Regione Piemonte - Assessorato alla Sanità L INFLUENZA: CONOSCERLA PER COMBATTERLA E PREVENIRLA. Pag. 1

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regione Piemonte - Assessorato alla Sanità L INFLUENZA: CONOSCERLA PER COMBATTERLA E PREVENIRLA. Pag. 1"

Transcript

1 L INFLUENZA: CONOSCERLA PER COMBATTERLA E PREVENIRLA Pag. 1

2 Pag. 2 Regione Piemonte - Assessorato alla Sanità

3 INDICE DEGLI ARGOMENTI LA SINDROME INFLUENZALE Che cosa è l influenza? Chi si ammala di influenza? Quali sono i sintomi? Cosa bisogna fare quando si ha l influenza? Quando è necessario chiamare il medico? Chi è più a rischio di complicazioni? EPIDEMIOLOGIA DELLA SIDROME INFLUENZALE La sindrome influenzale. Le pandemie influenzali. Modalità di trasmissione. Incidenza. PREVENZIONE E PRECAUZIONI Cosa bisogna fare per evitare di ammalarsi di influenza? Come si fa a prevenire l influenza? Quando vaccinarsi? Come si fa a ridurre il rischio di malattie respiratorie? Come proteggersi dalle malattie respiratorie? Come evitare di diffondere il virus? Quando possono rientrare a scuola i bambini dopo avere avuto l influenza? LE PREVISIONI PER QUEST ANNO ( ) Che cos è un epidemia e cosa una pandemia? Ci dobbiamo aspettare una pandemia o una grande epidemia quest anno? E vero che i bambini devono essere vaccinati contro l influenza? E vero che la vaccinazione anti influenzale protegge contro la SARS? A PROPOSITO DI INFLUENZA AVIARIA Che cos è l influenza aviaria? Come si infetta l uomo? Ci sono stati altri casi di influenza aviaria, oltre a quelli segnalati in estremo oriente in questo periodo? Esiste un rischio potenziale di pandemia influenzale? Esistono restrizioni per i viaggi e precauzioni da adottare per evitare l infezione? E disponibile un vaccino efficace contro il virus dell influenza aviaria H5N1? E utile la vaccinazione antinfluenzale? Sono disponibili farmaci per il trattamento dell influenza aviaria? Le carni di pollame commercializzate in Italia sono sicure? Pag. 3

4 Pag. 4 Regione Piemonte - Assessorato alla Sanità

5 L influenza: conoscerla per combatterla e prevenirla Come tutti gli anni, con l arrivo dell autunno, torna a trovarci una fastidiosa vecchia conoscenza: l influenza. Secondo le prime stime degli esperti l epidemia potrebbe avere una maggiore diffusione rispetto all anno scorso ed interessare circa 5 milioni di italiani. I ceppi virali responsabili di Panama, così è stata battezzata l influenza del , arrivano da Mosca, dalla Nuova Caledonia e da Hong Kong; solo quest ultimo è nuovo, mentre gli altri due ceppi sono già da tempo conosciuti. L andamento e la gravità dell epidemia influenzale dipenderà da quale di questi tre virus avrà la meglio sugli altri due. Sebbene siano più preoccupanti le complicanze che la malattia in sè, la Sanità Pubblica regionale ha affinato programmi di prevenzione ed intervento che si basano sulla vaccinazione dei soggetti a rischio e sul corretto uso dei farmaci. Le vaccinazioni sono iniziate a metà ottobre ma, considerato il clima particolarmente mite del primo periodo autunnale, potranno proseguire anche fino ai primi giorni di dicembre. Per ridurre le conseguenze legate all aggressione del virus possono essere utili anche alcune precauzioni igieniche in grado di contrastare la diffusione dell infezione e la gravità dei sintomi nelle persone colpite. Il tutto, anche per limitare ai casi di effettiva necessità il ricorso alle strutture sanitarie, con minori disagi anche per i pazienti. La Regione Piemonte mette a disposizione questo opuscolo ricco di informazioni e buoni consigli ricordando che il vaccino è gratuito, presso le Asl, per le categorie per le quali è raccomandata la prevenzione. Valter Galante Assessore alla Sanità Pag. 5

6 LA SINDROME INFLUENZALE CHE COS E L INFLUENZA? La sindrome influenzale è un infezione delle vie respiratorie, soprattutto del naso, della gola e dei polmoni. E causata da più di duecento ceppi e specie virali che determinano sintomi tipici, ma aspecifici per il singolo agente. Questi virus cambiano continuamente: così ogni anno il ceppo virale predominante in circolazione è diverso da quello degli anni precedenti. Ci sono 3 tipi di virus influenzali: A, B e C. La maggior parte delle epidemie di influenza è causata dai virus di tipo A. Spesso le persone che pensano di avere l influenza hanno solo un brutto raffreddore. La cosiddetta influenza intestinale è un infezione gastrointestinale causata da virus diversi da quelli dell influenza e, in alcuni casi, è una scorciatoia diagnostica per tossinfezioni alimentari di origine incerta. I virus influenzali si diffondono facilmente da una persona all altra. CHI SI AMMALA DI INFLUENZA? Tutti possono ammalarsi di influenza. I tassi più elevati di malattia si hanno di solito nei bambini in età scolare. II numero di ammalati ogni anno dipende in gran parte dalla quantità di soggetti che sono suscettibili al virus circolante. II numero di suscettibili dipende, a sua volta, dal numero di persone che si sono infettate negli anni precedenti con virus simili a quello circolante, derivandone uno stato di immunità. I virus influenzali cambiano continuamente. Quando il cambiamento è molto rilevante i soggetti immuni sono pochissimi e il virus si diffonde liberamente provocando grandi epidemie influenzali. Fortunatamente questa eventualità si verifica molto raramente, nel corso delle cosiddette pandemie, quando la malattia può interessare simultaneamente milioni di persone nel mondo. Pag. 6

7 QUALI SONO I SINTOMI? Possono variare da persona a persona, ma solitamente negli adulti e negli anziani consistono in: febbre (temperatura superiore a 38,5 C); almeno un sintomo respiratorio: tosse; naso che cola; gola arrossata; respirazione difficoltosa; sintomi generali: brividi dolori muscolari (persino intorno agli occhi) mal di testa debolezza Nei bambini la malattia è di solito caratterizzata dalla febbre associata a segni e sintomi respiratori. COSA BISOGNA FARE QUANDO SI HA L INFLUENZA? La maggior parte delle persone ammalate non richiede un vero e proprio trattamento. Essendo una malattia virale gli antibiotici non servono (a meno che il medico non li ritenga necessari per curare complicazioni batteriche) e la terapia consiste nel limitare i sintomi. Bisogna stare a casa a riposo (questo riduce anche la diffusione della malattia). Bisogna bere molti liquidi per evitare la disidratazione (dovuta alla febbre). Per il controllo della febbre e per il sollievo della sintomatologia dolorosa è indicato l uso di antipiretici e anti infiammatori non steroidei. Il paracetamolo e l ibuprofene Pag. 7

8 sono raccomandati per la loro relativa sicurezza ed efficacia nei bambini. Non dare aspirina ai bambini per evitare il rischio di una rara e grave complicazione neurologica chiamata sindrome di Reye. Alimentarsi in modo equilibrato e corretto (privilegiando cibi facilmente digeribili, abbondando in frutta e verdura). Non fumare. QUANDO E NECESSARIO CHIAMARE IL MEDICO? Quando ci si sente improvvisamente peggio; quando si ha la febbre oltre 39 C per più di 2 giorni; quando il respiro diventa affannoso; quando si hanno forti dolori alla testa, alle orecchie, al viso o ai denti; quando si ha una tosse persistente produttiva (con catarro); quando c è un grave mal di gola; se si sta male per più di 10 giorni; CHI E PIU A RISCHIO DI COMPLICAZIONI? Gli anziani hanno un rischio maggiore di conseguenze gravi come la polmonite, perché spesso hanno altre patologie, che riducono la resistenza all infezione. Inoltre, negli anziani, la risposta immunitaria può essere meno efficace. I gruppi ad alto rischio includono gli individui affetti da malattie cardiache, respiratorie o immunitarie, che li rendono più vulnerabili all influenza e più facilmente aggredibili da altre malattie respiratorie. Pag. 8

9 EPIDEMIOLOGIA DELLA SINDROME INFLUENZALE LA SINDROME INFLUENZALE L influenza è una malattia respiratoria acuta dovuta alla infezione da virus influenzali. È una malattia stagionale che, nell emisfero settentrionale, si verifica durante il periodo invernale. Il primo isolamento di virus influenzale nell uomo risale al 1933 in Inghilterra (ma in precedenza erano stati isolati virus influenzali da polli e da suini). Da allora, ne sono stati identificati tre tipi differenti, costituenti il genere Orthomixovirus: il virus tipo A e il virus tipo B, responsabili della sintomatologia influenzale classica, e il tipo C, di scarsa rilevanza clinica (generalmente asintomatico). Alla base della epidemiologia dell influenza, vi è la marcata tendenza di tutti i virus influenzali a variare, cioè ad acquisire cambiamenti nelle proteine di superficie che permettono loro di aggirare la barriera immunitaria della popolazione che in passato ha subito l infezione influenzale. Questo significa che le difese messe a punto dall organismo contro il virus dell influenza dell anno precedente non sono più efficaci per il virus dell anno successivo. Per questi motivi, la composizione del vaccino deve essere aggiornata tutti gli anni e la sorveglianza è fondamentale per preparare il vaccino per la stagione successiva, in base ai ceppi che hanno avuto maggiore diffusione nell ultimo periodo epidemico. LE PANDEMIE INFLUENZALI Le pandemie si verificano ad intervalli di tempo imprevedibili e in questo secolo sono avvenute nel 1918 (Spagnola, sottotipo H1N1), nel 1957 (Asiatica, sottotipo H2N2) e nel 1968 (Hong Kong, sottotipo H3N2). La più severa, nel 1918, ha provocato almeno 20 milioni di morti. Pag. 9

10 È comunque importante sottolineare che la comparsa di un ceppo con proteine di superficie radicalmente nuove, quindi di un virus influenzale completamente diverso da quelli precedenti, non è di per sé sufficiente per dire che si è verificata una pandemia. Occorre anche che il nuovo virus sia capace di trasmettersi da uomo a uomo in modo efficace. MODALITA DI TRASMISSIONE Il virus influenzale, generalmente acquisito attraverso il contatto con altre persone infette, si trova sia nella saliva sia nel muco delle vie respiratorie e può penetrare nell organismo attraverso le mucose (bocca, occhi e naso). Il virus può essere trasmesso per via aerea dal momento del contagio fino ai tre-quattro giorni successivi ai primi sintomi. Questi si manifestano a distanza di uno-quattro giorni dall infezione; quindi il virus può essere trasmesso anche da persone apparentemente sane. Si diffonde molto facilmente negli ambienti affollati. INCIDENZA La frequenza con cui insorgono casi di influenza, pur essendo assai diversa da epidemia a epidemia, si aggira per lo più intorno al 10-20% della popolazione generale. Il sistema di sorveglianza epidemiologica e virologica ha stimato, lo scorso anno, un incidenza nella popolazione generale pari al 3%, mentre nella fascia di età tra 0 e 14 anni, che è quella più colpita, l incidenza è stata circa del 11%. Tali valori rappresentano il livello più basso di incidenza degli ultimi cinque anni. Durante le pandemie l incidenza può raggiungere anche il 50% della popolazione generale. Pag. 10

11 PREVENZIONE E PRECAUZIONI COSA BISOGNA FARE PER EVITARE DI AMMALARSI DI INFLUENZA? In generale: dormire a sufficienza; mangiare in modo sano e regolare (dieta equilibrata abbondando in frutta e verdura); fare esercizio fisico regolare; chiedere al proprio medico informazioni sulla opportunità della vaccinazione. Durante la stagione influenzale: evitare il contatto con chi ha l influenza; lavarsi le mani molto spesso e non toccarsi la bocca, il naso e gli occhi; non condividere con altre persone oggetti personali, come asciugamani e posate. COME SI FA A PREVENIRE L INFLUENZA? Vaccinarsi è il modo migliore di prevenire e combattere l influenza. Il Ministero della Salute raccomanda la vaccinazione a: 1 tutte le persone di età pari o superiore a 65 anni; 2 i soggetti in età infantile o adulta affetti da: malattie croniche di tipo respiratorio o polmonare (asma compresa), malattie metaboliche croniche, diabete mellito, disfunzioni renali, immunodepressione dovuta o meno ai farmaci, patologie del sangue, sindrome da cattivo assorbimento intestinale, fibrosi cistica, malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, quando sono previsti interventi chirurgici di una certa complessità; Pag. 11

12 3 i soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo; 4 il personale di assistenza o i contatti familiari di soggetti ad alto rischio; 5 i bambini reumatici sottoposti a prolungata somministrazione di acido acetilsalicilico e a rischio di sindrome di Reye in caso di infezione influenzale; 6 personale che, per motivi professionali, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali, cioè gli addetti agli impianti avicoli di allevamento e macellazione. La vaccinazione non protegge contro l influenza aviaria ma serve ad evitare che, in caso di infezione contemporanea con virus umano e aviario, si formino nuovi pericolosi ceppi virali. II vaccino antinfluenzale ha un ottima efficacia nei confronti di virus influenzali antigenicamente simili a quelli utilizzati nella sua preparazione. Non può invece avere effetto su virus di altro tipo e, di conseguenza, ha bassa efficacia pratica, qualora la sindrome influenzale in corso sia causata prevalentemente da virus non influenzali o da virus influenzali totalmente diversi. Pur con questi limiti, la vaccinazione rimane il cardine della prevenzione dell influenza nella popolazione anziana, dove si associa a una riduzione di eventi maggiori, comprese l ospedalizzazione e la mortalità. Pag. 12

