S E R V I Z I D I U R N I P E R D I S A B I L I A N N O

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "S E R V I Z I D I U R N I P E R D I S A B I L I A N N O 2 0 1 4"

Transcript

1 I S E R V I Z I D I U R N I P E R D I S A B I L I La tariffa mensile per i servizi diurni per disabili adulti per la frequenza dei Centri Diurni Disabili comunali ed esterni, dei Centri Socio Educativi esterni e dei Servizi di Formazione all Autonomia esterni è determinata nella tabella che segue, a seconda della fascia che comprende il valore dell ISEE del nucleo familiare di appartenenza dell utente. La tariffa è determinata sulla base della attestazione ISEE calcolata al momento della richiesta all iscrizione al servizio sulla base della normativa vigente in quel momento e ha valore per tutto l esercizio di riferimento e pertanto fino al 31 dicembre. Per continuare a beneficiare delle tariffe agevolate l attestazione ISEE deve essere aggiornata annualmente entro il mese di gennaio di ogni anno sulla base dei redditi dell ultima dichiarazione dei redditi. La mancata presentazione dell ISEE o del suo aggiornamento comporterà l applicazione della tariffa intera. Nell ipotesi di variazione degli elementi che incidono sulla determinazione del valore dell ISEE, l utente potrà presentare una nuova attestazione. La tariffa del servizio sarà quindi determinata in base al nuovo valore dell ISEE ed applicata ai servizi usufruiti dal mese successivo alla presentazione della nuova attestazione. In casi di accertato grave disagio sociale, documentato da una dettagliata relazione dell assistente sociale di riferimento, potranno essere applicate tariffe inferiori a quelle determinate dal valore dell ISEE. FASCIA I S E E T A R I F F A mensile da a Euro 1 0, ,00 16, , ,00 26, , ,00 58, , ,00 70, , ,00 97, , ,00 127, , ,00 157, , ,00 168, , ,00 196, , ,00 220, , ,00 226, , ,00 231, , ,00 236, ,01 e oltre 241,00 Tariffa Intera Mensile 241,00

2 Nel corso del mese, computando i giorni di effettivo funzionamento del servizio (esclusi cioè i giorni di sabato, domenica, festivi infrasettimanali, i periodi di chiusura per le vacanze estive e natalizie, etc.), sulla tariffa mensile dovuta viene concesso un abbuono per le assenze per motivi di salute come sotto indicato: per 15 giorni consecutivi 65% per l'intero mese 80% L'abbuono sopra indicato sarà computato sulla tariffa del mese stesso. Nel caso di chiusura estiva del centro la tariffa sarà dovuta sulla base dei giorni di effettiva apertura come sotto indicato: Apertura tutto il mese 100% Chiusura da 0 a 10 giorni (sabato e domenica compresa) 75% Chiusura da 11 a 20 giorni (sabato e domenica compresa) 50% Chiusura da 21 a tutto il mese (sabato e domenica compresa) 25% Chiusura per tutto il mese 0 Nel caso di frequenze parziali la tariffa sarà applicata nella seguente misura: frequenze fino a 18 ore settimanali: 60% frequenze oltre 18 ore fino a 28 ore settimanali 75% frequenze oltre 28 ore settimanali 100% Per il periodo di frequenza graduale in fase di osservazione e valutazione per l'inserimento, di durata massima di mesi due, si richiede il pagamento della tariffa sulla base della frequenza con i criteri sopra indicati. I Centri Diurni Disabili comunali, in conformità alla vigente normativa regionale, possono ospitare disabili residenti in altri Comuni. In tal caso verrà richiesto il pagamento della retta unica, indicata nella Carta dei Servizi del rispettivo Centro. Nella tariffa non è compreso il costo dei pasti. La tariffa fissa è coì determinata: SERVIZIO MENSA. ISEE fino a 5.000,00 Euro 1,30 oltre iva per ogni pasto consumato ISEE superiore a 5.000,00 Euro 5,30 oltre iva per ogni pasto consumato Possono usufruire del servizio mensa presso i rispettivi Centri Diurni Disabili comunali: il personale dipendente comunale (educatori e cuoche) a titolo gratuito, in virtù della vigente normativa, salvo successive modificazioni; il personale della società cooperativa alla quale è affidato il servizio in appalto, pagando la quota di Euro 5,50 oltre iva per ogni pasto; altro personale autorizzato che svolge attività presso i Centri (incarichi professionali, tirocinio, ecc.) pagando la quota di Euro 5,50 oltre iva per ogni pasto.

3 SERVIZIO TRASPORTO Nella tariffa non è compreso il costo del trasporto. Il servizio viene erogato a favore degli ospiti delle strutture comunali (Centri Diurni Disabili Belotti- Pensa e Ada Negri ) solo nell ambito territoriale della Città di Busto Arsizio. Il servizio viene erogato a favore degli ospiti delle strutture esterne solo dopo aver accertato l'effettiva impossibilità materiale della famiglia a provvedervi direttamente e nel limite della disponibilità di risorse necessarie per effettuare il servizio. La tariffa mensile del servizio di trasporto (indipendentemente dai giorni di effettiva fruizione del trasporto) è determinata nella tabella che segue, a seconda della fascia che comprende il valore dell ISEE del nucleo familiare di appartenenza dell utente. La tariffa è determinata sulla base della attestazione ISEE calcolata al momento della richiesta all iscrizione al servizio sulla base della normativa vigente in quel momento e ha valore per tutto l esercizio di riferimento e pertanto fino al 31 dicembre. Per continuare a beneficiare delle tariffe agevolate l attestazione ISEE deve essere aggiornata annualmente entro il mese di gennaio di ogni anno sulla base dei redditi dell ultima dichiarazione dei redditi. La mancata presentazione dell ISEE o del suo aggiornamento comporterà l applicazione della tariffa intera. Nell ipotesi di variazione degli elementi che incidono sulla determinazione del valore dell ISEE, l utente potrà presentare una nuova attestazione. La tariffa del servizio sarà quindi determinata in base al nuovo valore dell ISEE ed applicata ai servizi usufruiti dal mese successivo alla presentazione della nuova attestazione. In casi di accertato grave disagio sociale, documentato da una dettagliata relazione dell assistente sociale di riferimento, potranno essere applicate tariffe inferiori a quelle determinate dal valore dell ISEE. Si applica l'abbuono totale solo per l'assenza di un mese intero. FASCIA I S E E T A R I F F A mensile da a Euro 1 0, ,00 13, , ,00 14, , ,00 15, , ,00 16, , ,00 17, , ,00 18, , ,00 19, , ,00 20, , ,00 21, , ,00 22, , ,00 23, , ,00 24, , ,00 25, ,01 e oltre 26,00 Tariffa Intera Mensile 26,00

4 I C E N T R O S P E R I M E N T A L E EDUCATIVO PER MINORI DISABILI M A N Z O N I La frequenza degli utenti residenti in Busto Arsizio al CSE Manzoni durante l orario minimo di base (dalle ore alle ore 16.00) è gratuita ad eccezione del costo del pasto, se consumato, nella medesima misura prevista per il servizio di mensa scolastica. Nel caso di affidamento in concessione del servizio il costo del pasto sarà determinato sulla base di quanto stabilito nel contratto di concessione. Il servizio di trasporto è anch esso gratuito. Per gli utenti non residenti per la frequenza durante l orario minimo di base (dalle ore alle ore 16.00) verrà richiesta al Comuni di Residenza la tariffa mensile di 2.940, 00 oltre al costo dei pasti consumati. Sulla citata quota di 2,940,00 non saranno effettuati abbuoni per assenze. Nel caso di frequenze parziali la tariffa sarà applicata nella seguente misura: - frequenza fino a 18 ore settimanali : 60% - frequenza oltre 18 ore fino a 28 ore settimanali : 75% - frequenza oltre 28 ore settimanali : 100%.

5 L S O G G I O R N I E S T I V I P E R G L I O S P I T I D E I C E N T R I D I U R N I D I S A B I L I C O M U N A L I E D E L C E N T R O S P E R I M E N T A L E M A N Z O N I La tariffa per la partecipazione ai soggiorni estivi eventualmente organizzati dall'amministrazione Comunale per gli ospiti dei Centri Diurni Disabili comunali (Belotti-Pensa e Ada Negri) e del Centro Sperimentale Educativo per minori Manzoni va ad integrare la retta di frequenza. La quota di partecipazione, in aggiunta alla retta di frequenza, è determinata in Euro 40,00 giornalieri oltre iva. Per gli utenti non residenti verrà applicata una tariffa pari al costo del servizio.

TARIFFE SERVIZI EDUCATIVI A.S. 2014/2015 (APPROVATE CON DELIBERAZIONE GC N. 150 del 9/9/14)

TARIFFE SERVIZI EDUCATIVI A.S. 2014/2015 (APPROVATE CON DELIBERAZIONE GC N. 150 del 9/9/14) TARIFFE SERVIZI EDUCATIVI A.S. 2014/2015 () ASILO NIDO pag. 2 CENTRO I INFANZIA pag. 4 SCUOLA DELL INFANZIA SEZ. PRIMAVERA pag. 6 PRE-POST ASILO pag. 8 MENSA SCOLASTICA pag. 9 ATTIVITA' INTEGRATIVE PRE

Dettagli

ALLEGATO 1 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2010.

ALLEGATO 1 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2010. ALLEGATO 1 alla deliberazione di Giunta Comunale n. 184 del 10/12/2009 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2010. CENTRO DIURNO Come stabilito all art. 14 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI Articolo 1 - Premessa I servizi rivolti all'infanzia e scolastici sono erogati dal Comune che individua in tale ambito

Dettagli

TARIFFE PRESTAZIONI NELL'INTERESSE DI TERZI, NOLEGGI, CONCESSIONI D'USO DI IMPIANTI E LOCALI DI PROPRIETA' COMUNALE. Anno 2015

TARIFFE PRESTAZIONI NELL'INTERESSE DI TERZI, NOLEGGI, CONCESSIONI D'USO DI IMPIANTI E LOCALI DI PROPRIETA' COMUNALE. Anno 2015 TARIFFE PRESTAZIONI NELL'INTERESSE DI TERZI, NOLEGGI, CONCESSIONI D'USO DI IMPIANTI E LOCALI DI PROPRIETA' COMUNALE Anno 2015 NOTA: Quando l applicazione delle tariffe è fissata con decorrenza successiva

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI MARCIGNAGO Prov. Pavia REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 7 del 13.03.2006 INDICE ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. 159 1. SCOPO DEL REGOLAMENTO L I.S.E.E. è lo strumento di valutazione

Dettagli

INFORMATIVA RELATIVA ALLE RETTE DEI NIDI D'INFANZIA PER L'ANNO EDUCATIVO 2015/2016

INFORMATIVA RELATIVA ALLE RETTE DEI NIDI D'INFANZIA PER L'ANNO EDUCATIVO 2015/2016 Comune di Casalecchio di Reno Via dei Mille, 9 40033 Casalecchio di Reno (BO) Area Servizi Istituzionali e Welfare Servizi educativi, scolastici e di integrazione sociale INFORMATIVA RELATIVA ALLE RETTE

Dettagli

COMUNE DI POGGIO TORRIANA - PROVINCIA DI RIMINI-

COMUNE DI POGGIO TORRIANA - PROVINCIA DI RIMINI- COMUNE DI POGGIO TORRIANA - PROVINCIA DI RIMINI- REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013,

Dettagli

COMUNE DI SERRAMAZZONI

COMUNE DI SERRAMAZZONI COMUNE DI SERRAMAZZONI PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE DEL SERVIZIO: SERVIZIO SOCIO ASSISTENZIALE CULTURALE EDUCATIVO UFFICIO: SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, EDUCATORE PROFESSIONALE, TRASPORTI E

Dettagli

Entrata in vigore. Art. 2

Entrata in vigore. Art. 2 Regolamento per la determinazione dei criteri di riparto, della misura, delle modalità e dei criteri per la concessione dei benefici da destinare al sostegno delle famiglie per adozioni e affidamento familiare

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE SITUAZIONE TARIFFE ATTUALI

ASSISTENZA DOMICILIARE SITUAZIONE TARIFFE ATTUALI ASSISTENZA DOMICILIARE SERVIZIO COMUNE DI BENTIVOGLIO COMUNE DI CASTEL MAGGIORE COMUNE DI CASTELLO D'ARGILE COMUNE DI GALLIERA COMUNE DI PIEVE DI CENTO COMUNE DI SAN PIETRO IN CASALE Assistenza domiciliare

Dettagli

ALLEGATO 1 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2014.

ALLEGATO 1 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2014. ALLEGATO 1 alla deliberazione di Giunta Comunale n. 34 del 27/03/2014 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2014. CENTRO DIURNO Come stabilito all art. 14 del Regolamento

Dettagli

Le tariffe vengono applicate per ogni ora di effettivo utilizzo della struttura sportiva.

Le tariffe vengono applicate per ogni ora di effettivo utilizzo della struttura sportiva. Allegato a) 1) CASA PROTETTA COMUNALE Tariffa: Dal 01/01/2013 Retta giornaliera a carico dell utente. 48,00 La tariffa viene applicata per ogni giorno di effettiva permanenza presso la Casa Protetta Comunale.

Dettagli

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ON LINE AL SERVIZIO INTEGRATIVO E SPERIMENTALE PER LA PRIMA INFANZIA SPAZIO CUCCIOLI ALTOBELLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ON LINE AL SERVIZIO INTEGRATIVO E SPERIMENTALE PER LA PRIMA INFANZIA SPAZIO CUCCIOLI ALTOBELLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 GUIDA ALLE ISCRIZIONI ON LINE AL SERVIZIO INTEGRATIVO E SPERIMENTALE PER LA PRIMA INFANZIA SPAZIO CUCCIOLI ALTOBELLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 Il Servizio integrativo e sperimentale per la prima infanzia

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA G.C. 142 DEL 19/11/2007 TARIFFE E FASCE 2008

ALLEGATO ALLA DELIBERA G.C. 142 DEL 19/11/2007 TARIFFE E FASCE 2008 A. SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI Costo: 16,82 per ogni ora di servizio IMPORTO ORARIO 5 I.S.E.E. SUPERIORE A 15.500,01 80% 13,46 4 I.S.E.E. COMPRESO TRA 15.500,00 E 10.500,01 60%

Dettagli

La pubblicazione è stata curata da Carmen Pacini Responsabile del Settore Servizi al Cittadino del Comune di Gradara

La pubblicazione è stata curata da Carmen Pacini Responsabile del Settore Servizi al Cittadino del Comune di Gradara La pubblicazione è stata curata da Carmen Pacini Responsabile del Settore Servizi al Cittadino del Comune di Gradara Finito di stampare ottobre 2012 .. Comune di Gradara Carta Bimbi Informazioni per le

Dettagli

Regolamento Trasporto Sociale

Regolamento Trasporto Sociale Regolamento Trasporto Sociale art. 1 - art. 2 - art. 3 - art. 4 - art. 5 - art. 6 - art. 7 - art. 8 - art. 9 - art. 10 - art. 11 finalità del servizio oggetto del regolamento destinatari del servizio mezzi

Dettagli

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE I.S.E.E. Comune di Caselette ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI Il presente regolamento è finalizzato all individuazione delle condizioni economiche richieste per l accesso alle prestazioni comunali agevolate,

Dettagli

Regolamento Tariffario dei servizi educativi: Asili Nido, Piccoli&Grandi, giochi serali, centri ricreativi estivi

Regolamento Tariffario dei servizi educativi: Asili Nido, Piccoli&Grandi, giochi serali, centri ricreativi estivi Regolamento Tariffario dei servizi educativi: Asili Nido, Piccoli&Grandi, giochi serali, centri ricreativi estivi Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.58 del 03.12.2012 In vigore dal 22.01.2013

Dettagli

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 13.4.2010 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio

Dettagli

Comune di Riolo Terme Settore Scuola Tipologie di procedimento ISCRIZIONE AL TRASPORTO SCOLASTICO

Comune di Riolo Terme Settore Scuola Tipologie di procedimento ISCRIZIONE AL TRASPORTO SCOLASTICO Comune di Riolo Terme Settore Scuola Tipologie di procedimento ISCRIZIONE AL TRASPORTO SCOLASTICO Servizio di Trasporto esclusivamente scolastico per gli alunni e gli studenti che frequentano le scuole

Dettagli

REGOLAMENTO I.S.E.E. (Indicatore situazione economica equivalente)

REGOLAMENTO I.S.E.E. (Indicatore situazione economica equivalente) COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (PROVINCIA DI REGGIO EMILIA) REGOLAMENTO I.S.E.E. (Indicatore situazione economica equivalente) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 4 del 18 febbraio 2002 Modificato

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.G.R. n. 9/15 del 12.2.2013 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia Assessorato alla Scuola Gestione Servizi per l Infanzia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Anno scolastico 2014/2015 COMUNICAZIONE PER

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI FINANZIARI NEL PAGAMENTO DI RETTE DI RICOVERO IN SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI E DISABILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI FINANZIARI NEL PAGAMENTO DI RETTE DI RICOVERO IN SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI E DISABILI COMUNE DI LONGONE AL SEGRINO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI FINANZIARI NEL PAGAMENTO DI RETTE DI RICOVERO IN SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI E DISABILI PREMESSE L

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone Codice fiscale 80003930932 Partita IVA 00242130938 PIAZZA DEL POPOLO N.38 TEL.0434/842926 FAX 0434/842971 www.comune.san-vito-al-tagliamento.pn.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI SERVIZI PER L'INFANZIA SCOLASTICI ED EXTRASCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI SERVIZI PER L'INFANZIA SCOLASTICI ED EXTRASCOLASTICI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI SERVIZI PER L'INFANZIA SCOLASTICI ED EXTRASCOLASTICI Approvato con deliberazione consiliare n.19 del 10.05.2012. Pubblicato all albo pretorio dal 07.06.2012

Dettagli

TARIFFE SERVIZI SCOLASTICI A.S. 2015-2016

TARIFFE SERVIZI SCOLASTICI A.S. 2015-2016 TARIFFE SERVIZI SCOLASTICI A.S. 2015-2016 REFEZIONE SCOLASTICA (decorrenza dal 1/09/2015) REFEZIONE CON 5 RIENTRI (per le scuole dell'infanzia e per le scuole primarie con frequenza su 5 rientri) Quota

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME Approvato con

Dettagli

Comune di Avigliana. Provincia di Torino

Comune di Avigliana. Provincia di Torino Comune di Avigliana Provincia di Torino REGOLAMENTO Per le prestazioni sociali e per l applicazione dell I.S.E.E. (Indicatore Situazione Economica Equivalente) Approvato dal Consiglio Comunale in data

Dettagli

ALLEGATO B. Quantificazione tariffe a carico utente

ALLEGATO B. Quantificazione tariffe a carico utente ALLEGATO B Quantificazione tariffe a carico utente TABELLE RELATIVE AI LIVELLI INIZIALI E FINALI DELLA SITUAZIONE ECONOMICA E MINIMI E MASSIMI DI TARIFFE Precisato che il costo del servizio viene quantificato

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI BARLETTA

AMBITO TERRITORIALE DI BARLETTA CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida AMBITO TERRITORIALE DI BARLETTA SETTORE Servizi Sociali, Sanitari, Pubblica Istruzione, Sport e Tempo Libero DISCIPLINARE

Dettagli

COMUNE DI QUARTU S. ELENA PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI QUARTU S. ELENA PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI QUARTU S. ELENA PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO TARIFFARIO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO E PER IL SERVIZIO MENSA NELLA SCUOLA DELL OBBLIGO E DELL INFANZIA Licenziato dalla V^ Commissione nella

Dettagli

PROGRAMMA D INTERVENTO A FAVORE DELLE FAMIGLIE NUMEROSE. Bonus Sociale per le famiglie numerose. anno 2009

PROGRAMMA D INTERVENTO A FAVORE DELLE FAMIGLIE NUMEROSE. Bonus Sociale per le famiglie numerose. anno 2009 PROGRAMMA D INTERVENTO A FAVORE DELLE FAMIGLIE NUMEROSE Bonus Sociale per le famiglie numerose anno 2009 AVVISO PUBBLICO 1 AVVISO PUBBLICO PER RICHIESTA del BONUS SOCIALE DESTINATO ALLE FAMIGLIE NUMEROSE

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.R. n. 45/18 del 21.12.2010 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ANNO 2012/2013 Modulo per Riduzione Tariffa o Esonero

SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ANNO 2012/2013 Modulo per Riduzione Tariffa o Esonero MODELLO DA CONSEGNARE ALLA SCUOLA comune di trieste p.zza unità d italia 4 34121 trieste p.i. 00210240321 SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ANNO 2012/2013 Modulo per Riduzione Tariffa o Esonero Da consegnare

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

Allegato A RETTA SERVIZIO DI ENTRATA ANTICIPATA ALUNNI SCUOLA DELL'INFANZIA, SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO ANNO SCOLASTICO 2016-2017

Allegato A RETTA SERVIZIO DI ENTRATA ANTICIPATA ALUNNI SCUOLA DELL'INFANZIA, SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO ANNO SCOLASTICO 2016-2017 Allegato A RETTA SERVIZIO DI ENTRATA ANTICIPATA ALUNNI SCUOLA DELL'INFANZIA, SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO ANNO SCOLASTICO 2016-2017 utenza servizio costo annuo (IVA ESENTE) n. rate scadenza

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Scolastiche e Giovanili

COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Scolastiche e Giovanili Allegato A alla D.G.M. N 132 del 22/05/2013 COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Scolastiche e Giovanili MODALITA' DI ACCESSO AL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Dettagli

1 0 Fino a 7.580,00 10,00 1,50 40 2 7.580,01 12.000,00 25.00 2,50 75 3 12.000,01 15.457,99 55,00 2.50 105 4 15.458,00 20.000,00 65,00 2,50 115

1 0 Fino a 7.580,00 10,00 1,50 40 2 7.580,01 12.000,00 25.00 2,50 75 3 12.000,01 15.457,99 55,00 2.50 105 4 15.458,00 20.000,00 65,00 2,50 115 Servizio Prescuola scuola Primaria E. de Amicis. Il servizio riservato agli alunni della scuola Primaria E. De Amicis (per minimo di 15 iscritti), è in funzione dalle ore 07:15 fino all ora di apertura

Dettagli

Assemblea dei Sindaci dell Ambito. Deliberazione n. 10 del 6 maggio 2013

Assemblea dei Sindaci dell Ambito. Deliberazione n. 10 del 6 maggio 2013 Assemblea dei Sindaci dell Ambito Deliberazione n. 10 del 6 maggio 2013 Oggetto: Ambito Distrettuale 6.1. Sistema di compartecipazione degli utenti ai servizi dell Ambito anno 2013 Approvazione. Il giorno

Dettagli

Regolamento per la determinazione del sistema tariffario relativo ai servizi delle civiche scuole e modalità di accesso al servizio

Regolamento per la determinazione del sistema tariffario relativo ai servizi delle civiche scuole e modalità di accesso al servizio Regolamento per la determinazione del sistema tariffario relativo ai servizi delle civiche scuole e modalità di accesso al servizio Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. xx del xx.xx.xxxx

Dettagli

SERVIZIO ASILO NIDO SOGLIE ISEE Retta mensile Supplemento serale Riduzione pluriutenza

SERVIZIO ASILO NIDO SOGLIE ISEE Retta mensile Supplemento serale Riduzione pluriutenza Comune di Sala Bolognese III AREA SERVIZI ALLA PERSONA CONTRIBUTI - RETTE TARIFFE E ALIQUOTE RETTE E ALIQUOTE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SERVIZIO ASILO NIDO SOGLIE ISEE Retta mensile Supplemento serale

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera di consiglio comunale n 33 del 08.08.2007 INDICE Art. 1 Oggetto del servizio Art.

Dettagli

ANNO EDUCATIVO 2013-2014

ANNO EDUCATIVO 2013-2014 Comune di Medicina AREA SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZI ALLA PERSONA tel. 051 6979247; fax. 051 6979321 serviziallapersona@comune.medicina.bo.it Prot.n. 13064 del 28/08/2013 Pratica n. 3973/2013 Tit. 7

Dettagli

BANDO 2014 PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELL ISTRUZIONE FINANZIATI CON FONDI REGIONALI E COMUNALI

BANDO 2014 PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELL ISTRUZIONE FINANZIATI CON FONDI REGIONALI E COMUNALI C O M U N E di A S S E M I N I Provincia di Cagliari AREA AMMINISTRAZIONE E FINANZE SERVIZIO ISTRUZIONE Ufficio Istruzione - Via Cagliari snc (ex Scuole Pintus) - tel. e fax 070\949476-070\949458 e-mail

Dettagli

Comune di Taglio di Po

Comune di Taglio di Po Comune di Taglio di Po Regolamento di organizzazione, accesso e fruizione del servizio di refezione scolastica -approvato con deliberazione del consiglio comunale n.20 del 27.06.2013 -modificato con deliberazione

Dettagli

Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Deliberazione di Consiglio Comunale 31 25.09.2002 Approvazione Deliberazione di Consiglio Comunale 14 29.06.2005 Modifica Deliberazione di Consiglio

Dettagli

Allegato alla deliberazione del Consiglio di Amministrazione n.67 del 14/12/2015

Allegato alla deliberazione del Consiglio di Amministrazione n.67 del 14/12/2015 Allegato alla deliberazione del Consiglio di Amministrazione n.67 del 14/12/2015 CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DELLA QUOTA DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI DISABILI, MINORI E ADULTI, AL COSTO DEI SERVIZI

Dettagli

Comune di OSNAGO. Servizio Istruzione

Comune di OSNAGO. Servizio Istruzione Comune di OSNAGO Servizio Istruzione Viale delle Rimembranze,3 23875 Osnago (Lecco) Tel. 039 9225114 Funzione Associata Lomagna/Osnago e mail: istruzione@comune.lomagna.lc.it ******************************************************

Dettagli

LE ATTIVITA E I SERVIZI OFFERTI

LE ATTIVITA E I SERVIZI OFFERTI SERVIZI SCOLASTICI L ufficio Pubblica Istruzione si trova in Piazza XXVI Aprile, n. 16. L ufficio è aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 12,30 Telefono 030 7479225 - E-mail:

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 MODULO DI DOMANDA PER SERVIZI

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 MODULO DI DOMANDA PER SERVIZI San Gillio, 22/05/2013 Prot 4512/2013 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 MODULO DI DOMANDA PER SERVIZI MENSA SCUOLA DELL INFANZIA MENSA SCUOLA PRIMARIA TRASPORTO ALUNNI (SCUOLA PRIMARIA: SERVIZIO SCUOLABUS) PRE

Dettagli

COMUNE DI PARMA SERVIZIO SERVIZI EDUCATIVI S.O. SERVIZI PER LA SCUOLA

COMUNE DI PARMA SERVIZIO SERVIZI EDUCATIVI S.O. SERVIZI PER LA SCUOLA COMUNE DI PARMA SERVIZIO SERVIZI EDUCATIVI S.O. SERVIZI PER LA SCUOLA SERVIZI ESTIVI - CENTRI ESTIVI in CITTA - CENTRI ESTIVI in CAMPAGNA - PER BAMBINI/E E RAGAZZI/E DAI 6 AI 14 ANNI BANDO PER LA RICHIESTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE UNIONE COMUNI DEL BASSO VICENTINO _Alonte, Asigliano Veneto, Orgiano, Pojana Maggiore_ REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE ACCESSO E FRUIZIONE DEL SERVIZIO DI

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE ACCESSO E FRUIZIONE DEL SERVIZIO DI COMUNE DI SAN FERDINANDO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA AREA AMMINISTRATIVA- DEMOGRAFICA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE ACCESSO E FRUIZIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA,

Dettagli

in zona urbana (comuni di Trento e Rovereto) esternalizzato in zona urbana esternalizzato in zona extraurbana

in zona urbana (comuni di Trento e Rovereto) esternalizzato in zona urbana esternalizzato in zona extraurbana Allegato parte integrante Allegato 2 1. ATTIVITA SOCIO-ASSISTENZIALI DI LIVELLO LOCALE 1.1 Corrispettivi per i servizi di livello locale erogati nel 2012 Corrispettivo giornaliero o orario da applicare

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna Settore Servizi alla Persona e alla Famiglia REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con deliberazione consiliare n. 66 in data 13 luglio 2005 Indice 1.

Dettagli

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione di C.C. n 88 del 20/12/2010 1 2 ART. 1 - OGGETTO 1. La mensa scolastica

Dettagli

Regolamento per l introduzione dell ISEE come strumento di valutazione della situazione economica dei richiedenti prestazioni sociali agevolate

Regolamento per l introduzione dell ISEE come strumento di valutazione della situazione economica dei richiedenti prestazioni sociali agevolate Regolamento per l introduzione dell ISEE come strumento di valutazione della situazione economica dei richiedenti prestazioni sociali agevolate Art. 1 Oggetto Art. 2 Finalità Art. 3 Riferimenti legislativi

Dettagli

SCHEDA SOCIALE. DESTINATARIO DELL INTERVENTO Cognome Nome Nato a il / / Sesso

SCHEDA SOCIALE. DESTINATARIO DELL INTERVENTO Cognome Nome Nato a il / / Sesso SCHEDA SOCIALE Allegato C alla Delib.G.R. n. 48/46 del 11.12.2012 (In base alla normativa vigente qualunque dichiarazione mendace comporta sanzioni penali, nonché l esclusione dal finanziamento del progetto

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI SCOLASTICI 2007-2008

GUIDA AI SERVIZI SCOLASTICI 2007-2008 COMUNE DI IMPRUNETA GUIDA AI SERVIZI SCOLASTICI 2007-2008 Ufficio Relazioni con il Pubblico Piazza Buondelmonti, 41 Lunedì/martedì/giovedì/venerdì/sabato dalle 8.30 alle 12.30 Lunedì e giovedì dalle 15.00

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA. Servizio Educazione e Cultura Anno scolastico 2014-2015 SERVIZIO SCUOLABUS DELIBERA G. C. N. 103 DEL 19-06-2014

COMUNE DI PISTOIA. Servizio Educazione e Cultura Anno scolastico 2014-2015 SERVIZIO SCUOLABUS DELIBERA G. C. N. 103 DEL 19-06-2014 COMUNE DI PISTOIA Servizio Educazione e Cultura Anno scolastico 2014-2015 SERVIZIO SCUOLABUS Gli utenti che intendono usufruire del servizio di trasporto scolastico devono presentare domanda su apposito

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 47 del 30.09.2003 pubblicata in data 06.10.2003 Modificato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 03.11.2004 pubblicata

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N.

REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. 159 Approvato con deliberazione del consiglio dell unione n

Dettagli

Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio.

Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio. Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio. Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani,

Dettagli

Comune di Cento. Regolamento del Servizio di Mensa Scolastica, testo coordinato, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Comune di Cento. Regolamento del Servizio di Mensa Scolastica, testo coordinato, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. Comune di Cento REGOLAMENTO MENSA SCOLASTICA.doc REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio di mensa scolastica è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio

Dettagli

RITENUTO in questa sede di confermare la tariffa anche per l anno scolastico 2010/2011;

RITENUTO in questa sede di confermare la tariffa anche per l anno scolastico 2010/2011; OGGETTO: APPROVAZIONE MANOVRA TARIFFARIA ANNO 2010 LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: ai sensi dell'art. 54 del D. Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, il Comune approva le tariffe e i prezzi pubblici ai fini

Dettagli

SERVIZI DI SOSTEGNO ECONOMICO

SERVIZI DI SOSTEGNO ECONOMICO 9 SERVIZI DI SOSTEGNO ECONOMICO Assegno di maternità 9 È un contributo economico per affrontare le spese legate alla nascita ed ai primi mesi di vita del neonato. Può essere richiesto per nascite, adozioni

Dettagli

DISCIPLINARE PER L APPLICAZIONE DELLA RIDUZIONE DELLA TARIFFA DEL PASTO EROGATO AGLI ALUNNI ISCRITTI AL SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA

DISCIPLINARE PER L APPLICAZIONE DELLA RIDUZIONE DELLA TARIFFA DEL PASTO EROGATO AGLI ALUNNI ISCRITTI AL SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA DISCIPLINARE PER L APPLICAZIONE DELLA RIDUZIONE DELLA TARIFFA DEL PASTO EROGATO AGLI ALUNNI ISCRITTI AL SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA 1 ART. 1 OGGETTO Pag. 3 ART. 2 FINALITA Pag. 3 ART. 3 DESTINATARI DELL

Dettagli

COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento Comunale della Mensa Scolastica

COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento Comunale della Mensa Scolastica COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento Comunale della Mensa Scolastica Art. 1 Finalità Il servizio di mensa scolastica è realizzato dal Comune nell ambito delle proprie competenze stabilite dalla legislazione

Dettagli

ANNO EDUCATIVO 2015/2016

ANNO EDUCATIVO 2015/2016 ANNO EDUCATIVO 2015/2016 REGOLAMENTO Art. 1 - Finalità 1.1. Garantire la piena espressione della soggettività dei bambini e delle bambine dando spazio, in un contesto adeguatamente strutturato, alla motivazione

Dettagli

ALLEGATO A RICHIESTA ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI E SOCIOSANITARI EROGATI DALLA SDS

ALLEGATO A RICHIESTA ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI E SOCIOSANITARI EROGATI DALLA SDS ALLEGATO A RICHIESTA ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI E SOCIOSANITARI EROGATI DALLA SDS Protocollo: n Data Alla Via Togliatti, 29/45 50032 Borgo San Lorenzo Dichiarazione Sostitutiva di Certificazione (Art.

Dettagli

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve CITTÀ DI CLUSONE Provincia di Bergamo Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve CRITERI PER L EROGAZIONE DEL VOUCHER SOCIO-EDUCATIVO ED ASSISTENZIALE PER L ACQUISTO DI PRESTAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 27.07.2006 - Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Comune di Castelnuovo di Val di Cecina Provincia Di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Approvato con deliberazione di C.C. n. 59 del 24.09.2009 1 ART. 1 - FINALITA La Baby

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO (decorrenza dal mese di aprile 2015 e A.S. 2015/16)

SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO (decorrenza dal mese di aprile 2015 e A.S. 2015/16) Allegato A) Servizi a domanda individuale Estratto Delibera di Giunta n. 25 del 26/02/2015 SCOLASTICA (decorrenza dal mese di aprile 2015 e A.S. 2015/16) SERVIZIO DI 5 GG. SETTIMANALI addebito in conto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA 1 REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 24 IN DATA 18/06/2012 INDICE TITOLO I NORME GENERALI TITOLO II TRASPORTO SCOLASTICO

Dettagli

MODALITA DI ACCESSO E APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI DELL AREA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA

MODALITA DI ACCESSO E APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI DELL AREA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA MODALITA DI ACCESSO E APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI DELL AREA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre 2013, n. 159 Nuove modalità di calcolo dell

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DELLE MENSE SCOLASTICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DELLE MENSE SCOLASTICHE REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DELLE MENSE SCOLASTICHE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.36 DEL 30.09.2010 Art. 1- FINALITA E istituito, presso il Comune di Torre de Passeri, il servizio

Dettagli

SCHEDA SOCIALE. DESTINATARIO DELL INTERVENTO Cognome Nome Nato a il / / Sesso

SCHEDA SOCIALE. DESTINATARIO DELL INTERVENTO Cognome Nome Nato a il / / Sesso Allegato C alla Delib.G.R. n. 34/30 del 18.10.2010 SCHEDA SOCIALE (In base alla normativa vigente qualunque dichiarazione mendace comporta sanzioni penali, nonché l esclusione dal finanziamento del progetto

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 29/11/2013 Indice Art. 1. Oggetto e finalità del servizio

Dettagli

COMUNI DI Almè, Paladina, Ponteranica, Sorisole, Valbrembo, Villa d Almè. Criteri per l erogazione dei Voucher per Servizi Formazione Autonomia

COMUNI DI Almè, Paladina, Ponteranica, Sorisole, Valbrembo, Villa d Almè. Criteri per l erogazione dei Voucher per Servizi Formazione Autonomia COMUNI DI Almè, Paladina, Ponteranica, Sorisole, Valbrembo, Villa d Almè Criteri per l erogazione dei Voucher per Servizi Formazione Autonomia 1. Principi generali I seguenti criteri disciplinano, all

Dettagli

CONVENZIONE TRA.. E IL COMUNE DI MOLFETTA - SETTORE SOCIO EDUCATIVO PER AMPLIAMENTO DELL OFFERTA PUBBLICA DI POSTI NIDO.

CONVENZIONE TRA.. E IL COMUNE DI MOLFETTA - SETTORE SOCIO EDUCATIVO PER AMPLIAMENTO DELL OFFERTA PUBBLICA DI POSTI NIDO. CONVENZIONE TRA.. E IL COMUNE DI MOLFETTA - SETTORE SOCIO EDUCATIVO PER AMPLIAMENTO DELL OFFERTA PUBBLICA DI POSTI NIDO. TRA II Comune di Molfetta, Partita I.V.A./C.F....., sede legale in Via Carnicella

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIO SANITARIE AGEVOLATE IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì Cesena REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 69 del 15/11/2007 Art. 1 Oggetto e riferimenti 1.

Dettagli

COMUNE DI SARMATO Provincia di Piacenza

COMUNE DI SARMATO Provincia di Piacenza COMUNE DI SARMATO Provincia di Piacenza SERVIZIO SOCIALE PUBBLICA ISTRUZIONE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 29.06.2012 regolamento

Dettagli

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda L'anno addì.. del mese di, in Desenzano del Garda, nella Residenza Municipale T R A La Dr.ssa nata a ( ) il, nella sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda abilitato alla stipulazione

Dettagli

Al Comune di Muggia Ente Gestore del Servizio Sociale dei Comuni Ambito 1.3

Al Comune di Muggia Ente Gestore del Servizio Sociale dei Comuni Ambito 1.3 Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio Al Comune di Muggia Ente Gestore del Servizio Sociale dei Comuni Ambito 1.3 Oggetto:

Dettagli

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco.

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco. INTERVENTI VARI SEGRETARIATO SOCIALE Che cos è? Il segretariato è un servizio che mette la professionalità degli assistenti sociali a disposizione dei cittadini, fornendo informazioni sulle risorse sociali

Dettagli

4) Quando devo presentare la domanda per avere le riduzioni delle tariffe?

4) Quando devo presentare la domanda per avere le riduzioni delle tariffe? Comune di Medicina AREA SERVIZI ESTERNI Ufficio Scuola Cultura Sport Via Pillio n. 1 - Medicina tel. 051 6979246-247-282 - fax. 051 6979321 serviziallapersona@comune.medicina.bo.it 1) Quali sono i servizi

Dettagli

COMUNE DI CASSANO VALCUVIA PROVINCIA DI VARESE

COMUNE DI CASSANO VALCUVIA PROVINCIA DI VARESE COMUNE DI CASSANO VALCUVIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE E LA PRESTAZIONE DI SERVIZI IN CAMPO SOCIALE ART.1 OGGETTO E RIFERIMENTI Il presente Regolamento disciplina l applicazione

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 22/12/2010 MODIFICATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

Ambito territoriale 1 Bergamo Comuni di Bergamo, Gorle, Orio al Serio, Ponteranica, Sorisole, Torre Boldone

Ambito territoriale 1 Bergamo Comuni di Bergamo, Gorle, Orio al Serio, Ponteranica, Sorisole, Torre Boldone Ambito territoriale 1 Bergamo Comuni di Bergamo, Gorle, Orio al Serio, Ponteranica, Sorisole, Torre Boldone Criteri per l erogazione del Voucher socio-educativo e assistenziale per l acquisto di prestazioni

Dettagli

Requisiti per la presentazione delle domande

Requisiti per la presentazione delle domande CITTA DI LEGNAGO Provincia di Verona BANDO PER L ISCRIZIONE AGLI ASILI NIDO COMUNALI Anno educativo 2016/2017 Si rende noto che dal 1 febbraio 2016 saranno aperte le iscrizioni per l ammissione all Asilo

Dettagli

COMUNE DI LEDRO. Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE

COMUNE DI LEDRO. Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE . COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE DISCIPLINARE recante criteri e modalità di presentazione delle domande di accesso e formazione della graduatoria Approvato con

Dettagli

UN NUOVO SISTEMA TARIFFARIO PER UNA REFEZIONE SCOLASTICA DI QUALITA

UN NUOVO SISTEMA TARIFFARIO PER UNA REFEZIONE SCOLASTICA DI QUALITA UN NUOVO SISTEMA TARIFFARIO PER UNA REFEZIONE SCOLASTICA DI QUALITA UN RISPARMIO DI 3,5 MILIONI DI EURO PER LE FAMIGLIE E UN SERVIZIO PROFONDAMENTE RINNOVATO 22 luglio 2015 1 UNA NUOVA MODALITA DI GESTIONE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI 2015/2016

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI 2015/2016 COMUNE DI CALVAGESE DELLA RIVIERA Provincia di Brescia Area Amministrativa Ufficio Pubblica Istruzione 030 601025 int. 4 Fax. 030 601578 scuola@comune.calvagesedellariviera.bs.it CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05. REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.2015 - INDICE Pag. ART. 1 OBIETTIVO. 3 ART. 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto della normativa, l attività

Dettagli