Corso di Antico Testamento 1: il Pentateuco. Prima lezione: 18 febbraio Premessa

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Antico Testamento 1: il Pentateuco. Prima lezione: 18 febbraio 2013. Premessa"

Transcript

1 Corso di Antico Testamento 1: il Pentateuco Prima lezione: 18 febbraio 2013 Premessa Con questo corso vogliamo addentrarci nel mondo di uno dei più grandi e altrettanto meno letti libri (Umberto Eco: Great Unread Books GUB Grandi libri non letti-): appunto la Bibbia. Vogliamo elencarne alcuni dei possibili motivi: Per primo, possiamo pensare a quell atteggiamento quasi di proibizione da parte delle autorità ecclesiastiche per una lettura della Bibbia da parte dei fedeli, fatto determinato dall evento della Riforma, che ha fatto della Bibbia l unica norma e vita della Chiesa: sola Scripturam. Un altro motivo, il prevalere di una lettura piuttosto antologica della Bibbia: letture di brani scelti in base alle nostre necessità, ricorrenze, a scapito di quella contestuale (ciò che precede e segue il testo fino al libro intero al quale appartiene). Non per ultimo, il linguaggio, il contesto culturale, religioso e sociale che si celano dietro il testo della Bibbia non sono sempre facilmente accessibili al lettore. Come leggere, allora la Bibbia? Con quali strumenti? Perché e per chi è stata scritta la Bibbia? Quale verità racconta la Bibbia? Cosa significa l inerranza biblica? Sono solo alcuni dei problemi che vogliamo affrontare prendendo in esame la prima parte della Bibbia: il Pentateuco.

2 1. Il Pentateuco all interno della Bibbia: uno sguardo d insieme Pentateuco è una parola greca e sta ad indicare i primi cinque libri della Bibbia cristiana: Genesi, Esodo, Levitico, Numeri, Deuteronomio. Per la Bibbia ebraica, gli stessi cinque libri costituiscono la TORAH (istruzione, insegnamento, legge). Specifichiamo allora le differenze fra la Bibbia cristiana e la Bibbia ebraica: la Bibbia cristiana è formata dall AT e NT. La Bibbia ebraica chiamata TNK è formata da tra parti: la Torah (la legge), i Nevvim (i profeti) e i Ketuvim (gli scritti). Nella Bibbia ebraica mancano i libri scritti in greco trasmessi dalla Settanta LXX (i nostri deuterocanonici, per i protestanti apocrifi ): Tobia, Giuditta, alcuni capitoli di Ester, 1-2 Maccabei, alcuni cc. di Daniele, Sapienza, Ecclesiastico o Siracide e Baruc; e inoltre non hanno il NT. Anche l ordine dei libri in comune è diverso: Per la Bibbia ebraica ecco l elenco: la Torah (i primi cinque libri); i libri profetici (Neviim): profeti anteriori (Giosuè, Giudici, 1-2 Samuele, 1-2 Re), chiamati da cristiani libri storici; e profeti posteriori divisi in profeti maggiori: Isaia, Geremia, Ezechiele, e profeti minori: Osea, Gioele, Amos, Abdia, Giona, Michea, Naum, Abacuc, Sofonia, Aggeo, Zaccaria e Malachia. E l ultima parte della Bibbia ebraica: gli Scritti (Ketuvim): Salmi, Giobbe, Proverbi, Rut, Cantico dei Cantici, Ecclesiaste (Qoheleth), Lamentazioni, Ester, Daniele, Esdra, Neemia, 1-2 Cronache. Per i cristiani, dopo i libri storici seguono i libri poetici e sapienziali ( Salmi, Proverbi, Ecclesiaste, Cantico dei Cantici, Sapienza, Ecclesiastico (Siracide)), e per ultimo i libri profetici: i profeti maggiori: Isaia, Geremia, Ezechiele, Daniele ai quali vengono aggiunti il libro delle Lamentazioni e Baruc; e i dodici profeti minori: Osea, Gioele, Amos, Abdia, Giona, Michea, Naum, Abacuc, Sofonia, Aggeo, Zaccaria, Malachia. Se vogliamo trovare un filo conduttore nella Bibbia ebraica, possiamo affermare quanto segue: il fatto fondante è quanto accade prima dell entrata nella terra e in gran parte fuori della terra. Le storie dei profeti si presentano in gran parte come dei commentari della Torah, mentre gli Scritti come meditazioni sulla Torah. Per noi cristiani, la Bibbia è la storia della prima creazione segnata dalla caduta che ha il suo apice con la nuova creazione per opera di Gesù Cristo

3 2. Il perché del Pentateuco. Quale contesto vitale? E risaputo dalla storia dell esistenza di grandi biblioteche, o annali in diversi tempi e luoghi dell Antico Oriente: la biblioteca di Alessandria d Egitto; il libro di Ester (Ester 2,21-23) parla di una Biblioteca regale in Persia; ancora in 2Maccabei (2,13-15) si parla di una Biblioteca fondata da Neemia; per venire ai tempi nostri quando si parlano di grandi Biblioteche nazionali. Nella Bibbia troviamo copiose testimonianze non solo sull esistenza di queste Biblioteche (Annali) all interno dei due regni quello del Nord: cfr. 1Re 14, 19; 15, 31; 16, 5-27; 2 Re 1, 18; 10, 34; 13,8-12), come quello del Sud (cfr. 1 R 14, 29; 15, 7-23; 22, 46; 2 Re 8, 23; 12, 20; 14, 18; 24, 5), ma anche il perché, la loro funzionalità nella vita del popolo in tutte le sue dimensioni. In 2 Mac 2,13-15, vediamo un Neemia che fonda una Biblioteca che contiene libri riguardanti i re e i profeti, gli scritti di Davide (v. 13b). Una prima risposta al perché di tali libri è fondata sulla necessità di fondare e argomentare la propria storia nei suoi molteplici incontri con le grandi civiltà dell Antico Medio Oriente. Basta leggere Deuteronomio 4, 1-8, brano appartenente al primo discorso di Mosè. Alla luce del brano summenzionato, nella nostra mente deve sorgere la domanda: quale è la portata della figura di Mosè all interno non tanto del Pentateuco, ma nel suo formarsi. Riportiamo due brani significativi per il nostro interrogativo: Neemia 8, e 2 Re 22. Entrambi i testi parlano o del libro della legge di Mosè, o del libro scoperto nel tempio al tempo del re Giosia prima dell esilio ( ) a. C. Sono testi che riecheggiano la storia travagliata del popolo di Israele. Dobbiamo perciò fare qualche accenno, anche se in grandi linee, anche sulla posizione geografica dell Antico Israele, e quindi alle sue grandi vicissitudini. Situato al bivio delle due grandi potenze l Egitto e la Messopotamia -, nel 722 a. C. assistiamo all invasione assiro e la caduta del Regno del Nord, della Samaria; a poca

4 distanza, nel 701 a. C. anche il regno di Giuda subisce la stessa sorte sotto il re assiro Senacherib; non meno disastrose per Israele, furono i due successivi assedi di Gerusalemme nel e nel , con la deportazione di numerose masse in Babilonia e la trasformazione di essa in provincia babilonese. Solo con la conquista della Babilonia da parte di Ciro re di Persia, e il suo editto nel 539 a. C. ha inizio la ricostruzione e la restaurazione del popolo di Israele. E in questa opera di restaurazione della nazione, la figura di Mosè diventerà il fulcro e il perno dell identità di Israele. Il libro della legge di Mosè serve per prendere le decisioni importanti nell opera della restaurazione. Con Neemia, la vera autorità nella vita del popolo è assegnato al libro di Mosè. Così, anche molto prima, il re Davide (1Re 2,3) aveva ordinato al suo figlio di regolare le sue decisioni e azione secondo quanto sta scritto nella legge di Mosè. Lo stesso Giosuè, che condurrà il popolo nella terra promessa, riceve da Dio l ordine di agire secondo quanto sta scritto nel libro della legge di Mosè (Gs 1,7-8). Non per ultimo, va citato Es 24, 3-9 dove Mosè dopo aver ricevuto la legge da Dio sul monte Sinai, la mette per iscritto in un libro che legge davanti a tutto il popolo durante una cerimonia di alleanza. È da evidenziare allora, come i testi sul libro della legge di Mosè appaiono in ognuno dei momenti chiavi della storia di Israele: esso è il fondamento dell alleanza di Sinai (ES 24, 3-8); è il garante del successo di Giosuè e della conquista della terra (Gs 1,7-8); è la prima legge proclamata nella terra promessa (Gs 8,31-35); e diventa più tardi il fondamento della Monarchia (1Re 2,3). Sarà la base della riforma di Giosia, prima dell esilio, e pietra d angolo della ricostruzione della comunità postesilica di Gerusalemme (Neemia 8). Il libro è diventato l autorità suprema in Israele, la legge anche del re (Dt 17,14-20), fatto unico in tutto il Medio Oriente (il re fa e proclama la legge, ma non è mai sottomessa a essa). 3. Il Pentateuco: storia della nascita della nazione di Israele e della sua costituzione Origine dell universo (Gn 1-11) e origine del popolo di Israele (Gn 12-50: la storia dei patriarchi; Esodo- Deuteronomio: operato di Mosè) sono i due temi guida di tutto il Pentateuco.

5 Fatta la premessa che il Dio dell universo è il Dio di Israele (Gn 1-11), il Pentateuco vuole spiegare la cartà d identità dell israelita attraverso le genealogie e anche la sua carta costituzionale Chi è il vero israelita? I racconti genealogici dimostrano che il popolo d Israele si fonda innanzitutto su legami di sangue: sono discendenti di Abramo, di Isacco e di Giacobbe, e di uno dei dodici figli di Giacobbe. Sono quindi membri di una delle dodici tribù d Israele. I racconti spiegano anche la differenza fra israeliti e ismaeliti, edomiti, moabiti e ammoniti. Si tratta di cugini che appartengono a linee collaterali. Inoltre, un israelita è un discendente dell esodo; i membri hanno legislazione comune: la legge data da Dio a Mosè sul monte Sinai è accolta da una prima generazione durante la celebrazione di un alleanza presso il monte (Es 24, 3-8); e da una seconda generazione nel deserto, nelle pianure di Moab (Dt 28, 69). Nel Pentateuco, dunque, storia e legislazione si integrano per parlare appunto delle origini di Israele: un vero archivio di un popolo. Quest opera, la sua composizione, anche se attribuita dalla tradizione a Mosè, lui ne è solo il redattore, lo scrivano (Esodo 24,4: Mosè scrisse tutte le parole del Signore). Il Pentateuco non appartiene a Mosè, ma esprime la coscienza di un popolo Il Pentateuco: la coscienza di un popolo Vogliamo delineare i grandi blocchi narrativi del Pentateuco: le origini dell universo (Gn 1-11); i patriarchi (Gn 12-50); il racconto sull origine del popolo d Israele nato sotto la guida di Mosè diviso in quattro grandi sezioni: la storia dell uscita dall Egitto (Es 1-15); i racconti sulla permanenza nel deserto (Es 15-18; Nm 11-34); la lunga sosta d Israele nei pressi del monte Sinai (Es 19-Nm 10); i quattro discorsi di Mosè pronunciati di fronte a Gerico l ultimo giorno della sua vita che forma il quinto libro del Pentateuco, il Deuteronomio. Vogliamo già precisare che il valore dei racconti non sono del tipo di un reportage, di una cronaca o storia nel senso odierno della parola, ma il fine primario è di creare

6 la coscienza di un popolo, il senso di una appartenenza ad una nazione, in una parola mirava a salvare l identità e la sua esistenza in mezzo a tutte le vicissitudini che lo hanno attraversato. E il segreto della sopravivenza di un popolo segnato dalle grandi conquiste dei numerosi imperi che si sono succeduti Perché Abramo, e non Israele, il capostipite degli israeliti? La profonda e fiera consapevolezza del popolo ebreo di appartenere alla discendenza di Abramo la troviamo sulle labbra di alcuni degli oppositori di Gesù stesso: Noi siamo discendenza di Abramo e non siamo stati schiavi di nessuno.( ) Il nostro Padre è Abramo (Gv 8, 33a. 39a). Perché l antenato d Israele è Abramo e non Giacobbe-Israele, oppure Isacco? Dal punto di vista storico, una prima risposta la possiamo trovare: le tradizioni il regno del nord, di Israele, con la caduta di Samaria nel 722 a.c., vengono custodite e tramandate nella Città Santa, a Gerusalemme, nel regno di Giuda. Dunque, è ovvio che l antenato fosse uno del sud. Ma perché, allora non Giuda, visto che dopo l esilio il popolo sarà chaimato con l appelativo di giudei. Perché non Melchisedek, questo personaggio misterioso, re di Salem (Gerusalemme) (cfr. Gn 14,18-20; Sal 110,4). Niente di tutto ciò. L antenato è invece Abramo, un personaggio del Sud, esattamente da Ebron. La sua notorietà fra gli abitanti di Giuda è dovuta molto probabilmente per l esistenza di un santuario vicino a Ebron, alle Querce di Mamre (cfr. Gn 13,18; 18,1). Le prerogative della città di Hebron su tutti gli altri luoghi è il suo passato irreprensibile, mai espugnata o abitata da qualche popolo nemico. Questa terra di Abramo diventò motivo di vanto e orgoglio di quanto furono scampati alla deportazione in Babilonia. In Ezechiele 33, 24 leggiamo: Gli abitanti di quelle rovine nel paese d Israele vanno dicendo: Abramo era solo quando ereditò la terra, mentre a noi, che siamo molti, è stata data la terra in possesso ereditario. Hebron incontaminato, depositario delle tradizioni su Abramo costituisce il perno per un nuovo inizio nella costruzione della coscienza del popolo ebraico dopo il ritorno dall esilio.

7 3.4. Quale ruolo della figura di Abramo credente nella formazione del libro del Pentateuco? La deportazione in Babilonia e la devastazione del loro paese, nella attività profetica di Geremia e Ezechiele è il risultato non di politiche o di strategie militare sbagliate delle guide politiche di Israele, ma della loro condotta malvagia, della loro infedeltà all alleanza del Sinai (cfr. Ger 21-25; Ez 22-24). In quest ottica, l alleanza di Dio con Abramo diventa l unica speranza per il futuro di Israele. E questo per una ragione fondamentale: Dio si lega ad Abramo in un modo incondizionato, quindi è irrevocabile. La sua sussistenza è dovuta alla fedeltà di Dio alle sue promesse e alla fede di Abramo alle promesse di Dio (Gn 15,6). Inoltre, Israele diventa l unico popolo che inizia la sua storia non con il racconto della fondazione di quale città, o santuario, ma con la narrazione della vita di un pastore nomade: Abramo. E questo è un altro elemento basilare per il nuovo inizio, in quanto la storia testimonia come nessuna altra istituzione è riuscita a sopravvivere alle vicissitudini della storia all infuori del clan della famiglia. Ancora, nel ciclo di storie di Abramo ritroviamo riassunti e anticipate a grandi tratti tutte le esperienze di Israele: Abramo viene da Ur dei Caldei (Gn 11,31; 15,7; Ne 9,7; Gs 24,2-3); attraversa tutta la terra promessa,da Sichem e Betel fino al Negheb (Gn 12,6.8.9), poi scende in Egitto (Gn 12,10-20). Dall Egitto torna abetel (Gn 13,3-4) prima di insediarsi alle Querce di Mamre, vicino a Ebron (Gn 13, 18). In seguito lo ritroviamo di nuovo a Neghev (Gn 20,1-18), poi a Beer-Sheva (Gn 21,32-33; 22-19). Sara muore a Ebron (Gn 23,2) ove sarà sepolta, così come Abramo (Gn 25,9). Anticipa le due esperienze fondamentali del popolo: l Esodo dall Egitto e il ritorno dalla Babilonia. Inoltre percorre tutta la terra promessa, cosicché ogni regione, senza pretesa di monopolizzarlo, può riconoscerai in lui. Abbiamo già accennato alla fede di Abramo come risposta all alleanza con Dio. In Gn 15, Abramo in effetti il primo che crede alle promesse di Dio (Gn 15,6); è il primo profeta (Gn 20,7) che riceve una rivelazione, vive per primo l esodo (Gn 12,10-20). Inoltre, è il primo a costruire altari, a invocare il nome di Dio nella terra promessa (Gn 12, 7-8), è il primo a sacrificare gli animali usati nel culto di Israele per la preparazione dell alleanza (Gn 15, 9-10) e Dio conclude con lui un alleanza prima di quella del Sinai (Gn 15, 18). È il primo a praticare la circoncisione, segno dell alleanza con Dio (Gn 17); pratica la legge prima della proclamazione sotto Mosè

8 (Gn 26, 5); paga la decima al santuario di Salem (Gn 14, 20); obbedisce ai comandi di Dio (Gn 12, 1-4; 22, ), è modello di ospitalità (Gn 18, 1-15) e di intercessione per i giusti (Gn 18, 22-33). La figura di Abramo diventerà così non solo un esempio per i suoi discendenti, ma fondamento della fede d Israele Isacco, Giacobbe e Giuseppe e il loro legame con terra promessa

Calendario per leggere tutta la Bibbia in due anni (tranne i salmi)

Calendario per leggere tutta la Bibbia in due anni (tranne i salmi) Gennaio 1 Genesi 1-2 Vangelo di Matteo 1 2 Genesi 3-5 Vangelo di Matteo 2 3 Genesi 6-8 Vangelo di Matteo 3 4 Genesi 9-11 Vangelo di Matteo 4 5 Genesi 12-14 Vangelo di Matteo 5,1-26 6 Genesi 15-17 Vangelo

Dettagli

NOTES Appunti Adunanze

NOTES Appunti Adunanze NOTES Appunti Adunanze Nome e Cognome: Congregazione: SCUOLA DI MINISTERO TEOCRATICO Qual era la lettura biblica settimanale? Prepara un commento su un punto della lettura che ti è piaciuto? Quale punto

Dettagli

Programma per la lettura quotidiana della Bibbia

Programma per la lettura quotidiana della Bibbia Programma per la lettura quotidiana della Bibbia Con il seguente programma saremo in grado di leggere l intera Bibbia in un solo anno in modo semplice e piacevole. Esso è stato studiato per ripartire la

Dettagli

Data Lettura Preghiera

Data Lettura Preghiera Questo è un piano annuale per la lettura della Bibbia, che vi aiuterà nel vostro cammino quotidiano con Dio. Il vostro impegno giornaliero si dividerà in due parti: una lettura di carattere generale e

Dettagli

LA BIBBIA: BREVE INTRODUZIONE A COLORI

LA BIBBIA: BREVE INTRODUZIONE A COLORI LA BIBBIA: BREVE INTRODUZIONE A COLORI Cos è la Bibbia? La Bibbia è il libro sacro della tradizione ebraico-cristiana, il punto di riferimento ieri come oggi di milioni di credenti che la considerano Parola

Dettagli

1 mese Piano giornaliero di lettura della Bibbia

1 mese Piano giornaliero di lettura della Bibbia 1 mese Piano giornaliero di lettura della Bibbia Quello seguente rappresenta il piano di lettura per il mese di Gennaio. 1 Genesi 1-3 2 Corinzi 1 2 Genesi 4-7 2 Corinzi 2 3 Genesi 8-11 2 Corinzi 3 4 Giobbe

Dettagli

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

La Bibbia. Divisione Ebraica delle Sacre Scritture

La Bibbia. Divisione Ebraica delle Sacre Scritture La Bibbia Divisione Ebraica delle Sacre Scritture Gli Ebrei suddividevano gli scritti dell'a.t. In tre gruppi: La Legge, i Profeti e gli Scritti Luca 24:44 La TORA' (Legge) NEBIIN (Profeti) KETHUBIM (Scritti)

Dettagli

leggere la Bibbia in un anno - pagina 1 data libro capitolo data libro capitolo

leggere la Bibbia in un anno - pagina 1 data libro capitolo data libro capitolo leggere la Bibbia in un anno - pagina 1 Tempo di Avvento I settimana Tempo di Avvento II settimana domenica 30 novembre 2014 Isaia 1-3 domenica 7 dicembre 2014 Isaia 21-22 lunedì 1 dicembre 2014 4-6 lunedì

Dettagli

Toràh/Pentateuco Libri storici Libri sapienziali

Toràh/Pentateuco Libri storici Libri sapienziali Associazione Biblica della Svizzera Italiana COORDINAMENTO FORMAZIONE BIBLICA DIOCESI DI LUGANO Parrocchia di San Quirico di Biogno-Breganzona LEGGERE PER VIVERE Per conoscere la Bibbia nella vita di oggi

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Quale Parola nel Tempo della crisi?

Quale Parola nel Tempo della crisi? Quale Parola nel Tempo della crisi? Riaprire all uomo di oggi l accesso al Dio che parla. Quindicesimo Anno Il Signore Dio ha parlato: chi non profeterà? Il Profeta Amos. 2^ Lezione: I Profeti. Introduzione

Dettagli

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI UN LIBRO PER DUE RELIGIONI La Bibbia è un libro il cui contenuto è considerato sacro sia dalla religione ebraica sia dalla religione cristiana. Le prime comunità cristiane conoscevano come libro sacro

Dettagli

Intestazioni uniformi per le edizioni della Bibbia

Intestazioni uniformi per le edizioni della Bibbia Intestazioni uniformi per le edizioni della Bibbia Prospetto sistematico Testo aggiornato al 30 dicembre 2005 Intestazioni uniformi per le edizioni della Bibbia a) Prospetto in ordine sistematico 1 Bibbia

Dettagli

La rivelazione di Dio contenuta nella Bibbia

La rivelazione di Dio contenuta nella Bibbia La rivelazione di Dio contenuta nella Bibbia Obiettivi: La Bibbia I fatti e quanto si riferisce alle persone di cui Dio si è servito per farsi conoscere sono narrati nella Bibbia, un libro che contiene

Dettagli

Breve storia della Palestina e Israele

Breve storia della Palestina e Israele Breve storia della Palestina e Israele Nel III millennio a.c. territorio tra Siria e Palestina coincideva con la regione di Canaan commercia con Egitto Anatolia Terra dei Mesopotamia Si insediano popoli

Dettagli

www.studibiblici.eu Giuseppe Guarino Cenni storici su Israele e collocazione temporale dei libri dell Antico Testamento.

www.studibiblici.eu Giuseppe Guarino Cenni storici su Israele e collocazione temporale dei libri dell Antico Testamento. Giuseppe Guarino Cenni storici su Israele e collocazione temporale dei libri dell Antico Testamento. E impossibile scindere la comprensione dell Antico Testamento dallo studio dalla storia del popolo di

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BIBBIA. ELEMENTI PRIMARI PER UN APPROCCIO. Michele Antonio Corona

INTRODUZIONE ALLA BIBBIA. ELEMENTI PRIMARI PER UN APPROCCIO. Michele Antonio Corona INTRODUZIONE ALLA BIBBIA. ELEMENTI PRIMARI PER UN APPROCCIO Michele Antonio Corona LA BIBBIA TRA STORIA, FEDE E CULTURA Un libro o una biblioteca? Molteplicità di autori (pseudoepigrafia) Varietà di tempi

Dettagli

II. IL CANONE DEI LIBRI SACRI

II. IL CANONE DEI LIBRI SACRI II. IL CANONE DEI LIBRI SACRI 1. Come si è formato il canone Canone è una parola greca (kànon) che originariamente significava «canna», uno strumento di misura di lunghezza; poi passò a significare, in

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ANTICO TESTAMENTO Appunti per accostarsi al testo sacro

INTRODUZIONE ALL ANTICO TESTAMENTO Appunti per accostarsi al testo sacro DIOCESI DI CREMONA FORMAZIONE ACCOMPAGNATORI IC MODULO B LEZIONE 3 MARCO D AGOSTINO INTRODUZIONE ALL ANTICO TESTAMENTO Appunti per accostarsi al testo sacro Per la nostra riflessione mi sono avvalso dei

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

CORSO FTM. FORMAZIONE TEOLOGICA e MINISTERIALE 2 ANNO. FOMAZIONE TEOLOGICA Mercoledì 22 settembre 2010 LEZIONE 1 CANONE DELL'ANTICO TESTAMENTO

CORSO FTM. FORMAZIONE TEOLOGICA e MINISTERIALE 2 ANNO. FOMAZIONE TEOLOGICA Mercoledì 22 settembre 2010 LEZIONE 1 CANONE DELL'ANTICO TESTAMENTO CORSO FTM FORMAZIONE TEOLOGICA e MINISTERIALE 2 ANNO FOMAZIONE TEOLOGICA Mercoledì 22 settembre 2010 LEZIONE 1 CANONE DELL'ANTICO TESTAMENTO CANONE EBRAICO Abbiamo visto nel corso precedente che i vari

Dettagli

Corso di Cultura Biblica LE PROFEZIE DELLA BIBBIA

Corso di Cultura Biblica LE PROFEZIE DELLA BIBBIA Corso di Cultura Biblica LE PROFEZIE DELLA BIBBIA LE PROFEZIE DELLA BIBBIA IL CARATTERE PROFETICO DELLA BIBBIA La Bibbia è un libro essenzialmente profetico in quanto annunzia il progetto di Dio per il

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Il nome di Dio. 1.1 Premessa

Il nome di Dio. 1.1 Premessa 1. Il Tetragramma Biblico 1.1 Premessa La parola tetragramma 1, significa "gruppo di quattro lettere". Esso è infatti la sequenza delle quattro lettere ebraiche ה ו ה,י che compongono il nome con il quale

Dettagli

VERIFICA FINALE 6. DIO E LÊUOMO

VERIFICA FINALE 6. DIO E LÊUOMO Verifica finale Dio e l uomo 1 VERIFICA FINALE 6. DIO E LÊUOMO Anno scolastico Classe Data Alunn 1. Indica almeno tre generi letterari che vengono comunemente utilizzati nei testi scritti: 2. Alla base

Dettagli

La parola Bibbia deriva dal greco. ta biblia. e significa I LIBRI

La parola Bibbia deriva dal greco. ta biblia. e significa I LIBRI LA BIBBIA La parola Bibbia deriva dal greco ta biblia e significa I LIBRI Insieme di tanti libri di generi letterari diversi. Diversità di stili, di ambienti e di periodi storici. La storia del popolo

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

(Schema generale * non trattazione) PAOLO DI TARSO uomo pazzamente innamorato di Gesú Cristo, straordinario modello per il cristiano di oggi!

(Schema generale * non trattazione) PAOLO DI TARSO uomo pazzamente innamorato di Gesú Cristo, straordinario modello per il cristiano di oggi! Corso biblico popolare 2008-2009 Fonti: Rinaldo Fabris: Tutto il Vangelo. La personalitá, il pensiero, la metodologia di Paolo di Tarso (Ediz. S. Paolo 2008) Joseph A. Fitzmyer: Paolo. Vita, viaggi, teologia.

Dettagli

LIBRO IN ASSAGGIO STORIA DELLA BIBBIA ORIGINI E TRADIZIONI DEL LIBRO SCRITTO DA DIO

LIBRO IN ASSAGGIO STORIA DELLA BIBBIA ORIGINI E TRADIZIONI DEL LIBRO SCRITTO DA DIO LIBRO IN ASSAGGIO STORIA DELLA BIBBIA ORIGINI E TRADIZIONI DEL LIBRO SCRITTO DA DIO I. COME È NATO L ANTICO TESTAMENTO Tanâk (la Bibbia secondo gli ebrei) La prima cosa da sapere, per chiunque affronti

Dettagli

Il CANONE dell' ANTICO TESTAMENTO

Il CANONE dell' ANTICO TESTAMENTO UNITÀ 4 Capitolo 1 Il CANONE dell' ANTICO TESTAMENTO In questo capitolo vedremo: - le fonti della nostra conoscenza dell'ebraismo - il problema del canone - l'origine e l'evoluzione del canone - quali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

Santuario Madonna dei Lumi. Introduzione alla Bibbia

Santuario Madonna dei Lumi. Introduzione alla Bibbia Santuario Madonna dei Lumi Introduzione alla Bibbia LA BIBBIA ANTICO TESTAMENTO Composto da 46 TESTI - Bibbia EBRAICA 39 - la Bibbia CRISTIANA 7 sono scritti in ebraico e riguardano: - la rivelazione di

Dettagli

IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno si confronta con l esperienza religiosa e distingue la specificità della proposta di salvezza del cristianesimo. Riconosce che la Bibbia è il

Dettagli

La struttura della Bibbia

La struttura della Bibbia La struttura della Bibbia by vitacarismatica - giovedì, aprile 02, 2015 http://vitacarismatica.altervista.org/la-struttura-della-bibbia/ La Bibbia è un singolo libro, ma è anche un insieme di libri, costituita

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Corso Biblico: il Vangelo di Marco Parrocchia SS. Gioacchino ed Anna a Roma

Corso Biblico: il Vangelo di Marco Parrocchia SS. Gioacchino ed Anna a Roma Corso Biblico: il Vangelo di Marco Parrocchia SS. Gioacchino ed Anna a Roma 1. Introduzione Generale alla Bibbia La Bibbia = greco To Bi,blion «il libro»= Ta Bi,blia «i libri». La Bibbia Ebraica Contiene

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

SKA 2 DOMANDE. D. : Perché è stata scelta proprio la metafora della dura cervice?

SKA 2 DOMANDE. D. : Perché è stata scelta proprio la metafora della dura cervice? SKA 2 DOMANDE D. : Perché è stata scelta proprio la metafora della dura cervice? R.: E una metafora che non si trova molto spesso : si trova nel cap. 32 dell Esodo e proviene dai cap. 9 e 10 del Deuteronomio,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Una strategia che ti aiuterà a leggere, davvero e finalmente, tutta la Bibbia

Una strategia che ti aiuterà a leggere, davvero e finalmente, tutta la Bibbia Una strategia che ti aiuterà a leggere, davvero e finalmente, tutta la Bibbia Negli Stati Uniti (ma forse anche in qualche altro paese), a fine dicembre c è un impennata di iscrizioni alle varie palestre.

Dettagli

La Sacra Scrittura (brevi appunti)

La Sacra Scrittura (brevi appunti) La Sacra Scrittura (brevi appunti) LA BIBBIA (in greco biblia, in latino bibbia) è un insieme di composizioni letterarie scritte in diverse lingue: ebraico, aramaico, greco. Sono 73 libri: 46 per l ANTICO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 Le insegnanti Ferraris Paola Lupo Rosalia Merino Alessia RELIGIONE CLASSE PRIMA

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

Introduzione generale all Antico Testamento

Introduzione generale all Antico Testamento Introduzione generale all Antico Testamento Aprendo la Bibbia, ci rendiamo subito conto che essa è suddivisa in due parti, di ampiezza differente. La prima, più estesa, è detta Antico Testamento; la seconda

Dettagli

DELLA SCUOLA DEL SABATO GESTI SIMBOLICI 4 TRIMESTRE 2015

DELLA SCUOLA DEL SABATO GESTI SIMBOLICI 4 TRIMESTRE 2015 LEZIONE 6 DELLA SCUOLA DEL SABATO GESTI SIMBOLICI 4 TRIMESTRE 2015 SABATO 7 NOVEMBRE 2015 «Ho parlato ai profeti, ho moltiplicato le visioni, e per mezzo dei profeti ho proposto parabole.» (Osea 12:11)

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

Levitico. fu eretto il Tabernacolo) al 20 Maggio (giorno della partenza dal monte Sinai) Esodo 40:2-17. www.chiesaolgiata.

Levitico. fu eretto il Tabernacolo) al 20 Maggio (giorno della partenza dal monte Sinai) Esodo 40:2-17. www.chiesaolgiata. VAVVICH RAH Levitico Egli chiama Parla dell'appello di Dio ai credenti per entrare in comunione con Lui ed alla santificazione del corpo, dell'anima e dello Spirito. Queste istruzioni furono date a Mosè

Dettagli

COME USARE LA BIBBIA?

COME USARE LA BIBBIA? COME USARE LA BIBBIA? La bibbia è un libro che deve essere usato correttamente, perché non ne sia frainteso il significato e non se ne stravolga il senso. Per questo l apostolo Paolo ammonì il suo discepolo

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

A15 Scienze teologico religiose

A15 Scienze teologico religiose A15 Scienze teologico religiose Francesco Arduini Stefano Pizzorni La Bibbia prima del dogma La Traduzione del Nuovo Mondo come paradigma dell ermeneutica biblica Prefazione di Edgar Foster Copyright

Dettagli

Le Sezioni della Bibbia I Libri Storici

Le Sezioni della Bibbia I Libri Storici Le Sezioni della Bibbia I Libri Storici Il 40% del testo dell AT è narrazione: storie piene di significato che raccontano gli eventi storici del passato e che hanno lo scopo di dare significato e direzione

Dettagli

LEGGERE LA BIBBIA. L ignoranza delle Scritture è, infatti, ignoranza di Cristo (S. Girolamo) 1) I libri della Bibbia. 2) Gli autori della Bibbia

LEGGERE LA BIBBIA. L ignoranza delle Scritture è, infatti, ignoranza di Cristo (S. Girolamo) 1) I libri della Bibbia. 2) Gli autori della Bibbia LEGGERE LA BIBBIA L ignoranza delle Scritture è, infatti, ignoranza di Cristo (S. Girolamo) 1) I libri della Bibbia 2) Gli autori della Bibbia Leggere la Bibbia 1 L argomento principale di questa serata

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

APPUNTI PER CHI GUIDA LA DISCUSSIONE DEL GRUPPO:

APPUNTI PER CHI GUIDA LA DISCUSSIONE DEL GRUPPO: APPUNTI PER CHI GUIDA LA DISCUSSIONE DEL GRUPPO: Vista la complessità del materiale presentato in questi DVD, noi a www.missioneperte.it abbiamo pensato di creare due guide di studio per ciascun DVD. Chi

Dettagli

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 1. VANGELO SECONDO GIOVANNI LEZIONE DEL 21-09-2012 ARGOMENTI: a. Introduzione al corso; i. Il Vangelo di Giovanni parla di che cos

Dettagli

Introduzione alla Bibbia 1

Introduzione alla Bibbia 1 1 Anno accademico: 2011/2012 Docente: Giovanni Traettino 3. IL CANONE 3.1 IL TERMINE Il termine canone (greco kanon = misura; ebraico qā néh = canna per misurare; cfr. l italiano canna ) fu usato per la

Dettagli

Cartina dei territori come sono stati suddivisi dall'o.n.u., senza tenere conto del Testamento del Patriarca delle Tre religioni Monoteiste

Cartina dei territori come sono stati suddivisi dall'o.n.u., senza tenere conto del Testamento del Patriarca delle Tre religioni Monoteiste Cartina dei territori come sono stati suddivisi dall'o.n.u., senza tenere conto del Testamento del Patriarca delle Tre religioni Monoteiste In azzurro la zona assegnata agli Israeliani e quella in verde

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono con voi» Mt 28,16-20 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Matteo (28,16-20) In quel tempo, gli undici

Dettagli

ANTICO TESTAMENTO UN DIO CHE DIALOGA CON IL SUO POPOLO

ANTICO TESTAMENTO UN DIO CHE DIALOGA CON IL SUO POPOLO ANTICO TESTAMENTO La parola testamento traduce un termine ebraico che significa anche alleanza ; e l alleanza è l incontro di due libertà, il rapporto dialogico fra due persone. I libri dell Antico Testamento

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

per il solo crimine di desiderare che la Bibbia fosse tradotta nella lingua del suo paese. Dio ha sempre protetto la Sua Parola. Studiamola!

per il solo crimine di desiderare che la Bibbia fosse tradotta nella lingua del suo paese. Dio ha sempre protetto la Sua Parola. Studiamola! Che cos'è la Chiesa Gesù disse: "Edificherò la mia chiesa" (Matteo 16:18).Cosa intendeva dire parlando di "chiesa"? Che significato aveva questa parola per i discepoli? Avrete notato che la parola chiesa

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE

CURRICOLO DI RELIGIONE CLASSE 1^ L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive; Scoprire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

IL PENTATEUCO LA TRAMA DEL RACCONTO

IL PENTATEUCO LA TRAMA DEL RACCONTO IL PENTATEUCO Il nome Pentateuco designa l insieme dei primi cinque libri della Bibbia: Genesi, Esodo, Levitico, Numeri, Deuteronomio. Il termine, di origine greca, è composto da pente che significa cinque,

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA.

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA. LA NASCITA DELLA CHIESA (pagine 170-177) QUALI SONO LE FONTI PER RICOSTRUIRE LA STORIA DELLA CHIESA? I Vangeli, gli Atti degli Apostoli le Lettere del NT. (in particolare quelle scritte da S. Paolo) gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

I libri dell' Antico Testamento

I libri dell' Antico Testamento I libri dell' Antico Testamento Un giovane credente che si era appena iscritto ad un corso biblico osservava: "Leggere l'antico Testamento è come leggere un qualsiasi libro di storia antica". Dopo aver

Dettagli

Indice. Nota editoriale... 5. parte prima

Indice. Nota editoriale... 5. parte prima Indice Nota editoriale......................... 5 parte prima storia di Israele 1. Prima di Abramo..................... 9 1. Le età della pietra (prima del 3200 a.c.) 10 (A) L età della pietra antica,

Dettagli

I A ISTITUTO TECNICO L. EINAUDI MURAVERA MATERIA:RELIGIONE. PROFESSORE: FAEDDA SIMONE Anno 2014-2015

I A ISTITUTO TECNICO L. EINAUDI MURAVERA MATERIA:RELIGIONE. PROFESSORE: FAEDDA SIMONE Anno 2014-2015 I A ISTITUTO TECNICO L. EINAUDI MURAVERA MATERIA:RELIGIONE. PROFESSORE: FAEDDA SIMONE 1. Unità di apprendimento: IL MISTERO DELL ESISTENZA - Chi sono io? Le domande di senso nell esistenza di qualsiasi

Dettagli

PROVA D INGRESSO 1. per i primi due anni della scuola secondaria di primo grado. Anno scolastico Classe Data Alunn. divertimento catechismo cultura

PROVA D INGRESSO 1. per i primi due anni della scuola secondaria di primo grado. Anno scolastico Classe Data Alunn. divertimento catechismo cultura Prove d ingresso 1 PROVA D INGRESSO 1 per i primi due anni della scuola secondaria di primo grado Anno scolastico Classe Data Alunn 1. L Ora di Religione cattolica nella scuola è un ora di divertimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO. «Il sale e la luce» Mt 5,13-16. di padre Filippo Custode

LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO. «Il sale e la luce» Mt 5,13-16. di padre Filippo Custode LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO di padre Filippo Custode «Il sale e la luce» Mt 5,13-16 Lettura del testo DAL VANGELO SECONDO GIOVANNI In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Voi

Dettagli

PARROCCHIA S. MARIA ASSUNTA RECALE

PARROCCHIA S. MARIA ASSUNTA RECALE PARROCCHIA S. MARIA ASSUNTA RECALE CHE COS È LA BIBBIA? INTRODUZIONE ALLA SA CRA SCRITTURA Il termine deriva dal greco ta biblia, che vuol dire LIBRI. Essa è quindi un insieme di libri che formano un unico

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

BREVE INTRODUZIONE ALLA BIBBIA

BREVE INTRODUZIONE ALLA BIBBIA Opuscolo informativo a cura della CHIESA DI CRISTO PISA BREVE INTRODUZIONE ALLA BIBBIA 9 «La tua Parola è una lampada al mio piede e una luce sul mio sentiero» ( Salmo 119:105 ) BREVE INTRODUZIONE ALLA

Dettagli

LA BIBBIA Che cos è la Bibbia? Sacra Scrittura Parola di Dio In che senso Dio ha parlato nella Bibbia? rivelato ispirazione,

LA BIBBIA Che cos è la Bibbia? Sacra Scrittura Parola di Dio In che senso Dio ha parlato nella Bibbia? rivelato ispirazione, LA BIBBIA Che cos è la Bibbia? Il termine deriva dal greco τα βιβλια, che vuol dire libri. Essa è quindi un insieme di libri che formano un unico testo sacro. La Bibbia si definisce anche Sacra Scrittura

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

LA RIVELAZIONE. Rivelazione

LA RIVELAZIONE. Rivelazione LA RIVELAZIONE Rivelazione Il desiderio di Dio è iscritto nel cuore dell uomo, perché l uomo è stato creato da Dio e per Dio; e Dio non cessa di attirare a sé l uomo (CCC 27). Una straordinaria manifestazione

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

LETTURA E USO DELLA BIBBIA

LETTURA E USO DELLA BIBBIA LETTURA E USO DELLA BIBBIA Accostarsi alla Sacra Scrittura secondo la Dei Verbum PREAMBOLO Dice S. Girolamo: «L ignoranza delle Scritture è ignoranza di Cristo». L evento decisivo per gli studi biblici

Dettagli