Gestione contabile e processi realtà (e miti) della fattura elettronica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione contabile e processi realtà (e miti) della fattura elettronica"

Transcript

1 Mensile per la gestione del ciclo attivo e passivo in azienda Anno I, Gennaio 2008, 1 Direzione e redazione Strada 1, Palazzo F Milanofiori Assago (MI) Tariffa R.O.C.: Poste Italiane Spa - Spedizione in abbonamento Postale - D.L. 353/ (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, DCB Milano Ciclo attivo Ciclo passivo la fatturazione delle cessioni gratuite di beni quando e come procedere alla fatturazione anticipata rettifica delle fatture e note di credito fatturare le provvigioni agli agenti i casi di autofatturazione Dogane e territorio la prova di uscita dei beni dall UE viaggia on line la determinazione e gestione del plafond Gestione contabile e processi realtà (e miti) della fattura elettronica

2 SOMMARIO CICLO ATTIVO La fatturazione delle cessioni gratuite di beni di Gian Mario Camisasca... 7 Rettifica delle fatture e note di credito di Andrea Massimiliano Carrozza Quando e come procedere alla fatturazione anticipata di Salvatore Giordano CICLO PASSIVO I casi di autofatturazione di Luca Noferi e Claudio Ceccanti Fatturare le provvigioni agli agenti di Ugo Venanzio Gaspari DOGANE e TERRITORI La prova di uscita dei beni dall UE viaggia on-line di Franca Delle Chiaie La determinazione e gestione del plafond di Lidia Vinciguerra GESTIONE CONTABILE e PROCESSI Realtà (e miti) della fattura elettronica di Francesco Scopacasa QUESITI Le risposte degli esperti SCADENZARIO Gennaio

3 DI PROSSIMA PUBBLICAZIONE Requisiti tecnici della fattura elettronica. La firma digitale. Il consenso del destinatario Note di credito e variazioni in diminuzione Autofatture e reverse charge Cessioni gratuite di beni a titolo di sconto, premio, abbuono La base imponibile nelle bollette doganali di importazione Fatturazione e tasso di cambio EDITRICE Wolters Kluwer Italia S.r.l. Strada 1, Palazzo F Milanofiori Assago (MI) INDIRIZZO INTERNET: Compresa nel prezzo dell abbonamento l estensione on line della Rivista, consultabile all indirizzo DIRETTORE RESPONSABILE Donatella Treu REDAZIONE Matteo Ferrara, Michaela Ventrella REALIZZAZIONE GRAFICA Ipsoa FOTOCOMPOSIZIONE ABCompos Srl via Pavese, 1/ Rozzano (Mi) Tel. 02/ STAMPA GECA s.p.a. Via Magellano, Cesano Boscone (MI) PUBBLICITÀ: db Consulting srl Event & Advertising via Leopoldo Gasparotto Varese tel. 0332/ fax 0332/ Autorizzazione del Tribunale di Milano n. 617 del 9 ottobre 2007 REDAZIONE Per informazioni in merito a contributi, articoli ed argomenti trattati scrivere o telefonare a: IPSOA Redazione Casella Postale Milano telefono (02) telefax (02) Tariffa R.O.C.: Poste Italiane Spa Spedizione in abbonamento Postate D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, DCB Milano Iscritta nel Registro Nazionale della Stampa con il n vol. 34 foglio 417 in data 31 luglio 1991 Iscrizione al R.O.C. n ABBONAMENTI Gli abbonamenti hanno durata annuale, solare: gennaio-dicembre; rolling: 12 mesi dalla data di sottoscrizione, e si intendono rinnovati, in assenza di disdetta da comunicarsi entro 30 gg. prima della data di scadenza a mezzo raccomandata A.R. da inviare a Wolters Kluwer Italia S.r.l. Strada 1 Pal. F6 Milanofiori Assago (MI). Servizio clienti: tel ITALIA Abbonamento annuale: Euro 120,00 ESTERO Abbonamento annuale: Euro 240,00 MODALITÀ DI PAGAMENTO Versare l importo sul C/C/P n intestato a WKI s.r.l. Gestione incassi - Strada 1, Palazzo F6, Milanofiori oppure Inviare assegno bancario/circolare non trasferibile intestato a Wolters Kluwer Italia s.r.l. Indicare nella causale del versamento il titolo della rivista e l anno di abbonamento AMMINISTRAZIONE Per informazioni su gestione abbonamenti, numeri arretrati, cambi d indirizzo, ecc. scrivere o telefonare a: IPSOA Servizio Clienti Casella postale Milano telefono (02) telefax (02) Servizio risposta automatica: telefono (02) Prezzo copia: E 12,00 Arretrati: prezzo dell anno in corso all atto della richiesta DISTRIBUZIONE Vendita esclusiva per abbonamento Il corrispettivo per l abbonamento a questo periodico è comprensivo dell IVA assolta dall editore ai sensi e per gli effetti del combinato disposto dell art. 74 del D.P.R. 26/10/1972, n. 633 e del D.M. 29/12/1989 e successive modificazioni e integrazioni. Egregio abbonato, Ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, La informiamo che i Suoi dati sono conservati nel data base informatico del titolare del trattamento, Wolters Kluwer Italia S.r.l. Responsabile del trattamento: Ufficio MID. L elenco aggiornato di tutti i responsabili del trattamento potrà essere richiesto per iscritto all Ufficio MID presso la sede della società. I Suoi dati saranno utilizzati dalla nostra società, da enti e società esterne ad essa collegati, nonché da soggetti terzi, titolari autonomi del trattamento, solo per l invio di materiale amministrativo-contabile, commerciale e promozionale. Ai sensi dell art. 7 del citato D.Lgs., Lei ha diritto di conoscere, aggiornare, rettificare, cancellare i Suoi dati, nonché di esercitare tutti i restanti diritti ivi previsti, mediante comunicazione scritta a Wolters Kluwer Italia S.r.l., Ufficio MID, Milanofiori, Strada 1- Palazzo F6, Assago (Mi).

4 A CICLO ATTIVO Omaggi La fatturazione delle cessioni gratuite di beni di Gian Mario Camisasca Nella comune vita imprenditoriale si presenta, non di rado, la necessità di consegnare a titolo gratuito dei beni a terzi che siano comunque collegati all impresa stessa. Altre volte, sempre gratuitamente, vengono forniti beni ai propri dipendenti, per esempio in occasione di particolari festività. Queste cessioni gratuite sono soggette alla disciplina fiscale tanto ai fini delle imposte dirette, quanto dell IVA. Relativamente all IVA, innanzi tutto è indispensabile analizzare separatamente le varie situazioni che generalmente si presentano: Cessioni di beni rientranti nell oggetto dell attività dell impresa che fa l omaggio; Cessioni di beni che non rientrano nell oggetto dell attività d impresa che fa l omaggio; Cessioni gratuite di beni a titolo di sconto, premio, abbuono; Cessioni gratuite verso l estero. Definizione Trattamento ai fini IVA Cessioni di beni rientranti nell oggetto dell attività dell impresa Per beni rientranti nell oggetto della propria attività si intendono quei beni: la cui produzione e/o il cui commercio rientra nell attività tipica dell impresa; ossia quella effettivamente svolta ancorché non prevalente e non quella solo nominalmente indicata nello statuto societario, ma di fatto non esercitata o marginale. Regola generale: la cessione gratuita di questi beni è soggetta all imposta, esattamente come se si trattasse di una vendita contro corrispettivo. Eccezione: la cessione gratuita di campioni di modico valore ed appositamente contrassegnati. Nel rispetto della regola generale, l IVA assolta a monte, ossia quella dovuta e/o pagata al fornitore, è detraibile (salvo, ovviamente, non si tratti di beni per i quali oggettivamente o per disposizione di legge non ne sia consentita la detrazione). Per quanto riguarda le cessioni gratuite a terzi, quelle che seguono sono le alternative offerte alle imprese per un corretto comportamento. 7

5 A CICLO ATTIVO Fattura senza rivalsa Esempio Emettere fattura indicando l importo dell IVA, esattamente come per una normale vendita. Specificare al ricevente che nulla è dovuto (per esempio indicando a chiare lettere nel corpo della fattura stessa che si tratta di un «omaggio»). Il comportamento è lecito, perché l esercizio della rivalsa verso il cliente non è obbligatorio nel caso di cessioni di beni rientranti nell oggetto della propria attività. Occorre però indicare in fattura la disposizione di legge che consente di non esercitare la rivalsa, ossia: «art. 18 del DPR n. 633/1972». Rossi latticini s.n.c. Viale Europa, Milano P. IVA - Codice fiscale: Capitale sociale: ,00 euro FATTURARE A: Danieli s.r.l. INDIRIZZO: Via Roma, Apricena (FG) PARTITA IVA: FATTURA N. 324 DATA: 29/07/2007 Quantità Articolo Descrizione Prezzo Importo 24 vaso 234i Yogurt 10,00 240,00 Consegna omaggio (art. 18, DPR n. 633/1972) Imponibile 240,00 Non si esercita il diritto alla rivalsa. Nulla è dovuto al fornitore. IVA 10% 24,00 TOTALE FATTURA E 264,00 Fattura con rivalsa 8 La seconda alternativa è esattamente eguale alla prima, solo che l impresa intende comunque esercitare il diritto di rivalsa. Quindi non verrà indicata la disposizione appena citata. Ne consegue che colui che riceve l omaggio dovrà comunque pagare (solamente) l IVA all impresa, anche se poi potrà portarla in detrazione dopo averla registrata nel registro delle fatture passive, neutralizzando così l effetto. Per altro, se il soggetto ricevente è un privato oppure un altra impresa che non possa detrarre interamente l IVA a monte (perché soggetta, per esempio, al cosiddetto pro rata), lo stesso resterà in tutto od in parte danneggiato dall IVA addebitatagli.

6 A CICLO ATTIVO Esempio Rossi latticini s.n.c. Viale Europa, Milano P. IVA - Codice fiscale: Capitale sociale: ,00 euro FATTURARE A: Danieli s.r.l. INDIRIZZO: Via Roma, Apricena (FG) PARTITA IVA: FATTURA N. 324 DATA: 29/07/2007 Quantità Articolo Descrizione Prezzo Importo 24 vaso 234i Yogurt 10,00 240,00 Pagamenti: Consegna omaggio - Importo dovuto: solo IVA Imponibile 240,00 IVA 10% 24,00 TOTALE FATTURA E 264,00 Certamente queste due alternative non sono molto praticate sia perché dal punto di vista commerciale non è buona regola far conoscere l esatto valore del bene che si regala sia perché, se di omaggio si tratta, non si capisce per quale motivo chi riceve un regalo debba comunque esporsi finanziariamente. Decisamente più opportune sono le restanti due alternative. Registro omaggi La prima prevede di istituire un apposito registro degli omaggi. Questo registro non comporta particolari obblighi di tenuta, se non quello di numerarne le pagine ed evitare cancellature o spazi in bianco. Annotare su tale registro il valore normale, ossia il valore commerciale e l IVA relativa. Tale IVA sarà, alternativamente, sommata a quella dovuta ovvero sottratta dall eventuale credito d imposta del periodo. 9

7 A CICLO ATTIVO Esempio Quantità Articolo Descrizione Valore normale IVA 24 Yogurt vaso 234i Danieli S.r.l. 240,00 24,00 2 Crema di latte 111a Verdi Sas 20,00 2,00 1 Autofattura Esempio Come ultima alternativa, si può emettere un autofattura riepilogativa di tutti gli analoghi omaggi fatti nel mese. Il documento indicherà tanto il valore normale degli omaggi quanto l IVA relativa nonché la dizione «autofattura per omaggi». Nel caso di autofattura riepilogativa di più omaggi, non potranno essere indicati sulla stessa i nomi dei destinatari, bensì la ragione sociale dell impresa stessa. È opportuno, al fine di facilitare futuri controlli, evidenziare nel corpo dell autofattura tali beneficiari. Rossi latticini s.n.c. Viale Europa, Milano P. IVA - Codice fiscale: Capitale sociale: ,00 euro FATTURARE A: (autofattura riepilogativa mese di luglio) INDIRIZZO: PARTITA IVA: FATTURA N. 324 DATA: 29/07/2007 Quantità Articolo Descrizione Prezzo Importo 24 2 Yogurt vaso 234i Crema di latte 111a Danieli s.r.l. Via Roma, Apricena (FG) P. IVA: Verdi s.a.s. Corso Como, Milano P. IVA: ,00 10,00 240,00 20,00 AUTOFATTURA PER OMAGGI MESE DI LUGLIO Imponibile 260 IVA 10% 26 TOTALE FATTURA E 286 L emissione di un autofattura riepilogativa deve essere annotata nel registro delle vendite per consentire un effettivo versamento dell imposta. 10

8 A CICLO ATTIVO Esempio Fatture Data Descrizione Imponibile % Imposta Totale /07/07 Autofattura mensile per omaggi Sino ad ora si è parlato degli omaggi di beni rientranti nell oggetto dell attività dell impresa, ma devoluti all esterno di essa. Certamente non infrequente è il caso di analoghi omaggi a favore di propri dipendenti. Ebbene, purtroppo, anche in questa ipotesi la situazione non muta, nel senso che ai fini IVA i dipendenti sono equiparati ai terzi. Tutto quanto sopra detto, quindi, si applica anche in questo caso. Campioni gratuiti Si è detto, all inizio, che esiste un eccezione al regime di imponibilità. Si tratta degli omaggi di beni che rispettino le seguenti caratteristiche: campioni, cioè beni da cedere gratuitamente ai soli fini promozionali a favore di clienti o potenziali tali; appositamente contrassegnati come tali. Attenzione, tale indicazione deve essere indelebile e non si può utilizzare una semplice etichetta adesiva; di modico valore. Il legislatore non ha chiarito cosa debba intendersi per «modico valore». Nella pratica si fa riferimento agli usi commerciali restando in ogni caso esclusi i beni di valore significativo. Si segnala che qualora più campioni gratuiti siano consegnati a favore di un unico destinatario, il modico valore non può più riferirsi al singolo campione, bensì a quello complessivo. Trattamento ai fini IVA DDT Cessioni di beni non rientranti nell oggetto dell attività dell impresa Di regola i beni in questione sono acquistati appositamente per il suddetto scopo. Ne consegue che l IVA pagata/dovuta al fornitore non è detraibile. Essa incrementa la spesa (di rappresentanza) da registrare in contabilità. È comunque possibile detrarre l IVA sull acquisto di beni il cui costo unitario sia eguale od inferiore ad euro 25,82. Attenzione, si tratta di una possibilità, non di un obbligo. La non detraibilità dell IVA a monte ha una fondamentale ripercussione sul comportamento fiscale che deve tenere l impresa allorquando eroga l omaggio. Difatti, se l IVA a monte non è stata detratta allora, all atto della successiva cessione non ci sarà neppure l obbligo di emettere alcuna fattura né di annotare alcunché nel Registro degli omaggi. Sarà sufficiente conservare agli atti la copia del documento di trasporto (DDT) sul quale l impresa avrà avuto cura di esplicitare che trattasi di una cessione gratuita. 11

9 A CICLO ATTIVO Esempio Rossi latticini s.n.c. Viale Europa, Milano P. IVA - Cod. fiscale: Capitale sociale: ,00 euro Documento di trasporto n. 822/07 Destinatario Danieli s.r.l. Via Roma, Apricena (FG) Luogo di destinazione Magazzino di Via Roma, Apricena (FG) Causale trasporto Omaggio Trasportatore Beta Courier srl Vs. Ordine nessuno N. Pratica A115/07 Porto Imballo N.ro Imballo Codice Descrizione Quantità Cartone 1 0 Agende in pelle 10 Data spedizione 15 maggio 2007 Note: Benestare spedizione Firma 1º vettore Firma 2º vettore Firma e Data destinatario Beni destinati a omaggi in un momento successivo Può anche capitare che al momento dell acquisto della merce non sia stata decisa la sua destinazione finale come omaggio; quindi l impresa non solo ha provveduto alla normale registrazione della fattura nel registro degli acquisti, ma ha anche detratto l IVA. Dato che la norma qualifica come «cessione» l omaggio di beni non di propria produzione di valore superiore a 25,82 euro, scatta l obbligo di emissione di fattura con IVA ovvero di utilizzare una delle alternative enunciate nel paragrafo precedente. Resta chiaro che, ancora una volta, il trattamento relativo ai beni ceduti destinati a omaggio in momento successivo all acquisto trova piena applicazione anche nei confronti dei propri dipendenti. 12

10 A CICLO ATTIVO Note di credito Rettifica delle fatture e note di credito di Andrea Massimiliano Carrozza Nella prassi commerciale non è raro che si verifichi l esigenza di rettificare il tributo indicato in una fattura già emessa, cui è correlato per il fornitore l obbligo di versamento dell IVA e per il cliente il possibile diritto alla detrazione. Esiste una specifica regolamentazione che distingue i comportamenti obbligatori per il fornitore da quelli che derivano da una scelta solo facoltativa dello stesso soggetto passivo (art. 26, Decreto IVA). Variazioni in aumento e in diminuzione Sostanzialmente esistono due casi in cui può rendersi necessario un intervento di correzione rispetto all IVA originariamente fatturata incrementandola (variazioni in aumento) ovvero riducendone l importo (variazioni in diminuzione). Variazioni in aumento Variazioni in diminuzione Casi particolari Le variazioni in aumento sono obbligatorie e devono essere effettuate nel caso in cui, successivamente all emissione della fattura o alla sua registrazione, l imponibile o l imposta aumentino per un qualunque motivo. In tal caso, il cedente, ovvero il prestatore di un servizio, deve emettere una nota di debito la quale non è altro che una nuova fattura ove verranno specificati i motivi per i quali essa è stata emessa. Tale nota deve essere emessa negli ordinari termini. Diversa è invece l ipotesi delle variazioni in diminuzione che sono comunque una facoltà e non un obbligo per il cedente o prestatore del servizio. Le variazioni in diminuzione possono essere effettuate nelle ipotesi di: nullità, annullamento, revoca, risoluzione, rescissione e simili dell operazione originaria; mancato pagamento a causa di procedure concorsuali o di procedure esecutive infruttuose; abbuoni o sconti previsti contrattualmente. Al verificarsi di tali situazioni l emissione della nota di credito (che ai fini IVA non è obbligatoria) è possibile in qualunque momento, senza limiti di tempo. Esistono due situazioni particolari (ma molto comuni) che riguardano: 1) le variazioni che dipendono da un sopravvenuto accordo tra le parti. In questo caso la nota di credito deve essere emessa entro un anno dall effettuazione dell operazione originaria ed il soggetto emittente deve provare il rispetto del suddetto termine; 2) le variazioni che dipendono da precedenti accordi; l emissione della nota di credito è possibile anche oltre l anno successivo all effettuazione dell operazione originaria. 13

11 A CICLO ATTIVO Schema Come effettuare le correzioni L intervento di rettifica rispetto all IVA fatturata avviene nel seguente modo. Tutte le volte che, successivamente all emissione della fattura, l ammontare dell operazione imponibile o dell IVA aumenti per qualsiasi motivo, il fornitore o prestatore del servizio deve emettere sempre una nuova fattura, una parcella, una nota di debito o simili documenti IVA che comportino un integrazione dell IVA a debito a suo tempo calcolata (variazione in aumento). Si riporta un esempio. Esempio FORNITORE Ditta/Denominazione o ragione sociale Residenza o domicilio Partita IVA CLIENTE Ditta/Denominazione o ragione sociale Residenza o domicilio Nota di variazione n. 10 del 3 novembre 2007 (Segue la numerazione delle fatture) (riferimento ns. precedente fattura n. 84 del 10 luglio 2007) Rettifica in aumento dell ammontare imponibile dovuta a clausola di revisione del prezzo. Importo effettivo dell operazione Importo da fattura n. 84 del 10 luglio Differenza da registrare Iva 20% Totale

12 A CICLO ATTIVO Se un operazione imponibile, per la quale sia già stato rispettato l obbligo di fatturazione, viene meno in tutto (azzeramento dell imponibile e dell IVA) o anche solo in parte (semplice riduzione), il cliente ha il diritto potenziale di portare in detrazione l IVA corrispondente alla variazione intervenuta (variazione in diminuzione). La variazione in aumento accresce il debito del fornitore e incrementa anche la detrazione per il cliente (ove spetti, naturalmente); la variazione in diminuzione riduce il debito IVA originariamente calcolato dal fornitore ma anche il diritto alla detrazione per il cliente. Esempio Si riporta un esempio di nota di variazione parziale per diminuzione dell imponibile FORNITORE Ditta/Denominazione o ragione sociale Residenza o domicilio Partita IVA CLIENTE Ditta/Denominazione o ragione sociale Residenza o domicilio Nota di variazione n. 13 del 4 novembre 2007 (emessa ai sensi dell art. 26, secondo comma, D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633) Con riferimento alla ns. fattura n. 155 del 7 agosto 2007, essendosi verificata la condizione che rende operativa la clausola di revisione del prezzo, si emette nota di variazione per le richieste registrazioni rettificative agli effetti dell IVA. Descrizione Imponibile IVA 20% Importi da fattura 2.000,00 400,00 Importi variati 1.200,00 240,00 Importi da registrare per variazione 800,00 160,00 Si riporta un esempio di nota di variazione totale per diminuzione dell imponibile in conseguenza di dichiarazione di nullità, annullamento, revoca, risoluzione e simili. Nota di variazione n. 16 del 30 novembre 2007 (emessa ai sensi dell art. 26, secondo comma, D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633) Con riferimento alla ns. precedente fattura n. 69 del 23 gennaio 2007 essendosi verificata la... (ad esempio: risoluzione totale del contratto per ns. inadempimento), si emette nota di variazione per le richieste registrazioni rettificative agli effetti dell IVA. Descrizione Imponibile IVA 20% Importi da fattura 1.000, Variazioni da registrare 1.000, Differenza 15

13 A CICLO ATTIVO Documento attestante la variazione in diminuzione Soggetto emittente Dato che la variazione in diminuzione è una facoltà e non un obbligo, è possibile emettere una nota di credito senza IVA oppure un documento (lettera con la quale si riconosce al cliente la riduzione dell imponibile) che, ovviamente, non va indicato nei registri IVA. Questa facoltà nasce dal fatto che originariamente il cliente ha pagato l IVA al fornitore, ma l ha anche recuperata, quindi si trova in posizione assolutamente neutra. Per tale ragione un accredito IVA per questi significherebbe solo un ulteriore versamento senza alcun beneficio. La situazione si verifica in modo speculare nel caso del fornitore che ha incassato l IVA e l ha versata. È importante sottolineare che le note di credito a rettifica di precedenti fatture possono essere emesse solo dal fornitore o dal prestatore di servizi; la formulazione delle disposizioni di legge attualmente vigenti non consentono al cliente di sostituirsi al fornitore emettendo quindi al suo posto una nota di debito con IVA. Quando effettuare le variazioni La natura e i tempi previsti dalla legge per ciascuna delle due ipotesi di variazione (aumento e diminuzione) sono differenti. Variazioni in aumento Variazioni in diminuzione Nel caso di variazioni in aumento, qualora in un momento successivo all emissione della fattura intervenga un qualsiasi accadimento idoneo a incrementare la base imponibile (errori di calcolo, difetti per erronea applicazione del titolo di non imponibilità/esenzione, applicazione di un aliquota più bassa, ecc.), è sempre obbligatorio emettere il documento che integri l IVA a debito, a prescindere dal tempo intercorso dall operazione originaria. Il decorrere del tempo incide solo sulle sanzioni e sugli interessi applicabili al versamento tardivo della differenza a debito. Le cosiddette variazioni in diminuzione, invece, creano le maggiori perplessità interpretative, comportando esse un auto-riduzione di quanto già liquidato a favore dell Erario. Esse, infatti, rappresentano il sistema riconosciuto per ottenere un rimborso immediato dell IVA versata in eccesso all Erario rivalendosi sul cessionario/committente. Per variazioni in diminuzione il decorso del tempo è un requisito fondamentale che si può riassumere nel modo seguente: Schema Variazioni che dipendono da un sopravvenuto accordo tra le parti Variazioni che dipendono da precedenti accordi La nota di credito non può essere emessa oltre un anno dall effettuazione dell operazione originaria. L emissione della nota di credito è possibile anche oltre l anno successivo all effettuazione dell operazione originaria Casi particolari Fattura non ancora consegnata La rilevazione dell errore in una fattura emessa ma non ancora consegnata o spedita al cliente non comporta l obbligo di emissione di un apposito ed ulteriore documento di rettifica considerato che, ai fini della legge IVA, la fattura si considera realmente emessa 16

14 A CICLO ATTIVO solo all atto della consegna o della spedizione. In tali situazioni, quindi, è sufficiente eliminare la fattura errata ed emetterne una nuova da consegnare o spedire alla controparte. Parcella pro-forma Nel caso di parcella pro-forma emessa dai professionisti, considerato che detti documenti non hanno rilevanza ai fini dell IVA (salvo che presentino tutti gli elementi sostanziali e caratteristici delle fatture, nel qual caso la parcella sarebbe essa stessa una fattura ), la rilevazione di errori non comporta un obbligo di variazione: i dati corretti verranno esposti nella successiva fattura emessa a pagamento ricevuto. Errori Nell ipotesi di errori di compilazione, variazioni di aliquota e altri casi di calcolo per difetto dell IVA a debito sussiste sempre l obbligo di rettifica in aumento, a prescindere dal tempo decorso dall operazione. Operazioni intracomunitarie Un caso particolare è dato dall emissione di una nota d accredito per storno di operazioni di vendita intracomunitarie (effettuate nei confronti di soggetti passivi residenti in un Paese facente parte della UE). Il decreto che ha dettato disposizioni fiscali in tema di scambi intracomunitari (D.L. n. 331/1993) non prevede alcuna norma specifica sulle modalità da osservare in relazione alle variazioni in aumento e in diminuzione intervenute nelle operazioni intracomunitarie, siano esse cessioni o acquisizioni, pertanto si rendono applicabili le disposizioni valevoli per gli scambi tra soggetti nazionali. In pratica, l operatore è tenuto ad osservare le disposizioni viste in precedenza che prevedono la facoltà (e non l obbligo) di procedere alla variazione in diminuzione quando l operazione (per la quale sia stata emessa fattura) sia venuta meno in tutto o in parte o se ne sia ridotto l ammontare imponibile in conseguenza di dichiarazione di nullità, annullamento, revoca, risoluzione, rescissione e simili o in conseguenza dell applicazione di abbuoni o sconti previsti contrattualmente. L operatore nazionale può, quindi, operare mediante emissione di una nota di variazione in diminuzione dell ammontare relativo al valore dei beni restituiti dal cessionario comunitario. In tal caso deve procedere alla successiva registrazione della fattura e ad adempiere agli obblighi relativi alla compilazione dei modelli INTRASTAT. 17

15 A CICLO ATTIVO Fattura anticipata Quando e come procedere alla fatturazione anticipata di Salvatore Giordano - Dottore commercialista Prima di procedere nell analisi della fatturazione anticipata si ricorda di seguito quando la fattura deve essere emessa in base a quanto stabilito dal Decreto IVA (art. 6, D.P.R. n. 633/72): Cessioni di beni Regola generale Cessioni di beni immobili: alla stipula dell atto; Cessioni di beni mobili: al momento della consegna o spedizione; Cessioni di beni immobili con effetti traslativi o costitutivi postergati: al momento in cui si verificano tali effetti; Cessioni di beni mobili con effetti traslativi o costitutivi postergati: non oltre il decorso di un anno dalla consegna o spedizione; Deroghe Espropriazioni: all atto del pagamento del corrispettivo; Contratti di somministrazione: all atto del pagamento del corrispettivo; Passaggi dal committente al commissionario: all atto della vendita dei beni da parte del commissionario; Autoconsumo: all atto del prelevamento dei beni; Contratto estimatorio: all atto della rivendita a terzi e non più tardi del decorso di un anno dalla consegna o spedizione. Prestazione di servizi Regola generale All atto del pagamento del corrispettivo; Deroghe Autoconsumo: all atto del prelevamento dei beni o, se di carattere periodico, nel mese successivo a quello in cui sono rese le prestazioni. Casi in cui si deve fatturare anticipatamente In alcune specifiche circostanze si potrebbe dover procedere alla fatturazione in anticipo rispetto agli eventi precedentemente indicati e precisamente in caso di: Incasso di acconti; Incasso anticipato rispetto ad un periodo a cavallo di due esercizi. 18

16 A CICLO ATTIVO Incasso di acconti Si tenga conto che ci si trova nell ambito della fatturazione immediata per cui l emissione della stessa va eseguita entro le ore 24 del giorno di effettuazione dell operazione. Registrazione Rilevazione contabile Deve trattarsi di una vera e propria fattura IVA avente tutti gli elementi previsti dalla legge e non può essere utilizzata una semplice fattura pro-forma; occorre inoltre annotare la fattura stessa nel registro delle fatture emesse entro i termini stabiliti dalla legge. Pertanto va registrata entro quindici giorni dall emissione nel registro delle fatture emesse nell ordine della loro numerazione e con riferimento alla data di emissione e va riportata nella liquidazione IVA con riferimento alla data di emissione. Esempio: fattura 30 settembre 2007; registrazione entro il 15 ottobre 2007 con data 30 settembre 2007; liquidazione del mese di settembre o del terzo trimestre 2007 (art. 23 Decreto I.V.A.). L importo anticipato non costituisce un ricavo per l azienda venditrice, ma un acconto da rilevare contabilmente come un conto numerario da stornare al momento in cui si verifica la consegna o l ultimazione del servizio. Sarà poi quest ultima operazione ad essere inserita effettivamente tra i ricavi. Le registrazioni in partita doppia saranno: CONTO DARE AVERE Crediti v/clienti 2.400,00 Acconti da clienti 2.000,00 IVA ns. debito 400,00 Dati fattura La fattura che segue deve riportare obbligatoriamente, ai sensi dell art. 21 del Decreto IVA: a) ditta, denominazione o ragione sociale, residenza o domicilio dei soggetti fra cui è effettuata l operazione e, relativamente al cedente o prestatore, numero di partita IVA. Se non si tratta di imprese, società o enti, devono essere indicati, in luogo della ditta, denominazione o ragione sociale, il nome e il cognome; b) natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi formanti oggetto dell operazione; c) corrispettivi ed altri dati necessari per la determinazione della base imponibile, compreso il valore normale dei beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono (art. 15, n. 2, Decreto IVA); d) valore normale degli altri beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono; e) aliquota, ammontare dell imposta e dell imponibile con arrotondamento al centesimo di euro; f) numero di partita IVA del cessionario del bene o del committente del servizio qualora sia debitore dell imposta in luogo del cedente o del prestatore, con l indicazione della relativa norma; g) data della prima immatricolazione o iscrizione in pubblici registri e numero dei chilometri percorsi, delle ore navigate o delle ore volate, se trattasi di cessione intracomunitaria di mezzi di trasporto nuovi (art. 38 del D.L. 331/93); h) annotazione che la stessa è compilata dal cliente ovvero, per conto del cedente o prestatore, da un terzo. 19

17 A CICLO ATTIVO Esempio Verdi S.p.A. Via degli aranci, Salerno P.I.: FATTURARE A: Arturo s.r.l. INDIRIZZO: Via Napoli, Roggiano Gravina (CS) PARTITA IVA: FATTURA N. 428 DATA: 29/07/2007 Quantità Articolo Descrizione Prezzo Importo 1 Vostro anticipo sulla fornitura di materiale elettrico come da contratto del 5 giugno , ,00 Pagamenti: già eseguito Imponibile 2.000,00 IVA 20% 400,00 TOTALE FATTURA E 2.400,00 Nell ipotesi di acconto la colonna quantità non deve riportare nessun numero o, in caso debba essere obbligatoriamente compilato, il numero 1 (relativo all operazione). Nella descrizione è bene riportare il contratto se è stato stipulato, come è buona norma, per iscritto. Se fosse verbale il riferimento alla data del fax o della con la quale sono stati strutturati gli accordi di pagamento. L aliquota del 20% va applicata sull imponibile rinvenibile nella terz ultima riga dell ultima colonna. Il totale è dato dalla somma di imponibile e dell IVA. Fattura a saldo Al momento della consegna della merce va emessa una fattura a saldo che deve prevedere la decurtazione dell acconto. La registrazione della fattura a saldo segue le stesse regole della fattura di acconto e, in generale, delle fatture emesse, per cui si riporta all esempio del registro di cui sopra. Non vi sono correlazioni ai fini IVA se non per la circostanza che gli importi finiscono entrambi nel dare del cliente Arturo. Per la fattura a saldo la colonna quantità deve riportare il numero di articoli venduti (5) nella riga dei beni mentre per la decurtazione dell acconto si rinvia a quanto affermato sopra. L aliquota del 20% va applicata sull imponibile rinvenibile nella terz ultima riga dell ultima colonna (5.000, ,00). Il totale è dato dalla somma di imponibile ed IVA. 20

18 A CICLO ATTIVO Esempio Verdi S.p.A. Via degli aranci, Salerno P.I.: FATTURARE A: Arturo s.r.l. INDIRIZZO: Via Napoli, Roggiano Gravina (CS) PARTITA IVA: FATTURA N. 523 DATA: 29/09/2007 Quantità Articolo Descrizione Prezzo Importo 5 XB3 Motorini elettrici per serrande 1.000, ,00 1 Vostro anticipo sulla fornitura di materiale elettrico come da contratto del 5 giugno ,00 Pagamenti: 30 gg. fine mese Imponibile 3.000,00 IVA 20% 600,00 TOTALE FATTURA E 3.600,00 In questo modo si fatturerà tutta la merce ceduta, evidenziando solo quanto è ancora dovuto dall acquirente. Naturalmente in questo momento l acconto diverrà ricavo e, pertanto, si avrà che i ricavi dell operazione diverranno 5.000,00 pari all importo dell operazione complessiva. Le registrazioni in partita doppia saranno: CONTO DARE AVERE Crediti v/clienti 3.600,00 Acconti da clienti 2.000,00 Ricavi da cessioni 5.000,00 IVA ns. debito 600,00 21

19 A CICLO ATTIVO Incasso anticipato rispetto ad un periodo a cavallo di due esercizi Si tenga conto che, anche in questo caso, ci si trova nell ambito della fatturazione immediata per cui l emissione della stessa va eseguita entro le ore 24 del giorno di effettuazione dell operazione. Deve trattarsi di una vera e propria fattura IVA avente tutti gli elementi previsti dalla legge indicati in precedenza e non di una semplice fattura proforma e va annotata nel registro delle fatture emesse entro i termini stabiliti per legge e verificati anch essi nell ipotesi precedente. Esempio fattura Penna S.p.A. Via Panoramica, Salerno P.I.: FATTURARE A: Luca s.r.l. FATTURA N. 42 DATA: 19/08/2007 INDIRIZZO: Via Roma, Salerno PARTITA IVA: Quantità Articolo Descrizione Prezzo Importo Licenza per la proiezione di film dal 1º agosto 2007 al 31 luglio , ,00 Pagamenti: 30, 60 e 90 gg fine mese Imponibile ,00 IVA 20% 2.400,00 TOTALE FATTURA E ,00 Risconti L importo anticipato costituisce un ricavo per l azienda venditrice ma riferito a più esercizi e, dunque, di competenza di entrambi. La tecnica da utilizzare per rispettare il principio di competenza economica e, dunque, correlare i costi ed i ricavi d esercizio è quella dei risconti. 22

20 A CICLO ATTIVO Le registrazioni in partita doppia saranno: CONTO DARE AVERE Crediti v/clienti ,00 Ricavi da prestazioni ,00 IVA ns. debito 2.400,00 I risconti costituiscono una delle manifestazioni più evidenti dell adattamento delle poste contabili per arrivare ad un bilancio di esercizio redatto secondo corretti criteri contabili, fra i quali, in questo caso in particolare, quello di competenza. L art bis del Codice civile fornisce la definizione dei ratei e dei risconti. Essi, in sostanza, rappresentano dei costi e dei ricavi da sospendere (risconti) o da integrare (ratei). I ratei e i risconti attivi e passivi vengono classificati nell attivo e nel passivo del bilancio sulla base di quanto indicato dall art del Codice civile, ovvero nella voce D) dell attivo e i ratei e i risconti passivi, con separata indicazione dell aggio sui prestiti vengano indicati nella voce E) del passivo. Dopo aver definito i ratei ed i risconti, tornando al caso in commento bisognerà eseguireun risconto al termine dell esercizio. Infatti il ricavo complessivo di E ,00 è da distribuire sugli esercizi 2007 e 2008 e precisamente dal 1º gennaio al 31 luglio 2008 (7 mesi) il ricavo deve confluire nell esercizio di tale anno e va eliminato dal conto economico dell esercizio Dunque si avranno ricavi di competenza 2007 pari a E 5.000,00 (5/12 di ,00) e ricavi di competenza 2008 pari a E 7.000,00 (7/12 di ,00). Le registrazioni in partita doppia al 31 dicembre saranno: CONTO DARE AVERE Ricavi da cessioni 7.000,00 Risconti attivi 7.000,00 23

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING

SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING Versione 1.0 del 23 giugno 2014 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Contenuto della Fattura PA... 2 3. Dati obbligatori

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Guida pratica agli adempimenti

Guida pratica agli adempimenti Guida pratica agli adempimenti amministrativi delle aziende Rag. Tatiana Augelli INDICE - Iva e liquidazioni Le aliquote IVA; la detraibilità; le modalità di liquidazione ed i termini; - Termini di registrazione

Dettagli

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Abstract Le fatture emesse mediante

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA a) operazioni nel campo IVA Si tratta delle operazioni nelle quali sono presenti tutti i presupposti di applicazione dell imposta, e cioè: presupposto soggettivo = esercizio di impresa, arte o professione;

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA

CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CERTIFICAZIONE UNICA VITTORIA LETIZIA LEONE 06 Febbraio 2015 - ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Esempio 1 La Società Pollicino

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura.

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura. Dicembre 200 Conto 3. Guida pratica alla Fattura. La guida pratica alla lettura della fattura contiene informazioni utili sulle principali voci presenti sul conto telefonico. Gentile Cliente, nel ringraziarla

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA AA9/11 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA (IMPRESE INDIVIDUALI E LAVORATORI AUTONOMI) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non diversamente specificato,

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli