ExpBoard 0216 Manual. Expansion Board GAS versione Base. FluctuS Intelligent Sensor System

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ExpBoard 0216 Manual. Expansion Board 0216 - GAS versione Base. FluctuS Intelligent Sensor System"

Transcript

1 Cod. Doc.: _rev10_FluctuS ExpBoard 0216 Manual Revisione: 1.0 Data: 17/05/2013 Pag. 1/14 ExpBoard 0216 Manual Expansion Board GAS versione Base FluctuS

2 Sommario 1 DESCRIZIONE SCHEMI ELETTRICI LINEE GUIDA DEL CIRCUITO STAMPATO DESCRIZIONE LAYOUT ASSEGNAZIONE PIN AL CONNETTORE DI INTERFACCIA 5 2 CONFIGURAZIONE SOFTWARE BEEPER LED SENSORE DI PRESSIONE MPXH6250A SENSORE DI TEMPERATURA E PRESSIONE SHT AMPLIFICATORE OPERAZIONALE A GUADAGNO VARIABILE MCP6S POTENZIOMETRO DIGITALE MCP SENSORE DI GAS 0 E GAS INSTALLAZIONE 10 3 FUNZIONI SENSORE DI PRESSIONE ATMOSFERICA SENSORE DI TEMPERATURA E UMIDITÀ RELATIVA SENSORI GAS 14 Pag. 2

3 1 Descrizione La scheda Sensori Gas gestisce le seguenti periferiche: Beeper per segnalazioni acustiche Led Sensore di Pressione atmosferica assoluta MPXH6250A Sensore Gas generico del tipo MQx (Gas Sensor 0) Sensore Gas generico del tipo MQx o Figaro NGM2611 (Gas Sensor 1) Sensore di temperatura e umidità SHT-71 Eeprom seriale I2C-bus da 8Kbyte utilizzata per la memorizzazione dei dati di taratura dei sensori installati sulla scheda Potenziometro digitale I2C-bus a 128 step (MCP4018) utilizzato per gestire l offset nella lettura dei sensori di gas presenti sulla scheda Amplificatore operazionale SPI a guadagno variabile MCP6S22. Questo componente permette all utente di leggere due diversi sensori di gas con un singolo canale ADC. 1.1 Schemi elettrici Figura 1 Schema Elettrico Scheda Gas Base Pag. 3

4 Figura 2 Schema Elettrico Scheda Gas Base 1.2 Linee guida del circuito stampato il PCB deve avere 1mm di spessore per poter essere inserito nelle guide della scatola il PCB deve rispettare le quote indicate in figura 1 il PCB deve prevedere il foro per il connettore Ethernet della scheda FluctuS il connettore di interfaccia verso la scheda FluctuS deve essere quotato come indicato in figura 1 sia sul fronte che sul retro del PCB i componenti devono stare all interno delle aree delimitate in caso di utilizzo di un pulsante da pannello o altro connettore si tipo passante, fare attenzione affinché non vada in collisione con i componenti della scheda FluctuS 1.3 Descrizione layout Figura 1 Vista frontale della scheda di espansione Gas Base Pag. 4

5 Figura 1a Quote scheda di espansione Gas 1.4 Assegnazione pin al connettore di interfaccia Il connettore Expansion Port, presente sulla scheda FluctuS, consente ad un utente di utilizzare una serie di pin General Purpose grazie ai quali può collegare un proprio hardware customizzato. Il connettore ha il pinout descritto in tabella 1. Le colonne Nome e Direzione identificano rispettivamente il nome e la funzionalità di ogni pin presente sul connettore. In particolare, oltre ai segnali di massa e alimentazione, sono presenti: o 8 pin di I/O generico, nominati come EXPGPx o 5 pin utilizzati per letture ADC, nominati come EXPADCn o 2 pin utilizzati dalla periferica I2C-BUS (SCL0 e SDA0). L utente ha la possibilità di utilizzare questi in base al tipo di hardware che intende collegare. Nella tabella 1, nelle colonne Definizione e Assegnazione, vengono descritte le funzionalità che i pin del connettore Expansion Port assumono per la scheda Base Sensori Pin Nome Direzione Definizione Assegnazione 1 3V3A - - Alimentazione 3,3V per Analogica 2 3V3 - - Alimentazione 3,3V per Digitale 3 GNDA Massa Analogica 4 GND Massa Digitale 5 VCC Alimentazione 5V Digitale 6 EXPGP3 Out 1 Dato seriale per MCP6S22 7 EXPGP2 Out 0 Clock seriale per MPC6S22 8 EXPGP9 I/O Input On/Off sensore Gas 1 9 EXPGP7 Out 1 Chip select MCP6S22 10 EXPADC1 Ian - Canale ADC per lettura multiplexata sensori Gas0 e Gas1 11 EXPADC4 Ian - Canale ADC per lettura sensore di pressione atmosferica 12 EXPGP1 I/O Input On/Off sensore Gas 0 13 EXPADC5 Ian - Canale ADC non utilizzato 14 GND - - Massa Digitale 15 EXPADC2 Ian - Canale ADC non utilizzato Pag. 5

6 16 EXPADC3 Ian - Canale ADC per lettura Vref sensore Figaro NGM2611 (non gestito) 17 SCL0 Out - I2C-bus Clock 18 EXPGP5 Out 1 Clock SHT SDA0 I/O - I2C bus Data 20 EXPGP6 I/O Out Data SHT EXPGP4 Out 0 On/Off LED 22 EXPGP8/PWM Out 0 On/Off Beeper Tabella 1 2 Configurazione software Il Bios della scheda FluctuS inizializza tutti i pin EXPGPx e EXPADCx del connettore della porta di espansione come ingressi. Per poter collegare la scheda Sensori, l utente, deve re-inizializzare i pin generici presenti sul connettore in modo da poter usare ciascun pin secondo le funzionalità specifiche che la scheda Sensori richiede. Nel rimappare un pin l utente deve prima settare il livello del pin e successivamente settarne la direzione. Questo accorgimento evita che si creino dei glitch (alto/basso o viceversa) soprattutto nel momento in cui un pin viene re-inizializzato come uscita. Per la Scheda Sensori Base per eseguire la re-inizializzazione dei pin sono stati creati i file c e h. La re-inizializzazione permette inoltre di eliminare, a livello applicativo, qualsiasi riferimento ai pin general purpose definiti a livello di Bios. Inoltre sono stati prodotti i file gest c e gest h che contengono alcune routine customizzate per il setup e la lettura dei due sensori di Gas presenti sulla scheda. L inizializzazione viene eseguita dalla routine EXPboardInit() e varia in base al tipo di periferica. 2.1 Beeper Il Beeper presente sulla scheda Base Sensori viene controllato tramite il pin EXPGP8/PWM del connettore di espansione. All interno della routine di EXPboardInit() tale pin viene settato basso e successivamente dichiarato come uscita. // Inizializzazione del pin assegnato al beeper EXPGP8_L; EXPGP8_OUT; L utente può attivare e disattivare il Led tramite le routine di BEEPERon() e BEEPERoff() definite all interno del file h. Pag. 6

7 2.2 Led Il led presente sulla scheda Base Sensori viene controllato tramite il pin EXPGP4 del connettore di espansione. Come per il Beeper, all interno della routine di EXPboardInit() tale pin viene settato basso e successivamente dichiarato come uscita. // Inizializzazione del pin assegnato al Led EXPGP4_L; EXPGP4_OUT; L utente può accendere e spegnere il Led tramite le macro di LEDPANEL_ON e LEDPANEL_OFF definite all interno del file h. #define LEDPANEL_ON EXPGP4_H // Led pannello acceso #define LEDPANEL_OFF EXPGP4_L // Led pannello spento 2.3 Sensore di pressione MPXH6250A Il sensore di pressione MPXH6250A non ha bisogno di essere inizializzato. Per poter leggere il valore della pressione misurata basta eseguire una lettura ADC tramite la routine Bios MPXH6250Aread(ch) che richiede come ingresso il canale ADC su cui eseguire la lettura. Come mostrato in tabella 1 il canale ADC riservato al sensore MPXH6250A è raggiungibile tramite il pin EXPADC4 del connettore di espansione. Per eliminare qualsiasi riferimento a questo pin general purpose, e quindi rendere customizzata la chiamata alla routine MPXH6250Aread, il canale EXPADC4 viene ridefinito come PRESSURE_SENS. #define PRESSURE_SENS EXPADC4 2.4 Sensore di temperatura e pressione SHT71 Per inizializzare il sensore SHT71 viene utilizzata la struttura di Bios SHT71HW. Il sensore, essendo di tipo seriale, deve essere gestito tramite i segnali di clock e data. Questi due segnali vengono generati manualmente. In particolare al segnale di clock viene associato il pin EXPGP5 del connettore di espansione e al segnale di data viene associato il pin EXPGP6. Per rendere la struttura SHT71HW il più flessibile possibile, per entrambi i segnali vengono richiesti la porta e il pin a cui sono fisicamente collegati. Questo permette all utente di assegnare al proprio sensore uno dei generici pin di I/O presenti sul connettore. Come mostrato nella seconda colonna della tabella, nella routine di EXPboardInit() viene inizializzata la parte hardware della struttura SHT71HW (porta e pin assegnati ai segnali di data e clock) ed inoltre i due pin EXPGP5 e EXPGP6 vengono settati alti e successivamente girati come uscite. Pag. 7

8 Struttura di riferimento typedef struct { uint32 sck_port; // Clock port uchar sck_pin; // Clock pin uint32 data_port; // Data port uchar data_pin; // Data pin uchar Type; // Tipo Lettura uchar State; // Per gestione SHT71 uint16 Adc; // Dato in colpi ADC int16 Temp; // Temp convertita uint16 Humid; // Umidità convertita uint16 Cnt; // Timer software uchar Error; // codici di Errore } SHT71HW; SHT71HW Inizializzazione contenuta in EXPboardInit() SHT71iodef; SHT71iodef.data_port = EXPGP6_PORT; SHT71iodef.data_pin = EXPGP6_PIN; SHT71iodef.sck_port = EXPGP5_PORT; SHT71iodef.sck_pin = EXPGP5_PIN; EXPGP5_H; EXPGP5_OUT; EXPGP6_H; EXPGP6_OUT; Tabella 2 Una volta settata la struttura SHT71iodef, l utente può richiamare le routine di gestione della periferica SHT71 senza dover più fare riferimento ai pin general purpose del connettore della scheda di espansione. 2.5 Amplificatore operazionale a guadagno variabile MCP6S22 Per inizializzare l amplificatore operazionale MCP6S22 viene utilizzata la struttura di Bios MCP6S22HW. L amplificatore, pilotato tramite interfaccia seriale SPI, deve essere gestito tramite i segnali di chip select, clock e data. Questi tre segnali vengono generati manualmente utilizzando rispettivamente i pin EXPGP7, EXPGP2 e EXPGP3 del connettore di espansione. Inoltre il canale ADC assegnato all amplificatore è raggiungibile tramite il pin EXPADC1 del connettore (questo canale è comune ai sensori di gas presenti sulla scheda). Per rendere la struttura MCP6S22HW il più flessibile possibile, per i segnali di chip select, clock e data viene richiesta la porta e il pin a cui sono fisicamente collegati. Questo permette all utente di assegnare al proprio sensore uno dei generici pin di I/O presenti sul connettore. Come mostrato nella seconda colonna della tabella 3, nella routine di EXPboardInit() viene inizializzata la struttura MCP6S22HW; il segnale di chip select viene settato basso e poi settato come uscita, mentre i segnali di clock e data vengono settati alti e poi girati in uscita. Infine viene richiamata la routine di MCP6S22shutdown() che mette in shutdown l amplificatore. Pag. 8

9 Struttura di riferimento Inizializzazione contenuta in EXPboardInit() MCP6S22HW MCP6S22iodef; typedef struct { uint32 cs_port; // Chip select port uchar cs_pin; // Chip select pin uint32 clk_port; // SPI clock port uchar clk_pin; // SPI clock pin uint32 di_port; // SPI data port uchar di_pin; // SPI data pin uchar adc_ch; // Canale ADC } MCP6S22HW; MCP6S22iodef.cs_port = EXPGP7_PORT; MCP6S22iodef.cs_pin = EXPGP7_PIN; MCP6S22iodef.clk_port = EXPGP2_PORT; MCP6S22iodef.clk_pin = EXPGP2_PIN; MCP6S22iodef.di_port = EXPGP3_PORT; MCP6S22iodef.di_pin = EXPGP3_PIN; MCP6S22iodef.adc_ch = EXPADC1; EXPGP2_L; EXPGP3_OUT; EXPGP3_H; EXPGP3_OUT; EXPGP7_H; EXPGP7_OUT; Tabella 3 MCP6S22shutdown(&MCP6S22iodef); Una volta settata la struttura MCP6S22iodef, l utente può richiamare le routine di gestione della periferica MCP6S22 senza dover più fare riferimento ai pin general purpose del connettore della scheda di espansione. 2.6 Potenziometro digitale MCP4018 Il potenziometro digitale MCP4018 non necessita di nessuna inizializzazione, ma viene letto e scritto grazie all I2C-Bus. Vengono quindi utilizzati i pin SCL0 e SDA0 del connettore della scheda di espansione. Nella routine di EXPboardInit() viene richiamata la funzione MCP4018write(0) che inizializza a 0V l offset della lettura dei sensori di Gas presenti sulla scheda. 2.7 Sensore di Gas 0 e Gas 1 Per inizializzare i due sensori di Gas presenti sulla scheda vengono utilizzate due strutture di tipo GASHW. Entrambi i sensori vengono accesi separatamente tramite i pin general purpose del connettore della scheda di espansione EXPGP1 e EXPGP9 e vengono letti sullo stesso canale ADC (EXPADC1) tramite l amplificatore operazionale MCP6S22. Al Sensore GAS0 viene assegnato il canale CH0 dell amplificatore operazionale MCP6S22, mentre al sensore GAS1 viene assegnato il canale CH1. Questo permette all utente di gestire separatamente i due sensori tramite le routine di Bios GASxxx(). Pag. 9

10 Per rendere la struttura GASHW il più flessibile possibile, per i segnali di on/off dei due sensori viene richiesta la porta e il pin a cui sono fisicamente collegati. Questo permette all utente di assegnare al proprio sensore uno dei generici pin di I/O presenti sul connettore. L inizializzazione delle due strutture dei sensori di Gas viene eseguita nella routine EXPboardInit() come mostrato nella tabella sottostante. Struttura di riferimento typedef struct { uint32 onoff_port; // On/off sensore port uchar onoff_pin; // On/off sensore pin uchar mcp6s22_inpch; // Canale MCP6S22 uchar mcp6s22_adcout; // Canale ADC uchar Type; // Tipo Lettura uchar State; // Per gestione sensore uchar Off; // Spegni dopo la lettura uint16 Adc; // Dato in colpi ADC int16 Value; // Valore GAS convertito uint32 Cnt; // Timer software } GASHW; GASHW GASHW Inizializzazione contenuta in EXPboardInit() GASiodef_0; GASiodef_1; // Sensore GAS 0 GASiodef_0.onoff_port = EXPGP1_PORT; GASiodef_0.onoff_pin = EXPGP1_PIN; GASiodef_0.mcp6s22_inpch = MCP6S22_CH0; GASiodef_0.mcp6s22_adcout = EXPADC1; // Sensore GAS 1 GASiodef_1.onoff_port = EXPGP9_PORT; GASiodef_1.onoff_pin = EXPGP9_PIN; GASiodef_1.mcp6s22_inpch = MCP6S22_CH1; GASiodef_1.mcp6s22_adcout = EXPADC1; Tabella Installazione Per poter collegare la scheda Base Sensori alla scheda WAN FluctuS l utente deve aggiungere i files dedicati precedentemente descritti al proprio programma applicativo. In particolare l utente deve: o Aprire il proprio progetto IAR; o Aggiungere al progetto, a livello di UserApp, la cartella ExpBoard (figura 2); Pag. 10

11 Figura 2 o Creare i file contenti le routine necessarie per gestire la scheda sensori e i relativi file di inclusione. Per la scheda Sensori sono stati creati i File c/.h e gest c/.h; o Creare il file expboard_global.h. Questo file deve essere richiamato come #include all interno del file usr_global.h e contiene l elenco delle librerie create ed utilizzate per eseguire le routine di inizializzazione e di controllo della scheda Sensori: #include "ExpBoard\ h" #include "ExpBoard\gest h" o Aggiungere alla cartella ExpBoard i file c e gest c appena creati (figura 2); Figura 3 Pag. 11

12 o Ricompilare l intero progetto 3 Funzioni Definizione delle costanti: #define MAX_GAS_SENSOR 2 Numero massimo di sensori Gas Variabili e costanti varie SHT71_OK 0 Nessun errore SHT71_ERROP 1 Errore Operazioni già in corso SHT71_ERRSENS 2 Errore Colloquio sensore SHT71_ERRCONV 3 Errore Conversione sensore 3.1 Sensore di Pressione Atmosferica uint16 MPXH6250Aread (uchar ch) Lettura convertita del sensore di Pressione Atmosferica MPXH6250A Pressione Atmosferica convertita in kpa/10 e compensata in temperatura. Note: Se il valore restituito è zero, il sensore è non presente o in errore E compito del programma utente eseguire altre compensazioni in base all altitudine, ecc. 3.2 Sensore di Temperatura e Umidità relativa Il sensore campiona i valori di Temperatura e Umidità uno alla volta; è compito del programma utente effettuare le operazioni di lettura di questi due dati in maniera mutualmente esclusiva. Pag. 12

13 uchar SHT71readTemperature (SHT71HW *p) Richiede la lettura della Temperatura Input: p = puntatore a struttura definizione hw SHT71_OK, SHT71_ERROP uchar SHT71readHumidity(SHT71HW *p) Richiede la lettura dell Umidità Input: p = puntatore a struttura definizione hw SHT71_OK, SHT71_ERROP uchar SHT71isReadEnd(SHT71HW *p) Ritorna la flag di fine lettura Temperatura o Umidità Input: p = puntatore a struttura definizione hw TRUE = fine lettura, FALSE = lettura in corso Note: Se l operazione è andata a buon fine si deve richiamare la SHT71convert(), altrimenti si deve richiamare la SHT71status() per indagare sulla causa dell errore uchar SHT71status(SHT71HW *p) Ritorna la flag errore del sensore SHT71 Input: p = puntatore a struttura definizione hw SHT71_OK, SHT71_ERROP, SHT71_ERRSENS, SHT71_ERRCONV void SHT71convert(SHT71HW *p) Converte il dato letto in Temperatura o Umidità a seconda dell ultimo comando richiesto Input: p = puntatore a struttura definizione hw I campi SHT71Struct.Temp o SHT71Struct.Umid sono aggiornati con la temperatura in C/100 o umidità relativa in %. Pag. 13

14 3.3 Sensori GAS I sensori Gas0 e Gas1 condividono lo stesso canale analogico di lettura e lo stesso circuito di correzione offset e guadagno variabile; pertanto la loro lettura deve essere sempre richiesta dal programma utente in maniera mutualmente esclusiva. uchar GASread (GASHW *p, uint32 ltime, uchar off, uchar offset, uchar gain) Richiede la lettura del sensore CH4 Input: ltime = tempo di pre-heating espresso in millisecondi Off = 1 se il sensore si deve spegnere dopo la lettura offset = , valore del potenziometro digitale per compensazione offset gain = guadagno dell'amp.op. 0 = errore 1 = in corso uchar GASisReadEnd(GASHW *p) Ritorna la flag di fine lettura sensore CH4 1 = fine lettura 0 = lettura in corso void GASconvert(GASHW *p) Converte il dato letto secondo i dati e U.M. di calibrazione Campo CH4Struct.Value aggiornato Note: Non ancora implementata, vedi programmi di esempio 4 Note Nel programma di test delle periferiche FluctuS, liberamente distribuito in formato sorgente insieme all ambiente di sviluppo, è presente un file denominato gest c che implementa una possibile procedura di taratura dei sensori di Gas. A seconda delle esigenze può essere necessario modificare le resistenze R5 e/o R6 che costituiscono la Rload di ciascun sensore. Attenzione: La taratura dei sensori ed eventuali compensazioni dei valori letti al variare della Temperatura e Umidità ambientale sono a carico dell utente. Pag. 14

ITS Einaudi Appunti T.D.P. Z USB IO A&D con LABVIEW

ITS Einaudi Appunti T.D.P. Z USB IO A&D con LABVIEW Z USB IO A&D con LABVIEW L interfaccia nasce dalla necessità di sostituire le periferiche usate fin ora in laboratorio basate sulla porta parallela e seriale del PC. Questo tipo di interfacce ormai poco

Dettagli

TUTORIAL: COME USARE UN LM35 PER MISURARE UNA TEMPERATURA SU TUTTA LA SCALA CENTIGRADA

TUTORIAL: COME USARE UN LM35 PER MISURARE UNA TEMPERATURA SU TUTTA LA SCALA CENTIGRADA TUTORIAL: COME USARE UN LM35 PER MISURARE UNA TEMPERATURA SU TUTTA LA SCALA CENTIGRADA Molte persone (io compreso) che comprano la prima volta un LM35, lo fanno perché sono spinti da come sia facile da

Dettagli

Progetto di Domotica

Progetto di Domotica Progetto di Domotica Titolo dell esercitazione: Progetto di Domotica Descrizione sommaria dell esperienza: Realizzazione di un circuito che permette il controllo di vari sensori all interno di un edificio.

Dettagli

7^ parte : Acquisizione della temperatura con LM35 e visualizzazione su display LCD. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.

7^ parte : Acquisizione della temperatura con LM35 e visualizzazione su display LCD. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M. 7^ parte : Acquisizione della temperatura con LM35 e visualizzazione su display LCD Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) Esperienzan 6 Lo scopo del progetto è realizzare un termometro

Dettagli

ENCODER SERIE Pxx EQUIPAGGIATO CON INTERFACCIA PROFIBUS-DP

ENCODER SERIE Pxx EQUIPAGGIATO CON INTERFACCIA PROFIBUS-DP Documentazione Profibus-DP ENCODER SERIE Pxx EQUIPAGGIATO CON INTERFACCIA PROFIBUS-DP PxxDocSTD R4/0/701 1 SOMMARIO DEGLI ARGOMENTI: 1. Procedura di installazione meccanica:...3 2. Procedura d installazione

Dettagli

Il sensore ad ultrasuoni

Il sensore ad ultrasuoni Il sensore ad ultrasuoni Caratteristiche elettriche Alimentazione: 5 Vcc Il sensore rileva oggetti da 0 cm fino a 6,45 metri. Tre diverse possibiltà per leggere il dato di uscita del sensore: 1. lettura

Dettagli

Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione

Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione Introduzione La RTU B200, ultima nata del sistema TMC-2000, si propone come valida risposta alle esigenze di chi progetta e implementa sistemi di automazione

Dettagli

MD3-EVO SERIES HW REV.03 DASHBOARD DATALOGGER

MD3-EVO SERIES HW REV.03 DASHBOARD DATALOGGER MD3-EVO SERIES dashboard chrono - datalogger: * Interfaccia Plug & Play venduta separatamente Sviluppato per la pista, per coloro che necessitano di un sistema di acquisizione dati flessibile, MD3-EVO

Dettagli

Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android...

Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android... Sommario Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android... 4 Indruduzione La scheda può controllare fino a quattro

Dettagli

Astel. GSM remote controller. Guida per l utente Ver. 1.0.

Astel. GSM remote controller. Guida per l utente Ver. 1.0. Astel GSM remote controller Guida per l utente Ver. 1.0. Astel Electronics and industrial automation Via Rosselli,9 /a - 10015 Ivrea (TO) ITALY Tel. 0125 63.42.25 / 62.71.15 FAX 0125 64.89.11 e-mail: info@astel.it

Dettagli

Manuale d uso di GAS T1 (Propane Detector). Montaggio dei SENSORI DI GAS nel sistema D2NA e NNA

Manuale d uso di GAS T1 (Propane Detector). Montaggio dei SENSORI DI GAS nel sistema D2NA e NNA Manuale d uso di GAS T1 (Propane Detector). Il gas detector è un dispositivo che segnala la presenza di un certo tipo di gas con l ausilio di un allarme acustico e visivo locale. Il dispositivo può funzionare

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Arduino e internet: utilizzare Xively.com

Arduino e internet: utilizzare Xively.com Arduino e internet: utilizzare Xively.com www.creativecommons.org/ Arduino ha numerosi modi per collegarsi ad internet. In questo e nei prossimi tutorial analizziamo le varie soluzioni per uplodare dati

Dettagli

M1600 Ingresso/Uscita parallelo

M1600 Ingresso/Uscita parallelo M1600 Ingresso / uscita parallelo M1600 Ingresso/Uscita parallelo Descrizione tecnica Eiserstraße 5 Telefon 05246/963-0 33415 Verl Telefax 05246/963-149 Data : 12.7.95 Versione : 2.0 Pagina 1 di 14 M1600

Dettagli

BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000. Istruzioni operative

BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000. Istruzioni operative BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000 Istruzioni operative A.B.ENERGY S.r.l. Versione 001 www.abenergy.it Caratteristiche principali ABE_1000 analizzatore per Metano (CH4), Anidride

Dettagli

In questa puntata scopriremo

In questa puntata scopriremo TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA Sesta parte n 258 - Dicembre 2006 Uso delle interfacce seriali Settima parte n 259 - Gennaio 2007 Interfacce SPI, I2C e 1-Wire Ottava parte n 260 - Febbraio 2007 Uso

Dettagli

Corso Base Arduino ed Elettronica

Corso Base Arduino ed Elettronica Corso Base Arduino ed Elettronica Secondo incontro Saldatura e Relatore: Roberto Beligni rbeligni@altratecnoloiga.com L'ambiente di sviluppo L'ambiente di sviluppo di Arduino (Chiamato IDE) facilita la

Dettagli

DOCUMENTAZIONE J-BO. Progetto FabSchool 2015-2016 ITE GINO ZAPPA CLASSE 4D

DOCUMENTAZIONE J-BO. Progetto FabSchool 2015-2016 ITE GINO ZAPPA CLASSE 4D DOCUMENTAZIONE J-BO Progetto FabSchool 2015-2016 ITE GINO ZAPPA CLASSE 4D STEP 1: RACCOLTA IDEE E DECISIONE DEL PRODOTTO - il braccialetto allarme Il giorno 21 novembre abbiamo dato inizio al progetto

Dettagli

Indice generale. Introduzione...xiii. Breve storia di Raspberry Pi...1. Fuori dalla scatola...5

Indice generale. Introduzione...xiii. Breve storia di Raspberry Pi...1. Fuori dalla scatola...5 Introduzione...xiii Un progetto nato per passione... xiii La comunità educativa...xiv Piattaforme educative, ma non solo...xv Istruzioni per l uso...xv Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Breve storia di

Dettagli

Il Sistema Operativo (1)

Il Sistema Operativo (1) E il software fondamentale del computer, gestisce tutto il suo funzionamento e crea un interfaccia con l utente. Le sue funzioni principali sono: Il Sistema Operativo (1) La gestione dell unità centrale

Dettagli

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione.

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Compito fondamentale di un S.O. è infatti la gestione dell

Dettagli

Manuale Controllo Accesso V 0.2

Manuale Controllo Accesso V 0.2 & Manuale Controllo Accesso V 0.2 Luglio 2012 Tutti le descrizioni legati al software si riferiscono al software mygekko living V1279. Si consiglia di aggiornare le vecchie versioni del sistema. Piccole

Dettagli

1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware

1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware 1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware Il seguente diagramma è un esempio di sistema di controllo accessi con il software Veritrax AS-215 e i controllori AC- 215. 1.1

Dettagli

mcdomus Guida alla Configurazione

mcdomus Guida alla Configurazione mcdomus Guida alla Configurazione Data: 25/12/2012 Revisione: 1.02 Sommario Il sistema... 2 Le variabili... 2 Le Funzioni... 2 La Grafica... 3 Gestione Configurazione... 4 Configurazione Base... 4 Configurazione

Dettagli

PLC51 AUTOMAZIONE. di G.Filella e C. Befera filella@tin.it

PLC51 AUTOMAZIONE. di G.Filella e C. Befera filella@tin.it PLC51 di G.Filella e C. Befera filella@tin.it Ecco il piccolo Davide, un ottimo esempio di come l elettronica si integra con l informatica: un potente PLC controllabile tramite la porta seriale di un personal

Dettagli

Finalità delle misure

Finalità delle misure Sistemi di controllo industriale tramite Ing. Lorenzo Comolli Finalità delle misure In ambito scientifico,, studiare i fenomeni, verificare sperimentalmente modelli matematici e teorie scientifiche, monitorare

Dettagli

// Controllo remoto 05/05/2012 // poichè sono ancora ai primi passi ho usato // a larghe mani idee e listati di altri. Ringrazio tutti loro.

