SICUREZZA E IGIENE NELLA SCUOLA E NEL LAVORO VALUTAZIONE DEI DEI RISCHI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SICUREZZA E IGIENE NELLA SCUOLA E NEL LAVORO VALUTAZIONE DEI DEI RISCHI"

Transcript

1 SICUREZZA E IGIENE NELLA SCUOLA E NEL LAVORO VALUTAZIONE DEI DEI RISCHI 1

2 SCOPO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI IDENTIFICARE I PERICOLI VALUTARE I RISCHI STABILIRE LE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE CONTROLLARE CONTROLLARE SE SE LE LE MISURE MISURE ADOTTATE ADOTTATE SONO SONO ADEGUATE ADEGUATE FORNIRE FORNIRE PRIORITA PRIORITA ALLE ALLE MISURE MISURE DI DI PREVENZIONE PREVENZIONE E PROTEZIONE PROTEZIONE FORNIRE FORNIRE ALLE ALLE AUTORITA AUTORITA COMPETENTI, COMPETENTI, AI AI LAVORATORI, LAVORATORI, AI AI LORO LORO RAPPRESENTANTI RAPPRESENTANTI E AL AL SISTEMA SISTEMA AZIENDA AZIENDA STESSO STESSO LA LA TESTIMONIANZA TESTIMONIANZA CHE CHE I I FATTORI FATTORI DI DI RISCHIO RISCHIO (PERICOLI) (PERICOLI) SONO SONO SOTTO SOTTO CONTROLLO CONTROLLO 2

3 Cmment a pag.2 Il Il decret decret 626/94 626/94 prevede prevede l elabrazine l elabrazine un un dcument dcument sintesi sintesi della della valutazine valutazine dei dei rischi rischi per per la la sicurezza sicurezza e la la salute salute dei dei lavratri. lavratri. Nn Nn sn sn fatti fatti bblighi bblighi circa circa la la metdlgia metdlgia da da adttarsi adttarsi per per la lavalutazine. E E viceversa viceversa bbligatri bbligatri dcumentare dcumentare i i criteri criteri valutazine valutazine adttati, adttati, l inviduazine l inviduazine delle delle misure misure prevenzine prevenzine e prtezine prtezinecnseguenti alla alla valutazine valutazine ed ed infine infine il il prgramma prgramma attuazine attuazine delle delle misure misure inviduate inviduate intes intes cme cme incazine incazine delle delle prirità priritàe dei dei tempi tempi attuazine attuazine delle delle misure misure inviduate. inviduate. Il Il prcess prcess valutazine valutazine dei dei rischi rischi deve deve essere essere attuat attuat in in md md permanente permanente al al fine fine mantenere mantenere il il livell livell sicurezza sicurezza mess mess in in att att e tendere tendere al al cntinu cntinu miglirament miglirament delle delle cnzini cnzini sicurezza sicurezza e salute salute dei dei lavratri. lavratri. La La valutazine valutazine dei dei rischi rischi ed ed i i prvvementi prvvementi cnseguenti, cnseguenti, in in termini termini respnsabilità, respnsabilità, sn sn in in cap cap al al datre datre lavr. lavr. 3

4 ELEMENTI CHIAVE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazine dei rischi è un esame sistematic tutti gli aspetti del lavr al fine prendere in cnsiderazine ciò che causa un dann fisic e materiale, se i pericli pssn essere eliminati, altrimenti quali misure prtezine e/ prevenzine sn state intrdtte per prevenire e se queste misure sn sdsfacenti nella teria e nella pratica. LA LA VALUTAZIONE DEI DEI RISCHI E E ARTICOLATA COME COME SEGUE: identificazine dei dei pericli pericli identificazine dei dei lavratri ( ( terzi) terzi) espsti espsti a rischi rischi ptenziali valutazine dei dei rischi, rischi, dal dal punt punt vista vista qualitativ quantitativ stu stu della della pssibilità eliminare i i rischi rischi e, e, in in cas cas cntrari decisine sulla sulla necessità intrdurre ulteriri ulteriri prvvementi per per limitare limitare i i rischi rischi 4

5 PROPOSTA DI PROCEDURA OPERATIVA Inviduare ed ed rganizzare le le fnti fnti infrmative Valutare i i rischi sulla sulla base criteri definiti (ad (ad es. es. Check List) List) Esistn criteri bbligatri specifici? n si Eseguire la la valutazine secnd l incazine Elabrare il il pian delle misure tutela Regere il il DOCUMENTO 5

6 METODOLOGIA Nn esistn regle fisse su cme interpretare una VALUTAZIONE DEI RISCHI NELLA PRATICA E UTILE PROCEDERE IN ALMENO 2 FASI FASE 1 VALUTAZIONE PRELIMINARE CHE CHE IDENTIFICHI I I RISCHI PRINCIPALI E DISTINGUA QUELLI CHE CHE ESIGONO LA LA FASE FASE 2 FASE 2 RISCHI CHE CHE ESIGONO UNA UNA CONSIDERAZIONE PIU PIU PARTICOLAREGGIATA FASE...iesima ULTERIORI APPROFONDIMENTI QUANDO SI SI RENDE NECESSARIO RICORRERE A MEZZI MEZZI DI DI VALUTAZIONE DEL DEL RISCHIO PIU PIU COMPLESSI (STIME QUANTITATIVE E/O E/O MODELLI COMPLESSI) 6

7 FASE 1 VALUTAZIONE PRELIMINARE A) A) DEVE COMPRENDERE : OVE OVE POSSIBILE, POSSIBILE, L IDENTIFICAZIONE L IDENTIFICAZIONE DEI DEI RISCHI RISCHI CHE CHE POSSONO POSSONO ESSERE ESSERE ELIMINATI ELIMINATI In In mlti mlti casi casi risulterà risulteràimpssibile, impssibile, cmunque cmunque si si dvrà dvràtenere presente presente quale quale iptesi iptesi lavr lavr B) B) L ESAME L ESAME COMPLETO COMPLETO DEI DEI PERICOLI PERICOLI PER PER I I QUALI QUALI NON NON SONO SONO NECESSARIE NECESSARIE ULTERIORI ULTERIORI AZIONI AZIONI (ad (ad es.:scale es.:scale fisse, fisse, attrezzi attrezzi a man, man, che che risultan risultan essere essere cncepiti cncepiti adeguatamente adeguatamente e sggetti sggetti ad ad un un impieg impieg nrmale). nrmale). E E COMUNQUE COMUNQUE NECESSARIO NECESSARIO PORRE PORRE IN IN RILIEVO RILIEVO OGNI OGNI USO USO ECCEZIONALE ECCEZIONALE O SPECIALE SPECIALE Ad Ad es. es. se se si si devn devn trasprtare trasprtare carichi carichi eccezinalmente eccezinalmente pesanti pesanti su su una una scala scala fissa, fissa, ppure ppure se se si si impiegan impiegan attrezzi attrezzi manuali manuali per per lavrazini lavrazini speciali, speciali, sarà saràpprtun valutare valutare i i rischi rischi in in md md maggirmente maggirmente dettagliat dettagliat C) C) IDENTIFICARE IDENTIFICARE I I RISCHI RISCHI CHE CHE RISULTANO RISULTANO BEN BEN NOTI NOTI E PER PER I I QUALI QUALI SONO SONO CHIARAMENTE CHIARAMENTE EVIDENZIABILI EVIDENZIABILI E DISPONIBILI DISPONIBILI MISURE MISURE DI DI CONTROLLO CONTROLLO ADEGUATE ADEGUATE D) D) INDICARE INDICARE I I CASI CASI IN IN CUI CUI E E NECESSARIA NECESSARIA UNA UNA VALUTAZIONE VALUTAZIONE PIU PIU COMPLETA COMPLETA E, E, SE SE DEL DEL CASO, CASO, IMPIEGARE IMPIEGARE TECNICHE TECNICHE PIU PIU SOFISTICATE SOFISTICATE 7

8 FASE 2 I I RISCHI INDIVIDUATI ABBISOGNANO DI DI APPROFONDIMENTI 1) 1) 2) 2) 3) 3) 4) 4) INDIVIDUAZIONE INDIVIDUAZIONE DEI DEI PERICOLI PERICOLI IN IN TUTTI TUTTI GLI GLI ASPETTI ASPETTI DEL DEL LAVORO LAVORO IDENTIFICAZIONE IDENTIFICAZIONE DI DI TUTTI TUTTI COLORO COLORO CHE CHE POSSONO POSSONO ESSERE ESSERE ESPOSTI ESPOSTI AL AL RISCHIO, RISCHIO, COMPRESI COMPRESI I I GRUPPI GRUPPI AD AD ALTO ALTO RISCHIO RISCHIO STIMA STIMA DEL DEL RISCHIO, RISCHIO, PRENDENDO PRENDENDO IN IN CONSIDERAZIONE CONSIDERAZIONE L AFFIDABILITA L AFFIDABILITA E L ADEGUATEZZA L ADEGUATEZZA DELLE DELLE MISURE MISURE DI DI PREVENZIONE PREVENZIONE POSTE POSTE IN IN ESSERE ESSERE DECISIONE DECISIONE SE SE E QUALI QUALI NUOVE NUOVE MISURE MISURE INTRODURRE INTRODURRE PER PER RIDURRE RIDURRE I I RISCHI RISCHI 5) 5) DEFINIZIONE DEFINIZIONE DELLE DELLE PRIORITA PRIORITA DELLE DELLE MISURE MISURE DI DI PREVENZIONE PREVENZIONE E DI DI PROTEZIONE PROTEZIONE DA DA PRENDERE PRENDERE 8

9 PIANO DI AZIONE A CURA DEL DATORE DI LAVORO ORGANIZZAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO COMMISSIONARE, COMMISSIONARE, ORGANIZZARE ORGANIZZARE E COORDINARE COORDINARE LA LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE NOMINARE NOMINARE GLI GLI ESPERTI ESPERTI COMPETENTI COMPETENTI CONSULTARE CONSULTARE I I RAPPRESENTANTI RAPPRESENTANTI DEI DEI LAVORATORI LAVORATORI IN IN MERITO MERITO ALLA ALLA DESIGNAZIONE DESIGNAZIONE DEGLI DEGLI ESPERTI ESPERTI FORNIRE FORNIRE LE LE INFORMAZIONI, INFORMAZIONI, LE LE RISORSE RISORSE E IL IL SUPPORTO SUPPORTO AGLI AGLI ESPERTI ESPERTI COINVOLGERE COINVOLGERE I I DIRIGENTI DIRIGENTI E INCORAGGIARE INCORAGGIARE IL IL CONTRIBUTO CONTRIBUTO DEI DEI LAVORATORI LAVORATORI PROVVEDERE PROVVEDERE AGLI AGLI ACCORDI ACCORDI NECESSARI NECESSARI PER PER REVISIONARE REVISIONARE E RIVEDERE RIVEDERE LA LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DEL DEL RISCHIO RISCHIO GARANTIRE GARANTIRE CHE CHE LE LE MISURE MISURE DI DI PREVENZIONE PREVENZIONE E PROTEZIONE PROTEZIONE TENGANO TENGANO CONTO CONTO DEI DEI RISULTATI RISULTATI DELLA DELLA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DEI DEI RISCHI RISCHI MONITORARE MONITORARE LE LE MISURE MISURE DI DI PREVENZIONE PREVENZIONE E PROTEZIONE PROTEZIONE PER PER VERIFICARE VERIFICARE LA LA LORO LORO EFFICACIA EFFICACIA INFORMARE INFORMARE I I LAVORATORI LAVORATORI E/O E/O I I LORO LORO RAPPRESENTANTI RAPPRESENTANTI SUI SUI RISULTATI RISULTATI DELLA DELLA VALUTAZIONE VALUTAZIONE E SULLE SULLE MISURE MISURE INTRODOTTE INTRODOTTE 9

10 LISTA DI CONTROLLO ORGANIZZATA PER FATTORI DI RISCHIO RISCHI PER PER LA LA SICUREZZA DEI DEI LAVORATORI RISCHI PER PER LA LA SALUTE DEI DEI LAVORATORI ASPETTI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI 10

11 Cmment a pag.10 e pag.12 Le Le liste liste cntrll cntrll (check (check list) list) fann fann parte parte delle delle metdlgie metdlgied apprcci d apprcci alla alla valutazine valutazine dei dei rischi rischipiù piùffuse. Sn Sn elenchi elenchi vci vci cntrll cntrll basate basate su su cnscenze cnscenzespecifiche specifiche ed ed elabrate elabrate da da esperti esperti sulla sulla base base leggi leggi e nrme nrme vigenti. vigenti. Sn Sn realizzate realizzate in in md md da da cnsentire cnsentire un un cnfrnt cnfrnt tra tra le le caratteristiche caratteristiche dei dei lughi lughi lavr lavr (strutture, (strutture, impianti, impianti, macchine, macchine, attrezzature, attrezzature, prcedure, prcedure, ecc.) ecc.) cn cn leggi, leggi, nrme nrme standard. standard. L us L us liste liste cntrll cntrll nella nella valutazine valutazine dei dei rischi rischiffre una una serie serie vantaggi: vantaggi: sistematicità sistematicità d apprcci, d apprcci, facilità facilità applicazine applicazine e valenza valenza frmativa frmativa intrinseca. intrinseca. Nrmalmente Nrmalmente sn sn rganizzate rganizzate in in md md da da valutare valutare la la sicurezza sicurezza (prevenzine (prevenzine degli degli infrtuni), infrtuni), la la salute salute (prevenzine (prevenzine delle delle malattie malattie prfessinali) prfessinali) e gli gli aspetti aspetti rganizzativi rganizzativi e gestinali gestinali (fndamentali (fndamentali in in tutti tutti i i prcessi prcessi preventivi). preventivi). Vengn Vengn applicate applicate repart repart per per repart, repart, area area per per area, area, dp dp averne averne Inviduat Inviduat i i pericli pericli presenti. presenti. (es.pag.12) (es.pag.12) 11

12 ESEMPIO DI MATRICE DI APPLICABILITA DEI FATTORI DI RISCHIO Aree Aree perative perative Labratri Amministraz. Palestra Bibliteca ecc Labratri Amministraz. Palestra Bibliteca ecc Macchine Macchine Aree Aree transit transit Spazi Spazi lavr lavr 3. Scale 3. Scale 4. Macchine 4. Macchine Attrezzi Attrezzi manuali manuali Maniplaz. Maniplaz. man. man Immagazzinam. Immagazzinam. 8. Imp. elettrici 8. Imp. elettrici App. App. a a pressine pressine 10. Distrib. gas 10. Distrib. gas 11. App. sllevam. 11. App. sllevam Mezzi Mezzi trasprt trasprt 13. Espls. incen 13. Espls. incen Agenti Agenti chimici chimici 15. Agenti cancerg. 15. Agenti cancerg. 16. Agenti bilgici 16. Agenti bilgici Ventilaz. Ventilaz. ind.le ind.le 18. Rumre 18. Rumre Vibrazini Vibrazini 20. Micrclima 20. Micrclima 21. Raaz. inizz. 21. Raaz. inizz Raaz. Raaz. nn nn inizz. inizz. 23. Illuminazine 23. Illuminazine 24. Caric fisic 24. Caric fisic 25. Caric mentale 25. Caric mentale 26. Videterminali 26. Videterminali 12

13 PROBABILITA DI EVENTO INDESIDERATO CHE PROVOCA UN DANNO P La definizine della frequenza attesa fa riferiment principalmente all esistenza una crrelazine più men retta tra la carenza riscntrata e la prbabilità che si verifichi l event indesiderat, tenut cnt della frequenza e della durata delle perazini / lavrazini che cmprtan rischi per la salute e la sicurezza dei lavratri. Valre Valre 3 2 Livell Livell Mlt Mlt prbabile prbabile Prbabile Prbabile Definizine // criteri criteri Esiste una crrelazine retta tra la mancanza rilevata ed il verificarsi del dann iptizzat Esiste una crrelazine retta tra la mancanza rilevata ed il verificarsi del dann iptizzat per per i i lavratri. lavratri. Si sn già verificati danni per la stessa mancanza rilevata nella stessa unità lavrativa Si sn già verificati danni per la stessa mancanza rilevata nella stessa unità lavrativa simili. simili. Il Il verificarsi verificarsi del del dann dann cnseguente cnseguente la la mancanza mancanza rilevata rilevata nn nn susciterebbe susciterebbe alcun alcun stupre. stupre. La mancanza rilevata può prvcare un dann, anche se nn in md autmatic e rett. La mancanza rilevata può prvcare un dann, anche se nn in md autmatic e rett. E nt qualche epis in cui alla mancanza ha fatt seguit il dann. E nt qualche epis in cui alla mancanza ha fatt seguit il dann. Il Il verificarsi verificarsi del del dann dann iptizzat iptizzat susciterebbe susciterebbe srpresa. srpresa. 1 Pc Pc prbabile prbabile La mancanza rilevata può prvcare un dann sl in circstanze sfrtunate eventi. La mancanza rilevata può prvcare un dann sl in circstanze sfrtunate eventi. Sn Sn nti nti sl sl rarissimi rarissimi epis epis già già verificatisi verificatisi adrittura adrittura nessun nessun epis. epis. Il verificarsi del dann iptizzat susciterebbe grande srpresa e incredulità. Il verificarsi del dann iptizzat susciterebbe grande srpresa e incredulità. 13

14 Valre Valre GRANDEZZA DEL DANNO CHE L EVENTO L PUÒ CAUSARE Livell Livell D La definizine della scala gravità del Dann fa riferiment principalmente alla reversibilità men del dann. Definizine // criteri criteri 3 2 Grave Grave Me Me Infrtuni Infrtuni epis epis espsizine espsizine acuta acuta cn cn effetti effetti invalità invalità ttale ttale adrittura adrittura letale. letale. Espsizine Espsizine crnica crnica cn cn effetti effetti ttalmente ttalmente parzialmente parzialmente irreversibili irreversibili e e invalidanti. invalidanti. Infrtuni epis espsizine acuta cn inabilità reversibile. Infrtuni epis espsizine acuta cn inabilità reversibile. Espsizine Espsizine crnica crnica cn cn effetti effetti reversibili. reversibili. 1 Lieve Lieve Infrtuni Infrtuni epis epis espsizine espsizine acuta acuta cn cn inabilità inabilità rapidamente rapidamente reversibile. reversibile. Espsizine crnica cn effetti rapidamente reversibili. Espsizine crnica cn effetti rapidamente reversibili. L incidente cn rischi cnseguenze mrtali, anche se imprbabile, va cnsiderat cme prirità nella prgrammazine delle misure prevenzine. N.B.: Deve essere pres in cnsiderazine il dann più grave che può essere assciat al rischi in esame: a tal fine nn può essere utilizzat il sl dat statistic aziendale che mstra un bass numer incidenti quel tip: per sè tale dat nn autrizza ad adttare misure sicurezza men restrittive. 14

15 MATRICE PER LA STIMA DEI RISCHI R = P x D Definiti la Prbabilità attesa P e la gravità del Dann D, il rischi R viene calclat cn la frmula R = P x D e si può raffigurare in una rappresentazine a matrice, avente in ascisse la gravità del Dann ed in rnate la Prbabilità attesa del su verificarsi. 2 1 Una tale rappresentazine è un imprtante punt partenza per la definizine delle prirità e la prgrammazine temprale degli interventi prevenzine e prtezine da adttare. La valutazine numerica e crmatica del livell rischi permette identificare la prirità degli interventi da effettuare, ad es.: R 6 Azini crrettive immeate 3 R 4 Azini crrettive da prgrammare cn urgenza P D 1 R 2 Azini crrettive / miglirative da prgrammare nel breveme termine 15

16 Cmment a pag.13, pag.14, pag.15 Gli Gli interventi interventi inviduati inviduati per per l eliminazine, l eliminazine, la la riduzine riduzine il il cnteniment cnteniment dei dei rischi rischi devn devn essere essere prgrammati prgrammati e pi pi messi messi in in att att secnd secnd una una scala scala prirità priritàche che tenga tenga cnt cnt dell entità dell entità dei dei rischi. rischi. E E quin quin inspensabile inspensabile pter pter cnfrntare cnfrntare i i rischi rischi per per la la salute salute e la la sicurezza sicurezza riginati riginati dai dai versi versi pericli, pericli, in in md md da da realizzare realizzare una una graduatria graduatria il il più piùpssibile pssibile ggettiva ggettiva delle delle prirità. prirità. A tal tal prpsit prpsit risulta risulta fndamentale fndamentale la la definizine definizine rischi, rischi, basata basata prpri prpri sulla sulla prbabilità prbabilità che che l event l event indesiderat indesiderat si si avveri avveri e sulla sulla massima massima entità entitàdel del dann dannche che il il medesim medesim è in in grad grad prdurre. prdurre. Organizzare Organizzare i i rischi rischi sulla sulla base base delle delle due due cmpnenti cmpnenti citate, citate, inviduand inviduand per per ciascun ciascun su su una una scala scala prespsta prespsta e facilitata facilitata sia sia prbabilità prbabilità accament accamentche che entità entitàdel del dann, dann, cnsente cnsente pi pi una una stima stima cmparata cmparata dei dei rischi. rischi. Se Se infine infine si si accrpan accrpan i i valri valri rischi rischi calclati calclati per per aree aree azine (tre (tre nella nella versine versine prpsta) prpsta) si si ttiene ttiene autmaticamente autmaticamente la la prirità priritàa cui cui fare fare riferiment riferiment per per attuare attuare i i prvvementi prvvementi necessari. necessari. Il Il metd metd stima stima illustrat illustrat è un un dei dei tanti tanti utilizzabili utilizzabili (è (èpssibile anche anche semplicemente semplicemente ampliare ampliare la la scala scala a 4 più piùlivelli), ma ma si si presta presta egregiamente egregiamente ad ad una una crretta crretta valutazine valutazinein in un un ambiente ambiente articlat articlat cme cme quell quell sclastic, sclastic, senza senza creare creare particlari particlari prblemi prblemi valutativi valutativi applicativi. applicativi. 16

17 ESEMPIO DI SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Area perativa... Addetti n.... Fattre rischi N. espsti Operaz ini in cui si genera il rischi Mansi ne/ Macchi na Misure prevenz ine present i Prbab. Rischi P Gravità Dann D Entità Rischi R Us DPI Srv. Sanit. Nte (riferim enti nrmat ivi) 17

18 Cmment a pag.17 Una Una vlta vlta eseguita eseguita la la valutazine valutazinearea area per per area, area, rischi rischi per per rischi, rischi, e pi pi stimata stimata l entità l entità gnun gnun questi questi (R (R = P x x D) D) è pssibile pssibile riassumere riassumere e sintetizzare sintetizzare il il lavr lavr cmplessiv cmplessiv in in una una scheda. scheda. Tale Tale scheda scheda risulta risulta un un utile utile strument strument lavr lavr per per la la prgrammazine prgrammazine degli degli interventi interventi e un un riferiment riferiment inspensabile inspensabile per per il il manteniment manteniment permanente permanente del del cntrll cntrll dei dei rischi. rischi. La La sintesi sintesi realizzata realizzata nella nella scheda scheda cnsente cnsente altresì altresìun un semplice semplice e rapid rapid trasferiment trasferiment infrmazini infrmazini tra tra i i vari vari attri attri della della prevenzine prevenzine che che cllabran cllabran e si si alternan alternan tra tra lr lr nel nel prcess prcess cstante cstante valutazine, valutazine, cntrll cntrll ed ed aggirnament aggirnament dei deirischi. 18

Chi deve fare la valutazione dei rischi

Chi deve fare la valutazione dei rischi VALUTARE I RISCHI L biettiv della lezine è frnire le cnscenze di base ai Rappresentanti dei lavratri per la sicurezza per metterli in cndizine di partecipare al prcess di valutazine dei rischi. Verrann

Dettagli

Relatori: * Dr. Romeo Di Giuseppe - # Dr. Palmerino Masciotta. Abstract. Introduzione e scopo dello studio. Materiali e Metodi

Relatori: * Dr. Romeo Di Giuseppe - # Dr. Palmerino Masciotta. Abstract. Introduzione e scopo dello studio. Materiali e Metodi La valutazine dei rischi per la sicurezza e per la salute degli peratri di un servizi veterinari: l esperienza della ASL RM B * e della ASL RM C #. Relatri: * Dr. Rme Di Giuseppe - # Dr. Palmerin Mascitta

Dettagli

Tale autocertificazione non è comunque consentita, nonostante il numero dei lavoratori,

Tale autocertificazione non è comunque consentita, nonostante il numero dei lavoratori, Sede Operativa: Viale Svezia 20 35020 Pnte San Niclò (PD) Tel. 049/8033033 Fax 049/8591204 www.idramanagement.cm inf@idramanagement.cm Oggett: dcument di valutazine dei rischi pubblicate le prcedure standardizzate

Dettagli

Falegnameria (Scheda)

Falegnameria (Scheda) Ultim aggirnament: 1 feb. 2007 Falegnameria Sistema di alimentazine: TT, TN Nrme di riferiment: Nrma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatri a tensine nminale nn superire a 1000 V in crrente alternata

Dettagli

Sistema di Gestione della Salute e della Sicurezza sul Lavoro

Sistema di Gestione della Salute e della Sicurezza sul Lavoro Sistema di Gestine della Salute e della Sicurezza sul Lavr versine 1.0 - settembre 2009 1 REVISIONE Prima stesura Versine 1.0 DATA REVISIONE REDAZIONE APPROVAZIONE DATA APPROVAZIONE Revisine 1 2 PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI CASSANO ALL IONIO (Prov. di Cosenza)

COMUNE DI CASSANO ALL IONIO (Prov. di Cosenza) COMUNE DI CASSANO ALL IONIO (Prv. di Csenza) SETTORE AMBIENTE E SERVIZI INTEGRATI Appalt integrat per SERVIZI DI IGIENE URBANA e gestine discarica COMUNALE del di Cassan All Ini DOCUMENTO DI VALUTAZIONE

Dettagli

Le figure del sistema di Prevenzione aziendale secondo il D.Lgs.81/08

Le figure del sistema di Prevenzione aziendale secondo il D.Lgs.81/08 Le figure del sistema di Prevenzine aziendale secnd il D.Lgs.81/08 Le figure del sistema SICUREZZA Rappresentante dei lavratri per la sicurezza (RLS). Datre di lavr (DL), prepsti e dirigenti. Respnsabile

Dettagli

La tecnica FMEA di prodotto

La tecnica FMEA di prodotto ISI MANUALE PER CORSI QUALITÀ dispensa data mdifica del livell Q-052 01.01.1996 0 01.01.1996 BLU La tecnica FMEA di prdtt MANUALE DI UTILIZZO ISI La tecnica FMEA di prdtt pagina 2 di 10 1.0 Intrduzine

Dettagli

Titolo I Definizioni. ART. 1 (Campo di applicazione e definizione dei soggetti)

Titolo I Definizioni. ART. 1 (Campo di applicazione e definizione dei soggetti) Reglament per la sicurezza e la salute dei lavratri sul lug di lavr della Scula Nrmale Superire emanat cn D.D. n.168 del 29 marz 2006 e affiss all Alb Ufficiale in data 29 marz 2006 Titl I Definizini ART.

Dettagli

POLITICA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

POLITICA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Manuale e dcumenti Dcumenti per la sicurezza Prcedure Gestinali Mdulistica Gestinali DISTRIBUZIONE CONTROLLATA Revisine Data Funzini e nminativi R-SGSL RSPP MC RLS PREP 00 20/10/14 Beltramelli Marc Campini

Dettagli

DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE CENTRO PER LA GIUSTIZIA MINORILE PER LA CALABRIA E LA BASILICATA CATANZARO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE CENTRO PER LA GIUSTIZIA MINORILE PER LA CALABRIA E LA BASILICATA CATANZARO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE CENTRO PER LA GIUSTIZIA MINORILE PER LA CALABRIA E LA BASILICATA CATANZARO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (Art. 26, D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81) OGGETTO: Prcedura

Dettagli

Novità relative all assessment tool

Novità relative all assessment tool Nvità relative all assessment tl La dcumentazine e gli strumenti di supprt di Friendly Wrk Space sn sttpsti a cntinui interventi di rielabrazine, aggirnament e perfezinament. Nel 2014 è stata ripetutamente

Dettagli

Il metodo Zugeer Sabrina Tonielli Zugeer 05/01/2011

Il metodo Zugeer Sabrina Tonielli Zugeer 05/01/2011 Il metd Zugeer Sabrina Tnielli Zugeer 05/01/2011 IL METODO ZUGEER Il metd Zugeer Pag. 2 INDICE 1. COME E NATA L IDEA... 4 2. IL METODO... 4 3. PERCHE ZUGEER... 4 4. IN COSA CONSISTE... 5 5. LE REGOLE...

Dettagli

INPS. Area Aziende. Procedura Internet per la trasmissione delle domande relative agli sgravi contrattazione di II livello per l anno 2009

INPS. Area Aziende. Procedura Internet per la trasmissione delle domande relative agli sgravi contrattazione di II livello per l anno 2009 Istitut Nazinale Previdenza Sciale INPS Direzine Centrale Sistemi Infrmativi e Tecnlgici Area Aziende Prcedura Internet per la trasmissine delle dmande relative agli sgravi cntrattazine di II livell per

Dettagli

Carta dei Servizi. educativi e amministrativi del 3 circolo didattico di Adrano

Carta dei Servizi. educativi e amministrativi del 3 circolo didattico di Adrano DIREZIONE DIDATTICA STATALE 3 CIRCOLO San Nicl Pliti Via dei Diritti del Fanciull, 45 95031 - ADRANO (CT) Tel. 095/7695676 - Fax 095/7602241 Cd. Meccangrafic: CTEE09000V Cdice fiscale 93067380878 email

Dettagli

REQUISITI PRINCIPALI: Regolamento definitivo sui controlli preventivi dei prodotti alimentari destinati al consumo umano Punti chiave

REQUISITI PRINCIPALI: Regolamento definitivo sui controlli preventivi dei prodotti alimentari destinati al consumo umano Punti chiave La Fd and Drug Administratin ffre questa traduzine cme un servizi per un vast pubblic internazinale. Ci auguriam che Lei trvi questa traduzine utile. Anche se l'ente ha cercat di ttenere una traduzine

Dettagli

Data Inizio : Non Specificato Termine : Non Specificato Gruppo : Costo : 3500 EUR Location : Viterbo, Roma, Latina Livello :

Data Inizio : Non Specificato Termine : Non Specificato Gruppo : Costo : 3500 EUR Location : Viterbo, Roma, Latina Livello : Data Inizi : Nn Specificat Termine : Nn Specificat Grupp : Cst : 3500 EUR Lcatin : Viterb, Rma, Latina Livell : Crs RSPP estern Mdul A + B cmplet + C (D.Lgs 81/08 e successivi D.Lgs. 195/03) Crs di base

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA TECNOLOGIA E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Classi 1 ITI A.S. 2014-2015

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA TECNOLOGIA E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Classi 1 ITI A.S. 2014-2015 Impssibile visualizzare l'immagine. La memria del cmputer ptrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine ppure l'immagine ptrebbe essere danneggiata. Riavviare il cmputer e aprire di nuv il file. Se

Dettagli

4 Classificazione e definizione dei rischi lavorativi

4 Classificazione e definizione dei rischi lavorativi 4 Classificazine e definizine dei rischi lavrativi I rischi presenti negli ambienti di lavr, pssn essere divisi in tre grandi categrie riprtate in Tabella RISCHI PER LA SICUREZZA (Rischi di natura infrtunistica

Dettagli

Aggiornamento remoto della chiave hardware

Aggiornamento remoto della chiave hardware AMV S.r.l. Via San Lrenz, 106 34077 Rnchi dei Leginari (Grizia) Italy Ph. +39 0481.779.903 r.a. Fax +39 0481.777.125 E-mail: inf@amv.it www.amv.it Cap. Sc. 10.920,00 i.v. P.Iva: IT00382470318 C.F. e Iscriz.

Dettagli

Data Inizio : Non Specificato Termine : Non Specificato Gruppo : Costo : 3000 EUR Location : Viterbo, Roma, Latina Livello :

Data Inizio : Non Specificato Termine : Non Specificato Gruppo : Costo : 3000 EUR Location : Viterbo, Roma, Latina Livello : Data Inizi : Nn Specificat Termine : Nn Specificat Grupp : Cst : 3000 EUR Lcatin : Viterb, Rma, Latina Livell : Crs ASPP-RSPP mdul Atec B (dal B1 al B9) Crs prfessinalizzante per la figura esterna di Respnsabili

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE E SICUREZZA DI GALLERIE STRADALI

IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE E SICUREZZA DI GALLERIE STRADALI Illuminazine e sicurezza gallerie Ultim aggirnament: 1 nv. 2006 IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE E SICUREZZA DI GALLERIE STRADALI Sistema di alimentazine: TT, TN Nrme di riferiment: Nrma CEI 64-8 "Impianti

Dettagli

Applicazione quantitativa degli orientamenti EIOPA: il punto di vista dell Attuario

Applicazione quantitativa degli orientamenti EIOPA: il punto di vista dell Attuario Applicazine quantitativa degli rientamenti EIOPA: il punt di vista dell Attuari Giampal Crenca AIDA - Cnvegn Slvency II 27 maggi 2015, Milan Orientamenti EIOPA Gli rientamenti EIOPA si pssn csì sintetizzare:

Dettagli

PROGETTO S.A.I.A. Software XML v.2 - Tracciati AP5

PROGETTO S.A.I.A. Software XML v.2 - Tracciati AP5 Prerequisiti / Cnfigurazini PROGETTO S.A.I.A Sftware XML v.2 - Tracciati AP5 Passi da eseguite per prcedere cn l invi dei dati al SAIA attravers il sftware XML-2 cn i nuvi tracciati AP5. 1. Presa in caric

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE DUVRI (Art. 26, commi 3, 5 D. Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE DUVRI (Art. 26, commi 3, 5 D. Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81) +DVRI AZIENDA SANITARIA LOCALE N 6 SANLURI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE DUVRI (Art. 26, cmmi 3, 5 D. Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81) APPALTO OGGETTO DEL PRESENTE DOCUMENTO : FORNITURA

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379 www.abba-ballini.it email: inf@abba-ballini.it DIPARTIMENTO DI INFORMATICA Attività

Dettagli

Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, Sanctioned Interpretations

Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, Sanctioned Interpretations Regle per ttenere il ricnsciment IATF, 2 edizine, Sanctined Interpretatins Le Regle per ttenere il ricnsciment IATF, 2 edizine, sn state pubblicate nel 2004. Le seguenti Sanctined Interpretatins sn state

Dettagli

Prot. n. 6570/A23 Roma, 09/12/2015. Circolare n. 27

Prot. n. 6570/A23 Roma, 09/12/2015. Circolare n. 27 M I N I S T E R O D E L L I S T R U Z I O N E D E L L U N I V E R S I T À E D E L L A R I C E R C A U F F I C I O S C O L A S T I C O R E G I O N A L E P E R I L L A Z I O L I C E O S T A T A L E C L A

Dettagli

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD. Tipo Ente: Asl. Ufficio: Assistenza 118. Servizio: Servizio 118

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD. Tipo Ente: Asl. Ufficio: Assistenza 118. Servizio: Servizio 118 CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD Tip Ente: Asl Uffici: Assistenza 118 Servizi: Servizi 118 INDICE Smmari 1 OGGETTO E CONTENUTI... 3 1.1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO OGGETTO DI CUSTOMER SATISFACTION... 4 1.2

Dettagli

Distributori di carburanti liquidi per autotrazione (benzina, gasolio)

Distributori di carburanti liquidi per autotrazione (benzina, gasolio) Distributre benzina gasli Ultim aggirnament: 1 apr. 2009 Distributri di carburanti liquidi per auttrazine (benzina, gasli) Sistema di alimentazine: TT, TN-S, Nrme di riferiment: Nrma CEI 64-8 "Impianti

Dettagli

Istruzione e formazione all imprenditorialità

Istruzione e formazione all imprenditorialità Istruzine e frmazine all imprenditrialità L istruzine e la frmazine all imprenditrialità è il punt di partenza per sviluppare ed espandere l attività dei prfessinisti, miglirand la lr cnscenza e le lr

Dettagli

MODULISTICA PRIVACY PAGINA 2 20 GIUGNO 2006

MODULISTICA PRIVACY PAGINA 2 20 GIUGNO 2006 LA PRIVACY MODULISTICA PAGINA 2 20 GIUGNO 2006 PREMESSA Il Cdice della Privacy prevede che, per effettuare legittimamente il trattament dei dati persnali, si attuin una serie di incmbenti frmali quali

Dettagli

Disciplinare Esenzione a Fini Terapeutici attuativo dell International Standard for Therapeutic Use Exemptions (TUE) WADA

Disciplinare Esenzione a Fini Terapeutici attuativo dell International Standard for Therapeutic Use Exemptions (TUE) WADA Disciplinare Esenzine a Fini Terapeutici attuativ dell Internatinal Standard fr Therapeutic Use Exemptins (TUE) WADA DISCIPLINARE ESENZIONE A FINI TERAPEUTICI Articl 1 Criteri per la cncessine di una TUE

Dettagli

PROGETTO RECUPERO DELLE DIFFICOLTA DI LETTURA E SCRITTURA

PROGETTO RECUPERO DELLE DIFFICOLTA DI LETTURA E SCRITTURA ann sclastic 2007-2008 PROGETTO RECUPERO DELLE DIFFICOLTA DI LETTURA E SCRITTURA Scula Media classi Prime, Secnde e Terze (applicazine del Metd FEUERSTEIN) 1 MOTIVAZIONE E BISOGNI Il Cllegi dei Dcenti,

Dettagli

Prot. n. 10985/U Prot. n. 59168/DB1507 Torino, 30 ottobre 2009 Circ. Reg. nr. 326

Prot. n. 10985/U Prot. n. 59168/DB1507 Torino, 30 ottobre 2009 Circ. Reg. nr. 326 Minister dell Istruzine dell Università e Uffici Sclastic Reginale per il Piemnte Direzine Generale Assessrat all Istruzine e Frmazine Prfessinale Prt. n. 10985/U Prt. n. 59168/DB1507 Trin, 30 ttbre 2009

Dettagli

art. 32 - D.Lgs 81/2008 e s.m.i. Modulo B Ateco 9 Servizi

art. 32 - D.Lgs 81/2008 e s.m.i. Modulo B Ateco 9 Servizi art. 32 - D.Lgs 81/2008 e s.m.i. Mdul B Atec 9 Servizi Crs di specializzazine per RSPP e ASPP adeguat alla natura dei rischi presenti nei lughi di lavr e relativi alle attività lavrative: PROGRAMMA DEL

Dettagli

Manuale di Gestione Documentale (art. 5 DPCM 3/12/2013) Procedura Organizzativa Amministratori di Sistema

Manuale di Gestione Documentale (art. 5 DPCM 3/12/2013) Procedura Organizzativa Amministratori di Sistema Cmune di Casavatre in cllabrazine cn Manuale di Gestine Dcumentale (art. 5 DPCM 3/12/2013) Prcedura Organizzativa Amministratri di Sistema Cd. MANGEDOC Rev. 1.0 Data: 06-11-2015 Smmari: Nel presente dcument

Dettagli

ACCESSO STABILIMENTO VISITATORI ESTERNI

ACCESSO STABILIMENTO VISITATORI ESTERNI 30/11/2015 Pagina 1 di 7 INDICE REVISIONI REV DATA MODIFICA REDATTA: VERIFICATA: EMESSA: DATORE DI LAVORO: 00 01.12.2014 Prima emissine Cialdni Maletta Ilaria RSPP Alè Giuseppe Cialdni Sante Zandò 01 12.11.2015

Dettagli

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD. Tipo Ente: Comune. Ufficio: Servizi sociali

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD. Tipo Ente: Comune. Ufficio: Servizi sociali CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD Tip Ente: Cmune Uffici: Servizi sciali Servizi: Centr sciale terza età INDICE Smmari 1 OGGETTO E CONTENUTI... 3 1.1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO OGGETTO DI CUSTOMER SATISFACTION...

Dettagli

E.mail: info@dadaconsulting.com www.dadaconsulting.com

E.mail: info@dadaconsulting.com www.dadaconsulting.com Criteri di qualificazine dei frmatri di salute e sicurezza Decret iintermiiniisteriialle 6 marz 2013 E.mail: inf@dadacnsulting.cm www.dadacnsulting.cm e VISTO il decret legislativ 9 aprile 2008, n. 81,

Dettagli

, progettati e realizzati in loco ricorrendo alle risorse umane presenti nelle strutture d Ateneo

, progettati e realizzati in loco ricorrendo alle risorse umane presenti nelle strutture d Ateneo PROGETTO FORMATIVO COMUNICAZIONE EFFICACE E GESTIONE DEL CONFLITTO NEL FRONT-OFFICE PREMESSA L rientament al cliente è una prergativa indispensabile per la crescita e la cmpetitività di un rganizzazine

Dettagli

E.C.M. Educazione Continua in Medicina. Servizi web. Manuale utente

E.C.M. Educazione Continua in Medicina. Servizi web. Manuale utente E.C.M. Educazine Cntinua in Medicina Servizi web Manuale utente Versine 1.0 maggi 2015 E.C.M. Servizi web: invi autmatic Indice 2 eventi e pian frmativ Indice Revisini 3 1. Intrduzine 4 2. 5 2.1 Verifica

Dettagli

AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO - ASL AT

AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO - ASL AT Allegat B AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO - ASL AT SCHEDA INFORMATIVA PER LA NOTIFICA RELATIVA A COSTRUZIONE, AMPLIAMENTO O RISTRUTTURAZIONE DI EDIFICI O LOCALI DA ADIBIRE AD

Dettagli

WAS Monitoring Valutazione rischio Work organization

WAS Monitoring Valutazione rischio Work organization Mnitring Valutazine rischi Wrk rganizatin Premessa In base ai dcumenti dell WHO(OMS), alle linee guida eurpee, all Accrd Eurpe del 2004 sull stress lavr crrelat e in base al dcument ICF dell OMS 2001 che

Dettagli

Servizi di pulizia ed altri servizi per le Scuole ed i Centri di Formazione - Criteri di sostenibilità

Servizi di pulizia ed altri servizi per le Scuole ed i Centri di Formazione - Criteri di sostenibilità Servizi di pulizia ed altri servizi per le - Criteri di sstenibilità 1. Oggett dell iniziativa La Cnvenzine prevede la frnitura del servizi di pulizia ed altri servizi tesi al manteniment del decr e della

Dettagli

Gli interventi dell AUSL in integrazione con i Servizi Sociali in materia di tutela dei minori e degli adolescenti

Gli interventi dell AUSL in integrazione con i Servizi Sociali in materia di tutela dei minori e degli adolescenti PROMOZIONE E PROTEZIONE DEI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA Incntr cn il Garante dell Emilia-Rmagna Reggi Emilia e Mdena Mdena 11 giugn 2015 Gli interventi dell AUSL in integrazine cn i Servizi

Dettagli

STRUMENTI ORGANIZZATIVI

STRUMENTI ORGANIZZATIVI STRUMENTI ORGANIZZATIVI IL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (spp) IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (rspp) IL RAPPRESENTANTE DELLA SICIREZZA DEI LAVORATORI (rls) IL MEDICO COMPETENTE

Dettagli

VADEMECUM INCLUSIONE

VADEMECUM INCLUSIONE www.ictramnti.gv.it Autnmia Sclastica n. 24 Istitut Cmprensiv Statale G. Pascli Via Orsini - 84010 Plvica - Tramnti (SA) - Tel e Fax. 089876220 - C.M. SAIC81100T - C.F. 80025250657 Email :saic81100t@istruzine.it-

Dettagli

FATTURA ELETTRONICA PA

FATTURA ELETTRONICA PA Sistema Infrmativ PA FATTURA ELETTRONICA PA IL QUADRO DI RIFERIMENTO L intrduzine della fattura elettrnica è stata avviata cn la Legge n. 244 del 2007, che ne ha intrdtt l bblig, rinviand le mdalità di

Dettagli

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD. Tipo Ente: Trasversale. Servizio: Valutazione Sito internet

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD. Tipo Ente: Trasversale. Servizio: Valutazione Sito internet CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD Tip Ente: Trasversale Servizi: Valutazine Sit internet INDICE Smmari 1 OGGETTO E CONTENUTI... 3 1.1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO OGGETTO DI CUSTOMER SATISFACTION... 4 1.2 DESCRIZIONE

Dettagli

Mon Ami 3000. Gestione della packing list

Mon Ami 3000. Gestione della packing list Prerequisiti Mn Ami 3000 Packing list Gestine della packing list L pzine Packing list è dispnibile per le versini Azienda Light e Azienda Pr. Intrduzine L'pzine Packing list cnsente di velcizzare la gestine

Dettagli

ICBPI S.P.A. Stipula contratto online con certificato qualificato e riconoscimento tramite bonifico bancario. ICBPI S.p.A.

ICBPI S.P.A. Stipula contratto online con certificato qualificato e riconoscimento tramite bonifico bancario. ICBPI S.p.A. ICBPI S.P.A. Stipula cntratt nline cn certificat qualificat e ricnsciment tramite bnific bancari Presentata da: ICBPI S.p.A. Stipula cntratt nline cn certificat qualificat e ricnsciment tramite bnific

Dettagli

Testo unico dell apprendistato (D.Lgs. 14 settembre 2011, n. 167)

Testo unico dell apprendistato (D.Lgs. 14 settembre 2011, n. 167) Test unic dell apprendistat (D.Lgs. 14 settembre 2011, n. 167) Cntratti cllettivi nazinali del lavr (CCNL) Accrd del 23 aprile 2012 tra Regine del Venet e Parti Sciali per la frmazine degli apprendisti

Dettagli

A. Relazione illustrativa

A. Relazione illustrativa Cntrattintegrativecnmicperl utilizzazinedelfnddelpersnalenn dirigenzialeann2012sttscrittil24settembre2012.relazineillustrativae tecnicfinanziaria(articl 40, cmma 3 sexies, Decret Legislativ n.165/2001;

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO (Articoli 18, 28, 29 D. Lgs. 9 aprile 2008) Data: 02/07/2009 Azienda: Azienda SPA Indirizzo: Via Roma, 1 Città: Milano EDIZIONE DATA DESCRIZIONE FIRMA (datore lavoro) Principale

Dettagli

art. 32 - D.Lgs 81/2008 e s.m.i. Modulo B Ateco 6

art. 32 - D.Lgs 81/2008 e s.m.i. Modulo B Ateco 6 art. 32 - D.Lgs 81/2008 e s.m.i. Mdul B Atec 6 Cmmerci/Trasprti Crs di specializzazine per RSPP e ASPP adeguat alla natura dei rischi presenti nei lughi di lavr e relativi alle attività lavrative: PROGRAMMA

Dettagli

Impianti per l applicazione delle vernici inpolvere

Impianti per l applicazione delle vernici inpolvere Impianti per l applicazine delle vernici inplvere Gianluigi Barni Gema Eurpa Lay ut tipic dell impiant Lay ut tipic dell impiant Per la prduzine di piccle serie spess è sufficiente una cabina per l applicazine

Dettagli

Una Promozione è costituita dalla definizione di una proposta di vendita di uno o più Articoli ad un prezzo diverso da quello normale di vendita.

Una Promozione è costituita dalla definizione di una proposta di vendita di uno o più Articoli ad un prezzo diverso da quello normale di vendita. Scnti, Buni e Prmzini Shp_Net è dtat di un sistema di gestine dei Buni e delle Prmzini cmplet e flessibile, in grad di generare autmaticamente Buni di Acquist destinati ai Clienti secnd specifiche definite

Dettagli

Tipo Ente: Trasversale. Ufficio: Servizio Biblioteca. Servizio: Prestito/consultazione

Tipo Ente: Trasversale. Ufficio: Servizio Biblioteca. Servizio: Prestito/consultazione Tip Ente: Trasversale Uffici: Servizi Bibliteca Servizi: Prestit/cnsultazine INDICE Smmari 1 Oggett e cntenuti... 3 1.1 Descrizine del servizi ggett di custmer satisfactin... 4 1.2 Descrizine del prcess

Dettagli

Natalizumab (TYSABRI): aggiornamento sulle misure di minimizzazione del rischio di PML

Natalizumab (TYSABRI): aggiornamento sulle misure di minimizzazione del rischio di PML NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON LE AUTORITA REGOLATORIE EUROPEE E L AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA) 11 Marz 2016 Natalizumab (TYSABRI): aggirnament sulle misure di minimizzazine del rischi

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO Dcument Unic di Valutazine dei Rischi Interferenti D.U.V.R.I. per la gestine del servizi di distributri autmatici di bevande calde,

Dettagli

Responsabilità Civile Professionale Tutela Legale Chimici Tecnici Laureati o Diplomati Liberi Professionisti

Responsabilità Civile Professionale Tutela Legale Chimici Tecnici Laureati o Diplomati Liberi Professionisti Respnsabilità Civile Prfessinale Tutela Legale Chimici Tecnici Laureati Diplmati Liberi Prfessinisti Underwriting Insurance Agency s.r.l. Llyd s Cverhlder Crs sempine, 61 20149 Milan Tel. +39 02-54122532

Dettagli

SenTaClAus Sentiment Tagging & Clustering Analysis on web & social contents

SenTaClAus Sentiment Tagging & Clustering Analysis on web & social contents Via Marche 10 56123 Pisa Phne +39.050.552574 Fax +39.1782239361 inf@netseven.it - www.netseven.it P.IVA 01577590506 REGIONE TOSCANA POR CReO FESR 2007 2013 LINEA D INTERVENTO 1.5.a - 1.6 BANDO UNICO R&S

Dettagli

Manuale Utente. Data : 06/06/2012 Versione : 1.9

Manuale Utente. Data : 06/06/2012 Versione : 1.9 Sistema Infrmativ di EMITTENTI Data : 06/06/2012 Versine : 1.9 Stria delle mdifiche Data Versine Tip di mdifica 09/07/2006 1.0 Creazine del dcument 10/04/2007 1.1 Mdifica del dcument 24/04/2007 1.2 Mdificata

Dettagli

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD Tip Ente: Cmune Uffici: Relazini cn il Pubblic Servizi: Assistenza Dmiciliare INDICE Smmari 1 OGGETTO E CONTENUTI... 3 1.1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO OGGETTO DI CUSTOMER

Dettagli

Cabina MT/BT. Prescrizioni particolari:

Cabina MT/BT. Prescrizioni particolari: Prescrizini Particlari e Verifiche Ultim aggirnament: dicembre 2008 Prescrizini particlari: Nelle cabine elettriche d'utente MT/BT ccrre installare il cmand di emergenza se l'attività alimentata dalla

Dettagli

Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPRESAL)

Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPRESAL) ASLSanluri BUONE PRATICHE Servizi Prevenzine e Sicurezza negli Ambienti di Lavr (SPRESAL) Il Servizi: Prevenzine e Sicurezza negli Ambienti di Lavr (SPRESAL), ha cme funzine fndamentale quella di prmuvere

Dettagli

Laurea in Psicologia (1981), Università degli Studi di Padova. Master in Linguistica (1985), State University of New York at Buffalo

Laurea in Psicologia (1981), Università degli Studi di Padova. Master in Linguistica (1985), State University of New York at Buffalo Genva, 18 ttbre 1956-20 gennai 2006 Titli di Studi Laurea in Psiclgia (1981), Università degli Studi di Padva Master in Linguistica (1985), State University f New Yrk at Buffal Dttrat in Psiclgia Cgnitiva

Dettagli

Evoluzione delle propulsioni Implicazioni su Qualità, Affidabilità e Sicurezza

Evoluzione delle propulsioni Implicazioni su Qualità, Affidabilità e Sicurezza Evluzine delle prpulsini 22 aprile 2015 Analisi dei rischi di un impiant innvativ Dual Fuel (LNG-Diesel) per l alimentazine di autmezzi a cicl diesel Elena Stefana PhD student Prgett di Ricerca PROGETTO

Dettagli

Ordine Avvocati Torino

Ordine Avvocati Torino Trin, Aprile 2015 La presente è per cmunicarvi che è stata stipulata una cnvenzine tra la Wlters Kluwer Italia, leader nella frnitura di sftware e cntenuti editriali che annvera i più prestigisi brand

Dettagli

Regolamento della negoziazione delle azioni, dei diritti d'opzione, delle obbligazioni convertibili e cum warrant di BPAA

Regolamento della negoziazione delle azioni, dei diritti d'opzione, delle obbligazioni convertibili e cum warrant di BPAA Reglament della negziazine delle azini, dei diritti d'pzine, delle bbligazini cnvertibili e cum warrant di BPAA Apprvat dal Cnsigli di amministrazine del 19 settembre 2014 1 Dcument apprvat, nella sua

Dettagli

Griglia di valutazione della scuola secondaria

Griglia di valutazione della scuola secondaria Griglia di valutazine della scula secndaria Criteri CONOSCENZE COMPETENZE e indicatri desunti dal frmat SAPERE F. Cmunicare G. Individuare cllegamenti e relazini Cnsce i cntenuti in riferiment alle discipline

Dettagli

E l arte suprema dell insegnante, risvegliare la gioia della creatività e della conoscenza Albert Einstein

E l arte suprema dell insegnante, risvegliare la gioia della creatività e della conoscenza Albert Einstein Lice Classic - Lice Artistic - Lice Scientific - I.P.S.I.A. E l arte suprema dell insegnante, risvegliare la giia della creatività e della cnscenza Albert Einstein Ann Sclastic: 2013/2014 1 Lice Classic

Dettagli

inquinamento acustico inquinamento elettromagnetico o o o o o

inquinamento acustico inquinamento elettromagnetico o o o o o 1 TUTELA DELL ARIA impianti industriali inquinament atmsferic (cause antrpiche) veicli a mtre impianti termici inquinament acustic Inquinament dell aria inquinament elettrmagnetic Elettrdtti Impianti radielettrici

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA TECNOLOGIA E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Classi 2 ITI A.S. 2014-15

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA TECNOLOGIA E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Classi 2 ITI A.S. 2014-15 Impssibile visualizzare l'immagine. La memria del cmputer ptrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine ppure l'immagine ptrebbe essere danneggiata. Riavviare il cmputer e aprire di nuv il file. Se

Dettagli

ASSISTENTE FAMILIARE

ASSISTENTE FAMILIARE ALLEGATO 1 ASSISTENTE FAMILIARE DESCRIZIONE SINTETICA L Assistente familiare è una figura cn caratteristiche pratic-perative, la cui attività è rivlta a garantire assistenza a persne autsufficienti e nn,

Dettagli

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD. Tipo Ente: Comune. Ufficio: Anagrafe. Servizio: Rilascio certificati

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD. Tipo Ente: Comune. Ufficio: Anagrafe. Servizio: Rilascio certificati CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD Tip Ente: Cmune Uffici: Anagrafe Servizi: Rilasci certificati INDICE Smmari 1 OGGETTO E CONTENUTI... 3 1.1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO OGGETTO DI CUSTOMER SATISFACTION...

Dettagli

Cosa è la valutazione dei rischi

Cosa è la valutazione dei rischi 1 Principali obiettivi formativi Cos è la la valutazione dei rischi Chi deve fare la la valutazione Documento della valutazione Criteri per la la valutazione Cosa è la valutazione dei rischi Secondo il

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: Via Mranti, 4 Castelnv né mnti INDIRIZZO: Servizi sci sanitari DOCENTE: Liguri Tiziana CLASSE: 2^E MATERIA DI INSEGNAMENTO: Metdlgie perative LIVELLI DI PARTENZA

Dettagli

BILANCIO DI CARRIERA E PERSONALE

BILANCIO DI CARRIERA E PERSONALE BILANCIO DI CARRIERA E PERSONALE Cnsci te stess. Scrate Se nn sai dve andare nn pss dirti cme arrivare. Prverbi Il bilanci di cmpetenze è un percrs di rientament che serve a realizzare scelte e/ cambiamenti

Dettagli

SCADENZE A CHI SI RIVOLGE DESCRIZIONE Febbraio- Aprile

SCADENZE A CHI SI RIVOLGE DESCRIZIONE Febbraio- Aprile 1. Che cs è AROF? AROF, che letteralmente significa Anagrafe Reginale Obblig Frmativ, è un sistema infrmatic, nat nel 2004, per far frnte alla legge sull bblig frmativ (Legge 9 del gennai 1999). Le due

Dettagli

Ascensori e montacarichi (Prescrizioni particolari e verifiche)

Ascensori e montacarichi (Prescrizioni particolari e verifiche) Ascensri e mntacarichi (Prescrizini particlari e verifiche) Ultim aggirnament: 1 apr. 2008 Prescrizini particlari Cmand di emergenza (vedi scheda "Cmand di emergenza"): In base al DM 8/3/85 il cmand di

Dettagli

Allegato al Documento di Valutazione dei Rischi per la Sicurezza e la Salute durante il Lavoro ( art. 28 comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.

Allegato al Documento di Valutazione dei Rischi per la Sicurezza e la Salute durante il Lavoro ( art. 28 comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m. Allegat al Dcument di Valutazine dei Rischi per la Sicurezza e la Salute durante il Lavr ( art. 28 cmma 2, D.Lgs. 81/08 Il e presente s.m.i) dcument viene Pagina 0 di 27 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PICERNO

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE STRADALE

IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE STRADALE Illuminazine stradale Ultim aggirnament: 1 apr. 2009 IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE STRADALE Sistema di alimentazine: TT, TN Nrme di riferiment: Nrma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatri a tensine

Dettagli

InfoCenter Product a PLM Product

InfoCenter Product a PLM Product InfCenter Prduct a PLM Prduct Inf Center Prduct Cmpnenti di Inf Center Prduct La gestine dcumenti Definizine e ggett Acquisizine di un ggett Funzini sugli ggetti L integrazine prgettazine e gestinali Le

Dettagli

ALOT - Agenzia della Lombardia Orientale per i Trasporti e la Logistica Società Consortile a Responsabilità Limitata AVVISO PUBBLICO

ALOT - Agenzia della Lombardia Orientale per i Trasporti e la Logistica Società Consortile a Responsabilità Limitata AVVISO PUBBLICO ALOT - Agenzia della Lmbardia Orientale per i Trasprti e la Lgistica Scietà Cnsrtile a Respnsabilità Limitata AVVISO PUBBLICO ALOT - Agenzia della Lmbardia Orientale per i Trasprti e la Lgistica è una

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PER RLS (Rappresentante dei Lavoratori per Sicurezza)

CORSI DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PER RLS (Rappresentante dei Lavoratori per Sicurezza) Ente ricnsciut cn delibera 3 dic. 1998 n 40001 della Regine Lmbardia Centr Servizi e Frmazine accreditat press la Regine Lmbardia CORSI DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PER RLS (Rappresentante dei Lavratri

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ATTO N. 124 del 27/08/2015 DOCUMENTO FIRMATO DIGITALMENTE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ATTO N. 124 del 27/08/2015 OGGETTO: PROVVEDIMENTI IN MERITO ALLA DELIBERAZIONE DELL'ASSEMBLEA LEGISLATIVA

Dettagli

ISPESL LINEE GUIDA PER LA "VALUTAZIONE DEL RISCHIO" D. L.vo 626/94

ISPESL LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO D. L.vo 626/94 ISPESL ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA SUL LAVORO LINEE GUIDA PER LA "VALUTAZIONE DEL RISCHIO" D. L.v 626/94 Applicazine agli Uffici Amministrativi ed ai Labratri Scientifici di strutture

Dettagli

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD. Tipo Ente: Provincia. Ufficio: Centri per l impiego

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD. Tipo Ente: Provincia. Ufficio: Centri per l impiego CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD Tip Ente: Prvincia Uffici: Centri per l impieg Servizi: Supprt alla ricerca del lavr INDICE Smmari 1 OGGETTO E CONTENUTI... 3 1.1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO OGGETTO DI CUSTOMER

Dettagli

DataCubex Business Intelligence. Soluzioni del futuro

DataCubex Business Intelligence. Soluzioni del futuro DataCubex Business Intelligence Sluzini del futur pagina 2 Intrduzine L analisi OLAP (On Line Analytical Prcessing) è un insieme di tecniche sftware utilizzate per analizzare velcemente grandi quantità

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI ANIMATI E INANIMATI NELLE STRUTTURE SANITARIE (OSPEDALI E CASE DI CURA)

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI ANIMATI E INANIMATI NELLE STRUTTURE SANITARIE (OSPEDALI E CASE DI CURA) MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI ANIMATI E INANIMATI NELLE STRUTTURE SANITARIE (OSPEDALI E CASE DI CURA) Applicazine del TITOLO VI e dell ALLEGATO XXXIII del D.Lgs 81/2008 (mdif. dal D.Lgs 106/09) e

Dettagli

L Istituto Comprensivo statale Martin Luther King Caltanissetta di

L Istituto Comprensivo statale Martin Luther King Caltanissetta di Reg. cntratti N 225 Prt.n.0005107/C41 del 06 Nvembre 2014 CIG:ZD611CCB7D CONTRATTO DI PRESTAZIONE D'OPERA PROFESSIONALE OCCASIONALE RELATIVO ALLA GESTIONE DELLA SICUREZZA IN QUALITA DI R.S.P.P. ai sensi

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO LUDOTECA PETER PAN. Peter Pan. Servizio di Ludoteca Il gioco come strumento di crescita individuale e sociale

CARTA DEL SERVIZIO LUDOTECA PETER PAN. Peter Pan. Servizio di Ludoteca Il gioco come strumento di crescita individuale e sociale Peter Pan Servizi di Ludteca Il gic cme strument di crescita individuale e sciale CARTA DEL SERVIZIO E MANSIONARIO Quand pensiam ai nstri figli, prima di chiederci cme li vrremm, pensiam bene a quali sn

Dettagli

CODICE ETICO E DEONTOLOGICO POLITICA SUI REGALI E SULL INTRATTENIMENTO

CODICE ETICO E DEONTOLOGICO POLITICA SUI REGALI E SULL INTRATTENIMENTO CODICE ETICO E DEONTOLOGICO POLITICA SUI REGALI E SULL INTRATTENIMENTO POLITICA SUI REGALI E SULL INTRATTENIMENTO Offrire ricevere regali aziendali e intrattenimenti è spess un md apprpriat utilizzat tra

Dettagli

all interno del quale la sottoscritta svolge il ruolo di mandataria o responsabile del consorzio. D I C H I A R A

all interno del quale la sottoscritta svolge il ruolo di mandataria o responsabile del consorzio. D I C H I A R A ALLEGATO 1 DICHIARAZIONE ED ISTANZA DI PARTECIPAZIONE PER CONCORRENTI SINGOLI, SOCIETA MANDATARIE (IN CASO DI R.T.I.) O SOCIETA RESPONSABILI DEL CONSORZIO resa ai sensi degli articli 38, 46 e 47 D.P.R.

Dettagli

Gestione della conoscenza (Knowledge Management, KM) nelle aziende sanitarie

Gestione della conoscenza (Knowledge Management, KM) nelle aziende sanitarie Gestine della cnscenza (Knwledge Management, KM) nelle aziende sanitarie Schema dell intervent del dtt. Michele Tringali Azienda Ospedaliera di Udine - www.spedaleudine.it/kc 1. Intrduzine Grandi successi

Dettagli

Nota di rilascio protocollo client / server. Vers. 5.02.02

Nota di rilascio protocollo client / server. Vers. 5.02.02 30 gennai 2013 Nta di rilasci prtcll client / server. Vers. 5.02.02 referente Marc Stanisci Stefan Cciancich rivlt a biettiv autrizzat IAQ-AQ-MD-01-bis Pag.1 di 16 30 gennai 2013 SOMMARIO 1. TABELLA ANAGRAFICA...

Dettagli

Scuola secondaria di 1 grado F. Malaguti Valsamoggia Anno scolastico 2014/2015 Programmazione per competenze Curricolo classi prime -tecnologia

Scuola secondaria di 1 grado F. Malaguti Valsamoggia Anno scolastico 2014/2015 Programmazione per competenze Curricolo classi prime -tecnologia Scula secndaria di 1 grad F. Malaguti Valsamggia Ann sclastic 2014/2015 Prgrammazine per cmpetenze Curricl classi prime -tecnlgia Traguardi per l svilupp delle cmpetenze al termine della scula secndaria

Dettagli

Via F. Lana, 1-25020 FLERO (BS) Tel. 0303582748 Fax 03072131184 www.themissoluzioni.it info@themissoluzioni.it. gruppo axelera.

Via F. Lana, 1-25020 FLERO (BS) Tel. 0303582748 Fax 03072131184 www.themissoluzioni.it info@themissoluzioni.it. gruppo axelera. Via F. Lana, 1-25020 FLERO (BS) Tel. 0303582748 Fax 03072131184 www.sluzini.it inf@sluzini.it grupp axelera sluzini Obiettiv Scp del presente dcument è descrivere il prdtt Nprinting, il più evlut add-in

Dettagli