13 QUANDO VACCINARSI? Il periodo ottimale per l avvio delle campagne di vaccinazione antinfluenzale è, per la nostra situazione climatica, a partire dalla metà di ottobre fino alla fine di novembre. Un anticipo della somministrazione del vaccino antinfluenzale potrebbe, soprattutto nelle persone anziane che presentano risposte immunitarie meno valide, avere come conseguenza un calo della protezione proprio in corrispondenza del picco epidemico stagionale. COME SI FA A RIDURRE IL RISCHIO DI MALATTIE RESPIRATORIE? Al momento non ci sono prove di efficacia su interventi che possono proteggere specificamente dall influenza. Ci sono tuttavia alcune precauzioni generali (per proteggersi o per diminuire la possibilità di diffusione) che vanno bene anche per le altre affezioni respiratorie, compreso il normale raffreddore. La base di queste precauzioni è il controllo dell infezione per impedire che il virus si trasmetta da una persona all altra. COME PROTEGGERSI DALLE MALATTIE RESPIRATORIE? Bisogna evitare il contatto diretto con le persone colpite da una malattia respiratoria, in particolare nel periodo di contagiosità; lavarsi le mani in modo approfondito (con acqua e sapone oppure con alcool), soprattutto dopo essere entrati in contatto con oggetti che sono stati toccati da una persona con una malattia respiratoria (specialmente fazzoletti e fazzolettini di carta); evitare di toccarsi viso prima di essersi lavati bene le mani; se ci si prende cura di una persona con una malattia respiratoria, bisogna stare attenti il più possibile ad evitare il contatto Pag. 13

14 con la bocca e le mani. Attenzione quindi agli oggetti che toccano la bocca e il naso, come i fazzoletti e i bicchieri; per aiutare qualcuno a soffiarsi il naso o a pulirsi il viso occorre indossare i guanti (e poi buttarli stando attenti a non toccarne la superficie esterna togliendoli) oppure occorre lavarsi le mani subito dopo e scrupolosamente. COME EVITARE DI DIFFONDERE IL VIRUS? Chi ha una infezione respiratoria, può limitare la diffusione del virus: coprendosi il naso e la bocca con un fazzoletto quando starnutisce e tossisce; lavandosi bene le mani dopo aver usato il fazzoletto (di stoffa o di carta); buttando i fazzoletti di carta usati nella pattumiera subito dopo averli utilizzati (e non lasciandoli in giro); lavandosi le mani prima di mangiare o di bere e dopo essere andato in bagno; rimanendo a casa a riposo quando la malattia è ancora attiva (con febbre e altri sintomi evidenti); evitando comunque di frequentare alcuni luoghi (come gli ospedali, le scuole, i luoghi di lavoro) quando si è nella fase in cui si starnutisce e tossisce molto; rimanendo lontani dalle persone che soffrono di asma, fibrosi cistica o altre malattie polmonari, perché per loro il raffreddore e l influenza possono essere più gravi; ricordando che, per gli adulti, il periodo di infettività comincia qualche giorno prima della comparsa dei sintomi e perdura sino a quattro giorni dopo la guarigione; ricordando che per i bambini il periodo di infettività potrebbe essere ancora più lungo. Pag. 14

15 L individuo affetto da influenza può trasmettere il virus già alcuni giorni prima dell inizio dei sintomi e sino ad alcuni giorni dopo. QUANDO POSSONO RIENTRARE A SCUOLA I BAMBINI DOPO AVERE AVUTO L INFLUENZA? Le linee guida per il controllo delle infezioni non prescrivono particolari periodi di allontanamento da scuola ma è raccomandabile (sia per evitare complicazioni sia per ridurre la diffusione della malattia) che un bambino ritorni a scuola soltanto alcuni giorni dopo la completa guarigione. LE PREVISIONI PER QUEST ANNO ( ) CHE COS E UN EPIDEMIA E COSA UNA PANDEMIA? Si ha un epidemia quando in una determinata comunità o zona geografica si ha un numero di casi di malattia in eccesso rispetto a quanto ci si potrebbe aspettare. Una pandemia è una grande epidemia che avviene in un area molto ampia e di solito riguarda una grande parte della popolazione. Nel XX secolo ci sono state pandemie nel 1918 (la Spagnola), nel 1957 (l Asiatica), nel 1968 (l Hong Kong). Le pandemie sono scatenate dai cambiamenti spontanei e imprevedibili nelle proteine antigeniche di superficie del virus dell influenza. Queste mutazioni avvengono ad intervalli irregolari e portano allo sviluppo di nuovi sottotipi di virus influenzali. Poiché la maggior parte delle persone non ha ancora avuto la possibilità di rendersi immune, l infezione può diffondersi con facilità. Pag. 15

16 Pag. 16 Regione Piemonte - Assessorato alla Sanità CI DOBBIAMO ASPETTARE UNA PANDEMIA O UN EPIDEMIA QUEST ANNO? Non ci sono ragioni per supporre che ci possa essere una pandemia quest anno. L Organizzazione Mondiale della Sanità sorveglia la situazione mondiale con grande attenzione e non ci si attende una pandemia. I ceppi virali presenti nella composizione del vaccino di quest anno, fanno prevedere un epidemia con caratteristiche molto simili a quella dello scorso anno: bassa incidenza ed esordio ritardato. E VERO CHE I BAMBINI DEVONO ESSERE VACCINATI CONTRO L INFLUENZA? Al momento non esistono prove scientifiche che sostengano la utilità della vaccinazione generalizzata dei bambini sani e nessuna nazione europea ha finora raccomandato questa pratica. Gli studi utilizzati per giustificare l introduzione della vaccinazione da parte di alcuni paesi extraeuropei (come gli USA), sono oggetto di controversia sia per quanto riguarda la loro qualità sia per quanto riguarda l indipendenza dei loro autori dalle ditte produttrici di vaccino. E VERO CHE LA VACCINAZIONE ANTI INFLUENZALE PROTEGGE CONTRO LA SARS? Nessuna istituzione, nazionale o internazionale, ha mai raccomandato l uso della vaccinazione anti influenzale a scopo di prevenzione o controllo della SARS. In Italia il Ministero della Salute non ha modificato le proprie raccomandazioni e l Istituto Superiore di Sanità ha chiaramente affermato l assoluta inesistenza di prove scientifiche di utilità della vaccinazione antinfluenzale nei confronti della SARS.

17 A PROPOSITO DI INFLUENZA AVIARIA CHE COS È L INFLUENZA AVIARIA? E un infezione virale che può interessare gli uccelli selvatici e domestici come polli e tacchini, provocandone la morte. E causata da virus influenzali di tipo A che possono infettare anche altri animali (quali maiali, cavalli, delfini, balene) e l uomo. La maggior parte dei virus influenzali aviari non provoca sintomi o provoca sintomi attenuati negli uccelli selvatici; tuttavia, il tipo di sintomatologia negli uccelli varia in relazione al ceppo virale e al tipo di volatile. L infezione da alcuni virus A (per esempio, alcuni ceppi H5 ed H7) può causare epidemie estese ed elevata mortalità tra alcune specie di selvatici e di uccelli domestici, compresi polli e tacchini. Alcuni uccelli acquatici fungono da serbatoi del virus, ospitandolo nell intestino anche senza mostrare una sintomatologia evidente ed eliminandolo con le feci. Gli uccelli infetti eliminano il virus con la saliva, con le secrezioni respiratorie e con le feci. Il contatto di uccelli suscettibili con questi materiali, o con acqua contaminata da questi, determina la trasmissione dell infezione. La trasmissione fecale-orale è la modalità di infezione più comune. COME SI INFETTA L UOMO? Normalmente i virus dell influenza aviaria non infettano gli uomini, tuttavia sono state riportate segnalazioni di infezioni umane e focolai epidemici fin dal I casi di influenza aviaria nell uomo hanno riguardato soltanto soggetti che avevano avuto contatti diretti con animali infetti (allevatori, macellatori, persone che allevavano polli presso le loro abitazioni, veterinari). L influenza aviaria nell uomo provoca una sintomatologia che va da una sindrome simil influenzale a infezioni oculari, polmonite, difficoltà respiratorie ed altre complicanze gravi che possono mettere a rischio la vita. Pag. 17

18 Pag. 18 Regione Piemonte - Assessorato alla Sanità CI SONO STATI ALTRI CASI DI INFLUENZA AVIARIA OLTRE A QUELLI SEGNALATI IN ESTREMO ORIENTE IN QUESTO PERIODO? Le segnalazioni confermate di virus dell influenza aviaria sono: 1997: a Hong Kong, il virus dell influenza aviaria tipo A(H5N1) infettò sia polli sia uomini. 1999: a Hong Kong, casi di influenza aviaria tipo A(H9N2) furono confermati in 2 bambini. 2003: due casi di influenza aviaria A(H5N1) si manifestarono tra i membri di una famiglia di Hong Kong che aveva soggiornato per un breve periodo in Cina. 2003: nei Paesi Bassi, durante un epidemia di influenza tra il pollame, furono rilevati più di 80 casi umani di influenza da virus A( H7N7) in allevatori e loro familiari. 2004: 16 casi umani in Thailandia e 27 in Vietnam. Le indagini condotte fino a questo momento su tutti questi casi indicano che la trasmissione inter-umana dell infezione, per quanto sia possibile, non risulta ancora dimostrata. ESISTE UN RISCHIO POTENZIALE DI PANDEMIA INFLUENZALE? Tutti i virus influenzali mutano. E possibile che anche un virus dell influenza aviaria subisca una mutazione tale da acquisire la capacità di infettare gli uomini e diffondersi da persona a persona. Siccome tali virus non infettano comunemente gli uomini, la popolazione non è immune, o lo è debolmente. La circolazione di un nuovo virus verso cui la popolazione non è immune crea il presupposto per l inizio di una pandemia influenzale. ESISTONO RESTRIZIONI PER I VIAGGI E PRECAU- ZIONI DA ADOTTARE PER EVITARE L INFEZIONE? Al momento attuale non vi sono indicazioni per limitare l effettuazione di viaggi per e da paesi colpiti dall influenza aviaria. Si consiglia in ogni caso, a titolo precauzionale, di evitare il contatto con

19 gli animali (pollame e suini) qualora ci si rechi nei paesi interessati e le zone rurali e i mercati dove vengono commercializzati animali vivi. Inoltre, si raccomandano le norme di igiene personale, in particolare il lavaggio frequente delle mani con acqua e sapone. E DISPONIBILE UN VACCINO EFFICACE CONTRO IL VIRUS DELL INFLUENZA AVIARIA H5N1? No. Al momento attuale non sono disponibili vaccini, per uso umano, contro il ceppo H5N1. L Organizzazione Mondiale della Sanità, con i laboratori facenti parte della rete globale di sorveglianza dell influenza, sta lavorando per produrre un virus prototipo che costituirà la base per l allestimento di un vaccino specifico. E UTILE LA VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE? La vaccinazione antinfluenzale con il vaccino trivalente in uso nella corrente campagna vaccinale, pur non conferendo una protezione specifica verso il ceppo A(H5N1), è utile al fine di evitare la coinfezione, ovvero la contemporanea infezione da virus influenzali umani e virus aviario e viene quindi praticata negli addetti agli impianti avicoli di allevamento e di macellazione. SONO DISPONIBILI FARMACI PER IL TRATTA- MENTO DELL INFLUENZA AVIARIA? Si. Sono disponibili farmaci antivirali appartenenti a due diverse classi, ma non tutti sono attualmente commercializzati in Italia. Inibitori della M2: amantadina e rimantadina sono attivi nei confronti dei virus influenzali appartenenti al tipo A; di tali farmaci, soltanto la amantadina è commercializzata in Italia. L analisi iniziale dei virus isolati dai casi mortali di influenza H5N1 in Vietnam indicano che il ceppo appare resistente agli inibitori della M2; sono in corso ulteriori analisi per confermare la resistenza alla amantadina. Inibitori della neuraminidasi: zanamivir ed oseltamivir. Attualmente soltanto lo zanamivir è commercializzato in Italia, mentre l oseltamivir dovrebbe esserlo a breve. Zanamivir ed oseltamivir sono efficaci nei confronti sia dei virus di tipo A sia di quelli del Pag. 19

20 tipo B. L oseltamivir è stato impiegato nell episodio di influenza aviaria dei Paesi Bassi della primavera 2003, per prevenire l infezione in operatori professionalmente esposti. I laboratori appartenenti alla rete globale di sorveglianza dell influenza stanno lavorando anche per confermare l efficacia degli inibitori della neuroaminidasi verso i ceppi H5N1 attualmente circolanti. LE. CARNI DI POLLAME COMMERCIALIZZATE IN ITALIA SONO SICURE? Si. La salubrità delle carni di volatili prodotte in ambito comunitario o introdotte nell Unione europea provenienti da Paesi terzi, viene assicurata da un articolato sistema di verifiche, condotte in Italia da personale veterinario dipendente dal Sistema Sanitario Nazionale, riassumibili in: controlli documentali e sanitari all atto dell introduzione di animali e carni sul territorio dell U.E., monitoraggio svolto presso gli allevamenti, attività di ispezione e vigilanza presso i macelli, i laboratori di sezionamento e gli esercizi commerciali. Testi : Servizio di Epidemiologia ASL 20 - Alessandria Vittorio Demicheli Donatella Tiberti Roberto Raso Progetto Grafico Direzione Regionale Sanità Pubblica Gianfranco Corgiat Loia Claudio Marocco Daniela Caracciolo Stampa Fratelli Bogliani - Torino Pag. 20 Promozione Salute Piemonte

INDICE DEGLI ARGOMENTI

INDICE DEGLI ARGOMENTI INDICE DEGLI ARGOMENTI La sindrome influenzale Che cosa è l influenza? Chi si ammala di influenza? Quali sono i sintomi? Cosa bisogna fare quando si ha l influenza? Quando è necessario chiamare il medico?

Dettagli

Prevenzione e controllo dell influenza, raccomandazioni per la stagione 2012-2013. Fonte: Ministero della salute

Prevenzione e controllo dell influenza, raccomandazioni per la stagione 2012-2013. Fonte: Ministero della salute Prevenzione e controllo dell influenza, raccomandazioni per la stagione 2012-2013 Fonte: Ministero della salute Vaccinazione influenzale al via da metà ottobre, con l obiettivo di vaccinare il 95 per cento

Dettagli

L influenza. stagionale

L influenza. stagionale Questo opuscolo vuole fornire alcune informazioni pratiche per avere una visione corretta ed equilibrata di un fenomeno, quello dell influenza aviaria, che al momento attuale sta determinando un inutile

Dettagli

Influenza suina A/H1N1v Raccomandazioni alle persone con fibrosi cistica

Influenza suina A/H1N1v Raccomandazioni alle persone con fibrosi cistica Influenza suina A/H1N1v Raccomandazioni alle persone con fibrosi cistica Informazioni generali La nuova influenza A(H1N1) è un infezione virale acuta dell'apparato respiratorio con sintomi fondamentalmente

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016)

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) L influenza è un infezione respiratoria provocata da un virus. È molto contagiosa, perché si trasmette facilmente attraverso

Dettagli

Io mi proteggo dall influenza. Vaccinazione anti-influenzale: cosa è necessario conoscere.

Io mi proteggo dall influenza. Vaccinazione anti-influenzale: cosa è necessario conoscere. Io mi proteggo dall influenza Vaccinazione anti-influenzale: cosa è necessario conoscere. Anche quest anno, con l approssimarsi della stagione fredda, è arrivato il momento di vaccinarsi contro l influenza.

Dettagli

Bollettino Epidemiologico n. 78. L Influenza Aviaria e il timore di una pandemia

Bollettino Epidemiologico n. 78. L Influenza Aviaria e il timore di una pandemia Dipartimento di Prevenzione E & P ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 78 Servizio Epidemiologia e Prevenzione - Tel. 0824-322240 - Fax 0824-23154 - e-mail sep@aslbenevento.it L Influenza Aviaria

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano Clementina, 82 anni VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: Martino COSA È NECESSARIO Giancarla CONOSCERE Milena Ivano Vaccinazione antinfluenzale cosa è necessario conoscere. 2 La vaccinazione antinfluenzale è il

Dettagli

Avvio della Campagna di Vaccinazione antinfluenzale 2015-16, a Trieste

Avvio della Campagna di Vaccinazione antinfluenzale 2015-16, a Trieste Avvio della Campagna di Vaccinazione antinfluenzale 2015-16, a Trieste dott.fulvio Zorzut Direttore S.C. Igiene Sanità Pubblica Prevenzione Ambientale Dipartimento di Prevenzione di Trieste La Campagna

Dettagli

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others www.euro.who.int/influenza INFLUENZA A(H1N1) COSA E QUESTA NUOVA INFLUENZA 1. Cosa è l Influenza A(H1N1)? L influenza A(H1N1) è un nuovo virus influenzale

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA INFLUENZA: PRONTI 30MILA VACCINI

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA INFLUENZA: PRONTI 30MILA VACCINI COMUNICATO STAMPA INFLUENZA: PRONTI 30MILA VACCINI PARTIRÀ MERCOLEDÌ 28 NOVEMBRE LA CAMPAGNA DI VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE STAGIONALE NELL'AZIENDA SANITARIA DI NUORO. FUGATI I DUBBI SULLA SICUREZZA, A

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

FAQ Influenza stagionale

FAQ Influenza stagionale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 17.09.2013 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Malattie infettive a trasmissione aerea

Malattie infettive a trasmissione aerea Ogni anno, immancabilmente, si ripete un incontro puntuale quanto indesiderato... quello fra l uomo ed i virus influenzali Malattie infettive a trasmissione aerea Ambiente: densità della popolazione occasioni

Dettagli

Informativa sull influenza A/H1N1

Informativa sull influenza A/H1N1 Informativa sull influenza A/H1N1 Indicazioni per il personale aziendale per ridurre il rischio di diffusione della malattia Indicazioni per i Responsabili di Sede per ridurre il rischio di diffusione

Dettagli

Influenza suina: l influenza A (H1N1)

Influenza suina: l influenza A (H1N1) . Influenza suina: l influenza A (H1N1) Il virus: lui chi è Ad aprile si sono registrati in Messico casi di infezione nell uomo da nuovo virus influenzale di tipo A (H1N1), precedentemente identificato

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 I.T.I. OMAR GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 Procedure igienico sanitarie OTTOBRE 2009 REVISIONE 01 SOMMARIO La sindrome influenzale da virus A/H1N1 3 Misure di prevenzione 3 Come lavare

Dettagli

Proteggiamoci insieme!

Proteggiamoci insieme! Influenza stagionale. Proteggiamoci insieme! Informazioni importanti per Lei e per la sua famiglia. www.vaccinarsicontrolinfluenza.ch www.ufsp.admin.ch B C Cos è l influenza stagionale e quali sono i sintomi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Campagna di vaccinazione antinfluenzale 2015-2016

COMUNICATO STAMPA. Campagna di vaccinazione antinfluenzale 2015-2016 COMUNICATO STAMPA Campagna di vaccinazione antinfluenzale 2015-2016 Il 26 Ottobre 2015 avrà inizio su tutto il territorio dell ASL5 Spezzino, la campagna di vaccinazione antinfluenzale per proseguire sino

Dettagli

Proteggiamoci insieme!

Proteggiamoci insieme! Influenza stagionale. Proteggiamoci insieme! Informazioni importanti per Lei e per la sua famiglia. www.uniticontrolinfluenza.ch www.bag.admin.ch B C Cos è l influenza stagionale e quali sono i sintomi

Dettagli

DA POCHI SECONDI A UN ANNO, COME SOPRAVVIVE VIRUS H5N1

DA POCHI SECONDI A UN ANNO, COME SOPRAVVIVE VIRUS H5N1 DA POCHI SECONDI A UN ANNO, COME SOPRAVVIVE VIRUS H5N1 ROMA - Da pochi secondi a un anno. E' il tempo di sopravvivenza del virus H5N1, ovvero quello più pericoloso e altamente patogeno dell'influenza aviaria,

Dettagli

Proteggiamoci insieme!

Proteggiamoci insieme! Influenza stagionale. Proteggiamoci insieme! Informazioni importanti per Lei e per la sua famiglia. www.vaccinarsicontrolinfluenza.ch www.ufsp.admin.ch B C Cos è l influenza stagionale e quali sono i sintomi

Dettagli

gratuita per alcune categorie:

gratuita per alcune categorie: DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Vaccinazione antinfluenzale stagionale 2010-2011 l ASL organizza LA CAMPAGNA ANTINFLUENZALE in collaborazione con i Medici di Medicina Generale con inizio il giorno 2

Dettagli

INFORMATIVA VACCINAZIONE ANTIINFLUENZALE 2014-2015

INFORMATIVA VACCINAZIONE ANTIINFLUENZALE 2014-2015 INFORMATIVA VACCINAZIONE ANTIINFLUENZALE 2014-2015 PERCHÈ VACCINARSI La composizione dei vaccini antinfluenzali viene aggiornata di anno in anno. Le finalità della vaccinazione sono duplici: protezione

Dettagli

Bollettino sanitario D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G I E N E M E N T A L E D E L L A C I T T À D I N E W Y O R K

Bollettino sanitario D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G I E N E M E N T A L E D E L L A C I T T À D I N E W Y O R K V O L U M E 8, N U M E R O 8 Bollettino sanitario D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G I E N E M E N T A L E D E L L A C I T T À D I N E W Y O R K D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

Cos è l influenza? Quali sono i sintomi dell influenza? Come si trasmette? Quali sono le complicanze dell influenza? Come si cura l influenza?

Cos è l influenza? Quali sono i sintomi dell influenza? Come si trasmette? Quali sono le complicanze dell influenza? Come si cura l influenza? Cos è l influenza? L'influenza è una malattia provocata da virus (virus influenzali) che infettano le vie aeree (naso, gola, polmoni). È molto contagiosa, perché si trasmette facilmente attraverso goccioline

Dettagli

INFLUENZA A (H1N1)v. Come proteggersi e prevenire la diffusione del virus

INFLUENZA A (H1N1)v. Come proteggersi e prevenire la diffusione del virus INFLUENZA A (H1N1)v Come proteggersi e prevenire la diffusione del virus Per ulteriori informazioni sull influenza A (H1N1)v, sui comportamenti da tenere in caso di malattia e per prevenire la diffusione

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

Centro di Medicina Preventiva e assistenza sanitaria Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive VACCINATION MONTH

Centro di Medicina Preventiva e assistenza sanitaria Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive VACCINATION MONTH Centro di Medicina Preventiva e assistenza sanitaria Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive VACCINATION MONTH INFLUENZA Malattia respiratoria acuta causata da un virus appartenente agli

Dettagli

L influenza aviaria. Rischi, informazioni e misure preventive. Ministero della Salute

L influenza aviaria. Rischi, informazioni e misure preventive. Ministero della Salute Ministero della Salute Centro nazionale per la prevenzione e il Controllo delle Malattie L influenza aviaria Rischi, informazioni e misure preventive Anche se non lo si può affermare con assoluta certezza,

Dettagli

VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009

VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009 VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009 1. Quando sarà disponibile il vaccino pandemico per il nuovo virus A(H1N1)? Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

Quali sono le complicanze dell'influenza? Come si cura l'influenza? Quando si devono usare gli antibiotici?

Quali sono le complicanze dell'influenza? Come si cura l'influenza? Quando si devono usare gli antibiotici? Le domande più frequenti sull influenza: argomento dibattuto che non trova d accordo neanche i Medici. Pubblichiamo le precisazioni del Ministero della Salute. Che cos è l influenza? L'influenza è una

Dettagli

L influenza pandemica: tutto ciò che dovete sapere

L influenza pandemica: tutto ciò che dovete sapere Sigla editoriale Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Editore: Ufficio federale della sanità pubblica Data di pubblicazione: settembre 2009 L opuscolo è pubblicato anche nelle seguenti lingue: Tedesco

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

E almeno uno dei seguenti sintomi:

E almeno uno dei seguenti sintomi: In relazione al verificarsi di epidemie da Virus Ebola presso gli Stati Africani, la nostra Azienda Ospedaliera ritiene opportuno informare i cittadini sulle procedure operative messe in atto per la gestione

Dettagli

SITUAZIONE MATERIALI DA DISINFETTARE PROCEDURE

SITUAZIONE MATERIALI DA DISINFETTARE PROCEDURE Il 5 luglio scorso l Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato contenuta in tutto il mondo l epidemia di SARS. Ciononostante occorre mantenere alta la vigilanza globale. A questo proposito

Dettagli

A cura del dr. Giovanni Piu

A cura del dr. Giovanni Piu A cura del dr. Giovanni Piu INFLUENZA Parola derivata dalla lingua Italiana, perché si supponeva che la malattia fosse dovuta all influenza climatica svolta da una sfavorevole congiunzione astrale. E una

Dettagli

PERCORSI PRE TRIAGE E TRIAGE NEL DEU

PERCORSI PRE TRIAGE E TRIAGE NEL DEU PERCORSI PRE TRIAGE E TRIAGE NEL DEU Cagliari, 21 Dicembre 2009 Medicina e Chirurgia d Urgenza e Accettazione P.O SS. Trinità Coordinatore Infermieristico Ilenia Piras 1 MASS MEDIA E INFORMAZIONE 2 OMS

Dettagli

OGGETTO : Sindrome Respiratoria Acuta: indicazioni per le collettività scolastiche.

OGGETTO : Sindrome Respiratoria Acuta: indicazioni per le collettività scolastiche. Via Pietro Micca, 20 10122 Torino tel. 011/5163611 e-mail: dirreg@scuole.piemonte.it Prot. nr. 3888/p a36 Circ. Reg. nr. 125 Torino, 30 aprile 2003 Ai Dirigenti degli Istituti di ogni ordine e grado statali

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Causa. La polmonite è abbastanza comune, era la principale causa di morte prima della scoperta degli antibiotici

Causa. La polmonite è abbastanza comune, era la principale causa di morte prima della scoperta degli antibiotici La polmonite è la malattia dei polmoni e del sistema respiratorio in cui gli alveoli polmonari si infiammano e si riempiono di liquido, ostacolando la funzione respiratoria. Frequentemente anche i bronchi

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive ALLEGATO 1 Direzione Sanità Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI E STRUTTURA DEL

Dettagli

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica La febbre catarrale degli ovini è una malattia virale delle pecore, che si diffonde attraverso la puntura di insetti. Minuscole zanzare,

Dettagli

LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Cos'è e come affrontarla? Regione Lazio

LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Cos'è e come affrontarla? Regione Lazio LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Meningite Cos'è e come affrontarla? Regione Lazio L'obiettivo di questo opuscolo è di fornire informazioni semplici ai cittadini su alcune malattie infettive, su

Dettagli

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi LA MENINGITE La meningite è una infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi). La malattia generalmente è di origine infettiva e può essere virale o batterica.

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA MEDICINA GENERALE CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA I CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia scuola morbillo vaccino parotite rosolia Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2004 Il morbillo è

Dettagli

INFLUENZA 2011-2012. A cura del Ministero della Salute

INFLUENZA 2011-2012. A cura del Ministero della Salute 06.11.2011 INFLUENZA 2011-2012 - LE DOMANDE PIU FREQUENTI- A cura del Ministero della Salute 1. Che cos è l influenza? 2. Quali sono i sintomi dell'influenza? 3. Come si trasmette? 4. Quali sono le complicanze

Dettagli

DECS SA-URTS. A H1N1 - Piano Pandemia 2009. Misure DECS Ufficio refezione e trasporti scolastici (URTS)

DECS SA-URTS. A H1N1 - Piano Pandemia 2009. Misure DECS Ufficio refezione e trasporti scolastici (URTS) DECS SA-URTS A H1N1 - Piano Pandemia 2009 Misure DECS Ufficio refezione e trasporti scolastici (URTS) Elena Pedrioli DECS Ufficio refezione e trasporti scolastici 091 814 34 09 Versione 1.1 Ottobre 2009

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

Misure di protezione personale utili per ridurre il rischio di contrarre o trasmettere l'influenza umana

Misure di protezione personale utili per ridurre il rischio di contrarre o trasmettere l'influenza umana Influenza Pandemica Misure di protezione personale utili per ridurre il rischio di contrarre o trasmettere l'influenza umana L'influenza è un'infezione virale che si trasmette da persona a persona principalmente

Dettagli

Con l occasione Vi invio, anche a nome del Consiglio Direttivo, i miei più sinceri auguri per le imminenti festività.

Con l occasione Vi invio, anche a nome del Consiglio Direttivo, i miei più sinceri auguri per le imminenti festività. 1 S I V Società Italiana di Virologia Prof. Giorgio Palù, Presidente Padova, 19 dicembre 2005 Caro Socio, ti invio il documento redatto dalle Prof.sse Alberta Azzi e Anna Iorio riguardante il rischio dell

Dettagli

Ai Medici, ai Dentisti, ai Farmacisti autorizzati al libero esercizio nel Cantone Ticino. 31 luglio 2009. Info-med 06/2009

Ai Medici, ai Dentisti, ai Farmacisti autorizzati al libero esercizio nel Cantone Ticino. 31 luglio 2009. Info-med 06/2009 Ai Medici, ai Dentisti, ai Farmacisti autorizzati al libero esercizio nel Cantone Ticino 31 luglio 2009 Info-med 06/2009 Influenza A H1N1: adattamento della strategia Gentile collega, egregio collega Desideriamo

Dettagli

Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV)

Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) FSME (Frühsommermeningoenzephalitis) Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) 95 West Nile Virus Foto: CNN Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) DEFINIZIONE La febbre del Nilo

Dettagli

A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.)

A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.) A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.) Si espongono, per opportuna conoscenza, gli ultimi aggiornamenti disponibili al 12/10/2014

Dettagli

INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI

INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI S.I.S.P. - U.O.S. Epidemiologia e Profilassi Malattie Infettive Dr.ssa Andreina Ercole La meningite batterica Evento raro, nei paesi industrializzati,

Dettagli

delle Malattie Cos è l influenza

delle Malattie Cos è l influenza delle Malattie Cos è l influenza L influenza è un infezione respiratoria virale, molto contagiosa perché si trasmette facilmente attraverso goccioline di muco, saliva ed in genere per via aerea anche semplicemente

Dettagli

Preveniamo l influenza

Preveniamo l influenza Ministero della Salute Centro nazionale per la prevenzione e il Controllo delle Malattie Preveniamo l influenza Sappiamo proprio tutto sulla più comune delle malattie di stagione? Una guida per affrontare

Dettagli

Che cos è la celiachia?

Che cos è la celiachia? Che cos è la celiachia? La celiachia è una malattia infiammatoria cronica dell intestino tenue, dovuta ad una intolleranza al glutine assunto attraverso la dieta. Il glutine è una proteina contenuta in

Dettagli

Questa scheda informativa è realizzata per scopi educativi soltanto. Consultate il medico di famiglia o altri operatori

Questa scheda informativa è realizzata per scopi educativi soltanto. Consultate il medico di famiglia o altri operatori Cos è la febbre? La temperatura corporea dei bambini varia tra i 36,5 e i 37,5 o C. Si ha la febbre quando, misurando la temperatura del bambino con un termometro posto sotto l ascella, si nota che la

Dettagli

04/11/2014. Convegno HSF 25-26 ottobr e 2014

04/11/2014. Convegno HSF 25-26 ottobr e 2014 Virus Ebola: 15 cose da sapere Continuano ad aumentare le vittime della malattia emorragica in Africa. Come si previene? Come si cura? È sicuro viaggiare? Procedure tecniche e operative Convegno HSF 25-26

Dettagli

Cos è l influenza? Quali sono i sintomi dell influenza? Come si trasmette? Quali sono le complicanze dell influenza? Come si previene l'influenza?

Cos è l influenza? Quali sono i sintomi dell influenza? Come si trasmette? Quali sono le complicanze dell influenza? Come si previene l'influenza? Cos è l influenza? L'influenza è una malattia provocata da virus (virus influenzali) che infettano le vie aeree (naso, gola, polmoni). È molto contagiosa, perché si trasmette facilmente attraverso goccioline

Dettagli

L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia

L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia ZOONOSI EMERGENTI E RIEMERGENTI: tra vecchie conoscenze e nuove realtà Torino, 26 febbraio 2013 L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia Fabio Ostanello Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie

Dettagli

Infezione da HIV e AIDS in Piemonte

Infezione da HIV e AIDS in Piemonte Infezione da HIV e AIDS in Piemonte anno 212 a cura di Chiara Pasqualini, Vittorio Demicheli si ringraziano i medici referenti del Sistema di Sorveglianza HIV/AIDS del Piemonte: O. Bargiacchi, S. Bonora,

Dettagli

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate CISTITE A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è la CISTITE? La cistite è la più comune e frequente malattia delle vie urinarie e può colpire

Dettagli

InfluNet - Casi Gravi - InfluWeb - Accessi ai Pronto Soccorso

InfluNet - Casi Gravi - InfluWeb - Accessi ai Pronto Soccorso FluNews Rapporto Epidemiologico Settimanale Numero 13, del 7 Maggio 21 FluNews : aggiornamento alla 17 settimana del 21 (21-2 Aprile 21) Il presente rapporto integra i risultati di differenti sistemi di

Dettagli

Zika virus: domande a risposte

Zika virus: domande a risposte Zika virus: domande a risposte 1. LA MALATTIA Che cos è la malattia da Zika virus? Zika è una malattia causata dal virus Zika che appartiene alla famiglia dei Flaviviridae. Non è un nuovo virus. E stato

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

FluNews Rapporto Epidemiologico Settimanale

FluNews Rapporto Epidemiologico Settimanale Numero 12/215 FluNews Rapporto Epidemiologico Settimanale Il presente rapporto integra i risultati di differenti sistemi di sorveglianza delle sindromi influenzali: InfluNet il sistema di sorveglianza

Dettagli

MOD. 7.PAND - REGISTRAZIONE DEI DATI DELLE CO-SOMMINISTRAZIONI DI VACCINO ANTINFLUENZALE STAGIONALE E VACCINO PANDEMICO

MOD. 7.PAND - REGISTRAZIONE DEI DATI DELLE CO-SOMMINISTRAZIONI DI VACCINO ANTINFLUENZALE STAGIONALE E VACCINO PANDEMICO Mod. 7.PAND MOD. 7.PAND - REGISTRAZIONE DEI DATI DELLE CO-SOMMINISTRAZIONI DI VACCINO ANTINFLUENZALE STAGIONALE E VACCINO PANDEMICO me N dose vac. vaccinaz. S P S P S P Mod. 7.PAND me N dose vac. vaccinaz.

Dettagli

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 -

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2011- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - I dati estratti dal

Dettagli

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi _NICOLA COMODO Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze L IL RUOLO DELLA SANITA PUBBLICA NELLE GRAVI EMERGENZE LA SORVEGLIANZA

Dettagli

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica La febbre catarrale degli ovini o bluetongue è una malattia virale delle pecore, che si diffonde attraverso la puntura di insetti. Minuscole

Dettagli

IL PIANO PANDEMICO REGIONALE

IL PIANO PANDEMICO REGIONALE REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI SETTORE, IGIENE E SANITA PUBBLICA IL PIANO PANDEMICO REGIONALE dr.ssa Paola Oreste - dr. Roberto Carloni - dr.ssa Ilaria Cremonesi Misure Misure adottate

Dettagli

Rabbia. Conoscere per prevenire

Rabbia. Conoscere per prevenire Rabbia Conoscere per prevenire Campagna informativa sulla rabbia promossa dal Ministero della Salute Dipartimento per la sanità pubblica veterinaria, la nutrizione e la sicurezza degli alimenti Direzione

Dettagli

L'INFLUENZA AVIARIA: ISTRUZIONI PER L'USO

L'INFLUENZA AVIARIA: ISTRUZIONI PER L'USO L'INFLUENZA AVIARIA: ISTRUZIONI PER L'USO A cura di: Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie Redazione e progetto editoriale: Intermedia per la Comunicazione

Dettagli

Programma di Scienze Anno scolastico Tempo di lezione stimato

Programma di Scienze Anno scolastico Tempo di lezione stimato Programma di Scienze Nozioni di base di primo soccorso. Mantenersi in salute Anno scolastico Scuola primaria: quarta e quinta. L argomento può essere trattato fin dal primo anno Tempo di lezione stimato

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Senato della Repubblica - Interrogazione a risposta immediata

Senato della Repubblica - Interrogazione a risposta immediata Senato della Repubblica - Interrogazione a risposta immediata Vaccini per prevenzione dell influenza A(H1N1): costo, criteri di scelta dell azienda farmaceutica e condizioni contrattuali 7 aprile 2010

Dettagli

Che cos è l AIDS. Il virus H.I.V. è la causa dell immunodeficienza acquisita

Che cos è l AIDS. Il virus H.I.V. è la causa dell immunodeficienza acquisita HIV e AIDS Che cos è l AIDS L A.I.D.S. o S.I.D.A. è una sindrome da immunodeficienza acquisita. E una malattia del sistema immunitario che ne limita e riduce le funzioni. Le persone colpite sono più suscettibili

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio)

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio) (fuoco di Sant Antonio) Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è (Cosa è L è un infezione causata dal virus Varicella Zoster (che per semplicità chiameremo VZV) che è caratterizzata dalla

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Prevenzione, Igiene e Sanità Pubblica PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE SISTEMI DI SORVEGLIANZA DELLA MALATTIE INFETTIVE E PIANO DELLE VACCINAZIONI

Dettagli

Domande e risposte 30 novembre 2010. Informazioni sulla tosse nei bambini sotto i 2 anni d età: perché i mucolitici non devono più essere utilizzati?

Domande e risposte 30 novembre 2010. Informazioni sulla tosse nei bambini sotto i 2 anni d età: perché i mucolitici non devono più essere utilizzati? Domande e risposte 30 novembre 2010 Informazioni sulla tosse nei bambini sotto i 2 anni d età: perché i mucolitici non devono più essere utilizzati? In sintesi: La tosse è un sintomo comune nei bambini

Dettagli

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni Come si misura la qualità della vita in relazione alla salute La definizione di salute dell Oms indica uno stato ideale, con un concetto

Dettagli

MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON COSTELLAZIONI DI SINTOMI CHE VANNO DALLA SEMPLICE IRREGOLARITA DELL ALVO SEVERO SANGUINAMENTO SEVERA INFIAMMAZIONE ADDOMINALE LOCALIZZAZIONE Sulla parete del colon dove

Dettagli

Cenni sulle più comuni malattie dell infanzia

Cenni sulle più comuni malattie dell infanzia Cenni sulle più comuni malattie dell infanzia parotite epidemica Malattia virale acuta, sistemica, causata da un paramyxovirus che colpisce prevalentemente i bambini in età scolare. La principale manifestazione

Dettagli

Cosa dovete sapere sulla gotta

Cosa dovete sapere sulla gotta Quelli con l arcobaleno In breve gli aspetti importanti sollevare questa pagina. Cosa dovete sapere sulla gotta Quelli con l arcobaleno Informazioni per i pazienti «Gotta» Informazioni per i pazienti «Gotta»

Dettagli

CEFORMED CENTRO REGIONALE DI FORMAZIONE PER L AREA DELLE CURE PRIMARIE Via Galvani n. 1 34074 MONFALCONE (GO) L informazione per il paziente:

CEFORMED CENTRO REGIONALE DI FORMAZIONE PER L AREA DELLE CURE PRIMARIE Via Galvani n. 1 34074 MONFALCONE (GO) L informazione per il paziente: CEFORMED CENTRO REGIONALE DI FORMAZIONE PER L AREA DELLE CURE PRIMARIE Via Galvani n. 1 34074 MONFALCONE (GO) In questo numero di Medicina e Sanità continuiamo a pubblicare, analogamente ad altre riviste

Dettagli

Preveniamo l influenza

Preveniamo l influenza Ministero della Salute Centro nazionale per la prevenzione e il Controllo delle Malattie Preveniamo l influenza Sappiamo proprio tutto sulla più comune delle malattie di stagione? Una guida per affrontare

Dettagli

Malattia da Virus Ebola Informazioni Generali

Malattia da Virus Ebola Informazioni Generali Malattia da Virus Ebola Informazioni Generali Malattia da Virus Ebola (Ebola Virus Disease = EVD) Origini Il virus Ebola prende il nome dal fiume Ebola, nello stato dello Zaire (ora Repubblica Democratica

Dettagli

Quando e come informare i genitori

Quando e come informare i genitori Quando e come informare i genitori Obiettivi dell informazione Aumentare le conoscenze Modificare le false convinzioni Rispondere alle domande poste Aumentare la capacità di gestione autonoma delle diverse

Dettagli

la nuova influenza e dove nasce

la nuova influenza e dove nasce ASL CAGLIARI L INFLUENZA A(H1N1)v da epidemia a pandemia Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Sanità Pubblica Via Sonnino Cagliari Direttore: Dott. Giorgio Carlo Steri Che cos è la nuova influenza

Dettagli

La rete integrata per le emergenze e per contrastare l influenza aviaria

La rete integrata per le emergenze e per contrastare l influenza aviaria La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 dicembre 2006 La rete integrata per le emergenze e per contrastare l influenza aviaria Sergio Caglieris Dirigente medico

Dettagli