AUTORITA' PORTUALE DI RAVENNA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AUTORITA' PORTUALE DI RAVENNA"

Transcript

1 AUTORITA' PORTUALE DI RAVENNA Delibera n. 14 del Comitato Portuale dell 8 luglio 2016 Prog. n «Concessione e servizio di pulizia delle aree comuni e manutenzione delle aree verdi nel Pubblico Demanio Marittimo del porto canale di Ravenna nonché nelle aree in gestione all Autorità Portuale di Ravenna per gli esercizi 2016/2020» Rivisitazione progetto Il Comitato Portuale - vista la Legge 28 gennaio 1994 n. 84 "Riordino della legislazione in materia portuale" e successive modificazioni e integrazioni; - visto l'art. 6, comma 1, lett. b e comma 5 della citata Legge 84/94 ai sensi del quale l'esercizio delle attività di manutenzione delle parti comuni è affidato dall'autorità Portuale mediante gara pubblica; - visti gli art. 8 comma 3, lettera e) e art. 9, comma 3, lettera e) della citata Legge 84/94 che prescrivono che le delibere di cui all art. 6, comma 5, sono proposte dal Presidente dell Autorità Portuale ed adottate dal Comitato Portuale; - visto il bilancio di previsione dell'autorità Portuale di Ravenna per l'esercizio finanziario 2016, adottato con Delibera del Comitato Portuale n. 17 del ed approvato, ai sensi dell'art. 12 della L. 84/94, dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con nota prot. n. M_INF/VPTM/5947 del , ns. prot. n del ; - visto il Regolamento di amministrazione e contabilità dell Autorità Portuale di Ravenna approvato dall'ente con Delibera di Comitato Portuale n. 2 del e dal Ministero dei Trasporti con nota del rif. M_TRA/DINFR/Prot. n (ns. prot. n del ); - visto il "Regolamento di organizzazione e di funzionamento della segreteria tecnico-operativa dell'autorità Portuale di Ravenna" approvato con Delibera Presidenziale n. 167 del ; - visto il D.M Identificazione dei servizi di interesse generale nei porti da fornire a titolo oneroso all utenza portuale ed in particolare il disposto dell art. 2 relativamente alla possibilità dell applicazione dell art. 6 comma1 lettera b) della Legge n.84; - visto il D.Lgs , n. 50 Attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d appalto degli enti erogatori nei settori dell acqua, dell energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 91 del 19 aprile 2016 Suppl. Ord. n. 10, in vigore dal 19 aprile 2016, che sostituisce il D.Lgs n. 163 e parte del D.P.R n. 207; - visto il D.P.R n.207 Regolamento di esecuzione ed attuazione del D.Lgs n.163 e s.m.i., per le parti ancora vigenti ai sensi dell art. 216 del D.Lgs , n. 50 Disposizioni transitorie, di coordinamento e abrogazioni ; - visto, in particolare, l art. 216 del D.Lgs , n. 50 Disposizioni transitorie, di coordinamento e abrogazioni, il quale disciplina il regime transitorio, in attesa dell entrata in vigore degli atti attuativi della nuova normativa;

2 - vista la Delibera del Comitato Portuale n. 10 del con la quale, in considerazione della scadenza del «Servizio di pulizia delle aree comuni e manutenzione delle aree verdi nel Pubblico Demanio Marittimo del porto-canale di Ravenna nonché nelle aree in gestione all'autorità Portuale di Ravenna - Esercizi », sono stati approvati gli elaborati relativi al progetto della «Concessione di servizio di pulizia delle aree comuni e manutenzione delle aree verdi nel pubblico demanio marittimo del porto canale di Ravenna nonché nelle aree in gestione all Autorità Portuale di Ravenna per gli esercizi 2016/2020» e le modalità di affidamento mediante esperimento di procedura aperta ai sensi dell art. 60 del D. Lgs n. 50, richiamato dall art. 164, comma 2, del D. Lgs n. 50, ed aggiudicazione col criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell art. 95 del D. Lgs n. 50, richiamato dall art. 164, comma 2, del D. Lgs n. 50, per un costo complessivo del servizio pari ad ,08 ed un quadro economico pari a ,00 nonché il correlato impegno di spesa; - tenuto conto che, a partire dal , l Autorità Nazionale Anticorruzione ha pubblicato i primi documenti di consultazione, preliminari alla predisposizione degli atti normativi previsti dal D.Lgs , n. 50, da sottoporre alle osservazioni dei soggetti interessati; - visto il Comunicato dell Autorità Nazionale Anticorruzione del che fornisce Indicazioni sul regime transitorio nel nuovo Codice degli appalti e delle concessioni e, in particolare, agli articoli 216, co. 1 e 220; - visto il Comunicato dell Autorità Nazionale Anticorruzione dell che fornisce Indicazioni operative alle stazioni appaltanti e agli operatori economici a seguito dell entrata in vigore del Codice dei Contratti Pubblici, d.lgs. n. 50 del , a riscontro delle numerose richieste di chiarimenti pervenute in relazione alla normativa da applicare per alcune procedure di affidamento disciplinate dall abrogato d.lgs. 163/2006, all operatività di alcune norme introdotte dal D.Lgs , n. 50 e al periodo transitorio relativo al passaggio dal vecchio al nuovo Codice; - visto il Comunicato dell Autorità Nazionale Anticorruzione dell avente a oggetto Questioni interpretative relative all applicazione delle disposizioni del d.lgs. 50/2016 nel periodo transitorio e le FAQ ad esso allegate, con cui è dato ulteriore riscontro alle numerose richieste di chiarimenti pervenute in relazione all applicazione delle disposizioni del nuovo Codice e alla disciplina applicabile nel periodo transitorio, al fine di garantire l unitarietà e l organicità delle indicazioni operative e interpretative fornite e l immediata fruibilità delle stesse da parte della generalità degli operatori economici e delle stazioni appaltanti; - tenuto conto che, alla luce della nuova disciplina introdotta dal D.Lgs , n. 50, come meglio specificata nei successivi comunicati e nei documenti di consultazione preliminari predisposti dall Autorità Nazionale Anticorruzione, si è reso indispensabile procedere ad una organica ed ulteriore revisione degli elaborati progettuali già predisposti dalla Direzione Tecnica ed approvati con Delibera del Comitato Portuale n. 10 del ; - considerato che, oltre ad essere apportare alcune migliorie tecniche al progetto, è stata ridefinita la natura del contratto da affidare per l intervento di cui trattasi, che prevede sia elementi di concessione sia di appalto di servizi, configurando un contratto misto da aggiudicarsi, ai sensi dell art. 169, co. 9, del D.Lgs , n. 50, in conformità alle disposizioni che disciplinano gli appalti nei settori ordinari; - presto atto della Delibera Commissariale n. 19 del con la quale, in relazione ai tempi necessari per l espletamento della nuova procedura d appalto, è stata approvata una proroga tecnica di 6 mesi all attuale affidatario del Servizio di pulizia delle aree comuni e manutenzione delle aree verdi nel Pubblico Demanio Marittimo del porto-canale di Ravenna nonché nelle aree in gestione all'autorità Portuale di Ravenna - esercizi agli stessi patti e condizioni del contratto in essere, secondo la possibilità ipotizzata a suo tempo in sede di approvazione del progetto con Delibera del Comitato Portuale n. 6 del ;

3 - esaminati gli elaborati progettuali rivisitati dalla Direzione Tecnica Area Progetti ed Appalti dell Autorità Portuale di Ravenna secondo le modalità e i contenuti sopra descritti, relativi alla «Concessione e servizio di pulizia delle aree comuni e manutenzione delle aree verdi nel pubblico demanio marittimo del porto canale di Ravenna nonché nelle aree in gestione all Autorità Portuale di Ravenna per gli esercizi 2016/2020», dai quali risulta che il valore stimato dei servizi da affidare in concessione, determinato ai sensi dell art. 167 del D. Lgs n. 50, ammonta ad un importo quadriennale di ,02 (di cui 3.232,90 di oneri per la sicurezza da interferenza non soggetti a ribasso), oltre ad ,75 (di cui 404,11 per oneri di sicurezza ) per eventuale riaffidamento della Concessione sino ad un massimo di mesi 6, mentre il valore stimato dei servizi da affidare in appalto, determinato ai sensi dell art. 35 del D. Lgs n. 50, ammonta ad un importo quadriennale di ,80 (di cui di oneri per la sicurezza da interferenza non soggetti a ribasso), oltre ad ,73 (di cui 2.914,50 per oneri di sicurezza da interferenza), per eventuale ri-affidamento del servizio sino ad un massimo di mesi 6; - preso atto, pertanto, che l importo stimato complessivo quadriennale dell affidamento ammonta ad ,82 (di cui ,90 di oneri per la sicurezza da interferenza non soggetti a ribasso), oltre ad ,48 (di cui 3.318,61 per oneri di sicurezza da interferenza), per eventuale riaffidamento sino ad un massimo di mesi 6, per complessivi ,30 (di cui ,51 per oneri di sicurezza da interferenza); - considerato che l art.1, comma 67 della Legge , n. 266 prevede che l Autorità per la Vigilanza sui Lavori Pubblici ora ANAC, ai fini della copertura dei costi relativi al proprio funzionamento, determini annualmente l ammontare delle contribuzioni dovute dai soggetti pubblici e privati, sottoposti alla sua vigilanza, nonché le relative modalità di riscossione; - preso atto che l Autorità Nazionale Anticorruzione, con propria Deliberazione del , ha stabilito che per quanto riguarda le procedure di scelta del contraente, finalizzate alla realizzazione di lavori ovvero all acquisizione di servizi o forniture, le Stazioni Appaltanti sono tenute all attivazione del Codice Identificazione del procedimento di scelta del contraente (CIG); - preso atto, inoltre, che la legge 13 agosto 2010, n. 136 e s.m.i. in materia di tracciabilità dei flussi finanziari, prevede l obbligo di riportare il codice identificativo di gara (CIG) su ciascuna transazione posta in essere dalle stazioni appaltanti e dagli altri soggetti di cui all art. 3, comma 1, della medesima legge; - tenuto conto che con la delibera dell Autorità Nazionale Anticorruzione n. 163 del di cui sopra, sono stati inoltre individuati gli importi e le modalità di versamento dei contributi sopra citati, che per appalti di importo uguale o maggiore a ,00 e inferiore a ,00 è pari a 600,00, da effettuarsi a seguito del ricevimento del MAV (Pagamento mediante avviso) emesso dall ANAC a cadenza quadrimestrale, per un importo complessivo pari alla somma delle contribuzioni dovute per tutte le procedure attivate nel periodo; DELIBERA - di approvare i nuovi elaborati relativi al progetto rivisitato della «Concessione e servizio di pulizia delle aree comuni e manutenzione delle aree verdi nel pubblico demanio marittimo del porto canale di Ravenna nonché nelle aree in gestione all Autorità Portuale di Ravenna per gli esercizi 2016/2020», come da elenco allegato, che configurano un contratto misto per appalto e concessione di servizi da aggiudicarsi, ai sensi dell art. 169, co. 9, del D.Lgs , n. 50, in conformità con le disposizioni che disciplinano gli appalti nei settori ordinari;

4 - di approvare il nuovo quadro economico del progetto in argomento, così composto: ,80 (di cui ,00 per oneri per la sicurezza da interferenza non soggetti a ribasso) quale importo del servizio da appaltare ,20 per somme a disposizione della stazione appaltante ,02 (di cui 3.232,90 per oneri per la sicurezza da interferenza non soggetti a ribasso) quale valore stimato della concessione da affidare ,73 (di cui 2.914,50 per oneri per la sicurezza da interferenza non soggetti a ribasso) quale importo dell eventuale ri-affidamento dell appalto di servizi ,75 (di cui 404,11 per oneri per la sicurezza da interferenza non soggetti a ribasso) per eventuale ri-affidamento della concessione di servizi complessivamente ammontante in ,50; - di confermare le modalità di affidamento già approvate con Delibera del Comitato Portuale n. 10 del mediante esperimento di procedura aperta ai sensi dell art. 60 del D. Lgs n. 50, ed aggiudicazione col criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell art. 95 del D. Lgs n. 50, per un importo stimato complessivo quadriennale dell affidamento di ,82 (di cui ,80 quale importo del servizio ,12 quale valore stimato della concessione, al quale vanno sommati ,90 di oneri per la sicurezza da interferenza non soggetti a ribasso) come da suddetto quadro economico; - di modificare le somme precedentemente previste con Delibera del Comitato Portuale n. 10 del relativamente alla parte dell intervento in appalto di servizi, per un nuovo ammontare complessivo di ,80, come di seguito indicato: riducendo ad ,77 la somma precedentemente impegnata, pari ad ,05, sulla Voce di Piano Finanziario U Manutenzione straordinaria su beni demaniali di terzi (Cap. 211/20 - Prestazione di terzi per manutenzioni straordinarie delle parti comuni in ambito portuale, compresa la manutenzione dei fondali) del bilancio previsionale di quest Autorità Portuale per il corrente esercizio, utilizzando fondi propri dell Ente; la restante somma di ,03 sarà impegnata sui capitoli di competenza del bilancio dei prossimi esercizi finanziari secondo l andamento di spesa previsto per gli anni 2017, 2018, 2019, 2020 nel momento in cui perverrà l approvazione del bilancio previsionale da parte dei Ministeri competenti per gli anni in questione, in base alla seguente ripartizione: ,10 per l esercizio finanziario ,80 per l esercizio finanziario ,80 per l esercizio finanziario ,33 per l esercizio finanziario di provvedere con successivo atto ad impegnare la somma di ,73 relativa all eventuale eventuale ri-affidamento del servizio sino ad un massimo di mesi 6; - di impegnare la somma di 600,00 quale somma prevista alla voce I.V.A. ed eventuali altre imposte nel Quadro Economico dell intervento in argomento, relativamente alla contribuzione dovuta ex L.266/2005 di cui sopra, sulla medesima Voce di Piano Finanziario U Manutenzione straordinaria su beni demaniali di terzi (Cap. 211/20 - Prestazione di terzi per manutenzioni straordinarie delle parti comuni in ambito portuale, compresa la manutenzione dei fondali) del bilancio previsionale di quest Autorità Portuale per il corrente esercizio finanziario, utilizzando fondi propri dell Ente, provvedendo al relativo versamento a seguito della emissione del MAV al termine del periodo quadrimestrale di riferimento, a favore dell Autorità Nazionale Anticorruzione, via M. Minghetti, Roma;

5 - di modificare la prenotazione già effettuata con la precedente Delibera del Comitato Portuale n. 10 del , ai sensi dell art. 21, c. 7, del Regolamento di Amministrazione e Contabilità vigente dell Autorità Portuale, e dell art. 178 del D.P.R. n.207/2010, nell ambito dei fondi propri dell ente, per un nuovo importo di ,20, ( ,20 complessivamente previsti, dedotti di 600,00 di cui all impegno di spesa suddetto) di cui alle Somme a disposizione previste nell ambito del quadro economico dell intervento in argomento, sulla medesima Voce di Piano Finanziario U Manutenzione straordinaria su beni demaniali di terzi (Cap. 211/20 - Prestazione di terzi per manutenzioni straordinarie delle parti comuni in ambito portuale, compresa la manutenzione dei fondali) del bilancio previsionale di quest Autorità Portuale per il corrente esercizio, utilizzando fondi propri dell Ente; - di confermare quale Responsabile Unico del Procedimento per la procedura di affidamento della «Concessione e servizio di pulizia delle aree comuni e manutenzione delle aree verdi nel pubblico demanio marittimo del porto canale di Ravenna nonché nelle aree in gestione all Autorità Portuale di Ravenna per gli esercizi 2016/2020», ai sensi dell art. 31 del D. Lgs n. 50, l ing. Fabio Maletti, Direttore tecnico di questa Autorità Portuale; - di dare mandato e incaricare il Responsabile del Procedimento, ing. Fabio Maletti, Direttore tecnico di questa Autorità Portuale, di redigere, sottoscrivere e pubblicare gli atti di gara, ivi inclusi il bando ed il disciplinare e di espletare le relative procedure, provvedendo altresì ad effettuare eventuali modificazioni degli atti di progetto che si rendessero necessarie per l adeguamento a nuove normative o per correzioni di errori formali; - di dare mandato e incaricare il Responsabile Unico del Procedimento, ing. Fabio Maletti, Direttore Tecnico di quest Autorità Portuale di provvedere ad adempiere agli obblighi in materia di tracciabilità dei flussi finanziari, così come previsto dall'art. 3 della Legge 136/2010 e ss.mm.ii.. Il Segretario Generale Pietro Davide Margorani* Il Commissario Straordinario Giuseppe Meli* (* Firme autografe su originale, conservato presso l Autorità Portuale di Ravenna, e sostituite da indicazione a mezzo

6 A U T O R I T A' P O R T U A L E D I R A V E N N A Oggetto: Punto n. 4 all ordine del giorno del Comitato Portuale del Al Comitato Portuale Prog. n «Concessione e servizio di pulizia delle aree comuni e manutenzione delle aree verdi nel pubblico demanio marittimo del porto canale di Ravenna nonché nelle aree in gestione all Autorità Portuale di Ravenna per gli esercizi 2016/2020» Rivisitazione progetto Alla luce della nuova disciplina introdotta dal D.Lgs , n. 50, come specificata nei comunicati e nei documenti di consultazione preliminari resi disponibili dall Autorità Nazionale Anticorruzione successivamente al , e con particolare riferimento alle concessioni, ora disciplinate dalla Parte III del D.Lgs , n. 50, si è reso indispensabile procedere ad una organica ed ulteriore revisione degli elaborati progettuali già predisposti dalla Direzione Tecnica ed approvati con Delibera del Comitato Portuale n. 10 del L affidamento contiene elementi di appalto di servizi ovvero esecuzione di servizi per conto della AP e da questa commissionati e retribuiti (ad esempio la pulizia corrente delle aree pubbliche) ed elementi di concessione di servizi ovvero affidamento della gestione di servizi erogati anche a terzi riconoscendo al concessionario il diritto di trarne il proprio corrispettivo (ad esempio la pulizia di un area pubblica sede di una manifestazione eseguita per conto dell organizzatore). Con la messa a punto dei documenti di gara è apparso maggiormente aderente alla doppia natura dell affidamento scindere nettamente i due profili piuttosto che riunirli entrambi in quella di concessione come inizialmente fatto. Al contempo si è proceduto apportando alcune migliorie tecniche al progetto configurando un contratto misto da aggiudicarsi, ai sensi dell art. 169, co. 9, del D.Lgs , n. 50, in conformità alle disposizioni che disciplinano gli appalti nei settori ordinari. Si propone, quindi, una nuova approvazione del progetto così rivisitato e del correlato impegno di spesa, nonché delle modalità di affidamento, cui dare corso secondo i contenuti e le modalità previste nello schema di Delibera allegato. data e firma del Responsabile del Procedimento : Fabio Maletti* (* Firma autografa su originale, conservato presso l Autorità Portuale di Ravenna, e sostituita da indicazione a mezzo Il Segretario Generale: Pietro Davide Margorani* data Firma:..... (* Firma autografa su originale, conservato presso l Autorità Portuale di Ravenna, e sostituita da indicazione a mezzo Conformità amministrativa (se richiesta) : Claudia Toschi* data Firma:..... (* Firma autografa su originale, conservato presso l Autorità Portuale di Ravenna, e sostituita da indicazione a mezzo Visto di legittimità (se richiesto) : Davide Gennari* data Firma:..... (* Firma autografa su originale, conservato presso l Autorità Portuale di Ravenna, e sostituita da indicazione a mezzo