1. PREMESSA 3 2. LA CERTIFICAZIONE DELLA SPESA E LA RENDICONTAZIONE 4 3. LA TRASMISSIONE DEI DATI E I DOCUMENTI DI SUPPORTO..5 I GIUSTIFICATIVI DI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. PREMESSA 3 2. LA CERTIFICAZIONE DELLA SPESA E LA RENDICONTAZIONE 4 3. LA TRASMISSIONE DEI DATI E I DOCUMENTI DI SUPPORTO..5 I GIUSTIFICATIVI DI"

Transcript

1 Unione Europea Fondo Sociale Europeo Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali FONDO SOCIALE EUROPEO POR LOMBARDIA LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DELLA SPESA 1

2 1. PREMESSA 3 2. LA CERTIFICAZIONE DELLA SPESA E LA RENDICONTAZIONE 4 3. LA TRASMISSIONE DEI DATI E I DOCUMENTI DI SUPPORTO..5 I GIUSTIFICATIVI DI SPESA... 5 IL PIANO DEI CONTI FONDO SOCIALE EUROPEO... 5 LE CERTIFICAZIONI DEI REVISORI CONTABILI L ATTIVITÀ DI REVISIONE.7 5. CRITERI GENERALI DI AMMISSIBILITÀ E DI CERTIFICAZIONE..8 PRINCIPI DI AMMISSIBILITÀ... 8 PROGETTO AMMESSO E FINANZIATO... 8 PERTINENZA... 8 RIPARTIZIONE DELLA SPESA E METODO DI CALCOLO... 9 COERENZA TRA LE SPESE ESPOSTE E I DATI DEL PREVENTIVO... 9 CONFORMITÀ ALLA DISCIPLINA COMUNITARIA E NAZIONALE DEI TITOLI ORIGINALI DI SPESA E CONTABILIZAZIONE... 9 SPESE REALI EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE E COMPROVABILI... 9 CONSERVAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE RELATIVA AL PROGETTO COFINANZIATO RISPETTO DEI MASSIMALI PERIODO DI VIGENZA UNITÀ TEMPORALE IL REGISTRO DIDATTICO E IL REGISTRO STAGE ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI E ATTREZZATURE L IVA ONERI E PARCELLE IL COFINANZIAMENTO PRIVATO LA DELEGA COSTO DEL PERSONALE SPESE DESTINATARI DELLE AZIONI VIAGGI, VITTO E ALLOGGIO I CONTROLLI ESTERNI ALLEGATI.17 2

3 1. PREMESSA Il nuovo contesto normativo dell attuale periodo di programmazione dei fondi strutturali, nonché le radicali innovazioni gestionali, hanno posto l Amministrazione Regionale della Lombardia di fronte alla necessità di adeguare le procedure della rendicontazione finale e della certificazione intermedia della spesa relativa ai progetti cofinanziati dal Fondo Sociale Europeo ad esigenze di semplificazione e velocizzazione in materia amministrativa e contabile. In tale senso si è inteso organizzare anche le procedure inerenti gli obblighi a carico degli operatori in tema di certificazione delle spese e rendicontazione, garantendo nel contempo il valore probatorio e certificatorio degli atti di controllo. Il presente documento intende descrivere tali procedure esplicitando la metodologia da attuare in fase di predisposizione e di revisione della certificazione della spesa e del rendiconto finale, nel rispetto della normativa di riferimento in materia di Fondi strutturali, con particolare riguardo al Fondo Sociale Europeo, emanata a livello comunitario, nazionale e regionale. Si intendono inoltre fornire, attraverso questo strumento, le indicazioni di supporto, anche ai Revisori Contabili nominati ai sensi della L.R. 27 marzo 2000 n. 18, per la verifica dell ammissibilità dei costi sostenuti e per la produzione delle relazioni periodiche e finale di certificazione della spesa. Per quanto attiene l elenco dettagliato dei costi ammissibili e dei massimali di costo riconoscibili per tutte le misure poste a bando, si rimanda al documento Spese ammissibili e massimali di riferimento della Regione Lombardia. Qualora intervengano novazioni normative o interpretative che rendano necessaria l implementazione o la modifica del presente documento si procederà tempestivamente a diffondere le modifiche attraverso la pubblicazione sul sito internet del FSE della Regione Lombardia 3

4 2. LA CERTIFICAZIONE DELLA SPESA E LA RENDICONTAZIONE I Regolamenti (CE) n. 1260/1999, 1784/1999, 1685/2000 e 438/2001 hanno normato gli obblighi in tema di certificazione della spesa, di spese ammissibili e di rendicontazione. Il beneficiario finale deve trasmettere, ai sensi dell atto di adesione e degli obblighi del gestore sottoscritti con la Regione Lombardia e degli obblighi previsti dai dispositivi emanati dalla Regione Lombardia, alle scadenze comunicate, le certificazioni intermedie della spesa; questi documenti, richiesti in forma sintetica ed analitica, ai sensi dell art. 9 del Regolamento (CE) n. 438/2001, devono contenere i dati contabili relativi al progetto cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo secondo la classificazione indicata nel modello Piano dei Conti Fondo Sociale Europeo. Si rammenta che vanno esposte tutte le spese inerenti il progetto, ivi compresa la quota relativa al cofinanziamento privato. Analogamente deve essere predisposto il rendiconto finale che va consegnato entro i termini perentori previsti nell atto di adesione e secondo le modalità indicate nel presente documento. Il rendiconto finale è composto dai seguenti tre documenti: 1. Autocertificazione del legale rappresentante o di altro soggetto con potere di firma attestante la validità dei dati inseriti su Monitorweb 2. Piano dei conti Fondo Sociale Europeo, allegato al presente documento, prodotto dei dati inseriti su Monitorweb e sottoscritto dal legale rappresentante o da altro soggetto con potere di firma 3. La Relazione finale di certificazione delle spese, allegata al presente documento rilasciata e sottoscritta dal Revisore Contabile. Il percorso previsto per espletare le attività amministrativo contabili (comprensive, quindi, della certificazione della spesa e della rendicontazione) è il seguente: Il beneficiario finale dei progetti cofinanziati dal Fondo Sociale Europeo è tenuto, ai sensi dell art. 1 comma 32 l. r. n. 18/2000, ad incaricare un revisore contabile indipendente iscritto al Registro dei Revisori Contabili presso il Ministero della Giustizia, istituito con D. Lgs. n. 88/92. Il revisore può indifferentemente essere persona fisica o società di revisione, purché iscritta nel Registro dei Revisori Contabili di cui sopra. Il revisore incaricato di produrre le relazioni di certificazione per i progetti cofinanziati dal FSE può essere scelto tra le persone facenti parte dell organo di revisione del beneficiario finale; qualora il beneficiario si avvalga di società di revisione per la certificazione dei propri bilanci, quest ultima può anche essere incaricata di certificare le spese sostenute dal beneficiario finale a valere sul FSE. Il beneficiario finale comunica, contestualmente alla comunicazione di avvio progetto, alla Regione Lombardia il nominativo del Revisore incaricato, unitamente agli estremi della sua iscrizione al Registro dei Revisori contabili (pubblicazione in G.U.). Il beneficiario finale registra i documenti contabili sul sito internet secondo la classificazione proposta nel modello allegato Piano dei conti Fondo Sociale Europeo. Il beneficiario finale invia il Piano dei conti Fondo Sociale Europeo, prodotto da Monitorweb, e l autocertificazione del legale rappresentante alle scadenze e con le modalità indicate dalla Regione Lombardia per la certificazione periodica della spesa; tali modelli devono essere sottoscritti dal legale rappresentante, e devono essere inviati unitamente all Elenco dei giustificativi di spesa e alla Relazione di certificazione intermedia della spesa redatta e sottoscritta dal Revisore contabile incaricato. 4

5 Il beneficiario finale invia il Piano dei conti Fondo Sociale Europeo (Allegato 1), prodotto da Monitorweb, e l autocertificazione del legale rappresentante, entro 90 gg. dal termine del progetto ai sensi dell art. 1 c. 32 L.R. 18/2000; tali modelli devono essere sottoscritti dal legale rappresentante, e devono essere inviati unitamente alla Relazione di certificazione finale della spesa (Allegato 3) redatta e sottoscritta dal Revisore contabile incaricato. Qualora vi fossero somme non spese il Beneficiario finale dovrà provvedere alla restituzione ai sensi dell art. 1 c. 32 L.R. 18/2000 ( contestualmente alla presentazione della certificazione finale devono essere restituite le somme non utilizzate e le eventuali somme relative alle attività finanziate non svolte ) e allegare copia del bonifico alla documentazione da consegnare alla Regione Lombardia 3. LA TRASMISSIONE DEI DATI E I DOCUMENTI DI SUPPORTO I giustificativi di spesa I giustificativi di spesa devono essere inseriti, all interno del sito internet secondo le specifiche indicate nelle istruzioni presenti sul sito. Una volta inseriti tutti i giustificativi relativi alle spese sostenute (contabilizzate e quietanzate) si possono stampare i report necessari alla produzione della certificazione della spesa (periodica e finale). Devono essere inseriti: Per le fatture, parcelle e notule: dati identificativi del fornitore o del percipiente (denominazione, indirizzo, partita Iva o codice fiscale), gli elementi identificativi del documento probatorio (data e n.) e gli importi indicati in fattura; Per le voci di spesa relative al personale interno inserire solo un dato riepilogativo mensile per tutti i dipendenti coinvolti nel progetto. Per le voci di spesa relative al reddito allievi inserire solo un dato riepilogativo mensile per tutti gli allievi. Tale spesa sarà già autocertificata dal datore di lavoro e conservata agli atti a cura del Gestore. Per i costi indiretti di struttura indicare la tipologia di costo, il totale del costo e la percentuale imputata al progetto. Per ogni voce di spesa sono stati predisposti diversi campi in cui indicare la tipologia del documento, la data del documento, gli estremi identificativi del documento stesso, il totale della spesa sostenuta, l importo quietanzato, la percentuale imputata al progetto (nel caso di costi gravanti unicamente su un progetto indicare 100%), la quota di costo quietanzato risultante imputata al progetto e il codice di piano dei conti a cui è imputata (es. per la spesa relativa alla progettazione dell intervento riferita a personale esterno di fascia B indicare I.2.3). Si rammenta che, ai fini dell esposizione delle spese per la certificazione intermedia della spesa e per la rendicontazione finale assume rilevanza unicamente l importo quietanzato. Ogni modello deve riportare in calce la sottoscrizione del legale rappresentante. Il Piano dei conti Fondo Sociale Europeo Il Piano dei conti è stato concepito per aiutare e uniformare l operato dei beneficiari finali. Esso è strutturato a tre livelli, secondo la classificazione indicata nel documento Spese ammissibili e massimali di riferimento, in modo da rendere univoca l imputazione delle voci di spesa alle categorie indicate nel piano dei conti. Il beneficiario finale inserisce le voci di spesa su monitorweb raggruppandole per livelli di piano dei conti, esponendo il totale della voce di riferimento; così ad esempio la somma delle spese quietanzate dei docenti esterni di fascia A deve essere inserita nella voce II.I.2. Il Piano dei conti ha una duplice funzione: da un lato, infatti, è lo strumento per la classificazione delle voci di spesa relative al progetto, dall altro costituisce il prospetto riepilogativo delle spese sostenute, da utilizzarsi per la trasmissione delle certificazioni periodiche della spesa e del rendiconto finale. 5

6 Le certificazioni dei Revisori contabili Come premesso i Revisori incaricati dal beneficiario finale devono predisporre sul modello in allegato le relazioni accompagnatorie alla certificazione periodica e finale della spesa. I modelli contengono le informazioni di cui l Amministrazione Regionale necessita al fine di avere un controllo di primo livello sull operato in tema di amministrazione dell operatore. I Revisori possono integrare il modello con una propria relazione che evidenzi atti o fatti che si ritengono rilevanti ai fini dell attività di controllo. ********************** In conclusione: il beneficiario finale registra le fatture sul sito stampa i report prodotti dal sito internet (Allegato 1 Piano dei conti Fondo Sociale Europeo Elenco dei giustificativi di spesa Allegato 4 Certificazione intermedia delle spese o Allegato 5 Certificazione finale delle spese ) sottoscrive i report; restituisce, se del caso, sul c/c n. 1/9 della Banca Intesa BCI, codice ABI 3069 CAB 9790, intestato alla TESORERIA DELLA REGIONE LOMBARDIA Via Pirelli 12, Milano con la seguente causale: Progetto n. Obiettivo 3 Misura FSE Restituzione somme eccedenti le risultanze della certificazione finale della spesa alla Regione Lombardia pari a euro, così suddivise : euro sul Cap euro sul Cap euro sul Cap (I dati della ripartizione sui capitoli vengono calcolati automaticamente da Monitorweb) allega la certificazione dei revisori (Allegato 2 o 3) ai report stampati; se dovuto, allega copia del bonifico di restituzione trasmette il tutto alla Regione Lombardia, Ufficio gestione 6

7 4. L ATTIVITÀ DI REVISIONE Il revisore contabile incaricato deve effettuare tutte le verifiche finalizzate alla produzione: delle relazioni di certificazione intermedie da allegare alla certificazione della spesa, che il beneficiario finale invia alle scadenze indicate dalla Regione Lombardia; della relazione finale di certificazione da allegare al rendiconto delle spese sostenute a valere sui progetti cofinanziati dal Fondo Sociale Europeo. A tal fine il revisore è tenuto ad osservare le indicazioni del presente documento, nonché il documento Spese ammissibili e massimali di riferimento della Regione Lombardia, e ogni altro atto inerente il progetto cofinanziato. Le certificazioni a cura del revisore vanno redatte secondo i modelli Relazione di certificazione intermedia della spesa e Relazione di certificazione finale della spesa, allegati al presente documento; le relazioni devono esprimere il giudizio di veridicità dei costi dichiarati e di attendibilità della gestione finanziaria del finanziamento, secondo i prestabiliti principi contabili, nell ambito della normativa vigente. Di seguito si indicano i principali documenti utili ai fini dell attività di revisione: I Regolamenti CE 1260/1999, 1784/1999 e 1685/2000 I bandi e i dispositivi di attuazione Il progetto finanziato e il relativo provvedimento regionale di finanziamento; L atto di adesione e gli obblighi del gestore; Il registro didattico e il registro stage; I curriculum professionali; Le lettere di incarico, debitamente controfirmate per accettazione; Le fatture e gli altri documenti probatori; I documenti relativi al costo dei destinatari; per i disoccupati le note di pagamento, per gli occupati i documenti comprovanti lo stato lavorativo e le retribuzioni; Le quietanze di pagamento (anche relative agli oneri fiscali e previdenziali); Prospetto di riparto delle spese indirette e dei costi del personale dipendente; Libri cespiti, se istituiti; Polizze fidejussorie. I Revisori attestano o meno nella loro relazione i contenuti della certificazione, accompagnandola, se ritenuto opportuno, da annotazioni o rilievi emersi durante l attività di revisione. In particolare il Revisore è tenuto a segnalare ogni tipo di irregolarità emersa durante l attività di verifica evidenziandola nella relazione; deve inoltre segnalare le spese che ritiene di non dover certificare come ammissibili al finanziamento, indicando gli estremi del documento di spesa (secondo quanto indicato nel paragrafo I giustificativi di spesa ), evidenziandole nella relazione di certificazione come indicato nel modello in allegato. Qualora si ravvisassero irregolarità tali da non consentire al Revisore di produrre la certificazione, quest ultimo è tenuto a mettersi in contatto con l Amministrazione Regionale, Struttura Affari Generali, Organizzazione e Ispettivo della Direzione Generale Formazione, Istruzione e Lavoro e a segnalare tempestivamente i fatti in oggetto. 7

8 5. CRITERI GENERALI DI AMMISSIBILITÀ E DI CERTIFICAZIONE Si ritiene opportuno richiamare i concetti e i criteri di particolare rilevanza per l espletamento delle attività amministrativo contabili. Principi di ammissibilità L ammissibilità di un costo deve essere riconosciuta attraverso le seguenti fasi successive di verifica: il costo risulta riferibile ad una tipologia non dichiarata inammissibile in base alla normativa comunitaria, nazionale e regionale di riferimento; il costo rispetta i limiti e le condizioni di ammissibilità stabiliti dalla normativa comunitaria, nazionale e regionale di riferimento; il costo rispetta i principi generali di ammissibilità stabiliti a prescindere dalla natura e tipologia a cui questo risulta direttamente riferibile; il costo è riferito ad attività progettuali ammesse al finanziamento; il costo è parte integrante dell intervento finanziato. Sono espressamente inammissibili, ai sensi del Regolamento CE 1685/2000 e successive integrazioni e pareri della Commissione Europea: gli oneri finanziari: gli interessi debitori, gli aggi, le spese e le perdite di cambio, gli altri oneri meramente finanziari le ammende, le penali e le spese per controversie legali in conseguenza di comportamenti che hanno dato origine a sanzioni amministrative, in conseguenza di violazioni di impegni contrattuali ed in conseguenza di azioni per la tutela di interessi lesi. Sono inoltre inammissibili: i costi dei contributi in natura; le spese per infrastrutture, grandi attrezzature ed elaboratori di tipo mainframe; le spese riferite alle attività promozionali svolte da personale interno o esterno dell operatore. Progetto ammesso e finanziato Le spese sostenute ed oggetto della certificazione si riferiscono ad un progetto cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo, approvato con atti della Amministrazione Regionale, regolato dall atto di adesione e dagli obblighi del gestore stipulato tra la Regione e l ente beneficiario, e pubblicizzato dal beneficiario finale secondo le modalità previste dalla Regione Lombardia. Non sono in alcun modo ammissibili costi sostenuti per attività non ammesse al finanziamento. Pertinenza I costi sostenuti devono essere direttamente o indirettamente connessi al progetto cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo. Per quanto attiene i costi indiretti, questi presentano una inerenza specifica del costo, ma non esclusiva al progetto, in quanto la stessa risorsa può essere utilizzata per più progetti; oppure nel caso dei costi di funzionamento, presentano una inerenza generale al progetto, legata al mantenimento ordinario della 8

9 struttura che consente la realizzazione di tutti i progetti che vi si svolgono. Come tali si devono ripartire in chiave proporzionale (prorata). Ripartizione della spesa e metodo di calcolo Nel caso di spese che si riferiscano solo in parte all'operazione cofinanziata, l ente beneficiario provvede all imputazione della quota di spesa relativa al progetto (a condizione che tale spesa si basi sui costi reali effettivi relativi all'esecuzione dell'operazione cofinanziata dal Fondo Sociale Europeo), che viene imputata con calcolo prorata all'operazione, secondo un metodo equo corretto e debitamente giustificato. Analoga giustificazione è fornita per i tipi di spesa considerati ammissibili entro determinati limiti, o proporzionalmente ad altri costi. Per garantire omogeneità ed uniformità nell imputazione delle spese sostenute si adotta il criterio generale per la determinazione dei costi rappresentato dal costo per unità di misura fisica o temporale. In nessun caso potranno essere ammesse spese espresse forfettariamente o percentualmente. Coerenza tra le spese esposte e le attività previste Le spese esposte nel modello Piano dei Conti Fondo Sociale Europeo devono essere coerenti con le attività indicate nel progetto approvato, connesse con l attività svolta e incluse nel limite del preventivo approvato. Conformità alla disciplina comunitaria e nazionale dei titoli originali di spesa e contabilizazione Per essere sostenuto e riconosciuto ammissibile un costo deve essere legittimo, ossia riconducibile allo strumento comunitario e deve essere previsto dalla norma nazionale e regionale. I documenti di spesa (fatture, ricevute, ecc.) devono essere validamente emessi e conformi a quanto disposto dalla normativa fiscale e civilistica vigente. La documentazione giustificativa evidenzia la natura, la quantità e la qualità dei beni e/o servizi oggetto della prestazione stessa. Le registrazioni contabili relative a tutti costi imputati al finanziamento FSE sono obbligatorie e devono concordare con i pertinenti documenti giustificativi, detenuti dai beneficiari finali e dagli organismi o imprese che eseguono le operazioni. Le registrazioni contabili disponibili ai livelli di gestione appropriati devono fornire informazioni dettagliate sulle spese reali effettivamente sostenute dai beneficiari finali e dagli eventuali organismi o imprese incaricati di eseguire le operazioni. Inoltre ogni documento di spesa relativo a progetti cofinanziati dal Fondo Sociale Europeo deve riportare la dicitura Documento utilizzato totalmente/parzialmente sul progetto cofinanziato FSE n.. La contabilità del progetto deve essere tenuta evidenziata e resa immediatamente disponibile, in modo da agevolare ogni forma di controllo. Spese reali effettivamente sostenute e comprovabili Tutte le spese imputate nel Piano dei Conti Fondo Sociale Europeo devono rappresentare costi reali, devono essere state effettivamente sostenute attraverso pagamenti del beneficiario finale, ivi compresi eventuali oneri sociali, fiscali e previdenziali, e devono essere documentate mediante fatture quietanzate o documenti contabili di valore probatorio equivalente. Sono considerate spese effettivamente sostenute anche quelle la cui evidenza economica non è allineata nel tempo alla movimentazione del denaro. Le imposte e le tasse attinenti il progetto cofinanziato aventi scadenza successiva alla conclusione del progetto stesso (es. IRAP ecc.) possono essere esposte tra i costi relativi al progetto. Per tali oneri l Operatore deve predisporre apposito prospetto di calcolo che evidenzi la metodologia utilizzata. Tale prospetto, 9

10 sottoscritto dal legale rappresentante e vistato dal Revisore, è considerato documento probatorio; può essere riconosciuta come spesa ammissibile la parte percentuale riconducibile alle attività cofinanziate dal FSE. Conservazione della documentazione relativa al progetto cofinanziato Tutta la documentazione inerente le attività progettuali (sia essa di natura amministrativa registro didattico etc., sia essa di natura contabile fatture etc. ) deve essere conservata presso la sede indicata dal beneficiario finale in fase di presentazione del progetto. In caso di ATI, ATS, Partnership l onere della conservazione della documentazione amministrativa (es. registri didattici, schede stage, ecc.) in originale spetta al capofila; per quanto concerne la documentazione fiscale ogni componente l associazione deve conservare gli originali, mentre il capofila deve conservarne una copia conforme all originale stesso. La documentazione relativa al progetto va conservata per 10 anni ed eventualmente per un periodo superiore in applicazione delle disposizioni di cui all art. 38 c. 6 del Regolamento CE 1260/99. Rispetto dei massimali Le spese imputate sono ricomprese per natura e / o per importo nei limiti dei parametri fissati nel documento Spese ammissibili e massimali di riferimento e nei dispositivi specifici della Regione Lombardia. Periodo di vigenza Le spese imputate si riferiscono al periodo temporale compreso nel periodo di svolgimento dell attività, fatto salvo quanto espressamente indicato nei dispositivi di attuazione della Regione Lombardia. Qualora, al di fuori di questi casi, vi siano fatture portanti date posticipate e/o anticipate rispetto a quella di inizio o termine delle attività progettuali, queste saranno riconoscibili solo se preventivamente ed espressamente autorizzate dalla Regione Lombardia. Non ha validità il silenzio assenso. Il revisore è tenuto a produrre motivazione separata, indicando anche la cifra relativa. Unità temporale Per il conteggio delle ore di attività svolte da parte del personale e delle ore di formazione fruite, è utile evidenziare che un ora di costo deve corrispondere effettivamente e inderogabilmente a 60 minuti. L ora formativa non può essere frazionata. Il registro didattico e il registro stage Il registro didattico e di presenza rappresenta il documento fondamentale dell azione formativa in quanto consente di verificare la presenza dei partecipanti, l orario, i docenti, le materie trattate in corrispondenza al progetto approvato ed al programma didattico di dettaglio: come tale costituisce un atto pubblico e deve essere numerato in ogni pagina e vidimato dagli uffici regionali competenti. Le Università (così come definite dall art 2 c. 1 Legge 390/91), gli Enti pubblici, gli Istituti Scolastici possono incaricare un funzionario interno per la vidimazione dei propri registri. 10

11 Il contenuto del registro prevede, oltre al programma svolto, le firme dei partecipanti e del personale di docenza. Più in dettaglio il registro didattico, con riferimento ad ogni ora di insegnamento, deve fornire i seguenti dati: ora di inizio e termine, firma del docente, dell eventuale codocente e del tutor, materia e argomenti trattati. Le registrazioni devono essere effettuate in tempo reale. Il direttore o coordinatore didattico, o comunque il responsabile del corso, deve autodichiarare l autenticità dei dati contenuti del registro. Sulla base delle firme apposte dal personale docente, così come riscontrabili dal registro, avviene il controllo didattico e contabile mediante conteggio delle ore di docenza e di frequenza. Il registro stage è il documento probatorio dell effettuazione degli stage formativi presso le aziende; In caso di stage o tirocinio individuale in sedi diverse da quella di conservazione del registro didattico, si devono istituire appositi registri, fogli o schede individuali di presenza, preventivamente vidimati, da tenere costantemente nella sede di svolgimento dello stage e la circostanza deve essere annotata nel registro originario a fianco dei partecipanti interessati. Acquisizione di beni strumentali e attrezzature Si rimanda alle indicazioni fornite nel documento Spese ammissibili e massimali di riferimento. L IVA L IVA costituisce costo ammissibile solo ed esclusivamente se rappresenta un costo indetraibile ed è stata realmente e definitivamente sostenuta dal beneficiario finale. Nel caso in cui l Operatore utilizzi una percentuale pro rata di detrazione dell IVA, dovrà utilizzare la percentuale calcolata nell ultima dichiarazione annuale IVA presentata al Ministero dell Economia e delle Finanze Oneri e parcelle È ammissibile il costo di stipula della fideiussione prestata da Istituti Bancari e Assicurativi, come indicati dalla l. 10/6/1982, n I costi relativi alla costituzione di ATI o ATS sono ammissibili se sono connessi a requisiti imposti dai dispositivi della Regione Lombardia. Sono ammissibili i costi inerenti le certificazioni della spesa dei progetti cofinanziati dal Fondo Sociale Europeo rilasciate dal Revisore nei limiti previsti dal documento Spese ammissibili e massimali di riferimento della Regione Lombardia. Il cofinanziamento privato Per agevolare il calcolo della quota di cofinanziamento privato relativa al progetto si propone la seguente esemplificazione: Si somma il costo di formazione effettivo al costo del reddito allievi effettivo: Costo Formazione = Valore Ora Formazione x N. Ore Reddito Allievi = Costo Orario x N. Ore Allievo Costo Totale = Costo Formazione + Reddito Allievi 11

12 sul totale così ottenuto si calcola la quota di finanziamento pubblico prevista dal Reg. (CE) 68/2001. Quindi rendicontando un costo formazione di 180 Euro e un costo allievi di 60 Euro (Costo totale 240 Euro) avremo i seguenti due casi: la Grande Impresa, che in base al Reg. (CE) 68/2001 avrebbe diritto ad un finanziamento del 50%, otterrà un finanziamento pubblico di 120 Euro e un cofinanziamento privato di 120 Euro; la PMI, che in base al Reg. (CE) 68/2001 avrebbe diritto ad un finanziamento pubblico del 70%, otterrà 168 Euro e un cofinanziamento privato di 72 Euro. Oltre alla quota obbligatoria ex Reg. (CE) 68/2001, l impresa può prevedere un ulteriore quota di cofinanziamento privato. Si ribadisce che il beneficiario finale è tenuto a rendicontare l intero costo del progetto, compreso il cofinanziamento privato. La delega L appalto di lavori e servizi pubblici è regolato dalla direttiva CE 92/50, recepita con Dlgs 157/95,e prevede il subappalto, ossia l affidamento di parte del servizio ad un terzo soggetto (persona giuridica), solo in presenza di determinate condizioni. Anche la delega è l affidamento ad un soggetto terzo (persona giuridica) di parte delle attività, ma l attività principale, in quest ultimo caso, non è stata affidata con gara d appalto. Pertanto, per analogia, si applica alla delega la normativa relativa al subappalto. Non costituisce delega l affidamento di incarico a persona fisica. La delega dell attività finanziata, traendo il principio dalla normativa comunitaria e nazionale, è vietata e, pertanto, il soggetto beneficiario del finanziamento non può fare ricorso ad enti terzi. Può essere tuttavia richiesta, esclusivamente all atto di presentazione del progetto, deroga espressa al divieto di delega, la quale può essere concessa alle seguenti condizioni: la delega deve essere autorizzata in sede di valutazione del progetto dalla Regione Lombardia; non sono ammessi affidamenti avvenuti in data successiva all approvazione del progetto; l apporto del terzo delegato si configura in termini di valore aggiunto prodotto; il terzo delegato deve possedere i requisiti tecnici e finanziari per svolgere l attività delegata; la richiesta di deroga al divieto di delega deve essere accompagnata dalla specificazione della tipologia delle attività oggetto di delega e dall indicazione del loro costo; le attività delegate e il soggetto delegato approvati dalla Regione Lombardia non possono essere variati; il costo dell attività delegata deve essere commisurato all effettivo valore del servizio prestato e deve essere contenuto nel limite fissato dai dispositivi di attuazione della Regione Lombardia; non sono pertanto ammissibili aumenti di costo derivanti da subappalti a cascata o da contratti in base ai quali 12

13 gli importi da pagare sono espressi in percentuale sull importo del finanziamento; il costo dell attività delegata approvato non può essere aumentato; il terzo delegato si impegna a fornire tutte le informazioni e la documentazione, contabile e amministrativa, relative all attività svolta; l incarico relativo all attività delegata deve essere formalmente accettato dal terzo delegato, che non può a sua volta delegare ad altri l'esecuzione dell'azione. E vietata le delega delle attività di direzione, coordinamento, valutazione e amministrazione (comprese le attività di segreteria). Responsabile a tutti gli effetti del finanziamento concesso è, in ogni caso, il beneficiario finale anche per le azioni delegate. Per il principio di assimilazione non si considera delega l affidamento di attività inerenti la realizzazione di progetti cofinanziati dal Fondo Sociale Europeo: da parte di associazioni, anche temporanee (purché costituite al fine di realizzare il progetto cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo), agli associati; da parte di consorzi ai consorziati; da parte di impresa ad altre imprese controllate e/o collegate, così come definite dall art.2359 cc. 1 ; da parte del beneficiario finale del progetto cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo ai partner del medesimo progetto; da parte di una fondazione ai soggetti facenti parte della stessa. Tali soggetti, a prescindere dall eventuale obbligo di emissione di fattura, sono tenuti ad imputare le spese sostenute per la realizzazione delle attività relative a progetti cofinanziati dal Fondo Sociale Europeo a costi reali. Per maggiore chiarezza non sembra superfluo richiamare le differenze più rilevanti fra i soggetti delegati e i soggetti sopra specificati, che vengono definiti nel seguito del presente documento semplicemente soggetti associati: i soggetti delegati possono operare solo se la delega è stata autorizzata dalla Regione Lombardia in fase di approvazione del progetto; i soggetti associati, anche se non coincidono con il beneficiario finale del finanziamento, sono equiparati a quest ultimo e possono svolgere qualsiasi attività prevista dal progetto approvato; 1 Per società controllate e/o collegate, così come definite dall art.2359 cc, si intendono imprese facenti parte dello stesso gruppo, segnatamente: le società in cui un altra società dispone della maggioranza dei voti sufficienti per esercitare un influenza determinante nell assemblea ordinaria; le società in cui un altra società dispone di voti sufficienti per esercitare un influenza determinante nell assemblea ordinaria; le società che sono sotto influenza dominante di un altra società in virtù di particolari vincoli contrattuali con essa. Sono considerate collegate le società sulle quali un altra società esercita un influenza notevole. L influenza si presume quando nell assemblea ordinaria può essere esercitato almeno un quinto dei voti ovvero un decimo se la società ha azioni quotate in borsa. 13

14 i soggetti delegati prestano la loro opera entro limiti qualitativi e quantitativi predeterminati e disciplinati in dettaglio nell atto formale di delega; i soggetti delegati devono emettere fattura per la prestazione eseguita con riferimento a quanto previsto nell atto di delega; il ricorso a prestazioni professionali individuali è sempre possibile, sia da parte del soggetto beneficiario del finanziamento, che da parte dei soggetti associati o, anche, dei soggetti delegati. Non si considera delega l affidamento degli incarichi relativi alla certificazione intermedia e finale della spesa a Revisori contabili secondo quanto indicato nel presente documento. E fatto divieto assoluto di variare il soggetto e le attività delegate indicate e approvate nel progetto originario cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo. Costo del personale Personale interno Il personale interno è legato al beneficiario finale con contratto a tempo indeterminato o con contratto a tempo determinato. Il personale di soggetti associati, come sopra definiti, è considerato a tutti gli effetti personale interno. Per individuare il costo riferito a spese sostenute in relazione all impiego di personale interno, si fa riferimento alla retribuzione lorda percepita dal dipendente in base ai limiti contrattuali, compresi tutti i contributi sociali, siano essi a carico del lavoratore o del datore di lavoro, nel limite delle previsioni della legislazione nazionale, esclusi tutti gli emolumenti diretti a far beneficiare il dipendente coinvolto nelle azioni di vantaggi particolari e supplementari, e quant altro non abbia carattere obbligatorio. Adoperando come base di calcolo tale montante è possibile determinare, su base oraria, il costo da imputare all azione cofinanziata dal FSE. L Irap è ammissibile per la parte di imposta generata dalle attività progettuali. Personale esterno Il costo del personale esterno, impiegato nelle attività cofinanziate dal FSE, viene determinato sulla base dell esperienza professionale e del titolo di studio, dichiarati nel curriculum professionale firmato, entro i massimali di costo determinati per fasce di livello con riferimento alle tipologie professionali elencate nel documento Spese ammissibili della Regione Lombardia. Il compenso viene prefissato per ora di prestazione attraverso la stipula di un contratto o di una lettera di incarico controfirmata per accettazione, nel quale deve essere chiaramente indicato oltre alla prestazione, il periodo in cui deve essere effettuata, la durata in ore, il corrispettivo orario, la data. In caso di soggetti associati, come sopra definiti, il personale esterno può fatturare ad uno qualsiasi degli stessi. 14

15 Spese destinatari delle azioni Sono ammissibili, con i limiti e le caratteristiche previste dai dispositivi di attuazione, le seguenti tipologie di costo: Voucher Incentivi alla frequenza Incentivi per la realizzazione di congedi formativi Incentivi per la realizzazione di bilanci di competenze Borse di studio Borse di lavoro Finanziamento di stage e tirocini Reddito allievi Per i lavoratori dipendenti è ammissibile il costo della retribuzione come descritto nel presente documento alla voce personale interno. Per i lavoratori autonomi, i titolari d impresa ed i coadiuvanti è ammesso il costo corrispondente alle ore durante le quali essi hanno effettivamente partecipato alla formazione, detratte le ore produttive o equivalenti. I soci lavoratori delle cooperative e gli intermediari sono assimilati, qualora non dipendenti, ai lavoratori autonomi. Non è ammesso alcun costo relativo alla mancata produzione. La figura del destinatario delle azioni non è compatibile con le funzioni di docenza, codocenza, tutoraggio, direzione, coordinamento e altre attività assimilabili all interno dello stesso progetto. Viaggi, vitto e alloggio Con riferimento alle risorse umane interne, impiegate nella realizzazione del progetto, i costi di trasferta sono ammissibili solo nel caso di partecipazione ad azioni svolte al di fuori della sede abituale di lavoro. Per i partecipanti occupati sono ammissibili i costi per il trasporto dalla sede abituale di lavoro alla sede dell azione e viceversa. Per i partecipanti disoccupati sono ammissibili le spese di trasporto dal domicilio, purché nel territorio della Regione Lombardia, alla sede del corso. Per i massimali di costo si faccia riferimento alle tipologie elencate nel documento Spese ammissibili della Regione Lombardia. 15

16 6. I CONTROLLI ESTERNI È facoltà degli organi di controllo dello Stato e della Regione Lombardia, nonché dell Unione Europea, effettuare visite, anche senza preavviso, in ogni fase dell attività finanziata al fine di attivare a vario titolo la vigilanza sulle azioni. Qualora l esito delle verifiche di carattere tecnico contabile dia luogo a riparametrazioni dell intero finanziamento, o di singole categorie o voci di spesa, il revisore è tenuto a prendere atto dei rilievi e certificare di conseguenza la stesura del rendiconto finale. 16

17 7. ALLEGATI 1. Piano dei conti Fondo Sociale Europeo 2. Relazione di certificazione intermedia della spesa 3. Relazione di certificazione finale della spesa 4. Autocertificazione intermedia del legale rappresentante 5. Autocertificazione finale del legale rappresentante 17

18 ALLEGATO 1 Progetto n. Ttolo Totale spese quietanzate Piano dei Conti Fondo Sociale Europeo I. PREPARAZIONE I livello II livello III livello Spese quietanzate 1. Indagine preliminare di mercato e analisi dei fabbisogni 5. Attività delegata 2. Individuazione profilo utenza 3. Ideazione e progettazione intervento 5. Attività delegata 5. Attività delegata 4. Pubblicizzazione e promozione intervento 1. Materiale pubblcitario 2. Pubblicazioni e altre attività promozionali 3. Attività delegata

19 ALLEGATO 1 5. Selezione e orientamento partecipanti 6. Elaborazione materiale didattico 5. Attività delegata 5. Stampati e materiale didattico 6. Attività delegata 7. Realizzazione del progetto esecutivo (non ammissibile per attività formative) 5. Attività delegata 8. Ideazione del progetto di ricerca (non ammissibile per attività formative) 4. Attività delegata 9. Redazione del progetto di massima (non ammissibile per attività formative) 5. Attività delegata

20 ALLEGATO Presentazione del progetto esecutivo (non ammissibile per attività formative) Totale voce I. Preparazione II. REALIZZAZIONE 11. Altre voci di spesa richieste dal bando 1. Docenza 5. Attività delegata 2. Codocenza 3. Tutoraggio 3 bis. Accompagnamento 2. Risorse umane esterne 3. Attività delegata 2. Risorse umane esterne 3. Attività delegata 2. Risorse umane esterne 3. Attività delegata 4. Spese di trasferta (personale impiegato nella realizzazione del progetto) 1. Spese di viaggio 2. Spese di vitto 3. Spese di alloggio

Linee guida di rendicontazione e Spese Ammissibili finanziamenti nazionali e regionali. Milano, 5 febbraio 2009

Linee guida di rendicontazione e Spese Ammissibili finanziamenti nazionali e regionali. Milano, 5 febbraio 2009 Linee guida di rendicontazione e Spese Ammissibili finanziamenti nazionali e regionali Milano, 5 febbraio 2009 Premessa Riferimenti normativi: Regione Lombardia -DDUO n. 15169 del 22/12/2008; Approvazione

Dettagli

Accordo di Programma Quadro in materia di Politiche Giovanili

Accordo di Programma Quadro in materia di Politiche Giovanili Allegato 9 Accordo di Programma Quadro in materia di Politiche Giovanili Nuova Generazione di Idee. Le politiche e le Linee di intervento di Regione Lombardia per i Giovani SPESE AMMISSIBILI E MASSIMALI

Dettagli

CATEGORIE DI COSTO PER MACROVOCI. Per la tipologia c) sono riconosciuti i costi riferibili a: 1. Individuazione del sostituto. 2. Progettazione.

CATEGORIE DI COSTO PER MACROVOCI. Per la tipologia c) sono riconosciuti i costi riferibili a: 1. Individuazione del sostituto. 2. Progettazione. Elenco dei costi ammissibili relativi ai progetti di azioni positive per la flessibilità art. 9 legge 8 marzo 2000, n. 53 e successive modificazioni. Criteri generali di ammissibilità dei costi e specifiche.

Dettagli

Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua. Linee guida sui costi ammissibili in applicazione della Circolare n. 36 del 18.11.

Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua. Linee guida sui costi ammissibili in applicazione della Circolare n. 36 del 18.11. Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua Linee guida sui costi ammissibili in applicazione della Circolare

Dettagli

VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA

VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA REGIONE BASILICATA Dipartimento Presidenza della Giunta BANDO DI CONCORSO NUOVI FERMENTI PROGETTI PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE CREATIVE ALLEGATO D VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA 1 Principi

Dettagli

Procedure per la presentazione del Rendiconto

Procedure per la presentazione del Rendiconto Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle Imprese Cooperative Procedure per la presentazione del Rendiconto - Gennaio 2013 - FON.COOP 0 Documenti per la presentazione

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE ATTIVITÀ FINANZIATE DA FONDITALIA

MANUALE DI RENDICONTAZIONE ATTIVITÀ FINANZIATE DA FONDITALIA MANUALE DI RENDICONTAZIONE ATTIVITÀ FINANZIATE DA FONDITALIA Approvato nel C.D.A. del 26 aprile 2010 Viale Bruno Buozzi, 59-00197 Roma T. +39 06 95216933 - F. +39 06 99705521 - C.F. 97516290588 - info@fonditalia.org

Dettagli

FONDO SOCIALE EUROPEO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE OBIETTIVO 3 (2000-2006)

FONDO SOCIALE EUROPEO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE OBIETTIVO 3 (2000-2006) ALLEGATO 1 REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE FORMAZIONE E LAVORO FONDO SOCIALE EUROPEO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE OBIETTIVO 3 (2000-2006) LINEE GUIDA PER LE DICHIARAZIONI INTERMEDIE DELLA

Dettagli

All. A alla D.D. n. 298-1248023/2007

All. A alla D.D. n. 298-1248023/2007 All. A alla D.D. n. 298-1248023/2007 DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE ED IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO DELLE ATTIVITÀ RELATIVE AL BANDO FORMAZIONE CONTINUA LEGGE N. 236/93 PIANI CONCORDATI TRA LE

Dettagli

FONDO SOCIALE EUROPEO POR LOMBARDIA 2000 2006 SPESE AMMISSIBILI E MASSIMALI DI RIFERIMENTO. Unione Europea. Fondo Sociale Europeo

FONDO SOCIALE EUROPEO POR LOMBARDIA 2000 2006 SPESE AMMISSIBILI E MASSIMALI DI RIFERIMENTO. Unione Europea. Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo FONDO SOCIALE EUROPEO POR LOMBARDIA 2000 2006 SPESE AMMISSIBILI E MASSIMALI DI RIFERIMENTO Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali - 1 - - 2 - Sommario PREMESSA...4

Dettagli

d) Relazione sull attività svolta

d) Relazione sull attività svolta Allegato 1 alla check list per operazioni in regime concessorio Verifica documentazione relativa ai costi per la realizzazione del progetto Verifica in loco n. Data e Luogo della verifica Titolo progetto

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI FORMATIVI SPECIFICATAMENTE DEDICATI ALLE PICCOLE, MEDIE E MICRO IMPRESE

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI FORMATIVI SPECIFICATAMENTE DEDICATI ALLE PICCOLE, MEDIE E MICRO IMPRESE Allegato 9 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI FORMATIVI SPECIFICATAMENTE DEDICATI ALLE PICCOLE, MEDIE E MICRO IMPRESE in attuazione dell articolo 11, comma 1, lettera b) del d.lgs. 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

PRINCIPI ATTIVI 2012

PRINCIPI ATTIVI 2012 REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l'innovazione Servizio Politiche Giovanili e Cittadinanza Sociale PRINCIPI ATTIVI 2012 Giovani idee per una Puglia migliore Allegato n. 2 Vademecum

Dettagli

UFFICIO CENTRALE PER L'ORIENTAMENTO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE DEI LAVORATORI. Divisione VI

UFFICIO CENTRALE PER L'ORIENTAMENTO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE DEI LAVORATORI. Divisione VI UFFICIO CENTRALE PER L'ORIENTAMENTO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE DEI LAVORATORI Divisione VI Premessa CIRCOLARE n. 98/95 NATURA DEI COSTI AMMISSIBILI PER LE ATTIVITÀ FORMATIVE COFINANZIATE DAL F.S.E.

Dettagli

POR CALABRIA 2000/2006 Misura 3.7 Alta Formazione Azione 3.7.B Incentivi alle persone POR FSE CALABRIA 2007/2013 ASSE IV Capitale Umano

POR CALABRIA 2000/2006 Misura 3.7 Alta Formazione Azione 3.7.B Incentivi alle persone POR FSE CALABRIA 2007/2013 ASSE IV Capitale Umano POR CALABRIA 2000/2006 Misura 3.7 Alta Formazione Azione 3.7.B Incentivi alle persone POR FSE CALABRIA 2007/2013 ASSE IV Capitale Umano AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI BUONI PREMIO PER I MIGLIORI

Dettagli

Direzione Formazione Professionale Lavoro

Direzione Formazione Professionale Lavoro Direzione Formazione Professionale Lavoro Provincia di Novara DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE ED IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO INERENTE IL BANDO PROVINCIALE RELATIVO ALLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI AVVISO 526 FINANZIAMENTI ON-LINE (GEFO) 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione

Dettagli

BOOM POLMONI URBANI VADEMECUM

BOOM POLMONI URBANI VADEMECUM Movimento 5 Stelle Boom Polmoni Urbani BOOM POLMONI URBANI VADEMECUM Questo Vademecum fornisce indicazioni riguardo l ammissibilità delle spese e le modalità di rendicontazione relative ai progetti ammessi

Dettagli

GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL

GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL Unione Europea GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL BANDO PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI UNITÁ DI RICERCA 1^ scadenza e 2^ scadenza: DGR n. 1988/2011 e successive modificazioni

Dettagli

Fondo Europeo Sviluppo Regionale. a cura di: Bruno Diego Gallace

Fondo Europeo Sviluppo Regionale. a cura di: Bruno Diego Gallace Fondo Europeo Sviluppo Regionale a cura di: Bruno Diego Gallace 1 Gestione Amministrativa e Contabile Cosa fa una scuola che ha ricevuto un finanziamento del PON FESR Ambienti per l apprendimento? IL DIRIGENTE

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE (ALLEGATO A) MANIFESTAZIONE DI INTERESSE A PARTECIPARE ALLA PROCEDURA DI SELEZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE RIVOLTO AGLI STUDENTI ISCRITTI AI CORSI DI LAUREA DI INGEGNERIA MECCANICA,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE Roma - 22 settembre 2015 IL CONTO FORMATIVO AZIENDALE (CFA) Le imprese aderenti a For.Agri versano all INPS lo 0,30% delle retribuzioni dei propri

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE Roma - 11 marzo 2015 IL CONTO FORMATIVO AZIENDALE (CFA) Le imprese aderenti a For.Agri versano all INPS lo 0,30% delle retribuzioni dei propri

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo 1 Sommario 1. Vigilanza e Controllo... 3 2. Modalità e procedure di esercizio delle

Dettagli

La gestione finanziaria dei progetti

La gestione finanziaria dei progetti Progettazione sociale ed europea per le Associazioni Culturali La gestione finanziaria dei progetti Torino 18 Marzo 2014 1 Pianificazione economico finanziaria Uno dei momenti della pianificazione è la

Dettagli

Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati)

Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati) Doc.: PQ13 Rev.: 1 Data: 05/05/09 Pag.: 1 di 6 Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati) EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione Web Lombardia, di seguito denominata GWL,

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo. Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo. Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione Scuola e Università, Diritto allo Studio Adozione di UCS (Unità di Costo

Dettagli

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione Premessa Il presente documento regola le modalità di rendicontazione, ai fini dell

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità IL FONDO ROTATIVO PER KYOTO PAGAMENTI E RENDICONTAZIONE Antonio Rattà, Roma 17 aprile 2015 Definizione E il processo di consuntivazione

Dettagli

Istituto Statale d Istruzione Superiore Miraglia LAURIA - dsga D. Di Lascio

Istituto Statale d Istruzione Superiore Miraglia LAURIA - dsga D. Di Lascio - dsga D. Di Lascio Promemoria per il personale amministrativo assegnato ai progetti P.O.N. 2000/2006 A cura del Direttore Servizi Generali e Amministrativi DI LASCIO Domenico Ogni progetto dovrà essere

Dettagli

LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE

LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE ALLEGATO E) LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI Il soggetto che beneficia di contributi pubblici deve realizzare gli investimenti oggetto di finanziamento

Dettagli

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE PARAGRAFO 1 Disposizioni generali La sovvenzione si basa sul principio del cofinanziamento, in quanto completa il contributo finanziario del beneficiario. L importo

Dettagli

Criteri per la rendicontazione

Criteri per la rendicontazione L.R.34/2004 Programma pluriennale per le Attività Produttive 2011/2015 Misura 1.7 Supporto per la Partecipazione dei giovani ai Processi di innovazione Piano Giovani 2011/2013 Misura 6 Giovani ambasciatori

Dettagli

REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali

REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali ORGANISMO INTERMEDIO R.T.I. Società consortile Ass.For.SEO a.r.l. - KPMG Advisory S.p.A. e Metron S.r.l

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione Scuola e Università, Diritto allo Studio Area Programmazione dell'offerta Formativa

Dettagli

ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020

ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020 ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020 AVVISO PUBBLICO Interventi di sostegno alla qualificazione e all occupabilità delle risorse umane Approvato con D.D. n. del ATTO

Dettagli

Fondazione ITS Istituto Tecnico Superiore per le tecnologie innovative per i beni e le attività culturali Turismo Roma

Fondazione ITS Istituto Tecnico Superiore per le tecnologie innovative per i beni e le attività culturali Turismo Roma Allegato 1 Istruzioni operative concernenti la rendicontazione delle spese sostenute dagli I.T.S. Istituti Tecnici Superiori - cofinanziamento regionale di cui alle Determinazioni D4454 del 28 dicembre

Dettagli

P.O.R. Sardegna 2000 2006. Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio. Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE

P.O.R. Sardegna 2000 2006. Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio. Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE P.O.R. Sardegna 2000 2006 Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI Piano di sviluppo aziendale VRT 02/08-00

Dettagli

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI Programma Operativo Regionale F.E.S.R. 2007-2013 Competitività regionale e occupazione ASSE 1 Innovazione e transizione produttiva ATTIVITÀ I.1.3 Innovazione e PMI CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE

Dettagli

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda GESTIONE Regione Lombardia costituisce l unico ed esclusivo punto di riferimento nei confronti del Soggetto gestore. Sarà cura di

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione Scuola e Università, Diritto allo Studio Area Programmazione dell'offerta Formativa

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE ATTIVITÀ FINANZIATE DA FONDITALIA

MANUALE DI RENDICONTAZIONE ATTIVITÀ FINANZIATE DA FONDITALIA MANUALE DI RENDICONTAZIONE ATTIVITÀ FINANZIATE DA FONDITALIA Approvato nel C.D.A. del 13 marzo 2013 Via Cesare Beccaria,16-00196 Roma T. +39 06 95216933 - F. +39 06 99705521 - C.F. 97516290588 - info@fonditalia.org

Dettagli

Dispositivo. Azioni di sistema per il sostegno del sistema delle cooperative sociali di tipo B

Dispositivo. Azioni di sistema per il sostegno del sistema delle cooperative sociali di tipo B Provincia di Como Assessorato Politiche Attive del Lavoro Servizio provinciale collocamento mirato disabili rende note le indicazioni per la presentazione di Progetti previsti dal Piano provinciale per

Dettagli

Allegato 6 - Vademecum per la determinazione e rendicontazione dei costi

Allegato 6 - Vademecum per la determinazione e rendicontazione dei costi INNOVA.RE INNOVAzione in REte C.U.P. J85G09000350002 Il presente Vademecum illustra le procedure a cui i soggetti attuatori dei progetti di sviluppo, finanziati a valere sull Avviso interno in intestazione

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che Allegato n. 3 CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO ai sensi dell art. 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19 Premesso che - la Provincia autonoma di Trento, per favorire le

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA Linee guida per la rendicontazione degli interventi a sostegno della pesca e dell'acquacoltura

Dettagli

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO 1) SPESE RENDICONTATE IN A) Personale Per le spese A.1 Personale dipendente i documenti richiesti

Dettagli

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 Disposizioni di dettaglio per la gestione e il controllo della realizzazione di progetti mirati alla lotta alla dispersione scolastica

Dettagli

PREMESSE DESTINATARI DEI CONTRIBUTI

PREMESSE DESTINATARI DEI CONTRIBUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 43/14 del 28.10.2014 Direttive per la presentazione dei programmi di attività, per la ripartizione delle risorse tra le organizzazioni professionali agricole regionali e per

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DELLE SPESE DEI PROGETTI IN APPLICAZIONE DELLA. LEGGE REGIONALE 14 aprile 2003, n.

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DELLE SPESE DEI PROGETTI IN APPLICAZIONE DELLA. LEGGE REGIONALE 14 aprile 2003, n. LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DELLE SPESE DEI PROGETTI IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 14 aprile 2003, n.8 Indice I criteri di ammissibilità dei costi 4 I principi generali

Dettagli

ESEMPIO PRATICO. del Programma Operativo Lazio FSE 2007-2013.

ESEMPIO PRATICO. del Programma Operativo Lazio FSE 2007-2013. Allegato 12 Esempio pratico relativo ad attività di controllo di II livello ESEMPIO PRATICO Al fine di facilitare la comprensione di quanto esposto in precedenza, si riporta di seguito la simulazione di

Dettagli

Prot. n 2196 Venzone, 20.03.2014

Prot. n 2196 Venzone, 20.03.2014 Comune di Venzone Provincia di Udine Piazza Municipio, n 1 Prot. n 2196 Venzone, 20.03.2014 AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 4.2 AZIONE 4.2.1 POR MOLISE 2000-2006 AIUTI DE MINIMIS ALLE IMPRESE ARTIGIANE S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione, ideazione di progetti per

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Prot. n. 1221 del 10.05.2011

REPUBBLICA ITALIANA. Prot. n. 1221 del 10.05.2011 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato Regionale dell Istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento Regionale dell Istruzione e della Formazione Professionale Autorità di Gestione

Dettagli

Domanda: In caso di ricorso alle unità di costo standard, sono necessarie le lettere d incarico?

Domanda: In caso di ricorso alle unità di costo standard, sono necessarie le lettere d incarico? Faq - relative all'applicazione delle Unità di costo standard nella gestione e rendicontazione dei progetti inerenti la formazione e le politiche attive del lavoro di cui alla DGR 2110/2009 (4^ Parte)

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 CCI N 2007 IT 051 PO 002 Decisione della Commissione Europea C (2007) 6711 del 17 dicembre 2007 MANUALE

Dettagli

1 - MODALITA DI SVOLGIMENTO

1 - MODALITA DI SVOLGIMENTO DISCIPLINA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE NAZIONALE/ INTERNAZIONALE DA REALIZZARE TRAMITE L EROGAZIONE DI UNA BORSA DI MOBILITA FINANZIATA A VALERE SUL CONCORSO DI IDEE IMPRENDITORIALI VOLTE ALLA VALORIZZAZIONE

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali

REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali ORGANISMO INTERMEDIO R.T.I. Società consortile Ass.For.SEO a.r.l. - KPMG Advisory S.p.A. e Metron S.r.l

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ORDINARI IN CONCORSO SPESE DESTINATI AL POTENZIAMENTO DELLE ATTIVITA SPORTIVE (Del. C.P. n.

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ORDINARI IN CONCORSO SPESE DESTINATI AL POTENZIAMENTO DELLE ATTIVITA SPORTIVE (Del. C.P. n. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ORDINARI IN CONCORSO SPESE DESTINATI AL POTENZIAMENTO DELLE ATTIVITA SPORTIVE (Del. C.P. n. 60/02) ART. 1 FINALITA E BENEFICIARI DELL INTERVENTO La Provincia

Dettagli

Avviso Pubblico Più competenze per gli operatori sociali POR Campania FSE 2007-2013 (Asse III) FORMULARIO DI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

Avviso Pubblico Più competenze per gli operatori sociali POR Campania FSE 2007-2013 (Asse III) FORMULARIO DI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Allegato 2 Avviso Pubblico Più competenze per gli operatori sociali POR Campania FSE 2007-2013 (Asse III) FORMULARIO DI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO SEZIONE 1 DATI IDENTIFICATIVI DELL INTERVENTO FORMATIVO

Dettagli

Finmolise SpA AVVISO. In particolare, alcuni di questi compiti richiedono una competenza professionale specifica in materia di diritto comunitario.

Finmolise SpA AVVISO. In particolare, alcuni di questi compiti richiedono una competenza professionale specifica in materia di diritto comunitario. Finmolise SpA AVVISO Affidamento di un incarico di consulenza giuridica per l attuazione degli interventi previsti dal Fondo unico anticrisi Annualità 2015, ex DGR n. 813/2009 e ss.mm.ii. Art. 1 Premesse

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

Manuale di Gestione. Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil.

Manuale di Gestione. Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil. Manuale di Gestione Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil. Provincia di Milano Area Sistema produttivo, Lavoro e Welfare Settore Sviluppo Economico Via Soderini, 24 20146 Milano Sommario

Dettagli

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori stranieri non accompagnati e di giovani migranti MODALITA DI ATTUAZIONE Art. 1 NORME REGOLATRICI La partecipazione

Dettagli

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI UNIONE EUROPEA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA REPUBBLICA ITALIANA P.O.R. Sardegna 2000-2006 Misura 3.13 RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO NELLE IMPRESE E TERRITORIO AZIONE 3.13.B INCENTIVAZIONE DIRETTA ALLE

Dettagli

U.O. PATRIMONIO GARE E CONTRATTI

U.O. PATRIMONIO GARE E CONTRATTI U.O. PATRIMONIO GARE E CONTRATTI Determinazione nr. 1061 Trieste 07/04/2014 Proposta nr. 762 Del 03/04/2014 Oggetto: Regolamento Regionale n.116/pres. dd. 28/05/2010 - Fondo Sociale Europeo Obiettivo 2

Dettagli

Linee guida sulla Formazione Continua

Linee guida sulla Formazione Continua Linee guida sulla Formazione Continua In applicazione del Regolamento adottato dal Consiglio Nazionale dell Ordine dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati, pubblicato sul bollettino ufficiale

Dettagli

PACCHETTI INTEGRATI DI AGEVOLAZIONE (PIA) INDUSTRIA, ARTIGIANATO E SERVIZI AI SENSI DELLA D.G.R. n. 39/3 del 10.11.2010.

PACCHETTI INTEGRATI DI AGEVOLAZIONE (PIA) INDUSTRIA, ARTIGIANATO E SERVIZI AI SENSI DELLA D.G.R. n. 39/3 del 10.11.2010. UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE PACCHETTI INTEGRATI DI

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

COMUNE DI AVELLINO. Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi

COMUNE DI AVELLINO. Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi COMUNE DI AVELLINO Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO DI ANTICIPO O RELATIVA AL I SAL RISERVATO AL COMUNE DI AVELLINO: DATA SPEDIZIONE (presentazione

Dettagli

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa PREMESSA La programmazione FSE 2007-2013 prevede che le erogazioni a favore del beneficiario avvengano secondo il seguente schema:

Dettagli

Regolamento per l accesso e la gestione

Regolamento per l accesso e la gestione FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NEGLI STUDI PROFESSIONALI E NELLE AZIENDE COLLEGATE Regolamento per l accesso e la gestione al nuovo canale di finanziamento sperimentale

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO ALLEGATO C INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda di agevolazione i soggetti, di cui all articolo 29 della l.r. 34/2008 e s.m.i., che abbiano

Dettagli

Modifiche all Allegato A della DGR 1179/2011, già modificato dall Allegato A della DGR 467/2012

Modifiche all Allegato A della DGR 1179/2011, già modificato dall Allegato A della DGR 467/2012 Allegato 1 Modifiche all Allegato A della DGR 1179/2011, già modificato dall Allegato A della DGR 467/2012 Par. A.1 Candidature e tipologie di attività Sottoparagrafo b - La ripartizione delle attività

Dettagli

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi Regolamento di Attuazione L.R. 7/2006 art. 25 L.R. n.

Dettagli

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione SETTORE E FILIERA DELLA NAUTICA (in attuazione della DGR n. 611/2008) Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione INDICE PREMESSA...

Dettagli

Spett.le Provincia di Pordenone Settore Politiche Sociali Largo San Giorgio, 12 33170 PORDENONE

Spett.le Provincia di Pordenone Settore Politiche Sociali Largo San Giorgio, 12 33170 PORDENONE Spett.le Provincia di Pordenone Settore Politiche Sociali Largo San Giorgio, 12 33170 PORDENONE DOMANDA DI AMMISSIONE AL PROGETTO MICROCREDITO Il/la sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a (Prov. ), il

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA DICHIARAZIONE DELLE SPESE DELLE OPERAZIONI E PER LE RICHIESTE DI RIMBORSO FSE 2007-2013

LINEE GUIDA PER LA DICHIARAZIONE DELLE SPESE DELLE OPERAZIONI E PER LE RICHIESTE DI RIMBORSO FSE 2007-2013 LINEE GUIDA PER LA DICHIARAZIONE DELLE SPESE DELLE OPERAZIONI E PER LE RICHIESTE DI RIMBORSO FSE 2007-2013 Direzione Istruzione - Formazione Professionale - Lavoro Regione Piemonte - FSE 2007-2013, Obiettivo

Dettagli

COSTI AMMISSIBILI A FONDIR

COSTI AMMISSIBILI A FONDIR ALLEGATO 8 COSTI AMMISSIBILI A FONDIR Di seguito sono definite le voci di costo ammissibile a FONDIR individuando anche il contributo massimo attribuibile. In linea generale, un costo per essere ammissibile

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

REGOLE SULL'AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE

REGOLE SULL'AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE REGOLE SULL'AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE Documento approvato dalla GP con Delibera n. 1022 del 31.03.08 (Pubblicato sul BUR Trentino Alto Adige n. 15 del 8.04.08 e sul sito www.provincia.bz.it/fse ) Premessa

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER TIROCINI

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER TIROCINI POR UMBRIA FSE 2007-2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE DI TERNI N. 101 DEL 31/05/2011 - PIANIFICAZIONE DELLE AZIONI DELL ASSE INCLUSIONE SOCIALE

Dettagli

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Da inviare (su carta intestata dell ente) a: Dichiarazione di Spesa FINALE numero del / / Oggetto: La concessione del contributo/finanziamento è avvenuto

Dettagli

Bando formazione autotrasporto merci: prorogato il termine di presentazione delle domande al 15.10.2014

Bando formazione autotrasporto merci: prorogato il termine di presentazione delle domande al 15.10.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Bando formazione autotrasporto merci: prorogato il termine di presentazione delle domande al 15.10.2014 (Decreto ministeriale 19.06.2014 e 07.07.2014) Premessa Con il decreto

Dettagli

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE Allegato alla Determinazione n. 538/18555 del 17.12.2013 Piano straordinario per lo sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima infanzia Finanziamenti ai nidi e micronidi privati, già esistenti e

Dettagli

21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa

21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N.215 21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa A cura di Carlo De Luca e Luca Savastano Categoria: Agevolazioni Sottocategoria:

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

per la realizzazione del progetto per il finanziamento di progetti finalizzati all'accrescimento delle competenze e delle abilità

per la realizzazione del progetto per il finanziamento di progetti finalizzati all'accrescimento delle competenze e delle abilità Allegato 5 (schema di) CONVENZIONE DI FINANZIAMENTO per la realizzazione del progetto selezionato a mezzo Avviso pubblico del / /, per il finanziamento di progetti finalizzati all'accrescimento delle competenze

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014 Allegato alla determinazione dirigenziale n. del Settore Cultura, Beni Culturali, Identità e Tradizioni Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295487 Fax 0341.295463 e-mail segreteria.cultura@provincia.lecco.it

Dettagli

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI L'attività di supporto alla creazione di imprese

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli