COMUNE DI VALDAGNO (VI) II STRALCIO CENTRO STORICO SISTEMAZIONE PAVIMENTAZIONE E ARREDI RIQUALIFICAZIONE DELLA PORTA SUD PROGETTO ESECUTIVO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI VALDAGNO (VI) II STRALCIO CENTRO STORICO SISTEMAZIONE PAVIMENTAZIONE E ARREDI RIQUALIFICAZIONE DELLA PORTA SUD PROGETTO ESECUTIVO"

Transcript

1

2 RELAZIONE GENERALE 1. Riferimenti TAV Inquadramento urbanistico: Estratto PRG, Estratto CTR, Ortofoto. TAV Estratti dal Progetto preliminare e definitivo Il progetto esecutivo del 2 stralcio delle opere per la sistemazione delle pavimentazioni, degli arredi e dei sottoservizi, che per la localizzazione dell intervento viene denominato Riqualificazione della Porta sud, riprende e specifica la proposta progettuale del progetto definitivo. Il contesto urbanistico non presenta cambiamenti di rilievo, come documenta l elaborato grafico Tav. 01, contenente gli estratti degli strumenti pianificatori e l ortofoto. Nella Tav. 02, l estratto dal preliminare è utile per documentare la coerenza del percorso urbanistico compiuto dal Comune di Valdagno nell attuazione delle linee programmatiche per la riqualificazione del Centro Storico; l estratto dal definitivo serve quale forte riferimento per il progetto esecutivo, in quanto le scelte ivi descritte rispondono a una logica d intervento nel centro di Valdagno collaudata nel corso del primo stralcio, a sua volta attuato in più stralci tra loro coerenti e conseguenti. In sostanza, le ampie riflessioni compiute in sede d impostazione generale hanno definito - e applicato nella contigua porzione di centro corrispondente del primo stralcio il sistema della viabilità e delle gerarchie urbane; Il ruolo di centro urbano e, in particolare, di centro storico più grande e significativo della vallata, che trovava nel passato il suo culmine con l espansione industriale della Marzotto e con la realizzazione della Città sociale e che mai è venuto meno nei decenni successivi, viene riaffermato in tempi più recenti grazie al progressivo recupero funzionale, estetico ed emozionale della città storica, arricchita di restauri pubblici e privati, ma anche di eventi culturali e di operazioni di marketing urbano. 1

3 Con il 1 stralcio delle opere di sistemazione ( ), relative al cuore del Centro Storico: Corso Italia, Piazza del Comune, il sagrato della chiesa e altre strade prossime o adiacenti, sono state posate le nuove pavimentazioni di pregio nelle vie del centro e si è realizzata la nuova Piazza del Comune, rinnovando anche il sistema delle luci e rinnovando la rete dei sottoservizi. Questo 2 stralcio, corrispondente alle fasi B e E del preliminare, affronta la sistemazione di un tratto di grande importanza, via Garibaldi con la minore via Mastini e piazza Roma, che fanno parte della formazione originaria del centro storico nonché dell iconografia storica di Valdagno: ambito popolare e commerciale, caratterizzato da botteghe e alberghi, era infatti il punto privilegiato di accesso al centro attraverso l imbocco di Corso Italia, a due passi dalla Piazza del Comune, per il traffico di mezzi e merci provenienti da tutta la vallata dell Agno. Una vera e propria Porta d ingresso dei movimenti commerciali che affluivano dai comuni della valle. Le foto storiche del passaggio e della fermata del treno a vapore in piazza Roma, così come dell intensa vita sociale lungo via Garibaldi, offrono immagini fortemente simboliche in tal senso. Tale importanza è peraltro testimoniata dalla presenza di edifici d impianto storico, tra cui alcuni palazzi di pregio, che formano cortine edilizie di grande qualità e molto conservate lungo i bordi delle vie. La pavimentazione in asfalto, salvo alcuni marciapiedi realizzati in lastre di porfido, e l intensa circolazione del traffico veicolare lungo via Garibaldi, hanno reso marginale e apparentemente staccata questa zona, quasi che fosse immediatamente ma irrimediabilmente esterna al centro storico. Ci si propone ora di recuperarne il ruolo originario, estendendo anche a quest area i criteri compositivi e le pavimentazioni di pregio già utilizzate nelle parti precedentemente riqualificate. 2. Stato di fatto TAV RILIEVO PLANIALTIMETRICO STRUMENTALE TAV SOTTOSERVIZI: RETI ACQUE MISTE E ACQUE METEORICHE TAV SOTTOSERVIZI: RETE IDRICA TAV SOTTOSERVIZI: RETE GAS TAV SOTTOSERVIZI: RETE ENERGIA ELETTRICA E ILLUMINAZIONE PUBBLICA Viene restituito il nuovo rilievo planialtimetrico strumentale, che consente di valutare con maggior approfondimento pendenze, raccordi, rapporti con 2

4 gli edifici. Su tale base, il progetto definitivo viene ridisegnato con alcuni lievi adattamenti. Le reti tecnologiche occupano un capitolo di opere importante, dato che le pavimentazioni di pregio vanno realizzate previa sistemazione di quanto giace nel sottosuolo. Il sottoservizio più critico, come verificato anche in altre zone del centro, è quello relativo ai reflui: attualmente, al di sotto di via Garibaldi, via IV Novembre e Corso Italia, corre una condotta di acque miste, che raccoglie sia le acque bianche che le acque nere. Si tratta, in questa zona, di tubature in gres relativamente recenti e di idonea sezione, in grado di essere riutilizzate per una delle due tipologie di acque reflue. Il problema principale riguarda gli allacci: generalmente vecchi, almeno per la maggior parte dei fabbricati non ancora ristrutturati, essi convogliano in rete acque di pluviali, di cucine e di bagni indistintamente; la selezione dei reflui potrà perciò diventare effettiva solo una volta che saranno via via eseguiti interventi di rinnovo degli impianti degli edifici. Quello che si può fare in questo momento (come già sperimentato negli interventi precedenti) è di predisporre, in corrispondenza degli androni o degli ingressi, pozzetti d ispezione separati, destinati ai futuri collegamenti, mantenendo nel frattempo in vita gli scarichi in rete esistenti. Meno problematica la situazione degli altri sottoservizi. Le condotte idriche sono in tubo d acciaio di buona sezione (diam. 100), salvo segnalare che in via Mastini esiste anche una condotta di 2 cui sono allacciate al momento tutte le utenze. L ente gestore, nel suo parere, prescrive di trasferire tali allacciamenti alla tubatura di rete di maggior diametro. Gas ed elettricità sono idonee e in buono stato, salvo eventuali esigenze di miglioria in corrispondenza di alcuni allacci; per quanto riguarda l illuminazione pubblica, la scelta del progetto è di mantenere gli storici corpi illuminanti tuttora esistenti e in buono stato (lampioni e lanterne). 3. Il progetto TAV PLANIMETRIA DESCRITTIVA TAVV. 5.2A 5.2B PLANIMETRIA QUOTATA TAV SEZIONI STRADALI E PLANIMETRIE DI DETTAGLIO / 1 TAV SEZIONI STRADALI E PLANIMETRIE DI DETTAGLIO / 2 Riprendendo la relazione del progetto definitivo, l obiettivo si concentra sulla restituzione all ambito d intervento di un adeguata qualità architettonica e del ruolo di luogo di eccellenza dell intero comparto territoriale di vallata. I temi considerati riguardano: 3

5 l asse di via Garibaldi (e, per necessario completamento, la collegata via Mastini), sia per quanto riguarda i materiali che gli aspetti della circolazione veicolare; la connessione tra i marciapiedi perimetrali del parcheggio, via Garibaldi e corso Italia, così da saldare le parti all insegna di una dichiarata vocazione pedonale; il focal point dell incrocio, vocato a fungere da punto di accesso al centro storico e da luogo dell informazione urbana e di vallata; la cura progettuale in corrispondenza di tutti gli innesti; la caratterizzazione dei materiali secondo i principi della coerenza architettonica e della sicurezza e riconoscibilità dei luoghi. Il progetto esecutivo sviluppa le previsioni del definitivo, con il maggior dettaglio consentito da un nuovo rilievo planialtimetrico e dalle più approfondite ispezioni delle reti esistenti. Il disegno generale e la tipologia delle pavimentazioni riprende il progetto definitivo, confermando la scelta della pietra chiara tipo Grolla e del porfido in due pezzature nelle tonalità rosso-brune. Il piano stradale viene risolto in continuità senza dislivelli con i marciapiedi, individuati solo dalle fasce in pietra e dal porfido in pezzatura più piccola e posato a correre anziché ad archi contrastanti. La canaletta in porfido, al centro strada, fa da compluvio alle acque meteoriche. L incrocio in corrispondenza di Corso Italia viene lavorato a sua volta a compluvio, collegando a una caditoia centrale le falde di deflusso. Sempre su questo incrocio, viene introdotta una smussatura dell angolo in pietra che ospita il totem / punto d informazione, in modo da facilitare il transito dei veicoli in manovra di svolta tra Corso Italia e via Garibaldi. Viene inoltre lievemente traslato, sulla base dei nuovi dati di rilievo, l attraversamento in pietra che collega il marciapiede di via Garibaldi con il lato edificato di Piazza Roma, dove si riposiziona la fontanella esistente in allineamento con il disegno delle nuove lastre. Come da indicazioni della Commissione Edilizia del 23 luglio 2013, la parte di via IV Novembre interessata dall intervento viene estesa fino a tutto il fronte del palazzo storico che segna l angolo con Corso Italia lato piazza Roma, e si prevede l arretramento del semaforo rispetto all incrocio in modo da ripulirne la facciata. La medesima Commissione Edilizia aveva dato indicazione di rivedere la soluzione dell uscita di via Mastini sulla curva di Corso Italia. Il progetto esecutivo, tuttavia, conferma la conclusione della nuova pavimentazione di pregio in corrispondenza dello spigolo del fabbricato che fa angolo con il piccolo parcheggio esistente, in quanto una soluzione diversa, volta a 4

6 valorizzare l edificio storico sul lato opposto di via Mastini, comporterebbe necessariamente di coinvolgere l intera curva nelle considerazioni progettuali, con vari aspetti riguardanti sia i livelli dei piani di calpestio, sia i percorsi e gli attraversamenti pedonali lungo la curva e in corrispondenza degli stalli, sia il decoro e l accessibilità agli esercizio commerciali presenti. Si preferisce perciò riprendere la scelta di minima, ma molto pulita, del definitivo, rimandando a un eventuale intervento successivo la prosecuzione dei nuovi pavimenti di pregio in testa a via Mastini. La planimetria quotata, in scala di 1/100, che viene suddivisa in due sotto-tavole a causa delle dimensioni, riporta analiticamente le misure degli spazi e dei manufatti di progetto. I disegni di dettaglio delle pavimentazioni specificano materiali, spessori e modalità di posa dei massetti, dei sottofondi e delle finiture superficiali nelle diverse situazioni e tipologie previste. Le planimetrie dei tratti cui fanno riferimento le sezioni (l incrocio con Corso Italia per la Tav. 6.2a, il tratto di via Garibaldi tra piazza Roma e l intersezione con via Mastini per la Tav. 6.2b) sono sviluppate in scala 1/50, le corrispondenti sezioni in scala di 1/25. Sono evidenziate le caditoie e i chiusini corrispondenti ai sottostanti manufatti di servizio. Questi elementi sono previsti in ghisa sferoidale, preferendo una tale soluzione a quelle a riempimento, più eleganti ma soggette a rischio di dissesto in aree soggette a traffico e movimenti veicolari di vario tipo. TAV SCHEMA DELLA CIRCOLAZIONE, SEGNALETICA VERTICALE ED ORIZZONTALE Fondamentalmente la circolazione veicolare non subisce cambiamenti rispetto allo stato di fatto. L elaborato posiziona gli elementi di segnaletica orizzontale e verticale, prevedendone un sostanziale rinnovo. L intera area d intervento viene classificata come zona 30. TAV SOTTOSERVIZI: RETI ACQUE NERE, MISTE E METEORICHE TAV SOTTOSERVIZI: RETE IDRICA TAV SOTTOSERVIZI: RETE GAS TAV SOTTOSERVIZI: RETE ENERGIA ELETTRICA E ILLUMINAZIONE PUBBLICA TAV SOTTOSERVIZI: DETTAGLI COSTRUTTIVI DELLE RETI ACQUE NERE E METEORICHE In concomitanza con il rinnovo delle pavimentazioni, si prevede il rifacimento delle reti dei sottoservizi. In particolare s interviene sulle tubazioni delle acque reflue. Attualmente l intero ambito è caratterizzato 5

7 dalla presenza di una sola linea di scarico a regime misto in gres, che scende lungo via Garibaldi e, in corrispondenza dell incrocio con Corso Italia, gira lungo viale Regina Margherita. Il progetto esecutivo (in accordo con l ente gestore Alto Vicentino Servizi) prevede lo sdoppiamento delle linee, utilizzando la condotta esistente per le acque nere e accostandone in parallelo una nuova per le acque meteoriche. Gli allacci alle utenze verranno risolti realizzando dei pozzetti al piede dei fabbricati, che ove possibile saranno allacciati in regime separato; negli altri casi resteranno predisposti in vista di futuri interventi di ristrutturazione degli stabili, e continueranno a funzionare gli scarichi esistenti in regime misto. Tutte le caditoie stradali saranno collegate alla nuova tubazione delle acque meteoriche, così come per i pluviali degli edifici si procederà ove possibile alla realizzazione dei pozzettini sifonati e all allaccio in rete sulla nuova condotta. L elaborato Tav. 8.5 illustra i dettagli costruttivi per le varie tipologie di innesti, pozzetti e pezzi speciali. Rete idrica e rete gas non presentano esigenze di rinnovo, salvo alcuni allacci gas che vengono previsti tra le voci del computo metrico. In coerenza con le indicazioni dell ente gestore Alto Vicentino Servizi, si prevede di allacciare le utenze idriche al tubo in acciaio di diam. 100 mm abbandonando la condotta da 2. Per quanto riguarda la rete di energia elettrica non vi sono esigenze di nuove condotte; e, per quanto riguarda l illuminazione pubblica, s intendono confermare i corpi illuminanti storici che ornano Piazza Roma e le vie circostanti in forma di lampioni o di lanterne. Il progetto prevede comunque la posa di un nuovo cavidotto in Pead, con relativi pozzetti, quale predisposizione per eventuali futuri sottoservizi. TAV. 09 TOTEM INFORMATIVO: PIANTA, PROSPETTI, DETTAGLI COSTRUTTIVI L elaborato sviluppa in scala di dettaglio il manufatto destinato a contrassegnare la Porta Sud quale elemento riconoscibile sia come segnale visivo che come punto d informazione. Il totem è posizionato nello slargo di piazza Roma sull angolo tra via Garibaldi e Corso Italia sud. Dalla pavimentazione in lastre di pietra sorgono i due elementi ad angolo in lamiera zincata color corten sostenuta da un intelaiatura in acciaio. L elemento più alto (4 metri in totale), che sormonta l altro a bandiera, contiene un doppio display informativo visibile da tutti i lati della piazza; l altra parete del totem ospita, ad altezza d uomo, un doppio schermo touch-screen a servizio dell utente. In questo elemento potrà inoltre 6

8 essere conglobata la biglietteria automatica del parcheggio di piazza Roma. L aspetto costruttivo è ispirato a semplici geometrie e a una facile realizzabilità; i contenuti informativi dei display in continuo possono essere ampi: appuntamenti amministrativi ed eventi culturali, aspetti riguardanti il traffico e la circolazione, situazione meteo, inserzioni pubblicitarie, ecc. Gli schermi touch-screen ad altezza utente sono immaginati con il consueto sistema interattivo, gestiti via internet dal Comune e da altre amministrazioni ed enti convenzionati per fornire a richiesta ogni informazione relativa in primo luogo a Valdagno e alla vallata, o anche al più ampio territorio. 4. Costi e tempi d intervento ELAB. 2. COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DEFINITIVO ELAB. 3. QUADRO ECONOMICO ELAB. 5. ELENCO PREZZI UNITARI Il computo metrico estimativo definitivo delle opere, pur con le variazioni conseguenti alle modifiche puntuali introdotte in sede di esecutivo, conferma con poche variazioni i prezzi unitari e l importo totale delle opere. La quasi totalità di esse, fatta eccezione per alcune voci a corpo quale il totem informativo, sono computate a misura. I costi delle opere, computati per singole voci con relativi prezzi e quantità e suddivisi in capitoli secondo le tipologie, fanno riferimento ai prezziari della Camera di Commercio e della regione Veneto, opportunamente riportati alle particolarità della lavorazioni e al contesto economico locale. L entità delle forniture e della lavorazioni, tutte ricondotte a prestazioni complete di posa in opera e ogni onere accessorio compreso (in qualche caso computato a parte con specifica e apposita voce), assomma a ,51 comprensivi di economie e oneri per la sicurezza. Di questo importo, ,36 euro sono destinati al rifacimento delle pavimentazioni e degli arredi e oltre ,00 ai sottoservizi. Le somme in amministrazione risultano di ,49. Il quadro economico che ne consegue rispetta l importo totale preventivato in sede di progetto definitivo, vale a dire ,00. ELAB. 4. CRONOPROGRAMMA La particolare ubicazione dell intervento, a ridosso del centro e interessata da una sede importante dei mercati settimanali del martedì e del venerdì, 7

9 comportano la necessità di articolare in due fasi la realizzazione delle opere. Infatti la chiusura per lavori dell incrocio tra via Garibaldi e Corso Italia comporta di fatto l impossibilità di transitare verso nord per chi sale da via IV Novembre e di accedere a Corso Italia est per chi arriva da viale Regina Margherita. Il rifacimento dell asfalto in piazza Roma impedirà poi lo svolgimento del mercato in questa sede. Nel contempo, tuttavia, sarà necessario mantenere la circolazione a salire verso via Rio (da via Madonnetta), con possibilità di ridiscendere su via Margherita attraverso via Garibaldi (tratto nord) e via Mastini. Viceversa, una volta riaperto l incrocio con Corso Italia, sarà possibile intervenire su via Garibaldi tratto nord e via Mastini, utilizzando sempre via Madonnetta per l accesso a via Rio (tranne che per il periodo delle opere sull intersezione via Rio-via Garibaldi) e riaprendo invece Corso Italia e via IV Novembre per lo sgrondo verso sud del traffico veicolare. Il cronoprogramma prevede pertanto due fasi successive: la prima, più impegnativa, di 150 giorni lavorativi, comprende l incrocio su Corso italia, il tratto sotto semaforo di via IV Novembre, il primo tratto di via Garibaldi e l intera piazza Roma. La seconda fase, di 120 giorni, interessa il tratto nord di via Garibaldi, l intersezione di questa su via Rio (che dovrà essere chiusa al traffico in concomitanza di tale specifico intervento) e via Mastini. ELAB. 6. QUADRO INCIDENZA MANODOPERA ELAB. 7. SCHEMA DI CONTRATTO E CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ELAB. 8. PIANO DELLA SICUREZZA Il Quadro d incidenza della manodopera viene esposto per le due categorie OG3 e OG6. Lo schema di contratto e il Capitolato Speciale d Appalto contengono, ciascuno per la sua specificità, le indicazioni economiche, le garanzie, le tempistiche e i riferimenti normativi e descrittivi per quanto riguarda l esecuzione dell appalto e gli aspetti qualitativi e costruttivi dei materiali e delle opere. Valdagno, ottobre 2014 il Progettista (arch. Ruggero Marzotto) 8

10

11 ELENCO DEGLI ELABORATI TAVOLE STATO DI FATTO TAV Inquadramento urbanistico: Estratto PRG, Estratto CTR, Ortofoto. TAV. 02 Estratti dal Progetto preliminare e definitivo TAV. 03 Rilievo planialtimetrico strumentale TAV Sottoservizi: Reti acque miste e acque meteoriche TAV Sottoservizi: Rete idrica TAV Sottoservizi: Rete gas TAV Sottoservizi: Rete energia elettrica e illuminazione pubblica PROGETTO TAV Planimetria descrittiva TAVV. 5.2a 5.2b Planimetria quotata TAV Sezioni stradali e planimetrie di dettaglio / 1 TAV Sezioni stradali e planimetrie di dettaglio / 2 TAV Schema della circolazione, segnaletica verticale ed orizzontale TAV Sottoservizi: Reti acque nere, miste e meteoriche TAV Sottoservizi: Rete idrica TAV Sottoservizi: Rete gas TAV Sottoservizi: Rete energia elettrica e illuminazione pubblica TAV Sottoservizi: dettagli costruttivi delle reti acque nere e meteoriche TAV. 09 Totem informativo: pianta, prospetti, dettagli costruttivi 9

12 DOCUMENTI DI TESTO Elab. 1. RELAZIONE GENERALE Elab. 2. COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DEFINITIVO Elab. 3. QUADRO ECONOMICO Elab. 4.CRONOPROGRAMMA Elab. 5. ELENCO PREZZI UNITARI Elab. 6. QUADRO INCIDENZA MANODOPERA Elab. 7. SCHEMA DI CONTRATTO E CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Elab. 8. PIANO DELLA SICUREZZA 10

La presente relazione accompagna il progetto riguardante i Lavori di sistemazione del

La presente relazione accompagna il progetto riguardante i Lavori di sistemazione del La presente relazione accompagna il progetto riguardante i Lavori di sistemazione del Cortile delle Carrozze nel complesso della Venaria Reale. Il cortile attualmente è occupato da un cantiere per la sistemazione

Dettagli

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA REGIONE PUGLIA INTERVENTO COFINANZIATO DAL PO FESR 2007-2013 ASSE VII LINEA DI INTERVENTO 7.1 AZIONE 7.1.2 CODICE OPERAZIONE FE7.100117 PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE PIRP SAN

Dettagli

CENTRO STORICO SISTEMAZIONE PAVIMENTAZIONE E ARREDI III STRALCIO

CENTRO STORICO SISTEMAZIONE PAVIMENTAZIONE E ARREDI III STRALCIO RELAZIONE GENERALE Premessa Il progetto esecutivo del 3 stralcio prosegue l attuazione dei sistematici interventi di riqualificazione del Centro Storico di Valdagno e delle più specifiche previsioni progettuali

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI.

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. \\PC\Domus_p2\CIACCOLINI\PA_CERQUETO\P_ATT\DOCUM\RELAZ_URBAN.docx Piano Attuativo COMUNE DI TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. Proprietà Leonori Mauro

Dettagli

RELAZIONI TECNICHE E SPECIALISTICHE

RELAZIONI TECNICHE E SPECIALISTICHE ai sensi dell art. 26 del D.P.R. 207/2010 lett. b) lett. g) lett. h) lett. l) Relazione di compatibilità idraulica Relazione tecnica impianti Relazione sulla sicurezza Relazione sulle interferenze 1 lett.

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

CITTÀ DI SALUZZO. (Sostituisce Tav. 13 di PEEP approvato nell'anno 2004)

CITTÀ DI SALUZZO. (Sostituisce Tav. 13 di PEEP approvato nell'anno 2004) Regione Piemonte Provincia di Cuneo CITTÀ DI SALUZZO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Anno 1996 : Approvato con DGR 26-7934 del 16.04.1996 Anno 2012 : Approvato con DGR 29-05-2012 n 16-3906 VARIANTE

Dettagli

Comune di Portovenere

Comune di Portovenere Comune di Portovenere INTERVENTO DI MESSA IN SICUREZZA VIABILITA' PROVINCIALE SP-530 IN CORRISPONDENZA DEGLI ACCESSI AL BORGO DEL FEZZANO (PORTO VENERE), MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI ROTATORIA FUNZIONALE

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Cittadella Servizio Urbanistica Relazione tecnico descrittiva PIANO DI LOTTIZZAZIONE già denominato Brotto Ianeselli Spazio riservato all Ufficio Protocollo

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI SISTEMAZIONE SOTTOSERVIZI E PAVIMENTAZIONI STRADALI NELLA VIA MANNO, PIAZZA COSTITUZIONE E SCALETTE SANTA TERESA

COMUNE DI CAGLIARI SISTEMAZIONE SOTTOSERVIZI E PAVIMENTAZIONI STRADALI NELLA VIA MANNO, PIAZZA COSTITUZIONE E SCALETTE SANTA TERESA COMUNE DI CAGLIARI SISTEMAZIONE SOTTOSERVIZI E PAVIMENTAZIONI STRADALI NELLA VIA MANNO, PIAZZA COSTITUZIONE E SCALETTE SANTA TERESA 1. PAVIMENTAZIONI L intervento prevede pavimentazioni con materiale lapideo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE COMUNE DI MURO LECCESE (Provincia di LECCE) Lavori di COMPLETAMENTO E MIGLIORAMENTO INFRASTRUTTURALE DELLA ZONA PIP CUP: CIG: RELAZIONE TECNICA GENERALE PREMESSA Premesso che: con Deliberazione del Consiglio

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione di massima per

Dettagli

Elaborato n 1 RELAZIONE TECNICA

Elaborato n 1 RELAZIONE TECNICA COMUNE DI TURRIACO PROVINCIA DI GORIZIA LAVORI DI SISTEMAZIONE VIABILITA PER REALIZZAZIONE DI UN PERCORSO CICLABILE - PEDONALE E SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE IN VIA AQUILEIA, VIA ROMA, VIA MEITNER,

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Comune di Fano, Località Madonna Ponte, area ex zuccherificio Variante parziale al P.R.G. comunale redatta ai sensi della L.R. 34/92, art. 15, comma 4 Relazione computi metrici estimativi

Dettagli

Variante al P.R.G. ed al Piano Particolareggiato di Iniziativa Privata Nel Comune di Rottofreno San Nicolò Denominazione : Viale dei tigli COMPARTO 15

Variante al P.R.G. ed al Piano Particolareggiato di Iniziativa Privata Nel Comune di Rottofreno San Nicolò Denominazione : Viale dei tigli COMPARTO 15 PROVINCIA di PIACENZA COMUNE di ROTTOFRENO- SAN NICOLO Variante al P.R.G. ed al Piano Particolareggiato di Iniziativa Privata Nel Comune di Rottofreno San Nicolò Denominazione : Viale dei tigli COMPARTO

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO Settore Viabilità e Grandi Infrastrutture PIANO DI MANUTENZIONE

PROVINCIA DI LECCO Settore Viabilità e Grandi Infrastrutture PIANO DI MANUTENZIONE Generalità Il presente documento viene redatto con lo specifico scopo di programmare gli interventi di manutenzione, di carattere ordinario, da attuare successivamente alla realizzazione delle opere previste

Dettagli

Geometra Carlo Cecchetelli

Geometra Carlo Cecchetelli STUDIO CECCHETELLI Piazza XX Settembre n. 27/2-61032 FANO - tel. 0721/827780 Ditta : SORCINELLI GIANFRANCO SANTINI LUCIANA Oggetto : PIANO ATTUATIVO DEL COMPARTO DENOMINATO ST6_52 Comparto residenziale

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO PREMESSA Su incarico del Comune di Rosarno (Comunicazione del 24.09.2012 prot. n.17914 con riferimento alla Determinazione del 3^ U.O.C. n 525 del

Dettagli

COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA RELAZIONE TECNICA COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI ZONA C2 del PRE: NUOVA URBANIZZAZIONE DI INTERESSE TURISTICO (Foglio n 8 particelle n.n. 4100, 264, 265) PROGETTO EDILIZIO UNITARIO (P.E.U.) OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA

Dettagli

COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! P.U.A - AREALE 9.1

COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! P.U.A - AREALE 9.1 9.1 1 COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! (Frazione Mascarino) P.U.A - AREALE 9.1 NUOVO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE SITO NEL! COMUNE DI CASTELLO D'ARGILE IN VIA G. RODARI IN VARIANTE AL PIANO OPERATIVO COMUNALE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA OPERE DI URBANIZZAZIONE

RELAZIONE TECNICA OPERE DI URBANIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA OPERE DI URBANIZZAZIONE Il P.R.G.C. vigente del Comune di Orbassano, approvato G.R. con delib. N. 14-25592 del 7/10/1998, così come integrato dalle successive varianti parziali, individua

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE COMUNE DI GUAGNANO (LE) ADEGUAMENTO DI UN IMMOBILE DI VIA BIRAGO NELLA FRAZIONE DI VILLA BALDASSARRI PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO SOCIO- EDUCATIVO E RIABILITATIVO PER DIVERSAMENTE ABILI RELAZIONE

Dettagli

CONTROLLO DELLA PROGETTAZIONE

CONTROLLO DELLA PROGETTAZIONE RIF. ARCH: 101.15 OGGETTO: Riqualificazione del Centro Storico - Realizzazione Marciapiedi lungo Corso Vittorio Veneto e P.zza Roma - Progetto di Arredo Urbano DATA: Marzo 2015 FIRMA: N Tavola Titolo tavola

Dettagli

INDICE 1. PREMESSE... 1 2. STATO DI FATTO... 1

INDICE 1. PREMESSE... 1 2. STATO DI FATTO... 1 INDICE 1. PREMESSE... 1 2. STATO DI FATTO... 1 3. STATO DI PROGETTO... 2 3.1 VIABILITA AUTORIMESSA MARCO POLO...3 3.2 VIABILITA PARCHEGGIO SPEEDY PARK...4 3.3 VIABILITA ZONA DARSENA...5 3.4 SEZIONI TIPO

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1702 23 FEBBRAIO 2005 DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI RONCADE PROGETTO DI LOTTIZZAZIONE RESIDENZIALE SCHEDA DI ACCORDO N. 10 DITTA: Bassetto Elio, Bassetto Renato, Bresolin Gino, Geromel Sergio, Pellegrin Luigi e Damelico Severina

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA RELAZIONE INTEGRATIVA In relazione all istanza di approvazione del piano attuativo di iniziativa privata per la lottizzazione di un area fabbricabile sita in Vocabolo S.Antimo nel Comune di Stroncone,

Dettagli

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi Relazione di stima del valore del complesso immobiliare sito in fregio alle vie G. Matteotti, N. Sauro, Como, in Lissone distinto al catasto al Fg. 15 Mapp. 23 Data 21.7. 11 il Dirigente del settore Patrimonio,

Dettagli

INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15

INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15 INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15 RELAZIONE TECNICA 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE Nella definizione della nuove reti fognarie, si

Dettagli

(denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n 08/2014) II DIPARTIMENTO TECNICO 2 SERVIZIO Patrimonio Edilizia e Manutenzione

(denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n 08/2014) II DIPARTIMENTO TECNICO 2 SERVIZIO Patrimonio Edilizia e Manutenzione II DIPARTIMENTO TECNICO 2 SERVIZIO OGGETTO: Interventi urgenti di messa in sicurezza ed eliminazione carenze igienico-sanitarie presso il Cine Teatro Metropol di Caltagirone, sito in Viale P.pe Umberto.

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE COMUNE DI PALERMO PROGETTO DI PIANO DI LOTTIZZAZIONE. MONDELLO VIA DEIANIRA REDATTO AI SENSI DEL COMMA A ART.12 DELLE N.D.A. DEL P.R.G., RICADENTE IN Z.T.O. CB. RELAZIONE Proprietario: Sig. Maria Carolina

Dettagli

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE IN VIA XXIV MAGGIO E SISTEMAZIONE ARREDO URBANO IN VIA ROMA, PIAZZALE MICHELANGELO E PIAZZA XX SETTEMBRE

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE IN VIA XXIV MAGGIO E SISTEMAZIONE ARREDO URBANO IN VIA ROMA, PIAZZALE MICHELANGELO E PIAZZA XX SETTEMBRE COMUNE DI ABBADIA SAN SALVATORE Provincia di Siena ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE IN VIA XXIV MAGGIO E SISTEMAZIONE ARREDO URBANO IN VIA ROMA, PIAZZALE MICHELANGELO E PIAZZA XX SETTEMBRE PROGETTO

Dettagli

DOMANDA PER NULLA OSTA

DOMANDA PER NULLA OSTA REVISIONE 05 - del 03.01.2012 Spettabile ACQUE NORD s.r.l. Via San Bernardino n. 50 28922 VERBANIA Alla cortese attenzione del Presidente DOMANDA PER NULLA OSTA NUOVO ALLACCIAMENTO di scarichi civili alla

Dettagli

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE COMUNE DI CLES PROVINCIA DI TRENTO NORME TECNICHE D ATTUAZIONE VARIANTE AL P.R.G. INTEGRAZIONE DELLA SCHEDATURA DEL CENTRO STORICO Redatto da: Zanolini arch. Paola Data: Prima Adozione: Adozione Definitiva:

Dettagli

2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ELABORATO N. 14 2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art. 1 - NORME GENERALI Le presenti

Dettagli

IL PROCESSO EDILIZIO

IL PROCESSO EDILIZIO IL PROCESSO EDILIZIO RELATIVO A UNA OPERA DI ARCHITETTURA È INSIEME DI FASI E ATTIVITÀ IDEATIVE, OPERATIVE, ORGANIZZATIVE E GESTIONALI CONNESSE DA RELAZIONI LOGICHE E SUCCESSIONI TEMPORALI CHE FANNO CAPO

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento La Relazione Geologica è allegata al presente progetto ed il suo contenuto ha approfondito le notizie generali di carattere geologico,

Dettagli

Geom. Francesco Minniti

Geom. Francesco Minniti P R O G E T T O E S E C U T I V O ai sensi del D.P.R. n.207/2010 e s.m.i. * * * OGGETTO : RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA PER RECUPERO FUNZIONALE IN BIVACCO DELL EX ANNESSO RURALE DEL COMPLESSO IMMOBILIARE DENOMINATO

Dettagli

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato P.IVAc.F 02095600397 / +390544404262 +393393051205 RELAZIONE TECNICA La presente domanda di Permesso di Costruire ha per oggetto l esecuzione delle Opere di Urbanizzazione in attuazione del Piano Particolareggiato

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI SANREMO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI (Sanremo 28 febbraio 2005) 3.4.1 RELAZIONE Documento rielaborato dal Servizio Progettazione e Arredo Urbano Che recepisce alcune osservazioni

Dettagli

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA (Provincia di Novara) Elaborato A - RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Cascina Trolliet - Opere di sistemazione esterna PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO * * * * * * * La presente relazione è

Dettagli

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno COMUNE DI SIGNA Provincia di Firenze Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno Cassa di espansione dei Renai I LOTTO PROGETTO DEFINITIVO Opere civili e viabilità di accesso

Dettagli

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 COMUNE DI VEDANO OLONA PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO URBANISTICO GENERALE Il PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE

Dettagli

Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni

Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni RELAZIONE INDICE Premessa Struttura del Piano Obiettivi del Piano Allegato A Premessa Il linguaggio pubblicitario e commerciale, se da una parte è da

Dettagli

RELAZIONE STATO DI FATTO

RELAZIONE STATO DI FATTO RELAZIONE STATO DI FATTO L intervento è localizzato principalmente nell area denominata Terrazzo del Garove, situata tra il Padiglione di Ponente e i fronti della Reggia esposti a sud. Negli ultimi anni,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA ARCH. MATTEO CUPPOLETTI Calle Scopici c.n. 122, CHIOGGIA (VE) tel. 041/405368 fax. 041/5509637 RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Il sottoscritto Arch. Matteo Cuppoletti, nato a Roma il 06.12.1956, iscritto

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

SACAL S.p.A. AEROPORTO CIVILE INTERNAZIONALE DI LAMEZIA TERME

SACAL S.p.A. AEROPORTO CIVILE INTERNAZIONALE DI LAMEZIA TERME SACAL S.p.A. AEROPORTO CIVILE INTERNAZIONALE DI LAMEZIA TERME PROGETTO PER LA SISTEMAZIONE E LA COPERTURA DELL AREA D INGRESSO ANTISTANTE L AEROSTAZIONE DI LAMEZIA TERME RELAZIONE TECNICA I lavori eseguiti

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE

DESCRIZIONE DELLE OPERE PREMESSA Vengono descritte in seguito le caratteristiche principali delle opere di urbanizzazione previste dal Piano Urbanistico Attuativo Zona di Perequazione via delle Granze. La realizzazione delle

Dettagli

Art. 1 FINALITÀ DELLE OPERE DI MITIGAZIONE AMBIENTALE

Art. 1 FINALITÀ DELLE OPERE DI MITIGAZIONE AMBIENTALE Art. 1 FINALITÀ DELLE OPERE DI MITIGAZIONE AMBIENTALE Le opere di mitigazione ambientale sono previste in tutti quei casi in cui l attività edificatoria interviene in contesti di rilevante pregio ambientale

Dettagli

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E La presente relazione si riferisce al progetto dell intervento pubblico in attuazione Programmi Urbani Complessi - PUC2 Sistemazione

Dettagli

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO -.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO Comune di (Borgata/Frazione) CRAVEGGIA VOCOGNO Classificazione dell intervento RISTRUTTURAZIONE Opere interne ed esterne

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE Area "Osteria San Biagio" Casalecchio di Reno

OPERE DI URBANIZZAZIONE Area Osteria San Biagio Casalecchio di Reno OPERE DI URBANIZZAZIONE Area "Osteria San Biagio" Casalecchio di Reno Unità Descrizione dei Lavori di misura 1 Struttura stradale della nuova Via Bolsenda comprendente: - Scavo di sbancamento eseguito

Dettagli

Mq. 212,00 x euro 13,00 = Euro 2.756,00. Mc. 41,25 x euro 25,00 = Euro 1.031,25. Mt. 75,00 x euro 50,00 = Euro 3.750,00

Mq. 212,00 x euro 13,00 = Euro 2.756,00. Mc. 41,25 x euro 25,00 = Euro 1.031,25. Mt. 75,00 x euro 50,00 = Euro 3.750,00 Computo metrico estimativo: A)- BASATI ( Via S. Ansano Fognature) 1)- Demolizione con mezzo meccanico di pavimentazione in calcestruzzo,compreso trasporto a discarica del materiale di risulta. Mq. 212,00

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A.... 2 3. MURO IN C.A.... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 1. INTRODUZIONE Il piano di manutenzione dell opera è il documento complementare

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana.

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana. ATTIVITA, ARTIGIANALI, Spett.le ACQUE DEL CHIAMPO SpA Servizio Clienti Via Ferraretta, 20 36071 ARZIGNANO Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali

Dettagli

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura Scarichi Acque Reflue Domestiche 1- Informazioni per le opere di allacciamento alla pubblica fognatura 2- Procedura Edifici

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO. P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400

COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO. P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400 COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400 RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA OGGETTO: Recupero e ristrutturazione

Dettagli

2 RELAZIONE GENERALE ILLUSTRATIVA

2 RELAZIONE GENERALE ILLUSTRATIVA 1 PREMESSA La presente relazione dimensiona e verifica le opere idrauliche relative alle fontane direttamente connesse con la realizzazione delle opere di Completamento dell area adiacente alla Cascina

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO UFFICIO SPECIALE PER L EDILIZIA COMUNE DI VARESE UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA VARESE COMO REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE

Dettagli

ELENCO ELABORATI PROGETTO ESECUTIVO

ELENCO ELABORATI PROGETTO ESECUTIVO ELENCO ELABORATI PROGETTO ESECUTIVO INQUADRAMENTO 1) - ES AR - dis - 01 - Inquadramento generale 2) - ES AR - dis - 02 - Planimetria generale di rilievo 3) - ES AR - dis - 03 - Documentazione fotografica

Dettagli

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE LL.NN.179/92-493/93 e 85/94- Localizzazione Interventi di Edilizia Sovvenzionata - Opere di Urbanizzazione primaria - Riutilizzo somme disponibili per Progetto

Dettagli

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Università di Padova a.a. 2009-2010 FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Lezione 4/11/2009 Corso di Progetto Ambiente Viviana Salieri NORMATIVA LAVORI PUBBLICI LEGGE QUADRO in materia

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI BOLZANO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO ALTO ADIGE RELAZIONE TECNICA PROGETTO ESECUTIVO PROGETTO PER IL RESTAURO CONSERVATIVO DELLA FONTANA PETRARCA (EX LEGIONI) A BOLZANO COMMITTENTE: COMUNE DI

Dettagli

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2010/2011 FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE (Appunti tratti dalla lezione del 8/45/2011, non rivisti dal docente) Riferimenti

Dettagli

Comune di A C Q U A V I V A P I C E N A RELAZIONE

Comune di A C Q U A V I V A P I C E N A RELAZIONE Comune di A C Q U A V I V A P I C E N A Intervento edilizio di: i n t e r v e n t o d i a d e g u a m e n t o d e l c e n t r o d i i n f o r m a z i o n e t u r i s t i c a Ubicato in: piazza San Niccolo

Dettagli

CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO. Allacciamento alla rete elettrica delle utenze (punti di prelievo) in bassa e media tensione

CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO. Allacciamento alla rete elettrica delle utenze (punti di prelievo) in bassa e media tensione CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO Allacciamento alla rete elettrica delle utenze (punti di prelievo) in bassa e media tensione Allacciamento alla rete elettrica L allacciamento è la connessione

Dettagli

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007. Futuro sostenibile SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA NERA PLANIMETRIE E SEZIONI ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.dwg 1 24 Settembre 2014 Rev Data 301.17 E.T.R.A. S.p.A. - 36061 BASSANO

Dettagli

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 2013-2014 SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 Scheda 1 Definizioni 1. acque reflue domestiche: Acque contaminate dall uso e solitamente scaricate da WC, docce, vasche da bagno,

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT ELENA SETTORE LAVORI PUBBLICI PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI QUARTU SANT ELENA SETTORE LAVORI PUBBLICI PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI QUARTU SANT ELENA SETTORE LAVORI PUBBLICI PROVINCIA DI CAGLIARI STRUTTURA SOCIALIZZAZIONE PRIMA INFANZIA VIA BOITO RECUPERO EX ASILO NIDO PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO RELAZIONE ACCESSIBILITA

Dettagli

COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA PIANO DI RECUPERO DI CAPANNE POSTE IN LOC. TEGOLETO VIA DELLE SCUOLE.

COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA PIANO DI RECUPERO DI CAPANNE POSTE IN LOC. TEGOLETO VIA DELLE SCUOLE. COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA PIANO DI RECUPERO DI CAPANNE POSTE IN LOC. TEGOLETO VIA DELLE SCUOLE. Proprietari: Sig.ri FARALLI Pietro e MARTINI Caterina Relazione Tecnica Illustrativa I Tecnici:

Dettagli

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali 2015 Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Stazioni di sollevamento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3;

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3; REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA MINISTERO PER I BENI E

Dettagli

MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE COMUNALI

MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE COMUNALI P23 MODULISTICA MD04 Rev. 2 del 07/03/07 Progetto n. 14 MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE COMUNALI Sistemazione strade varie (Variante SUAP Bianchi) Importo quadro economico:. 2.500.000,00 Fonte di finanziamento:

Dettagli

Progettazione esecutiva e esecuzione lavori di ristrutturazione infrastrutture CC e EI per polo merci e intermodalità QUESITI DAL N.1 AL N.

Progettazione esecutiva e esecuzione lavori di ristrutturazione infrastrutture CC e EI per polo merci e intermodalità QUESITI DAL N.1 AL N. Progettazione esecutiva e esecuzione lavori di ristrutturazione infrastrutture CC e EI per polo merci e intermodalità QUESITI DAL N.1 AL N. 13 Si pubblicano di seguito le risposte relative ai quesiti pervenuti

Dettagli

PIANO DI RICOSTRUZIONE DEL CENTRO STORICO DEL COMUNE DI CAMPOTOSTO. CENTRI STORICI di MASCIONI e di ORTOLANO Ambito F

PIANO DI RICOSTRUZIONE DEL CENTRO STORICO DEL COMUNE DI CAMPOTOSTO. CENTRI STORICI di MASCIONI e di ORTOLANO Ambito F PIANO DI RICOSTRUZIONE DEL CENTRO STORICO DEL COMUNE DI CAMPOTOSTO CENTRI STORICI di MASCIONI e di ORTOLANO Ambito F INTERVENTI SU SPAZI PUBBLICI E RETI DEI SOTTOSERVIZI - ATTESTAZIONE DEL NESSO DI CAUSALITA

Dettagli

SAGRATO S. BERTILLA E ADIACENZE

SAGRATO S. BERTILLA E ADIACENZE RELAZIONE TECNICA 1 PROVINCIA DI VENEZIA Comune di Spinea SAGRATO S. BERTILLA E ADIACENZE IL SAGRATO Lo spazio antestante la Chiesa di S. Bertilla, oggi si configura come una spianata con aiuole incolte

Dettagli

LE AREE OGGETTO DI STUDIO

LE AREE OGGETTO DI STUDIO Comune di SARMATO Provincia di PIACENZA PROGETTO DI RECUPERO E VALORIZZAZIONE AREE EX ZUCCHERIFICIO ERIDANIA REALIZZAZIONE DI UN PARCO FOTOVOLTAICO ALL INTERNO DEL COMPARTO APEA LE AREE OGGETTO DI STUDIO

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali...

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali... Piano di Ambito dell ATO della Provincia di Varese A04 Stima dei costi elementari A04 Stima dei costi elementari Sommario 1. Premessa... 2 2. Tubazioni di acquedotto... 3 3. Opere di acquedotto... 8 3.1.

Dettagli

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE STRADE CITTADINE E DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE STRADE CITTADINE E DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE STRADE CITTADINE E DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO ZONE 30 ALTESSANO Progetto: ICIS S.r.l. Società di Ingegneria C.so Einaudi, 8 10128 Torino Direttore Tecnico - ing. Giovanni

Dettagli

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità SERVIZIO DECENTRAMENTO U.O. Circoscrizione Est Centro Civico: via Alcide de Gasperi, 67 59100 Prato Tel 0574.52701 Fax 0574.183.7305 circoscrizione.est@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.it

Dettagli

Scheda A Descrizione del progetto di accompagnamento

Scheda A Descrizione del progetto di accompagnamento Scheda A Descrizione del progetto di accompagnamento Si ricorda che il Programma Housing della Compagnia di San Paolo finanzierà il progetto di accompagnamento per un massimo di 12 mesi 1. Denominazione

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3

SOMMARIO PREMESSA... 3 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 VASCA N.1... 5 1.1.1 Caratteristiche della vasca... 5 1.1.2 Caratteristiche dell allaccio alla fognatura nera... 5 1.1.3 Caratteristiche del sollevamento... 5 1.1.4 massima portata

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE ART. 18 DEL D.P.R. 207/2010 A) DESCRIZIONE GENERALE L intervento afferisce la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria al servizio del piano

Dettagli

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura Allegato 2 Norme Tecniche 1 1. Allacciamenti 3 1.1. Modalità di esecuzione 3 2. Impianti

Dettagli

SETTORE VIABILITA e PROTEZIONE CIVILE. Manutenzione straordinaria dei cigli di valle dei Circondari n. 1 Lecco e n. 7 Valle San Martino - Anno 2009 -

SETTORE VIABILITA e PROTEZIONE CIVILE. Manutenzione straordinaria dei cigli di valle dei Circondari n. 1 Lecco e n. 7 Valle San Martino - Anno 2009 - PROVINCIA DI LECCO SETTORE VIABILITA e PROTEZIONE CIVILE Manutenzione straordinaria dei cigli di valle dei Circondari n. 1 Lecco e n. 7 Valle San Martino - Anno 2009 - RELAZIONE TECNICA PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA I CANTIERI RENDERANNO NECESSARI NUOVI PERCORSI DI ENTRATA ED USCITA PER GLI UTENTI DELLA METROPOLITANA

COMUNICATO STAMPA I CANTIERI RENDERANNO NECESSARI NUOVI PERCORSI DI ENTRATA ED USCITA PER GLI UTENTI DELLA METROPOLITANA COMUNICATO STAMPA DAL 10 APRILE 2010 INIZIANO ALLA STAZIONE TERMINI I LAVORI INTERNI AL NODO DI SCAMBIO TRA LE LINEE A E B DELLA METROPOLITANA ALLA FINE DEL 2012 IL NODO DI SCAMBIO SARÀ RESTITUITO ALLA

Dettagli

COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno)

COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 63 Del 05-09-2012 Oggetto: Approvazione progetto esecutivo per il recupero di un Palazzo da adibire a centro

Dettagli