INFERMIERE E OPERATORE SOCIO SANITARIO: UN INTEGRAZIONE POSSIBILE. Principi di responsabilità nell integrazione professionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFERMIERE E OPERATORE SOCIO SANITARIO: UN INTEGRAZIONE POSSIBILE. Principi di responsabilità nell integrazione professionale"

Transcript

1 INFERMIERE E OPERATORE SOCIO SANITARIO: UN INTEGRAZIONE POSSIBILE Principi di responsabilità nell integrazione professionale 1

2 Perchè parlare di regole all'interno della equipe assistenziale? Per TANTI, TROPPI motivi... Intanto perchè CONOSCERE COMUNQUE E' CRESCERE. Poi perchè di questi tempi conviene sapere... Anche per EVITARE di essere chiamati a fare attività improprie o per evitare di PAGARE colpe altrui, per esempio... 2

3 In quanti conoscono (a proposito di REGOLE) La raccomandazione n 12 del Ministero della Salute che IMPONE regole precise nella prescrizione (attività MEDICA) e nella... Somministrazione di un farmaco (attività INFERMIERISTICA?) Eppure ESISTE e già la si è citata in alcune sentenze a favore/sfavore di personale sanitario 3

4 Arriva l'oss Correva l'anno 2001 Una GRANDE opportunità per tutti. MA E' NECESSARIO AVERE LE IDEE CHIARE. ANCHE COME ''PROTEZIONE'' 4

5 L infermiere è responsabile (in toto) dell assistenza generale infermieristica (D.P.R. 14 settembre 1994, n. 739 art 1) COSA SIGNIFICA??? 5

6 L infermiere per l espletamento delle funzioni si avvale, ove (lo reputi) necessario,, dell opera del personale di supporto (D.P.R. 14 settembre 1994, n. 739, art. 1, comma 3, lett. f) 6

7 L operatore socio sanitario svolge la sua attività in collaborazione con gli altri operatori professionali preposti all assistenza sanitaria e a quella sociale, secondo il criterio del lavoro multiprofessionale. (Provvedimento della Conferenza Stato-Regioni del 22 febbraio 2001, art. 3) 7

8 L Operatore Socio Sanitario svolge la sua attività su indicazione, ciascuna secondo le proprie competenze, degli operatori professionali preposti all assistenza sanitaria e a quella sociale (Contratto Collettivo integrativo sanità 2001) Traduzione in lingua italiana corrente: L Infermiere /l Ostetrica/l Ass sociale dice all oss cosa deve fare, attribuisce (non delega!!) una attività PRECISA e SPIEGATA. 8

9 Q U I N D I Le attribuzioni dell OSS saranno sottoposte all attività di indirizzo, direzione e verifica del personale infermieristico. Questo sulla base delle NORME vigenti e non per un ''capriccio''... 9

10 D.M. 739/94 L infermiere ha la responsabilità di una serie di funzioni : Pianificazione; Organizzazione; Formazione; Direzione; Controllo 10

11 CONSEGUENZE L infermiere deve esercitare un duplice controllo: verifica dei requisiti di idoneità tecnica; verifica della rispondenza dell attività svolta ai contenuti dell attribuzione (supervisione) 11

12 LE REGOLE DI CONDOTTA (generali) - OBBLIGO DI CONTROLLO SULL OPERATO ALTRUI Dal principio della divisione del lavoro consegue che colui il quale riveste una posizione gerarchicamente sovraordinata è titolare dell obbligo di scegliere con avvedutezza i propri collaboratori, di istruirli e di controllarne l operato (Fiadaca G., Musco E,. Diritto Penale Parte Generale, Zanichelli, 2004) 12

13 L INFERMIERE HA UN DOVERE DI CONTROLLO SULL OPERATO DEL PERSONALE DI SUPPORTO (Ambrosetti F. e altri, La responsabilità nel lavoro medico d equipe, Utet, 2003) 13

14 CULPA IN ELIGENDO L infermiere affida all operatore di supporto compiti che dovrà svolgere sotto la sua supervisione a) Dovrà selezionare i compiti che ritenga di poter assegnare all operatore di supporto. b) Dovrà scegliere tra gli operatori di supporto quelli che ritenga in grado di svolgere tali compiti adeguatamente 14

15 CULPA IN ELIGENDO È la colpa consistente nella cattiva scelta del soggetto a cui affidare/assegnare/attribuire i compiti 15

16 CULPA IN ELIGENDO Se dal comportamento dell operatore di supporto dovesse derivare un eventuale danno al paziente, all infermiere potrà essere mosso un addebito di colpa per aver errato nella scelta della persona affidataria dell incarico 16

17 Una storia tratta dal ''reale'' Viene inviata l'oss Pierina a aiutare il signor Paolone a scendere dal letto. Paolone pesa 125 kg nudo e la oss Pierina 45 vestita. Il disastro che ne deriva non può non vedere coinvolto l'infermiere Pippo che volutamente ha affidato il compito a Pierina, lasciando in cucina a fare altro l'oss Vince' 17

18 Buon appetito 18

19 CULPA IN VIGILANDO Attiene ai compiti di verifica attribuiti all infermiere all interno del processo assistenziale e del rispetto da parte dell operatore di supporto delle indicazione impartite 19

20 CULPA IN VIGILANDO L infermiere potrà essere in colpa se omette di esercitare quelle verifiche doverose che sarebbero risultate idonee a impedire il verificarsi di eventi dannosi per il paziente 20

21 Un esempio concreto, reale L'oss Mario NON aiuta il signor Gino a mangiare. Gino potrebbe anche farcela, ma aveva bisogno di essere aiutato a assumere la posizione semiseduta, a organizzare il vassoio, a tagliare la carne. Niente di tutto ciò. L'Infermiere Piero scrive in consegna che Gino ''si è alimentato con aiuto''. I parenti denunciano il fatto che il loro congiunto non mangia da tre giorni. (I nomi sono tutti di fantasia, eh... :-) ) 21

22 PRINCIPIO DELL AFFIDAMENTO E DEL NON AFFIDAMENTO 22

23 Nel lavoro d equipe secondo il principio dell affidamento ciascun membro può fare affidamento sul fatto che ognuno degli altri eseguirà in modo corretto i propri compiti. Di norma, ognuno risponderà del proprio operato ma non di quello degli altri. Ma allora perché l Infermiere può (non: deve) rispondere di ciò che fa un oss?? 23

24 Ogni componente dell equipe deve rispondere solo del corretto adempimento dei doveri di diligenza o di perizia inerenti all attività che deve svolgere, perché solo in questo modo ciascun membro del gruppo è lasciato libero, nell interesse del paziente, di adempiere alle proprie incombenze MA ABBIAMO VISTO CHE NELLE ATTIVITA DELL INFERMIERE C E ANCHE. 24

25 D.M. 739/94 L infermiere ha la responsabilità di una serie di funzioni : Pianificazione; Organizzazione; Formazione; Direzione; Controllo 25

26 La logica che deve guidare l azione del sanitario è un sistematico affidamento nel corretto e appropriato adempimento dei compiti di quanti partecipano all attività sanitaria. Quindi il principio dell affidamento riposa su un osservazione di fatto: nella vita sociale il contatto che si crea, normalmente, tra più persone implica che ciascuno possa confidare nel corretto e diligente operato degli altri 26

27 PRINCIPIO DEL NON AFFIDAMENTO ove ''insiste'' un DOVERE DI SORVEGLIANZA E DI CONTROLLO ALL INFERMIERE E AFFIDATO IL COMPITO DI ORGANIZZAZZIONE E PIANIFICAZIONE DELL ATTIVITA RUOLO DI SUPERVISIONE E DI CONTROLLO 27

28 UN OBBLIGO DI CONTROLLO E DI SORVEGLIANZA COMPETE AL SOGGETTO CHE PER LA SUA POSIZIONE GIURIDICA E CHIAMATO A DIRIGERE E COORDINARE LE PRESTAZIONI DEI COLLABORATORI (non stiamo assolutamente parlando del coordinatore - un equivoco è spesso quello di ritenere che il tutto sia stabilito dal coordinatore) 28

29 La colpa, da cui potrebbe derivare all infermiere un addebito di corresponsabilità per il fatto dell OSS: colpa nella scelta dell oggetto dell attribuzione di competenze o nella scelta del destinatario (culpa in eligendo); colpa nella sorveglianza sull operato del destinatario (culpa in vigilando) 29

30 SIAMO SICURI CHE SIA DAVVERO COSI? 30

31 LA SOLUZIONE? ESISTE UN TEMPERAMENTO DEL PRINCIPIO DEL NON AFFIDAMENTO? 31

32 L infermiere, in assenza di pregresse esperienze negative circa il personale di supporto, ha motivo di ometterne il controllo, fidandosi circa l abilità e la capacità del personale ausiliario. Tuttavia, ciò vale solo quando il controllo consisterebbe nel ripetere pedissequamente l esecuzione dell atto affidato traduciamolo in linguaggio NORMALE! NON servirà verificare continuamente la oss Pierina che fa i letti,o aiuta col pasto,se lo fa da SEMPRE senza problemi... 32

33 33

34 L infermiere è il programmatore, il gestore e il primo valutatore dell assistenza infermieristica 34

35 E ALL INFERMIERE CHE SPETTA LA REGIA DEL PROCESSO ASSISTENZIALE (perchè indicato dalle norme). Lui decide se/quando fare il giro letti, anche in una organizzazione che lo prevede come unico punto organizzativo chiaro.. Questo nonostante ancora oggi, per alcuni, il medico sia una specie di gestore del tutto. Non è così, soprattutto PER LA LEGGE PER LA LEGGE 35

36 Può piacere o meno può essere condiviso o meno, ma l ingresso delle vecchie professioni col mansionario nel novero delle professioni sanitarie Ha cambiato le cose. Si ha spesso la forte impressione che nulla sia cambiato. Ma se si ha la sventura di essere coinvolti in qualche episodio negativo, si scopre che le norme sono molto differenti dalle tradizioni percepite.. 36

37 L inserimento degli OSS nelle organizzazioni sanitarie è da vedersi come una importante opportunità, anche come ricaduta positiva per l utente dei servizi infermieristici in quanto si tratta di un operatore potenzialmente qualificato in grado di dare un valido contributo all interno dell equipe, dove i ruoli devono essere ben precisi. 37

38 biblio L. Benci le professioni sanitarie non mediche mc Graw Hill ed. Webgrafia: 38

processo di sterilizzazione, competenza infermieristica competenza OSS L interrogativo della Responsabilità

processo di sterilizzazione, competenza infermieristica competenza OSS L interrogativo della Responsabilità processo di sterilizzazione, competenza infermieristica competenza OSS L interrogativo della Responsabilità 1 Le norme che costituiscono la professione infermieristica L.42/99 delle professioni sanitarie

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA (Presidente: Prof. Antonio Azara) L INSERIMENTO DELL OPERATORE SOCIO SANITARIO NEI PROCESSI DI ASSISTENZA

Dettagli

INTEGRAZIONE ORGANIZZATIVA E CLINICA DELL O.S.S. Responsabile Infermieristico Settore Servizi Appaltati Dott.ssa Maria Antonietta Mele

INTEGRAZIONE ORGANIZZATIVA E CLINICA DELL O.S.S. Responsabile Infermieristico Settore Servizi Appaltati Dott.ssa Maria Antonietta Mele INTEGRAZIONE ORGANIZZATIVA E CLINICA DELL O.S.S. 1 Responsabile Infermieristico Settore Servizi Appaltati Dott.ssa Maria Antonietta Mele RIEPILOGO PERCORSO LEGISLATIVO INFERMIERE EVOLUZIONE NORMATIVA DELL'O.S.S.

Dettagli

L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica

L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica ASL Taranto La figura dell OSS Nasce dall accordo sancito

Dettagli

La partecipazione del tecnico della prevenzione nell ambito dell attività del medico del lavoro

La partecipazione del tecnico della prevenzione nell ambito dell attività del medico del lavoro Azienda USL n. 6 di Livorno Dipartimento della Prevenzione Unità Funzionale di Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Vincenzo Zummo La partecipazione del tecnico della prevenzione nell ambito

Dettagli

La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze. Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso

La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze. Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso NEGLI ULTIMI ANNI LA PROFESSIONE INFERMIERISTICA HA ACQUISITO SEMPRE PIÙ LA

Dettagli

Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi

Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi Guido, i vorrei che tu e Lapo e io : ruolo, competenze e responsabilità

Dettagli

Il principio di delega La distribuzione dei poteri.

Il principio di delega La distribuzione dei poteri. Il principio di delega La distribuzione dei poteri. Se efficace, la delega è liberatoria di responsabilità per il delegante ma rimane la responsabilità per il conferimento dell incarico delegato a persona

Dettagli

L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario. 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM

L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario. 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM LE FIGURE DI SUPPORTO Personale di supporto previsto dall attuale normativa

Dettagli

SAFETY CAFFÈ - DIRIGENTI E PREPOSTI. La formazione per dirigenti e preposti sulla sicurezza e salute sul lavoro

SAFETY CAFFÈ - DIRIGENTI E PREPOSTI. La formazione per dirigenti e preposti sulla sicurezza e salute sul lavoro SAFETY CAFFÈ - DIRIGENTI E PREPOSTI La formazione per dirigenti e preposti sulla sicurezza e salute sul lavoro Testo a cura di Pietro de Castiglioni Consulenza legale: avvocato Rolando Dubini Estratto

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE. Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata

INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE. Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata L infermiere Dal D.M. 14 Settembre 1994 n, 739: Art. 1: l infermiere è responsabile dell assistenza

Dettagli

La responsabilità in materia di sicurezza sul lavoro

La responsabilità in materia di sicurezza sul lavoro La responsabilità in materia di sicurezza sul lavoro Milano, 13 aprile 2012 PAG. 1 Il lavoro è una revisione sostanziale di un analogo lavoro realizzato nel 2003 La revisione è stata giudicata necessaria

Dettagli

Codice Progetto COLUM/1

Codice Progetto COLUM/1 A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 23 Luglio 2014 Legislazione socio sanitaria ed aspetti giuridici della professione

Dettagli

Operatori Socio Sanitari risorsa e opportunità per il miglioramento della qualità e dell assistenza. Attribuzione o delega?

Operatori Socio Sanitari risorsa e opportunità per il miglioramento della qualità e dell assistenza. Attribuzione o delega? Operatori Socio Sanitari risorsa e opportunità per il miglioramento della qualità e dell assistenza. Attribuzione o delega? Pordenone, Marzo 2014 Dott.ssa Catia Cassin Delega In ambito gestionale per delega

Dettagli

Innovazioni legislative, autonomia e status giuridico delle professioni sanitarie. Relatore Luca Benci

Innovazioni legislative, autonomia e status giuridico delle professioni sanitarie. Relatore Luca Benci Innovazioni legislative, autonomia e status giuridico delle professioni sanitarie Relatore Luca Benci Le professioni sanitarie nel XX secolo Medico Speziale Levatrice La dominanza medica: gli elementi

Dettagli

Formazione dei Preposti nei Laboratori dell Istituto Tecnico Industriale G. Galilei (LI) ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08.

Formazione dei Preposti nei Laboratori dell Istituto Tecnico Industriale G. Galilei (LI) ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08. Formazione dei Preposti nei Laboratori dell Istituto Tecnico Industriale G. Galilei (LI) ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 1 Frasi famose La misura dell intelligenza è data dalla capacità di

Dettagli

Introduzione. Fabio Spaggiari Consulente SSLL. info@fabiospaggiari.com

Introduzione. Fabio Spaggiari Consulente SSLL. info@fabiospaggiari.com Introduzione Fabio Spaggiari Consulente SSLL info@fabiospaggiari.com Argomenti Trattati Sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori; Soggetti del sistema di prevenzione aziendale secondo

Dettagli

I Soggetti responsabili.

I Soggetti responsabili. I Soggetti responsabili. Scorrendo l articolato, prima relativo al D.Lgs. n. 626/1994 ed ora al D.Lgs. n. 81/2008, risulta come alla chiara esposizione delle responsabilità di legge (D.Lgs. n. 81/2008

Dettagli

Responsabilità professionale in sala di sterilizzazione: l infermiere primus inter pares

Responsabilità professionale in sala di sterilizzazione: l infermiere primus inter pares Responsabilità professionale in sala di sterilizzazione: l infermiere primus inter pares Inf. Eugenio Cortigiano Infermiere Legale e Forense LECCE 17/19 giugno 2010 La vigente legislazione sulla responsabilità

Dettagli

L integrazione dell Operatore Socio Sanitario nel processo assistenziale Ruolo dell O.S.S nell ambito del piano assistenziale

L integrazione dell Operatore Socio Sanitario nel processo assistenziale Ruolo dell O.S.S nell ambito del piano assistenziale L integrazione dell Operatore Socio Sanitario nel processo assistenziale Ruolo dell O.S.S nell ambito del piano assistenziale Vito Petrara Principi di riferimento per l assistenza I principi di riferimento

Dettagli

Relazione Dr. Felice Majori INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

Relazione Dr. Felice Majori INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Relazione Dr. Felice Majori INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE PROFESSIONI SANITARIE CHIARIMENTI PRELIMINARI L ACCORDO S/R 16.12.2012 SUI REQUISITI MINIMI, ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI DELLE ATTIVITA

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 Perché investire in sicurezza cos è la sicurezza? a cosa serve? Tutti soldi e tempo buttati?

Dettagli

La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile

La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile 1 Il panorama attuale Nelle strutture sanitarie esistono plurime figure professionali: Il coordinatore

Dettagli

La Definizione di Datore di Lavoro e i suoi compiti non delegabili

La Definizione di Datore di Lavoro e i suoi compiti non delegabili Alberto ANDREANI Alberto ANDREANI v.le Mameli, 72 int. 201/C 0721.403718 61100 v.le Mameli, 72 int. 201/C 0721.403718 61100 E-mail:andreani@pesaro.com E-mail:andreani@pesaro.com La Definizione di Datore

Dettagli

Il tema della responsabilità contrattuale dell installatore

Il tema della responsabilità contrattuale dell installatore Responsabilità degli installatori di impianti: la parola al legale contributo dell avv. Piero Ricciardi, Studio legale Ricciardi, Napoli Il tema della responsabilità contrattuale dell installatore è di

Dettagli

La responsabilità giuridica dell infermiere in sala operatoria e in area chirurgica

La responsabilità giuridica dell infermiere in sala operatoria e in area chirurgica La responsabilità giuridica dell infermiere in sala operatoria e in area chirurgica Luca Benci www.lucabenci.it Twitter @Luca_Benci Le competenze specialistiche nei profili Il percorso formativo viene

Dettagli

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto Tiziana De Donno TORINO 12 febbraio 2010 Tiziana De Donno Cisl 1 Nascita dell OSS: perché? Tiziana De

Dettagli

grafico 1 - ruolo e età

grafico 1 - ruolo e età Grazie ai 286 colleghi che hanno dedicato 10 minuti del loro tempo per rispondere al questionario. Un questionario che aveva l'obiettivo di raccogliere la rappresentazione del concetto di responsabilità

Dettagli

PROCEDURA DI INDIRIZZO PER L INDIVIDUAZIONE DEI RUOLI E DELLE RESPONSABILITA NELLE STRUTTURE INFN

PROCEDURA DI INDIRIZZO PER L INDIVIDUAZIONE DEI RUOLI E DELLE RESPONSABILITA NELLE STRUTTURE INFN Istituto Nazionale di Fisica Nucleare PROCEDURA DI INDIRIZZO PER L INDIVIDUAZIONE DEI RUOLI E DELLE RESPONSABILITA NELLE STRUTTURE INFN RUOLI E RESPONSABILITA NELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA Il Decreto Legislativo

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO DELLA DIFESA

LINEE GUIDA SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO DELLA DIFESA LINEE GUIDA SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO DELLA DIFESA (Accordi Stato-Regioni del 21 Dicembre 2011 pubblicati sulla G.U.

Dettagli

CNIPA 27 ottobre 2004. Aspetti legali del teleconsulto medico IPOCM

CNIPA 27 ottobre 2004. Aspetti legali del teleconsulto medico IPOCM Corso sul teleconsulto IPOCM CNIPA 27 ottobre 2004 Aspetti legali del teleconsulto medico IPOCM A cura di Gianfranco Costanzo Coordinatore del dell Alleanza degli Ospedali Italiani nel Mondo Definizione

Dettagli

IL D.LGS. 81/08 TESTO UNICO PER LA SALUTE E SICUREZZA DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO

IL D.LGS. 81/08 TESTO UNICO PER LA SALUTE E SICUREZZA DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO IL D.LGS. 81/08 TESTO UNICO PER LA SALUTE E SICUREZZA DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO SCOPO DELLA NORMATIVA RIDURRE IL RISCHIO DELL ESPOSIZIONE A SITUAZIONI DI PERICOLO RISCHIO:

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CIG 50773444D0 OGGETTO DELL'INCARICO L affidamento ha per oggetto lo svolgimento del servizio di brokeraggio assicurativo professionale,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA Datore di lavoro (Rettore) Servizio di Prevenzione e Protezione Sorveglianza sanitaria Servizio di Radioprotezione Dirigenti RLS Preposti Lavoratori DEFINIZIONI: 1. DATORE

Dettagli

Metodi, criteri e qualità della formazione dei Responsabili del SPP

Metodi, criteri e qualità della formazione dei Responsabili del SPP FORUM PA 2006 Sicurezza e salute dei lavoratori del comune e della provincia Roma 11 maggio 2006 Metodi, criteri e qualità della formazione dei Responsabili del SPP Patrizia Serranti SPP CNR Bologna Principi

Dettagli

ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5 novembre 2009, dichiara

ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5 novembre 2009, dichiara Il sottoscritto STEFANIA DI BERARDINO ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5 novembre 2009, dichiara X che negli ultimi due anni

Dettagli

SOGGETTI AZIENDALI ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE

SOGGETTI AZIENDALI ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE In questa unità didattica approfondiremo la conoscenza di alcune figure, già viste in precedenza e che sono presenti anche nel nostro Istituto In particolare parleremo di: datore di lavoro: Dirigente Scolastico;

Dettagli

Corso LA SICUREZZA LASER. L organizzazione aziendale per la sicurezza

Corso LA SICUREZZA LASER. L organizzazione aziendale per la sicurezza Sincrotrone Trieste S.C.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Corso LA SICUREZZA LASER L organizzazione aziendale per la sicurezza Ing. Stefano Bergamasco Responsabile del Servizio di Prevenzione e

Dettagli

L organizzazione aziendale per la sicurezza

L organizzazione aziendale per la sicurezza Sincrotrone Trieste S.C.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione L organizzazione aziendale per la sicurezza Formazione/Informazione dei lavoratori ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo I Capo III Artt. 36

Dettagli

Relazione. La documentazione sanitaria

Relazione. La documentazione sanitaria e-mail serv.infermieristico@ausl6palermo.org La professione infermieristica ed il risk management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente Relazione La documentazione sanitaria Palermo,

Dettagli

LA TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO: IL RUOLO DEL DIRIGENTE E DEL PREPOSTO

LA TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO: IL RUOLO DEL DIRIGENTE E DEL PREPOSTO LA TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO: IL RUOLO DEL DIRIGENTE E DEL PREPOSTO Servizio Prevenzione e Protezione Via Albertoni, 15-40138 BOLOGNA 051.63.64585-FAX 051.63.64587 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

L evoluzione normativa delle Professioni Sanitarie

L evoluzione normativa delle Professioni Sanitarie L evoluzione normativa delle Professioni Sanitarie III Corso Regionale Mario Nironi 24 ottobre 2008 Lorenzo Broccoli 1 Le Professioni Sanitarie: Fonti normative (1) Art. 99 R.D. n. 1265/1934 (Testo unico

Dettagli

DALL AUTONOMIA PROFESSIONALE ALLA RESPONSABILITA DEL TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO

DALL AUTONOMIA PROFESSIONALE ALLA RESPONSABILITA DEL TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO DALL AUTONOMIA PROFESSIONALE ALLA RESPONSABILITA DEL TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO STUDIO LEGALE NODARO avv. Francesco Del Rio 25 Via Crescenzio 00193 Roma Tel. 06/68809743 r.a. Fax 06/68211161 e-mail:

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI Allegato A deliberazione n. 15 del 28/02/2013 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI INDICE Organizzazione

Dettagli

Profili di responsabilità dell é

Profili di responsabilità dell é Profili di responsabilità dell é équipe ostetrico ginecologica Torino 16/18-10 10-2013 Avv. Cosimo Maggiore IL TRATTAMENTO SANITARIO IN EQUIPE Le prestazioni medico- chirurgiche sono, nell attuale sistema

Dettagli

Simposio ASMOOI: La responsabilità medica del lavoro in equipe LA RESPONSABILITA CIVILE PER IL LAVORO SVOLTO DALL EQUIPE.

Simposio ASMOOI: La responsabilità medica del lavoro in equipe LA RESPONSABILITA CIVILE PER IL LAVORO SVOLTO DALL EQUIPE. 11 Congresso Internazionale SOI Milano maggio 2013 Simposio ASMOOI: La responsabilità medica del lavoro in equipe LA RESPONSABILITA CIVILE PER IL LAVORO SVOLTO DALL EQUIPE. Lavoro in equipe Il buon andamento

Dettagli

- Guida Esplicativa - ASSOCIAZIONE NAZIONALE CONSULENTI DEL LAVORO Unione Provinciale di Napoli

- Guida Esplicativa - ASSOCIAZIONE NAZIONALE CONSULENTI DEL LAVORO Unione Provinciale di Napoli Linee applicative Accordo Stato Regioni in materia di formazione dei lavoratori, Dirigenti e Preposti per la sicurezza sul lavoro. Formazione dei Datori di lavoro che assumono il ruolo di RSPP. - Guida

Dettagli

INFERMIERE E PERCORSO FORMATIVO Storia, prospettive e metodi. Busca, 14 dicembre 2006 Ivana Tallone

INFERMIERE E PERCORSO FORMATIVO Storia, prospettive e metodi. Busca, 14 dicembre 2006 Ivana Tallone INFERMIERE E PERCORSO FORMATIVO Storia, prospettive e metodi Busca, 14 dicembre 2006 Ivana Tallone La storia 1925: prima legge italiana per la formazione 1940: definizione di funzioni e compiti dell infermiera

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria Ufficio III Coordinamento USMAF. LA POLIZIA SANITARIA Dott. Virgilio COSTANZO

Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria Ufficio III Coordinamento USMAF. LA POLIZIA SANITARIA Dott. Virgilio COSTANZO Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria Ufficio III Coordinamento USMAF LA POLIZIA SANITARIA Dott. Virgilio COSTANZO UFFICIALI DI POLIZIA GIUDIZIARIA I Medici e il personale Tecnico addetto ai servizi

Dettagli

La sicurezza sul lavoro nella P.A.

La sicurezza sul lavoro nella P.A. La normativa italiana D.Lgs. 81/2008 Le disposizioni contenute nel D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008 costituiscono attuazione dell art. 1 della Legge 3/8/2007, n. 123 per il riassetto e la riforma delle norme

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Organigramma della sicurezza

Organigramma della sicurezza Organigramma della sicurezza Dirigente Scolastico Medico Competente R.S.P.P. A.S.P.P. Squadra di emergenza Nominativo Plesso.... Nominativo Ruolo.... R.L.S. Preposti Lavoratori Fondamenti di sicurezza:

Dettagli

1) Quadro normativo. Direzione Centrale delle Entrate Contributive

1) Quadro normativo. Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale delle Entrate Contributive Roma, 11 Aprile 2002 Circolare n. 76 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

La direzione dei lavori

La direzione dei lavori APPALTI PUBBLICI: L APPROFONDIMENTO Definizioni, compiti e responsabilità alla luce del DLgs 12 aprile, n. 163 - Codice dei Contratti La direzione dei lavori Francesco Musci * e Roberto Scaravaglione **

Dettagli

Anaao-Cref Servizio Tutela Lavoro

Anaao-Cref Servizio Tutela Lavoro 1 QUESITO Si chiede se un dirigente medico con incarico libero professionale sia pienamente autonomo nello svolgimento delle proprie mansioni nell ambito dell unità operativa di afferenza. Si chiede, inoltre,

Dettagli

DATORE DI LAVORO DIRIGENTE PREPOSTO L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI RAPPORTI DELLA GERARCHIA AZIENDALE CON I RLS

DATORE DI LAVORO DIRIGENTE PREPOSTO L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI RAPPORTI DELLA GERARCHIA AZIENDALE CON I RLS L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI RAPPORTI DELLA GERARCHIA AZIENDALE CON I RLS Bologna, 15 MAGGIO 2015 Dr. Leopoldo Magelli Perché a volte le criticità nel rapporto tra RLS e

Dettagli

Gli interventi sono gestiti nel rispetto del principio di libera scelta del cittadino, attraverso l utilizzo del voucher sociale.

Gli interventi sono gestiti nel rispetto del principio di libera scelta del cittadino, attraverso l utilizzo del voucher sociale. REQUISITI PER L ACCREDITAMENTO DI SOGGETTI PROFESSIONALI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI ED INTERVENTI SOCIO ASSISTENZIALI DOMICILIARI IN FAVORE DI ANZIANI, DISABILI E MINORI E LORO FAMIGLIE DELSERVIZIO DI

Dettagli

Master di area critica

Master di area critica Master di area critica LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE INFERMIERISTICA Prof. Mario Bianchini A.A. 2012/13 Chiunque smetta di imparare è un vecchio, che abbia 20 anni o 80. Chi continua ad imparare, giorno

Dettagli

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA È un rapporto di natura contrattuale la cui fonte è il contatto

Dettagli

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011 Area Socio Culturale istituzionale e legislativa 1 Cosa si intende per PRIVACY? Diritto a essere lasciato solo ovvero a non subire interferenze sulla propria persona e nella propria vita (anglosassoni)

Dettagli

LA RESPONSABILITA INFERMIERISTICA OGGI: REGOLE SEMPLICI IN UNA REALTA COMPLESSA

LA RESPONSABILITA INFERMIERISTICA OGGI: REGOLE SEMPLICI IN UNA REALTA COMPLESSA ASSOCIAZIONE ITALIANA CASE MANAGER LA RESPONSABILITA INFERMIERISTICA OGGI: REGOLE SEMPLICI IN UNA REALTA COMPLESSA GIANNANTONIO BARBIERI studiobarbieri@iol.it Firenze, 17 ottobre 2014 Nell adempiere l

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA L ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE DIRITTI, DOVERI E SANZIONI PER I VARI SOGGETTI AZIENDALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL

Dettagli

Integrazione IIPP e personale di supporto. Collegio IPASVI Como e Provincia

Integrazione IIPP e personale di supporto. Collegio IPASVI Como e Provincia Integrazione IIPP e personale di supporto Collegio IPASVI Como e Provincia 1 Agenda Le figure di supporto dell assistenza infermieristica in ambito sanitario e sociale: ricognizione storica L ASA e l Operatore

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 16 dicembre 2010 Erogazione da parte delle farmacie di specifiche prestazioni professionali.

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 16 dicembre 2010 Erogazione da parte delle farmacie di specifiche prestazioni professionali. MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 16 dicembre 2010 Erogazione da parte delle farmacie di specifiche prestazioni professionali. (11A04974) IL MINISTRO DELLA SALUTE Vista la legge 18 giugno 2009, n. 69, recante

Dettagli

Sul datore di lavoro, ex art. 18 TU 2008, grava la posizione di garanzia del rispetto delle norme antinfortunistiche.

Sul datore di lavoro, ex art. 18 TU 2008, grava la posizione di garanzia del rispetto delle norme antinfortunistiche. Sicurezza sul lavoro: posizione di garanzia del datore di lavoro ed elementi essenziali della delega di funzioni (Cass. pen. n. 41063/2012) Rinaldi Manuela Diritto.it Massima Il socio amministratore di

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231

SISTEMA DISCIPLINARE. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 SISTEMA DISCIPLINARE ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 SISTEMA DISCIPLINARE 1 INDICE 1. PRINCIPI GENERALI... 3 2. CONDOTTE SANZIONABILI... 3 3. IL TITOLARE DEL POTERE SANZIONATORIO...

Dettagli

I PREPOSTI. RESPONSABILITÀ E COMPITI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. n. 81/2008. Corso Preposti

I PREPOSTI. RESPONSABILITÀ E COMPITI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. n. 81/2008. Corso Preposti I PREPOSTI RESPONSABILITÀ E COMPITI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. n. 81/2008 IL PREPOSTO È SOGGETTO A FORMAZIONE IL PREPOSTO È SOGGETTO A FORMAZIONE tra gli obblighi del preposto c'è:

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

Il rispetto delle linee-guida e buone pratiche, tra colpa grave e colpa lieve- le novità giuridiche del Decreto Balduzzi Dott. A. Zagari.

Il rispetto delle linee-guida e buone pratiche, tra colpa grave e colpa lieve- le novità giuridiche del Decreto Balduzzi Dott. A. Zagari. Il rispetto delle linee-guida e buone pratiche, tra colpa grave e colpa lieve- le novità giuridiche del Decreto Balduzzi Dott. A. Zagari Bologna 2014 Le novità normative art. 3, primo comma, legge n. 189/2012

Dettagli

Regolamento professionale di APAFORM. Associazione Professionale ASFOR dei Formatori di Management

Regolamento professionale di APAFORM. Associazione Professionale ASFOR dei Formatori di Management Regolamento professionale di APAFORM Associazione Professionale ASFOR dei Formatori di Management Indice. art. 1 - Scopo e campo di applicazione... 1. art. 2 - Struttura organizzativa... 2. art. 3 Definizioni...

Dettagli

Dalla responsabilità dell infermiere alla responsabilità dell OSS:aspetti giuridici e integrazione. Dott. Antonino Zagari

Dalla responsabilità dell infermiere alla responsabilità dell OSS:aspetti giuridici e integrazione. Dott. Antonino Zagari Dalla responsabilità dell infermiere alla responsabilità dell OSS:aspetti giuridici e integrazione Dott. Antonino Zagari DA DOVE INIZIAMO? 2 3 GIOCO DI SQUADRA Il Gioco di Squadra risulta lo scopo primario

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI

VALUTAZIONE DEI RISCHI Dipartimento di Prevenzione Azienda USL3 di Pistoia Il TESTO UNICO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/2008) Ing. Massimo Selmi Pistoia, 24.03.2010 VALUTAZIONE DEI RISCHI Data Certa Valutazione

Dettagli

Corso di Aggiornamento. OSS, Infermieri, Coordinatori: ruoli gestione e integrazione nelle attività assistenziali

Corso di Aggiornamento. OSS, Infermieri, Coordinatori: ruoli gestione e integrazione nelle attività assistenziali LATINA Corso di Aggiornamento SML StudioManagementLoi OSS, Infermieri, Coordinatori: ruoli gestione e integrazione nelle attività assistenziali Formia 21 marzo 2015 Dott. Duilio Loi Obiettivi acquisire

Dettagli

1. DISTRIBUZIONE Datore di Lavoro, Direzione, RSPP, RLS, preposti, personale Alac SpA

1. DISTRIBUZIONE Datore di Lavoro, Direzione, RSPP, RLS, preposti, personale Alac SpA Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Formazione P03 Rev. 02 del 06/05/2013 1. DISTRIBUZIONE Datore

Dettagli

PIANO DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE DEL PERSONALE DIPENDENTE

PIANO DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE DEL PERSONALE DIPENDENTE PIANO DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE DEL PERSONALE DIPENDENTE Indice 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1. Scopo e campo di applicazione 1.2. Fasi e tempi del processo di Valutazione delle performance 1.2.1.

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

ESPOSIZIONE DEL QUESITO

ESPOSIZIONE DEL QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 12 marzo 2007 OGGETTO: Istanza di interpello Azienda Sanitaria Ospedaliera ALFA Regime IVA sulle consulenze e perizie mediche rese da medici (con rapporto esclusivo con l ASL)

Dettagli

Come è cambiata la figura dell infermiere dall inizio ad oggi. Quale il futuro

Come è cambiata la figura dell infermiere dall inizio ad oggi. Quale il futuro 6 TURIN CARDIOVASCULAR NURSING CONVENTION Sessione Etica professionale Come è cambiata la figura dell infermiere dall inizio ad oggi. Quale il futuro Torino, 14 ottobre 2010 Valerio Dimonte Valerio.dimonte@unito.it

Dettagli

Competenze avanzate e specializzazione professionale: in quale campo? Marina Negri

Competenze avanzate e specializzazione professionale: in quale campo? Marina Negri Competenze avanzate e specializzazione professionale: in quale campo? Marina Negri LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INFERMIERISTICHE: QUALI ORIENTAMENTI, QUALI IMPLICAZIONI? Collegio IPASVI COMO 22 febbraio

Dettagli

ATTIVITA CHIRURGICA DEI MEDICI IN FORMAZIONE NELLE SCUOLE DI CHIRURGIA

ATTIVITA CHIRURGICA DEI MEDICI IN FORMAZIONE NELLE SCUOLE DI CHIRURGIA ATTIVITA CHIRURGICA DEI MEDICI IN FORMAZIONE NELLE SCUOLE DI CHIRURGIA CORROCHER R., FIOCCA R, S.M. GIULINI 2 Esigenza primaria per le scuole di specializzazione chirurgiche è la formazione professionalizzante.

Dettagli

Profili giuridici del rapporto tra disciplina del pubblico impiego e deontologia del libero professionista

Profili giuridici del rapporto tra disciplina del pubblico impiego e deontologia del libero professionista Profili giuridici del rapporto tra disciplina del pubblico impiego e deontologia del libero professionista Torino, 21 maggio 2011 Prof. Roberto Cavallo Perin Ordinario di Diritto amministrativo Università

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PER LA MESSA IN GRADUATORIA A FAVORE DELLA FROSINONE MULTISERVIZI SPA DI 100 ADDETTI:

AVVISO DI SELEZIONE PER LA MESSA IN GRADUATORIA A FAVORE DELLA FROSINONE MULTISERVIZI SPA DI 100 ADDETTI: AVVISO DI SELEZIONE PER LA MESSA IN GRADUATORIA A FAVORE DELLA FROSINONE MULTISERVIZI SPA DI 100 ADDETTI: 7 addetti in qualità di impiegati amministrativi di concetto che siano in grado di svolgere con

Dettagli

A relazione degli Assessori Cavallera, Porchietto:

A relazione degli Assessori Cavallera, Porchietto: REGIONE PIEMONTE BU27S1 05/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 17 giugno 2013, n. 10-5950 Nuove disposizioni in merito alla promozione di corsi formativi integrativi per gli operatori occupati

Dettagli

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Capo I Articolo 2 L'assistenza infermieristica è servizio alla persona, alla famiglia e alla collettività. Si

Dettagli

Analizziamo di seguito il capo III del D.lgs 81/2008, che riguarda la Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro

Analizziamo di seguito il capo III del D.lgs 81/2008, che riguarda la Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro Lezione 4 Obblighi del datore di Lavoro Vediamo in questa parte quali sono gli obblighi in capo al Datore di Lavoro nei confronti del Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza. Vedremo cioè più in

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti CODICE ETICO e di CONDOTTA Della Monica & Partners Srl Società tra Professionisti Giugno 2014 INDICE... 2 ARTICOLO 1 PREMESSA... 3 ARTICOLO 2 OBIETTIVI E VALORI... 3 ARTICOLO 3 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO...

Dettagli

1. DISTRIBUZIONE Datore di Lavoro, Direzione, dirigenti, RSPP, RLS, preposti, personale Alac SpA

1. DISTRIBUZIONE Datore di Lavoro, Direzione, dirigenti, RSPP, RLS, preposti, personale Alac SpA Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Formazione P03 Rev. 03 del 28/04/2014 1. DISTRIBUZIONE Datore

Dettagli

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Dr. Sebastiano Papa Principali soggetti

Dettagli

Il Medico Competente nelle Strutture Sanitarie: proposte normative Graziano Frigeri Presidente Assoprev

Il Medico Competente nelle Strutture Sanitarie: proposte normative Graziano Frigeri Presidente Assoprev Il Medico Competente nelle Strutture Sanitarie: proposte normative Graziano Frigeri Presidente Assoprev Linee direttrici 1) valorizzare, in conformità al codice ICOH e alla realtà europea, il ruolo delle

Dettagli

Il Preposto nella scuola

Il Preposto nella scuola Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE Organismo Paritetico Regionale ex art. 51 D. lgs. 81/2008 Il Preposto nella scuola

Dettagli

La Legge di Riforma Sanitaria

La Legge di Riforma Sanitaria La Legge di Riforma Sanitaria La Riforma Sanitaria introdotta con la Legge 23 dicembre 1978 n 833 ha stabilito, nell art. 20, che i compiti dei Servizi di Prevenzione della A.S.L. sono: La Legge di Riforma

Dettagli

La Professione Infermieristica ed il risk management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente

La Professione Infermieristica ed il risk management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente La disumanità dell uomo verso l uomo non si materializza soltanto negli atti corrosivi dei malvagi Si materializza anche nella corruttrice inattività dei buoni. M. L. King REGIONE SICILIA Azienda U.S.L.

Dettagli

COMUNE DI SIENA. CRITERI GENERALI SUL SISTEMA PREMIANTE DEL PERSONALE NON DIRIGENTE (da cat. A a cat D) Direzione Generale

COMUNE DI SIENA. CRITERI GENERALI SUL SISTEMA PREMIANTE DEL PERSONALE NON DIRIGENTE (da cat. A a cat D) Direzione Generale COMUNE DI SIENA Direzione Generale CRITERI GENERALI SUL SISTEMA PREMIANTE DEL PERSONALE NON DIRIGENTE (da cat. A a cat D) 1) Natura e finalità della valutazione La valutazione del merito consiste in un

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE Art. 1 FINALITA - Presso l'ateneo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO REGOLAMENTO DI RADIOPROTEZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO PER L APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI DI LEGGE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI LAVORATORI, DELLA POPOLAZIONE E DELL AMBIENTE DAI RISCHI

Dettagli

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato A TUTTI I R.S.P.P. LORO SEDI Casale Monf.to, 6 novembre 2000 Ns/rif. Doc. n. 04/00/02/01/082 Oggetto: Circolare informativa. Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato Responsabilità

Dettagli

I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali

I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali TITOLO

Dettagli