LABORATORIO DI SISTEMI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LABORATORIO DI SISTEMI"

Transcript

1 ALUNNO: Fratto Claudio CLASSE: IV B Informatico ESERCITAZIONE N : 1 LABORATORIO DI SISTEMI OGGETTO: Progettare e collaudare un circuito digitale capace di copiare le informazioni di una memoria PROM in una memoria RAM, attraverso l utilizzo di Circuit Maker SCHEMA: 1) Memoria RAM1k 2) Memoria PROM32 3) Buffer 3-S 4) Switch 5) LED 1

2 6) Schema elettrico 2

3 RELAZIONE L esperienza effettuata in laboratorio si è articolata in due fasi: 1) la prima fase consisteva nel progettare e realizzare un circuito digitale capace di copiare il contenuto di ogni singola locazione di memoria di un dispositivo PROM nelle rispettive locazioni di memoria di un dispositivo RAM; 2) la seconda fase consisteva nel collaudare, per verificarne il corretto funzionamento, il circuito progettato e realizzato nella prima fase. TEORIA SULLE MEMORIE: Le memorie sono dei dispositivi capaci di immagazzinare delle grandi quantità di dati in formato digitale. Esse sono costituite da strutture, chiamate locazioni (ognuna delle quali è contraddistinta da un proprio indirizzo sottoforma di un numero binario), che possono contenere un numero finito di celle di memoria, ognuna delle quali è in grado di memorizzare un singolo BIT (Binary digit). Generalmente, nelle memorie che sono attualmente in commercio, sono presenti delle locazioni che contengono 8 celle di memoria; ogni singola locazione ci permette, quindi, di memorizzare un parola, cioè un unità informativa elementare (1 Byte). Sulle memorie possono essere effettuate due operazioni, che sono di fondamentale importanza per il loro utilizzo: 1) l operazione di scrittura, cioè quella operazione che ci consente di memorizzare un determinato dato in una determinata locazione di memoria; 2) l operazione di lettura, cioè quella operazione che ci consente di recuperare, e quindi di porle in uscita, le informazioni contenute in determinate locazioni. Le memorie differiscono l una dall altra per la loro architettura, cioè differiscono nel modo di accedere, tramite un indirizzo, ad una locazione di memoria. Per questo motivo esse vengono classificate in: a) memorie ad accesso sequenziale; b) memorie ad accesso diretto; c) memorie ad accesso ad indirizzo implicito. Memorie Ad Accesso Sequenziale Si ha una memoria ad accesso sequenziale, quando sia l operazione di lettura che quella di scrittura agiscono su un singolo dato alla volta. Nella fase di lettura viene messo in uscita il dato contenuto nella locazione di memoria corrispondente all indirizzo successivo a quello dell ultima locazione alla quale si ha avuto accesso; nella fase di scrittura l informazione viene immagazzinata nella locazione corrispondente all indirizzo successivo a quello dell ultima locazione alla quale si ha avuto accesso. Memorie Ad Accesso Diretto Si ha una memoria ad accesso diretto, quando è possibile prelevare o immettere dati in diverse locazioni di memoria, senza tener conto dell indirizzo dell ultima locazione alla quale si ha avuto accesso. Questo tipo di memorie sono anche chiamate memoria ad accesso casuale, perché esse non sono in grado di prevedere il futuro indirizzo a cui l utente vorrà accedere o per leggere o per scrivere. 3

4 Memorie Ad Accesso Ad Indirizzo Implicito Si ha una memoria ad accesso ad indirizzo implicito, quando l accesso viene effettuato sempre alla stessa locazione di memoria; ciò fa si che soltanto una locazione di memoria sia in collegamento con l esterno. In questo tipo di memorie, nella fase di scrittura il dato immesso dall utente viene memorizzato nella locazione alla quale si può avere accesso; contemporaneamente a questa operazione il dato contenuto nella locazione stessa viene fatto scorrere, quindi memorizzato, nella locazione immediatamente successiva; nella fase di lettura l informazione viene prelevata dalla locazione alla quale si può avere accesso che, una volta effettuata la lettura, viene occupata dall informazione contenuta nella locazione di memoria più prossima. LE MEMORIE AD ACCESSO CASUALE Le memorie ad accesso casuale si dividono, in base alle operazioni che si possono effettuare con esse, in due categorie: 1) le memorie di sola lettura: ROM (Read Only Memory); 2) le memorie di lettura \ scrittura: RAM (Random Access Memory). Nelle memorie di sola lettura, le informazioni sono inserite direttamente nella fase di realizzazione del dispositivo. Esistono tuttavia dei dispositivi, appartenenti a questa categoria di memorie, che possono essere programmati direttamente dall utente. Questi dispositivi vengono chiamati PROM (Programmable Read Only Memory). Una caratteristica delle memorie di sola lettura è quella che le informazioni, una volta scritte, non possono essere più rimosse. Esistono, in ogni modo, dei dispositivi ROM i cui dati possono essere rimossi; questo tipo di memorie possono essere quindi riprogrammate. Due memorie riprogrammabili sono: a) le memorie EPROM (Erasable Programmable Read Only Memory), la cui fase di cancellazione avviene proiettando, sulla superficie di silicio del dispositivo, raggi ultravioletti. Una caratteristica di questo genere di memoria è quella che, per essere riprogrammate, devono essere rimosse dalla scheda sulla quale si trovano; b) le memorie EEPROM (Erasable Electrically Programmable Read Only Memory), la cui fase di cancellazione avviene attraverso l utilizzo di impulsi di tensione di valore e durata prestabiliti. Questo genere di memorie possono essere riprogrammate direttamente sulla scheda sulla quale si trovano. Nelle memorie di lettura \ scrittura è possibile accedere ad una qualsiasi locazione, sempre utilizzando un indirizzo binario, o per prelevare un dato (lettura) o per memorizzarne uno (scrittura). La caratteristica di questo tipo di dispositivi è quella che, in fase di scrittura, il nuovo dato che si va a memorizzare, si va a sovrascrivere a quello già presente nella locazione. 4

