Atti Parlamentari 17 Camera dei Deputati

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Atti Parlamentari 17 Camera dei Deputati"

Transcript

1 Atti Parlamentari 17 Camera dei Deputati attività sportive, il Ministro delle infrastrutture, il Ministro dell interno, il Ministro dell economia e delle finanze, il CONI, i rappresentanti dell ANCI, delle regioni e delle organizzazioni sportive. ART. 12. (Entrata in vigore). 1. Il presente decreto entra in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sarà presentato alle Camere per la conversione in legge. (A.C Sezione 4) MODIFICAZIONI APPORTATE DAL SENATO All articolo 1: al comma 2, capoverso 7-bis, la parola: «dieci» è sostituita dalla seguente: «quattro»; al comma 3, dopo le parole: «come introdotto dal comma 2» sono inserite le seguenti: «del presente articolo»; dopo il comma 3, sono aggiunti i seguenti: «3-bis. La richiesta di acquisto dei titoli di accesso agli impianti sportivi di cui all articolo 1-quater del decreto-legge 24 febbraio 2003, n. 28, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2003, n. 88, è corredata dalla presentazione di un valido documento di identità per ogni intestatario di ciascun titolo. 3-ter. Il personale addetto agli impianti sportivi di cui al comma 3-bis accerta la conformità dell intestazione del titolo di accesso alla persona fisica che lo esibisce, richiedendo la esibizione di un valido documento di identità, e negando l ingresso in caso di difformità, nonché a coloro che sono sprovvisti del documento. 3-quater. Salvo che il fatto costituisca reato, il personale addetto alla vendita ed al controllo dei titoli di accesso, che omette di osservare le disposizioni di cui ai commi 3-bis e 3-ter, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da a euro. 3-quinquies. È fatto divieto alle società sportive o concessionarie del servizio di vendita e controllo dei titoli di accesso di adibire a tale servizio personale nei cui confronti il prefetto abbia irrogato la sanzione amministrativa di cui al comma 3-quater. In caso di violazione, è irrogata dal prefetto della provincia in cui le medesime società hanno la sede legale o operativa la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da a euro». All articolo 2: al comma 1, lettera a), numero 1), le parole: «ed all articolo 6-bis» sono sostituite dalle seguenti: «all articolo 6-bis»; al comma 1, dopo la lettera a), è inserita la seguente: «a-bis) dopo il comma 1, è inserito il seguente: 1-bis. Il divieto di cui al comma 1 può essere disposto anche nei confronti di soggetti minori di diciotto anni che abbiano compiuto il quattordicesimo anno di età. Il provvedimento è notificato a coloro che esercitano la potestà genitoriale.»; al comma 1, lettera b), le parole: «a tre mesi e superiore a tre anni» sono sostituite dalle seguenti: «a un anno e superiore a cinque anni»; al comma 1, lettera c), le parole: «da 6 mesi a tre anni e con la multa fino a euro» sono sostituite dalle seguenti: «da uno a tre anni e con la multa da euro a euro»;

2 Atti Parlamentari 18 Camera dei Deputati al comma 1, lettera d), alinea, le parole: «è sostituito dal seguente» sono sostituite dalle seguenti: «è sostituito dai seguenti»; al comma 1, lettera d), capoverso, le parole: «da sei mesi a sette anni» sono sostituite dalle seguenti: «da due a otto anni» ed è aggiunto, in fine, il seguente periodo: «Il capo della sentenza non definitiva che dispone il divieto di accesso nei luoghi di cui al comma 1 è immediatamente esecutivo.»; al comma 2, capoverso 1-bis, sono soppresse le parole: «risiedono, ovvero in cui» e dopo la parola: «legale» sono inserite le seguenti: «o operativa». Dopo l articolo 2, sono inseriti i seguenti: «ART. 2-bis. (Divieto di manifestazioni esteriori). 1. Sono vietati, negli impianti sportivi, striscioni, cartelli, simboli, emblemi nonché rappresentazioni esteriori anche verbali, relativi ad organizzazioni di sostenitori i cui partecipi siano stati condannati per reati commessi in occasione di manifestazioni sportive. Salvo che costituisca più grave reato, la violazione del suddetto divieto è punita con l arresto da tre mesi ad un anno. 2. Il rifiuto di cessare le manifestazioni esteriori di cui al comma 1, nonché di cui all articolo 2, comma 1, del decreto-legge 26 aprile 1993, n. 122, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 giugno 1993, n. 205, a richiesta della forza pubblica costituisce il reato di cui all articolo 337 del codice penale. 3. All articolo 2, comma 1, del decretolegge 26 aprile 1993, n. 122, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 giugno 1993, n. 205, le parole: fino a tre anni e con la multa da lire duecentomila a lire cinquecentomila sono sostituite dalle seguenti: da uno a cinque anni e con la multa da a euro. ART. 2-ter. (Norme sul personale addetto agli impianti sportivi). 1. Con decreto del Ministro dell interno, da emanare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, sono stabiliti i requisiti, le modalità di selezione e la formazione del personale incaricato dei servizi di controllo dei titoli di accesso agli impianti sportivi, nonché di instradamento degli spettatori e di verifica del rispetto del regolamento d uso degli impianti medesimi. Il medesimo decreto stabilisce le modalità di collaborazione con le Forze dell ordine. Il decreto è sottoposto al parere delle Commissioni parlamentari competenti che vi provvedono entro sessanta giorni. Decorso tale termine, il decreto può essere egualmente emanato. 2. Le società sportive e incaricate dei servizi di cui al comma 1 comunicano i nominativi del personale da impiegare nei predetti servizi al prefetto della provincia che, se constata la mancanza dei requisiti per taluni soggetti, ne dispone il divieto di impiego comunicandolo alla società». All articolo 3: al comma 1, capoverso 1, nel primo periodo, dopo le parole: «nelle immediate adiacenze di essi,» sono inserite le seguenti: «nelle ventiquattro ore precedenti o successive allo svolgimento della manifestazione sportiva, e a condizione che i fatti avvengano in relazione alla manifestazione sportiva stessa,», il secondo periodo è soppresso e il terzo periodo è sostituito dal seguente: «La pena è aumentata se dal fatto deriva un ritardo rilevante dell inizio, la sospensione, l interruzione o la cancellazione della manifestazione sportiva.»; al comma 2, capoverso 1, nel primo periodo, dopo le parole: «nelle immediate adiacenze di essi,» sono inserite le seguenti: «nelle ventiquattro ore precedenti o successive allo svolgimento della manifestazione sportiva, e a condizione che i fatti avvengano in relazione alla manifestazione sportiva stessa,» e le parole: «e con la multa da 500 a 2.000» sono sosti-

3 Atti Parlamentari 19 Camera dei Deputati tuite dalle seguenti: «e con la multa da a 5.000» e il secondo periodo è soppresso. Dopo l articolo 3, è inserito il seguente: «ART. 3-bis. (Aggravante del reato di danneggiamento). 1. All articolo 635, secondo comma, del codice penale, dopo il numero 5), è aggiunto il seguente: 5-bis) sopra attrezzature e impianti sportivi al fine di impedire o interrompere lo svolgimento di manifestazioni sportive». All articolo 4, al comma 1, lettera a), dopo le parole: «all articolo 6-ter ed all articolo 6, commi 1 e 6,» sono inserite le seguenti: «della presente legge,». All articolo 5, al comma 1 è premesso il seguente: «01. All articolo 1-septies, comma 2, primo periodo, del decreto-legge 24 febbraio 2003, n. 28, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2003, n. 88, le parole: sanzione amministrativa pecuniaria da 30 a 300 euro sono sostituite dalle seguenti: sanzione amministrativa pecuniaria da 100 a 500 euro». All articolo 6, al comma 1, capoverso «ART. 7-ter», comma 1, le parole: «di cui all articolo 6 della legge 13 dicembre 1989, n. 401,» sono sostituite dalle seguenti: «di cui all articolo 6 della presente legge». All articolo 7: il comma 1 è sostituito dal seguente: «1. Dopo l articolo 583-ter del codice penale, è inserito il seguente: ART. 583-quater. (Lesioni personali gravi o gravissime in occasione di servizi di ordine pubblico). Chiunque procuri ad un pubblico ufficiale in servizio di ordine pubblico lesioni personali gravi o gravissime è punito con le pene rispettivamente previste dall articolo 583 aumentate della metà.»; la rubrica è sostituita dalla seguente: «Modifiche al codice penale in materia di lesioni personali a pubblico ufficiale nonché in materia di violenza e resistenza a pubblico ufficiale». All articolo 8, il comma 4 è sostituito dal seguente: «4. In deroga al divieto di cui al comma 1, è consentito alle società sportive stipulare con associazioni legalmente riconosciute, aventi tra le finalità statutarie la promozione e la divulgazione dei valori e dei princìpi della cultura sportiva e della non violenza e della pacifica convivenza, come sanciti dalla Carta olimpica, e non aventi tra i loro associati persone a cui è stato notificato il divieto di cui al comma 1 dell articolo 6 della legge 13 dicembre 1989, n. 401, e successive modificazioni, contratti e convenzioni in forma scritta aventi ad oggetto progetti di interesse comune per la realizzazione delle predette finalità». All articolo 9, al comma 3, le parole: «da a » sono sostituite dalle seguenti: «da a ». All articolo 10, al comma 1, capoverso 5-bis, nel primo periodo, le parole: «possono provvedere» sono sostituite dalle seguenti: «provvedono» e, nel secondo periodo, la parola: «, convoca» è sostituita dalle seguenti: «o convoca». Dopo l articolo 11, sono inseriti i seguenti: «ART. 11-bis. (Iniziative per promuovere i valori dello sport). 1. Il Ministro per le politiche giovanili e le attività sportive, d intesa con il Ministro della pubblica istruzione, con il Ministro dell università e della ricerca e con il Ministro delle politiche per la famiglia, predispone, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, un programma di iniziative nelle

4 Atti Parlamentari 20 Camera dei Deputati istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, nelle università e nei luoghi ove si svolge attività sportiva a livello giovanile, con l obiettivo di promuovere l adesione e la partecipazione ai valori ed ai princìpi fondamentali della cultura sportiva, come sanciti dalla Carta olimpica. Al medesimo fine il Ministro per le politiche giovanili e le attività sportive ed il Ministro per gli affari regionali e le autonomie locali assicurano, insieme al Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), la definizione delle opportune forme di intesa con le regioni e gli enti locali; il Ministro per le politiche giovanili e le attività sportive promuove la realizzazione di specifiche azioni ed iniziative, essenzialmente rivolte ai giovani, con le associazioni riconosciute e sostenute dalle organizzazioni sportive nazionali ed internazionali. ART. 11-ter. (Estensione delle misure strutturali ed organizzative agli impianti minori). 1. Al comma 1 dell articolo 1-quater del decreto-legge 24 febbraio 2003, n. 28, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2003, n. 88, le parole: di capienza superiore alle diecimila unità sono sostituite dalle seguenti: di capienza superiore alle unità. 2. Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano a decorrere dall inizio della stagione calcistica ART. 11-quater. (Modifiche al decreto legislativo 31 luglio 2005, n. 177). 1. Al testo unico della radiotelevisione, di cui al decreto legislativo 31 luglio 2005, n. 177, sono apportate le seguenti modifiche: a) la rubrica del capo II del titolo IV è sostituita dalla seguente: Tutela dei minori e dei valori dello sport nella programmazione televisiva ; b) la rubrica dell articolo 34 è sostituita dalla seguente: Disposizioni a tutela dei minori e dei valori dello sport ; c) all articolo 34, dopo il comma 6, è inserito il seguente: 6-bis. I soggetti di cui al comma 3, nelle trasmissioni di commento degli avvenimenti sportivi, in particolare calcistici, sono tenuti all osservanza di specifiche misure, individuate con codice di autoregolamentazione recepito con decreto del Ministro delle comunicazioni di concerto con il Ministro per le politiche giovanili e le attività sportive e con il Ministro della giustizia, adottato ai sensi dell articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, previo parere della Commissione parlamentare di cui alla legge 23 dicembre 1997, n. 451, anche al fine di contribuire alla diffusione tra i giovani dei valori di una competizione sportiva leale e rispettosa dell avversario, per prevenire fenomeni di violenza o di turbativa dell ordine pubblico legati allo svolgimento di manifestazioni sportive. ; d) all articolo 35, comma 2, le parole: per un periodo da uno a dieci giorni sono sostituite dalle seguenti: per un periodo da tre a trenta giorni ; e) all articolo 35, dopo il comma 4, è inserito il seguente: 4-bis. In caso di inosservanza delle disposizioni del codice adottato ai sensi del comma 6-bis dell articolo 34, si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 4 del presente articolo. ART. 11-quinquies. (Modifica alla legge 27 dicembre 2006, n. 296, concernente il consiglio di amministrazione dell Istituto per il credito sportivo). 1. All articolo 1, comma 1297, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, il primo e il secondo periodo sono sostituiti dal seguente: Al fine di contenere i costi di funzionamento, di conseguire risparmi di spesa e di adeguare la composizione degli organi dell Istituto per il credito sportivo alle disposizioni contenute nell articolo 1, comma 19, lettera a), del decreto-legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2006, n. 233, il consiglio di amministrazione dell Istituto è composto da un membro designato dal Presidente del Consiglio dei ministri o dal Ministro delegato, da un membro designato dal Ministro dell economia e delle finanze e da

5 Atti Parlamentari 21 Camera dei Deputati un membro designato dal Ministro per i beni e le attività culturali, tra i quali è scelto il presidente, nonché da un membro designato in rappresentanza delle regioni e delle autonomie locali, da un membro designato dalla Cassa depositi e prestiti spa, da un membro designato dalla giunta nazionale del Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) e da tre membri designati dai restanti soggetti partecipanti al capitale dell Istituto». (A.C Sezione 5) MODIFICAZIONI APPORTATE DALLE COMMISSIONI All articolo 1: al comma 1, le parole «a porte chiuse» sono sostituite dalle seguenti: «in assenza di pubblico»; al comma 2, capoverso 7-bis, dopo le parole: «persona fisica» sono inserite le seguenti: «o giuridica» e la parola: «dieci» è sostituita dalla seguente: «quattro»; dopo il comma 3, sono aggiunti i seguenti: «3-bis. La richiesta di acquisto dei titoli di accesso agli impianti sportivi di cui all articolo 1-quater del decreto-legge 24 febbraio 2003, n. 28, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2003, n. 88, è corredata dalla presentazione di un valido documento di identità per ogni intestatario di ciascun titolo. 3-ter. Il personale addetto agli impianti sportivi di cui al comma 3-bis accerta la conformità dell intestazione del titolo di accesso alla persona fisica che lo esibisce, richiedendo la esibizione di un valido documento di identità, e negando l ingresso in caso di difformità, nonché a coloro che sono sprovvisti del documento. 3-quater. Salvo che il fatto costituisca reato, il personale addetto alla vendita ed al controllo dei titoli di accesso, che omette di osservare le disposizioni di cui ai commi 3-bis e 3-ter, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da a euro. 3-quinquies. È fatto divieto alle società sportive o concessionarie del servizio di vendita e controllo dei titoli di accesso di adibire a tale servizio personale nei cui confronti il prefetto abbia irrogato la sanzione amministrativa di cui al comma 3-quater. In caso di violazione, è irrogata dal prefetto della provincia in cui le medesime società hanno la sede legale o operativa la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da a euro». All articolo 2: al comma 1, lettera a), numero 1), le parole: «ed all articolo 6-bis» sono sostituite dalle seguenti: «all articolo 6-bis»; al comma 1, dopo la lettera a), è inserita la seguente: «a-bis) dopo il comma 1, è inserito il seguente: 1-bis. Il divieto di cui al comma 1 può essere disposto anche nei confronti di soggetti minori di diciotto anni che abbiano compiuto il quattordicesimo anno di età. Il provvedimento è notificato a coloro che esercitano la potestà genitoriale.»; al comma 1, lettera b), le parole: «a tre mesi e superiore a tre anni» sono sostituite dalle seguenti: «a un anno e superiore a cinque anni»; al comma 1, lettera c), le parole: «da 6 mesi a tre anni e con la multa fino a euro» sono sostituite dalle seguenti: «da uno a tre anni e con la multa da euro a euro»; al comma 1, lettera d), alinea, le parole: «è sostituito dal seguente» sono sostituite dalle seguenti: «è sostituito dai seguenti»; al comma 1, lettera d), capoverso, le parole: «da sei mesi a sette anni» sono sostituite dalle seguenti: «da due a otto anni» ed è aggiunto, in fine, il seguente

6 Atti Parlamentari 22 Camera dei Deputati periodo: «Il capo della sentenza non definitiva che dispone il divieto di accesso nei luoghi di cui al comma 1 è immediatamente esecutivo.»; al comma 2, capoverso 1-bis, sono soppresse la parola: «morali» nonché le parole: «risiedono, ovvero di cui» e dopo la parola: «legale» sono inserite le seguenti: «o operativa». Dopo l articolo 2, sono inseriti i seguenti: «ART. 2-bis. (Divieto di striscioni e cartelli). 1. Sono vietati, negli impianti sportivi, striscioni e cartelli che, comunque, incitino alla violenza o che contengano insulti o minacce. Salvo che costituisca più grave reato, la violazione del suddetto divieto è punita con l arresto da tre mesi ad un anno. Resta fermo quanto previsto all articolo 2, comma 1, del decreto-legge 26 aprile 1993, n. 122, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 giugno 1993, n ART. 2-ter. (Norme sul personale addetto agli impianti sportivi). 1. Con decreto del Ministro dell interno, da emanare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, sono stabiliti i requisiti, le modalità di selezione e la formazione del personale incaricato dei servizi di controllo dei titoli di accesso agli impianti sportivi, nonché di instradamento degli spettatori e di verifica del rispetto del regolamento d uso degli impianti medesimi. Il medesimo decreto stabilisce le modalità di collaborazione con le Forze dell ordine. Il decreto è sottoposto al parere delle Commissioni parlamentari competenti che vi provvedono entro sessanta giorni. Decorso tale termine, il decreto può essere egualmente emanato. 2. Le società sportive e incaricate dei servizi di cui al comma 1 comunicano i nominativi del personale da impiegare nei predetti servizi al prefetto della provincia che, se constata la mancanza dei requisiti per taluni soggetti, ne dispone il divieto di impiego comunicandolo alla società». All articolo 3: al comma 1, capoverso 1, nel primo periodo, dopo le parole: «nelle immediate adiacenze di essi,» sono inserite le seguenti: «nelle ventiquattro ore precedenti o successive allo svolgimento della manifestazione sportiva, e a condizione che i fatti avvengano in relazione alla manifestazione sportiva stessa,» e dopo le parole: «in modo da creare un» è inserita la seguente: «concreto», il secondo periodo è soppresso e il terzo periodo è sostituito dal seguente: «La pena è aumentata se dal fatto deriva un ritardo rilevante dell inizio, la sospensione, l interruzione o la cancellazione della manifestazione sportiva.»; dopo il comma 1, è inserito il seguente: «1-bis. Al comma 2 dell articolo 6-bis della legge 13 dicembre 1989, n. 401, e successive modificazioni, le parole da: se dal fatto deriva un pericolo concreto fino alla fine del comma sono sostituite dalle seguenti: con l arresto fino ad un anno e con l ammenda da euro a euro. La pena è della reclusione da sei mesi a quattro anni se dal fatto deriva un ritardo rilevante dell inizio, l interruzione o la sospensione definitiva della competizione calcistica»; al comma 2, capoverso 1, nel primo periodo, dopo le parole: «nelle immediate adiacenze di essi,» sono inserite le seguenti: «nelle ventiquattro ore precedenti o successive allo svolgimento della manifestazione sportiva, e a condizione che i fatti avvengano in relazione alla manifestazione sportiva stessa,» e le parole: «e con la multa da 500 a 2.000» sono sostituite dalle seguenti: «e con la multa da a 5.000» e il secondo periodo è soppresso.

7 Atti Parlamentari 23 Camera dei Deputati Dopo l articolo 3, è inserito il seguente: «ART. 3-bis. (Aggravante del reato di danneggiamento). 1. All articolo 635, secondo comma, del codice penale, dopo il numero 5), è aggiunto il seguente: 5-bis) sopra attrezzature e impianti sportivi al fine di impedire o interrompere lo svolgimento di manifestazioni sportive». All articolo 4: al comma 1, lettera a), dopo le parole: «all articolo 6-ter ed all articolo 6, commi 1 e 6,» sono inserite le seguenti: «della presente legge,»; il comma 2 è sostituito dal seguente: «2. All articolo 1-bis del decreto-legge 24 febbraio 2003, n. 28, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2003, n. 88, e successive modificazioni, le parole: 30 giugno 2007 sono sostituite dalle seguenti: 30 giugno 2010». All articolo 5, al comma 1 è premesso il seguente: «01. All articolo 1-septies, comma 2, primo periodo, del decreto-legge 24 febbraio 2003, n. 28, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2003, n. 88, le parole: sanzione amministrativa pecuniaria da 30 a 300 euro sono sostituite dalle seguenti: sanzione amministrativa pecuniaria da 100 a 500 euro». All articolo 6, al comma 1, capoverso «ART. 7-ter», comma 1, le parole: «di cui all articolo 6 della legge 13 dicembre 1989, n. 401,» sono sostituite dalle seguenti: «di cui all articolo 6 della presente legge». All articolo 7: il comma 1 è sostituito dal seguente: «1. Dopo l articolo 583-ter del codice penale, è inserito il seguente: ART. 583-quater. (Lesioni personali gravi o gravissime in occasione di servizi di ordine pubblico). Nell ipotesi di lesioni personali cagionate a un pubblico ufficiale in servizio di ordine pubblico in occasione di manifestazioni sportive, le lesioni gravi sono punite con la reclusione da quattro a dieci anni; le lesioni gravissime, con la reclusione da otto a sedici anni.»; la rubrica è sostituita dalla seguente: «Modifiche al codice penale in materia di lesioni personali a pubblico ufficiale nonché in materia di violenza e resistenza a pubblico ufficiale». All articolo 8: al comma 1, sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: «, salvo quanto previsto dal comma 4»; il comma 4 è sostituito dal seguente: «4. Le società sportive possono stipulare con associazioni legalmente riconosciute, aventi tra le finalità statutarie la promozione e la divulgazione dei valori e dei princìpi della cultura sportiva, della non violenza e della pacifica convivenza, come sanciti dalla Carta olimpica, contratti e convenzioni in forma scritta aventi ad oggetto progetti di interesse comune per la realizzazione della predette finalità, nonché per il sostegno di gemellaggi con associazioni legalmente riconosciute dei sostenitori di altre società sportive aventi i medesimi fini statutari. I contratti e le convenzioni stipulati con associazioni legalmente riconosciute che abbiano tra i propri associati persone a cui è stato notificato il divieto di cui al comma 1 dell articolo 6 della legge 13 dicembre 1989, n. 401, e successive modificazioni, sono sospesi per la durata di tale divieto, salvo che intervengano l espulsione delle persone destinatarie del divieto e la pubblica dissociazione dell associazione dai comportamenti che l abbiano determinato».

8 Atti Parlamentari 24 Camera dei Deputati All articolo 9: al comma 3, le parole: «da a » sono sostituite dalle seguenti: «da a »; dopo il comma 3, è inserito il seguente: «3-bis. Le società devono esporre negli stadi in tutti i settori più copie del regolamento d uso dell impianto e devono fare in modo che sul retro dei biglietti sia pubblicata la dizione che l acquisto del tagliando comporta l obbligo del rispetto del regolamento e che il rispetto del regolamento è condizione indispensabile per l accesso e la permanenza all interno della struttura». All articolo 10, al comma 1, capoverso 5-bis, nel primo periodo, dopo le parole: «possono provvedere» sono inserite le seguenti: «, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica,» e, nel secondo periodo, la parola: «, convoca» è sostituita dalle seguenti: «o convoca». Dopo l articolo 11, sono inseriti i seguenti: «ART. 11-bis. (Iniziative per promuovere i valori dello sport). 1. Il Ministro per le politiche giovanili e le attività sportive, d intesa con il Ministro della pubblica istruzione, con il Ministro dell università e della ricerca e con il Ministro delle politiche per la famiglia, predispone un programma di iniziative nelle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, nelle università e nei luoghi ove si svolge attività sportiva a livello giovanile, con l obiettivo di promuovere l adesione e la partecipazione ai valori ed ai princìpi fondamentali della cultura sportiva, come sanciti dalla Carta olimpica. Al medesimo fine il Ministro per le politiche giovanili e le attività sportive ed il Ministro per gli affari regionali e le autonomie locali assicurano, insieme al Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), la definizione delle opportune forme di intesa con le regioni e gli enti locali; il Ministro per le politiche giovanili e le attività sportive promuove la realizzazione di specifiche azioni ed iniziative, essenzialmente rivolte ai giovani, con le associazioni riconosciute e sostenute dalle organizzazioni sportive nazionali ed internazionali. Il Ministro per le politiche giovanili e le attività sportive promuove, sentito il CONI, le federazioni e le società sportive, manifestazioni e attività finalizzate alla sensibilizzazione ai valori della Carta olimpica, organizzate immediatamente prima dello svolgimento delle manifestazioni sportive all interno degli impianti e nelle aree ad essi adiacenti. Le iniziative di cui al presente comma sono realizzate nei limiti delle disponibilità del Fondo di cui al comma Le somme corrisposte a titolo di sanzione pecuniaria irrogata per le violazioni delle disposizioni di cui alla legge 13 dicembre 1989, n. 401, e successive modificazioni, nonché nelle ipotesi di cui agli articoli 2-bis e 3-bis del presente decreto, affluiscono al Fondo di solidarietà sportiva, istituito presso la Presidenza del Consiglio dei ministri, avente la finalità di finanziare i programmi e le iniziative di cui al comma 1 del presente articolo. Il Ministro dell economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio. ART. 11-ter. (Rilascio di biglietti gratuiti per i minori). 1. Le società organizzatrici delle manifestazioni sportive sono tenute a rilasciare, anche in deroga al limite numerico di cui all articolo 1-quater, comma 7-bis, del decretolegge 24 febbraio 2003, n. 28, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2003, n. 88, introdotto dall articolo 1, comma 2, del presente decreto, biglietti gratuiti nominativi per minori di anni quattordici accompagnati da un genitore o da un parente fino al quarto grado, nella misura massima di un minore per ciascun adulto, per un numero di manifestazioni sportive non inferiore al 50 per cento di quelle organizzate nell anno.

9 Atti Parlamentari 25 Camera dei Deputati L adulto assicura la sorveglianza sul minore per tutta la durata della manifestazione sportiva. ART. 11-quater. (Estensione delle misure strutturali ed organizzative agli impianti minori). 1. Al comma 1 dell articolo 1-quater del decreto-legge 24 febbraio 2003, n. 28, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2003, n. 88, le parole: di capienza superiore alle diecimila unità sono sostituite dalle seguenti: di capienza superiore alle unità. 2. Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano a decorrere dall inizio della stagione calcistica ART. 11-quinquies. (Modifiche al decreto legislativo 31 luglio 2005, n. 177). 1. Al testo unico della radiotelevisione, di cui al decreto legislativo 31 luglio 2005, n. 177, sono apportate le seguenti modifiche: a) la rubrica del capo II del titolo IV è sostituita dalla seguente: Tutela dei minori e dei valori dello sport nella programmazione televisiva ; b) la rubrica dell articolo 34 è sostituita dalla seguente: Disposizioni a tutela dei minori e dei valori dello sport ; c) all articolo 34, dopo il comma 6, è inserito il seguente: 6-bis. I soggetti di cui al comma 3, nelle trasmissioni di commento degli avvenimenti sportivi, in particolare calcistici, sono tenuti all osservanza di specifiche misure, individuate con codice di autoregolamentazione recepito con decreto del Ministro delle comunicazioni di concerto con il Ministro per le politiche giovanili e le attività sportive e con il Ministro della giustizia, adottato ai sensi dell articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, previo parere delle Commissioni parlamentari competenti, anche al fine di contribuire alla diffusione tra i giovani dei valori di una competizione sportiva leale e rispettosa dell avversario, per prevenire fenomeni di violenza o di turbativa dell ordine pubblico legati allo svolgimento di manifestazioni sportive. ; d) all articolo 35, comma 2, le parole: per un periodo da uno a dieci giorni sono sostituite dalle seguenti: per un periodo da tre a trenta giorni ; e) all articolo 35, dopo il comma 4, è inserito il seguente: 4-bis. In caso di inosservanza delle disposizioni del codice adottato ai sensi del comma 6-bis dell articolo 34, si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 4 del presente articolo. ART. 11-sexies. (Modifica alla legge 27 dicembre 2006, n. 296, concernente il consiglio di amministrazione dell Istituto per il credito sportivo). 1. All articolo 1, comma 1297, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, il primo e il secondo periodo sono sostituiti dal seguente: Al fine di contenere i costi di funzionamento, di conseguire risparmi di spesa e di adeguare la composizione degli organi dell Istituto per il credito sportivo alle disposizioni contenute nell articolo 1, comma 19, lettera a), del decreto-legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2006, n. 233, il consiglio di amministrazione dell Istituto è composto da un membro designato dal Presidente del Consiglio dei ministri o dal Ministro delegato, da un membro designato dal Ministro dell economia e delle finanze e da un membro designato dal Ministro per i beni e le attività culturali, tra i quali è scelto il presidente, nonché da un membro designato in rappresentanza delle regioni e delle autonomie locali, da un membro designato dalla Cassa depositi e prestiti spa, da un membro designato dalla giunta nazionale del Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) e da tre membri designati dai restanti soggetti partecipanti al capitale dell Istituto».

10 Atti Parlamentari 26 Camera dei Deputati (A.C Sezione 6) PROPOSTE EMENDATIVE RIFERITE AGLI ARTICOLI DEL DECRETO-LEGGE ART. 1. (Misure per la sicurezza degli impianti sportivi). Al comma 2, capoverso 7-bis, aggiungere, in fine, il seguente periodo: Le società ospitate dalle società organizzatrici di competizioni nazionali riguardanti il gioco del calcio possono prenotare un numero di biglietti presso la società sportiva a cui appartiene la squadra ospitante, il cui acquisto è effettuato direttamente dai sostenitori nei limiti previsti dal presente comma Del Bue. Dopo il comma 3, aggiungere il seguente: 3-bis. Tutti gli impianti sportivi destinati allo svolgimento di partite di calcio, non ritenuti a norma, vengono qualificati tra le strutture con capienza inferiore ai spettatori Del Bue. Dopo l articolo 1, aggiungere il seguente: ART. 1-bis. (Regolamento dell impianto sportivo). 1. Il regolamento dell impianto sportivo deve prevedere: a) l indicazione del rispetto delle norme di sicurezza, del regolare e dell ordinato svolgimento della manifestazione sportiva e, in particolare, la punibilità del possesso di sostanze alcoliche o artifizi pirotecnici, la punibilità per la turbativa dell ordine pubblico e per la violenza o minaccia di violenza a danno di persone o cose, la punibilità per il possesso o il trasporto di qualsiasi oggetto atto ad offendere, per lo stato di ubriachezza in luogo pubblico, per il lancio di oggetti, l invasione di campo, le urla o i cori ingiuriosi; b) l indicazione che il titolo di accesso allo stadio è personale e può essere ceduto a terzi solo previa comunicazione da farsi secondo le modalità fissate dalla società e che con l acquisto del biglietto si riconosce al club il diritto di effettuare controlli sulla persona ed a custodire gli oggetti proibiti e/o pericolosi; c) la specifica che per l accesso all impianto è richiesto il possesso di un documento di identità valido, da esibire a richiesta del personale della società, per verificare la corrispondenza tra il titolare del tagliando ed il possessore dello stesso; d) l obbligo, per chiunque acceda allo stadio, di occupare solamente il posto assegnato e di rispettare le regole riportate nel regolamento; in caso contrario, il contravventore è allontanato dall impianto e sono applicate le disposizioni e le sanzioni previste dalla normativa vigente; e) l obbligo di allontanamento dall impianto dello spettatore che inneggi o indossi i colori diversi da quelli della squadra per cui ha dichiarato la preferenza al momento dell acquisto del biglietto; f) la previsione dell allontanamento dall impianto sportivo e la segnalazione alla competente autorità di polizia nel caso in cui lo spettatore con il suo comportamento si accinga a turbare l ordinato svolgimento della manifestazione sportiva Caparini, Pini, Giancarlo Giorgetti, Lussana, Goisis. ART. 2. (Modifiche agli articoli 6 e 6-quater della legge 13 dicembre 1989, n. 401). Al comma 1, lettera a), dopo il numero 1), aggiungere i seguenti: 1-bis) le parole: «il questore può disporre» sono sostituite dalle seguenti: «il

11 Atti Parlamentari 27 Camera dei Deputati questore può proporre al procuratore della Repubblica del tribunale del luogo dove è avvenuta l iscrizione, ovvero del tribunale per i minorenni se l interessato è minore di età, di chiedere al giudice per le indagini preliminari di disporre»; 1-ter) dopo il primo periodo, è aggiunto il seguente: «A tal fine, il questore del luogo ove è avvenuta l iscrizione della notizia di reato notifica all interessato la proposta inoltrata, informandolo della facoltà di presentare, personalmente o a mezzo di difensore, memorie o deduzioni entro il termine di quarantotto ore dalla notifica della suddetta notizia davanti al pubblico ministero che deve formulare la richiesta ovvero dinanzi al giudice competente per l emissione del provvedimento»; 1-quater) sono aggiunti, in fine, i seguenti periodi: «Qualora ritenga sussistenti i presupposti di legge, il pubblico ministero chiede al giudice per le indagini preliminari di disporre l applicazione del divieto di cui al presente comma per un periodo di tempo non inferiore ad un mese e non superiore a tre anni, e ciò in rapporto alla gravità del fatto commesso ed alla pericolosità della persona. Il giudice per le indagini preliminari provvede, con ordinanza motivata, sulla richiesta del pubblico ministero entro cinque giorni dal deposito della stessa, pena l inefficacia del provvedimento. Anche su istanza di parte, qualora lo ritenga opportuno, il giudice per le indagini preliminari che ha emesso il provvedimento può in ogni momento revocarlo ovvero disporne la riduzione o la modifica.»; 1-quinquies) il comma 2 è sostituito dal seguente: «2. Su proposta del questore, notificata all interessato, il procuratore della Repubblica presso il tribunale di cui al comma 1 o il procuratore della Repubblica presso il tribunale per i minorenni in caso di minore d età, può, con decreto motivato a pena di nullità, chiedere al giudice per le indagini preliminari di prescrivere alle persone alle quali è imposto il divieto previsto dal comma 1 di comparire personalmente una o più volte negli orari indicati, nell ufficio o comando di polizia competente in relazione al luogo di residenza dell obbligato o in quello specificamente indicato, nel corso della giornata in cui si svolgono le manifestazioni per le quali opera il suddetto divieto, e ciò per la durata ritenuta più opportuna nei limiti previsti dal comma 1. Il giudice fissa l udienza in camera di consiglio entro sette giorni dalla ricezione della richiesta, dandone avviso alla parte e al pubblico ministero. All udienza il giudice, verificata la sussistenza dei presupposti di legge e valutata la personalità dell interessato, dispone con ordinanza motivata nel modo ritenuto più opportuno in ordine alla eventuale emissione del provvedimento nonché alla sua durata e modalità di applicazione. In ogni momento l interessato può chiedere al giudice per le indagini preliminari che ha emesso il provvedimento la riduzione, la cessazione o la modifica della misura qualora siano venute meno o siano mutate le condizioni che ne hanno giustificato l emissione. Il divieto di cui al comma 1 e l ulteriore prescrizione di cui al presente comma 1 debbono essere revocati immediatamente da parte dell autorità giudiziaria qualora il procedimento penale scaturito dalla notizia di reato sia stato archiviato ovvero in caso di assoluzione per il fatto contestato. L interessato può chiedere al giudice per le indagini preliminari, che ha applicato la prescrizione, di essere autorizzato, per gravi e comprovate esigenze, anche lavorative, a comunicare il luogo di privata dimora o qualsiasi altro luogo ove lo stesso è reperibile durante lo svolgimento delle competizioni per le quali opera l obbligo di presentazione. L interessato può altresì chiedere al medesimo giudice che l obbligo di presentazione sia sostituito con quello della permanenza in casa in concomitanza con le suddette manifestazioni.»; 1-sexies) il comma 2-bis è abrogato; 1-septies) i commi 3, 4 e 5 sono sostituiti dal seguente: «3. Le ordinanze di cui ai commi 1 e 2 sono ricorribili per cassazione. La pro-

12 Atti Parlamentari 28 Camera dei Deputati posizione del ricorso non ne sospende l esecuzione.» Buemi, D Elia. Al comma 1, lettera a), sopprimere il numero 2). *2. 3. Cirielli, Buonfiglio. Al comma 1, lettera a), sopprimere il numero 2). * Buemi, D Elia. Al comma 1, dopo la lettera a), aggiungere la seguente: a.1) al comma 1, primo periodo, la parola: «questore» è sostituita dalle seguenti: «pubblico ministero». Conseguentemente, dopo la lettera a)-bis, aggiungere le seguenti: a-ter) al comma 2, la parola: «questore» è sostituita dalle seguenti: «pubblico ministero»; a-quater) al comma 3, secondo periodo, le parole: «, se ritiene che sussistano i presupposti di cui al comma 1,» sono soppresse Cirielli, Buonfiglio, Frassinetti. Al comma 1, lettera b), sostituire le parole: a un anno e superiore a cinque anni con le seguenti: a sei mesi e superiore a tre anni Buemi, D Elia. Al comma 1, lettera d), capoverso 7, primo periodo, sostituire le parole: il giudice dispone con le seguenti: il giudice può disporre Buemi, D Elia. Al comma 1, lettera d), capoverso 7, primo periodo, sostituire le parole: da due a otto anni con le seguenti: fino a otto anni Buemi, D Elia. Al comma 1, lettera d), capoverso 7, sopprimere il secondo periodo Buemi, D Elia. ART. 2-bis. (Divieto di striscioni e cartelli). Sopprimerlo. 2-bis. 9. Buemi, D Elia. Al comma 1, sopprimere la lettera a-bis) Buemi, D Elia. Al comma 1, dopo la lettera a-bis), aggiungere la seguente: a-ter) al comma 3, terzo periodo, dopo le parole: «cessano di avere efficacia se il pubblico ministero con decreto motivato» sono aggiunte le seguenti: «a pena di nullità assoluta» Buemi, D Elia. Al comma 1, primo periodo, dopo le parole: impianti sportivi aggiungere le seguenti: l introduzione o l esposizione di. 2-bis. 80. (Testo modificato nel corso della seduta) Gambescia. (Approvato) Al comma 1, sostituire la parola: insulti con la seguente: ingiurie. 2-bis. 81. Gambescia. (Approvato)

13 Atti Parlamentari 29 Camera dei Deputati ART. 2-ter. (Norme sul personale addetto agli impianti sportivi). Sostituirlo con i seguenti: ART. 2-ter. (Gestione dell ordine e della sicurezza pubblica). 1. Il servizio d ordine all interno degli impianti sportivi è svolto da addetti alla sicurezza alle dipendenze e sotto la responsabilità delle società di calcio, opportunamente formati ed addestrati da soggetti riconosciuti dal Comitato regionale di vigilanza per i servizi di sicurezza ausiliaria (Corevass) di cui all articolo 2-sexies che provvede a rilasciare i relativi attestati di qualifica. La società calcistica nomina un responsabile per la sicurezza. 2. Il protocollo di sicurezza ed ordinato svolgimento della manifestazione è definito dal questore e dal responsabile della sicurezza della società di calcio ospitante e coordinato con le altre unità addette ai servizi di sicurezza e incolumità prima, durante e dopo lo svolgimento dell incontro sportivo. 3. In caso di violazione del regolamento dello stadio, ovvero di turbativa dell ordinato svolgimento della manifestazione sportiva, l addetto alla sicurezza deve fermare il responsabile dell infrazione ed accompagnarlo nell area riservata alle forze dell ordine per la sua identificazione e per la contestazione del reato ovvero per l allontanamento dall impianto sportivo. 4. Qualora la società sportiva abbia elementi per ritenere che la sicurezza e l ordinato svolgimento della manifestazione siano minacciati, è tenuta ad intensificare la presenza degli addetti alla sicurezza all interno dell impianto e a segnalare all autorità di pubblica sicurezza e ai servizi di polizia ogni informazione utile alla prevenzione dei disordini. ART. 2-quater. (Compiti degli addetti alla sicurezza). 1. Gli addetti alla sicurezza hanno il compito di far rispettare le regole dell impianto sportivo anche al fine di coadiuvare le forze dell ordine nell esercizio delle proprie funzioni in base al protocollo di sicurezza coordinato tra il questore e il responsabile della sicurezza dell impianto. 2. Gli addetti alla sicurezza sono impegnati in particolar modo a: a) far rispettare il regolamento dell impianto con particolare attenzione al controllo della turbativa dell ordine pubblico, della violenza o minaccia di violenza a danno di persone o cose, al controllo del possesso di sostanze alcoliche o artifizi pirotecnici, del possesso o trasporto di qualsiasi oggetto atto ad offendere, dello stato di ubriachezza in luogo pubblico, del lancio o tentativo di lancio di oggetti, del tentativo di invasione di campo, delle urla o cori ingiuriosi; b) allontanare dall impianto sportivo e segnalare alla competente autorità di polizia lo spettatore il cui comportamento abbia turbato l ordinato svolgimento della manifestazione sportiva; c) accogliere e instradare gli spettatori al loro arrivo all interno della struttura e facilitarne l uscita; d) controllare il regolare possesso del titolo d accesso corredato da un documento di identità valido, sia al momento dell ingresso nella struttura sia, nel caso lo ritengano opportuno, nel corso della manifestazione, per verificare la corrispondenza tra il titolare del tagliando ed il possessore dello stesso. In caso di difformità o in mancanza di un documento valido, è negato l ingresso nella struttura ovvero si provvede ad accompagnare all uscita il trasgressore, fatti salvi i provvedimenti di competenza dell autorità giudiziaria e di quella di pubblica sicurezza; e) monitorare la densità del pubblico garantendo la separazione tra gli spettatori delle diverse tifoserie con l obbligo di allontanamento dall impianto nel caso in cui lo spettatore persista nell inneggiare o indossare colori diversi da quelli della squadra per cui ha dichiarato la preferenza al momento dell acquisto del biglietto;

14 Atti Parlamentari 30 Camera dei Deputati f) attivare, qualora ve ne fosse bisogno, le procedure di pubblica incolumità; g) verificare, alla vigilia degli incontri sportivi, la predisposizione di tutte le misure organizzative dell evento e superare contingenti situazioni di criticità che potrebbero minare il regolare svolgimento della manifestazione; h) coordinarsi con le forze dell ordine. 3. Gli addetti alla sicurezza non possono portare ed utilizzare armi proprie e improprie all interno della struttura sportiva. ART. 2-quinquies. (Requisiti obbligatori degli addetti alla sicurezza e sanzioni). 1. Il ruolo dell addetto alla sicurezza può essere ricoperto esclusivamente da persone in possesso dei requisiti per il riconoscimento del personale di polizia ausiliaria. Le società sportive che non rispettino tale disposizione, sono soggette ad una sanzione amministrativa di euro per ogni persona non in regola e lo svolgimento di tre partite di calcio a porte chiuse. 2. Ai fini della concessione della licenza di durata triennale, gli addetti alla sicurezza devono aver raggiunto la maggiore età ed essere in possesso degli attestati di qualifica di cui al comma La qualifica di addetto alla sicurezza è rilasciata dal Corevass valutata la preparazione teorica in tema di diritto e procedura penale nelle materie attinenti le mansioni da svolgere, di norme comportamentali nelle relazioni con l utenza pubblica, di principi fondamentali in materia di sostanze alcoliche e stupefacenti e riconoscimento dei loro sintomi, di interventi di primo soccorso e attivazione di procedure di pubblica incolumità, nonché previo superamento di un esame pratico su tecniche di autodifesa. 4. Chiunque svolga le attività previste e regolamentate dal presente decreto senza licenza prefettizia è punito con la sanzione amministrativa da a euro per ogni servizio svolto non in regola e con il diniego del rilascio della licenza per tre anni a far data dall ultimo servizio irregolare contestato. 5. Il mancato rispetto delle disposizioni di cui agli articoli 2-ter, 2-quater e 2-quinquies è punito con lo svolgimento delle partite a porte chiuse ovvero la loro cancellazione disposta dal questore. ART. 2-sexies. (Istituzione del Corevass). 1.È istituito il Comitato regionale di vigilanza per i servizi di sicurezza ausiliaria (Corevass), composto da un rappresentante delle strutture sportive del territorio, due rappresentanti delle società sportive della Lega calcio di cui uno in rappresentanza delle società professionistiche e uno in rappresentanza del mondo dilettantistico, due rappresentanti delle agenzie di sicurezza e due rappresentanti delle questure dei rispettivi territori regionali, che a turno partecipano alle riunioni. 2. I membri del Corevass durano in carica tre anni e si incontrano ufficialmente almeno due volte l anno, esprimendo pareri in materia di sicurezza ai sensi del presente decreto, con particolare riguardo al ruolo svolto dagli addetti alla sicurezza. Tali pareri sono trasmessi al Ministero dell interno. 3. Al Corevass sono attribuiti i seguenti compiti: a) verificare i documenti attestanti i requisiti richiesti dall articolo 2-quinquies; b) rilasciare attestato di qualifica a chiunque abbia partecipato ai corsi di formazione professionale e superato con successo gli esami previsti dall articolo 2-quinquies, comma 3; c) esprimere il proprio parere motivato sulla condotta dell aspirante addetto alla sicurezza tenendo nella dovuta considerazione le informazioni fornite dalle autorità di polizia locali; d) inoltrare la documentazione e il parere relativi al candidato addetto alla sicurezza alla prefettura di riferimento per il rilascio della licenza. 2-ter. 80. Caparini, Pini, Giancarlo Giorgetti, Lussana, Goisis.

15 Atti Parlamentari 31 Camera dei Deputati Al comma 1, dopo il secondo periodo, aggiungere il seguente: Il personale addetto al controllo dei titoli di accesso ha, tra gli altri, il compito di verificare la corrispondenza del biglietto numerato e nominativo con il posto ricoperto in tutti i settori dello stadio. In caso di non corrispondenza il personale addetto al controllo dei titoli di accesso ha il compito di assicurare al proprietario del biglietto il posto corrispondente. In caso di resistenza il personale addetto al controllo dei titoli di accesso ha il dovere di segnalare l episodio alle forze dell ordine. 2-ter. 4. Del Bue. Dopo l articolo 2-ter, aggiungere il seguente: ART. 2-quater. (Responsabile della sicurezza). 1. Il decreto di cui all articolo 2-ter disciplina i poteri e le responsabilità della figura del responsabile unico della sicurezza nelle strutture per gli eventi sportivi. 2. Il responsabile unico della sicurezza: a) viene nominato dalla persona fisica o giuridica proprietaria della struttura dove si svolge la manifestazione sportiva che si svolgono nelle strutture di cui all articolo 1-quater, comma 1, del decreto-legge 24 febbraio 2003, n. 28, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2003, n. 88; b) è responsabile per le sanzioni amministrative previste dalla violazione delle norme del presente decreto e per il risarcimento a terzi dei danni derivanti dall insufficiente sicurezza dei luoghi dove si svolge la manifestazione; c) coordina e controlla l azione del personale addetto all impianto sportivo di cui al comma 2-ter; d) coadiuva le forze dell ordine nell identificare e nel gestire le situazioni di rischio. 2-ter (Testo modificato nel corso della seduta) Buontempo. ART. 3. (Modifiche agli articoli 6-bis e 6-ter della legge 13 dicembre 1989, n. 401). Al comma 1, capoverso 1, primo periodo, sostituire le parole: da uno a quattro anni con le seguenti: fino a quattro anni Buemi, D Elia. Al comma 1, capoverso 1, secondo periodo, sopprimere le parole: un ritardo rilevante dell inizio, Buemi, D Elia. Al comma 2, capoverso 1, sostituire le parole: è trovato in possesso di con le seguenti: consapevolmente detiene Sgobio, Daniele Farina, Cogodi, Tranfaglia, Crapolicchio. Al comma 2, capoverso 1, sostituire le parole: da sei mesi a tre anni con le seguenti: fino a tre anni Buemi, D Elia. ART. 4. (Modifiche agli articoli 8 e 8-bis della legge 13 dicembre 1989, n. 401). Al comma 1, lettera a), sopprimere le parole da:, anche nel caso di divieto fino alla fine della lettera Buemi, D Elia. Al comma 1, sostituire la lettera b) con la seguente: b) il comma 1-ter è abrogato. Conseguentemente, sopprimere il comma Buemi, D Elia.

16 Atti Parlamentari 32 Camera dei Deputati Al comma 1, sostituire la lettera c), con la seguente: c) il comma 1-quater è abrogato Buemi, D Elia. Al comma 3, sostituire le parole da: dopo le parole fino alla fine del comma con le seguenti: le parole da: «e nell articolo 8» fino alla fine del comma sono sostituite dalle seguenti: «nell articolo 6-ter e nell articolo 8, comma 1, si procede sempre con giudizio direttissimo nel rispetto delle norme contenute nel titolo III del libro VI del codice di procedura penale, salvo che siano necessarie speciali indagini.» Buemi, D Elia. ART. 5. (Integrazione del sistema sanzionatorio per la violazione del regolamento d uso degli impianti). Sopprimere il comma Buemi, D Elia. ART. 6. (Misure di prevenzione). Sopprimerlo Buemi, D Elia. ART. 7. (Modifiche al codice penale in materia di lesioni personali a pubblico ufficiale nonché in materia di violenza e resistenza a pubblico ufficiale). Al comma 1, capoverso Art. 583-quater, sopprimere le parole: in occasione di manifestazioni sportive La Russa, Cirielli, Gamba, Buonfiglio, Frassinetti, Ascierto. Al comma 1, capoverso ART. 583-quater, rubrica, sostituire le parole: in occasione di servizio di ordine pubblico con le seguenti: a pubblico ufficiale in servizio di ordine pubblico in occasione di manifestazioni sportive Le Commissioni. (Approvato) ART. 9. (Nuove prescrizioni per le società organizzatrici di competizioni riguardanti il gioco del calcio). Dopo il comma 3, aggiungere il seguente: 3.1. Le società calcistiche ospitanti sono responsabili della sicurezza, del regolare e dell ordinato svolgimento della manifestazione sportiva all interno dell impianto sportivo. L ordine e la sicurezza pubblica sono assicurati dalle società sportive professionistiche ospitanti senza oneri per lo Stato. A tal fine devono stilare il regolamento dell impianto, dotarsi di addetti alla sicurezza, cooperare con le forze dell ordine, far fronte alle manifestazioni di violenza e ai disordini sia all interno dell impianto sportivo sia nei luoghi di sua pertinenza Caparini, Pini, Giancarlo Giorgetti, Lussana, Goisis. Sostituire il comma 3-bis con il seguente: 3-bis. Le società organizzatrici di competizioni sportive riguardanti il gioco del calcio sono tenute ad affiggere in tutti i settori degli stadi copie del regolamento d uso dell impianto. Le medesime società hanno cura altresì di prevedere che sul retro dei biglietti sia espressamente indicato che l acquisto del biglietto stesso comporta l obbligo del rispetto del regolamento d uso dell impianto quale condizione indispensabile per l accesso e la permanenza all interno dello stadio Le Commissioni. (Approvato)

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

Calcio: disposizioni sulla prevenzione e la repressione di fenomeni di violenza Decreto Legge, testo coordinato, 08.02.2007 n 8, G.U. 08.02.

Calcio: disposizioni sulla prevenzione e la repressione di fenomeni di violenza Decreto Legge, testo coordinato, 08.02.2007 n 8, G.U. 08.02. Calcio: disposizioni sulla prevenzione e la repressione di fenomeni di violenza Decreto Legge, testo coordinato, 08.02.2007 n 8, G.U. 08.02.2007 Approvate nuove misure urgenti per la prevenzione e la repressione

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA SICUREZZA NEGLI IMPIANTI SPORTIVI

DISPOSIZIONI SULLA SICUREZZA NEGLI IMPIANTI SPORTIVI DISPOSIZIONI SULLA SICUREZZA NEGLI IMPIANTI SPORTIVI Le disposizioni sulla sicurezza negli impianti sportivi sono state previste dalla legge 88/2003 e precisamente dagli articoli: articolo 1 quater Comma

Dettagli

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori 1. All articolo 572, secondo comma, del codice penale, dopo la parola: danno le parole di persona minore degli anni quattordici

Dettagli

Conversione in legge, con modificazioni, del Dl 14 settembre 2004, n. 241, recante disposizioni urgenti in materia di immigrazione

Conversione in legge, con modificazioni, del Dl 14 settembre 2004, n. 241, recante disposizioni urgenti in materia di immigrazione Testo aggiornato al 21 novembre 2005 Legge 12 novembre 2004, n. 271 Gazzetta Ufficiale 13 novembre 2004, n. 267 Conversione in legge, con modificazioni, del Dl 14 settembre 2004, n. 241, recante disposizioni

Dettagli

Approvato definitivamente dal Parlamento l 8 luglio 2004

Approvato definitivamente dal Parlamento l 8 luglio 2004 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate Approvato definitivamente dal Parlamento l

Dettagli

Legge 5 dicembre 2005, n. 251

Legge 5 dicembre 2005, n. 251 Legge 5 dicembre 2005, n. 251 " Modifiche al codice penale e alla legge 26 luglio 1975, n. 354, in materia di attenuanti generiche, di recidiva, di giudizio di comparazione delle circostanze di reato per

Dettagli

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali)

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) 1. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 dell articolo 16-bis del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni,

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE

NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1908-A/R Relazione orale Relatori Mazzatorta e Bettamio NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE (2ª GIUSTIZIA) (3ª AFFARI ESTERI, EMIGRAZIONE)

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO approvato con D.C.C. n 17 del 10/03/2014 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2 Abilitazione professionale e requisiti Art. 3 Luogo di svolgimento dell attività Art. 4

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218

DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218 DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218 Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, recante codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché

Dettagli

Delega al Governo in materia di riordino degli enti di ricerca - - Art. 1. Art. 1.

Delega al Governo in materia di riordino degli enti di ricerca - - Art. 1. Art. 1. DISEGNO DI LEGGE presentato dal Ministro dell università e della ricerca (MUSSI) di concerto col Ministro per le riforme e le innovazioni nella pubblica amministrazione (NICOLAIS) e col Ministro dell economia

Dettagli

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria)

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) TESTO UNICO BANCARIO TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) 1. È agente in attività finanziaria il soggetto che

Dettagli

La recente normativa in tema di data retention

La recente normativa in tema di data retention Security Summit Roma 11 giugno 2009 La recente normativa in tema di data retention Stefano Aterno Docente informatica giuridica La Sapienza di Roma www.studioaterno.it La normativa in vigore: in Italia

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2714 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro delle attività produttive (MARZANO) di concerto col Ministro

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Art. 600 Riduzione in schiavitù Chiunque riduce una persona in schiavitù, o in una condizione analoga alla schiavitù, è punito con

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE DI COMPETENZA DELLA VIII DIREZIONE AMBIENTE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE DI COMPETENZA DELLA VIII DIREZIONE AMBIENTE PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA DENOMINATA LIBERO CONSORZIO COMUNALE AI SENSI DELLA L.R. N. 8/2014 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE DI COMPETENZA DELLA VIII DIREZIONE AMBIENTE

Dettagli

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLA NORMATIVA PENALE, SOSTANZIALE E PROCESSUALE, E ORDINAMENTALE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE GARANZIE DIFENSIVE E LA DURATA RAGIONEVOLE DEI PROCESSI E PER UN MAGGIORE

Dettagli

4. Il decreto di cui al comma 1 è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale. Art. 3.

4. Il decreto di cui al comma 1 è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale. Art. 3. anche nel rispetto delle disposizioni della Convenzione di Strasburgo, ratificata ai sensi della citata legge 29 novembre 1995, n. 522, e delle indicazioni del Comitato internazionale olimpico (CIO) e

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Modifiche alla legge 11 agosto 1991, n. 266, in

Dettagli

Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009. Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano

Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009. Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009 Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano Decreto legislativo 3 ottobre 2008, n. 159 Modifiche ed integrazioni al decreto

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Denominata "Libero Consorzio Comunale"ai sensi della L.R. n. 8/2014 SEGRETERIA GENERALE Servizio Ispettivo

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Denominata Libero Consorzio Comunaleai sensi della L.R. n. 8/2014 SEGRETERIA GENERALE Servizio Ispettivo PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Denominata "Libero Consorzio Comunale"ai sensi della L.R. n. 8/2014 SEGRETERIA GENERALE Servizio Ispettivo Prot. n. Messina, lì?s M. A tutti i Dirigenti Al Comandante Polizia

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE AI TERMINI DELLʹART. 71 COMMA 2 DELLA COSTITUZIONE E DEGLI ARTT. 48 E 49 DELLA L. N.

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE AI TERMINI DELLʹART. 71 COMMA 2 DELLA COSTITUZIONE E DEGLI ARTT. 48 E 49 DELLA L. N. PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE AI TERMINI DELLʹART. 71 COMMA 2 DELLA COSTITUZIONE E DEGLI ARTT. 48 E 49 DELLA L. N. 352/1970 DISPOSIZIONI IN TEMA DI IMPIGNORABILITAʹ DELLA PRIMA CASA E DEI BENI

Dettagli

Legge 23 aprile 2003, n. 109

Legge 23 aprile 2003, n. 109 Legge 23 aprile 2003, n. 109 "Modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18, recante ordinamento del Ministero degli affari esteri " (pubblicata nella Gazzetta

Dettagli

DECRETO LEGGE 16 maggio 2008 n. 85

DECRETO LEGGE 16 maggio 2008 n. 85 DECRETO LEGGE 16 maggio 2008 n. 85 Disposizioni urgenti per l'adeguamento delle strutture di Governo in applicazione dell'articolo 1, commi 376 e 377, della legge 24 dicembre 2007, n. 244. Pubblicato nella

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1119 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del deputato COSTA (V. stampato Camera n. 925) approvato dalla Camera dei deputati il 17 ottobre 2013 Trasmesso dal Presidente

Dettagli

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). (Stralcio) Art. 1 (Omissis) 525. Il comma 6 dell articolo 110 del

Dettagli

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013.

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. Il D.l. 14 agosto 2013, n. 93, entrato il vigore lo

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 13 ottobre 2014, n. 153

DECRETO LEGISLATIVO 13 ottobre 2014, n. 153 DECRETO LEGISLATIVO 13 ottobre 2014, n. 153 Ulteriori disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, recante codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione,

Dettagli

Legge 21 novembre 2000, n. 342. Misure in materia fiscale

Legge 21 novembre 2000, n. 342. Misure in materia fiscale Legge 21 novembre 2000, n. 342 Misure in materia fiscale Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 276 del 25 novembre 2000 - Supplemento Ordinario Capo I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI Art.

Dettagli

Diminuiscono i termini di prescrizione dei reati ed aumentano le pene per i recidivi e per i delitti di associazione mafiosa ed usura.

Diminuiscono i termini di prescrizione dei reati ed aumentano le pene per i recidivi e per i delitti di associazione mafiosa ed usura. Legge ex Cirielli: attenuanti generiche, recidiva, usura e prescrizione Legge 05.12.2005 n 251, G.U. 07.12.2005 Diminuiscono i termini di prescrizione dei reati ed aumentano le pene per i recidivi e per

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 283 del 3 Dicembre 2010

Gazzetta Ufficiale N. 283 del 3 Dicembre 2010 LEGGE 4 novembre 2010, n. 201 Gazzetta Ufficiale N. 283 del 3 Dicembre 2010 Ratifica ed esecuzione della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, fatta a Strasburgo il 13 novembre

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA approvato con D.C.C. n. 15 del 10/03/2014 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2 Abilitazione professionale e requisiti Art. 3 Luogo di svolgimento dell attività Art. 4

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; LEGGE 4 novembre 2010, n.201 Ratifica ed esecuzione della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, fatta a Strasburgo il 13 novembre 1987, nonche' norme di adeguamento dell'ordinamento

Dettagli

1. Dopo il titolo IX del libro II del codice penale è inserito il seguente: «TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI

1. Dopo il titolo IX del libro II del codice penale è inserito il seguente: «TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI L. 20 luglio 2004, n. 189 (1). Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. (1) Pubblicata

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

CAPO I IMPIANTI DELLE SOCIETÀ DI LEGA PRO

CAPO I IMPIANTI DELLE SOCIETÀ DI LEGA PRO 1 CAPO I IMPIANTI DELLE SOCIETÀ DI LEGA PRO Art.1 Campo di applicazione La presente determinazione si applica a tutte le società sportive iscritte al Campionato di Lega Pro, a prescindere dalla capienza

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Titolo del provvedimento: Disposizioni integrative e correttive dei decreti legislativi 18 dicembre 1997, numeri 471, 472, 473, in materia di sanzioni amministrative tributarie. (N.D.R.: Le disposizioni

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2282 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro della salute (SIRCHIA) (V. Stampato Camera n. 3927) approvato

Dettagli

Agenzie di somministrazione e borsa continua nazionale del lavoro: tutte le novità

Agenzie di somministrazione e borsa continua nazionale del lavoro: tutte le novità Agenzie di somministrazione e borsa continua nazionale del lavoro: tutte le novità Danilo Papa Agenzie per il lavoro: autorizzazione a tempo indeterminato Una prima modifica riguarda la concessione alle

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B Legislatura 14º - Disegno di legge N. 404-B SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B Attesto che la 12ª Commissione permanente (Igiene e sanità), il 15 giugno 2005, ha approvato, con modificazioni, il seguente

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE MODIFICHE ALL'ARTICOLO 55- QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 MARZO 2001, N. 165, AI SENSI DELL'ARTICOLO 17, COMMA 1, LETTERA S), DELLA LEGGE 7 AGOSTO 2015, N. 124,

Dettagli

Legge 26 ottobre 1971, n. 1099. Articolo 1. Articolo 2. L 26/10/1971 Num. 1099. (in Gazz. Uff., 23 dicembre, n. 324). -

Legge 26 ottobre 1971, n. 1099. Articolo 1. Articolo 2. L 26/10/1971 Num. 1099. (in Gazz. Uff., 23 dicembre, n. 324). - L 26/10/1971 Num. 1099 Legge 26 ottobre 1971, n. 1099 (in Gazz. Uff., 23 dicembre, n. 324). - Tutela sanitaria delle attività sportive (1). (1) A partire dal 1º gennaio 1999 ogni sanzione pecuniaria penale

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

testo in vigore dal: 1-8-2004 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga

testo in vigore dal: 1-8-2004 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga LEGGE 20 luglio 2004, n.189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. (GU n. 178

Dettagli

Vigente al: 8-5-2015. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga

Vigente al: 8-5-2015. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga LEGGE 16 aprile 2015, n. 47 Modifiche al codice di procedura penale in materia di misure cautelari personali. Modifiche alla legge 26 luglio 1975, n. 354, in materia di visita a persone affette da handicap

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 29-08-2006 REGIONE MOLISE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI VIGILANZA AMBIENTALE VOLONTARIA.

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 29-08-2006 REGIONE MOLISE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI VIGILANZA AMBIENTALE VOLONTARIA. LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 29-08-2006 REGIONE MOLISE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI VIGILANZA AMBIENTALE VOLONTARIA. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MOLISE N. 25 del 1 settembre 2006 IL

Dettagli

Legge 8 febbraio 2006, n. 54

Legge 8 febbraio 2006, n. 54 Legge 8 febbraio 2006, n. 54 "Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 Art. 1. (Modifiche al codice

Dettagli

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport PREAMBOLO Le emittenti televisive e radiofoniche e i fornitori di contenuti firmatari o aderenti alle associazioni

Dettagli

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A.

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A. CASALP S.p.A. SISTEMA SANZIONATORIO E DISCIPLINARE EX D.LGS. 231/2001 1 INDICE 1. Premessa.. 3 2. Violazioni.. 4 3. Soggetti destinatari... 4 4. Comitato che vigila sui comportamenti e formula le proposte

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE INCENDI, A NORMA DELL ARTICOLO 49, COMMA 4-QUATER, DEL DECRETO-LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI,

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 283 del 3 Dicembre 2010

Gazzetta Ufficiale N. 283 del 3 Dicembre 2010 Gazzetta Ufficiale N. 283 del 3 Dicembre 2010 LEGGE 4 novembre 2010, n. 201 Ratifica ed esecuzione della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, fatta a Strasburgo il 13 novembre

Dettagli

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005.

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005. LEGGE REGIONALE 20 novembre 2007, n. 17 Disciplina dell'attività di acconciatore e di estetista (B.U. 29 novembre 2007, n. 104) INDICE DELLA LEGGE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Competenze della Regione, delle

Dettagli

Legge Simeone-Saraceni del 27 maggio 1998 n. 156

Legge Simeone-Saraceni del 27 maggio 1998 n. 156 Legge Simeone-Saraceni del 27 maggio 1998 n. 156 Art. 1 Esecuzione delle pene detentive 1. L'articolo 656 del codice di procedura penale è sostituito dal seguente: "Art. 656 (Esecuzione delle pene detentive).

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto)

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE R.C. AUTO ART. 1 (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) 1. Al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE Approvato dal Senato della Repubblica

DISEGNO DI LEGGE Approvato dal Senato della Repubblica Deleghe al Governo in materia di lavori usuranti, di riorganizzazione di enti, di congedi, aspettative e permessi, di ammortizzatori sociali, di servizi per l impiego, di incentivi all occupazione, di

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 10 maggio 2005, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge

Dettagli

Articolo 126 bis TITOLO IV - Guida dei veicoli e conduzione degli animali Patente a punti

Articolo 126 bis TITOLO IV - Guida dei veicoli e conduzione degli animali Patente a punti Articolo 16 bis TITOLO IV - Guida dei veicoli e conduzione degli animali Patente a punti 1. All'atto del rilascio della patente viene attribuito un punteggio di venti punti. Tale punteggio, annotato nell'anagrafe

Dettagli

Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293)

Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293) Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293) Misure per favorire l iniziativa privata e lo sviluppo della concorrenza Capo III DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RC AUTO 1

Dettagli

N. 300/A/1/44285/101/3/3/9 Roma 7 settembre 2005

N. 300/A/1/44285/101/3/3/9 Roma 7 settembre 2005 N. 300/A/1/44285/101/3/3/9 Roma 7 settembre 2005 OGGETTO: Modifiche al Codice della Strada. Legge 17 agosto 2005, n. 168, di conversione con modificazioni del decreto-legge 30 giugno 2005, n. 115 recante

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CIRCOLARE 8 settembre 2005 Doveri degli enti di servizio civile e infrazioni punibili con le sanzioni amministrative previste dall art.3 bis della legge 6 marzo 2001,

Dettagli

Dalle Notizie in evidenza

Dalle Notizie in evidenza Dalle Notizie in evidenza Decreto legislativo 13 febbraio 2014 n. 12 Attuazione della direttiva 2011/51/UE che modifica la direttiva 2003/109/CE del Consiglio per estendere l ambito di applicazione ai

Dettagli

Articolo 1 - Modifiche alla disciplina sanzionatoria in materia di delitti contro la pubblica amministrazione

Articolo 1 - Modifiche alla disciplina sanzionatoria in materia di delitti contro la pubblica amministrazione Legge 27/5/2015 n. 69 (G.U. 30/5/2015 n. 124) Disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione, di associazioni di tipo mafioso e di falso in bilancio Articolo 1 - Modifiche alla disciplina

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 1 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese CHIARA SOMARE Avvocato STUDIO LEGALE I - 20122 MILANO - VIA CURTATONE,

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2514-A DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) E DAL MINISTRO

Dettagli

ARTICOLO 186 GUIDA SOTTO L INFLUENZA DELL ALCOOL

ARTICOLO 186 GUIDA SOTTO L INFLUENZA DELL ALCOOL ARTICOLO 186 GUIDA SOTTO L INFLUENZA DELL ALCOOL 1. È vietato guidare in stato di ebbrezza in conseguenza dell'uso di bevande alcooliche. 2. Chiunque guida in stato di ebbrezza è punito, ove il fatto non

Dettagli

LEGGE 15 febbraio 1996 n. 66. NORME CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE. (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio 1996 n. 42 ) Art. 1.

LEGGE 15 febbraio 1996 n. 66. NORME CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE. (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio 1996 n. 42 ) Art. 1. LEGGE 15 febbraio 1996 n. 66 NORME CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE. (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio 1996 n. 42 ) Art. 1. 1. Il capo I del Titolo IX del libro secondo e gli articoli 530,

Dettagli

FUTURE NOVITÀ SULLA SCIA IN EDILIZIA APPROVATE DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI IL 20 GENNAIO 2016 (NON ANCORA IN VIGORE) di Antonella Mafrica

FUTURE NOVITÀ SULLA SCIA IN EDILIZIA APPROVATE DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI IL 20 GENNAIO 2016 (NON ANCORA IN VIGORE) di Antonella Mafrica FUTURE NOVITÀ SULLA SCIA IN EDILIZIA APPROVATE DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI IL 20 GENNAIO 2016 (NON ANCORA IN VIGORE) di Antonella Mafrica Lo scorso 20 gennaio 2016 il Consiglio dei Ministri ha approvato

Dettagli

INTESE DI PROGRAMMA. tra. Ministero dell Interno. Comitato Olimpico Nazionale Italiano. Federazione Italiana Giuoco Calcio

INTESE DI PROGRAMMA. tra. Ministero dell Interno. Comitato Olimpico Nazionale Italiano. Federazione Italiana Giuoco Calcio INTESE DI PROGRAMMA tra Ministero dell Interno Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per l Innovazione e le Tecnologie Associazione Nazionale Comuni d Italia Comitato Olimpico Nazionale

Dettagli

Modificazioni concernenti la validità della documentazione antimafia e l'ambito delle relative verifiche

Modificazioni concernenti la validità della documentazione antimafia e l'ambito delle relative verifiche DECRETO LEGISLATIVO 6 SETTEMBRE 2011, N. 159 CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA E DELLE MISURE DI PREVENZIONE, NONCHÉ NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE ANTIMAFIA, A NORMA DEGLI ARTICOLI 1 E 2 DELLA

Dettagli

C. 5123 e abbinate Proposta di testo unificato dei relatori

C. 5123 e abbinate Proposta di testo unificato dei relatori C. 5123 e abbinate Proposta di testo unificato dei relatori Norme in materia di riduzione dei contributi pubblici in favore dei partiti e movimenti politici, nonché misure per garantire la trasparenza

Dettagli

"Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonche' in tema di atti persecutori"

Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonche' in tema di atti persecutori Indice decreti-legge Decreto-legge 23 febbraio 2009, n. 11 "Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonche' in tema di atti persecutori" pubblicato nella

Dettagli

Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO ODCEC Torino Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO 1 PREMESSA Quanto segue rappresenta una prima analisi della normativa. Tale analisi è stata necessariamente

Dettagli

Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli 77 e 87, quinto comma, della Costituzione;

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio E' la difesa garantita a ciascun imputato che non abbia provveduto a nominare un proprio difensore di fiducia o ne sia rimasto privo. E' prevista dalla legge al fine di garantire il diritto di difesa in

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali VISTA la legge 24 novembre 1981 n. 689, recante modifiche al sistema penale; VISTO il decreto ministeriale del 26 luglio 1995 recante Disciplina del rilascio delle licenze di pesca ; VISTO il regolamento

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 4 agosto 2008 VIS 74/08 Adozione di un provvedimento ai sensi dell articolo 2, comma 20, lettera c), della legge 14 novembre 1995, n. 481 nei confronti della società Bergamo Energia S.p.A.

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 4 novembre 2015

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 4 novembre 2015 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2124 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (RENZI) dal Ministro dell economia e delle finanze (PADOAN) dal Ministro del lavoro

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 33

LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 33 LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 33 Norme per il rilascio del nulla osta all impiego di sorgenti di radiazioni ionizzanti di categoria B per le attività comportanti esposizioni a scopo medico. IL CONSIGLIO

Dettagli

DECRETO-LEGGE 31 dicembre 2014, n. 192

DECRETO-LEGGE 31 dicembre 2014, n. 192 DECRETO-LEGGE 31 dicembre 2014, n. 192 Proroga di termini previsti da disposizioni legislative. (14G00205) (GU n.302 del 31-12-2014) Vigente al: 31-12-2014 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza -

R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza - R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza - Art. 110. 1. In tutte le sale da biliardo o da gioco e negli altri esercizi, compresi i circoli privati, autorizzati alla pratica

Dettagli

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it (Legge 24 Dicembre 2007, n. 244, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 28 dicembre 2007) Art.1, comma 207. Detrazione per spese aggiornamento Art.1, comma 207. Per l anno 2008 ai docenti delle

Dettagli

Circolare N.113 del 25 Luglio 2012

Circolare N.113 del 25 Luglio 2012 Circolare N.113 del 25 Luglio 2012 Buttafuori in forza fino al 31.12.2012 con la presentazione della richiesta di iscrizione all elenco prefettizio Buttafuori in forza fino al 31.12.2012 con la presentazione

Dettagli

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012; Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; Ritenuta la straordinaria necessità ed urgenza, nell ambito dell azione del Governo volta all analisi ed alla revisione della spesa pubblica, di emanare disposizioni

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA Delibera Consob 19 dicembre 2014 n. 19084 Modifiche al regolamento di attuazione del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, concernente la disciplina degli emittenti adottato con delibera del 14 maggio 1999 n.

Dettagli

COMUNE DI ISPICA (Provincia di Ragusa)

COMUNE DI ISPICA (Provincia di Ragusa) COMUNE DI ISPICA (Provincia di Ragusa) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PROCEDIMENTO SANZIONATORIO DI CUI ALL ART.47 DEL D.LGS.14 MARZO 2013, N.33 IN MATERIA DI TRASPARENZA Approvato con deliberazione

Dettagli

Testo unico sicurezza, le modifiche introdotte D.L. 151/2015 Tecnici&Professione Associazione Nazionale Donne Geometra

Testo unico sicurezza, le modifiche introdotte D.L. 151/2015 Tecnici&Professione Associazione Nazionale Donne Geometra Razionalizzazione e Semplificazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro Testo unico sicurezza, le modifiche introdotte D.L. 151/2015 Tecnici&Professione Associazione Nazionale Donne Geometra Il

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Istituzione del marchio «Made in Italy» N. 1402 RAISI, SAGLIA. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Istituzione del marchio «Made in Italy» N. 1402 RAISI, SAGLIA. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1402 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI RAISI, SAGLIA Istituzione del marchio «Made in Italy» Presentata il 18 luglio 2006 ONOREVOLI

Dettagli