Comitato Alcol e Territorio Saronno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comitato Alcol e Territorio Saronno"

Transcript

1 Dipartimento delle Dipendenze (Direttore Dr. Vincenzo Marino) U.O. Territoriale Dipendenze Provincia Sud Sede Ser.T. di Saronno Comitato Alcol e Territorio Saronno N 15 INFORMAZIONE E PREVENZIONE ALCOLOGICA NEL TERRITORIO SARONNESE II Semestre 2011 Coordinatore Dr. Fabio Reina Componenti del Comitato Dr.ssa Elisabetta Host Ivessich Dr.ssa Giovanna Restelli Ass.Soc. Francesca Perlangeli Associazione ITACA onlus Associazione Alcolisti Anonimi Associazione Al-Anon dove e a chi rivolgersi per un problema con l alcol a Saronno? STAMPA la locandina da esporre in ambulatorio Se non vuoi più ricevere questa newsletter rispondi all inserendo nell oggetto CANCELLA

2 Caro/a collega, REPORT DELLE ATTIVITA Ti segnalo la pubblicazione del Report sulle attività del Dipartimento delle Dipendenze dell ASL di Varese, relativamente all anno 2010 scaricabile gratuitamente dal sito: Nella pubblicazione troverai tutti gli ambiti relativi alle problematiche della dipendenza da sostanze psicotrope legali e illegali della nostra Provincia. Una sezione è poi dedicata anche ai progetti ritenuti strategici per il Dipartimento e tra questi ti segnalo il nostro progetto saronnese del Comitato alcol e territorio. Ti invito a contattarci telefonicamente o anche tramite per qualsiasi ulteriore informazione o chiarimento. A nome dell equipe della Sede Ser.T di Saronno ti formulo i migliori auguri per un sereno Buon lavoro, cordialmente dr. Fabio Reina ANNO 2010 DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Sommario di questo numero: pag.2 Report attività Dipartimento Dipendenze ASL Varese anno 2010 pag. 3 Profilo dei soggetti AlcolDipendenti in trattamento presso il SerT di Saronno durante l anno 2010 pag.6 Progetti Strategici Dipartimento delle Dipendenze anno pag. 7 Aggiornamento in Rete pag. 7 Spazio Adolescenti pag. 8 Indirizzi Utili: dove e a chi rivolgersi per un problema con l alcol? Sede Ser.T di Saronno Tel 02/ / Pagina 2 dove e a chi rivolgersi per un problema con l alcol a Saronno? STAMPA la locandina da esporre Vai all ultima pagina di questa Newsletter

3 Tabella 1- Distribuzione utenti per tipologia di presenza nella Sede anno 2010 VS anno Già in carico Nuovi TOTALE Tabella 2 - Distribuzione utenti per genere. N. % Maschi % Femmine 38 26% TOTALE % Dati Elaborati dall Osservatorio Dipendenze ASL di Varese Dipartimento delle Dipendenze Sede Ser.T di Saronno Pagina 3

4 Dei 148 utenti con problematiche alcologiche presi in carico nel corso dell anno dalla Sede Ser.T di Saronno, il 44% si è presentato volontariamente e il 27% su invio attraverso strutture socio sanitarie (Ospedale Medico di Medicina Generale) al Servizio. Tabella 3 Tab. 3 - Distribuzione assoluta utenti per tipologia di presa in carico e canale di invio Volontario Strutt.socio sanitarie Autorità Giudiziarie Familiari o amici Altro TOTALE N. N. N. N. N. N. Già in carico Nuovi utenti TOTALE Nell anno soggetti con problematiche alcologiche, ha preso contatto per la prima volta con la Sede Ser.T di Saronno, e di questi il 39% si è presentato su invio attraverso strutture socio sanitarie (Ospedale e/o Medico di Medicina Generale) e il 25% si è invece presentato volontariamente al Servizio. Nella Tabella 4 è possibile anche osservare la distribuzione per genere e per fonte di arrivo, dei nuovi soggetti che nel corso dell anno 2010 si sono rivolti al Servizo. Tab. 4 - Distribuzione assoluta NUOVI utenti per genere e canale di invio. Volontario Strutt.socio sanitarie Autorità Giudiziarie Familiari o amici Altro TOTALE N. N. N. N. N. N. Maschi Femmine TOTALE Dati Elaborati dall Osservatorio Dipendenze ASL di Varese Dipartimento delle Dipendenze Sede Ser.T di Saronno Pagina 4

5 Gli utenti con problematiche alcologiche presi in carico nel corso dell anno 2010 dalla Sede Ser.T di Saronno, hanno evidenziato come bevanda alcolica principalmente utilizzata sia nel genere maschile che femminile il vino, rispettivamente nel 51 % dei maschi e nel 79% delle femminile. Tabella 5 Tabella 5 - Distribuzione utenti anno 2010 per bevanda alcolica utilizzata maschi femmine Superalcolici 13 3 Aperiti amari digestivi 6 0 vino Birra 35 5 TOTALE Nel corso dell anno 2010 sono stati trattati presso la Sede Ser.T di Saronno per problematiche relative all assunzione di bevande alcoliche, anche otto soggetti di nazionalità non italiana. Di questi tre soggetti erano di nazioni europee, e cinque exstracomuntarie.tabella 6 Tabella 6 - Distribuzione utenti per nazionalità. N. % Italiani % Stranieri 8 5 % TOTALE % Vuoi avere ulteriori informazioni? telefona invia una meil Dipartimento delle Dipendenze U.O. Territoriale Dipendenze Provincia Sud Sede di Saronno dal lunedì al Venerdì e Tel 02/ Pagina 5

6 Interventi strategici: i progetti e le azioni avviate dal Dipartimento Dipendenze ASL Varese Pagina 6

7 Dipartimento delle Dipendenze AGGIORNAMENTO in RETE sito dell Istituto Superiore di Sanità sito gestito dalla Società Italiana di Alcologia e Istituto Superiore di Sanità sito della Società Italiana di Alcologia sito della Sede lombarda della Società Italiana di Alcologia Info rmazioni sulle problematiche dell uso e dell abuso di alcol (e droghe) nei giovani Sede di Saronno tel sito internet: numero verde Pagina 7

8

Comitato Alcol e Territorio Saronno

Comitato Alcol e Territorio Saronno Dipartimento delle Dipendenze (Direttore Dr. Vincenzo Marino) Ser.T U.O. Territoriale Dipendenze Provincia Sud Sede di Saronno Comitato Alcol e Territorio Saronno PREVENZIONE ALCOLOGICA 2009 N 10 sertsaronno@asl.varese.it

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni,

Dettagli

Vigilanza sull applicazione della Legge 125/2001

Vigilanza sull applicazione della Legge 125/2001 Vigilanza sull applicazione della Legge 125/2001 Dr.ssa Nicoletta Cornaggia, Dr. Gianni Saretto - Regione Lombardia U.O. Prevezione Dr. Crescenzo Tiso - ASL Varese SPSAL Dr. Massimo Caironi - ASL Bergamo

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A

R E G I O N E C A L A B R I A R E G I O N E C A L A B R I A 1 R E G I O N E C A L A B R I A a cura di: Dott. Bernardo S. Grande Responsabile LVD supervisione e coordinamento Dott.ssa Tiziana Bevacqua Psicologa LVD dati e testo Dott.ssa

Dettagli

DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE

DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE ATTIVITA LAVORATIVA ABUSO DI BEVANDE ALCOLICHE USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE PUNTO DI PARTENZA Decreto legislativo 81 del 2008: Articolo 41: Nei casi ed alle condizioni previste dall ordinamento

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato. Tab.5.15: Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato per classi di età

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato. Tab.5.15: Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato per classi di età Tab.5.14: Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato Nuovi utenti 72 48 44 51 106 133 Proporzione di maschi (nuovi utenti) 93% 92% 86% 78% 84%

Dettagli

Il Telefono Verde contro il Fumo

Il Telefono Verde contro il Fumo Il Telefono Verde contro il Fumo Dott.ssa Luisa Mastrobattista Osservatorio Fumo Alcol e Droga OSSFAD Istituto Superiore di Sanità XVII Convegno Tabagismo e Servizio Sanitario Nazionale AGGIORNAMENTO DEI

Dettagli

Lorenzo Rampazzo Servizio Prevenzione e Cura delle Dipendenze, Direzione per i Servizi Sociali della Regione Veneto.

Lorenzo Rampazzo Servizio Prevenzione e Cura delle Dipendenze, Direzione per i Servizi Sociali della Regione Veneto. LA RETE ALCOLOGICA DELLA REGIONE VENETO NEL SISTEMA DELLE DIPENDENZE Lorenzo Rampazzo Servizio Prevenzione e Cura delle Dipendenze, Direzione per i Servizi Sociali della Regione Veneto. L abuso di alcol

Dettagli

RETE DI OFFERTE PER LE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE DIPENDENZE IN PROVINCIA DI VARESE

RETE DI OFFERTE PER LE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE DIPENDENZE IN PROVINCIA DI VARESE RETE DI OFFERTE PER LE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE DIPENDENZE IN PROVINCIA DI VARESE A cura dell Osservatorio Dipendenze, Dipartimento delle Dipendenze, ASL della provincia di Varese Aprile 2012 Rev 1.1

Dettagli

Dipendenze patologiche

Dipendenze patologiche PROVINCIA DI RIMINI Assessorato Politiche Sociali Dipendenze patologiche Mini guida ai soggetti e ai servizi del territorio Dipendenze patologiche La presente pubblicazione nasce con l intento di dare

Dettagli

Report sulle attività del Dipartimento Dipendenze della provincia di Varese. A cura dell Osservatorio Dipendenze dell ASL della provincia di Varese

Report sulle attività del Dipartimento Dipendenze della provincia di Varese. A cura dell Osservatorio Dipendenze dell ASL della provincia di Varese Report sulle attività del Dipartimento Dipendenze della provincia di Varese A cura dell Osservatorio Dipendenze dell ASL della provincia di Varese VARESE, 2011 ASL VARESE, Dipartimento Dipendenze, Osservatorio

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

Alcol e lavoro: «i casi e le condizioni previste dall ordinamento» Anna Guardavilla Giurista

Alcol e lavoro: «i casi e le condizioni previste dall ordinamento» Anna Guardavilla Giurista Alcol e lavoro: «i casi e le condizioni previste dall ordinamento» Anna Guardavilla Giurista D.Lgs. 81/08 art. 41 c.4 Nei casi ed alle condizioni previste dall'ordinamento, le visite sono altresì finalizzate

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 9 Medici di base e medici specialisti CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sull assistenza sanitaria di base parole relative all assistenza sanitaria di base

Dettagli

Analisi del contesto sociale di sviluppo. i servizi contro le dipendenze

Analisi del contesto sociale di sviluppo. i servizi contro le dipendenze Analisi del contesto sociale di sviluppo delle ludopatie e i servizi contro le dipendenze Quanto si gioca in Italia? (tempo e denaro) Rispetto al dato del 2004, nel 2012 la raccolta totale derivante dal

Dettagli

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Direttore dott. Marco Riglietta via Borgo Palazzo, 130-24125 Bergamo Italy Tel +390352270382 - Fax +390352270393 www.asl.bergamo.it/dipartimentodipendenze (PEC): protocollo@pec.asl.bergamo.it

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Mangili Roberta Data di nascita 18/04/1963. medico responsabile di struttura semplice

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Mangili Roberta Data di nascita 18/04/1963. medico responsabile di struttura semplice INFORMAZIONI PERSONALI Nome Mangili Roberta Data di nascita 18/04/1963 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio medico responsabile di struttura semplice ASL DELLA PROVINCIA

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Azienda Sanitaria Provinciale Reggio Calabria Dipartimento delle Dipendenze Direttore: Dr. Caterina De Stefano DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE L Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria assicura

Dettagli

100/0 4 75/25 4 100/0 22 95/6 2 100/1 2 75/26 20 100/0 21 100/0 15 99/1 10 75/26 16 100/0 7 100/0 2 99/1 73 5/25 50. Il Fenomeno delle Dipendenze

100/0 4 75/25 4 100/0 22 95/6 2 100/1 2 75/26 20 100/0 21 100/0 15 99/1 10 75/26 16 100/0 7 100/0 2 99/1 73 5/25 50. Il Fenomeno delle Dipendenze 99/1 75/25 5 95/5 45 IN COLLABORAZIONE CON 1/ 4 75/25 4 1/ 22 95/6 2 1/1 2 Osservatorio Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze 75/26 2 Il Fenomeno delle Dipendenze 1/ 21 nella provincia di Varese 1/

Dettagli

Attività fisica. Fig 10 Pratica sportiva in soggetti di età >3 anni. Confronto Marche Italia Anni 1995-1997.

Attività fisica. Fig 10 Pratica sportiva in soggetti di età >3 anni. Confronto Marche Italia Anni 1995-1997. Attività fisica Il Piano Sanitario Nazionale propone di perseguire l obiettivo di aumentare in media del 10% la prevalenza di individui (giovani ed adulti) che praticano regolarmente (almeno una volta

Dettagli

Le difficoltà applicative e le ambiguità interpretative delle normative su stupefacenti ed alcool.

Le difficoltà applicative e le ambiguità interpretative delle normative su stupefacenti ed alcool. Le difficoltà applicative e le ambiguità interpretative delle normative su stupefacenti ed alcool. Linee di indirizzo regionali e legittimità procedurali STUPEFACENTI, ALCOOL E STRESS: A CHE PUNTO SIAMO

Dettagli

REPORT 2014 SUL FENOMENO DELLE DIPENDENZE IN VALLECAMONICA. (dati relativi anno 2013) DIPARTIMENTO DIPENDENZE ASL VALLECAMONICA SEBINO

REPORT 2014 SUL FENOMENO DELLE DIPENDENZE IN VALLECAMONICA. (dati relativi anno 2013) DIPARTIMENTO DIPENDENZE ASL VALLECAMONICA SEBINO REPORT 214 SUL FENOMENO DELLE DIPENDENZE IN VALLECAMONICA (dati relativi anno 213) DIPARTIMENTO DIPENDENZE ASL VALLECAMONICA SEBINO A cura dell'osservatorio Dipendenze, Dr.ssa Marina Salada e Dr. Paolo

Dettagli

30/03/2012 DIPENDENZE PATOLOGICHE IL SISTEMA FAMIGLIA. Anni 80: emergenza eroina LE DIPENDENZE PATOLOGICHE. Anni 90: le politossicodipendenze

30/03/2012 DIPENDENZE PATOLOGICHE IL SISTEMA FAMIGLIA. Anni 80: emergenza eroina LE DIPENDENZE PATOLOGICHE. Anni 90: le politossicodipendenze LE DIPENDENZE PATOLOGICHE IL SISTEMA FAMIGLIA E LE DIPENDENZE PATOLOGICHE Anni 8: emergenza eroina Anni 9: le politossicodipendenze CONVEGNO: FAMIGLIA E MALATTIA 9 MARZO 212 Garbagnate Milanese Terzo millennio:

Dettagli

DIPENDENZE. O ipendenze NUOVI SCENARI E NUOVI APPROCCI. aspetti tecnici e scientifici. Verona, 31 maggio e 1 giugno 2007 OUTCOME. Sede del Congresso:

DIPENDENZE. O ipendenze NUOVI SCENARI E NUOVI APPROCCI. aspetti tecnici e scientifici. Verona, 31 maggio e 1 giugno 2007 OUTCOME. Sede del Congresso: Con il patrocinio di UNITED NATIONS Office on Drugs and Crime MINISTERO DELLA SALUTE Piano di Formazione Tossicodipendenze Regione del Veneto Regione del Veneto - Azienda ULSS 20 Dipartimento delle Dipendenze

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria I documenti di: quotidianosanità.it Quotidiano online di informazione sanitaria Dossier Documentazione legislativa Studi e ricerche Interventi e relazioni Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA

Dettagli

Banca Dati InFormaLavoro Concorsi e avvisi di selezione

Banca Dati InFormaLavoro Concorsi e avvisi di selezione Banca Dati InFormaLavoro Concorsi e avvisi di selezione Inseriti dal 31 marzo al 06 aprile 2014 Settimanalmente viene attuata la rassegna stampa dei concorsi e avvisi di selezione pubblicati sulla Gazzetta

Dettagli

Gruppo di lavoro Promozione della salute Incidenti stradali

Gruppo di lavoro Promozione della salute Incidenti stradali Allegato C Gruppo di lavoro Promozione della salute Incidenti stradali Protocollo operativo: Piani locali di prevenzione incidenti stradali: alcol, droghe e guida SCEGLIERE LA STRADA della SICUREZZA -

Dettagli

L esperienza della Regione Toscana

L esperienza della Regione Toscana Alcol e giovani, famiglia e società. Le priorità della prevenzione integrata sanitaria e sociale tra cultura del trattamento e razionalizzazione dei servizi In collaborazione con: ISS (Istituto Superiore

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni

Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni Dipartimento Dipendenze Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni I dati dello Studio Espad Italia 212 con sovracampionamento per la Provincia di Lecco A cura dell Osservatorio

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

Dirigente ASL II fascia - Incarico Professionale di Responsabile Ambulatorio per la Prevenzione e Cura del Tabagismo U.O.C. Ser.T.

Dirigente ASL II fascia - Incarico Professionale di Responsabile Ambulatorio per la Prevenzione e Cura del Tabagismo U.O.C. Ser.T. INFORMAZIONI PERSONALI Nome Perillo Antonio Data di nascita 06/07/1959 Qualifica Dirigente Psicologo Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche Silvia Gallozzi Indicazioni operative specificate nella Determina Regionale B 02807/2013

Dettagli

ESPERIENZA DI CONTROLLO ALCOLIMETRICO SUL CAMPO DI UN CAMPIONE DI LAVORATORI EDILI

ESPERIENZA DI CONTROLLO ALCOLIMETRICO SUL CAMPO DI UN CAMPIONE DI LAVORATORI EDILI ESPERIENZA DI CONTROLLO ALCOLIMETRICO SUL CAMPO DI UN CAMPIONE DI LAVORATORI EDILI G.Miscetti, P.Bodo, E.P. Abbritti, A.Lumare, P. Garofani, R.Ceppitelli Unità Operativa Complessa Prevenzione e Sicurezza

Dettagli

A cura di: Osservatorio Forlì: via Orto del Fuoco, 10 - Forlì Responsabile: Samantha Sanchini, e-mail: s.sanchini@ausl.fo.it, tel. 0543.

A cura di: Osservatorio Forlì: via Orto del Fuoco, 10 - Forlì Responsabile: Samantha Sanchini, e-mail: s.sanchini@ausl.fo.it, tel. 0543. A cura di: Osservatorio Cesena via Brunelli, 540 - Cesena Responsabile: Paolo Ugolini e-mail: pugolini@ausl-cesena.emr.it, tel. 0547.631536 Alessandro Mariani D Altri Monica Teodorani Osservatorio Forlì:

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali UFFICIO STAMPA I CONFERENZA NAZIONALE SULL ALCOL Più salute meno rischi Costruire alleanze per il benessere e la sicurezza SCHEDA ALCOL: L ATTIVITA

Dettagli

Informativa assunzione di alcol nei luoghi di lavoro

Informativa assunzione di alcol nei luoghi di lavoro ISTITUTO COMPRENSIVO N 17 Informativa assunzione di alcol nei luoghi di lavoro [L. 125/01 e D.Lgs 81/08] Il lavoratore, oltre a proteggere la propria salute e sicurezza, deve tutelare quella altrui come

Dettagli

Il Fenomeno delle Dipendenze sul Territorio della ASL MI 2 Anno 2005 VI Rapporto. Osservatorio Territoriale Droga e Tossicodipendenze

Il Fenomeno delle Dipendenze sul Territorio della ASL MI 2 Anno 2005 VI Rapporto. Osservatorio Territoriale Droga e Tossicodipendenze Regione Lombardia ASL MILANODUE Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Milano 2 Dipartimento ASSI Dipartimento tf delle Dipendenze Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Fisiologia Clinica

Dettagli

Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive

Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive Nuove forme per l accoglienza familiare Firenze, 6 marzo 2013 Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive Dott.ssa Sandra Di Rocco Responsabile P.O. Interventi per Minori e Famiglia del Comune

Dettagli

25 ottobre 2013. LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: il ruolo del medico competente

25 ottobre 2013. LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: il ruolo del medico competente LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: il ruolo del medico competente 25 ottobre 2013 Dall obbligo normativo alla promozione della salute negli ambienti di lavoro Relatore: dr.ssa Roberta

Dettagli

Regione Calabria ASP Reggio Calabria Dipartimento di Prevenzione

Regione Calabria ASP Reggio Calabria Dipartimento di Prevenzione U.O. EDUCAZIONE SANITARIA Responsabile: Dott.ssa Angela Epifanio Tel. 0964399905 Sede: via Dromo (ospedale vecchio) Siderno R.C. Segreteria: Tel/Fax 0964399908 - E mail promozionesaluterc@libero.it Mission:

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 del 20 novembre 2008. SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli ambienti di Lavoro

Carta dei Servizi rev. 1 del 20 novembre 2008. SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli ambienti di Lavoro Carta dei Servizi rev. 1 del 20 novembre 2008 SPISAL negli ambienti di Lavoro Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento di Prevenzione negli Ambienti di Lavoro Sede centrale: Valeggio sul Mincio, via

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Maradei Sandra Data di nascita 19/05/1968 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI PRATO Dirigente ASL I fascia - Psicologia

Dettagli

ALCOL. IL PROBLEMA, LA PREVENZIONE E LE AZIONI EFFICACI Alcohol Prevention Day - Aprile 2013 mese della prevenzione alcologica

ALCOL. IL PROBLEMA, LA PREVENZIONE E LE AZIONI EFFICACI Alcohol Prevention Day - Aprile 2013 mese della prevenzione alcologica DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001 Direttore dott. Marco Riglietta www.asl.bergamo.it/dipartimentodipendenze e-mail dipartimento.dipendenze@asl.bergamo.it ALCOL.

Dettagli

DIPARTIMENTO DIPENDENZE

DIPARTIMENTO DIPENDENZE DIPARTIMENTO DIPENDENZE PIANO DI INTERVENTO TERRITORIALE SUL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO 2014 (Misura 1- DGR n.856/2013 Sensibilizzazione e informazione della popolazione) PREMESSA Il presente Piano recepisce

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Bellucci Maria Teresa Data di nascita 19/07/1972. Dirigente Tempo Determinato

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Bellucci Maria Teresa Data di nascita 19/07/1972. Dirigente Tempo Determinato INFORMAZIONI PERSONALI Nome Bellucci Maria Teresa Data di nascita 19/07/1972 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Tempo Determinato COMUNE DI ROMA Responsabile

Dettagli

Nuove migrazioni, nuove sfide per il pediatra Accoglienza, integrazione, salute dei cittadini di domani

Nuove migrazioni, nuove sfide per il pediatra Accoglienza, integrazione, salute dei cittadini di domani Nuove migrazioni, nuove sfide per il pediatra Accoglienza, integrazione, salute dei cittadini di domani Le migrazioni oggi. Quali bisogni, quali azioni. Profili di salute, normative e protocolli Presidente

Dettagli

Evento MEDICINA DEL DISAGIO: UN SERVIZIO IN MOVIMENTO

Evento MEDICINA DEL DISAGIO: UN SERVIZIO IN MOVIMENTO DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

L Alcol tra i giovani

L Alcol tra i giovani L Alcol tra i giovani Nella nostra cultura si va affermando un certo consenso sociale per il consumo di bevande alcoliche. La iniziazione avviene spesso in famiglia, con un consumo di alcol in genere alimentare

Dettagli

RISULTATI DEL QUESTIONARIO CONOSCITIVO SULLE ALLERGIE RESPIRATORIE SOMMINISTRATO IN OCCASIONE DELLA I GIORNATA DEL POLLINE E DELLE POLLINOSI

RISULTATI DEL QUESTIONARIO CONOSCITIVO SULLE ALLERGIE RESPIRATORIE SOMMINISTRATO IN OCCASIONE DELLA I GIORNATA DEL POLLINE E DELLE POLLINOSI RISULTATI DEL QUESTIONARIO CONOSCITIVO SULLE ALLERGIE RESPIRATORIE SOMMINISTRATO IN OCCASIONE DELLA I GIORNATA DEL POLLINE E DELLE POLLINOSI (Elaborazione a cura della dott.ssa Filomena Lo sasso dirigente

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Consultorio Familiare LA CASA di Erba CARTA DEI SERVIZI E lo strumento del quale il Consultorio si è dotato per rendere più facilmente visibili i servizi offerti a coloro che intendono

Dettagli

Informazioni su NA SVILUPPO PROGRAMMA

Informazioni su NA SVILUPPO PROGRAMMA Informazioni su NA Narcotici Anonimi è un associazione internazionale di tossicodipendenti in recupero che conta più di 58.000 riunioni settimanali in 131 paesi del mondo. SVILUPPO Narcotici Anonimi ebbe

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

FATTI E CIFRE SULLE DIPENDENZE E SULL ALCOL IN PIEMONTE

FATTI E CIFRE SULLE DIPENDENZE E SULL ALCOL IN PIEMONTE ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA' FATTI E CIFRE SULLE DIPENDENZE E SULL ALCOL IN PIEMONTE Informazioni derivate da: schede ministeriali 1996-2011 ESPAD ISTAT PASSI SDO FATTI E CIFRE SULLE DIPENDENZE

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. MARINELLI PAOLA Data di nascita 17/08/1967. Amministrazione ASL NAPOLI 2 NORD (EX ASL 2 e 3)

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. MARINELLI PAOLA Data di nascita 17/08/1967. Amministrazione ASL NAPOLI 2 NORD (EX ASL 2 e 3) INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARINELLI PAOLA Data di nascita 17/08/1967 Qualifica I Fascia Amministrazione ASL NAPOLI 2 NORD (EX ASL 2 e 3) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente ASL

Dettagli

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste Soggetti finanziatori Progetto Scadenza ALLEANZA ASSICURAZIONI Iniziative che hanno come scopo: 1. progetti di formazione e/o inserimento professionale dei giovani finalizzati all'uscita da situazioni

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 ASL Frosinone Dipartimento Disagio, Devianza, Dipendenza - U.O. Extracomunitari e Minoranze Etniche Consultorio Multietnico Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Consultorio

Dettagli

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008 Dimmi come mangi Codice 1 2 3 1. Inserisci qui l iniziale del nome di tua mamma 2. Inserisci qui le ultime tre cifre del

Dettagli

GUIDA AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

GUIDA AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA GUIDA AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Gentile Signora/Signore, Questa Guida vuole essere un pratico strumento per orientarla nel nostro Servizio di erogazione del Voucher Socio-Sanitario

Dettagli

COMUNICAZIONE CIRCOLARE 08/13 Prot. 1302.033L Roma, 27/03/2013

COMUNICAZIONE CIRCOLARE 08/13 Prot. 1302.033L Roma, 27/03/2013 COMUNICAZIONE CIRCOLARE 08/13 Prot. 1302.033L Roma, 27/03/2013 OGGETTO: aggiornamento DVR circa l abuso di alcol e problemi alcol correlati. All attenzione del Dirigente di codesto istituto scolastico

Dettagli

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute.

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Campagna informativa sulle dipendenze patologiche Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Cari cittadini, è con orgoglio che vi presento la prima di dieci Campagne di Comunicazione sanitaria

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA I dati relativi alle prevalenze dei consumi di sostanze psicoattive, legali ed illegali, nella popolazione

Dettagli

A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA

A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA MEDICALSTAR Via S. Gregorio, 12 20124 MILANO Tel. 02 29404825 www.medicalstar.it info@medicalstar.it Perché i Quaderni I Quaderni sono

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. PARODI ACQUI TERME

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. PARODI ACQUI TERME ACQUI TERME Corso di formazione Divieto di assunzione bevande alcoliche per gli insegnanti Linee di indirizzo della Regione Piemonte per la verifica di assenza di rischi alcolcorrelati del 22 ottobre 2012

Dettagli

Allegato al Documento di Valutazione dei rischi

Allegato al Documento di Valutazione dei rischi Valutazione del rischio Alcol dipendenza Allegato al Documento di Valutazione dei rischi Euservice s.r.l. - Largo Principessa Brancaccio, 2-00027 Roviano (RM) - Segreteria consulenza info@euservice.it

Dettagli

ALCOL E LAVORO. Premessa

ALCOL E LAVORO. Premessa ALCOL E LAVORO Premessa L uso di bevande alcoliche rappresenta un abitudine largamente diffusa in Italia da sempre sostenuta da una cultura familiare e sociale di normalizzazione del cosiddetto bere sociale.

Dettagli

Abitudini e stili di vita degli adolescenti. Comunicato stampa

Abitudini e stili di vita degli adolescenti. Comunicato stampa Abitudini e stili di vita degli adolescenti Comunicato stampa Presentati il 2 dicembre a Bologna nell ambito del Convegno La Società degli adolescenti - i risultati dell edizione 2008 dell indagine su

Dettagli

Alcol.piacere di conoscerti!

Alcol.piacere di conoscerti! Alcol.piacere di conoscerti! Cesenatico, 10 Settembre 2010 Marco Matassoni Cosa ci fa pensare la parola alcol? un abitudine piacevole con molte controindicazioni un abitudine che si può modificare abbastanza

Dettagli

Il progetto regionale sostanze legali

Il progetto regionale sostanze legali Lavori preparatori alla II Conferenza regionale sulla salute mentale Il Sistema Dipendenze patologiche si presenta Il progetto regionale sostanze legali Maurizio Laezza Bologna,27 febbraio 2007 Fumo di

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello 1

Università per Stranieri di Siena Livello 1 Unità 4 In farmacia In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su dove comprare i medicinali parole relative alla farmacia e all uso corretto dei farmaci l uso dei verbi servili

Dettagli

CONSIGLI PER MANTENERCI IN SALUTE IL PIÙ A LUNGO POSSIBILE. Contro la droga usa il cervello!

CONSIGLI PER MANTENERCI IN SALUTE IL PIÙ A LUNGO POSSIBILE. Contro la droga usa il cervello! io ballo e non mi sballo! Contro la droga usa il cervello! Pasticche, trip, acidi, funghetti, LSD, anfe, speed, spinelli... illusioni che ti rendono schiavo di un mondo irreale e che fanno seriamente male

Dettagli

IL FOCOLARE SERVIZIO RESIDENZIALE DI TIPO B (INTENSIVO) CARTA DEI SERVIZI

IL FOCOLARE SERVIZIO RESIDENZIALE DI TIPO B (INTENSIVO) CARTA DEI SERVIZI IL FOCOLARE SERVIZIO RESIDENZIALE DI TIPO B (INTENSIVO) CARTA DEI SERVIZI Aggiornato il 01/07/2015 Aggiornato il 11/06/2014 Aggiornato il 08/05/2012 Adottato il 20/02/2012 Il presente documento è indirizzato

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) BRUNO AIELLO 166, VIA REGINA MARGHERITA 80053, CASTELLAMMARE DI STABIA, ITALIA Telefono(i) 0818724785 Cellulare: 3392845450

Dettagli

Osservatori Dipendenze Patologiche AUSL di Ravenna Forlì Cesena Rimini. RAPPORTO DIPENDENZE PATOLOGICHE 2013 Dati relativi al 2012

Osservatori Dipendenze Patologiche AUSL di Ravenna Forlì Cesena Rimini. RAPPORTO DIPENDENZE PATOLOGICHE 2013 Dati relativi al 2012 Osservatori Dipendenze Patologiche AUSL di Ravenna Forlì Cesena Rimini RAPPORTO DIPENDENZE PATOLOGICHE 2013 Dati relativi al 2012 Redazione del Rapporto Osservatorio Ravenna Responsabile: Marcella Fanelli

Dettagli

Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo. insieme di regole da rispettare. sono localizzati, si trovano

Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo. insieme di regole da rispettare. sono localizzati, si trovano Unità 3 Prenotare visite e analisi mediche In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come prenotare visite e analisi mediche parole relative alla prenotazione di visite e

Dettagli

PROMOTING HEALTH IN AUSL FORLI

PROMOTING HEALTH IN AUSL FORLI PROMOTING HEALTH IN AUSL FORLI Magda Zignani, AUSL Forlì, Italy (Servizio Prevenzione e Protezione Aziendale) VI Conferenza Europea sulla Promozione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA IN EDILIZIA

SORVEGLIANZA SANITARIA IN EDILIZIA SORVEGLIANZA SANITARIA IN EDILIZIA Per «sorveglianza sanitaria» si intende l «insieme degli atti medici, finalizzati alla tutela dello stato di salute e sicurezza dei lavoratori, in relazione all ambiente

Dettagli

ESIBIZIONE LIBRETTI EX ART. 10 D.M. 143/09

ESIBIZIONE LIBRETTI EX ART. 10 D.M. 143/09 Pesaro, 12 gennaio 2015 Prot. n. 29/15 AI COLLEGHI LORO SEDI Circolare n. 01/15 Sottopongo alla Tua attenzione le seguenti informative: ESIBIZIONE LIBRETTI EX ART. 10 D.M. 143/09 Ti prego cortesemente

Dettagli

DOVE RIVOLGERSI PER AVERE INFORMAZIONI SULL'EFFETTUAZIONE DEL TEST HIV ASL SEDE Telefono Giorni e orari di apertura

DOVE RIVOLGERSI PER AVERE INFORMAZIONI SULL'EFFETTUAZIONE DEL TEST HIV ASL SEDE Telefono Giorni e orari di apertura DOVE RIVOLGERSI PER AVERE INFORMAZIONI SULL'EFFETTUAZIONE DEL TEST HIV ASL SEDE Telefono Giorni e orari di apertura BERGAMO BRESCIA Bergamo Via Borgo Palazzzo,130 Albino Viale Stazione,26/A Bonate Sotto

Dettagli

PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Dati epidemiologici In Emilia-Romagna i tumori del colon-retto costituiscono la seconda causa

Dettagli

La Sorveglianza Sanitaria

La Sorveglianza Sanitaria La Sorveglianza Sanitaria (medico competente e testo unico) D.P.R. 19 Marzo 1956 n. 303 Art. 33 Visite Mediche. Nelle lavorazioni industriali che espongano all azione di sostanze tossiche o infettanti

Dettagli

Reggio Calabria RMO DRN 65C70 H224H

Reggio Calabria RMO DRN 65C70 H224H CURRICULUM VITAE Dott.ssa Adriana Romeo INFORMAZIONI PERSONALI Nome Adriana Romeo Indirizzo 38, Via S. Lucia I-89124, Reggio Calabria Mobile (+39) 333 52 01 424 E- mail adriana1965romeo@hotmail.com Italiana

Dettagli

Osservatorio Nazionale Alcol CNESPS

Osservatorio Nazionale Alcol CNESPS ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA WORLD HEALTH ORGANIZATION WHO Collaborating Centre for Research and Health Promotion on Alcohol and Alcohol Related Health Problems Centro Collaboratore OMS per la Ricerca

Dettagli

LabOratOriO brescia GEstiONE

LabOratOriO brescia GEstiONE CONVEGNO LabOratOriO brescia GEstiONE integrata del rischio in un sito di interesse NaziONaLE Lunedì 22 settembre 2014 Sala Cavaliere del Lavoro Pier Giuseppe Beretta Associazione Industriale Bresciana

Dettagli

Unità 4. Assistenza sanitaria. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2 CHIAVI

Unità 4. Assistenza sanitaria. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2 CHIAVI Unità 4 Assistenza sanitaria CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sulla sanità italiana parole utilizzate in testi informativi sulla sanità a usare i pronomi diretti

Dettagli

Opuscolo. Informativo/Formativo. Alcol e Alcoldipendenza

Opuscolo. Informativo/Formativo. Alcol e Alcoldipendenza N Prot. Sicurezza sul Lavoro Opuscolo Informativo/Formativo per i Lavoratori della Scuola Alcol e Alcoldipendenza Salute e Benessere La salute ed il benessere sono elementi essenziali per lo sviluppo personale,

Dettagli

Progetto GiocaResponsabile

Progetto GiocaResponsabile Progetto GiocaResponsabile Alfio Lucchini Presidente nazionale Roma 18 Luglio 2013 1 Principale società scientifica italiana delle dipendenze. Con 1.300 iscritti, professionisti dei Dipartimenti e Servizi

Dettagli

ALCOL E LAVORO. PROBLEMATICHE ED OBBLIGHI PER IL MEDICO DEL LAVORO 25 gennaio 2007 COMMENTO MEDICO-GIURIDICO DELLA RECENTE NORMATIVA

ALCOL E LAVORO. PROBLEMATICHE ED OBBLIGHI PER IL MEDICO DEL LAVORO 25 gennaio 2007 COMMENTO MEDICO-GIURIDICO DELLA RECENTE NORMATIVA ALCOL E LAVORO PROBLEMATICHE ED OBBLIGHI PER IL MEDICO DEL LAVORO 25 gennaio 2007 COMMENTO MEDICO-GIURIDICO DELLA RECENTE NORMATIVA Marco Chiaravalli, Laura Guzzetti, Mario Tavani PIANO D AZIONE EUROPEO

Dettagli

La normativa sull uso di sostanze nei luoghi di lavoro: leggi, accordi Stato regioni, Linee Guida Regionali

La normativa sull uso di sostanze nei luoghi di lavoro: leggi, accordi Stato regioni, Linee Guida Regionali L Applicazione delle norme relative l uso di alcol e sostanze stupefacenti nei cantieri edili Scuola Edile Brescia 27 marzo 2010 La normativa sull uso di sostanze nei luoghi di lavoro: leggi, accordi Stato

Dettagli

DIPARTIMENTO DIPENDENZE PIANO LOCALE PREVENZIONE 2014-2015

DIPARTIMENTO DIPENDENZE PIANO LOCALE PREVENZIONE 2014-2015 Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como Allegato A pagine 24 Deliberazione n. del DIPARTIMENTO DIPENDENZE PIANO LOCALE PREVENZIONE 2014-2015 PREMESSA Il presente Piano Locale Prevenzione 2014-2015

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA DELL EX MINISTERO DELLA SALUTE

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA DELL EX MINISTERO DELLA SALUTE DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA DELL EX MINISTERO DELLA SALUTE RELAZIONE DEL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative. Nome

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative. Nome Curriculum Vitae Nome Luisa BLASI Data di nascita 30/10/1955 Qualifica Dirigente psicologo I livello presso il Servizio Dipendenze Centro Storico ed Estuario Amministrazione Azienda ULSS 12 Veneziana Incarico

Dettagli

DOVE RIVOLGERSI PER AVERE INFORMAZIONI SULL'EFFETTUAZIONE DEL TEST HIV ASL SEDE Telefono Giorni e orari di apertura

DOVE RIVOLGERSI PER AVERE INFORMAZIONI SULL'EFFETTUAZIONE DEL TEST HIV ASL SEDE Telefono Giorni e orari di apertura DOVE RIVOLGERSI PER AVERE INFORMAZIONI SULL'EFFETTUAZIONE DEL TEST HIV ASL SEDE Telefono Giorni e orari di apertura BERGAMO BRESCIA Bergamo Via Borgo Palazzzo,130 Albino Viale Stazione,26/A Bonate Sotto

Dettagli

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti 17. Criminalità: le sostanze stupefacenti Nel 2004 Roma è risultata tra le prime città italiane per sequestri di droghe tradizionali, soprattutto di cocaina (487,4 Kg, pari al 15,2% dei sequestri complessivi

Dettagli