Informatica Applicata Progettazione dei sistemi di elaborazione 3DUWH ,QWURGX]LRQH. Facoltà di Scienze MM FF NN Università di Urbino A.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informatica Applicata Progettazione dei sistemi di elaborazione 3DUWH ,QWURGX]LRQH. Facoltà di Scienze MM FF NN Università di Urbino A.A."

Transcript

1 3DUWH,QWURGX]LRQH Facoltà di Scienze MM FF NN Università di Urbino A.A. 2001/2002 1

2 3UHPHVVD 7HQGHQ]HWHFQRORJLFKH Circuiti integrati digitali: Legge di Moore: il numero di dispositivi integrabili su un singolo chip cresce del 55% all anno La dimensione lineare minima dei dispositivi elettronici diminuisce del 13% all anno Le prestazioni dei dispositivi elettronici aumentano del 13% all anno Le prestazioni complessive dei circuiti integrati aumentano meno del 13% all anno per colpa del ritardo delle interconnessioni La frequenza operativa dei circuiti integrati raddoppia ogni tre anni Il consumo di potenza dei chip aumenta Il numero di pin aumenta del 12% all anno Tecnologia attuale: 0.13µm, 100,000,000 di dispositivi per chip, frequenza operativa superiore al GHz, consumo di potenza dell ordine di W, 1,000 pin Memorie DRAM: La densità delle celle di memoria cresce di circa il 50% all anno Il tempo di accesso diminuisce molto lentamente Il throughput e la bandwidth aumentano più in fretta dell inverso della latenza Tecnologia attuale: Batterie La capacità delle batterie per unità di peso aumenta Dischi magnetici La densità dei dischi magnetici cresce del 100% all anno Il tempo di accesso diminuisce di un terzo ogni 10 anni 7HQGHQ]HHDVSHWWDWLYHGLPHUFDWR Riduzione dei costi Esempio: DRAM [HP fig. 1.5] Esempio: Intel [HP fig. 1.6] Riduzione di dimensioni Aumento delle prestazioni Le prestazioni dei sistemi a microprocessore aumentano del 58% all anno (di cui solo il 35% è dovuto a fattori tecnologici) [HP fig. 1.1] Aumento delle funzionalità Aumento della disponibilità Aumento dell affidabilità Rapida obsolescenza Esempio: DRAM [HP fig. 1.5] Aumento della pervasività (embedded applications) 3URJHWWR Il compito del progetto è quello di sfruttare la tecnologia per soddisfare le esigenze di mercato Il divario tra le prestazioni dei circuiti integrati e le prestazioni dei sistemi a microprocessore aumenta del 23% all anno ed è attualmente quantificabile in un fattore 15 [HP fig. 1.1] 3DUDPHWULGLPHUFDWR 3DUDPHWULGLSURJHWWR 'LPHQVLRQHGHOPHUFDWRXQLWjYHQGXWHDOJLRUQRQ Fortemente variabile nel tempo e diverso da 0 per un periodo di tempo limitato L andamento tipico è caratterizzato da un tratto ascendente, da un tratto constante e da un tratto iscendente. Facoltà di Scienze MM FF NN Università di Urbino A.A. 2001/2002 2

3 Informatica Applicata Progettazione dei sistemi di elaborazione 3UH]]RDOFRQVXPDWRUH86'ROODU Dipende dalla dimensione del mercato, dal tempo di obsolescenza del prodotto, dagli investimenti sopportati, dal costo di produzione, dalla concorrenza Decresce velocemente durante il ciclo di vita di un prodotto [HP figg. 1.5, 1.6] Composizione del prezzo di mercato [HP fig. 1.7] 7LPHWRPDUNHW0HVLP Ritardo nell immissione sul mercato Somma di: tempo di progetto, tempo di verifica, tempo di produzione, tempo di collaudo Se superiore a quello di prodotti concorrenti causa sia un mancato guadagno immediato che una riduzione dei profitti durante tutta la vita del prodotto Un azienda che immetta sul mercato un prodotto il cui mercato ha già superato la fase ascendente non ha possibilità di conquistare fette di mercato rilevanti 7LPHIRUUHYHQXH0HVLP Periodo di permanenza sul mercato Limitato dalla crescita congiunta delle aspettative di mercato e delle potenzialità tecnologiche Quanto più è lungo tanto più permette di ammortizzare nel tempo gli investimenti iniziali 5HVDGLSURFHVVR Percentuale di prodotti che superano il collaudo e raggiungono il mercato Limitata dalla complessità dei sistemi e dei processi Aumenta il costo di produzione e il prezzo unitario La stima della resa può essere falsata da un collaudo inefficace 3DUDPHWULWHFQLFL 3UHVWD]LRQL)UHTXHQ]D+]7KURXJKSXW0,360236/DWHQ]DQV&3, Dipendono dal tempo di elaborazione di ogni componente, dal numero di componenti in cascata, dal ritardo di propagazione dei segnali lungo le linee di interconnessione e dall architettura del sistema Benchmarks &RQVXPRGLSRWHQ]D: Dipende dalla tecnologia, dalla complessità del sistema, dalla frequenza operativa, dalla tensione di alimentazione, dalle capacità interne e dall attività media Causa problemi di disponibilità (durata delle batterie dei sistemi portatili), di packaging (raffreddamento) e di affidabilità (temperatura operativa) &RQVXPRGLHQHUJLD- Rispetto al consumo di potenza, non dipende dalla frequenza operativa Riduce la disponibilità in termini di capacità di elaborazione piuttosto che in termini di tempo di elaborazione $IILGDELOLWj5W Probabilità, stimata al tempo 0, che il sistema continui a funzionare correttamente fino al tempo t dato che funziona correttamente al tempo 0 Funzione decrescente del tempo indicata con 5(W) Nota la probabilità 3 che il sistema si guasti in un unità di tempo, 5(W)=(1-3) nell ipotesi di noninvecchiamento 3 aumenta (e l'affidabilità diminuisce) all'aumentare della complessità del sistema È difficile raccogliere dati statisticamente significativi per la caratterizzazione diretta di 3 Nota la probabilità di guasto nell'unità di tempo di ogni componente del sistema (S ), quella del sistema si ricava analiticamente ipotizzando che ogni componente sia indispensabile al corretto funzionamento 3 = 1 = (1 1 dove 1 è il numero di componenti. Nell'ipotesi semplificativa in cui tutti i componenti abbiano la stessa probabilità di guasto S, la probabilità di guasto del sistema risulta: 3 = 1 (1 S) da cui è evidente che la probabilità di guasto del sistema dipende dal numero di componenti. Generalmente, tanto più elementari e diffusi sono i componenti tanto più semplice è raccogliere statistiche significative sulla loro probabilità di guasto nell unità di tempo. Facoltà di Scienze MM FF NN Università di Urbino A.A. 2001/ S )

4 'LPHQVLRQLPP PP.J Le dimensioni dei chip non sono direttamente un problema, poiché generalmente trascurabili rispetto a quelle di altri componenti dei sistemi elettronici, quali i dispositivi di input output (monitor, display, tastiera) le cui dimensioni sono dettate da esigenze di fruibilità Indirettamente, i requisiti di portabilità (dimensioni e peso ridotti) impongono di limitare le dimensioni delle batterie (non trascurabili) e quindi dettano specifiche di consumo di potenza ai componenti elettronici 'LVSRQLELOLWjRUHKJLRUQLJWHPSR Durata delle batterie dei sistemi portatili (h,g) Influenzata dal consumo di potenza Quantità di elaborazione supportata da una sola carica della batteria (milioni di istruzioni) Influenzata dal consumo di energia Percentuale di tempo di funzionamento (%) Influenzata dalla probabilità di rottura e dal tempo medio di riparazione 6SD]LRGLSURJHWWR Spazio N-dimensionale i cui assi rappresentano i parametri del progetto Ogni soluzione è associata ad un punto nello spazio di progetto La presenza di parametri conflittuali e l'intervallo limitato di definizione dei parametri individuano zone di fattibilità (punti che rappresentano soluzioni possibili) e zone di infattibilità (i cui punti rappresentano soluzioni impossibili) Ogni coppia di parametri individua un piano su cui si può proiettare lo spazio di progetto La curva che sul piano separa la zona di fattibilità da quella di infattibilità è detta Curva di Pareto, luogo dei punti che rappresentano i migliori compromessi tra i due parametri (non ci si puo allontanare dalla curva di Pareto entrando nella zona di fattibilità senza peggiorare almeno uno dei parametri). Il progetto in uno spazio a 2 parametri può essere affrontato in 3 modi diversi: come ottimizzazione simultanea di entrambi i parametri. In tal caso occorre dare un peso ai due parametri per avere un criterio per decidere a favore dell uno o dell altro in situazioni conflittuali. In tal caso si definisce una funzione obiettivo come combinazione lineare (o somma pesata) dei parametri di interesse f=c0x+c1y e si minimizza (o massimizza) f come ottimizzazione di x condizionata al rispetto di un vincolo su y come ottimizzazione di y condizionata al rispetto di un vincolo su x In genere i problemi di ottimizzazione incondizionata sono più semplici da risolvere, ma la scelta dei pesi nella definizione della funzione obiettivo è arbitraria Su un piano x-y, il procedimento di soluzione di un problema di ottimizzazione del parametro y condizionato al valore del parametro x=x0 è rappresentato da un segmento che, partendo da un punto dello spazio di fattibilità (y,x0), raggiunge la curva di Pareto nel punto (x0,y0), oltre il quale non riesce a spingersi La soluzione di problemi di ottimizzazione condizionata per diversi valori della condizione x0 individua per punti la curva di Pareto 6LVWHPLGLHODERUD]LRQH (OHPHQWLIRQGDPHQWDOLGLXQVLVWHPDGLHODERUD]LRQH Elaborazione Trasformazione di informazione Memoria Conservazione di informazione nel tempo Comunicazione Trasferimento di informazione nello spazio 5LXVRGLFRPSRQHQWLJHQHUDOSXUSRVHHSURJHWWRGLFRPSRQHQWLDGKRF Uso di componenti general-purpose programmabili Ridotto time-to-market Limitati gradi di libertà a disposizione del progettista Soluzioni sub-ottime Soluzioni full-custom / application-specific Completa disponibilità dei gradi di libertà Facoltà di Scienze MM FF NN Università di Urbino A.A. 2001/2002 4

5 Aumento dei costi e del tempo di progetto e produzione Soluzioni potenzialmente ottime 6LVWHPLDPLFURSURFHVVRUH Hardware Software Sistemi di calcolo general purpose calcolatori elettronici progettati per progettati per offrire buone prestazioni medie su ampie categorie di software Sistemi di calcolo special-purpose Domain-specific (esempio:igital signal processors, DSP) Application-specific (ASIP) progettati per offrire buone prestazioni su una particolare categoria di software, sacrificando le prestazioni offerte in applicazioni diverse Sistemi embedded Microprocessori inseriti in apparati complessi dedicati ad applicazioni specifiche in cui la presenza di microprocessori non è apparente (telefoni cellulari, elettrodomestici, automobili,...) dedicati all esecuzione continua di pochi segmenti di codice $UFKLWHWWXUHYLUWXDOL Un architettura virtuale è simulata da strumenti software (detti macchine virtuali, YLUWXDOPDFKLQH, 90) che girano su architetture reali (generalmente comuni PC). Un esempio di architettura virtuale è quella realizzata dalle -DYD9LUWXDO0DFKLQH, JVM. Il software compilato per la JVM (bytecode) è portabile, nel senso che puo essere eseguito da tutte le macchine sulle quali può essere installata ed eseguita la JVM. Del resto la virtual machine introduce un overhead in termini di prestazioni, poichè il bytecode, benchè compilato, è di fatto interpretato dalla VM. 6WLPDGLSDUDPHWUL 6SHFLILFKHHTXDOLWjGHOVHUYL]LR Specifiche o requisiti (FRQVWUDLQWV UHTXLUHPHQWV): limiti imposti ad uno o più parametri di progetto I limiti sono detti KDUG se non ammettono violazioni, VRIW se ammettono violazioni Alcuni parametri (tra cui consumo di potenza, prestazioni, disponibilità) sono fortemente dipendenti dalle condizioni operative e quindi trattabili solo come variabili aleatorie in fase di progetto I requisiti imposti alle prestazioni di un sistema a microprocessore possono riguardare: il tempo medio di esecuzione di un task il tempo massimo di esecuzione di un task il tempo di esecuzione di un task specifico in condizioni specifiche I requisiti che riguardano il tempo massimo di esecuzione di un task sono detti UHDOWLPHFRQVWUDLQWV poichè sono quelli tipicamente imposti da applicazioni che producono risultati la cui fruizione avviene in tempo reale (ad esempio la decodifica di immagini televisive) La qualità del servizio offerto da un sistema di calcolo in una data applicazione puo essere valutata come probabilità di violazione dei requisiti imposti a quella applicazione (ad esempio probabilità di decodificare in ritardo un frame di un video) %HQFKPDUNLQJ Poichè molti dei parametri di un sistema a microprocessore (in partiolare le prestazioni) dipendono fortemente dall uso che ne viene fatto, si pone il problema di standardizzare le condizioni in cui tali parametri sono valutati, al fine di rendere la misura riproducibile e di rendere confrontabili diverse architetture. Le condizioni di lavoro di un sistema vengono indicate con il termine inglese ZRUNORDG. Tipicamente, il workload di un sistema a microprocessore è rappresentato dal software applicativo e dai dati su cui esso opera, mentre il software di sistema è visto come parte del sistema da caratterizzare. Si chiama EHQFKPDUN un workload riproducibile e ben documentato. Esistono diversi tipi di benchmark, concepiti per valutare parametri di natura diversa o per essere applicati a sistemi diversi. In particolare distinguiamo tre categorie di benchmark: applicazioni reali benchmark sintetici rappresentativi di situazioni tipiche microbenchmark concepiti per caratterizzare aspetti molto specifici Facoltà di Scienze MM FF NN Università di Urbino A.A. 2001/2002 5

6 In molti casi i benchamrk sono raggruppati in insiemi (suite) di benchmark tutti necessari a fornire una caratterizzazione completa di sistemi general purpose L uso di numerosi benchmark per la valutazione e il confronto di prestazioni di sistemi general purpose pone il problema di combinare i risultati relativi ai singoli benchmark per ottenerne una sola figura di merito. Media aritmetica dei tempi di esecuzione: ha il difetto di pesare maggiormente il confronto tra i benchmark con tempi di esecuzione più lunghi Media pesata dei tempi di esecuzione: il tempo di esecuzione di ciascun benchmark contribuisce alla media con un peso calcolato sulla base di previsioni sulla composizione del workload del sistema reale che si vuol valutare Media geometrica dei tempi di esecuzione relativi: ogni tempo di esecuzione è diviso per il tempo di esecuzione dello stesso benchmark su un architettura di riferimento (Sun Ultra5_10 Sparc 300MHz con 256Mb di RAM). La media geometrica è calcolata come radice N-essima del prodotto degli N tempi di esecuzione relativi. Il vantaggio della media geometrica è che la media geometrica del rapporto è uguale al rapporto delle medie geometriche. Nel caso di microprocessori embedded dedicati ad applicazioni specifiche, la valutazione delle prestazioni puo essere effettuata direttamente utilizzando l applicazione target. 6LPXOD]LRQH(PXOD]LRQH3URWRW\SLQJ Se non si dispone del sistema reale (ad esempio perchè è in fase di progetto o perchè se ne vuole valutare l acquisto) è possibile valutarne le prestazioni eseguendo i benchmark su sistemi diversi che emulino il comportamento del sistema di interesse Simulatore: strumento software eseguibile da un calcolatore elettronico general purpose che simula il comportamento (funzionale e/o parametrico) di un sistema diverso. Per i sistemi a microprocessore distinguiamo due generi di simulatori: o o Simulatori a livello di istruzione (ISS,,QVWUXFWLRQVHWVLPXODWRUV), che simulano l esecuzione dell instruction set dell architettura target, ma non tengono conto dei dettagli microarchitetturali. Cioè lo stato del simulatore coincide con quello del sistema simulato al termine dell esecuzione di ogni istruzione. Simulatori F\FOHDFFXUDWH che simulano il comportamento dell architettura target ciclo di clock per ciclo di clock. Cioe lo stato del simulatore coincide con quello del sistema simulato al limite di ciascun ciclo di clock. Emulatore: piattaforma hardware/software riconfigurabile in grado di emulare il comportamento di diversi sistemi a microprocessore Prototipo: realizzazione preliminare del sistema target 3URILOLQJHG,QVWUXPHQWDWLRQ In molti casi, eseguendo un segmento di codice ha interesse non solo conoscere il tempo totale di esecuzione, ma anche informazioni di natura statistica sull uso delle risorse, sulla composizione delle istruzioni, ecc. L insieme di queste informazioni viene detto SURILOR, e il processo necessario a collezionarle SURILOLQJ Mentre il tempo totale di esecuzione è in genere direttamente misurabile, l estrazione di profili richiede la modifica del software o della piattaforma che lo esegue. La modifica del software o dell harware al fine di collezionare profili d esecuzione viene detta LQVWUXPHQWDWLRQ. Facoltà di Scienze MM FF NN Università di Urbino A.A. 2001/2002 6

7 Fig. 1.1 Fig. 1.5 Facoltà di Scienze MM FF NN Università di Urbino A.A. 2001/2002 7

8 Fig. 1.6 Fig. 1.7 Facoltà di Scienze MM FF NN Università di Urbino A.A. 2001/2002 8

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE Lezione 7 a Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della scienza, di voler studiare come il variare di una o più variabili (variabili

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

Principal Component Analysis (PCA)

Principal Component Analysis (PCA) Principal Component Analysis (PCA) Come evidenziare l informazione contenuta nei dati S. Marsili-Libelli: Calibrazione di Modelli Dinamici pag. Perche PCA? E un semplice metodo non-parametrico per estrarre

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO 1 Prodotto, azienda, cliente Prodotto: bene che viene venduto da un azienda ad un cliente Impresa: attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

I costi nel breve periodo

I costi nel breve periodo I costi di produzione e la funzione di offerta Breve e lungo periodo Il breve periodo è quell orizzonte temporale nel quale l impresa può variare solo parzialmente l impiego degli input esempio: l impresa

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic Temp 360 Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD - 0,01 C Temp 300 Professional Datalogger, a doppio canale, per sonde a termocoppia K, T, J, B, R, E, S, N Temp 16 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD Temp

Dettagli

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Francesco Vatalaro Dipartimento di Ingegneria dell Impresa Mario Lucertini Università di Roma Tor Vergata Padova, Orto Botanico - Aula Emiciclo, 27 Marzo 2015 Contenuti

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica 1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica in corrente continua Si hanno a disposizione : 1 alimentatore di potenza in corrente continua PS 2 multimetri digitali 1

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo:

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo: ALGORITMI 1 a Parte di Ippolito Perlasca Algoritmo: Insieme di regole che forniscono una sequenza di operazioni atte a risolvere un particolare problema (De Mauro) Procedimento che consente di ottenere

Dettagli

Altri cifrari a blocchi

Altri cifrari a blocchi Altri cifrari a blocchi Barbara Masucci Dipartimento di Informatica ed Applicazioni Università di Salerno masucci@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/masucci RC2 [1989] IDEA (International

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Microelettronica Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded

Microelettronica Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded Microelettronica Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded Introduzione prof. Stefano Salvatori A.A. 2014/2015 Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo documento sono

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Mediante il derating termico l inverter riduce la propria potenza per proteggere i propri componenti dal surriscaldamento. Il presente

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 Modulo termostato a pannello 4 COLLEGAMENTO 9-12V DC/ 500mA L1 L2 ~ Riscaldatore/Aria condizionata Max. 3A Max. 2m Sensore di temperatura Per prolungare il sensore, utilizzare

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

FUNZIONAMENTO DI UN BJT

FUNZIONAMENTO DI UN BJT IL TRANSISTOR BJT Il transistor inventato nel 1947, dai ricercatori Bardeen e Brattain, è il componente simbolo dell elettronica. Ideato in un primo momento, come sostituto delle valvole a vuoto per amplificare

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC

Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC Introduzione Pipeline Processori RISC Salti Appendice A: Storia Bibliografia Versione con i frame Versione in pdf Architettura del processore Una possibile

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Applicazione gestionale progettata per gestire tutti gli aspetti di palestre, centri sportivi e centri benessere Sicuro Personalizzabile

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi rapporti tecnici 2008 Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi Giuseppe Anania Sezione provinciale Bologna Campi elettromagnetici INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. LO STANDARD

Dettagli