Corso di laboratorio di didattica della matematica. Analisi e risoluzione dei problemi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di laboratorio di didattica della matematica. Analisi e risoluzione dei problemi"

Transcript

1 Corso di specializzazione per l insegnamento Corso di laboratorio di didattica della matematica Analisi e risoluzione dei problemi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNOS.I.C.S.I. A/059 aa , doc. prof. L. Di Lascio CANDIDATA: RENDINA ITALIACORNELIA

2 Che problema sto problema Analisi e risoluzione dei problemi

3 Questo modulo di apprendimento è destinato ai ragazzi di prima media. Prerequisiti: -le quattro operazioni fondamentali. Obiettivi generali: - far comprendere l importanza di un attenta ed accurata lettura del testo di un problema. - Analizzare i dati e collegarli opportunamente con specifiche conoscenze. - Abituarsi a schematizzare con ordine e precisione dati e operazioni.

4 - Saper costruire un diagramma di flusso e comprenderne l utilità. - Acquisire ed utilizzare le tecniche risolutive di alcuni tipi di problemi. Contenuti: Lettura, analisi critica e ipotesi di soluzione di semplici problemi matematici e di vita comune. Metodologie: - Suddivisione in gruppi della classe, con conseguente disposizione dei banchi. - È mia intenzione impostare le lezioni in maniera non canonica, ma richiedendo la continua partecipazione dei ragazzi.

5 Mezzi e strumenti: - Testo scolastico. - Appunti portati da me. Spazi e tempi: - L intera unità si svolgerà in classe. - Prevedo che per lo svolgimento dell unità mi siano necessari almeno 8 settimane. Verifica e Valutazione - Verifiche intermedie verranno eseguite periodicamente in classe. - La verifica finale sarà eterogenea, con la somministrazione di test a risposta multipla, domande vero o falso e a risposta aperta.

6 Premessa Con il termine problema spesso si riferisce ad attività di diverso tipo. Alcuni problemi sono semplici esercizi applicativi, che richiedono al ragazzo di ricercare la formula, il procedimento necessario a trovare la soluzione. Questo tipo di problema permette sia di verificare l acquisizione di determinate competenze, sia di capire se l allievo comprende e utilizza correttamente il linguaggio specifico.

7 Premessa Altri tipi di problemi invece, implicano l attivazione di competenze nuove a situazione già note. Questo tipo di problema permette di verificare la capacità dell allievo di applicare le proprie conoscenze per arrivare a soluzioni creative.

8 Obiettivo specifico. - Individuare e riconoscere le informazioni. Osservazione. Intenzionalmente verrà utilizzato un linguaggio che riconduce molto alla programmazione e all informatica.

9 Contenuti Informazioni Memoria - Dati Risolvere un problema significa raggiungere degli obiettivi, che di solito sono chiaramente espressi dalle domande contenute nel testo del problema. Per raggiungere tali obiettivi è necessario anzitutto individuare quali sono le informazioni che ci vengono fornite dal problema e poi, in base a queste e a quello che il problema ci chiede di calcolare, decidere quale strada deve essere percorsa, cioè quale procedimento deve essere seguito, quali formule devono essere applicate, quali operazioni di calcolo sono necessarie.

10 Applicare delle formule note e fare delle operazioni significa utilizzare le informazioni che sono in nostro possesso, che generalmente ci suggeriscono il procedimento per risolvere il problema e che sono contenute nella traccia del problema. L insieme delle informazioni già in nostro possesso possiamo chiamarla memoria, mentre le informazioni che ci vengono fornite dal problema le chiameremo dati. Fondamentale poi è tenere sempre a mente ciò che il problema ci chiede di calcolare, cioè quello che viene comunemente indicato con il termine di risultato, che noi potremmo indicare con il termine di incognita.

11 Informazioni Si dividono in Si dividono in Memoria Dati è sono Conoscenze già in nostro possesso Informazioni che ci vengono fornite dal problema servono per calcolare Incognita

12 Verifica La classe viene suddivisa in gruppi: ad ogni gruppo verrà affidato il testo di un problema (è consigliabile utilizzare problemi simili a quelli già affrontati nella scuola elementare), chiedendo di individuare i dati e le richieste, riportandole schematicamente su di un foglio. Successivamente, i vari gruppi si scambieranno i fogli e ciascuno dovrà ricostruire il testo del problema, ricavandolo dalle informazioni ricevute. A questo punto si confronteranno i testi elaborati dai ragazzi con i testi originali, invitando gli allievi a considerare si ci sono differenze significative. È bene lasciare ai ragazzi il tempo di discutere tra loro, evitando almeno per il momento di intervenire.

13 Obiettivo specifico. - Riconoscere l importanza delle informazioni. Contenuti. Informazioni inutili, sovrabbondanti : i dati forniti non servono alla soluzione del problema. Informazioni insufficienti : i dati forniti dal problema non sono sufficienti a risolverlo. Informazioni incompatibili: i dati forniti non sono compatibili con il problema.

14 Esempio. Elena compra due rotoli di nastro adesivo da 1,5 metri a 0,50 e quattro rotoli da 2 metri a 0,70 l uno; quanto ha speso in tutto? I dati 1,5 metri e 2 metri, pur essendo espressi in forma numerica non sono in relazione con la richiesta del problema, che riguarda solo la spesa, sono quindi dati superflui. Sarebbe utile chiedere ai ragazzi «I dati superflui quali altri problemi avrebbero potuto permettere di risolvere?»

15 Verifica Sempre mantenendo una suddivisione in gruppi, si consegnerà ad ogni gruppo un testo contenente, di volta in volta, dati inutili, incompatibili, sovrabbondanti, insufficienti, chiedendo di individuarli, e stendendo, per iscritto, una breve spiegazione. Si discuteranno, poi, le risposte. Vengono proposti di seguito alcuni esempi di problemi.

16 Verifica - In una palestra sono stati organizzati due corsi: al primo partecipano 10 bambini da 6 a 8 anni a all altro 15 bambini da 9 a 11 anni. Per i bambini del primo corso, la tuta costa 25,00 e per quelli del secondo 28,00. Quanto si spende per acquistare tutte le tute? - Marina compra cinque bottiglie di aranciata a 1,20 l una e tre scatole di biscotti a 1,80 l una. Paga con un biglietto da 10,00, quanto riceve di resto? - Una botte contiene 50 litri di vino; il contenuto viene diviso in 25 bottiglioni da 2 litri che vengono venduti a 3,00 l uno. Quanto si ricava in tutto?

17 Verifica - In un teatro ci sono uomini in numero metà di quello delle donne, inoltre ci sono 20 bambini. Quante persone ci sono in tutto? - Un commerciante possiede 60 litri di olio; ne versa una parte in damigiane da 3 litri e il resto in bottiglioni da 2 litri. Quanti bottiglioni riempie?

18 Obiettivo specifico. - Elaborazione dei dati e delle informazioni. Contenuti. L insieme dei ragionamenti e delle operazioni per giungere alla soluzione del problema viene detta elaborazione.

19 Possiamo schematizzare il procedimento risolutivo nel seguente modo: Esame dei dati del problema Prelevamento dalla memoria di quelle informazioni che il testo del problema ci suggerisce essere utile per la risoluzione Elaborazione dei dati Emissione del risultato

20 Verifica Tra i problemi affrontati nell attività precedente se ne sceglieranno alcuni, scartando quelli con i dati incompatibili, eliminando eventuali dati inutili o sovrabbondanti, o aggiungendo eventuali dati mancanti; si chiederà a ciascun gruppo una proposta di risoluzione. Si discuteranno le varie idee, confrontandole tra loro e invitando gli allievi a giudicarne l efficacia, la linearità e la chiarezza. Potrebbe essere utile chiedere a ciascun allievo di dare un giudizio in proposito per iscritto: «Per il problema n la soluzione, secondo me migliore è quella proposta da perchè»

21 Obiettivo specifico. - Saper costruire un diagramma di flusso e comprenderne l utilità: diagramma lineare. Contenuti. Molti studenti di fronte ad un problema da risolvere, hanno la pessima abitudine di passare direttamente ai calcoli, senza sapere dove questi calcoli li conduranno. Il metodo migliore per affrontare un problema è invece avere un programma da seguire, cioè prima di calcolare bisogna programmare.

22 Realizzare un programma adatto a risolvere un problema equivale a rispondere alle domande: 1. Quali operazioni sono necessarie? 2. In quale ordine devono essere fatte? Per visualizzare il programma da seguire si utilizza un particolare schema grafico detto diagramma di flusso.

23 Un diagramma di flusso è uno schema grafico che consente di visualizzare immediatamente quelle che devono essere le operazioni da seguire, e in generale, le azioni da compiere per conseguire un determinato risultato, nell ordine suggerito dall elaborazione del problema.

24 Per disegnare un diagramma di flusso si utilizzano comunemente alcuni simboli di forma geometrica, ognuno dei quali assume uno specifico significato. In particolare si ha il seguente schema: INIZIO FINE I simboli a forma di ellisse (figura che ricorda una circonferenza schiacciata) indicano l inizio (START) e la fine (STOP) del programma. Istruzioni da seguire I simboli a forma di rettangolo contengono le istruzioni Dati o risultati I simboli a forma di parallelogrammi invece contengono o i dati iniziali o il risultato finale. Schema 1.

25 Verifica Per far comprendere quanto detto, chiamerò un ragazzo alla lavagna e chiederò ai ragazzi di descrivermi un azione quotidiana. Ad esempio, per preparare una tazza di the, occorre innanzitutto prendere un pentolino, metterlo sul fornello, accendere il fuoco, aspettare che l acqua bolli, quindi mettere l acqua in una tazza contenente la bustina, lasciare in infusione, zuccherare, aggiungere latte o limone, secondo il proprio gusto, e bere. Le azioni da compiere verranno riportate alla lavagna, e dopo aver individuato tutti i passi, passeremo alla rappresentazione grafica, tenendo sott occhio lo schema dato in precedenza.

26 INIZIO Metti un pentolino con l acqua sul fornello Prepararsi una tazza di thè Accendi il gas Attendi che l acqua bolla Versa l acqua bollente in una tazza contenente una bustina di thè Lascia in infusione Zucchera a piacere, aggiungendo latte o limone, secondo il gusto Sorseggia lentamente FINE

27 Verifica Costruisci il diagramma di flusso relativo a ciascuna delle seguenti operazioni: aprire una porta, preparare un cappuccino, trovare un vocabolo sul dizionario, accendere il computer. I ragazzi dovranno prima descrivere le azioni, quindi rappresentarle con il diagramma di flusso.

28 Obiettivo specifico. - Saper costruire un diagramma di flusso e comprenderne l utilità: diagramma ciclico. Contenuti. Spesso un diagramma di flusso può presentare quella che si dice una struttura ciclica, cioè una particolare struttura in cui una o più operazioni devono essere ripetute più volte, finché si realizza una determinata condizione.

29 Graficamente, questa condizione si ha con l introduzione nel grafico di un rombo: Scelte alternative Simboli a forma di rombo: indicano la scelta da operare tra due possibilità. Una freccia entra nella figura e due ne escono. In sostanza se la risposta è si, faremo una cosa, se la risposta è no, ne faremo un altra.

30 Verifica Come la volta precedente chiamerò un ragazzo alla lavagna, e chiederò ai ragazzi di descrivermi un azione quotidiana, come ad esempio guardare un film alla televisione. Per guardare un film alla televisione, occorrerà prima accendere la televisione e selezionare il canale. A questo punto dovremo accertarci che l orario sia giusto. Se l orario è giusto, allora guarderemo il film, se l orario è sbagliato, allora spegneremo la televisione e aspetteremo l ora giusta. Quando questo accadrà, allora riaccenderemo la tv, selezioneremo il giusto canale, e vedremo il film. Graficamente avremo:

31 Inizio Guardare un film alla televisione Accendi la tv Selezionale il canale esatto Attendi L orario è giusto? NO Spegni la televisione SI Guarda il film Fine

32 Verifica Costruisci il diagramma di flusso relativo a ciascuna delle seguenti operazioni: comporre il colore celeste utilizzando il blu e il bianco (è troppo chiaro? è troppo scuro?), chiamare al telefono un compagno ( è in casa?), attraversare la strada sulle strisce pedonali ( passa qualche macchina?), comprare una rivista ( è in edicola?). I ragazzi dovranno, come fatto in precedenza, prima descrivere le azioni, quindi rappresentarle con il diagramma di flusso.

33 Obiettivo specifico. - Dare degli esempi di risoluzione dei problemi. Contenuti. Non è possibile dare delle regole generali con le quali risolvere qualsiesi tipo di problema. In generale ciascun problema richiede un procedimento più o meno diverso da quello degli altri, procedimento che viene suggerito dai dati e dalle informazioni. Molto importante è l esperienza.

34 Risolvere tanti problemi è il modo migliore per imparare a risolvere i problemi.

35 A questo punto, verranno proposti ai ragazzi dei problemi, in cui si richiede un po di fantasia per raggiungere la soluzione. Ogni problema sarà accompagnato da una tabella dei dati, delle eventuali informazioni e delle incognite, cioè da ciò che vogliamo calcolare. Alla fine ci sarà poi l elaborazione di un diagramma di flusso. Al solito, verrà stimolato il più possibile l intervento dei ragazzi, ritagliando per me il solo ruolo di tutor, di accompagnatrice nella ricerca di soluzione e di suggeritrice, almeno nella prima spiegazione.

36 Esempio. Problema. 5 matite e 6 quaderni costano 3.77; 5 matite e 9 quaderni costano Quanto costano 4 matite e 4 quaderni? Dati A : costo di 5 matite e 6 quaderni = 3.77 B : costo di 5 matite e 9 quaderni = 5.00 Incognita X : costo di 4 matite e 4 quaderni

37 Elaborazione Immaginiamo che chi ha comprato 5 matite e 9 quaderni, spendendo 5.00, torni dal cartolaio e gli restituisca 5 matite e 6 quaderni, ricevendo indietro 3.77, cioè il costo della merce restituita. Che cosa ha comprato in pratica? 3 quaderni Quanto ha speso? ( )= 1.23 Abbiamo quindi a disposizione un nuovo dato ( che idealmente aggiungiamo nella tabella dei dati): C : costo di tre quaderni = 1.23

38 Dividendo C per 3 otteniamo il costo di ogni singolo quaderno, ottenendo come nuovo dato: D : costo di un quaderno = C:3 Moltiplicando D per 6 otteniamo il costo di 6 quaderni: E : costo di 6 quaderni = D 6 Il costo delle 5 matite lo possiamo calcolare sottraendo ad A ( costo di 5 matite e 6 quaderni) E ( costo di 6 quaderni): F : costo di 5 matite = A-E

39 Conoscendo F possiamo dividerlo per 5, ottenendo il costo di 1 matita: G : costo di 1 matita = F : 5 A questo punto possiamo calcolarci il valore di X (costo di 4 matite e 5 quaderni), che è la soluzione del problema, infatti: X = (G 4) + (D 4)

40 Inizio A = 3.77 B = 5.00 Dati del problema: A costo 5 matite e 6 quaderni B costo 5 matite e 9 quaderni Calcola C = B - A C (costo 3 quaderni)= ( ) = 1.23 Calcola D = C : 3 D (costo di 1 quaderno) = (1.23 :3) = 0.40 Calcola E = D 6 E (costo di 6 quaderni) = (0.40 6) = 2.40 Calcola F = A - E F (costo di 5 matite)= ( ) = 1.37 Calcola G = F : 5 G (costo di 1 matita) = (1.37 : 5) = 0.27 Calcola X = 4G 4D X (costo di 4 matite e 4 quaderni)= ( ) = 2.69 X = 2.69 Risultato Fine

41 Verifica. Leggere il problema, riempire gli spazi vuoti e quindi tracciare il diagramma di flusso. Problema. Un commerciante all ingrosso acquista uno stock di cappelli a 1.65 cadauno e li rivende a 2.00 cadauno, realizzando un guadagno complessivo di 620. A quanto avrebbe dovuto rivendere ogni cappello per guadagnare invece ( guadagno ipotetico complessivo)? Dati A : prezzo di acquisto di 1 cappello = B : prezzo di vendita di 1 cappello = C : guadagno reale complessivo = D : guadagno ipotetico complessivo =

42 Incognita. X :. Elaborazione E : guadagno reale su ogni cappello =. F : numero dei cappelli =. G : guadagno ipotetico su ogni cappello =. X = F G = Questa verifica viene eseguita in classe, con la mia supervisione

43 Verifica. Programma la risoluzione dei seguenti problemi mediante un diagramma di flusso, a fianco del quale esegui le operazioni necessarie. 1. Un cartolaio vende 7 quaderni ad un prezzo complessivo di Quanto costerebbero 12 quaderni? 2. In una famiglia il padre guadagna , la madre meno del padre, e il figlio maggiore meno della madre. A quanto ammonta il guadagno settimanale di tutta la famiglia? 3. Andrea compra un panino e una cioccolata spendendo 1.30, Leonardo 2 panini e una cioccolata spendendo Quanto costa un panino e una cioccolata?

44 Obiettivo specifico. - Dalle operazioni al testo: ricostruire il testo di un problema conoscendo le operazioni da fare.

45 Esempio = = 16 Testo: Marco ha 15 figurine, ne regale 5 a Federico, e in seguito, ne acquista altre 6. Quante figurine, alla fine, avrà Marco?

46 Verifica. Inventa dei problemi che corrispondano alla seguente sequenza di operazioni: = : 3 = = = = = = = 165

47 Obiettivo specifico. - Iniziare a capire che la matematica è uno strumento utile giornalmente.

48 Problema. Abbiamo raccolto e vogliamo comprare il biglietto del cinema e la merenda per tre persone. Il biglietto costa 8.00; ci sono merendine da 1.50 l una e confezioni da quattro merendine Quale scelta conviene fare? Si chiederà ai ragazzi di proporre una soluzione, commentandola brevemente.

49 Discutendo le proposte, si farà osservare che ci possono essere più interpretazioni per il termine conviene ( si può spendere meno, oppure spendere di più ma acquistare di più), e quindi si possono avere più risposte giuste. Non sempre ci si deve aspettare un unico risultato: ad esempio, nel problema proposto, si può acquistare una confezione di 4 merendine, anziché 3 merendine, si spendono 0.50 in più ma avanza una merendina ( che costa più di 0.50 ). Questo tipo di problemi potrebbero lasciare perplessi i ragazzi, in quanto nell immaginario collettivo, la matematica è sinonimo di certezza, però sicuramente servirà ad avvicinare la matematica alla realtà quotidiana.

50 Obiettivo specifico. - Far capire che tutti i risultati vanno verificati, e non accettati acriticamente.

51 Riprendiamo il problema precedente: Problema. Abbiamo raccolto e vogliamo comprare il biglietto del cinema e la merenda per tre persone. Il biglietto costa 8.00; ci sono merendine da 1.50 l una e confezioni da quattro merendine Quale scelta conviene fare? Si potrebbe ragionare così: compriamo i tre biglietti del cinema, e quindi spendiamo 24.00, e poi, per sapere quante merendine possiamo comprare, dividiamo il resto, cioè 5.00 per 1.50, prezzo di ciascuna delle merendine.

52 Matematicamente, il ragionamento esposto non fa una piega, ma ci fornisce come risultato 3,33, cioè con 5.00 possiamo comprare 3.33 merendine. Ha senso questa risposta, all atto pratico? La domanda che ci dobbiamo porre è: ma questa soluzione è quella giusta? Bisogna far capire ai ragazzi che, in generale, una volta risolto un problema, bisogna perdere ulteriori cinque minuti per capire se la risposta trovata è compatibile con il problema.

53 Verifica. Sempre mantenendo una suddivisione in gruppi, si fornirà ad ogni gruppo il testo di un problema, accompagnato da un soluzione, chiedendo di verificare se questa è compatibile con i dati e le richieste, e se è unica. Un camion trasporta 150 kg di frutta, tra cui 24 cassette più piccole, ciascuna da 2,5 kg e alcune casse, più grandi da 5 kg l una. Quante sono le casse grandi? Risposta: ci sono 20 casse grandi.

54 La maestra vuole comperare caramelle per i suoi 16 scolari; ci sono in vendita confezioni da 20 caramelle a 2.20, e da 50 caramelle a Se la maestra vuole dare 10 caramelle ad ogni bambino quale soluzione le conviene? Risposta: deve comperare 8 confezioni da 20 caramelle, spendendo Si discuteranno insieme le risposte date dai gruppi.

55 Verifica finale. 1. Stabilisci se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa: Risolvere un problema significa raggiungere degli obiettivi L insieme delle informazioni già in nostro possesso sono dette MEMORIA I DATI sono le informazioni che ci vengono fornite dal problema È possibile risolvere un problema ignorando i dati in esso contenuto La prima cosa da fare per risolvere un problema è riunire in una tabella tutti i dati ed esaminarli attentamente L insieme dei ragionamenti e delle operazioni fatte per risolvere un problema è detto ELABORAZIONE Un diagramma di flusso fornisce una idea chiara e precisa del susseguirsi delle operazioni necessarie a risolvere i calcoli numerici I calcoli vanno effettuati prima di scrivere un diagramma di flusso Le soluzioni di un problema sono sempre uniche Esistono dei procedimenti generali grazie ai quali è possibile risolvere qualsiesi tipo do problema V V V V V V V V V V F F F F F F F F F F

56 Criteri di valutazione della prova Per ogni risposta esatta verrà dato un punto, per ogni risposta sbagliata non verrà attribuito alcun punto: - per un punteggio complessivo inferiore a 5 la prova non viene considerata superata. - per un punteggio complessivo pari a 6 : sufficiente. - per un punteggio complessivo pari a 7 : più che sufficiente. - per un punteggio complessivo pari a 8 : buono - per un punteggio complessivo pari a 9 : ottimo - per un punteggio complessivo pari a 10: eccellente

57 2. Segna con una crocetta la casella giusta: La prima cosa da fare nell affrontare un problema è: A B C capire bene i dati fare il diagramma di flusso passare ai calcoli In un diagramma di flusso, le figure geometriche utilizzate sono: A B C Nell impostare un diagramma di flusso le operazioni devono: A B C essere scritte in modo casuale essere fatte prima le addizioni e poi le moltiplicazioni eseguite secondo l ordine dell elaborazione del problema

58 Per risolvere un problema, ci vuole anche un pò di: A B C fantasia iniziativa ispirazione Nei problemi di vita quotidiana, esiste: A B C sempre una unica soluzione un procedimento rigido da applicare più soluzioni, ugualmente valide I risultati di un problema vanno: A B C comunque accettati giustificati e verificati ignorati

59 Criteri di valutazione della prova Tra le alternative date, solo una risposta è quella giusta. Per ogni risposta data esattamente, verrà assegnato un punto, per ogni risposta non data verranno assegnati 0 punti. La prova si riterrà superata se si consegue un punteggio superiore a 3.

60 3. Risolvi i seguenti problemi, evidenziando i dati inutili o sovrabbondanti, individuando gli eventuali dati mancanti e incompatibili, sempre motivando le risposte date: 1. Sono uscito con e ho comprato quattro bottiglie di coca cola da 1,5 litri a 2.50 ciascuna, e sei bottiglia da 2 litri a 3.00 ciascuna. Quanto ho speso in tutto? E quanto mi è rimasto? 2. Su di un piatto della bilancia dispongo 150 g, diviso in tre pesi da 50g, un peso da 200 g e 3 pesi da 10g. Quanto ho messo in tutto sul piatto? Se sull altro piatto metto 250g, quanto altro debbo metterci se voglio che la bilancia sia in equilibrio ( ricordando che i due piatti della bilancia sono in equilibrio se su entrambi i piatti c è lo spesso peso)?

61 3. Mauro ha comprato cinque pacchetti di figurine di calciatori, da sei figurine ciascuno e otto pacchetti da quattro figurine ciascuno. Se già possedeva 120 figurine e ne regale dieci a suo fratello, quante figurine avrà alla fine? 4. Un automobilista viaggia a velocità costante per due ore, poi percorre altri 30 km. Quale distanza ha percorso? 5. Un rappresentate di giocattoli deve percorrere 380 km. Dopo 140 km di viaggio si ferma a un autogrill, si ferma ancora dopo altri 90 km e si ferma una terza volta dopo altri 80 km. Quanti altri km deve percorrere ancora? 6. Ho venduto 50 metri di stoffa, ricavando in tutto. Quanto ho guadagnato al metro?

62 7. Sul piatto sinistro di una bilancia ho disposto 500 grammi, suddivisi in pesi da 120 grammi ciascuno, sul piatto destro un peso da 300 grammi. Quanti grammi devo aggiungere sul piatto destro per equilibrare la bilancia?

63 4. Associa le seguenti sequenze di operazioni ai rispettivi testi: 20 5 = = 22 Marco ha 15 pacchetti di figurine da 4 figurine ciascuna, se gli regalano altre 6 figurine, quante figurine avrà in tutto? 15 4 = = 66 Ho contato 6 volte dieci minuti e poi ho contato altri 30 minuti. Quanti minuti sono passati in tutto? 6 10 = = 90 La mamma ti manda a comprare prima 6 panini, e poi altri 5. Se ciascun panino costa 15 centesimi, quanto hai speso in tutto? 6 +5 = = 165 Laura ha 20 caramelle, ne regala 5 alla sua sorellina,e ne riceve altre 7 dalla mamma. Quante caramelle, alla fine, avrà in tutto?

SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA. Emidio Tribulato. Centro studi LOGOS - Messina

SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA. Emidio Tribulato. Centro studi LOGOS - Messina SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA Emidio Tribulato Centro studi LOGOS - Messina 1 Emidio Tribulato SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA C 2010- Tutti i diritti

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2004 2005 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Quarta. Codici. Scuola:... Classe:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2004 2005 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Quarta. Codici. Scuola:... Classe:... Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2004

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Non è un problema! Esperienze in atto per guardare senza timore il problema

Non è un problema! Esperienze in atto per guardare senza timore il problema Non è un problema! Esperienze in atto per guardare senza timore il problema Un po di storia Da sempre vi sono momenti in cui ciascun insegnante fa il punto sul percorso proposto ai suoi alunni e spesso

Dettagli

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero)

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) Ins. Margherio Guglielmina. Scuola Primaria di Mazzè. Classe Seconda. Anno scolastico 2013-2014 Gli incontri con il prof. Trinchero sono stati molto

Dettagli

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Lezione 1: Cosa significa confrontare due lunghezze? Attività n 1 DOMANDA N 1 : Nel vostro gruppo qual è la matita più lunga? DOMANDA N

Dettagli

Vince il più piccolo. Contenuti

Vince il più piccolo. Contenuti Vince il più piccolo Livello scolare: 4 a classe Competenze interessate Contenuti Nuclei coinvolti Collegamenti esterni Comprendere il significato e l uso dello zero e della virgola. Comprendere il significato

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi.

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. PROGETTO SeT Il ciclo dell informazione Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. Scuola media Istituto comprensivo di Fagagna (Udine) Insegnanti referenti: Guerra Annalja, Gianquinto

Dettagli

Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata in ore. Attività individuali o di gruppo. Computer LIM Prove INVALSI Giochi matematici Materiale cartaceo

Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata in ore. Attività individuali o di gruppo. Computer LIM Prove INVALSI Giochi matematici Materiale cartaceo Griglia di progettazione dell'unità di competenza classi di riferimento 3A -3D Competenza da promuovere: L'alunno riconosce e risolve problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza.

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

Si può risolvere? Leggi attentamente, esegui i calcoli a mente, rispondi e completa.

Si può risolvere? Leggi attentamente, esegui i calcoli a mente, rispondi e completa. Si può risolvere? Leggi attentamente, esegui i calcoli a mente, rispondi e completa. I canarini Luca, che è un appassionato allevatore di canarini, compra, alla fiera di Borgopennuto, 4 canarini gialli.

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Quarta. Codici. Scuola:... Classe:..

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Quarta. Codici. Scuola:... Classe:.. Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quarta Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:. Spazio per l etichetta

Dettagli

Processo di risoluzione di un problema ingegneristico. Processo di risoluzione di un problema ingegneristico

Processo di risoluzione di un problema ingegneristico. Processo di risoluzione di un problema ingegneristico Processo di risoluzione di un problema ingegneristico 1. Capire l essenza del problema. 2. Raccogliere le informazioni disponibili. Alcune potrebbero essere disponibili in un secondo momento. 3. Determinare

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

La sezione di Matematica della prova nazionale

La sezione di Matematica della prova nazionale La sezione di Matematica della prova nazionale Giorgio Bolondi Roma, 18 aprile 2008 Presentazione Prova Nazionale 1 Cosa può valutare? I diversi processi valutativi messi in atto dall insegnante accompagnano

Dettagli

APPUNTI SU PROBLEMI CON CALCOLO PERCENTUALE

APPUNTI SU PROBLEMI CON CALCOLO PERCENTUALE APPUNTI SU PROBLEMI CON CALCOLO PERCENTUALE 1. Proporzionalità diretta e proporzionalità inversa Analizziamo le seguenti formule Peso Lordo = Peso Netto + Tara Ricavo = Utile + Costo Rata = Importo + Interesse

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva

Dettagli

Quinta Edizione Giochi di Achille e la tartaruga Giochi Matematici (10-12-09) Soluzioni Categoria E4 (Alunni di quarta elementare)

Quinta Edizione Giochi di Achille e la tartaruga Giochi Matematici (10-12-09) Soluzioni Categoria E4 (Alunni di quarta elementare) Il Responsabile coordinatore dei giochi: Prof. Agostino Zappacosta Chieti tel. 0871 65843 (cell.: 340 47 47 952) e-mail: agostino_zappacosta@libero.it Quinta Edizione Giochi di Achille e la tartaruga Giochi

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI. Gli acquisti

PERCORSI DIDATTICI. Gli acquisti PERCORSI DIDATTICI Gli acquisti di: Stefania Leonardi scuola: En. A. I. P. area tematica: Matematica pensato per: 9-12 anni PRESENTAZIONE: Le schede qui presentate sono state ideate per giovani con ritardo

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

Unità 18. Le certificazioni di italiano L2. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2 CHIAVI

Unità 18. Le certificazioni di italiano L2. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2 CHIAVI Unità 18 Le certificazioni di italiano L2 CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sul test di lingua per stranieri parole relative alle certificazioni di italiano,

