Il decalogo del diabetico. L Iniezione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il decalogo del diabetico. L Iniezione"

Transcript

1 I L Iniezione L insulina è un ormone prodotto dalle beta cellule delle isole di Langherans del pancreas, necessario per l utilizzo del glucosio e per mantenere normale la concentrazione di zucchero nel sangue (glicemia). Il pancreas è una ghiandola situata profondamente nell addome, dietro lo stomaco. Diventare diabetico insulino-dipendente significa avere un danno delle beta cellule, che non producono insulina o ne producono una ridotta quantità, con conseguente aumento del livello della glicemia, senza possibilità del suo utilizzo nei tessuti periferici. Il questo caso gli zuccheri non vengono utilizzati come fonte di energia ed i sintomi caratteristici della malattia diabetica insulino-dipendente presenti all esordio sono: poliuria (urinare molto); polidipsia (avere molta sete e bere molto); calo di peso; polifagia (mangiare molto); stanchezza. La cura del diabete insulino-dipendente, oltre alla dieta e all esercizio fisico, si basa sulla terapia con insulina. Le insuline attualmente utilizzate sono identiche all insulina umana e sono prodotte attraverso procedure di ingegneria genetica, prodotti di sintesi in laboratorio. La concentrazione dell insulina è di 100 unità per ml. Oggi abbiamo a disposizione vari tipi di insulina: pronta (o rapida); 17

2 analogo rapido (o ultrarapida); intermedia; lenta; analogo lento. Essendo l insulina una proteina, non può essere assunta per bocca perché verrebbe inattivata dagli enzimi digestivi; per questo quelle attualmente disponibili devono essere iniettate nel tessuto sottocutaneo per un assorbimento adeguato. Lo schema più fisiologico è la somministrazione di rapida o ultrarapida in corrispondenza dei pasti e di lenta o analogo lento la sera per il fabbisogno notturno e di altri periodi della giornata. Sistemi di somministrazione Attualmente abbiamo a disposizione vari sistemi per la somministrazione di insulina: siringhe di plastica monouso: sono disponibili nei volumi da: a. 0.3 ml (30 unità) con incrementi di 1 unità ed aghi da 8 mm; b. 0.5 ml (50 unità) con incrementi di 1 unità ed aghi da 8 mm e 12.7 mm; c. 1 ml (100 unità); in quest ultimo tipo, poco usato, ogni tacca della scala corrisponde a 2 unità, ed aghi da 8 mm e 12.7 mm; penne da insulina ricaricabili, al cui interno presentano l alloggiamento per la cartuccia contenente insulina. Sono simili ad una comune penna stilografica; le cartucce da insulina sono da 3 ml. penne da insulina preriempite usa e getta, che vengono usate fino a quando non viene esaurito il contenuto della 18

3 cartuccia. Dispongono di un sistema di selezione di 1-2 unità alla volta e sono di colore diverso a secondo del tipo di insulina; microinfusore: è un apparecchio di precisione, controllato da un piccolo computer programmabile, che libera insulina pronta o analogo rapido, prelevandola da un apposito serbatoio, secondo la quantità stabilita. La pompa può essere sistemata in un marsupio o in una cintura e libera insulina tramite un infusore connesso ad una piccola, flessibile ago-cannula inserita attraverso la pelle, solitamente nella zona addominale. Utilizzare questo sistema richiede molto più impegno ed attenzione da parte del paziente rispetto ai sistemi tradizionali di iniezione ed un addestramento all uso da parte del team diabetologico. Tempi di attesa tra iniezione di insulina rapida o ultrarapida e pasto 1. Insulina analogo rapido o ultrarapida Se la glicemia è nel range normale, si consiglia di iniziare a mangiare subito dopo l iniezione. Se è presente iperglicemia, si consiglia di attendere circa 10 minuti prima di iniziare a mangiare. Se è presente ipoglicemia, si può iniettare l insulina durante o dopo il pasto. Si possono eliminare gli spuntini tra i pasti, dal momento che è ridotto il rischio di ipoglicemia tardiva, per la minore durata d azione rispetto alla pronta. Nelle persone anziane e in quelle con difficoltà all alimentazione, può essere iniettata anche dopo i pasti, dosando la quantità di insulina da iniettare in rapporto alla quantità degli alimenti ingeriti. 19

4 2. Insulina rapida o pronta Se la glicemia è nel range normale, si consiglia di iniziare a mangiare circa 30 minuti dopo l iniezione. Se la glicemia è inferiore a 60 mg/dl, si consiglia di praticare l iniezione subito prima del pasto. Se i valori glicemici sono elevati, si può attendere anche 45 minuti prima di iniziare a mangiare. Tecnica dell iniezione con siringa Lavarsi accuratamente le mani. Controllare il flacone e disinfettare il tappo di gomma. Ruotare delicatamente il flacone se l insulina è lattiginosa. Aspirare nella siringa una quantità di aria corrispondente alla dose da iniettare. Tenendo il flaconcino verticale, infilare l ago nel tappo di gomma e spingere lo stantuffo iniettando nel flacone l aria precedentemente aspirata. Capovolgere flacone e siringa. Controllare che l estremità dell ago, all interno del flacone, sia coperto di liquido. Aspirare fino a circa cinque unità oltre la dose da iniettare e, se si formano delle bolle d aria, picchiettare con le dita il corpo della siringa. Quando queste sono salite in alto, spingere lo stantuffo fino alla dose da iniettare. Estrarre l ago dal flacone. Disinfettare la zona, pizzicare la pelle dolcemente, usando il pollice e l indice con il medio e con un gesto rapido infilare l ago nella cute. Prima di iniettare, tirare indietro il pistone di 2-4 unità; se nella siringa compaiono tracce di sangue, non iniettare l insulina, ma estrarre l ago e scegliere una zona diversa. 20

5 Iniettare l insulina, mantenendo la plica della pelle e, dopo l iniezione, attendere alcuni secondi prima di estrarre l ago dalla cute per permettere il completo assorbimento delle ultime gocce di insulina. Ritirare l ago dalla pelle e tamponare per qualche secondo. Non massaggiare. 3. Miscela estemporanea di insulina La miscela si effettua al fine di somministrare con una sola iniezione insulina sia ad azione pronta o ultrarapida che ritardata. L attuale disponibilità di miscele precostituite ha ridotto notevolmente questa pratica. Tecnica Disinfettare i tappi dei due flaconi. Aspirare un quantitativo d aria pari alle unità di insulina torbida, cioè ritardata e iniettarlo nel flacone; ritirare l ago senza aspirare. Aspirare prima l insulina rapida e poi quella ritardata! Aspirare un quantitativo d aria pari alle unità di insulina limpida, cioè rapida o ultrarapida, iniettarlo nel flacone e capovolgere il flacone con la siringa. Aspirare l insulina limpida. Inserire la siringa nel flacone dell insulina torbida ed aspirare la quantità richiesta. Iniettare subito la miscela così preparata. Attenzione! se dell insulina pronta viene iniettata per errore nel flacone contenente insulina ritardo non compaiono fenomeni visivi ad occhio nudo che testimonino l errore. Se questo errore viene ripetuto più volte, verrà alterata significativamente la velocità di assorbimento dell insulina ritardo. 21

6 Tecnica dell iniezione con iniettore a penna La penna è costituita da un ago, da una cartuccia di insulina e da un dosatore con tacche da mezza, una o due unità. Si imposta la dose di insulina da iniettare, ruotando la ghiera numerata e si esegue l iniezione premendo lo stantuffo. Prima dell iniezione: verificare che l insulina nella cartuccia sia sufficiente per l iniezione, altrimenti sostituire la cartuccia; disinfettare il tappino di gomma della cartuccia prima di inserire il nuovo ago; agitare la penna varie volte se l insulina da iniettare è lattiginosa, ad azione ritardata o premiscelata per essere sicuri che l insulina sia correttamente miscelata; prima di ogni iniezione verificare la funzionalità della penna: a. selezionare alcune unità di insulina e tenendo la penna verticalmente (con l ago in alto), controllare che alcune gocce di insulina fuoriescano dall ago. Se non si vede la goccia, ripetere l operazione fino a quando ciò non accade; b. impostare la dose di insulina, girando la ghiera; c. disinfettare la zona sulla quale viene effettuata l iniezione; d. pizzicare la pelle dolcemente, usando il pollice e l indice con il medio. iniettare l insulina, assicurandosi che la penna non prema pesantemente sulla pelle, poiché potrebbe causare lividi; dopo l iniezione attendere qualche secondo prima di estrarre l ago dalla pelle per permettere il completo assorbimento delle ultime gocce di insulina; tenere premuto con il cotone il punto di iniezione per al- 22

7 cuni secondi dopo aver tolto l ago. Non massaggiare, perché si potrebbe causare un assorbimento troppo rapido per un attivazione del circolo sanguigno; controllare di essersi iniettati tutta l insulina. Gli iniettori danno la possibilità di indicare se la somministrazione è stata completa o meno; togliere l ago dalla penna e gettarlo. Se lasciato inserito, può dar luogo alla formazione di bolle d aria che non sono pericolose, ma se iniettate prendono il posto di una parte della dose di insulina, per cui il dosaggio può non essere sufficiente. Inoltre l insulina può cristallizzarsi nell ago e bloccarlo. L ago dovrebbe essere usato una sola volta, perché gli aghi già utilizzati provocano più dolore all iniezione e aumentano il rischio di traumi ai tessuti. È opportuno che il paziente che utilizza l iniettore a penna abbia sempre a disposizione anche qualche siringa da insulina nel caso in cui la penna si danneggiasse o venisse smarrita. Il dolore nella sede di iniezione può essere diminuito, seguendo queste piccole avvertenze: iniettare l insulina a temperatura ambiente; assicurarsi che il disinfettante sia completamente evaporato; assicurarsi che la zona del sito di iniezione sia rilassata; far penetrare l ago rapidamente; non cambiare direzione dell ago durante l inserzione o il ritiro; non riutilizzare l ago. Rotazione delle zone È importante non praticare l iniezione nella stessa zona tut- 23

8 te le volte, perché in questo caso l insulina potrebbe non essere assorbita adeguatamente. Si consiglia di variare ogni volta il sito di qualche centimetro, rispettando la sede corporea giusta, a seconda del tipo di insulina. Sedi di iniezione dell insulina Le iniezioni devono essere praticate nel tessuto sottocutaneo (tra la cute ed il muscolo), che ha le adeguate caratteristiche per un regolare e costante assorbimento dell insulina. Le sedi da preferire sono: la parete addominale: fornita di un consistente pannicolo adiposo anche negli individui più magri, è meno sollecitata dall attività fisica, consentendo un assorbimento più standardizzato, rapido e meno suscettibile di variazioni ed è particolarmente indicata per l iniezione delle insuline rapide ed ultrarapide. Evitare la zona a circa 4 cm dall ombelico; la coscia: utilizzare soltanto la parte anteriore ed esterna delle cosce. Le iniezioni in questa zona vanno eseguite adottando la tecnica del pizzicotto (si collega cute e sottocute tra indice e pollice). La velocità di assorbimento è media; il braccio: questa zona presenta in molte persone uno strato sottile di tessuto sottocutaneo, di conseguenza è necessario adottare la tecnica del pizzicotto. Tuttavia risulta quasi impossibile, per chi si autoinietta l insulina, pizzicare la pelle ed iniettare contemporaneamente, per cui l iniezione in questa zona è sconsigliata. La velocità di assorbimento è media; i glutei: essendo presente in questa zona una grande 24

9 quantità di tessuto sottocutaneo, le iniezioni possono essere fatte senza bisogno di adottare la tecnica del pizzico. Questo è il sito ideale per le iniezioni di insulina intermedia o lenta o analogo lento, il cui l assorbimento è lento e prevedibile. Per essere certi di effettuare l iniezione nel sottocute è opportuno: a. introdurre l ago con una inclinazione sia a 45 che a 90, pizzicando la pelle con tre dita dolcemente, rilasciando la presa sulla piega di pelle solo quando si è estratto l ago. L inclinazione è a 45, se la quantità di tessuto sottocutaneo è normale o scarsa. L inclinazione è a 90, se il tessuto sottocutaneo è abbondante; b. se, invece, non si pizzica, è preferibile iniettare a 45, ad eccezione delle natiche, in cui l iniezione può essere fatta a 90 senza pizzicare la pelle. Conservazione L insulina non deve mai essere congelata; le temperature estreme o eccessivi scuotimenti devono essere evitati ; le fiale in uso possono essere conservate a temperatura ambiente per circa un mese, mentre quelle di scorta vanno tenute in frigorifero tra i +2,+ 8 C; evitare che il flacone o tubofiala rimanga per lungo tempo in posizione verticale con il tappo di gomma rivolto verso il basso, perché i cristalli di insulina possono aderire tenacemente al tappino di gomma senza miscelarsi al resto dell insulina, facendogli perdere efficacia; conservare i flaconi negli astucci di cartone nei quali sono 25

10 confezionati, per ripararli dalla luce diretta, poiché l esposizione prolungata ai raggi ultravioletti può determinare un alterazione dell insulina. Controllare sempre l aspetto dell insulina! La presenza di aggregati cristallini può indicare che l insulina ha subito un congelamento; la presenza di insulina di colore diverso può indicare che il flacone è stato sottoposto alla luce. In questi casi l attività dell insulina è alterata per cui il flacone in oggetto va gettato via. 26

11 Questa pubblicazione riflette il punto di vista e le esperienze degli autori e non necessariamente quelli della Merck Sharp & Dohme (Italia) S.p.A. Ogni farmaco menzionato deve essere usato in accordo con il riassunto delle caratteristiche del prodotto fornito dalla ditta produttrice. Servizio scientifico offerto alla Classe Medica da Merck Sharp & Dohme (Italia) S.p.A. Il presente materiale non intende in alcuna maniera, ne' direttamente, ne' indirettamente delineare o sostituirsi a percorsi terapeutici che rimangono esclusiva responsabilità del medico curante. Le indicazioni contenute in questa pubblicazione non devono essere valutate in sostituzione di cura professionale medica. E' necessario, pertanto consultare il medico prima di intraprendere qualsiasi cambiamento dello stile di vita.

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana L ABC dell insulina COSA È E COME SI USA Lilly Perché devo fare l insulina? Nella maggior parte dei casi il Diabete tipo 2 si cura con i farmaci antidiabetici orali, oltre che con la dieta e l esercizio

Dettagli

DIRETTORE DR.SSA LUCIA RICCI TEL. 0575/255408-255347 INSULINA

DIRETTORE DR.SSA LUCIA RICCI TEL. 0575/255408-255347 INSULINA NSULNA L NSULNA viene somministrata sottocute tramite iniezioni con apposite siringhe monouso o penne da insulina. COME S CONSERVA L NSULNA? L insulina di scorta si conserva nella parte bassa del frigo

Dettagli

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete Diabete Mellito Il Diabete mellito è una comune malattia endocrina causata da una carenza relativa o assoluta di insulina. L'insulina è un ormone prodotto da particolari cellule del pancreas (cellule beta)

Dettagli

Dipartimento Chirurgia Generale e Specialistiche PER L AUTOSOMMINIS DI INSULINA

Dipartimento Chirurgia Generale e Specialistiche PER L AUTOSOMMINIS DI INSULINA Dipartimento Chirurgia Generale e Specialistiche MANUALE ALE DI ISTRU TRUZIONI PER L AUTOSOMMINIS TOSOMMINISTRA TRAZIONE DI INSULINA L INSULINA L insulina è un ormone proteico secreto da cellule del pancreas,

Dettagli

Diabete Chiavi in mano

Diabete Chiavi in mano Diabete Chiavi in mano Gestione metabolica e clinica della malattia diabetica e prevenzione delle complicanze MANUALE PER LA TERAPIA INSULINICA CON INIETTORI A PENNA Nel soggetto non diabetico due sono

Dettagli

L iniezione d insulina

L iniezione d insulina BD Medical - Diabetes Care L iniezione d insulina 05_L'iniezione.indd 1 11-11-2009 11:26:38 Indice Strumenti per l iniezione di insulina Somministrarsi l insulina con la penna Somministrarsi l insulina

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Guida all utilizzo dell autoiniettore. one.click è un dispositivo medico CE 0086. Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni per l uso.

Guida all utilizzo dell autoiniettore. one.click è un dispositivo medico CE 0086. Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni per l uso. Guida all utilizzo dell autoiniettore one.click è un dispositivo medico CE 0086. Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni per l uso. Introduzione a one.click Questa è una guida sintetica all

Dettagli

DIABETE DI TIPO 1 Breve guida per genitori e bambini

DIABETE DI TIPO 1 Breve guida per genitori e bambini DIABETE DI TIPO 1 Breve guida per genitori e bambini Guida per conoscere ed affrontare serenamente il diabete di tipo 1 all esordio sommario Controllo glicemico 04 Cos è l emoglobina glicata (HbA1C)? 05

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

Momento educativo durante la degenza. Valutazione delle sue conoscenze rispetto alla malattia e del comportamento a rispetto della dieta

Momento educativo durante la degenza. Valutazione delle sue conoscenze rispetto alla malattia e del comportamento a rispetto della dieta I compiti e le competenze dell infermiere nei confronti del diabetico ospedalizzato vanno al di là del l aspetto puramente assistenziale ma rappresentano un caposaldo del momento formativo ed educativo

Dettagli

GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA

GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA A cura di: Elena Bianchera -assistente sanitaria Clotilde Chiozza -medico Cecilia Donzelli - medico Monica Toselli - infermiera professionale GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA

Dettagli

IL PAZIENTE PEDIATRICO DMT1

IL PAZIENTE PEDIATRICO DMT1 IL PAZIENTE PEDIATRICO DMT1 Inf.Loredana Guidozzi Centro Regionale di Riferimento per la Diabetologia Pediatrica Responsabile Dott.ssa S. Toni EDUCAZIONE TERAPEUTICA : L Educazione Terapeutica nasce negli

Dettagli

COS E IL DIABETE. Il diabete questo mondo sconosciuto:

COS E IL DIABETE. Il diabete questo mondo sconosciuto: ASSOCIAZIONE DIABETICI DEL MEDIOBRENTA AULSS n.15 C.A.D. - Cittadella 35013 (Zona Pontarolo) Tel.049/9424646 Cod. Fisc. 90003450286 Associazione di Volontariato Sanitario 2 COS E IL DIABETE Il diabete

Dettagli

Che cos è il Diabete. Cause e conseguenze. Lingua Italiana

Che cos è il Diabete. Cause e conseguenze. Lingua Italiana Che cos è il Diabete Cause e conseguenze. Lilly Cos è il Diabete Il Diabete Mellito è una malattia frequente che dura tutta la vita. In Italia ci sono 3 milioni e mezzo di persone con Diabete, a cui vanno

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana Che cos è il Diabete CAUSE E CONSEGUENZE. Lilly Cos è il Diabete Il DIABETE MELLITO è una malattia frequente che dura tutta la vita. In Italia ci sono 3 milioni e mezzo di persone con Diabete, a cui vanno

Dettagli

controllo metabolico ottimale

controllo metabolico ottimale IL DIABETE MELLITO Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da iperglicemia E dovuto ad una carenza assoluta di insulina dovuta alla distruzione autoimmune delle cellule beta pancreatiche Il diabete

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Preparazione della Terapia Endovenosa OBIETTIVI Garantire un

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

Profilassi vaccinale come scelta consapevole e gestione degli eventi avversi

Profilassi vaccinale come scelta consapevole e gestione degli eventi avversi Piano Regionale delle Vaccinazioni Profilassi vaccinale come scelta consapevole e gestione degli eventi avversi Verona, 14 giugno 06 Esercitazione sulla buona pratica nella somministrazione dei vaccini

Dettagli

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Il monitoraggio Il principale strumento per monitorare l

Dettagli

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA Ruolo fisiologico del calcio Omeostasi del calcio ASSORBIMENTO INTESTINALE DEL CALCIO OMEOSTASI GLICEMICA Il livello normale di glicemia? 90 mg/100 ml Pancreas

Dettagli

Cosa è il diabete mellito

Cosa è il diabete mellito Cosa è il diabete mellito Il diabete mellito è una malattia a carico del metabolismo. L'origine del nome diabete mellito è greca, e fa riferimento alla caratteristica del miele di essere particolarmente

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA È importante sapere come comportarsi in caso di malattia. Evitate le situazioni a rischio e stabilite preventivamente le regole da seguire. Ricordate:

Dettagli

Il DMT1 costituisce una delle malattie croniche più frequenti e l endocrinopatia più frequente in età pediatrica

Il DMT1 costituisce una delle malattie croniche più frequenti e l endocrinopatia più frequente in età pediatrica Il DMT1 costituisce una delle malattie croniche più frequenti e l endocrinopatia più frequente in età pediatrica In Pediatria: DMT1 90% DMT2 10% (femmine in peri-pubertà, obese) rari MODY(Maturity Onset

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

Se il mio alunno avesse il diabete

Se il mio alunno avesse il diabete Se il mio alunno avesse il diabete Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma Azienda Ospedaliero - Universitaria di Parma Ufficio XIII Ambito territoriale per la provincia di Parma 1 Questo opuscolo nasce

Dettagli

diabete Informazioni per la scuola A cura del gdm1 (Gruppo Diabete Mellito tipo1)

diabete Informazioni per la scuola A cura del gdm1 (Gruppo Diabete Mellito tipo1) Anche i bambini possono avere il diabete Informazioni per la scuola A cura del gdm1 (Gruppo Diabete Mellito tipo1) Quello che il personale scolastico deve sapere sullo studente con diabete E molto importante

Dettagli

BD Medical - Diabetes Care. Ipoglicemia. 06_Ipoglicemia.indd 1 29-10-2009 17:11:51

BD Medical - Diabetes Care. Ipoglicemia. 06_Ipoglicemia.indd 1 29-10-2009 17:11:51 BD Medical - Diabetes Care Ipoglicemia 06_Ipoglicemia.indd 1 29-10-2009 17:11:51 Indice L ipoglicemia: cos è? L ipoglicemia: come riconoscerla? Ipoglicemia: cosa la provoca? E come si previene? Ipoglicemia:

Dettagli

Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete

Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete Diabete anche loro possono ammalarsi Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete Il diabete Il diabete mellito è una malattia caratterizzata da un aumento dei livelli di zucchero (glucosio)

Dettagli

TARGET Un gioco sulla conoscenza del diabete per tutte le età

TARGET Un gioco sulla conoscenza del diabete per tutte le età TARGET Un gioco sulla conoscenza del diabete per tutte le età Da Sandra J. Hollenberg - Tradotto da Elena Ascari by Sandra J. Hollenberg www.grandmasandy.com Suggerimenti per il download: Questa prima

Dettagli

Aspetti clinici e terapeutici. Carla Padovan

Aspetti clinici e terapeutici. Carla Padovan Aspetti clinici e terapeutici Carla Padovan ASS6 Diabete giovanile (insulino dipendente) Allergia/Anafilassi Crisi convulsive Malattia metabolica dovuta alla mancata produzione di insulina da parte del

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

AGD LECCO ONLUS ASSOCIAZIONE LECCHESE PER L AIUTO AI GIOVANI CON DIABETE ONLUS

AGD LECCO ONLUS ASSOCIAZIONE LECCHESE PER L AIUTO AI GIOVANI CON DIABETE ONLUS AGD LECCO ONLUS ASSOCIAZIONE LECCHESE PER L AIUTO AI GIOVANI CON DIABETE ONLUS SENIOR CAMP 2014 QUESTIONARIO MEDICO INFORMAZIONI GENERALI Dati del partecipante Cognome.. Nome Nato il.. Luogo di nascita

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE

DIABETE GESTAZIONALE DIABETE GESTAZIONALE SOMMARIO DEFINIZIONE 03 PERCHÈ VIENE IL DIABETE GESTAZIONALE E COME GESTIRLO 04 COME CONTROLLARE IL DIABETE 06 UN CORRETTO STILE DI VITA 08 DALLA NASCITA DEL BAMBINO IN POI 10 DEFINIZIONE

Dettagli

Alcune cose da tenere a mente su esercizio fisico e glicemia

Alcune cose da tenere a mente su esercizio fisico e glicemia DIABETE E SPORT È consentito a chi ha il diabete di fare sport? Certo! Non solo è permesso, ma vivamente consigliato. L attività fisica, assieme all alimentazione e ai trattamenti farmacologici, è uno

Dettagli

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

INDICAZIONI GENERALI PER LA LA GESTIONE DELLA CRISI EPILETTICA PROLUNGATA A SCUOLA

INDICAZIONI GENERALI PER LA LA GESTIONE DELLA CRISI EPILETTICA PROLUNGATA A SCUOLA INDICAZIONI GENERALI PER LA LA GESTIONE DELLA CRISI EPILETTICA PROLUNGATA A SCUOLA 1. MANIFESTAZIONI DELLA CRISI EPILETTICA La maggior parte delle crisi in persone con epilessia nota non rappresenta una

Dettagli

area vasta n. Il diabete va a scuola

area vasta n. Il diabete va a scuola area vasta n. Il diabete va a scuola guida informativa INTRODUZIONE Questa breve Guida Informativa è dedicata al personale scolastico e ha l obiettivo di fornire un supporto utile per gli alunni che hanno

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera MALORI IMPROVVISI PERDITE DI SENSI MALORI DOVUTI A DISTURBI DEL S.N. MALORI PER CAUSE AMBIENTALI 1. Perdite di coscienza transitorie Lipotimia (debolezza con o senza perdita coscienza) Sincope (improvvisa

Dettagli

Informazioni per la scuola

Informazioni per la scuola A.G.D. Informazioni per la scuola 1 Quello che il personale scolastico deve sapere sullo studente con diabete E molto importante che il personale scolastico sia a conoscenza che uno degli allievi è diabetico

Dettagli

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA OPUSCOLO CON INFORMAZIONI ED ISTRUZIONI PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo

Dettagli

Il diabete e il tuo cuore

Il diabete e il tuo cuore Il diabete e il tuo cuore LAVORIAMO INSIEME PER PROTEGGERE LA TUA VITA A proposito del diabete Se hai il diabete - un livello elevato di glucosio, o zuccheri nel sangue - hai un rischio elevato di malattia

Dettagli

Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. Puoi ordinare una copia qui. ****

Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. Puoi ordinare una copia qui. **** L articolo che segue è tratto dal testo Assistere a casa. Suggerimenti e indicazioni per prendersi cura di una persona malata di G. Casale e C. Mastroianni. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata

Dettagli

Ruolo della tecnologia nella gestione del diabete

Ruolo della tecnologia nella gestione del diabete Ruolo della tecnologia nella gestione del diabete Valeria Grancini U.O. Endocrinologia e Malattie del Metabolismo Servizio di Diabetologia Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Simulatore per iniezioni intramuscolari

Simulatore per iniezioni intramuscolari P55 Simulatore per iniezioni intramuscolari Italiano Grazie di aver scelto questo prodotto 3B Scientific. Prima di mettere in funzione l apparecchio vi preghiamo di leggere con attenzione le istruzioni

Dettagli

MANIPOLAZIONE DEL TONER

MANIPOLAZIONE DEL TONER Pagina 1 di 6 SOMMARIO Generalità... 2 Principali condizioni di rischio connesse all operazione di sostituzione del toner... 2 Scopo... 2 Riferimenti normativi... 2 Responsabilità ed aggiornamento... 2

Dettagli

Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale

Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale Via topica Altri tipi di somministrazione VIE PARENTERALI Via iniettiva Via buccale Via sublinguale Instillazione attraverso SNG (e PEG) Via respiratoria

Dettagli

PERCHE DIABETE MELLITO?

PERCHE DIABETE MELLITO? PERCHE DIABETE MELLITO? La definizione di Diabete Mellito la si deve al medico inglese Willis, che nella seconda metà del XVIII secolo, scoprì, assaggiando l urina dei diabetici, che essa era dolce come

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

All ORIGINALE. Istruzioni per l uso del massaggiatore per il collo e le spalle NM-089

All ORIGINALE. Istruzioni per l uso del massaggiatore per il collo e le spalle NM-089 All ORIGINALE Istruzioni per l uso del massaggiatore per il collo e le spalle NM-089 Grazie di aver scelto il massaggiatore per il collo e le spalle NM-089; Si prega di conservare il manuale di istruzioni;

Dettagli

perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lingua italiana

perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lingua italiana Le complicanze perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lilly Le cause delle complicanze Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da elevati valori di zucchero nel sangue, elevata glicemia,

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE Easy-Fil ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE QUESTO NON E UN PRODOTTO EPSON. TUTTI I MARCHI APPARTENGONO AI RISPETTIVI PROPRIETARI E SONO CITATI SOLO PER INDICARE LA COMPATIBILITA DEI NOSTRI REFILL KIT AI MEDESIMI.

Dettagli

Gruppo Freno a Disco MILLENNIUM

Gruppo Freno a Disco MILLENNIUM Gruppo Freno a Disco MILLENNIUM Manutenzione Sistema 11 17-19 idraulico Bassano Grimeca S.p.A. Via Remigia, 42 40068 S. Lazzaro di Savena (Bologna) Italy tel. +39-0516255195 fax. +39-0516256321 www.grimeca.it

Dettagli

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca LA SICUREZZA IN LABORATORIO di F. Luca IN LABORATORIO NORME DI COMPORTAMENTO X. NON correre. NON ingombrare con gli zaini lo spazio intorno ai banconi di lavoro o in prossimità delle uscite X. NON mangiare

Dettagli

DIABETE D I A B E T E S

DIABETE D I A B E T E S DIABETE D I A B E T E S Diabete 1 da 10 06/2011 DIABETE TEST & DIAGNOSTICA GLUCOMETRI 3 STRISCE DI CONTROLLO 4 SOLUZIONE DI CONTROLLO 4 PENNA PUNGIDITO 4 LANCETTE STERILI MONOUSO 5 LANCETTE DI SICUREZZA

Dettagli

GLUCO CALEA. Per sicurezza e precisione MISURATORE DI GLICEMIA PER CANI GATTI CAVALLI WELLIONVET GLUCO CALEA

GLUCO CALEA. Per sicurezza e precisione MISURATORE DI GLICEMIA PER CANI GATTI CAVALLI WELLIONVET GLUCO CALEA MISURATORE DI GLICEMIA PER CANI GATTI CAVALLI WELLIONVET Per sicurezza e precisione Ci impegniamo per agevolare la vita di pazienti e partner. Tramite idee innovative, consigli e servizi. Werner Trenker,

Dettagli

DISPONIBILITÀ DI INSULINA

DISPONIBILITÀ DI INSULINA DISPONIBILITÀ DI INSULINA I bambini e gli adolescenti con diabete mellito di tipo 1 dipendono dall insulina per la loro sopravvivenza. La SIEDP (Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica),

Dettagli

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di materiali per fare funzionare il nostro corpo È il carboidrato

Dettagli

SCHEDE TECNICHE E SISTEMI APPLICATIVI PASTE PIGMENTARIE COLOR KIT

SCHEDE TECNICHE E SISTEMI APPLICATIVI PASTE PIGMENTARIE COLOR KIT SCHEDE TECNICHE E SISTEMI APPLICATIVI PASTE PIGMENTARIE COLOR KIT REV. 1-2015 COLOR KIT Descrizione del Prodotto Sistema tintometrico manuale per il professionista, contiene tutti gli elementi necessari

Dettagli

MANUALE D USO PER MW600 MISURATORE PORTATILE DI OSSIGENO DISCIOLTO

MANUALE D USO PER MW600 MISURATORE PORTATILE DI OSSIGENO DISCIOLTO MANUALE D USO PER MW600 MISURATORE PORTATILE DI OSSIGENO DISCIOLTO PREPARAZIONE DELLA SONDA Lo strumento è fornito di una batteria a 9V. Sfilare verso l esterno il coperchio del vano batterie posto nella

Dettagli

PREPARAZIONE ALLE CATASTROFI

PREPARAZIONE ALLE CATASTROFI Booklet_8_emergenza_def_rete:Layout 1 21/04/10 10:39 Pagina 1 PREPARAZIONE ALLE CATASTROFI DELLE PERSONE CON DIABETE LOGO _ ORIGINALE / RIDUZIONE PER LEGGIBILITA' Con il Patrocinio di: 09/04/2010 Booklet_8_emergenza_def_rete:Layout

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Informazioni e consigli per gli insegnati sulla gestione del bambino con diabete a scuola

Informazioni e consigli per gli insegnati sulla gestione del bambino con diabete a scuola Informazioni e consigli per gli insegnati sulla gestione del bambino con diabete a scuola Federazione Regionale Associazioni Toscane Diabetici in collaborazione con RETE REGIONALE PEDIATRIA SPECIALISTICA

Dettagli

CENTRO REGIONALE DI DIABETOLOGIA PEDIATRICA DIABETE MELLITO: INFORMAZIONE ALLE SCUOLE

CENTRO REGIONALE DI DIABETOLOGIA PEDIATRICA DIABETE MELLITO: INFORMAZIONE ALLE SCUOLE ISTITUTO G.GASLINI GENOVA CENTRO REGIONALE DI DIABETOLOGIA PEDIATRICA DIABETE MELLITO: INFORMAZIONE ALLE SCUOLE Il DIABETE MELLITO DI TIPO 1 ( o DIABETE MELLITO INSULINO DIPENDENTE) è una malattia relativamente

Dettagli

Cosa dovete sapere sulla gotta

Cosa dovete sapere sulla gotta Quelli con l arcobaleno In breve gli aspetti importanti sollevare questa pagina. Cosa dovete sapere sulla gotta Quelli con l arcobaleno Informazioni per i pazienti «Gotta» Informazioni per i pazienti «Gotta»

Dettagli

Human Tecar Physio TT. Si apre una nuova fisioterapia per il benessere e il recupero della forma

Human Tecar Physio TT. Si apre una nuova fisioterapia per il benessere e il recupero della forma Istituto di Medicina Human Tecar è partner tecnico di e Scienza dello Sport Human Tecar Physio TT. Si apre una nuova fisioterapia per il benessere e il recupero della forma Tecnologia innovativa per il

Dettagli

I PIEDI DELLA PERSONA DIABETICA: CONSIGLI UTILI. Livelli alti di zucchero nel sangue possono causare problemi ai piedi e alla pelle.

I PIEDI DELLA PERSONA DIABETICA: CONSIGLI UTILI. Livelli alti di zucchero nel sangue possono causare problemi ai piedi e alla pelle. I PIEDI DELLA PERSONA DIABETICA: CONSIGLI UTILI Livelli alti di zucchero nel sangue possono causare problemi ai piedi e alla pelle. IL PIEDE DIABETICO Lo sapevi che il Diabete può creare danni alle gambe

Dettagli

Il decalogo del diabetico. L Ipoglicemia

Il decalogo del diabetico. L Ipoglicemia I L Ipoglicemia L ipoglicemia è la più frequente complicanza acuta della terapia del diabete mellito tipo 1 (insulino-dipendente) e lievi sintomi di ipoglicemia sono considerati un prezzo inevitabile del

Dettagli

La somministrazione sicura di farmaci e il calcolo del dosaggio

La somministrazione sicura di farmaci e il calcolo del dosaggio La somministrazione sicura di farmaci e il calcolo del dosaggio IL CALCOLO DEL DOSAGGIO IL CALCOLO DEL DOSAGGIO è UN COMPITO IMPORTANTE NELLA SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI. LA DOSE DI UN FARMACO PUO ESSERE

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

Dipartimento Cure Primarie. U.O. Aziendale Pediatria di Comunità. Diabete e scuola. Informazioni utili

Dipartimento Cure Primarie. U.O. Aziendale Pediatria di Comunità. Diabete e scuola. Informazioni utili Dipartimento Cure Primarie U.O. Aziendale Pediatria di Comunità Diabete e scuola Informazioni utili Dipartimento Cure Primarie U.O. Aziendale Pediatria di Comunità Diabete e scuola Informazioni utili Il

Dettagli

Per una gestione globale è fondamentale

Per una gestione globale è fondamentale REGIONE SICILIANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE N 7 RAGUSA Centro di diabetologia Vittoria La gestione globale del paziente diabetico Dott.ssa A. Garofalo Inf.prof F. Vitale Per una gestione globale è

Dettagli

DIABETE E AUTOCONTROLLO

DIABETE E AUTOCONTROLLO DIABETE E AUTOCONTROLLO Sì, gestire il diabete è possibile. Il monitoraggio della glicemia fa parte della terapia generale del diabete. Grazie all autocontrollo, potete misurare il livello di glicemia

Dettagli

Utilizzo professionale

Utilizzo professionale Utilizzo professionale Protocollo di utilizzo Professionale Young Young Generation è la linea Smart dedicata alla fotobiomodulazione. La fotobiomodulazione è un trattamento usato da anni in ambito medico

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

PET-300 Termometro auricolare ad infrarossi per animali da compagnia Istruzioni d uso

PET-300 Termometro auricolare ad infrarossi per animali da compagnia Istruzioni d uso PET-300 Termometro auricolare ad infrarossi per animali da compagnia Istruzioni d uso Leggere attentamente le istruzioni prima dell uso Prefazione: Temperatura corporea di cani, gatti e conigli 1. Temperatura

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

UTILIZZO DEI SISTEMI HPLC

UTILIZZO DEI SISTEMI HPLC Pag. 1 di 16 UTILIZZO DEI SISTEMI HPLC INDICE: 1. Premessa 2. Scopo e campo di applicazione 3. Documenti di riferimento 4. Definizioni 5. Responsabilità 6. Procedura 7. Allegato 1- Sistemi in dotazione

Dettagli

GLUTATIONE e CARNOSINA elementi anti-età

GLUTATIONE e CARNOSINA elementi anti-età GLUTATIONE e CARNOSINA elementi anti-età 1/9 Il Glutatione è una sostanza che si trova naturalmente nel corpo umano. È composto dagli aminoacidi glicina, acido glutammico e cisteina. Mano a mano che si

Dettagli

Progetto per garantire al bambino con diabete un percorso nella scuola in sicurezza

Progetto per garantire al bambino con diabete un percorso nella scuola in sicurezza 1 Safe at Progetto per garantire al bambino con diabete un percorso nella scuola in sicurezza Lettera ad insegnanti ed educatori nella scuola per vivere serenamente il diabete nella scuola Questo testo

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

FEBBRE DEL LABBRO MAI PIÙ HERPOTHERM

FEBBRE DEL LABBRO MAI PIÙ HERPOTHERM FEBBRE DEL LABBRO MAI PIÙ HERPOTHERM Alta tecnologia Made in Germany per una nuova terapia di Herpes Labialis - senza sostanze chimiche! Che cosa è HERPOTHERM? HERPOTHERM è un nuovo, ma soprattutto innovativo,

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Manipolazione sicura Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Manipolazione sicura Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

Guida all utilizzo della PEG

Guida all utilizzo della PEG Guida all utilizzo della PEG INDICE INTRODUZIONE PAG. 3 COSA E LA PEG E A COSA SERVE PAG. 4 MATERIALE NECESSARIO PAG. 5 COME PROCEDERE PER L ALIMENTAZIONE PAG. 6 PREPARAZIONE DELLA NUTRIZIONE PAG. 7 AL

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA RIGENERAZIONE HP 22, 28, 57, 58, 59, 100, 110, 342, 343, 344, 348, 300, 300XL, 301, 301XL, 351, 351XL, 901, 901XL

ISTRUZIONI PER LA RIGENERAZIONE HP 22, 28, 57, 58, 59, 100, 110, 342, 343, 344, 348, 300, 300XL, 301, 301XL, 351, 351XL, 901, 901XL ISTRUZIONI PER LA RIGENERAZIONE HP 22, 28, 57, 58, 59, 100, 110, 342, 343, 344, 348, 300, 300XL, 301, 301XL, 351, 351XL, 901, 901XL 1. Coprite l'area di lavoro con vari fogli di giornale in caso di fuoriuscite

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

Il diabete gestazionale

Il diabete gestazionale Il diabete gestazionale informazioni per la gestante Cosa è il diabete gestazionale? Con il termine di diabete gestazionale (DG) si definisce un disordine della regolazione del glucosio di entità variabile,

Dettagli

Secondo stime O.M.S. 80% dei pazienti extraospedalieri soffre di affezioni croniche;

Secondo stime O.M.S. 80% dei pazienti extraospedalieri soffre di affezioni croniche; Secondo stime O.M.S. 80% dei pazienti extraospedalieri soffre di affezioni croniche; meno del 50% di tali pazienti attentamente le prescrizioni del curante segue Organizzazione mondiale della sanità. Aderenza

Dettagli

ENERVIT CONSIGLI NUTRIZIONALI E DI INTEGRAZIONE

ENERVIT CONSIGLI NUTRIZIONALI E DI INTEGRAZIONE ENERVIT CONSIGLI NUTRIZIONALI E DI INTEGRAZIONE Disciplina: Sci Alpinismo Luogo: Aosta Data: 30 Marzo - 1 aprile 2012 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1 - GLI INTEGRATORI: che cosa sono e a cosa servono 2 - IDRATAZIONE

Dettagli

1. Coprite l area di lavoro con vari fogli di giornale cosi da prevenire imbrattamenti, in caso di fuoriuscite di inchiostro.

1. Coprite l area di lavoro con vari fogli di giornale cosi da prevenire imbrattamenti, in caso di fuoriuscite di inchiostro. ISTRUZIONI PER LA RIGENERAZIONE Canon PG540 e PG540XL ricarica pg540 1. Coprite l area di lavoro con vari fogli di giornale cosi da prevenire imbrattamenti, in caso di fuoriuscite di inchiostro. 2. Posizionate

Dettagli

I CRAMPI NEL RUNNER. Come faccio a prevenire i crampi? oppure perché vengono i crampi?

I CRAMPI NEL RUNNER. Come faccio a prevenire i crampi? oppure perché vengono i crampi? I CRAMPI NEL RUNNER Ai bicipiti femorali o ai polpacci, i crampi, contrazioni muscolari involontarie, sono sempre molto fastidiosi e a volte dolorosi. La decisione di trattare questo argomento è nata dalle

Dettagli

Quanto dura l effetto. Limite di età A partire dai 12 anni A partire dai 18 anni. Dove agisce. Modalità d assunzione

Quanto dura l effetto. Limite di età A partire dai 12 anni A partire dai 18 anni. Dove agisce. Modalità d assunzione Bruciore di stomaco? La conoscete? È quella sensazione bruciante dietro lo sterno, ad es. dopo aver mangiato determinati cibi o in situazioni di stress. Oppure quel liquido dal sapore acido o salato, nella

Dettagli

COME CALCOLARE LE CALORIE

COME CALCOLARE LE CALORIE Vol.2 COME CALCOLARE LE CALORIE PER DIMAGRIRE Guida per calcolare le calorie e dimagrire Consigli per dimagrire contando le calorie! Esistono tanti modi differenti per perdere peso e dimagrire in modo

Dettagli