mansione che gli è stata affidata. Chi vende un auto usata ne conosce meglio dell acquirente le condizioni meccaniche. Il primo è un esempio di azione nascosta, il secondo di caratteristica nascosta. In entrambi i casi la parte che è all oscuro (il datore di lavoro, l acquirente dell auto usata) vorrebbe conoscere le informazioni rilevanti, ma la parte informata (il lavoratore, il venditore dell auto usata) potrebbe avere un incentivo a nascondergliele. L informazione asimmetrica è prevalente al punto che, negli ultimi decenni, gli economisti hanno dedicato molte energie intellettuali a studiarne gli effetti. Nel 2001 il premio Nobel per l economia è stato assegnato a tre economisti (George Akerlof, Michael Spence e Joseph Stiglitz) per i loro lavori pionieristici su questa tematica. Discuteremo qui alcuni elementi emersi da questi studi. Le azioni nascoste: principali, agenti e rischio morale Il rischio morale è il problema che sorge quando un individuo, detto agente, esegue un compito per conto di un altro, detto principale. Se il principale non può controllare perfettamente il comportamento dell agente, questi tende a profondere un impegno inferiore a quello che il principale ritiene adeguato. La locuzione rischio morale si riferisce al rischio che l agente tenga un comportamento inadeguato, o altrimenti «immorale». In tale situazione il principale ha a disposizione diversi sistemi per incoraggiare l agente ad agire con più responsabilità. Il rischio morale può portare alla selezione avversa. Ciò significa che il processo di mercato può sfociare in esiti «sfavorevoli» a causa dell informazione asimmetrica. La selezione avversa è una caratteristica tipica dei settori bancario, finanziario e assicurativo. Per esempio, le regole stabilite da una banca per l apertura di un conto corrente possono indurre alcuni individui, che la banca preferirebbe non avere come clienti in quanto non redditizi, ad aprire un conto presso la banca e dunque a operare una selezione a lei avversa. Nel caso delle assicurazioni, una persona che desidera una copertura assicurativa possiede maggiori informazioni sulla propria situazione rispetto all assicuratore. Un soggetto che sa di essere ad alto rischio cercherà di acquistare una polizza assicurativa senza tuttavia rivelare il grado di rischio che ciò comporta per la società di assicurazione. Come può quest ultima distinguere tra i clienti ad alto rischio e quelli a basso rischio? La società di assicurazione preferirebbe vendere polizze solo ai clienti a basso rischio, ma quelli ad alto rischio operano una selezione avversa per la società. Nel settore finanziario, alcune banche d investimen- to sono state accusate di aver introdotto attività molto rischiose nei prodotti finanziari che offrivano alla clientela. Gli investitori che hanno acquistato questi prodotti non conoscevano la vera entità del rischio che si assumevano; in altre parole, avrebbero fatto meglio a non acquistare tali prodotti da queste banche. In situazioni come quelle descritte, il principale cerca in vari modi di incoraggiare l agente ad agire in maniera più responsabile (per esempio, richiedendo ai clienti ad alto rischio un premio assicurativo più alto di quello richiesto ai clienti meno rischiosi). Il rapporto di lavoro subordinato è un esempio classico. Il datore di lavoro è il principale e il lavoratore dipendente è l agente. Il problema del rischio morale scaturisce dal fatto che un dipendente non adeguatamente controllato può avere la tentazione di sottrarsi, anche parzialmente, alle proprie responsabilità. I datori di lavoro possono rispondere al problema in diversi modi. Migliori controlli. I genitori che assumono una bambinaia spesso utilizzano telecamere nascoste per controllarne il comportamento quando sono fuori casa. L obiettivo è rilevare e sanzionare il comportamento irresponsabile. Salari elevati. Secondo la teoria del salario di efficienza (presentata nel capitolo 19), alcuni datori di lavoro decidono di corrispondere ai propri dipendenti un salario superiore a quello di equilibrio. Questo, a loro avviso, dovrebbe incentivare i comportamenti responsabili, dal momento che il dipendente, se fosse licenziato, non riuscirebbe a trovare un lavoro altrettanto ben pagato. Remunerazione differita. Le imprese possono differire nel tempo parte della remunerazione, in modo che il lavoratore che non soddisfa le aspettative aziendali sia particolarmente penalizzato in caso di licenziamento. Un esempio classico è la gratifica di fine anno. Analogamente un impresa potrebbe decidere di differire più a lungo una parte della remunerazione dei propri lavoratori, facendo sì che gli aumenti retributivi che il lavoratore percepisce nel tempo non siano solo il riflesso di una maggiore anzianità di servizio, ma anche di un più blando rischio morale. Questi diversi meccanismi per ridurre il problema del rischio morale non devono necessariamente essere utilizzati separatamente. I datori di lavoro possono utilizzarli in combinazione tra loro. Oltre al rapporto di lavoro dipendente, ci sono altri esempi di rischio morale. Il proprietario di un immobile che stipula una polizza contro gli incendi molto probabilmente non acquista un RISCHIO MORALE la tendenza di un individuo non perfettamente controllato a tenere un comportamento disonesto o altrimenti indesiderabile AGENTE un individuo che agisce per conto di un altro individuo, detto principale PRINCIPALE l individuo per conto del quale un altro individuo, detto agente, compie un azione

3 Le frontiere della microeconomia SELEZIONE AVVERSA la tendenza delle caratteristiche non osservate a diventare indesiderabili dal punto di vista della parte meno informata 1 Akerlof, G. (1970), «The Market for Lemons: Quality, Uncertainty and the Market Mechanism», Quarterly Journal of Economics 84, pp numero sufficiente di estintori, perché ne sopporterebbe il costo mentre sarebbe la compagnia di assicurazione a ricavarne il maggiore beneficio. Una famiglia può decidere di abitare sulla riva di un fiume, esponendosi al rischio delle inondazioni: si gode il panorama, ma scarica sullo Stato il costo dei provvedimenti di emergenza in caso di alluvione. La crisi finanziaria del ha posto il problema dei bonus offerti ai banchieri. Una delle tesi avanzate a quel tempo è che le banche agivano in modo imprudente, poiché offrivano ai dipendenti bonus elevati che incoraggiavano investimenti inappropriati e rischiosi. Questo comportamento veniva incentivato perché le banche «sapevano» che i governi sarebbero intervenuti per scongiurare un loro fallimento. Sono molte le leggi e le regole che puntano a ridurre problemi del genere: una compagnia di assicurazioni può obbligare o incentivare i propri assicurati ad acquistare estintori, e lo Stato può proibire di costruire case in aree ad alto rischio idro-geologico. Tuttavia resta il fatto che le compagnie di assicurazione non hanno una perfetta informazione sulla prudenza dei propri assicurati, lo Stato non può conoscere tutti i rischi a cui le famiglie si espongono quando scelgono il luogo dove costruire una casa, e le autorità di vigilanza non conoscono tutti i rischi a cui le banche si espongono con le loro decisioni di investimento; di conseguenza, il problema del rischio morale persiste. Le caratteristiche nascoste: la selezione avversa e il problema del «bidone» La selezione avversa è un problema che sorge in tutti i mercati in cui il venditore può conoscere meglio dell acquirente le caratteristiche del bene che offre. A causa di ciò, l acquirente corre il rischio di acquistare un bene di qualità scadente. In altre parole, la «selezione» del bene venduto potrebbe essere «avversa» dal punto di vista di un acquirente non informato. L esempio classico di selezione avversa è il mercato delle automobili usate. Diversamente dall acquirente, chi vende un auto usata conosce i difetti di quel che offre. I potenziali acquirenti temono di comprare un auto scadente, perché sanno che un auto usata in cattive condizioni ha maggiori probabilità di essere offerta sul mercato rispetto a un auto perfettamente funzionante. Se una persona è tanto sfortunata da comprare un auto di cattiva qualità, si dice che ha acquistato un «bidone». Il termine inglese corrispondente, «lemon» (limone), è stato usato per la prima volta dal premio Nobel per l economia George Akerlof nel famoso saggio «The Market for Lemons». 1 Anche Joseph Stiglitz e Michael Spence, insigniti del premio Nobel per l economia nel Compreresti un auto usata da quest uomo? 2001, hanno usato il termine «lemon» nel contesto dell asimmetria informativa. L espressione deriva dalle vecchie slot machine usate nelle case da gioco di un tempo, costituite da tre ruote con immagini di frutti, a ciascuno dei quali corrispondeva una diversa vincita: il limone, di solito, non dava diritto ad alcun premio, e dunque era considerato un immagine sfortunata. In conseguenza di questa asimmetria informativa, sono in molti a rifiutare a priori l acquisto di auto usate. Il problema del «bidone» spiega la ragione per cui un automobile usata anche solo per pochi giorni abbia un prezzo sensibilmente più basso di un automobile nuova di modello identico. Il potenziale compratore tende a sospettare che il proprietario se ne voglia liberare, essendo a conoscenza di qualcosa che il compratore non può sapere. Un secondo esempio di selezione avversa riguarda il mercato del lavoro. Secondo un altra teoria del salario di efficienza, i lavoratori hanno capacità e talenti diversi, e li conoscono meglio delle imprese che li vogliono assumere. Se un impresa abbassa i salari, i lavoratori migliori sono i primi ad andarsene, dal momento che possono trovare un occupazione alternativa con più facilità. Viceversa, un impresa potrebbe offrire retribuzioni più elevate della norma per attrarre i lavoratori migliori. In alternativa, immaginiamo che un impresa si trovi in difficoltà e che debba ridurre il monte retribuzioni. Per far questo, può scegliere di tagliare i salari oppure di mantenere le retribuzioni inalterate e di mettere i lavoratori in mobilità, in maniera casuale, per alcune settimane. Se taglia i salari i lavoratori migliori daranno le dimissioni, sapendo di poter trovare

4 Le frontiere della microeconomia 357 un occupazione migliore altrove. Naturalmente, i lavoratori migliori che vengono selezionati a caso quando l impresa decide di mettere una parte della forza lavoro in mobilità potrebbero comunque decidere di lasciare l impresa e trovare un occupazione più stabile da qualche altra parte. Ma in questo caso soltanto alcuni dei lavoratori migliori abbandonano l impresa (dato che i lavoratori messi in mobilità vengono selezionati a caso), mentre se l impresa taglia i salari tutti i lavoratori migliori danno le dimissioni. Un terzo esempio di selezione avversa è il mercato delle polizze assicurative. Chi sottoscrive una polizza sanitaria conosce il proprio stato di salute meglio della compagnia assicurativa con cui vuole stipulare una polizza. E dato che gli individui con seri problemi di salute tendono a sottoscrivere una polizza sanitaria con più probabilità degli individui sani, il prezzo delle polizze riflette i costi di assicurare individui meno sani della media. Di conseguenza, persone mediamente in salute sono scoraggiate dal sottoscrivere polizze sanitarie a causa del prezzo elevato. Se in un mercato si manifesta il problema della selezione avversa, la mano invisibile può non essere in grado di compiere il miracolo. Nel mercato delle automobili usate, chi possiede una vettura in buone condizioni può decidere di non metterla in vendita, dato il prezzo ridotto che i compratori, scettici, sono disposti a pagare. Nel mercato del lavoro, i salari possono rimanere bloccati a un livello superiore a quello di equilibrio, provocando disoccupazione. Nel mercato delle polizze assicurative, gli individui a basso rischio possono decidere di non assicurarsi, dato che il prezzo delle polizze non riflette adeguatamente le loro caratteristiche. I sostenitori dei sistemi sanitari pubblici considerano spesso il problema della selezione avversa una delle ragioni per le quali non ci si può affidare alle polizze private per garantire il giusto livello di assistenza sanitaria a tutti. L invio di segnali per fornire informazioni private L asimmetria informativa è in molti casi una buona ragione per un intervento pubblico, ma è anche motivo di comportamenti privati che in assenza di tali asimmetrie sarebbe difficile spiegare. I mercati reagiscono al problema dell informazione asimmetrica in molti modi. Uno di questi è il l invio di segnali (signalling), cioè l azione intrapresa da una parte informata all unico scopo di rivelare credibilmente le proprie informazioni private a una parte non informata. Nei capitoli precedenti abbiamo già visto esempi di signalling. Nel capitolo 16 abbiamo stabilito che le aziende investono in pubblicità per segnalare l elevata qualità dei propri prodotti a potenziali acquirenti. Nel capitolo 19 abbiamo visto che i titoli di studio sono a volte considerati dai datori di lavoro un segnale delle capacità e dei talenti degli studenti. Ricordiamo che la teoria dell istruzione come segnale contrasta con quella del capitale umano, secondo la quale l istruzione migliora la produttività dell individuo, invece di rivelare notizie sui suoi talenti innati. Questi due esempi di segnali (la pubblicità e i titoli di studio) possono sembrare molto differenti, ma sotto la superficie sono molto simili. In entrambi i casi la parte informata (l impresa, lo studente) ricorre a un segnale per convincere la parte non informata (il cliente, il datore di lavoro) che quel che offre è di qualità elevata. Quali caratteristiche sono necessarie affinché un azione costituisca un segnale efficace? Ovviamente, deve rappresentare un costo per chi la intraprende: se le azioni-segnale avessero costo nullo, tutti vi ricorrerebbero, privandole di ogni significato. La medesima ragione è alla base di un ulteriore caratteristica: l azione deve avere il minimo costo per, o apportare il massimo beneficio a, chi detiene il bene di più alta qualità. In alternativa, tutti avrebbero il medesimo incentivo a utilizzare il segnale, che perderebbe di significato. Torniamo ai nostri esempi. Nel caso della pubblicità, un azienda con un prodotto di buona qualità può trarre maggior beneficio dalla pubblicità perché il consumatore che è stato convinto a provare il prodotto ha più probabilità di diventarne un acquirente abituale. Dunque, per l impresa che ha un prodotto di qualità è razionale sostenere il costo del segnale (la pubblicità), ed è altrettanto razionale per il consumatore utilizzare il segnale come informazione sulla qualità del prodotto. Nel caso dei titoli di studio, uno studente dotato riesce a ottenere il titolo di studio più facilmente di uno studente non dotato. Dunque, per gli studenti dotati è razionale sostenere il costo del segnale (il titolo di studio) ed è altrettanto razionale per i datori di lavoro utilizzare il segnale come informazione sul talento dei candidati. Il mondo è pieno di esempi di invio di segnali. Negli Stati Uniti gli annunci pubblicitari sulla stampa riportano spesso la frase «apparso in TV». Perché un azienda che promuove la vendita del proprio prodotto sulla stampa sente la necessità di fare una simile affermazione? Probabilmente l azienda sta cercando di rendere nota la propria disponibilità a sostenere costi più elevati (come uno spot televisivo) nella speranza che il consumatore ne tragga la conclusione che il prodotto è di qualità elevata. Per la stessa ragione, chi si laurea nelle università più prestigiose ha cura di indicarlo con estrema chiarezza nel proprio curriculum. INVIO DI SEGNALI un azione intrapresa dalla parte informata in modo da rivelare informazioni private a parti non informate

5 Le frontiere della microeconomia ANALISI DI UN CASO Il dono come segnale Un pessimo studente di economia si tormenta su cosa regalare alla sua ragazza per il suo compleanno. «Ho trovato», si dice. «Le darò dei soldi. Dopotutto, non conosco i suoi gusti quanto li conosce lei. E con i soldi che le darò, potrà comprare quel che più le piace». Risultato: la ragazza si offende, si convince di non essere amata a sufficienza e tronca la relazione. Dove ha sbagliato il nostro sfortunato studente di economia? Sotto molti aspetti, quella dei doni è un usanza strana. Come giustamente pensa il protagonista della nostra storia, ciascun individuo conosce le proprie preferenze meglio di chiunque altro, per cui ci dovremmo aspettare che preferisca il denaro a un trasferimento in natura. Se un datore di lavoro decidesse di remunerare i propri dipendenti in natura, questi probabilmente sarebbero contrari alla proposta. Ma la reazione delle stesse persone sarebbe molto diversa nel caso di un regalo di compleanno. Una possibile interpretazione è che il dono rifletta l asimmetria informativa e l invio di segnali. Il nostro sfortunato amico sa qualcosa che la sua ragazza vorrebbe tanto sapere: la ama veramente? Scegliere per lei un regalo è un segnale del suo amore, ovviamente a condizione che scelga un regalo con le caratteristiche opportune. Questo presenta un costo (perché richiede tempo e denaro), che dipende dall informazione in suo possesso (quanto la ama). Se la ama davvero, scegliere il regalo giusto gli è facile, perché lo sceglierebbe pensando a lei; se non l ama è più difficile. Quindi, scegliere un regalo gradito alla persona che si ama è un modo per farle sapere quanto la si ama. Sostituendo il denaro al dono, il nostro sfortunato amico dimostra solo di non volere neppure provarci. Un esempio calzante è la ricorrenza di San Valentino, giorno in cui milioni di donne si aspettano di ricevere un piccolo gesto di attenzione come segnale di amore e di tenerezza da parte dei loro compagni. (Naturalmente non sono solo le donne ad attendersi un dono, ma ai fini della nostra analisi ipotizzeremo che una donna si aspetti un regalo dal proprio compagno.) Le due parti della transazione sono la donna e l uomo. La donna si aspetta un gesto di affetto e un segnale dell amore che il compagno prova nei suoi confronti, sotto forma di un regalo di qualche tipo. Ipotizziamo che il regalo sia una classica rosa rossa. Per l uomo, l intera questione è alquanto complessa. Da un lato, l uomo sa per certo che, a causa delle leggi della domanda e dell offerta, il prezzo delle rose sarà elevato. Potrebbe aspettare ancora qualche giorno e comprarle a un prezzo più vantaggioso, ma sa che questa decisione non verrà accolta bene. Di conseguenza, deve accettare il fatto di dover comprare alcune rose alla sua donna come gesto di amore e di affetto, pur sapendo, dentro di sé, quanto ami la sua compagna. La donna, dal canto suo, valuterà l amore e l affetto del suo compagno anche sulla base delle dimensioni del mazzo di rose che da lui si aspetta di ricevere. In questo sta l asimmetria informativa. La donna sa che il prezzo delle rose aumenterà a dismisura il giorno di San Valentino, ma in fondo è ulteriore motivo di piacere. Quanto più sarà grande il mazzo di rose, tanto maggiore sarà la spesa che l uomo «Adesso vedremo quanto mi ama.» Foto Isifa Image Service S.R.O./Alamy. avrà sostenuto per lei, e ciò le darà una misura dell amore e dell affetto che l uomo prova nei suoi confronti. L uomo si trova adesso in imbarazzo. Se compra un grosso mazzo di rose sa che potrà spendere una somma compresa tra i 10 e i 100 euro, a seconda del numero e della qualità dei fiori e del luogo dove li acquista. Se li acquista in un supermercato, che ne sarà della sua credibilità in termini di romanticismo? Se invece compra le rose da un fiorista, potrebbe guadagnarci in credibilità, ma al costo di un prezzo molto più elevato. La credibilità è il segnale che l uomo invia alla compagna, l indicazione che ha fatto un grande sforzo per trovare il fiorista e scegliere i fiori, a dimostrazione della sua devozione e del suo affetto. L uomo potrebbe decidere di giocare d astuzia e optare per una singola rosa rossa: un gesto molto romantico e sicuramente azzeccato in un qualsiasi giorno dell anno, ma a San Valentino? Potrebbe essere terribilmente controproducente. Oppure potrebbe scegliere di comprare altri fiori, ma quella non sembra un alternativa praticabile. Allora, quante rose servono per inviare un segnale adeguato del suo amore? Una, due, tre, quattro dozzine? È proprio una decisione spinosa. Un consiglio a tutti gli uomini romantici: quando porgete il mazzo di rose alla vostra donna, osservate attentamente l espressione sul suo viso appena lo vede. Se scorgete un ombra di delusione, vuol dire che avete sbagliato segnale; un sorriso radioso, invece, vi dirà che siete riusciti a ridurre il grado di asimmetria dell informazione. In alternativa, potete decidere di far consegnare le rose a domicilio e aspettare di rivederla per sapere se la vostra decisione è stata corretta. La teoria dei segnali applicata ai regali è coerente anche con un altra osservazione: le persone tendono ad attribuire una maggiore importanza al dono quanto più la forza del sentimento è incerta. La stessa ragazza che si offende per il denaro ricevuto dal ragazzo che ama non farebbe altrettante difficoltà se la stessa somma le fosse donata dai genitori o dai nonni. Questo perché di solito si hanno meno incertezze rispetto all affetto dei genitori, e il dono in denaro non sarebbe percepito come una mancanza di attenzione.

6 Le frontiere della microeconomia 359 Lo screening per indurre la rivelazione di informazioni Si ha l invio di segnali quando una parte informata intraprende un azione atta a rivelare le informazioni in suo possesso. Nel caso in cui, invece, sia la parte meno informata a intraprendere un azione volta a indurre la parte informata a rivelare le notizie in suo possesso, siamo in presenza di un fenomeno detto screening. Lo screening, spesso, è solo una questione di buon senso. Chi acquista un automobile usata può chiedere al venditore di far controllare la vettura da un meccanico. Se il venditore rifiuta, rivela implicitamente l informazione in suo possesso: l automobile è un «bidone». A questo punto l acquirente può offrire un prezzo inferiore, o cercare un altra automobile. Altri esempi di screening sono più articolati. Si consideri, per esempio, una compagnia di assicurazione specializzata nel ramo automobilistico. La compagnia vorrebbe applicare tariffe basse ai guidatori più prudenti e tariffe alte ai guidatori più spericolati, ma come distinguere le due categorie? Ciascun automobilista sa di essere prudente o spericolato, ma gli spericolati si guardano bene dall ammetterlo. La storia dell automobilista è un elemento di informazione (che le compagnie di assicurazione utilizzano), ma, a causa dell intrinseca casualità degli incidenti automobilistici, il numero di incidenti passati è un indicatore imperfetto del rischio futuro. La compagnia di assicurazione potrebbe riuscire a distinguere le due categorie di automobilisti offrendo polizze differenziate che li inducono a rivelarsi. Una polizza potrebbe avere una tariffa elevata e coprire completamente i danni in caso di sinistro di qualsiasi genere, l altra potrebbe avere una tariffa più vantaggiosa a fronte di una franchigia di 1000 euro (cioè, l automobilista si farebbe carico dei primi 1000 euro di danni per ogni sinistro, e la compagnia assicurerebbe solo il rischio successivo). Si noti che la franchigia rappresenta un onere superiore per un conducente spericolato, data la sua più elevata probabilità di essere coinvolto in un incidente. Se la franchigia fosse sufficientemente elevata, l offerta di una tariffa bassa associata alla franchigia attirerebbe solo gli automobilisti più prudenti, mentre l offerta di una tariffa alta senza franchigia sarebbe sottoscritta dagli automobilisti più spericolati. Attraverso la propria scelta, un automobilista rivelerebbe così l informazione che lo riguarda. Informazione asimmetrica e intervento pubblico Abbiamo preso in esame due tipi di informazione asimmetrica: il rischio morale e la selezione avversa; e abbiamo visto che gli individui posso- no reagire al problema attraverso l invio di segnali e lo screening. Consideriamo ora le conseguenze dell informazione asimmetrica per la formulazione di provvedimenti di politica economica. Nella microeconomia la tensione tra successo del mercato e fallimento del mercato è fondamentale. Come abbiamo appreso nel capitolo 7, l equilibrio tra domanda e offerta è efficiente, nel senso che massimizza il surplus totale che la società può ricavare dal mercato. La mano invisibile di Adam Smith sembra regnare sovrana. Questa conclusione è stata però temperata dallo studio delle esternalità (cap. 10), dei beni pubblici (cap. 11), della concorrenza imperfetta (capp ) e della povertà (cap. 20). Tutti questi esempi di fallimento del mercato dimostrano che lo Stato, a volte, può migliorare il risultato del mercato. Lo studio delle asimmetrie informative ci offre nuove ragioni per limitare la nostra fiducia nel meccanismo del mercato. Se qualcuno ha più informazioni degli altri, il mercato potrebbe non riuscire ad allocare al meglio le risorse. Chi ha una buona automobile da vendere può avere difficoltà nel trovare un acquirente, data la preoccupazione di quest ultimo di essere vittima di un «bidone». Chi gode di buona salute può avere difficoltà nel trovare un assicurazione sanitaria a tariffa contenuta, perché le compagnie di assicurazione non riescono a distinguere chi è ragionevolmente sano da chi è malato (e lo nasconde). Si direbbe dunque che l esistenza di asimmetrie informative sia un ulteriore ragione per l intervento pubblico. Ma ci sono tre fatti che complicano la situazione. Innanzitutto, come abbiamo visto, il mercato spesso è in grado di gestire l asimmetria dell informazione attraverso una combinazione di azioni di segnalazione e di screening. Inoltre, difficilmente lo Stato dispone di informazioni più accurate e complete dei privati. Per quanto l allocazione determinata dal mercato possa non essere quella ottimale, essa è probabilmente la migliore ottenibile. Ovvero, per quanto il risultato del mercato sia imperfetto, in presenza di asimmetria dell informazione è difficile che lo Stato possa migliorarla. Infine, lo Stato è un istituzione imperfetta (un argomento che approfondiremo nel prossimo paragrafo). VERIFICA L APPRENDIMENTO Chi sottoscrive una polizza di assicurazione sulla vita, paga un premio annuale per garantire alla propria famiglia il pagamento di una somma di denaro elevata nell eventualità del proprio decesso. Ti aspetti che i sottoscrittori di polizze vita abbiano un tasso di mortalità più basso o più alto della media? In che modo questa situazione può rappresentare un esempio di rischio morale? E di selezione avversa? In che modo una compagnia di assicurazione può reagire alla situazione? SCREENING un azione intrapresa da una parte non informata al fine di indurre la parte informata a rivelare le informazioni in suo possesso

L INFORMAZIONE ASIMMETRICA

L INFORMAZIONE ASIMMETRICA Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2011/2012 L INFORMAZIONE ASIMMETRICA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

INFORMAZIONE ASIMMETRICA

INFORMAZIONE ASIMMETRICA Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2010/2011 INFORMAZIONE ASIMMETRICA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia I motivi dell intervento dello

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 7: Informazione incompleta Francesca Severini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) f.severini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

Economia dell Informazione. Cap. 12

Economia dell Informazione. Cap. 12 Economia dell Informazione Cap. 12 Informazione completa Significa che non esistono gap informativi rispetto a nessuna delle situazioni connesse agli scambi: sui beni disponibili, sui loro prezzi, sulla

Dettagli

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale;

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Introduzione all informazione asimmetrica Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Informazione imperfetta Virtualmente ogni transazione economica

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Introduzione - 1 Una delle idee più importanti della teoria economica è che i mercati sotto alcune condizioni- allocano i beni

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Elementi di economia Economia dell informazione

Elementi di economia Economia dell informazione Elementi di economia Economia dell informazione Dott.ssa Michela Martinoia michela.martinoia@unimib.it Corso di laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale A.A. 2014/15 Informazione completa Significa

Dettagli

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica Capitolo 34: Informazione Asimmetrica 34.1: Introduzione Fino ad ora abbiamo assunto che tutti gli agenti abbiano accesso alle stesse informazioni sul bene scambiato nel mercato. In questo capitolo studiamo

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 5 Informazione, organizzazione e mercato Cap. 3. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 5 Informazione, organizzazione e mercato Cap. 3. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 5 Informazione, organizzazione e mercato Cap. 3 Ing. m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Informazioni visita IPZS 9.30 Appuntamento in via Salaria n. 712,

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 6 I fallimenti del mercato Cap. 2. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 6 I fallimenti del mercato Cap. 2. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 6 I fallimenti del mercato Cap. 2 Ing. m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Le cause delle distorsioni Concorrenza insufficiente Rendimenti crescenti di scala

Dettagli

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni:

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni: ASIMMETRIE INFORMATIVE (Cap. 34 di Hey) Tener conto delle asimmetrie informative consente di evidenziare alcuni importanti elementi che la teoria standard - assumendo informazione completa e simmetrica

Dettagli

Dispensa 4. June 11, 2009

Dispensa 4. June 11, 2009 Dispensa 4 June 11, 2009 1 Il mercato dei bidoni Il problema della selezione avversa è dovuto al fatto che l agente detiene informazioni private (delle quali il principale non è a conoscenza) prima della

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico?

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? Davide Natale Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? 1) Perché il mercato fallisce? Il mercato fallisce prevalentemente a causa della presenza di tre fenomeni, che

Dettagli

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica.

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Lezione 9 Informazione Asimmetrica Informazione e mercati competitivi Mercati perfettamente competitivi: tutti gli agenti sono pienamente informati circa i beni scambiati e sul funzionamento del mercato.

Dettagli

Politica economica: Lezione 16

Politica economica: Lezione 16 Politica economica: Lezione 16 II canale: M - Z Crediti: 9 Corsi di laurea: Nuovo Ordinamento (DM. 270) Vecchio ordinamento (DM. 590) Politica Economica - Luca Salvatici 1 Tipi di beni Beni di ricerca

Dettagli

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Corso di Laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia Introduzione allo studio dell Economia I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA (Capitolo 1) Il termine economia... Deriva da una parola greca che significa

Dettagli

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline Equilibrio di Nash

Dettagli

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta Monopolio L assenza di condizioni di concorrenza perfetta è causa di fallimento del mercato per la difficoltà delle parti a trovare un accordo potenzialmente vantaggioso p Condizione di max profitto del

Dettagli

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 Fausto Panunzi 2 Settembre 2009 Perché il mercato del credito è diverso da altri mercati? La crisi finanziaria emersa nell autunno 2008

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Guida per gli acquirenti

Guida per gli acquirenti Guida per gli acquirenti Abbiamo creato una breve guida per i privati al fine di fornire le informazioni più importanti per l acquisto di un azienda. Desiderate avere una vostra azienda? L acquisto di

Dettagli

Corso di Economia Applicata

Corso di Economia Applicata Corso di Economia Applicata a.a. 2007-08 II modulo 12 Lezione Asimmetrie informative e Adverse Selection Soluzioni per l Adverse Selection? selezione (screening ) segnalazione razionamento le soluzioni

Dettagli

6.4 Risposte alle domande di ripasso

6.4 Risposte alle domande di ripasso Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza 45 6.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Se si potesse falsificare il segnale, questo cesserebbe di essere un segnale perché diventerebbe

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007 Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani AA. 2006-2007 Problemi del Coordinamento 3 Coordinamento Un coordinamento consiste in accordo preventivo con il quale 2 o più attori uniscono i propri

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

Modulo: Scarsità e scelta

Modulo: Scarsità e scelta In queste pagine è presentato un primo modello di conversione di concetti, schemi e argomentazioni di natura teorica relativi all argomento le scelte di consumo (presentato preliminarmente in aula e inserito

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

Economia Pubblica Informazione incompleta e Azzardo morale

Economia Pubblica Informazione incompleta e Azzardo morale Economia Pubblica Informazione incompleta e Azzardo morale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline Asimmetrie Informative Giochi

Dettagli

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI 5-1. I politici ambientalisti spesso sostengono che è redditizio per le imprese perseguire una strategia amica dell ambiente (per esempio, costruendo fabbriche

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione. ELORTO DL PR ON LINE DI ECONOMI DEI CONTRTTI 5.7. ssicurazione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività di screening di una compagnia assicurativa (per definizione neutrale

Dettagli

Industrial organization e teoria dei giochi (II modulo) [Contratti, incentivi, impresa]

Industrial organization e teoria dei giochi (II modulo) [Contratti, incentivi, impresa] Industrial organization e teoria dei giochi (II modulo) [Contratti, incentivi, impresa] Lezion4 - Selezione avversa, screening e segnalazione Asimmetrie informative pre-contrattuali e selezione avversa

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Tratto dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Domanda 1 (Problema 3. dal Cap. 11 del Libro di Testo) Curva di offerta degli stereo portatili

Dettagli

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian)

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Introduzione al Corso Nozioni Propedeutiche di base: Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Matematica generale Metodo e Finalità dell Apprendimento:

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari tra mercato e intervento pubblico Tutti i sistemi

Dettagli

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B,

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B, Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Hai lavorato tanto e adesso ti si prospettano diversi mesi in cui potrai rilassarti in vista della prossima estate. Sarebbe bello se fosse così semplice,

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA DELL ORGANIZZAZIONE

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA DELL ORGANIZZAZIONE DISPENSA 5 Economia ed Organizzazione Aziendale INTRODUZIONE ALL ECONOMIA DELL ORGANIZZAZIONE 1 LA CRESCITA DELLE ORGANIZZAZIONI La teoria economica tradizionale: la teoria dei mercati la mano invisibile

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase COSA ABBIAMO IMPARATO FINORA (PARTE TERZA) Un economia perfettamente concorrenziale è in grado di raggiungere l ottimalità-paretiana (=una

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

Giochi e decisioni strategiche

Giochi e decisioni strategiche Teoria dei Giochi Giochi e decisioni strategiche Strategie dominanti L equilibrio di Nash rivisitato Giochi ripetuti Giochi sequenziali Minacce impegni e credibilità Deterrenza all entrata 1 Giochi e decisioni

Dettagli

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Qual è lo scopo del colloquio di selezione? Lo scopo del colloquio di selezione è: CAPIRE L INVESTIMENTO CHE DOVREMO FARE SULLA PERSONA IN

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Economia Pubblica Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline I Richiami di Economia del Benessere Economia di mercato e Intervento pubblico

Dettagli

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative Capitolo 17 Mercati con asimmetrie informative Argomenti discussi Incertezza sulla qualità nel mercato dei bidoni Segnalazione Moral Hazard (azzardo morale) Micro F. Barigozzi 2 Perchè il mercato fallisce

Dettagli

Norme in materia di corruzione

Norme in materia di corruzione Norme in materia di corruzione 1 Introduzione 1.1 Obiettivo L obiettivo delle presenti norme è quello di garantire che Ebiquity e i suoi dipendenti agiscano in conformità alle politiche e alla buona prassi

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

1.4 Risposte alle domande di ripasso

1.4 Risposte alle domande di ripasso Pensare da economisti 1 1.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Il costo opportunità di leggere un romanzo questa sera consiste nel non poter fare qualsiasi altra cosa avreste voluto fare in alternativa.

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Economia delle istituzioni Seconda settimana (5 febbraio 8 marzo 2007)

Economia delle istituzioni Seconda settimana (5 febbraio 8 marzo 2007) Economia delle istituzioni Seconda settimana (5 febbraio 8 marzo 2007) 1 Le asimmetrie informative Alcuni individui dispongono di informazioni private che altri non hanno Es: produttori/consumatori imprenditori/compagnia

Dettagli

Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati

Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati ebook pubblicato da: www.comefaresoldi360.com Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati Perché possono essere una fregatura Come e quanto si guadagna Quali sono le aziende serie Perché alcune aziende ti pagano

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico

Dettagli

VENDERE BENE LA TUA CASA,

VENDERE BENE LA TUA CASA, 1 SCOPRI I SEGRETI PER VENDERE BENE LA TUA CASA, E LE AZIONI COMMERCIALI SBAGLIATE DA NON COMMETTERE. 2 Oggi il nostro compito è quello di proteggerti da tutto ciò che potrebbe trasformare Vendita di casa

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

L azzardo morale e il modello principale-agente

L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il problema principale agente Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate

Dettagli

PERSONAL BRANDING COME PROMUOVERSI & FARSI CAPIRE NEL MONDO DEL LAVORO

PERSONAL BRANDING COME PROMUOVERSI & FARSI CAPIRE NEL MONDO DEL LAVORO in collaborazione con PERSONAL BRANDING COME PROMUOVERSI & FARSI CAPIRE NEL MONDO DEL LAVORO Fausto Ciarcia (Direttore HR W. Astoria Hilton) Stefano Biscioni (Presidente ESI) Giovedi 13/03/2014 Salone

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al regolamento dell Autorità

Dettagli

TEMPO E RISCHIO. Il valore del denaro è funzione del tempo in cui è disponibile

TEMPO E RISCHIO. Il valore del denaro è funzione del tempo in cui è disponibile Esercitazione TEMPO E RISCHIO Il valore del denaro è funzione del tempo in cui è disponibile Un capitale - spostato nel futuro si trasforma in montante (capitale iniziale più interessi), - spostato nel

Dettagli

CONOSCERE L ASSICURAZIONE

CONOSCERE L ASSICURAZIONE CONOSCERE L ASSICURAZIONE VIDEO N.8 Investire i propri risparmi RISPARMIARE CON LE RIVALUTABILI Sono le polizze vita più tradizionali, adatte a chi cerca un rendimento costante nel tempo, e non vuole correre

Dettagli

CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE?

CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE? CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE? Se metti in soldi in banca che tasso di interesse ti danno? Il 2% forse. Se compri obbligazioni quale rendimento ti puoi aspettare? Quelle buone e non troppo rischiose

Dettagli

Come creare una CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE in solo 10 minuti e dal sicuro successo, attraverso un OGGETTO personalizzato!

Come creare una CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE in solo 10 minuti e dal sicuro successo, attraverso un OGGETTO personalizzato! Come creare una CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE in solo 10 minuti e dal sicuro successo, attraverso un OGGETTO personalizzato! Realizzato da Luca Giovannetti, responsabile marketing di Europromo La società Europromo

Dettagli

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai:

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei

Dettagli

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria. Supponete che la funzione di utilità di un agente sia u x. La remunerazione è rappresentata da un prospetto incerto, che prevede un reddito di 800 nel

Dettagli

Assicurazione e contratto assicurativo

Assicurazione e contratto assicurativo Teoria dei giochi, A.A. 2002/03 c Fioravante Patrone 1 Assicurazione e contratto assicurativo Consideriamo il problema di assicurarsi contro un sinistro. Vediamo le ragioni per cui può verificarsi il fatto

Dettagli

Domanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus

Domanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus omanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus Il comportamento dei consumatori relativamente ad un certo bene viene, come noto, descritto di solito tramite una curva di domanda: una curva

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al

Dettagli

5.4 Risposte alle domande di ripasso

5.4 Risposte alle domande di ripasso 34 Capitolo 5 5.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Poiché in seguito all applicazione dell imposta la benzina diventerà comunque relativamente più costosa rispetto ad altri beni, i consumatori tenderanno

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta Domande di ripasso 1. In un sistema a riserva frazionaria il sistema bancario crea moneta perché in genere le banche detengono come riserva solo una parte dei

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB)

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Prot. N.3548 a/19 Atti Albo Pretorio Sito web PER I DOCENTI SCUOLA PRIMARIA (SECONDO BIENNIO) E SECONDARIA DI PRIMO GRADO Estratto da articolo di Cornoldi e al., 2010: Il primo strumento compensativo per

Dettagli

Richiami di microeconomia

Richiami di microeconomia Capitolo 5 Richiami di microeconomia 5. Le preferenze e l utilità Nell analisi microeconomica si può decidere di descrivere ogni soggetto attraverso una funzione di utilità oppure attraverso le sue preferenze.

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Le famiglie, il motore dell economia

Le famiglie, il motore dell economia Le famiglie, il motore dell economia Sommario 1. Le famiglie, protagoniste dell'economia... 2 1.1 Le attività delle famiglie... 2 2. Il lavoro e le fonti di reddito... 2 3. I consumi... 3 3.1 La propensione

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 1 e 2

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 1 e 2 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 1 e 2 Domanda 1 Quali dei seguenti costi sono rilevanti per decidere se portare avanti o meno un attività?

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa

1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa 1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa L esecuzione delle operazioni necessarie all impresa per svolgere il suo compito, cioè combinare fattori di produzione per ottenere un profitto, richiede

Dettagli

Guida per i venditori

Guida per i venditori Guida per i venditori Vendere un azienda può essere complicato e impegnativo ed è generalmente un evento che si presenta una volta nella vita. Vi preghiamo di leggere con attenzione i seguenti paragrafi.

Dettagli