Dettagli

PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIME DEL LICEO MURATORI ESERCIZI DI MATEMATICA

PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIME DEL LICEO MURATORI ESERCIZI DI MATEMATICA LICEO CLASSICO STATALE L. A. MURATORI con sezioni di Liceo Linguistico Via Cittadella, 50-411 MODENA - Tel. 059-4007 - FAX 059-497186 e-mail: mopc00008@pec.istruzione.it - mopc00008@istruzione.it Codice

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTALE ISTITUTO COMPRENSIVO B. da Montemagno DI QUARRATA a.s. 2012-2013 GRUPPO DI RICERCA-AZIONE DI MATEMATICA STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori Classi

Dettagli

MAJA FESTEGGIA IL COMPLEANNO A cura di Irene Ferlat

MAJA FESTEGGIA IL COMPLEANNO A cura di Irene Ferlat MAJA FESTEGGIA IL COMPLEANNO A cura di Irene Ferlat Disciplina Matematica Ordine e classe SP - V a Competenze 1. Affronta problemi di vario genere individuando e collegando informazioni utili e delineando

Dettagli

LEGGERE IL TESTO. 1^ tappa

LEGGERE IL TESTO. 1^ tappa LEGGERE IL TESTO 1^ tappa Per poter risolvere esattamente un problema matematico la prima cosa da fare è leggere bene il testo per comprendere la situazione che dobbiamo risolvere. Per fare questo serve

Dettagli

Guida alla somministrazione delle prove e alla valutazione dei punteggi

Guida alla somministrazione delle prove e alla valutazione dei punteggi Guida alla somministrazione delle prove e alla valutazione dei punteggi Il test di valutazione delle abilità di calcolo e di soluzione di problemi aritmetici (AC-MT nuova edizione) è composto da tre diverse

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Quinta. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Quinta. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN CLASSE SECONDA

LA MOLTIPLICAZIONE IN CLASSE SECONDA LA MOLTIPLICAZIONE IN CLASSE SECONDA Rossana Nencini, 2013 Le fasi del lavoro: 1. Proponiamo ai bambini una situazione reale di moltiplicazione: portiamo a scuola una scatola di biscotti (. ) e diamo la

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

Curricolo di matematica problemi con equazioni figurali

Curricolo di matematica problemi con equazioni figurali Curricolo di matematica problemi con equazioni figurali Presentazione dell attività svolta nelle classi delle Scuole Primarie e Secondarie di Primo Grado degli Istituti Comprensivi di Reggio Emilia: Pertini

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Esempi di didattica laboratoriale

Esempi di didattica laboratoriale Esempi di didattica laboratoriale Il curricolo di matematica nella scuola primaria e secondaria di primo grado Abbiamo visto che I nostri allievi non sanno applicare le abilità apprese a scuola ad un contesto

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe

Dettagli

Didattiche disciplinari integrate SSIS A.A. 2008/2009 Modulo di Matematica Docente L. Parenti

Didattiche disciplinari integrate SSIS A.A. 2008/2009 Modulo di Matematica Docente L. Parenti Didattiche disciplinari integrate SSIS A.A. 2008/2009 Modulo di Matematica Docente L. Parenti SCHEDE DI LAVORO La seguente rassegna di esempi deve essere analizzata nella duplice chiave di lettura: - aspetti

Dettagli

ATTIVITA : La compravendita. Situazione problematica

ATTIVITA : La compravendita. Situazione problematica La compravendita Traguardo di riferimento europeo: L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale Risolve facili problemi, mantenendo il controllo sia sul processo risolutivo, sia sui risultati;

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE TITOLO: I bisogni BREVE DESCRIZIONE DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO: in questa unità di apprendimento si vuole introdurre la classificazione dei bisogni dell uomo DIDATTIZZAZIONE

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

La pista del mio studio Riflettiamo sulla pista. Guida per l insegnante

La pista del mio studio Riflettiamo sulla pista. Guida per l insegnante Riflettiamo sulla pista Guida per l insegnante Obiettivi educativi generali Compito di specificazione - possiede capacità progettuale - è in grado di organizzare il proprio tempo e di costruire piani per

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Quinta. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2011 2012

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Quinta. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2011 2012 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva

Dettagli

Problema. Spesa di Giovanni dal. Problema

Problema. Spesa di Giovanni dal. Problema Giovanni spende in cartoleria 4 e 5 cent; in edicola 3,15. dal cartolaio paga con una banconota da 10. Quanto riceve di resto? Con il reso ricevuto, Giovanni ha potuto pagare il giornalaio o ha dovuto

Dettagli

SITUAZIONE A-DIDATTICA

SITUAZIONE A-DIDATTICA SITUAZIONE A-DIDATTICA DEFINIZIONE DELLA SITUAZIONE Si propone un esercizio sulle misure di lunghezza riguardante la classe IV elementare del circolo didattico San Ciro di Marineo, composta da 20 alunni.

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi Descrizione dell unità Titolo Frazioni con la LIM Autore Barbara Bianconi Tematica Come si traducono nel linguaggio della matematica un quarto in musica, una fetta di pizza, un terzo di un percorso prestabilito?

Dettagli

- si realizzano attività di composizione e scomposizione additiva attraverso le quali

- si realizzano attività di composizione e scomposizione additiva attraverso le quali L U.D MONETE E PREZZI è di grande importanza perché in questo campo d esperienza : - si struttura il significato valore del numero - si realizzano attività di composizione e scomposizione additiva attraverso

Dettagli

: = Tutti i bambini hanno avuto una casa? Sì No Quante case hai dato a ogni bambino? Scrivi la divisione che hai eseguito.

: = Tutti i bambini hanno avuto una casa? Sì No Quante case hai dato a ogni bambino? Scrivi la divisione che hai eseguito. LA DIVISIONE Divido per distribuire Ci sono 5 libri e 5 bambini. Quanti libri posso dare a ogni bambino? Collega ogni libro a un bambino e lo scoprirai. Tutti i bambini hanno avuto un libro? Sì No Quanti

Dettagli

COSTRUZIONE DEL CURRICOLO VERTICALE SUL METODO DI STUDIO. FINALITA Favorire il piacere allo studio OBIETTIVI GENERALI

COSTRUZIONE DEL CURRICOLO VERTICALE SUL METODO DI STUDIO. FINALITA Favorire il piacere allo studio OBIETTIVI GENERALI COSTRUZIONE DEL CURRICOLO VERTICALE SUL METODO DI STUDIO FINALITA Favorire il piacere allo studio GENERALI Acquisire un efficace metodo di studio Acquisire una buona autonomia di lavoro a scuola e a casa.

Dettagli

LEZIONE: Pensiero Computazionale. Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 15 Minuti.

LEZIONE: Pensiero Computazionale. Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 15 Minuti. 3 LEZIONE: Pensiero Computazionale Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 15 Minuti. Obiettivo Principale: Introdurre il modello del Pensiero Computazionale come metodo per la risoluzione

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2009 2010 PROVA DI MATEMATICA. Scuola secondaria di primo grado. Classe Prima

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2009 2010 PROVA DI MATEMATICA. Scuola secondaria di primo grado. Classe Prima Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di I

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEGLI ALGORITMI

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEGLI ALGORITMI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEGLI ALGORITMI Diagramma di flusso L algoritmo può essere rappresentato in vari modi, grafici o testuali. Uno dei metodi grafici più usati e conosciuti è il cosiddetto diagramma

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2004 2005 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di I grado. Classe Prima. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2004 2005 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di I grado. Classe Prima. Codici. Scuola:... Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2004

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda - Fascicolo 1

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda - Fascicolo 1 PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda - Fascicolo 1 Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2013 2014 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Fascicolo 1 Spazio per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PAGNACCO SCUOLA ELEMENTARE DE AMICIS PROGETTO SeT. Scheda di lavoro. Problemi procedurali NONSOLOCALCOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PAGNACCO SCUOLA ELEMENTARE DE AMICIS PROGETTO SeT. Scheda di lavoro. Problemi procedurali NONSOLOCALCOLO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PAGNACCO SCUOLA ELEMENTARE DE AMICIS PROGETTO SeT Scheda di lavoro Problemi procedurali NONSOLOCALCOLO Destinatari i bambini della IV classe elementare 1. Obiettivi formativi Sviluppo

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana giugno 2011 PARLARE Livello MATERIALE PER L INTERVISTATORE 2 PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri

Dettagli

Risparmiare sulla bolletta del telefono

Risparmiare sulla bolletta del telefono Livello scolare: 1 biennio Risparmiare sulla bolletta del telefono Abilità interessate In situazioni problematiche, individuare relazioni significative tra grandezze di varia natura (per esempio variazione

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

ESAME DI STATO PROVA NAZIONALE

ESAME DI STATO PROVA NAZIONALE Ministero della Pubblica Istruzione ESAME DI STATO Anno Scolastico 2007 2008 PROVA NAZIONALE Scuola Secondaria di I grado Classe Terza Classe:.. Studente:. Fascicolo 1 Istituto Nazionale per la Valutazione

Dettagli

Prove per l accertamento del livello conoscenza dell Italiano L2

Prove per l accertamento del livello conoscenza dell Italiano L2 Prove per l accertamento del livello conoscenza dell Italiano L2 PRE LIVELLO A1 6-8 anni PROVA N. 1 Ascolto di parole e riconoscimento del disegno corrispondente PROVA N. 2 Ascolto di frasi e riconoscimento

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA NUCLEI FONDANTI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCITIVA IL NUMERO CARATTERISTICHE Quantità entro il numero 20 Cardinalità Posizionalità RELAZIONI

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE Istituto di Istruzione Superiore G. Curcio Ispica I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. Angelo Carpenzano Dispensa di Informatica per il Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Sommario Sommario... I numeri...

Dettagli

INSIEME PERCHÉ QUALCOSA

INSIEME PERCHÉ QUALCOSA INSIEME PERCHÉ QUALCOSA DI NUOVO ACCADA IN CLASSE Matematica: le frazioni Istituto Comprensivo Camerano Scuola primaria: classi 3^A-B, 5^A-B Scuola secondaria 1 : classi 1^ A-B-C MAPPA CONCETTUALE CHE

Dettagli

SIMULAZIONE TEST INVALSI

SIMULAZIONE TEST INVALSI SIMULAZIONE TEST INVALSI STATISTICA E PROBABILITA Nel sacchetto A ci sono 4 palline rosse e 8 nere mentre nel sacchetto B ci sono 4 palline rosse e 6 nere. a. Completa correttamente la seguente frase inserendo

Dettagli

Cartella: L esperienza del contare. Attività: CONTIAMO I FAGIOLI

Cartella: L esperienza del contare. Attività: CONTIAMO I FAGIOLI Cartella: L esperienza del contare Attività: CONTIAMO I FAGIOLI www.quadernoaquadretti.it Attività testata da Martina Carola (Gruppo di ricerca sulla scuola primaria del Seminario di Didattica della Matematica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Titolo significativo Risolvere i problemi Insegnamenti coinvolti

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE I C PADRE GEMELLI-TORINO COMPETENZA IMPARARE AD IMPARARE Sapersi relazionare anno scolastico 2013-14 Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE

Dettagli

FLASH PER L'ANIMAZIONE 2

FLASH PER L'ANIMAZIONE 2 FLASH PER L'ANIMAZIONE 2 INTERPOLAZIONE DI FORMA Con questo tipo di interpolazione Flash calcola i fotogrammi intermedi che possono intercorrere fra la mutazione di una forma impostata in due fotogrammi

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2011 2012

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2011 2012 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva

Dettagli

Unità di apprendimento n. 4 Il mio amico Paint, un software per disegnare Prima Seconda

Unità di apprendimento n. 4 Il mio amico Paint, un software per disegnare Prima Seconda o INFORMATICA PER LA SCUOLA PRIMARIA o o di Manlio Monetta Mi presento : io sono PC Unità di apprendimento n. 4 Il mio amico Paint, un software per disegnare Prima Seconda Attività previste La seconda

Dettagli

. Il calcolatore di C. Bortolato. . I simboli > < = . La decina, il centinaio

. Il calcolatore di C. Bortolato. . I simboli > < = . La decina, il centinaio CLSS: 2 a PGMMZIN DI MTMTIC.S. 2012/2013 esa disponibile dall insegnante: Mariarosa Fornasier Nucleo fond. Competenze bilità Contenuti u.a / moduli / u.d. (percorso, attività, metodologia, tempi) Titolo

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008 Dimmi come mangi Codice 1 2 3 1. Inserisci qui l iniziale del nome di tua mamma 2. Inserisci qui le ultime tre cifre del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CANEVA DIPARTIMENTO AREA MATEMATICA-SCIENZE-TECNOLOGIA Scuola Primaria di SARONE. Il Supermercato a scuola

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CANEVA DIPARTIMENTO AREA MATEMATICA-SCIENZE-TECNOLOGIA Scuola Primaria di SARONE. Il Supermercato a scuola ISTITUTO COMPRENSIVO DI CANEVA DIPARTIMENTO AREA MATEMATICA-SCIENZE-TECNOLOGIA Scuola Primaria di SARONE Il Supermercato a scuola C osa? C ome? Q uando? P erché? Abbiamo scelto di creare a scuola un angolo

Dettagli

Capitolo 6 Simulazioni di prova preselettiva. Simulazione n 1

Capitolo 6 Simulazioni di prova preselettiva. Simulazione n 1 Capitolo 6 Simulazioni di prova preselettiva Simulazione n 1 Di seguito avrete modo di cimentarvi con 2 simulazioni di test, ciascuna costituita da 50 quiz. Provate ad effettuarle segnando le risposte

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Introduzione. Perché un altro libro sui quiz di logica?

Introduzione. Perché un altro libro sui quiz di logica? Introduzione Per gran parte dei concorsi pubblici, dall'accesso al'università alla selezione per posti lavorativi i quiz di logica solo parte importante dei quesiti selettivi. Non richiedono una preparazione

Dettagli

I TUOI ESAMI UNIVERSITARI

I TUOI ESAMI UNIVERSITARI COME PIANIFICARE Andrea Giuliodori autore di EfficaceMente.com I TUOI ESAMI UNIVERSITARI INDICE INTRODUZIONE 1 2 3 4 DECIDI A PRIORI QUANTO STUDIARE TROVA IL TUO RITMO IDEALE CREA IL TUO CALENDARIO DI

Dettagli

Manuale. Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons

Manuale. Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons Manuale Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons Premessa Gestione Biblioteca scolastica è un software che permette di gestire in maniera sufficientemente

Dettagli

Trattamento dell informazione

Trattamento dell informazione Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8 Trattamento dell informazione Prof. Giorgio Valle D.ssa Raffaella Folgieri giorgio.valle@unimi.it folgieri@dico.unimi.it Lez1 4.10.07 Trattamento

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare. Disciplina: Lingua italiana IL DIARIO

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare. Disciplina: Lingua italiana IL DIARIO Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Lingua italiana IL DIARIO Livello: A2 Gruppo 12 Autori: Bombini Lucia, Dal Pos Claudia, Galet Daniela, Pradal Paola Anna, Simionato Francesca

Dettagli

IL PAESE QUATRICERCHIO

IL PAESE QUATRICERCHIO Scuola dell infanzia di Santa Maria in Punta UNITÀ DI APPRENDIMENTO: IL PAESE QUATRICERCHIO UN MONDO DI FORME(prima parte) Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO GRIGLIA DI OSSERVAZIONE/RUBRICA

Dettagli

PERCORSO DI MATEMATICA classe V della Scuola Primaria. Silvia Vigliotta

PERCORSO DI MATEMATICA classe V della Scuola Primaria. Silvia Vigliotta PERCORSO DI MATEMATICA classe V della Scuola Primaria Silvia Vigliotta Traguardi per lo sviluppo delle competenze (Obiettivi di apprendimento) Legge e comprende testi che coinvolgono aspetti logici e matematici.

Dettagli

Il Test d ingresso per la Facoltà à di Scienze. PISA 3 dicembre 2008

Il Test d ingresso per la Facoltà à di Scienze. PISA 3 dicembre 2008 Il Test d ingresso per la Facoltà à di Scienze PISA 3 dicembre 2008 SOMMARIO Il documento ufficiale Esempio di test I punti del documento ufficiale della Conferenza delle Facoltà di Scienze Necessità di

Dettagli

Insegnare il coding. In Italia tra le linee guida del governo sulla «Buona scuola» «L educazione al pensiero computazionale e al coding»

Insegnare il coding. In Italia tra le linee guida del governo sulla «Buona scuola» «L educazione al pensiero computazionale e al coding» Il codingnella nella didattica metacognitiva Cos è il coding? Per coding si intende la stesura di un programma, cioè di una sequenza di istruzioni che eseguite da un calcolatore danno vita alla maggior

Dettagli

INTRODUZIONE I CICLI DI BORSA

INTRODUZIONE I CICLI DI BORSA www.previsioniborsa.net 1 lezione METODO CICLICO INTRODUZIONE Questo metodo e praticamente un riassunto in breve di anni di esperienza e di studi sull Analisi Tecnica di borsa con specializzazione in particolare

Dettagli

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Documentazione del lavoro svolto Anno scolastico 2010/2011 Scuola Primaria Statale Pennabilli Capoluogo

Dettagli

1. I database. La schermata di avvio di Access

1. I database. La schermata di avvio di Access 7 Microsoft Access 1. I database Con il termine database (o base di dati) si intende una raccolta organizzata di dati, strutturati in maniera tale che, effettuandovi operazioni di vario tipo (inserimento

Dettagli

LE MEDIE MOBILI CENTRATE

LE MEDIE MOBILI CENTRATE www.previsioniborsa.net 2 lezione METODO CICLICO LE MEDIE MOBILI CENTRATE Siamo rimasti a come risolvere il precedente problema del ritardo sulle medie mobili Quindi cosa dobbiamo fare? Dobbiamo semplicemente

Dettagli

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO. Costruzione di un itinerario turistico nella città di New York

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO. Costruzione di un itinerario turistico nella città di New York UDA Denominazione Prodotti UNITA DI APPRENDIMENTO Viaggio a New York Costruzione di un itinerario turistico nella città di New York Competenze chiave/competenze culturali GEOGRAFIA: L alunno si orienta

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade

Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade Chi conosce l Analisi Ciclica capirà meglio la sequenza logica qui seguita. Anche chi non consoce bene l Analisi

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Francesco Bottacin Padova, 24 febbraio 2012 Capitolo 1 Algebra Lineare 1.1 Spazi e sottospazi vettoriali Esercizio 1.1. Sia U il sottospazio di R 4 generato dai

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli