INDICE. 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. www.csvfvg.it 1"

Transcript

1 0

2 INDICE PPr reemmees ssaa ppaagg 22 LLaa LLeegggg ee QQuu aaddr roo suul s ll vvool lloonn ttaar t ri iiaat ttoo nn / /9911 ee llaa l LL...RR. 2233/ /1122 ppaagg 33 LLaa CCaar rt ttaa ddeei ii SSeer rvvi iizi ddeel ll CCSSVV ddeel ll FFr ri iiuul lli ii VVeenn eez zi iiaa GGi iiuul lli iiaa ppaagg 44 Iddeenn I tti tiit ttàà ddeel ll CCSSVV FFVVGG: : cchhi ii sis iiaammoo ee ccoommee sis iiaammoo oo rggaanni r iizzaat tti ii ppaagg 55 GGl lli ii sppoor s rt tteel lll lli ii tteer t rri iit ttoor ri iiaal lli ii ppaagg 77 GGuui iiddaa aai ii seer s rvvi iizi ddeel ll CCSSVV FFVVGG ppaagg 1100 I ddees st tti iinn aat ttaar ri ii ddeei ii seer s rvvi iizi ddeel ll CCSSVV FFVVGG ppaagg 1111 I seer s rvvi iizi ddi ii ccoonns suul lleenn zaa z ppaagg 1122 I seer s rvvi iizi ddi ii ffoor f rmmaaz zi iioonnee ppaagg 1144 I seer s rvvi iizi ddi ii ccoommuunni iiccaaz zi iioonnee ee ppr roommooz zi iioonnee ppaagg 1155 I seer s rvvi iizi tteeccnn t iiccoo- i - lloo l ggi iist tti iicci ppaagg 1177 IlI ll seer s rvvi iizi iioo ddi ii soos s st tteeggnnoo aal lll llaa ppr rooggeet ttt ttuu aal lli iit ttàà soocci s iiaal llee ppaagg 2200 IlI ll seer s rvvi iizi iioo ddi ii ddooccuummeennt ttaaz zi iioonnee ee rir iicceer rccaa ppaagg 2211 MMoodduul lloo reeccl r llaamm ii i ee suuggggeer s ri iimmeennt tti ii ppaagg

3 Premessa La Carta dei Servizi oltre che un agile guida informativa, vuole essere un atto di responsabilità del CSV FVG nei confronti dei propri interlocutori, che, con tale scopo, vi trovano enunciate le regole che disciplinano l erogazione e l utilizzo dei servizi offerti. È, infatti, precisa intenzione del CSV FVG quella di rendere le proprie attività trasparenti, lineari e fruibili da parte di tutte le Organizzazioni di Volontariato della regione Friuli Venezia Giulia. La Carta dei Servizi e delle opportunità, inoltre, si inserisce in un più generale percorso avviato dal CSV FVG e volto a rendere, oltre che più facilmente accessibili i servizi offerti, migliori le proprie procedure organizzative e, di conseguenza, più comprensibile l attività del CSV FVG stesso. A tal fine, la terza edizione della carta servizi, che qui presentiamo, vede inseriti degli indicatori di qualità, elementi che consentono di quantificare e comunicare i livelli di qualità raggiunti. Il documento è costituito da due sezioni principali: la sezione denominata Identità del Centro Servizi FVG, che spiega cos è un Centro Servizi Volontariato, la governance e i principi cardine; la sezione Guida ai servizi, dove vengono indicati i contenuti specifici di ogni servizio, le modalità di accesso e i tempi di risposta, nonché le dimensioni di qualità. Il Presidente del Centro Servizi Volontariato del Friuli Venezia Giulia Sergio Silvestre 2

4 La Legge Quadro sull vollontariiato n.. 266/91 La Legge n. 266/1991 ha consentito la nascita e lo sviluppo dei CSV, Centri di Servizio per il Volontariato. L articolo 15 della legge 266 dell 11 agosto 1991 prevede che le fondazioni di origine bancaria devolvono una quota pari ad un quindicesimo dei propri proventi, per la costituzione di fondi speciali presso le regioni al fine dell istituzione e del funzionamento dei centri di servizio per il volontariato. Successivamente il decreto ministeriale del 8 ottobre 1997 precisa le modalità per l istituzione e il funzionamento. Si è venuto così a delineare un sistema di servizi per sostenere e qualificare il volontariato, a favore delle Organizzazioni di Volontariato iscritte e non iscritte nei registri regionali. I compiti dei CSV vengono così definiti all articolo 4 del decreto: a) approntano strumenti e iniziative per la crescita della cultura della solidarietà, la promozione di nuove iniziative di volontariato ed il rafforzamento di quelle esistenti; b) offrono consulenza e assistenza qualificata nonché strumenti per la progettazione, l avvio e la realizzazione di specifiche attività; c) assumono iniziative di formazione e qualificazione nei confronti degli aderenti ad Organizzazioni di Volontariato; d) offrono informazioni, notizie, documentazione e dati sulle attività di volontariato locale e nazionale. e) contribuiscono all attuazione dei progetti promossi dalle organizzazioni di volontariato. La Legge Regiionalle n..23/12 dell 9 novembre 2012 La Legge Regionale n. 23/12 ha come oggetto la disciplina organica sul volontariato e sulle associazioni di promozione sociale e norme sull associazionismo. La legge evidenzia l importanza dei due organismi che rappresentano un punto di riferimento per le Organizzazioni di Volontariato della Regione: il Comitato Regionale del Volontariato e l Ufficio Regionale del Volontariato. La legge specifica all articolo 13 coordinamento regionale che: la Regione promuove forme di coordinamento tra il Comitato regionale del volontariato di cui all articolo 6, il Comitato di gestione del Fondo speciale per il volontariato e i Centri di servizio per il volontariato di cui all articolo 15 della legge 266/1991, al fine di armonizzare gli interventi che ciascun organismo svolge nell ambito della propria autonomia. 3

5 La Carrtta deii Serrviizii e delllle opporrttuniittà dell Centtrro Serrviizii Vollonttarriiatto dell Frriiullii Veneziia Giiulliia A cosa serve Permette alle Organizzazioni di Volontariato e agli altri utenti di conoscere meglio il CSV FVG e quindi di capire come soddisfare al meglio le proprie esigenze. Offre la possibilità di partecipare ed essere coinvolti nelle attività del CSV FVG anche nell ottica di co-progettazione dei servizi. Migliora l accesso ai servizi. Tutela da eventuali inadempienze. Persegue la qualità dei servizi. Rende l organizzazione del CSV FVG ancor più trasparente. 5 Informa e comunica stimolando il confronto e il dialogo con tutti gli interessati. A chi si rivolge Alle Organizzazioni di Volontariato così come definite dalle legge 266/91 presenti nella Regione Friuli Venezia Giulia e ai volontari che le compongono sia iscritte che non al Registro generale delle organizzazioni di volontariato. Ai cittadini e ai gruppi informali che vogliono costituire un associazione di volontariato o che vogliono essere coinvolti in attività di promozione della cultura della solidarietà. Informazioni sul CSV FVG e la sua organizzazione. La distribuzione degli sportelli del CSV FVG con relativi recapiti. I servizi offerti dal CSV FVG. Le modalità per accedere ed usufruire dei servizi offerti. I fattori di qualità dei servizi. Che cosa contiene 4

6 IIDENTIITA DEL CENTRO SERVIIZII VOLONTARIIATO FVG:: chi siamo e come siamo organizzati Chi siamo. Sede legale di Pordenone Viale Martelli, 51 (c/o Villa Carinzia) Pordenone Tel Fax Apertura uffici Da lunedì a giovedì ; venerdì Il Centro Interprovinciale Servizi Volontariato Friuli Venezia Giulia è un associazione di associazioni senza fini di lucro, nata nel luglio del secondo le indicazioni della legge 266/91 (Legge Quadro sul volontariato). Scopo principale del CSV FVG è sostenere e qualificare l attività di volontariato, erogando le proprie prestazioni sotto forma di servizi, a tal fine: eroga gratuitamente le proprie prestazioni sotto forma di servizi a favore di tutte le Organizzazioni di Volontariato che operano nel territorio del FVG, iscritte e non al Registro del volontariato regionale, purché si ispirino ai principi dell art. 3 della Legge 266/91 sostiene, attraverso appositi bandi, i progetti e le iniziative proposte dalle ODV stesse. Il sostegno economico del CSV FVG è assicurato da risorse provenienti dal Fondo Speciale del volontariato previsto dalla Legge 266/91, dalle quote sociali, da contributi di enti locali, da convenzioni con enti pubblici e privati del territorio, e da donazioni. Che cosa facciamo Per raggiungere i propri obiettivi, il CSV FVG gestisce e fornisce servizi pertinenti alle seguenti aree: promozione del volontariato, consulenza, formazione, comunicazione e promozione, supporto tecnico-logistico, collaborazione e sostegno alla progettualità, documentazione e ricerca. 5

7 I nostri principi Nell erogare i servizi alle Organizzazioni di Volontariato (OdV) il CSV FVG rispetta i seguenti principi: Uguaglianza e imparzialità Le regole riguardanti i rapporti tra ODV e CSV FVG devono essere uguali per tutti, pertanto il CSV FVG si impegna a garantire l uguaglianza di trattamento nell offerta dei servizi. Il servizio viene prestato con obiettività, equità, giustizia e cortesia nei confronti di tutti coloro che ne usufruiscono. Efficienza ed efficacia I servizi sono garantiti mediante l attivazione di percorsi e modalità che garantiscono un rapporto ottimale tra risorse impiegate, prestazioni erogate e risultati ottenuti. Trasparenza Viene garantita un informazione chiara, completa e tempestiva riguardo alle procedure, ai tempi e ai criteri di erogazione del servizio ed in merito ai diritti e alle opportunità di cui si può godere. Vicinanza e prossimità La scelta della prossimità è definita da una localizzazione territoriale e da una articolazione dei servizi a livello provinciale, dove sono localizzati diversi sportelli del CSV FVG. Accoglienza La prima accoglienza è rivolta non solo alle ODV, ma a tutti quegli enti o soggetti che sono interessati al volontariato e desiderano conoscerlo meglio. Informazione Le Organizzazioni di Volontariato che desiderano informazioni, materiali e documentazione relativi a specifici ambiti o aree di interesse possono contattare il CSV FVG presso gli sportelli territoriali, collegandosi al sito, o attraverso il servizio di newsletter. Come siamo strutturati La struttura gestionale del CSV FVG si esplica attraverso i seguenti organi: L Assemblea delle organizzazioni socie del CSV FVG il Consiglio Direttivo, eletto dall Assemblea il Presidente, che viene eletto in seno al Consiglio Direttivo il Collegio di Controllo, costituito da tre componenti il Segretario/Direttore, nominato dal Consiglio Direttivo. 6

8 Glii ssppoorrtteellllii tteerrrriittoorriiaallii ddeell CSV FVG Essere vicini al volontariato significa essere presenti in tutto il territorio regionale, in un ottica di accompagnamento costante. Questo ha comportato una localizzazione territoriale ed una articolazione dei servizi a livello provinciale. Quindi sono stati aperti oltre la sede legale altri sportelli territoriali, suddivisi tra sportelli di 1 livello e di 2 livello. 7

9 Sportelli territoriali di 1 livello PORDENONE TRIESTE Viale Martelli 51 (c/o Villa Carinzia) Pordenone Tel Fax Apertura sportello Da lunedì a giovedì ; Venerdì Via P.Besenghi, Trieste Tel Fax Apertura sportello Da lunedì a giovedì: ; Venerdì Orari e indirizzi Orari e indirizzi UDINE GORIZIA Viale Venezia, Udine Tel Fax Apertura sportello Dal lunedì a giovedì ; Venerdì: Corso Italia, 55 (c/o Provincia di Gorizia) Gorizia Tel Fax Apertura sportello Da lunedì a venerdì: Orari e indirizzi Orari e indirizzi TOLMEZZO Piazzale Vittorio Veneto, Tolmezzo (UD) Tel. e Fax Apertura sportello Da lunedì a giovedì: Venerdì: Orari e indirizzi 8

10 Sportelli territoriali di 2 livello AZZANO X Via Don Bosco, Azzano X (PN) Tel Fax Apertura sportello Da lunedì a giovedì: ; Venerdì: Orari e indirizzi GEMONA del FRIULI MONFALCONE SAN DANIELE del FRIULI Via San Giovanni, Gemona del Friuli (UD) Tel. e Fax Apertura sportello Martedì e venerdì: Via Sant Ambrogio, Monfalcone (GO) Tel Apertura sportello Martedì e giovedì: Sabato: Via Garibaldi, San Daniele del Friuli (UD) Tel Fax Apertura sportello Martedì e giovedì: Mercoledì: Altri orari, su appuntamento. Orari e indirizzi Orari e indirizzi Orari e indirizzi AVIANO Orari e indirizzi Via Ippolito Nievo 1/a Aviano (PN) Tel Fax Apertura sportello Martedì, mercoledì, giovedì: Altri orari su appuntamento. 9

11 Guiida aii serviizii dell CSV FVG Il CSV FVG progetta, gestisce e fornisce gratuitamente i servizi di: Consulenza di base e specialistica: orientamento al volontariato amministrativa e fiscale, civilistica, giuslavorista, progettuale, assicurativa bilancio sociale, ricerca fondi, grafica. Formazione: rivolta ai volontari delle associazioni di volontariato è incentrata su tematiche comuni a tutte le ODV a prescindere dal loro specifico ambito di attività. Comunicazione e Promozione: garantisce alle organizzazioni di volontariato e non solo un alta circolarità delle informazioni utili a promuovere la visibilità e diffusione delle iniziative delle associazioni Assistenza tecnico-logistica: il CSV-FVG presso i propri sportelli territoriali rende disponibili alle ODV diversi beni strumentali in comodato temporaneo d uso gratuito. Inoltre offre sale riunioni e aule attrezzate. Sostegno ai progetti di intervento sociale: attraverso l emanazione di Bandi specifici. Documentazione e ricerca: mette a disposizione il patrimonio bibliografico comprendente principalmente manuali e documenti inerenti il mondo del volontariato suddivisi in sezioni tematiche. 10

12 I desttiinattarrii deii serrviizii dell CSV FVG I destinatari dei servizi erogati dal CSV FVG sono principalmente le ODV che hanno sede legale nel territorio del Friuli Venezia Giulia iscritte o non iscritte al Registro Generale delle Organizzazioni di Volontariato (RRV) del Friuli Venezia Giulia. I requisiti di una ODV, così come espressi nell art. 3 della Legge 266/91, devono essere espressamente previsti nello Statuto, che va, per tale ragione, consegnato presso gli sportelli territoriali del CSV FVG, almeno la prima volta, prima di usufruire dei servizi. Dal momento che alcuni servizi offerti dal CSV FVG sono rivolti a tutta la cittadinanza essi risultano fruibili gratuitamente anche da soggetti diversi dalle Organizzazioni di Volontariato, come specificato nella seguente tabella: I destinatari dei servizi Documentazione e ricerca Promozione e comunicazione Supporto logistico Consulenze Formazione Bandi OdV iscritte e non al RRV Persone fisiche Altri soggetti/enti non profit Enti pubblici ed enti privati Leggenda: Accesso Non accesso L erogazione e le modalità di utilizzo dei servizi da parte delle ODV sono disciplinati da un Regolamento generale per l accesso ai servizi del CSV FVG, disponibile presso tutti gli sportelli territoriali, e nel sito web. 11

13 I serrviizii dii consullenza Il CSV FVG mette a disposizione delle ODV un servizio gratuito di consulenza ed assistenza qualificata in differenti ambiti di intervento, al fine di offrire risposte ai molteplici bisogni espressi dalle organizzazioni di volontariato, attraverso un servizio di consulenza di base e specialistica. Tale servizio ha il duplice scopo di fornire un supporto su tematiche che richiedono competenze specifiche o continuo aggiornamento, e coinvolgere le ODV in un percorso di crescita e di accompagnamento per l acquisizione di una sempre maggiore autonomia. TIPOLOGIE DI SERVIZI Le aree in cui viene offerta la consulenza del CSV FVG sono: Orientamento al volontariato: tramite questo servizio si vuole rispondere in modo efficiente e strutturato a due tipi di esigenze: le richieste delle associazioni che sono sempre alla ricerca di nuove forze per portare avanti la propria attività l offerta di coloro che vogliono mettere a disposizione il proprio tempo in azioni di volontariato. Il servizio oltre a fornire informazioni sulle associazioni locali,garantisce la possibilità di avere un colloquio personalizzato di orientamento al volontariato. Il CSV-FVG si impegna nella promozione del volontariato giovanile con una attività di orientamento consulenza e accompagnamento al Servizio Civile Nazionale. Amministrativa-fiscale: adempimenti contabili e fiscali, redazione del bilancio e relativa normativa, tenuta libri e registri sociali, agevolazioni fiscali, deducibilità delle erogazioni liberali. Civilistica: informazioni sulla normativa riguardante il mondo del volontariato; accompagnamento alla costituzione di nuove ODV, redazione e verifica di statuti e atti costitutivi, accompagnamento all iscrizione al registro Generale delle Organizzazioni di Volontariato.- Principali adempimenti in tema di privacy. Giuslavoristica: inquadramento delle posizioni contrattuali in materia di rapporti di lavoro. - Sicurezza sul lavoro. Progettuale: analisi del contesto, definizione di finalità ed obbiettivi, verifica della fattibilità, individuazione possibilità di finanziamento locali, nazionali ed europei, compilazione formulari e stesura progetti, 12

