LA PREVIDENZA ENASARCO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PREVIDENZA ENASARCO"

Transcript

1 LA PREVIDENZA ENASARCO Ottobre 2008

2 LA PREVIDENZA ENASARCO Cenni storici La categoria degli Agenti di Commercio e dei Promotori Finanziari è l unica soggetta a due distinti trattamenti di previdenza obbligatoria: Enasarco e Inps. L Enasarco venne istituita il 30 giugno 1938 per autonoma determinazione delle organizzazioni sindacali e delle società mandanti. Il 6 giugno 1939 l Enasarco fu costituito come ente di diritto pubblico per la gestione della previdenza, del fondo indennità risoluzione rapporto (firr), dell istruzione professionale e dell assistenza sociale degli Agenti di Commercio. L Inps, nella gestione commercianti, venne istituita nel Pur essendo nata in seguito, la gestione Inps è considerata la forma di previdenza principale, mentre l Enasarco è definita come una forma di previdenza integrativa e quindi con prestazioni inferiori a quelle fornite dall Inps. Fino al 1972 le prestazioni Enasarco erano assimilabili a quelle offerte dalle compagnie di assicurazione sulla vita: al raggiungimento dell età pensionabile vi era l alternativa tra la percezione di una rendita vitalizia e la liquidazione totale del capitale maturato. Ma con la legge n. 12 del 2 febbraio 1973 il trattamento previdenziale fornito dall Enasarco ha assunto i requisiti tipici della previdenza sociale obbligatoria: al raggiungimento dell età pensionabile vi è il solo diritto a percepire una rendita vitalizia, senza la possibilità di optare per la liquidazione del capitale maturato. Il 27 novembre 1996, con delibera del CdA e in base al decreto legislativo n. 509 del 1994 che ha consentito la privatizzazione delle casse di previdenza dei liberi professionisti, l Enasarco è stato trasformato in Fondazione, cioè in un organismo di diritto privato, che persegue finalità di pubblico interesse. La Fondazione Enasarco è affidata attualmente alla gestione di un CdA rappresentativo delle associazioni sindacali degli Agenti di Commercio e delle organizzazioni delle società mandanti firmatarie degli accordi economici collettivi. Il controllo pubblico sulla gestione della Fondazione è affidato al Ministero del Lavoro. Di recente si è tentato di riportare l Enasarco dentro la gestione Inps, cioè di nuovo sotto la protezione dello Stato, facendogli quindi perdere la sua natura di soggetto giuridico di diritto privato e la sua autonomia gestionale. Ma il tentativo è fallito con la bocciatura alla Camera dell emendamento all art. 24 del Ddl 1441 in materia di riorganizzazione degli enti pubblici che puntava a riportare l Enasarco fra questi enti. E pertanto rimasta delusa la categoria dei Promotori Finanziari, che giustamente richiedeva la fine dell obbligo della doppia contribuzione previdenziale (all Inps e all Enasarco). Nel sostenere l approvazione dell emendamento, il Presidente dell Anasf, Elio Conti Nibali, precisava: Non vogliamo costruirci una nostra Cassa, ma vogliamo versare i nostri contributi solo all Inps e non raddoppiare contributi a un altro ente previdenziale, anch esso peraltro a ripartizione. Avere un contratto d agenzia non significa automaticamente essere agente di commercio. Ma il Presidente dell Enasarco, Brunetto Boco, replicava subito, temendo la perdita di una forte categoria di contribuenti: Per noi il promotore finanziario è un agente di commercio. Se non riscuotessimo i suoi contributi, faremmo una omissione di atti d ufficio. L Enasarco amministra circa posizioni contributive attive di Agenti di Commercio e circa società mandanti obbligate alla contribuzione. Ogni anno vengono erogate oltre pensioni (tra vecchiaia, invalidità e superstiti). UN RECENTE PASSATO TURBOLENTO Negli ultimi 14 anni l Enasarco è passato attraverso un mutamento di natura giuridica, cambiamenti regolamentari e problemi gestionali, che alla fine del 2006 hanno portato alla decapitazione del vertice della Fondazione e all affidamento della gestione per sei mesi a un Commissario Straordinario. Dal 14 giugno 2007 la gestione è passata sotto la responsabilità di un nuovo CdA. Il mutamento di natura giuridica ha riguardato il passaggio da ente di diritto pubblico a ente di diritto privato, che ha comportato la completa autonomia gestionale e finanziaria della Cassa di previdenza, con la conseguente perdita del paracadute fornito dallo Stato in caso di insolvenza della Cassa stessa. I conti devono quadrare con le sole risorse interne. I cambiamenti regolamentari sono stati decisi proprio per rispettare questo vincolo, dato che alcune regole vigenti nel periodo in cui l Enasarco era un ente di diritto pubblico avrebbero potuto mettere in pericolo la sostenibilità finanziaria della Cassa. L art. 34 del Regolamento parla chiaro: Il CdA, sulla base delle risultanze del bilancio tecnico, adotta i provvedimenti di sua competenza per il mantenimento dell equilibrio finanziario della Fondazione. La prima riforma fu decisa il 5 agosto 1998 con: l aumento dell età pensionabile (da 60 a 65 anni per gli uomini e da 55 a 60 anni per le donne); l aumento dei contributi e dei massimali delle provvigioni sui quali sono dovuti i contributi;

