Alla ricerca di un nuovo Benessere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alla ricerca di un nuovo Benessere"

Transcript

1 Kirecò soc. coop. Soc. ONLUS Via di Roma 108, Ravenna, tel , fax CF PIVA R.IMPRESE Nr Iscr. Albo Coop a Mutualità Prevalente A Alla ricerca di un nuovo Benessere Progetto Economia domestica Nov

2 Premessa A partire dal 2008 il mondo occidentale e con esso l'italia, sta affrontando una crisi economica di dimensioni tanto importanti da configurarsi ormai più come un nuovo modello economico che come una bolla o un problema confinato ad un settore o ad un periodo limitato. Questa crisi sta costringendo moltissime persone/famiglie a ripensare in fretta modelli di consumo e stili di vita portandoli a rivedere anche abitudini considerate inattaccabili. La consapevolezza che non si potrà tornare ai livelli di consumo dei decenni passati è ormai una necessità consolidata ed espressa da tutti i soggetti economici internazionali. Tuttavia riconfigurare il proprio stile di vita risulta difficile da accettare per le singole persone in quanto questa consapevolezza mina le certezze più intime di una famiglia. Affrontare queste problematiche in solitudine si sta dimostrando sempre di più un'utopia e ciò è dimostrato dalla incredibile ascesa della sharing economy non solo come economia di mercato, ma anche e soprattutto come nuovo modello sociale dove la messa in comune del tempo e delle risorse sta tornando ad essere un importante motore economico e strumento di nuova tutela sociale. Vivere meglio, dare valore reale alle cose, ridurre progressivamente lo spreco e il superfluo è sempre di più un modello ed un imperativo nelle scelte quotidiane. Che cosa si propone Si propone un pacchetto di attività formative rivolto alle famiglie nell ambito dell apprendimento lungo tutto l arco della vita (lifelong learning) che le aiuti a ripensare le scelte quotidiane e costruire gruppi sociali di condivisione di tali scelte. Il concetto di resilienza, individuale e di comunità, inteso come capacità di far fronte in maniera positiva agli eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita dinanzi alle difficoltà, è un pilastro fondamentale della proposta. Il target di riferimento è costituito da tutte le persone/famiglie che hanno necessità e sensibilità sia per il risparmio che per il rispetto delle risorse del pianeta. Persone interessate alla ricerca di nuove soluzioni per il proprio benessere, anche a partire dalla riduzione di spese e di consumi. Azzerare gli sprechi dal cibo all'acqua, dall'energia ai rifiuti, dalla mobilità alla logistica, a partire dalle abitudini quotidiane produce un vantaggio individuale (di tipo economico) e collettivo (di tipo ecologico). Imparare a farlo insieme ad altri produce inoltre un beneficio immediato sul piano della condivisione e della coesione sociale. Le finalità non riguardano solo i partecipanti alle singole iniziative, ma sono di interesse per la collettività in quanto rivolte all accrescimento di un benessere individuale e collettivo, alla promozione di coesione sociale e di comportamenti socialmente responsabili. 2

3 Finalità del progetto - Rimettere al centro le persone, la consapevolezza delle proprie risorse e la capacità di fare - Facilitare la condivisione del lavoro domestico e la conciliazione dei tempi famiglia/lavoro - Stimolare comportamenti virtuosi per l'ambiente e vantaggiosi per l economia familiare/domestica - Promuovere l'apprendimento ed evitare l'obsolescenza delle competenze ed i rischi di emarginazione sociale (migrazione di competenze tra generazioni) - Promuovere relazioni, condivisione, responsabilità, socialità - Promuovere il miglioramento degli stili di vita dei partecipanti, attraverso modelli sostenibili che permettano di liberare risorse economiche Queste finalità non riguardano solo i diretti interessati, partecipanti alle singole iniziative, ma sono di interesse per la collettività in quanto rivolte all accrescimento di un benessere individuale e sociale, alla promozione di coesione sociale e di comportamenti socialmente responsabili. A chi si rivolge Il progetto viene proposto a vari livelli ed interlocutori: Singole persone con particolare attenzione alla difficoltà di conciliazione dei tempi di lavoro e di vita - Enti locali, Aziende sanitarie nell ambito dei Piani di zona per la salute e il benessere sociale (ad es. come attività dei Centri per le famiglie) - Imprese e associazioni di imprese già impegnate nell ambito della RSI (Responsabilità Sociale di Impresa) e del welfare aziendale - Enti di formazione e università della terza età, nell ambito dell educazione permanente degli adulti - Sindacati e associazioni di tutela dei consumatori - Associazioni di volontariato Destinatari Singole persone/famiglie che hanno deciso o stanno valutando per scelta o necessità di rimettere in discussione i propri stili di vita e di consumo. 3

4 Azioni La proposta complessiva, da sviluppare in un arco temporale annuale, prevede la realizzazione di: - Conferenze - Workshop - Laboratori In via sperimentale alcune azioni sono state inserite nei Piani di zona per la salute e il benessere sociale del Comune di Ravenna per il periodo 2014/2015. Obiettivi degli interventi Ogni iniziativa formativa rispecchia le finalità e punta a raggiungere uno o più dei seguenti obiettivi generali: - Migliorare le capacità di impostare e gestire il budget di casa - Contenere le spese, gli sprechi e la produzione di rifiuti attraverso alcune strategie: modalità di acquisto (anche collettivo), risparmio energetico, fai da te e reti di scambio, uso e riuso delle risorse - Migliorare la capacità di contrattazione delle spese fisse (banche, assicurazioni, utenze ) - Rafforzare l attenzione alla qualità dei consumi alimentari: riconoscere e selezionare prodotti di qualità, a filiera corta, in base alla stagionalità e alla reperibilità - Riscoprire la bellezza del fare per sé e per gli altri: preparazione domestica di alimenti di base, utilizzo di prodotti naturali per le pulizie, dare una seconda vita agli oggetti, piccole manutenzioni, creare oggettistica a partire da materiali poveri o di recupero,... - Coltivare qualità, bellezza e sicurezza degli ambienti di vita. Gli obiettivi sono declinati in dettaglio nelle schede dei singoli eventi/iniziative proposti nell ambito delle diverse aree tematiche di seguito descritte. 4

5 Aree tematiche/di contenuto Sostenibilità ambientale In che direzione sta andando il pianeta? I cambiamenti climatici e gli sconvolgimenti metereologici sono connessi? Quali scenari si prospettano per i prossimi anni? Partendo dall'analisi degli scenari per il futuro del pianeta e del nostro territorio prodotti da UNFCCC e dai dati forniti dai centri metereologici locali, si cercherà di capire cosa realmente e scientificamente sta accadendo intorno a noi e come comportarsi. L'incontro sarà finalizzato a comprendere i meccanismi globali e locali legati ai cambiamenti climatici alle ricadute quotidiane. Partendo dai concetti base della sostenibilità ambientale, delle responsabilità delle attuali potenze mondiali e al collegamento con le ricadute e le singole possibilità che ogni cittadino ha in mano cercheremo di fare un viaggio nel pianeta per capire cosa sta accadendo, perché e cosa dobbiamo aspettarci per il futuro immediato. Verranno presentate le strategie a livello globale e locale per affrontare le crisi ambientali e le relative implicazioni su ogni cittadino qui ed oggi. Si propone l'organizzazione di un workshop. 5

6 Economia condivisa Attingendo alle analisi di economisti, filosofi e sociologi si propone una lettura della crisi attuale come crisi della società della crescita. Globalizzazione e modello unico di economia, che ha come scopo una crescita fine a se stessa, hanno prodotto gravi ingiustizie sociali, danni ambientali ed effetti negativi sull economia reale e la sovranità degli stati. È davvero l unico mondo possibile o possiamo costruire un alternativa a tutto questo? E soprattutto possiamo affrontare questioni così complesse a partire da noi stessi e dai nostri gesti quotidiani? Gli incontri sono finalizzati a comprendere i meccanismi globali e a connetterli con le nostre esperienze, a partire dalla condivisione di alcuni elementi e definizioni di base: - le parole che ci servono: eco-nomia, (dal greco οἴκος (oikos), "casa" e νόμος (nomos), "norma" o "legge", eco-logia (dal greco: οίκος, (oikos), "casa" o anche "ambiente"; e λόγος, (logos), "discorso" o studio ) - storie di speculazioni, fallimenti e crisi economico finanziaria dal 2007 ai giorni nostri: prestiti NINJA, subprime, Leman Brothers, debiti sovrani - i limiti del PIL: un indicatore che non misura il benessere delle persone e non cresce più - come riportare la felicità al centro dell'analisi e delle proposte - modelli e ipotesi: decrescita felice, sviluppo umano, spreco zero - risposte alternative alla crisi, dai modelli alle esperienze: finanza etica, banca etica, moneta parallela, consumo collaborativo e critico - economia dello scambio: banca del tempo, couchsurfing, cohousing Si propone l'organizzazione di un workshop. 6

7 Ecologia domestica L ecologia è lo studio della vita, con particolare attenzione alle relazioni tra gli organismi ed il loro ambiente. La parola ecologia deriva dal greco oikos, che significa casa o posto per vivere o ambiente naturale e logos che significa discorso, quindi oikos + logos = ecologia. Letteralmente, l ecologia è lo studio della vita nella casa con particolare enfasi su tutte le relazioni o i modelli di relazione tra gli organismi ed il loro ambiente. Le continue emergenze ambientali e sociali, sia a scala locale sia planetaria, ci inducono ad una riflessione e cioè che alle soglie del terzo millennio, per invertire la tendenza in atto, che di sicuro non apporta benefici né al nostro pianeta né alla maggioranza degli esseri viventi, si pone in maniera chiara e inconfutabile l esigenza di uno sviluppo equo e solidale, col rispetto della diversità etnica e culturale, della salvaguardia della biodiversità di flora e fauna. Si propongono 4 incontri da 2-3 h ciascuno. Gli incontri sono finalizzati ad accrescere la consapevolezza sull impatto ambientale dei comportamenti quotidiani e sul vantaggio che deriva ai singoli (riduzione della spesa) e alla collettività (prevenzione delle criticità ambientali) affrontando di volta in volta i seguenti argomenti: - La riduzione dei consumi energetici domestici: eliminare gli sprechi energetici di acqua luce e gas; sicurezza, controllo e risparmio energetico degli impianti di riscaldamento; etichette energetiche, certificazione energetica degli edifici - Come ridurre la produzione di rifiuti: dall acquisto allo smaltimento differenziato, il compostaggio domestico, il riuso - Bio-edilizia: progettazione energetica, materiali bioecologici, esperienze e risultati - Green economy e mobilità sostenibile (car sharing e car pooling, acquisti verdi, Km zero, prodotti sfusi, ); prodotti e servizi a marchio ambientale. 7

8 Budget familiare Alla voce economia domestica, vecchia materia di studio della scuola dell obbligo per lo più riservata alle ragazze, troviamo oggi una molteplicità di consigli dispensati da singole persone e associazioni attraverso siti e blog, ma anche nuove esperienze di formazione. Se restituiamo all economia domestica il significato proprio della gestione economica ed ecologica a livello familiare, possiamo ricomprendere in questa funzione tutto ciò che ha a che vedere con la soddisfazione dei nostri principali bisogni all interno di un nucleo sociale primario: nutrirsi, scaldarsi, muoversi, relazionarsi. Tutti dedichiamo quotidianamente buona parte delle nostre risorse economiche e del nostro tempo ad acquistare beni e servizi per garantirci il maggior benessere possibile nelle tre dimensioni che caratterizzano la vita umana: il corpo, la mente, le relazioni. In questo senso l economia domestica rappresenta il filo conduttore di tutto il percorso. Molto di questo lavoro invisibile e non contabilizzato viene svolto da donne, ma l economia domestica non è necessariamente una loro prerogativa. Si propongono 5 incontri da 2-3 h ciascuno. Gli incontri sono finalizzati a migliorare le capacità di impostare e gestire il budget familiare, con l adozione di alcuni semplici strumenti e strategie per programmare e controllare le spese: Organizzazione e gestione della spesa per la casa tra costi fissi e variabili: dal quaderno a quadretti al foglio excel Economia domestica: eliminare gli sprechi e contrattare le spese fisse (banca, assicurazioni, utenze domestiche, telefoni, trasporti ); eliminare gli sprechi e ridefinire le priorità delle spese variabili (abbigliamento, igiene e cosmesi, alimentazione, manutenzioni, ) Standard igienici, tecniche di pulizia, cura della biancheria con prodotti a basso costo e basso impatto ambientale Disposizione, allestimento e arredamento della casa: alcune semplici regole tratte dal feng shui; manutenzione degli spazi abitativi; Laboratorio di sartoria 8

9 Alimentazione: qualità a spreco zero Nel contesto della profonda crisi che ci ha messo in ginocchio alcuni paradossi alimentari sono ancora più evidenti: la contemporanea presenza nel mondo di un miliardo di affamati e di altrettanti ipernutriti; la presenza di circa tre miliardi di animali da allevamento che consumano un terzo della produzione alimentare; la concorrenza per l uso del suolo agricolo fra produzione di cibo e di biocarburanti e infine gli sprechi alimentari. Nel mondo si butta via più di un terzo del cibo prodotto (A. Segrè, Vivere a spreco zero). E noi quanto sprechiamo di quel che acquistiamo, riponiamo in dispensa, cuciniamo? Si propongono una serie di incontri e laboratori da 3 h ciascuno. Gli incontri sono finalizzati ad esaminare qual è il nostro modello di consumo e di spreco e ad acquisire alcune abilità relative a: Comprare il cibo giusto: modalità di selezione dei fornitori, acquisto dei prodotti a filiera corta e bio, in base alla stagionalità e reperibilità; qualità dei prodotti e risparmio nell acquisto, conservazione e preparazione del cibo; Laboratorio - Storie e pratica delle più belle ricette a base di avanzi: di pane, di pasta, di carne, di frutta e verdura Laboratorio - Preparazioni di base e piatti della cucina tradizionale povera Laboratorio - Preparazioni di pasta, biscotti ed altri prodotti da riproporre a casa 9

10 Manutenzione e pulizia della casa Una miriade di prodotti chimici invade quotidianamente le nostre abitazioni. Le immagini pubblicitarie del bucato bianco splendente, di pavimenti lucenti, locali deodorati, sanitari perfettamente igienizzati, ecc. ci stimolano all acquisto di una molteplicità di prodotti, specializzati nella pulizia di qualcosa, spesso inutili ma estremamente pericolosi per la nostra salute e per l equilibrio ambientale. Le sostanze chimiche contenute nei detergenti e detersivi vengono infatti assorbite attraverso la pelle e inalate nei polmoni, risultando tossiche per il nostro organismo e, una volta finiti nello scarico fognario, causano gravi danni agli ecosistemi a partire dall inquinamento di laghi, mari, fiumi e delle falde acquifere e sono estremamente nocivi per la flora e la fauna acquatica. Si propongono 2 incontri ed 1 laboratorio da 3 h ciascuno. Gli incontri sono finalizzati alla conoscenza dei principali fattori di inquinamento domestico e all acquisizione di alcuni accorgimenti per ridurre le spese per l'acquisto dei detersivi per la pulizia della casa sostituendo i prodotti comunemente in commercio con alternative naturali. Pulizie ecologiche: 10 prodotti da non comprare; rimedi naturali e sapone fatto in casa La riscoperta di ingredienti semplici, innocui e facilmente reperibili, come il bicarbonato di sodio, l aceto, il sale ed il limone; liberare dai piccoli parassiti abiti e ambienti con rimedi naturali Laboratorio sapone home made 10

11 Accoglienza e convivialità Ricevere è il piacere di condividere qualcosa di buono e di bello, di offrire un po' di noi stessi a coloro che amiamo o consideriamo importanti. Ricevere significa considerare contemporaneamente diversi aspetti: aprire la casa agli altri e renderla accogliente creando un'atmosfera serena e rilassata, curare la qualità del cibo nei limiti di quanto ci è possibile. In particolare quando si ricevono ospiti durante le feste si cerca di fare bella figura anche per esprimere gratitudine agli ospiti per la loro presenza, per donare e condividere momenti di gioia. Invitare qualcuno significa farci carico della sua felicità durante le ore che trascorre sotto il nostro tetto (A. Brillat-Savarin). Si propongono una serie di incontri e laboratori da 3 h ciascuno. Gli incontri sono finalizzati a conoscere e mettere in pratica alcuni accorgimenti per saper accogliere i propri invitati, scegliere il livello di formalità o informalità del ricevimento per godersi la compagnia degli amici senza inutili ansie da prestazione. Servizio in tavola: come apparecchiare nelle occasioni formali e informali Laboratori - come realizzare piccole decorazioni per la tavola, per le festività, per occasioni speciali Laboratori - Come realizzare piccoli regali fai da te, carta e confezioni home made, come utilizzare materiali di recupero. Allestimento degli spazi per ricevere: luci, musica, fiori, candele ; organizzare l accoglienza degli ospiti e il tempo per stare insieme 11

12 Orti urbani Avere una piccola produzione di cibo in alcuni m 2 di orto o addirittura su un balcone o in appartamento può essere un'esperienza appagante antistress e salutare oltre che portare benefici al portafogli. Le migliori tecniche di coltivazione biologica e sinergica, le soluzioni per il compostaggio domestico, i trucchi e i concetti della permacultura spiegati in maniera semplice e veloce. Si propongono 4 incontri da 3 h ciascuno. Gli incontri sono finalizzati a conoscere e mettere in pratica le migliori tecniche di coltivazione urbana in maniera semplice e veloce, capire come gestire un orto nelle varie condizioni che la città permette, le tecniche di coltivazione che permettono di non utilizzare sostanze chimiche di alcun genere, e le metodologie per procurarsi semi e piante da soli o in circuiti che garantiscono qualità e costi ridotti fino ai circuiti di scambio semi. In particolare si prevede di affrontare i seguenti semi: Concetti base per la coltivazione biologica, sinergica, la permacultura; come preparare un kit per un orto sinergico Preparare il terreno, predisporre i vasi, idee originali anche d'arredo Le stagioni e le piante adatte ai nostri climi; scelta e raccolta dei prodotti nel momento ottimale. Un angolo verde: fiori, ortaggi, erbe aromatiche in casa anche sul balcone 12

STILI DI VITA COSA SONO?

STILI DI VITA COSA SONO? STILI DI VITA COSA SONO? PICCOLE AZIONI PER GRANDI CAMBIAMENTI guardare le cose da un altro punto di vista incentivare una economia pensare a cosa solidale ci rende veramente felici rispettare l ambiente

Dettagli

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari La nostra Alimentazione COMPLETATE LA PRIMA ATTIVITÀ DI QUESTO CAPITOLO, POI SCEGLIETENE ALTRE TRE DALLA LISTA CHE SEGUE. Le nostre scelte alimentari possono avere effetti positivi o negativi sul clima

Dettagli

Il volontariato aziendale

Il volontariato aziendale Il volontariato aziendale LEGAMBIENTE Legambiente è l associazione ambientalista più diffusa in Italia con oltre 115.000 tra soci e sostenitori 1.000 gruppi locali 30.000 classi per l ambiente oltre 60

Dettagli

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA Il Gruppo tematico Politiche ambientali e educazione chiede a tutte le realtà del Terzo Settore di impegnarsi per un futuro sostenibile e propone:

Dettagli

CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso IL NUTRIMENTO E UNA NECESSITA VITALE PER L UOMO,

Dettagli

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA VILLA PAOLINA ASTI 8 settembre 2015 La popolazione mondiale è cresciuta di 250 milioni di persone in 1600 anni 9 miliardi mentre ora cresce drasticamente. dal 1950

Dettagli

utilizzare in classe IL KIT COME

utilizzare in classe IL KIT COME COME utilizzare IL KIT in classe Tutte le attività interattive che si trovano nel software affrontano in modo diversificato e sfaccettato i temi dell agricoltura sostenibile, sovranità alimentare, sostenibilità

Dettagli

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE Noi cittadini, Associazioni, Operatori economici ed Istituzioni delle comunità ricadenti sul territorio del GAL CONCA BARESE, sottoscriviamo questo

Dettagli

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia Obiettivi della serata Presentazione del contesto in cui si inserisce il percorso «Famiglie

Dettagli

Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA

Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA Educazione alla Sostenibilità a Tavola nella Scuola Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA PREMESSA Le società moderne vivono in una situazione di sazietà e i dati relativi allo spreco

Dettagli

L UOMO È CIÒ CHE MANGIA

L UOMO È CIÒ CHE MANGIA L UOMO È CIÒ CHE MANGIA Motivazione Oggi l alimentazione ha assunto un ruolo importante nella determinazione della qualità della vita: essa, pertanto, si configura quale strumento indispensabile per l

Dettagli

Il nostro Mondo. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. Una scoperta!

Il nostro Mondo. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. Una scoperta! Il nostro Mondo COMPLETA UNA DELLE ATTIVITÀ PROPOSTE IN QUESTO CAPITOLO CON LA TUA CLASSE O IL TUO GRUPPO. PRESENTA I TUOI RISULTATI A SCUOLA, AL TUO GRUPPO, AI TUOI AMICI E VICINI. Una scoperta! Chiedi

Dettagli

Linee di indirizzo nazionale per la ristorazione collettiva

Linee di indirizzo nazionale per la ristorazione collettiva Linee di indirizzo nazionale per la ristorazione collettiva Tutela della salute dell utente e salvaguardia dell ambiente Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (SIAN) Dipartimento di Prevenzione -ASUR Marche

Dettagli

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale»

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future Torino, 24 marzo 2015 Mauro D Aveni Ufficio Qualità Coldiretti Torino «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» L AGRICOLTURA

Dettagli

ORTO IN TAVOLA L ORTO SCOLASTICO COME SISTEMA DI APPRENDIMENTO

ORTO IN TAVOLA L ORTO SCOLASTICO COME SISTEMA DI APPRENDIMENTO ORTO IN TAVOLA L ORTO SCOLASTICO COME SISTEMA DI APPRENDIMENTO Relatore: Rita Tieppo insegnante presso la scuola dell infanzia La Gabbianella di Moncalieri e formatore Slow Food per il progetto Orto in

Dettagli

Terramacchina: viaggiando nella Food Valley tra cibo e sostenibilità

Terramacchina: viaggiando nella Food Valley tra cibo e sostenibilità Terramacchina: viaggiando nella Food Valley tra cibo e sostenibilità Antonella Bachiorri*, Alessandra Puglisi*, Guido Giombi* *Centro Italiano di Ricerca ed Educazione Ambientale (C.I.R.E.A.) Dipartimento

Dettagli

Curricolo dell'istituto Comprensivo "Bolzano - Europa 2"

Curricolo dell'istituto Comprensivo Bolzano - Europa 2 Curricolo dell'istituto Comprensivo "Bolzano - Europa 2" In base alle "Indicazioni provinciali per la definizione dei curricoli relativi alla scuola primaria e alla scuola secondaria di primo grado negli

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI OTALL Il salone della Ricerca, Innovazione e Sicurezza alimentare Cosa abbiamo nel piatto: Tecnologie, Ambiente, Educazione, Sicurezza PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI Claudia

Dettagli

A SCUOLA CON GUSTO. Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto

A SCUOLA CON GUSTO. Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto A SCUOLA CON GUSTO Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto Il progetto A SCUOLA CON GUSTO Il progetto A SCUOLA CON GUSTO, giunto oggi alla quarta edizione, mira ad avvicinare adulti e

Dettagli

Il compostaggio all arrembaggio

Il compostaggio all arrembaggio Il compostaggio all arrembaggio Progetto di educazione ambientale per la scuola paritaria dell infanzia e primaria l isolachenonc era PREMESSA Il progetto ha al centro la prevenzione dei rifiuti urbani

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E LA SOSTENIBILITÀ

LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E LA SOSTENIBILITÀ L SSOIZIONI I VOLONTRITO L SOSTNIILITÀ lle ssociazioni di volontariato del riuli Venezia iulia lle ssociazioni di promozione sociale del riuli Venezia iulia La sostenibilità, che viene declinata nella

Dettagli

EDUCACIBO Impariamo a gustare il cibo sano ARMANDO EDITORE

EDUCACIBO Impariamo a gustare il cibo sano ARMANDO EDITORE Alessandra Zambelli EDUCACIBO Impariamo a gustare il cibo sano ARMANDO EDITORE ZAMBELLI, Alessandra Educacibo. Impariamo a gustare il cibo sano ; Roma : Armando, 2014 96 p. ; 27 cm. (Scaffale aperto) ISBN:

Dettagli

Faccio l orto per chi? 1. perché fai l orto?

Faccio l orto per chi? 1. perché fai l orto? Faccio l orto per chi? 1. perché fai l orto? a) per passione 39% lavorare nell orto offre 1. una sana opportunità di esercizio fisico e vita attiva 2. crea salute e benessere fisico e psicologico 3. passione

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

EXPLODING ENERGIES TO CHANGE THE WORLD

EXPLODING ENERGIES TO CHANGE THE WORLD EXPLODING ENERGIES TO CHANGE THE WORLD Concept note presentato per la selezione del soggetto responsabile incaricato della gestione della Cascina Triulza durante l'expo 2015 ORGANIZZAZIONI FORMALMENTE

Dettagli

CO-HOUSING non solo abitare, un modo per vivere e condividere

CO-HOUSING non solo abitare, un modo per vivere e condividere CO-HOUSING non solo abitare, un modo per vivere e condividere La corte dei girasoli La Corte dei Girasoli è il nome di un gruppo nato nel 2006 su iniziativa di 14 famiglie inserite attivamente nella vita

Dettagli

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Coop per l ambiente e la sostenibilità Stiamo consumando più risorse di quanto la Terra

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

Istituto comprensivo XX Settembre Catania

Istituto comprensivo XX Settembre Catania Istituto comprensivo XX Settembre Catania Anno scolastico 2010/2011 Destinatari: alunni della scuola primaria Referente: Ins. Laureanti Floriana 1 Premessa La Salute definita, nella Costituzione dell'organizzazione

Dettagli

Novembre 2011: Mese del Creato Una terra ospitale educhiamo all accoglienza

Novembre 2011: Mese del Creato Una terra ospitale educhiamo all accoglienza Commissione Nuovi stili di vita Diocesi di Padova Novembre 2011: Mese del Creato Una terra ospitale educhiamo all accoglienza Dal mese della Missione al Mese del Creato C È POSTO PER TUTTI L ospitalità

Dettagli

PROPOSTE EDUCATIVE PER LE SCUOLE. Primarie e Secondarie di 1. a.s.2015.2016

PROPOSTE EDUCATIVE PER LE SCUOLE. Primarie e Secondarie di 1. a.s.2015.2016 PROPOSTE EDUCATIVE PER LE SCUOLE Primarie e Secondarie di 1 a.s.2015.2016 La Casa delle Culture propone, attraverso la cooperativa, per l anno scolastico 2015/2016, un offerta di percorsi di animazione

Dettagli

CON-DIVIDERE LA SOSTENIBILITA PROGETTO PILOTA

CON-DIVIDERE LA SOSTENIBILITA PROGETTO PILOTA CON-DIVIDERE LA SOSTENIBILITA PROGETTO PILOTA SINTESI PROGETTO Perché il progetto VERSO CONDOMINI ATTENTI ALL AMBIENTE E AL RISPARMIO DELLE RISORSE Con-divivere la sostenibilità attraverso il coinvolgimento

Dettagli

CIBO CHE NUTRE. tra informazione e disinformazione

CIBO CHE NUTRE. tra informazione e disinformazione CIBO CHE NUTRE tra informazione e disinformazione Trino, 15 maggio 2014 ALIMENTAZIONE E NUTRIZIONE Alimentarsi vuol dire scegliere e assumere alimenti volontariamente. Nutrirsi vuol dire utilizzare le

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto AXIA FAMIGLIA - RETE INFORMATIVA Ambito/settore di intervento Settore E: Educazione e promozione culturale Area d intervento:

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

Nuovi modelli di produzione e consumo

Nuovi modelli di produzione e consumo Nuovi modelli di produzione e consumo Francesco Bertolini Francesco.bertolini@unibocconi.it Una crisi senza precedenti La crisi che stiamo attraversando ha caratteristiche che la rendono, nella percezione

Dettagli

Seriare e classificare oggetti in base alle loro proprietà. Osservare momenti significativi nella vita di piante e animali.

Seriare e classificare oggetti in base alle loro proprietà. Osservare momenti significativi nella vita di piante e animali. CLASSE PRIMA Sviluppa un atteggiamento di curiosità e di ricerca esplorativa. Sa raggruppare classificare e ordinare in base ad una caratteristica. Individuare la struttura di oggetti semplici e descriverli

Dettagli

Titolo del progetto. Utenti a cui è rivolto il progetto e relativo bacino geografico

Titolo del progetto. Utenti a cui è rivolto il progetto e relativo bacino geografico 1 Titolo del progetto ActivECOlab Praticare la sostenibilità 3 4 Utenti a cui è rivolto il progetto e relativo bacino geografico Sintetica descrizione del progetto (finalità, azioni previste, risultati

Dettagli

Alimentazione per Coop non solo cibo. Livorno Museo di Storia Naturale 21-11-09

Alimentazione per Coop non solo cibo. Livorno Museo di Storia Naturale 21-11-09 Alimentazione per Coop non solo cibo Livorno Museo di Storia Naturale 21-11-09 Per restare in tema di festeggiamenti. A breve, un altra ricorrenza: il Progetto di Educazione al Consumo Consapevole promosso

Dettagli

EFFETTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SULLA BIODIVERSITÀ E SULL AGROECOSISTEMA BOSCHI-BRIANTI-MELEGA CONSEGUENZE DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SULLA BIODIVERSITA Molti studi affermano che i cambiamenti climatici

Dettagli

In collaborazione con. www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org

In collaborazione con. www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org In collaborazione con ti, ia! n o r P za, v en t r a p www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org MONZA APRIPISTA DEL PROGETTO: UN CONCORSO E 100 IDEE PER LA FASE PILOTA Sono state le scuole dell

Dettagli

Alimentazione, Agricoltura, Sostenibilità nella Ristorazione Scolatica 16 novembre 2012 Azioni e Strategie messe in atto da POLICOOP volte e ridurre l Impatto Ambientale Quadro generale dello sviluppo

Dettagli

LA RICERCA DENTRO IL CAPITALE DELLE RELAZIONI

LA RICERCA DENTRO IL CAPITALE DELLE RELAZIONI LA RICERCA DENTRO IL CAPITALE DELLE RELAZIONI GAS e Davide Biolghini biolghini@forumct.it: - Area Formazione e Ricerca Tavolo RES Rete di Economia Solidale - Forum Cooperazione e Tecnologia Dentro il capitale

Dettagli

Patto comune della Rete dei GAS della provincia di Genova GASaGENOVA

Patto comune della Rete dei GAS della provincia di Genova GASaGENOVA Patto comune della Rete dei GAS della provincia di Genova GASaGENOVA Birulò GAS Fratello Sole GAS Amici di Banca Etica GasSestri GAS Castelletto GAS Impronta GasOsa Gaspacho GAS Le Primule Gas Levante

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

Una finestra sul mondo

Una finestra sul mondo Domus Coop Una finestra sul mondo LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno strumento che noi della Cooperativa Sociale Domus Coop mettiamo a disposizione di chi vuole conoscerci per orientarsi al

Dettagli

LA VOGLIA E LA FORZA DI ESSERE I PRIMI

LA VOGLIA E LA FORZA DI ESSERE I PRIMI LA CERTIFICAZIONE LA VOGLIA E LA FORZA DI ESSERE I PRIMI ECOEVENTS è la prima società di eventi italiana certificata ISO 14001. La prima ad offrirvi la progettazione e la realizzazione di eventi che fanno

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Presentazione dei dati del VI Rapporto CSR. Roberto Orsi - 3 marzo 2015 Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia

Presentazione dei dati del VI Rapporto CSR. Roberto Orsi - 3 marzo 2015 Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia Presentazione dei dati del VI Rapporto CSR Roberto Orsi - 3 marzo 2015 Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia L Osservatorio Socialis L Osservatorio Socialis è un cantiere di promozione

Dettagli

Soluzione per la deumidificazione delle serre

Soluzione per la deumidificazione delle serre Soluzione per la deumidificazione delle serre Perché ti serve DryGair? Prezzi dell energia elevati Durante l ultimo decennio, i prezzi dell energia sono aumentati rapidamente. Questi prezzi elevati hanno

Dettagli

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento Protocollo n. 26/DDA/2012 Oggetto: progettualità per la valutazione, formazione, educazione alimentare e motoria Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta

4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta 4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta Definendo lo sviluppo come un concetto dinamico, implicante trasformazioni qualitative più che quantitative della società, allora lo studio del

Dettagli

ORTO A SCUOLA. Ci vorrebbe un orto in ogni scuola...e noi ce l'abbiamo!!!!!!!!!!!

ORTO A SCUOLA. Ci vorrebbe un orto in ogni scuola...e noi ce l'abbiamo!!!!!!!!!!! ORTO A SCUOLA Ci vorrebbe un orto in ogni scuola.....e noi ce l'abbiamo!!!!!!!!!!! Il lavoro della terra regala ai bambini una grande gioia, il rispetto per la natura, le conoscenze dei cicli delle piante

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

N O W L G E F O R E D. Waste Watcher - Knowledge for Expo. Expo Milano Ottobre 2014

N O W L G E F O R E D. Waste Watcher - Knowledge for Expo. Expo Milano Ottobre 2014 K N O W L E D G E F O R Waste Watcher - Knowledge for Expo Expo Milano Ottobre 2014 Waste Watcher 2014 / Knowledge for Expo L osservatorio sullo spreco domestico Waste Watcher è promosso da Last Minute

Dettagli

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Menù partecipato Il progetto il menù l ho fatto io Un modello

Dettagli

Sviluppo sostenibile partecipato e Progetto Mense Tipiche. Realizzato da So.Svi.Ma. SpA

Sviluppo sostenibile partecipato e Progetto Mense Tipiche. Realizzato da So.Svi.Ma. SpA Sviluppo sostenibile partecipato e Progetto Mense Tipiche Scelte alimentari e costi sociali ed ambientali Modello socio economico imperfetto sintetizzato dal sistema dei prezzi cui si affianca il concetto

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE

CITTADINANZA E COSTITUZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE CLASSE 1 a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DEL- LE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICATORI DI VALUTAZIONE (Stabiliti dal Collegio Docenti) AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

A. S. 1999 /2000 UNA PROPOSTA DI LAVORO IN CONTINUITA EDUCAZIONE AMBIENTALE

A. S. 1999 /2000 UNA PROPOSTA DI LAVORO IN CONTINUITA EDUCAZIONE AMBIENTALE A. S. 1999 /2000 UNA PROPOSTA DI LAVORO IN CONTINUITA EDUCAZIONE AMBIENTALE L EDUCAZIONE AMBIENTALE SI ATTUA Evoluzione culturale dell uomo pag. 1 Perché l educazione ambientale nella scuola pag. 2 Breve

Dettagli

Padova 07/05/2014 Alberta Grassetto coordinatrice servizi educativi

Padova 07/05/2014 Alberta Grassetto coordinatrice servizi educativi Padova 07/05/2014 Alberta Grassetto coordinatrice servizi educativi IL METODO MONTESSORI IN MENSA. ESPERIENZE ATTIVE NELLE SCUOLE RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI: LE RICETTE DI MARIA MONTESSORI CENT ANNI DOPO

Dettagli

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano CITTA-DIAMOCI La Caritas di Bolzano-Bressanone offre ai giovani interessati al Servizio Civile Nazionale tre posti all interno di strutture che lavorano con persone senza dimora. Descrizione progetti 1.

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

Mamusca dà valore al tuo tempo ed a quello passato con gli altri.

Mamusca dà valore al tuo tempo ed a quello passato con gli altri. Mamusca è la tua casa. Un luogo accogliente accessibile a tutti, Uno spazio sostenibile in cui l alimentazione, la condivisione e la diffusione di cultura comune sono le formule magiche per rendere la

Dettagli

LA MISSIONE DEL TURISMO NEI CONFRONTI DELL UOMO E DELLA NATURA

LA MISSIONE DEL TURISMO NEI CONFRONTI DELL UOMO E DELLA NATURA LA MISSIONE DEL TURISMO NEI CONFRONTI DELL UOMO E DELLA NATURA Dal momento che il turismo: E la principale attività economica del globo Mobilita più di 5 miliardi di persone ogni anno Occupa milioni di

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MEZZOJUSO 2) Codice di accreditamento: NZ00607 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Comunicare lo sviluppo rurale: il progetto tra Fattorie Didattiche, scuola e territorio

Comunicare lo sviluppo rurale: il progetto tra Fattorie Didattiche, scuola e territorio L EDUCAZIONE ALIMENTARE A SCUOLA E IN FATTORIA Dal Programma di Sviluppo Rurale alla sperimentazione: primi risultati di un percorso di co-progettazione Martedì 19 giugno 2012 Provincia di Torino Sala

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 1 INDICE 1. PREMESSA 2. OBIETTIVI 3. INCONTRO FORMATIVO PER GLI INSEGNANTI 4. ATTIVITA SUDDIVISE per CLASSI 5. EVENTI ORGANIZZATI: GIORNATE ECOLOGICHE 6.

Dettagli

ACQUISTI INTELLIGENTI

ACQUISTI INTELLIGENTI ACQUISTI INTELLIGENTI UN ACQUISTO INTELLIGENTE Un consumo moderato è più ecologico di un consumo esagerato anche se i prodotti sono ecologici ed etichettati. Ciò detto, SONO DA PREFERIRE prodotti e servizi

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ FRA SCUOLA E FAMIGLIA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ FRA SCUOLA E FAMIGLIA Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Landriano Via B. Brecht, 1 27015 Landriano (PV) Tel. 038264103 Fax 038264143 - sito web: www.iclandriano.gov.it

Dettagli

Il progetto orto-buono

Il progetto orto-buono Il progetto orto-buono Nel nostro plesso abbiamo attuato ormai da anni un progetto per l inclusione che ha il suo perno nell allestimento di un orto nel cortile della scuola. In occasione dell Expo 2015

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion)

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) SCHEDA 1 Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) Prima Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute Ottawa, Canada, 7-21 novembre 1986 II primo Congresso

Dettagli

Centro di Educazione Ambientale LABTER Provincia di Pesaro e Urbino ASUR Dipartimento di Prevenzione PROGETTO ALIMENTAZIONE TRIENNALE

Centro di Educazione Ambientale LABTER Provincia di Pesaro e Urbino ASUR Dipartimento di Prevenzione PROGETTO ALIMENTAZIONE TRIENNALE Centro di Educazione Ambientale LABTER Provincia di Pesaro e Urbino ASUR Dipartimento di Prevenzione Indicazioni sintetiche e generali: PROGETTO ALIMENTAZIONE TRIENNALE - Il Centro di Educazione Ambientale

Dettagli

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi.

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. Obiettivi generali Obiettivi specifici 5. Target: chi può partecipare 6. Progetto Pianifica T.U.:

Dettagli

Nutrire il pianeta, energia per la vita. Progetto di Elena Cazzaniga - Elena Riva Azienda Agricola La Botanica - Birago (MB)

Nutrire il pianeta, energia per la vita. Progetto di Elena Cazzaniga - Elena Riva Azienda Agricola La Botanica - Birago (MB) Nutrire il pianeta, energia per la vita Expo 2015 Sarà l'occasione anche per ripensare e riacquistare i vecchi saperi e sapori legati ai mestieri del cibo e dell'accoglienza. Includerà tutto ciò che riguarda

Dettagli

Eleonora Brambilla Marta Fumagalli Paola Gadaleta. Produzione Distribuzione Consumo

Eleonora Brambilla Marta Fumagalli Paola Gadaleta. Produzione Distribuzione Consumo Eleonora Brambilla Produzione Distribuzione Consumo 0.Mappa rizomatica Eleonora Brambilla car/bike car pooling sharing trasporto pubblico TRASPORTO EASY ACCESS CONDIVISO EMISSIONI ZERO NUOVE STRATEGIE

Dettagli

Educazione Rurale per un futuro sostenibile Proposte per le scuole

Educazione Rurale per un futuro sostenibile Proposte per le scuole WWF Italia Riserva Naturale Ripa Bianca di Jesi Via Zanibelli, 2 60035 Jesi e-mail: info@riservaripabianca.it sito: www.riservaripabianca.it Tel. / Fax. 0731 619213 Cell. 334 6047703 Educazione Rurale

Dettagli

AFTER X 2015. B(eat)

AFTER X 2015. B(eat) 1 AFTER X 2015 B(eat) Be eat, beat, to beat Il progetto After X 2015 del Centro Didattico produzione Musica Europe per Onlus Robur Solidale in collaborazione con l Istituto Comprensivo di Verdellino e

Dettagli

Cosa sono i Global Goals?

Cosa sono i Global Goals? Cosa sono i Global Goals? I Global Goals conosciuti anche con il nome di Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals) sono 17 obiettivi contenuti in un grande piano d azione su cui

Dettagli

GAS Gruppi d Acquisto Solidali

GAS Gruppi d Acquisto Solidali GAS Gruppi d Acquisto Solidali Una proposta per un modo diverso e possibile Acquistare insieme per vivere bene Da una parte abbiamo i consumatori critici che cercano prodotti etici e compatibili, dall

Dettagli

Web e pulizia della casa: cosa cercano i consumatori e come ne parla la rete

Web e pulizia della casa: cosa cercano i consumatori e come ne parla la rete Web e pulizia della casa: cosa cercano i consumatori e come ne parla la rete ANALISI QUANTITATIVA FONTI Contenuti totali presi in esame: 4.908 Periodo: dal 15 Gennaio 2013 al 15 Marzo 2013 RIPARTIZIONE

Dettagli

Consultazione sulla Food Policy nelle 9 zone

Consultazione sulla Food Policy nelle 9 zone Consultazione sulla Food Policy nelle zone Ecco i principali temi emersi nelle discussioni sulla Food Policy avvenuta nelle zone di Milano tra il e il maggio 0 TEMA ZONA EDUCAZIONE Educazione alimentare

Dettagli

LE FATTORIE DIDATTICHE

LE FATTORIE DIDATTICHE LE FATTORIE DIDATTICHE La Comunità europea ha incoraggiato lo sviluppo di attività di servizio e didattiche all interno delle aziende agricole attraverso l applicazione dell articolo 33 del regolamento

Dettagli

Aggiornamento: maggio 2015

Aggiornamento: maggio 2015 BOLOGNA CONSUMI RESPONSABILI Aggiornamento: maggio 2015 Descrizione del progetto Diffusione di orientamenti e pratiche di consumerismo socialmente responsabile per promuovere il capitale sociale del territorio,

Dettagli

PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO

PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO È ormai noto che la base per orientare le future generazioni verso lo sviluppo sostenibile è l educazione

Dettagli

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI OTTOBRE 2011 1 PREMESSA Un alimentazione equilibrata e corretta, gradevole ed accettabile,

Dettagli

CHIEDO ASILO Progetto in continuità nido-materna Asilo Nido-Scuola dell Infanzia Comunale Maliseti

CHIEDO ASILO Progetto in continuità nido-materna Asilo Nido-Scuola dell Infanzia Comunale Maliseti CHIEDO ASILO Progetto in continuità nido-materna Asilo Nido-Scuola dell Infanzia Comunale Maliseti Nido e scuola infanzia condividono un idea e insieme costruiscono un progetto educativo e lo assumono

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE

CITTADINANZA E COSTITUZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: STORIA, CITTADINANZA E COSTITUZIONE; DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 67 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI PER EDUCARE I BAMBINI AD AMARE, RISPETTARE E CONSERVARE IL MONDO E LA NATURA. Elaborazione della figura strumentale per il curricolo

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE L insegnamento delle scienze dovrebbe essere caratterizzato dall utilizzo e dall acquisizione delle metodologie euristiche, che alimentano

Dettagli

Le tre R in Coop: strategia ed esempi per la sostenibilità

Le tre R in Coop: strategia ed esempi per la sostenibilità Le tre R in Coop: strategia ed esempi per la sostenibilità Workshop MILANO 15 NOVEMBRE 2011 Valter Molinaro Coop Lombardia per l ambiente e la sostenibilità Il cittadino può determinare le dinamiche che

Dettagli

PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA IN AUTOGESTIONE PERIODO 1.9.2013/30.06.2017

PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA IN AUTOGESTIONE PERIODO 1.9.2013/30.06.2017 PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA IN AUTOGESTIONE PERIODO 1.9.2013/30.06.2017 Criteri di valutazione delle offerte Allegato n. 12 al Capitolato Speciale d Appalto Indice

Dettagli