5 MEMORIE E DISPOSITIVI UTILIZZATI NELL ESPERIENZA Le memorie utilizzate nell esperienza sono state: 1) una memoria PROM 32 composta da: a) un bus indirizzi ( cioè l insieme delle linee sulle quali bisogna porre l indirizzo, sottoforma di numero binario, della locazione di memoria alla quale si vuole accedere) formato da cinque pin (N locazioni = 2^N pin => 2^5 = 32 locazioni disponibili); b) un pin rappresentante il Chip Select (CS), cioè quel chip in grado di abilitare o meno tutto il dispositivo; c) un bus dati (cioè l insieme delle linee sulle quali viaggiano, in binario, le informazioni) formato da otto pin (N massimo che la memoria poteva contenere = (2) = 255(10) = FF(16)); 2) una memoria RAM 1k formata da: a) un bus indirizzi formato da dieci pin (N locazioni = 2^10 = 1024 locazioni disponibili); b) un pin rappresentante il Chip Select (CS); c) un bus dati formato da otto pin; d) un bus di controllo (cioè l insieme delle linee che permettono di regolare il trasferimento dei dati) formato dal pin WE (Write Enable). Esso, secondo il suo stato, consente di stabilire il tipo di operazione che si vuole effettuare sulla memoria: se il suo stato è a livello basso, si abilita l operazione di scrittura; se il suo stato è a livello alto, si abilita l operazione di lettura. I dispositivi utilizzati nell esperienza sono stati: 1) nove switch, cioè degli interruttori logici che ci consento di stabilire lo stato logico di un pin; essi possono assumere due livelli logici: il livello alto (1), che corrisponde ad una tensione pari a 5V, ed il livello basso (0), che corrisponde ad una tensione pari a 0V; 2) otto LED, cioè dei dispositivi capaci di convertire degli impulsi elettrici in impulsi luminosi. Ognuno di essi, quando ricevono in ingresso un dato a livello alto, si accendono; quando ricevono in ingresso un dato a livello basso, rimangono spenti; 3) otto Buffer 3-State, cioè dei dispositivi in grado di scollegare virtualmente alcune linee di collegamento. Il buffer 3-S è un sistema digitale che in uscita, oltre ai due livelli logici consueti (0 e 1), può assumere un terzo stato: lo stato di alta impedenza. Esso è costituito da un ingresso, da un uscita e da un gate, che funziona in logica negativa. Se il gate è attivo, l informazione presente in ingresso è la stessa di quella presente in uscita; se il gate è disattivato, il dispositivo si scollega virtualmente dal circuito facendo si che il dato in ingresso non agisca più sull uscita. Sono stati utilizzati questi tipi di dispositivi per non far andare in conflitto l uscita della memoria PROM con l ingresso \ uscita della memoria RAM. 5

6 FASE 1: PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE Nella fase di progettazione si è valutato a priori le memorie ed i dispositivi da utilizzare per arrivare a compimento dell oggetto dell esperienza. Una volta terminata la fase di progettazione si è stati in grado di passare alla fase di realizzazione al PC, attraverso il software di simulazione Circuit Maker. Per fare ciò si è messo sul banco di lavoro virtuale tutto ciò che serviva per realizzare il circuito, prelevando ogni memoria ed ogni dispositivo da una lista messa a disposizione dal software. Dopo quest operazione, si è potuto programmare la memoria PROM memorizzando un dato, sottoforma di numero binario, ad ogni sua locazione di memoria. In seguito si è collegato: 1) cinque switch ai rispettivi pin del bus indirizzi sia della PROM che della RAM (ES. switch A0 ai pin A0 delle due memorie; switch A1 ai pin A1 delle due memorie; ecc.); 2) uno switch ai restanti pin del bus indirizzi della memoria RAM, inizializzandoli a 0; 3) uno switch al Chip Select della PROM; 4) uno switch al Chip Select della RAM; 5) uno switch al pin WE della memoria RAM; 6) le otto uscite della memoria PROM agli otto ingressi dei buffer 3-S (ES. pin O0 all ingresso di B0; pin O1 all ingresso di B1; ecc.); 7) le otto uscite dei buffer 3-S alle otto uscite della memoria RAM (ES. uscita di B0 al pin I00; uscita B1 al pin I01; ecc); 8) gli otto gate dei buffer 3-S al WE; 9) le otto uscite della memoria RAM agli otto LED (ES. pin I00 a L0; pin I01a L1; ecc.). Osservazione sul Buffer 3-S: si è collegato il buffer 3-S in questo modo perché: se si impostava lo switch del WE allo stato 1 (abilitando l operazione di lettura della RAM) le linee di collegamento tra le uscite delle due memorie dovevano essere disabilitate (per consentire ai LED di non essere dipendenti dallo stato dei pin della PROM ma solo dallo stato dei pin della RAM). Per far sì che ciò accadesse il gate del buffer 3-S doveva risultare disabilitato, ovvero doveva essere allo stato 1. Una volta finiti i collegamenti si è potuti passare alla fase di simulazione del circuito per collaudarlo e verificare quindi il suo corretto funzionamento. FASE 2: SIMULAZIONE DEL CIRCUITO E COLLAUDO Per effettuare il collaudo con Circuit Maker, si è dovuto impostare il tipo di simulazione che si intendeva effettuare (Digital Simulation). Dopo avere impostato la simulazione, è stato attivato il comando RUN SIMULATION; si è potuto, così, interagire con la grafica del software fornendo, attraverso gli interruttori collegati ai bus indirizzi delle due memorie, tutti gli indirizzi possibili per accedere a tutte le locazioni di memoria. Ogni volta che si combinavano gli switch, per copiare l informazione contenuta nella PROM (corrispondente all indirizzo fornito dagli interruttori) nella RAM (con il medesimo indirizzo) si è dovuto abilitare la scrittura della memoria portando l interruttore del WE allo stato 0. Per verificare il corretto funzionamento della fase di scrittura, dopo aver abilitato la fase di lettura del dispositivo RAM, ponendo l interruttore del WE allo stato 1, si è andati a comparare il numero binario presente sul bus dati della RAM (ricavandolo attraverso la lettura dei LED), di tutte le locazioni di memoria del dispositivo stesso, con il numero binario immesso, nelle rispettive locazioni di memoria, durante la fase di programmazione della PROM. Da questo controllo si è arrivati alla conclusione che tutti i dati sono stati copiati con successo. 6

L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono generalmente che le uscite di 2 o più componenti

L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono generalmente che le uscite di 2 o più componenti Banco di registri e memoria Corso ACSO prof. Cristina SILVANO Politecnico di Milano Componenti di memoria e circuiti di pilotaggio L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore Architettura di un calcolatore Appunti di Antonio BERNARDO Corso di Informatica di base A. Bernardo, Informatica di base 1 1 Compiti del computer Elaborazione di dati Memorizzazione di dati Scambio di

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Livello logico digitale. bus e memorie

Livello logico digitale. bus e memorie Livello logico digitale bus e memorie Principali tipi di memoria Memoria RAM Memorie ROM RAM (Random Access Memory) SRAM (Static RAM) Basata su FF (4 o 6 transistor MOS) Veloce, costosa, bassa densità

Dettagli

Architettura del computer (C.Busso)

Architettura del computer (C.Busso) Architettura del computer (C.Busso) Il computer nacque quando fu possibile costruire circuiti abbastanza complessi in logica programmata da una parte e, dall altra, pensare, ( questo è dovuto a Von Neumann)

Dettagli

Memorie ROM (Read Only Memory)

Memorie ROM (Read Only Memory) Memorie ROM (Read Only Memory) Considerando la prima forma canonica, la realizzazione di qualsiasi funzione di m variabili richiede un numero di porte AND pari al numero dei suoi mintermini e di prolungare

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale. È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica

I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale. È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale Memorizza : istruzioni dati In forma BINARIA : 10001010101000110101... È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica

Dettagli

Architettura di un sistema di elaborazione N.1

Architettura di un sistema di elaborazione N.1 Architettura di un sistema di elaborazione N.1 Le memorie (Unità 3) La memoria è la parte del computer destinata a conservare informazioni per un certo periodo di tempo. La memorizzazione di informazioni

Dettagli

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore Il processore Architettura dell elaboratore Il processore La esegue istruzioni in linguaggio macchina In modo sequenziale e ciclico (ciclo macchina o ciclo ) Effettuando operazioni di lettura delle istruzioni

Dettagli

Interfacciamento con memorie Pagina 1 di 9

Interfacciamento con memorie Pagina 1 di 9 Interfacciamento con memorie Pagina 1 di 9 Supponiamo di voler interfacciare il microprocessore con un chip di memoria RAM da 2 Kbyte in modo che le 2048 locazioni del chip occupino i primi 2048 indirizzi

Dettagli

SISTEMI A MICROPROCESSORE

SISTEMI A MICROPROCESSORE Istituto Tecnico Industriale Statale EUGENIO BARSANTI 80038 POMIGLIANO D ARCO (NA) Via Mauro Leone, 105 Specializzazioni: Meccanica Tel. (081) 8841350 - Fax (081) 8841676 Elettrotecnica e Automazione Distretto

Dettagli

I sistemi di elaborazione

I sistemi di elaborazione 2 I sistemi di elaborazione 2.0 I sistemi di elaborazione c Diego Calvanese Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2001/2002 2.0 0 2 I sistemi di elaborazione Architettura

Dettagli

Elementi dell'automazione! 3. Funzioni! 3. Comando! 3. Regolazione! 3. Schema a blocchi di base! 3. Regolatori a due posizioni! 4

Elementi dell'automazione! 3. Funzioni! 3. Comando! 3. Regolazione! 3. Schema a blocchi di base! 3. Regolatori a due posizioni! 4 Automazione Indice Elementi dell'automazione! 3 Funzioni! 3 Comando! 3 Regolazione! 3 Schema a blocchi di base! 3 Regolatori a due posizioni! 4 Segnale analogico! 4 Segnale digitale! 4 Conversione da decimale

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 4 - parte II La memoria 1 La memoriaparametri di caratterizzazione Un dato dispositivo di memoria è caratterizzato da : velocità di accesso,

Dettagli

clock DATA BUS ADDRESS BUS CONTROL BUS In realtà il bus del microprocessore si compone di 3 bus diversi: Bus indirizzi Bus di controllo

clock DATA BUS ADDRESS BUS CONTROL BUS In realtà il bus del microprocessore si compone di 3 bus diversi: Bus indirizzi Bus di controllo Schede a microprocessore Seconda parte Mondo esterno clock MEMORIA CPU PERIFERICA ADATTATORE DATA BUS ADDRESS BUS CONTROL BUS In realtà il bus del microprocessore si compone di 3 bus diversi: Bus dati

Dettagli

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (DF-M) Memorie

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (DF-M) Memorie 2009-2010 Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (DF-M) 9 Memorie 1 Memoria In generale : qualsiasi supporto delegato alla memorizzazione di dati

Dettagli

Architettura degli Elaboratori

Architettura degli Elaboratori Circuiti combinatori slide a cura di Salvatore Orlando, Andrea Torsello, Marta Simeoni 1 Circuiti integrati I circuiti logici sono realizzati come IC (circuiti integrati)! realizzati su chip di silicio

Dettagli

Architettura dei computer

Architettura dei computer Architettura dei computer In un computer possiamo distinguere quattro unità funzionali: il processore (CPU) la memoria principale (RAM) la memoria secondaria i dispositivi di input/output Il processore

Dettagli

Università degli Studi di Cassino Corso di Fondamenti di Informatica Codifica di dati e istruzioni. Anno Accademico 2010/2011 Francesco Tortorella

Università degli Studi di Cassino Corso di Fondamenti di Informatica Codifica di dati e istruzioni. Anno Accademico 2010/2011 Francesco Tortorella Corso di Fondamenti di Informatica Codifica di dati e istruzioni Anno Accademico 2010/2011 Francesco Tortorella La codifica dei dati e delle istruzioni La più piccola unità di informazione memorizzabile

Dettagli

Il computer e i suoi sottosistemi

Il computer e i suoi sottosistemi pag.1 Il primo approccio al COMPUTER è 'a scatola nera'. Individuiamo quindi: SCOPO Elaborare informazioni. Eseguire istruzioni INGRESSI Dati da elaborare. Istruzioni USCITE Dati elaborati SCHEMA A BLOCCHI:

Dettagli

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Il calcolatore elettronico Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Introduzione Un calcolatore elettronico è un sistema elettronico digitale programmabile Sistema: composto da

Dettagli

SOMMARIO. La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione Le periferiche di Input/Output. a Montagn Maria

SOMMARIO. La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione Le periferiche di Input/Output. a Montagn Maria Parte 4: HARDWARE SOMMARIO La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione i Le periferiche di Input/Output na a Montagn Maria LA CPU CPU: Central Processing Unit. L unità centrale di processo si occupa dell

Dettagli

Materiali per il modulo 1 ECDL. Autore: M. Lanino

Materiali per il modulo 1 ECDL. Autore: M. Lanino Materiali per il modulo 1 ECDL Autore: M. Lanino RAM, l'acronimo per "random access memory", ovvero "memoria ad acceso casuale", è la memoria in cui vengono caricati i dati che devono essere utilizzati

Dettagli

Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU MEMORIE

Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU MEMORIE Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU Bus MEMORIE RAM (Random Access Memory). Memoria Centrale, Memoria di Lavoro, Memoria principale. Consiste in una matrice di celle

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) Opcode OpCode Operazione

UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) Opcode OpCode Operazione RCHITETTUR DI UN ELORTORE MCCHIN DI VON NEUMNN Ispirata al modello della Macchina di Von Neumann (Princeton, Institute for dvanced Study, anni 40). UNITÀ FUNZIONLI fondamentali Processore (CPU) Centrale

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole.

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L2 1 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit PIC: Peripheral Interface

Dettagli

P. L. C. Marino prof. Mazzoni. (Programmable Logic Controller)

P. L. C. Marino prof. Mazzoni. (Programmable Logic Controller) 1 P. L. C. Marino prof. Mazzoni (Programmable Logic Controller) Il PLC è nato nell anno 1960 concepito dalla General Motors, prima dell avvento del microprocessore. Negli anni 70 il PLC si trasformò da

Dettagli

8 Microcontrollori PIC

8 Microcontrollori PIC 8 Microcontrollori PIC 8.1 Descrizione generale Un microcontrollore è un dispositivo elettronico che opportunamente programmato è in grado di svolgere diverse funzioni in modo autonomo. Essenzialmente

Dettagli

Elettronica dei Sistemi Digitali Dispositivi logici programmabili

Elettronica dei Sistemi Digitali Dispositivi logici programmabili Elettronica dei Sistemi Digitali Dispositivi logici programmabili Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 6013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

Architettura degli elaboratori - modulo A Anno Accademico 2000 / 2001. Capitolo 6 - Memorie

Architettura degli elaboratori - modulo A Anno Accademico 2000 / 2001. Capitolo 6 - Memorie Architettura degli elaboratori - modulo A Anno Accademico 2 / 2 Capitolo 6 - Memorie Una cella di memoria in un sistema digitale è un qualcosa in grado di memorizzare il valore booleano che una variabile

Dettagli

La Memoria Principale. La Memoria Principale. La Memoria Interna. La Memoria Principale

La Memoria Principale. La Memoria Principale. La Memoria Interna. La Memoria Principale Fondamenti di Informatica B Lezione n.13 n.13 Fondamenti di Informatica B Lezione n. 13 MEMORIE VLSI, MEMORIE MAGNETICHE EVOLUZIONE, COSTI, CAPACITÀ, PRESTAZIONI CONCETTI DI BASE E TECNOLOGIA DELLE MEMORIE

Dettagli

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Le Memorie Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Memorie Memoria Principale (centrale) Si accede direttamente dalla CPU non permanente Memoria Secondaria (di massa) Si accede tramite il sottosistema di input/output

Dettagli

Organizzazione della memoria

Organizzazione della memoria Memorizzazione dati La fase di codifica permette di esprimere qualsiasi informazione (numeri, testo, immagini, ecc) come stringhe di bit: Es: di immagine 00001001100110010010001100110010011001010010100010

Dettagli

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR Architettura di un computer La macchina di Von Neumann Architettura organizzata secondo il modello della macchina di von Neumann definita nei tardi anni 40 all Institute for Advanced Study di Princeton.

Dettagli

TECNICHE AVANZATE DI I/O. Al loro livello più basso, tutti i file scritti sull hard disk. Training per esperti SU FILE

TECNICHE AVANZATE DI I/O. Al loro livello più basso, tutti i file scritti sull hard disk. Training per esperti SU FILE Training per esperti TECNICHE AVANZATE DI I/O SU FILE Spesso, la decisione di dividere in processi differenti la produzione dei dati dall uso degli stessi viene presa perché occorre scrivere i dati su

Dettagli

Il Personal Computer

Il Personal Computer Il Personal Computer 18 Hardware 1 Hardware: componenti fisiche dell elaboratore; la forma e le prestazioni dell hardware variano in funzione del tipo di elaboratore Principali componenti hardware: unità

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado Anna Frank Nome Cognome classe anno sc. 2008/09 INFORMATICA

Scuola Secondaria di Primo Grado Anna Frank Nome Cognome classe anno sc. 2008/09 INFORMATICA Scuola Secondaria di Primo Grado Anna Frank Nome Cognome classe anno sc. 2008/09 INFORMATICA Il termine informatica riassume due parole, informazione automatica, e si occupa dei sistemi per l elaborazione

Dettagli

Lezione 3: Architettura del calcolatore

Lezione 3: Architettura del calcolatore Lezione 3: Architettura del calcolatore Architettura di Von Neumann BUS, CPU e Memoria centrale Ciclo di esecuzione delle istruzioni Architettura del calcolatore Il calcolatore è: uno strumento programmabile

Dettagli

Programma ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE MACCHINA DI VON NEUMANN CPU & MEMORIA UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) Questa settimana:

Programma ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE MACCHINA DI VON NEUMANN CPU & MEMORIA UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) Questa settimana: Progma La settimana scorsa: cos è l informatica? cos è un algoritmo? cos è un progma? come si descrive un algoritmo? di cosa si compone un? che cos è il software? a cosa serve? Questa settimana: qual è

Dettagli

COSTITUZIONE E PARTI FONDAMENTALI DI UN ELABORATORE

COSTITUZIONE E PARTI FONDAMENTALI DI UN ELABORATORE COSTITUZIONE E PARTI FONDAMENTALI DI UN ELABORATORE Dicesi sistema di elaborazione un complesso di macchine e programmi la cui organizzazione ed interazione è volta al conseguimento di un obiettivo mediante

Dettagli

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria Architettura dell elaboratore Capacità di memorizzazione dei dispositivi di memoria: Memoria centrale attualmente si arriva ad alcuni GB centinaia di GB o TB Memoria principale e registri: volatilità,

Dettagli

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi:

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi: Modulo 8 Elettronica Digitale Contenuti: Introduzione Sistemi di numerazione posizionali Sistema binario Porte logiche fondamentali Porte logiche universali Metodo della forma canonica della somma per

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.7. Il moltiplicatore binario e il ciclo di base di una CPU

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.7. Il moltiplicatore binario e il ciclo di base di una CPU Lezione n.7 Il moltiplicatore binario e il ciclo di base di una CPU 1 SOMMARIO Architettura del moltiplicatore Architettura di base di una CPU Ciclo principale di base di una CPU Riprendiamo l analisi

Dettagli

Corso di Informatica. ASP G. Mazzini 2004-05

Corso di Informatica. ASP G. Mazzini 2004-05 Corso di Informatica ASP G. Mazzini 2004-05 Hardware, software, information technology Qual è il significato del termine informatica? E' la scienza che si propone di raccogliere, organizzare, conservare

Dettagli

ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI VOLUME I

ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI VOLUME I Graziano Frosini ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI VOLUME I ASSEMBLER E CORRISPONDENZA FRA C++ E ASSEMBLER CON RIFERIMENTO AL PERSONAL COMPUTER E ALL AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE DJGPP Copyright MMIX ARACNE editrice

Dettagli

Architetture e Reti Logiche. Seconda parte. Corso SSRI Online Insegnamento di Architetture e Reti Logiche del prof. Nello Scarabottolo

Architetture e Reti Logiche. Seconda parte. Corso SSRI Online Insegnamento di Architetture e Reti Logiche del prof. Nello Scarabottolo Architetture e Reti Logiche Seconda parte Corso SSRI Online Insegnamento di Architetture e Reti Logiche del prof. Nello Scarabottolo Architetture e reti logiche (2 parte) Modulo 5 - Componenti elettronici

Dettagli

Memory TREE. Luigi Zeni DII-SUN Fondamenti di Elettronica Digitale

Memory TREE. Luigi Zeni DII-SUN Fondamenti di Elettronica Digitale Memory TREE Mercato delle memorie non-volatili Organizzazione della memoria Row Address 1 2 M Row D e c o d e r M 2 rows 1 Bitline One Storage Cell Cell Array Wordline Row Decoder 2 M 1 2 N Sense Amplifiers

Dettagli

CHE COS'È UN COMPUTER?

CHE COS'È UN COMPUTER? CHE COS'È UN COMPUTER? Un computer è una macchina elettronica capace di ricevere, trasmettere, immagazzinare ed elaborare informazioni, risolvendo i più svariati problemi con straordinaria velocità ed

Dettagli

Calcolatori Elettronici L-A

Calcolatori Elettronici L-A Calcolatori Elettronici L-A Mapping di chip di memoria e interfacce negli spazi di indirizzamento di sistemi con bus dati da 8 bit Decodifica degli indirizzi Decodifica completa Decodifica semplificata

Dettagli

Francia dalla contrazione delle parole INFORmazione e automatica. Elaborazione e trattamento automatico delle informazioni INFORMATICA

Francia dalla contrazione delle parole INFORmazione e automatica. Elaborazione e trattamento automatico delle informazioni INFORMATICA INFORMATICA La parola INFORMATICA indica l insieme delle discipline e delle tecniche che permettono la trattazione automatica delle informazioni che sono alla base delle nostre conoscenze e delle loro

Dettagli

L informatica comprende:

L informatica comprende: Varie definizioni: INFORMATICA Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione Definizione proposta: Scienza della rappresentazione e dell elaborazione dell informazione

Dettagli

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 01 Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Marzo 2009 L architettura del calcolatore 1 Nota bene Alcune parti

Dettagli

Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Il processore Lezione 18

Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Il processore Lezione 18 Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Il processore Lezione 18 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Calcolatore: sottosistemi Processore o CPU (Central Processing

Dettagli

Informatica. Esplicazione del manuale e delle slide. Informatica Appunti Luiss Marco D Epifanio. Marco

Informatica. Esplicazione del manuale e delle slide. Informatica Appunti Luiss Marco D Epifanio. Marco Informatica Appunti Luiss Marco D Epifanio Informatica Esplicazione del manuale e delle slide Marco Liberamente tratto da Introduzione alle tecnologie informatiche e ai sistemi informativi aziendali, McGraw.

Dettagli

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido.

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido. Informatica II Nozioni di hardware docente: Ilaria Venturini Componenti essenziali della struttura interna di un PC Porte Disco rigido CPU scheda video memorie scheda audio bus 1 Struttura hardware dell

Dettagli

Programmazione dello Z80

Programmazione dello Z80 Il microprocessore si incarica di: gestire il programma e i suoi dati di eseguire i calcoli richiesti. Le azioni appena elencate rendono necessario che il microprocessore abbia da qualche parte, al suo

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore 2009-2010 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 7 Architettura di un calcolatore Lez. 7 1 Modello di Von Neumann Il termine modello di Von Neumann (o macchina di Von

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

Metodi per la rappresentazione delle informazioni Metodi per la rappresentazione delle soluzioni Linguaggi di programmazione Architettura dei

Metodi per la rappresentazione delle informazioni Metodi per la rappresentazione delle soluzioni Linguaggi di programmazione Architettura dei Varie definizioni: INFORMATICA Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione Definizione proposta: Scienza della rappresentazione e dell elaborazione dell informazione

Dettagli

Memorie 8.1 CLASSIFICAZIONE DELLE MEMORIE

Memorie 8.1 CLASSIFICAZIONE DELLE MEMORIE Memorie 8 Memorie In questo capitolo verranno illustrate brevemente le varie tipologie di memorie a semiconduttore esistenti (RAM, ROM, volatili, non volatili) Si inizierà a trattare in dettaglio le memorie

Dettagli

Architettura di un PC

Architettura di un PC Architettura di un PC Hardware Insieme di circuiti elettronici ed elettromeccanici che costituiscono un calcolatore Architettura Combinazione delle funzionalità operative delle singole unità hardware del

Dettagli

Architettura dei calcolatori

Architettura dei calcolatori Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica C.I. 3 Modulo Informatica 2 c.f.u. Anno Accademico 2009/2010 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori II parte

Dettagli

APRICANCELLO GSM GSM-CX84 CKEY GSM Gate Opener

APRICANCELLO GSM GSM-CX84 CKEY GSM Gate Opener APRICANCELLO GSM GSM-CX84 CKEY GSM Gate Opener Manuale di installazione e utilizzo Indice 1. Introduzione pag. 2 2. Informazioni pag. 3 2.1 Istruzioni sulla sicurezza pag. 3 3. Installazione pag. 4 3.1

Dettagli

Modulo 2 L architettura dei calcolatori

Modulo 2 L architettura dei calcolatori Modulo 2 L architettura dei calcolatori La macchina di von Neumann I moderni sistemi di elaborazione oggi in commercio non sono tutti uguali, anzi presentano notevoli differenze in termini di velocità,

Dettagli

ABB i-bus EIB / KNX Terminali di ingresso binari BE/S

ABB i-bus EIB / KNX Terminali di ingresso binari BE/S Manuale di prodotto ABB i-bus EIB / KNX Terminali di ingresso binari BE/S Sistemi di installazione intelligente Questo manuale descrive il funzionamento dei terminali di ingresso binari BE/S. Questo manuale

Dettagli

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 :

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 : Un Sistema Operativo è un insieme complesso di programmi che, interagendo tra loro, devono svolgere una serie di funzioni per gestire il comportamento del computer e per agire come intermediario consentendo

Dettagli

STORIA DEI CIRCUITI CIRCUITO CABLATO CIRCUITO STAMPATO

STORIA DEI CIRCUITI CIRCUITO CABLATO CIRCUITO STAMPATO STORIA DEI CIRCUITI CIRCUITO CABLATO è uno dei primi che nasce, si tratta di un circuito realizzato collegando con dei fili i vari componenti. I contatti vengono realizzati uno ad uno. Pregi: Grande facilità

Dettagli

APRICANCELLO GSM GSM-CX84 CKEY GSM Gate Opener

APRICANCELLO GSM GSM-CX84 CKEY GSM Gate Opener APRICANCELLO GSM GSM-CX84 CKEY GSM Gate Opener Manuale di installazione e utilizzo Indice 1. Introduzione pag. 2 2. Informazioni pag. 3 2.1 Istruzioni sulla sicurezza pag. 3 3. Installazione pag. 4 3.1

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2012-2013 QUADERNO DI INFORMATICA

ANNO SCOLASTICO 2012-2013 QUADERNO DI INFORMATICA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 QUADERNO DI INFORMATICA L INFORMAZIONE L informazione è un concetto (legato, ma indipendente dal codice usato). Non riguarda solo interazioni umane. L informazione analizza il

Dettagli

Componenti dell elaboratore

Componenti dell elaboratore L hardware del PC Componenti dell elaboratore Hardware Parte fisica del sistema Dispositivi fisici Software Parte logica del sistema Programmi e dati 2 Hardware dell elaboratore 3 L'architettura del calcolatore

Dettagli

che vengano generati nell ordine corretto i sistema (es., la memoria, l unità aritmetico-

che vengano generati nell ordine corretto i sistema (es., la memoria, l unità aritmetico- Principi di architetture dei calcolatori: l unità di controllo Mariagiovanna Sami L unità di controllo Per eseguire le istruzioni di macchina, occorre che vengano generati nell ordine corretto i segnali

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE 1. INTRODUZIONE In questo capitolo viene presentata la struttura, sia interna che esterna, di un microprocessore generico riprendendo i concetti esposti nella

Dettagli

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano IL COMPUTER LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano LA TRASMISSIONE IN BINARIO I computer hanno un loro modo di rappresentare i

Dettagli

Laboratorio di Architettura degli Elaboratori - A.A. 2012/13

Laboratorio di Architettura degli Elaboratori - A.A. 2012/13 Università di Udine - Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Architettura degli Elaboratori - A.A. 2012/13 Circuiti logici, lezione 1 Sintetizzare

Dettagli

Modulo 1 Hardware Unità 1 Elementi interni

Modulo 1 Hardware Unità 1 Elementi interni Modulo 1 Hardware Unità 1 Elementi interni Prof. Antonio Scanu 1 Elementi di Base Il termine informatica deriva dall'unione dei termini INFORMazione e automatica. Si tratta della materia che studia le

Dettagli

Le componenti fisiche di un computer: l hardware

Le componenti fisiche di un computer: l hardware Le componenti fisiche di un computer: l hardware In questa sezione ci occuperemo di come è strutturato e come funziona l hardware di un computer. In particolare, nella Sezione ci occuperemo del punto di

Dettagli

Manuale del Programma EPROM Creator V1.0

Manuale del Programma EPROM Creator V1.0 EPROM Creator V1.0 1 Manuale del Programma EPROM Creator V1.0 By Gianluca Calicchia EPROM Creator V1.0 2 Indice Manuale del Programma EPROM Creator V1.0...1 Premessa...3 Requisiti...3 Procedura per realizzare

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

Zoccolo (slot o socket) per il processore. Slot per le memorie RAM. Slot per le schede di espansione con bus ISA (superato),

Zoccolo (slot o socket) per il processore. Slot per le memorie RAM. Slot per le schede di espansione con bus ISA (superato), DENTRO IL COMPUTER Nei lucidi che seguono esamineremo i principali componenti di un PC. La maggior parte dei PC ha una struttura modulare: sono permesse numerose configurazioni utilizzando componenti di

Dettagli

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Giuseppe Nicosia CdL in Matematica (Laurea Triennale) Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Università di Catania Bit e loro Memorizzazione Definizioni Algoritmo: una

Dettagli

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE MEMORIE SECONDARIE I dati e i programmi devono essere conservati su memorie non volatili, di adeguate dimensioni e di costo contenuto. Occorre utilizzare dispositivi di memoria di massa quali ad esempio

Dettagli

EEPROM SERIALI IN MICROWIRE.

EEPROM SERIALI IN MICROWIRE. Corso di BASCOM 8051 - (Capitolo 2 8 ) Corso Teorico/Pratico di programmazione in BASCOM 8051. Autore: DAMINO Salvatore. EEPROM SERIALI IN MICROWIRE. Tra i dispositivi più utilizzati, nelle applicazioni

Dettagli

Lo scopo della nostra tesi è analizzare le principali differenze esistenti tra Badge, Barcode, Simcard e studiarne il funzionamento

Lo scopo della nostra tesi è analizzare le principali differenze esistenti tra Badge, Barcode, Simcard e studiarne il funzionamento Pagina iniziale Premessa Lo scopo della nostra tesi è analizzare le principali differenze esistenti tra Badge, Barcode, Simcard e studiarne il funzionamento to. Arzaroli Diego ha sviluppato IL BARCODE

Dettagli

TELECONTROLLO APRICANCELLO GSM GSM-CX340

TELECONTROLLO APRICANCELLO GSM GSM-CX340 TELECONTROLLO APRICANCELLO GSM GSM-CX340 Manuale di installazione e utilizzo Indice 1. Introduzione pag. 2 2. Informazioni pag. 3 2.1 istruzioni sulla sicurezza pag. 3 3. Collegamenti elettrici pag. 4

Dettagli

Versione A: caricamento ed esecuzione del codice

Versione A: caricamento ed esecuzione del codice Versione A: caricamento ed esecuzione del codice «Nella sua prima versione, la CPU si compone soltanto di registri utili ad accedere alla memoria per leggere il codice operativo da eseguire, come di vede

Dettagli

Elementi fondamentali del calcolatore L elaboratore è costituito da 4 elementi funzionali fondamentali:

Elementi fondamentali del calcolatore L elaboratore è costituito da 4 elementi funzionali fondamentali: Elementi fondamentali del calcolatore L elaboratore è costituito da 4 elementi funzionali fondamentali: le periferiche la memoria centrale l unità di elaborazione il bus di sistema Le periferiche consentono

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

Lettore General Porpouse di Badge Magnetici

Lettore General Porpouse di Badge Magnetici Lettore General Porpouse di Badge Magnetici I sistemi di controllo degli accessi trovano da sempre ampio consenso tra il nostro pubblico; questo è il motivo per cui proponiamo regolarmente all interno

Dettagli

La Memoria Virtuale Ottimizzazione della memoria centrale

La Memoria Virtuale Ottimizzazione della memoria centrale La Memoria Virtuale Ottimizzazione della memoria centrale 1) Introduzione- Gerarchia della memoria Da un punto di vista funzionale, ogni dispositivo di memorizzazione elettronica di informazioni presenta

Dettagli

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC Il Microcontrollore Per realizzare un automatismo l elettronica ci mette a disposizione diverse possibilità. La prima, la più tradizionale, si basa su componenti transistor, mosfet, integrati con porte

Dettagli

Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware

Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware 1. Introduzione. I segnali binari. La parola informatica deriva dal termine francese informatique: è la fusione di due parole information e automatique che significa

Dettagli

Struttura del calcolatore

Struttura del calcolatore Struttura del calcolatore Proprietà: Flessibilità: la stessa macchina può essere utilizzata per compiti differenti, nessuno dei quali è predefinito al momento della costruzione Velocità di elaborazione

Dettagli

Modulo di controllo accessi ed apricancello Descrizione e modalità d uso

Modulo di controllo accessi ed apricancello Descrizione e modalità d uso MANUALE D USO CONTROLLO ACCESSI GSM Modulo di controllo accessi ed apricancello Descrizione e modalità d uso Rev.0710 Pag.1 di 8 www.carrideo.it INDICE 1. IL SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI - APRICANCELLO...

Dettagli

7 Secure Digital Card (SDcard)

7 Secure Digital Card (SDcard) 7 Secure Digital Card (SDcard) 7.1 Descrizione generale La Secure Digital (SD) card è una scheda di memoria flash-based con grande capacità di immagazzinamento dati (da 16Mb a 2GB a seconda della scheda)

Dettagli

AMSPRIMO by E.A.R. s.r.l

AMSPRIMO by E.A.R. s.r.l AMSPRIMO by E.A.R. s.r.l GUIDA IN LINEA INDICE Introduzione Nella Scatola Requisiti di Sistema Caratteristiche Tecniche Installazione Sistema Configurazione Gestore e Sim Configurazione Attività e Stampa

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli