Certificates Dollar Protection ^ emissione Banca Aletti & C. S.p.A. IT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Certificates Dollar Protection 2004 2006 6^ emissione Banca Aletti & C. S.p.A. IT0003732499"

Transcript

1 FOGLIO INFORMATIVO (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA INMATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) Certificates Dollar Protection ^ emissione Banca Aletti & C. S.p.A. ISIN Si invitano gli investitori a leggere attentamente il presente documento, prima di qualsiasi decisione di investimento, al fine di comprendere i fattori di rischio generici e specifici collegati all investimento in strumenti finanziari derivati quali sono i Certificates Dollar Protection Questo prodotto non garantisce il rimborso del capitale a scadenza. Il sottoscrittore dei presenti Certificates ha una aspettativa di apprezzamento del Dollaro rispetto all Euro al termine dei due anni di vita dei Certificates Dollar Protection Il valore dei Certificates è determinabile sulla base di criteri e parametri oggettivi e non modificabili. I Certificates hanno una scadenza prefissata. Il patrimonio dell Emittente garantisce l investitore per la restituzione di quanto dovuto a scadenza, senza priorità rispetto gli altri creditori in caso di insolvenza. Per conoscere il rendimento offerto da questi Certificates si raccomanda di leggere il paragrafo Modalità e Valore di rimborso nella sezione II e il paragrafo Esemplificazione dei rendimenti a scadenza dei Certificates nella sezione III del Foglio Informativo. INDICE Sezione I INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE Sezione II INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE - REGOLAMENTO Sezione III INFORMAZIONI SUI RISCHI DELL OPERAZIONE Pagina 1 di 14

2 I. INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE 1. Denominazione e forma giuridica L emittente è denominato Banca Aletti & C. Società per Azioni (di seguito Banca Aletti o Emittente ). 2. Sede Legale e Sede Amministrativa L Emittente ha sede legale in Milano, via S. Spirito, 14. Sede operativa e direzione generale in Milano, via Roncaglia, Iscrizione all Albo delle Banche L Emittente è iscritto all albo delle banche tenuto dalla Banca d'italia di cui all'articolo 13 del Dlgs. n. 385 del Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: Gruppo Bancario di appartenenza L Emittente appartiene al Gruppo Bancario Banco Popolare di Verona e Novara iscritto all'albo dei gruppi bancari tenuto dalla Banca d'italia di cui all'articolo 64 del Dlgs. n. 385 del al n Ammontare del Capitale Sociale e delle riserve al 31 dicembre 2003 Capitale sociale sottoscritto ed interamente versato Euro Riserve: Euro Conflitti di interesse attinenti il collocamento dei Certificati Esiste un conflitto di interessi in quanto Emittente e Soggetti Collocatori appartengono allo stesso Gruppo Bancario. Pagina 2 di 14

3 II INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE - REGOLAMENTO 1. Denominazione, importo dell emissione e numero, valore unitario e taglio minimo di sottoscrizione Oggetto della presente emissione sono certificates denominati Dollar Protection (i Certificati ). I Certificati sono, al pari dei covered warrant, strumenti finanziari derivati aventi stile europeo in base ai quali l investitore, a fronte del pagamento di un importo in Euro, consegue il diritto a ricevere a scadenza un importo in Euro, il cui ammontare dipende dal valore dell attività sottostante (come in seguito indicato). Si consideri che il rimborso del capitale inizialmente investito non è garantito alla scadenza e che i Certificati non danno diritto ad un interesse o ad un dividendo. L investimento in Certificati espone l investitore a un rischio analogo a quello di uno strumento finanziario azionario. La presente emissione ha valore nominale massimo fino a Euro ,00; è costituita da un numero massimo di certificati, al portatore, del valore nominale unitario di Euro 1.000,00. Il taglio minimo di sottoscrizione ed il quantitativo minimo di riacquisto da parte dell Emittente sono pari ad un Certificato per un valore nominale di Euro 1.000,00. I Certificati sono accentrati presso Monte Titoli S.p.A. in regime di dematerializzazione. 2. Periodo di collocamento Il periodo di collocamento dei Certificati avrà fine in data L Emittente si riserva la facoltà di chiudere il collocamento anticipatamente e senza preavviso in caso di variazione delle condizioni di mercato e/o di esaurimento dell offerta. 3. Data di Emissione La data di emissione dei Certificati è il ( la Data di Emissione ). 4. Prezzo di emissione e di rimborso I Certificati sono emessi dall Emittente alla pari, vale a dire a Euro 1.000,00 per Certificato di nominali Euro Trattandosi di strumenti finanziari derivati, i Certificati non danno diritto a ricevere alla scadenza un rimborso pari al valore nominale dello strumento stesso. I Certificati danno diritto a ricevere un importo (il Valore di Rimborso ) il cui calcolo è descritto al successivo paragrafo Commissioni ed eventuali altri oneri per la sottoscrizione Non previsti. 6. Durata I Certificati hanno durata di 2 anni a decorrere dalla Data di fine collocamento, dal al (la Data di Scadenza ). 7. Modalità e valore di rimborso Il soggetto incaricato del rimborso è Banca Aletti (il Paying Agent ). Il rimborso dei Certificati sarà effettuato in un unica soluzione, alla Data di Scadenza, dal Paying Agent, il quale accrediterà l importo alle banche depositarie aderenti al sistema di gestione accentrata secondo le istruzioni di Monte Titoli. A loro volta, le banche depositarie trasferiranno l importo sui conti dei portatori. Pagina 3 di 14

4 Il Valore di Rimborso Il Valore di Rimborso dei Certificati è ancorato all andamento del rapporto di cambio Dollaro USA/Euro (UsdEur) espresso in quantità di Euro per un Dollaro USA. Per maggiore chiarezza, si precisa che il tasso di cambio cui si fa riferimento corrisponde al reciproco della quotazione pubblicata giornalmente dalla Banca Centrale Europea che esprime il rapporto di cambio come quantità di Dollari per un Euro. I Certificati hanno meccanismi differenti di rimborso a seconda della variazione del rappoto di cambio registrata tra la Data di Emissione e la Data di Rilevazione Finale. Gli scenari previsti sono 3 e sono di seguito illustrati: Caso 1 Se, alla Data di Rilevazione Finale, il valore del rapporto di cambio è minore od uguale al 90,9091% del Valore Iniziale, il Valore di Rimborso sarà pari a: 90 VN 100 Quando il rapporto di cambio UsdEur scende al di sotto del 90,9091% del Valore Iniziale, il sottoscrittore subisce una perdita fissa pari al 10% del capitale inizialmente investito. Caso 2 Se, alla Data di Rilevazione Finale, il valore di chiusura dell Indice è compreso tra il 90,9091% (escluso) ed il 100% del Valore Iniziale, il Valore di Rimborso sarà pari a: UsdEurfinale UsdEur VN % UsdEuriniziale iniziale In questo caso il sottoscrittore registra una perdita leggermente superiore rispetto a quella subita dal Dollaro verso l Euro: consegue infatti una perdita pari al 110% della perdita registrata dal rapporto di cambio UsdEur. Caso 3 Se, alla Data di Rilevazione Finale, il valore di chiusura dell Indice è superiore al 100% del Valore Iniziale, il Valore di Rimborso sarà pari a: UsdEurfinale UsdEur VN % UsdEuriniziale iniziale In questo caso l investitore riceve il capitale investito aumentato di una percentuale pari al 110% della variazione percentuale registrata dal rapporto di cambio UsdEur. Dove: VN UsdEur finale UsdEur iniziale Pagina 4 di 14 indica il Valore Nominale del Certificato; indica il Valore del rapporto di cambio Dollaro Usa/Euro alla Data di Rilevazione Finale ; indica il Valore di Chiusura del rapporto di cambio Dollaro Usa/Euro alla Data di Emissione ( );

5 Valore Iniziale è pari al 100% del UsdEur iniziale. Alla luce di quanto sopra esposto, i Certificati sono strumenti finanziari derivati che non garantiscono il rimborso dell intero capitale investito. Una più compiuta esposizione dei rendimenti dei Certificati, completa di esemplificazioni in diversi scenari, è contenuta nella Sezione III del presente Foglio Informativo. Ai fini del presente documento, i seguenti termini hanno il significato che segue: "Data di Scadenza" Data di Rilevazione Finale "Calendario Target" "Rapporto di cambio Euro/Dollaro USA" indica il , atteso che - ove tale data non sia un Giorno Lavorativo secondo il calendario Target - la Data di Scadenza sarà posposta sino al Giorno Lavorativo immediatamente successivo; tale Giorno costituirà la nuova Data di Scadenza ad ogni effetto; indica il 5 giorno lavorativo, secondo il calendario Target, che precede la data di Scadenza. Nel caso in tale data il rapporto di cambio Euro/Dollaro non sia calcolato e pubblicato, la Data di Rilevazione Finale sarà anticipata sino al giorno in cui il rapporto di cambio è stato calcolato e pubblicato. Il calendario operativo Target prevede che il mercato operi tutti i giorni dell anno con esclusione delle giornate del sabato, della domenica nonché il primo giorno dell anno, il venerdì Santo, il lunedì di Pasqua, il primo maggio, il 25 e 26 dicembre. indica il rapporto di cambio Spot ufficiale fissato giornalmente dalla Banca Centrale Europea espresso in quantità di Dollari USA per 1 Euro e riscontrabile alla pagina ECB37 di Reuters. "Rapporto di cambio DollaroUSA/Euro" "Titolari" o Portatori "Valore di Rimborso" indica il reciproco del valore di cambio Spot fissato dalla Banca Centrale Europea, vale a dire la quantità di Euro per 1 Dollaro USA indica i legittimi titolari degli stessi Certificati, legittimati a ricevere il pagamento del Valore di Rimborso; indica la somma, espressa in Euro, pagabile ai Titolari come calcolata ai sensi del presente paragrafo 7; 8. Eventi straordinari Qualora, ad una data di rilevazione del valore ufficiale del rapporto di cambio Euro/Dollaro USA: i) il rapporto di cambio ufficiale non venga calcolato o comunicato dalla Banca Centrale Europea (BCE) ma sia calcolato e pubblicato da una terza parte, indipendente dalla Banca Emittente, ma da questa ritenuta fonte attendibile anche in funzione della sua posizione di mercato, l Agente per il Calcolo utilizzerà i valori pubblicati da questa terza parte ai fini dei calcoli relativi alla determinazione del valore dei Certificati; ii) si verifichino variazioni fondamentali relative al rapporto di cambio ufficiale, l Agente di Calcolo potrà apportare delle modifiche volte a neutralizzare gli effetti distorsivi di tali variazioni sul valore dei Certificati; iii) qualora, per qualsiasi motivo, a ragionevole discrezione dell Agente di Calcolo, non sia possibile rilevare ad una Data di Rilevazione, il rapporto di cambio Euro/Dollaro USA, come calcolato dalla Banca Centrale Pagina 5 di 14

6 Europea e direttamente rilevabile sul Circuito Reuters ECB37 alla dicitura Spot (o qualsiasi altra pagina che dovesse successivamente sostituirla) o in mancanza su altra fonte di equipollente ufficialità, è facoltà dell Agente di Calcolo scegliere un altro valore del rapporto di cambio, in buona fede e secondo la prevalente prassi di mercato. 9. Rimborso anticipato Non è prevista la facoltà di rimborso anticipato da parte dell Emittente. 10. Valuta I Certificati sono denominati in Euro; pertanto non è presente nessun rischio di cambio. 11. Agente per il Calcolo L Agente per il Calcolo dei Certificati è Banca Aletti. Esiste un potenziale conflitto di interessi in quanto Banca Aletti è anche collocatore dei Certificati. Banca Aletti appartiene al Gruppo Bancario Banco Popolare di Verona e Novara. 12. Regime Fiscale Le informazioni di seguito riportate riassumono il regime fiscale proprio dell investimento in Certificati da parte di investitori persone fisiche residenti in Italia, al di fuori dell esercizio di imprese commerciali, ai sensi della legislazione tributaria italiana e della prassi di mercato. Quanto segue si basa sulla legislazione fiscale vigente alla data del presente Foglio Informativo, fermo restando che la stessa rimane soggetta a possibili cambiamenti che potrebbero avere effetti retroattivi e altro non rappresenta che un introduzione alla materia. In particolare la legge 7 aprile 2003, n 80, di delega per la riforma fiscale, delega il Governo ad adottare, entro due anni dalla data di entrata in vigore della stessa legge n. 80/2003, decreti legislativi recanti, tra l altro, una riforma della tassazione delle rendite finanziarie che potrebbe impattare sul regime fiscale proprio dei Certificati. I proventi conseguiti da investitori persone fisiche residenti in Italia, al di fuori dell esercizio di imprese commerciali, in sede di rimborso o cessione dei Certificati dovrebbero essere assoggettati a tassazione con aliquota del 12,5%. Infatti, la base imponibile da assoggettare alla tassazione, rappresentata dai redditi, al netto delle perdite rilevanti, realizzati in sede di rimborso ovvero mediante cessione dei Certificati, rientrebbe tra i redditi diversi di cui al comma 1, lett. C quater, dell art. 81 del T.U.I.R. Modalità di prelievo particolari sono previste in caso i Certificati siano detenuti nell ambito di un regime di risparmio gestito od amministrato ( art. 6 e 7 Dlgs. 461/97). Quanto sopra riportato non intende essere un analisi esauriente di tutte le conseguenze fiscali dell investimento in Certificati e, pertanto, è opportuno che gli investitori si avvalgano della consulenza di propri fiscalisti in merito al regime fiscale da applicare ai Certificati. 13. Termine di prescrizione I diritti dei portatori si prescrivono decorsi 10 anni dalla Data di Scadenza. Pagina 6 di 14

7 14. Garanzie I Certificati non rientrano tra le forme di raccolta coperte dalla garanzia del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi. Il rimborso dei Certificati non è garantito da soggetti diversi dall Emittente. 15. Quotazione Non è prevista la quotazione dei Certificati su alcun mercato di Borsa. Trascorso un mese dalla chiusura del collocamento la negoziazione dei Certificati avverrà tramite il sistema di scambi organizzato dalla Banca Emittente ai sensi dell'articolo 78 del Decreto Legislativo n.58 del 24 febbraio Eventuali restrizioni alla libera trasferibilità dei Certificati I Certificati sono liberamente trasferibili. 17. Comunicazione ai Portatori Tutte le comunicazioni dell Emittente ai Portatori saranno effettuate, ove non diversamente previsto dalla legge, mediante avviso pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale o almeno un quotidiano a diffusione nazionale. 18. Modalità di collocamento I Certificati saranno collocati da Banca Aletti & C. S.p.A., Banco Popolare di Verona e Novara S.c.r.l., Credito Bergamasco S.p.A., Banca Popolare di Novara S.pA. Tutte le banche collocatrici appartengono al Gruppo Banco Popolare di Verona e Novara. I Certificati devono essere sottoscritti firmando il presente Foglio Informativo. Il pagamento dei Certificati sottoscritti dovrà essere effettuato entro la Data di Emissione. L Emittente si riserva la facoltà di chiudere il collocamento anticipatamente e senza preavviso in caso di variazione delle condizioni di mercato e/o di esaurimento dell offerta. 19. Soggetti partecipanti L Emittente, nonché ideatore del prodotto, é Banca Aletti & C. S.p.A. Collocatori: Banca Aletti & C. S.p.A., Banco Popolare di Verona e Novara S.c.r.l., Credito Bergamasco S.p.A, Banca Popolare di Novara S.p.A. Agente per il Calcolo: Banca Aletti & C. S.p.A. 20. Informazioni sul Sottostante Il rapporto di cambio ufficiale tra l Euro ed il Dollaro USA è giornalmente calcolato e pubblicato dalla Banca Centrale Europea (BCE). Tale rapporto di cambio, espresso in quantità di Dollari USA per 1 Euro, riflette le condizioni medie di mercato prevalenti nel momento in cui viene calcolato, intorno alle 14:15, in concerto con le banche centrali. Il valore pubblicato ha lo scopo di fissare un valore di riferimento ufficiale e non rappresenta necessariamente il valore a cui vengono scambiate le valute. Il valore del rapporto di cambio ufficiale può essere reperito sui maggiori quotidiani economici/finanziari, alla pagina Reuters ECB37, alla pagina Bloomberg EUCFUSD Index e sul sito della Banca Centrale Europea: Pagina 7 di 14

8 Si ricorda che il valore di rimborso dei Certificati dipende dal valore di cambio espresso in quantità di Euro per 1 Dollaro USA, vale a dire dipende dal reciproco del valore pubblicato dalla BCE. A titolo di esempio: il reciproco di 1 1,2132 1,2132 (cambio ufficiale del 20 settembre 2004) è = 0, Grafico del rapporto di cambio ufficiale Euro/Dollaro USA dal 01/01/2002 al 22/09/ Servizio Il Paying Agent, il 27 ottobre 2006, provvederà ad accreditare l importo corrispondente al Valore di Rimborso dei Certificati alle banche depositarie secondo le istruzioni di Monte Titoli. A loro volta le banche depositarie trasferiranno l importo sui conti dei Portatori. Qualora la data di rimborso coincida con un giorno non lavorativo secondo il calendario operativo Target, il pagamento sarà effettuato il primo giorno lavorativo successivo senza alcun importo aggiuntivo. Il calendario operativo Target prevede che il mercato operi tutti i giorni dell anno con esclusione delle giornate del sabato, della domenica nonché il primo giorno dell anno, il venerdì Santo, il lunedì di Pasqua, il primo maggio, il 25 e 26 dicembre. 22. Legge applicabile e Foro competente I diritti e gli obblighi dei Portatori e dell Emittente in relazione ai Certificati sono regolati dalla legge italiana. Per qualsiasi controversia connessa con i Certificati sarà competente, in via esclusiva, il Foro di Milano. Pagina 8 di 14

9 III. INFORMAZIONI SUI RISCHI DELL OPERAZIONE Avvertenze per l investitore Si invitano gli investitori a leggere attentamente il presente documento, prima di qualsiasi decisione di investimento, al fine di comprendere i fattori di rischio generici e specifici collegati all investimento in Certificati. RISCHI GENERALI RELATIVI AGLI INVESTIMENTI IN CERTIFICATI I Certificati sono strumenti finanziari derivati caratterizzati da una rischiosità elevata, la cui comprensione da parte dell investitore è ostacolata dalla loro complessità. E quindi necessario che l investitore concluda un operazione avente ad oggetto tali strumenti solo dopo averne compreso la natura ed il grado di esposizione al rischio che essa comporta. L investitore deve considerare che la complessità di tali strumenti può favorire l esecuzione di operazioni non adeguate. Si consideri che, in generale, la negoziazione di strumenti finanziari derivati non è adatta per molti investitori. Una volta valutato il rischio dell operazione, l investitore e l intermediario devono verificare se l investimento è adeguato per l investitore con particolare riferimento alla situazione patrimoniale, agli obiettivi di investimento ed all esperienza nel campo degli investimenti in strumenti finanziari derivati di quest ultimo. Il prezzo dei Certificati sul mercato secondario è influenzato anche da una possibile temporanea mancanza di liquidità. RISCHI SPECIFICI RELATIVI ALL INVESTIMENTO NEI CERTIFICATI Dollar Protection I Certificati Dollar Protection emessi da Banca Aletti hanno come sottostante il rapporto di cambio Dollaro USA/Euro. Si consideri che il rimborso del capitale inizialmente investito non è garantito alla scadenza. L investimento nei Certificati espone l investitore a un rischio analogo a quello di un investimento in uno strumento finanziario azionario. I Certificati non danno diritto a un interesse o un rendimento o un dividendo o un minimo garantito. Ogni possibile perdita derivante dall acquisto dei Certificati non è compensata da nessun rendimento del capitale. I Certificati sono strumenti finanziari derivati in base ai quali l investitore consegue il diritto di ricevere un importo in Euro, il cui ammontare sarà calcolato in modo differente a seconda di quale delle tre condizioni previste (e descritte nel presente documento) si verifichi a scadenza. Per maggiori informazioni si veda il paragrafo Esemplificazione dei rendimenti a scadenza dei Certificati Dollar Protection Rischio Emittente Pagina 9 di 14

10 Acquistando i Certificati si diviene finanziatori dell Emittente assumendo il rischio che l Emittente non sia in grado di onorare i propri obblighi relativi al pagamento del Valore di Rimborso. Il patrimonio dell Emittente garantisce l investitore per l ammontare dovuto a scadenza senza priorità rispetto agli altri creditori dell Emittente in caso di insolvenza di quest ultimo. Rischio di liquidità Tale rischio è rappresentato dall impossibilità o dalla difficoltà di poter liquidare il proprio investimento prima della scadenza naturale. Per natura e caratteristiche dello strumento finanziario Certificates, potrebbero presentarsi problemi di liquidità prima della scadenza, a prescindere dalla volontà dall Emittente e dall ammontare di titoli. Si rammenta comunque, come indicato in Sez. II 14, che, trascorso un mese dalla chiusura del collocamento, la negoziazione dei Certificati potrà avvenire tramite il sistema di scambi organizzato dalla Banca Emittente ove sarà quotato un prezzo di riacquisto e di riofferta tutti i giorni, con uno spread massimo denaro lettera pari al 2% del valore teorico dei Certificati. Rischio Finanziario Il profilo di rischio di un Certificato Dollar Protection è finanziariamente equivalente all investimento in un insieme di opzioni. In particolare, l acquisto di un Certificato Dollar Protection equivale all acquisto di una Opzione Call sul Dollaro USA con strike uguale a zero e con nozionale pari a 100% del valore nominale del Certificato convertito in Dollari USA al tasso di cambio iniziale, alla vendita di una Opzione Put sul Dollaro USA con strike pari al rapporto di cambio Euro Dollaro USA (quantità di Euro per 1 dollaro) alla Data di Emissione e con nozionale pari a 10% del valore nominale del Certificato convertito in Dollari USA al tasso di cambio iniziale, all acquisto di una Opzione Call sul Dollaro USA con strike pari al rapporto di cambio Euro Dollaro USA (quantità di Euro per 1 dollaro alla Data di Emissione e con nozionale pari a 110% del valore nominale del Certificato convertito in Dollari USA al tasso di cambio iniziale, e all acquisto contestuale di una Opzione Put sul Dollaro USA con strike pari al 90,9091% del rapporto di cambio Euro Dollaro USA (quantità di Euro per 1 dollaro) alla Data di Emissione e con nozionale pari a 110% del valore nominale del Certificato convertito in Dollari USA al tasso di cambio iniziale. Il valore teorico del Certificato è dato dall aggregazione (nei termini sopra descritti) del valore teorico di ciascuna opzione di cui è composto. A sua volta, il valore teorico di ciascuna opzione può essere determinato in base alla formula di Black-Scholes ed è influenzato dalle seguenti variabili: valore del sottostante volatilità del sottostante durata residua tasso d interesse privo di rischio Vediamo in linea generale e di principio come le singole variabili influenzano il valore teorico di ogni singola opzione componente il Certificato. Valore del sottostante Il valore a scadenza di una opzione call europea plain vanilla che viene esercitata è pari alla differenza tra il Valore Finale del sottostante e il Valore di Strike; pertanto le opzioni in oggetto valgono di più al crescere del livello del sottostante e valgono di meno al crescere del Valore di Strike. Di contro il valore a scadenza di una opzione put europea plain vanilla che viene esercitata è pari alla differenza tra il Valore di Strike e il Valore Finale del sottostante; pertanto le opzioni in oggetto valgono di meno al crescere del livello del sottostante, di più al crescere del Valore di Strike. Volatilità del sottostante Il valore sia di un opzione call europea sia di un opzione put europea aumenta, a parità di altre condizioni, a seguito di un incremento della volatilità del sottostante. Pagina 10 di 14

11 Durata residua Al passare del tempo il valore teorico delle opzioni call e put europee componenti il Certificato diminuisce, a parità di altre condizioni. Tassi di interesse Usd, tassi di interesse Eur Se il cambio sottostante l opzione è espresso in Euro (quantità di Euro per 1 Dollaro), all aumentare dei tassi d interesse europei il rapporto di cambio tende ad aumentare, e quindi il valore di un opzione Call Dollaro/Euro aumenta. Un aumento nel livello della curva di tassi negli Stati Uniti ha l effetto contrario, in quanto fa abbassare il rapporto cambio futuro atteso e quindi provoca la diminuzione del prezzo dell opzione Call Dollaro/Euro. Il contrario avviene per le opzionu Put. Quanto sopra esposto viene specularmente rovesciato se si considera il cambio sottostante espresso in quantità di Euro per 1 Dollaro USA. Dipendenza del valore teorico dalle variabili di mercato un esemplificazione La tabella di seguito riportata riepiloga, a puro titolo esemplificativo, i risultati di simulazioni di calcolo del valore ad una certa data - precedente rispetto alla Data di Scadenza - del Certificato Dollar Protection al variare del valore del sottostante, della volatilità e del tempo mancante a scadenza, tenendo rispettivamente invariati tutti gli altri parametri. Dollar Protection Variazione Spot Prezzo Indice Certificato % 5% 103,816% 0% 100,00% -5% 96,184% Variazione Prezzo Volatilità Indice Certificato % 5% 102,38% 0% 100,00% -5% 98,22% Vita residua Prezzo Certificato % 1,5 anni 99,38% 1 anno 98,76% 6 mesi 98,14% Esemplificazione dei rendimenti a scadenza dei Certificati Dollar Protection 2004/2006 I Scenario Valore a scadenza di Usd/Eur minore del 90,9091% dello Strike Iniziale (deprezzamento del Dollaro USA nei confronti dell Euro) Supponiamo che il Valore Iniziale ( UsdEur iniziale ) sia 0,81 e che UsdEur finale sia 0,70, cioè minore del 90,9091% del Valore Iniziale. In questo caso, il portatore riceverà il 90% del capitale investito, subendo una perdita pari al 10% del capitale investito. Per ogni Euro di valore nominale saranno rimborsati 900 Euro. Pagina 11 di 14

12 II Scenario Valore a scadenza di Usd/Eur uguale al 95% Dello Strike Iniziale (deprezzamento del Dollaro USA nei confronti dell Euro) Supponiamo che il Valore UsdEur finale sia 0,7695 (pari al 95% dello Strike iniziale del Certificato che per ipotesi vale 0,81). In questo caso, il portatore riceverà il 94,5% del capitale investito, ovvero riceve il Valore Nominale a cui viene algebricamente sommato il 110% della variazione (negativa) registrata dal rapporto di cambio Dollaro USA/Euro. Applichiamo, la formula prevista all art.7 della Sezione II: 0,7695 0, % 0,81 [ 1+ ( 110% ( 0,05) )] = 945 L investitore riceve 945 Euro per ogni mille Euro di Valore Nominale. III Scenario Valore a scadenza di Usd/Eur superiore al 100% dello Strike Iniziale Iniziale (apprezzamento del Dollaro USA nei confronti dell Euro) Supponiamo che il Valore UsdEur finale sia pari al 120% dello Strike iniziale del Certificato. In questo caso, il portatore riceverà il 122% del capitale investito (capitale iniziale + 110% dell incremento registrato dal rapporto di cambio). Applichiamo la formula prevista: LEGENDA PER L INVESTITORE 0,972 0, % 0, = AGENTE PER IL CALCOLO: soggetto che provvede a reperire i dati necessari e ad eseguire il calcolo per determinare il pagamento degli interessi/pagamenti dovuti. BASIS POINT: il basis point esprime la variazione dei tassi di interesse, pari ad un centesimo di punto percentuale. Per esempio, se i tassi salgono da 9,65% a 9,80%, si dice che il tasso è salito di 15 basis points. BENCHMARK: strumento finanziario, o indice, o altro parametro finanziario, che, per le sue caratteristiche di rappresentatività (ad es.: maggior diffusione tra sottoscrittori), viene considerato dagli intermediari come riferimento per capire se un titolo dalle caratteristiche analoghe ha registrato, in un dato periodo, migliori o peggiori performance in termini di rendimento rispetto al benchmark stesso. BTP (Buono del Tesoro poliennale): titoli emessi dal Tesoro con scadenza a medio/lungo termine, con tasso fisso e cedola semestrale. CAPITALIZZAZIONE DI BORSA (di un singolo titolo): è il prodotto tra il prezzo di Borsa di un azione ed il numero delle azioni che compongono il capitale sociale. CAP: opzione (v.) su tasso di interesse, negoziata al di fuori di mercati regolamentati, con la quale viene fissato un limite massimo alla crescita del rendimento di un dato strumento finanziario. CONTRATTO FUTURE: contratto negoziato generalmente su mercati regolamentati attraverso il quale le parti, alla scadenza concordata, si impegnano a comprare o a vendere un certo quantitativo di strumenti finanziari, ad un prezzo prestabilito alla conclusione del contratto stesso. DERIVATO: nome genericamente usato per indicare uno strumento finanziario, il cui prezzo/rendimento deriva dai parametri di prezzo/rendimento di altri strumenti finanziari principali detti sottostanti (v.), che possono essere strumenti finanziari, indici, tassi di interesse, valute, materie prime. Pagina 12 di 14

13 FLOOR: opzione (v.) su tasso di interesse, negoziata al di fuori di mercati regolamentati, con la quale viene fissato un limite minimo al rendimento di un dato strumento finanziario. HEDGING (COPERTURA): operazione effettuata da parte o del possessore di titoli o dell emittente, volta ad assicurare, in caso di andamento sfavorevole dei prezzi, il recupero delle perdite sofferte sui titoli medesimi. INDICE DI BORSA: grandezza rappresentativa dell andamento dei prezzi dei titoli quotati in Borsa. KNOCK IN, KNOCK OUT, CLAUSOLA DI: clausola in base alla quale, al verificarsi di un determinato evento, indicato nel Foglio Informativo, si attua o si estingue un opzione predeterminata.. MARKET MAKER: intermediario obbligato a proporre pubblicamente prezzi di acquisto e di vendita, ai quali altri intermediari possono, rispettivamente, vendergli o comprargli determinati quantitativi di titoli. MONTE CARLO, SIMULAZIONE DI: strumento di calcolo numerico che permette la risoluzione di problemi matematici complessi mediante procedimenti probabilistici basati sulla legge dei grandi numeri. Tale tecnica di calcolo viene utilizzata in campo finanziario, tra l altro, per definire il valore di strumenti fginanziari derivati (es. opzioni). OBBLIGAZIONE: titolo di debito che impegna l emittente al rimborso del capitale emesso per la raccolta del risparmio a medio-lungo termine. OBBLIGAZIONE SUBORDINATA: titolo obbligazionario che, in caso di default dell emittente, viene rimborsato solo dopo che sono stati rimborsati gli altri debiti non subordinati dell emittente. E importante tenere conto anche del livello di subordinazione. OPTION, OPZIONE: contratto con il quale una delle parti, pagando una somma alla controparte (premio), acquista il diritto di comprare (call option) o di vendere (put option), ad una data futura, un certo quantitativo di strumenti finanziari a un prezzo stabilito (prezzo di esercizio). Nel caso di opzione su indici, anziché un certo quantitativo di strumenti finanziari, si compra il diritto di incassare o di versare una somma, pari al prodotto tra il valore assegnato convenzionalmente a ciascun punto dell indice di riferimento e la differenza, a sua volta ottenuta dal valore dell indice (stabilito alla stipula del contratto) e il valore assunto dall indice il giorno in cui la facoltà viene esercitata. Si distingue tra opzione europea, che può essere esercitata soltanto alla data di scadenza concordata, e opzione americana, che può essere esercitata entro la data di scadenza. OPZIONE, VALORE DELLA: il valore di un opzione è dato da due componenti: il valore intrinseco ed il valore temporale. In un opzione call, il valore intrinseco è pari alla differenza (se positivo) tra il prezzo a pronti (v.) dello strumento sottostante e lo strike price (v.). Il valore temporale dipende della volatilità dello strumento sottostante. PONDERAZIONE: l attribuzione di un peso relativo, all interno di un indice, ai singoli titoli che concorrono a determinare il valore dell indice. PREZZO A PRONTI: prezzo del titolo registrato sul mercato nella giornata di riferimento. PRICING: procedura di determinazione del prezzo di collocamento dei titoli. PUNTO BASE: v. BASIS POINT. RATING (AGENZIA DI): Società indipendenti da gruppi industriali, commerciali e finanziari, specializzate nell attribuire ad emittenti o a strumenti finanziari, attraverso combinazioni di lettere o cifre (es.: AAA; A+; BB; B-) un giudizio sulla capacità dell emittente di rimborsare gli strumenti finanziari emessi o sulla idoneità dello stesso strumento finanziario da questi emesso ad essere rimborsato. REVERSE CONVERTIBLE: titolo strutturato che attribuisce all emittente la possibilità, al verificarsi di un dato evento, di convertire in azioni il capitale da rimborsare. RISCHIO DI CAMBIO (PER TITOLI DENOMINATI IN VALUTA ESTERA): in un titolo denominato in valuta estera, il controvalore in euro della cedola e del capitale possono variare in modo favorevole o sfavorevole al sottoscrittore a causa della variazione del tasso di cambio dell euro. RISCHIO DI CONTROPARTE: rischio che la controparte (ad esempio, in relazione ai contratti derivati) non adempia, alla scadenza, ai propri obblighi contrattuali. RISCHIO DI LIQUIDITÀ: qualora l investitore desiderasse procedere alla vendita del titolo prima della scadenza potrebbe incontrare difficoltà a trovare qualcuno disposto a comprare e conseguentemente potrebbe ottenere un prezzo inferiore al reale valore del titolo. RISCHIO DI MERCATO: rischio in cui incorre chi ha investito in strumenti finanziari a seguito di variazioni dell andamento dei prezzi dei titoli dovute, ad esempio, al variare del tasso (rischio di. v.) e del cambio (rischio di. v.). RISCHIO DI PREZZO: v. RISCHIO DI TASSO. RISCHIO DI RIMBORSO ANTICIPATO (PER TITOLI CON CLAUSOLA DI RIMBORSO ANTICIPATO): poiché l emittente si riserva la facoltà di rimborsare anticipatamente il titolo, il sottoscrittore si potrebbe trovare nelle condizioni di dover accettare il rimborso alla pari del titolo, nel momento in cui esso offre un rendimento superiore a quello corrente sul mercato e, di conseguenza, di non poter reinvestire il capitale rimborsato anticipatamente, per il tempo residuo alla scadenza, allo stesso tasso di rendimento del titolo rimborsato. Pagina 13 di 14

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000»

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000» Sede legale e amministrativa: Via Venti Settembre, 30 00187 Roma Tel. 06.4771.1 Fax 06. 4771.5952 Sito internet: www.dexia-crediop.it n iscrizione all Albo delle Banche: 5288 Capogruppo del Gruppo bancario

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli