Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S Microprocessori - Microcontrollori.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microprocessori - Microcontrollori. namoroso@mrscuole.net"

Transcript

1 Corso introduttivo sui microcontrollori A. S Microprocessori - Microcontrollori Nicola Amoroso NA L1 1

2 Cosa e un microcontrollore? > Un piccolo computer, contenente al suo interno tutti i circuiti necessari al suo funzionamento, senza necessita` di circuiti integrati esterni. > Il microprocessore vero e proprio (core) e` il cuore del sistema e si occupa di eseguire le operazioni matematiche (ALU), di spostare i dati fra le varie parti della memoria, di incrementare i numerosi contatori necessari al funzionamento. > Tutti i dispositivi, interni, controllati dal microprocessore prendono il nome di periferiche NA L1 2

3 Cosa e un microcontrollore? Un microcontrollore (µc ) è un dispositivo di elaborazione dati simile al microprocessore (µp ) Sul µp sono basati tutti i calcolatori dai personal computer ai mainframe Sul µc sono basati dispositivi per scopi industriali o per applicazioni particolari (autronica, domotica, telefoni cellulari, lettori DVD, video-camere, etc ) NA L1 3

4 Cosa e un microcontrollore? Il microcontrollore contiene gli stessi elementi principali di un sistema programmabile: Processore Memoria Elementi di Input/output In un PC, questi sottosistemi, sono elementi (chips) separati collegati tra loro mediante una connessione a bus [1], su un unico circuito stampato; il sistema completo è comunque gestito da una unità centrale che prende il nome di CPU [microprocessore (µp)]. Ogni sistema può essere configurato per applicazioni particolari con CPU, memorie e gestione di I/O opportune. [1] Connessione a bus => Opportune linee in parallelo che collegano tra loro sistemi, device, etc. Il numero delle linee dipende dai collegamenti da effettuare, comunque in genere si utilizzano bus a 4, 8, 16, 32, 64, linee. NA L1 4

5 Cosa e un microcontrollore? In un microcontrollore (µc), tutti gli elementi indicati, sono presenti su un unico chip! Il µc gestisce tutte le condizioni di I/O, i calcoli ed eventuali controlli Sia i µc che i µp sono sistemi programmabili cioè non possono operare senza opportuno codice (programma) che è una lista di istruzioni, mantenute in memoria opportuna che viene eseguita in modo sequenziale in modo tale da soddisfare al processo richiesto. Per questi sistemi programmabili bisogna considerare oltre allo sviluppo hardware (Interfacciamento), anche un opportuno sviluppo software in funzione del processo da eseguire. NA L1 5

6 Memorie Fondamentalmente vi sono due tipi di memoria: Volatili Non volatili Le memorie volatili [RAM Random Access Memory] perdono i dati immagazzinati quando non sono più alimentate. Le memorie non volatili [ROM Read Only Memory] mantengono i dati immagazzinati anche in assenza di alimentazione. In un PC una piccola ROM (2-4 Mb) è usata per memorizzare le condizioni Hw e Sw per lo start del sistema; esso contiene il programma BIOS (Basic Input Output System); il sitema operativo della macchine (es. MS Windows TM ) e le applicazioni del sistema (es. MS Word) vengono invece caricate in RAM prima di essere eseguite e questo richiede abbastanza tempo. NA L1 6

7 Memorie E facile chiedersi: perché il SO non viene memorizzato in una ROM? Diventa così facilmente e velocemente accessibile! La RAM è veloce, sicura, compatta e semplice da gestire; il SO può essere cambiato o aggiornato senza toccare l hw del sistema, inoltre gli attuali SO sono molto grandi e composti da più sw collegati tra loro, ogni sw viene caricato in RAM nel momento in cui serve mentre le altre applicazioni sono caricati su memorie statiche molto capienti (es. HD, etc ) e caricati in RAM solo quando servono. Memorie ROM di tipo FLASH (Elettricamente riscrivibili) sono usate invece in sistemi mobili di capacità limitata (es MP3 players, memory card, USB pen, etc ) questo perché questi sistemi utilizzano sw di gestione facilmente aggiornabili, infatti essi contengono microcontrollori la cui program-memory può essere riprogrammata. NA L1 7

8 Input e Output Un sistema digitale programmabile non è molto utile senza la possibilità di poter scambiare (Leggere/Scrivere Read/Write) dati (Segnali elettrici) con l esterno! Le porte sono insiemi di Pin (Collegamenti mediante piedini), basati su registri e insiemi di control-registers (registri di controllo) che permettono lo scambio In/Out di dati in modo controllato mediante un opportuno protocollo di comunicazione. Vi sono due tipi fondamentali di porte (e quindi modalità di comunicazione): Parallela Seriale NA L1 8

9 Input e Output In una porta parallela i dati (digitali) vengono trasferiti contemporaneamente su più collegamenti paralleli tra loro (es. 8 bits, 16 bits, 32 bits, 64 bits, etc ) In una porta seriale i dati (digitali) vengono trasferiti 1 bit per volta su una singola linea. Potenzialmente la porta parallela è più veloce ma necessita di un numero maggiore di linee di collegamento e quindi vi sono maggiori possibilità di errore nel processo di scambio; l hw e il sw di gestione è invece più semplice rispetto alla trasmissione seriale dove, il pacchetto dati deve essere organizzato in gruppi prima di procedere allo scambio (possibilità di gestione a pacchetti e in rete [Network data]). NA L1 9

10 Input e Output Ad esempio le stampanti di vecchia generazione colloquiavano con l unità centrale del PC mediante la porta parallela (centronics), che inviava alla stampante 1 byte (8 bit) per volta mediante un connettore multipin (25-36 pin. Le nuove stampanti colloquiano con la unità centrale mediante un collegamento seriale il quale permette lo scambio di 1 bit per volta. Il nuovo standard USB (Universal Serial Bus) può operare ad una velocità massima di 480 megabits/sec e seppur più lenta del collegamento parallelo è, sicuramente, molto più veloce rispetto ai tempi operativi di una stampante. Il collegamento USB avviene con un semplice e robusto connettore a 4 capi che fornisce anche, se richiesto dalla periferica, la tensione di alimentazione necessaria al suo funzionamento (N.B. => Solo per periferiche che non assorbono molto). Lo stadard USB è comunque complesso per la gestione sw e richiede molta accuratezza nella creazione di driver opportuni. NA L1 10

11 Input e Output Una delle funzioni principali delle PORTE (registri) è quella di separare il data-bus della CPU con il bus esterno dell hw considerato; queste porte hanno anche la funzione di immagazzinare temporaneamente i dati da scambiare (Buffer di memoria) che successivamente possono essere trasferiti e processati nel modo opportuno. I registri (porte) di tipo seriale caricano i dati in parallelo dal bus interno della CPU e poi inviano 1 bit per volta all esterno operando come uno shift-register. Se viene adoperato un protocollo di trasmissione asincrono, come ad esempio un RS232 (COM PORT nei vecchi PC), oltre ai bit da scambiare, il protocollo può contenere anche bit di START, STOP e ERROR CHECK. In definitiva le vecchie trasmissioni seriali di tipo asincrono, potevano avere pacchetti di 11 bit. Il protocollo USART (Universal Syncronus/Asyncronus Receive/Transmit) sarà sicuramente approfondito in corsi opportuni in seguito. NA L1 11

12 Il µp contiene : > Una ALU (Arithmetic Logic Unit ) dove avvengono i calcoli > diversi registri per la memorizzazione temporanea dei dati e la gestione delle istruzioni > Un bus interno ad alta velocità > circuiti di controllo e di temporizzazione per coordinare tutte le attività > tre bus ( Data Bus, Address Bus, Control Bus ) per comunicare col mondo esterno ( dispositivi di memoria, dispositivi di ingresso-uscita) NA L1 12

13 Il µp ha bisogno per funzionare: Di un ampia area di memoria esterna sia di lavoro (RAM) che di massa (hard disk ecc ), dato che tratta grandi quantità di dati Di interfacce verso dispositivi esterni di Input (tastiera, mouse,scanner, hard disk, floppy, microfoni.) Di interfacce verso dispositivi esterni di Output ( monitor, stampante, altoparlanti, hard disk, floppy,modem ) Di potenza di alimentazione anche di decine di watt.. NA L1 13

14 Il µc invece possiede su un unico chip: Una CPU RISC Una piccola memoria di programma (EPROM-EEPROM) Una piccola memoria di lavoro RAM ( alcuni KB) Porte di ingresso/uscita Contatori, timer, convertitore A/D Uart, Pwm, interfacce di comunicazione di vari tipi Contiene cioè, sia quello che possiede un µp (anche se in quantità molto ridotta), sia parti che il µp non possiede. Ha ingombro minimo e richiede poca potenza di alimentazione NA L1 14

15 RISC significa : Reduced Instruction Set Computing Elaborazione con insieme di istruzioni ridotto Le istruzioni perciò : Sono poche decine Sono eseguite molto velocemente non serve un clock molto elevato per un efficiente funzionamento ( dai 4-8 MHz per i tipi più semplici, fino a MHz per i tipi più evoluti) NA L1 15

16 Corso introduttivo sui microcontrollori A. S Microcontrollori Microchip PIC 8 bit Nicola Amoroso NA L2 1

17 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit PIC: Peripheral Interface Control (~1975) Famiglia 12 (12bit) PIC12CXXX 400ns Instruction Execution, 33/35 Instructions, 8- Pin Package, 4MHz Internal Oscillator Famiglia 16 (14bit) PIC16C5X 200ns Instruction Execution, 33 Instructions PIC16CXXX 4-12 Interrupts, 200ns Instruction Execution, 35 Instructions Famiglia 17 (16bit) PIC17CXXX 120ns Instruction Execution Including Multiply, 58 Instructions Famiglia 18 (16bit) PIC18CXXX 10 MIPS, 77 Instructions, C-compiler Efficient Instruction Set, Software Stack Capability, Table Operation, 4X PLL Clock, Switchable Oscillator Sources, 25mA Source/Sink per I/O NA L2 2

18 Il microcontrollore che utilizzeremo è il PIC16F877 della Microchip Technology PIC = Peripheral Interface Controller (Controllore di periferiche programmabile) La sua caratteristica più importante sta nella sigla F : Il programma risiede in una EEPROM FLASH (Electrically Erasable Programmable Read only Memory) è modificabile immediatamente anche senza togliere l integrato dal circuito (modalità : in-circuit programming) NA L2 3

19 Il nostro µc implementa su un unico chip tutte le risorse necessarie per il calcolo, per l acquisizione e memorizzazione dei dati e per l interfacciamento e la comunicazione con il mondo esterno. NA L2 4

20 Le periferiche dei microcontrollori La ROM (Read Only Memory) è solitamente utilizzata per la memorizzazione delle istruzioni del programma (può essere permanente o non permanente). Nella RAM (Random Access Memory) vengono custoditi i dati prodotti e impiegati durante l esecuzione del programma. La EEPROM (Electrical Erasable Programmable Read Only Memory) serve per memorizzare i dati che devono essere conservati anche al termine del programma. La CPU (Central Processing Unit) è l unità che, comunicando con le varie periferiche interne attraverso i BUS, si fa carico di eseguire il programma ed elaborare i dati. Per esempio, l esecuzione di un programma consiste nella lettura sequenziale da parte della CPU delle istruzioni memorizzate nella memoria di programma. I TIMER consentono al sistema di misurare e sincronizzare sia eventi interni che esterni. Sono impiegati anche per la generazione di segnali esterni di controllo. NA L2 5

21 Le periferiche dei microcontrollori Le I/O PORTS sono le porte di ingresso ed uscita solitamente utilizzate per acquisire dati o per pilotare componenti. Usualmente, una porta I/O è costituita da 8 pin (anche meno qualche volta), programmabili sia come ingressi che uscite. Le INTERFACCE SERIALI sono utilizzate per scambiare dati con il mondo esterno. Sono frequenti periferiche di comunicazione sia sincrone (SPI, I2C) che asincrone (USART). Le prime sono utilizzate solitamente per la comunicazione con dispositivi esterni (memorie, sensori), le seconde per comunicare con PC o altri µc (comunicazione seriale RS232 o RS422/485). NA L2 6

22 Le periferiche dei microcontrollori L ADC (convertitore Analogico/digitale) converte un segnale esterno analogico (prelevato tipicamente in tensione) in una sua rappresentazione digitale. I microcontrollori che implementano tali dispositivi sono particolarmente adatti per essere impiegati in applicazioni di controllo. Il WATCHDOG TIMER, se attivato, genera un reset ad un intervallo prestabilito in fase di programmazione. Questo riavvio ciclico è utile per far uscire il microcontrollore da eventuali situazioni di stallo. NA L2 7

23 Le periferiche dei microcontrollori Il PULSE WIDTH MODULATION SIGNAL GENERATOR è un dispositivo utilizzato per la generazione di segnali modulati in ampiezza d impulso. È anche impiegato nella conversione DA per la generazione di segnali analogici facendo transitare il segnale in un filtro passa basso. Se la costante di tempo del filtro è scelta opportunamente, è possibile generare un segnale proporzionale in tensione al duty-cycle. NA L2 8

24 Le periferiche dei microcontrollori Funzioni della CPU Funzioni principali di una CPU sono: Trasferimento Dati Controllo di Flusso (operazioni di salto, jump) Elaborazioni Aritmetiche e Logiche (addizioni e sottrazioni,operazioni logiche, incrementi, decrementi, shift, rotazioni, ecc ) Ogni CPU ha usualmente un array register con: un Registro Accumulatore (W) il Program Counter (PCL) l Instruction Register (IR) lo Stack Pointer (SP) NA L2 9

25 NA L2 10

26 Il µc che utilizzeremo: Pic16F877 <> Clock 4 20 MHz E commercializzato in differenti Packages, come il convenzionale 40-pin DIP (Dual In Line Package); questo formato è molto usato nelle fasi di sviluppo e prototipi. Viene riportata di seguito la disposizione dei singoli pin NA L2 11

27 Microchip Pic16F877 Molti dei pin sono di I/O, raggruppati in 5 PORT: A[6 pin RA0..RA5], B[8 pin RB0..RB7], C[8 pin RC0..RC7], D[8 pin RD0..RD7], E[3 pin RE0..RE2] per complessivi 33 pin di I/O. Molti di questi pin possono operare come I/O funzionante in più modalità, il modo di funzionamento dei singoli pin viene impostata settando opportunamente dei registri di controllo del sistema. Nella piedinatura riportata si nota come diversi pin presentano più funzioni di I/O (Es. RA0 PORTA bit0 può funzionare come I/O digitale oppure come ingresso analogico AN0). In particolare notiamo che sia i pin di PORTA che quelli di PORTE possono funzionare come ingressi digitali I/O oppure come ingressi analogici, per default in fase di start-up o reset questi pin sono impostati come ingressi analogici, se richiesto come I/O digitale bisogna agire sui rispettivi registri di controllo; vedremo in seguito come operare. NA L2 12

28 Microchip Pic16F877 PORTB viene anche impiegata per programmare il controllore, cioè caricare il codice di programma nella FLASH ROM (RB6-RB7 in-circuit programming), inoltre RB0, RB4..RB7 possono generare interrupt. PORTC in genere permette l uso di Timers e possibilità di comunicazione seriale (serial ports), PORTD in genere si utilizza come normale porta di comunicazione. Il chip viene alimentato mediante una doppia coppia di pin (Vdd=+5V nominali, Vss=0V). Spesso i chip funzionano, nei casi previsti, anche con alimentazione compresa tra 2,2V e 3.1V in casi particolari in cui si sfrutta la alimentazione di pile. Per il funzionamento occorre un circuito oscillante esterno collegato tra i piedini CLKIN e CLKOUT; la frequenza di oscillazione può essere compresa tra qualche decina di KHz (oscillatore R-C) fino a frequenze di 20 MHz (oscillatore al quarzo). MCLR è il Master-Clear Reset, quando viene portato a livello logico basso permette il reset della MCU, in condizioni normali deve stare a livello alto (+5V). NA L2 13

29 Pic16F877 Block Diagram Un semplice Diagramma a Blocchi che descrive il funzionamento del controllore nei suoi blocchi principali; si evidenziano: 1. Flash ROM per il program memory: 8192 locazioni a 14 bit 2. RAM file registers 512 locazioni a 8 bit che comprende anche alcuni speciali registri tipo PORTA, PORTB, etc.... Questa zona di RAM e suddivisa in 4 banchi di 128 byte ognuna (N.B. Alcuni registri sono ripetuti tra i vari banchi; in totale avremo solo 368 locazioni utili) 3. Un registro particolare (W) che prende il nome di accumulatore usato sempre con la ALU per il processo dei dati 4. Varie periferiche per il controllo I/O dei dati NA L2 14

30 Architettura PIC 16F877 NA L2 15

31 Memorie interne al 16F877 FLASH Memory programmi: contiene il programma da eseguire, ha la caratteristica di mantenere la programmazione anche quando l alimentazione al micro viene spenta, e di poter essere cancellata e riscritta con uno speciale apparecchio chiamato programmatore. e` Questa memoria profonda 8Kbytes (8192 parole x 14 bit) => il programma da eseguire al piu` puo` essere composto da una sequenza di 8192 operazioni. Altri tipi di microprocessore hanno invece una memoria programma di tipo PROM: questa puo` essere scritta soltanto una volta. RAM dati: il programma, in esecuzione, non puo` scrivere sulla FLASH programmi ( ~ vero ) => l area di memoria RAM dati e` scrivibile in esecuzione e contiene le variabili. Il contenuto di questa memoria viene perso quando si spegne il circuito. Esiste un altra memoria FLASH per i dati (EEPROM). NA L2 16

32 Memorie interne al 16F877 Ricapitolando: 1) FLASH programmi: 8192 parole 2) RAM per le variabili: 368 bytes 3) FLASH dati: 256 bytes (e` in pratica un piccolo hard disk, noi non la useremo per ora) Le singole locazioni della RAM vengono chiamate registri. I registri della RAM possono essere di due tipi : 1) General Purpose: uso generale, tipo per contenere le variabili del nostro programma. 2) Special Function: scrivendo in queste locazioni si istruisce il micro ad eseguire determinate operazioni. Per esempio se scrivo il dato 0x4 nel registro 0x1F (mnemonica ADCON0) => l ADC interno al microprocessore comincia la conversione NA L2 17

33 NA L2 18

34 I registri mappati in memoria I registri sono celle, locazioni, di memoria dove il µc legge e scrive valori fondamentali per il funzionamento. Sono celle che hanno un indirizzo esadecimale ( h ) ; si dice che sono mappati in memoria. Ad esempio scrivendo/leggendo nelle locazioni 05h e 06h si scrive/legge nelle porte A e B. NA L2 19

35 I registri mappati in memoria Se si programma il PIC in linguaggio macchina (Assembler) occorre precisare molti dettagli per i registri, con istruzioni da mettere all inizio del programma. Se si usa un linguaggio ad alto livello (Basic, C, ), le istruzioni da aggiungere sono minori. Tuttavia la mappa di memoria ( cioè l allocazione dei registri) deve sempre essere conosciuta. NA L2 20

36 La gestione delle porte di IN/OUT E fondamentale saper programmare le porte di ingresso/uscita. Es. => Ognuno dei pin della porta A (05h) può essere impostato in modo indipendente come ingresso o come uscita in base al contenuto del registro di controllo TRISA (85h): impostando a 1 il bit di TRISA, il corrispondente pin di PORTA è un ingresso ( se è 0 diventa uscita). Lo stesso vale per la porta B (06h) gestita da TRISB (86h). Esempio : con TRISB = , RB6 e RB7 sono linee di uscita ( possono comandare un carico), e le altre linee sono ingressi ( possono accettare [Read/Leggere] un segnale esterno). NA L2 21

37 Corso introduttivo sui microcontrollori A. S La programmazione dei PIC Nicola Amoroso NA L3 1

38 Il software per il PIC Come per qualsiasi sistema a microprocessore, anche per il PIC è necessario preparare un programma per farlo funzionare. Un programma è costituito da una sequenza di instruzioni, ognuna delle quali identifica univocamente una funzione che il PIC deve svolgere. Ogni istruzione è rappresentata da un codice operativo (in inglese operation code o più brevemente opcode) composto da 14 bit ed è memorizzata in una locazione di memoria dell'area programma. Tale memoria nel PIC16F877 è di tipo EEPROM e dispone di 8192 locazioni ognuna delle quali è in grado di contenere una sola istruzione oppure una coppia istruzione/dato. Questi codici, completamente privi di senso per un essere umano, sono gli unici che il PIC è in grado di capire. Per fortuna esistono alcuni strumenti che consentono di facilitare il compito al programmatore rendendo le istruzioni più comprensibili. NA L3 2

39 Il software per il PIC 1 modo Il programma per il PIC si può scrivere in linguaggio assembly o assembler, usando direttamente le 35 istruzioni riconosciute dal microcontrollore. Il codice si scrive come un file di testo. Esso viene convertito in codice binario da un programma chiamato Assemblatore. Il file creato contiene codici esadecimali e ha estensione. HEX Per trasferire poi il file HEX nella memoria di programma del PIC occorre un dispositivo chiamato Programmatore Si usa un Personal Computer : per scrivere il testo del programma, con un editor di testi ( non usando Word! ) per convertirlo in codice eseguibile, usando l Assemblatore per scriverlo nel PIC, usando un Programmatore. NA L3 3

40 Il software per il PIC 1 modo La casa costruttrice Microchip fornisce un pacchetto integrato chiamato MPLAB [Download gratuito => Esso comprende : MPLAB Editor : editor di testo per scrivere il testo del programma MPASM : il compilatore che traduce il testo in codice eseguibile (usando il codice esadecimale) Il compilatore MPASM è liberamente usabile. Si scarica dal sito della Microchip e si può usare indipendentemente dall editor. Lavorando in Assembler, la parte più difficile è il debug, cioè l eliminazione degli errori di programmazione. Esistono software di simulazione, a pagamento in genere, che consentono di controllare il funzionamento del programma NA L3 4

41 .asm Contiene il codice sorgente in formato assembler..inc File header, intestazioni e defiizioni hardware per il micro.lst Contiene l intero codice assembler e varie informazioni di compilazione.tre Albero di allocazione della memoria..err File con errori di compilazione e numeri di linea..hex File con il codice macchina, per la programmazione del microcontrollore NA L3 5

42 Esempio di file ASM RestoreLoader Il software per il PIC 1 modo lfsr 0, buff ; Construct instructions in buff movlw UPPER Main ; Upper byte of address to main movwf t1+3 bcf STATUS, C ; Clear carry bit rrcf t1+3, F ; Rotate through carry movlw B' ' ; Second word in goto must start with F. iorwf t1+3, F movlw HIGH Main ; High byte of address to main. movwf t1+2 rrcf t1+2, F movlw LOW Main ; Low byte of address to main movwf t1 rrcf t1, F MOVLF 0xEF, t1+1 lfsr 1, t1 MOVLF 0x04, count rest_rep movff POSTINC1, POSTINC0 decf count, F bnz rest_rep movlw 0xFF ; High byte in first word is EF ; two last nop movwf POSTINC0 ; movwf POSTINC0 ; movwf POSTINC0 ; buff should now contain 8 bytes : NA L3 6

43 Sintassi Descrizione Microchip Operazione equivalente ADDLW k ADDWF f,d ANDLW k ANDWF f,d BCF f,b BFS f,b BTFSC f,b BTFSS f,b CALL k CLRF f CLRW CLRWDT Add Literal and W Add W and f AND Literal with W AND W with f Bit Clear f Bit Set f Bit Test f, Skip if Clear Bit Test f, skip if Set Subroutine Call Clear f Clear W Register Clear Watchdog Timer Set istruzioni PIC16F W = W + k d = W + f (dove d può essere W o f) W = W AND k d = W AND f (dove d può essere W o f) f(b) = 0 f(b) = 1 f(b) = 0? Si, salta una istruzione f(b) = 1? Si, salta una istruzione Chiama la subroutine all'indirizzo k f = 0 W = 0 Watchdog timer = 0 NA L3 7

44 DECF f,d Decrement f d = f -1 (dove d può essere W o f) DECFSZ f,d Decrement f, Skip if 0 d = f -1 (dove d può essere W o f) se d = 0 salta GOTO k Go to address Salta all'indirizzo k INCF f,d Increment f d = f +1 (dove d può essere W o f) INCFSZ f,d Increment f, Skip if 0 d = f +1 (dove d può essere W o f) se d = 0 salta IORLW k Inclusive OR Literal with W W = W OR k IORWF f,d Inclusive OR W with f d = f OR W (dove d può essere W o f) MOVLW k Move literal to W W = k MOVF f,d Move f d = f (dove d può essere W o f) MOVWF f Move W to f f = W NOP No Operation Nessuna operazione OPTION Load Option Register OPTION = W RETIE Return from Interrupt Ritorna da un interrupt handler RETLW k Return Literal to W Ritorna da una subroutine con W = k RETURN Return from Subroutine Ritorna da una subroutine RLF f,d Rotale Left f through Carry d = f << 1 (dove d può essere W o f) NA L3 8

45 RLF f,d RRF f,d SLEEP SUBLW k SUBWF f,d SWAPF f TRIS f XORLW k XORWF f,d Set istruzioni PIC16F Rotale Left f through Carry Rotale Right f through Carry Go into Standby Mode Subtract W from Literal Subtract W from f Swap f Load TRIS Register Exclusive OR Literal with W Exclusive OR W with f d = f << 1 (dove d può essere W o f) d = f >> 1 (dove d può essere W o f) Mette in standby il PIC W = k - W d = f - W (dove d può essere W o f) f = Swap dei bit 0123 con 4567 di f TRIS di f = W W = W XOR k d = f XOR W (dove d può essere NA L3 9

46 Il programma per il PIC si può scrivere usando un Compilatore ad alto livello, ossia un software che usa istruzioni a livello più elevato, per velocizzare e facilitare la stesura del programma. Il Compilatore può essere in linguaggio BASIC ( ad esempio il PicBasic) in linguaggio C Il software per il PIC 2 modo di tipo grafico, ossia che usa simboli grafici al posto delle istruzioni. Ad esempio usa il simbolo di una porta AND al posto dell istruzione assembler equivalente. Due esempi di compilatori grafici sono il Visual Parsic e il Proton+. I compilatori devono essere acquistati ; i più semplici in Basic o C sono a basso costo o anche freeware. Alcuni compilatori, come il Proton+, offrono delle versioni di prova dette Lite, cioè con funzioni limitate. NA L3 10

47 Il software per il PIC 2 modo NA L3 11

48 Il sistema di sviluppo CCS PCWH NA L3 12

49 Programmazione dei PIC Esempio di file HEX : A00C92D0000FF00030E8301A10003 : A08A0008A010408A A : A A5007A08A6007B08A E : B1E1D280B C EDD : C1A F : F F FA002708FB : A00210E8300FF0E7F0E09008A110A12FA : E4288A110A A108A100A118207B6 : D C9 : D :103F10008A B0000A128A EE :103F20000A168A B0000A128A C :103F A168A B08B0000A128A1165 :103F A168A B0000A123B :103F50008A A168A15AE2F8A150A12B0 :103F6000B12E0A148A140A158207FE2CFE2CFE2C90 :023F7000FE2C25 :02400E00323F3F : FF ;PIC16F876 NA L3 13

50 Programmazione del PIC La famiglia PIC16F8X, che comprende il 16F84, il 16F877 ecc., può essere programmata : separatamente, con un Programmatore direttamente, mentre si trova già montato nel circuito finale, aggiungendo nello schema del progetto un adatto connettore in più ( programmazione in-circuit) Dato che il PIC ha una memoria Flash di programma, sono possibili veloci variazioni o aggiornamenti del codice programma. NA L3 14

51 Programmazione del PIC Dopo aver scritto il programma, cioè il codice sorgente, lo si compila: viene creato un file oggetto con estensione.hex, il quale deve essere caricato nella memoria di programma del PIC. Per caricare il file.hex nella memoria programma del PIC occorre: Un personal computer Un programmatore Il software di gestione del programmatore NA L3 15

52 Il primo esercizio => Blinking Led Led lampeggiante che si accende e si spegne ogni mezzo secondo Punti fongamentali per: Analisi, progettazione e stesura del software Analisi e stesura per punti cronologici del problema Flow Charts Scrittura del codice NA L3 16

53 Analisi della soubroutine di ritardo di 500 ms Il concetto è molto semplice: il microcontrollore deve aspettare 500 ms senza compiere alcuna operazione attiva. Ad esempio se il controllore 1. Decrementa il contenuto di un registro (1 µs) 2. Torna a 1. se il contenuto del registro è <> 0 [Confronto] (2 µs) In totale avremo un tempo di esecuzione pari a 3 µs. Se ripetiamo questa operazione per volte avremo un tempo di esecuzione pari a µs cioè circa 500 ms Il nostro controllore possiede registri ad 8 bit allora possiamo sfruttare la seguente logica sfruttando 2 registri ad 8 bit e ricordando che i registri sono ciclici cioè 00-1= FF 1. Riserviamo due registri (delayl e delayh); set delayl 0 e delayh 0 2. Decrement delayl 1 µs 3. se delayl 0 jump 2. else 4. 2 µs 4. questa operazione viene ripetuta per FF 5. (256) volte cioè per 256 x 3 = 768 µs Decrement delayh 1 µs 7. se delayh 0 jump 2. else 6. 2 µs 8. questa operazione viene ripetuta per FF 9. (256) volte cioè per 256 x 3 = 768 µs Considerando che i due cicli sono annidati avremo che i due registri tornano ambedue a zero dopo un tempo pari a 768 x 768 = µs cioè quasi 500 ms. Fine Routine Return NA L3 17

54 Analisi della soubroutine di ritardo di 500 ms -> Flow Chart Il concetto è molto semplice: il microcontrollore deve aspettare 500 ms senza compiere alcuna operazione attiva. Ad esempio se il controllore Decrementa il contenuto di un registro (1 µs) Torna a 1. se il contenuto del registro è <> 0 [Confronto] (2 µs) In totale avremo un tempo di esecuzione pari a 3 µs. Se ripetiamo questa operazione per volte avremo un tempo di esecuzione pari a µs cioè circa 500 ms Il nostro controllore possiede registri ad 8 bit allora possiamo sfruttare la seguente logica sfruttando 2 registri ad 8 bit e ricordando che i registri sono ciclici cioè 00-1= FF 1. Riserviamo due registri (delayl e delayh); set delayl 0 e delayh 0 2. Decrement delayl 1 µs 3. se delayl 0 jump 2. else 4. 2 µs 4. questa operazione viene ripetuta per FF 5. (256) volte cioè per 256 x 3 = 768 µs 6. Decrement delayh 1 µs 7. se delayh 0 jump 2. else 6. 2 µs 8. questa operazione viene ripetuta per FF 9. (256) volte cioè per 256 x 3 = 768 µs Considerando che i due cicli sono annidati avremo che i due registri tornano ambedue a zero dopo un tempo pari a 768 x 768 = µs cioè quasi 500 ms. Fine Routine Return NA L3 18

55 ;*********************************************************** ;Led blinking -> ON/OFF ogni 500 ms ;Led collegato su RB0 ;N.A. October 2004 ;******************************************** PROCESSOR 16F877A ;Direttive preprocessore RADIX DEC INCLUDE "P16F877A.INC" ERRORLEVEL -302 CONFIG 3FF1H LED EQU 0 ;Bit 1 della porta relativa ORG 20h ;Registro general purpose ram RES 2 ;Riservo due registri a 8 bit ORG 00H ;Start reset vector bcf STATUS,RP1 ;Scelgo il Bank 1 bsf STATUS,RP0 ;RP1=0 RP0=1 movlw B ;Bit PORTA come input movwf TRISA movlw B ;Bit1 PORTB in Out movwf TRISB ;gli altri bit in input bcf STATUS,RP0 ;Torno al Bank0 bsf PORTB,LED ;Accendo il Led Loop ; Label call Delay500 ;Delay 500 ms btfsc PORTB,LED ;Spengo il led goto Spegni ;se è acceso bsf PORTB,LED ;Accendo il led goto loop ;Jump a Loop Il Listato completo Spegni bcf PORTB,LED ;Spengo il led goto loop ;Jump a Loop Delay500 Clrf ram Clrf ram+1 ;Sobroutine di ritardo ;Azzero i due registri ;riservati Ciclo_di_ritardo decfsz ram,1 ;Decremento il registro ram goto Ciclo_di_ritardo ;per 256 volte decfsz ram+1,1 ;Decremento il registro ram +1 goto Ciclo_di_ritardo ;per 256 volte return ;Fine soubroutine END ;Indispensabile alla fine del listato NA L3 19

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole.

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L2 1 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit PIC: Peripheral Interface

Dettagli

MPLAB - IDE. Introduzione. 1. Benvenuti in MPLAB. Introduzione

MPLAB - IDE. Introduzione. 1. Benvenuti in MPLAB. Introduzione MPLAB - IDE Introduzione 1. Benvenuto in MPLAB 2. Creare un progetto 3. Creare un nuovo file assembler 4. Scrivere un programma 5. Toolbar icons 6. Simulatore MPSIM Introduzione MPLAB è un programma che

Dettagli

Lezione 1 Caratteristiche principali del PIC16C84 L'hardware

Lezione 1 Caratteristiche principali del PIC16C84 L'hardware Lezione 1 Nella prima lezione del corso, cercheremo di comprendere come sia fatto internamente il controller più conosciuto di Microchip, ovvero il PIC16C84 poi evoluto nel PIC16F84. Sebbene i microcontroller

Dettagli

UNA INTRODUZIONE AL MONDO DEI MICROCONTROLLORI

UNA INTRODUZIONE AL MONDO DEI MICROCONTROLLORI UNA INTRODUZIONE AL MONDO DEI MICROCONTROLLORI 1 Microcontrollori? Molti prodotti utilizzati quotidianamente contengono più intelligenza di quanto ogni utente possa immaginare. Uno studio indica che ogni

Dettagli

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Introduzione Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.:

Dettagli

Qualche informazione sul microcontrollore PIC

Qualche informazione sul microcontrollore PIC Qualche informazione sul microcontrollore PIC Il Web contiene un ampia quantità di informazioni sui microcontrollori e sulla famiglia PIC in particolare. Accanto ai siti dei produttori hardware e software

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ASSEMBLER

PROGRAMMAZIONE ASSEMBLER PROGRAMMAZIONE ASSEMBLER Esempio di semplice lampeggiatore a LED 072805 Sistemi Elettronici Dicembre 2006 Ultimo aggiornamento: 11 dicembre 2006 1 OBBIETTIVI 1 Discutere delle metodologie di progetto e

Dettagli

Microcontrollori. L ultima parte del corso prevede un approfondimento sui microprocessori, in particolare sul PIC 16F876.

Microcontrollori. L ultima parte del corso prevede un approfondimento sui microprocessori, in particolare sul PIC 16F876. 111 Microcontrollori L ultima parte del corso prevede un approfondimento sui microprocessori, in particolare sul PIC 16F876. In elettronica digitale il microcontrollore è un dispositivo elettronico integrato

Dettagli

I PIC Partendo da Zero By link_89

I PIC Partendo da Zero By link_89 I PIC Partendo da Zero By link_89 Indice: 1. Introduzione 2. Che cosa serve 3. I più usati 4. I registri 5. Il Primo progetto Introduzione Con questa guida non pretendo di insegnarvi a usare perfettamente

Dettagli

APPUNTI SUL PIC16F84

APPUNTI SUL PIC16F84 APPUNTI SUL PIC16F84 Gianluca 'gurutech' Mascolo v0.1 04/04/2004 mailto: gurutech_at_gurutech.it Hackit04 Il PIC16F84 è un microcontrollore a 8-bit dotato di due porte di I/O digitali, una da 5 bit e una

Dettagli

Lezione 4. Figura 1. Schema di una tastiera a matrice di 4x4 tasti

Lezione 4. Figura 1. Schema di una tastiera a matrice di 4x4 tasti Lezione 4 Uno degli scogli maggiori per chi inizia a lavorare con i microcontroller, è l'interfacciamento con tastiere a matrice. La cosa potrebbe a prima vista sembrare complessa, ma in realtà è implementabile

Dettagli

Programmazione del microcontrollore PIC 16F84

Programmazione del microcontrollore PIC 16F84 Programmazione del microcontrollore PIC 16F84 2 Indice Capitolo 1: Set di istruzioni del PIC 16F84 1.1 Descrizione sintetica 1.2 Simbologia adottata 1.3 Sintassi 1.4 Descrizione completa Capitolo 2: Variabili,

Dettagli

INTRODUZIONE alla PROGRAMMAZIONE di MICROCONTROLLORI

INTRODUZIONE alla PROGRAMMAZIONE di MICROCONTROLLORI LUCIDI LEZIONI SISTEMI ELETTRONICI INDUSTRIALI www.dismi.unimo.it (People Associated Pavan ) www.microchip.com com (Datasheet PIC - DS30292) (Mid Range Family Manual DS33023) Università degli Studi di

Dettagli

SISTEMA DI SVILUPPO MC-16

SISTEMA DI SVILUPPO MC-16 SISTEMA DI SVILUPPO MC-16 per microcontrollori PIC16F84 - PIC16F876 o MANUALE DI PROGRAMMAZIONE 2 Il sistema MC-16 contiene: Scheda di sviluppo a microcontrollore con PIC16F84 e PIC16F876. Unità di programmazione

Dettagli

8 Microcontrollori PIC

8 Microcontrollori PIC 8 Microcontrollori PIC 8.1 Descrizione generale Un microcontrollore è un dispositivo elettronico che opportunamente programmato è in grado di svolgere diverse funzioni in modo autonomo. Essenzialmente

Dettagli

Lezione 8. Figura 1. Configurazione del registro INTCON

Lezione 8. Figura 1. Configurazione del registro INTCON Lezione 8 In questa puntata, ci dedicheremo all'impiego dei cosiddetti "interrupt", che tanto incutono temore ai più inesperti. Ma che cosa sono questi interrupt? Come abbiamo già visto, un programma non

Dettagli

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8.

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Programmare i PIC in C Prerequisiti: Lezione7 Lezione8 Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L15 1 Timers - Interrupts I timers e gli Interrupts

Dettagli

Il µcontrollore PIC 16F84

Il µcontrollore PIC 16F84 Il µcontrollore PIC 16F84 Microchip Tecnology D. Ch. 1 Il grande successo dei microcontrollori ha indotto tutte le grandi case costrutrici di semiconduttori come la Intel, la Philips Semiconductors, la

Dettagli

Programmazione dello Z80

Programmazione dello Z80 Il microprocessore si incarica di: gestire il programma e i suoi dati di eseguire i calcoli richiesti. Le azioni appena elencate rendono necessario che il microprocessore abbia da qualche parte, al suo

Dettagli

ESERCIZI SUI SISTEMI DI NUMERAZIONE

ESERCIZI SUI SISTEMI DI NUMERAZIONE ESERCIZI SUI SISTEMI DI NUMERAZIONE 1 ) Convertire in base 10 i seguenti numeri rappresentati nelle basi indicate: (1000101) 2 [R. 69] (477) 8 [R. 319] (40F) 16 [R. 1039] (5778) 9 [R. 4283] (126) 9 [R.

Dettagli

Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F

Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F A. Romani Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Cos è un microcontrollore? Differenza tra Microprocessore e Microcontrollore à Microprocessore: normalmente

Dettagli

Corso di Informatica Applicata. Lezione 7. Università degli studi di Cassino

Corso di Informatica Applicata. Lezione 7. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Lezione 7 Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.: +39

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) - Arduino è orientato all'applicazione, - Permette di provare, partendo dal piccolo e crescendo pezzo per pezzo (sviluppo modulare); - Lo sviluppo è aiutato da una enorme community online con esempi e

Dettagli

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Il calcolatore elettronico Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Introduzione Un calcolatore elettronico è un sistema elettronico digitale programmabile Sistema: composto da

Dettagli

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR Architettura di un computer La macchina di Von Neumann Architettura organizzata secondo il modello della macchina di von Neumann definita nei tardi anni 40 all Institute for Advanced Study di Princeton.

Dettagli

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A ITIS M. PLANCK LANCENIGO DI VILLORBA (TV) A.S. 2006/07 CLASSE 4A/ SERALE Corso di elettronica e telecomunicazioni Ins. Zaniol Italo CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A Presentazione

Dettagli

Introduzione ai PICmicro

Introduzione ai PICmicro www.tanzilli.com Introduzione ai PICmicro I PICmicro sono dei circuiti integrati prodotti dalla Microchip Technology Inc., che appartengono alla categoria dei microcontroller, ovvero quei componenti che

Dettagli

Capitolo X del Testo Ettore Panella Giuseppe Spalierno Corso di Elettronica 3 Edizioni Cupido MICROCONTROLLORE PIC 16F84

Capitolo X del Testo Ettore Panella Giuseppe Spalierno Corso di Elettronica 3 Edizioni Cupido MICROCONTROLLORE PIC 16F84 Microcontrollore PIC 16F84 1 1. Generalità Capitolo X del Testo Ettore Panella Giuseppe Spalierno Corso di Elettronica 3 Edizioni Cupido MICROCONTROLLORE PIC 16F84 I microcontrollori sono dei circuiti

Dettagli

introduzione I MICROCONTROLLORI

introduzione I MICROCONTROLLORI introduzione I MICROCONTROLLORI Definizione Un microcontrollore è un dispositivo elettronico programmabile Può svolgere autonomamente diverse funzioni in base al programma in esso implementato Non è la

Dettagli

Un micro FPGA. skills. come il core ABC. il core ABC sia la suite di sviluppo di AC-

Un micro FPGA. skills. come il core ABC. il core ABC sia la suite di sviluppo di AC- skills di Un micro FPGA che parte dall ABC Quando in molti progetti è necessario unire alla logica programmabile la funzionalità di un piccolo microprocessore le soluzioni semplici come il core ABC possono

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore Architettura di un calcolatore Appunti di Antonio BERNARDO Corso di Informatica di base A. Bernardo, Informatica di base 1 1 Compiti del computer Elaborazione di dati Memorizzazione di dati Scambio di

Dettagli

Lezione 3: Architettura del calcolatore

Lezione 3: Architettura del calcolatore Lezione 3: Architettura del calcolatore Architettura di Von Neumann BUS, CPU e Memoria centrale Ciclo di esecuzione delle istruzioni Architettura del calcolatore Il calcolatore è: uno strumento programmabile

Dettagli

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC Il Microcontrollore Per realizzare un automatismo l elettronica ci mette a disposizione diverse possibilità. La prima, la più tradizionale, si basa su componenti transistor, mosfet, integrati con porte

Dettagli

Lezione 16: L architettura LC-3

Lezione 16: L architettura LC-3 Lezione 16: L architettura LC-3 Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 15 Maggio 2013 Ricorda... Il ciclo di esecuzione di un istruzione è composto da sei fasi: FETCH DECODE ADDRESS

Dettagli

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE 1. INTRODUZIONE In questo capitolo viene presentata la struttura, sia interna che esterna, di un microprocessore generico riprendendo i concetti esposti nella

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Università di Ferrara Facoltà di Ingegneria Docente: Ing. Massimiliano Ruggeri Mail: m.ruggeri@imamoter.cnr.it mruggeri@ing.unife.it Tel. 0532/735631 Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Durata:

Dettagli

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors)

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Il microprocessore è un dispositivo integrato digitale che può essere programmato con una serie di istruzioni per effettuare una specifica

Dettagli

CAP. 4: Aspetti generali del Sistema Operativo Linux. l http://home.dei.polimi.it/silvano/acso.htm

CAP. 4: Aspetti generali del Sistema Operativo Linux. l http://home.dei.polimi.it/silvano/acso.htm Struttura interna del sistema Operativo Linux CAP. 4: Aspetti generali del Sistema Operativo Linux CAP. 5: Funzionalità del calcolatore l http://home.dei.polimi.it/silvano/acso.htm Funzionalità del Sistema

Dettagli

La macchina programmata Instruction Set Architecture (1)

La macchina programmata Instruction Set Architecture (1) Corso di Laurea in Informatica Architettura degli elaboratori a.a. 2014-15 La macchina programmata Instruction Set Architecture (1) Schema base di esecuzione Istruzioni macchina Outline Componenti di un

Dettagli

Il sensore ad ultrasuoni

Il sensore ad ultrasuoni Il sensore ad ultrasuoni Caratteristiche elettriche Alimentazione: 5 Vcc Il sensore rileva oggetti da 0 cm fino a 6,45 metri. Tre diverse possibiltà per leggere il dato di uscita del sensore: 1. lettura

Dettagli

Il Personal Computer

Il Personal Computer Il Personal Computer 18 Hardware 1 Hardware: componenti fisiche dell elaboratore; la forma e le prestazioni dell hardware variano in funzione del tipo di elaboratore Principali componenti hardware: unità

Dettagli

Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial. Embedded Software. Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18.

Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial. Embedded Software. Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18 Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. COSA CI SERVE?... 3 3. UN PO DI TEORIA... 4 4. DALLA TEORIA ALLA PRATICA... 5 5. IMPLEMENTAZIONE...

Dettagli

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio Il software di base Software

Dettagli

I sistemi di elaborazione

I sistemi di elaborazione 2 I sistemi di elaborazione 2.0 I sistemi di elaborazione c Diego Calvanese Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2001/2002 2.0 0 2 I sistemi di elaborazione Architettura

Dettagli

Sistemi Elettronici #1. Sistemi Elettronici. Definizioni e concetti generali. Sistemi Elettronici Laurea Triennale in Elettronica A.A.

Sistemi Elettronici #1. Sistemi Elettronici. Definizioni e concetti generali. Sistemi Elettronici Laurea Triennale in Elettronica A.A. Sistemi Elettronici Definizioni e concetti generali Concetti generali Il microcontrollore è un dispositivo che raggruppa su un unico chip un processore ed un insieme di dispositivi CPU Memoria RAM Memoria

Dettagli

Progetto di Microcontrollori. Cronotermostato per Caldaia

Progetto di Microcontrollori. Cronotermostato per Caldaia Progetto di Microcontrollori Cronotermostato per Caldaia Obiettivo del Progetto Realizzazione di un dispositivo elettronico capace di gestire l accensione di una caldaia mediante il controllo della temperatura

Dettagli

Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware

Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware 1. Introduzione. I segnali binari. La parola informatica deriva dal termine francese informatique: è la fusione di due parole information e automatique che significa

Dettagli

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 01 Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Marzo 2009 L architettura del calcolatore 1 Nota bene Alcune parti

Dettagli

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio.

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio. Svolgimento (a) Il sensore di temperatura ha un uscita digitale a 9 bit, emettendo un codice binario proporzionale al valore Temp richiesto. Possiamo pensare si tratti di un dispositivo 1-Wire. Un sistema

Dettagli

Uno dei metodi più utilizzati e

Uno dei metodi più utilizzati e TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA Quinta parte n 257 - Novembre 2006 Realizzazione di un timer digitale programmabile Sesta parte n 258 - Dicembre 2006 Uso delle interfacce seriali Settima parte n 259

Dettagli

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido.

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido. Informatica II Nozioni di hardware docente: Ilaria Venturini Componenti essenziali della struttura interna di un PC Porte Disco rigido CPU scheda video memorie scheda audio bus 1 Struttura hardware dell

Dettagli

SOMMARIO. La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione Le periferiche di Input/Output. a Montagn Maria

SOMMARIO. La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione Le periferiche di Input/Output. a Montagn Maria Parte 4: HARDWARE SOMMARIO La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione i Le periferiche di Input/Output na a Montagn Maria LA CPU CPU: Central Processing Unit. L unità centrale di processo si occupa dell

Dettagli

l progetto descritto in queste pagine è un programmatore multifunzione adatto a tutti (o quasi)

l progetto descritto in queste pagine è un programmatore multifunzione adatto a tutti (o quasi) Elettronica Innovativa di Sandro Reis Completo sistema di programmazione per tutti i moderni microcontrollori Microchip con memoria programma di tipo Flash, cancellabile elettricamente. La scheda dispone

Dettagli

ITIS MAX PLANCK ( Lancenigo di Villorba )

ITIS MAX PLANCK ( Lancenigo di Villorba ) ITIS MAX PLANCK ( Lancenigo di Villorba ) CORSO SERALE ( CLASSE 5^ ZTE ) Area di progetto anno scolastico 2006/2007 Allievi : Enrico De Marchi-Alessio Borin Tutor : Prof. Italo Zaniol GIUOCO DEL BINGO

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA

progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA Interfacciare il PC con il mondo esterno LA PORTA SERIALE DEL PC in uscita con il PIC In questa puntata interfacceremo il Personal Computer con le nostre apparecchiature

Dettagli

Introduzione ai ai Microcontroller

Introduzione ai ai Microcontroller Corso di Robotica - Prof.ssa Cecilia Laschi 26/04/2007 Introduzione ai ai Microcontroller Dr. Virgilio Mattoli (mattoli@crim.sssup.it) Processori Embedded I microprocessori embedded sono contenuti in tutto

Dettagli

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore Il processore Architettura dell elaboratore Il processore La esegue istruzioni in linguaggio macchina In modo sequenziale e ciclico (ciclo macchina o ciclo ) Effettuando operazioni di lettura delle istruzioni

Dettagli

Introduzione alla programmazione dei PLC. ITI Alessandro Volta - Sassuolo Anno Scolastico 2009/2010

Introduzione alla programmazione dei PLC. ITI Alessandro Volta - Sassuolo Anno Scolastico 2009/2010 Introduzione alla programmazione dei PLC ITI Alessandro Volta - Sassuolo Anno Scolastico 2009/2010 Programmazione dei PLC 1 Concetti introduttivi La scrittura di un programma per PLC si basa sull'utilizzo

Dettagli

SISTEMI A MICROPROCESSORE

SISTEMI A MICROPROCESSORE Istituto Tecnico Industriale Statale EUGENIO BARSANTI 80038 POMIGLIANO D ARCO (NA) Via Mauro Leone, 105 Specializzazioni: Meccanica Tel. (081) 8841350 - Fax (081) 8841676 Elettrotecnica e Automazione Distretto

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale. È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica

I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale. È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale Memorizza : istruzioni dati In forma BINARIA : 10001010101000110101... È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica

Dettagli

L architettura di riferimento

L architettura di riferimento Architetture degli elaboratori e delle reti Lezione 10 L architettura di riferimento Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 10 1/27

Dettagli

ARCHITETTURA DELL ELABORATORE

ARCHITETTURA DELL ELABORATORE 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY ARCHITETTURA DELL ELABORATORE Prof. G. Ciaschetti 1. Tipi di computer Nella vita di tutti giorni, abbiamo a che fare con tanti tipi di computer, da piccoli o piccolissimi

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2012-2013 QUADERNO DI INFORMATICA

ANNO SCOLASTICO 2012-2013 QUADERNO DI INFORMATICA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 QUADERNO DI INFORMATICA L INFORMAZIONE L informazione è un concetto (legato, ma indipendente dal codice usato). Non riguarda solo interazioni umane. L informazione analizza il

Dettagli

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di:

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: Il Computer Cos'è il computer? Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: INFORMATICA = INFORmazione automatica E' la scienza che si occupa del trattamento automatico delle informazioni.

Dettagli

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici PICLOCK Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica Ivancich Stefano Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici Istituto tecnico C. Zuccante Mestre A.S. 2013/2014 progetto n

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

K8048 PIC PROGRAMMER BOARD

K8048 PIC PROGRAMMER BOARD K8048 PIC PROGRAMMER BOARD Velleman Kits Welcome to the exciting world of Velleman Kits. Velleman Kit is known all over the world for our High Quality electronic kits. Our range goes from easy to build

Dettagli

Arethusa V22 User manual

Arethusa V22 User manual Arethusa V22 User manual Parsic Italia Via Santerno,8 48010 Savio di Cervia Sito web : www.parsicitalia.it www.parsicitalia.com Copyright e-mail info@parsicitalia.com Copyright Nessuna parte del presente

Dettagli

Introduzione ai Microcontrollori Workshop 08/06/2011 Dott.Ing.Marco Frosini Qprel srl Dott.Ing.Lorenzo Giardina Qprel srl Slide 1 di 27 L'elettronica digitale PRIMA dei microcontrollori Elemento base:

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Struttura del calcolatore

Struttura del calcolatore Struttura del calcolatore Proprietà: Flessibilità: la stessa macchina può essere utilizzata per compiti differenti, nessuno dei quali è predefinito al momento della costruzione Velocità di elaborazione

Dettagli

Il computer e i suoi sottosistemi

Il computer e i suoi sottosistemi pag.1 Il primo approccio al COMPUTER è 'a scatola nera'. Individuiamo quindi: SCOPO Elaborare informazioni. Eseguire istruzioni INGRESSI Dati da elaborare. Istruzioni USCITE Dati elaborati SCHEMA A BLOCCHI:

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE AS 2010/11. I MICROCONTROLLORI e ARDUINO. DOCENTE: Prof. Francesco Contalbi

CORSO DI FORMAZIONE AS 2010/11. I MICROCONTROLLORI e ARDUINO. DOCENTE: Prof. Francesco Contalbi CORSO DI FORMAZIONE IPSIA CASTIGLIANO AS 2010/11 I MICROCONTROLLORI e ARDUINO DOCENTE: Prof. Francesco Contalbi INTRODUZIONE E GENERALITA prof. Francesco Contalbi 2 Perché i Microcontrollori? Sono usatissimi

Dettagli

AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo. Instruction Set Architecture (ISA) e 68000

AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo. Instruction Set Architecture (ISA) e 68000 AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo Instruction Set Architecture (ISA) e 68000 introduzione a ISA ISA - Instruction Set Architecture insieme delle istruzioni (instruction set) che possono

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella Il Sistema Operativo Sistema Operativo 2 Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato

Dettagli

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 :

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 : Un Sistema Operativo è un insieme complesso di programmi che, interagendo tra loro, devono svolgere una serie di funzioni per gestire il comportamento del computer e per agire come intermediario consentendo

Dettagli

Software Applicativo. Hardware. Sistema Operativo Software di Base Traduttori e Linguaggi

Software Applicativo. Hardware. Sistema Operativo Software di Base Traduttori e Linguaggi : di base e applicativo L HardWare (monitor, tastiera, circuiti, stampante, ) è il nucleo fondamentale del calcolatore ma da solo non serve a nulla. Bisogna utilizzare il software per poterlo fare funzionare.

Dettagli

Esempio di moltiplicazione come somma e spostamento

Esempio di moltiplicazione come somma e spostamento Esempio di moltiplicazione come somma e spostamento Implementare una moltiplicazione coinvolge algoritmi di shift e somma Istruzioni di Shift:movimento di bit: ROL Rd ROR Rd LSL Rd LSR ASR Rd Rd 22 x 35

Dettagli

Categorie di sistemi Digitali

Categorie di sistemi Digitali Vivian Marco 3isc AS 2007/08 Categorie di sistemi Digitali A Logica cablata Il comportamento di questi sistemi è legato dalla loro struttura fisica. Se si desidera modificarne il comportamento è necessario

Dettagli

LABORATORIO DI SISTEMI

LABORATORIO DI SISTEMI ALUNNO: Fratto Claudio CLASSE: IV B Informatico ESERCITAZIONE N : 1 LABORATORIO DI SISTEMI OGGETTO: Progettare e collaudare un circuito digitale capace di copiare le informazioni di una memoria PROM in

Dettagli

Calcolatori elettronici: Hardware

Calcolatori elettronici: Hardware Calcolatori elettronici: Andrea Passerini passerini@disi.unitn.it Informatica Macchina di Von Neumann CPU Memoria (centrale) Memoria di massa Interfaccia di I/O Schermo/tastiera Interfaccia di I/O BUS

Dettagli

Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Il processore Lezione 18

Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Il processore Lezione 18 Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Il processore Lezione 18 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Calcolatore: sottosistemi Processore o CPU (Central Processing

Dettagli

Componenti di base di un computer

Componenti di base di un computer Componenti di base di un computer Architettura Von Neumann, 1952 Unità di INPUT UNITA CENTRALE DI ELABORAZIONE (CPU) MEMORIA CENTRALE Unità di OUTPUT MEMORIE DI MASSA PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT (I/O)

Dettagli

' Z80:' archite:ura'ed'esperienze'di' laboratorio' ' P.'Vicini' ' P.Vicini'('Lab.'Sistemi'e'Segnali' 1'

' Z80:' archite:ura'ed'esperienze'di' laboratorio' ' P.'Vicini' ' P.Vicini'('Lab.'Sistemi'e'Segnali' 1' ' Z80:' archite:ura'ed'esperienze'di' laboratorio' ' P.'Vicini' ' P.Vicini'('Lab.'Sistemi'e'Segnali' 1' Calcolatori Prodotto di una tecnologia estremamente vitale con alto impatto economico e sociale Tecnologia

Dettagli

List p=16f84 ;Tipo di processore include "P16F84.INC" ;Definizioni di registri interni. goto Inizio

List p=16f84 ;Tipo di processore include P16F84.INC ;Definizioni di registri interni. goto Inizio ESEMPIO 1.1 Autore: Mikel Etxebarria (c) Microsystems Engineering (Bilbao) Esempio per simulazione Sommare due valori immediati (p.e. 5+7) il risultato va depositato nella posizione 0x10 List p=16f84 Tipo

Dettagli

Architettura del Calcolatore. Prof.Ing.S.Cavalieri

Architettura del Calcolatore. Prof.Ing.S.Cavalieri Architettura del Calcolatore Prof.Ing.S.Cavalieri 1 Evoluzione: tecnologia Sistemi Meccanici Sistemi Elettro-Meccanici (uso di Valvole) Sistemi Interamente Elettronici (basati su Valvole) Sistemi Interamente

Dettagli

STACK, istruzioni PUSH e POP; PROCEDURE, istruzioni CALL e RET

STACK, istruzioni PUSH e POP; PROCEDURE, istruzioni CALL e RET Lo stack STACK, istruzioni PUSH e POP; PROCEDURE, istruzioni CALL e RET Lo stack (tradotto talvolta in italiano con pila o catasta) è un'area di memoria privilegiata, dove il microprocessore può salvare

Dettagli

Appunti di informatica

Appunti di informatica Appunti di informatica L'elaboratore elettronico COSA SI IMPARA IN QUESTA LEZIONE: Come è costituito un elaboratore Come l'elaboratore esegue un proramma Struttura dell'elaboratore Il termine elaboratore

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Il software Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Universitàdegli Studi di Parma SOFTWARE I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono

Dettagli

IL DSP - Digital Signal Processor

IL DSP - Digital Signal Processor IL DSP - Digital Signal Processor Processore dei segnali digitali 1. Generalità Il Digital Signal Processor (DSP, processore di segnali digitali) è un particolare tipo di microprocessore, ottimizzato per

Dettagli

L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono generalmente che le uscite di 2 o più componenti

L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono generalmente che le uscite di 2 o più componenti Banco di registri e memoria Corso ACSO prof. Cristina SILVANO Politecnico di Milano Componenti di memoria e circuiti di pilotaggio L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008

Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008 Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 11/01/08 Nota Questi lucidi sono

Dettagli

Richiami di informatica e programmazione

Richiami di informatica e programmazione Richiami di informatica e programmazione Il calcolatore E una macchina usata per Analizzare Elaborare Collezionare precisamente e velocemente una grande quantità di informazioni. Non è creativo Occorre

Dettagli

DISPLAY REMOTO PILOTATO DALLA SERIALE. LCD_SERv10

DISPLAY REMOTO PILOTATO DALLA SERIALE. LCD_SERv10 DISPLAY REMOTO PILOTATO DALLA SERIALE su CPU18LCD LCD_SERv10 035-693737 1 FUNZIONI del sistema: Il sistema è composto da: 1. una scheda con a bordo ÄÅ Un regolatore 12Vcc / 7Vcc Ä a 5Vcc ÄÇ Un microprocessore

Dettagli

Informatica di Base. Il software

Informatica di Base. Il software di Base 1 Sistemi informatici Hardware Microprocessore Memoria Periferiche di input e output Software Software di sistema Programmi applicativi 2 Il sw applicativo Il sw applicativo è costituito dall insieme

Dettagli

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 COS È L INFORMATICA? Il termine informatica proviene dalla lingua francese, esattamente da INFORmation electronique ou automatique ; tale termine intende che

Dettagli