14 definizione budget, costruzione partenariati. Assicurativa: informazioni e assistenza sugli adempimenti assicurativi dei volontari. Bilancio Sociale: assistenza metodologica per l impostazione e la redazione del bilancio sociale quale strumento strategico per la gestione interna e la comunicazione delle ODV. Ricerca fondi: definizione della buona causa, definizione del target, creazione di liste, predisposizione specifici materiali. Assistenza nelle pratiche del 5 X Grafica: ideazione e realizzazione di brochure, locandine e volantini personalizzati. DESTINATARI DEI SERVIZI Singoli cittadini o gruppi interessati a costituire nuove associazioni, volontari, ODV, MODALITA DI ACCESSO Il servizio di consulenza è attivo negli orari di apertura degli sportelli, le modalità di contatto possono essere, di persona, via mail o telefono. Per consulenze specifiche è necessario concordare un appuntamento attraverso l operatore CSV-FVG. Dimensioni di qualità Indicatori I nostri impegni Accessibilità Tempestività Efficacia Giorni e orari lavorativi settimanali di accesso al servizio Tempo che intercorre tra la richiesta e una prima risposta di consulenza da parte di un operatore Tempo che intercorre tra la richiesta e una prima risposta per una consulenza specifica Numero consulenze fornite sul totale delle richieste Tutti i giorni di apertura degli sportelli Aggiornamento continuo degli operatori e dei professionisti Max 1 giornata lavorativa Max 3 giorni lavorativi 100% 13

15 Ill serrviiziio dii fforrmaziione Il CSV FVG progetta e organizza gratuitamente corsi di formazione finalizzati a rispondere alle necessità di preparazione degli aderenti alle associazioni, proponendo percorsi di formazione diversificati che favoriscano la crescita delle associazioni e la qualificazione dei loro interventi, indipendentemente dalle dimensioni e dai loro rispettivi settori di attività. L attività gratuitamente svolta dai volontari deve essere, infatti, costantemente perfezionata attraverso la formazione e l aggiornamento continuo perché nelle associazioni c è sempre più necessità di competenze specifiche qualificate. Il CSV FVG provvede ad informare le associazioni iscritte nella mailing-list circa le proprie attività formative e le modalità per accedere ai singoli corsi inviando il materiale divulgativo attraverso: circolari newsletter telematica sito esposizione nelle bacheche degli sportelli territoriali. DESTINATARI Volontari delle ODV MODALITA DI ACCESSO I corsi vengono divulgati attraverso i consueti canali informativi, circolari newsletter, sito web. I materiali e le schede di iscrizione sono reperibili presso gli sportelli CSV FVG e scaricabili dal sito. Dimensioni di qualità Indicatori I nostri impegni Accessibilità Qualità e adeguatezza Giorni e orari lavorativi settimanali di accesso al servizio Aule e spazi prive di barriere architettoniche Monitoraggio e valutazione Confermare l iscrizione ai partecipanti dei corsi entro sette giorni lavorativi 100% Somministrazione di questionari di valutazione a fine corso L attestato di partecipazione ai corsi viene rilasciato a chi ha frequentato almeno il 70% delle ore programmate Coerenza Proposte formative Analisi dei bisogni formativi delle OdV. adeguate 14

16 I serrviizii dii comuniicaziione e prromoziione TIPOLOGIA DI SERVIZI L attività di comunicazione svolta dal CSV intende favorire la circolazione delle informazioni relative al volontariato, promuovendo la conoscenza del Centro Servizi e delle sue attività, e divulgando temi e notizie di interesse per il terzo settore. Servizi e strumenti di informazione, comunicazione e promozione Sito web: dove si possono trovare informazioni in merito al CSV FVG e alle attività delle associazioni, oltre che notizie, news e appuntamenti sul e per il mondo del volontariato. Newsletter elettronica inviata alle associazioni presenti nella mailing-list del CSV FVG, alla quale ci si può iscrivere dalla home page del sito del CSV FVG. La newsletter viene inviata con cadenza settimanale e informa sulle iniziative promosse dalle associazioni, dal CSV FVG e da coloro che operano a vario titolo nel mondo del volontariato. Blog rivista on line Ciesse Informa: pubblica articoli stesi redazionalmente dal CSV FVG o dalle associazioni stesse; divulga informazioni sulle attività del volontariato regionale Pubblicazioni tematiche: Ciesse Quaderni, una collana di volumi contraddistinti da un deciso orientamento alla concretezza, concepiti come degli strumenti di lavoro il cui fine è offrire un supporto concreto all attività delle associazioni; Ciesse Materiali una collana di approfondimenti su normative ed adempimenti in vigore. Comunicati stampa diffusi dal CSV FVG ai vari mass-media in relazione alle proprie attività e su richiesta delle associazioni, per la promozione di iniziative specifiche. Circolari informative, inviate via mail, su argomenti rilevanti, quali corsi di formazione, seminari, bandi, novità normative ed iniziative di rilievo. Realizzazione di progetti grafici: progettazioni di volantini depliant, locandine, manifesti, brochure che promuovono eventi e attività delle associazioni. Facebook: è stato creato un profilo facebook per avere maggiore visibilità soprattutto tra i giovani. DESTINATARI DEI SERVIZI Volontari, cittadini, ODV, enti pubblici e non. 15

17 MODALITA DI ACCESSO Il servizio di comunicazione e promozione è attivo negli orari di apertura degli sportelli; inoltre, è possibile consultare tutto il materiale divulgato dal CSVFVG collegatosi al sito Dimensioni di qualità Indicatori I nostri impegni Accessibilità Giorni e orari lavorativi settimanali di accesso al servizio(servizio grafica) Tutti i giorni di apertura degli sportelli Reperibilità informativi dal sito materiali 100% Tempestività Visibilità delle attività delle OdV Periodicità aggiornamento sito e invio newsletter Sito web Newsletter Blog Rivista on line Ciesse Informa Aggiornamento quotidiano del sito, invio newsletter settimanale Aggiornamento quotidiano Cadenza settimanale Aggiornamento in tempo reale 16

18 I serrviizii Tecniico--Logiisttiicii Il CSV FVG presso i propri sportelli territoriali rende disponibili gratuitamente diverse attrezzature che possono essere utilizzate direttamente in loco oppure ritirate in forma di comodato d uso gratuito temporaneo per la realizzazione delle attività delle singole associazioni. I beni a disposizione delle Odv in comodato d uso temporaneo gratuito SPORTELLO Pordenone (Sede) ATTREZZATURE DISPONIBILI Videocamera Macchina fotografica digitale Registratore audio portatile Lavagna luminosa Lavagna portatile a fogli mobili PC portatile con dvd Videoproiettore Impianto audio portatile con microfono Gazebo (dimensioni: 3x3 mt. - 4x4 mt. 8x4 mt.) Automezzo (7 posti) Automezzo (9 posti eventualmente predisposto anche al trasporto disabili in carrozzina) 17

19 Udine Trieste SPORTELLO Gorizia Macchina fotografica digitale Lettore DVD Stereo radio recorder Lavagna luminosa Lavagna portatile a fogli mobili PC portatile con dvd Videoproiettore Telo di proiezione per videoproiettore Registratori audio portatili Impianto audio portatile con microfono Arco gonfiabile Gazebo (dimensioni: 3x3 mt. - 4x4 mt. 8x4 mt.) Automezzo (7 posti) Sedie Tavoli Videocamera Macchina fotografica digitale Videoregistratore con lettore DVD Lavagna luminosa Lavagna portatile a fogli mobili PC portatile con dvd Videoproiettore Telo di proiezione per videoproiettore Impianto audio portatile con microfono Automezzo (7 posti) Tavoli Griglie espositive ATTREZZATURE DISPONIBILI Videocamera PC portatile con dvd Videoproiettore Telo di proiezione per videoproiettore Impianto audio portatile con microfono Gazebo (dimensioni: 3x3 mt.) Tolmezzo Videocamera PC portatile con dvd Videoproiettore Gazebo (dimensioni: 3x3 mt.) Azzano Decimo PC portatile con dvd Videoproiettore Telo di proiezione per videoproiettore Impianto audio portatile con microfono 18

20 Gemona del Friuli PC portatile Videoproiettore Telo di proiezione per videoproiettore Lavagna portatile a fogli mobili Monfalcone PC portatile con dvd Gazebo (dimensioni: 3x3 mt.) San Daniele del Friuli Macchina fotografica digitale PC portatile con dvd Videoproiettore Registratore audio portatile Gazebo (dimensioni: 3x3 mt.) Le attrezzature disponibili per l uso in loco presso gli sportelli territoriali Il CSV FVG presso i propri sportelli mette a disposizione gratuitamente per il loro utilizzo in loco, le seguenti attrezzature: Fotocopiatrice a colori, Fax Plastificatrice Fotocopiatrice in bianco e nero Rilegatrice a caldo Taglierina a braccio Videoregistratore/Lettore DVD Rilegatrice a spirali Cucitrice a braccio lungo Lavagna portablocco Lavagna luminosa Postazione PC Stampante a colori Scanner Masterizzatore Sale a disposizione delle Associazioni in comodato temporaneo d uso gratuito Alcuni sportelli territoriali e la sede del CSV FVG dispongono di una o più sale riunioni utilizzabili gratuitamente dalle associazioni di volontariato per riunioni o incontri. Le sale sono attrezzate con computer e video proiettore. DESTINATARI Organizzazioni di volontariato MODALITA DI ACCESSO Le ODV possono richiedere l utilizzo dei beni strumentali sopra indicati agli sportelli territoriali del CSV FVG, previa compilazione dell apposita modulistica disponibile presso ciascun sportello territoriale e/o sul sito. Per garantirsi l utilizzo dei beni è opportuno sempre verificarne la disponibilità, contattando preventivamente il personale dello sportello, nell eventualità l attrezzatura non sia 19

21 fruibile presso lo sportello richiesto, l operatore provvederà a verificare la disponibilità in un altro sportello. Dimensioni di qualità Indicatori I nostri impegni Accessibilità Tempestività Giorni e orari lavorativi settimanali di accesso al servizio Tempo che intercorre tra la richiesta e una prima risposta Tutti i giorni di apertura degli sportelli Massimo 1 gg lavorativo Efficienza Attrezzature e strumentazioni funzionanti. I beni consegnati sono sempre funzionanti Ill serrviiziio dii sosttegno alllla prrogettttualliittà sociialle Il CSV FVG supporta le ODV attraverso la messa in atto di strumenti e strategie che offrano un sostegno per lo sviluppo della capacità progettuale ed operativa delle Organizzazioni di Volontariato. Nello specifico, il CSV FVG sostiene la progettualità sociale attraverso la predisposizione di bandi ad hoc per progetti e iniziative proposti dalle ODV. In tale modo sono definite le aree di intervento, i criteri di assegnazione e di valutazione dei progetti, gli indicatori di qualità, tempi e modalità di erogazione dei fondi, strumenti di monitoraggio e verifica dei risultati. DESTINATARI Organizzazioni di volontariato MODALITA DI ACCESSO La documentazione necessaria a partecipare ai bandi è disponibile presso qualsiasi sportello territoriale del CSV FVG e anche on-line sul sito. 20

22 Dimensioni di qualità Indicatori I nostri impegni Tempo di risposta Qualità e adeguatezza Accessibilità Tempo medio di attesa per conoscere l esito e l importo della richiesta di collaborazione Diversificazione degli strumenti a supporto della progettazione sociale Reperibilità della documentazione sul sito Approvazione dei progetti entro 60 giorni lavorativi dalla scadenza del bando. Comunicazione dei risultati entro 15 giorni lavorativi dalla delibera Il Csv Fvg offre accompagnamento sia in fase progettuale che di gestione dei progetti attivati. 100% I serrviizii dii documenttaziione e rriicerrca TIPOLOGIA DI SERVIZI Il servizio di documentazione e ricerca intende favorire la soddisfazione dei bisogni informativi degli utenti attraverso il patrimonio bibliografico che comprende principalmente i manuali e i documenti inerenti il mondo del volontariato e suddivisi in sezioni tematiche relative al volontariato. Servizi di documentazione Biblioteca: contenete testi sul modo del volontariato, visibile sul sito internet. E possibile l accesso al prestito e alla consultazione dei testi facendo apposita domanda. Rassegna stampa, per la raccolta di notizie sul volontariato effettuata su testate locali e nazionali. DESTINATARI DEI SERVIZI -Volontari, ODV, studenti, enti pubblici e non, cittadini. 21

23 22

24 CENTRO SERVIZI VOLONTARIATO FRIULI VENEZIA GIULIA VIALE MARTELLI, PORDENONE TEL Questa iniziativa editoriale, come previsto dalla legge 266/91 per tutte le attività del Centro Servizi Volontariato, è possibile grazie al contributo delle fondazioni di origine bancarie, erogato attraverso il Comitato di Gestione del Fondo Speciale del Volontariato del Friuli Venezia Giulia. Il CSV FVG è socio del CSV.net, Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato Il Centro Servizi Volontariato Friuli Venezia Giulia è socio del Centre Européen du Volontariat, Bruxelles 23

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: O.N.M.I.C. - Opera Nazionale Mutilati Invalidi Civili- Codice di accreditamento: NZ01189 Albo e

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito Pagina 1 di 13 - MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito SOMMARIO MZ GROUP pag. 3 MZ CONGRESSI S.RL. pag. 4 PIANIFICAZIONE 1. Scelta della sede congressuale pag. 5 2. Gestione pratica ECM (Educazione

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AL VIA LA CAMPAGNA AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO 1. ESSERE UN AGRONOMO E FORESTALE WAA for EXPO2015 Il grande appuntamento dell EXPO MILANO 2015 dal

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Guida sull utilizzo del logo

Guida sull utilizzo del logo Centro di Servizio per il Volontariato della provincia di Vicenza http://www.csv-vicenza.org 2011 Perché questa Guida? La Guida fornisce indicazioni sull utilizzo del logo del CSV di Vicenza al fine di

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA 24 ottobre 2013 WEB CONFERENCE LEZIONE LIVE IN VIDEOCONFERENZA PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per l aggiornamento professionale

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

LAUREA TRIENNALE STUDENTI LAUREA MAGISTRALE POST LAUREA

LAUREA TRIENNALE STUDENTI LAUREA MAGISTRALE POST LAUREA Allegato 6 - MOTIVI PRINCIPALI PER CUI GLI UTENTI SI RECANO NELLE BIBLIOTECHE, DOCUMENTI MAGGIORMENTE UTILIZZATI, FATTORI RITENUTI DETERMINANTI PER LA QUALITA DELLE BIBLIOTECHE RISPOSTE PER GRUPPI DI UTENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE 2013-2015

PIANO DI COMUNICAZIONE 2013-2015 S.C. COMUNICAZIONE E RELAZIONI ESTERNE Dirigente Responsabile Dr. Mauro DEIDIER PIANO DI COMUNICAZIONE 2013-2015 SOMMARIO 1) Introduzione e strategie di riferimento 2) Principi fondamentali 3) Obiettivi

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

AREA PROFESSIONALE FINANZIARI, CREDITIZI, ASSICURATIVI. pag. 1

AREA PROFESSIONALE FINANZIARI, CREDITIZI, ASSICURATIVI. pag. 1 Regione Siciliana Assessorato regionale al Lavoro Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI E FORMATIVI AREA PROFESSIONALE PROMOZIONE ED

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE Le coperture a tutela dell impresa EDIZIONE 21 maggio 2014 DOCENZA IN WEBCONFERENCE PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per il conseguimento della formazione professionale

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

SAMEV 24/10/2013 08.57 - Pagina 1. Lunedì 30/09 Martedì 01/10 Mercoledì 02/10 Giovedì 03/10 Venerdì 04/10 8h00

SAMEV 24/10/2013 08.57 - Pagina 1. Lunedì 30/09 Martedì 01/10 Mercoledì 02/10 Giovedì 03/10 Venerdì 04/10 8h00 SAMEV 24/10/2013 08.57 - Pagina 1 Scienze Forestali e Ambientali I liv. - 3 anno - dal 30 settembre al 04 ottobre 2013 Lunedì 30/09 Martedì 01/10 Mercoledì 02/10 Giovedì 03/10 Venerdì 04/10 Aula 9 Aula

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli