Sistemi di controllo digitali Aldini (ancora da rivedere e correggere...) 1 di 5

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi di controllo digitali Aldini (ancora da rivedere e correggere...) 1 di 5"

Transcript

1 Sistemi di controllo digitali Aldini (ancora da rivedere e correggere...) 1 di 5 IL MICROCONTROLLORE 68HC11 Il dispositivo 68HC11 e' un microcontrollore. La differenza più marcata rispetto ai microprocessori (quali 80xx86,Z80,68000,..) consiste nella presenza a bordo del chip di blocchi funzionali (interfacce di I/O, memorie, timer,controllori di interruzione, convertitori A/D, interfacce seriali,..) che nei sistemi a microprocessore sono realizzati da sottosistemi (integrati) esterni. L'uso dei microcontrollori rende dunque possibile il progetto di piccoli sistemi di controllo con un ridotto numero di componenti aggiuntivi esterni. Nel 68HC11A1 1 e' presente ad esempio un piccolo quantitativo di RAM,EEPROM,ROM 2 ed alcune interfacce di I/O (chiamate PORTI, con funzioni simili ai 244/373) che rendono possibile un modo di funzionamento chiamato SINGLE-CHIP MODE che non richiede alcun modulo aggiuntivo di memoria. I pin che andrebbero usati come address bus e data bus per le memorie restano cosi' disponibili per altri scopi (I/O) EXPANDED-MULTIPLEXED MODE Il modo di funzionamento che permette l' accesso a moduli esterni di I/O e memoria e' detto EXPANDED-MULTIPLEXED MODE e per risparmiare sul numero dei pins, prevede un bus ADDRESS/DATA multiplato. I pin del data bus, prima di funzionare come data-bus vero e proprio 3, per un certo intervallo di tempo funzionano come parte bassa (segnali A0..A7) dell 'address-bus. Lo stesso gruppo di pin, cioe', in un primo intervallo di tempo svolge la funzione di address-bus poi quello di data-bus. Poiche' le memorie hanno bisogno di indirizzi stabili e completi per tutta la durata delle operazioni di lettura/scrittura, il progettista HW deve incaricarsi di realizzare una rete logica (basta un 373) che separi gli indirizzi dai dati ricostruendo l' address.bus completo a 16 bit. l 373 di figura realizza questo scopo: appena vede uscire sugli 8 pin D0..D7/A0..A7 un indirizzo, lo 'fotografa' e ne mostra il valore sulle sue uscite in modo permanente alle memorie, cioè lo trattiene anche quando al suo ingresso l indirizzo scompare per far posto al dato. Quando sugli stessi fili viaggia invece un dato, il 373 lo ignora lasciando inalterate le uscite (in modo che trattengano i segnali dell' ultimo indirizzo). Il micro, per far capire al 373 quando sul data bus viaggia temporaneamente un indirizzo, attiva un segnale particolare detto AS\ (Address Strobe). E' questo segnale che il progettista deve usare (come in figura) per controllare l' ingresso di comando G del 373 in modo che campioni, al momento giusto, i segnali di indirizzo e non quelli del dato. SEGNALI DI CONTROLLO RD\ e WR\ Un altra particolarita' dell' HC11 e' legata la fatto che i segnali di controllo delle operazioni di lettura RD\ e scrittura WR\ debbono essere generati a cura dal progettista a partire dalle uscite del micro E 4 ed R/W\ 5. Il segnale RD dev' essere attivato SE E SOLO SE R/W vale 1 ed il clock E vale 1 (cioe' si trova nella seconda meta' del suo periodo, in cui il data bus risulta sgombro, non impegnato dall' indirizzo, come si puo' osservare in fig. 3). In formule RD= R/W\*E RD\= (R/W\ E) L' equazione di WR si trova in modo analogo. Queste espressioni logiche possono essere realizzate usando il PAL 6 FASI DI ATTIVITA DEL MICROPROCESSORE L attivita della CPU 7 dell HC11 si svolge secondo lo schema semplificato di figura in cui si evidenzia l alternanza continua di due fasi principali: lettura dell istruzione (fase di FETCH) e sua esecuzione (fase di EXECUTE). Per svolgere in modo ordinato la sequenza delle istruzioni dei programmi, la CPU usa un registro a 16 bit di nome PC (Program Counter, nei sistemi 80XXX si chiama EIP..)che contiene sempre l indirizzo dell istruzione da eseguire. 8 Quando l HC11 viene acceso (ovvero resettato) in expanded-mode, il valore di PC viene caricato con il valore reperito nei due byte posti in memoria all indirizzo FFFEH. Ecco perche e necessario che questo indirizzo sia coperto da un chip di memoria non volatile Cio giustifica il fatto di collocare la EPROM in fondo alla mappa degli indirizzi.in particolare, dentro la EPROM negli ultimi due byte si deve inserire l indirizzo di partenza del programma. LE PRINCIPALI ISTRUZIONI Ricadono nelle seguenti categorie: 9 1 esistono diverse versioni dell' HC11,che differiscono soprattutto per la quantita' ed il tipo di memoria installata. Il chip 68HC11K4 contiene, ad esempio 24KPROM (OTP), assente nella versione HC11A1.La frequenza max di Eclock e' 5MHz contro i 2 della A1 2 Quest' ultima puo' programmarla solo il costruttore. Risulta conv. per grandi quantitativi e percio' nei nostri progetti verra' sempre ignorata, cosi' come il single-chip mode che dovrebbe utilizzarla per i programmi. C' e' tuttavia un modo di funzionamento, detto special-bootstrap mode, assai simile al single-chip (differisce per il meccanismo di avvio ed altri piccoli dettagli).avviando l' HC11 in special-bootstrap mode (pin MODA, MODB=0,0) e' ancora possibile fare a meno di moduli aggiuntivi di memoria, mettendo i programmi in EEPROM (solo512bytes) e facendo partire il micro con i pin PD0 e PD1 collegati assieme (questa connessione ha l' effetto di costringere l' HC11 ad eseguire il programma in EEPROM) 3 per ricevere/spedire il dato da/alla memoria o I/O 4 E' il segnale di clock (onda quadra) che scandisce le fasi delle operazioni di lettura scrittura del micro. Nella sua prima meta' il data bus e' temporaneamente impegnato con la parte bassa dell' indirizzo e quindi non puo' ospitare dati. I comandi RD e WR\ dovranno essere attivati SOLO nella seconda meta'. 5 vale 1 quando il micro vuole leggere e 0 quando vuole scrivere 6 al quale, percio',andranno cllegati all' ingresso i sgenali E ed R/W\. In uscita preleveremo RD\ e WR\ da collegare agli OE\ ed ai WE\ delle memorie. 7 Central Processing Unit: e' unita che esegue le istruzioni. Nell HC11 ci sono altri blocchi funzionali (TIMER, SERIALE,A/D, MEM: 8 PC puo essere alterato dalle istruzioni di salto. 9

2 Sistemi di controllo digitali Aldini (ancora da rivedere e correggere...) 2 di 5 INTERFACCIAMENTO DELL HC11 CON LE MEMORIE ED I DISPOSITIVI I/O ESTERNI (expanded mode) Quando l HC11 esegue una istruzione che gli comanda di accedere (in lettura o scrittura) ad un byte (cella) di memoria o I/O gestisce i segali di interfaccia 10 secondo la sequenza temporale descritta in seguito che globalmente e detta CICLO DI LETTURA o SCRITTURA ed e divisa in due fasi, corrispondenti alle due meta del periodo del clock E (T Eclock=500ns) (il diagramma sottostante si riferisce al caso di una lettura (da un 244 posto all indirizzo 7) seguita da una scrittura su un 373 (addr 4) 1)Viene posto sull address bus l INDIRIZZO della cella da leggere o scrivere (NB:la parte bassa cioe i bit A0..A7 in questa prima meta del ciclo occupano temporaneamente il data bus 11 ) l INDIRIZZO della cella da leggere o scrivere(nb:la parte bassa cioe i bit A0..A7 in questa prima meta del ciclo occupano.il PAL decodifica questo indirizzo determinando in quale dispositivo di memoria o I/O risiede la cella corrispondente e subito provvede ad attivare il suo chip-select. Il dispositivo (unico) che ha ricevuto il chip select si prepara a rispondere al micro cosa che accadrà non appena riceverà il comando di scrittura (WR\) o lettura(rd\). 2)Viene attivato il segnale RD\ oppure WR\ a seconda del tipo di operazione che il micro deve compiere 12. Se l operazione e una lettura, la memoria (o l I/O) invia il dato al micro tramite il data bus. Sul fronte di discesa del segnale E il micro incamera(campiona) questo dato depositandolo in uno dei suoi registri interni pronto per sottoporlo alle operazioni previste dalle successive istruzioni.. Il tempo concesso dal micro alle memorie o I/O per rispondergli, dal momento in cui emette sull address-bus l indirizzo della cella desiderata, e pari a 276ns (con T Eclock=500ns).A questo intervallo bisogna sottrarre il tempo di propagazione degli indirizzi attraverso il 373 e, se T ACC=T CE 13, anche il ritardo di propagazione del PAL, come descritto nel paragrafo Verifica della compatibilta' con le temporizzazioni dell' HC11 (a 8MHz) Perché i cicli di accesso alle memorie o I/O funzionino correttamente, cioè il micro riesca a leggere e scrivere la cella desiderata, e necessario che il progettista HW assegni un indirizzo ad ogni byte contenuto nei vari chip. Cio viene fatto utilizzando una mappa degli indirizzi come negli esempi visti a lezione. Essa serve a capire quale chip deve essere selezionato (abilitato) ogni volta che il micro emette sull address bus un certo indirizzo, in particolare serve a calcolare le equazioni dei segnali, detti CHIP-SELECT, che si collegano ai pin CE\ dei vari integrati, fornendogli l abilitazione generale. Per ogni accesso effettuato al micro un solo chip-select e attivo ed un solo integrato (quello che contiene il byte indirizzato dal micro), risulta conseguentemente abilitato. 10 (address bus A0..A15, data bus D0..D7 e control bus RD\ e WR\ ottenuti a partire da E ed R/W\ con una semplice rete logica RD=E*R/W\, WR=E*(R/W\)\) 11 La funzione del 373 collegato al segnale AS e quella di catturare la parte bassa dell indirizzo nel momento in cui appare sul data BUS, rendendola poi disponibile sulle sue uscite (collegate alle memorie/io/pal) in modo permanente per il resto dell operazione di lettura/scrittura, quando sul data bus l indirizzo scompare per cedere il posto al dato. 12 Il micro imposta il segnale R/W a 1 oppure a 0 a seconda che voglia leggere o scrivere. E' il PAL che genera i segnali RD e WR a partire da questo segnale e dal segnale E. L'equazione è: RD= R/W * E. 13 Cioè se il parametro più critico delle temporizzazioni della memoria è T CE= ritardo nell'emissione dei dati rispetto all'attivazione del pin CE..

3 Sistemi di controllo digitali Aldini (ancora da rivedere e correggere...) 3 di 5 Progetto HW DI SISTEMI BASATI SUL Mc 68hc11 IN EXPANDED-MODE Il progetto HW consiste sommariamente nella scelta e nel corretto collegamento al micro delle memorie e delle interfacce di I/O e nella definizione del contenuto del PAL. Il PAL è il dispositivo che ha il compito di selezionare, sulla base degli indirizzi emessi dal micro, il chip di memoria o I/O che deve rispondergli. IL PAL seleziona il chip che deve rispondere al micro attivando quella, delle sue diverse uscite, che è collegata proprio al pin di abilitazione (ad eempio CE) del chip interessato. Questo segnale di uscita si chiama chip-select; è generato all'interno del PAL da una rete logica di cui il progettista deve determinare (calcolare) l'espressione (come si faceva in 3 nel progetto delle reti logiche). Questa fase di progetto possiamo chiamarla calcolo delle equazioni dei chip select Calcolo delle equazioni dei chip select: Cosa sono i chip select? Ogni volta che il micro vuole accedere ad una cella, emette il suo indirizzo sui fili dell'addres bus, che nel acso dell'hc11 sono 16, A0..A15. Occorre un circuito che in base a questo indirizzo, cio' sulla base dei valori di A0..A15 selezioni il chip giusto, cioè quello contente la cella corrispondente all'indirizzo emesso dal micro. La selezione avviene semplicemente attivando un segnale collegato al pin CE del chip da abilitare. Questi segnali collegati ai pin CE dei vari moduli, e che selezionano (abilitano) il solo chip destinato ad essere letto/scritto dal micro si chiamano chip-select. Come si progetta il circuito che genera i chip select? Il chip select di un determinato modulo deve essere attivato solo quando sui fili del'address bus c'è n indirizzo associato ad una cella contenuta in quel modulo. Prima di tutto occorre stabilire per ogni cella contenuta nei vari moduli, qual'è il suo indirizzo. Ciò è deciso dal progettista HW compilando una mappa degli indirizzi, in cui sono elencati tutti gli indirizzi che il micro puo' emettere e di fianco le celle che si desidera associare a quegli indirizzi (basta scrivere il nome del chip) Una volta compilata la mappa cerca di progettare il circuito che genera il chip select di ogni chip, guardando cosa hanno in comune tutti gli indirizzi delle celle contenute nel chip. Nell'esempio elementarissimo di figura 1, in cui si è fata l'ipotesi che il micro abbia solo 4 fili di indirizzo (A0..A3) si nota che le celle della memoria EPR2 hanno indirizzi che iniziano tutti con A3=0, A2=1. Se allora il progettista fa generare il chip select di EPR2 (chiamato CEROM2: il nome lo sceglie il progettista in modo arbitrario) da un circuito che fa l'and di A3 negato ed A2 otterrà l'effetto di attivare EPR2 (attivando l chip select collegato al suo pin CE) proprio ogni volta che il micro emetterà uno degli indirizzi associato a questo chip. Quindi CEROM2 = A 3 x A 2 Per le altre equazioni si procede in modo analogo. Progetto HW: tecnica di calcolo delle equazioni dei chip select con chip di memoria commerciali vedi appunti, esempio di progetto Quando i fili di indirizzo del micro sono molti è impensabile compilare una mappa degli indirizzi come si è fatto nell'esempio precedente, servito solo ad illustrate i concetti fondamentali.

4 Sistemi di controllo digitali Aldini (ancora da rivedere e correggere...) 4 di 5 Una tecnica di calcolo delle equazioni è esposta nell'esempio completo di progetto negli appunti ftp://ftp.itisvinci.com/ftp/4be_5be/4be appunti/appunti_4_hc11 (marzo_aprile 2009).pdf, pag da studiare! CALCOLO DELLE EQUAZIONI DEI CHIP-SELCT 0) Si disegna la mappa degli indirizzi da 0x0000 (primo indirizzo emesso dal micro) all'ultimo 0xFFFF 1)Si sceglie la posizione (cioe' l' indirizzo di partenza) del chip all' interno della mappa degli indirizzi. Quando sia possibile, per semplificare la scrittura delle equazioni, conviene scegliere un valore che sia multiplo della capacita' del chip, oppure 0. Ad esempio, un chip di 4K andrà collocato, se possibile ad un indirizzo multiplo di 4K, cioe' 4K (0x1000), 8K (0x2000), 12K(0x3000),..etc, oppure 0. Cio' si ottiene se i chip vengono disposti in ordine di capacità decrescente (dal più grande al più piccolo) sia quando si deve partire dall'inizio della mappa (indirizzo 0x0000) sia quando si deve partire dal fondo (indirizzo 0xFFFF) NB: In expanded-mode, e' necessario che gli ultimi due indirizzi della mappa (FFFE,FFFF) siano sempre coperti da un chip di memoria non volatile. Le due locazioni poste a questi indirizzi debbono infatti contenere l' indirizzo (16bit=2bye!) di partenza del programma che il micro deve eseguire quando viene acceso/resettato. L' HC11 infatti, appena avviato, preleva da queste celle l' indirizzo della prima istruzione da eseguire. E' per questa ragione che d'ora in avanti porremo sempre un chip di EPROM in fondo alla mappa degli indirizzi (e le SRAM all'inizio) 2)Si scrive il prodotto di tutti i segnali dell' address bus, dal piu significativo A15 fino ad AN, dove N e' legato alla capacita' del chip dalla relazione capacita' = 2 N. Ad esempio, se la capacita' e' 8KB (=2 13 ) scriveremo CHIP_SELECT = A15*A14*A13 3) Si scrive in binario l' indirizzo di partenza del chip sopra ai segnali individuati al punto precedente, e per ogni bit uguale a 0 si NEGA il segnale sottostante. Es: Un chip di SRAM da 2KB e' collocato all' indirizzo 0x7000. Esprimo 2K come potenza del 2: 2K=2 11 Scrivo il prodotto del segnali da A15 fino ad A11: CS_SRAM= A15*A14*A13*A12*A11 Scrivo l' indirizzo di partenza 7000H (in binario ) sopra ai segnali di indirizzo CS_SRAM= A15*A14*A13*A12*A11 Nego i segnali sottoposti ad uno 0 CS_SRAM= A15*A1*A13*A12*A11 NB: i dispositivi elementari di I/O, come i 244 ed i 373, avendo un solo pin di abilitazione e non 2 o 3 (come le SRAM che hanno CE\, OE\, WE\) esigono generalmente che a questo unico pin arrivi un chip-select condizionato in modo da tenere conto anche del tipo di operazione, LETTURA o SCRITTURA. Alle equazioni dei chip-select dei 244 e 373 occorre perciò aggiungere il prodotto (and) per RD o WR in modo che i segnali si attivino quando il micro emette l indirizzo associato E (and) sta facendo un lettura (caso 244) oppure una scrittura (caso 373) Un esempio completo di compilazione della mappa degli indirizzi e di calcolo delle equazioni dei chip select è mostrato nel punto 2 del progetto svolto in fondo agli appunti Le equazioni così ottenute debbono poi essere programmate all interno del PAL (perche si formino i circuiti logici corrispondenti) tramite apposite apparecchiature (EPROM PROGRAMMER) da collegare al PC. Per questa operazione e disponibile del SW opportuno che permette di scivere le equazioni in un file e fornisce tutti comandi necessari per programmare il PAL. Progetto HW: Utilizzo di un PAL per realizzare le equazioni (circuiti) dei chip select e dei segali RD e WR La descrizione dei dispositivi PAL è svolta in una scheda apposita, più avanti. oppure vedi ftp://ftp.itisvinci.com/ftp/4be_5be/4be appunti/appunti_4_hc11 (marzo_aprile 2009).pdf pag 8 Progetto HW: interfacciamento del micro con le memorie Le memorie dispongono innanzitutto del pin di abilitazione generale CE (Chip Enable) da collegare al chip select. Infati un chip dei memoria deve ricevere l'abilitazione generale solo quando l'indirizzo emesso dal micro corrisponde ad una cella posta al suo interno, e questo fatto è segnalato proprio dall'attivazione del chp select. I pin che comandano la lettura e la scrittura OE e WE si collegano a segnali RD e WR prodotti da un circuito (realizzato a carico del progettista) che li attiva in base ai segnali del micro R / W ed E. Ricordando che solo quando E vale 1 il data bus è pronto per trasferire i dati, e che quando il micro vuole scrivere pone il segnale R/W a 0, il circuito che genera il WR avrà equazione WR= R / W E ed inoltre per il RD, RD = R / W E I pin di indirizzo A 0..A N-1 (in cui N è legato alla capacità del chip = numero di BYTE contenuti nel chip, dalla relazione 2 N = capacità si collegano ai primo N segnali dell'address bus del micro. I pin D0..D7 su cui entrano/escono dati, si collegano al data bus del micro. Progetto HW: interfacciamento del micro con i porti di input ed output I porti elementari 244 e 373 non hanno due pin di controllo separati per l'abilitazione generale (CE) e per la lettura (OE) o scrittura (WE) come le memorie, ma un solo pin. Per il 373, ad esempio questo pin si chiama G. Il chip select del 373 deve allora essere condizionato (moltiplicato, ossia messo in AND) con il segnale WR in modo che si attivi quando il micro emette il suo indirizzo ed inoltre vuole scrivere (e non leggere) Vedi equazione di G373 nella figura figura. Per accedere nei programmi C ai porti di I/O in un sistema HC11, si puo' usare la notazione MB(indirizzo del porto) Esempi: vedi lezione. Progetto HW: Porti di I/O disponibili a bordo dell'hc11 (da usarsi, nel caso bastino, al posto di 244 e 373 esterni) Anche nella modalità di funzionamento expanded-mode, sono disponibili sull'hc11 diversi porti di I/O che possono evitare, qualora i segnali da collegare siano pochi, l'utilizzo di 373/244 esterni. la descrizione dettagliata dei pin di I/O disponibili è svolta in una scheda appsita più avani

5 Sistemi di controllo digitali Aldini (ancora da rivedere e correggere...) 5 di 5 Progetto HW: dispositivo di output HPDL2416 Si tratta di un display con 4 caratteri i visualizzabili. Dal punto di vista HW, puo essere considerato come un piccolo chip di memoria di sola scrittura (e presente il solo segnale WR ) contenente 4 celle selezionabili tramite i due fili di indirizzo A1A0.Cio che scriviamo dentro le celle viene interpretato come il codice ASCII di un carattere e subito mostrato sul corrispondente blocco visualizzatore. Inserendo ad esempio il numero 65 dentro alla cella 0, si ottiene l effetto di visualizzare il carattere A nella posizione 0 (estrema destra).disponendo diversi chip in serie/parallelo si possono ottenere sistemi di visualizzazione piu complessi. NB: nella mappa degli indirizzi questo componente occupa 4 locazioni (4 indirizzi ad esempio da 0x2000 a 0x2003) All interno dei programmi C potremo accedere a questo dispositivo usando la funzione, appositamente definita per gestire l HPDL printf_hp (indirizzo HPDL,stringa_di_formato,espressioni); in tutto simile alla ordinaria printf(..) gia studiata in 3 a colla differenza principale di dover indicare come primo parametro l indirizzo assegnato al display 14 dal progettista. Il codice della printf_hp puo essere sviluppato per esercizio o visto a lezione. Altre funzioni più semplici per visualizzare un intero ed un numero reale sono mostrate nel riquadro. //esempio 1 Funzione che visualizza un numero intero (passatogli come secondo argomento) su un HPDL posto ad un certo indirizzo (passatogli come primo argomento) void visinthpdl(int addr, int A) {MB(addr )=(IV %10) +'0'; MB(addr+1)=(IV/10 ) %10 +'0'; MB(addr+2)=(IV/100) %10+'0'; MB(addr+3)=(IV/1000)%10+'0'; } //esempio 2 Funzione che visualizza un float con una due cifre decimali void visfloathpdl(int addr, float V) {int IV; IV=V*100; MB(addr )=(IV %10) +'0'; MB(addr+1)=(IV/10)%10 +'0'; MB(addr+2)='.'; MB(addr+3)=(IV/100)%10+'0'; } I dispositivi PAL Per implementare le equazioni dei chipslect si possono usare circuiti LSI come il 74xx00 (contenente 4 NAND), decoder (come il 74xx138), oppure più comodamente dei dispositivi chiamati PAL (Programmable Array Logic). Si tratta di componenti che contengono al loro interno porte AND e porte OR (nelle versioni più semplici) come mostrato nella figura a lato. Tra gli ingressi del PAL e quelli degli AND c'è una griglia (matrice) di connessione programmabile, nel senso che il contatto tra le righe e le colonne, e quindi il collegamento tra gli ingressi e gli AND può essere programmato in base ai desideri del progettista. In particolare, le righe sono collegate alle colonne da elementi assimilabili a fusibili. La programmazione, effettuata da apposite apparecchiature, brucia i fusibili nei punti in cui il contatto deve essere aperto. In questo modo è possibile realizzare espressioni SOMME DI PODOTTI (vedi prima forma canonica studiata in terza, e le equazioni ottenute con il metodo di Karnaugh) Nella figura le X simboleggiano contatti CHIUSI quindi l'equazione dell'uscita S è: ABC+A\B\C+A\BC\+AB\C\ Esistono versioni di PAL che possono essere anche riprogrammati. Per la programmazione occorre usare apparecchiature chiamate EPROM o PLD POGRAMMER da collegare ad un PC. Usando un apposito software (sono ad esempio liberamente scaricabili da internet PALASM oppure il più avanzato CUPL della Logical Devices) si è aiutati nella scrittura delle equazioni e nella loro programmazione all'interno del PAL. (altre info sul Manuale Hoepli pag XIV-194 etc) 14 (quello stabilito compilando la mappa di tutti gli indirizzi)

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

CIRCUITI INTEGRATI ESEMPI: INTEL

CIRCUITI INTEGRATI ESEMPI: INTEL CIRCUITI INTEGRATI Costruzione di circuiti (logici e non) su un substrato di silicio. Non solo la parte attiva, ma anche le connessioni tra le porte. Incredibile miglioramento nelle prestazioni, nell affidabilità

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio:

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio: Flops FLOPS e' un'abbreviazione di Floating Point Operations Per Second e indica il numero di operazioni in virgola mobile eseguite in un secondo dalla CPU. (Top500 e il BlueGene) Ad esempio nel caso del

Dettagli

Esercizi per il recupero del debito formativo:

Esercizi per il recupero del debito formativo: ANNO SCOLASTICO 2005/2006 CLASSE 3 ISC Esercizi per il recupero del debito formativo: Disegnare il diagramma e scrivere la matrice delle transizioni di stato degli automi a stati finiti che rappresentano

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014

CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014 CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere nome, cognome e matricola chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1 Di seguito è riportato lo schema di una ALU a 32 bit in grado

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010

CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010 CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1. Si disegni lo schema di un flip-flop master-slave S-R sensibile ai fronti di salita e

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 31 marzo 2015

CALCOLATORI ELETTRONICI 31 marzo 2015 CALCOLATORI ELETTRONICI 31 marzo 2015 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere nome, cognome e matricola chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1. Tradurre in linguaggio assembly MIPS il seguente frammento di

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC I.T.I. Modesto PANETTI A R I ia Re David, 86-8-54.54. - 75 ARI Fax 8-54.64.3 Internet http://www.itispanetti.it email : ATF5C@istruzione.it Tesina sviluppata dall alunno Antonio Gonnella della classe 5

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Federico Cerutti AA. 2011/2012 Modulo di Elementi di Informatica e Programmazione http://apollo.ing.unibs.it/fip/ 2011 Federico

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

MIPS Instruction Set 2

MIPS Instruction Set 2 Laboratorio di Architettura 15 aprile 2011 1 Architettura Mips 2 Chiamata a Funzione 3 Esercitazione Registri MIPS reference card: http://refcards.com/docs/waetzigj/mips/mipsref.pdf 32 registri general

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Legge del Raffreddamento di Newton

Legge del Raffreddamento di Newton Legge del Raffreddamento di Newton www.lepla.eu Obiettivo L'obiettivo di questo esperimento è studiare l'andamento temporale della temperatura di un oggetto che si raffredda e trovare un modello matematico

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Panasonic. Analog Pbx System KX-TES 824 (NE) e TEA308 (NE) Chiamate senza restrizioni (PIN,Codice Conto e Cambio COS)

Panasonic. Analog Pbx System KX-TES 824 (NE) e TEA308 (NE) Chiamate senza restrizioni (PIN,Codice Conto e Cambio COS) Panasonic Analog Pbx System KX-TES 824 (NE) e TEA308 (NE) Chiamate senza restrizioni (PIN,Codice Conto e Cambio COS) Centrale Telefonica KX-TES 824 e TEA308 Informazione Tecnica N 010 Panasonic Italia

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 CORSO di LAUREA in INFORMATICA Corso di CALCOLO NUMERICO a.a. 2004-05 Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 PROGETTO PER L ESAME 1. Sviluppare una versione dell algoritmo di Gauss per sistemi con matrice

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati 1 Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi sulla Tecnica Divide et Impera N.B. Tutti gli algoritmi vanno scritti in pseudocodice (non in Java, né in C++, etc. ). Di tutti gli algoritmi

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

Perché un software gestionale?

Perché un software gestionale? Gestionale per stabilimenti balneari Perché un software gestionale? Organizzazione efficiente, aumento della produttività, risparmio di tempo. Basato sulle più avanzate tecnologie del web, può essere installato

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS Manuale istruzioni 01942 Comunicatore GSM-BUS Indice 1. Descrizione 2 2. Campo di applicazione 2 3. Contenuto della confezione 2 4. Vista frontale 3 5. Funzione dei tasti e led 4 6. Operazioni preliminari

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Descrizione e modalità d uso del modulo pic-sms big

Descrizione e modalità d uso del modulo pic-sms big MANUALE D USO MODULI PIC-SMS Descrizione e modalità d uso del modulo pic-sms big Rev.0807 Pag.1 di 43 www.carrideo.it INDICE 1. I MODULI SMS... 4 1.1. DESCRIZIONE GENERALE... 4 1.2. DETTAGLI SUL MICROCONTROLLORE

Dettagli

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED SED è un programma in grado di eseguire delle trasformazioni elementari in un flusso di dati di ingresso,

Dettagli

Corso di Informatica Medica Esercitazione 1I 2013-2014.! Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.com

Corso di Informatica Medica Esercitazione 1I 2013-2014.! Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.com Corso di Informatica Medica Esercitazione 1I 2013-2014! Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.com 1 2 Esercizio 1 Scrivere un programma che legga due array di interi da tastiera dica

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Metodi e Sottoprogrammi Mentre in Java tramite le classi e gli oggetti è possibile

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

1) Le Espressioni regolari

1) Le Espressioni regolari ESPRESSIONI REGOLARI e FILTRI SED, GREP e AWK 1) Le Espressioni regolari Un'espressione regolare è un modello che descrive un insieme di stringhe. Le espressioni regolari sono costruite, in maniera analoga

Dettagli

Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC

Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC Introduzione Pipeline Processori RISC Salti Appendice A: Storia Bibliografia Versione con i frame Versione in pdf Architettura del processore Una possibile

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

Informatica. PARSeC Research Group

Informatica. PARSeC Research Group Informatica Ing. Mauro Iacono Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Studi Politici e per l Alta Formazione Europea e Mediterranea Jean Monnet PARSeC Research Group Introduzione: L informatica

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica

Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Fondamenti di Informatica L uso delle funzioni in C++ Claudio De Stefano - Corso di Fondamenti di Informatica 1 Funzioni Nel C++ è possibile scomporre problemi complessi in moduli più semplici

Dettagli