// Controllo remoto 05/05/2012 // poichè sono ancora ai primi passi ho usato // a larghe mani idee e listati di altri. Ringrazio tutti loro. // Controllo remoto 05/05/2012 // poichè sono ancora ai primi passi ho usato // a larghe mani idee e listati di altri. Ringrazio tutti loro. // Librerie necessarie per il progetto #include #include

Dettagli

Robotronix Controller for Laser and Scanner

Robotronix Controller for Laser and Scanner Robotronix Controller for Laser and Scanner ATTENZIONE Si consiglia l utilizzo del RoboCLASS esclusivamente all interno di un appropriato contenitore. ATTENZIONE Maneggiare con cura il RoboCLASS dentro

Dettagli

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools MANUALE D USO WEB CONTROLLI NETOOLS Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools Rev.1309 Pag.1 di - 111 - www.carrideo.it INDICE 1. I WEB CONTROLLI NETOOLS... 3 1.1. INTRODUZIONE... 3 1.2. DESCRIZIONE

Dettagli

Acquisizione di temperatura

Acquisizione di temperatura tai86 09-2 - 2004 Acquisizione di temperatura Tramite sensore AD590 e relativo blocco di condizionamento.. Definizione del Progetto 2. Concetti Generali e Schede di Documentazione 3. Schema a Blocchi 4.

Dettagli

SISHOME 2.0 MANUALE SOFTWARE

SISHOME 2.0 MANUALE SOFTWARE SISHOME 2.0 MANUALE SOFTWARE 1 INDICE Sommario DESCRIZIONE SOLUZIONE SISHOME 2.0... 3 CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI SISHOME 2.0... 4 PANNELLO LUCI... 5 PANNELLO SCENARI... 5 PANNELLO TAPPARELLE...

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONE CONV 61850. TECSYSTEM S.r.l. 20094 Corsico (MI) Tel.: +39-024581861 Fax: +39-0248600783. http://www.tecsystem.it R. 1.

MANUALE D ISTRUZIONE CONV 61850. TECSYSTEM S.r.l. 20094 Corsico (MI) Tel.: +39-024581861 Fax: +39-0248600783. http://www.tecsystem.it R. 1. MANUALE D ISTRUZIONE TECSYSTEM S.r.l. 20094 Corsico (MI) Tel.: +39-024581861 Fax: +39-0248600783 http://www.tecsystem.it R. 1.1 01/01/12 1) SPECIFICHE TECNICHE ALIMENTAZIONE Valori nominali 24 VAC-DC ±10%

Dettagli

Istruzioni di messa in servizio rapida per. Flying shear Taglio al volo lineare

Istruzioni di messa in servizio rapida per. Flying shear Taglio al volo lineare Istruzioni di messa in servizio rapida per Flying shear Taglio al volo lineare FLYING SHEAR Programmare la scheda UD7x con l applicazione Per poter caricare l applicatione Flying Shear nella scheda ud70

Dettagli

Free_ring control gsm based

Free_ring control gsm based Free_ring control gsm based 1. Introduzione Il free_ring è un apparecchio per la generazione di controllo remoto mediante rete GSM, di conseguenza possiamo utilizzare chiamate, sms o app. Facile da installare

Dettagli

SAFETY-FLY 700 MANUALE UTENTE STRUMENTO DI BORDO PER AEREI ULTRALEGGERI NR.101700MIT

SAFETY-FLY 700 MANUALE UTENTE STRUMENTO DI BORDO PER AEREI ULTRALEGGERI NR.101700MIT SAFETY-FLY 700 STRUMENTO DI BORDO PER AEREI ULTRALEGGERI NR.101700MIT MANUALE UTENTE I Costruttore Prefazione : MC elettronica S.r.l. Indirizzo : Via E. fermi, 450/486 Fiesso Umbertiano (ROVIGO) - ITALIA

Dettagli

Il PLC per tutti PRATICA

Il PLC per tutti PRATICA Settima parte: Settembre 2007 I Relays e la gestione dei dati Ottava parte: Ottobre 2007 Utilizzare il modulo Led a 7 segmenti giganti Nona parte: Novembre 2007 Applicazioni con i display a 7 segmenti

Dettagli

Sezione di PWM e Generatore di D/A Converter.

Sezione di PWM e Generatore di D/A Converter. Corso di BASCOM AVR - (34) Corso Teorico/Pratico di programmazione in BASCOM AVR. Autore: DAMINO Salvatore. Sezione di PWM e Generatore di D/A Converter. La struttura interna dei Mini Moduli è composta

Dettagli

INFORMATICA. Il Sistema Operativo. di Roberta Molinari

INFORMATICA. Il Sistema Operativo. di Roberta Molinari INFORMATICA Il Sistema Operativo di Roberta Molinari Il Sistema Operativo un po di definizioni Elaborazione: trattamento di di informazioni acquisite dall esterno per per restituire un un risultato Processore:

Dettagli

Programmatore scenari

Programmatore scenari Programmatore scenari scheda tecnica ART. MH00 Descrizione Questo dispositivo permette la gestione di scenari semplici e evoluti fino ad un numero massimo di 300. Grazie al programmatore scenari il sistema

Dettagli

12 - timer da cucina display a 4 cifre

12 - timer da cucina display a 4 cifre 12 - timer da cucina display a 4 cifre Il display led da 4 cifre utilizzato in questo esercizio e il modello HS410561K-32. Questo modello, e caratterizzato da 4 anodi (uno per ogni cifra) e dai 8 catodi,

Dettagli

>SISTEMA WIRELESS STAND ALONE

>SISTEMA WIRELESS STAND ALONE >SISTEMA WIRELESS STAND ALONE 126 SISTEMI DI SPEGNIMENTO AI TRU SIONE FI CEN DIO >128 UNITÀ CENTRALE >129 >130 RILEVATORI >132 ATTUATORI CENTRI ASSISTENZA TECNICA ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE COMUNICATORI

Dettagli

Regolatore Elettronico Automotive per Valvole Proporzionali Singolo Solenoide

Regolatore Elettronico Automotive per Valvole Proporzionali Singolo Solenoide Il comando REP-A400 è nato per pilotare fino a 4 valvole proporzionali sia ad anello aperto,cioè quelle valvole che non hanno il trasduttore di posizionamento interno, sia quelle retro-azionate. Il REP-A400

Dettagli

Schede di gestione di ingressi e uscite digitali e/o analogiche mediante interfaccia USB, Ethernet, WiFi, CAN o RS232

Schede di gestione di ingressi e uscite digitali e/o analogiche mediante interfaccia USB, Ethernet, WiFi, CAN o RS232 IPSES S.r.l. Scientific Electronics IPSES SCHEDE DI I/O Schede di gestione di ingressi e uscite digitali e/o analogiche mediante interfaccia USB, Ethernet, WiFi, CAN o RS232 Le schede di gestione I/O IPSES

Dettagli

InterCom GSM. Manuale di Installazione

InterCom GSM. Manuale di Installazione Manuale di Installazione Sommario Descrizione delle funzioni del dispositivo... Pagina 3 Descrizione dei terminali della morsettiera... Pagina 3 Vantaggi... Pagina 4 Installazione e configurazione... Pagina

Dettagli

Istruzioni per l impostazione del computer per l uso con ExoScan

Istruzioni per l impostazione del computer per l uso con ExoScan Istruzioni per l impostazione del computer per l uso con ExoScan scanner intraorale ITALIANO (lingua originale) IT 3D Progress Software - Impostazioni PC rev01_it - ottobre 2013 Pagina lasciata intenzionalmente

Dettagli

Installazione del trasmettitore. ACom6

Installazione del trasmettitore. ACom6 Installazione del trasmettitore CBC (Europe) Ltd. Via E.majorana, 21 20054 Nova Milanese (MI) tel: +39 (0)362 365079 fax: +39 (0)362 40012 1 Precauzioni Il dispositivo non deve essere esposto a pioggia

Dettagli

Eikon Idea Plana. Controllo accessi e gestione utenze via BUS mediante chiave o card a transponder Istruzioni

Eikon Idea Plana. Controllo accessi e gestione utenze via BUS mediante chiave o card a transponder Istruzioni Eikon Idea Plana 20470 16470 14470 Controllo accessi e gestione utenze via BUS mediante chiave o card a transponder Istruzioni INDICE 1. Legenda... 2 2. Installazione sistema via BUS... 3 3. Caratteristiche

Dettagli

Light controller PRO Manuale utente Cod. 112955/112956

Light controller PRO Manuale utente Cod. 112955/112956 Centralina di controllo di luci programmabile per applicazioni RC! 2. Introduzione Light controller è una scheda elettronica per sistemi RC programmabile che controlla fino a sei canali indipendenti ed

Dettagli

ELETTRONICA Tema di Sistemi elettronici automatici Soluzione

ELETTRONICA Tema di Sistemi elettronici automatici Soluzione ELETTRONICA Tema di Sistemi elettronici automatici Soluzione La traccia presenta lo sviluppo di un progetto relativo al monitoraggio della temperatura durante un processo di produzione tipico nelle applicazione

Dettagli

Developer Guide. Manuale dello sviluppatore. FluctuS Intelligent Sensor System

Developer Guide. Manuale dello sviluppatore. FluctuS Intelligent Sensor System Cod. Doc.: 88019801_rev10_FluctuS Developer Guide Revisione: 1.0 Data: 17/05/2013 Pag. 1/42 Developer Guide Manuale dello sviluppatore FluctuS http://www.e-fluctus.com Sommario 1 INTRODUZIONE 4 2 BIOS

Dettagli

Ciabatta Audio Digitale AVIOM Pro64

Ciabatta Audio Digitale AVIOM Pro64 Ciabatta Audio Digitale AVIOM Pro64 Il sistema di collegamento dell audio digitale Pro64 fornisce prestazioni elevate, flessibilità e semplicità per progetto ed installazione. Senza necessità di setup

Dettagli

Il GSM COMMANDER mod. ADVANCE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative.

Il GSM COMMANDER mod. ADVANCE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative. Il GSM COMMANDER mod. ADVANCE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative. Principali caratteristiche : - Permette, di attivare un contatto elettrico Contatto 2, attraverso una chiamata telefonica

Dettagli

Avvertenza prima dell installazione

Avvertenza prima dell installazione Avvertenza prima dell installazione Spegnere immediatamente la videocamera di rete se questa presenta fumo o un odore insolito. Non collocare la telecamera di rete vicino a sorgenti di calore come televisori

Dettagli

La soluzione definitiva per il tuo cabinato arcade!

La soluzione definitiva per il tuo cabinato arcade! La soluzione definitiva per il tuo cabinato arcade! JammASD è la nuovissima interfaccia della ASD elettronica e rappresenta il dispositivo piu completo attualmente sul mercato preposto all'interfacciamento

Dettagli

Descrizione e modalità d uso del telecontrollo big-wifi

Descrizione e modalità d uso del telecontrollo big-wifi TELECONTROLLO BIG-WIFI CON MODULI GSM E WIFI INTEGRATI Descrizione e modalità d uso del telecontrollo big-wifi Rev.1312 Pag.1 di 9 www.carrideo.it INDICE 1. IL BIG-WIFI... 3 1.1. DESCRIZIONE GENERALE...

Dettagli

1. INTRODUZIONE ETH-BOX

1. INTRODUZIONE ETH-BOX Software ETH-LINK 10/100 Manuale d uso ver. 1.0 1. INTRODUZIONE Il Convertitore Ethernet/seriale ETH-BOX, dedicato alla connessione Ethernet tra PC (TCP/IP e UDP) e dispositivi di campo (RS-232, RS-485),

Dettagli

DIAGNOSTICA: SEGNALAZIONE ERRORI DI SISTEMA. (Reporting of System Errors)

DIAGNOSTICA: SEGNALAZIONE ERRORI DI SISTEMA. (Reporting of System Errors) DIAGNOSTICA: SEGNALAZIONE ERRORI DI SISTEMA (Reporting of System Errors) Indice 1 Introduzione...2 1.1 Componenti supportati e insieme delle funzioni...2 2 STEP7: Configurazione HW...3 2.1 Scheda Generale...4

Dettagli

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA Risposta al quesito a Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA (A CURA DEL PROF. Giuseppe SPALIERNO docente di Elettronica

Dettagli

QS-Summary Box QS GDO Box QS Lcd

QS-Summary Box QS GDO Box QS Lcd Il sistema Micro Q e' stato sviluppato per rispondere alle esigenze gestionali di sistemi eliminacode concepiti per la gestione integrata delle code nei supermercati, negli uffici e negli ambulatori medici

Dettagli

FT473K ESPANSIONE IN I 2 C-BUS A 8 RELE

FT473K ESPANSIONE IN I 2 C-BUS A 8 RELE ESPANSIONE IN I 2 C-BUS A 8 RELE Chi ha costruito e utilizzato il Controllo GSM bidirezionale con cellulari Siemens, descritto nel fascicolo n 71 della nostra rivista, ha certamente apprezzato le sue possibilità

Dettagli

KEYSTONE. OM8 - EPI 2 Modulo interfaccia AS-i Manuale di istruzione. www.pentair.com/valves. Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1

KEYSTONE. OM8 - EPI 2 Modulo interfaccia AS-i Manuale di istruzione. www.pentair.com/valves. Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1 KEYSTONE Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1 2 Installazione 1 3 Dettagli sulla comunicazione 1 5 Descrizione del modulo interfaccia AS-i OM8 2 5 Protocollo interfaccia AS-i 3 6 Interfaccia

Dettagli

LASER NAVIGATION LASER NAVIGATION S.r.l. Unipersonale

LASER NAVIGATION LASER NAVIGATION S.r.l. Unipersonale 1 Attraverso i nostri servizi di: Radiolocalizzazione tramite nostra Centrale Operativa Portale Internet Centrale Operativa chiavi in mano Servizio di Pianificazione di Tratta e grazie all installazione

Dettagli

FT536 DISPLAY GIGANTE 3 IN 1: ORA, DATA, TEMPERATURA 1/5 FT536 CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO

FT536 DISPLAY GIGANTE 3 IN 1: ORA, DATA, TEMPERATURA 1/5 FT536 CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO DISPLAY GIGANTE 3 IN 1: ORA, DATA, TEMPERATURA Sulla scia dei differenti tipi di display multifunzionali già presentati, ecco un nuovo dispositivo che utilizza i moduli giganti a sette segmenti con led

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Igro-Termometro datalogger Modello SD500

Manuale d'istruzioni. Igro-Termometro datalogger Modello SD500 Manuale d'istruzioni Igro-Termometro datalogger Modello SD500 Introduzione Congratulazioni per l acquisto del vostro Igro-termometro datalogger Extech SD500. Questo rilevatore misura, indica, e registra

Dettagli

Big-wifi Descrizione e modalità d uso

Big-wifi Descrizione e modalità d uso TELECONTROLLO VIA RETE BIG-WIFI Big-wifi Descrizione e modalità d uso Rev.1509-1 - Pag.1 di 10 www.carrideo.it INDICE 1. IL TELECONTROLLO BIG-WIFI... 3 1.1. DESCRIZIONE GENERALE... 3 1.1.1. Uscite open-collector...

Dettagli

Descrizione del Test Range della Società SAMA

Descrizione del Test Range della Società SAMA NOTA TECNICA OGGETTO: Descrizione del Test Range della Società SAMA Autore Franco Marchetti. Approvazione Alessio Alleva. Pag 1 di 11 Sommario 1 SCOPO... 3 2 DESCRIZIONE DELL HARDWARE DEL TEST RANGE...

Dettagli

è importante farci conoscere e comunicare ai giovani la nostra passione e poi, si sa, da cosa nasce cosa... Premessa. Il Progetto.

è importante farci conoscere e comunicare ai giovani la nostra passione e poi, si sa, da cosa nasce cosa... Premessa. Il Progetto. La Radio nelle scuole, storia di un progetto portato a termine dalla Sezione ARI di Padova in collaborazione con l Istituto Tecnico Industriale F. Severi di Padova. è importante farci conoscere e comunicare

Dettagli

TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI 2745

TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI 2745 TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI 2745 Il controllo accessi rappresenta un metodo importante per la risoluzione dei problemi legati al controllo e alla verifica della presenza e del passaggio delle persone

Dettagli

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014 Tracking ADC M. De Vincenzi 1 Introduzione La digitalizzazione di segnali analogici si realizza tramite dispositivi che vengono detti ADC (acronimo per Analog

Dettagli

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A ITIS M. PLANCK LANCENIGO DI VILLORBA (TV) A.S. 2006/07 CLASSE 4A/ SERALE Corso di elettronica e telecomunicazioni Ins. Zaniol Italo CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A Presentazione

Dettagli

Compilazione rapporto di Audit in remoto

Compilazione rapporto di Audit in remoto Compilazione rapporto di Audit in remoto Installazione e manuale utente CSI S.p.A. V.le Lombardia 20-20021 Bollate (MI) Tel. 02.383301 Fax 02.3503940 E-mail: info@csi-spa.com Rev. 1.1 23/07/09 Indice Indice...

Dettagli

Very Fast Multichannel Transceiver equipped with power amplifier. La foto è puramente indicativa, fatta su un campione di laboratorio

Very Fast Multichannel Transceiver equipped with power amplifier. La foto è puramente indicativa, fatta su un campione di laboratorio Very Fast Multichannel Transceiver equipped with power amplifier La foto è puramente indicativa, fatta su un campione di laboratorio Il transceiver a lungo raggio, pin to pin compatibile con i precedenti

Dettagli

DISEGNO E DATI TECNICI SOGGETTI A MODIFICHE SENZA PREAVVISO

DISEGNO E DATI TECNICI SOGGETTI A MODIFICHE SENZA PREAVVISO Libretto d istruzioni CLEVER CONTROL & DISPLAY Made in Italy Cod. 31/03/05 DISEGNO E DATI TECNICI SOGGETTI A MODIFICHE SENZA PREAVVISO AVVERTENZE Prima di usare il prodotto leggere attentamente queste

Dettagli

41126 Cognento (MODENA) Italy Via Bottego 33/A Tel: +39-(0)59 346441 Internet: http://www.aep.it E-mail: aep@aep.it Fax: +39-(0)59-346437

41126 Cognento (MODENA) Italy Via Bottego 33/A Tel: +39-(0)59 346441 Internet: http://www.aep.it E-mail: aep@aep.it Fax: +39-(0)59-346437 QUICK ANALYZER Manuale Operativo Versione 5.3 Sommario 1.0 Generalità... 2 CONTRATTO DI LICENZA... 3 2.0 Configurazione dei Canali... 4 2.1 Gestione DataLogger IdroScan... 7 3.0 Risultati di Prova... 9

Dettagli

Interfaccia radio ricevente

Interfaccia radio ricevente Interfaccia radio ricevente HD575SB - HC575SB - HS575SB Descrizione L interfaccia ricevente è indispensabile per consentire al comando radio senza batteria HA/HB/L572SB di pilotare l impianto My Home.

Dettagli

Sistema di acquisizione RALDataLog MANUALE OPERATIVO

Sistema di acquisizione RALDataLog MANUALE OPERATIVO Sistema di acquisizione RALDataLog MANUALE OPERATIVO Doc. Vers. 2.0 del 30.09.2013 @ 2013 RadioAstroLab RadioAstroLab s.r.l., Via Corvi, 96 60019 Senigallia (AN) Tel. +39 071 6608166 Fax: +39 071 6612768

Dettagli

Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo

Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo SCH 33 Voltmetro a 3 digit Obiettivi Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo IC1 = CA 3162 A/D converter for 3-Digit Display IC2 = CA 3161 BCD to seven segment

Dettagli

Accendi il risparmio. Philips OccuPlus - Sensore rileva presenze Soluzioni semplici per impianti complessi

Accendi il risparmio. Philips OccuPlus - Sensore rileva presenze Soluzioni semplici per impianti complessi Accendi il risparmio Philips OccuPlus - Sensore rileva presenze Soluzioni semplici per impianti complessi Spegni la luce, accendi il risparmio Il continuo aumento dei costi energetici e del numero di normative

Dettagli

Cambia vincite. Documento tecnico Aggiornamento firmware per cambia vincite Nexus PRO ed erogatore di banconote Smart Payout

Cambia vincite. Documento tecnico Aggiornamento firmware per cambia vincite Nexus PRO ed erogatore di banconote Smart Payout Nexus PRO Cambia vincite IT Documento tecnico Aggiornamento firmware per cambia vincite Nexus PRO ed erogatore di banconote Smart Payout Cod. DQMBIB0001.5IT Rev. 1.5 17-09 - 2015 Sommario Sommario...

Dettagli

ESERCITAZIONI PRATICHE: Ø Creazione di un decoder BCD/DEC con porte logiche. Ø Esercitazione con decoder 4511 e display 7 segmenti.

ESERCITAZIONI PRATICHE: Ø Creazione di un decoder BCD/DEC con porte logiche. Ø Esercitazione con decoder 4511 e display 7 segmenti. BCD 7 SEGMENTI Il display BCD 7 segmenti è un visualizzatore di numeri che possono andare da zero a nove, ed è un dispositivo optoelettrico, cioè fornisce luce all applicazione di tensione ai suoi capi.

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE

ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE Sezione di Roma INFN/code-xx/xxx 29 maggio 2006 CCR-06/06/P TEMP SENTRY: UN SISTEMA DI RILEVAZIONE DATI AMBIENTALI Alberto Guerra INFN-Sezione di Roma, P.le Aldo Moro,

Dettagli

Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC. Manuale Utente

Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC. Manuale Utente Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC Manuale Utente Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC Manuale Utente Sielco Elettronica S.r.l. via Edison 209 20019 Settimo Milanese (MI ) Italia

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO CENTRALINA SCENARI (distribuiti).

SCHEDA PRODOTTO CENTRALINA SCENARI (distribuiti). SCHEDA PRODOTTO CENTRALINA SCENARI (distribuiti). SC28D SC416D SC835D SC1635D Descrizione Dispositivo per l esecuzione di scenari sequenziali sul bus di comunicazione, realizzato per il settore dell automazione

Dettagli

DAC4K.doc Pag. 1 di 10. Armonia. Hi-Fi DAC4. kit convertitore D/A 24bit con interfaccia I 2 S. Armonia Hi-Fi by Eurotronic

DAC4K.doc Pag. 1 di 10. Armonia. Hi-Fi DAC4. kit convertitore D/A 24bit con interfaccia I 2 S. Armonia Hi-Fi by Eurotronic DAC4K.doc Pag. 1 di 10. DAC4 kit convertitore D/A 24bit con interfaccia I 2 S by Eurotronic DAC4K.doc Pag. 2 di 10. Nel ringraziarvi per la fiducia accordataci scegliendo uno dei nostri prodotti, vogliamo

Dettagli

introduzione I MICROCONTROLLORI

introduzione I MICROCONTROLLORI introduzione I MICROCONTROLLORI Definizione Un microcontrollore è un dispositivo elettronico programmabile Può svolgere autonomamente diverse funzioni in base al programma in esso implementato Non è la

Dettagli

Datalogger web contaimpulsi

Datalogger web contaimpulsi Datalogger web contaimpulsi Versione 6 ingressi con Ethernet (GW-IMP-WEB-1) 1 Datalogger web conta impulsi Il datalogger web conta impulsi è in grado di conteggiare gli impulsi sugli ingressi digitali

Dettagli

Lezione 10: Librerie e compilazione separata

Lezione 10: Librerie e compilazione separata Lezione 10: Librerie e compilazione separata Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 16 Maggio 2012 Calendario della parte finale del corso Mer 23 Maggio ultima lezione sul C Gio 24

Dettagli

Manuale d uso scheda irrigazione domotica per Raspberry pi

Manuale d uso scheda irrigazione domotica per Raspberry pi Manuale d uso scheda irrigazione domotica per Raspberry pi Il pacchetto OSPI include i seguenti elementi: - scheda di espansione per Rasberry pi - morsetti a vite - un cavo a 8 pin e un cavo a 3 pin -

Dettagli

minipic programmer / debugger per microcontrollori PIC Marco Calegari

minipic programmer / debugger per microcontrollori PIC Marco Calegari 1 minipic programmer / debugger per microcontrollori PIC Marco Calegari 1 Il minipic è uno strumento mediante il quale è possibile programmare i microcontrollori della Microchip ed eseguire, su prototipi

Dettagli

Controllore di accesso con password. Manuale utente.

Controllore di accesso con password. Manuale utente. Controllore di accesso con password Manuale utente. Prima di installare il prodotto leggere I seguenti passi: 1. Introduzione: 1.Questo modello di dispositivo di controllo accesso può funzionare solo con

Dettagli

IZ1MHN e IW1ALX. Agenda. Introduzione ad Arduino Arduino l hardware Arduino il software Alcune idee realizzabili con Arduino E se facessimo un corso?

IZ1MHN e IW1ALX. Agenda. Introduzione ad Arduino Arduino l hardware Arduino il software Alcune idee realizzabili con Arduino E se facessimo un corso? IZ1MHN e IW1ALX Agenda Introduzione ad Arduino Arduino l hardware Arduino il software Alcune idee realizzabili con Arduino E se facessimo un corso? 1 Introduzione ad Arduino Cos è Arduino Un po di storia

Dettagli

modello modello versione Uscite

modello modello versione Uscite TRASMETTITORI QUALITA ARIA DA AMBIENTE Voce di capitolato: sensore per analisi della qualità dell aria sulla base di un sensore a gas misto Voc (Volatile Organic Compounds) Caratteristiche tecniche: Alimentazione:

Dettagli

IMPARIAMO CON IL PIERIN - IL BUS SPI 1

IMPARIAMO CON IL PIERIN - IL BUS SPI 1 Davide Oldani (Galaxi93) IMPARIAMO CON IL PIERIN - IL BUS SPI 20 July 2013 Premesse Lo scopo di questo articolo è quello di riuscire a interfacciare un DAC della Maxim (MAX541) al PIERIN PIC18 via SPI.

Dettagli

Pronti via! ETHERNET NS - CJ1

Pronti via! ETHERNET NS - CJ1 PV_0001 Rev. A Pronti via! ETHERNET NS - CJ1 Pronti via! "Pronti... via!" è una raccolta di informazioni interattive, che permette una consultazione rapida delle principali informazioni necessarie all'utilizzo

Dettagli

ABB i-bus EIB / KNX KIT INTERFACCIAMENTO DOMUSLINK EIB/KNX ED 029 4

ABB i-bus EIB / KNX KIT INTERFACCIAMENTO DOMUSLINK EIB/KNX ED 029 4 ABB i-bus EIB / KNX KIT INTERFACCIAMENTO DOMUSLINK EIB/KNX ED 029 4 Sistemi di installazione intelligente INDICE 1 GENERALE... 4 2 CARATTERISTICHE TECNICHE... 5 2.1 DATI TECNICI... 5 3 MESSA IN SERVIZIO...

Dettagli

Progetto di Microcontrollori. Cronotermostato per Caldaia

Progetto di Microcontrollori. Cronotermostato per Caldaia Progetto di Microcontrollori Cronotermostato per Caldaia Obiettivo del Progetto Realizzazione di un dispositivo elettronico capace di gestire l accensione di una caldaia mediante il controllo della temperatura

Dettagli

Serie 70. The Future Starts Now. Termometro digitale Temp70. Temp70 RTD Professional

Serie 70. The Future Starts Now. Termometro digitale Temp70. Temp70 RTD Professional Serie 70 Termometro digitale Temp70 Temp70 RTD Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD 0,01 C da -99,99 a +99,99 C 0,1 C da -200,0 a +999,9 C Termometro Temp70 _ Ver. 1.0 01/2014 Indice dei contenuti

Dettagli

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ)

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Ing. Andrea Zanobini - Maggio 2012 Dipartimento

Dettagli