3 La previdenza Enasarco - Ottobre 2008 la modifica delle modalità di calcolo della pensione. Prima di tale riforma, la pensione di tipo retributivo veniva calcolata assumendo a base la media del triennio consecutivo più favorevole negli ultimi 10 anni. Il 70% di questa media, divisa per 40, veniva moltiplicata per gli anni di anzianità contributiva. La riforma del 1998 ha allungato agli ultimi 15 anni il periodo in cui si calcola il triennio più favorevole. Ma dal 1 gennaio 2004 la pensione è diventata di tipo contributivo e il calcolo si basa sul sistema di capitalizzazione dei contributi versati. Ne consegue che per chi è in attività da tempo, la pensione Enasarco deriverà dalla somma di tre calcoli differenti: il primo per i contributi versati sino al 30 settembre 1998; il secondo per i contributi versati dal 1 ottobre 1998 al 31 dicembre 2003; il terzo dal 1 gennaio 2004 con i nuovi criteri ben più restrittivi di calcolo, essendo cambiato il sistema da retributivo a contributivo. Inoltre le nuove regole escludono il diritto alla pensione anticipata per chi abbia maturato 40 anni di contribuzione, se non ha raggiunto l età pensionabile (60 anni per le donne e 65 anni per gli uomini). Tale diritto, prima del raggiungimento dell età pensionabile, non è più concesso anche a chi abbia perso tutti i rapporti di agenzia. Insomma il messaggio è: aumentare le entrate e ridurre al massimo le uscite! Ma la turbolenza degli ultimi anni, più che dai cambiamenti regolamentari, è stata caratterizzata dalle forti polemiche sulle modalità di gestione dell enorme patrimonio immobiliare dell Enasarco e dai conseguenti provvedimenti giudiziari (arresto dell ex Presidente, Donato Porreca, e dell Attuario dell Ente, Fulvio Gismondi), che hanno portato il 7 novembre 2006 alla nomina del Commissario Straordinario, Giovanni Pollastrini, compito portato a termine il 7 maggio UNA PRIVATIZZAZIONE VANTAGGIOSA (ma solo per il CdA, finchè...) Può sembrare paradossale che il CdA più costoso fra le casse privatizzate sia stato anche il più inefficiente nell osservare le regole statutarie e nel gestire il patrimonio. Infatti, dal 1997 al 2006 i compensi degli organi amministrativi della Fondazione sono quintuplicati, giungendo al rilevante importo di 1,6 milioni, di cui (più i gettoni di presenza) per il Presidente Porreca. Il CdA era in parte composto da persone che non avevano i requisiti richiesti (l effettivo svolgimento dell attività di Agente di Commercio o, in alternativa, l essere pensionati Enasarco) e non veniva eletto con regole che assicurassero l effettiva rappresentatività degli iscritti alla Cassa. E stata poi poco produttiva la gestione dei immobili di proprietà, se si considera che alla fine del 2005 la morosità degli inquilini aveva raggiunto i 107,5 milioni di euro. Per non parlare della gestione del patrimonio mobiliare, per lo più mantenuto in pronti contro termine, ma con laute commissioni pagate alla banca depositaria, che in realtà custodiva ben pochi titoli. Il CdA presieduto da Porreca è inciampato nell asta per la vendita di gran parte del patrimonio immobiliare, asta vinta da Ricucci, ma poi bloccata per irregolarità dall intervento della magistratura. Ma ben più grave è stata, alla fine del 2005, la vicenda dell approvazione del budget 2006 e del bilancio tecnico al 31 dicembre Il trionfante comunicato stampa inviato dal CdA nel dicembre 2005 è riportato nel box. ENASARCO: Grazie alla riforma del 2003 in attivo i conti della previdenza Il bilancio tecnico conferma l andamento positivo e le prospettive di lungo periodo I dati del Budget 2006, approvato dal CdA della Fondazione Enasarco nella seduta del 30 novembre scorso, evidenziano un saldo positivo dei conti previdenziali per circa 29 milioni di euro. Un risultato largamente soddisfacente, confermato dal Bilancio Tecnico al 31 dicembre 2004, il primo dopo la riforma istituzionale approvata nel dicembre 2003 che traccia una sostenibilità del sistema previdenziale per i prossimi 40 anni. La scelta di introdurre una riforma della previdenza appariva quanto mai imprescindibile alla luce del disavanzo previdenziale esistente al 31 dicembre 2002 che richiedeva interventi strutturali urgenti. Gli effetti della riforma, entrata a regime nel 2004, sono stati subito evidenti, poiché il disavanzo iniziale pari a 105 milioni di euro è diminuito a 46 milioni già nel primo anno; i conti del 2005 hanno registrato un ulteriore consolidamento degli effetti della riforma con un miglioramento dello sbilancio previdenziale ridotto a 33 milioni per poi passare all attivo del 2006 (29 milioni). Il raggiungimento dell obiettivo di risanamento del fondo di previdenza costituisce un importante traguardo per la Fondazione già nel breve periodo; tuttavia si dovrà continuare a monitorare l andamento dei conti previdenziali al fine di garantire la tutela del patrimonio degli iscritti attraverso il consolidamento delle ipotesi previste dal Bilancio Tecnico.

4 All inizio del 2006 Donato Porreca fu confermato alla guida dell Enasarco per altri 4 anni e nel suo discorso programmatico ritornò con (ingiustificato) orgoglio sul risanamento dei conti: Nel tracciare un programma di massima non possiamo che partire dai risultati raggiunti e sottolineare il lavoro attento, costante e anche coraggioso svolto dall intero CdA. Mi riferisco prima di tutto al risultato più importante: l equilibrio del bilancio previdenziale, anzi il saldo positivo dei conti della previdenza, come certificato dal bilancio tecnico, integrato da un costante monitoraggio dell andamento dei conti al fine di apportare con tempestività ogni eventuale correttivo. Indubbiamente i migliori risultati di bilancio sono anche il frutto di una attenta gestione sia sul versante dei costi sia dei rendimenti, ma anche di nuove e più incisive politiche di valorizzazione del patrimonio per la parte mobiliare, mentre resta la priorità assoluta di realizzare interventi urgenti sulla gestione del patrimonio immobiliare. (.) Questa consiliatura, pertanto, valuterà le migliori strategie di valorizzazione del patrimonio immobiliare tenendo conto sia delle ipotesi indicate dalla precedente, sia di nuove o diverse che dovessero emergere nel confronto che su questo punto dovrà vedere i consiglieri liberi ma determinati a risolvere il problema. Purtroppo le migliori strategie di valorizzazione del patrimonio immobiliare non sono poi piaciute alla Magistratura, tanto da costringere il CdA alle dimissioni per gravi irregolarità della gestione e indurre il Ministro del Lavoro alla nomina del Dr. Giovanni Pollastrini alla guida della Fondazione come Commissario Straordinario dal novembre 2006 al maggio LA VERA VERITA VIENE A GALLA Entrato al lavoro il 7 novembre 2006, tre settimane dopo il 29 novembre - il Dr. Pollastrini era già in grado di riferire alcune sue convinzioni alla Commissione Parlamentare di controllo sull attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza: in seguito all arresto dell ex Presidente dell Enasarco e dell ex Attuario, la priorità doveva andare a una verifica dei conti economici, con particolare attenzione al bilancio tecnico attuariale; era necessario affidare quanto prima le risorse finanziarie del patrimonio mobiliare a gestori esterni, per evitare il fatto (definito da Pollastrini paradossale ) che gran parte delle risorse sia investita in pronti conto termine e che vengano pagate laute somme all advisor e alla banca depositaria, pur non essendo in gestione effettiva il patrimonio stesso; appare indispensabile una revisione complessiva degli affidamenti esterni di opere e consulenze, per evitare l enorme aumento di tali voci in bilancio; i compensi agli amministratori appaiono esorbitanti, tanto che il Commissario annuncia di avere già provveduto alla riduzione del 50% del compenso per il futuro Presidente della Fondazione, del 40% per i Vice Presidenti e del 10% per i consiglieri di amministrazione. Il complesso lavoro di revisione dei conti da parte del Dr. Pollastrini durerà alcuni mesi, ma a sorpresa il 3 febbraio 2007 il Presidente della Fnarc di Torino, Gino Mattiolo, afferma con sicurezza: Non c erano motivi per commissariare l Enasarco. I bilanci sono stati controllati dalla Corte dei conti senza che venisse riscontrata alcuna irregolarità. L Enasarco è sana e ha un patrimonio mobiliare e immobiliare stimato in 5 miliardi di euro che garantisce il pagamento delle pensioni per un periodo ben superiore ai 15 anni previsti dalla legge. Nel 2006 ha erogato pensioni per 750 milioni di euro, il bilancio 2005 si è chiuso con un avanzo di 14 milioni, aumentati a 31 milioni nel Ma a fine marzo arriva la vera verità. In una relazione inviata al Ministro del Lavoro e al Ministro dell Economia, il Dr. Pollastrini scrive: E doveroso segnalare che il bilancio tecnico-attuariale evidenzia seri problemi di sostenibilità finanziaria per l Enasarco. Il saldo previdenziale risulta negativo a partire dal 2015 e quello patrimoniale a partire dal Le previsioni sono quindi al di sotto del periodo di stabilità finanziaria di 15 anni cui sono soggetti gli enti previdenziali privatizzati, periodo previsto dalla precedente normativa, e ancor di più se si considerano le modifiche introdotte dalle recenti disposizioni di legge, che hanno esteso tale periodo a 30 anni.

5 La previdenza Enasarco - Ottobre 2008 L ottimismo di Gino Mattiolo è stato quindi smentito, ma soprattutto quanto ebbe il coraggio di affermare il CdA nel comunicato stampa del 30 novembre 2005: Il bilancio tecnico al 31 dicembre 2004, il primo dopo la riforma approvata nel 2003, traccia una sostenibilità del sistema previdenziale dell Enasarco per i prossimi 40 anni. Ma il fatto più allarmante è che la previsione pessimistica del Commissario Straordinario è stata emessa dopo che l Enasarco aveva già aumentato da tempo i contributi e ridotto le prestazioni, tanto che nel 1997 la pensione lorda media di vecchiaia era di euro all anno e nel 2005 di euro (- 16%). Ed è facile prevedere che con il sistema contributivo, entrato in vigore nel 2004, la pensione media sia destinata a scendere ulteriormente. E pertanto grave che già nel 2015 il saldo previdenziale sia stimato in rosso (le entrate contributive dovrebbero risultare inferiori alla spesa per le prestazioni) e che nel 2019 appena quattro anni dopo possa diventare negativo anche il saldo patrimoniale (le entrate contributive sommate ai ricavi patrimoniali interessi, dividendi e plusvalenze realizzate dovrebbero essere inferiori alle uscite). Ciò significa che a partire dal 2019 la torta dovrebbe iniziare a diminuire, avviandosi verso l azzeramento, a meno di ulteriori aumenti delle aliquote contributive e/o di ulteriori riduzioni delle prestazioni, o come ora si è deciso di vendere tutto il patrimonio immobiliare entro i prossimi quattro anni per realizzare le plusvalenze, per diminuire i costi di gestione e per cercare di migliorare la redditività del patrimonio, giunto a 3,8 miliardi alla fine del LA PENSIONE PIU SANA SARA QUELLA PRIVATA E intuibile, anche se il Dr. Pollastrini non lo ha precisato, che le stime attuariali dell ultimo bilancio tecnico siano state calcolate tenendo conto dei vantaggi derivanti da una migliore gestione del patrimonio mobiliare e immobiliare, inclusa una minore morosità degli inquilini residenti nelle case di proprietà della Fondazione. Il vero problema è che anche nel caso dell Enasarco il graduale peggioramento del rapporto tra il numero dei contribuenti (tasso di aumento in flessione) e il numero dei pensionati (tasso di aumento in crescita) determinerà un inevitabile squilibrio gestionale di difficile soluzione. Nel 2007 i contributi pagati da ben 350 mila agenti sono stati di 820 milioni, mentre le prestazioni previdenziali erogate a poco più di 100 mila pensionati sono state di 784 milioni, con un margine positivo di appena 36 milioni. Allora si capisce come i gestori della Fondazione siano nettamente contrari a dover perdere fra gli iscritti la categoria dei loro migliori contribuenti, quella dei promotori finanziari, mentre questi desiderino uscire da una Cassa dal futuro poco roseo. Il vero dramma della pensione obbligatoria dei liberi professionisti non importa se di tipo retributivo o di tipo contributivo è che il calcolo della prestazione dipende sempre da una formula matematica soggetta a correzioni riduttive (purtroppo mai aggiuntive ) per garantire la solvibilità finanziaria della Cassa e quindi il regolare pagamento delle pensioni. Il vero problema per gli iscritti è che i contributi versati non sono di proprietà individuale, ma collettiva. Questo è il grande difetto del primo pilastro previdenziale, soprattutto quando si è rinunciato con la privatizzazione alla garanzia di copertura finanziaria fornita dallo Stato, copertura che è invece garantita a tutti i dipendenti privati e pubblici. Ma tale garanzia è destinata a essere costosissima per la finanza statale: secondo la stima del Nucleo di valutazione della spesa previdenziale, nel 2030 il disavanzo patrimoniale dell Inps potrebbe raggiungere l astronomica cifra di 589 miliardi! Per amor di Patria il Nucleo non ha stimato a quanto potrebbe ammontare il disavanzo patrimoniale dell Inpdap... Il pilastro della pensione privata non è invece soggetto alla mutevolezza di una formula matematica. Il risparmio versato non è di proprietà collettiva, ma individuale. La sua crescita dipende dal quantum investito e dalla qualità dell asset allocation. A questa redditività interna va poi aggiunta quella esterna proveniente dal risparmio fiscale, perchè i rendimenti e le prestazioni della pensione privata sono tassati in maniera molto più leggera rispetto a quelli della pensione privatizzata. E un ulteriore motivo per il quale i Promotori Finanziari, iscritti da tempo a un loro Albo professionale riconosciuto dalla legge e che nulla ha a che vedere con gli Agenti di Commercio, reclamano giustamente il diritto di uscire dalla Fondazione Enasarco.

6 SINTESI DELLE PRINCIPALI NORME CHE REGOLANO LA PREVIDENZA ENASARCO CONTRIBUTI Dal 1973 a oggi l aliquota contributiva è più che raddoppiata, passando dal 6% al 13,50%. Ecco le date dell escalation : 1/1/1973: 6,0% 1/10/1978: 8,0% 1/7/1983: 10,0% 1/7/1998: 11,5% 1/1/2004: 12,5% 1/1/2006: 13,5%, di cui il 12,5% destinato al calcolo della pensione e l 1% destinato al Fondo di previdenza a titolo di solidarietà. Per il 2008 il contributo del 13,5% è a carico dell agente e della società mandante per la metà ciascuno nel limite del massimale provvigionale annuo di per l agente monomandatario e nel limite di per ciascun preponente dell agente plurimandatario. I contributi annui non possono essere inferiori a 759 euro per il preponente dell agente monomandatario e a 381 per il preponente dell agente plurimandatario. A decorrere dall 1/1/2004 i massimali provvigionali e i minimali contributivi sono rivalutati ogni biennio secondo l indice Istat dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati. Le aliquote contributive, il massimale provvigionale e l importo minimo dei contributi possono essere variati, con decorrenza dal primo gennaio dell anno successivo, con atto deliberativo del CdA della Fondazione. PRESTAZIONI Pensione di vecchiaia a) Agenti Iscritti alla Fondazione dall 1/1/2004 Gli agenti, che abbiano compiuto il 65 anno di età se uomini e il 60 se donne, e abbiano maturato almeno 20 anni di anzianità contributiva, acquisiscono il diritto a una pensione annua di vecchiaia reversibile. Per i contributi dovuti a partire dall 1/1/2004 l importo della pensione di vecchiaia è determinato in applicazione del sistema contributivo moltiplicando il montante contributivo individuale per il seguente coefficiente di trasformazione del capitale in rendita: ETA COEFFICIENTE ETA COEFFICIENTE 60 5,163% 66 6,379% 61 5,334% 67 6,640% 62 5,514% 68 6,927% 63 5,706% 69 7,232% 64 5,911% 70 7,563% 65 6,136%

7 La previdenza Enasarco - Ottobre 2008 Il CdA, con cadenza biennale, può modificare i suddetti coefficienti, previa consultazione con le parti sociali e tenuto conto delle verifiche semestrali sull andamento della gestione previdenziale, compreso il rendimento del patrimonio, nonché l aumento della speranza di vita degli iscritti alla Fondazione rispetto alle previsioni di cui alla legge 335/95 (Riforma Dini). a) Agenti iscritti alla Fondazione prima dell 1/1/2004 Fermi restando i requisiti di età pensionabile e anzianità contributiva sopra previsti, per gli agenti già iscritti alla Fondazione prima dell 1/1/2004 la pensione di vecchiaia è determinata, in applicazione del criterio del pro-rata, dalla somma della: quota di pensione corrispondente alle anzianità acquisite prima dell 1/10/1998 calcolata secondo il sistema retributivo all epoca vigente (per il calcolo si assumeva a base la media delle provvigioni percepite nel triennio consecutivo più favorevole negli ultimi 10 anni); quota di pensione corrispondente al trattamento pensionistico relativo alle anzianità contributive maturate dall 1/10/1998 al 31/12/2003, calcolata secondo il sistema retributivo allora in vigore (ampliamento agli ultimi 15 anni del periodo in cui si calcolava il triennio consecutivo più favorevole) ; quota di pensione calcolata secondo l attuale Regolamento per le anzianità contributive maturate dall 1/1/2004 (sistema contributivo). Gli agenti, che alla data del pensionamento risulteranno in possesso di un anzianità contributiva superiore a 40 anni per la determinazione delle quote di pensione calcolate con il sistema retributivo, avranno diritto a un incremento del 2% del trattamento pensionistico complessivo per ogni anno di anzianità contributiva eccedente il quarantesimo. N.B. Si stima che per i giovani il cambiamento del metodo di calcolo della pensione dal sistema retributivo al sistema contributivo comporterà in media una riduzione della prestazione del 30%. L importo sarà comunque modesto anche a causa del basso massimale provvigionale su cui si applica l aliquota contributiva Enasarco. Per gli agenti con reddito medio-alto la pensione Inps potrà invece essere superiore grazie alla più alta aliquota contributiva e al più alto massimale (per il 2008 l aliquota Inps è del 20,09% sino a un reddito imponibile di e del 21,09% da ,01 a , ovvero a per gli agenti che si sono iscritti alla Gestione Speciale Commercianti dell Inps dopo il 31/12/1995). Si può comunque affermare che, per chi ha un reddito imponibile medio-alto, la categoria degli agenti di commercio subisce il prelievo più pesante in materia di contributi previdenziali, essendo soggetta a un aliquota contributiva complessiva del 34,59% (21,09% all Inps e 13,50% all Enasarco, anche se la metà di questo secondo contributo è a carico delle società mandanti).

8 La previdenza Enasarco - Ottobre 2008 SuppIemento al quindicinale Chiariamoci le idee - n. 17 del 15 ottobre 2008 tutti i diritti riservati Direttore Responsabile: Giovanni Palladino Via Tiburtina, Roma - Stampa: Tipar Arti Grafiche - Roma

Enasarco: costruiamo domani a partire da oggi

Enasarco: costruiamo domani a partire da oggi Enasarco: costruiamo domani a partire da oggi Giornata Nazionale della Previdenza Milano 5 Maggio 2011 2 Art. 3, comma 12, L. 335/95 (modificato con Legge Finanziaria 2007) STABILITÀ 15 anni Finanziaria

Dettagli

Enasarco: Regolamento di Previdenza, nuova aliquota contributiva e nuovi massimali provvigionali dal 2015

Enasarco: Regolamento di Previdenza, nuova aliquota contributiva e nuovi massimali provvigionali dal 2015 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 14 14 MARZO 2015 Enasarco: Regolamento di Previdenza, nuova aliquota contributiva e nuovi

Dettagli

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI PRO-RATA CONTRIBUTIVO A decorrere dal 1 gennaio 2012,

Dettagli

La riforma delle pensioni

La riforma delle pensioni La riforma delle pensioni A partire dal 1 gennaio 2012, le anzianità contributive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti i lavoratori con il sistema di calcolo contributivo. Il

Dettagli

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici Articolo 24 Dl 6.12.2011 1. Si tratta di una riforma non concertata, ma imposta, cosa che peraltro accade dal 2007, quando fu firmato

Dettagli

OGGETTO: Il nuovo regolamento Enasarco

OGGETTO: Il nuovo regolamento Enasarco Informativa per la clientela di studio N. 07 del 11.01.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Il nuovo regolamento Enasarco Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo, intendiamo

Dettagli

Il nuovo sistema previdenziale dei Consulenti del Lavoro

Il nuovo sistema previdenziale dei Consulenti del Lavoro Il nuovo sistema previdenziale dei Consulenti del Lavoro ENPACL Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Consulenti del Lavoro IL NUOVO SISTEMA PREVIDENZIALE Il 27 settembre 2012 l'assemblea dei

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

Fondo pensione Sirio

Fondo pensione Sirio Fondo pensione Sirio 2 È necessario un secondo pilastro Pensionistico? Come funziona la previdenza Tipologia di lavoratori e Enti di previdenza INPS 3 Gli anni turbolenti della previdenza in Italia A partire

Dettagli

F.N.A.A.R.C. FONDAZIONE ENASARCO: UNA RIFORMA DELLA PREVIDENZA IN FAVORE DEGLI AGENTI DI COMMERCIO.

F.N.A.A.R.C. FONDAZIONE ENASARCO: UNA RIFORMA DELLA PREVIDENZA IN FAVORE DEGLI AGENTI DI COMMERCIO. F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio AI SIGNORI PRESIDENTI DELLE ASSOCIAZIONI ADERENTI AI SIGNORI CONSIGLIERI DELLA F.N.A.A.R.C. LORO SEDI Prot. 229/2010/LS/lm

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 4 I SISTEMI DI CALCOLO DELLA PENSIONE RETRIBUTIVO E CONTRIBUTIVO.

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA CASSA FORENSE La Cassa di Previdenza Forense è stata trasformata in ente con personalità giuridica di diritto privato con

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

WORKSHOP PER I DELEGATI

WORKSHOP PER I DELEGATI WORKSHOP PER I DELEGATI PRINCIPI IN MATERIA PREVIDENZIALE: il retributivo ed il contributivo; il Dott.ssa Paola Celli ROMA, 20 FEBBRAIO 2014 PRINCIPI IN MATERIA PREVIDENZIALE: il retributivo ed il contributivo;

Dettagli

STUDIO CAVINA COMMERCIALISTI ASSOCIATI REVISORI CONTABILI

STUDIO CAVINA COMMERCIALISTI ASSOCIATI REVISORI CONTABILI AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE INFORMATIVA N. 2 GENNAIO 2015 ALIQUOTE CONTRIBUTIVE PER GLI ISCRITTI ALLA GESTIONE SEPARATA INPS - AUMENTI PER IL 2015 1 PREMESSA Nel 2015, le aliquote contributive

Dettagli

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR Il sistema previdenziale obbligatorio dei liberi professionisti Previdenza

Dettagli

La struttura del sistema previdenziale

La struttura del sistema previdenziale QUANDO ANDRÒ IN PENSIONE? QUANTI SOLDI PRENDERÒ? E IL MIO TFR? Il sistema previdenziale pubblico e complementare 1 La struttura del sistema previdenziale I pilastro: la previdenza pubblica II pilastro:

Dettagli

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania Giornata per il Futuro Seminario sulla previdenza obbligatoria e complementare: conoscere per comprendere, comprendere per decidere Le pensioni

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi Oggetto: nuovo regolamento ENASARCO 2013 1. Premesse, riferimenti normativi ed entrata in vigore Dal 1 Gennaio 2013 è entrato in vigore il

Dettagli

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di Le pensioni Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia,

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

ENASARCO: DAL 2010 NUOVI MINIMALI E MASSIMALI CONTRIBUTIVI

ENASARCO: DAL 2010 NUOVI MINIMALI E MASSIMALI CONTRIBUTIVI Circolare N. 32 Area: ADEMPIMENTI Periodico plurisettimanale 27 aprile 2010 ENASARCO: DAL 2010 NUOVI MINIMALI E MASSIMALI CONTRIBUTIVI Come noto, i soggetti che svolgono attività di agenzia e rappresentanza

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale In attesa che sia definitivamente approvato dal Parlamento il Decreto salva Italia, forniamo una sintesi dei contenuti

Dettagli

APPUNTI DI PREVIDENZA

APPUNTI DI PREVIDENZA Unione Italiana Lavoratori della COMunicazione Segreteria Provinciale e Regionale Via Alessandria, 21 10152 Torino tel. 011.232188 Fax 011.232176 Posta elettronica : uilcomunicazione@uilcomunicazione.net

Dettagli

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche I docenti delle Università pubbliche, in quanto dipendenti civili dello Stato, sono iscritti alla cassa per i trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS), istituita il 1 gennaio 1996 come

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE

VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE (a cura dell'avv. Rosario Tucci - Responsabile Dipartimento dell'a.i.g.a. sulla Previdenza Forense) La

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

Fondo per le Pensioni del Personale Addetto ai Pubblici Servizi di Telefonia

Fondo per le Pensioni del Personale Addetto ai Pubblici Servizi di Telefonia In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento dei maggiori fondi speciali gestiti dall Istituto. Questo vuole essere un

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

ISCRIZIONE FACOLTATIVA

ISCRIZIONE FACOLTATIVA Sintesi operative Enasarco: novità dal 2012 prima parte a cura di Giuseppe Rodà Esperto in materia previdenziale Paghe e contributi E La Fondazione Enasarco si sta attrezzando per l attuazione del nuovo

Dettagli

" Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa "

 Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Monza Brianza " Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa " I redditi

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo La pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

FONDO DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DALL'ENEL E DALLE AZIENDE ELETTRICHE PRIVATE

FONDO DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DALL'ENEL E DALLE AZIENDE ELETTRICHE PRIVATE In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento dei maggiori fondi speciali gestiti dall Istituto. Questo vuole essere un

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti SISTEMI PENSIONISTICI A RIPARTIZIONE I contributi lavoratore versati servono oggidal pagare oggile pensioni a essere

Dettagli

Fondo speciale dirigenti ex-inpdai. Istituto Nazionale Previdenza per i Dirigenti di Aziende Industriali

Fondo speciale dirigenti ex-inpdai. Istituto Nazionale Previdenza per i Dirigenti di Aziende Industriali Fondo speciale dirigenti ex-inpdai Istituto Nazionale Previdenza per i Dirigenti di Aziende Industriali L Inps prosegue la sua operazione porte aperte pubblicando una scheda sul fondo speciale dirigenti

Dettagli

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO D.L. 201/2011 Il D.L. 201/2011, convertito nella L. 214/2011 (nota come Riforma delle pensioni), ha modificato in modo radicale il sistema previdenziale

Dettagli

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le linee guida delle riforme Il sistema pensionistico pubblico, a ripartizione, subisce l influenza dei seguenti fenomeni: - variazione nel rapporto

Dettagli

I Fondi pensione negoziali

I Fondi pensione negoziali I Fondi pensione negoziali 45 I Fondi pensione negoziali sono forme pensionistiche complementari la cui origine, come suggerisce il termine negoziali, è di natura contrattuale. Essi sono destinati a specifiche

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE

Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE SPECIALE/ottobre 2011 a cura di Antonio Marchini www.fpcgil.it Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE...1 Coefficienti di trasformazione

Dettagli

La Riforma Previdenziale introdotta dal Decreto Monti D.L. 6.12.2011, n 201

La Riforma Previdenziale introdotta dal Decreto Monti D.L. 6.12.2011, n 201 Vita e lavoro in Italia La Riforma Previdenziale introdotta dal Decreto Monti D.L. 6.12.2011, n 201 Un periodo ricco di trasformazioni Come spiega il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sul

Dettagli

2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009

2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009 I CONTI DEL SETTORE PUBBLICO 2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009 Il conto degli Enti previdenziali (Tabella 2.2-1) a tutto il terzo trimestre 2009 evidenzia

Dettagli

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti. Oggetto. Contribuzione Enasarco dovuta dagli. agenti e rappresentanti di commercio

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti. Oggetto. Contribuzione Enasarco dovuta dagli. agenti e rappresentanti di commercio Roma, 10/01/2015 Spett.le Cliente Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 42 03.03.2014 Montante contributivo: rivalutato il tasso 2014 Dal 1 gennaio 2014, il montante contributivo è pari a 1,001643,

Dettagli

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente)

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L ENPAM (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza medici è fondazione senza scopo di lucro e con personalità giuridica di diritto privato;

Dettagli

Andamento Economico-patrimoniale Fondo Clero (milioni di euro)

Andamento Economico-patrimoniale Fondo Clero (milioni di euro) -1.888-1.986-2.084 17/7/2015 In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento delle maggiori gestioni pensionistiche amministrate

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Riforma delle pensioni (13/5/2004 - A.S. 2058)

Riforma delle pensioni (13/5/2004 - A.S. 2058) Fino al 3//007 Riforma delle pensioni (3/5/004 - A.S. 058) Rimangono fermi i requisiti contributivi e di età per la pensione d anzianità L attuale norma prevede 35 anni di contributi e 57 di età oppure

Dettagli

Penalizzati per legge. Un piano pensione pubblico molto più oneroso di uno privato

Penalizzati per legge. Un piano pensione pubblico molto più oneroso di uno privato La Gestione Separata INPS Penalizzati per legge. Un piano pensione pubblico molto più oneroso di uno privato Silvestro De Falco Roma aprile 2011 www.actainrete.it Che cos è la Gestione Separata La gestione

Dettagli

FONDO PENSIONE per il PERSONALE delle AZIENDE del GRUPPO UNICREDITO ITALIANO

FONDO PENSIONE per il PERSONALE delle AZIENDE del GRUPPO UNICREDITO ITALIANO FONDO PENSIONE per il PERSONALE delle AZIENDE del GRUPPO UNICREDITO ITALIANO Comunicato Stampa A cura del Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione per il Personale delle Aziende del Gruppo UniCredito

Dettagli

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c.

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c. Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE Area Prestazioni e Contributi Direzione Prestazioni Previdenziali MESSAGGIO N. 1 DEL 15/02/2008

Dettagli

SPECIALE FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

SPECIALE FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE Notiziario interno della Fisac/Cgil per gli esattoriali della Concessione di Roma supplemento ad Informazioni-Fisac OTTOBRE 2000 Non sono le idee che mi spaventano, ma le facce che rappresentano queste

Dettagli

Il nuovo sistema previdenziale dei Consulenti del Lavoro

Il nuovo sistema previdenziale dei Consulenti del Lavoro ENPACL Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Consulenti del Lavoro Il nuovo sistema previdenziale dei Consulenti del Lavoro Ipotesi di riforma Aprile 2012 Articolo 38 della Costituzione italiana

Dettagli

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE?

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? QUESITI E SOLUZIONI SULLA PREVIDENZA INTEGRATIVA. SPECIALE LAVORATORI DIPENDENTI LA PREVIDENZA? È CAMBIATA Le modifiche introdotte dalla Riforma Dini

Dettagli

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE a cura di Massimiliano Piras Delegato Ingegneri per il Medio Campidano Premessa Nel dicembre 2011, il Governo Monti emanava il Decreto Salva Italia

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

Sintesi del Rapporto annuale 2013

Sintesi del Rapporto annuale 2013 Ufficio Stampa Comunicato stampa Roma, 8 luglio 2014 Sintesi del Rapporto annuale 2013 L Inps al servizio del Paese L Inps esercita da sempre un ruolo di riferimento e di guida nell ambito della sicurezza

Dettagli

Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità

Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità Perché un fondo pensione e come funziona I lavoratori che sono andati in pensione in questi ultimi anni hanno visto via via ridursi

Dettagli

COMUNICATO IL COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DAL 1^ SETTEMBRE 2016: NORMATIVA E INDICAZIONI

COMUNICATO IL COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DAL 1^ SETTEMBRE 2016: NORMATIVA E INDICAZIONI Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche SEGRETERIA NAZIONALE FLP SCUOLA 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flpscuola.org Email: info@flpscuola.org tel. 06/42000358 06/42010899 fax.

Dettagli

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga Circolare n. 12 del 17 luglio 2014 Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga INDICE 1 Premessa... 2 2 Disciplina prevista dal testo originario del DL 66/2014... 2 2.1 Utilizzo delle ritenute

Dettagli

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE Enpals: le pensioni di anzianità e vecchiaia dal 2008 (Enpals, Circolare 15.2.2008 n. 1) Modifiche alla legge 23.8.2004 n. 243 introdotte dalla legge 24.12.2007 n.247 recante Norme di attuazione del protocollo

Dettagli

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI A chi si rivolge La totalizzazione può essere esercitata dai soggetti iscritti a due o più forme di previdenza obbligatoria. Requisiti Pensione di vecchiaia: occorre avere

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego I Fondi pensione nel pubblico impiego I scheda Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 Documento sul regime fiscale Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 aggiornato il 24 settembre 2015 Sommario 1 Regime fiscale dei contributi... 3 2 Regime fiscale della

Dettagli

LA PREVIDENZA DEI CONSULENTI DEL LAVORO

LA PREVIDENZA DEI CONSULENTI DEL LAVORO LA PREVIDENZA DEI CONSULENTI DEL LAVORO Gennaio 2010 LA PREVIDENZA DEI CONSULENTI DEL LAVORO Cenni storici L ENPACL (Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Consulenti del Lavoro) fu istituito

Dettagli

Informativa dei delegati Cassa Geometri relativa al Comitato delegati dei giorni 23/24/25 maggio c.a.. Il referente regionale Geom.

Informativa dei delegati Cassa Geometri relativa al Comitato delegati dei giorni 23/24/25 maggio c.a.. Il referente regionale Geom. Informativa dei delegati Cassa Geometri relativa al Comitato delegati dei giorni 23/24/25 maggio c.a.. Il referente regionale Geom. Betti Elio comunica ai collegi della Regione i risultati del bilancio

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011. Mologni Enzo

LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011. Mologni Enzo LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011 Il presente lavoro mette a confronto i requisiti di accesso alla pensione di Vecchiaia e alla pensione di Anzianità/Anticipata con le

Dettagli

RIDUZIONE IMU E TASI - COMODATI IN CORSO DA REGISTRARE ENTRO IL 1 MARZO

RIDUZIONE IMU E TASI - COMODATI IN CORSO DA REGISTRARE ENTRO IL 1 MARZO RIDUZIONE IMU E TASI - COMODATI IN CORSO DA REGISTRARE ENTRO IL 1 MARZO Tra i diversi interventi recati dalla Legge di Stabilità 2016 sulla materia dei tributi locali, si segnala la riduzione al 50% della

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI

RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI Si sintetizzano, nelle schede che seguono, gli effetti che, in materia di pensionamento e di trattamento pensionistico, si avranno qualora dovessero essere approvate

Dettagli

L EQUILIBRIO DEI CONTI DI LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PREVIDENZIALE DI INARCASSA. Allegati. Ufficio Studi e Ricerche

L EQUILIBRIO DEI CONTI DI LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PREVIDENZIALE DI INARCASSA. Allegati. Ufficio Studi e Ricerche L EQUILIBRIO DEI CONTI DI LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PREVIDENZIALE DI INARCASSA Allegati 9-10 febbraio 2012 Savona, 20 maggio 2011 Indice Allegati 1. Metodi di calcolo della pensione a confronto 2. Il pro-rata

Dettagli

Il tuo domani dipende dalle scelte di oggi. Tutte le risposte che cerchi

Il tuo domani dipende dalle scelte di oggi. Tutte le risposte che cerchi UnipolSai Assicurazioni è la compagnia del Gruppo Unipol, nata dalla fusione di tre importanti e storiche compagnie assicurative italiane: Unipol Assicurazioni, FondiariaSai e Milano Assicurazioni. Leader

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

I Fondi pensione preesistenti

I Fondi pensione preesistenti I Fondi pensione preesistenti I scheda Fondi pensione preesistenti sono forme pensionistiche complementari che, come suggerisce il termine preesistenti, operavano antecedentemente all emanazione della

Dettagli

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza Bisogn0 di gestione dei rischi puri Assicurazione previdenza Bisogni e prodotti BISOGNI PRODOTTI Assicurazione (unità in surplus) Previdenza (unità in surplus) Assicurazione (unità in deficit) Polizze

Dettagli

L applicazione generalizzata del metodo contributivo: problematiche tecnico attuariali

L applicazione generalizzata del metodo contributivo: problematiche tecnico attuariali FONPREVIDENZA Associazione Italiana per la Previdenza e Assistenza Complementare Fondazione di Studi per la Previdenza e l Assistenza Complementare La nuova riforma delle pensioni: analisi e Prospettive

Dettagli

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni La nuova Previdenza: riforma e offerta Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni Previdenza: situazione attuale 140 Alcuni fattori rilevanti: 120 100 80 22 2015 pensionamento persone nate

Dettagli

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi C era una volta. Le pensioni ieri ed oggi Dalla riforma Amato a Monti. I fondamentali della previdenza Piramide società Spesa Protezione sociale Speranza di vita Rapporto attivi/non attivi L invecchiamento

Dettagli

SINTESI RAPPORTO ANNUALE INPS 2012

SINTESI RAPPORTO ANNUALE INPS 2012 Ufficio Stampa Comunicato stampa Roma, 16 luglio 2013 SINTESI RAPPORTO ANNUALE INPS 2012 Il nuovo Inps L Inps presenta quest anno la quinta edizione del Rapporto annuale, la prima dopo l incorporazione

Dettagli

PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO

PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO CHI È TELEMACO TELEMACO è il Fondo Pensione Complementare del settore delle Telecomunicazioni costituito nel 1998, in forma di associazione riconosciuta senza fine di

Dettagli

Una scelta responsabile e conveniente per il tuo Tfr

Una scelta responsabile e conveniente per il tuo Tfr Una scelta responsabile e conveniente per il tuo Tfr Messaggio promozionale riguardante forme pensionistiche complementari Prima di aderire leggere la Nota informativa e lo Statuto La destinazione del

Dettagli

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Quadro giuridico di riferimento Livello di contribuzione Calcolo della prestazione (retributivo, misto e contributivo) Esempi di calcolo

Dettagli

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA CIRCOLARE INFORMATIVA N. 38 Del 10 Maggio 2016 Oggetto: IL CONTRATTO DI AGENZIA Gli articoli 1748 e seguenti del codice civile regolano il contratto di agenzia. In linea generale possiamo definire l agente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari RISOLUZIONE N. 131/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 ottobre 2004 Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari L Associazione XY (di seguito XY ), con nota

Dettagli

I SISTEMI PREVIDENZIALI

I SISTEMI PREVIDENZIALI I SISTEMI PREVIDENZIALI 1 DEFINIZIONE Il sistema previdenziale, in generale, è un meccanismo di ridistribuzione che trasferisce risorse prodotte dalla popolazione attiva a favore di chi: ha cessato l attività

Dettagli

Previdenza Complementare

Previdenza Complementare Previdenza Complementare I GEOMETRI SONO PRONTI CONVEGNO LUOGO, GIORNO MESE ANNO GIORNATA NAZIONALE DELLA PREVIDENZA MILANO, 11 MAGGIO 2012 PROBLEM SETTING Perché è importante disporre in vecchiaia di

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

INFORMATIVA INARCASSA

INFORMATIVA INARCASSA INFORMATIVA INARCASSA Il 19 novembre i Ministeri di controllo hanno approvato la riforma previdenziale di Inarcassa. Questa riforma entrerà in vigore dall 1 gennaio 2013. Le modifiche introdotte con la

Dettagli

nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero)

nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero) le nuove pensioni dal 1 gennaio 2012 nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero) D.L. 6 dicembre 2011, n.201, convertito con modificazioni dalla Legge 22 dicembre 2011, n.214, art.24 «3. Il

Dettagli

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI. Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI. Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 136 Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione (allegato

Dettagli

Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare

Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare 26 gennaio 2015 Quali cambiamenti sono disciplinati dalla Legge di Stabilità 1 1. Da marzo 2015

Dettagli