Il 26 settembre si celebra la decima edizione della. Due saranno i temi principali dell edizione. Si rinnova l ormai consolidato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il 26 settembre si celebra la decima edizione della. Due saranno i temi principali dell edizione. Si rinnova l ormai consolidato"

Transcript

1 Anno V n. 56 Settembre 2011 Europe Direct Frosinone Piazza Gramsci, Frosinone tel /469 sito web: Questo mese in primo piano: L UE festeggia il 10 anniversario della Giornata Europea delle Lingue Il contesto Il 26 settembre si celebra la decima edizione della Giornata Europea delle Lingue (European Day of Languages - EDL), istituita dal Consiglio d Europa e dalla Commissione europea, in seguito al successo dell Anno europeo delle lingue 2001, per dedicare un momento di particolare attenzione verso il patrimonio di cultura e di tradizione presente nelle lingue parlate dell Unione europea. L Europa possiede, infatti, un vero tesoro linguistico: si contano 23 lingue ufficiali e oltre 60 comunità autoctone che parlano una lingua regionale o minoritaria, senza dimenticare le lingue parlate dai cittadini originari di altri paesi e continenti. La diversità linguistica come valore fondamentale dell UE è sancito dal Trattato di Lisbona che rispetta la ricchezza della sua diversità culturale e linguistica e vigila sulla tutela e sullo sviluppo del patrimonio culturale europeo. La Giornata Europea delle Lingue costituisce ormai un appuntamento che si ripete, con L edizione 2011 Due saranno i temi principali dell edizione 2011: il linguaggio dei segni e le lingue dei migranti. Il nuovo sito dell European Day of Languages (http://edl.ecml.at/) è arricchito di idee sui possibili festeggiamenti e vi si può trovare materiale promozionale ed informativo utili per pubblicizzare proprie attività. Al suo interno è possibile reperire, inoltre, informazioni sulle origini di questa festa e sulle modalità di partecipazione, oltre a divertenti giochi online tra i quali memory games, simpatiche cartoline da spedire e quiz linguistici per metter alla prova la propria conoscenza delle lingue. Il calendario online è un utile motore di ricerca per scoprire gli appuntamenti in tutta Europa e per dare visibilità a quelli che scuole o enti hanno intenzione di organizzare. E per i più tecnologici, interessati a diventare membri del gruppo Celebrate the European Day of Languages (EDL) Si rinnova l ormai consolidato appuntamento con il concorso Tante lingue una sola Europa, che il centro Europe Direct ospitato dalla Provincia di Frosinone bandisce annualmente in occasione della Giornata Europea delle Lingue e che riscuote entusiastici consensi da parte di studenti e docenti dell intero territorio provinciale. L iniziativa, giunta alla VI a edizione e rivolta agli studenti regolarmente iscritti e frequentanti, per l anno scolastico , le ultime classi degli Istituti secondari di II grado della provincia di Frosinone, consiste in una gara di traduzione (dall italiano all inglese o francese cadenza annuale, con il triplice obiettivo di sensibilizzare il pubblico al plurilinguismo in Europa, coltivare la diversità culturale e linguistica ed incoraggiare l apprendimento delle lingue da parte di tutti, dentro e fuori il contesto scolastico. Al di là di questi obiettivi, il 26 settembre è anche un occasione per fare festa. 26th of September!, è possibile collegarsi alla pagina dedicata di facebook, mettersi in contatto con le scuole di tutt Europa ed unirsi ad interessanti iniziative. Tra le novità della Giornata del 2011 è prevista l assegnazione di un premio all organizzatore del migliore evento attraverso uno specifico sistema di voto: l iniziativa che riceverà il maggior numero di voti sarà dichiarata vincitrice entro la fine di ottobre. Per coordinare le attività inerenti alla Giornata Europea delle Lingue, sono stati creati dei punti di contatto nazionali. Per l Italia è possibile rivolgersi al Centro Europe Direct di Trieste. a discrezione dello studente) di un testo imperniato sulle più attuali politiche o iniziative intraprese dalle Istituzioni comunitarie nell ambito dei molteplici settori di intervento dell UE. I concorrenti saranno invitati, altresì, ad esprimere, in un breve passo in italiano, considerazioni personali sugli argomenti proposti, mettendo così in evidenza, oltre alle proprie conoscenze linguistiche, la percezione che hanno dell Unione europea e la consapevolezza dell appartenenza ad una dimensione transnazionale e delle conseguenze che essa comporta. In conformità con l obiettivo comunitario di promuovere il multilinguismo, quale Ogni anno, infatti, per celebrare le lingue vengono organizzati in tutta Europa moltissimi eventi che coinvolgono giovani e meno giovani: progetti nelle scuole, conferenze, spettacoli, animazioni per bimbi, giochi multiculturali, trasmissioni radiofoniche e televisive le possibilità sono infinite! Tra le iniziative paneuropee in programma, si segnala: Italiano di Cultura di Bruxelles, in collaborazione con L Istituto EUNIC Brussels (European Union National Institutes for Culture) e la STIB/MIVB, porterà la poesia europea nella metropolitana di Bruxelles. Una scelta di 21 poesie provenienti da 21 paesi europei, scritte in 18 lingue, verrà esposta sia in lingua originale che in francese e neerlandese permettendo ai circa 3 milioni di viaggiatori settimanali di fare del loro tragitto un viaggio pieno d ispirazione. Le poesie saranno svelate il 26 settembre nell ambito della Giornata Europea delle Lingue. Il loro lancio sarà accompagnato da un festival di eventi culturali concentrato sulla poesia, il multilinguismo e la diversità culturale e includerà anche un dance flash mob in quat- E da Europe Direct Frosinone: tro stazioni metrò organizzato il giorno dell inaugurazione da Flash Mob Dance Belgium. I viaggiatori che desiderano sapere di più sui poeti e le loro opere potranno consultare il sito web interattivo dove potranno esprimere la propria opinione sulle poesie pubblicate e condividere le proprie poesie. Siti web: uno dei valori guida dell UE, a partire dalle politiche relative alla cultura e all istruzione, la finalità perseguita è quella di contribuire a rafforzare il ruolo chiave della scuola nell incentivare la propensione dei giovani allo studio delle lingue, come passo fondamentale per acquisire capacità e competenze utili per il loro futuro. L edizione 2010 del concorso, che ha registrato la partecipazione di 104 studenti, ha premiato i migliori classificati con un viaggio a Bruxelles, svoltosi durante il mese di maggio Anche i vincitori dell edizione 2011 avranno la straordinaria opportunità di entrare nel cuore dell UE e di visitare le sedi delle Istituzioni comunitarie, dialogando con funzionari ed europarlamentari e tornando sicuramente più consapevoli della loro identità di cittadini europei, come i ragazzi che li hanno preceduti negli anni passati. Il bando di concorso è scaricabile dal sito di Europe Direct Frosinone: Per ulteriori approfondimenti sulla Giornata Europea delle Lingue e sulle politiche UE per il multilinguismo: EuropeDirect Chi siamo EUROPE DIRECT FROSINONE è un centro di informazione e comunicazione europea la cui missione è quella di agire da intermediario tra l UE ed i cittadini a livello locale attraverso la diffusione delle politiche comunitarie nell ambito del territorio provinciale. Ospitato dall Amministrazione Provinciale di Frosinone, il relay appartiene ad una rete coordinata dalla Commissione europea, che conta 50 strutture in Italia, distribuite in maniera uniforme in tutte le regioni, e circa 500 nei 27 paesi dell Unione europea. La rete Europe Direct in Italia: La Newsletter Europamente è redatta mensilmente da Europe Direct Frosinone al fine di integrare l azione di informazione, consulenza ed orientamento svolta dal Centro, attraverso uno snello strumento che consenta ai propri utenti di essere agevolmente al passo con le ultime novità provenienti dall UE. Una panoramica sull attualità europea, in relazione ai diversi settori di intervento dell Unione, è fornita nella sezione Notizie flash dall UE, mentre la rubrica intitolata Orientamenti politici e legislazione presenta i contributi normativi ed i temi di riflessione in materia di politiche comunitarie elaborati nel corso degli ultimi trenta giorni da Istituzioni ed organi UE. La rubrica intitolata L angolo delle consultazioni contiene una selezione delle ultime consultazioni pubbliche lanciate dalla Commissione europea per conoscere l opinione di cittadini e gruppi interessati in fase di elaborazione di nuove strategie politiche e legislazione. La sezione Eventi ed iniziative completa la variegata gamma di informazioni offerte, mentre una selezione di bandi recentemente pubblicati dalle varie Direzioni Generali della Commissione europea, nell ambito dei Programmi comunitari in vigore nel periodo , è contenuta all interno di Europabandi, supplemento alla newsletter. La Newsletter è consultabile on-line, all indirizzo: ed è reperibile in versione cartacea presso i locali di Europe Direct Frosinone. SOMMARIO Questo mese in primo piano: L Ue festeggia il 10 anniversario della Giornata Europea delle Lingue Notizie flash dall Europa Orientamenti politici e legislazione L angolo delle consultazioni Eventi ed iniziative

2 Europamente Pag. 2 Affari istituzionali La Commissione europea definisce le priorità per l autunno 2011 Aseguito della riunione allargata della Commissione europea svoltasi lo scorso 31 agosto, il Presidente Barroso ha illustrato le priorità individuate dall esecutivo per rispondere alle sfide più urgenti che attendono l Europa nelle prossimi mesi. Facendo riferimento alla crisi dei mercati finanziari e alle ripercussioni che essa ha avuto sull economia reale, Barroso ha ribadito in primo luogo l importanza di portare a termine l iter di approvazione del pacchetto sulla governance economica adottato dalla Commissione nel 2010, diretto a monitorare meglio le politiche fiscali, controllare il debito pubblico e accrescere la sostenibilità fiscale ed ha rivolto, in tal senso, un appello a Consiglio e Parlamento. Altrettanto importante è ritenuta la riforma dell European Financial Stability Facility che deve diventare «più flessibile» e che deve «aumentare le sue capacità di risposta». Su questo punto l appello di Barroso è stato indirizzato agli Stati membri affinché diano seguito all accordo concluso il 21 luglio completando al più presto possibile le procedure legislative necessarie a trasformare il fondo per l area dell euro in un meccanismo permanente per aiutare i paesi che si trovano in difficoltà ed affrontare le crisi finanziarie. Le altre priorità evocate attengono alla situazione della Grecia, con la necessità di mettere a punto un nuovo programma di assistenza che prevede la partecipazione del settore privato, e alla riforma del settore bancario dell UE. Barroso ha annunciato la presentazione di «ulteriori proposte per la regolamentazione del settore finanziario» e, con riferimento al prossimo G20, previsto a Cannes a inizio novembre, ha sottolineato la necessità di «un azione globale per fare fronte alle sfide economiche e per la crescita sostenibile». Prima del Vertice verrà presentata una proposta per una tassa europea sulle transazioni finanziarie i cui proventi potrebbero contribuire a finanziare il nuovo quadro finanziario pluriennale orientato alla crescita e all occupazione e che vivrà in autunno la fase iniziale dei negoziati. L ultimo passaggio della dichiarazione del presidente della Commissione Europea è stato dedicato alla situazione in Libia per sottolineare l impegno dell UE sia in termini di aiuto umanitario sia nel sostegno alle nuove istituzioni. «Le sfide che dobbiamo affrontare sono grandi. Ma lo è anche la nostra determinazione» ha concluso Barroso ricordando che l azione dell UE deve essere improntata ai valori della solidarietà e della responsabilità dentro e fuori i confini d Europa. un decennio dallo shock degli odiosi «Ètrascorso attacchi dell 11 settembre 2001 a New York e a Washington DC, in seguito ai quali persero la vita oltre 3000 persone originarie di tutto il mondo. Oggi l Europa onora le vittime ed esprime la propria solidarietà a quanti hanno perso i propri cari a causa di questi e di tutti gli altri attacchi terroristici» è quanto si legge nell incipit della dichiarazione congiunta del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy e del presidente della Commissione Europea José Manuel Barroso, pubblicata il 9 settembre per commemorare il 10 anniversario degli attentati dell 11 settembre. I due presidenti hanno sottolineato il consenso raggiunto in seno all Assemblea generale delle Nazioni Unite su una strategia antiterroristica globale ed hanno ribadito l impegno dell UE nel sostenere i suoi alleati nella lotta contro le reti terroristiche ed il loro finanziamento, ricordando i progressi che l Europa continua a compiere nel rafforzamento della cooperazione in materia di applicazione della legge, nonché nella protezione dei sistemi di trasporto e delle infrastrutture critiche e nella tutela dei propri Affari istituzionali Rompuy-Barroso: dichiarazione congiunta per il 10 anniversario degli attentati dell 11 settembre cittadini. Nel testo della dichiarazione si rileva che è importante combattere la radicalizzazione ed impedire il reclutamento di nuovi terroristi, ma a condizione che l Unione europea resti fedele ai suoi valori fondamentali: «Promuovere lo stato di diritto, i diritti umani, la governance democratica e il dialogo interculturale aperto e offrire opportunità economiche ed educative rappresentano la migliore garanzia per rafforzare la sicurezza dei nostri cittadini e dei nostri partner internazionali». Nel contesto della primavera araba, Van Rompuy e Barroso hanno concluso: «Dieci anni dopo, le manifestazioni nelle strade di Tunisi, del Cairo, di Bengasi e in tutto il mondo arabo hanno inviato un forte segnale di libertà e democrazia. È questa la risposta più forte all odio fatuo e al cieco fanatismo dei crimini dell 11 settembre». Il testo completo della dichiarazione: Presidenza polacca UE: nuova vita al partenariato orientale Sin dall assunzione della presidenza di turno dell UE per il secondo semestre del 2011, l intensificazione delle relazioni con i paesi dell Est europeo nell ambito del Partenariato orientale, lanciato dall Ue a maggio 2009 a Praga, è apparsa una delle priorità perseguite dalla Polonia, nell ottica di mediare tra le due dimensioni della politica di vicinato, quella orientale e quella mediterranea, sottolineandone la complementarietà. Il ministro degli Esteri della Polonia, Radoslaw Sikorski, ha ribadito l intento della presidenza polacca di rafforzare e rilanciare il partenariato orientale (PO), indirizzato a sei Paesi dell Europa orientale e del Caucaso meridionale (Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Georgia, Moldova e Ucraina ), a partire dal prossimo vertice che si terrà a Varsavia il 29 e 30 settembre e che riunirà capi di Stato o di governo dell UE e i paesi partner del PO. La presidenza auspica che nel corso del vertice si adottino decisioni politiche cruciali sui principi di cooperazione tra l UE e i suoi vicini orientali e si delineino nuovi obiettivi di cooperazione. Il vertice offre, inoltre, l occasione di sviluppare una precisa strategia nei confronti della Bielorussia, dove persiste la repressione dell opposizione democratica. Uno dei principali scopi del PO, infatti, consiste nel contribuire a promuovere la democrazia e il buon governo: a tal fine la presidenza propone di applicare alla Bielorussia il principio più progressi, più aiuti e il suo contrario meno progressi, meno aiuti. L avanzamento nelle riforme democratiche e del mercato sarà ricompensato, mentre la scelta di andare nella direzione opposta avrà conseguenze negative. Per novembre la presidenza sta pianificando un forum della società civile nel quadro del PO allo scopo di incoraggiare la partecipazione delle organizzazioni della società civile. Più avanti, sempre in autunno, l UE auspica di concludere o far avanzare in misura significativa i negoziati con l Ucraina e la Moldova riguardo all accordo di associazione e cooperazione economica rafforzata. La presidenza confida, inoltre, di compiere progressi riguardo alla liberalizzazione dei visti e all approfondimento della cooperazione settoriale. Il sito web della presidenza polacca UE: Giustizia, Sicurezza, Libertà La Commissione rafforza l impegno contro l estremismo violento Cecilia Malmström, Commissaria per gli Affari interni, ha inaugurato, lo scorso 9 settembre, la rete di sensibilizzazione al problema della radicalizzazione RAN (Radicalisation Awareness Network). Si tratta di un iniziativa concepita nell ambito della Strategia di sicurezza interna dell UE in azione (adottata dalla Commissione europea il 22 novembre 2010) e diretta a contrastare l estremismo violento e a sostenere l impegno degli Stati membri nella prevenzione della radicalizzazione che può sfociare nel reclutamento a fini terroristici. In quanto rete di reti, la RAN sarà costituita da gruppi, associazioni e piattaforme impegnate su un piano pratico nella prevenzione della radicalizzazione. Il loro lavoro sarà organizzato per gruppi, comprendenti, tra l altro, responsabili politici, funzionari dei servizi di contrasto e di sicurezza, pubblici ministeri, autorità locali, universitari, esperti del settore e organizzazioni della società civile, comprese le associazioni delle vittime. La rete sarà affiancata da un forum on line e da conferenze tenute in tutta l Unione per individuare le buone pratiche e promuovere lo scambio di informazioni ed esperienze allo scopo di migliorare la sensibilizzazione al problema della radicalizzazione e consolidare le tecniche di comunicazione. Essa incoraggerà figure modello e opinion leader credibili a trasmettere messaggi positivi che offrano alternative alla propaganda violenta ed estremista. La rete contribuirà inoltre ai processi politici a livello nazionale ed europeo e sosterrà la Commissione europea e gli Stati membri nel loro lavoro fornendo strumenti adeguati per la prevenzione del terrorismo. La Commissione svolgerà un ruolo fondamentale nel coordinare e agevolare il lavoro di tutti gli interlocutori che partecipano alla rete e metterà a disposizione i mezzi necessari per allestire la piattaforma RAN, organizzarne il segretariato e assicurarne il funzionamento. Al progetto saranno destinati più di 20 milioni di euro in quattro anni sotto forma di sostegno diretto agli Stati membri e di finanziamento di vari progetti. Homepage di Cecilia Malmström, Commissaria per gli Affari interni: Homepage della DG Affari interni:

3 Pag. 3 Libera circolazione: la Commissione impegnata per il rispetto delle regole La libera circolazione delle persone tra gli Stati membri è uno dei successi più tangibili degli ultimi 60 anni di integrazione europea, che si traduce in enormi vantaggi per i cittadini dell UE, gli Stati membri e l economia europea nel suo complesso. Tutti i giorni gli europei traggono vantaggio dalla libera circolazione: ogni anno, ad esempio, intraprendendo circa 1,25 miliardi di viaggi per turismo nel territorio dell UE. Da un recente sondaggio si evince che per il 48% dei cittadini europei il diritto di circolare e soggiornare liberamente nell Unione europea rappresenta il più importante diritto dei cittadini. Alcuni avvenimenti dell anno scorso, però, avevano portato alla luce gravi problemi riguardanti il rispetto delle garanzie procedurali e sostanziali nell ambito della direttiva UE sulla libera circolazione (direttiva 2004/38/CE). Dall estate 2010 la Commissione ha individuato complessivamente 786 casi che ha sollevato nelle riunioni bilaterali con gli Stati membri, avvertendo che il ricorso ai procedimenti d infrazione ai Mercato interno Musica: l UE estende diritto d autore a 70 anni Il Consiglio europeo ha approvato, lo scorso 12 settembre, la direttiva che estende i termini per la tutela della proprietà intellettuale di interpreti e produttori musicali da 50 a 70 anni. La nuova normativa persegue l obiettivo di accrescere il livello di tutela degli artisti interpreti o esecutori, riconoscendo il loro contributo creativo ed artistico. «I musicisti ed i cantautori iniziano la loro carriera in giovane età e con l aumento dell aspettativa di vita spesso non sono tutelati per l intero arco della loro carriera» - ha spiegato l Ue in una nota, sottolineando come alcuni di loro siano costretti per questa ragione ad «affrontare problemi finanziari alla fine della loro vita». Molti artisti, inoltre, finora non erano nemmeno in grado di far valere i loro diritti quando rilevavano un utilizzo improprio delle loro opere. Secondo i calcoli di Bruxelles, l estensione di 20 anni dei copyright potrebbe garantire agli autori tra i 150 ed i duemila euro Trasporti Energia sensi del trattato si sarebbe reso inevitabile qualora non si fosse trovata soluzione ai problemi in questione. all anno extra. La direttiva armonizza a livello europeo il metodo di calcolo che determina il periodo di protezione del diritto d autore, per quelle composizioni musicali firmate da più autori (co-written works), determinando la scadenza del diritto a 70 anni dopo la morte dell ultimo autore. Lo stesso criterio è applicato anche per gli autori dei testi. «Le attività scritte fanno parte della storia dell UE ed è corretto renderle durature ed importanti e riconoscere agli artisti, alla fine della loro vita, attenzione e riconoscenza da parte dell intera comunità europea» fanno sapere dalla commissione per il mercato interno dell UE. La direttiva, che è stata oggetto di un accordo con il Parlamento europeo in prima lettura, è stata adottata a maggioranza qualificata, con l astensione di Austria ed Estonia ed il voto contrario di Giustizia, libertà e sicurezza A distanza di un anno, la Commissione ha ottenuto risultati concreti, anche grazie alle continue pressioni politiche: 16 Stati membri hanno dato una risposta diretta alle preoccupazioni espresse dalla Commissione o hanno elaborato una modifica legislativa volta a garantire la perfetta conformità alla direttiva. La Commissione continua a collaborare con gli altri paesi per affrontare le questioni in sospeso, quali l ingresso e il soggiorno per i familiari, le carte di soggiorno per i cittadini di paesi terzi e le garanzie contro le limitazioni alla libera circolazione, e manterrà una ferma vigilanza, senza tralasciare la possibilità di avviare procedimenti d infrazione nei confronti di quegli Stati membri che non avranno dato una risposta congrua alle sue preoccupazioni giuridiche. La direttiva 2004/38/CE sulla libera circolazione nell UE del 2004: Il sito internet della Vicepresidente Viviane Reding, Commissaria UE per la Giustizia: Svezia, Olanda, Belgio, Lussemburgo, Repubblica ceca, Slovacchia, Romania e Slovenia. Gli Stati membri hanno ora due anni di tempo per recepire le nuove disposizioni proposte nel luglio 2008 dalla Commissione europea. protection_en.htm UE: una sola voce per garantire gli interessi energetici all estero Afronte dei costanti cambiamenti in seno ai mercati mondiali dell energia e, soprattutto, della crescente dipendenza dalle importazioni di prodotti energetici, l UE per conseguire i propri obiettivi in materia di sicurezza energetica ha bisogno di un adeguato coordinamento interno e di una posizione forte e decisa verso l esterno. A tal fine, lo scorso 7 settembre, la Commissione ha adottato una comunicazione sulla sicurezza dell approvvigionamento energetico e sulla cooperazione internazionale, adottando per la prima volta una strategia globale che elenca 43 azioni concrete per rafforzare le relazioni esterne dell UE in ambito energetico. In linea con la strategia Europa 2020, al centro dell approccio presentato dalla Commissione vi è una maggiore trasparenza fra gli Stati membri relativamente agli accordi intrapresi in materia con paesi terzi ed un migliore coordinamento per definire posizioni comuni da adottare in sede internazionale, nonché lo sviluppo di partnership globali in campo energetico con i principali paesi esportatori. In tale quadro, la decisione proposta dalla Commissione è volta ad istituire un meccanismo per lo scambio di informazioni relative agli accordi intergovernativi nel settore energetico fra Stati membri e paesi terzi. Questo meccanismo estende a tutte le forme di energia la procedura di notifica già in vigore per gli accordi nel settore del gas e introduce uno strumento per scambiare informazioni a livello UE prima e dopo i negoziati con i paesi terzi. Si punta così a rafforzare la posizione negoziale degli Stati membri nei confronti dei paesi terzi, garantendo nel contempo la sicurezza dell approvvigionamento, il corretto funzionamento del mercato interno e la certezza giuridica degli investimenti. Il piano verrà attuato nel corso dei prossimi cinque anni. I paesi dell UE inizieranno ad utilizzare il nuovo sistema di scambio delle informazioni nel Le consultazioni pubbliche della Commissione sono tra i principali strumenti attraverso i quali si attua la politica di trasparenza dell Unione europea. Spesso accompagnate da un Libro verde, vale a dire un documento atto a stimolare il dibattito su un determinato argomento, le consultazioni pubbliche sono rivolte a tutti i cittadini e alle organizzazioni che abbiano interesse nei confronti di specifici temi, oggetto delle future proposte legislative della Commissione, e che vogliano far sentire la propria voce all interno dei processi decisionali. Tutte le consultazioni aperte sono disponibili all interno del sito La vostra voce in Europa (http://ec.europa.eu/yourvoice/index_it.htm). Il sito dà accesso anche ad un altra un ampia gamma di strumenti di democrazia partecipativa messi a disposizione dalle Istituzioni UE: partecipazione a sondaggi d opinione o a dibattiti sull Unione europea e sul suo futuro (compresa la possibilità di discutere i problemi direttamente con i leader politici e scambiare opinioni con altri cittadini interessati agli stessi argomenti). Non appena concluse le consultazioni, i risultati saranno disponibili sul portale, cosicché gli utenti del sito, oltre a poter esprimere le proprie opinioni, avranno la possibilità di sapere quanto è stato detto dagli altri e di verificare in seguito come la Commissione avrà tenuto conto delle loro riflessioni quando saranno pubblicate nuove proposte. In questo numero di Europamente vi segnaliamo le seguenti consultazioni aperte: Consultazione pubblica sulla promozione dei prodotti agricoli Settore di riferimento: Agricoltura: e Sviluppo rurale. Il contesto - Sebbene i prodotti degli agricoltori europei, frutto di competenze, tradizione, innovazione e standard di produzione elevati, siano fra i migliori al mondo, la Commissione europea è convinta che l UE potrebbe fare di più per promuovere i prodotti europei e convincere più consumatori a comprare europeo. Con regole semplificate e una cooperazione più intensa fra i paesi dell UE, l industria agroalimentare potrà ampliare il proprio campo di azione e conquistare nuovi mercati. Obiettivo della consultazione: la Commissione intende raccogliere i pareri degli stakeholders interessati prima di mettere a punto i progetti di revisione delle attuali regole di mercato in materia di prodotti agricoli. Documento di riferimento: Libro verde sulla politica di informazione e promozione dei prodotti agricoli. Il documento presenta informazioni generali in materia e individua le aree in cui la strategia commerciale potrebbe essere migliorata. Destinatari: agricoltori, dettaglianti, esportatori, consumatori ed altre categorie interessate. Scadenza: 30 settembre 2011 Il sito web della consultazione: Consultazione pubblica sull iniziativa per i sistemi di trasporto puliti Settore di riferimento: Trasporto. Il contesto - Nell ambito dell Iniziativa Faro della Strategia Europa 2020 denominata Un Europa efficiente nell impiego delle risorse, la Commissione europea ha promosso un iniziativa per i sistemi di trasporto puliti (Clean Transport Systems - CTS), al fine di sostenere l Ue nel porre fine alla dipendenza a lungo termine dal petrolio nel settore dei trasporti. Documento di riferimento: Libro Bianco Roadmap to a Single European Transport Area -Towards a competitive and resource efficient transport system. Obiettivo della consultazione: con la presente consultazione (a cui si può partecipare attraverso un questionario on-line) le parti interessate sono invitate a fornire spunti e riflessioni in vista del lancio della comunicazione, annunciata per il primo trimestre 2012, con la quale la Commissione intende presentare una strategia completa di lungo termine che acceleri lo sviluppo del mercato dei combustibili alternativi a livello UE. La Commissione presenterà inoltre una proposta legislativa sui requisiti delle infrastrutture per l utilizzo dei carburanti alternativi. Scadenza: 6 ottobre Il sito web della consultazione: Consultazione pubblica sulla distribuzione online di opere audiovisive nell UE Settore di riferimento: Mercato Interno. Il contesto - In un contesto paneuropeo in cui modalità di produzione, commercializzazione e distribuzione delle opere audiovisive sono sempre più influenzate dall innovazione tecnologica e da Internet, i mercati online a livello UE appaiono ancora divisi da molteplici barriere, cosa che ostacola la realizzazione del mercato unico. Documento di riferimento: Libro verde sulla distribuzione online di opere audiovisive nell Unione europea - Verso un mercato unico del digitale: opportunità e sfide. Il documento intende contribuire allo sviluppo di un mercato unico del digitale aprendo un dibattito specifico sulle opportunità e sulle sfide della distribuzione online di opere audiovisive. Obiettivo della consultazione: attraverso la consultazione pubblica lanciata dalla DG Mercato interno della Commissione europea, gli interessati sono invitati a prendere posizioni su talune questioni sollevate ed illustrate nel Libro verde. Le risposte aiuteranno la Commissione a valutare la necessità di adottare delle misure utili ai cittadini, ai fornitori di servizi di contenuti online e ai titolari dei diritti, nonché ad elaborare una proposta per razionalizzare la gestione collettiva dei diritti d autore e la proprietà intellettuale. Destinatari: Tutti cittadini e le organizzazioni possono partecipare alla consultazione. Sono particolarmente graditi i contributi da parte degli stakeholder di riferimento, dei governi nazionali e delle competenti autorità nazionali. Scadenza: 18 novembre Il sito web della consultazione:

4 Europamente Pag. 4 Il Parlamento UE dà il benvenuto ai giovani volontari Lo scorso 12 settembre, presso lo Spazio Europa, a Roma, il Parlamento europeo, la Commissione europea e il Dipartimento per le Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri, hanno organizzato la conferenza di presentazione degli Erasmus Welcome Days Sono intervenuti: l On. Silvia Costa, deputata al Parlamento europeo, Commissione CULT; Clara Albani, Direttrice dell Ufficio in Italia del Parlamento europeo, Emilio Dalmonte, Vicedirettore Rappresentanza in Italia della Commissione europea, Roberto Adam, Capo Dipartimento Politiche europee della Presidenza del Consiglio. Dal 7 all 11 settembre 2011, il Parlamento europeo ha ospitato la II Youth Convention on Volunteering, il più grande evento pubblico organizzato dal Forum europeo della Gioventù nell ambito dell Anno europeo del volontariato. Più di 1500 giovani provenienti da tutta Europa sono intervenuti per partecipare al ricco programma di dibattiti, conferenze stampa, workshop e concerti. Si è trattato di un opportunità straordinaria per dare slancio all Anno europeo 2011, oltre che un occasione, per i membri del Parlamento, di confrontarsi in prima persona con giovani volontari europei e con le loro idee. L evento ha inteso celebrare il lavoro dei giovani volontari nelle organizzazioni giovanili, dare evidenza al ruolo delle organizzazioni giovanili nel volontariato, attrarre e raggiungere i non volontari, coinvolgere i giovani volontari ad agire nelle proprie organizzazioni come moltiplicatori, scambiare buone prassi e discutere su possibili collaborazioni con rappresentanti di altre parti del mondo. «Credo fermamente nella capacità dei volontari di poter cambiare il mondo. Il volontariato dà la possibilità di conoscere nuove persone, di fare esperienze e di cambiare le cose» ha affermato l europarlamentare slovacca Katarína Neveìalová (S&D). Il Premio Sacharov per la libertà di pensiero visto dagli studenti nei contenuti e nella comunicazione Ciclo di seminari La Notte dei ricercatori è un iniziativa promossa dalla Commissione europea fin dal 2005, nell ambito del 7 Programma Quadro in Ricerca e Sviluppo Tecnologico e che coinvolge Volontario in Europa, il portale italiano: Dal 10 ottobre al 14 dicembre 2011, presso lo Spazio Europa di Roma, si terrà un ciclo di seminari promosso dall Ufficio in Italia del Parlamento europeo in collaborazione con il Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale dell Università La Sapienza, che avrà come focus il Premio Sakharov, un premio per la libertà di pensiero, che il Parlamento europeo conferisce ogni anno per onorare personalità o organizzazioni che si siano distinte per il loro impegno a favore dei diritti dell uomo, delle libertà fondamentali e contro l oppressione e l ingiustizia. Scopo dei seminari è di accrescere la conoscenza e di promuovere un apprendimento consapevole delle tematiche relative alla tutela dei diritti dell uomo e alle iniziative del Parlamento europeo in materia. Destinatari dell attività formativa saranno gli studenti della Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione che potranno aver diritto a 3 CFU (crediti formativi), con l obbligo di frequenza (minimo l 80% del ciclo di seminari) e di presentare un elaborato finale. Gli studenti avranno la possibilità di confrontarsi direttamente con esperti, accademici ed europarlamentari sul tema della libertà di pensiero, quale principio fondamentale Erasmus Welcome Days 2011 è un iniziativa promossa da: rete ESN Italia (Erasmus Student Network), Ufficio in Italia del Parlamento europeo, Rappresentanza in Italia della Commissione europea, Dipartimento per le politiche europee della Presidenza del Consiglio Ministri, in collaborazione con Agenzia Nazionale LLP/Erasmus, Ministero degli affari Esteri, con il supporto di Ministero dell Università, Istruzione e Ricerca, rete Eurodesk, rete Europe Direct, Centri di Documentazione Europea e con il patrocinio di ANCI, Associazione Nazionale Comuni Italiani. Gli Erasmus Welcome Days 2011 si strutturano in giornate informative sui programmi dell Unione europea volti a favorire la mobilità e l apprendimento; in particolare, il Programma comunitario Erasmus, volàno di esperienze di apprendimento (Erasmus Studio) e di tirocinio (Erasmus Placement) all estero, da sempre stimola la mobilità delle menti e lo scambio delle buone prassi, conferendo dei diritti, della conoscenza e dell emancipazione dell uomo. Allo stesso tempo si darà spazio ai giovani e alle loro idee per comunicare e mettere in primo piano i diritti umani. L incontro conclusivo, fissato per il 14 dicembre 2011, prevede un collegamento video con la sede del Parlamento europea Strasburgo, per seguire in diretta la premiazione del vincitore per l anno Le prenotazioni vanno effettuate entro il 3 ottobre Per i dettagli su modalità e tempi di iscrizione: consultare il comunicato stampa, all interno della pagina web del sito dell Ufficio di Informazione in Italia del Parlamento europeo: Per approfondimenti sul Premio Sakharov: agli studenti un alto profilo internazionale e dando loro nuove competenze, elementi preziosi per fare il gran salto nel mondo del lavoro. Dopo il successo della scorsa edizione, con oltre studenti Erasmus intervenuti, per l edizione 2011 è salito a 37 il numero degli atenei che ospiteranno, nei mesi di settembre e ottobre, una tappa dei Welcome Days con l intento di valorizzare e disseminare il concetto di cittadinanza europea, in linea con la strategia EUROPA 2020, tesa a rafforzare l impegno dell UE in materia di mobilità e di apprendimento, formale e non formale, attraverso l iniziativa faro Youth On The Move. Oltre alla presenza di alti rappresentanti di ateneo e delle istituzioni promotrici dell iniziativa, è prevista la partecipazione delle realtà socioeconomiche locali per agevolare lo scambio proficuo tra tessuto economico e studenti in formazione. Per approfondimenti e per conoscere tutte le tappe: ogni anno centinaia di ricercatori e istituzioni di ricerca in tutti i paesi europei. Ricercatori e cittadini comuni sono invitati a creare occasioni di incontro con l obiettivo di diffondere la cultura scientifica e la conoscenza delle professioni della ricerca in un contesto divertente e stimolante. Gli eventi comprendono esperimenti e dimostrazioni scientifiche dal vivo, mostre e visite guidate, conferenze e seminari divulgativi, spettacoli e concerti. L Italia ha aderito da subito all iniziativa europea con una molteplicità di progetti che ne fanno tradizionalmente uno dei paesi europei con il maggior numero di eventi sparsi sul territorio. Nel 2011 il tradizionale appuntamento europeo si terrà il 23 settembre e in Italia prende vita in oltre 40 città dal nord al sud della penisola. Per maggiori informazioni: Concorso Ue per giovani traduttori, parte l edizione 2011 Via libera all edizione 2011 del noto concorso annuale dell UE Juvenes translatores ( Giovani traduttori ) che quest anno interessa oltre 750 scuole secondarie superiori europee. La gara, giunta al quinto anno, si terrà in contemporanea in tutte le scuole scelte il 24 novembre 2011 e vedrà impegnati i ragazzi nati nel Ogni scuola può iscrivere fino a 5 propri alunni di qualsiasi nazionalità. Il numero di scuole partecipanti di ogni paese si calcola sul numero di eurodeputati che ciascun paese avrà dopo il Per l Italia verranno ammesse 73 scuole, che saranno estratte a sorte elettronicamente tra quelle iscritte. «Il concorso spiega Androulla Vassiliou, commissario Ue per l Istruzione promuove l apprendimento delle lingue nelle scuole e la professione di traduttore. La conoscenza delle lingue può aprire le menti a culture diverse e migliorare le prospettive di lavoro». Quest anno il tema al centro dei testi da tradurre sarà il volontariato, dato che nel 2011 si celebra proprio l Anno europeo del volontariato. Nel corso della prova prevista, gli alunni tradurranno un testo di una pagina a loro scelta in una delle 506 possibili combinazioni linguistiche delle 23 lingue ufficiali dell Ue. I lavori saranno giudicati dai traduttori della Commissione europea, che assegneranno un voto e sceglieranno un vincitore per ciascun paese. Ai vincitori, ciascuno con un accompagnatore adulto, verrà offerto un viaggio di 3 giorni a Bruxelles (alloggio e trasporto a spese della Commissione) per partecipare alla cerimonia di premiazione nel marzo Le iscrizioni, che si effettuano direttamente sul sito web del concorso, all indirizzo sono aperte fino al 20 ottobre. La scuola: fucina di inventori. Annunciati i vincitori di INV Factor 2011 Un robot che gioca a morra, occhiali antinfortunistici che bloccano il funzionamento degli apparecchi in caso di pericolo, solventi per vernici agli agrumi e una città virtuale per i salentini sparsi nel mondo. Queste le migliori invenzioni realizzate dagli studenti italiani nell ambito di INVFactor-anche tu genio!, la competizione ideata dall Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali (Irpps) del Consiglio nazionale delle ricerche e dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea, che, per il secondo anno consecutivo, ha visto protagonisti i ragazzi degli istituti superiori italiani, invitati a presentare le creazioni realizzate durante l anno scolastico. Nel contesto italiano in cui la ricerca scientifica appare penalizzata non solo da una storica insufficienza di investimenti, ma anche dalla carenza di giovani che scelgono percorsi formativi e carriere a contenuto scientifico, INVFactor rappresenta un momento importante per dare spazio e visibilità alla creatività giovanile, fornire valore e fiducia a ragazzi e ragazze sulle loro potenzialità e catturare talenti ed intelligenze utili per il mondo scientifico. In questa seconda edizione, svoltasi sotto il patrocinio del ministero della Gioventù e con l adesione del presidente della Repubblica, da cui ha ricevuto l anno scorso la medaglia di Rappresentanza, sono state 31 le invenzioni presentate dai ragazzi ed esaminate da una giuria di esperti. «Quest anno i ragazzi hanno superato le nostre più rosee aspettative», ha dichiarato Rossella Palomba dell Irpps-Cnr, coordinatrice dell evento, in occasione della cerimonia di premiazione svoltasi lo scorso 9 settembre presso lo Spazio Europa a Roma. «Le invenzioni sono innovative, fantasiose e tecnologicamente avanzate. Sono inoltre rimasta colpita dall attenzione che gli studenti hanno verso problemi importanti come la sicurezza sul lavoro e dalla nutrita presenza femminile». Il Direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione europea, Lucio Battistotti, ha così commentato i risultati ottenuti: «Oggi abbiamo premiato le ragazze e i ragazzi che, grazie alle loro invenzioni, ci aiuteranno a combattere le sfide dei nostri tempi come l energia, la tutela dell ambiente, la sicurezza alimentare, i cambiamenti climatici e l invecchiamento della popolazione» ed ha ulteriormente evidenziato l importanza di tale contributo nel contesto generale delle sfide presenti e future dell UE: «L innovazione ci aiuta a estendere i nostri orizzonti e guardare nel nostro futuro. L apporto dei giovani è determinante nella costruzione di un economia intelligente e competitiva in Europa. L innovazione è un elemento chiave delle politiche dell Unione Europea e della strategia Europa 2020 che ha l obiettivo di realizzare una crescita basata su ricerca e innovazione, istruzione e società digitale». Il catalogo delle invenzioni finaliste della seconda edizione di Inv Factor è disponibile sul sito sell iniziativa: I candidati premiati esporranno i loro lavori anche in occasione di Light Turn on the light on science, evento di divulgazione scientifica organizzato dal Cnr per la Notte dei ricercatori, il 23 settembre prossimo in contemporanea a Roma, Rende (Cs), Bari, Benevento e Palermo. Per informazioni su Light 2011 visitare il sito: Fonti on line: Portale Europa Sito ufficiale dell Unione europea (http://europa.eu/) Sito web Commissione europea (http://ec.europa.eu/index_it.htm) Sito web Commissione europea Rappresentanza in Italia (http://ec.europa.eu/italia/index_it.htm) Sito web Parlamento europeo (http://www.europarl.europa.eu/) Sito web Ufficio di Informazione del Parlamento europeo per l Italia (http://www.europarl.it/) Europa Regioni AICCRE (Associazione Italiana per il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d Europa) Sito P.O.R.E. (Progetto Opportunità delle Regioni in Europa)

5 Anno V n. 56 Settembre 2011 Europa Bandi Europe Direct Frosinone Piazza Gramsci, Frosinone tel /469 sito web: La rubrica Europabandi, concepita come supplemento alla newsletter mensile Europamente, contiene una selezione di bandi recentemente pubblicati dalle varie Direzioni Generali della Commissione all interno dei Programmi comunitari in vigore nel periodo L indicazione degli aspetti salienti degli specifici inviti a presentare proposte (obiettivi, azioni, dotazione finanziaria, categorie di soggetti legittimati a presentare proposte, modalità di presentazione delle candidature, scadenze) è completata dalla segnalazione dei riferimenti internet a cui accedere per il reperimento della modulistica. Lo staff di Europe Direct Frosinone è a disposizione dei propri utenti per informazioni sulle modalità di presentazione dei progetti comunitari ed assistenza nel reperimento dei bandi e della modulistica di interesse. Premessa I Programmi comunitari - Cosa sono Iprogrammi comunitari rappresentano lo strumento attraverso il quale vengono erogati i cd. fondi a gestione diretta, ossia quei finanziamenti inseriti nel bilancio dell UE e gestiti direttamente e centralmente dalla Commissione europea che effettua, senza ulteriori passaggi, il trasferimento dei fondi ai beneficiari. Tali programmi, concepiti per attuare le politiche comunitarie in varie aree tematiche attraverso la cooperazione tra soggetti di diversi Stati membri o di Stati terzi, sono generalmente di durata quinquennale e vengono adottati con delle Decisioni (del Consiglio o in co-decisione con il Parlamento europeo), che ne definiscono gli obiettivi, le tipologie di attività, le misure suscettibili di ricevere un finanziamento, i potenziali proponenti e le percentuali di cofinanziamento. La realizzazione dei programmi è attuata principalmente attraverso gli Inviti a presentare proposte, più comunemente detti bandi, pubblicati periodicamente sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea (GUUE), fonte ufficiale di documentazione disponibile in tutte le lingue dell Unione, e resi noti, altresì, attraverso i portali Web delle singole Direzioni Generali della Commissione Ue o delle Agenzie nazionali. La pubblicazione del bando/invito (Call for Proposal) rappresenta il momento concreto di apertura della possibilità di presentare una proposta progettuale. Principali caratteristiche: A seconda del tipo e della finalità del programma, i beneficiari (soggetti legittimati a presentare progetti) possono essere autorità pubbliche, ONG, centri di ricerca, associazioni di categoria, università, ecc. (solo raramente persone fisiche). Viene in genere richiesto che i progetti presentino metodologie innovative e riproducibili anche in altri paesi europei. Quasi sempre i progetti devono essere presentati da consorzi composti da più partner di diversi paesi europei (requisito della transnazionalità). Si parla di cofinanziamento in quanto la sovvenzione comunitaria, salvo rare eccezioni nel campo degli aiuti allo sviluppo, copre solo una parte dei costi del progetto, in percentuale diversa a secondo della tipologia del programma. Essa, inoltre, non può essere concessa per spese già sostenute (divieto di retroattività). L amministrazione dei singoli Programmi è affidata dalla Commissione alle sue Direzioni Generali, direttamente responsabili di tutte le fasi, dalla progettazione all erogazione del cofinanziamento alla sua rendicontazione. Per alcuni programmi sono state istituite negli Stati membri le Agenzie Nazionali con la funzione di informare i cittadini, raccogliere le proposte di progetto redatte dagli operatori nazionali e trasmettere quelle selezionate a Bruxelles. AGRICOLTURA/SVILUPPO RURALE Invito a presentare proposte «Sostegno a favore di azioni di informazione riguardanti la politica agricola comune» Attuazione di azioni di informazione di cui alla voce di bilancio per l'esercizio pubblicato sulla GUUE C 212/22 del 19/07/2011 Azioni di informazione sulla PAC Obiettivi: Pietra angolare della costruzione europea, la PAC compierà 50 anni nel Questa ricorrenza costituisce un'occasione di sviluppare azioni di comunicazione sulla Politica Agricola Comune: la sua storia e le sue evoluzioni, i suoi risultati concreti e le prospettive di evoluzione nell'ambito delle proposte di riforma. Nell'ambito del presente invito a presentare proposte, la Commissione intende dare la priorità alle azioni di informazioni con un notevole impatto previsto, di carattere innovativo e creativo, mirate non solo al mondo rurale, ma anche all'insieme della società. Tali azioni devono mirare a valorizzare il ruolo e l'utilità della PAC in quanto politica comune dell'ue che risponde alle esigenze e alle attese della società, e i cui obiettivi sono: - affrontare meglio le sfide della sicurezza alimentare, dei cambiamenti climatici, dell'utilizzo sostenibile delle risorse naturali e dello sviluppo equilibrato dei territori; - aiutare il settore agricolo ad affrontare gli effetti indotti dalla crisi economica e la maggiore volatilità dei prezzi agricoli; - contribuire allo sviluppo della crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva definita nella strategia Europa Azioni: la Commissione desidera sostenere due tipi di azioni integrate di comunicazione pubblica: - a livello nazionale, riunendo più partner attorno ad un progetto comune di ampia portata; - a livello europeo, in un massimo di Stati membri al fine di rafforzarne l'impatto. Le azioni di informazione dovranno assumere la forma di campagne di informazione di ampia portata comprendenti una o più attività del tipo di quelle di seguito menzionate: - produzione e distribuzione di materiale multimediale e/o audiovisivo di carattere innovativo e originale (programmi radiofonici e/o televisivi di tipo «reality», dibattiti, videoclip,...); - campagne pubbliche di affissione in luoghi di grande passaggio (metropolitana, stazioni ecc.); - eventi del tipo «fattoria in città» ecc.; - eventi mediatici; - conferenze, seminari e gruppi di lavoro specializzati destinati ad un pubblico ben definito. Candidati ammissibili: persone giuridiche legalmente costituite in uno Stato membro da almeno due anni. Finanziamento: La dotazione complessiva disponibile per le azioni di informazione da eseguire in forza del presente invito a presentare proposte è di euro Per ciascuna azione di informazione può essere richiesta alla Commissione una sovvenzione di importo compreso tra euro ed euro (incluso rimborso forfettario delle spese di personale). Scadenza: 30 settembre CITTADINANZA Invito a presentare proposte pubblicato sulla GUUE C340 del 15 dicembre 2010 Europa per i cittadini ( ) Obiettivi Azioni: Nell ottica di coinvolgere attivamente il pubblico nel processo di integrazione europea, il programma mira a promuovere la cooperazione fra i cittadini e le organizzazioni della società civile in vari paesi, favorendo la loro interazione e le loro attività in un contesto europeo che rispetti la loro diversità. Il presente invito riguarda le seguenti azioni del programma «Europa per i cittadini» (che vengono finanziate nell ambito di due tipi di sovvenzioni: sovvenzioni di progetto e sovvenzioni operative): Azione 1: Cittadini attivi per l Europa - Misura 1: Gemellaggio tra città ; Misura 2: «Progetti dei cittadini» e «Misure di sostegno» (sovvenzioni di progetto). Azione 2: Società civile attiva in Europa - Misure 1 e 2: Sostegno strutturale ai centri di ricerca sulle politiche europee e alle organizzazioni della società civile a livello di Unione europea (sovvenzioni operative) - Misura 3 : Sostegno a progetti promossi da organizzazioni della società civile (sovvenzione di progetto). Candidati ammissibili: Il programma è aperto a tutti i promotori che risiedano in uno dei paesi partecipanti al programma e siano un ente pubblico o un'organizzazione senza fini di lucro dotata di personalità giuridica. L'ammissibilità delle organizzazioni che si candidano viene definita in maniera specifica, per ogni azione /misura/sottomisura, all interno della Guida al programma. Finanziamento: il finanziamento comunitario varia a seconda delle singole azioni. Prossima scadenza: 15/10/ Azione 2 (Società civile attiva in Europa) Misura 1 (sostegno strutturale ai centri di ricerca sulle politiche europee - think tank - che possono fornire nuove idee e riflessioni sui temi europei, sulla cittadinanza attiva a livello europeo o sui valori europei) e Azione 2 Misura 2 (sostegno strutturale alle organizzazioni della società civile a livello di Unione europea, diretto ad offrire a queste la capacità e la stabilità per sviluppare la propria attività e contribuire alla realizzazione di una società civile attiva, coerente e articolata a livello europeo). Sito web EACEA (Agenzia esecutiva Istruzione Audiovisivi Cultura) - sezione dedicata al bando: La guida al programma (it): Gioventù in azione ISTRUZIONE CULTURA Invito a presentare proposte EAC/57/10 Pubblicato sulla GUUE C333 del 10 dicembre 2010 Obiettivi: Gli obiettivi generali del programma sono promuovere la cittadinanza attiva dei giovani e sviluppare la solidarietà tra loro, favorire la comprensione reciproca tra giovani in paesi diversi, contribuire a sviluppare le possibilità di sostenere le attività dei giovani e la capacità degli organismi della società civile in campo giovanile, favorire la cooperazione europea nel settore della gioventù. Le priorità annuali per il 2011 sono: l anno europeo del volontariato, la disoccupazione giovanile, una crescita capace di integrare, sfide globali dell ambiente e mutamenti climatici, creatività e spirito imprenditoriale, l anno della gioventù EU - Cina. Azioni: il presente invito a formulare proposte riguarda il sostegno alle azioni e alle sottoazioni sotto elencate: Azione 1 - Gioventù per l Europa - Sottoazione 1.1 Scambi di giovani (durata fino a 15 mesi); Sottoazione 1.2 Iniziative per la gio-

6 ventù (durata da 3 a 18 mesi); Sottoazione 1.3 Progetti gioventù e democrazia (durata da 3 a 18 mesi). Azione 2 - Servizio europeo per il volontariato (tale azione sostiene la partecipazione dei giovani, individualmente o in gruppi, a varie forme di attività di volontariato, sia all interno sia all esterno dell Unione europea. (durata fino a 24 mesi). Azione 3 - Gioventù nel mondo - Sottoazione 3.1 Cooperazione con i paesi limitrofi dell Unione europea (durata fino a 15 mesi). Azione 4 - Strutture di sostegno per la gioventù - Sottoazione 4.1 Formazione e collegamenti tra coloro che operano nel campo dell animazione e delle organizzazioni giovanili (durata da 3 a 18 mesi). Azione 5 - Sostegno alla cooperazione europea nel settore della gioventù - Sottoazione 5.1 Incontri fra giovani e responsabili delle politiche giovanili (durata da 3 a 9 mesi). Candidati ammissibili: organizzazioni senza scopo di lucro o non governative; organismi pubblici locali e/o regionali; gruppi giovanili informali; enti attivi a livello europeo nel campo della gioventù; organizzazioni internazionali senza scopo di lucro; organizzazioni commerciali che organizzano una manifestazione nel campo della gioventù, dello sport o della cultura. Alcune azioni del programma si rivolgono tuttavia a un numero più limitato di promotori. La Guida al programma definisce specificatamente, per ogni azione/sottoazione, l ammissibilità dei candidati promotori. Finanziamento: L importo totale disponibile per il programma è di Euro Il finanziamento comunitario varia a seconda delle singole azioni e sottoazioni. Prossime scadenze: 1 novembre 2011 (per i progetti che si realizzano tra il 1 febbraio e il 31 luglio). e N.B. Il 6 ottobre 2011 l Agenzia Nazionale per i Giovani realizzerà a Roma un seminario di supporto alla progettazione per le Azioni Giovani e Democrazia e Incontri tra giovani e responsabili delle politiche per la gioventù. La domanda di partecipazione deve essere compilata esclusivamente via web entro le ore 12 del 26 settembre Per maggiori informazioni rivolgersi all Agenzia nazionale per i giovani, punto nazionale di contatto del Programma in questione: * Bandi 2011: Invito a presentare proposte EACEA (2011/C 221/07) relativo alla sottoazione 4.6 PARTENARIATI. Il presente invito a presentare proposte si prefigge di sostenere partenariati con le regioni, i comuni, gli attori della società civile e gli organismi attivi nella responsabilità sociale delle imprese allo scopo di sviluppare progetti a lungo termine incentrati in varia misura sul programma «Gioventù in azione». Scadenza: 3 novembre 2011 Gli orientamenti dettagliati per i candidati, i moduli e le norme di finanziamento specifiche sono reperibili al seguente indirizzo: Invito a presentare proposte EACEA/28/11 - pubblicato sulla GUUE C 270 del 13/09/2011 relativo alla sottoazione 4.1 per il sostegno agli organismi attivi a livello europeo nel settore della gioventù La finalità del presente invito è fornire un supporto strutturale a organismi attivi a livello europeo nel settore della gioventù che perseguono un obiettivo d'interesse generale europeo e pertinente agli obiettivi del programma "Gioventù in azione". Tali attività devono contribuire a stimolare la partecipazione attiva dei giovani cittadini alla vita pubblica e alla società nonché allo sviluppo e all'attuazione di azioni di cooperazione europea nel settore della gioventù in senso lato. Scadenza: 15 novembre ISTRUZIONE CULTURA Invito a presentare proposte EAC/49/10 pubblicato sulla GUUE C 290/13 del 27/10/2010 Programma di apprendimento permanente (Life Long Learning LLP ) Obiettivi: Il programma LLP riunisce al suo interno tutte le iniziative di cooperazione europea nell ambito dell istruzione e della formazione dal 2007 al L obiettivo generale del programma è quello di sostenere la partecipazione ai processi educativi di ogni cittadino lungo tutto l arco della vita e contribuire, così, allo sviluppo della Comunità quale società avanzata basata sulla conoscenza In particolare, esso si propone di promuovere, all interno della Comunità, gli scambi, la cooperazione e la mobilità tra i sistemi d istruzione e formazione in modo che essi diventino un punto di riferimento di qualità a livello mondiale. Il Programma LLP è affidato alla responsabilità della Commissione europea DG Istruzione e Cultura, con l assistenza dell Agenzia esecutiva per l Istruzione, gli Audiovisivi e la Cultura (EACEA) e con la cooperazione delle Agenzie nazionali dei diversi paesi partecipanti, incaricate della gestione coordinata del programma a livello nazionale. Azioni: Il programma è suddiviso in 4 sottoprogrammi settoriali (o sotto programmi): 1. Comenius, dedicato all istruzione scolastica; 2. Erasmus, dedicato all istruzione superiore; 3. Leonardo Da Vinci, dedicato alla formazione professionale; 4. Gruntvig, dedicato all apprendimento per adulti - un Programma Trasversale, teso ad assicurare il coordinamento tra i diversi settori - il Programma Jean Monnet, diretto a sostenere l insegnamento, la ricerca e la riflessione nel campo dell integrazione europea e le istituzioni europee chiave. Candidati ammissibili: Il programma di apprendimento permanente si applica a tutti i tipi e livelli di istruzione, di insegnamento e di formazione professionali ed è accessibile a tutte le entità elencate nell articolo 4 della decisione istitutiva del programma (decisione del Parlamento europeo e del Consiglio il 15 novembre GU L327). Finanziamento e durata dei progetti: Il bilancio totale destinato al presente invito è stimato in milioni di Euro. L entità delle sovvenzioni e la durata dei progetti variano a seconda di fattori quali il tipo di progetto e il numero di paesi partecipanti. Prossima scadenze: 14 ottobre 2011 (2 Termine di scadenza per il Programma trasversale: attività chiave 1 Visite di studio). * L invito a presentare proposte LLP Priorità strategiche 2012 EAC/27/11 è stato pubblicato sulla GUUE C233 del 9 agosto (Si segnala che, oltre alle scadenze relative all annualità 2012, il presente invito prevede, per il 1 dicembre 2011, la scadenza per la presentazione delle candidature relative all azione Comenius Mobilità individuale degli alunni). Sito ufficiale del Programma (Commissione europea DG Istruzione e cultura) Sito web ufficiale dell Agenzia esecutiva per l Istruzione, la Cultura e l Audiovisivo (sezione dedicata al programma LLP): * ALTRO BANDO 2011 IN MATERIA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE: Bando EAC/01/11 - pubblicato sulla GUUE C 183/19 del 24/06/2011: Apprendimento permanente - Rete di politica europea sull educazione dei bambini e dei giovani provenienti da un contesto migratorio. Obiettivi/Azioni: La finalità di questo invito a presentare proposte è rafforzare la collaborazione transeuropea tra i decisori ad alto livello, il mondo accademico e gli operatori per accrescere i risultati educativi dei bambini e dei giovani provenienti da un contesto migratorio. L invito intende sostenere la creazione di una rete europea volta ad analizzare, sviluppare e scambiare politiche e pratiche in tale ambito. Candidati ammissibili: amministrazioni nazionali, associazioni, centri di ricerca, enti pubblici, fondazioni, Università. Finanziamento: Il bilancio totale destinato al cofinanziamento di tale rete ammonta ad Euro per il L assistenza finanziaria della Commissione non può superare il 75 % del costo totale ammissibile. Scadenza: 14 ottobre ISTRUZIONE - CULTURA Invito a presentare proposte 2011/C 247/04 - pubblicato sulla GUUE C247 del 25 agosto 2011 Cultura Obiettivi: L obiettivo generale del Programma consiste nella promozione di uno spazio culturale europeo, fondato su un comune patrimonio culturale, attraverso attività di cooperazione tra gli operatori culturali dei paesi partecipanti al Programma, con l intento di incoraggiare la creazione di una cittadinanza europea. Il Programma si articola intorno a tre obiettivi specifici: incentivare la mobilità transnazionale degli operatori in campo culturale; sostenere la circolazione transnazionale di opere e beni artistici e culturali; promuovere il dialogo interculturale. Azioni/finanziamento: il presente invito a presentare proposte riguarda i seguenti settori del Programma Cultura: 1. Sostegno di progetti di cooperazione culturale - L idea principale di questo settore è di incoraggiare enti, quali teatri, musei, associazioni professionali, centri di ricerca, università, istituti culturali e autorità pubbliche, provenienti da paesi diversi fra quelli ammessi al Programma, al fine di accrescere la cooperazione fra diversi settori e ampliare il loro campo d azione culturale e artistico oltre i confini nazionali Il settore è ripartito in tre categorie: settore 1.1: progetti di cooperazione pluriennali (di una durata compresa tra tre e cinque anni) - le sovvenzioni disponibili vanno da un minimo di Euro a un massimo di Euro per anno- il sostegno comunitario può coprire solo fino al 50% dei costi ammissibili totali; settore 1.2.1: progetti di cooperazione (durata non superiore a 24 mesi) - gli importi disponibili vanno da un minimo di Euro a un massimo di Euro - il sostegno comunitario può coprire solo fino al 50 % dei costi ammissibili totali; settore 1.3.5: progetti di cooperazione con i paesi terzi (durata non superiore a 24 mesi) - gli importi disponibili vanno da Euro a Euro - il sostegno comunitario può coprire solo fino al 50 % dei costi ammissibili totali. 2. Progetti di traduzione letteraria (durata non superiore a 24 mesi) (settore 1.2.2) - il supporto dell Unione europea alla traduzione letteraria è finalizzato alla valorizzazione della letteratura e del patrimonio letterario dei cittadini europei, favorendo la circolazione di opere letterarie tra diversi paesi. Gli importi disponibili vanno da Euro a Euro; il sostegno comunitario può coprire solo fino al 50 % dei costi ammissibili totali. 3. Sostegno a festival culturali europei (progetti di una durata non superiore a 12 mesi) (settore 1.3.6) - il fine di questo settore s identifica nel sostegno ai festival che abbiano una dimensione europea e che contribuiscano al raggiungimento degli obiettivi specifici del Programma (ossia la mobilità dei professionisti, la circolazione di opere e il dialogo interculturale). L'importo massimo della sovvenzione è di Euro, che rappresenta un massimo del 60 % dei costi ammissibili. Il sostegno può essere garantito per una edizione del festival o per tre edizioni. 4. Sostegno a organizzazioni attive a livello europeo nel campo della cultura (settore 2) (sovvenzioni al funzionamento di una durata di 12 mesi) - questo settore si rivolge ad organismi che contribuiscono a promuovere un esperienza culturale comune con una vera e propria dimensione europea. Il tipo di sovvenzione previsto per questo settore rappresenta un sostegno ai costi di funzionamento a cui le organizzazioni beneficiarie vanno incontro per la realizzazione di attività permanenti. per l implementazione del loro programma di lavoro. Tale sovvenzione si distingue categoricamente dai finanziamenti riguardanti gli altri settori del Programma 5. Progetti di cooperazione tra organizzazioni coinvolte in analisi delle politiche culturali (durata non superiore a 24 mesi) (settore 3.2) - Questo settore si propone di sostenere progetti di cooperazione tra organizzazioni pubbliche o private che posseggano esperienza pratica e diretta nell analisi, valutazione o valutazione d impatto delle politiche culturali a livello locale, regionale, nazionale e/o europeo, in relazione a uno o più dei 3 obiettivi dell Agenda europea per la cultura. Candidati ammissibili: Il Programma è accessibile a tutte le categorie di operatori culturali nella misura in cui le organizzazioni coinvolte esercitino delle attività culturali senza scopo di lucro. I candidati ammissibili devono:essere enti pubblici o privati dotati di personalità giuridica e la cui attività principale è incentrata nel settore della cultura (settore culturale e settore creativo);avere la propria sede sociale in uno dei paesi partecipanti al Programma. Prossime scadenze: 5 ottobre 2011: Settore Progetti pluriennali di cooperazione; Settore Azioni di cooperazione; Settore Progetti di cooperazione tra enti impegnati nell analisi delle politiche culturali. 16 novembre 2011: Settore Sostegno ai festival culturali europei. 3 febbraio 2012: Settore Progetti di traduzione letteraria. 3 maggio 2012: Settore Progetti di cooperazione con paesi terzi siti web Direzione Generale «Educazione e cultura»: e Agenzia esecutiva «Educazione, audiovisivi e cultura»: Si suggerisce la consultazione della Guida del Programma Cultura ( ) che fa parte integrante del presente invito a presentare proposte. La guida è scaricabile al seguente indirizzo web: IMPRESE E INDUSTRIA Invito a presentare proposte - DG ENTR n. 21/G/ENT/ERA/11/311A pubblicato sulla GUUE C del 31 Agosto 2011 ERASMUS PER GIOVANI IMPRENDITORI Obiettivi: Il presente invito ha lo scopo di aiutare nuovi imprenditori dell UE ad arricchire le loro esperienze, ad apprendere e a sviluppare contatti professionali trascorrendo periodi presso imprese dirette da imprenditori esperti in altri Stati membri UE. L obiettivo globale dell azione preparatoria consiste nel rafforzare lo spirito imprenditoriale, l internazionalizzazione e la competitività di nuovi imprenditori potenziali e micro e piccole imprese di nuova costituzione nell UE. Azioni: L invito a presentare proposte finanzia la selezione di organizzazioni (organizzazioni intermediarie Ios) che promuovono e agevolano la mobilità dei nuovi imprenditori (NEs) dell UE di trascorrere un periodo all'estero presso aziende di imprenditori esperti (HEs) allo scopo di fare esperienza sul campo e migliorare le possibilità di successo. Candidati ammissibili: A questo invito può partecipare qualsiasi ente pubblico o privato attivo nel settore del sostegno alle imprese. I candidati possono presentare domande individuali o sotto forma di consorzio (partenariato). Un consorzio deve essere composto da almeno 2 organismi giuridici indipendenti, provenienti dallo stesso Stato membro o da diversi Stati membri UE. Saranno selezionate dalle 25 alle 40 organizzazioni intermediarie (singole o in partnership di almeno 2 soggetti) che dovranno cooperare al fine di dare attuazione ai progetti di mobilità dei giovani imprenditori, selezionando e accoppiando un giovane imprenditore (NEs) e un imprenditore esperto (HEs) per dar vita a un progetto di mobilità. Finanziamento: Il bilancio totale stanziato per il cofinanziamento dei progetti ammonta a 4.300,000 Euro; l aiuto finanziario della Commissione non può superare il 90 % dei costi complessivi ammissibili di un singolo progetto. Scadenza: 17 ottobre Per una panoramica più esaustiva dei bandi aperti nell ambito dei Programmi comunitari , si invita a consultare il sito web della Rete italiana dei Centri di Documentazione Europea (CDE):

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

5 %>"G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3"G: 63 & E"G& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& "34 7 / "3*D 83: & in & U 3 OP "

5 %>G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3G: 63 & EG& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& 34 7 / 3*D 83: & in & U 3 OP in U OP Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione.

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020)

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) PREMESSA Per l attuazione delle proprie politiche la Commissione europea finanzia un ampio numero di programmi/strumenti

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Gioventù in Azione Guida al Programma

Gioventù in Azione Guida al Programma Gioventù in Azione Guida al Programma Valida dal 1 gennaio 2013 Sommario INTRODUZIONE... 1 SEZIONE A INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA GIOVENTÙ IN AZIONE... 3 1. Quali sono gli obiettivi, le priorità

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Servizio Politiche Giovanili Sociali e Sportive. Politiche di Genere Approvato con Delibera di G.P: n 39/2015 del 19/03/2015 BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Allegato A) Il progetto Educare alle differenze-

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli