Luoghi comuni sull Università: un confronto Italia paesi OCSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Luoghi comuni sull Università: un confronto Italia paesi OCSE"

Transcript

1 Luoghi comuni sull Università: un confronto Italia paesi OCSE A. Bertoni, D. Malchiodi, M. Trubian, G. Valentini Università degli Studi di Milano Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

2 Obbiettivi Nostro obbiettivo è di presentare alcuni dati indicatori dello stato dell niversità italiana, in rapporto alle Università dei paesi OCSE. Per questo abbiamo utilizzato dati estratti con metodologie che garantiscono omogeneità tra i termini di confronto (OCSE, ISTAT, EUROSTAT), evitando di fare rielaborazioni pasticciate, costruite solo per giustificare pregiudizi. Poiché nella tradizione dell Università italiana la didattica è indissolubilmente legata alla ricerca (con l ccezione delle recenti Università telematiche ), risulta necessario prendere in considerazione anche l attività di ricerca svolta nelle imprese.

3 Il sistema universitario Imprese Enti di ricerca Finanziamenti Università Docenti Personale TA Ricerca Didattica Stato Studenti

4 NUMERO DI ATENEI IN ITALIA La crescita del numero di Atenei Pubblici è avvenuta negli anni 60/90, a partire dalla liberalizzazione delle iscrizioni. Negli anni recenti si è assistito a una crescita del numero di sedi degli Atenei Pubblici e del numero di Università private, con particolare riguardo alle Università telematiche (Fig.1). L aumento di sedi ( Università a casa ), motivato dagli indici di scarsa mobilità degli studenti italiani e favorito da interessi locali (politici e accademici), ha comportato sia un aumento di iscritti all Università sia un aumento di spesa. Per quanto riguarda le Università telematiche, va notato che esse non producono ricerca e, in questo momento, non sono sottoposte a controlli di qualità formali.

5 Fig. 1: Numero di Atenei in Italia Statali Privati Telematici Proliferazione di sedi degli Atenei (l Università a casa) Interessi locali (politici e accademici) Perdita di economie di scala Nascita di Università telematiche senza controllo di qualità

6 LA RICERCA IN ITALIA Nei paesi OCSE, l Italia è tra quelli che investono meno in ricerca: 1.1% del PIL (Fig.2). La principale causa si vede scorporando gli investimenti in Ricerca & Sviluppo: le imprese italiane investono poco in ricerca (Fig.3). La causa è strutturale, frutto della politica industriale degli ultimi decenni: le imprese italiane sono mediamente molto piccole, e la piccola impresa investe in ricerca metà di quella grande, mentre innova comprando dall esterno per il doppio di quella grande (Fig.4). Anche se lo stato italiano investe più in ricerca delle imprese, il finanziamento complessivo all Università italiana (Fig.5) si situa tra i più bassi nell area OCSE (Fig.6). Il finanziamento per studente nelle Università è bassa (Fig.7). La produttività scientifica dell Università italiana è buona (Fig.8) [D. A. King, The Scientific Impact of Nations, Nature 430, (2004)]. In conclusione, la Ricerca italiana è sostenuta in gran parte in Università; il costo è modesto e i risultati sono buoni. Vengono così formati ricercatori ben valutati in sede internazionale: se non trovano sbocchi nel paese, possono spendere le loro capacità all estero (=FUGA DEI CERVELLI).

7 Fig. 2: Il finanziamento della ricerca Israel Sweden Finland Japan Switzerland Korea USA Germany Denmark Austria France Canada EU (15) Belgium Netherlands Australia UK Norway China Ireland Italy Spain 1,1 1,2 1,2 1,1 2,7 2,9 2,9 2,2 2,5 2,5 1,9 2 2,1 1,8 1,9 1,6 1,71,8 3,2 3,5 4 4,4 Spesa per R&S in rapporto al PIL, 2004 (Fonte: OCSE)

8 Fig. 3: Ripartizione della spesa in R&S Le imprese italiane investono poco in R&S La ricerca è fatta in buona parte nelle Università Spesa per R&S, 2004 (Fonte: OCSE)

9 Fig. 4: Acquisto tecnologia / Investimento R&S Spesa per innovazione nelle aziende italiane, 2004 (Fonte: ISTAT)

10 Fig. 5: Spesa per l Università: anni Milioni di (valori in termini reali 2005) pubblica privata 2013 Spesa per il sistema universitario (Fonte: MUR, OCSE)

11 Fig. 6: Spesa complessiva per l Università (% rispetto al PIL): confronto Italia paesi OCSE (2005) Fonte: OCSE

12 Fig. 7: Spesa per l Università, anno % in rapporto al PIL pro capite Spesa per studente delle Università pubbliche (Fonte: Eurostat)

13 Fig. 8: Prodotti della ricerca, 2001 (Fonte: Nature) % PIL spesa in ricerca % PIL spesa in formazione Citazioni per unità PIL Pubblicazioni per ricercatore Citazioni per ricercatore Scarso investimento in ricerca Buona formazione scientifica Incapacità del sistema Citazioni di per assorbire unità di ricercatori Fuga Costi dei cervelli spesa in formazione Ricavi Canada Francia UK USA Germania Giappone Italia

14 LA DIDATTICA NELL UNIVERSITA ITALIANA Il numero di immatricolazioni è aumentato negli anni 99/00-04/05 (Fig.9); il numero di abbandoni resta alto (Fig.10), ma il numero di laureati è fortemente aumentato (a scapito della qualità) in seguito alla riforma 3+2 (Fig.11). Oggi il tasso di laureati sulla popolazione della stessa fascia d età è superiore alla media OCSE (Fig.12). Il numero di laureati in discipline scientifiche e tecnologiche risulta invece relativamente basso (Fig.13). Il corpo docente (Ordinari, Associati, Ricercatori) è parimenti aumentato negli anni 99/00-04/05; scorporando tra le fasce, si osserva uno squilibrio favore degli ordinari, che hanno avuto un tasso di crescita elevato (Fig.14). Si evidenzia così il fenomeno detto piramide inversa. Il rapporto crudo Numero Studenti/Numero Docenti è alto rispetto ai dati medi OCSE (Fig.15); diventa dell ordine della media OCSE solo considerando per tutti gli altri paesi il rapporto crudo Studenti/Docenti, per l Italia il rapporto Studenti equivalenti/docenti (=Numero di esami fatto in un anno/numero di esami previsti per l anno).

15 Fig. 9: Studenti immatricolati nelle Università Italiane (1998/ /06) Migliaia di matricole Totale Donne 0 98/99 99/00 00/01 01/02 02/03 03/04 04/05 05/06 (Fonte: MUR, Eurostat)

16 Fig. 10: Tasso di abbandono nelle Università Italiane Geo-Biologica Scientifica Chimico-Farmaceutica Giuridica Agraria Insegnamento Politico-Sociale Economico-Statistica Totale Letteraria Ingegneria Linguistica Educazione Fisica Difesa e Sicurezza Psicologica Architettura Medica 14,7 13,8 11,3 10,5 9,8 29,1 27,6 26,8 24,9 23,3 23,1 22,2 20,2 20,3 20,2 19,2 17,8 Tasso di abbandono tra il I e il II anno, a.a. 2005/06 (Fonte: MUR)

17 Fig. 11: Laureati nelle Università italiane Laureati Donne Migliaia di laureati (Fonte: MUR)

18 Fig. 12: Tasso dei laureati paesi OCSE ( ) Fonte: OCSE La produttività italiana è superiore alla media UE ed OCSE

19 Fig. 13: Discipline scientifiche e tecnologiche Finlandia Germania Spagna Francia Italia Portogallo UE (27) Giappone UK USA 16,8 23, ,7 22,6 22, , ,9 % di laureati in discipline scientifiche e tecnologiche, 2005 (Fonte: Eurostat)

20 Fig. 14: Numero di docenti nelle Università italiane Squilibrio tra le fasce (Fonte: Cineca) Struttura a piramide inversa

21 Fig. 15: Rapporto studenti/docente OCSE Giappone USA UE (19) UK Italia Francia Spagna Germania 11 10,6 12,2 15,8 15,7 16,4 18,2 17,3 21,4 Il confronto Valore medio è sfavorevole del rapporto anche tra studenti considerando e docente, il rapporto 2004/05 tra studenti equivalenti e docente (Fonte: OCSE) (14, fonte: MUR)

22 LA DIDATTICA NELL UNIVERSITA ITALIANA Gli stipendi medi dei professori universitari si collocano in media con quelli di paesi quali la Spagna, Turchia, Polonia, sotto quelli di Francia, Germania, Inghilterra e sopra quelli di Bulgaria e Romania (Fig.16). L età dei docenti universitari italiani è decisamente alta rispetto agli altri paesi (Fig.17, Fig.18). Questo è imputabile all alta età di pensionamento (attualmente 72 anni) e al turn over che alterna lunghi periodi senza immissioni in ruolo a brevi periodi di immissioni in grande quantità [F. Silos Labini, S. Zapperi, Reverse Age Discrimination, Nature Physics 3, (2007)].

23 Fig. 16: Costo medio dei docenti Universitari (Fonte: Commissione Europea, 2007) Gli stipendi italiani sono sotto la media europea Il costo medio per studente dei docenti italiani è tra i più bassi in Europa

24 Fig. 17: Età dei docenti universitari Percentuale Età (Fonte: Nature 3, 2007)

25 Fig. 18: Docenti universitari con oltre 50 anni di età 57,5 38,9 29,2 29,8 29,6 34,6 Motivazioni: Italia Francia Germania UK Spagna UE (15) Età pensionabile elevata (72 anni) Turn over a impulsi (e.g. ope legis del 1980) Percentuale di docenti con più di 50 anni, a.a. 2004/05 Struttura indipendente (Fonte: da progressioni Eurostat) di carriera in base al merito o all età

26 Ranking delle Università italiane Academic Ranking of World Universities (Shangai): l Università degli Studi di Milano, l Università di Pisa e l Università di Roma La Sapienza (le prime università italiane in classifica) occupano la sezione a livello europeo e la sezione a livello mondiale Performance Ranking of Scientific Papers for World Universities (centrata sulle pubblicazioni): Università degli Studi di Milano: 19-esima a livello europeo e 74- esima a livello mondiale La Sapienza di Roma: 96-esima a livello mondiale Università di Padova e Università di Bologna, 120-esime

27 Conclusioni La qualità della ricerca di base negli Atenei italiani è buona, nonostante sia sottofinanziata. Gli Atenei formano un bacino di potenziali ricercatori. Le imprese non sono strutturalmente in grado di investire in ricerca in modo adeguato, attingendo a questo bacino (fuga dei cervelli). Gli Atenei italiani hanno risposto in maniera sostanzialmente adeguata all incremento degli studenti. La composizione del corpo docente si presenta tuttavia a piramide rovesciata e con un età media elevata. E molto importante garantire il turn over.

28 Bibliografia European Commission, Remuneration of Researchers in the Public and Private sectors, April 2007 (http://ec.europa.eu/euraxess/pdf/final_report.pdf) D. A. King, The Scientific Impact of Nations, Nature 430, (2004) Ministero dell Università e della Ricerca, L Università in cifre 2007 (http://statistica.miur.it/normal.aspx?link=pubblicazioni) National Research Council, Statistics on Research and Innovation, ITALY, 2007 (http://www2.ceris.cnr.it/ceris/scienza_e_tecnologia_in_cifre/2007/st atistics%20on%20research%20and%20innovation%20- %20Italy.pdf) F. Silos Labini, S. Zapperi, Reverse Age Discrimination, Nature Physics 3, (2007)

Profilo dei Laureati 2011 XIV Indagine AlmaLaurea. Andrea Cammelli Napoli, 22 maggio 2012

Profilo dei Laureati 2011 XIV Indagine AlmaLaurea. Andrea Cammelli Napoli, 22 maggio 2012 Profilo dei Laureati 2011 XIV Indagine AlmaLaurea Andrea Cammelli Napoli, 22 maggio 2012 Profilo dei Laureati 2011 Caratteristiche delle popolazioni indagate Riuscita negli studi Frequenza alle lezioni

Dettagli

Laureati 2013 intervistati a 12 mesi dalla laurea per facoltà, gruppo disciplinare e profilo post-laurea

Laureati 2013 intervistati a 12 mesi dalla laurea per facoltà, gruppo disciplinare e profilo post-laurea Facoltà: AGRARIA - % di riga,, Gruppo disciplinare Lavora Cerca Studia NFL Laureati Intervistati LT Agrario 32,9 31,5 32,2 3,4 48 30 Geo-Biologico 10,1 35,4 54,4 0,0 23 17 25,5 32,7 39,4 2,3 71 47 18 12

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE DEI GIOVANI AL SISTEMA UNIVERSITARIO ROMANO

LA PARTECIPAZIONE DEI GIOVANI AL SISTEMA UNIVERSITARIO ROMANO LA PARTECIPAZIONE DEI GIOVANI AL SISTEMA UNIVERSITARIO ROMANO Anno accademico 2013-2014 Indice Gli iscritti alle università romane... 3 L offerta formativa... 7 Gli immatricolati per corso di laurea...

Dettagli

Il sistema associativo Confindustria Lombardia

Il sistema associativo Confindustria Lombardia Il sistema associativo Confindustria Lombardia Il sistema associativo Confindustria Lombardia Confindustria Lombardia è un Associazione regionale con Quasi 20.000 imprese associate Oltre 900.000 lavoratori

Dettagli

L abbandono degli studi universitari.

L abbandono degli studi universitari. L abbandono degli studi universitari. Il caso Università degli Studi di Salerno XIV Indagine AlmaLaurea sul Profilo dei Laureati Laurearsi in tempo di crisi Come valorizzare gli studi universitari Dott.ssa

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

4 I LAUREATI E IL LAVORO

4 I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 30 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

A2 le ricercatrici: reclutamento, carriere, investimenti

A2 le ricercatrici: reclutamento, carriere, investimenti A2 le ricercatrici: reclutamento, carriere, investimenti Come si vede dagli ultimi dati dell'oecd (1) e delle UE (2) rimane ancora molto bassa la percentuale dei ricercatori italiani, uomini e donne. E'

Dettagli

Laureati 2013 intervistati a 12 mesi dalla laurea per facoltà, gruppo disciplinare e profilo post-laurea

Laureati 2013 intervistati a 12 mesi dalla laurea per facoltà, gruppo disciplinare e profilo post-laurea Facoltà: ECONOMIA - % di riga,, Gruppo disciplinare Lavora Cerca Studia NFL LT Economico-Statistico 3,,3 63,7,8 375 43 % 3,,3 63,7,8 375 43 87 57 46 3 39 54 3 375 43 LS Economico-Statistico 76,9, 8,7 4,

Dettagli

ASSEMBLEA DELLA FACOLTA DI INGEGNERIA. La Seconda Università di Napoli e il DDL 1905. Le ragioni di una protesta

ASSEMBLEA DELLA FACOLTA DI INGEGNERIA. La Seconda Università di Napoli e il DDL 1905. Le ragioni di una protesta ASSEMBLEA DELLA FACOLTA DI INGEGNERIA La Seconda Università di Napoli e il DDL 1905 Le ragioni di una protesta Caserta, 25 giugno 2010 tesi tesi L Università costa troppo Bisogna ridurre i FFO tesi L Università

Dettagli

La diffusione e la qualità dei tirocini formativi

La diffusione e la qualità dei tirocini formativi 6. La diffusione e la qualità dei tirocini formativi Uno degli elementi più rilevanti nella riorganizzazione della didattica introdotta dalla riforma universitaria è l attenzione riservata alle attività

Dettagli

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università 2. Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università Nella popolazione indagata si manifesta una sovrarappresentazione dei laureati provenienti da contesti familiari avvantaggiati dal punto

Dettagli

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università 2. Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università Nella popolazione dei laureati si manifesta una sovrarappresentazione dei figli delle classi avvantaggiate dal punto di vista socioculturale.

Dettagli

I giudizi sull esperienza universitaria

I giudizi sull esperienza universitaria . I giudizi sull esperienza universitaria Tra i laureati si rileva una generale soddisfazione per l esperienza universitaria nei suoi diversi aspetti. Sono molto apprezzati il corso di studio inteso come

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 35 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

ORIENTAMENTO PROFESSIONALE E POST-DIPLOMA: incontri con i laureati e i mestieri della conoscenza. Centro per l Impiego di Empoli, maggio 2012

ORIENTAMENTO PROFESSIONALE E POST-DIPLOMA: incontri con i laureati e i mestieri della conoscenza. Centro per l Impiego di Empoli, maggio 2012 ORIENTAMENTO PROFESSIONALE E POST-DIPLOMA: incontri con i laureati e i mestieri della conoscenza Centro per l Impiego di Empoli, maggio 2012 IL MERCATO DEL LAVORO IN ITALIA -1 Alcune definizioni: 2 Tasso

Dettagli

L indagine 2015. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 45

L indagine 2015. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 45 1. L indagine 2015 Il Profilo dei Laureati 2014 (indagine 2015) prende in considerazione quasi 230.000 laureati di 64 Atenei italiani. Cinque Atenei (Roma La Sapienza, Bologna, Napoli Federico II, Padova

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA di Liana Verzicco L UNIVERSITÀ Il contesto internazionale: lo spazio europeo dell istruzione superiore Nel XXI secolo sarà la conoscenza

Dettagli

II. LO STATO DELLA RICERCA 3. RISORSE, CARATTERISTICHE ISTITUZIONALI E FINANZIAMENTO

II. LO STATO DELLA RICERCA 3. RISORSE, CARATTERISTICHE ISTITUZIONALI E FINANZIAMENTO II. LO STATO DELLA RICERCA 3. RISORSE, CARATTERISTICHE ISTITUZIONALI E FINANZIAMENTO LO STATO DELLA RICERCA II.3.1 - IL DIMENSIONAMENTO DELLA RICERCA IN ITALIA E NEL CONFRONTO INTERNAZIONALE: RISORSE FINANZIARIE

Dettagli

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (Aprile 2013)

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (Aprile 2013) Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università Diplomati Anno Scolastico 2011/2012 Immatricolati Anno Accademico 2012/2013 (Aprile 2013) La presente pubblicazione fa riferimento

Dettagli

Apertura internazionale, ricerca e innovazione nell economia italiana

Apertura internazionale, ricerca e innovazione nell economia italiana Apertura internazionale, ricerca e innovazione nell economia italiana Lelio Iapadre (Università dell Aquila e UNU-CRIS, Bruges) Corso per i poli regionali di innovazione ITA, Roma, 3 febbraio 2015 Sommario

Dettagli

L università piemontese nel 2014/15

L università piemontese nel 2014/15 5/6 6/7 7/8 8/9 9/1 1/11 11/12 12/13 13/14 14/15 L università piemontese nel 214/15 SISFORM Osservatorio sul sistema formativo piemontese ARTICOLO 2/ 215 (AGOSTO) QUANTI UNIVERSITARI STUDIANO IN PIEMONTE?

Dettagli

Il Sistema Universitario: prospettive di evoluzione o rischio di declino?

Il Sistema Universitario: prospettive di evoluzione o rischio di declino? Il Sistema Universitario: prospettive di evoluzione o rischio di declino? Antonio Vicino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Scienze Matematiche Università di Siena CUN, Area 09 Sommario 1.

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

Le votazioni. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 123

Le votazioni. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 123 7. Le votazioni I fattori che incidono sulla probabilità di ottenere buoni risultati sono gli stessi che agivano nel precedente ordinamento universitario: genere (femminile), elevato grado di istruzione

Dettagli

Matricole, fuori corso, laureati:

Matricole, fuori corso, laureati: Matricole, fuori corso, laureati: i numeri dell università Perché la riforma universitaria In Italia ci sono ancora pochi laureati. È quanto sentiamo ripetere spesso quando si discute del livello di istruzione

Dettagli

Laureati 2013 intervistati a 12 mesi dalla laurea per facoltà, gruppo disciplinare e profilo post-laurea

Laureati 2013 intervistati a 12 mesi dalla laurea per facoltà, gruppo disciplinare e profilo post-laurea Facoltà: AGRARIA - % di riga,, Gruppo disciplinare Lavora Cerca Studia NFL Laureati Intervistati LT Agrario 45,2 9,5 41,6 3,8 328 259 Geo-Biologico 0,0 16,7 66,7 16,7 8 6 44,1 9,6 42,2 4,1 336 265 148

Dettagli

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Tre cifre sintetizzano eloquentemente la situazione delle retribuzioni dei docenti della scuola statale negli ultimi 13 anni

Dettagli

Le esperienze di studio all estero

Le esperienze di studio all estero 5. Le esperienze di studio all estero Promuovere lo studio all estero è uno degli obiettivi della riforma universitaria; la diffusione delle esperienze di studio all estero fra i laureati, a livello complessivo,

Dettagli

I tirocini formativi

I tirocini formativi . I tirocini formativi Uno degli elementi più rilevanti nella riorganizzazione della didattica introdotta dalla riforma universitaria è l attenzione riservata alle attività formative diverse dagli insegnamenti

Dettagli

Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008

Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008 Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008 Intervento di Nicola Catalano, ricercatore ISFOL Introduzione 1. Conosciamo tutti l importanza delle

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

L UNIVERSITÀ IN CIFRE 2005

L UNIVERSITÀ IN CIFRE 2005 D IREZIONE GENERALE PER GLI S TUDI E LA PROGRAMMAZIONE L UNIVERSITÀ IN CIFRE 2005 MIUR DIREZIONE GENERALE PER GLI STUDI E LA PROGRAMMAZIONE L UNIVERSITÀ IN CIFRE 2005 DIREZIONE GENERALE PER LA COMUNICAZIONE

Dettagli

Indagine mercato del lavoro Laboratori ARCHA Srl Anno 2015

Indagine mercato del lavoro Laboratori ARCHA Srl Anno 2015 Pisa, 18/12/2015 Indagine a cura del Responsabile Analisi Fabbisogni formativi (Dott.ssa Fabrizia Turchi) Indagine mercato del lavoro Laboratori ARCHA Srl Anno 2015 Oggetto dell indagine - Situazione neolaureati

Dettagli

IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI

IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI - analisi, confronto e rafforzamento del sistema sanitario Stefano Scarpetta, Direttore della Direzione del Lavoro, Occupazione e Affari Sociali Il Lavoro dell

Dettagli

5. Il Finanziamento ministeriale e gli effetti del processo di riequilibrio dal 1995 al 2000

5. Il Finanziamento ministeriale e gli effetti del processo di riequilibrio dal 1995 al 2000 5. Il Finanziamento ministeriale e gli effetti del processo di riequilibrio dal 1995 al 2000 La legge collegata alla manovra finanziaria del 1994 (legge 24 dicembre 1993, n.537) ha avviato il processo

Dettagli

L'università pubblica in Italia e a Torino. Grazie a Franco Bagnoli (universita di Firenze)

L'università pubblica in Italia e a Torino. Grazie a Franco Bagnoli (universita di Firenze) L'università pubblica in Italia e a Torino Grazie a Franco Bagnoli (universita di Firenze) Cos'è l'università? L'università è il luogo dell'alta formazione e la sede primaria della ricerca scientifica.

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente? Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro? Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

Marche. I numeri dell istruzione. Settimana dell Orientamento Ancona, Quartiere fieristico 25-28 novembre 2008

Marche. I numeri dell istruzione. Settimana dell Orientamento Ancona, Quartiere fieristico 25-28 novembre 2008 I numeri dell istruzione 8 742 53 4 8 2 9 4 3 8 6 0 21 Settimana dell Orientamento Ancona, Quartiere fieristico 25-28 novembre 2008 ISCRITTI AL V ANNO DELLA SCUOLA SUPERIORE ANNO SCOLASTICO 2006/2007 Totale

Dettagli

Le trasformazioni del vivere: il lavorare delle donne

Le trasformazioni del vivere: il lavorare delle donne Le trasformazioni del vivere: il lavorare delle donne Alberto Zuliani Presidente dell Istat UNO Il percorso formativo Licenza media si iscrivono al 1 anno delle superiori 133 Qualifica professionale 1.000

Dettagli

Le condizioni di vita nelle città universitarie

Le condizioni di vita nelle città universitarie 10. Le condizioni di vita nelle città universitarie I giudizi espressi dai laureati sui servizi offerti dalle città possono essere di grande interesse per i rispettivi amministratori. I trasporti e i servizi

Dettagli

Le esperienze di studio all estero

Le esperienze di studio all estero 5. Le esperienze di studio all estero La diffusione delle esperienze di studio all estero fra i laureati, a livello complessivo, è aumentata, seppure lievemente negli ultimi anni, soprattutto nell ambito

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

UNIVERSITÀ E RICERCA

UNIVERSITÀ E RICERCA UNIVERSITÀ E RICERCA PILASTRI SU CUI FONDARE LO SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO DEL PAESE L istruzione universitaria arreca non solo benefici individuali Per i giovani che la frequentano: oltre all acquisizione

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente

La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente le prospettive lavorative dei laureati Laureati in corsi lunghi e di durata triennale: quanti trovano lavoro? Nel 2007 il 73,2% dei laureati

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

Organizzazione del rapporto

Organizzazione del rapporto Organizzazione del rapporto IL SISTEMA UNIVERSITARIO STUDENTI E LAUREATI LE RISORSE, L OFFERTA FORMATIVA E LA GOVERNANCE LA RICERCA RISORSE, CARATTERISTICHE ISTITUZIONALI E FINANZIAMENTO QUALITÀ E IMPATTO

Dettagli

2GLI STUDENTI DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I CORSI DI LAUREA IL POST LAUREA GLI STUDENTI STRANIERI

2GLI STUDENTI DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I CORSI DI LAUREA IL POST LAUREA GLI STUDENTI STRANIERI 2GLI STUDENTI I CORSI DI LAUREA IL POST LAUREA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ GLI STUDENTI STRANIERI 2 GLI STUDENTI Il 65,8% dei diplomati prosegue gli studi all università Il 17,3% degli italiani che hanno

Dettagli

PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA

PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA di Tommaso Di Nardo Sommario: 1. La pressione fiscale in Italia dal 1980 al 2014. 2. Pressione tributaria diretta e indiretta. 3. La pressione fiscale in Europa.

Dettagli

2GLI STUDENTI I CORSI DI LAUREA IL POST LAUREA GLI STUDENTI STRANIERI DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ

2GLI STUDENTI I CORSI DI LAUREA IL POST LAUREA GLI STUDENTI STRANIERI DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 2GLI STUDENTI I CORSI DI LAUREA IL POST LAUREA GLI STUDENTI STRANIERI DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 2 GLI STUDENTI Il 62,9% dei diplomati prosegue gli studi all università Il 20,2% degli italiani di età

Dettagli

La figura del Dottore di Ricerca al Politecnico di Milano 8 Workshop di R&S 16 aprile 2014

La figura del Dottore di Ricerca al Politecnico di Milano 8 Workshop di R&S 16 aprile 2014 La figura del Dottore di Ricerca al Politecnico di Milano 8 Workshop di R&S 16 aprile 2014 Gli studi dottorali 2 I dottorandi: studenti o ricercatori? Consenso: Ricerche originali devono essere la componente

Dettagli

Consorzio AlmaLaurea. Andrea Cammelli Università di Bologna - Direttore AlmaLaurea

Consorzio AlmaLaurea. Andrea Cammelli Università di Bologna - Direttore AlmaLaurea I diplomati e l orientamento agli studi Andrea Cammelli Università di Bologna - Direttore AlmaLaurea Bari, 4 dicembre 2009 Il quadro di riferimento fonte: elaborazioni su documentazione ISTAT Evoluzione

Dettagli

Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni

Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni 3. Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni Negli ultimi anni è stato osservato un aumento dei laureati che non hanno mai svolto un attività di lavoro durante gli studi. I lavoratori-studenti

Dettagli

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi Occupazione femminile e maternità Alessandra Casarico Università Bocconi Donne: nuove regole, nuove opportunità Roma, 25 maggio 2015 Temi I differenziali di genere nel mercato del lavoro Le ragioni dei

Dettagli

ANVUR-Agenzia di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca PRO-

ANVUR-Agenzia di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca PRO- UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE RICERCA DIDATTICA ANVUR-Agenzia di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca PROGETTI CRA-Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura CENTRI

Dettagli

L insegnamento a distanza: caratteristiche

L insegnamento a distanza: caratteristiche L insegnamento a distanza: caratteristiche Alessio Ancaiani «La didattica universitaria in Italia. Una prima ricognizione» Roma 18 marzo 2016 AGENDA L insegnamento a distanza nelle Università: uno sguardo

Dettagli

Il Presidente dell Istat

Il Presidente dell Istat Universita e lavoro orientarsi con la statistica 2008 Alcuni consigli prima di cominciare a leggere Le domande che un giovane si pone quando decide di iscriversi all università sono quelle di sempre: quali

Dettagli

Le prospettive di studio

Le prospettive di studio . Le prospettive di studio I laureati che intendono proseguire gli studi dopo la laurea sono il % tra i laureati di primo livello (la maggioranza opta per la laurea magistrale) e quasi la metà fra i laureati

Dettagli

L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita. L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita 1/37

L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita. L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita 1/37 L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita 1/37 Premessa - Nel corso

Dettagli

Lavorare sul lavoro. La definizione del sé tra famiglia, lavoro e buone pratiche aziendali

Lavorare sul lavoro. La definizione del sé tra famiglia, lavoro e buone pratiche aziendali Lavorare sul lavoro. La definizione del sé tra famiglia, lavoro e buone pratiche aziendali Università Cattolica 2 ottobre 2014 Introduzione Giancarlo Rovati Direttore Dipartimento di Sociologia Studio

Dettagli

I diplomati e lo studio Anno 2007

I diplomati e lo studio Anno 2007 12 novembre 2009 I diplomati e lo studio Anno 2007 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. + 39 06 4673 2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673 3106 Informazioni e chiarimenti

Dettagli

Le prospettive di studio

Le prospettive di studio . Le prospettive di studio I laureati che intendono proseguire gli studi dopo la laurea sono il % tra i laureati di primo livello (la maggioranza opta per la laurea magistrale) e quasi la metà fra i laureati

Dettagli

Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni

Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni 3. Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni Negli ultimi anni è stato osservato un aumento dei laureati che non hanno mai svolto un attività di lavoro durante gli studi. I lavoratori-studenti

Dettagli

CORSO DI MACROECONOMIA

CORSO DI MACROECONOMIA CORSO DI MACROECONOMIA Prof. Giuseppe Travaglini Dott.ssa Elisa Lenti Anno accademico 2014-20152015 TEMI DI RIFLESSIONE MACROECONOMICA L Offerta: Il Pil, la Spesa Aggregata, la struttura produttiva delle

Dettagli

DOMANDA E OFFERTA FORMATIVA: LE SCELTE DI STUDIO DEI GIOVANI

DOMANDA E OFFERTA FORMATIVA: LE SCELTE DI STUDIO DEI GIOVANI L istruzione universitaria nell ultimo decennio. All esordio dell European Higher Education Area DOMANDA E OFFERTA FORMATIVA: LE SCELTE DI STUDIO DEI GIOVANI Gian Piero Mignoli, Angelo di Francia (AlmaLaurea)

Dettagli

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002 HW Health World Ocse health data 2002 di Mario Coi e Federico Spandonaro Ceis Sanità, Facoltà di Economia, Università degli Studi di Roma Tor Vergata La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

Un Paese fra declino e ineguaglianze (1998-2009)

Un Paese fra declino e ineguaglianze (1998-2009) Un Paese fra declino e ineguaglianze (1998-2009) di Roberto Fanfani e Francesco Pagliacci* La discussione se l Italia stia declinando o meno ha subito fasi alterne nell ultimo decennio. Nelle analisi degli

Dettagli

5. IL MERCATO DEL LAVORO

5. IL MERCATO DEL LAVORO 5. IL MERCATO DEL LAVORO 5.1 LA STRUTTURA DELL OFFERTA Le forze di lavoro per titolo di studio nel 2007 I dati delle forze di lavoro (15-64 anni) disaggregati per titolo di studio mostrano come il livello

Dettagli

Dott. Simonpaolo Buongiardino

Dott. Simonpaolo Buongiardino Quali proposte per aumentare il «patrimonio previdenziale» dei Fondi Pensione, arricchendone le prestazioni finali? Spunti dal Master M.A.P.A. e dalla GNP2012 Dott. Simonpaolo Buongiardino Vice Presidente

Dettagli

I segnali dell Economia

I segnali dell Economia I segnali dell Economia Tito Boeri Università Bocconi 15 novembre 2006, Piccolo Teatro, Milano The sick man of Europe Lo siamo davvero? 2000 2002 9 8 7 6 5 4 3 2 1 0 Il crollo della produttività (tassi

Dettagli

Education at a glance 2011 (Uno sguardo sull Istruzione) Nota paese Italia

Education at a glance 2011 (Uno sguardo sull Istruzione) Nota paese Italia Education at a Glance 2011 OECD Indicators DOI: http://dx.doi.org/10.1787/eag-2011-en OECD 2011 Sotto embargo fino al 13 settembre alle 11:00, orario di Parigi Education at a glance 2011 (Uno sguardo sull

Dettagli

Capitolo 4 Società. Capitolo 4 Società. Paragrafi. 4.1 Istruzione 4.2 Sanità e assistenza 4.3 Criminalità minorile

Capitolo 4 Società. Capitolo 4 Società. Paragrafi. 4.1 Istruzione 4.2 Sanità e assistenza 4.3 Criminalità minorile Capitolo 4 Società Capitolo 4 Società Paragrafi 4.1 Istruzione 4.2 Sanità e assistenza 4.3 Criminalità minorile 103 Principali risultati emersi Per quanto concerne il tema dell istruzione, dall analisi

Dettagli

Un unico programma UE per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014-2020)

Un unico programma UE per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014-2020) Un unico programma UE per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014-2020) Pesaro, 11 febbraio 2014 Agenzia ERASMUS +/INDIRE ITALIA c.grano@indire.it L Architettura di E+ 7 esistenti programmi

Dettagli

L emigrazione dei ricercatori italiani M. Carolina Brandi CNR - IRPPS

L emigrazione dei ricercatori italiani M. Carolina Brandi CNR - IRPPS L emigrazione dei ricercatori italiani M. Carolina Brandi CNR - IRPPS Da circa venti anni si confrontano due teorie relative alle migrazioni altamente qualificate. Secondo l approccio circolazionista attualmente

Dettagli

Scuola di Dottorato in Scienze Chimiche. Università di Milano. Prof. S. Ardizzone

Scuola di Dottorato in Scienze Chimiche. Università di Milano. Prof. S. Ardizzone Scuola di Dottorato in Scienze Chimiche Università di Milano Prof. S. Ardizzone L EVOLUZIONE NEL TEMPO Nasce la Scuola di Dottorato in Scienze e Tecnologie Chimiche: corsi in Scienze Chimiche e in Chimica

Dettagli

L'impatto della crisi economica (e dell austerità) sul mercato del lavoro e sulla situazione sociale. Un confronto europeo.

L'impatto della crisi economica (e dell austerità) sul mercato del lavoro e sulla situazione sociale. Un confronto europeo. Senato della Repubblica, S.Com. Pol. sociali, 1 Aprile 2015 L'impatto della crisi economica (e dell austerità) sul mercato del lavoro e sulla situazione sociale. Un confronto europeo. Pasquale Tridico

Dettagli

Il Turismo nell area Euro-Adriatica

Il Turismo nell area Euro-Adriatica Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio Il Turismo nell area Euro-Adriatica In collaborazione con: 1 Il mercato del turismo europeo Fonte: WTO, 2006 2 I numeri dell Euroregione Adriatica

Dettagli

Perché un focus sulla Lombardia

Perché un focus sulla Lombardia Riforma universitaria e mercato del lavoro dei laureati in Lombardia Profili e placement dei laureati Nello Scarabottolo 1, Marco Taisch 2, Alessandro Ciarlo 3 1 Università degli Studi di Milano 2 Politecnico

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

1LE RISORSE DELL UNIVERSITÀ

1LE RISORSE DELL UNIVERSITÀ 1LE RISORSE DELL UNIVERSITÀ IL FINANZIAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO IL DIRITTO ALLO STUDIO I FINANZIAMENTI E IL PERSONALE DELLA RICERCA I DOCENTI E IL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO L OFFERTA DIDATTICA

Dettagli

Studiare per, studiare come Formazione universitaria e crescita del paese

Studiare per, studiare come Formazione universitaria e crescita del paese Studiare per, studiare come Formazione universitaria e crescita del paese Andrea Cammelli Fondatore e Direttore di AlmaLaurea il Mulino sessantesimo anniversario Bologna, 17-18 ottobre 2014 L obiettivo

Dettagli

Welfare in USA, Europa e Italia. Alberto Alesina Harvard University Roma 13 Dicembre 2007

Welfare in USA, Europa e Italia. Alberto Alesina Harvard University Roma 13 Dicembre 2007 Welfare in USA, Europa e Italia Alberto Alesina Harvard University Roma 13 Dicembre 2007 USA e Europa La differenza tra welfare Europeo e welfare americano deriva da due visioni della società molto diverse

Dettagli

Centro Studi Il nodo della qualità

Centro Studi Il nodo della qualità Centro Studi Il nodo della qualità Ignazio Visco Banca d Italia Il nodo della qualità Quantità di capitale umano: convergenza? Paradosso italiano: rendimenti bassi e HK basso Perché: insufficiente qualità

Dettagli

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso,

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso, Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 213 Presentazione di J.M. Barroso, Presidente della Commissione europea, al Consiglio europeo del 14-1 marzo 213 La ripresa economica

Dettagli

Relatività,, Energia ed Ambiente

Relatività,, Energia ed Ambiente Relatività,, Energia ed Ambiente Vincenzo Vagnoni Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e Fondazione Giuseppe Occhialini Pesaro - Fossombrone, 20 Marzo -5 Giugno 2009 1 http://www.fondazioneocchialini.it

Dettagli

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (febbraio 2012)

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (febbraio 2012) Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università Diplomati Anno Scolastico 2010/2011 Immatricolati Anno Accademico 2011/2012 (febbraio 2012) La presente pubblicazione fa riferimento

Dettagli

I laureati di cittadinanza estera

I laureati di cittadinanza estera 14. I laureati di cittadinanza estera Tra il 2006 e il 2012 la quota dei laureati di cittadinanza estera è aumentata, passando dal 2,3 al 3,0 per cento. Quasi il 60 per cento dei laureati esteri provengono

Dettagli

MIL-15.1/13.12-02052008-23022/MG

MIL-15.1/13.12-02052008-23022/MG MIL-15.1/13.12-02052008-23022/MG Quanti pensano che -Il primo della classe è un secchione -Una buona laurea è meno importante di una buona raccomandazione -A scuola si va per istruirsi -La meritocrazia

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

prezzi industriali Di Mauro Novelli 25-9-2013

prezzi industriali Di Mauro Novelli 25-9-2013 Il PuntO n 277 UE 28. Capacità di spesa pro capite (PPS) e prezzi di benzina e gasolio. Una analisi comparata: A) Tra tutti i paesi UE. B) Tra i 5 maggiori paesi UE e C) Tra Lussemburgo e Italia Fonti:

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione di Marco Mancini... Parte Prima IL QUADRO ISTITUZIONALE. Capitolo I PREFAZIONE

INDICE SOMMARIO. Presentazione di Marco Mancini... Parte Prima IL QUADRO ISTITUZIONALE. Capitolo I PREFAZIONE INDICE SOMMARIO Presentazione di Marco Mancini... VII Parte Prima IL QUADRO ISTITUZIONALE Capitolo I PREFAZIONE Forme e contenuto dell Università fra storia e filologia... Pag. 10 Capitolo II IL PROCESSO

Dettagli

Welfare: sfide e opportunità. Prof. Alberto Brambilla Coordinatore Giornata Nazionale della Previdenza Itinerari Previdenziali

Welfare: sfide e opportunità. Prof. Alberto Brambilla Coordinatore Giornata Nazionale della Previdenza Itinerari Previdenziali Welfare: sfide e opportunità Prof. Alberto Brambilla Coordinatore Giornata Nazionale della Previdenza Itinerari Previdenziali Lo scenario della previdenza complementare in Italia La spesa e i numeri del

Dettagli

Investire nei giovani: se non ora, quando? Università Ca Foscari, AlmaLaurea Venezia, 12 Marzo 2013

Investire nei giovani: se non ora, quando? Università Ca Foscari, AlmaLaurea Venezia, 12 Marzo 2013 Investire nei giovani: se non ora, quando? Università Ca Foscari, AlmaLaurea Venezia, 12 Marzo 213 DOMANDA E OFFERTA DI COMPETENZE: SCENARI E SFIDE Stefano Scarpetta, Deputy Director Directorate for Employment,

Dettagli

RETRIBUZIONE E PRESTIGIO SOCIALE: GUARDANDO ALL'EUROPA. Pasquale Andreozzi

RETRIBUZIONE E PRESTIGIO SOCIALE: GUARDANDO ALL'EUROPA. Pasquale Andreozzi RETRIBUZIONE E PRESTIGIO SOCIALE: GUARDANDO ALL'EUROPA Pasquale Andreozzi PRESTIGIO E REDDITO: UNA PREMESSA Il prestigio degli insegnanti non è univocamente legato ai soli livelli di reddito sebbene nelle

Dettagli

Studiare Ingegneria Nucleare in Italia ed in Europa

Studiare Ingegneria Nucleare in Italia ed in Europa Università di Pisa Studiare Ingegneria Nucleare in Italia ed in Europa W. Ambrosini PROFESSORE ASSOCIATO DI IMPIANTI NUCLEARI presso il Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Nucleare e della Produzione

Dettagli

MINISTERO DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA L UNIVERSITÀ IN CIFRE 2007

MINISTERO DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA L UNIVERSITÀ IN CIFRE 2007 MINISTERO DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA L UNIVERSITÀ IN CIFRE 2007 Volume L UNIVERSITA IN CIFRE 2007 Il volume è stato curato da Giuliana Matteocci. CAPITOLO 1 Il paragrafo 1 è di Giuliana Matteocci

Dettagli