VLSI Testing. Motivazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VLSI Testing. Motivazioni"

Transcript

1 VLSI Testing Motivazioni Tipi di collaudo Specifiche e pianificazione Programmazione Analisi dei dati di collaudo Automatic Test Equipment Collaudo parametrico Sommario 1 Motivazioni Automatic Test Equipment (ATE) Influenzano quali test sono possibili Serie limitazioni di tipo analogico nelle misure ad alte frequenze Bisogna capirne le capacità rispetto alla logica digitale, memorie, nelle tecnologie System-on-a- Chip (SOC) Collaudo parametrico Misure di setup e hold time Calcolo di V IL, V IH, V OL, V OH, t r, t f, t d, I OL, I OH, I IL, I IH 2 1

2 Tipi di Testing Verification testing, characterization testing Verifica la correttezza del progetto e delle procedure di collaudo di solito richiede correzioni al progetto Manufacturing testing Collaudo di fabbrica di tutti i chip prodotti per guasti parametrici e difetti casuali Acceptance testing (incoming inspection) Collaudo svolto dai clienti sui chip acquistati per verificarne la qualità 3 Principi fondamentali del collaudo 4 2

3 Automatic Test Equipment Consiste di: Calcolatore 32-bit Digital Signal Processor (DSP) per il collaudo analogico Test Program (scritto in un linguaggio ad alto livello) Probe Head (con i contatti per i pin del chip) Probe Card o Membrane Probe (contiene elettronica di misura dei segnali) 5 Verification Testing Molto costoso Consiste di: Microscopio elettronico a scansione Analisi ottica Electron beam testing Metodi di intelligenza artificiale Collaudi funzionali 6 3

4 Characterization Test Collaudo di caso peggiore Scelta dei collaudi che discriminano fra i chip che discriminano i chip corretti da quelli guasti Seleziona dei campioni significativi di chip Ripete i test per ogni condizione di collaudo ambentale Risultati rappresentabili su Schmoo plot Diagnosi e correzione di errori di progetto Continua durante la produzione per migliorare progetti e processi e la resa (yield) 7 Schmoo Plot 8 4

5 Manufacturing Test Determina se i chip prodotti rispettano le specifiche Deve coprire % alte di guasti Deve minimizzare i tempi di collaudo (e quindi i costi) Non svolge alcuna diagnosi di guasto Collauda ogni dispositivo sul chip Il collaudo deve avvenire alla velocità cui operano i dispositivi 9 Burn-in o Stress Test Processo: Sottopone i chip a alte temperature & sovratensioni di alimentazione, durante l esecuzione di collaudi di produzione E in grado di rivelare: Mortalità infantile chip danneggiati che tipicamente falliscono nei primi 2 giorni di applicazione provoca questi guasti prima che i chip vengano dati ai clienti Freak failures dispositivi con gli stessi meccanismi di guasto dei dispositivi affidabili 10 5

6 Incoming Inspection Viene fatta in modo: Simile al collaudo di produzione Più comprensiva del collaudo di produzione E orientata ad applicazioni specifiche Viene fatta su un campione casuale di dispositivi Dimensioni che dipendono dalla qualità dei dispositivi e dalle specifiche di affidabilità dei sistemi Evita di inserire dispositivi difettosi in sistemi dove i costi di diagnosi eccedono quelli della incoming inspection 11 Tipi di collaudo di produzione Wafer sort o probe test viene fatto prima che il wafer sia tagliato in chip Caratterizzazione preliminare dispositivi di test sono verificati per misurare alcuni parametri di test Collaudo di dispositivi una volta inseriti nel package 12 6

7 Sottotipi di collaudo Parametrico misura le proprietà elettroniche dei pin di I/O ritardi, tensioni, correnti, etc. veloce ed economico Funzionale utilizzato per coprire % molto alte di guasti modellati collauda ciascun transistore e connessione nei circuiti digitali lungo e costoso principale soggetto del corso 13 Significati differenti di collaudo funzionale ATE e Produzione vettori di collaudo applicati per avere alte coperture nel collauto di produzione Verifica di progetto collaudo con vettori di verifica, che determinano se un circuito verifica le specifiche coperture di guasto molto basse (< 70 %) 14 7

8 Specifiche & Pianificazione Specifiche: Caratteristiche funzionali Tipo di Device Under Test (DUT) Vincoli fisici Package, no. di pin, etc. Caratteristice ambientali alimentazione, temperatura, umidità, etc. Affidabilità livello di qualità di accettazione (#difetti/milione), rateo di guasto, etc. Pianificazione: Tipi di ATE da utilizzare Tipi di collaudo Specifiche sulla copertura di guasto 15 Programmazione di Collaudo 16 8

9 Analisi dei dati di collaudo Utilizzi dei dati degli ATE: Elimina i DUTs malfunzionanti Informazioni sul progetto di fabbricazione Informazioni sulle debolezze di progetto I dispositivi che passano il collaudo sono sicuramente corretti solo se i vettori di collaudo coprono il 100% dei guasti Failure mode analysis (FMA) Diagnosi delle cause dei dispositivi malfunzionanti Permettono di migliorare il progetto logico & e le regole di layout 17 Automatic Test Equipment (ATE) Jan. 25, 2001 VLSI Test: Bushnell-Agrawal/Lecture

10 ADVANTEST Model T6682 ATE 19 T6682 ATE 20 10

11 T6682 ATE Specifiche 0.35 µm VLSI chip nella realizzazione 1024 pin Velocità: 250, 500, o 1000 MHz Accuratezza temporale: +/- 200 ps Range di tensione: -2.5 to 6 V Accuratezza sull istante di campionamento del: +/- 870 ps Risoluzione sul periodo di clock: ps Pattern multiplexing: 2 test in un periodo di ATE Pin multiplexing: 2 pin per controllarne 1 del DUT 21 Generazione di Test Pattern (fisica fisica) Sequential pattern generator (SQPG): memorizza 16 Mvectors di patterns da applicare al DUT Algorithmic pattern generator (ALPG): 32 indirizzi independenti, 36 data bits Collaudo di memorie Scan pattern generator (SCPG) supporta il JTAG boundary scan, riducendo l occupazione di memoria 2 Gvector or 8 Gvector sizes 22 11

12 Pin Electronics 23 T6682 ATE Software Solaris UNIX su una UltraSPARC 167 MHz CPU per le funzioni non in tempo reale Sistema operativo in tempo reale su una UltraSPARC 200 MHz CPU per il controllo del tester Periferiche Viewpoint software per debug, valutazione, & analisi di chip VLSI 24 12

13 Tipico Programma di Test 1. Probe test per i difetti più grossolani 2. Verifica dei contatti elettrici 3. Collaudo funzionale 4. DC collaudo parametrico 5. AC collaudo parametrico Valori non accettabili di tensione/corrente/delay ai pin Limiti non accettabili sulle operazioni 25 Sommario Collaudo parametrico determina se l elettronica sui pin di I/O funziona correttamente dal punto di vista digitale per quello che riguarda la tensione logica, correnti, e ritardi Test funzionali determina se i sottosistemi interni del chip internal logic/analog sub-systems funzionano correttamente Problemi di costo degli ATE Pin induttanza dei pin Frequenze > GHz Alto numero di pin (1024) Riduzione del costo degli ATE Multi-Site Testing (parallelizzazione) Metodi di DFT come Built-In Self-Test 26 13

L applicazione dei vettori di collaudo

L applicazione dei vettori di collaudo L applicazione dei vettori di collaudo Fulvio Corno Maurizio Rebaudengo Matteo Sonza Reorda Politecnico di Torino Dipartimento di Automatica e Informatica Sommario Introduzione Gli ATE I programmi di collaudo.

Dettagli

Collaudo (testing) dei sistemi digitali

Collaudo (testing) dei sistemi digitali Collaudo (testing) dei sistemi digitali Realizzazione di sistemi digitali (VLSI) Collaudo e verifica Collaudo ideale e collaudo reale Costo del collaudo Ruolo del collaudo Struttura di un sistema VLSI

Dettagli

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte II)

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte II) Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte II) Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano,

Dettagli

L AFFIDABILITA DEI COMPONENTI ELETTRONICI

L AFFIDABILITA DEI COMPONENTI ELETTRONICI 6. L AFFIDABILITA DEI COMPONENTI ELETTRONICI Ed.1 del 14/09/98 Rev. 3 del 08/09/00 AFFIDABILITA' DI COMPONENTI E SCHEDE ELETTRONICHE-sez 6 1 TEST DI COMPONENTI OBIETTIVO VERIFICARE L AFFIDABILITA DI UN

Dettagli

Il Contesto. Riassunto

Il Contesto. Riassunto Temento Systems mostra come la tecnologia Jtag Boundary-Scan integrata in un sistema automatico di collaudo possa aumentare la copertura del test di schede complesse altrimenti non collaudabili. Il Contesto

Dettagli

Simulazione di guasto

Simulazione di guasto Simulazione di guasto Problemi e applicazioni Algoritmi Seriale Parallelo Deduttivo Concorrente Random Fault Sampling Sommario Problemi e Applicazioni Problema, dati: Un circuito Una sequenza di vettori

Dettagli

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ)

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Ing. Andrea Zanobini - Maggio 2012 Dipartimento

Dettagli

Sistemi di Automazione Industriale

Sistemi di Automazione Industriale Introduzione ai PLC Sistemi di Automazione Industriale Ridurre e/o eliminare il ruolo dell operatore umano Ogni sistema di automazione prevede: Sistema Controllato; è un generatore di eventi non prevedibili

Dettagli

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC Il Microcontrollore Per realizzare un automatismo l elettronica ci mette a disposizione diverse possibilità. La prima, la più tradizionale, si basa su componenti transistor, mosfet, integrati con porte

Dettagli

Vari tipi di computer

Vari tipi di computer Hardware Cos è un computer? Un computer è un elaboratore di informazione. Un computer: riceve informazione in ingresso (input) elabora questa informazione Può memorizzare (in modo temporaneo o permanente)

Dettagli

Lezione 3: Architettura del calcolatore

Lezione 3: Architettura del calcolatore Lezione 3: Architettura del calcolatore Architettura di Von Neumann BUS, CPU e Memoria centrale Ciclo di esecuzione delle istruzioni Architettura del calcolatore Il calcolatore è: uno strumento programmabile

Dettagli

8 Microcontrollori PIC

8 Microcontrollori PIC 8 Microcontrollori PIC 8.1 Descrizione generale Un microcontrollore è un dispositivo elettronico che opportunamente programmato è in grado di svolgere diverse funzioni in modo autonomo. Essenzialmente

Dettagli

RoboTESTER Wall-E, ATE a letto d aghi per Test In-Circuit e Funzionale. 1/6 www.ni.com

RoboTESTER Wall-E, ATE a letto d aghi per Test In-Circuit e Funzionale. 1/6 www.ni.com RoboTESTER Wall-E, ATE a letto d aghi per Test In-Circuit e Funzionale "L utilizzo di hardware COTS (Commercial off-the-shelf) National Instruments e di LabVIEW ha permesso al cliente finale di ottenere

Dettagli

Introduzione all acquisizione Dati

Introduzione all acquisizione Dati Introduzione all acquisizione Dati Laboratorio di Robotica Industriale Evoluzione della strumentazione Introduzione all acquisizione dati - 2 Trend nella strumentazione Introduzione all acquisizione dati

Dettagli

Arduino UNO. Single board microcontroller

Arduino UNO. Single board microcontroller Arduino UNO Single board microcontroller Che cos è Arduino? Arduino è una piattaforma hardware basata su un microcontrollore, per lo sviluppo di applicazioni che possono interagire con il mondo esterno.

Dettagli

Componenti dell elaboratore

Componenti dell elaboratore L hardware del PC Componenti dell elaboratore Hardware Parte fisica del sistema Dispositivi fisici Software Parte logica del sistema Programmi e dati 2 Hardware dell elaboratore 3 L'architettura del calcolatore

Dettagli

DAQ: Segnali. Dal punto di vista della DAQ possiamo catalogare i segnali secondo lo schema seguente:

DAQ: Segnali. Dal punto di vista della DAQ possiamo catalogare i segnali secondo lo schema seguente: DAQ: Segnali Dal punto di vista della DAQ possiamo catalogare i segnali secondo lo schema seguente: Segnali analogici d ingresso (analog input) Segnali analogici d uscita (analog output) Segnali digitali

Dettagli

L Architettura di un Calcolatore

L Architettura di un Calcolatore ASTE Information Technology Excellence oad (I.T.E..) L Architettura di un Calcolatore aurizio Palesi Salvatore Serrano aster ITE Informatica di Base aurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Sommario Architettura

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù Lezione 1 Obiettivi del corso Il corso si propone di descrivere i principi generali delle architetture di calcolo (collegamento tra l hardware e il software). Sommario 1. Tecniche di descrizione (necessarie

Dettagli

Testing. Definizioni. incomprensione umana nel tentativo di comprendere o risolvere un problema, o nell uso di strumenti

Testing. Definizioni. incomprensione umana nel tentativo di comprendere o risolvere un problema, o nell uso di strumenti Definizioni Problemi del testing:criterio di selezione dei casi di test Test Funzionale: suddivisione in classi di equivalenza e analisi dei valori limite Test Strutturale: basato sul flusso di controllo

Dettagli

Il nome smart card o carte intelligenti cattura. molti modi differenti. La ISO ( Organizzazione per gli Standard

Il nome smart card o carte intelligenti cattura. molti modi differenti. La ISO ( Organizzazione per gli Standard La tecnologia delle smart card. Il nome smart card o carte intelligenti cattura l immaginazione, comunque tale termine è ambiguo ed è usato in molti modi differenti. La ISO ( Organizzazione per gli Standard

Dettagli

Top Rel. EEE Components for Space Industry. 07-04-2005 INFN-Laboratori Nazionali di Legnaro 1

Top Rel. EEE Components for Space Industry. 07-04-2005 INFN-Laboratori Nazionali di Legnaro 1 Top Rel EEE Components for Space Industry via dei Berio, 91 00155 ROMA Tel 06 2282279 toprel@toprel.com 07-04-2005 INFN-Laboratori Nazionali di Legnaro 1 Top Rel PROCUREMENT di COMPONENTI per APPLICAZIONI

Dettagli

PROSPETTIVE FUTURE DELL INTEGRAZIONE OPTOELETTRONICA

PROSPETTIVE FUTURE DELL INTEGRAZIONE OPTOELETTRONICA CAPITOLO III PROSPETTIVE FUTURE DELL INTEGRAZIONE OPTOELETTRONICA III.1 Introduzione L attività scientifica sugli OEIC è iniziata nel 1979 con un grande progetto negli USA, per la realizzazione di circuiti

Dettagli

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori Microcontrollore Il microcontrollore è un sistema a microprocessore completo,integrato in un unico chip, progettato per avere la massima autosufficienza e versatilità. Infatti visto il loro prezzo esiguo,

Dettagli

POLIFEMO RADIO Manuale di Riferimento Release 200_006

POLIFEMO RADIO Manuale di Riferimento Release 200_006 POLIFEMO RADIO Manuale di Riferimento Release 200_006 Microgate s.r.l. Via Stradivari, 4 Stradivaristr. 39100 BOLZANO - BOZEN ITALY Pagina 2 di 12 1. INDICE 1. INDICE...2 2. PRESENTAZIONE...3 3. POLIFEMO-RADIO...4

Dettagli

FONDAMENTI DI INFORMATICA. Prof. PIER LUCA MONTESSORO Laureando LUCA DA RE. Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine. I Sistemi Embedded

FONDAMENTI DI INFORMATICA. Prof. PIER LUCA MONTESSORO Laureando LUCA DA RE. Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine. I Sistemi Embedded FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Laureando LUCA DA RE Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine I Sistemi Embedded 2007 Pier Luca Montessoro e Luca Da Re (si veda la nota

Dettagli

TFPS-5 Gruppo di alimentazione indirizzato. TFPS-5 Alimentatore indirizzato. Gruppo di alimentazione TFPS-5

TFPS-5 Gruppo di alimentazione indirizzato. TFPS-5 Alimentatore indirizzato. Gruppo di alimentazione TFPS-5 Gruppo di alimentazione indirizzato Gruppo di alimentazione Gruppo di alimentazione supplementare indirizzato per sistemi di rivelazione e di segnalazione d incendio per edifici. Tensione nominale di alimentazione

Dettagli

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore Il processore Architettura dell elaboratore Il processore La esegue istruzioni in linguaggio macchina In modo sequenziale e ciclico (ciclo macchina o ciclo ) Effettuando operazioni di lettura delle istruzioni

Dettagli

Come funziona un sistema di elaborazione

Come funziona un sistema di elaborazione Introduzione Cosa è un Sistema Sste aoperativo? Come funziona un sistema di elaborazione Proprietà dei Sistemi Operativi Storia dei Sistemi di Elaborazione Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi i Multiprocessori

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli

Scheda Tecnica REV 1.0

Scheda Tecnica REV 1.0 Scheda Tecnica REV 1.0 SENTRY Energy Profiler: IL SISTEMA UNIVERSALE PER IL MONITORAGGIO ENERGETICO SENTRY Energy Profiler è il primo sistema universale e modulare per il monitoraggio energetico. Si basa

Dettagli

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR Architettura di un computer La macchina di Von Neumann Architettura organizzata secondo il modello della macchina di von Neumann definita nei tardi anni 40 all Institute for Advanced Study di Princeton.

Dettagli

Stadi evolutivi dei sistemi di elaborazione

Stadi evolutivi dei sistemi di elaborazione Stadi evolutivi dei sistemi di elaborazione 1. Sistemi isolati Stand alone. Elaborazione di tipo batch. Nessuna comunicazione diretta utente-macchina. 2. Sistemi centralizzati Elaboratori di grosse dimensioni.

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Introduzione ai sistemi operativi

Introduzione ai sistemi operativi Introduzione ai sistemi operativi Che cos è un S.O.? Shell Utente Utente 1 2 Utente N Window Compilatori Assembler Editor.. DB SOFTWARE APPLICATIVO System calls SISTEMA OPERATIVO HARDWARE Funzioni di un

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

Sistema di acquisizione dati

Sistema di acquisizione dati Sistema di acquisizione dati Ci sono innumerevoli ragioni sul perché é necessario acquisire informazioni dal mondo esterno: 1. Il controllo dei processi fisici che interessano la produzione industriale

Dettagli

Schede elettroniche ad alta velocità

Schede elettroniche ad alta velocità Bologna 30/01/2003 Seminario Schede elettroniche ad alta velocità I.D Antone CENTRO DI ELETTRONICA ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE Sezione di Bologna Moore incontra Einstein impulsatore Circuito

Dettagli

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software Ingegneria del Software Testing - Strategie di del Software Testing del Software Il testing è quell attivit attività di esercizio del software tesa all individuazione dei malfunzionamenti prima della messa

Dettagli

Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server

Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server Pagina 1 di 5 Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server Spesso il server non è in grado di gestire tutto il carico di cui è gravato. Inoltre, una

Dettagli

Oscilloscopi numerici Indice

Oscilloscopi numerici Indice 1 Indice unità 5 Struttura dello strumento Modalità di campionamento Modalità di trigger Presentazione Problemi di ricostruzione del segnale Prestazioni 2 Oscilloscopi numerici 3 Indice Generalità sul

Dettagli

IL DSP - Digital Signal Processor

IL DSP - Digital Signal Processor IL DSP - Digital Signal Processor Processore dei segnali digitali 1. Generalità Il Digital Signal Processor (DSP, processore di segnali digitali) è un particolare tipo di microprocessore, ottimizzato per

Dettagli

16 bit, 20 Mhz. 512Kbyte di RAM statica tamponata 512Kbyte di FLASH

16 bit, 20 Mhz. 512Kbyte di RAM statica tamponata 512Kbyte di FLASH ESB scheda RTU SINGLE BOARD RTU ESB è una scheda a microprocessore che supporta la realizzazione di apparati di acquisizione e controllo remoti (RTU). La scheda ospita un vasto set di circuitazioni di

Dettagli

PAN LAN 1. Manuale d Istruzioni. Tester & Multimetro LAN 2in1

PAN LAN 1. Manuale d Istruzioni. Tester & Multimetro LAN 2in1 Manuale d Istruzioni Tester & Multimetro LAN 2in1 PAN LAN 1 Dipl.Ing. Ernst KRYSTUFEK GmbH & Co KG AUSTRIA, 1230 Vienna, Pfarrgasse 79 Tel: +43/ (0)1/ 616 40 10, Fax: +43/ (0)1/ 616 40 10 21 www.krystufek.at

Dettagli

Marco Danelutto Dipartimento di Informatica Università di Pisa 16 ottobre 2014

Marco Danelutto Dipartimento di Informatica Università di Pisa 16 ottobre 2014 Marco Danelutto Dipartimento di Informatica Università di Pisa 16 ottobre 2014 La macchina calcolatore Oggetto costituito da componenti diversi Unità centrale (CPU) Memoria Periferiche Unità centrale Esegue

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore Architettura di un calcolatore Appunti di Antonio BERNARDO Corso di Informatica di base A. Bernardo, Informatica di base 1 1 Compiti del computer Elaborazione di dati Memorizzazione di dati Scambio di

Dettagli

Misure accurate di campi elettromagnetici da sorgenti con modulazioni digitali

Misure accurate di campi elettromagnetici da sorgenti con modulazioni digitali EP333 sonda di campo elettrico Misure accurate di campi elettromagnetici da sorgenti con modulazioni digitali Risposta ottimale nella misura dei campi con modulazione di tipo OFDM e pulsati in genere Errore

Dettagli

Il Processore: i registri

Il Processore: i registri Il Processore: i registri Il processore contiene al suo interno un certo numero di registri (unità di memoria estremamente veloci) Le dimensioni di un registro sono di pochi byte (4, 8) I registri contengono

Dettagli

Sistema di misura automatico per la caratterizzazione di sensori di gas a stato solido

Sistema di misura automatico per la caratterizzazione di sensori di gas a stato solido Sistema di misura automatico per la caratterizzazione di sensori di gas a stato solido Consente di caratterizzare sensori chimici a variazione di resistenza (ad ossido di metallo - MOX), a variazione di

Dettagli

Scheda PLC per 3G3MV 3G3MV-P10CDT@-E. Configurazione del sistema

Scheda PLC per 3G3MV 3G3MV-P10CDT@-E. Configurazione del sistema 3G3MV-P10CDT@-E Scheda PLC per 3G3MV Tutta la tecnologia dei PLC Omron integrata nell'inverter più diffuso: il 3G3MV La stessa programmabilità dei PLC Omron disponibile a bordo dell'inverter 3G3MV Per

Dettagli

Livello logico digitale. bus e memorie

Livello logico digitale. bus e memorie Livello logico digitale bus e memorie Principali tipi di memoria Memoria RAM Memorie ROM RAM (Random Access Memory) SRAM (Static RAM) Basata su FF (4 o 6 transistor MOS) Veloce, costosa, bassa densità

Dettagli

Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software

Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software 4 Codifica, Test e Collaudo. Al termine della fase di progettazione, a volte anche in parallelo, si passa alla fase di codifica e successivamente alla fase di test e collaudo. In questa parte viene approfondita

Dettagli

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 Modulo termostato a pannello 4 COLLEGAMENTO 9-12V DC/ 500mA L1 L2 ~ Riscaldatore/Aria condizionata Max. 3A Max. 2m Sensore di temperatura Per prolungare il sensore, utilizzare

Dettagli

Sommario. Gestione dell I/O e Scheduling dei Dischi. Categorie di Dispositivi di I/O. Human readable

Sommario. Gestione dell I/O e Scheduling dei Dischi. Categorie di Dispositivi di I/O. Human readable Sommario Gestione dell I/O e Scheduling dei Dischi Dispositivi di I/O Organizzazione delle funzioni di I/O Problematiche di Progettazione I/O Buffering Disk Scheduling Categorie di Dispositivi di I/O Area

Dettagli

SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED

SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED Fasar Elettronica propone un innovativa e performante famiglia di prodotti per l'ambiente embedded, che comprende sistemi completi e singoli

Dettagli

Obiettivi del corso. Programma del corso. Informatica per i corsi di Fisioterapia e Dietistica

Obiettivi del corso. Programma del corso. Informatica per i corsi di Fisioterapia e Dietistica Informatica per i corsi di Fisioterapia e Dietistica Docente: Giorgio Valentini e-mail: valentini@dsi.unimi.it Struttura del corso: 8 lezioni di teoria (2 ore) martedi (14:30-16:30) aula 201 8 lezioni

Dettagli

Informatica per i corsi di Fisioterapia e Dietistica

Informatica per i corsi di Fisioterapia e Dietistica Informatica per i corsi di Fisioterapia e Dietistica Docente: Giorgio Valentini e-mail: valentini@dsi.unimi.it Struttura del corso: 8 lezioni di teoria (2 ore) martedi (14:30-16:30) aula 201 8 lezioni

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Software di configurazione String Box

Software di configurazione String Box Software di configurazione String Box E vietata la riproduzione di qualsiasi parte del presente documento anche se parziale salvo autorizzazione della ditta costruttrice. Sommario Avvertenze... 3 Installazione

Dettagli

MANUALE D USO serie TP1043

MANUALE D USO serie TP1043 MANUALE D USO serie TP1043 M7029_04 06/15 INDICE 1. Introduzione... 1 1.1. Qualificazione del personale... 1 1.2. Simboli... 1 1.3. Nomenclatura... 2 1.4. Sicurezza... 2 1.5. MANUALI DI RIFERIMENTO...

Dettagli

Lezione 3 Prof. Angela Bonifati

Lezione 3 Prof. Angela Bonifati Lezione 3 Prof. Angela Bonifati Complemento a 2 Algebra booleana Le infrastrutture hardware Esercizi sulla codifica dei numeri Eseguire le seguenti conversioni: Da base 2 e 16 in base 10: 110 2 =???? 10

Dettagli

Software Testing. Lezione 2 Livelli di test. Federica Spiga. federica_spiga@yahoo.it. A.A. 2010-2011 Autori: F.Rabini/F.Spiga

Software Testing. Lezione 2 Livelli di test. Federica Spiga. federica_spiga@yahoo.it. A.A. 2010-2011 Autori: F.Rabini/F.Spiga Software Testing Lezione 2 Livelli di test Federica Spiga federica_spiga@yahoo.it A.A. 2010-2011 Autori: F.Rabini/F.Spiga 1 2 Livelli di test Unit Testing Integration Testing System Testing Unit Testing

Dettagli

Gli analizzatori di rete vettoriali (VNA - Vector Network

Gli analizzatori di rete vettoriali (VNA - Vector Network I vantaggi delle misure nel dominio del tempo mediante un VNA Christian Sattler Business development m anager Anritsu - Germany Alcuni VNA possono visualizzare i dati anche nel dominio del tempo, fornendo

Dettagli

Informatica Applicata Progettazione dei sistemi di elaborazione 3DUWH ,QWURGX]LRQH. Facoltà di Scienze MM FF NN Università di Urbino A.A.

Informatica Applicata Progettazione dei sistemi di elaborazione 3DUWH ,QWURGX]LRQH. Facoltà di Scienze MM FF NN Università di Urbino A.A. 3DUWH,QWURGX]LRQH Facoltà di Scienze MM FF NN Università di Urbino A.A. 2001/2002 1 3UHPHVVD 7HQGHQ]HWHFQRORJLFKH Circuiti integrati digitali: Legge di Moore: il numero di dispositivi integrabili su un

Dettagli

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test Software e difetti Il software con difetti è un grande problema I difetti nel software sono comuni Come sappiamo che il software ha qualche difetto? Conosciamo tramite qualcosa, che non è il codice, cosa

Dettagli

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 11.1

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 11.1 GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA 11.1 Memoria Secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Struttura RAID Affidabilità Implementazione della memoria

Dettagli

Sistemi Operativi. Memoria Secondaria GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione del disco

Sistemi Operativi. Memoria Secondaria GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione del disco GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA 11.1 Memoria Secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Struttura RAID Affidabilità Implementazione della memoria

Dettagli

Prove sperimentali sugli inverter durante l'esercizio degli impianti FV

Prove sperimentali sugli inverter durante l'esercizio degli impianti FV POLITECNICO DI TORINO Dipartimento di Ingegneria Elettrica Prove sperimentali sugli inverter durante l'esercizio degli impianti FV F. Spertino filippo.spertino@polito.it Dip. Ingegneria Elettrica - Politecnico

Dettagli

Generazione automatica di march test per memorie SRAM

Generazione automatica di march test per memorie SRAM POLITECNICO DI TORINO III Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Generazione automatica di march test per memorie SRAM Utilizzo di un algoritmo genetico per la generazione

Dettagli

Componenti principali di un computer

Componenti principali di un computer Componenti principali di un computer Unità centrale Processore Controller Memoria principale (centrale) Bus Stampante Terminale Periferiche di input/output Memorie di massa (secondarie) 1 COMPONENTI DI

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Comunicazione Seriale Prof. Antonino Mazzeo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica UART/USART Intel 8251A Standard Universal Synchronous/Asynchronous Receiver/Trasmitter (USART) Progettata

Dettagli

IL SERVIZIO DI INDAGINE TERMOGRAFICA E LE SUE APPLICAZIONI SUGLI IMPIANTI CIVILI E INDUSTRIALI

IL SERVIZIO DI INDAGINE TERMOGRAFICA E LE SUE APPLICAZIONI SUGLI IMPIANTI CIVILI E INDUSTRIALI IL SERVIZIO DI INDAGINE TERMOGRAFICA E LE SUE APPLICAZIONI SUGLI IMPIANTI CIVILI E INDUSTRIALI Rev. 00 del 12.10.2011 PREMESSA ATT Studio Tecnico Associato, opera progettando, sviluppando, monitorando

Dettagli

Ingegneria del Software 21. Verifica e validazione. Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15

Ingegneria del Software 21. Verifica e validazione. Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15 Ingegneria del Software 21. Verifica e validazione Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15 roadmap Concetti e terminologia Verifica, validazione, integrazione e collaudo Verifica statica

Dettagli

L AFFIDABILITA NELLA FASE DI PROGETTAZIONE

L AFFIDABILITA NELLA FASE DI PROGETTAZIONE 8. L AFFIDABILITA NELLA FASE DI PROGETTAZIONE Ed.1 del 14/09/98 Rev. 3 del 08/09/00 AFFIDABILITA' DI COMPONENTI E SCHEDE ELETTRONICHE-sez 8 1 L AFFIDABILITA NELLA PROGETTAZIONE L AFFIDABILITA DEVE ESSERE

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Fibre Ottiche. FORMAZIONE PROFESSIONALE SCHEDA CORSO TITOLO DEL CORSO: Digital forenser

Fibre Ottiche. FORMAZIONE PROFESSIONALE SCHEDA CORSO TITOLO DEL CORSO: Digital forenser Fibre Ottiche Informazioni generali Descrizione sintetica Contesto Formativo Obiettivi formativi Titolo del corso: Fibre Ottiche Durata: 40 ore Data inizio: da definire in base al numero di partecipanti

Dettagli

Realizzazione del file system

Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

La visione artificiale nella quarta rivoluzione industriale Progresso dell efficienza delle attività produttive, intelligenza e gestione dati oltre l

La visione artificiale nella quarta rivoluzione industriale Progresso dell efficienza delle attività produttive, intelligenza e gestione dati oltre l La visione artificiale nella quarta rivoluzione industriale Progresso dell efficienza delle attività produttive, intelligenza e gestione dati oltre l ispezione visiva Monza, 17 settembre 2015 Giovanni

Dettagli

Corso di Costruzioni Elettroniche A - A.A. 2006/2007. Titolo: "Realizzazione su PCB di un programmatore ICD2 per microcontrollori PIC "

Corso di Costruzioni Elettroniche A - A.A. 2006/2007. Titolo: Realizzazione su PCB di un programmatore ICD2 per microcontrollori PIC Università degli Studi di Parma Facoltà di Ingegneria Corso di Costruzioni Elettroniche A - A.A. 2006/2007 Docente: Giovanni Franco e mail giovanni.franco12@tin.it Titolo: "Realizzazione su PCB di un programmatore

Dettagli

Sistemi di acquisizione dati

Sistemi di acquisizione dati Sistemi di acquisizione dati - 1 Sistemi di acquisizione dati 1 - Configurazioni tipiche Generalità L impiego di tecniche numeriche per la rappresentazione dei segnali consente la successiva elaborazione

Dettagli

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1 Memoria secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dello spazio di swap La struttura RAID Affidabilità dei dischi Connessione dei dischi 14.1 Memoria secondaria

Dettagli

Memoria Esterna (secondaria) n Materiale usato per il disco: era in alluminio n Ora è di vetro, perché Migliora l uniformità della superficie

Memoria Esterna (secondaria) n Materiale usato per il disco: era in alluminio n Ora è di vetro, perché Migliora l uniformità della superficie Memoria Esterna (secondaria) Dischi magnetici RAID Rimovibili Ottica CD-ROM CD-Recordable (CD-R) CD-R/W DVD Nastri magnetici Dischi Magnetici Disco rivestito con materiale magnetico (ossido di ferro) Materiale

Dettagli

Il sistema di I/O. Calcolatori Elettronici 1. Architettura a bus singolo. Memoria. Unità di I/O. Interfaccia. Unità di I/O.

Il sistema di I/O. Calcolatori Elettronici 1. Architettura a bus singolo. Memoria. Unità di I/O. Interfaccia. Unità di I/O. Il sistema di I/O Calcolatori Elettronici 1 Architettura a bus singolo Memoria CPU Interfaccia Unità di I/O Interfaccia Unità di I/O Calcolatori Elettronici 2 1 Interfaccia Svolge la funzione di adattamento

Dettagli

Albero dei guasti DOTT. ING. KONSTANTINOS MILONOPOULOS 1

Albero dei guasti DOTT. ING. KONSTANTINOS MILONOPOULOS 1 Albero dei guasti E uno strumento di analisi dei guasti che si affianca all FMECA. L FMECA e un analisi di tipo bottom-up, perche si parte da un componente e si risale agli effetti di un suo guasto L Albero

Dettagli

Wattmetri di Precisione

Wattmetri di Precisione I modelli proposti Wattmetri di Precisione 3390 PW3337 PW3336 3332 3334 Canali di misura V e I 4 e 4 4 e 3 2 e 2 1 e 1 1 e 1 Misura di tensione fino a 1500V fino a 1000V fino a 1000V fino a 600V fino a

Dettagli

POLIFEMO RADIO-LIGHT

POLIFEMO RADIO-LIGHT POLIFEMO RADIO-LIGHT Manuale di Riferimento Release 200_006 Microgate s.r.l. Via Stradivari, 4 Stradivaristr. 39100 BOLZANO BOZEN ITALY Pagina 2 di 12 1. INDICE 1. INDICE...2 2. PRESENTAZIONE...3 3. POLIFEMO-RADIO-LIGHT...4

Dettagli

Sistemi Elettronici #1. Sistemi Elettronici. Definizioni e concetti generali. Sistemi Elettronici Laurea Triennale in Elettronica A.A.

Sistemi Elettronici #1. Sistemi Elettronici. Definizioni e concetti generali. Sistemi Elettronici Laurea Triennale in Elettronica A.A. Sistemi Elettronici Definizioni e concetti generali Concetti generali Il microcontrollore è un dispositivo che raggruppa su un unico chip un processore ed un insieme di dispositivi CPU Memoria RAM Memoria

Dettagli

La memoria. I sistemi di memoria di un elaboratore possono essere suddivisi in: Memoria interna al processore Memoria principale Memoria secondaria

La memoria. I sistemi di memoria di un elaboratore possono essere suddivisi in: Memoria interna al processore Memoria principale Memoria secondaria La memoria I sistemi di memoria di un elaboratore possono essere suddivisi in: Memoria interna al processore Memoria principale Memoria secondaria La memoria interna Registri interni alla CPU Visibili

Dettagli

Live Trap Alarm. Manuale Utente

Live Trap Alarm. Manuale Utente Live Trap Alarm Manuale Utente Sommario 1. Introduzione... 2 1.1 Descrizione Generale... 2 1.2 Caratteristiche... 2 2. Componenti... 3 3. Installare la SIM Card e le Batterie... 4 3.1 Installare la SIM

Dettagli

Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni

Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni Analisi delle tracce OTDR Come diventare un esperto nella risoluzione dei problemi grazie all analisi avanzata delle tracce OTDR.

Dettagli

Ottimizzazione dei Sistemi di Test Automatico: Multithreading in NI TestStand

Ottimizzazione dei Sistemi di Test Automatico: Multithreading in NI TestStand Multithreading in NI TestStand - 2 Ottimizzazione dei Sistemi di Test Automatico: Multithreading in NI TestStand Ing. Luigi Magni Responsabile Sviluppo ATS Pragma Engineering Srl (Perugia Italy) Multithreading

Dettagli

S.I.T. srl 4 febbraio 2008. Dispositivo indossabile per la misura di parametri biometrici

S.I.T. srl 4 febbraio 2008. Dispositivo indossabile per la misura di parametri biometrici Dispositivo indossabile per la misura di parametri biometrici Indice degli argomenti Indice delle figure...2 Introduzione...3. Parametri misurati dal sistema Hornet...4 2. Caratteristiche hardware del

Dettagli

TERMINALE DI RILEVAZIONE PRESENZE E CONTROLLO ACCESSI MOD. KP-02

TERMINALE DI RILEVAZIONE PRESENZE E CONTROLLO ACCESSI MOD. KP-02 1 TERMINALE DI RILEVAZIONE PRESENZE E CONTROLLO ACCESSI MOD. KP-02 Il Terminale KP-02 é stato sviluppato per consentire le modalità operative di Rilevazione Presenze e Controllo Accessi. Viene costruito

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO

ISTRUZIONI PER L USO BARO HR 100 Riferimento prodotto : 90-60-358 ISTRUZIONI PER L USO Versione 1.0 nke Marine electronics Z.I. Kerandré Rue Gutenberg 56700 HENNEBONT- FRANCE http://www.nke.fr N indigo 0 892 680 656 : 0,34

Dettagli

Istruzioni per l'uso originali Pulsante di emergenza con modulo di sicurezza AS-i integrato AC011S 7390990/00 05/2013

Istruzioni per l'uso originali Pulsante di emergenza con modulo di sicurezza AS-i integrato AC011S 7390990/00 05/2013 Istruzioni per l'uso originali Pulsante di emergenza con modulo di sicurezza AS-i integrato AC011S 7390990/00 05/2013 Indice 1 Premessa3 1.1 Spiegazione dei simboli 3 2 Indicazioni di sicurezza 4 2.1 Requisiti

Dettagli

Introduzione alla programmazione dei PLC. ITI Alessandro Volta - Sassuolo Anno Scolastico 2009/2010

Introduzione alla programmazione dei PLC. ITI Alessandro Volta - Sassuolo Anno Scolastico 2009/2010 Introduzione alla programmazione dei PLC ITI Alessandro Volta - Sassuolo Anno Scolastico 2009/2010 Programmazione dei PLC 1 Concetti introduttivi La scrittura di un programma per PLC si basa sull'utilizzo

Dettagli

A parte alcuni dispositivi rudimentali dell'antichità classica, non vi furono progressi tecnologici rilevanti fino a circa il 1650 Per tre secoli,

A parte alcuni dispositivi rudimentali dell'antichità classica, non vi furono progressi tecnologici rilevanti fino a circa il 1650 Per tre secoli, Storia del Calcolatore A parte alcuni dispositivi rudimentali dell'antichità classica, non vi furono progressi tecnologici rilevanti fino a circa il 1650 Per tre secoli, vennero ideati dispositivi meccanici

Dettagli

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit ingressi analogici Conversione A/D Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit Ogni codice binario rappresenta il

Dettagli

STRUMENTAZIONE ELETTRONICA. Generatore di segnale

STRUMENTAZIONE ELETTRONICA. Generatore di segnale Strumentazione Elettronica pag. 1 STRUMENTAZIONE ELETTRONICA Generatore di segnale Il generatore di segnale è genericamente lo strumento che fornisce la sollecitazione nella analisi di rete e assume diversi

Dettagli