Condizioni Definitive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Condizioni Definitive"

Transcript

1 Condizioni Definitive n. 53 del 29 ottobre 2008 allegate al Prospetto di Base del 2 novembre 2007 I potenziali acquirenti dei Certificati che sono oggetto delle presenti Condizioni Definitive dovrebbero essere consapevoli che la probabilità di ricevere il Bonus e l ammontare dello stesso dipendono dall andamento del Sottostante. Inoltre, è bene tenere presente che i presenti Certificati sono adatti unicamente ad investitori che comprendono integralmente nella sostanza i profili di pagamento, unitamente alle formule matematiche, contenuti nelle presenti Condizioni Definitive. Condizioni Definitive DZ BANK Certificati di Garanzia (Garantiezertifikate) su Indici DZ BANK AKZENT Invest Europa Garant 11 su Indice Dow Jones EURO STOXX 50 SM ISIN: DE000AK0EF03 Valuta/data di emissione: 5 dicembre 2008 mirati al pagamento di un Importo di Liquidazione di DZ BANK AG Deutsche Zentral-Genossenschaftsbank, Francoforte sul Meno Le presenti Condizioni Definitive sono state redatte in lingua inglese; è stata inoltre fornita una versione in lingua italiana. Il testo in lingua inglese fa fede, la traduzione in lingua italiana non è vincolante.

2 Descrizione delle Condizioni Definitive Sono oggetto delle Condizioni Definitive N. 53 del 29 ottobre 2008 allegate al Prospetto di Base del 2 novembre 2007 numero DZ BANK AKZENT Invest Europa Garant 11 su Indice Dow Jones EURO STOXX 50 SM, emessi da DZ BANK AG Deutsche Zentral- Genossenschaftsbank, Francoforte sul Meno ( Certificati, complessivamente l' Emissione ). Le Condizioni Definitive allegate al Prospetto di Base vengono presentate, ai sensi dell Art. 26 par. 5 comma 1 alt. 2 del Regolamento (CE) N. 809/2004, includendo le Condizioni Definitive nel Prospetto di Base, vale a dire riportando tutte le parti che comportano modifiche in virtù delle Condizioni Definitive. In questo modo vengono colmate le lacune esistenti. Versioni o disposizioni alternative o opzionali (contrassegnate nel Prospetto di Base da parentesi quadre), che non sono espressamente citate nelle Condizioni Definitive, si considerano cancellate dal Prospetto di Base. Le Condizioni Definitive sono così composte: I. Fattori di rischio in rapporto ai Certificati... 3 II. Descrizione del prodotto... 6 III. Regime fiscale IV. Regolamento dei Certificati L Emittente certifica che, qualora vengano impiegate informazioni fornite da parte di terzi, queste informazioni sono state riportate in modo corretto e, per quanto l Emittente sia a conoscenza e abbia potuto desumere dalle informazioni divulgate dai predetti terzi, non sono omesse circostanze che potrebbero rendere le informazioni riportate scorrette o ingannevoli. Le fonti delle informazioni sono indicate di volta in volta nel punto delle Condizioni Definitive in cui sono impiegate le predette informazioni. È bene tenere presente che le informazioni complete circa l'emittente e l'offerta possono essere ottenute unicamente consultando congiuntamente il Prospetto di Base e le Condizioni Definitive. Il Prospetto di Base e le Condizioni Definitive sono messi a disposizione e distribuiti gratuitamente da DZ BANK AG Deutsche Zentral-Genossenschaftsbank, Platz der Republik, F/IPLS, D Francoforte sul Meno, Repubblica Federale Tedesca; gli stessi sono anche disponibili su Internet all'indirizzo 2

3 I. Fattori di rischio I potenziali acquirenti dei Certificati emessi nell ambito del presente Prospetto di Base e oggetto delle Condizioni Definitive, prima di decidere di effettuare l investimento dovrebbero prendere in considerazione i fattori di rischio essenziali di seguito descritti. La decisione di effettuare l investimento dovrebbe essere presa unicamente dopo aver consultato il Prospetto di Base unitamente alle Condizioni Definitive e, se necessario, dopo aver sentito il parere di un consulente d investimento. Inoltre, i potenziali acquirenti dovrebbero tenere presente che i rischi descritti operano congiuntamente e, in questo modo, possono rafforzarsi reciprocamente. Fattori di Rischio in Rapporto ai Certificati All acquisto dei Certificati sono legati svariati rischi, i principali dei quali vengono di seguito descritti. Inoltre, l ordine di presentazione dei rischi non intende fornire alcuna indicazione circa l entità di eventuali conseguenze finanziarie nel caso in cui dovessero verificarsi i predetti rischi, né circa la probabilità che i rischi elencati si verifichino. Le definizioni dei concetti utilizzati sono contenute nella Descrizione del Prodotto e nelle Regolamento dei Certificati. Rischio dovuto alla Struttura dei Certificati La struttura dei DZ BANK Certificati di Garanzia (Garantiezertifikate) su Indici comporta che l investitore, in aggiunta all Importo di Liquidazione, corrispondente al valore nominale, riceva un Bonus alla scadenza del periodo di durata dei Certificati, il cui ammontare è legato all andamento del valore del Sottostante. L andamento del valore del Sottostante può subire oscillazioni nel corso del tempo, ovvero può avere un evoluzione non in linea con le aspettative dell investitore; perciò ogni investitore, nell acquistare un Certificato, è esposto al rischio di non ottenere un rendimento pari a quello ottenuto da un diverso investimento sul mercato finanziario con analoga durata e interessi di mercato. Questo può verificarsi in particolare quando, alle Date di Valutazione, il Sottostante presenta un andamento negativo, ovvero non sufficientemente positivo (in rapporto al livello iniziale del Sottostante). Inoltre l investitore in linea di massima non partecipa agli utili (ad. es. dividendi) normalmente pagati sul Sottostante o sulle Componenti del Sottostante. Non esiste alcuna garanzia che l'andamento del Sottostante sia in linea con le aspettative dell investitore. I Certificati non fruttano interessi. Nel caso in cui venga lanciata un offerta pubblica al di fuori della Repubblica Federale Tedesca, ad es. in Italia, l Emittente avrà facoltà di designare o meno un ulteriore Agente Pagatore anche nel predetto paese. La mancata designazione di un ulteriore Agente Pagatore potrebbe comportare conseguenze negative per gli investitori del predetto paese. Rischio di Oscillazione dei Corsi o Rischi del Prezzo di Mercato dovuti alla Struttura dipendente dal Sottostante In linea di principio, l investitore ha la possibilità di vendere i Certificati attraverso la Borsa durante tutto il periodo di durata degli stessi. A questo proposito, si deve tenere presente che non viene garantito un determinato andamento passato dei corsi. L andamento dei corsi per un Certificato in passato non costituisce alcuna garanzia di un futuro andamento dei corsi. Il rischio di oscillazione dei corsi può verificarsi in caso di cessione prima della scadenza. L andamento dei corsi dei Certificati durante la durata degli stessi dipende in prima istanza dal valore del Sottostante. Inoltre, l andamento dei corsi dei Certificati può dipendere anche dall andamento degli interessi e dei corsi sui mercati finanziari, dall andamento delle valute, da circostanze politiche e da fattori aziendali specifici relativi all Emittente. In caso di cessione dei Certificati prima della scadenza, il prezzo di vendita ottenuto può quindi essere inferiore al prezzo d acquisto. Altri Rischi del Prezzo di Mercato I Certificati sono titoli di nuova emissione. Prima della data di valuta dei Certificati essi non hanno quindi alcun mercato pubblico. A partire dalla data di valuta, l Emittente intende emettere su richiesta corsi denaro in ogni giorno lavorativo di Borsa e acquistare Certificati. L Emittente non assume però alcun obbligo giuridico in merito all ammontare o alla realizzazione di simili corsi. Anche se i Certificati, in prossimità della data di valuta, dovessero essere ammessi su un mercato regolamentato o non regolamentato (ad es. mercato ristretto), ciò non implica la certezza che si sviluppi un mercato pubblico attivo, o che l ammissione sia conservata nel tempo. 3

4 Quanto più cala il valore del Sottostante, e di conseguenza eventualmente il corso del Certificato, o intervengono altri fattori negativi, tanto più può essere limitata la negoziabilità dei Certificati per mancanza di domanda. L Emittente non è obbligata a mantenere un mercato liquido. Se particolari circostanze di mercato dovessero rendere impossibili, o possibili unicamente in condizioni difficili, le operazioni di copertura da parte dell Emittente, si potrà avere un aumento temporaneo della differenza tra i corsi di acquisto e di vendita stabiliti dall'emittente, al fine di circoscrivere i rischi finanziari dell Emittente. Rischio di Liquidità in Associazione con il Volume di Collocamento La liquidità dei Certificati dipende dal volume di emissione effettivamente venduto. Qualora il volume collocato sia di entità ridotta, ciò può avere ripercussioni negative sulla liquidità dei Certificati. Rischio di un Conflitto d Interesse L Emittente è autorizzata a eseguire, per conto proprio o per conto di terzi, operazioni sul Sottostante, ovvero sui titoli che compongono il Sottostante. Lo stesso vale anche per operazioni su strumenti derivati del Sottostante, ovvero dei titoli che compongono il Sottostante. Inoltre, l Emittente può presentarsi come Market Maker per i Certificati. In relazione a tali operazioni, l Emittente può ricevere ovvero erogare liquidazioni. Inoltre, l Emittente può fornire servizi bancari o di altro tipo alle persone che hanno emesso o curano i relativi titoli. Le predette attività dell Emittente possono ripercuotersi negativamente sul corso di un Certificato. Costi di Transazione Provvigioni minime o fisse per transazione (acquisto o vendita) possono, associate a un basso valore dell ordine, comportare l addebito di costi, che a loro volta aumentano notevolmente il punto di pareggio. A questo proposito, vale il principio che: quanto più alti sono i costi, tanto più tardi si raggiungerà il punto di pareggio al verificarsi dell andamento dei corsi atteso, dal momento che i costi devono essere coperti prima di poter conseguire un utile. Se l andamento dei corsi atteso non si verifica, i costi accessori aumentano l eventuale perdita sostenuta o riducono gli utili. Ulteriore Potenziale di Perdita in Caso di Ricorso a Finanziamento Per l investitore, il rischio di perdite aumenta se per l'acquisto dei Certificati ha fatto ricorso a un finanziamento. Se l'acquisto dei Certificati viene finanziato con un finanziamento, nel caso in cui le aspettative dell investitore vengano deluse egli dovrà farsi carico non solo della perdita subita, ma anche della liquidazione del finanziamento e dei relativi interessi. In questo modo, per l investitore il rischio di perdita aumenta notevolmente. L investitore non può mai fare affidamento sugli utili generati da un investimento in Certificati per rimborsare il finanziamento e pagare i relativi interessi. Piuttosto, l investitore, prima dell'acquisto dei Certificati e del ricorso al finanziamento, deve esaminare la propria situazione economica, al fine di accertare se disponga di mezzi sufficienti al pagamento degli interessi e all eventuale liquidazione immediata del finanziamento, anche nel caso in cui vengano subite perdite. Influenza delle Possibilità di Copertura dell Emittente L Emittente, nel corso della sua ordinaria attività aziendale, effettua operazioni sul Sottostante, ovvero sui titoli che compongono il Sottostante. Inoltre, l Emittente si tutela contro i rischi finanziari correlati ai Certificati attraverso le cosiddette operazioni di copertura (hedge) sui relativi titoli, ovvero sui relativi strumenti derivati. Queste attività dell Emittente possono influenzare il valore del Sottostante. Non è possibile escludere che la conclusione o l annullamento delle predette operazioni di copertura influenzi negativamente il corso dei Certificati. 4

5 Influenza di Operazioni dell Investitore che escludono o limitano il Rischio Il potenziale acquirente dei Certificati non può fare affidamento sul fatto di poter sempre concludere, nel corso del periodo di durata dei Certificati, operazioni che lo mettano in grado di escludere i rischi a suo carico in relazione ai Certificati da lui detenuti. L effettiva possibilità di concludere tali operazioni dipende dalla situazione del mercato e dalle condizioni alla base dell operazione in questione. In determinate circostanze, tali operazioni non possono essere assolutamente concluse, oppure possono esserlo unicamente a un prezzo svantaggioso, comportando la possibilità di subire perdite. 5

6 II. Descrizione del Prodotto La descrizione del prodotto comprende una descrizione delle caratteristiche dei Certificati ( Certificati ), che sono regolate giuridicamente con efficacia vincolante nel Regolamento dei Certificati. 1. Oggetto I DZ BANK Certificati di Garanzia (Garantiezertifikate) su Indici sono titoli che prevedono un Bonus il cui ammontare è legato all andamento del valore di un indice, in questo caso dell Indice Dow Jones EURO STOXX 50 SM ( Indice oppure Sottostante ). I Certificati sono a capitale protetto, ovvero alla data della liquidazione, indipendentemente dall andamento del valore del Sottostante, l investitore riceverà la liquidazione dei Certificati al valore nominale minimo di EUR 100, Informazioni importanti Interessi da parte di Persone Fisiche e Giuridiche che hanno partecipato all Emissione/all Offerta Fatto salvo quanto di seguito illustrato, l Emittente e/o i membri della sua direzione oppure gli impiegati incaricati dell emissione dei Certificati può/possono in qualunque momento trovarsi in un conflitto d interesse in rapporto ai Certificati o all Emittente a causa di altri investimenti o attività. Nel caso in cui emerga tale conflitto d interesse, le persone coinvolte si adopereranno, nel quadro degli obblighi di diligenza imposti dal loro contratto di lavoro, per soddisfare i loro obblighi e per raggiungere un compromesso adeguato tra gli interessi contrastanti. Con riferimento all emissione dei Certificati, attualmente né l Emittente, né i membri della sua direzione o gli impiegati incaricati dell emissione dei Certificati si trovano in un conflitto d interesse. In particolare, il Sottostante è composto da titoli il cui andamento non può essere influenzato in modo significativo da parte dell Emittente. 3. Informazioni sui Titoli da offrire ovvero da ammettere alla Negoziazione Tipo e Categoria dei Titoli e altre Caratteristiche di Classificazione I Certificati da offrire o da ammettere alla negoziazione secondo il Prospetto di Base e le Condizioni Definitive sono strumenti finanziari diversi dai titoli di capitale ai sensi dell Art. 22 comma 6 n. 4 del Regolamento CE n. 809/2004, che vengono emessi nel quadro di un programma di offerta ai sensi del disposto combinato dell Art. 6 comma 1 n. 1 e dell Art. 2 n. 5 della legge tedesca in materia di prospetti dei valori mobiliari (WpPG). Tutti i diritti e gli obblighi inerenti ai Certificati sono regolati dal diritto tedesco. I Certificati rappresentano obbligazioni al portatore ai sensi degli Artt. 793 e segg. del Codice Civile tedesco (BGB). Il codice ISIN viene riportato sulla copertina delle rispettive Condizioni Definitive. I Certificati sono garantiti da un Certificato Globale senza cedola, depositato presso Clearstream Banking AG, Neue Börsenstraße 1, Francoforte sul Meno, Repubblica Federale Tedesca. La consegna di atti individuali effettivi non può essere richiesta prima della scadenza. I Certificati sono trasferibili sotto forma di quote di comproprietà del Certificato Globale in conformità con le regole e disposizioni di Clearstream Banking AG, Francoforte sul Meno. Il Certificato Globale reca le firme autografe di due rappresentanti autorizzati alla sottoscrizione dell Emittente (si veda l Art. 1 dei Regolamenti dei Certificati). I diritti inerenti ai Certificati possono essere negoziati, trasferiti e liquidati per unità composte da un Certificato o da multipli indivisibili degli stessi. Status dei Titoli I Certificati rappresentano obbligazioni dell Emittente dotati di pari diritti, non garantiti e non subordinati e hanno lo stesso grado di tutte le obbligazioni non garantite e non subordinate attuali o future dell Emittente, fatti però salvi eventuali obbligazioni privilegiate dell Emittente ai sensi di legge (si veda l Art. 12 del Regolamento dei Certificati). 6

7 Diritti in rapporto ai Titoli Eventuali diritti di pagamento sono regolati nel Regolamento dei Certificati. Diritti e obblighi in rapporto ai DZ BANK Certificati di Garanzia (Garantiezertifikate) su Indici sono definiti nel Regolamento dei Certificati. Il Regolamento dei Certificati definisce, tra l altro, le disposizioni relative al diritto al pagamento del Bonus e dell Importo di Liquidazione, che è pari almeno al valore nominale (Art. 2). Inoltre, il Regolamento dei Certificati regola anche i diritti dell Emittente al ricorso a misure di adattamento in merito al Sottostante (Art. 6), nonché in caso di Sconvolgimento del mercato (Art. 5) o in caso di emissione di ulteriori Certificati soggetti delle stesse condizioni (Art. 3). Struttura dei Titoli I Certificati sono titoli che, durante il loro periodo di durata, garantiscono un diritto al pagamento di un eventuale Bonus. Alla data di liquidazione (Art. 2 Par. (1) del Regolamento dei Certificati), i Certificati, insieme all eventuale Bonus, saranno rimborsati all Importo di Liquidazione (Art. 2 Par. (1) del Regolamento dei Certificati), che è pari almeno al valore nominale. L ammontare dell eventuale Bonus dipende dall andamento del valore del Sottostante e sarà calcolato conformemente all Art. 2 par. (4) del Regolamento dei Certificati. La durata dei Certificati termina alla data di liquidazione. Per i Certificati di Garanzia (Garantiezertifikate), che sono oggetto delle Condizioni Definitive, opera la protezione del valore nominale. In questo caso, per il calcolo del rendimento si deve prendere in considerazione il prezzo di vendita. Per calcolare il rendimento in modo semplificato, si può fare ricorso alla seguente formula: IL Rendimento 1 PV dove: IL PV è l Importo di Liquidazione (si veda l Art. 2 Par. (1) dei Regolamenti dei Certificati) è il prezzo di vendita (alla sottoscrizione, inclusa la commissione di gestione) L Emittente fungerà da Agente di Calcolo. Autorizzazione I Certificati vengono emessi in virtù di deliberazioni approvate dalla direzione dell Emittente in prossimità della vera e propria emissione. Nell ambito delle predette deliberazioni, la direzione dell Emittente ha anche stabilito l importo complessivo della presente Emissione e il prezzo di offerta al pubblico definitivo, rendendolo noto nelle presenti Condizioni Definitive. Informazioni sul Sottostante Riferimento per il Sottostante Come riferimento per il calcolo del Sottostante, che è alla base dei DZ BANK Certificati di Garanzia (Garantiezertifikate ) su Indici, si utilizzano tra l altro il valore iniziale nonché il valore di riferimento alle Date di Valutazione (si veda l Art. 2 del Regolamento dei Certificati). Note Esplicative sul Sottostante Informazioni sull andamento passato e futuro del valore del Sottostante sono pubblicate su un sito Internet di pubblico accesso. Attualmente sono disponibili sul sito 7

8 Descrizione dell Indice Dow Jones EURO STOXX 50 SM Indice Universo L Indice universo è definito come comprensivo di tutte le componenti dei 18 indici Dow Jones EURO STOXX Supersector. Gli indici Dow Jones EURO STOXX Supersector rappresentano la parte della zona Euro degli indici Dow Jones STOXX 600 Supersector. Gli indici Dow Jones STOXX 600 Supersector contengono i 600 maggiori titoli delle maggiori borse di 18 Paesi Europei. Lista di Selezione Nell ambito di ognuno dei 18 indici del Dow Jones EURO STOXX Supersector, le componenti dei titoli sono classificate da una capitalizzazione di mercato free float. I maggiori titoli vengono aggiunti alla lista di selezione fino a quando la copertura è vicina a, ma comunque inferiore a, 60 % della capitalizzazione di mercato free float del relativo indice Dow Jones EURO STOXX TMI Supersector. Viene inoltre aggiunto all elenco di selezione il successivo titolo più quotato se questo porta la capitalizzazione più vicina al 60 %, in termini assoluti. Gli ulteriori titoli rimanenti che sono componenti attuali del Dow Jones EURO STOXX 50 vengono aggiunti alla lista di selezione. I titoli della lista di selezione sono classificati dalla capitalizzazione di mercato free float. In casi eccezionali, il Consiglio di Vigilanza di STOXX Limited ha diritto di fare aggiunte a, e cancellazioni dalla lista di selezione. Selezione dei titoli Sono scelti quali componenti della lista i 40 titoli più importanti Sono aggiunte quali componenti dell indice le ulteriori attuali componenti residue del Dow Jones EURO STOXX 50, classificate tra 41 e 60. Se il numero delle componenti è ancora inferiore a 50, i maggiori titoli vengono aggiunti alla lista di selezione fino a quanto l indice conterrà 50 titoli azionari. Frequenza di revisione La composizione dell indice viene rivista annualmente in settembre. Composizione La composizione dell indice è valutato dalla capitalizzazione di mercato free float. La valutazione di ogni componente ha un cap fissato al 10% della capitalizzazione free float. Il free float viene rivisto ogni quattro mesi. L Emittente non si assume alcuna responsabilità in merito alla correttezza ovvero alla completezza e all aggiornamento della descrizione dell Indice contenuta nelle presenti Condizioni Definitive. Si consiglia perciò all investitore di raccogliere in prima persona informazioni in merito all Indice, rivolgendosi al proprio consulente bancario o consultando il sito Sconvolgimento di Mercato Nel caso in cui, relativamente ai Certificati, alla Data Iniziale, ovvero a una Data di Valutazione del Sottostante, sussista uno Sconvolgimento di mercato, e quindi alla predetta data non possa essere calcolato alcun valore del Sottostante, le conseguenze saranno regolate dall Art. 5 del Regolamento dei Certificati. Disposizioni in merito all Adeguamento e alla Sostituzione Il Sottostante può essere influenzato da diversi eventi che richiedano un adeguamento, che sono elencati nell Art. 6 del Regolamento dei Certificati. Il predetto Art. 6 del Regolamento dei Certificati contiene inoltre una disposizione che conferisce all Emittente un diritto di sostituzione, nel caso in cui per l Emittente non sia possibile procedere a un adeguamento appropriato, come nel paragrafo precedente. 8

9 4. Condizioni per l Offerta Statistiche relative all Offerta, Calendario previsto e Misure Necessarie per l Attuazione dell Offerta, nonché per la Determinazione dei Corsi I Certificati saranno offerti alla sottoscrizione da DZ BANK nell ambito di un offerta pubblica nel periodo tra il 31 ottobre 2008 e il 28 novembre 2008 (periodo di sottoscrizione) al prezzo di vendita di EUR 100,00. Dopo il termine del periodo di sottoscrizione, i prezzi di vendita saranno ridefiniti continuamente. L Emittente si riserva di prorogare il periodo di sottoscrizione, ovvero di chiuderlo prima del 28 novembre La definizione del prezzo e delle caratteristiche del prodotto si basa su moderni modelli matematico-finanziari. Il valore puramente matematico può includere una commissione non riconoscibile dall investitore e diminuire il corso del prodotto durante il periodo di durata. La commissione serve principalmente a coprire i costi per la strutturazione e il monitoraggio in seguito al collocamento del prodotto. Alla data di valuta i Certificati saranno trasferiti sul conto della banca che detiene il deposito titoli dell investitore presso Clearstream Banking AG, Francoforte sul Meno. Collocamento ed Emissione I Certificati saranno offerti direttamente dall Emittente, senza intermediazione di altre parti. L Agente di Pagamento sarà DZ BANK AG Deutsche Zentral-Genossenschaftsbank, Platz der Republik, Francoforte sul Meno, Repubblica Federale Tedesca. 5. Ammissione alla Negoziazione I Certificati dovrebbero presumibilmente essere ammessi alla negoziazione contemporaneamente alla data di valuta sulle seguenti Borse: - mercato ristretto della Borsa Valori di Francoforte e - mercato ristretto della Borsa di Stoccarda. 6. Avvertenze Supplementari Consulenza da parte della propria Banca di Fiducia Il Prospetto di Base e le Condizioni Definitive non sostituiscono l indispensabile consulenza fornita dalla propria banca di fiducia in ogni singolo caso prima della decisione di acquisto. L investitore non deve quindi fare affidamento sul fatto che il Prospetto di Base e le Condizioni Definitive contengano tutti i fatti per lui essenziali. Solo il consulente d investimento o l assistente alla clientela della propria banca di fiducia è in grado di fornire una consulenza personalizzata adeguata al tipo di investimento, che tenga conto dei bisogni, degli obiettivi ovvero delle conoscenze e della situazione dell investitore. Avvertenza per gli Investitori Qualificati Gli investitori qualificati possono essere soggetti a restrizioni imposte dalla legge o da autorità di vigilanza relativamente all investimento in Certificati. In particolare, essi dovrebbero verificare autonomamente se i Certificati possano essere destinati a una particolare massa patrimoniale che essi devono istituire in base a disposizioni di legge. 9

10 III. Regime fiscale Le seguenti indicazioni fiscali rappresentano una sintesi dei regolamenti in materia di trattamento fiscale in vigore nell Unione Europea, nella Repubblica Federale Tedesca e in Italia, secondo la situazione giuridica attualmente nota. Non è possibile escludere che la valutazione degli aspetti fiscali subisca variazioni nel corso del tempo in virtù di modifiche legislative, della giurisprudenza o di decreti emanati dall amministrazione finanziaria. L Emittente non è obbligata a informare l investitore circa tali variazioni. Le indicazioni si riferiscono alle liquidazioni ricevute sui Certificati emessi nell ambito del Prospetto di Base e oggetto delle Condizioni Definitive. Le indicazioni non sono esaustive e, in particolare, non trattano tutti gli effetti fiscali sugli investitori provenienti dalla Repubblica Federale Tedesca e dall Italia. 1. Direttiva UE sulla Tassazione dei Redditi da Risparmio Il 3 luglio 2003 il Consiglio europeo si è accordato sul testo definitivo della Direttiva sulla tassazione dei redditi da risparmio. Secondo la predetta Direttiva, ogni Stato Membro dell UE deve obbligare gli agenti pagatori che risultano residenti nello stesso ai sensi della Direttiva a comunicare alle autorità del relativo Stato Membro i particolari riguardanti il pagamento di interessi a favore di persone fisiche residenti in un altro Stato Membro dell UE, in qualità di beneficiari effettivi degli interessi. L autorità competente dello Stato Membro dell UE in cui l Agente di Pagamento risulta residente ai sensi della direttiva sugli interessi è obbligata a comunicare queste informazioni alle autorità competenti dello Stato Membro dell UE in cui è residente il beneficiario effettivo degli interessi. Per un periodo di transizione, l Austria, il Belgio e il Lussemburgo hanno adottato, al posto dello scambio di informazioni, un sistema che prevede una ritenuta alla fonte sulle liquidazioni di interessi ai sensi della Direttiva. In base a ciò, nei primi tre anni dalla data della prima applicazione della Direttiva sarà applicata una ritenuta alla fonte del 15%, nei successivi tre anni una ritenuta alla fonte del 20% e a partire dal settimo anno una ritenuta alla fonte del 35%. Disposizioni analoghe sono in vigore anche in Svizzera e in Liechtenstein. La Direttiva UE sulla tassazione dei redditi da risparmio viene applicata dal 1 luglio La Germania ha convertito la direttiva UE sugli interessi in legge nazionale attraverso il Zinsinformationsverordnung (ZIV - Decreto sulle informazioni relative agli interessi) del 26 gennaio 2004 (BGBl. I, S. 128). Secondo la cifra 40 della lettera d introduzione del Ministero delle Finanze tedesco al ZIV del 6 gennaio 2006 (BStBl. I, S. 29) il concetto materiale degli interessi del ZIV corrisponde al concetto di redditi da capitale ai sensi dell Art. 20 Par.1 N. 4, 5 e 7 nonché Par. 2 della EStG (legge tedesca sulle imposte sul reddito). Dal momento che i Certificati comprendono una (parziale) protezione sul capitale, escludendo così la possibilità di subire una perdita totale, in linea di principio essi rientrano nell ambito di applicazione della direttiva sulla tassazione dei redditi da risparmio. 2. Regime fiscale nella Repubblica Federale Tedesca La seguente descrizione degli effetti fiscali di un investimento nei Certificati si basa sulle disposizioni di legge in vigore alla data del Prospetto di Base. L Emittente richiama l attenzione sul fatto che il regime fiscale può essere influenzato da modifiche delle disposizioni di legge. In particolare, la legge sulla riforma dell imposta sulle società del 2008 avrà ripercussioni sul regime fiscale applicato ad un investimento nei presenti Certificati. La riforma dell imposta sulle società del 2008 comprende l introduzione, prevista per il 2009, di una ritenuta alla fonte forfetaria a titolo definitivo nella misura del 25% (oltre all addizionale di solidarietà ed eventualmente all imposta di culto) sui redditi da capitale nonché sulle plusvalenze derivanti dalla cessione e dalla liquidazione degli investimenti di capitale. Sebbene la descrizione degli effetti fiscali di un investimento nei Certificati rispecchi fedelmente il parere dell'emittente, essa non deve essere interpretata come una garanzia in un ambito non ancora chiarito in modo definitivo. Inoltre, la predetta descrizione non può 10

11 essere l unica base per la valutazione degli aspetti fiscali di un investimento nei Certificati, dal momento che in ultima analisi deve essere tenuta in considerazione anche la situazione individuale del singolo investitore. La descrizione, perciò, si limita a fornire un riepilogo generale dei possibili effetti fiscali in Germania, e non fornisce alcun tipo di consulenza legale o fiscale né deve essere interpretata come tale. È consigliabile che l acquirente dei presenti Certificati, in considerazione degli effetti fiscali individuali comportati dall'investimento, chieda il parere del proprio consulente fiscale. 2.1 Regime Fiscale nel Patrimonio Privato Redditi da Capitale Diritto Attuale Secondo il parere dell Emittente, i Certificati rappresentano innovazioni finanziarie ai sensi dell Art. 20 Par. 2 Comma 1 Nr 4 EStG. Per gli investitori privati, le plusvalenze derivanti dalla vendita o dalla liquidazione dei Certificati sono da includere tra i redditi da capitale e sono quindi soggette all'imposta sul reddito, oltre all'addizionale di solidarietà nella misura del 5,5%. Per contro, secondo il parere dell amministrazione finanziaria, le minusvalenze subite da un investitore privato sono detraibili come redditi da capitale negativi. La Corte dei Conti federale, invece, in alcune recenti decisioni ha ammesso la detrazione delle minusvalenze ovvero la tassazione delle plusvalenze derivanti dalle cosiddette innovazioni finanziarie per gli investitori privati solo entro stretti limiti, cfr. decisione della Corte dei Conti federale del 13 dicembre 2006 VIII R 79/03; decisione della Corte dei Conti federale del 13 dicembre 2006 VIII R 97/02; decisione della Corte dei Conti federale del 13 dicembre 2006 VIII R 62/04; decisione della Corte dei Conti federale dell 11 luglio 2006 VIII R 67/04. Al momento non è chiaro e resta da vedere quale sarà l'effetto di queste decisioni sul regime fiscale dei Certificati. Se i Certificati sono denominati in una valuta diversa dall euro, la plusvalenza derivante dalla cessione viene calcolata nella valuta estera e successivamente convertita in euro. Resta valida l esenzione dalle imposte di un importo complessivo dei redditi da capitale (franchigia per i piccoli risparmiatori) pari a EUR 750 oppure EUR (per i coniugi che presentano dichiarazione congiunta) per ogni anno solare. Viene inoltre concessa una franchigia forfetaria per spese professionali pari a EUR 51 oppure EUR 102 (per i coniugi che presentano dichiarazione congiunta), se non vengono documentate spese professionali superiori Introduzione di una Ritenuta alla Fonte a Titolo definitivo a partire dal 1 gennaio 2009 In base alla riforma dell imposta sulle società del 2008 notificata sulla Gazzetta Ufficiale tedesca (Bundesgesetzblatt) il 17 agosto 2007, su tutti i redditi da interessi percepiti dopo il 31 dicembre 2008, nonché su tutte le plusvalenze derivanti da cessione o liquidazione dei Certificati realizzate dopo il 31 dicembre 2008, sarà applicata una ritenuta alla fonte a titolo definitivo nella misura del 25% (oltre all'addizionale di solidarietà ed eventualmente all'imposta di culto). La franchigia forfetaria per spese professionali e la franchigia per i piccoli risparmiatori sinora in vigore saranno riunite in una franchigia forfetaria per i piccoli risparmiatori, mentre è esclusa la detrazione delle spese professionali effettivamente sostenute Imposta sui Redditi da Capitale Diritto Attuale Se i Certificati vengono custoditi o amministrati dalla filiale tedesca di un istituto di credito nazionale o di una società di servizi finanziari, ovvero dalla succursale tedesca di un istituto estero (in seguito, Agente Erogatore ), l Agente Erogatore, in caso di liquidazione ovvero di cessione, dovrà trattenere un imposta sui redditi da capitale (ritenuta alla fonte sugli interessi) pari al 30% (oltre all addizionale di solidarietà, pari al 5,5%). Se i Certificati sono stati custoditi o amministrati dal predetto istituto in modo ininterrotto, l imposta sui redditi da capitale (e l'addizionale di solidarietà del 5,5%) si calcola sulla differenza tra i proventi derivanti dalla cessione o dal la e il corrispettivo pagato per l acquisto dei Certificati. Se l Agente di Deposito dei Certificati è cambiato successivamente all'acquisto degli stessi, l imposta sui redditi da capitale (ritenuta alla fonte sugli interessi) (oltre all'addizionale di solidarietà del 5,5%) si applica sul 30% dei proventi derivanti dalla cessione o dalla liquidazione dei Certificati. 11

12 In base al diritto tedesco, l Emittente dei Certificati non è obbligata ad applicare una ritenuta alla fonte al momento della liquidazione ovvero della cessione dei Certificati, a meno che non svolga contemporaneamente anche la funzione di Agente Erogatore per l'investitore. L imposta sui redditi da capitale trattenuta (ritenuta alla fonte sugli interessi) (inclusa l'addizionale di solidarietà del 5,5%), in sede di determinazione del reddito imponibile viene detratta, dietro presentazione di una certificazione sull imposta sui redditi da capitale, dall importo dell imposta sul reddito o sulle società (nonché di addizionale di solidarietà) dovuto dall investitore. Se risulta un credito a favore del soggetto imponibile, questo viene pagato al medesimo Introduzione di una Ritenuta alla Fonte a Titolo definitivo a partire dal 1 gennaio 2009 In base alla riforma dell imposta sulle società del 2008 notificata sulla Gazzetta Ufficiale tedesca (Bundesgesetzblatt) il 17 agosto 2007, tutti i redditi da interessi percepiti dopo il 31 dicembre 2008, nonché tutte le plusvalenze derivanti da cessione o liquidazione dei Certificati realizzate dopo il 31 dicembre 2008, saranno soggetti alla ritenuta alla fonte di un imposta sui redditi da capitale nella misura del 25% (oltre all'addizionale di solidarietà del 5,5%), a condizione che i Certificati siano custoditi o amministrati dalla filiale tedesca di un istituto di credito nazionale o di una società di servizi finanziari, ovvero dalla succursale tedesca di un istituto estero. La predetta ritenuta alla fonte dell imposta sui redditi da capitale è a titolo definitivo per i Certificati che fanno parte di patrimoni privati (ritenuta alla fonte a titolo definitivo, si veda il paragrafo ) Operazioni di Cessione tra Privati Diritto Attuale Il regime fiscale riservato alle operazioni di cessione tra privati ai sensi dell Art. 23 EStG non trova applicazione, dal momento che le plusvalenze o le minusvalenze derivanti dal rimborso o dalla cessione dei Certificati, in base ai principi sopra enunciati, devono essere classificate tra i redditi da capitale Introduzione di una Ritenuta alla Fonte a Titolo definitivo a partire dal 1 gennaio 2009 Dal momento che le plusvalenze generate dalla cessione ovvero dalla liquidazione dei Certificati sono già soggette, in qualità di redditi da capitale, alla ritenuta alla fonte a titolo definitivo ai sensi dell'art. 20 EStG, il regime fiscale riservato alle operazioni di cessione tra privati ai sensi dell Art. 23 EStG non trova applicazione. 2.2 Regime Fiscale nel Patrimonio Aziendale Diritto Attuale Se i Certificati fanno parte del patrimonio di un azienda nazionale, le plusvalenze e le minusvalenze derivanti dalla liquidazione o dalla cessione degli stessi devono essere tenute in considerazione nella determinazione dell imposta sul reddito oppure dell imposta sulle società (nonché dell addizionale di solidarietà del 5,5%), oltre che nella determinazione dell imposta comunale sulle attività produttive. Per quanto riguarda l'imposta sul reddito oppure sulle società, il pagamento avviene in modo anticipato, attraverso la ritenuta alla fonte sugli interessi (oltre al supplemento di solidarietà), che in sede di determinazione del reddito imponibile viene detratta, dietro presentazione di una certificazione sull imposta sui redditi da capitale, dall importo dell imposta sul reddito o sulle società (nonché di addizionale di solidarietà) dovuto dall investitore. La determinazione della plusvalenza di cessione si basa in ogni caso sui principi generali per la determinazione degli utili, anche quando i Certificati sono denominati in una valuta diversa dall euro Introduzione di una Ritenuta alla Fonte a Titolo definitivo a partire dal 1 gennaio 2009 La tassazione delle plusvalenze e delle minusvalenze derivanti la liquidazione o dalla cessione dei Certificati avviene senza variazioni in sede di determinazione delle imposta sul reddito/sulle società e dell'imposta comunale sulle attività produttive. 12

13 In base alla riforma dell imposta sulle società del 2008, sulle plusvalenze realizzate sui Certificati custoditi o amministrati dalla filiale tedesca di un istituto di credito nazionale o di una società di servizi finanziari, ovvero dalla succursale tedesca di un istituto estero, a partire dal 1 gennaio 2009 in linea di principio sarà trattenuta l imposta sui redditi da capitale nella misura del 25% (oltre all'addizionale di solidarietà del 5,5%) dal 1 gennaio L imposta sui redditi da capitale trattenuta (inclusa l'addizionale di solidarietà del 5,5%), tuttavia, non ha effetto definitivo, come avviene per i Certificati che fanno parte di patrimoni privati, ma verrà detratta, in sede di determinazione del reddito imponibile, dietro presentazione di una certificazione sull imposta sui redditi da capitale, dall importo a titolo dell imposta sul reddito o sulle società (nonché di addizionale di solidarietà) dovuto dall investitore. Le plusvalenze realizzate sui Certificati non sono soggette alla trattenuta dell imposta sui redditi da capitale se l investitore è una società integralmente soggetta all imposta. 2.3 Regime Fiscale per i Contribuenti Residenti all Estero Gli investitori residenti all estero non sono soggetti imponibili in Germania e, di norma, non viene loro applicata la ritenuta alla fonte sugli interessi (anche se i Certificati sono custoditi o amministrati da un istituto di credito tedesco o da una società di servizi finanziari tedesca). Qualora i Certificati facciano parte del patrimonio di un'azienda nazionale, la plusvalenza di cessione dovrà essere determinata sulla base dei principi generali per la determinazione degli utili. Nel caso in cui i titoli vengano custoditi nel territorio nazionale, le plusvalenze derivanti dalla liquidazione o dalla cessione sono soggette alla ritenuta alla fonte sugli interessi del 30%, che verrà detratta, dietro presentazione di una certificazione sull imposta sui redditi da capitale, in sede di determinazione delle imposte sul reddito o sulle società. 3. Regime Fiscale in Italia Le informazioni di seguito riportate sono un riassunto, ai sensi della normativa e della prassi italiana, del trattamento fiscale relativo all acquisto, alla detenzione, alla vendita dei Certificati ed all esercizio dei diritti da questi attribuiti da parte di investitori che siano persone fisiche residenti in Italia, non imprenditori. Quanto segue non rappresenta un analisi esaustiva di tutte le conseguenze fiscali derivanti dall acquisto, dalla detenzione, dalla vendita dei Certificati e dall esercizio dei diritti da questi attribuiti. Le informazioni di cui infra si fondano sulla normativa tributaria in vigore alla data del Prospetto di Base in oggetto, restando inteso che tale normativa potrebbe essere modificata con efficacia retroattiva, e che si tratta solamente di una introduzione all argomento in questione. Si consiglia pertanto agli investitori di richiedere una specifica consulenza professionale per quanto attiene al regime fiscale applicabile all acquisto, alla detenzione, alla vendita dei Certificati ed all esercizio dei diritti da questi attribuiti. Ai sensi del combinato disposto dell art. 67 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi introdotto dal D.P.R. n. 917 del 22 dicembre 1986, come modificato dal D. Lgs. n. 344 del 12 Dicembre 2003, del D. Lgs. n. 247 del 18 novembre 2005 e dell art. 5 del D. Lgs. n. 461 del 21 novembre 1997, e successive modifiche, i proventi e le plusvalenze, non conseguiti nell esercizio di impresa, realizzate da parte di persone fisiche residenti in Italia e da soggetti a questi equiparati, ai sensi del D. Lgs. 461/1997 e successive modifiche, derivanti dalla cessione o dall esercizio dei Certificati sono soggetti ad un imposta sostitutiva pari al 12,50 per cento. I costi e le minusvalenze derivanti dalla cessione o dall esercizio dei Certificati possono essere computati in diminuzione secondo le modalità infra indicate; i proventi derivanti dai Certificati concorrono a formare il reddito nell anno fiscale nel quale i Certificati sono esercitati o venduti. Il contribuente può optare per tre diversi criteri di applicazione dell imposta sostitutiva: il Regime della dichiarazione dei redditi, il quale rappresenta il c.d. regime di base, applicabile nel caso in cui il contribuente non abbia optato per il Regime del risparmio amministrato o per il Regime del risparmio gestito : (a) Regime della dichiarazione dei redditi: l applicazione del regime in oggetto comporta l obbligo per il contribuente di indicare distintamente nella dichiarazione dei redditi i proventi e le plusvalenze al netto degli eventuali costi e minusvalenze. La plusvalenza netta è determinata nella dichiarazione ed è assoggettata all imposta sostitutiva del 12,50 per cento, da versare nei termini e nei modi previsti per il versamento delle imposte sui redditi dovute a saldo in base alla dichiarazione. Il regime della dichiarazione è obbligatorio nell ipotesi in cui il contribuente non abbia optato per uno dei due regimi di cui ai successivi punti (b) e (c). Le eventuali minusvalenze possono essere computate in diminuzione, fino a concorrenza, dall importo dei proventi e delle plusvalenze della medesima natura realizzate nel medesimo periodo d imposta e nei quattro periodi d imposta successivi. 13

14 (b) Regime del risparmio amministrato: nel caso in cui il soggetto opti per tale regime, il quale comporta che i titoli siano depositati in custodia o in amministrazione presso un intermediario residente in Italia, la ritenuta del 12,50 per cento è determinata ed applicata dall intermediario suddetto, su ciascun provento o plusvalenza effettivamente realizzata, al netto delle eventuali minusvalenze. Qualora siano realizzate minusvalenze, l intermediario le computa in diminuzione, fino a loro concorrenza, dall importo delle plusvalenze della stessa natura realizzate nel medesimo periodo d imposta e nei quattro periodi d imposta successivi. (c) Regime del risparmio gestito: presupposto per la scelta di tale regime è il conferimento di un incarico di gestione patrimoniale ad un intermediario autorizzato residente in Italia. In tale regime l imposta sostitutiva del 12,50 per cento è determinata ed applicata dall intermediario stesso, al termine del periodo di imposta, sul risultato della gestione, pari all incremento del valore del patrimonio gestito, maturato anche se non realizzato, senza tenere conto dei redditi assoggettati a ritenuta, dei redditi esenti e dei redditi che concorrono a formare il reddito complessivo del contribuente nel medesimo periodo d imposta. Ciononostante, occorre segnalare che, sulla base di una differente interpretazione della normativa attualmente in vigore, i Certificati potrebbero essere considerati alla stregua di obbligazioni atipiche e conseguentemente assoggettati alla ritenuta nella misura del 27 per cento. 14

15 IV. Regolamento dei Certificati ISIN: DE000AK0EF03 Le disposizioni del presente Regolamento dei Certificati ( Regolamento ) sono da considerarsi completate, integrate o in parte sostituite dalle informazioni contenute nelle presenti Condizioni Definitive allegate al Prospetto di Base ( Condizioni Definitive ), mentre le lacune del Prospetto di Base sono da considerarsi colmate dalle informazioni contenute nelle presenti Condizioni Definitive. Articolo 1 Forma, Valore Nominale, Trasferibilità (1) DZ BANK AG Deutsche Zentral-Genossenschaftsbank, Francoforte sul Meno, Repubblica Federale tedesca ( DZ BANK oppure Emittente ) emette numero DZ BANK AKZENT Invest Europa Garant 11 su Indici (Art. 6) per il 2008/2014, per un valore nominale complessivo di ,- (in lettere: euro cinque milioni) con un valore nominale di EUR 100,00 cadauno ( Valore Nominale ) (i Certificati, complessivamente una Emissione ). (2) I Certificati sono garantiti da un certificato globale di proprietà ( Certificato Globale ) senza cedola, depositato presso Clearstream Banking AG, Francoforte sul Meno; Clearstream Banking AG, Francoforte sul Meno, o i suoi aventi diritto, di seguito saranno denominati Agente di Deposito. Per tutta la durata dei Certificati, non è previsto che i titolari dei Certificati ( Portatori ) abbiano diritto di ricevere atti individuali. I Portatori sono titolari di quote di comproprietà del Certificato Globale, che, in conformità con le disposizioni e i regolamenti dell Agente di Deposito e al di fuori della Repubblica Federale Tedesca, possono essere trasferite tramite Euroclear Bank S.A./N.V., Bruxelles, e Clearstream Banking S.A., Lussemburgo. Il Certificato Globale reca le firme autografe di due rappresentanti autorizzati alla sottoscrizione dell Emittente. (3) I diritti inerenti ai Certificati possono essere negoziati, trasferiti e liquidati per unità composte da un Certificato o da multipli indivisibili degli stessi. Articolo 2 Diritto inerente al Certificato, Definizioni, Nessuna Corresponsione di Interessi (1) Al Portatore spetta, per ciascun Certificato, il diritto ( Diritto Inerente al Certificato ), in conformità con il presente Regolamento, a esigere dall Emittente il pagamento di un importo pari al Valore Nominale ( Importo di Liquidazione ), in aggiunta al Bonus ai sensi del paragrafo (4), in data 5 dicembre 2012 ovvero, nel caso in cui tale data non sia un Giorno Lavorativo Bancario (Art. 4 Par. (1)), il primo Giorno Lavorativo Bancario successivo ( Data di Liquidazione ). (2) I Certificati non fruttano interessi. (3) I Portatori, in conformità con le presenti Condizioni e salvo sostituzione ai sensi dell Art. 6, riceveranno un Bonus unico alla scadenza del periodo di durata dei Certificati. L Importo del Bonus calcolato, se superiore a zero, sarà in scadenza per il pagamento alla Data di Liquidazione, salvo quanto disposto dal comma successivo. Se una Data di Valutazione, che ai sensi del Par. (5) interviene nel calcolo dell Importo del Bonus, non ricade in un Giorno di Negoziazione Abituale (Par. (5) (b)) oppure viene posticipata ai sensi dell Art. 5, la scadenza del pagamento del Bonus sarà rinviata per tanti Giorni Lavorativi Bancari necessari affinché la scadenza del pagamento del Bonus sia posteriore di almeno tre Giorni Lavorativi Bancari alla relativa Data di Valutazione che risulta in seguito alla posticipazione e che interviene nel calcolo dell Importo del Bonus. 15

16 (4) L' Importo del Bonus viene calcolato dall Agente di Calcolo al termine dell ultimo Giorno di Valutazione utilizzando la seguente formula 1 : IB max 0;TP VN VR t 1 VI t 1 dove: IB è l Importo del Bonus in euro VR è la Valori di Riferimento (Par. (5) (e)) alle relative Date di Valutazione t (t=1,, 24) VI è il Valore Iniziale (Par. (5) (f)) VN è il Valore Nominale TP è il Tasso di Partecipazione; viene determinato alla Data Iniziale dall Agente di Calcolo e reso noto entro tre Giorni Lavorativi Bancari successivi alla determinazione, ai sensi dell Art. 9. Il valore minimo del Tasso di Partecipazione è 100%. L Importo del Bonus sarà arrotondato alle due cifre decimali più prossime. (5) Ai fini delle presenti Condizioni, i termini di seguito indicati avranno le seguenti definizioni: (a) Le Date di Valutazione sono, fatto salvo quanto disposto dal penultimo comma e dall Art. 5 Par. (4), il l 27 giorno di calendario dei mesi di febbraio, maggio, agosto e novembre, a cominciare dal 27 febbraio 2009 e terminando con il 27 novembre La Data Iniziale è, fatto salvo quanto disposto dal successivo comma e dall Art. 5 Par. (4), il 28 novembre Qualora una delle predette date non ricada in un Giorno di Negoziazione Abituale, essa verrà posticipata al primo Giorno di Negoziazione Abituale successivo. Nel caso in cui la Data di Valutazione immediatamente precedente alla Data di Liquidazione venga posticipata, la Data di Liquidazione sarà rinviata per tanti Giorni Lavorativi Bancari necessari affinché tra la Data di Valutazione posticipata e la Data di Liquidazione intercorrano almeno tre Giorni Lavorativi Bancari. (b) Giorno di Negoziazione Abituale indica ogni giorno in cui lo Sponsor dell Indice pubblica normalmente il Livello dell Indice e la Borsa Future di Riferimento (Par. (6) (c)) è normalmente aperta per le negoziazioni durante gli Orari di Negoziazione abituali. Giorno di Negoziazione di Borsa indica ogni Giorno di Negoziazione Abituale in cui lo Sponsor dell Indice pubblica il Livello dell Indice e la Borsa Future di Riferimento è effettivamente aperta per le negoziazioni durante gli Orari di Negoziazione abituali. A questo proposito, non ha alcuna rilevanza il fatto che la Borsa di Riferimento oppure la Borsa Future di Riferimento chiudano in anticipo rispetto all orario abituale (senza tener conto di una negoziazione dopo gli orari di chiusura della Borsa oppure al di fuori degli Orari di Negoziazione abituali). (c) Le Componenti sono i titoli che compongono l Indice. Borsa di Riferimento indica, fatto salvo il Par. (d), la Borsa o il Sistema di Negoziazione, secondo equa valutazione (Art. 315 BGB) dell Agente di Calcolo, sulla quale viene principalmente negoziato un Titolo Componente, qualsiasi successore della suddetta Borsa o del suddetto Sistema di Negoziazione, ovvero qualsiasi Borsa sostitutiva o Sistema di Negoziazione Sostitutivo, su cui sia stata provvisoriamente trasferita la negoziazione di uno o più Componenti (a condizione che sulla predetta Borsa sostitutiva provvisoria o sul predetto Sistema di Negoziazione provvisorio, la liquidità di questo o di queste Componenti sia, secondo equa valutazione (Art. 315 BGB) dell Agente di Calcolo, paragonabile alla liquidità sulla Borsa di Riferimento originaria). Borsa Future di Riferimento indica, fatto salvo il Par. (d), l Eurex, qualsiasi successore della suddetta Borsa, ovvero qualsiasi Borsa sostitutiva o Sistema di Negoziazione Sostitutivo, su cui sia stata provvisoriamente trasferita la negoziazione di contratti future e option relativi all Indice (a condizione che sulla predetta Borsa sostitutiva provvisoria o sul predetto Sistema di Negoziazione provvisorio, la liquidità dei contratti future e option relativi all Indice sia, secondo equa valutazione (Art. 315 BGB ) dell Agente di Calcolo, paragonabile alla liquidità sulla Borsa di Riferimento originaria). 1 L Importo del Bonus viene determinato come segue: innanzitutto viene calcolata la media aritmetica dei Valori di Riferimento (media), che viene poi divisa per il Valore Iniziale. Al risultato viene poi sottratto 1, e poi si moltiplica per il Tasso di Partecipazione. Questo risultato viene infine moltiplicato per il Valore Nominale e dà l Importo del Bonus. L Importo del Bonus non può essere negativo, ovvero non può essere inferiore a EUR 0. 16

17 (d) Fino all ultima Data di Valutazione (inclusa), l Agente di Calcolo ha il diritto di stabilire, secondo equa valutazione (Art. 315 BGB), una nuova Borsa di Riferimento e/o una nuova Borsa Future di Riferimento. L Agente di Calcolo ne darà comunicazione conformemente all Art. 9. (e) Valore di Riferimento indica, fatti salvi gli Artt. 5 e 6, il corso di chiusura dell Indice alla relativa Data di Valutazione, come calcolato e pubblicato dallo Sponsor. (f) Valore Iniziale indica, fatti salvi gli Artt. 5 e 6, il corso di chiusura dell Indice alla Data Iniziale, come calcolato e pubblicato dallo Sponsor. Articolo 3 Emissione di ulteriori Certificati, Riacquisto (1) L Emittente si riserva di emettere in qualisasi momento ulteriori Certificati con le stesse caratteristiche, senza l approvazione dei Portatori, che possono essere raggruppati con i Certificati, costituendo un emissione unitaria incrementandone il numero complessivo. Il concetto di Emissione, in caso del predetto incremento, includerà quindi anche i nuovi Certificati emessi. (2) L Emittente ha diritto, in qualunque momento, di acquistare i Certificati sul mercato o in altro modo, di rivenderli, di detenerli, di annullarli o di disporne in altro modo. Articolo 4 Liquidazioni, Giorno Lavorativo Bancario (1) L Emittente si impegna irrevocabilmente a liquidare tutti gli importi dovuti ai sensi del presente Regolamento alla data di scadenza, in euro. Se la scadenza non dovesse cadere in un Giorno Lavorativo Bancario, il pagamento avverrà il primo Giorno Lavorativo Bancario successivo. Giorno Lavorativo Bancario indica un giorno in cui il sistema TARGET (TARGET è l acronimo di Trans-European Automated Real-time Gross Settlement Express Transfer System, ovvero il sistema di regolamento lordo in tempo reale per l euro) è operativo. (2) Tutti gli importi dovuti ai sensi delle presenti Condizioni dovranno essere pagati dall Emittente all Agente di Deposito o a suo ordine al fine dell accredito sui conti delle relative banche depositarie, che li inoltreranno ai Portatori. Con il pagamento all Agente di Deposito o all ordine dello stesso, l Emittente sarà liberata dall obbligo di pagamento a suo carico nei confronti dei Portatori. (3) Tutte le imposte, tasse e tutti i tributi applicabili al pagamento degli importi dovuti ai sensi delle presenti Condizioni sono a carico dei Portatori. L Emittente, ovvero l Agente di Calcolo, è autorizzato a trattenere dagli importi pagati le eventuali imposte, tasse o gli eventuali tributi a carico del Creditore ai sensi del precedente comma. Articolo 5 Sconvolgimento di mercato, Giorno di Sconvolgimento (1) Sconvolgimento di Mercato che Interessa le Componenti indica, in particolare, (i) uno Sconvolgimento della negoziazione (Par. (a)), (ii) uno Sconvolgimento di Borsa (Par. (b)) e/o (iii) una Chiusura Anticipata (Par. (c)), che sia in ogni caso reputata rilevante dall Agente di Calcolo. (a) Sconvolgimento della Negoziazione indica l interruzione o la limitazione della negoziazione di uno o più Componenti dovuta a una decisione della relativa Borsa di Riferimento o ad altro (a causa di oscillazioni dei prezzi che superano determinati limiti fissati dalla relativa Borsa di Riferimento, o di altri motivi). (b) Sconvolgimento di Borsa indica qualsiasi evento (ad esclusione della Chiusura Anticipata) che, secondo equa valutazione (Art. 315 BGB ) dell Agente di Calcolo, interrompa o comprometta la capacità degli operatori del mercato di effettuare in generale, sulla relativa Borsa di Riferimento, transazioni su, ovvero di realizzare il valore di mercato di, uno o più Componenti. 17

18 (c) Chiusura Anticipata indica la chiusura di una o più Borse di Riferimento per uno o più Componenti in un Giorno Lavorativo di Borsa prima dell orario di chiusura abituale. (2) Sconvolgimento del Mercato dei Future indica, in particolare, (i) uno Sconvolgimento della Negoziazione sul Mercato dei Future (Par. (a)), (ii) uno Sconvolgimento della Borsa Future (Par. (b)) e/o (iii) una Chiusura Anticipata del Mercato dei Future (Par. (c)), che sia in ogni caso reputata rilevante dall Agente di Calcolo. (a) Sconvolgimento della Negoziazione sul Mercato dei Future indica l interruzione o la limitazione della negoziazione, dovuta a una decisione della relativa Borsa Future di Riferimento o ad altro (a causa di oscillazioni dei prezzi che superano determinati limiti fissati dalla relativa Borsa di Riferimento, o di altri motivi), di contratti future o option relativi all Indice sulla Borsa Future di Riferimento. (b) Sconvolgimento della Borsa Future indica qualsiasi evento (ad esclusione della Chiusura Anticipata) che, secondo equa valutazione (Art. 315 BGB) dell Agente di Calcolo, interrompa o comprometta la capacità degli operatori del mercato di effettuare in generale, sulla relativa Borsa Future di Riferimento, transazioni su, ovvero di realizzare il valore di mercato di, contratti future o option. (c) Chiusura Anticipata del Mercato dei Future indica la chiusura della Borsa di Riferimento in un Giorno Lavorativo di Borsa prima dell orario di chiusura abituale. (3) Giorno di Sconvolgimento indica un Giorno di Negoziazione Abituale in cui lo Sponsor non pubblica il Livello dell Indice, la Borsa Future di Riferimento non è operativa durante i suoi normali Orari di Negoziazione o nel quale si verifica un altro evento di Sconvolgimento del Mercato che interessa le Componenti o un evento di Sconvolgimento del Mercato dei Future. (4) Se, a giudizio dell Agente di Calcolo, la Data Iniziale ovvero una Data di Valutazione dovesse coincidere con un Giorno di Sconvolgimento, la Data Iniziale ovvero la relativa Data di Valutazione sarà posticipata al primo Giorno di Negoziazione Abituale successivo che non sia un Giorno di Sconvolgimento. Se anche l ottavo Giorno di Negoziazione Abituale successivo dovesse essere un Giorno di Sconvolgimento, allora il predetto ottavo giorno, indipendentemente dal fatto che sia un Giorno di Sconvolgimento, sarà considerato la Data Iniziale, ovvero la relativa Data di Valutazione, e l Agente di Calcolo determinerà il Valore Iniziale ovvero il Valore di Riferimento all ottavo Giorno di Negoziazione abituale, secondo equa valutazione (Art. 315 BGB), utilizzando l ultimo metodo di calcolo dell Indice in vigore prima del primo Giorno di Sconvolgimento. (5) Nel caso in cui un Giorno di Sconvolgimento comporti una posticipazione della Data di Valutazione immediatamente precedente alla Data di Liquidazione, si applicherà conseguentemente l Art. 2 Par. (5) (a) ultimo comma. Articolo 6 Indice, modifiche e revoca dell Indice (1) Indice indica, fatto salvo il Par. (2), l Indice Dow Jones EURO STOXX 50 SM (WKN ) (definito anche Sottostante ), calcolato da STOXX Limited (lo Sponsor ). (2) (a) Qualora l Indice (i) sia pubblicato non più dallo Sponsor, ma da un altra persona, società o istituzione che l Agente di Calcolo, secondo equa valutazione (Art. 315 BGB ), ritenga adeguato ( Sponsor Sostitutivo ), oppure (ii) sia sostituito da un altro Indice determinato, secondo equa valutazione (Art. 315 BGB) dell Agente di Calcolo, con un metodo di calcolo analogo, o sostanzialmente analogo, a quello dell Indice ( Indice Sostitutivo ), ogni riferimento allo Sponsor contenuto nelle presenti Condizioni, per quanto ammesso dal contesto, si intenderà riferito allo Sponsor Sostitutivo, e ogni riferimento all Indice contenuto nelle presenti Condizioni, per quanto ammesso dal contesto, si intenderà riferito all Indice Sostitutivo. Qualora l utilizzo dell Indice Sostitutivo influenzi in modo rilevante il valore economico dei Certificati, secondo equa valutazione dell Agente di Calcolo (Art. 315 BGB ), l Agente di Calcolo è autorizzato a modificare i parametri necessari alla determinazione del Bonus in modo tale che il valore economico dei Certificati immediatamente prima del primo utilizzo dell Indice Sostitutivo corrisponda al valore economico dei Certificati immediatamente dopo il primo utilizzo dell Indice Sostitutivo. 18

19 (b) (i) Qualora per lungo tempo l'indice non venga calcolato oppure non venga più calcolato dallo Sponsor e, a giudizio dell'agente di Calcolo, non possa essere preso in considerazione uno Sponsor Sostitutivo oppure un Indice Sostitutivo, per qualunque motivo, oppure (ii) lo Sponsor non calcoli e/o pubblichi l Indice alla Data Iniziale oppure a una Data di Valutazione e tale data non sia un Giorno di Sconvolgimento, allora l Agente di Calcolo calcolerà il corso rilevante o i corsi rilevanti dell Indice per le predette date, secondo equa valutazione (Art. 315 BGB), sulla base dell ultimo metodo di calcolo in vigore per la determinazione dell'indice, considerando a tal fine solo i titoli che erano compresi nell Indice immediatamente prima del mancato calcolo ovvero della mancata pubblicazione dell Indice. (c) Qualora lo Sponsor, con efficacia precedente o concomitante alla Data Iniziale o a una Data di Valutazione, apporti una modifica sostanziale al metodo di calcolo dell Indice, oppure l'indice venga modificato in modo sostanziale in qualunque altro modo (esclusa una modifica che sia già prevista nell ambito del metodo di calcolo dell Indice in caso di cambiamento della composizione dei titoli che compongono l Indice, della capitalizzazione oppure di altre misure di routine), l Agente di Calcolo è autorizzato, fatta salva la sostituzione ai sensi del Par. (d), a modificare secondo equa valutazione (Art. 315 BGB) i parametri necessari alla determinazione del Bonus e/o a calcolare il Valore Iniziale, qualora la modifica sostanziale interessi la Data Iniziale, ovvero il Valore di Riferimento a una Data di Valutazione interessata dalla modifica sostanziale, utilizzando l ultimo metodo di calcolo dell Indice in vigore prima della modifica sostanziale, considerando a tal fine solo i titoli che erano compresi nell Indice immediatamente prima della modifica sostanziale. (d) Se, a giudizio dell Agente di Calcolo, non sia possibile procedere a un adeguamento appropriato, come descritto nei Par. (b) e (c), oppure se l'adeguamento appropriato previsto consista nella sostituzione del Bonus ai sensi del presente Par. (d), l'emittente è autorizzata a erogare al posto dell'importo del Bonus eventualmente dovuto in futuro un pagamento sostitutivo in un unica soluzione ( Importo Sostitutivo"). L Agente di Calcolo definirà l'ammontare dell'importo Sostitutivo secondo equa valutazione (Art. 315 BGB) e lo renderà noto ai sensi dell Art. 9. La sostituzione diventerà efficace al momento della notifica ai sensi dell Art. 9. La scadenza del pagamento dell Importo Sostitutivo sarà la Data di Liquidazione. (e) Qualora nei propri calcoli l'agente di Calcolo utilizzi un Livello dell Indice pubblicato dallo Sponsor e tale Livello dell Indice dovesse essere in seguito rettificato dallo Sponsor, e il Livello dell'indice rettificato dovesse essere reso noto entro due Giorni Lavorativi di Borsa dopo la pubblicazione del Livello dell Indice originario, si procederà a un nuovo calcolo sulla base del Livello dell Indice rettificato. Il nuovo calcolo potrà eventualmente comportare una modifica dell Importo del Bonus o dell Importo Sostitutivo, oppure della Data di Liquidazione. L Agente di Calcolo comunicherà le modifiche al Creditore, segnalando contemporaneamente gli importi che il Creditore deve ancora ricevere dall Emittente, oppure restituire alla stessa. Le rettifiche pubblicate oltre il termine sopra indicato non saranno considerate. La disposizione di cui sopra sono valide conseguentemente nel caso di una rettifica dei corsi delle Componenti. Articolo 7 Sostituzione dell Emittente (1) L Emittente è autorizzata in qualunque momento, senza il consenso dei Portatori, a sostituire la debitrice principale di tutti gli obblighi derivanti dai e in rapporto ai presenti Certificati con un altra società ( Nuova Emittente ). La sostituzione può avvenire alle seguenti condizioni: (a) che la Nuova Emittente sia in grado di adempiere a tutti gli obblighi derivanti dai e in rapporto ai presenti Certificati e, in particolare, sia in grado di trasferire tutti gli importi necessari in euro senza limitazioni all Agente di Deposito, (b) che la Nuova Emittente disponga di tutte le eventuali autorizzazioni necessarie rilasciate dalle autorità del paese in cui ha la propria sede, (c) che la Nuova Emittente dimostri in modo adeguato di poter trasferire all Agente di Deposito tutti gli importi necessari all'adempimento degli obblighi di pagamento derivanti dai e in rapporto ai presenti Certificati, senza la necessità di operare la trattenuta alla fonte di alcuna imposta o tributo. 19

20 (d) che l Emittente garantisca in modo assoluto e irrevocabile l adempimento degli obblighi da parte della Nuova Emittente (a questo proposito definita anche "Garante"), oppure la Nuova Emittente fornisca una garanzia di tale entità da assicurare l'adempimento in qualunque momento degli obblighi derivanti dai Certificati, (e) che i crediti vantati dai Portatori in rapporto ai presenti Certificati nei confronti della Nuova Emittente abbiano il medesimo grado di quelli nei confronti dell'emittente. (2) La predetta sostituzione dell Emittente deve essere pubblicata ai sensi dell Art. 9. (3) In caso di sostituzione dell Emittente, ogni riferimento all Emittente contenuto nelle presenti Condizioni si intenderà riferito, per quanto ammesso dal contesto, alla Nuova Emittente. (4) Dopo la sostituzione dell Emittente da parte della Nuova Emittente, il presente Art. 7 continuerà ad avere validità. Articolo 8 Estinzione del Diritto Inerente al Certificato Qualora in futuro l Emittente, in virtù di una legge, un decreto o di misure delle autorità, oppure per qualunque altro motivo analogo, dovesse essere giuridicamente impossibilitata ad adempiere agli obblighi derivanti dai Certificati, il Diritto Inerente al Certificato si estinguerà. Articolo 9 Comunicazioni Tutte le comunicazioni inerenti ai Certificati saranno pubblicate, se prescritto dalla legge, su un quotidiano o un giornale economico diffuso negli Stati dello Spazio Economico Europeo in cui è stata presentata l'offerta pubblica, oppure in cui è stata richiesta l'ammissione alla negoziazione. In tutti gli altri casi, la comunicazione sarà effettuata sul sito Internet dell Emittente, all indirizzo Articolo 10 Disposizioni varie (1) La forma e il contenuto dei Certificati, nonché tutti i diritti e gli obblighi dell Emittente e dei Portatori, sono regolati sotto ogni aspetto dal diritto della Repubblica Federale Tedesca. (2) Il luogo di esecuzione è Francoforte sul Meno. (3) Il foro competente per tutte le vertenze derivanti dalle circostanze disciplinate nel presente Regolamento è Francoforte sul Meno per i commercianti, le persone giuridiche pubbliche, i patrimoni separati di diritto pubblico e le persone senza un foro generale nella Repubblica Federale di Germania. (4) L Emittente è autorizzata a correggere, ovvero integrare, evidenti errori di ortografia o di calcolo contenuti nelle presenti Condizioni senza il consenso dei Portatori. Le modifiche ovvero le integrazioni apportate al presente Regolamento saranno comunicate tempestivamente ai sensi dell Art. 9 del presente Regolamento. Articolo 11 Agente di Calcolo (1) Agente di Calcolo è la DZ BANK AG Deutsche Zentral-Genossenschaftsbank, Frankfurt am Main, Platz der Republik, Francoforte sul Meno, Repubblica Federale Tedesca, che ha assunto questa funzione in conformità con le presenti Condizioni. L Emittente è autorizzata sostituire in qualunque momento l Agente di Calcolo con un altro istituto di credito che abbia la propria sede 20

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Contratto di Assicurazione sulla Vita Unit Linked Life Portfolio Italy

Contratto di Assicurazione sulla Vita Unit Linked Life Portfolio Italy CREDIT SUISSE LIFE & PENSIONS AG (ITALIAN BRANCH) Via Santa Margherita 3 Telefono +39 02 88 55 01 20121-Milano Fax +39 02 88 550 450 REA Registro Imprese di Milano n. 1753146 C.F. Part. IVA 04502630967

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

MiFID Pacchetto Informativo relativo ai Servizi di Investimento di Hypo Tirol Bank AG

MiFID Pacchetto Informativo relativo ai Servizi di Investimento di Hypo Tirol Bank AG MiFID Pacchetto Informativo relativo ai Servizi di Investimento di Hypo Tirol Bank AG Indice absichern anlegen ausleihen bewegen Edizione: ottobre 2013 I. Informazioni generali sulla Banca ed i suoi servizi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli