Informazioni tecniche - Curve di portata - Schemi funzionali - Simbologia Pneumatica - Tabelle. Elettrovalvole a comando diretto 2/2, 3/2

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informazioni tecniche - Curve di portata - Schemi funzionali - Simbologia Pneumatica - Tabelle. Elettrovalvole a comando diretto 2/2, 3/2"

Transcript

1 Catalogo valvole a comando pneumatico ed elettrovalvole Informazioni tecniche - Curve di portata - Schemi funzionali - Simbologia Pneumatica - Tabelle Serie Sezione S.p.A. Elettrovalvole a comando diretto /, / LURANO BG) - Italy Via Cascina Barbellina, Tel. /9 Fax /9 /9 Valvole a comando pneumatico /, /, /, /, tubo Ø, M, G /8" G " CAP. SOC... I.V. R.E.A. BERGAMO N. 98 R.E.A. MILANO N. 9 COD. FISC. E P.IVA 89 COD. MECC. MI 8 Elettrovalvole /, /, / G /8" G " Valvole a comando pneumatico ed elettrovalvole ad otturatore /, /, / M G ½" per aria e per vuoto /, /, / M G /" 8 ISO 99/ /, / Taglia, e /, / Taglia, 8 e mm LINE, FLAT, VDMA o BASE I componenti illustrati e descritti nel presente catalogo sono posti sul mercato con il marchio PNEUMAX. La vendita viene effettuata in Italia e all'estero attraverso l'organizzazione indicata nell'ultima pagina di copertina. Dimensioni di ingombro e informazioni tecniche sono fornite a puro titolo informativo e possono essere modificate senza preavviso.

2 Informazioni tecniche Concetto di pressione Per pressione s'intende una forza esercitata da un fluido su una determinata superficie e si esprime in unità di forza su unità di superficie. Le unità di misura che ne derivano sono molte, ma le più usate sono il "bar" Pascal), il "Pascal" N/m²) o, per i paesi anglosassoni, il "psi" libbra/pollice²). L'interrelazione fra questi ed altri valori si può vedere dalla tabella seguente: Pressioni kpa bar psi kg/cm² kpa,,, bar,, psi,9,9, kg/cm² 98,98, Da quanto abbiamo detto la pressione si definisce con la formula: F forza) P Pressione) = A superficie) Legge di Boyle e Mariotte Dove F = massa kg x accelerazione m/sec²) da cui ne deriva che: F = Kg m Kgm che rapportano all'unità diventa: N Newton) = sec sec =, Kp e anche Kp = 9,8 N. Nel sistema SI la forza è espressa in N, la superficie in m² ed il tutto diventa: F N N P = = da cui = Pa Pascal) A m m L'impiego del Pascal nell'uso comune risulta estremamente scomodo essendo un'unità di misura molto piccola, perciò si preferisce il più pratico e usuale bar. Vogliamo ricordare anche le leggi fondamentali che regolano i rapporti fra pressione, volume e temperature di un gas. A temperatura costante, il volume di un gas perfetto racchiuso in un recipiente è inversamente proporzionale alla pressione assoluta e perciò, per una determinata quantità di gas, il prodotto del volume per la pressione assoluta è costante: P V = P V = P V = ecc. Legge di Gay e Lussac Il volume di una determinata quantità di gas, a pressione costante, è direttamente proporzionale alla temperatura misurata in gradi assoluti Kelvin dove C = K) Abbiamo: V: V = T : T a pressione costante) così come, a volume costante, la pressione varia in proporzione diretta al variare della temperatura: P : P = T: T a volume costante). In base a tutto questo si desume che per riempire ad esempio la camera di un cilindro sono necessari tanti litri d'aria quanti ne contiene la camera stessa moltiplicati per la pressione a temperatura costante).

3 Informazioni tecniche Un'eventuale variazione della temperatura che si verificasse durente la fase di riempimento, non cambierebbe sostanzialmente il valore ottenuto V P) perché se fra la temperatura dell'aria di rete e la temperatura dell'aria nel cilindro vi fossero C di differenza si avrebbe, applicando la legge di GAY e LUSSAC: ipotesi di camera di cilindro con volume I. temperatura aria di rete C a bar di pressione temperatura aria nel cilindro C finale) V :V = T : T : V = + : + x 8 V = = 9, l. Allo stesso modo per la pressione: P : P = T :T : P = + : + x 8 P = =, bar In tutti e due i casi come si vede si ha una variazione in meno soltanto del,%. Per calcolare il consumo d'aria in litri al minuto di un cilindro si può usare la seguente formula: = D² C N P dove: = Consumo d'aria litro/minuto) D = Diametro del cilindro in millimetri) C = Corsa del cilindro in millimetri) N = Numero di cicli al minuto P = Pressione assoluta pressione di rete + ) = Coefficiente di trasformazione da mm³ in litri uesta formula non tiene conto della presenza dello stelo e delle variazioni della temperatura.

4 Informazioni tecniche. Caratteristiche di flusso Ogni cilindro, per esercitare determinate spinte ed eseguire le corse nel tempo richiesto, necessita di determinate portate che attraversano la valvola di comando. Occorre quindi conoscere le leggi del flusso delle valvole, ossia le relazioni esistenti tra pressioni, cadute di pressione e portate, per verificare che una valvola sia in grado di fornire, alla pressione di alimentazione prefissata, il flusso richiesto dal cilindro con una caduta di pressione ammissibile. Per queste verifiche non è sufficiente il riferimento alla filettatura dei raccordi esterni delle valvole, ma è necessario avere dei dati funzionali precisi. uesti dati vengono presentati in maniera diversa, secondo varie norme e vari metodi sperimentali di misura, e consistono soprattutto in coefficienti numerici che devono essere riferiti a opportune formule che approssimano il flusso delle valvole. Per capire il significato di queste formule occorre esaminare qual' è l'andamento del flusso nelle valvole pneumatiche. Si supponga di avere una valvola in cui P pressione assoluta di alimentazione a monte pressione manometrica più pressione ambiente), P la pressione assoluta a valle e T la temperatura assoluta dell'aria in ingresso. La portata che attraversa la valvola dipende da questi dati. In fig. sono riportate delle curve qualitative che descrivono l'andamento del flusso attraverso la valvola in funzione della pressione di uscita P. * * P P = P P Fig. - Curve di flusso Ogni curva è caratterizzata da una pressione di alimentazione P costante. Facendo riferimento, ad esempio, alla curva intermedia si nota come per P = P la portata è nulla. Al diminuire della pressione di uscita P all'aumentare quindi del salto di pressione P-P) la portata cresce fino a raggiungere un valore massimo * per P = P*, corrispondente alle condizioni soniche del flusso. Riducendo ulteriormente la pressione P, la portata rimane costante, rappresentando così la massima portata che può attraversare la valvola per la data condizione di monte. All'aumentare della pressione di ingresso P le curve mantengono lo stesso andamento e si spostano in campi di portata superiori. Al diminuire della pressione Ple curve si spostano in campi di portata inferiori e può mancare il tratto orizzontale, per cui il flusso nella valvola non raggiunge più le condizioni critiche. Il tratto che maggiormente interessa nell'uso corrente le valvole pneumatiche è il tratto subsonico antecedente il raggiungimento delle condizioni critiche del flusso. Di questo tratto vengono date diverse espressioni che approssimano l'andamento effettivo e che consentono di esprimere in modo semplice il flusso, usando coefficienti sperimentali.. Coefficienti di valvola "C" e "b" La raccomandazione CETOP RPP ripresa dalla normativa ISO 8) fornisce un'espressione della portata in base a due coefficienti sperimentali: la conduttanza C e il rapporto critico delle pressioni b..

