La responsabilità del soggetto incaricato della revisione dei conti delle società di capitali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La responsabilità del soggetto incaricato della revisione dei conti delle società di capitali"

Transcript

1 CSM 21 GENNAIO 2010 La responsabilità del soggetto incaricato della revisione dei conti delle società di capitali A CURA DI FRANCESCA FIECCONI 1

2 i controlli nelle spa (nel sistema tradizionale) I controlli interni : - il collegio sindacale: esercita il controllo sull amministrazione - il revisore contabile esterno esercita il controllo contabile (contratto imposto dalla legge nel tipo di contraente, contenuto,durata minima e massima, artt c.c. e seg.) - il collegio sindacale può per statuto esercitare il controllo contabile nelle società che non fan ricorso a mercato capitale di rischio o che non siano obbligate a redigere il bilancio consolidato I controlli esterni : - autorità giudiziaria: art cc - autorità di vigilanza di settore 2

3 i controlli nelle srl I controlli interni : - i poteri del socio non amministratore: art cc. - il collegio sindacale obbligatorio se: a) capitale sociale pari o superiore a quello minimo legale di spa; b) superamento di due dei limiti ex art. 2435bis cc. il collegio sindacale obbligatorio esercita anche controllo contabile; ma lo statuto può prevedere revisore contabile. - composizione, poteri ecc. v. disciplina spa - autonomia statutaria: libertà previsione di controlli, anche se non obbligatori I controlli esterni : - eliminazione controllo giudiziario ex art cc? 3

4 la responsabilità del revisore: art sexies c.c. i soggetti incaricati del controllo contabile sono sottoposti alle disposizioni di cui all art c.c. sono responsabili nei confronti della società, dei soci e dei terzi per i danni derivanti dall inadempimento ai loro doveri; Nel caso di società di revisione i soggetti che hanno effettuato il controllo sono responsabili in solido con la società di revisione L azione si prescrive nel termine di cinque anni dalla cessazione dell incarico (formale riallineamento con i tempi di prescrizione delle azioni sociali); 4

5 art sexies c.c.:natura della responsabilità Per giurisprudenza e dottrina la responsabilità è di natura contrattuale verso la società revisionata, solo eventualmente concorrente con quella aquiliana (c. app. Milano, , in Banca, Borsa ecc., 2003, II, 319) Per la dottrina e giurisprudenza dominanti la responsabilità esterna verso i terzi è di natura extracontrattuale (nel caso di revisione volontaria, cass. sez. III n.10403/2002, Foro It., 2003,I, 2147; nel caso Parmalat di revisione obbligatoria,trib. Milano, 6 ottobre 2008, sez. VIII, in Società, 2009,65, con nota di Salafia) Per la responsabilità contrattuale del revisore,v. trib.milano, 25 luglio 2008, G.U. Simonetti, trib. Milano, 16 luglio 2008, Pres. Perozziello, est. Dal Moro; in dottrina, Barcellona, Buta, Presti 5

6 I QUESITO COME PUO DEFINIRSI CONTRATTUALE ANCHE LA RESPONSABILITA DEL REVISORE VERSO I SOCI E I TERZI? 6

7 per la natura extracontrattuale della responsabilità del revisore verso i soci e i terzi I soci e i terzi sono per definizione soggetti estranei al rapporto contrattuale (in privity) intervenuto tra società e soggetto incaricato della revisione La tutela accordata è una specificazione del principio aquiliano di cui all art c.c. Le pronunce giurisprudenziali e gran parte della dottrina sono per la natura aquiliana 7

8 per la natura contrattuale della responsabilità del revisore verso i terzi e i soci Responsabilità del revisore è strutturata sia come violazione di obblighi imposti dalla legge, sia come violazione di obblighi contrattuali, e non come commissione di un fatto illecito (ma art.164 tuf mantiene anche questo riferimento) la specificazione della responsabilità in termini di inadempimento dei doveri trova una risposta adeguata nella natura contrattuale della responsabilità da violazione di obblighi professionali imposti dalla legge, compatibile con l art c.c.( Barcellona, Buta, Presti) La giurisprudenza ha affermato la natura contrattuale della responsabilità da contatto sociale per violazione di obblighi di protezione di interessi patrimoniali soggettivi e predeterminati di particolari categorie (per la responsabilità della banca negoziatrice di assegni bancari v. cass. S.U. 26/6/2007, n.14712, rel. Rordorf; per violazioni di obblighi di OPA,v. trib Milano, 9 giu.2005, Giur, Comm,2005,774/11; trib. Milano, sez. VIII, 30 marzo 2007, n. 3982, Le Società 1/2008; per falsità in prospetto, trib. Milano, 25 luglio 2008, cit; per falsità in relazione di esperto, trib. Milano, sez. VIII,16 luglio 2008, cit. ); 8

9 rilevanza della natura della responsabilità del revisore: art sexies c.c. A fronte di un testo normativo così esplicito, gli argomenti teorici sulla natura della responsabilità non sembrano decisivi in giurisprudenza si è già affermato che diversi atteggiamenti d inosservanza di norme di comportamento professionale, quali quelli rivolti ad amministratori e sindaci di società di capitali, possono determinare il simultaneo concorso delle due fattispecie di responsabilità ( Cass /2007 e Cass /2007) I termini di prescrizione dell azione sono i medesimi La rilevanza si ripropone tuttavia nel momento dell instaurazione della controversia (EDITIO ACTIONIS), in termini di oneri della prova e di prospettazione del danno patrimoniale risarcibile 9

10 art sexies c.c.: Il parametro di diligenza per l inadempimento rilevante letteralmente si correla all art c.c. che regola la responsabilità dei sindaci: 1. i sindaci devono adempiere i loro doveri con la professionalità e la diligenza richieste dalla natura dell incarico; 2. Sono responsabili della verità delle loro attestazioni; 3. Devono conservare il segreto sui fatti e sui documenti di cui hanno conoscenza per ragioni del loro ufficio 4. Sono solidalmente responsabili con amministratori per fatti o omissioni di questi, quando il danno non si sarebbe prodotto se avessero vigilato in conformità degli obblighi della loro carica 5. All azione si responsabilità si applicano le disposizioni degli artt c.c. 10

11 art. 2407, co. 1, c.c. come definito dalla giurisprudenza per i sindaci Il controllo sindacale esige la diligenza professionale e implica: - un controllo su attività sociale tutta - il controllo di adeguatezza dell assetto contabile e del suo corretto funzionamento ( art 2403 c.c.) - Il parametro è quello della diligenza professionale di cui all art. 1176, co. 2, cc: - obbligazioni di mezzi e non di risultato; - oggetto: soltanto i fatti rilevabili ; - in riferimento a dimensioni, oggetto, struttura organizzativa - anche in riferimento a controllo contabile se affidato - più incisivo se vi sono indici di rischio 11

12 segue, art. 2407, co.1, c.c. come definito dalla giurisprudenza per i revisori Il parametro della diligenza professionale, sancito nell art c.c., viene posto dal legislatore come criterio generale ed unico per accertare l inadempimento rilevante sia nei confronti della società che nei confronti dei singoli soci e terzi ( trib. Torino, 18 sett. 1993, Giur. Com., 1994, II, 272) 12

13 il controllo contabile come definito nell art ter c.c. Verifica, nel corso dell esercizio e con periodicità almeno trimestrale, la regolare tenuta della contabilità sociale e la corretta rilevazione nelle scritture contabili dei fatti di gestione Verifica se il bilancio di esercizio e,ove redatto, il bilancio consolidato corrispondono alle risultanze delle scritture contabili e degli accertamenti eseguiti e se sono conformi alle norme che li disciplinano Esprime con apposita relazione un giudizio sul bilancio di esercizio e sul bilancio consolidato, ove redatto Deposita la relazione sul bilancio a norma dell art c.c.(come per i sindaci); Esprime il suo giudizio secondo le seguenti modalità: 1. positivo 2. con rilievo 3. negativo 4. dichiarazione di impossibilità di esprimere un giudizio 13

14 ART.2409 TER C.C. il controllo contabile si realizza attraverso La richiesta agli amministratori di documenti e notizie utili al controllo (art ter c.c.) L espletamento di ispezioni La registrazione di ogni attività espletata in apposito libro tenuto a norma dell art. 2421c.c. ( come per i libri sociali) Lo scambio tempestivo di informazioni rilevanti per l espletamento dei rispettivi compiti tra e i soggetti incaricati del controllo collegio sindacale ( ART septies c.c.) 14

15 il controllo nelle società quotate e in altre ipotesi di revisione obbligatoria: artt TUF ( VERSIONE ATTUALE) T.U.F riunisce le previsioni sancite nel dpr 136/1975 e nell art sexies c.c. e prevede affidamento dell incarico a società con oggetto sociale specifico ed esclusivo inserite in un elenco tenuto dalla Consob rinvia al parametro di diligenza del sindaco a norma dell intero art c.c.,con aggiunta della responsabilità per fatto illecito dei dipendenti inserisce il riferimento ai principi di revisione internazionali elaborati dagli organismi professionali assoggetta l attività a specifiche direttive Consob (regolamento emittenti ) in tema di criteri di selezione delle società, revisione secondaria e primaria, nomina e revoca dei revisori (anche d ufficio), criteri per i compensi, garanzie di indipendenza e incompatibilità,obblighi di comunicazione, applicazione di principi contabili internazionali, sanzioni: i revisori sono gli occhi della Consob (Rordorf) stabilisce regole di garanzie di indipendenza dei revisori e dei suoi dipendenti e di obiettività del controllo (tirocinio, incompatibilità,compensi) 15

16 linee guida disposte dalla direttiva 43/2006 CE Controllo pubblico sulle società di revisione di enti di interesse pubblico Revoca per giusta causa e soggetta a controllo pubblico Istituzione di un comitato di controllo interno e per la revisione contabile ( in seno a organo di amministrazione o a collegio sindacale) Armonizzazione dei criteri di elaborazione delle relazioni sui conti e sul bilancio sulla base degli IAS Imposizione di monitoraggio sull impatto del modello di responsabilità in termini di garanzia di un risarcimento del danno e di restrizione del rischio per i revisori di non ottenere una idonea copertura assicurativa Rafforzamento delle norme a garanzia di imparzialità e obiettività di giudizio, soprattutto in relazione ai servizi di consulenza offerti parallelalemente all attività di revisione Rotazione temporale degli incarichi (o delle società) 16

17 Il sistema italiano a doppio binario di responsabilità Il modello mutuato dalla norma sulla responsabilità del sindaco configura: 1. responsabilità propria del revisore, anche per fatto altrui, in relazione a professionalità e diligenza richiesta dalla natura dell incarico ( art. 2407, co. 1 c.c.) 2. responsabilità solidale per omessa vigilanza sull attività degli amministratori ( art. 2407, co. 2 e 3, c.c.) 17

18 segue, responsabilità del revisore secondo gli indirizzi giurisprudenziali 1. In riferimento ad obblighi professionali del revisore: Non è un cercatore di verità o un cacciatore di errori, ma un professionista con alto grado di professionalità che applica i protocolli richiesti per la sua attività di controllo dei conti è il garante del rispetto del principio di chiarezza e di corretta rilevazione dei dati contabili inseriti in bilanci destinati a influire sul mercato dei titoli (Parmalat) La sua certificazione determina il grado di affidabilità delle informazioni contabili rilasciate dagli amministratori della società ( Parmalat e Freedomland) Il giudizio coinvolge la complessiva situazione della società, e non si limita all esattezza delle somme algebriche( trib. Milano, 18 ottobre 1999, Giur. It. 2000,570) è soggetto a responsabilità illimitata e diretta: la sua responsabilità non è collegata ad accertamento di responsabilità dei suoi dipendenti o preposti, né a quello degli amministratori o dei sindaci eventualmente concorrenti ( Parmalat). 18

19 segue, responsabilità del revisore secondo gli indirizzi giurisprudenziali 1. Responsabilità individuale illimitata non attenuata da concorso di condotte altrui perché implica: controllo non solo formale della regolare tenuta delle scritture contabili potere/dovere di esame e di indagine sulla corretta rilevazione dei fatti gestionali nelle scritture contabili, con dovere di svolgere esami, accertamenti e controlli a campione sulla società soggetta a revisione, esame dei fattori di rischio di operazioni rilevanti o di poste attive o passive, e dell andamento generale della società 19

20 segue, responsabilità del revisore secondo gli indirizzi giurisprudenziali 2. la responsabilità dei revisori, anche se solidale, non è automatica proiezione di responsabilità degli amministratori: deve nascere da fatti imputabili ai revisori: Cass n ; nel caso Parmalat, v. trib. Milano 6 ottobre 2008, citato; nel caso Freedomland v.trib. Milano, 25 luglio 2008, n.9828/2008, est. Simonetti, in il 20

21 segue, responsabilità del revisore secondo gli indirizzi giurisprudenziali 2. la solidarietà passiva, prevista a favore del danneggiato, postula l unicità del danno configurabile e va esclusa se le condotte realizzate da più soggett hanno leso separatamente interessi diversi del danneggiato ( cass /2002): - resp. da falso prospetto: interesse a recedere da un contratto congruo per la partecipazione sociale (Freedomland): diversa resp. (precontrattuale) del revisore da quella ( contrattuale) degli amministratori della società emittente che colloca i titoli sul mercato - resp. da falsa certificazione di bilancio: interesse del mercato a ricevere informazione corretta dal revisore ai fini dell acquisto di strumenti finanziari sul mercato (Parmalat): stessa responsabilità per revisore e amministratori perché il danno è unico e l interesse leso è il medesimo 21

22 segue, modello di responsabilità: critiche un modello basato: 1. sul richiamo della responsabilità dei sindaci per inadempimento di obblighi professionali propri del revisore e dei suoi dipendenti 2. sul criterio di responsabilità solidale per omessa vigilanza sull operato degli amministratori rischia -di confondere i diversi ruoli dei sindaci e dei revisori -di creare una disfunzione tra centri primari di controllo interno (il controllo sulla gestione è diverso dal controllo contabile) -di lasciare ampi spazi discrezionali nella costruzione di un compiuto e certo modello di responsabilità del revisore 22

23 segue, il danno risarcibile ai terzi secondo la giurisprudenza 1. Nesso causale tra condotta ed evento lesivo non impedito: problema di oscillazione dei prezzi di borsa e del tempo di valutazione del danno diretto e di incidenza di altri fenomeni collaterali agli eventi: -irrilevanza di altri fattori determinanti il continuato possesso perché fatti successivi (Freedomland e Parmalat) -danno riflesso o diretto del socio e del terzo (?) 2. prospettiva di copertura dei rischi dell investitore di media diligenza (né propenso,né restio al rischio, Parmalat) 3. liquidazione del danno in termini di differenza tra prezzo di acquisto di titoli omogenei e valore effettivo (fair value) non emerso (Parmalat e Freedomland), con sottrazione dei rendimenti naturali ottenuti. 4. liquidazione equitativa del valore effettivo tenendo conto degli indici medi successivi alla diffusione dell evento lesivo (media di valori post 90 gg in Freedomland, default nel caso Parmalat) 23

24 II QUESITO E OPPORTUNO MANTENERE: 1. MODELLO DI RESPONSABILITA DEL REVISORE CON RINVIO ALLA NORMA SULLA RESPONSABILITA DEL SINDACO 2. DOPPIO BINARIO DI RESPONSABILITA (individuale e solidale) 3. MODELLO DI RESPONSABILITA INDIVIDUALE E SOLIDALE ILLIMITATA 24

25 proposta di riforma presentata dal governo alle camere (l. 88/2009) Abrogazione della norma che richiama la responsabilità dei sindaci e le azioni sociali Creazione di un modello proprio di responsabilità del revisore Introduzione di un limite PROPORZIONALE alla colpa per la responsabilità illimitata e solidale del revisore 25

26 Atto governativo sottoposto a parere parlamentare in attuazione a direttiva 2006/43/CE relativa alla revisione legale dei conti e dei conti consolidati Premesso che una risoluzione europea del 2008 esprime l opportunità di introdurre un limite alla responsabilità illimitata del revisore (too big to fail) Art 15 prevede: I revisori legali e le società di revisione legale sono responsabili in solido tra loro e con gli amministratori, entro i limiti del loro contributo effettivo al danno cagionato, nei confronti della società che ha conferito l incarico di revisione legale, dei suoi soci e dei terzi per i danni derivanti dall inadempimento ai loro doveri Allo stesso modo e negli stessi limiti sono responsabili il responsabile della revisione e i dipendenti che hanno collaborato all attività di revisione contabile L azione si prescrive nei cinque dalla data della relazione di revisione emessa al termine dell attività di revisione cui si riferisce l azione di risarcimento 26

27 III quesito Nuova regola di responsabilità: quale grado di coerenza logica quale grado di coerenza sistematica 27

28 segue: il richiamo all art c.c. genera già una limitazione di responsabilità coerente col sistema il rinvio al terzo comma dell art c.c. ( azioni sociali, di massa e dei terzi) consente di estendere anche al revisore le disposizioni procedimentali sulla responsabilità degli amministratori verso la società e verso i creditori sociali, verso i singoli soci e i terzi nei limiti della loro compatibilità (cfr. Buta, la responsabilità nella revisione obbligatoria nelle s.p.a., Torino,2005, pp. 281 e seg.) = 1 barriera ; il rinvio rileva per la responsabilità verso i terzi, ove il confine tra l area di risarcibilità e non risarcibilità del danno sta nella sussistenza di un pregiudizio diretto di patrimonio del socio o del terzo che non sia il riflesso del danno subito dalla società: limita il rischio di generare una responsabilità esterna dai confini indeterminati = 2 barriera; Le regole generali sulla responsabilità civile ( nesso causale tra inadempimento e danno, prova dell elemento soggettivo ) limitano l area del danno risarcibile e il rischio di eccessiva propagazione della medesima = 3 barriera. Le regole processuali ( azioni individuali, mancanza di potere di discovery su atti della Consob, oneri di prova) limitano l esercizio delle azioni civili: 4 barriera 28

29 lo scenario della riforma Introduce un modello proprio di responsabilità professionale, solidale con quella dei dipendenti responsabili e degli amministratori; La responsabilità illimitata e solidale verso il danneggiato si trasforma in illimitata responsabilità parziaria (mutuata da ordinamenti angloamericani) per inadempimento di obblighi professionali Scompare la formale barriera della non risarcibilità del danno riflesso (?) Non prevede la class action per la quale è stata concepita la responsabilità proporzionale (?) 29

30 IV QUESITO : IN QUALE MERCATO SI POTRA VIAGGIARE PIU SICURI? 30

31 PER L ATTIVITA DI REVISIONE la direttiva europea 43/2006 indica: PIU EFFICACI CONTROLLI PUBBLICI E INTERNI (regulation) MAGGIORI GARANZIE E REGOLE DI EFFETTIVA INDIPENDENZA DI GIUDIZIO DEL REVISORE (reputation) MODELLI DI RESPONSABILITA CHE GARANTISCANO (litigation): 1. EFFETTIVA RISARCIBILITA DEL DANNO DEI TERZI 2. LIMITAZIONI DI ECCESSIVE ESPOSIZIONI DEL REVISORE A RISARCIMENTI CATASTROFICI 31

Il revisore legale dei conti nelle società a partecipazione pubblica e privata

Il revisore legale dei conti nelle società a partecipazione pubblica e privata «LE SOCIETA DI GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI: lo stato dell arte, gli affidamenti, le responsabilità per gli organi di amministrazione e controllo» Il revisore legale dei conti nelle società a partecipazione

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

RESPONSABILITA' CIVILE E PENALE DEL REVISORE CONTABILE

RESPONSABILITA' CIVILE E PENALE DEL REVISORE CONTABILE RESPONSABILITA' CIVILE E PENALE DEL REVISORE CONTABILE Marco Bongiovanni 1 FONTI NORMATIVE Art. 2409 sexies C Civile Art. 164 D.Lgs. 58/98 Art. 2407 Codice Civile Art. 1710 Codice Civile Art. 1176 Codice

Dettagli

La responsabilità civile e penale del sindaco e del revisore legale

La responsabilità civile e penale del sindaco e del revisore legale S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO L ATTIVITÀ DI REVISIONE LEGALE E VIGILANZA DEL COLLEGIO SINDACALE IN SITUAZIONE DI CRISI D IMPRESA La responsabilità civile e penale del sindaco e del revisore

Dettagli

Gli Amministratori di società quotate

Gli Amministratori di società quotate CORSO DI CORPORATE GOVERNANCE Gli Amministratori di società quotate Prof. Alberto Nobolo 1 Le fonti: - Codice civile 1942 modificato dal D. Lgs. n. 6/2003 Art. 2364, co. 1, nn. 2 e 3: nomina/revoca/attribuzione

Dettagli

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO Studio Legale Associato Tosello & Partners Modello D.Lgs. 231/01 integrato con l art. 30 D.Lgs. 81/08 La responsabilità degli amministratori per mancata adozione del Modello 231 secondo la giurisprudenza

Dettagli

COME GESTIRE LE RISORSE Aggiornamenti fiscali ed amministrativi IL CONTROLLO DEI CONTI E DI LEGITTIMITA NELLE STRUTTURE AVIS

COME GESTIRE LE RISORSE Aggiornamenti fiscali ed amministrativi IL CONTROLLO DEI CONTI E DI LEGITTIMITA NELLE STRUTTURE AVIS COME GESTIRE LE RISORSE Aggiornamenti fiscali ed amministrativi IL CONTROLLO DEI CONTI E DI LEGITTIMITA NELLE STRUTTURE AVIS Quale modello organizzativo per l attività di vigilanza e revisione contabile

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie Padova, 18 giugno 2010 Aiga, Sezione di Padova Le regole di comportamento nella distribuzione dei prodotti finanziari emessi

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La responsabilità del revisore

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La responsabilità del revisore LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La responsabilità del revisore marzo 2013 1. Norme etiche I principi di revisione internazionali prevedono che i professionisti contabili osservino le norme etiche stabilite

Dettagli

IL PRINCIPIO DELLA CONTINUITÀ AZIENDALE ART. 2423 BIS C.C.

IL PRINCIPIO DELLA CONTINUITÀ AZIENDALE ART. 2423 BIS C.C. N.B. IL PRINCIPIO DELLA CONTINUITÀ AZIENDALE ART. 2423 BIS C.C. la valutazione deve essere fatta secondo prudenza e nella prospettiva della continuazione dell attività occorre prendere in considerazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011

D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 Responsabilità degli amministratori per la Cenni sulla Responsabilità Civile e Penale dei componenti dell OdV

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale 29 agosto 2008 Vito Meloni - Dottore Commercialista e Revisore 1 Scaletta intervento: La responsabilità del Revisore; I presupposti di danno erariale; Fattispecie

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

ASSISTENZA N. VERDE TELECOM 800.010.750 QUESITI: PRENOTAZIONE 0376.775130 INVIO VIA FAX 0376.770151. Novità IVA contenute nel Decreto Legge

ASSISTENZA N. VERDE TELECOM 800.010.750 QUESITI: PRENOTAZIONE 0376.775130 INVIO VIA FAX 0376.770151. Novità IVA contenute nel Decreto Legge QUESITI: PRENOTAZIONE 0376.775130 INVIO VIA FAX 0376.770151 Argomenti di oggi Fare Unico, clic per rimborsi modificare IVA gli stili e attività del testo di dello schema controllo Secondo livello Novità

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C.

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. All Assemblea degli Azionisti di Mittel SpA. Nel corso dell esercizio chiuso al 30 settembre 2012

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

a) adottato modelli di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire i reati considerati;

a) adottato modelli di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire i reati considerati; L Organismo di vigilanza (ODV) nel sistema del d.lg. n. 231 L art. 6 del d.lg. n. 231 prevede che l ente possa essere esonerato dalla responsabilità amministrativa conseguente alla commissione dei reati

Dettagli

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari PARTE SPECIALE 2 Reati Societari INDICE PARTE SPECIALE 2 Teksid S.p.A. 1. Le fattispecie dei reati societari (art. 23 ter del D.Lgs. 231/2001)...3 2. Funzione della Parte Speciale - 2 -...6 3. Processi

Dettagli

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 IL PROGRAMMA 2016 MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 Il diritto penale dell impresa nell evoluzione legislativa e giurisprudenziale: le norme e

Dettagli

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.)

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.) Responsabilità da fatto illecito (art. 2043 c.c.) Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno Responsabilità extra-contrattuale

Dettagli

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO : ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ Annalisa DE VIVO Diretta 19 aprile 2010 ISTITUZIONE DEL REGISTRO Con il d.lgs. n. 39/2010 è istituito un UNICO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI. L autorità pubblica

Dettagli

bilancio di esercizio l indipendenza di analisi, di valutazione e di giudizio nella funzione di controllo.

bilancio di esercizio l indipendenza di analisi, di valutazione e di giudizio nella funzione di controllo. PARTE PRIMA 1 Introduzione Il bilancio di esercizio rappresenta uno dei principali strumenti di comunicazione delle informazioni: - Patrimoniali; - Finanziarie; - Economiche; delle imprese e di tutti gli

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) N. 501981 del 17-05-2007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli

Dalla scorsa lezione.

Dalla scorsa lezione. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Dipartimento Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di Audit and governance 87101 Collegio sindacale società quotate Prof. Daniele Gervasio daniele.gervasio@unibg.it

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

3. Gli organi della società per azioni

3. Gli organi della società per azioni 3. Gli organi della società per azioni 3.1 L organizzazione della società per azioni L organizzazione interna della società per azioni comprende tradizionalmente i seguenti organi fondamentali: l assemblea

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3 Indice sommario 1.1 INDICE SOMMARIO Parte generale...................... pag. 1 Capitolo I La responsabilità (F. Martini)............» 3 1.1. Gli elementi costitutivi della responsabilità.............»

Dettagli

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Il candidato illustri il processo di liquidazione delle società di capitali soffermandosi sugli adempimenti civilistici, contabili e fiscali antecedenti

Dettagli

SOMMARIO. Parte I Aspetti generali

SOMMARIO. Parte I Aspetti generali SOMMARIO Presentazione... Profilo Autori... V VII Parte I Aspetti generali Capitolo 1 Linee di tendenza del mercato del risparmio di Marco Prosperetti 1. Caratteristiche del mercato del risparmio... 3

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Relazione Finanziaria Annuale 2013. Relazione del Collegio Sindacale

Cassa depositi e prestiti. Relazione Finanziaria Annuale 2013. Relazione del Collegio Sindacale Cassa depositi e prestiti Relazione Finanziaria Annuale 2013 Relazione del Collegio Sindacale Signori Azionisti, nel corso dell esercizio chiuso al 31 dicembre 2013 il Collegio Sindacale ha svolto l attività

Dettagli

ABITARE IN S.P.A. [Logo] PROCEDURA RELATIVA ALLA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE

ABITARE IN S.P.A. [Logo] PROCEDURA RELATIVA ALLA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE ABITARE IN S.P.A. [Logo] PROCEDURA RELATIVA ALLA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione del 31 marzo 2016 e modificato

Dettagli

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A.

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A. In applicazione del combinato disposto degli articoli 11, 17 e 31 del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione La Società è amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da un numero di membri non inferiore a sette e

Dettagli

LA GESTIONE CON I POTERI DEL PRIVATO DATORE DI LAVORO IL POTERE DIRETTIVO DEL DATORE DI LAVORO. Le fonti legali: d. lgs. n.

LA GESTIONE CON I POTERI DEL PRIVATO DATORE DI LAVORO IL POTERE DIRETTIVO DEL DATORE DI LAVORO. Le fonti legali: d. lgs. n. LA GESTIONE CON I POTERI DEL PRIVATO DATORE DI LAVORO IL POTERE DIRETTIVO DEL DATORE DI LAVORO Le fonti legali: d. lgs. n.165/2001 La disciplina del Codice Civile 1 La disciplina del d. lgs. n. 165 del

Dettagli

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI CORSO DI MAGISTRATURA Le lezioni di Roberto GAROFOLI Marco FRATINI DIRITTO CIVILE Volume quinto II edizione Aggiornato a: - Rimessione alle Sezioni Unite del contrasto sulla risarcibilità del danno tanatologico:

Dettagli

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA 11 UN OBBLIGO O UN OPPORTUNITA? LINEE GUIDA PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE Vicenza, 13 giugno 2012 AGENDA DELL INCONTRO 22 NOVITA LEGISLATIVE IL NUOVO OBBLIGO DI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 dicembre 2013, disciplina la composizione e la nomina, le modalità di

Dettagli

I BILANCI COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE AZIENDALE

I BILANCI COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE AZIENDALE I BILANCI COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE AZIENDALE 1 Bilancio e comunicazione aziendale Vi sono diverse tipologie di bilanci: Obbligatori: quando sono previsti da norme di legge (bilancio d esercizio,

Dettagli

Novità in tema di regolamenti del registro dei revisori legali. Agenda

Novità in tema di regolamenti del registro dei revisori legali. Agenda Novità in tema di regolamenti del registro dei revisori legali 9 aprile 2013, Dott. Daniele Bernardi Agenda I regolamenti di attuazione, I compensi per gli incarichi di revisione legale, L indipendenza

Dettagli

IMMOBILIARE LOMBARDA S.P.A. Sede in Milano, Via Manin 37. Registro Imprese Tribunale Milano e C.F. n. 12721070154

IMMOBILIARE LOMBARDA S.P.A. Sede in Milano, Via Manin 37. Registro Imprese Tribunale Milano e C.F. n. 12721070154 IMMOBILIARE LOMBARDA S.P.A. Sede in Milano, Via Manin 37 Registro Imprese Tribunale Milano e C.F. n. 12721070154 RELAZIONE DEI SINDACI AI SENSI DEGLI ARTT. 153 D.LGS. N. 58/98 E 2429 DEL C.C. SUL BILANCIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art. 4, punto 10, dello statuto della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, di seguito indicata come

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

Circolare n. 38/2013 IRDCEC concordato in bianco, procedura e aspetti della governance

Circolare n. 38/2013 IRDCEC concordato in bianco, procedura e aspetti della governance INDICE Esame di Stato dei Revisori legali e Registro revisori legali Direttiva n. 2014/56/UE Modifica direttiva 2006/43/CE Enti di interesse pubblico regolamento UE n. 537/2014 Formazione continua del

Dettagli

Parte prima IL SINDACO DI SOCIETÀ

Parte prima IL SINDACO DI SOCIETÀ Parte prima IL SINDACO DI SOCIETÀ 1. Il revisore legale contabile... 3 1.1. La riforma del diritto societario: premessa introduttiva... 5 1.2. Il registro dei revisori contabili... 14 1.3. Il registro

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA DESCRIZIONE APPROVAZIONE 00 28/07/15 Codice _Disciplinare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

Comunicazioni sociali

Comunicazioni sociali Protocollo 231/ 07/10/08 1 di 9 Protocollo per la prevenzione dei reati di cui agli artt. 2621 e 2622 c.c False comunicazioni sociali False comunicazioni sociali in danno della società, dei soci o dei

Dettagli

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione Premessa La disciplina del risarcimento del danno arrecato dalla Pubblica Amministrazione, qualora la stessa avesse occupato aree di proprietà

Dettagli

* * * 1.1. Gestione e diffusione delle informazioni privilegiate

* * * 1.1. Gestione e diffusione delle informazioni privilegiate POLIGRAFICI PRINTING S.P.A. REGOLAMENTO IN TEMA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI COMPIUTE DAGLI AMMINISTRATORI * * * Il presente regolamento in materia di informazioni privilegiate e operazioni

Dettagli

CODICE SANZIONATORIO. Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231

CODICE SANZIONATORIO. Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 Pag. 1 a 8 CODICE SANZIONATORIO Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 In vigore dal: 30/04/2014 Precedenti versioni: PRIMA EMISSIONE

Dettagli

Avvertenza: il presente provvedimento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DISPOSIZIONI DI VIGILANZA

Avvertenza: il presente provvedimento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DISPOSIZIONI DI VIGILANZA Avvertenza: il presente provvedimento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE LA BANCA

Dettagli

Revisione Legale dei conti

Revisione Legale dei conti Revisione Legale dei conti L attuale normativa in tema di revisione legale (e problemi non ancora risolti) D.Lgs. 39/2010 Studio Duodo & Associati 1 Agenda: L attuale normativa in tema di revisione legale

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

Statuto CRAL INFN BARI INDICE

Statuto CRAL INFN BARI INDICE Statuto CRAL INFN BARI INDICE Titolo I - Costituzione Art. 1 - Denominazione Art. 2 - Sede Art. 3 - Tipologia Art. 4 - Durata Art. 5 - Scopi e Finalità Titolo II - Membri dell Associazione Art. 6 - Soci

Dettagli

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente:

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente: SINTESI SOCIETA DI INVESTIMENTI E PARTECIPAZIONI S.p.A. Sede in Milano, Via Carlo Porta n. 1 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 721.060,67 Registro delle Imprese di Milano n. 00849720156 Sito

Dettagli

2 SOGGETTI RILEVANTI E PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AI SOGGETTI RILEVANTI

2 SOGGETTI RILEVANTI E PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AI SOGGETTI RILEVANTI CODICE DI INTERNAL DEALING Procedura relativa all identificazione dei soggetti rilevanti e alla comunicazione delle operazioni da essi effettuate, aventi ad oggetto azioni emesse da Bioera S.p.A. (la Società

Dettagli

GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI

GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI Convegno «D.lgs 231/2001» - Torino, 01 dicembre 2011 Centro Congressi Villa

Dettagli

Bernardi&Associati, Milano

Bernardi&Associati, Milano Le verifiche periodiche del collegio sindacale 1 M I L A N O, 1 A P R I L E 2 0 0 8 D O T T. D A N I E L E B E R N A R D I, B E R N A R D I & A S S O C I A T I DOVERI (ART. 2403 COD. CIV.) 2 Il collegio

Dettagli

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda di Davide Venturi - Adapt senior research fellow La Corte di Cassazione, con la sentenza del 16 ottobre 2013, n.23533, torna

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO 1 INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE p. 3 TITOLO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. PANORAMICA SUGLI ARTICOLI DEL C.C... 2 3. IL CONTO CORRENTE CONDOMINIALE... 3 4. IL RENDICONTO CONDOMINIALE...

1. PREMESSA... 2 2. PANORAMICA SUGLI ARTICOLI DEL C.C... 2 3. IL CONTO CORRENTE CONDOMINIALE... 3 4. IL RENDICONTO CONDOMINIALE... 1. PREMESSA... 2 2. PANORAMICA SUGLI ARTICOLI DEL C.C... 2 3. IL CONTO CORRENTE CONDOMINIALE... 3 4. IL RENDICONTO CONDOMINIALE... 3 Il Registro di contabilità... 4 Il Riepilogo Finanziario... 4 La nota

Dettagli

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE. Legge cambiaria 1669/1933

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE. Legge cambiaria 1669/1933 TITOLI DI CREDITO - Nominativi (es azioni di società) Trasferimento mediante doppia annotazione (o doppio transfert) Del nome del nuovo possessore sia sul titolo sia sul registro dell emittente (es libro

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

I poteri e i doveri di reazione del Collegio Sindacale in situazione di crisi d impresa

I poteri e i doveri di reazione del Collegio Sindacale in situazione di crisi d impresa S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO L attività di revisione legale e vigilanza del collegio sindacale in situazione di crisi d impresa I poteri e i doveri di reazione del Collegio Sindacale

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA (approvato con Deliberazione Consiglio di Amministrazione del 25 febbraio 2015) Indice di Revisione Rev. Descrizione delle modifiche Data 1.0 Prima emissione Febbraio

Dettagli

S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A.

S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A. Società a responsabilità limitata 1 S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A. A seguito della riforma organica del diritto societario (D. Lgs. 6/2003) si differenzia

Dettagli

Contatti. COMUNICATO STAMPA ANTICHI PELLETTIERI Cavriago, 10 giugno 2011 RELAZIONE DELLA SOCIETA DI REVISIONE E DEL COLLEGIO SINDACALE

Contatti. COMUNICATO STAMPA ANTICHI PELLETTIERI Cavriago, 10 giugno 2011 RELAZIONE DELLA SOCIETA DI REVISIONE E DEL COLLEGIO SINDACALE COMUNICATO STAMPA ANTICHI PELLETTIERI Cavriago, 10 giugno 2011 RELAZIONE DELLA SOCIETA DI REVISIONE E DEL COLLEGIO SINDACALE Facendo seguito a quanto comunicato in data 8 giugno 2011, Antichi Pellettieri

Dettagli

CLAUSOLE CONTRATTUALI PER L APPROVVIGIONAMENTO DI BENI E SERVIZI NELL AMBITO DI ATTIVITÀ SOGGETTE AD UNBUNDLING REV.

CLAUSOLE CONTRATTUALI PER L APPROVVIGIONAMENTO DI BENI E SERVIZI NELL AMBITO DI ATTIVITÀ SOGGETTE AD UNBUNDLING REV. CLAUSOLE CONTRATTUALI PER L APPROVVIGIONAMENTO DI BENI E SERVIZI NELL AMBITO DI ATTIVITÀ SOGGETTE AD UNBUNDLING REV. 00 FEBBRAIO 2010 Il presente documento è pubblicato sul sito: www.edison.it - Area Fornitori

Dettagli

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE 2014-2016

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE 2014-2016 Pagina 1/17 PIANO TRIENNALE Pagina 2/17 Sommario 1. LA SOCIETÀ E LA SUA ORGANIZZAZIONE...3 2. LA LEGGE 190/2012...3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE...4 4. FINALITÀ DEL

Dettagli

Caleffi S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti 30 aprile 2015. Relazione sui punti 1,2,3 dell Ordine del Giorno

Caleffi S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti 30 aprile 2015. Relazione sui punti 1,2,3 dell Ordine del Giorno Caleffi S.p.A. Via Belfiore, 24-46019 Viadana (MN) Capitale Sociale Euro 6.500.000 interamente versato Registro Imprese Mantova n. 00154130207 C.F. e P.IVA IT 00154130207 Sito internet www.caleffionline.it

Dettagli

La responsabilità degli intermediari finanziari

La responsabilità degli intermediari finanziari La responsabilità degli intermediari finanziari Mondovì 9.11.2012 Avv. Luigi Dentis Indice dell intervento Le fonti normative e regolamentari Responsabilità per nullità dell ordine Responsabilità per violazione

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

(Testo D.G.R. 7 maggio 2002, n. 37-5948 e s.m.i.)

(Testo D.G.R. 7 maggio 2002, n. 37-5948 e s.m.i.) Statuto per l organizzazione ed il funzionamento della Agenzia regionale per le adozioni internazionali Regione Piemonte a norma dell art. 4 comma 8 della legge regionale 16 novembre 2001, n. 30 (Testo

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL FALSO IN BILANCIO di Raffaele La Placa

ASPETTI CIVILISTICI DEL FALSO IN BILANCIO di Raffaele La Placa Capitolo 17 di Raffaele La Placa 1. PREMESSA - 2. CONTROLLO DEL BILANCIO - 3. APPROVAZIONE DEL BILANCIO FALSO ED INVALIDITÀ - 4. RESPONSABILITÀ PER IL BILANCIO FALSO 1. PREMESSA Questo capitolo, unitamente

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Circolare n. 11 dell 11 settembre 2014 DL 24.6.2014 n. 91

Dettagli

Mid Industry Capital S.p.A.

Mid Industry Capital S.p.A. Mid Industry Capital S.p.A. *********** Codice di comportamento per la gestione, il trattamento e la comunicazione delle informazioni relative a operazioni sulle azioni o altri strumenti finanziari ad

Dettagli

Obblighi art. 92 CCNL Comparto Scuola 2006-2009

Obblighi art. 92 CCNL Comparto Scuola 2006-2009 Obblighi art. 92 CCNL Comparto Scuola 2006-2009 1. Il dipendente adegua il proprio comportamento all obbligo costituzionale di servire esclusivamente la Repubblica con impegno e responsabilità e di rispettare

Dettagli

La responsabilità personale e solidale nelle associazioni non riconosciute 1. La personalità giuridica di diritto privato.

La responsabilità personale e solidale nelle associazioni non riconosciute 1. La personalità giuridica di diritto privato. La responsabilità personale e solidale nelle associazioni non riconosciute 1. La personalità giuridica di diritto privato. Il codice civile distingue tra associazioni riconosciute come persone giuridiche

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO

INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO DI BANCA SELLA HOLDING S.P.A. 22 giugno 2015 Circolare Banca d Italia n. 285 del 17.12.2013, Parte Prima, Titolo IV, Capitolo I, Sezione VII 1 Aggiornamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO APPROVATO DAL CONSIGLIO GENERALE NELL ADUNANZA DEL 28/06/2013 Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro 1 INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE p. 3 TITOLO I: PRINCIPI

Dettagli

Genova, 20 gennaio 2015

Genova, 20 gennaio 2015 Genova, 20 gennaio 2015 Approfondimenti sulle società di capitali: modelli di governance, sistemi di controllo, quote e azioni, diritti particolari, operazioni su azioni proprie Sede di svolgimento Ordine

Dettagli

GABETTI PROPERTY SOLUTIONS S.P.A. Sede legale in Milano, Via Bernardo Quaranta 40. Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 19.038.

GABETTI PROPERTY SOLUTIONS S.P.A. Sede legale in Milano, Via Bernardo Quaranta 40. Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 19.038. GABETTI PROPERTY SOLUTIONS S.P.A. Sede legale in Milano, Via Bernardo Quaranta 40 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 19.038.301,11 Codice fiscale e Iscrizione al registro delle imprese di Milano

Dettagli

Elementi di Corporate Governance

Elementi di Corporate Governance Elementi di Corporate Governance Direzione d impresa Ing. Marco Greco 9 ottobre 2009 Definizione Il sistema di strutture, processi e meccanismi che regolano il governo dell impresa, ossia la direzione

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli

Le novità della tariffa ed il parere di liquidazione parcelle

Le novità della tariffa ed il parere di liquidazione parcelle Venezia 21 luglio 2009 Massimo Mellacina (Consigliere Delegato Area Tariffe) Le novità della tariffa ed il parere di liquidazione parcelle Venezia 21 luglio 2009 Parere liquidazione parcelle 1 Fonti normative

Dettagli

CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA

CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELL ATER DI LATINA ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA Testo approvato dal Commissario Straordinario

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare ELENCO DELLE REVISIONI 2 INDICE Introduzione... 4 Sistema disciplinare... 4 Dirigenti... 5 Amministratori...

Dettagli

Capitolo Secondo I bilanci delle Camere di commercio

Capitolo Secondo I bilanci delle Camere di commercio Capitolo Secondo I bilanci delle Camere di commercio Sommario: 1. Principi generali. - 2. Programmazione e preventivo economico. - 3. La gestione del bilancio. - 4. Il bilancio di esercizio. 1. Principi

Dettagli

SCHEMA DI SVOLGIMENTO. Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone. La relazione di revisione.

SCHEMA DI SVOLGIMENTO. Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone. La relazione di revisione. TEMA N. 3 L istituto della revisione legale dei conti (TRACCIA ASSEGNATA ALL UNIVERISTÀ DI VERONA - I SESSIONE 2010) SCHEMA DI SVOLGIMENTO Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone.

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI E LE SPA

GLI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI E LE SPA GLI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI E LE SPA L art 2325 bis c.c. chiarisce l ambito di applicazione delle norme codicistiche in tema di s.p.a. asserendo, al secondo comma, che le norme del Titolo V

Dettagli

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag.

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag. PROCEDURA IN I MATERIA DII MONITORAGGIO,, CIRCOLAZIONE INTERNA I E COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DELLE INFORMAZII IONII PRIVILEGI IATE PREVISTE DALL ART.. 181 DEL DECRETO LEGISLATIVO 24 FEBBRAIO 1998 N.. 58

Dettagli

INDICE CAPITOLO 1 POSIZIONE SOSTANZIALE E PROCESSUALE DEL CURATORE FALLIMENTARE

INDICE CAPITOLO 1 POSIZIONE SOSTANZIALE E PROCESSUALE DEL CURATORE FALLIMENTARE INDICE 1 PREMESSA CAPITOLO 1 POSIZIONE SOSTANZIALE E PROCESSUALE DEL CURATORE FALLIMENTARE 9 1. Il nuovo volto e ruolo del curatore 17 2. (Segue): i rapporti del curatore con gli altri organi 22 3. Posizione:

Dettagli