ExpBoard 0216 Manual. Expansion Board GAS versione Base. FluctuS Intelligent Sensor System

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ExpBoard 0216 Manual. Expansion Board 0216 - GAS versione Base. FluctuS Intelligent Sensor System"

Transcript

1 Cod. Doc.: _rev10_FluctuS ExpBoard 0216 Manual Revisione: 1.0 Data: 17/05/2013 Pag. 1/14 ExpBoard 0216 Manual Expansion Board GAS versione Base FluctuS

2 Sommario 1 DESCRIZIONE SCHEMI ELETTRICI LINEE GUIDA DEL CIRCUITO STAMPATO DESCRIZIONE LAYOUT ASSEGNAZIONE PIN AL CONNETTORE DI INTERFACCIA 5 2 CONFIGURAZIONE SOFTWARE BEEPER LED SENSORE DI PRESSIONE MPXH6250A SENSORE DI TEMPERATURA E PRESSIONE SHT AMPLIFICATORE OPERAZIONALE A GUADAGNO VARIABILE MCP6S POTENZIOMETRO DIGITALE MCP SENSORE DI GAS 0 E GAS INSTALLAZIONE 10 3 FUNZIONI SENSORE DI PRESSIONE ATMOSFERICA SENSORE DI TEMPERATURA E UMIDITÀ RELATIVA SENSORI GAS 14 Pag. 2

3 1 Descrizione La scheda Sensori Gas gestisce le seguenti periferiche: Beeper per segnalazioni acustiche Led Sensore di Pressione atmosferica assoluta MPXH6250A Sensore Gas generico del tipo MQx (Gas Sensor 0) Sensore Gas generico del tipo MQx o Figaro NGM2611 (Gas Sensor 1) Sensore di temperatura e umidità SHT-71 Eeprom seriale I2C-bus da 8Kbyte utilizzata per la memorizzazione dei dati di taratura dei sensori installati sulla scheda Potenziometro digitale I2C-bus a 128 step (MCP4018) utilizzato per gestire l offset nella lettura dei sensori di gas presenti sulla scheda Amplificatore operazionale SPI a guadagno variabile MCP6S22. Questo componente permette all utente di leggere due diversi sensori di gas con un singolo canale ADC. 1.1 Schemi elettrici Figura 1 Schema Elettrico Scheda Gas Base Pag. 3

4 Figura 2 Schema Elettrico Scheda Gas Base 1.2 Linee guida del circuito stampato il PCB deve avere 1mm di spessore per poter essere inserito nelle guide della scatola il PCB deve rispettare le quote indicate in figura 1 il PCB deve prevedere il foro per il connettore Ethernet della scheda FluctuS il connettore di interfaccia verso la scheda FluctuS deve essere quotato come indicato in figura 1 sia sul fronte che sul retro del PCB i componenti devono stare all interno delle aree delimitate in caso di utilizzo di un pulsante da pannello o altro connettore si tipo passante, fare attenzione affinché non vada in collisione con i componenti della scheda FluctuS 1.3 Descrizione layout Figura 1 Vista frontale della scheda di espansione Gas Base Pag. 4

5 Figura 1a Quote scheda di espansione Gas 1.4 Assegnazione pin al connettore di interfaccia Il connettore Expansion Port, presente sulla scheda FluctuS, consente ad un utente di utilizzare una serie di pin General Purpose grazie ai quali può collegare un proprio hardware customizzato. Il connettore ha il pinout descritto in tabella 1. Le colonne Nome e Direzione identificano rispettivamente il nome e la funzionalità di ogni pin presente sul connettore. In particolare, oltre ai segnali di massa e alimentazione, sono presenti: o 8 pin di I/O generico, nominati come EXPGPx o 5 pin utilizzati per letture ADC, nominati come EXPADCn o 2 pin utilizzati dalla periferica I2C-BUS (SCL0 e SDA0). L utente ha la possibilità di utilizzare questi in base al tipo di hardware che intende collegare. Nella tabella 1, nelle colonne Definizione e Assegnazione, vengono descritte le funzionalità che i pin del connettore Expansion Port assumono per la scheda Base Sensori Pin Nome Direzione Definizione Assegnazione 1 3V3A - - Alimentazione 3,3V per Analogica 2 3V3 - - Alimentazione 3,3V per Digitale 3 GNDA Massa Analogica 4 GND Massa Digitale 5 VCC Alimentazione 5V Digitale 6 EXPGP3 Out 1 Dato seriale per MCP6S22 7 EXPGP2 Out 0 Clock seriale per MPC6S22 8 EXPGP9 I/O Input On/Off sensore Gas 1 9 EXPGP7 Out 1 Chip select MCP6S22 10 EXPADC1 Ian - Canale ADC per lettura multiplexata sensori Gas0 e Gas1 11 EXPADC4 Ian - Canale ADC per lettura sensore di pressione atmosferica 12 EXPGP1 I/O Input On/Off sensore Gas 0 13 EXPADC5 Ian - Canale ADC non utilizzato 14 GND - - Massa Digitale 15 EXPADC2 Ian - Canale ADC non utilizzato Pag. 5

6 16 EXPADC3 Ian - Canale ADC per lettura Vref sensore Figaro NGM2611 (non gestito) 17 SCL0 Out - I2C-bus Clock 18 EXPGP5 Out 1 Clock SHT SDA0 I/O - I2C bus Data 20 EXPGP6 I/O Out Data SHT EXPGP4 Out 0 On/Off LED 22 EXPGP8/PWM Out 0 On/Off Beeper Tabella 1 2 Configurazione software Il Bios della scheda FluctuS inizializza tutti i pin EXPGPx e EXPADCx del connettore della porta di espansione come ingressi. Per poter collegare la scheda Sensori, l utente, deve re-inizializzare i pin generici presenti sul connettore in modo da poter usare ciascun pin secondo le funzionalità specifiche che la scheda Sensori richiede. Nel rimappare un pin l utente deve prima settare il livello del pin e successivamente settarne la direzione. Questo accorgimento evita che si creino dei glitch (alto/basso o viceversa) soprattutto nel momento in cui un pin viene re-inizializzato come uscita. Per la Scheda Sensori Base per eseguire la re-inizializzazione dei pin sono stati creati i file c e h. La re-inizializzazione permette inoltre di eliminare, a livello applicativo, qualsiasi riferimento ai pin general purpose definiti a livello di Bios. Inoltre sono stati prodotti i file gest c e gest h che contengono alcune routine customizzate per il setup e la lettura dei due sensori di Gas presenti sulla scheda. L inizializzazione viene eseguita dalla routine EXPboardInit() e varia in base al tipo di periferica. 2.1 Beeper Il Beeper presente sulla scheda Base Sensori viene controllato tramite il pin EXPGP8/PWM del connettore di espansione. All interno della routine di EXPboardInit() tale pin viene settato basso e successivamente dichiarato come uscita. // Inizializzazione del pin assegnato al beeper EXPGP8_L; EXPGP8_OUT; L utente può attivare e disattivare il Led tramite le routine di BEEPERon() e BEEPERoff() definite all interno del file h. Pag. 6

7 2.2 Led Il led presente sulla scheda Base Sensori viene controllato tramite il pin EXPGP4 del connettore di espansione. Come per il Beeper, all interno della routine di EXPboardInit() tale pin viene settato basso e successivamente dichiarato come uscita. // Inizializzazione del pin assegnato al Led EXPGP4_L; EXPGP4_OUT; L utente può accendere e spegnere il Led tramite le macro di LEDPANEL_ON e LEDPANEL_OFF definite all interno del file h. #define LEDPANEL_ON EXPGP4_H // Led pannello acceso #define LEDPANEL_OFF EXPGP4_L // Led pannello spento 2.3 Sensore di pressione MPXH6250A Il sensore di pressione MPXH6250A non ha bisogno di essere inizializzato. Per poter leggere il valore della pressione misurata basta eseguire una lettura ADC tramite la routine Bios MPXH6250Aread(ch) che richiede come ingresso il canale ADC su cui eseguire la lettura. Come mostrato in tabella 1 il canale ADC riservato al sensore MPXH6250A è raggiungibile tramite il pin EXPADC4 del connettore di espansione. Per eliminare qualsiasi riferimento a questo pin general purpose, e quindi rendere customizzata la chiamata alla routine MPXH6250Aread, il canale EXPADC4 viene ridefinito come PRESSURE_SENS. #define PRESSURE_SENS EXPADC4 2.4 Sensore di temperatura e pressione SHT71 Per inizializzare il sensore SHT71 viene utilizzata la struttura di Bios SHT71HW. Il sensore, essendo di tipo seriale, deve essere gestito tramite i segnali di clock e data. Questi due segnali vengono generati manualmente. In particolare al segnale di clock viene associato il pin EXPGP5 del connettore di espansione e al segnale di data viene associato il pin EXPGP6. Per rendere la struttura SHT71HW il più flessibile possibile, per entrambi i segnali vengono richiesti la porta e il pin a cui sono fisicamente collegati. Questo permette all utente di assegnare al proprio sensore uno dei generici pin di I/O presenti sul connettore. Come mostrato nella seconda colonna della tabella, nella routine di EXPboardInit() viene inizializzata la parte hardware della struttura SHT71HW (porta e pin assegnati ai segnali di data e clock) ed inoltre i due pin EXPGP5 e EXPGP6 vengono settati alti e successivamente girati come uscite. Pag. 7

8 Struttura di riferimento typedef struct { uint32 sck_port; // Clock port uchar sck_pin; // Clock pin uint32 data_port; // Data port uchar data_pin; // Data pin uchar Type; // Tipo Lettura uchar State; // Per gestione SHT71 uint16 Adc; // Dato in colpi ADC int16 Temp; // Temp convertita uint16 Humid; // Umidità convertita uint16 Cnt; // Timer software uchar Error; // codici di Errore } SHT71HW; SHT71HW Inizializzazione contenuta in EXPboardInit() SHT71iodef; SHT71iodef.data_port = EXPGP6_PORT; SHT71iodef.data_pin = EXPGP6_PIN; SHT71iodef.sck_port = EXPGP5_PORT; SHT71iodef.sck_pin = EXPGP5_PIN; EXPGP5_H; EXPGP5_OUT; EXPGP6_H; EXPGP6_OUT; Tabella 2 Una volta settata la struttura SHT71iodef, l utente può richiamare le routine di gestione della periferica SHT71 senza dover più fare riferimento ai pin general purpose del connettore della scheda di espansione. 2.5 Amplificatore operazionale a guadagno variabile MCP6S22 Per inizializzare l amplificatore operazionale MCP6S22 viene utilizzata la struttura di Bios MCP6S22HW. L amplificatore, pilotato tramite interfaccia seriale SPI, deve essere gestito tramite i segnali di chip select, clock e data. Questi tre segnali vengono generati manualmente utilizzando rispettivamente i pin EXPGP7, EXPGP2 e EXPGP3 del connettore di espansione. Inoltre il canale ADC assegnato all amplificatore è raggiungibile tramite il pin EXPADC1 del connettore (questo canale è comune ai sensori di gas presenti sulla scheda). Per rendere la struttura MCP6S22HW il più flessibile possibile, per i segnali di chip select, clock e data viene richiesta la porta e il pin a cui sono fisicamente collegati. Questo permette all utente di assegnare al proprio sensore uno dei generici pin di I/O presenti sul connettore. Come mostrato nella seconda colonna della tabella 3, nella routine di EXPboardInit() viene inizializzata la struttura MCP6S22HW; il segnale di chip select viene settato basso e poi settato come uscita, mentre i segnali di clock e data vengono settati alti e poi girati in uscita. Infine viene richiamata la routine di MCP6S22shutdown() che mette in shutdown l amplificatore. Pag. 8

9 Struttura di riferimento Inizializzazione contenuta in EXPboardInit() MCP6S22HW MCP6S22iodef; typedef struct { uint32 cs_port; // Chip select port uchar cs_pin; // Chip select pin uint32 clk_port; // SPI clock port uchar clk_pin; // SPI clock pin uint32 di_port; // SPI data port uchar di_pin; // SPI data pin uchar adc_ch; // Canale ADC } MCP6S22HW; MCP6S22iodef.cs_port = EXPGP7_PORT; MCP6S22iodef.cs_pin = EXPGP7_PIN; MCP6S22iodef.clk_port = EXPGP2_PORT; MCP6S22iodef.clk_pin = EXPGP2_PIN; MCP6S22iodef.di_port = EXPGP3_PORT; MCP6S22iodef.di_pin = EXPGP3_PIN; MCP6S22iodef.adc_ch = EXPADC1; EXPGP2_L; EXPGP3_OUT; EXPGP3_H; EXPGP3_OUT; EXPGP7_H; EXPGP7_OUT; Tabella 3 MCP6S22shutdown(&MCP6S22iodef); Una volta settata la struttura MCP6S22iodef, l utente può richiamare le routine di gestione della periferica MCP6S22 senza dover più fare riferimento ai pin general purpose del connettore della scheda di espansione. 2.6 Potenziometro digitale MCP4018 Il potenziometro digitale MCP4018 non necessita di nessuna inizializzazione, ma viene letto e scritto grazie all I2C-Bus. Vengono quindi utilizzati i pin SCL0 e SDA0 del connettore della scheda di espansione. Nella routine di EXPboardInit() viene richiamata la funzione MCP4018write(0) che inizializza a 0V l offset della lettura dei sensori di Gas presenti sulla scheda. 2.7 Sensore di Gas 0 e Gas 1 Per inizializzare i due sensori di Gas presenti sulla scheda vengono utilizzate due strutture di tipo GASHW. Entrambi i sensori vengono accesi separatamente tramite i pin general purpose del connettore della scheda di espansione EXPGP1 e EXPGP9 e vengono letti sullo stesso canale ADC (EXPADC1) tramite l amplificatore operazionale MCP6S22. Al Sensore GAS0 viene assegnato il canale CH0 dell amplificatore operazionale MCP6S22, mentre al sensore GAS1 viene assegnato il canale CH1. Questo permette all utente di gestire separatamente i due sensori tramite le routine di Bios GASxxx(). Pag. 9

10 Per rendere la struttura GASHW il più flessibile possibile, per i segnali di on/off dei due sensori viene richiesta la porta e il pin a cui sono fisicamente collegati. Questo permette all utente di assegnare al proprio sensore uno dei generici pin di I/O presenti sul connettore. L inizializzazione delle due strutture dei sensori di Gas viene eseguita nella routine EXPboardInit() come mostrato nella tabella sottostante. Struttura di riferimento typedef struct { uint32 onoff_port; // On/off sensore port uchar onoff_pin; // On/off sensore pin uchar mcp6s22_inpch; // Canale MCP6S22 uchar mcp6s22_adcout; // Canale ADC uchar Type; // Tipo Lettura uchar State; // Per gestione sensore uchar Off; // Spegni dopo la lettura uint16 Adc; // Dato in colpi ADC int16 Value; // Valore GAS convertito uint32 Cnt; // Timer software } GASHW; GASHW GASHW Inizializzazione contenuta in EXPboardInit() GASiodef_0; GASiodef_1; // Sensore GAS 0 GASiodef_0.onoff_port = EXPGP1_PORT; GASiodef_0.onoff_pin = EXPGP1_PIN; GASiodef_0.mcp6s22_inpch = MCP6S22_CH0; GASiodef_0.mcp6s22_adcout = EXPADC1; // Sensore GAS 1 GASiodef_1.onoff_port = EXPGP9_PORT; GASiodef_1.onoff_pin = EXPGP9_PIN; GASiodef_1.mcp6s22_inpch = MCP6S22_CH1; GASiodef_1.mcp6s22_adcout = EXPADC1; Tabella Installazione Per poter collegare la scheda Base Sensori alla scheda WAN FluctuS l utente deve aggiungere i files dedicati precedentemente descritti al proprio programma applicativo. In particolare l utente deve: o Aprire il proprio progetto IAR; o Aggiungere al progetto, a livello di UserApp, la cartella ExpBoard (figura 2); Pag. 10

11 Figura 2 o Creare i file contenti le routine necessarie per gestire la scheda sensori e i relativi file di inclusione. Per la scheda Sensori sono stati creati i File c/.h e gest c/.h; o Creare il file expboard_global.h. Questo file deve essere richiamato come #include all interno del file usr_global.h e contiene l elenco delle librerie create ed utilizzate per eseguire le routine di inizializzazione e di controllo della scheda Sensori: #include "ExpBoard\ h" #include "ExpBoard\gest h" o Aggiungere alla cartella ExpBoard i file c e gest c appena creati (figura 2); Figura 3 Pag. 11

12 o Ricompilare l intero progetto 3 Funzioni Definizione delle costanti: #define MAX_GAS_SENSOR 2 Numero massimo di sensori Gas Variabili e costanti varie SHT71_OK 0 Nessun errore SHT71_ERROP 1 Errore Operazioni già in corso SHT71_ERRSENS 2 Errore Colloquio sensore SHT71_ERRCONV 3 Errore Conversione sensore 3.1 Sensore di Pressione Atmosferica uint16 MPXH6250Aread (uchar ch) Lettura convertita del sensore di Pressione Atmosferica MPXH6250A Pressione Atmosferica convertita in kpa/10 e compensata in temperatura. Note: Se il valore restituito è zero, il sensore è non presente o in errore E compito del programma utente eseguire altre compensazioni in base all altitudine, ecc. 3.2 Sensore di Temperatura e Umidità relativa Il sensore campiona i valori di Temperatura e Umidità uno alla volta; è compito del programma utente effettuare le operazioni di lettura di questi due dati in maniera mutualmente esclusiva. Pag. 12

13 uchar SHT71readTemperature (SHT71HW *p) Richiede la lettura della Temperatura Input: p = puntatore a struttura definizione hw SHT71_OK, SHT71_ERROP uchar SHT71readHumidity(SHT71HW *p) Richiede la lettura dell Umidità Input: p = puntatore a struttura definizione hw SHT71_OK, SHT71_ERROP uchar SHT71isReadEnd(SHT71HW *p) Ritorna la flag di fine lettura Temperatura o Umidità Input: p = puntatore a struttura definizione hw TRUE = fine lettura, FALSE = lettura in corso Note: Se l operazione è andata a buon fine si deve richiamare la SHT71convert(), altrimenti si deve richiamare la SHT71status() per indagare sulla causa dell errore uchar SHT71status(SHT71HW *p) Ritorna la flag errore del sensore SHT71 Input: p = puntatore a struttura definizione hw SHT71_OK, SHT71_ERROP, SHT71_ERRSENS, SHT71_ERRCONV void SHT71convert(SHT71HW *p) Converte il dato letto in Temperatura o Umidità a seconda dell ultimo comando richiesto Input: p = puntatore a struttura definizione hw I campi SHT71Struct.Temp o SHT71Struct.Umid sono aggiornati con la temperatura in C/100 o umidità relativa in %. Pag. 13

14 3.3 Sensori GAS I sensori Gas0 e Gas1 condividono lo stesso canale analogico di lettura e lo stesso circuito di correzione offset e guadagno variabile; pertanto la loro lettura deve essere sempre richiesta dal programma utente in maniera mutualmente esclusiva. uchar GASread (GASHW *p, uint32 ltime, uchar off, uchar offset, uchar gain) Richiede la lettura del sensore CH4 Input: ltime = tempo di pre-heating espresso in millisecondi Off = 1 se il sensore si deve spegnere dopo la lettura offset = , valore del potenziometro digitale per compensazione offset gain = guadagno dell'amp.op. 0 = errore 1 = in corso uchar GASisReadEnd(GASHW *p) Ritorna la flag di fine lettura sensore CH4 1 = fine lettura 0 = lettura in corso void GASconvert(GASHW *p) Converte il dato letto secondo i dati e U.M. di calibrazione Campo CH4Struct.Value aggiornato Note: Non ancora implementata, vedi programmi di esempio 4 Note Nel programma di test delle periferiche FluctuS, liberamente distribuito in formato sorgente insieme all ambiente di sviluppo, è presente un file denominato gest c che implementa una possibile procedura di taratura dei sensori di Gas. A seconda delle esigenze può essere necessario modificare le resistenze R5 e/o R6 che costituiscono la Rload di ciascun sensore. Attenzione: La taratura dei sensori ed eventuali compensazioni dei valori letti al variare della Temperatura e Umidità ambientale sono a carico dell utente. Pag. 14

ITS Einaudi Appunti T.D.P. Z USB IO A&D con LABVIEW

ITS Einaudi Appunti T.D.P. Z USB IO A&D con LABVIEW Z USB IO A&D con LABVIEW L interfaccia nasce dalla necessità di sostituire le periferiche usate fin ora in laboratorio basate sulla porta parallela e seriale del PC. Questo tipo di interfacce ormai poco

Dettagli

FT536 DISPLAY GIGANTE 3 IN 1: ORA, DATA, TEMPERATURA 1/5 FT536 CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO

FT536 DISPLAY GIGANTE 3 IN 1: ORA, DATA, TEMPERATURA 1/5 FT536 CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO DISPLAY GIGANTE 3 IN 1: ORA, DATA, TEMPERATURA Sulla scia dei differenti tipi di display multifunzionali già presentati, ecco un nuovo dispositivo che utilizza i moduli giganti a sette segmenti con led

Dettagli

Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione

Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione Introduzione La RTU B200, ultima nata del sistema TMC-2000, si propone come valida risposta alle esigenze di chi progetta e implementa sistemi di automazione

Dettagli

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) - Arduino è orientato all'applicazione, - Permette di provare, partendo dal piccolo e crescendo pezzo per pezzo (sviluppo modulare); - Lo sviluppo è aiutato da una enorme community online con esempi e

Dettagli

Il sensore ad ultrasuoni

Il sensore ad ultrasuoni Il sensore ad ultrasuoni Caratteristiche elettriche Alimentazione: 5 Vcc Il sensore rileva oggetti da 0 cm fino a 6,45 metri. Tre diverse possibiltà per leggere il dato di uscita del sensore: 1. lettura

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

Progetto di Domotica

Progetto di Domotica Progetto di Domotica Titolo dell esercitazione: Progetto di Domotica Descrizione sommaria dell esperienza: Realizzazione di un circuito che permette il controllo di vari sensori all interno di un edificio.

Dettagli

Big-wifi Descrizione e modalità d uso

Big-wifi Descrizione e modalità d uso TELECONTROLLO VIA RETE BIG-WIFI Big-wifi Descrizione e modalità d uso Rev.1509-1 - Pag.1 di 10 www.carrideo.it INDICE 1. IL TELECONTROLLO BIG-WIFI... 3 1.1. DESCRIZIONE GENERALE... 3 1.1.1. Uscite open-collector...

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

DASY-X. Manuale utente

DASY-X. Manuale utente DASY-X Manuale utente Versione 1.01 Agosto 2015 INDICE PROCEDURA BASE... 3 IL SISTEMA DASY & DANAS... 4 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE... 4 INSTALLAZIONE DASY... 4 CONNETTORE 20 PIN... 6 CONNETTORE 16 PIN...

Dettagli

Il PLC per tutti PRATICA

Il PLC per tutti PRATICA Settima parte: Settembre 2007 I Relays e la gestione dei dati Ottava parte: Ottobre 2007 Utilizzare il modulo Led a 7 segmenti giganti Nona parte: Novembre 2007 Applicazioni con i display a 7 segmenti

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 4ª) giugno 2013 Giorgio Carpignano I.I.S. PRIMO LEVI C.so Unione Sovietica 490 (TO) Materiale didattico: www.iisprimolevi.it Conversione

Dettagli

LOGO! Avvio alla programmazione. Versione 1.0 Guida pratica per compiere i primi passi con LOGO!

LOGO! Avvio alla programmazione. Versione 1.0 Guida pratica per compiere i primi passi con LOGO! LOGO! Avvio alla programmazione Versione 1.0 Guida pratica per compiere i primi passi con LOGO! [Digitare il testo] [Digitare il testo] [Digitare il testo] CONTENUTI 1 INTRODUZIONE... 3 2 PRIMI PASSI PER

Dettagli

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools MANUALE D USO WEB CONTROLLI NETOOLS Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools Rev.1401 Pag.1 di - 114 - www.carrideo.it INDICE 1. I WEB CONTROLLI NETOOLS... 3 1.1. INTRODUZIONE... 3 1.2. DESCRIZIONE

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

// Controllo remoto 05/05/2012 // poichè sono ancora ai primi passi ho usato // a larghe mani idee e listati di altri. Ringrazio tutti loro.

// Controllo remoto 05/05/2012 // poichè sono ancora ai primi passi ho usato // a larghe mani idee e listati di altri. Ringrazio tutti loro. // Controllo remoto 05/05/2012 // poichè sono ancora ai primi passi ho usato // a larghe mani idee e listati di altri. Ringrazio tutti loro. // Librerie necessarie per il progetto #include #include

Dettagli

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio.

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio. Svolgimento (a) Il sensore di temperatura ha un uscita digitale a 9 bit, emettendo un codice binario proporzionale al valore Temp richiesto. Possiamo pensare si tratti di un dispositivo 1-Wire. Un sistema

Dettagli

12 - timer da cucina display a 4 cifre

12 - timer da cucina display a 4 cifre 12 - timer da cucina display a 4 cifre Il display led da 4 cifre utilizzato in questo esercizio e il modello HS410561K-32. Questo modello, e caratterizzato da 4 anodi (uno per ogni cifra) e dai 8 catodi,

Dettagli

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori Microcontrollore Il microcontrollore è un sistema a microprocessore completo,integrato in un unico chip, progettato per avere la massima autosufficienza e versatilità. Infatti visto il loro prezzo esiguo,

Dettagli

IZ1MHN e IW1ALX. Agenda. Introduzione ad Arduino Arduino l hardware Arduino il software Alcune idee realizzabili con Arduino E se facessimo un corso?

IZ1MHN e IW1ALX. Agenda. Introduzione ad Arduino Arduino l hardware Arduino il software Alcune idee realizzabili con Arduino E se facessimo un corso? IZ1MHN e IW1ALX Agenda Introduzione ad Arduino Arduino l hardware Arduino il software Alcune idee realizzabili con Arduino E se facessimo un corso? 1 Introduzione ad Arduino Cos è Arduino Un po di storia

Dettagli

FPGA alla portata di tutti

FPGA alla portata di tutti di ANTONIO ACQUASANTA Igloo nano Starter kit FPGA alla portata di tutti Questo articolo presenta nel dettaglio l IGLOO nano STARTER KIT di ACTEL, dal costo contenuto, per FPGA, che potrà essere usato come

Dettagli

manuale d uso e documentazione Descrizione pag. 1 Caratteristiche e specifiche 2 Note tecniche ed avvertenze 2 Layout dispositivo 3

manuale d uso e documentazione Descrizione pag. 1 Caratteristiche e specifiche 2 Note tecniche ed avvertenze 2 Layout dispositivo 3 BMP 198 scheda di controllo motore passo passo manuale d uso e documentazione Descrizione pag. 1 Caratteristiche e specifiche 2 Note tecniche ed avvertenze 2 Layout dispositivo 3 Descrizione comandi e

Dettagli

TUTORIAL 1. Gestione di periferiche di I/O su scheda XSA50. A cura di De Pin Alessandro

TUTORIAL 1. Gestione di periferiche di I/O su scheda XSA50. A cura di De Pin Alessandro TUTORIAL 1 Gestione di periferiche di I/O su scheda XSA50 A cura di De Pin Alessandro 1 Introduzione L intento di questo tutorial è quello di illustrare un primo semplice esempio di creazione di un progetto

Dettagli

FT473K ESPANSIONE IN I 2 C-BUS A 8 RELE

FT473K ESPANSIONE IN I 2 C-BUS A 8 RELE ESPANSIONE IN I 2 C-BUS A 8 RELE Chi ha costruito e utilizzato il Controllo GSM bidirezionale con cellulari Siemens, descritto nel fascicolo n 71 della nostra rivista, ha certamente apprezzato le sue possibilità

Dettagli

Schede di gestione di ingressi e uscite digitali e/o analogiche mediante interfaccia USB, Ethernet, WiFi, CAN o RS232

Schede di gestione di ingressi e uscite digitali e/o analogiche mediante interfaccia USB, Ethernet, WiFi, CAN o RS232 IPSES S.r.l. Scientific Electronics IPSES SCHEDE DI I/O Schede di gestione di ingressi e uscite digitali e/o analogiche mediante interfaccia USB, Ethernet, WiFi, CAN o RS232 Le schede di gestione I/O IPSES

Dettagli

Programmazione di Base Variabili Array Funzioni Strutture di controllo. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

Programmazione di Base Variabili Array Funzioni Strutture di controllo. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) Programmazione di Base Variabili Array Funzioni Strutture di controllo Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) 3^ parte Com è fatto Arduino Programmazione da USB Nota: Firmware: Insieme

Dettagli

MANUALE DI PROGRAMMAZIONE

MANUALE DI PROGRAMMAZIONE H I07 High Performance Injection system MANUALE DI PROGRAMMAZIONE MP0010it Rel03 Copyright Emmegas 06/03/2009 1 / 14 INTRODUZIONE All avvio del programma sono visualizzati il nome del software e relativa

Dettagli

ITALY CUP SPECIFICHE TECNICHE ISTRUZIONI D USO DEL SISTEMA CHIPCARD DECONTO

ITALY CUP SPECIFICHE TECNICHE ISTRUZIONI D USO DEL SISTEMA CHIPCARD DECONTO ITALY CUP SPECIFICHE TECNICHE E ISTRUZIONI D USO DEL SISTEMA CHIPCARD DECONTO La SGL Italia S.r.l. a socio unico, direzione e coordinamento di N&W S.p.a., si riserva a termini di legge la proprietà del

Dettagli

Gruppi di continuità UPS Line Interactive. PC Star EA

Gruppi di continuità UPS Line Interactive. PC Star EA Gruppi di continuità UPS Line Interactive PC Star EA Modelli: 650VA ~ 1500VA MANUALE D USO Rev. 01-121009 Pagina 1 di 8 SOMMARIO Note sulla sicurezza... 1 Principi di funzionamento... 2 In modalità presenza

Dettagli

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA Risposta al quesito a Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA (A CURA DEL PROF. Giuseppe SPALIERNO docente di Elettronica

Dettagli

SmartUP Manuale Installazione e Uso

SmartUP Manuale Installazione e Uso SmartUP Manuale Installazione e Uso Data Note Versione 1.0 15/04/2013 Prima stesura Versione 1.03 15/05/2013 Provvisoria SmartUP_Manuale Installazione e Uso_V1.03_IT.doc Pagina 1 di 23 INDICE: 1 Descrizione

Dettagli

Software di configurazione String Box

Software di configurazione String Box Software di configurazione String Box E vietata la riproduzione di qualsiasi parte del presente documento anche se parziale salvo autorizzazione della ditta costruttrice. Sommario Avvertenze... 3 Installazione

Dettagli

ADX. Misuratore di coppia. Manuale Utente Ver. 2.10. (Da versione FW 1.20 in poi) 1 / 1

ADX. Misuratore di coppia. Manuale Utente Ver. 2.10. (Da versione FW 1.20 in poi) 1 / 1 ASA-RT srl -- Strada del Lionetto, 16/a 10146 Torino ITALY Tel: +39 011 796 5360884 333r.a.. Fax: +39 011712 19835705 339 E_mail: info@asa-rt.com Url: www.asa-rt.com ADX Misuratore di coppia Manuale Utente

Dettagli

Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione

Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione MANUALE UTENTE G-MOD Manuale di installazione, uso e manutenzione A Gennaio 2015 Prima Versione S. Zambelloni M. Carbone Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione Rev.A Pag. 1 di 16 Le informazioni

Dettagli

Istruzioni per l impostazione del computer per l uso con ExoScan

Istruzioni per l impostazione del computer per l uso con ExoScan Istruzioni per l impostazione del computer per l uso con ExoScan scanner intraorale ITALIANO (lingua originale) IT 3D Progress Software - Impostazioni PC rev01_it - ottobre 2013 Pagina lasciata intenzionalmente

Dettagli

Rilheva - LAN. Manuale d uso. Ethernet System

Rilheva - LAN. Manuale d uso. Ethernet System Rilheva - LAN Manuale d uso Ethernet System INDICE DIMENSIONI 3 AVVERTENZE DI SICUREZZA 4 DESCRIZIONE GENERALE 4 ARCHITETTURA DEL SISTEMA 5 APPLICAZIONI 6 CONFIGURAZIONE DEL DISPOSITIVO 6 DIAGNOSTICA 7

Dettagli

PRESENTA. Cronometro da gara per prove di regolarità. Versione 4.19

PRESENTA. Cronometro da gara per prove di regolarità. Versione 4.19 PRESENTA Cronometro da gara per prove di regolarità Versione 4.19 Funzionamento Alla accensione lo strumento presenta la schermata di benvenuto quindi emette un bip. Alla pressione di un tasto oppure dopo

Dettagli

RECS 101: UN WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI CONTROLLO REMOTO TRAMITE TCP/IP

RECS 101: UN WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI CONTROLLO REMOTO TRAMITE TCP/IP RECS 101: UN WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI CONTROLLO REMOTO TRAMITE TCP/IP seconda parte di Cristian Randieri randieri@intellisystem.it In questa seconda parte della presentazione del dispositivo

Dettagli

1. INTRODUZIONE ETH-BOX

1. INTRODUZIONE ETH-BOX Software ETH-LINK 10/100 Manuale d uso ver. 1.0 1. INTRODUZIONE Il Convertitore Ethernet/seriale ETH-BOX, dedicato alla connessione Ethernet tra PC (TCP/IP e UDP) e dispositivi di campo (RS-232, RS-485),

Dettagli

Introduzione ai Microcontrollori Workshop 08/06/2011 Dott.Ing.Marco Frosini Qprel srl Dott.Ing.Lorenzo Giardina Qprel srl Slide 1 di 27 L'elettronica digitale PRIMA dei microcontrollori Elemento base:

Dettagli

Uno dei metodi più utilizzati e

Uno dei metodi più utilizzati e TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA Quinta parte n 257 - Novembre 2006 Realizzazione di un timer digitale programmabile Sesta parte n 258 - Dicembre 2006 Uso delle interfacce seriali Settima parte n 259

Dettagli

Indice generale. Introduzione...xiii. Breve storia di Raspberry Pi...1. Fuori dalla scatola...5

Indice generale. Introduzione...xiii. Breve storia di Raspberry Pi...1. Fuori dalla scatola...5 Introduzione...xiii Un progetto nato per passione... xiii La comunità educativa...xiv Piattaforme educative, ma non solo...xv Istruzioni per l uso...xv Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Breve storia di

Dettagli

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ)

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Ing. Andrea Zanobini - Maggio 2012 Dipartimento

Dettagli

1.0 Software GRIPONE PRO 2

1.0 Software GRIPONE PRO 2 1.0 Software GRIPONE PRO 2 La ECU GRIPONE PRO 2 viene gestita tramite il software fornito in dotazione. Il Software funziona su piattaforma Windows XP o Windows Vista e permette la gestione dei parametri

Dettagli

2000-3000 VA MANUALE D'USO

2000-3000 VA MANUALE D'USO Gruppi di continuità UPS Line Interactive EA SIN 2000-3000 VA MANUALE D'USO Rev. 01-130111 Pagina 1 di 8 SOMMARIO Note sulla sicurezza...1 Principi di funzionamento...2 Caratteristiche principali...3 Funzione

Dettagli

Manuale aggiornato a 07/09/2014

Manuale aggiornato a 07/09/2014 Manuale tecnico LABDomotic LABInput PRO Arduino Manuale aggiornato a // DTProduction Production DT www.labdomotic.com Argomenti Schemi elettrici per domotica con Software Domotica Tartaglia Schemi elettrici

Dettagli

Regolatore Elettronico Automotive per Valvole Proporzionali Singolo Solenoide

Regolatore Elettronico Automotive per Valvole Proporzionali Singolo Solenoide Il comando REP-A400 è nato per pilotare fino a 4 valvole proporzionali sia ad anello aperto,cioè quelle valvole che non hanno il trasduttore di posizionamento interno, sia quelle retro-azionate. Il REP-A400

Dettagli

INTRODUZIONE AL NUTCHIP

INTRODUZIONE AL NUTCHIP ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Vincenzo CERULLI GIULIANOVA (TE) DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI LABORATORIO TECNOLOGIA DISEGNO E PROGETTAZIONE INTRODUZIONE AL NUTCHIP I Nutchip sono

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Università di Ferrara Facoltà di Ingegneria Docente: Ing. Massimiliano Ruggeri Mail: m.ruggeri@imamoter.cnr.it mruggeri@ing.unife.it Tel. 0532/735631 Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Durata:

Dettagli

Manuale d uso scheda irrigazione domotica per Raspberry pi

Manuale d uso scheda irrigazione domotica per Raspberry pi Manuale d uso scheda irrigazione domotica per Raspberry pi Il pacchetto OSPI include i seguenti elementi: - scheda di espansione per Rasberry pi - morsetti a vite - un cavo a 8 pin e un cavo a 3 pin -

Dettagli

ProCon GSM. Manuale di Installazione

ProCon GSM. Manuale di Installazione Manuale di Installazione SOMMARIO Descrizione delle funzioni del dispositivo... pag. 3 Descrizione dei terminali della morsettiera... pag. 3 Istruzioni per l installazione... pag. 3 Segnalazioni LED...

Dettagli

Very Fast Multichannel Transceiver equipped with power amplifier. La foto è puramente indicativa, fatta su un campione di laboratorio

Very Fast Multichannel Transceiver equipped with power amplifier. La foto è puramente indicativa, fatta su un campione di laboratorio Very Fast Multichannel Transceiver equipped with power amplifier La foto è puramente indicativa, fatta su un campione di laboratorio Il transceiver a lungo raggio, pin to pin compatibile con i precedenti

Dettagli

InterCom GSM. Manuale di Installazione

InterCom GSM. Manuale di Installazione Manuale di Installazione Sommario Descrizione delle funzioni del dispositivo... Pagina 3 Descrizione dei terminali della morsettiera... Pagina 3 Vantaggi... Pagina 4 Installazione e configurazione... Pagina

Dettagli

Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android...

Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android... Sommario Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android... 4 Indruduzione La scheda può controllare fino a quattro

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 3ª) giugno 2013 Giorgio Carpignano I.I.S. PRIMO LEVI C.so Unione Sovietica 490 (TO) Materiale didattico: www.iisprimolevi.it Esercizio

Dettagli

Progetto di Microcontrollori. Cronotermostato per Caldaia

Progetto di Microcontrollori. Cronotermostato per Caldaia Progetto di Microcontrollori Cronotermostato per Caldaia Obiettivo del Progetto Realizzazione di un dispositivo elettronico capace di gestire l accensione di una caldaia mediante il controllo della temperatura

Dettagli

Manuale d uso di GAS T1 (Propane Detector). Montaggio dei SENSORI DI GAS nel sistema D2NA e NNA

Manuale d uso di GAS T1 (Propane Detector). Montaggio dei SENSORI DI GAS nel sistema D2NA e NNA Manuale d uso di GAS T1 (Propane Detector). Il gas detector è un dispositivo che segnala la presenza di un certo tipo di gas con l ausilio di un allarme acustico e visivo locale. Il dispositivo può funzionare

Dettagli

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM.

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM. Manuale istruzioni 094 Comunicatore GSM. Indice. Descrizione................................................................ 2 2. Campo di applicazione.......................................................

Dettagli

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8.

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Programmare i PIC in C Prerequisiti: Lezione7 Lezione8 Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L15 1 Timers - Interrupts I timers e gli Interrupts

Dettagli

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014 Tracking ADC M. De Vincenzi 1 Introduzione La digitalizzazione di segnali analogici si realizza tramite dispositivi che vengono detti ADC (acronimo per Analog

Dettagli

ZEUS38 Centrale di allarme 32 zone radio + 6 cablate Rev 1.1

ZEUS38 Centrale di allarme 32 zone radio + 6 cablate Rev 1.1 www.sistel-elettronica.it info@sistel-elettronica.it support@sistel-elettronica.it ZEUS38 Centrale di allarme 32 zone radio + 6 cablate Rev 1.1 INTRODUZIONE E CARATTERISTICHE TECNICHE Modulare, semplice

Dettagli

Arduino e internet: utilizzare Xively.com

Arduino e internet: utilizzare Xively.com Arduino e internet: utilizzare Xively.com www.creativecommons.org/ Arduino ha numerosi modi per collegarsi ad internet. In questo e nei prossimi tutorial analizziamo le varie soluzioni per uplodare dati

Dettagli

LaurTec. RS232-CAN Protocol Converter. Versione N 1.0. Autore : Mauro Laurenti. email: info.laurtec@gmail.com ID: PJ2003-IT

LaurTec. RS232-CAN Protocol Converter. Versione N 1.0. Autore : Mauro Laurenti. email: info.laurtec@gmail.com ID: PJ2003-IT Versione N 1.0 RS232-CAN Protocol Converter Autore : Mauro Laurenti email: info.laurtec@gmail.com ID: PJ2003-IT Copyright 2008 Mauro Laurenti 1/9 INFORMATIVA Come prescritto dall'art. 1, comma 1, della

Dettagli

Risoluzione dei problemi

Risoluzione dei problemi Risoluzione dei problemi Leggimi! 1. Scegliere Impostazioni dal menu Avvio, quindi selezionare Pannello di controllo. 2. Fare doppio clic sull icona Modem. 3. Scegliere la scheda Diagnostica. 4. Selezionare

Dettagli

>SISTEMA WIRELESS STAND ALONE

>SISTEMA WIRELESS STAND ALONE >SISTEMA WIRELESS STAND ALONE 126 SISTEMI DI SPEGNIMENTO AI TRU SIONE FI CEN DIO >128 UNITÀ CENTRALE >129 >130 RILEVATORI >132 ATTUATORI CENTRI ASSISTENZA TECNICA ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE COMUNICATORI

Dettagli

Simply8. Manuale d uso. v. 1.0. Cod. 27951. Centrale filare Simply8. High

Simply8. Manuale d uso. v. 1.0. Cod. 27951. Centrale filare Simply8. High Simply8 Cod. 27951 Centrale filare Simply8 High Manuale d uso v. 1.0 INTRODUZIONE Zone di allarme temporizzabili e parzializzabili con linee configurabili come N.C., N.A., bilanciate e ad impulsi (es.

Dettagli

minilector/seriale Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/seriale Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/seriale minilector/seriale...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. Inserendo una smartcard la segnalazione luminosa (led) si accende in modo continuo?... 1 2. Considerazioni

Dettagli

Arethusa V22 User manual

Arethusa V22 User manual Arethusa V22 User manual Parsic Italia Via Santerno,8 48010 Savio di Cervia Sito web : www.parsicitalia.it www.parsicitalia.com Copyright e-mail info@parsicitalia.com Copyright Nessuna parte del presente

Dettagli

Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza

Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza Obiettivo e specifiche del progetto 1. Monitoraggio in tempo reale della temperatura in una stanza (Tacq= 4 sec, Input range=

Dettagli

1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware

1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware 1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware Il seguente diagramma è un esempio di sistema di controllo accessi con il software Veritrax AS-215 e i controllori AC- 215. 1.1

Dettagli

6^ parte : Acquisizione della temperatura con LM35. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

6^ parte : Acquisizione della temperatura con LM35. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) 6^ parte : Acquisizione della temperatura con LM35 Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) Esperienzan 5 Lo scopo è quello di far accendere due LED in base ad una soglia di temperatura

Dettagli

MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X

MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X MANUALE D INSTALLAZIONE LEGGERE ATTENTAMENTE IL PRESENTE MANUALE PRIMA DI METTERE IN FUNZIONE L'APPARECCHIATURA. INDICE Caratteristiche

Dettagli

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica D.Gamba,P.P.Trapani April 9, 2004 1 1 Circuiti Digitali Integrati: Timer, ADC e DAC In questo Lab. si imparera ad usare alcuni circuiti integrati

Dettagli

Fig. 1. Fig. 2 Fig. 3 6 6 Alloggiamento S I M - C A R D. Fig. 4

Fig. 1. Fig. 2 Fig. 3 6 6 Alloggiamento S I M - C A R D. Fig. 4 Fig. 1 1 Morsetto a 6 Poli Uscite: Relè, On-Off, Aux1 - Aux2 2 J4: Ponticello di Reset Totale e Configurazione D e f a u l t 3 C o n n e t t o re 8 Poli: Alimentazione e I n g ressi 1-2-3 4 Relè Allarme:

Dettagli

Lezione 4. Figura 1. Schema di una tastiera a matrice di 4x4 tasti

Lezione 4. Figura 1. Schema di una tastiera a matrice di 4x4 tasti Lezione 4 Uno degli scogli maggiori per chi inizia a lavorare con i microcontroller, è l'interfacciamento con tastiere a matrice. La cosa potrebbe a prima vista sembrare complessa, ma in realtà è implementabile

Dettagli

theremino System LEZIONE 1 Il Master descrizione LEZIONE 2 HAL descrizione Esercizio: accendere 1 o più LED Esercizio: azionare un servomotore

theremino System LEZIONE 1 Il Master descrizione LEZIONE 2 HAL descrizione Esercizio: accendere 1 o più LED Esercizio: azionare un servomotore theremino System LEZIONE 1 Il Master descrizione LEZIONE 2 HAL descrizione Esercizio: accendere 1 o più LED Esercizio: azionare un servomotore 1 LEZIONE 1 Il Master OPERAZIONI 1. prendere il circuito Master

Dettagli

Progetto di Luigi Nardi in collaborazione con SELCON elettronica. Doppio visualizzatore di temperatura:

Progetto di Luigi Nardi in collaborazione con SELCON elettronica. Doppio visualizzatore di temperatura: Progetto di Luigi Nardi in collaborazione con SELCON elettronica Doppio visualizzatore di temperatura: 2µS1T2 2μS1T2 CONTENUTI: 1-Introduzione -----------------------------------------------------------2-Obiettivi

Dettagli

Per la corretta comunicazione tra PC e apparato, è necessario:

Per la corretta comunicazione tra PC e apparato, è necessario: 765HPRWH&RQWUROOHU 0DQXDOHXWHQWH 1 6RPPDULR 1 Introduzione... 3 1.1 Scopo del programma e filosofia di funzionamento... 3 1.2 Scarico di responsabilità... 3 1.3 Requisiti hardware... 3 1.4 Condizioni di

Dettagli

I PIC Partendo da Zero By link_89

I PIC Partendo da Zero By link_89 I PIC Partendo da Zero By link_89 Indice: 1. Introduzione 2. Che cosa serve 3. I più usati 4. I registri 5. Il Primo progetto Introduzione Con questa guida non pretendo di insegnarvi a usare perfettamente

Dettagli

Invio SMS. DM Board ICS Invio SMS

Invio SMS. DM Board ICS Invio SMS Invio SMS In questo programma proveremo ad inviare un SMS ad ogni pressione di uno dei 2 tasti della DM Board ICS. Per prima cosa creiamo un nuovo progetto premendo sul pulsante (Create new project): dove

Dettagli

ARM PROCESSORS FAMILY

ARM PROCESSORS FAMILY 1 ARM PROCESSORS FAMILY ESECUZIONE E DEBUG DI PROGRAMMI C SUL SISTEMA DI SVILUPPO ADS INTRODUZIONE ALL'EVALUATION BOARD EVALUATOR-7T INSTALLAZIONE DELLA BOARD EVALUATOR 7T ESECUZIONE DI PROGRAMMI SULLA

Dettagli

DIGITALE >ANTINCENDIO SISTEMA FAP500 ANTINCENDIO

DIGITALE >ANTINCENDIO SISTEMA FAP500 ANTINCENDIO ANTINCENDIO >ANTINCENDIO DIGITALE SISTEMA FAP500 ANTINCENDIO SISTEMA FAP500 Alta flessibilità del sistema Il sistema FAP500 è un sistema intelligente modulare, omologato EN54, realizzato con una tecnologia

Dettagli

SOMMARIO 1. Descrizione Generale 2. Caratteristiche 3. Versioni 4. Operazioni Preliminari 5. Modifica dei Parametri 6. Allarmi 7.

SOMMARIO 1. Descrizione Generale 2. Caratteristiche 3. Versioni 4. Operazioni Preliminari 5. Modifica dei Parametri 6. Allarmi 7. SOMMARIO 1. Descrizione Generale Pagina 1 2. Caratteristiche Pagina 1 3. Versioni Pagina 1 4. Operazioni Preliminari Pagina 2-3 5. Modifica dei Parametri Pagina 4 5.1. Dati di Calibrazione Pagina 4 5.2.

Dettagli

DS80KT1J-004 Gestione Famiglia serie MB10. Web Server Guida all impostazione

DS80KT1J-004 Gestione Famiglia serie MB10. Web Server Guida all impostazione DS80KT1J-004 Gestione Famiglia serie MB10 Web Server Guida all impostazione Le informazioni contenute in questo documento sono state raccolte e controllate con cura, tuttavia la società non può essere

Dettagli

SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED

SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED Fasar Elettronica propone un innovativa e performante famiglia di prodotti per l'ambiente embedded, che comprende sistemi completi e singoli

Dettagli

introduzione I MICROCONTROLLORI

introduzione I MICROCONTROLLORI introduzione I MICROCONTROLLORI Definizione Un microcontrollore è un dispositivo elettronico programmabile Può svolgere autonomamente diverse funzioni in base al programma in esso implementato Non è la

Dettagli

1 Unità di generazione PWM del ADMCF32X

1 Unità di generazione PWM del ADMCF32X SOMMARIO 1 UNITÀ DI GENERAZIONE PWM DEL ADMCF3X... 1 PWM TIMER OPERATION... REGISTRO PWMTM... REGISTRO PWMDT (DEAD-TIME REGISTER)... PWM DUTY-CYCLE... 3 PWMTRIP... 3 GENERAZIONE DI MODELLI SINUSOIDALI

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA. CENTRALI 5 e 10 ZONE. Rev.B

ISTRUZIONE TECNICA. CENTRALI 5 e 10 ZONE. Rev.B ISTRUZIONE TECNICA CENTRALI 5 e 10 ZONE Rev.B Indice manuale tecnico Principi generali di funzionamento pag. 03 Installazione meccanica. pag. 06 Descrizione del frontale della centrale pag. 08 Chiave elettromeccanica.

Dettagli

Un micro FPGA. skills. come il core ABC. il core ABC sia la suite di sviluppo di AC-

Un micro FPGA. skills. come il core ABC. il core ABC sia la suite di sviluppo di AC- skills di Un micro FPGA che parte dall ABC Quando in molti progetti è necessario unire alla logica programmabile la funzionalità di un piccolo microprocessore le soluzioni semplici come il core ABC possono

Dettagli

Caratteristiche. Contenuto della confezione

Caratteristiche. Contenuto della confezione ITA Caratteristiche Il sistema ASA-30 può essere utilizzato sia come sirena aggiuntiva collegata al sistema di allarme sia come sirena indipendente collegata al telecomando e/o rilevatori senza fili. -

Dettagli

Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F

Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F A. Romani Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Cos è un microcontrollore? Differenza tra Microprocessore e Microcontrollore à Microprocessore: normalmente

Dettagli

Impianto civile di una casa

Impianto civile di una casa Modolo Nicola Vettorel Denis BET ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE I.T.I.S. TESINA ESAME DI STATO A.S. 0/0 Indice Introduzione Pag. Schema a blocchi Pag. Schema elettrico

Dettagli

Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo

Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo SCH 33 Voltmetro a 3 digit Obiettivi Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo IC1 = CA 3162 A/D converter for 3-Digit Display IC2 = CA 3161 BCD to seven segment

Dettagli

1. Introduzione... 4 2. Descrizione del dispositivo... 5. Informazioni account... 6. 3. Utilizzo di RCloud... 7

1. Introduzione... 4 2. Descrizione del dispositivo... 5. Informazioni account... 6. 3. Utilizzo di RCloud... 7 TM Guida Avanzata I Sommario 1. Introduzione... 4 2. Descrizione del dispositivo... 5 Informazioni account... 6 3. Utilizzo di RCloud... 7 Posizionamento di RCloud... 7 Collegamento di RCloud... 7 Accensione

Dettagli

Laboratorio microcontrollori e open source Prima parte

Laboratorio microcontrollori e open source Prima parte Laboratorio microcontrollori e open source Prima parte Politecnico Open unix Labs 13 Aprile 2012 POuL Laboratorio microcontrollori e open source Prima parte 1/ 53 Introduzione Questo corso è una breve

Dettagli

DCC. Se avete digerito il contenuto. Il sistema

DCC. Se avete digerito il contenuto. Il sistema Primaparte Introduzione PRATICA Seconda parte Il modulo di comando Terza parte Il booster, il modulo di servizio e il software di controllo TEORIA RISORSE SPECIALE Il sistema DCC 32 Se avete digerito il

Dettagli

BICI 2000 - Versione 1.9

BICI 2000 - Versione 1.9 Pagina 1/8 BICI 2000 - Versione 1.9 Il controllo BICI 2000 nasce per il pilotaggio di piccoli motori a magnete permanente in alta frequenza per veicoli unidirezionali alimentati da batteria. La sua applicazione

Dettagli

SISTEMA DIGITALE PER IL MONITORAGGIO CONTINUO GZ-1800

SISTEMA DIGITALE PER IL MONITORAGGIO CONTINUO GZ-1800 GZ-1800 Proactive SISTEMA DIGITALE PER IL MONITORAGGIO CONTINUO GZ-1800 Sistema Digitale Per il Monitoraggio Continuo MANUALE OPERATIVO MANUALE OPERATIVO Pagina 1 di 7 rev. 1.1 - NOTE PRELIMINARI E DI

Dettagli