5 Informazioni tecniche La conduttanza C = */P è il rapporto tra la portata massima * e la pressione assoluta di ingresso P in condizioni di flusso sonico e con una temperatura dell'aria di C. Il rapporto critico b = P*/P è il rapporto tra la pressione assoluta di uscita P ae la pressione assoluta di ingresso P per cui il flusso diventa sonico. La formula che rappresenta un'approssimazione di tipo ellittico della relazione che intercorre tra pressione e flusso, è la seguente: r - b N = C P Kt - ) - b dove: N è la portata in dm³/s riferita alle condizioni normali corrispondenti a, C bar e C; dm è la conduttanza della valvola in s bar P è la pressione assoluta di alimentazione in bar; r è il rapporto tra le pressioni di valle e di monte P/P); b è il rapporto critico delle pressioni; kt = 9/T è un fattore correttivo che tiene conto della temperatura assoluta di ingresso T; T= +t è la temperatura assoluta in K, mentre t è la temperatura in C. La determinazione sperimentale dei coefficienti C e b della valvola si effettua con aria compressa secondo procedure standardizzate e utilizzando il circuito di prova riportato in fig.. [] M M p M t d d d d d d A B C D E F G H L Fig. - Circuito di prova CETOP A Sorgente aria compressa filtrata. B Riduttore di pressione per la regolazione della pressione di monte P. C Valvola di intercettazione. D Misuratore della temperatura di ingresso t,situato in una zona in cui il flusso abbia bassa velocità. E Tubo di misura della pressione a monte. F Valvola di prova. G Tubo di misura della pressione a valle. H Regolatore di flusso per variare la pressione di valle P. L Misuratore di flusso. M,M Strumenti di misura della pressione rispettivamente di ingresso e di uscita. M P Strumento di misura della caduta di pressione nel caso in cui P-P< bar. In particolare, per la misura della pressione a monte e a valle della valvola occorre utilizzare tubi di misura previsti dalle norme, le cui dimensioni variano in funzione degli attacchi filettati della valvola, ed in cui i punti di misura delle pressioni sono in una posizione ben precisa in funzione del diametro interno del tubo. La conduttanza C si determina con l'espressione seguente, misurando la portata critica * che attraversa la valvola per una pressione di monte P constante e superiore a bar assoluti e per una temperatura dell'aria d'ingresso T. C = * P Kt [].

6 Informazioni tecniche. Coefficiente idraulico Kv Il rapporto critico delle pressioni b si determina tenendo presente la seguente espressione: b = - [ P ' P - - * Per una assegnata pressione P costante, si misura la portata ' corrispondente ad una caduta di pressione P = P-P = bar. Per determinare il rapporto critico b, si utilizza l'espressione [] perché sperimentalmente non è agevole rilevare con precisione la pressione P* per cui il flusso diventa sonico. Sia il valore della conduttanza C sia quello del rapporto critico b vengono ricavati come media tra i dati sperimentali di numerose prove. L'espressione [] si utilizza, noti i coefficienti C e b le condizioni operative della valvola P, P, T), per calcolare il flusso quando il regime è subsonico P > b P. Nelle condizioni soniche, P b P, l'espressione [] si semplifica e la portata massima è ricavabile dalla: * = C P kt [ [] [] Il coefficiente idraulico permette di calcolare la portata di un liquido, che attraversa una valvola, utilizzando la seguente relazione: [] = Kv p dove: è la portata di liquido in I/min p è la caduta di pressione attraverso la valvola in bar P - P) è la densità del liquido in Kg/dm³ Kv kg è il coefficiente idraulico in I ½ min dm³ bar Con queste unità il coefficiente di flusso Kv rappresenta la portata di acqua in litri al minuto che attraversa la valvola con una perdita di carico bar. Per la misura si utilizza un circuito standardizzato fig. ) in cui le prese di pressione sono piazzate in posizioni fisse che sono in funzione del diametro interno d del tubo Norma VDE/VDI ). P d d P VALVOLA IN PROVA P d d d Fig. - Circuito idraulico kg In alcuni casi la portata viene misurata in m³/h a cui corrisponde un Kv in m³ ½ h dm³ bar kg in questo caso per ottenere il Kv in I ½ basta moltiplicare il valore di Kv in min dm³ bar m³ kg ½ per il coefficiente numerico,. h dm³ bar L'utilizzo del coefficiente idraulico Kv è perfettamente idoneo a definire la portata di liquidi, mentre fornisce valori approssimati nel caso di aria compressa. Il trasferimento dal caso idraulico a quello dell'aria può essere però fatto tenendo conto della variazione di densità e con l'ipotesi che il passaggio di aria produca gli stessi effetti di quello dell'acqua, con analoghe perdite e contrazioni del flusso. Si possono pertanto ricavare espressioni valide per l'aria compressa che utilizzano gli stessi coefficienti di flusso Kv misurati con l'acqua..

7 Informazioni tecniche Tra le varie formule, che forniscono la portata N in volume normale che attraversa una valvola per una P assoluta di ingresso costante al variare della P assoluta di valle, si riporta la seguente: N = 8, Kv P P Tn T dove: n è la portata in volume in I/min; Kv è il coefficiente idraulico in kg ½ I min dm³ bar Tn è la temperatura assoluta in riferimento; T è la temperatura assoluta di ingresso in K; P è la pressione assoluta di valle in bar; P è la caduta di pressione P - P in bar. [] L'equazione [] è valida fino a un valore di P = ossia per P = P Per il valore P inferiori si assume una portata costante corrispondente a quella sonica *N data dall'espressione: P *N =, KV P Tn T []. Portata nominale Nn La portata nominale è il flusso in volume riferito alle condizioni normali) che attraversa la valvola con una pressione relativa a monte P = bar bar assoluti) e con una caduta di pressione di bar, corrispondente ad una pressione relativa di valle P = bar bar assoluti). Abitualmente la portata nominale viene data in I/min e può essere facilmente ricavata dalla curva sperimentale di flusso tracciata per una pressione di monte di bar relativi. La portata nominale può essere utile per una prima valutazione delle prestazioni di valvole diverse, ma è direttamente utilizzabile solo se le condizioni di impiego sono prossime a quelle suddette. Per poter paragonare valvole le cui prestazioni sono date con coefficienti diversi si possono utilizzare delle formule di passaggio. Noti i coefficienti C e b il corrispondente valore di portata nominale si può ricavare dall'espressione:,8 - b [8] Nn = C - - b ) dm³ dove: Nn = è in I/min e C in s bar La relazione tra il coefficiente idraulico KV e il corrispondente valore di portata nominale è la seguente: dove: Nn = KV Nn è in I/min e KV in I min kg dm³ bar ½ [9].

8 Curve di portata P bar) P bar) P bar) Minielettrovalvola mm Microelettrovalvola mm Foro Ø, Microelettrovalvola mm Foro Ø, 8 P bar) Microelettrovalvola mm M, M/, M, M/B M/B - MP P bar) Microelettrovalvola mm M/9 - MP W) P bar) Microelettrovalvola mm M/9 W) 8 8 Microelettrovalvola mm M/ - / N.A.) P bar) P bar) Elettrovalvola mm S e S/ - S/ P bar) Valvole ed Elettrovalvole Serie Tubo Ø - /, /, / e / 9 8 P bar) P bar) P bar) Valvole Serie M Valvole ed Elettrovalvole Serie 8, 8, 8 G /8" - / e / Valvole ed Elettrovalvole Serie 8, 8, 8 G /8" - /.

9 Curve di portata P bar) Valvole ed Elettrovalvole Serie /, /, /N G /" P bar) Valvole ed Elettrovalvole Serie,, G /" - / e / P bar) Valvole ed Elettrovalvole Serie,, G /" - / 8 P bar) Valvole ed Elettrovalvole Serie, G /" - / e / P bar) Valvole ed Elettrovalvole Serie e G /" - / P bar) Valvole ed Elettrovalvole Serie e G " P bar) Valvole ad otturatore Serie M P bar) Valvole ad otturatore Serie 8 G /8" P bar) Valvole ed Elettrovalvole ad otturatore Serie 8-88 G /8" 8 8 P bar) Valvole ed Elettrovalvole ad otturatore Serie - 8 G /" Valvole ed Elettrovalvole ad otturatore Serie 9 G /8" P bar) 8 P bar) Valvole ed Elettrovalvole ad otturatore Serie G /".

10 Curve di portata 8 8 Valvole ed Elettrovalvole ad otturatore Serie G " P bar) P bar) Serie 8 e 8 M 9 8 P bar) Serie 88 e 88 G /8" 8 8 P bar) Serie 88 G /8" - / P bar) Serie 88 G /8" - / P bar) Series 8 G /" - / P bar) Serie 8 G /" - / P bar) Serie 88/ - 88/ G /8" - / P bar) Serie 88/ - 88/ G /8" - /.8 8 P bar) Serie 88/ G /8" - / 9 8 P bar) Serie 88/ G /8" - / 8 P bar) Serie - "ISO " - /

11 Curve di portata 8 P bar) P bar) 8 8 P bar) Serie - - "ISO " - / Serie - - "ISO " Seriee - "ISO " P bar) Serie - "ISO " P bar) Serie - "ISO " - / P bar) Serie - "ISO " - /.9

12 Grado di protezione IP secondo CEI EN 9 Gradi di protezione per bobine o solenoidi con connettore Per grado di protezione si intende la capacità intrinseca di proteggere e di proteggersi di una apparecchiatura elettrica sotto tensione contro contatti accidentali o penetrazione di particelle solide e acqua. Si definisce con la sigla "I.P." seguita da numeri; il primo, da a, classifica la protezione da contatti accidentali e penetrazione di polvere, il secondo, da a 8, la protezione contro l'acqua. Le tabelle sotto riportate descrivono i gravi previsti. Gradi di protezione contro i contatti accidentali e la penetrazione di corpi solidi estranei Prima cifra Protezione Denominazione Nessuna protezione Protezione contro la penetrazione di corpi solidi di grandi dimensioni Protezione contro la penetrazione di corpi solidi di media grandezza. Spiegazione Nessuna speciale protezione per le persone contro contatti accidentali con parti sotto tensione oppure parti in movimento. Nessuna protezione degli apparecchi contro la penetrazione di corpi estranei solidi. Protezione contro contatti accidentali di grandi superfici con parti sotto tensione oppure in movimento all'interno dell'apparecchio, per esempio contatti con le mani, ma nessuna protezione contro l'accesso volontario a queste parti. Protezione degli apparecchi contro la penetrazione di corpi solidi con un diametro superiore a mm. Protezione contro contatti delle dita con parti sotto tensione oppure in movimento all'interno degli apparecchi. Protezione contro la penetrazione di corpi solidi con un diametro superiore a mm. per esempio dito della mano. Protezione contro la penetrazione di corpi solidi di piccolissime dimensioni. Protezione contro la penetrazione di corpi solidi di piccolissime dimensioni. Protezione contro depositi di polvere. Protezione contro la penetrazione della polvere. Protezione contro contatti di utensili, conduttori o simili con uno spessore superiore a, mm. con parti sotto tensione oppure in movimento all'interno degli apparecchi. Protezione contro la penetrazione di corpi solidi con un diametro superiore a, mm. per esempio arnesi, fili. Protezione contro contatti di utensili, conduttori o simili con uno spessore superiore ad mm. con parti sotto tensione oppure in movimento all'interno degli apparecchi. Protezione contro la penetrazione di corpi solidi con un diametro superiore ad mm. per esempio arnesi fini, fili sottili. Protezione completa contro contatti con mezzi di qualsiasi genere con le parti sotto tensione oppure in movimento all'interno degli apparecchi. Protezione contro depositi di polvere. La penetrazione della polvere non è totalmente soppressa ma è ridotta in modo da assicurare il buon funzionamento dell'apparecchio. Protezione completa contro contatti con mezzi di qualsiasi genere con parti sotto tensione oppure in movimento all'interno dell'apparecchio. Protezione totale contro la penetrazione della polvere. Gradi di protezione contro la penetrazione di acqua Seconda cifra Protezione Denominazione Nessuna protezione Protezione contro gocce d'acqua con direzione perpendicolare. Protezione contro gocce d'acqua con direzione obliqua. Protezione contro gocciolatura d'acqua. Protezione contro spruzzi d'acqua. Protezione contro getti d'acqua. Protezione contro inondazione. Protezione contro l'immersione. Spiegazione Nessuna particolare protezione. Le gocce d'acqua che cadono perpendicolarmente non devono avere alcun effetto nocivo. Le gocce d'acqua che cadono con una inclinazione qualsiasi fino a rispetto alla verticale, non devono avere alcun effetto nocivo. L'acqua spruzzata da qualsiasi direzione contro l'apparecchio non deve avere alcun effetto nocivo. L'acqua spruzzata da qualsiasi direzione contro l'apparecchio non deve avere alcun effetto nocivo. Il getto d'acqua di una lancia proiettato da qualsiasi direzione contro l'apparecchio, non deve avere alcun effetto nocivo. L'acqua che penetra in un apparecchio a causa di un'inondazione, temporanea, per es. durante il mare agitato, non deve avere alcun effetto nocivo. L'acqua non deve penetrare in quantità tale da danneggiare l'apparecchio in caso di immersione dello stesso per tempi e con pressioni prestabilite.. 8 Protezione contro la sommersione. L'acqua non deve penetrare in quantità tale da danneggiare l'apparecchio in caso di sommersione dello stesso con una pressione prestabilita e per un periodo di tempo indeterminato.

13 .

14 Generalità Schemi funzionali Funzione / Normalmente CHIUSA = ALIMENTAZIONE = UTILIZZO = TAPPARE Funzione / Normalmente APERTA = TAPPARE = UTILIZZO = ALIMENTAZIONE Funzione / Normalmente CHIUSA = ALIMENTAZIONE = UTILIZZO = SCARICO Funzione / Normalmente APERTA = SCARICO = UTILIZZO = ALIMENTAZIONE Funzione / Selezione di pressione = UTILIZZO = ALIMENTAZIONE = UTILIZZO Funzione / Selezione di pressione = ALIMENTAZIONE P = UTILIZZO P -P = ALIMENTAZIONE P.

15 Generalità Schemi funzionali Funzione / = ALIMENTAZIONE = UTILIZZO = SCARICO VIA = UTILIZZO = SCARICO VIA Funzione / Selezione di pressioni = SCARICO P -P = UTILIZZO P = ALIMENTAZIONE P = UTILIZZO P = ALIMENTAZIONE P Funzione / CENTRI CHIUSI = ALIMENTAZIONE = UTILIZZO = SCARICO VIA = UTILIZZO = SCARICO VIA Funzione / CENTRI APERTI = ALIMENTAZIONE = UTILIZZO = SCARICO VIA = UTILIZZO = SCARICO VIA Funzione / CENTRI IN PRESSIONE = ALIMENTAZIONE = UTILIZZO = SCARICO VIA = UTILIZZO = SCARICO VIA.

16 Generalità Simbologia pneumatica Valvole di controllo direzionale Valvolaavie-posizioni - normalmente chiusa Valvolaavie-posizioni - connessione di scarico in comune centro chiuso Valvolaavie-posizioni - normalmente aperta Valvolaavie-posizioni - connessione di scarico separate Valvolaavie-posizioni - normalmente chiusa Valvolaavie-posizioni - centri aperti Valvolaavie-posizioni - normalmente aperta Valvolaavie-posizioni - centri chiusi Valvolaavie-posizioni - connessione di scarico in comune Valvolaavie-posizioni - centri in pressione Definizioni Connessioni Le connessioni disegnate nel simbolo, devono corrispondere alle connessioni degli elementi. La chiave di lettura è composta da cifre o lettere, la cui combinazione permette di definire tutte le connessioni. Definizione con cifre,,,,...9 Una cifra = connessione principale Due cifre = connessione di comando Definizione con lettere A, B, dietro le cifre per più connessioni principali X, Y, prima delle cifre per connessioni pressione supplementare Connessioni principali Confronto = Connessione di alimentazione = Connesione di lavoro, in presenza di una connessione di uscita e = Connessione di utilizzo, in presenza di due connessioni di uscita,, = Connessioni di utilizzo, in presenza di tre connessioni di uscita = Connessioni di scarico aria e = Connessioni di scarico aria, in presenza di due connessioni di scarico,, = Connessioni di scarico aria, in presenza di tre connessioni di scarico Nella pneumatica in una posizione di manovra la connessione è sempre collegata alla connessione eccezione fatta per le valvole a / vie) e la connessione sempre alla connessione. Definizioni delle connessioni Pneumatica -Vie -Vie CETOP DIN P B S A R Z Y Z Y.

17 Generalità Simbologia pneumatica Connessioni di comando Connessioni di comando,, significa. Connessione pressione chiusa se la connessione di comando non è sotto segnale. significa: Connessione d'utilizzo in collegamento con la connessione se la connessione di comando è sotto segnale. significa: Connessione collegata alla connessione se la connessione di comando è sotto segnale. Condutture e connessioni Valvole complementari Linea di pressione Valvola di strozzamento Linea di comando Linea di scarico Regolatore di flusso bidirezionale Linea flessibile Linea elettrica Regolatore di flusso unidirezionale Connessione di condutture Valvola di scarico rapido Incrocio di condutture Attacco principale aria Valvola selettrice Giunto rotante ad una via Silenziatore Giunto rotante a tre vie Presa d'aria tappata Valvola di non ritorno senza molla Presa d'aria con collegamento inserito Raccordo ad innesto rapido senza valvola di non ritorno Raccordo ad innesto rapido con valcola di non ritorno Scarico d'aria connessione non filettata Scarico d'aria connessione filettata Valvola di non ritorno con molla Valvola di non ritorno controllata in chiusura Valvola di non ritorno controllata in apertura.

18 Generalità Simbologia pneumatica Valvole di controllo della pressione Dispositivi di azionamento Pressostato Comando manuale generico) Valvola limitatrice di pressione a scarico libero Valvola limitatrice di pressione pilotata a scarico libero Pulsante Leva Valvola di sequenza Pedale Regolatore di pressione senza valvola di scarico Pulsante meccanico Regolatore di pressione pilotato senza valvola di scarico Molla Regolatore di pressione senza valvola di scarico libero) Rotella Regolatore di pressione differenziale Solenoide Apparecchi per il trattamento nell'aria Rotella snodata Accumulatore pneumatico capacità) Comando diretto a pressione Filtro aria Comando diretto a pressione con alimentazione esterna Separatore di condensa a scarico manuale Separatore di condensa a scarico automatico Filtro - separatore di condensa a scarico manuale Filtro - separatore di condensa a scarico automatico Lubrificatore a nebbia o micronebbia d'olio Gruppo litro - regolatore di pressione - Comando diretto a depressione Comando diretto a depressione con alimentazione esterna Comando indiretto a pressione Comando indiretto a depressione Azionamento elettropneumatico Azionamento elettropneumatico con alimentazione esterna Comando a mani Gruppo filtro - regolatore di pressione - Manometro.

Informazioni tecniche

Informazioni tecniche Informazioni tecniche generali - Concetti base di pneumatica 0 - Normative 03 - Unità di misura, tabelle di conversione 04 - Simbologia Pneumatica 05 - Materiali, grassi, oli 06 - Unità di trattamento

Dettagli

Informazioni tecniche - Curve di portata - Schemi funzionali - Simbologia Pneumatica - Tabelle. Elettrovalvole a comando diretto 2/2, 3/2

Informazioni tecniche - Curve di portata - Schemi funzionali - Simbologia Pneumatica - Tabelle. Elettrovalvole a comando diretto 2/2, 3/2 Catalogo valvole a comando pneumatico ed elettrovalvole Informazioni tecniche - Curve di portata - Schemi funzionali - Simbologia Pneumatica - Tabelle Serie 0 Sezione 0 S.p.A. Elettrovalvole a comando

Dettagli

GRADO DI PROTEZIONE IL CODICE IP

GRADO DI PROTEZIONE IL CODICE IP GRADO DI PROTEZIONE IL CODICE IP Avremo tutti sentito molte volte, riferendosi ad apparecchiature elettriche in genere, la dicitura "protezione IP";facciamo dunque un pò di chiarezza sul significato di

Dettagli

Informazioni tecniche - Curve di portata - Schemi funzionali - Simbologia Pneumatica - Tabelle. Elettrovalvole a comando diretto 2/2, 3/2

Informazioni tecniche - Curve di portata - Schemi funzionali - Simbologia Pneumatica - Tabelle. Elettrovalvole a comando diretto 2/2, 3/2 Catalogo valvole a comando pneumatico ed elettrovalvole Informazioni tecniche - Curve di portata - Schemi funzionali - Simbologia Pneumatica - Tabelle Serie Sezione S.p.A. Elettrovalvole a comando diretto

Dettagli

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA Comando pneumatico: è costituito da un insieme di tubazioni e valvole, percorse da aria compressa, che collegano una centrale di compressione ad una

Dettagli

Asso@eraulica. Titolo: gradi di protezione degli involucri (Codice IP-International Protection)

Asso@eraulica. Titolo: gradi di protezione degli involucri (Codice IP-International Protection) OGGETTO: gradi di protezione degli involucri NORMA: CEI 70-1 NORME CORRELATE : nazionali CEI 70-3, europee EN 60529, internazionali IEC 529 Data di pubblicazione: 06/1997 seconda edizione Validità: in

Dettagli

NEWS 61. Moltiplicatore di pressione Serie

NEWS 61. Moltiplicatore di pressione Serie NEWS 61 Componenti per l'automazione pneumatica Moltiplicatore di pressione www.pneumaxspa.com Generalità In alcune applicazioni, la spinta generata da un attuatore pneumatico è insufficiente a compiere

Dettagli

3 Protetto contro i corpi solidi superiori a 2,5mm (arnesi, fili) GENERALITA'

3 Protetto contro i corpi solidi superiori a 2,5mm (arnesi, fili) GENERALITA' GENERALITA' Il codice IP (International Protection) identifica i gradi di protezione degli involucri per apparecchiature elettriche. La prima codifica comparve sulla norma CEI 70-1 (1980), cui fece seguito

Dettagli

DISPENSA DI PNEUMATICA

DISPENSA DI PNEUMATICA DISENS DI NEUMTIC 1 RESSIONE La pressione è una grandezza fisica derivata dal rapporto tra forza e superficie. L unità di misura internazionale della pressione è il ascal, anche se è più comodo utilizzare

Dettagli

SIT 840-843-845 SIGMA

SIT 840-843-845 SIGMA SIT -3-5 SIGMA Dispositivo multifunzionale per apparecchi di combustione gas 9.955.1 1 Il contenuto è soggetto a modifiche senza preavviso Campo di applicazione Apparecchi domestici a gas quali: caldaie

Dettagli

Componenti per l automazione pneumatica

Componenti per l automazione pneumatica Componenti per l automazione pneumatica www.pneumaxspa.com Con il programma "DIDACTIC" Pneumax si propone di realizzare un pacchetto completo di moduli assemblabili su di un banco di simulazione. Il programma

Dettagli

ACCUMULATORI IDRAULICI

ACCUMULATORI IDRAULICI In generale, un accumulatore idraulico può accumulare liquido sotto pressione e restituirlo in caso di necessità; IMPIEGHI 1/2 Riserva di liquido Nei circuiti idraulici per i quali le condizioni di esercizio

Dettagli

Valvole ed elettrovalvole Serie 9 (Norme ISO) 2/2.20.01

Valvole ed elettrovalvole Serie 9 (Norme ISO) 2/2.20.01 CATALOGO > Release 8.7 > Valvole ed elettrovalvole Serie 9 Valvole ed elettrovalvole Serie 9 (Norme ISO) 5/ 5/3 vie CC CO Attacchi: G1/4 (taglia 1), G3/8 (taglia ), G1/ (taglia 3) Secondo Norme ISO 5599/1

Dettagli

Regolatore di pressione proporzionale

Regolatore di pressione proporzionale Regolatore di pressione proporzionale Pagina Generalità Caratteristiche - Installazione / Funzionamento Dimensioni di ingombro Caratteristiche funzionali / costruttive - Taglia 1 Codici di ordinazione

Dettagli

Elettrovalvole a comando diretto Serie A

Elettrovalvole a comando diretto Serie A > Elettrovalvole Serie A CATALOGO > Release 8.6 Elettrovalvole a comando diretto Serie A / vie - 3/ vie NC e NO Monostabili - bistabili (con memoria magnetica) Attacchi M5 - G1/8 - R1/8 - cartuccia ø4

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE Scelta delle misure di protezione contro i contatti diretti Le misure di protezione mediante isolamento

Dettagli

Simboli di disegni e di funzione Corso base

Simboli di disegni e di funzione Corso base Simboli di disegni e di funzione Introduzione Simboli di disegni Simboli di funzione Nota Nota: nella rappresentazione della schematica freni e delle funzioni negli apparecchi molto spesso si utilizzano

Dettagli

Dispositivo di protezione e regolazione TR5037TE

Dispositivo di protezione e regolazione TR5037TE 3B.501 Ed. 4.1 IT - 2006 Dispositivo di protezione e regolazione TR5037TE per scambiatori a vapore ed acqua fino a 100 C Raccolta R - Prot. ISPESL (ANCC) 26460 del 29/7/1981 - DM 1/12/75 Descrizione Il

Dettagli

Scheda tecnica. Pressostato tipo CS 520B1237

Scheda tecnica. Pressostato tipo CS 520B1237 Agosto 2002 DKACT.PD.P10.A2.06 520B1237 Introduzione I pressostati della serie CS fanno parte della gamma dei prodotti Danfoss destinati al controllo della pressione. Tutti i pressostati CS sono dotati

Dettagli

Tecnica dei sensori Controllo pneumatico della posizione Serie MS01. Prospetto del catalogo

Tecnica dei sensori Controllo pneumatico della posizione Serie MS01. Prospetto del catalogo Prospetto del catalogo 2 Controllo pneumatico della posizione, modulo di collaudo MS01 Blocco di collaudo MS01-PA, variante I, con valvola 2 x /2 piastra di collegamento in Poliammide, rinforzata in fibra

Dettagli

MOLTIPLICATORE DI PRESSIONE ARIA-ARIA (BOOSTER)

MOLTIPLICATORE DI PRESSIONE ARIA-ARIA (BOOSTER) MOLTIPLICATORE DI PRESSIONE ARIA-ARIA (BOOSTER) Il moltiplicatore di pressione aria-aria è un dispositivo automatico che comprime l aria fornendo in uscita un flusso con pressione doppia rispetto a quella

Dettagli

Protezione dai Contatti Diretti

Protezione dai Contatti Diretti Contatto Diretto Protezione dai Contatti Diretti La protezione delle persone contro i contatti diretti può essere ottenuta mediante: Isolamento delle parti attive. La parti attive devono essere ricoperte

Dettagli

Termoregolatori auto-servoazionati a pilota 37D e 37DE

Termoregolatori auto-servoazionati a pilota 37D e 37DE TI-P102-01 CH Ed. 4 IT - 2006 Termoregolatori auto-servoazionati a pilota 37D e 37DE Descrizione Le valvole 37D sono dei regolatori di temperatura a pilota per l utilizzo su applicazioni di scambio termico

Dettagli

Deceleratori per Ascensori ADS-ST-26. Tecnica d ammortizzo. CALCOLO on-line e download CAD 2D / 3D. F m. www.weforma.com

Deceleratori per Ascensori ADS-ST-26. Tecnica d ammortizzo. CALCOLO on-line e download CAD 2D / 3D. F m. www.weforma.com Deceleratori per Ascensori ADS-ST-26 Tecnica d ammortizzo CALCOLO on-line e download CAD 2D / 3D F m V S Vantaggi Applicazioni: - Ascensori per persone e per carichi Sicurezza: - Interruttore di posizione

Dettagli

GAS. I gas si assomigliano tutti

GAS. I gas si assomigliano tutti I gas si assomigliano tutti Aeriforme liquido solido GAS Descrizione macroscopica e microscopica degli stati di aggregazione della materia Fornendo energia al sistema, le forze di attrazione tra le particelle

Dettagli

Note sulla protezione degli strumenti secondo DIN EN 60529 e NEMA

Note sulla protezione degli strumenti secondo DIN EN 60529 e NEMA Informazioni tecniche Note sulla protezione degli strumenti secondo DIN EN 60529 e NEMA Scheda tecnica WIKA IN 00.18 Informazioni generali Le presenti informazioni tecniche descrivoano le misure per impedire

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE 1 PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE Sono le perdite di carico (o di pressione) che un fluido, in moto attraverso un condotto, subisce a causa delle resistenze

Dettagli

Elettrovalvole a comando diretto Serie A

Elettrovalvole a comando diretto Serie A > Elettrovalvole Serie A Elettrovalvole a comando diretto Serie A CATALOGO > Release 8.4 / vie - 3/ vie NC e NO Monostabili - bistabili (con memoria magnetica) Attacchi M5 e G1/8 - cartuccia ø4 Le elettrovalvole

Dettagli

Posizionatore elettropneumatico Tipo 4763 Posizionatore pneumatico Tipo 4765

Posizionatore elettropneumatico Tipo 4763 Posizionatore pneumatico Tipo 4765 Posizionatore elettropneumatico Tipo 4763 Posizionatore pneumatico Tipo 4765 Applicazione Posizionatore a semplice effetto per valvole pneumatiche, la cui variabile di riferimento è un segnale elettrico

Dettagli

Serie PF51G per controllo on-off Valvole pneumatiche a pistone in bronzo

Serie PF51G per controllo on-off Valvole pneumatiche a pistone in bronzo Pagina 1 di 8 TI-P373-14 CH Ed. 3 IT - 2010 Descrizione Le valvole in bronzo per controllo on/off della serie PF51G sono del tipo a due vie ad attuazione pneumatica, progettate per l utilizzo con un ampia

Dettagli

Pressostato di sovrapressione per gas, aria, gas di combustione GW A4/2 HP

Pressostato di sovrapressione per gas, aria, gas di combustione GW A4/2 HP di sovrapressione per gas, aria, gas di combustione 5.04 Printed in Germany Edition 07. Nr. 4 656 6 Caratteristiche tecniche Il pressostato GW A4 HP è un pressostato regolabile secondo EN 854 (GW 6000

Dettagli

Serie T15. Riduttore di pressione ad azione diretta a pistone F/F. Campi di applicazione. Regolazione. www.brandoni.it

Serie T15. Riduttore di pressione ad azione diretta a pistone F/F. Campi di applicazione. Regolazione. www.brandoni.it Riduttore di pressione ad azione diretta a pistone F/F Campi di applicazione ACQUA RISCALDAMENTO ACQUA POTABILE INDUSTRIA 230 I riduttori di pressione filettati F/F serie T15 sono adatti alla riduzione

Dettagli

Regolatore di pressione

Regolatore di pressione Regolatore di pressione FRS 4.10 Printed in Germany Edition 03.15 Nr. 215 170 1 6 Caratteristiche tecniche Il regolatore di pressione DUNGS tipo FRS, è dotato di una molla regolabile per il valore nominale.

Dettagli

MOLTIPLICATORE DI PRESSIONE ARIA/OLIO

MOLTIPLICATORE DI PRESSIONE ARIA/OLIO Il moltiplicatore di pressione sfrutta una combinazione di aria/olio ottenendo notevoli pressioni. Il principio si basa sulla differenza della superficie dei due pistoni collegati tra di loro da un unico

Dettagli

Valvole ed elettrovalvole Serie 9 (Norme ISO) 2/2.20.01

Valvole ed elettrovalvole Serie 9 (Norme ISO) 2/2.20.01 CATALOGO > Release 8.5 > Valvole ed Elettrovalvole Serie 9 Valvole ed elettrovalvole Serie 9 (Norme ISO) 5/ 5/3 vie CC CO Attacchi: G1/4 (taglia 1), G3/8 (taglia ), G1/ (taglia 3) Secondo Norme ISO 5599/1

Dettagli

SERIE 500 TRASMETTITORE PNEUMATICO DI PRESSIONE DIFFERENZIALE A CAMPO VARIABILE

SERIE 500 TRASMETTITORE PNEUMATICO DI PRESSIONE DIFFERENZIALE A CAMPO VARIABILE Man500n 09/2006 Istruzioni d'installazione Uso e Manutenzione SERIE 500 TRASMETTITORE PNEUMATICO DI PRESSIONE DIFFERENZIALE A CAMPO VARIABILE INDICE 1. MONTAGGIO 2. COLLEGAMENTO ALLA RETE ARIA COMPRESSA

Dettagli

Filtri immersi in aspirazione. Serie HF 410 / HF 412

Filtri immersi in aspirazione. Serie HF 410 / HF 412 Filtri immersi in aspirazione Serie HF 410 / HF 412 IL VALORE DI UNA BUONA FILTRAZIONE La causa principale delle anomalie nei sistemi oleodinamici è da attribuire alla presenza di elementi contaminanti

Dettagli

Orac Decor Illuminazione

Orac Decor Illuminazione Orac Decor Illuminazione Sezione 1 Informazioni generali 1. Quale è la temperatura massima per i profili Orac Decor abbinati all illuminazione? I profili Orac Decor possono raggiungere la temperatura massima

Dettagli

Regolatore di Pressione. Staflux 187

Regolatore di Pressione. Staflux 187 Regolatore di Pressione > Regolatore di pressione Introduction I regolatori di pressione STAFLUX 187 sono regolatori ad azione diretta con comando a membrana ed azione di contrasto con camera pressurizzata,

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Trattamento aria compressa Gruppi di trattamento e componenti serie NL4. Prospetto del catalogo

Trattamento aria compressa Gruppi di trattamento e componenti serie NL4. Prospetto del catalogo serie NL4 Prospetto del catalogo 2 serie NL4 Gruppo di trattamento Gruppo di trattamento in 2 parti, Serie NL4-ACD G 1/2 - G 3/4 Grado di filtraggio: 5 µm con manometro 7 Gruppo di trattamento in 3 parti,

Dettagli

AMBER/forkline. segnalazione per carrelli elevatori CATALOGO GENERALE

AMBER/forkline. segnalazione per carrelli elevatori CATALOGO GENERALE AMBER/forkline segnalazione per carrelli elevatori CATALOGO GENERALE AMBER/forkline segnalazione per carrelli elevatori La linea completa di segnalatori AMBER comprende anche: AMBER/serviline Un ampia

Dettagli

DL3B 41 220/015 ID ELETTROVALVOLA DIREZIONALE A BASSO CONSUMO (8 WATT) SERIE 10 ATTACCHI A PARETE ISO 4401-03 (CETOP 03) p max 280 bar Q max 60 l/min

DL3B 41 220/015 ID ELETTROVALVOLA DIREZIONALE A BASSO CONSUMO (8 WATT) SERIE 10 ATTACCHI A PARETE ISO 4401-03 (CETOP 03) p max 280 bar Q max 60 l/min 41 220/015 ID DL3B ELETTROVALVOLA DIREZIONALE A BASSO CONSUMO (8 WATT) ATTACCHI A PARETE ISO 4401-03 (CETOP 03) p max 280 bar Q max 60 l/min PIANO DI POSA PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO ISO 4401-03-02-0-05

Dettagli

Servovalvola 3/3 per la regolazione della portata e della pressione nei sistemi pneumatici SERVOTRONIC P 330

Servovalvola 3/3 per la regolazione della portata e della pressione nei sistemi pneumatici SERVOTRONIC P 330 Servovalvola / per la regolazione della portata e della pressione nei sistemi pneumatici SERVOTRONIC 0 LA NEMATICA ROORZIONALE SERVOTRONIC La duttilità della pneumatica unita all'intelligenza dell'elettronica

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

Serie 1700 Taglia 2 3.27

Serie 1700 Taglia 2 3.27 Serie 1700.27 Serie 1700 Trattamento aria Filtro 17201c.s.t c CONNESSIONI A = G 1/4" B = G /8" SOGLIA DI FILTRAZIONE A = 5 s B = 20 C = 50 t TIPOLOGIA S = Scarico automatico Esempio: 17201A.B Filtro con

Dettagli

Istruzioni per l uso ed il montaggio. Montaggio ADS

Istruzioni per l uso ed il montaggio. Montaggio ADS ADS La serie ADS è stata progettata sulla base della comprovata serie di ammortizzatori per carichi pesanti LDS da utilizzare su ascensori per persone e carichi. La prova di omologazione garantisce che

Dettagli

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia Pubblicato il: 11/12/2003 Aggiornato al: 11/12/2003 di Gianluigi Saveri Secondo la Norma 64-8 sez. 701, in funzione della pericolosità, nei locali bagno

Dettagli

Filtro per il gas e per l'aria. GF/1: Rp 1/2 - Rp 2 GF/3: DN 40 GF/4: DN 50 - DN 100 GF: DN 125 - DN 200

Filtro per il gas e per l'aria. GF/1: Rp 1/2 - Rp 2 GF/3: DN 40 GF/4: DN 50 - DN 100 GF: DN 125 - DN 200 Filtro per il gas e per l'aria GF/1: Rp 1/2 - Rp 2 GF/3: DN 40 GF/4: DN 50 - DN 100 GF: DN 125 - DN 200 11.02 Printed in Germany Edition 02.13 Nr. 225 693 1 8 Caratteristiche tecniche Filtro per condutture

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

02 Componenti per impianti solari pag.

02 Componenti per impianti solari pag. 02 02 Componenti per impianti solari pag. Miscelatore termostatico - Valvola di zona deviatrice - Raccordo 3 Pezzi 8 Gruppo solare 9 Valvola sfogo aria - Valvola di sicurezza - Disaeratore 62 Raccorderia

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

Unità automatica di scarico e pompaggio APT14, APT14HC e APT14SHC

Unità automatica di scarico e pompaggio APT14, APT14HC e APT14SHC Pagina 1 di 5 TI-P612-02 ST Ed. 7 IT - 2009, HC e SHC Descrizione Le unità automatiche di scarico e pompaggio Spirax Sarco, HC e SHC funzionano come pompe volumetriche e hanno attacchi filettati o flangiati

Dettagli

Trasmettitore di pressione per applicazioni industriali Tipi MBS 3000 e MBS 3050

Trasmettitore di pressione per applicazioni industriali Tipi MBS 3000 e MBS 3050 MAKING MODERN LIVING POSSIBLE Scheda tecnica Trasmettitore di pressione per applicazioni industriali Tipi MBS 3000 e MBS 3050 Il trasmettitore di pressione MBS 3000 è progettato per l'utilizzo nelle applicazioni

Dettagli

TEORIA CINETICA DEI GAS

TEORIA CINETICA DEI GAS TEORIA CINETICA DEI GAS La teoria cinetica dei gas è corrispondente con, e infatti prevede, le proprietà dei gas. Nella materia gassosa, gli atomi o le molecole sono separati da grandi distanze e sono

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

GONFIAGOMME PORTATILI

GONFIAGOMME PORTATILI GONFIAGOMME PORTATILI 3521 Gonfiagomme pneumatico con serbatoio da 16 lt a caricamento manuale, completo di pistola con manometro mod. 7301 e tubo spiralato lungh. 5 mt. Funzionamento autonomo dopo immissione

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO ATTREZZATURE DI PRODUZIONE PNEUMATICHE ED OLEODINAMICHE. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08

ITIS OTHOCA ORISTANO ATTREZZATURE DI PRODUZIONE PNEUMATICHE ED OLEODINAMICHE. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 ITIS OTHOCA ORISTANO ATTREZZATURE DI PRODUZIONE PNEUMATICHE ED OLEODINAMICHE Attrezzature di produzione: pneumatiche ed oleodinamiche Nelle attrezzature pneumatiche ed oleodinamiche la forza applicata

Dettagli

Regolatore di flusso a 2 vie

Regolatore di flusso a 2 vie RIES TECHNOLOGY s.r.l. Regolatore di flusso a vie RI /0.09 Sostituisce: 0.0 / Tipo FRM Grandezza nominale Serie X ressione d'esercizio massima bar ) ortata max. l/min. H+ Sommario Indice agina Caratteristiche

Dettagli

Valvole riduttrici di pressione Azionamenti manuali Valvole di regolazione di precisione. Prospetto del catalogo

Valvole riduttrici di pressione Azionamenti manuali Valvole di regolazione di precisione. Prospetto del catalogo Valvole di regolazione di precisione Prospetto del catalogo Valvole di regolazione di precisione Qn = 9 l/min Elemento di comando: Pulsante Filettatura interna valvola a magnete Qn = 9 l/min Elemento di

Dettagli

CALEFFI. Valvole di sicurezza per impianti termici ed idrosanitari. serie 311-312-313-314-513-514 01253/13. Generalità

CALEFFI. Valvole di sicurezza per impianti termici ed idrosanitari. serie 311-312-313-314-513-514 01253/13. Generalità Valvole di sicurezza per impianti termici ed idrosanitari serie 311-312-313-314-513-514 RIT LFFI 013/13 ISO 9001 FM 21654 ISO 9001 No. 0003 Generalità Le valvole di sicurezza serie 311, 312, 313, 314,

Dettagli

1. RETI ANTINCENDIO AD IDRANTI... pag. 2. 1.1 Riferimenti Normativi... pag. 2. 1.2 Generalità sull Impianto... pag. 3

1. RETI ANTINCENDIO AD IDRANTI... pag. 2. 1.1 Riferimenti Normativi... pag. 2. 1.2 Generalità sull Impianto... pag. 3 INDICE 1. RETI ANTINCENDIO AD IDRANTI.................................... pag. 2 1.1 Riferimenti Normativi........................................ pag. 2 1.2 Generalità sull Impianto.......................................

Dettagli

firing SP rin KL er idr Anti Schiuma SCH iuma watermi St gas tubi e r ACCordi giunti StAffAggio 45

firing SP rin KL er idr Anti Schiuma SCH iuma watermi St gas tubi e r ACCordi giunti StAffAggio 45 Schiuma firing SPRINKLER IDRANTI SCHIUMA watermist GAS tubi e raccordi Giunti staffaggio 45 Impianti schiuma Una soluzione definitiva in applicazioni dove l acqua non basta. Per la progettazione degli

Dettagli

Istruzioni per l installazione. combinazione frigo-congelatore Pagina 18 7081 401-00. CNes 62 608

Istruzioni per l installazione. combinazione frigo-congelatore Pagina 18 7081 401-00. CNes 62 608 struzioni per l installazione combinazione frigo-congelatore Pagina 18 I 7081 401-00 CNes 62 608 Posizionamento Evitare la posizionatura dell'apparecchio in aree direttamente esposte ai raggi del sole,

Dettagli

Istruzioni di montaggio

Istruzioni di montaggio Istruzioni di montaggio Forno a vapore a pressione DG 4064 / DG 4164 DG4064L/DG4164 L Leggere attentamente le istruzioni d'uso prima it-it di procedere al posizionamento, all'installazione e alla messa

Dettagli

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti Unità di misura Le unità di misura sono molto importanti 1000 è solo un numero 1000 lire unità di misura monetaria 1000 unità di misura monetaria ma il valore di acquisto è molto diverso 1000/mese unità

Dettagli

VALVOLE DI BLOCCO. Serie BM5. Process Management TM

VALVOLE DI BLOCCO. Serie BM5. Process Management TM VALVOLE DI BLOCCO Serie BM5 Process Management TM Valvole di blocco La valvola di blocco serie BM5 è un organo di intercettazione automatico adatto per essere installato come dispositivo di sicurezza nelle

Dettagli

Riparazione e Manutenzione

Riparazione e Manutenzione Riparazione e Manutenzione Ampia selezione in una singola marca. Esclusivi design duraturi. Prestazioni rapide e affidabili. Descrizione Versioni Pagina Pompe prova impianti 2 9.2 Congelatubi 2 9.3 Pompe

Dettagli

Gas e gas perfetti. Marina Cobal - Dipt.di Fisica - Universita' di Udine 1

Gas e gas perfetti. Marina Cobal - Dipt.di Fisica - Universita' di Udine 1 Gas e gas perfetti 1 Densita Densita - massa per unita di volume Si misura in g/cm 3 ρ = M V Bassa densita Alta densita Definizione di Pressione Pressione = Forza / Area P = F/A unita SI : 1 Nt/m 2 = 1

Dettagli

VALVOLE DI REGOLAZIONE

VALVOLE DI REGOLAZIONE VALVOLE DI REGOLAZIONE DIMENSIONAMENTO E SCELTA INTRODUZIONE Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire indicazioni, suggerimenti e formule per una corretta scelta delle valvole di controllo per processi

Dettagli

TRASFORMATORE PER CANTIERE

TRASFORMATORE PER CANTIERE TRASFORMATORE PER CANTIERE DI SICUREZZA E ISOLAMENTO 000VA L'UNICO A MARCHIO IMQ TRASFORMATORI DI ISOLAMENTO E DI SICUREZZA I trasformatori di isolamento e di sicurezza assicurano la protezione contro

Dettagli

UM/22000. Operatori elettrici a 10 e 16 bar. Bobine a basso assorbimento (1,5W) Ampia gamma di sottobasi e accessori. Evidenziate le versioni a stock

UM/22000. Operatori elettrici a 10 e 16 bar. Bobine a basso assorbimento (1,5W) Ampia gamma di sottobasi e accessori. Evidenziate le versioni a stock Valvole 5/2 e 5/3 Azionamento elettrico e pneumatico Montaggio su sottobase ISO 5599- #, #2, #3, #4 Guarnizioni vulcanizzate con inserto in metallo Operatori elettrici a 0 e 6 bar Bobine a basso assorbimento

Dettagli

CODICI COrSa 300 mm COrSa 500 mm COrSa 700 mm COrSa 1000 mm 40083L 40085N 40087P 40090K

CODICI COrSa 300 mm COrSa 500 mm COrSa 700 mm COrSa 1000 mm 40083L 40085N 40087P 40090K CIlINDrI PNeuMatICI Sistemi pneumatici per evacuazione fumo e calore Costruiti con materiali resistenti alla corrosione e caratterizzati da un elevato rendimento ottenuto grazie al minimo attrito generato

Dettagli

Porto turistico (Darsena) (Norme di Installazione)

Porto turistico (Darsena) (Norme di Installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori a portata

Dettagli

CTR* 96 000/112 ID CENTRALI OLEODINAMICHE CAPACITÀ SERBATOIO PORTATA POMPA. da 8 lt a 150 lt. da 1,6 lt a 41 lt

CTR* 96 000/112 ID CENTRALI OLEODINAMICHE CAPACITÀ SERBATOIO PORTATA POMPA. da 8 lt a 150 lt. da 1,6 lt a 41 lt 96 000/112 ID CTR* CENTRALI OLEODINAMICHE CAPACITÀ SERBATOIO da 8 lt a 150 lt PORTATA POMPA da 1,6 lt a 41 lt DESCRIZIONE Le centraline CTR*, sono realizzate con pompa ad ingranaggi immersa e con motore

Dettagli

analisi prezzi A9 gruppo impianto caldaia

analisi prezzi A9 gruppo impianto caldaia - () o analisi prezzi A9 gruppo impianto caldaia IL TECNICO RUBINO FRANCESCO (C.) VOCI FINITE SENZA ANALISI Nr. 1 14.05.02.03 Con lampada FL 1x58 W Nr. 2 14.05.08.04 Con lampada FLC 24 W Sommano cad. 0

Dettagli

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE)

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) PERDITE DI CARICO NEI TUBI Le tubature comunemente utilizzate in impiantistica sono a sezione circolare e costante, con conseguente velocità del liquido uniforme e

Dettagli

Elettrovalvole a sicurezza intrinseca a comando on/off - a norme ATEX

Elettrovalvole a sicurezza intrinseca a comando on/off - a norme ATEX www.atos.com Tabella E0-6/I Elettrovalvole a sicurezza intrinseca a comando on/off - a norme ATEX corpo cursore solenoide a sicurezza intrinseca connettore elettrico comando manuale -06/6 Valvole on/off

Dettagli

I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate

I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate Impianti Materie Plastiche Modulo 2 Alimentazione Contenuti 1. Premessa

Dettagli

Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI

Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI Ing. Claudio Noro libero professionista - Vicenza 1

Dettagli

Rapporto di prova n. R-IP-509-0910-01B GRADO DI PROTEZIONE IP54. Contenitore materiale Plastico CEI EN 60529; CEI EN 60529/A1

Rapporto di prova n. R-IP-509-0910-01B GRADO DI PROTEZIONE IP54. Contenitore materiale Plastico CEI EN 60529; CEI EN 60529/A1 Rapporto di prova n. GRADO DI PROTEZIONE IP54 Committente PLASTIROMA srl Via Palombarese Km 19, 10 00012 Guidonia Montecelio (Roma) Oggetto Contenitore materiale Plastico Marca: PLASTIROMA Cat.: 831/097

Dettagli

GAMMA DEI PRODOTTI Elementi e sistemi per la tecnica di produzione

GAMMA DEI PRODOTTI Elementi e sistemi per la tecnica di produzione GAMMA DEI PRODOTTI Elementi e sistemi per la tecnica di produzione Tecnica di bloccaggio Cilindri idraulici Generatori di pressione idraulici Centraline di bloccaggio e industriali Tecnica dei montaggi

Dettagli

Impianti sportivi (Norme di Installazione)

Impianti sportivi (Norme di Installazione) Norme di installazione (le disposizioni indicate si riferiscono ad un impianto sportivo classificato come locale di pubblico spettacolo; se così non fosse, seguire le indicazioni per un impianto ordinario)

Dettagli

kyvalvola a otturatore per applicazioni difficili

kyvalvola a otturatore per applicazioni difficili . kyvalvola a otturatore per applicazioni difficili Valvola MH Concetto MH Koltek è una valvola ad azionamento manuale o pneumatico concepita per impieghi nell industria alimentare, chimica, farmaceutica

Dettagli

IMPIANTI MINIEOLICI 2013

IMPIANTI MINIEOLICI 2013 Sede Amministrativa e Commerciale: Viale Vittorio Veneto, 115-94018 Troina (EN) Cell: 329/4857300 Ufficio di Rappresentanza: Via Alcide De Gasperi, 18 24123 Bergamo (BG) - Cell: 328/3515308 Via Cavour,

Dettagli

MISURE CON IL MANOMETRO E DETERMINAZIONE DI DENSITA RELATIVE

MISURE CON IL MANOMETRO E DETERMINAZIONE DI DENSITA RELATIVE MISURE CON IL MANOMETRO E DETERMINAZIONE DI DENSITA RELATIVE Materiali -Manometro: tubo a U fissato verticalmente ad un sostegno, con un braccio libero e l altro collegato ad un tubo flessibile di plastica

Dettagli

SISTEMI DI SOLLEVAMENTO E DISPOSITIVI OLEODINAMICI AD ALTA PRESSIONE

SISTEMI DI SOLLEVAMENTO E DISPOSITIVI OLEODINAMICI AD ALTA PRESSIONE SISTEMI DI SOLLEVAMENTO E DISPOSITIVI OLEODINAMICI AD ALTA PRESSIONE PLARAD e BVA: UNIONE VINCENTE Con oltre 50 anni di storia nel settore nel serraggio e tensionamento controllato, Plarad ha scelto come

Dettagli

Valvole di regolazione

Valvole di regolazione Valvole di Regolazione Valvole di regolazione Sono attuatori che servono a modulare la portata di fluido (liquido o gassoso) nei circuiti idraulici Diffusissime nel controllo di processo industriale (es:

Dettagli

DOCUMENTAZIONE TECNICA

DOCUMENTAZIONE TECNICA DOCUMENTAZIONE TECNICA CENNI DI PNEUMATICA Pressione: Pressione atmosferica: Pressione assoluta: Pressione relativa: È il rapporto tra una forza e la superficie su cui essa agisce. F (N) P= = Pa S (m )

Dettagli

Generalmatic srl - Elettrovalvole norme ISO 1 2 3

Generalmatic srl - Elettrovalvole norme ISO 1 2 3 Page of 0 COMPONENTI PNEUMATICI ed OLEODINAMICI - AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Via Rossini 0-005 LEGNANO (MI) - ITALY - Phone:+39.033.455647 - Fax:+39.033.45775 P.IVA (VAT):IT6763050 - www.generalmatic.com

Dettagli

CILINDRI PNEUMATICI COMPATTI ø12 ø100

CILINDRI PNEUMATICI COMPATTI ø12 ø100 Page 1 of 9 COMPONENTI PNEUMATICI ed OLEODINAMICI - AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Via G.Rossini 80-20025 LEGNANO (MI) - ITALY - Tel:+39.0331.455647 - Fax:+39.0331.457175 VAT (P.IVA): 12627630150 - www.generalmatic.com

Dettagli

Presentazione. Westelettric 55050 Quiesa (LU) Italy tel. ++39 058497361 fax ++39 0584975956 e-mail: info@westelettric.it http://www.westelettric.

Presentazione. Westelettric 55050 Quiesa (LU) Italy tel. ++39 058497361 fax ++39 0584975956 e-mail: info@westelettric.it http://www.westelettric. Presentazione La Westelettric S.r.l. una societ operante livello internazionale dal 1987, con una struttura composta da: Venditori-tecnici che propongono soluzioni individuate in vari settori. Uffici tecnici

Dettagli

THE TOTAL SOLUTION PROVIDER

THE TOTAL SOLUTION PROVIDER Le CASSETTE STAGNE vengono usate per il comando a distanza di valvole a membrana di tipo VEM e sono disponibili in tre tipi di contenitori: -, da 1 a piloti montati all interno. - 8, da 6 a 8 piloti montati

Dettagli

Meccanica e Macchine

Meccanica e Macchine Introduzione alle macchine Meccanica e Macchine La statica tratta lo studio dell equilibrio dei corpi, si occupa delle forze, dei baricentri delle leve e delle travi. La cinematica tratta lo studio del

Dettagli

TECNOLOGIA DEL VUOTO

TECNOLOGIA DEL VUOTO TECNOLOGIA DEL UOTO Sommario rodotti Serie ag. resentazione generale -3 arti di ricambio 78-2 Componenti di alimentazione di aria compressa -2 Generatore di vuoto a semplice stadio 367-6 Generatore di

Dettagli

CATALOGO TECNICO VALVOLE DI RITEGNO ROMA

CATALOGO TECNICO VALVOLE DI RITEGNO ROMA CATALOGO TECNICO VALVOLE DI RITEGNO ROMA TEC ITAP, fondata a Lumezzane (Brescia) nel 1972, è oggi uno dei leader italiani nella produzione di valvole, raccordi e collettori di distribuzione per la termoidraulica.

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI IT 10-11

MANUALE DI ISTRUZIONI IT 10-11 F111.HT.01 Sensore a Turbina per installazioni in carico MANUALE DI ISTRUZIONI IT 10-11 INDICE 1. Introduzione 2 1.1 Istruzioni per la sicurezza 2 2. Descrizzione 2 Caratteristiche principali... 3 Dati

Dettagli

ESTINTORI A POLVERE. È costituito da un involucro in lamiera d acciaio, pressurizzato con gas inerte (solitamente azoto) a circa 12 ATM

ESTINTORI A POLVERE. È costituito da un involucro in lamiera d acciaio, pressurizzato con gas inerte (solitamente azoto) a circa 12 ATM ESTINTORI A POLVERE La polvere antincendio è composta principalmente da composti salini quali bicarbonato di sodio o potassio con l aggiunta di collante e additivi per migliorarne le qualità di fluidità

Dettagli