Livello logico-digitale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Livello logico-digitale"

Transcript

1 Livello logicodigitale

2 Pagina 2

3 I circuiti digitali si basano su un piccolo numero di componenti elementari Circuito digitale =circuito in cui il valore di uscita può avere soltanto due valori (0 e 1) il valore 0 è rappresentato da una tensione compresa tra 0 e 1 V il valore 1 è rappresentato da una tensione compresa tra 2 e 5 V La logica digitale si basa sul funzionamento del transistor in due particolari regioni della sua curva caratteristica: saturazione interdizione Pagina 3

4 Quando la tensione in ingresso è minore di un certo valore il transistor viene disattivato e funziona come una resistenza infinita (circuito aperto) Vout = Vcc Quando la tensione in ingresso è maggiore di un certo valore il transistor funziona come un conduttore ideale (circuito chiuso) Vout = 0 Vin basso > Vout alto Vin alto > Vout basso Pagina 4

5 Un singolo transistor funziona quindi come un circuito invertitore (NOT) Vin 1 0 Vout 0 1 Pagina 5

6 Due transistor in serie quando V1 e V2 sono entrambe alte, entrambi i transistor conducono e Vout sarà nulla quando anche una sola tra V1 e V2 è bassa, il circuito è aperto e Vout sarà alta Pagina 6

7 V1 e V2 entrambe alte Vout sarà nulla quando anche una sola tra V1 e V2 è bassa, Vout sarà alta Pagina 7

8 Transistor in parallelo se uno degli ingressi è attivato, l'uscita sarà nulla se entrambi gli ingressi sono bassi, l'uscita sarà alta Pagina 8

9 Pagina 9

10 Pagina 10

11 Pagina 11

12 Rappresentazione delle funzioni booleane Pagina 12

13 Implementazione delle funzioni booleane Pagina 13

14 Rappresentazione delle funzioni booleane A B C M ABC ABC ABC ABC M = ABC + ABC + ABC + ABC Pagina 14

15 Implementazione delle funzioni booleane Pagina 15

16 Implementazione delle funzioni booleane Pagina 16

17 Circuiti equivalenti Pagina 17

18 Circuiti equivalenti Pagina 18

19 Legge di assorbimento (dimostrazione) A(A + B) = A Infatti: A(A + B) = AA + AB = A + AB = A1 + AB = A(1 + B) = A1 = A A + AB = A Infatti: A + AB = A1 + AB = A(1 + B) = A1 = A Pagina 19

20 Proprietà distributiva (dimostrazione) A + BC = (A + B)(A + C) Infatti: (A + B)(A + C) = = AA + AC + AB + BC = = A(1 + C) + AB + BC = = A + AB + BC = = A(1 + B) + BC = = A + BC Pagina 20

21 Teorema di De Morgan (dimostrazione) 1/2 AB = A + B Infatti: A B A B AB AB A + B Pagina 21

22 Teorema di De Morgan (dimostrazione) 2/2 A + B = A B Infatti: A B A B A + B A + B A B Pagina 22

23 Circuiti equivalenti (applicazione della legge di De Morgan) Pagina 23

24 Circuiti equivalenti (applicazione della legge di De Morgan) Pagina 24

25 Funzione logica XOR Pagina 25

26 Funzione logica XOR Pagina 26

27 Logica positiva logica negativa (o inversa) Pagina 27

28 Circuiti integrati Le porte logiche sono prodotte in unità chiamate circuiti integrati (IC) SSI MSI LSI VLSI Small Scale Integrated Medium Scale Integrated Large Scale Integrated Very Large Scale Integrated 1 10 porte porte porte > porte Pagina 28

29 Circuiti integrati Pagina 29

30 Reti combinatorie Circuiti in cui gli output sono determinati soltanto dal valore dell'input. Nei circuiti con elementi di memoria il valore dell'output dipende anche dai valori memorizzati. Pagina 30

31 Multiplexer Circuito composto da: 2n dati di input 1 valore di output n input di controllo Gli input di controllo permettono di selezionare uno dei dati che viene instradato verso l'output Pagina 31

32 Multiplexer Pagina 32

33 Multiplexer Pagina 33

34 Multiplexer (funzione di maggioranza) Pagina 34

35 Decoder Pagina 35

36 Comparatore Pagina 36

37 PLA (Programmable Logic Array) Pagina 37

38 Circuiti aritmetici (shift register) Si=Di1C + Di+1C Shift a destra (C=1), a sinistra (C=0) Pagina 38

39 Circuiti aritmetici (sommatori) Pagina 39

40 Circuiti aritmetici (half adder) Pagina 40

41 Circuiti aritmetici (full adder) Pagina 41

42 ALU (Arithmetic Logic Unit) Pagina 42

43 ALU (Arithmetic Logic Unit) Pagina 43

44 Clock Circuito che emette una serie di impulsi di larghezza definita a intervalli di tempo costanti. Introducendo un ritardo è possibile dividere il ciclo di clock in sottocicli. Pagina 44

45 Clock Pagina 45

46 Memoria Latch SR caso S = R = Q = 0 Q=1 stato stabile Pagina 46

47 Memoria Latch SR se S = 0, R = 0, Q = 0 stato stabile se S = 0, R = 0, Q = 1 stato stabile Pagina 47

48 Memoria Latch SR se S = 1, R = 0, Q=0 stato di Q passa da 0 a 1! Q=0 lo se S = 0, R = 1, Q = 0 non si modifica lo stato se S = 0, R = 1, Q = 1 lo stato di Q passa da 1 a 0! Pagina 48

49 Memoria Latch SR (riassunto) S R Q Q* Pagina 49

50 Memoria Latch SR temporizzato Pagina 50

51 Memoria Latch D temporizzato Pagina 51

52 Memoria Flip Flop Pagina 52

53 Memoria Flip Flop Pagina 53

54 Memoria Latch D Flip Flop Pagina 54

55 Memoria Flip Flop CLR PR setta Q = 0 setta Q = 1 Pagina 55

56 Memoria Flip Flop Pagina 56

57 Memoria Esempio di memoria 4x3 8 linee di input: I0, I1, I2 A0, A1 CS (chip sel) RD (read dis) OE (output ena) 3 linee di output: O0, O1, O2 Pagina 57

58 Memoria Esempio di memoria 4x3 Lettura: CS and RD = 1 Scrittura: CS and RD = 0 I flipflop cambiano stato quando il segnale presenta un fronte in salita Pagina 58

59 Memoria Buffer non invertente (interruttore) Circuito chiuso se controllo = alto: Circuito aperto se controllo = basso: Pagina 59

60 Memoria Pagina 60

61 Memoria Pagina 61

62 Memoria Pagina 62

63 Memorie RAM statiche: costruite mediante flipflop D e mantengono il contenuto se il circuito è alimentato (SRAM) Tempo di accesso: pochi ns dinamiche: costruite con un transistor e un condensatore per ogni bit e devono essere ricaricate (refresh) ogni pochi millisecondi (DRAM) Tempo di accesso: decine di ns Pagina 63

64 Memorie RAM Tipologie di DRAM FPM (fast page mode) Vengono forniti gli indici di riga e colonna; la memoria Risponde in base al base di un segnale (memoria asincrona rispetto al clock di sistema) EDO (extended data output) Un riferimento in memoria può iniziare prima della fine del precedente. Aumenta l'ampiezza di banda della memoria Pagina 64

65 Memorie RAM Tipologie di DRAM SDRAM (Synchronous DRAM) Ibrida (statica + dinamica), guidata dal clock di sistema DDR (Double Data Rate) Il chip produce un output durante il fronte di salita del segnale di clock e uno durante il fronte di discesa Pagina 65

66 Memorie ROM Memorie non modificabili (dopo la memorizzazione dei programmi e/o dei dati installati) PROM (Programmable ROM) Programmabile una sola volta EPROM (Erasable PROM) Le informazioni (dati e programmi) possono essere cancellati (mediante esposizione a luce UV) Pagina 66

67 Memorie ROM EEPROM (Electrically erasable PROM) Cancellabili elettricamente (e senza necessità di rimozione dal circuito). 10 volte più lente, 100 meno capienti, più costose Flash (cancellabile e riscrivibile a blocchi) Pagina 67

68 Memorie Pagina 68

69 Chip della CPU Le CPU moderne sono contenute in un unico chip Ogni chip presenta un insieme di pin per lo scambio di: indirizzi dati controlli Per il prelievo di un'istruzione: la CPU ne imposta l'indirizzo sui pin di indirizzamento asserisce una linea di controllo (informa la memoria) la memoria invia la parola richiesta sui pin dati la memoria asserisce una linea di controllo di notifica la CPU accetta la parola ed esegue l'istruzione Pagina 69

70 Chip della CPU Le prestazioni di una CPU sono condizionate dal numero di pin (in particolare degli indirizzi e dei dati): m pin di indirizzo consentono di indirizzare fino a 2m locazioni di memoria (m = 16, 20, 32, 64) n pin di dati consentono di leggere/scrivere in un'unica operazione una parola di n bit. Una CPU con 8 pin dati leggerà una parola di 32 bit in 4 operazioni, ad una CPU con 32 pin dati sarà necessaria una sola operazione Pagina 70

71 Chip della CPU I pin di controllo servono per: alimentazione (3.3V oppure 5V) collegamento di terra segnale di clock E ancora: controllo del bus interrupt arbitraggio del bus comunicazione con il coprocessore stato altri usi Pagina 71

72 Chip della CPU Pagina 72

73 Chip della CPU Controllo bus: segnali per informare che la CPU vuole leggere/scrivere dalla memoria Interrupt: input dalle periferiche di I/O Arbitraggio bus: regolazione traffico sul bus Coprocessore: gestione di dispositivi aggiuntivi di calcolo (FPU, GPU, ) Pagina 73

74 Bus del computer collegamento elettrico per unire più dispositivi interni alla CPU Per le comunicazioni da/per la ALU esterni alla CPU Per i collegamenti con la memoria e i dispositivi di I/O Pagina 74

75 Bus del computer Pagina 75

76 Bus del computer (esterni) Non esiste uno standard. Nel corso degli anni: Omnibus (PDP8) Unibus (PDP11) Multibus (8086) PC IBM (XT) ISA (PC/AT) EISA (80386) Microchannel (PS/2) PCI SCSI USB (Universal Serial Bus) FireWire Pagina 76

77 Bus del computer (esterni) Le periferiche si distinguono in: master (attive) slave (passive) Questa definizione cambia al cambiare delle situazioni: la CPU ordina al controller disco di leggere/scrivere (CPU master controller slave) il controller comunica alla memoria di accettare le parole lette (controller master memoria slave) Pagina 77

78 Bus del computer (esterni) Pagina 78

79 Bus del computer (esterni) Driver del bus: Amplificatore del segnale proveniente dalla periferica ricevitore del bus (dispositivi slave) ricevitore trasmettitore del bus (dispositivi master/slave) Pagina 79

80 Bus del computer (esterni) Pagina 80

81 Bus del computer (esterni) Come aumentare le prestazioni di un bus: diminuire il periodo di clock sul bus aumentare la larghezza dei dati del bus aumentare la velocità del bus Problemi: disallineamento del bus: differenti velocità sulle differenti linee retro compatibilità Soluzioni: bus multiplexato Pagina 81

82 Bus del computer (esterni) Pagina 82

83 Esempio di bus sincrono T1 = T2 = T3 = 10 ns (clock a 100 Mhz) Tempo di lettura della memoria: 15 ns MREQ: richiesta di accesso alla memoria RD: lettura/scrittura WAIT: attesa (completamento operazione) Pagina 83

84 Esempio di bus sincrono Pagina 84

85 Esempio di bus sincrono (conclusioni) (relativamente) semplice qualsiasi operazione richiede un numero intero di cicli di clock il bus deve essere regolato alla velocità della periferica più lenta non si tiene conto dei miglioramenti tecnologici (per esempio, memorie più veloci) Pagina 85

86 Esempio di bus asincrono Pagina 86

87 Esempio di bus asincrono MSYN: SSYN: master synchronization slave synchronization quando il master deve operare asserisce MREQ, RD, MSYN lo slave vede il segnale, opera e asserisce SSYN il master vede SSYN asserito, legge i dati, nega MREQ, RD, MSYN lo slave vede MSYN negato (ciclo completo) e nega SSYN (full handshake) Pagina 87

88 Arbitraggio del bus la CPU non è l'unico master del bus (anche i chip di I/O lo sono) quando due o più dispositivi vogliono diventare master si richiede una qualche forma di arbitraggio Pagina 88

89 Arbitraggio del bus (centralizzato) Pagina 89

90 Arbitraggio del bus (decentralizzato) Pagina 90

91 Operazioni del bus (lettura di più parole) Pagina 91

92 Operazioni del bus (gestione interrupt) I8259A asserisce INT appena può, la CPU asserisce INTA (interrupt acknowledge) I8259A specifica l'origine dell'interrupt tramite il bus dati Pagina 92

93 Pentium 4 introdotto nel ,5 Ghz 42 milioni di transistor larghezza di linea 0,18 micron ultima versione 3,2 Ghz 55 milioni di transistor larghezza di linea 0,09 micron Pagina 93

94 Pentium 4 software a 32 bit interamente compatibile con: Pentium Pentium II Pentium Pro Pentium III parzialmente a 64 bit (scambio CPU memoria) pipeline più articolata due ALU hyperthreading (doppio insieme di registri) Pagina 94

95 Pentium 4 cache SRAM (L1) di 8KB Fino a micro operazioni decodificate cache L2 di 1 MB Contiene dati e istruzioni (non decodificate) cache L3 di 2 MB (solo Extreme Edition) snooping in caso di multi processore bus (sincrono) per la memoria (SDRAM) bus (sincrono) PCI potenza assorbita: W Pagina 95

96 Pentium 4 griglia quadrata 26 x 26 (interna 14 x 14) 478 pin (85 alimentazione, 180 terra) Pagina 96

97 Pentium 4 Pagina 97

98 Pentium 4 (pipeline sul bus di memoria) il bus di memoria è strutturato a pipeline (fino a 8 transazioni contemporanee) le richieste di memoria sono divise in 6 stadi: arbitraggio del bus richiesta segnalazione errore snooping (solo multiprocessore) risposta dati Pagina 98

99 Pentium 4 (pipeline sul bus di memoria) Pagina 99

100 Bus PC IBM standard de facto dei sistemi linee di segnali 20 indirizzi memoria 8 dati asserimento lettura/scrittura memoria asserimento lettura/scrittura periferiche Pagina 100

101 Bus PC IBM Pagina 101

102 Bus PC IBM Estensioni AT 36 linee: 31 indirizzi dati interrupt canali DMA alimentazione, GND differenze tra trasferimenti 8 bit / 16 bit Pagina 102

103 Bus ISA (Industry Standard Architecture) bus PC IBM (8,33 Mhz di clock) estensione a 32 bit (per gli indirizzi) EISA supporto multiprocessori Pagina 103

104 Bus ISA (Industry Standard Architecture) ISA: frequenza di clock 8,33 Mhz trasferimento 2 B per ciclo ampiezza di banda: 16,7 MB/s EISA: frequenza di clock 8,33 Mhz trasferimento 4 B per ciclo ampiezza di banda: 33,3 MB/s Pagina 104

105 Bus ISA (Industry Standard Architecture) Necessità: schermo 1024 x 768 pixel colori true (3 B / pixel) 30 frame / s trasferimento dati di 67,5 MB/s In effetti il trasferimento è di 135 MB/s perché dal supporto (HD, CD, DVD) i dati passano in memoria e poi alla scheda video!!! Pagina 105

106 Bus PCI (Peripheral Component Interface) Brevetto INTEL (1990): 4 B per ciclo frequenza di 33 Mhz ampiezza di banda: 133 MB/s Versione PCI 2.2: 8 B per ciclo frequenza di 66 Mhz ampiezza di banda: 528 MB/s Pagina 106

107 Bus PCI (Peripheral Component Interface) Pagina 107

108 Bus PCI (Peripheral Component Interface) funzionamento a 5 V (più recentemente a 3,3 V) schede a 32/64 bit 33/66 MHz Pagina 108

109 Bus PCI (Peripheral Component Interface) Fine anni '90: abbandono del bus ISA (e relativa compatibilità) maggiore richiesta di grafica introduzione di un bus per le schede video (AGP, accelerated graphics port): AGP 1.0 (264 MB/s) AGP 3.0 (2,1 GB/s) Pagina 109

110 Bus PCI (Peripheral Component Interface) Pagina 110

111 Bus PCI (Peripheral Component Interface) bus sincrono linee dati/indirizzi multiplexati (totale di 64 pin) protocollo master/slave Comunicazioni: ciclo 1: il master inserisce l'indirizzo dei dati ciclo 2: il master rimuove l'indirizzo e il bus viene invertito (lettura) per consentirne l'uso allo slave ciclo 3: lo slave genera i dati richiesti Pagina 111

112 Bus PCI (Peripheral Component Interface) Arbitraggio acquisizione del bus ogni dispositivo PCI ha due linee dedicate (REQ# e GNT#) alla negazione di GNT# il master deve lasciare il bus Pagina 112

113 Bus PCI (Peripheral Component Interface) Arbitraggio la richiesta del bus viene effettuata asserendo REQ# (da parte della periferica) la concessione del bus viene effettuata asserendo GNT# (da parte dell'arbitro) la durata della transazione non è prefissata la politica di arbitraggio non è fissata dallo standard PCI Pagina 113

114 Bus PCI (Peripheral Component Interface) Pagina 114

115 Bus PCI (Peripheral Component Interface) Pagina 115

116 Bus PCI (Peripheral Component Interface) Pagina 116

117 Bus PCI T1 (fronte di discesa del clock): indirizzo di memoria su AD comando del bus su C/BE# asserimento di FRAME# T2: rilascio indirizzo modifica di C/BE# per indicare quali byte della parola abilitare T3: lo slave asserisce DEVSEL# scrive i dati su AD asserisce TRDY# per comunicarlo al master Pagina 117

118 Bus PCI Express Pagina 118

119 Bus PCI Express Caratteristiche topologia a stella connessioni seriali punto punto scambio di pacchetti tra dispositivo e dispositivo Pagina 119

120 Bus PCI Express Comunicazioni tra dispositivi pacchetto composto da: header (intestazione) campo dati Confezionamento dei pacchetti: pila di protocolli Pagina 120

121 Bus PCI Express Pagina 121

122 USB (Universal Serial Bus) Pagina 122

123 USB (Universal Serial Bus) Caratteristiche nessun intervento degli utenti sulle schede dei dispositivi nessun obbligo di apertura del computer un solo tipo di cavo per tutti i dispositivi i dispositivi si alimentano tramite il cavo fino a 127 dispositivi collegabili supporto di dispositivi realtime supporto hotplug economia di produzione 1.0 (1,5 MB/s) 1.1 (12 MB/s) 2.0 (480 MB/s) Pagina 123

124 USB (Universal Serial Bus) consiste in un hub principale che: rileva il collegamento di un nuovo dispositivo gli assegna un numero (1 127) scarica informazioni necessarie per la configurazione del dispositivo Pagina 124

125 USB (Universal Serial Bus) Ad intervalli regolari (1 ms) l'hub principale invia un frame in broadcast a tutti i dispositivi (sincronizzazione) frame: pacchetti di bit che possono viaggiare in entrambe le direzioni 4 tipi di frame: controllo isocrono bulk interrupt Pagina 125

126 USB (Universal Serial Bus) Un pacchetto può essere di tipo: token SOF start of frame, IN interrogazione al dispositivo, OUT inizio trasmissione dati SETUP configurazione dati 8 bit sincronizzazione 8 bit tipo di pacchetto (PID) campo dati CRC handshake (ACK, NAK, STALL) speciale Pagina 126

127 USB (Universal Serial Bus) Pagina 127

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR Architettura di un computer La macchina di Von Neumann Architettura organizzata secondo il modello della macchina di von Neumann definita nei tardi anni 40 all Institute for Advanced Study di Princeton.

Dettagli

CIRCUITI INTEGRATI ESEMPI: INTEL

CIRCUITI INTEGRATI ESEMPI: INTEL CIRCUITI INTEGRATI Costruzione di circuiti (logici e non) su un substrato di silicio. Non solo la parte attiva, ma anche le connessioni tra le porte. Incredibile miglioramento nelle prestazioni, nell affidabilità

Dettagli

Livello logico digitale. bus e memorie

Livello logico digitale. bus e memorie Livello logico digitale bus e memorie Principali tipi di memoria Memoria RAM Memorie ROM RAM (Random Access Memory) SRAM (Static RAM) Basata su FF (4 o 6 transistor MOS) Veloce, costosa, bassa densità

Dettagli

Parte IV. Bus e microprocessori

Parte IV. Bus e microprocessori Parte IV Bus e microprocessori IV.1 Comunicazione nell elaboratore P M STRUTTURA DI INTERCONNESSIONE DISCO DISCO P PERIFERICHE P La struttura di interconnessione assicura la comunicazione fra le diverse

Dettagli

Calcolatori Elettronici Parte V: Microprocessori e Bus

Calcolatori Elettronici Parte V: Microprocessori e Bus Anno Accademico 2013/2014 Calcolatori Elettronici Parte V: Microprocessori e Bus Prof. Riccardo Torlone Universita di Roma Tre Pinout Logico di un Micro-Processore Riccardo Torlone - Corso di Calcolatori

Dettagli

Componenti principali di un computer

Componenti principali di un computer Componenti principali di un computer Unità centrale Processore Controller Memoria principale (centrale) Bus Stampante Terminale Periferiche di input/output Memorie di massa (secondarie) 1 COMPONENTI DI

Dettagli

Input/Output: bus, interfacce, periferiche

Input/Output: bus, interfacce, periferiche Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 29 Input/Output: bus, interfacce, periferiche A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L

Dettagli

Comunicazione nell elaboratoreelaboratore. Parte IV. μp M I/O. La struttura di interconnessione assicura la comunicazione fra le

Comunicazione nell elaboratoreelaboratore. Parte IV. μp M I/O. La struttura di interconnessione assicura la comunicazione fra le Comunicazione nell elaboratoreelaboratore P M STRUTTURA DI INTERCONNESSIONE DISCO DISCO Parte IV P PERIFERICHE P Bus e microprocessori La struttura di interconnessione assicura la comunicazione fra le

Dettagli

calcolatori e, in generale, nella maggior parte dei circuiti elettronici digitali un segnale può assumere solo 2 stati:

calcolatori e, in generale, nella maggior parte dei circuiti elettronici digitali un segnale può assumere solo 2 stati: I calcolatori odierni sono costituiti da circuiti digitali (Hardware); ogni circuito di base, se preso singolarmente, è straordinariamente semplice; d altro canto, grazie all aggregazione di circuiti di

Dettagli

Zoccolo (slot o socket) per il processore. Slot per le memorie RAM. Slot per le schede di espansione con bus ISA (superato),

Zoccolo (slot o socket) per il processore. Slot per le memorie RAM. Slot per le schede di espansione con bus ISA (superato), DENTRO IL COMPUTER Nei lucidi che seguono esamineremo i principali componenti di un PC. La maggior parte dei PC ha una struttura modulare: sono permesse numerose configurazioni utilizzando componenti di

Dettagli

Architettura di un PC

Architettura di un PC Architettura di un PC Hardware Insieme di circuiti elettronici ed elettromeccanici che costituiscono un calcolatore Architettura Combinazione delle funzionalità operative delle singole unità hardware del

Dettagli

Architettura degli Elaboratori

Architettura degli Elaboratori Circuiti combinatori slide a cura di Salvatore Orlando, Andrea Torsello, Marta Simeoni 1 Circuiti integrati I circuiti logici sono realizzati come IC (circuiti integrati)! realizzati su chip di silicio

Dettagli

L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono generalmente che le uscite di 2 o più componenti

L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono generalmente che le uscite di 2 o più componenti Banco di registri e memoria Corso ACSO prof. Cristina SILVANO Politecnico di Milano Componenti di memoria e circuiti di pilotaggio L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono

Dettagli

Universal Serial Bus (USB)

Universal Serial Bus (USB) Universal Serial Bus (USB) Standard per la connessione di periferiche al personal computer (proposto verso la metà degli anni 90 da un pool di società tra cui Intel, IBM, Microsoft,..) Obiettivi principali:

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore Architettura di un calcolatore Appunti di Antonio BERNARDO Corso di Informatica di base A. Bernardo, Informatica di base 1 1 Compiti del computer Elaborazione di dati Memorizzazione di dati Scambio di

Dettagli

Calcolatori Elettronici 1 Il Bus PCI

Calcolatori Elettronici 1 Il Bus PCI A.A. 2001/2002 Calcolatori Elettronici 1 Mauro Cortese 1 Sommario Generalità sui BUS Architetture precedenti Il BUS PCI e il suo funzionamento Architetture successive 2 Generalità sui BUS Generalità Il

Dettagli

DEFINIZIONE 1/2 memoria ad accesso casuale RAM

DEFINIZIONE 1/2 memoria ad accesso casuale RAM CORSO BASE DI TECNICO RIPARATORE HARDWARE RAM Docente: Dott. Ing. Antonio Pagano DEFINIZIONE 1/2 In informatica la memoria ad accesso casuale, acronimo RAM (del corrispondente termine inglese Random-Access

Dettagli

Lo schema funzionale di un PC corrisponde ancora oggi a quello della macchina di Von Neumann

Lo schema funzionale di un PC corrisponde ancora oggi a quello della macchina di Von Neumann Lo schema funzionale di un PC corrisponde ancora oggi a quello della macchina di Von Neumann MA lo sviluppo della tecnologia e del software ha permesso la realizzazione di computer sempre più veloci e

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Introduzione ai microcontrollori

Introduzione ai microcontrollori Introduzione ai microcontrollori L elettronica digitale nasce nel 1946 con il primo calcolatore elettronico digitale denominato ENIAC e composto esclusivamente di circuiti a valvole, anche se negli anni

Dettagli

Ora Consegna: N. Matricola: Corso Laurea/Diploma: Cognome: ESD I? II? Esercizi compilati ESD I: 1? 2?3?4? 5? 6?7?8? 9 10

Ora Consegna: N. Matricola: Corso Laurea/Diploma: Cognome: ESD I? II? Esercizi compilati ESD I: 1? 2?3?4? 5? 6?7?8? 9 10 Data: Ora Consegna: N. Matricola: Corso Laurea/Diploma: Nome : Anno di Corso: Cognome: ESD I? II? Esercizi compilati ESD I: 1? 2?3?4? 5? 6?7?8? 9 10 Esercizi compilati ESD II: 1? 2?3?4? 5? 6?7?8? 9? 10

Dettagli

Architettura di un sistema di elaborazione N.1

Architettura di un sistema di elaborazione N.1 Architettura di un sistema di elaborazione N.1 Le memorie (Unità 3) La memoria è la parte del computer destinata a conservare informazioni per un certo periodo di tempo. La memorizzazione di informazioni

Dettagli

Memory Organization and Addressing

Memory Organization and Addressing Memory Organization and Addressing () MLCorradini 2005 UNICAM Tipi di memoria È noto che il fattore limitante le prestazioni di un computer è stato, storicamente, il tempo di accesso alla memoria: La velocità

Dettagli

Architettura di un sistema di elaborazione N. 3

Architettura di un sistema di elaborazione N. 3 Architettura di un sistema di elaborazione N. 3 I Bus presenti nel PC (Unità 4-5) Nei sistemi elettronici e nei computer in particolare, i componenti del sistema colloquiano tramite linee dedicate dette

Dettagli

Architettura del computer (C.Busso)

Architettura del computer (C.Busso) Architettura del computer (C.Busso) Il computer nacque quando fu possibile costruire circuiti abbastanza complessi in logica programmata da una parte e, dall altra, pensare, ( questo è dovuto a Von Neumann)

Dettagli

Lezione 3: Architettura del calcolatore

Lezione 3: Architettura del calcolatore Lezione 3: Architettura del calcolatore Architettura di Von Neumann BUS, CPU e Memoria centrale Ciclo di esecuzione delle istruzioni Architettura del calcolatore Il calcolatore è: uno strumento programmabile

Dettagli

Il calcolatore. Il calcolatore (computer) è uno strumento in grado di svolgere i seguenti compiti:

Il calcolatore. Il calcolatore (computer) è uno strumento in grado di svolgere i seguenti compiti: Il calcolatore Il calcolatore (computer) è uno strumento in grado di svolgere i seguenti compiti: memorizzare informazioni rappresentazione dell informazione elaborare informazioni algoritmi Nel corso

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Università di Ferrara Facoltà di Ingegneria Docente: Ing. Massimiliano Ruggeri Mail: m.ruggeri@imamoter.cnr.it mruggeri@ing.unife.it Tel. 0532/735631 Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Durata:

Dettagli

Le unità di ingresso/uscita (Input/Output)

Le unità di ingresso/uscita (Input/Output) Le unità di ingresso/uscita (Input/Output) Le unità di ingresso/uscita (anche dette periferiche), permettono di realizzare l'interazione tra il computer e l'ambiente (compreso l'utente umano) La loro funzione

Dettagli

Architettura dei computer

Architettura dei computer Architettura dei computer In un computer possiamo distinguere quattro unità funzionali: il processore (CPU) la memoria principale (RAM) la memoria secondaria i dispositivi di input/output Il processore

Dettagli

FONDAMENTI DI LOGICA DIGITALE 1 DL 3155E20 LOGICA. Blocchi funzionali. Argomenti teorici

FONDAMENTI DI LOGICA DIGITALE 1 DL 3155E20 LOGICA. Blocchi funzionali. Argomenti teorici L1 LOGICA FONDAMENTI DI LOGICA DIGITALE 1 Concetti di logica: teoremi fondamentali dell'algebra booleana Sistema binario Funzioni logiche Descrizione algebrica delle reti logiche e le tavole della verità

Dettagli

Protocollo USB Elementi di un sistema USB Comunicazione USB

Protocollo USB Elementi di un sistema USB Comunicazione USB Protocollo USB Elementi di un sistema USB HOST: dispositivo master (PC), l unico autorizzato ad avviare una comunicazione sul bus HUB: come nelle reti di computer, l hub fornisce un punto di connessione

Dettagli

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli

Legge di Moore (transistor/chip) dal 1970

Legge di Moore (transistor/chip) dal 1970 Testo di riferimento: appunti Le memorie dinamiche 01.c Classificazione Organizzazione Legge di Moore (transistor/chip) dal 1970 1 Scala logaritmica x2 ogni 18 mesi x1000 ogni 15 anni Legge di Moore (memorie

Dettagli

I/O. Interfacciamento di una periferica. Architettura di un elaboratore. L input/output Parte VI. Architettura degli Elaboratori e delle Reti

I/O. Interfacciamento di una periferica. Architettura di un elaboratore. L input/output Parte VI. Architettura degli Elaboratori e delle Reti L input/output Parte VI Architettura degli Elaboratori e delle Reti Alberto Borghese Università degli Studi di Milano Dipartimento di Scienze dell Informazione email: borghese@dsi.unimi.it 1 I/O Indirizzamento

Dettagli

Logica combinatoria. La logica digitale

Logica combinatoria. La logica digitale Logica combinatoria La logica digitale La macchina è formata da porte logiche Ogni porta riceve in ingresso dei segnali binari (cioè segnali che possono essere 0 o 1) e calcola una semplice funzione (ND,

Dettagli

02 - Organizzazione dei sistemi di calcolo

02 - Organizzazione dei sistemi di calcolo Organizzazione dei sistemi di calcolo - Processori - Memoria principale - Memoria secondaria - Input/Output Pagina 2 Processori Pagina 3 La CPU è composta da: - Unità di controllo - Unità logico-aritmetica

Dettagli

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors)

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Il microprocessore è un dispositivo integrato digitale che può essere programmato con una serie di istruzioni per effettuare una specifica

Dettagli

ARCHITETTURA DELL ELABORATORE

ARCHITETTURA DELL ELABORATORE 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY ARCHITETTURA DELL ELABORATORE Prof. G. Ciaschetti 1. Tipi di computer Nella vita di tutti giorni, abbiamo a che fare con tanti tipi di computer, da piccoli o piccolissimi

Dettagli

Il Personal Computer

Il Personal Computer Il Personal Computer 18 Hardware 1 Hardware: componenti fisiche dell elaboratore; la forma e le prestazioni dell hardware variano in funzione del tipo di elaboratore Principali componenti hardware: unità

Dettagli

Abilità Informatiche. Architettura di un elaboratore. Lezione 1

Abilità Informatiche. Architettura di un elaboratore. Lezione 1 Abilità Informatiche Architettura di un elaboratore Lezione 1 Computer, un po di storia. Gli albori dell'era informatica (anni quaranta) una specie di macchina per fare i conti superveloce, la naturale

Dettagli

La Memoria Principale. La Memoria Principale. La Memoria Interna. La Memoria Principale

La Memoria Principale. La Memoria Principale. La Memoria Interna. La Memoria Principale Fondamenti di Informatica B Lezione n.13 n.13 Fondamenti di Informatica B Lezione n. 13 MEMORIE VLSI, MEMORIE MAGNETICHE EVOLUZIONE, COSTI, CAPACITÀ, PRESTAZIONI CONCETTI DI BASE E TECNOLOGIA DELLE MEMORIE

Dettagli

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi:

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi: Modulo 8 Elettronica Digitale Contenuti: Introduzione Sistemi di numerazione posizionali Sistema binario Porte logiche fondamentali Porte logiche universali Metodo della forma canonica della somma per

Dettagli

Elementi dell'automazione! 3. Funzioni! 3. Comando! 3. Regolazione! 3. Schema a blocchi di base! 3. Regolatori a due posizioni! 4

Elementi dell'automazione! 3. Funzioni! 3. Comando! 3. Regolazione! 3. Schema a blocchi di base! 3. Regolatori a due posizioni! 4 Automazione Indice Elementi dell'automazione! 3 Funzioni! 3 Comando! 3 Regolazione! 3 Schema a blocchi di base! 3 Regolatori a due posizioni! 4 Segnale analogico! 4 Segnale digitale! 4 Conversione da decimale

Dettagli

PRINCIPALI CARATERISTICHE

PRINCIPALI CARATERISTICHE Scegliere e acquistare le schede madri (o motherboard) più adatte al vostro PC è un'azione decisiva per far sì che tutto il vostro sistema sia perfettamente rispondente alle vostre esigenze. Prima di effettuare

Dettagli

IL COMPUTER. OGGETTO RELAZIONE: Analisi dei componenti hardware di un computer.

IL COMPUTER. OGGETTO RELAZIONE: Analisi dei componenti hardware di un computer. IL COMPUTER OGGETTO RELAZIONE: Analisi dei componenti hardware di un computer. PREFAZIONE: In questa relazione, è analizzato il personal computer per quel che riguarda l HARDWARE. L HARDWARE è l elemento

Dettagli

Una panoramica. di PCI Express, HARDWARE BUS. Caratteristiche e motivazioni, il confronto con PCI e altre tecnologie.

Una panoramica. di PCI Express, HARDWARE BUS. Caratteristiche e motivazioni, il confronto con PCI e altre tecnologie. Una panoramica su PCI Express Caratteristiche e motivazioni, il confronto con PCI e altre tecnologie Pietro Grillo n questo articolo si I descrivono le caratteristiche principali di PCI Express, effettuando

Dettagli

Organizzazione della memoria

Organizzazione della memoria Memorizzazione dati La fase di codifica permette di esprimere qualsiasi informazione (numeri, testo, immagini, ecc) come stringhe di bit: Es: di immagine 00001001100110010010001100110010011001010010100010

Dettagli

Input e Output. Input / Output. Performance. Misure di banda e tempi di trasferimento

Input e Output. Input / Output. Performance. Misure di banda e tempi di trasferimento Input e Output INPUT Input / Output Salvatore Orlando OUTPUT I dati trasferiti durante le operazioni di I/O possono passare (o meno) dal processore programmed I/O vs. DMA Arch. Elab. - S. Orlando 1 La

Dettagli

Lezione 3 Prof. Angela Bonifati

Lezione 3 Prof. Angela Bonifati Lezione 3 Prof. Angela Bonifati Complemento a 2 Algebra booleana Le infrastrutture hardware Esercizi sulla codifica dei numeri Eseguire le seguenti conversioni: Da base 2 e 16 in base 10: 110 2 =???? 10

Dettagli

Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU MEMORIE

Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU MEMORIE Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU Bus MEMORIE RAM (Random Access Memory). Memoria Centrale, Memoria di Lavoro, Memoria principale. Consiste in una matrice di celle

Dettagli

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido.

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido. Informatica II Nozioni di hardware docente: Ilaria Venturini Componenti essenziali della struttura interna di un PC Porte Disco rigido CPU scheda video memorie scheda audio bus 1 Struttura hardware dell

Dettagli

Tecniche Automatiche di Acquisizione Dati

Tecniche Automatiche di Acquisizione Dati Tecniche Automatiche di Acquisizione Dati VME e PCI Fabio Garufi - TAADF 2005-2006 1 Il VME Il Versa Module Europe nasce da un consorzio industriale: Motorola, Signetics/Philips, Mostek Deriva dal VERSAbus

Dettagli

Componenti di base di un computer

Componenti di base di un computer Componenti di base di un computer Architettura Von Neumann, 1952 Unità di INPUT UNITA CENTRALE DI ELABORAZIONE (CPU) MEMORIA CENTRALE Unità di OUTPUT MEMORIE DI MASSA PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT (I/O)

Dettagli

Obiettivi del corso. Programma del corso. Informatica per i corsi di Fisioterapia e Dietistica

Obiettivi del corso. Programma del corso. Informatica per i corsi di Fisioterapia e Dietistica Informatica per i corsi di Fisioterapia e Dietistica Docente: Giorgio Valentini e-mail: valentini@dsi.unimi.it Struttura del corso: 8 lezioni di teoria (2 ore) martedi (14:30-16:30) aula 201 8 lezioni

Dettagli

Sistemi a Microprocessore

Sistemi a Microprocessore Corso di Laurea Ingegneria dell Informazione Sistemi a Microprocessore A.A. 2007-2008 Prof. Ing. Ivan Bruno Sistemi a Microprocessore La Memoria 1 La Memoria La memoria in un calcolatore serve per immagazzinare

Dettagli

Elementi fondamentali del calcolatore L elaboratore è costituito da 4 elementi funzionali fondamentali:

Elementi fondamentali del calcolatore L elaboratore è costituito da 4 elementi funzionali fondamentali: Elementi fondamentali del calcolatore L elaboratore è costituito da 4 elementi funzionali fondamentali: le periferiche la memoria centrale l unità di elaborazione il bus di sistema Le periferiche consentono

Dettagli

Struttura del calcolatore

Struttura del calcolatore Struttura del calcolatore Proprietà: Flessibilità: la stessa macchina può essere utilizzata per compiti differenti, nessuno dei quali è predefinito al momento della costruzione Velocità di elaborazione

Dettagli

CHE COS'È UN COMPUTER?

CHE COS'È UN COMPUTER? CHE COS'È UN COMPUTER? Un computer è una macchina elettronica capace di ricevere, trasmettere, immagazzinare ed elaborare informazioni, risolvendo i più svariati problemi con straordinaria velocità ed

Dettagli

SOMMARIO. La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione Le periferiche di Input/Output. a Montagn Maria

SOMMARIO. La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione Le periferiche di Input/Output. a Montagn Maria Parte 4: HARDWARE SOMMARIO La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione i Le periferiche di Input/Output na a Montagn Maria LA CPU CPU: Central Processing Unit. L unità centrale di processo si occupa dell

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale. È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica

I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale. È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale Memorizza : istruzioni dati In forma BINARIA : 10001010101000110101... È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica

Dettagli

Esempio di Motherboard (Scheda Madre)

Esempio di Motherboard (Scheda Madre) 1:ISA slot 2:PCI slot 3:AGP slot 4:ATX power connector 5:Chipset 6:CPU socket 7:RAM slot 8:IDE connector 9:Floppy disk connector 10:Batteria 11:BIOS chip Esempio di Motherboard (Scheda Madre) La memoria

Dettagli

Informatica per i corsi di Fisioterapia e Dietistica

Informatica per i corsi di Fisioterapia e Dietistica Informatica per i corsi di Fisioterapia e Dietistica Docente: Giorgio Valentini e-mail: valentini@dsi.unimi.it Struttura del corso: 8 lezioni di teoria (2 ore) martedi (14:30-16:30) aula 201 8 lezioni

Dettagli

Calcolatori Elettronici L-A

Calcolatori Elettronici L-A Calcolatori Elettronici L-A Mapping di chip di memoria e interfacce negli spazi di indirizzamento di sistemi con bus dati da 8 bit Decodifica degli indirizzi Decodifica completa Decodifica semplificata

Dettagli

Tecniche di Comunicazione Digitale

Tecniche di Comunicazione Digitale Tecniche di Comunicazione Digitale Sommario Problematiche Generali Comunicazioni Parallele Varianti Trasmissione Isocrona, Asincrona e Sincrona Segnali, codifica e modulazione Gestione degli errori - 2-1

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008

Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008 Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 11/01/08 Nota Questi lucidi sono

Dettagli

8 Microcontrollori PIC

8 Microcontrollori PIC 8 Microcontrollori PIC 8.1 Descrizione generale Un microcontrollore è un dispositivo elettronico che opportunamente programmato è in grado di svolgere diverse funzioni in modo autonomo. Essenzialmente

Dettagli

SISTEMI A MICROPROCESSORE

SISTEMI A MICROPROCESSORE Istituto Tecnico Industriale Statale EUGENIO BARSANTI 80038 POMIGLIANO D ARCO (NA) Via Mauro Leone, 105 Specializzazioni: Meccanica Tel. (081) 8841350 - Fax (081) 8841676 Elettrotecnica e Automazione Distretto

Dettagli

Introduzione alle architetture dei processori

Introduzione alle architetture dei processori Architettura dei microprocessori Argomenti CLASSIFICAZIONE MICROPROCESSORI Basic concepts 80x86, x64 Architettura pc Tecniche per incrementare le prestazioni 07/08 CLASSIFICAZIONE ELABORATORI(MICROPROCESSORI)

Dettagli

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Le Memorie Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Memorie Memoria Principale (centrale) Si accede direttamente dalla CPU non permanente Memoria Secondaria (di massa) Si accede tramite il sottosistema di input/output

Dettagli

Fondamenti di informatica: un po di storia

Fondamenti di informatica: un po di storia Fondamenti di informatica: un po di storia L idea di utilizzare dispositivi meccanici per effettuare in modo automatico calcoli risale al 600 (Pascal, Leibniz) Nell ottocento vengono realizzati i primi

Dettagli

La memoria. I sistemi di memoria di un elaboratore possono essere suddivisi in: Memoria interna al processore Memoria principale Memoria secondaria

La memoria. I sistemi di memoria di un elaboratore possono essere suddivisi in: Memoria interna al processore Memoria principale Memoria secondaria La memoria I sistemi di memoria di un elaboratore possono essere suddivisi in: Memoria interna al processore Memoria principale Memoria secondaria La memoria interna Registri interni alla CPU Visibili

Dettagli

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole.

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L2 1 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit PIC: Peripheral Interface

Dettagli

Modulo 1 Hardware Unità 1 Elementi interni

Modulo 1 Hardware Unità 1 Elementi interni Modulo 1 Hardware Unità 1 Elementi interni Prof. Antonio Scanu 1 Elementi di Base Il termine informatica deriva dall'unione dei termini INFORMazione e automatica. Si tratta della materia che studia le

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore 2009-2010 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 7 Architettura di un calcolatore Lez. 7 1 Modello di Von Neumann Il termine modello di Von Neumann (o macchina di Von

Dettagli

Protocolli USB JTAG. F. Thei A. Romani. Elettronica dei Sistemi Digitali LA AA 2009-2010 USB

Protocolli USB JTAG. F. Thei A. Romani. Elettronica dei Sistemi Digitali LA AA 2009-2010 USB Protocolli USB JTAG F. Thei A. Romani Elettronica dei Sistemi Digitali LA AA 2009-2010 USB L'Universal Serial Bus (USB) è uno standard di comunicazione seriale che consente di collegare diverse periferiche

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

LABORATORIO DI SISTEMI

LABORATORIO DI SISTEMI ALUNNO: Fratto Claudio CLASSE: IV B Informatico ESERCITAZIONE N : 1 LABORATORIO DI SISTEMI OGGETTO: Progettare e collaudare un circuito digitale capace di copiare le informazioni di una memoria PROM in

Dettagli

... Sistema di Elaborazione

... Sistema di Elaborazione Sistema di Elaborazione Un calcolatore convenzionale è un sistema di elaborazione nel quale viene eseguita un istruzione alla volta e in ordine sequenziale ad eccezione di salti indicati dalla stessa istruzione.

Dettagli

Elementi di Informatica. Hardware

Elementi di Informatica. Hardware Elementi di Informatica Hardware Scopo della lezione Introduzione alle tecnologie ICT L'hardware Il processore La memoria Tipologie di computer Personal computer Notebook/Laptop Palmare Console da gioco

Dettagli

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica D.Gamba,P.P.Trapani April 9, 2004 1 1 Circuiti Digitali Integrati: Timer, ADC e DAC In questo Lab. si imparera ad usare alcuni circuiti integrati

Dettagli

Il sistema di I/O. Calcolatori Elettronici 1. Architettura a bus singolo. Memoria. Unità di I/O. Interfaccia. Unità di I/O.

Il sistema di I/O. Calcolatori Elettronici 1. Architettura a bus singolo. Memoria. Unità di I/O. Interfaccia. Unità di I/O. Il sistema di I/O Calcolatori Elettronici 1 Architettura a bus singolo Memoria CPU Interfaccia Unità di I/O Interfaccia Unità di I/O Calcolatori Elettronici 2 1 Interfaccia Svolge la funzione di adattamento

Dettagli

Lezione 1 Caratteristiche principali del PIC16C84 L'hardware

Lezione 1 Caratteristiche principali del PIC16C84 L'hardware Lezione 1 Nella prima lezione del corso, cercheremo di comprendere come sia fatto internamente il controller più conosciuto di Microchip, ovvero il PIC16C84 poi evoluto nel PIC16F84. Sebbene i microcontroller

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

Raspberry Pi: Hardware Programming. Rossi Pietro Alberto

Raspberry Pi: Hardware Programming. Rossi Pietro Alberto Rossi Pietro Alberto Agenda Introduzione Hardware Software Programmazione, primi passi Protocolli di comunicazione Programmazione Conclusioni Introduzione Il Raspberry Pi è una scheda elettronica impementante

Dettagli

Componenti dell elaboratore

Componenti dell elaboratore L hardware del PC Componenti dell elaboratore Hardware Parte fisica del sistema Dispositivi fisici Software Parte logica del sistema Programmi e dati 2 Hardware dell elaboratore 3 L'architettura del calcolatore

Dettagli

Modulo 2 L architettura dei calcolatori

Modulo 2 L architettura dei calcolatori Modulo 2 L architettura dei calcolatori La macchina di von Neumann I moderni sistemi di elaborazione oggi in commercio non sono tutti uguali, anzi presentano notevoli differenze in termini di velocità,

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

CPU. Maurizio Palesi

CPU. Maurizio Palesi CPU Central Processing Unit 1 Organizzazione Tipica CPU Dispositivi di I/O Unità di controllo Unità aritmetico logica (ALU) Terminale Stampante Registri CPU Memoria centrale Unità disco Bus 2 L'Esecutore

Dettagli

CAP. 4: Aspetti generali del Sistema Operativo Linux. l http://home.dei.polimi.it/silvano/acso.htm

CAP. 4: Aspetti generali del Sistema Operativo Linux. l http://home.dei.polimi.it/silvano/acso.htm Struttura interna del sistema Operativo Linux CAP. 4: Aspetti generali del Sistema Operativo Linux CAP. 5: Funzionalità del calcolatore l http://home.dei.polimi.it/silvano/acso.htm Funzionalità del Sistema

Dettagli

Universal Serial Bus. Informazioni tecniche. Simbolo dell USB

Universal Serial Bus. Informazioni tecniche. Simbolo dell USB Universal Serial Bus Simbolo dell USB L'Universal Serial Bus (USB) è uno standard di comunicazione seriale che consente di collegare diverse periferiche ad un computer. Informazioni tecniche Connettore

Dettagli

Calcolatori Elettronici L-A

Calcolatori Elettronici L-A 1 Calcolatori Elettronici L-A Obiettivo del modulo è lo studio dei seguenti aspetti dell hardware dei calcolatori: l architettura i principi di funzionamento le tecniche di progettazione l impatto dell'architettura

Dettagli

Indice generale. 1 Il calcolatore: astrazioni. 2 Le istruzioni: il linguaggio. e tecnologia 1. dei calcolatori 57

Indice generale. 1 Il calcolatore: astrazioni. 2 Le istruzioni: il linguaggio. e tecnologia 1. dei calcolatori 57 I Indice generale Prefazione viii 1 Il calcolatore: astrazioni e tecnologia 1 1.1 Introduzione 1 Tipi di calcolatore e loro caratteristiche 2 Cosa si può imparare da questo libro 5 1.2 Cosa c è dietro

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Università degli Studi di Messina Ingegneria delle Tecnologie Industriali Docente: Ing. Mirko Guarnera 1 Approccio al corso Approccio IN OUT Visione Globale solo insieme alla programmazione 2 1 Contenuti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2014-2015

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2014-2015 PROGRAMMAZIONE MODULARE 01-015 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: TERZA A INF Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Articolazione INFORMATICA Docenti: Silvia Gualdi (teoria) Paolo Aurilia (laboratorio)

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea di area non informatica LEZIONE 2-2 Scopo della lezione Descrivere i componenti hardware del calcolatore e il suo funzionamento secondo il modello di macchina di Von Neumann 1

Dettagli

NEC USB 2.0. Versione 1.0

NEC USB 2.0. Versione 1.0 NEC USB 2.0 Versione 1.0 Indice 1.0 Caratteristiche porta USB.P.3 2.0 Requisiti del sistema.p.3 3.0 Limitazioni del driver..p.3 4.0 Installazione del driver (Windows XP).P.4 5.0 Installazione del driver

Dettagli

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (DF-M) Memorie

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (DF-M) Memorie 2009-2010 Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (DF-M) 9 Memorie 1 Memoria In generale : qualsiasi supporto delegato alla memorizzazione di dati

Dettagli

Dispositivi di Memoria. Motherboard. Altre codifiche: ANSI (8 bit) Unicode (16 bit) Display Esadecimali

Dispositivi di Memoria. Motherboard. Altre codifiche: ANSI (8 bit) Unicode (16 bit) Display Esadecimali Introduzione all Architettura del Calcolatore lezione 3 Luciano Bononi bononi@cs.unibo.it http://www.cs.unibo.it/ bononi/ Testi consigliati: William Stallings, Computer Organization and Architecture, 5/6-th

Dettagli