Biella, 31 marzo 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Biella, 31 marzo 2011"

Transcript

1 Relatore Commercialista e revisore contabile Biella, 31 marzo

2 Perché? Le PMI che scelgono di partecipare ad una rete possono dar vita a collaborazioni tecnologiche e commerciali con aziende, per acquisire maggiore forza contrattuale, agevolazioni amministrative, finanziarie e per ricerca e sviluppo. Inoltre un importante vantaggio dell aggregazione è connesso alla necessità di accrescere la massa critica a fronte della globalizzazione dei mercati. Le reti di impresa oggi sono la principale modalità di riorganizzazione del sistema imprenditoriale e si sostanziano in forme di aggregazione che rappresentano una efficace strategia per lo sviluppo delle PMI; PMI 2

3 Motivazioni. 1) Difficoltà a livello organizzativo. 2) Necessità di ridurre i costi fissi. 3) Perdita di parte del capitale umano. 4) Necessità di ampliamento della gamma dei prodotti e/o servizi offerti. 5) Miglioramento competitivo con l uso piattaforme tecnologiche unificate. 3

4 Vantaggi. Accedere alla conoscenza altrui, a condizioni economicamente vantaggiose e con gamma di competenze differenziate molto estesa. Specializzarsi in competenze molto focalizzate, accettando (grazie alla rete) di dipendere da altri per alcune competenze critiche, in modo da ridurre l investimento, il rischio e il tempo che sono richiesti per produrre nuove conoscenze. Realizzare circuiti di condivisone protetti (tra impresa e centri di ricerca, tra fornitori e clienti o tra alleati che possiedono competenze diverse) nella sperimentazione del nuovo, che produce conoscenze originali. Estendere il bacino di applicazione delle conoscenze possedute, arrivando a mercati e applicazioni che vanno oltre le possibilità della piccola impresa, senza tuttavia perdere del tutto il controllo sul processo di riproduzione e propagazione. Aumentare i rendimenti delle conoscenze possedute da ciascuno, in modo da incentivare ulteriori investimenti nella loro produzione e propagazione, rendendo in questo modo sostenibile nel lungo periodo il processo di innovazione e di crescita della produttività. 4

5 Vantaggi. Maggiore efficienza. Lavorando in rete, infatti, si abbassa il costo della conoscenza impiegata e prodotta, grazie alle economie di scala che derivano dalla reciproca specializzazione e dall ampliamento dei bacini d uso. Maggiore flessibilità flessibilità. Diventa possibile rispondere in modo rapido, personalizzato e adattivo alla domanda, anche nelle nicchie o nelle piccole serie, perché l essere in rete con altri consente di disporre di capacità addizionali o differenziate, o di competenze e lavorazioni rapidamente integrabili nel proprio ciclo produttivo. Ciò permette di ridurre significamente il time to market, mantenendo comunque un controllo affidabile sui tempi di consegna e sulle qualità delle forniture. Maggiore creatività creatività. Lavorando in rete è più facile innovare potendo coltivare una propria differenza creatività che anche altri utilizzano (e pagano), e potendo avere accesso a un pool differenziato di idee, risorse, capacità produttive. 5

6 La creazione. IL METODO L analisi conoscitiva delle singole aziende che vogliono collaborare caratteristiche, l organizzazione interna, la specializzazione, etc..). La definizione delle aspettative di condivisione. La determinazione degli obiettivi individuali. Il delineamento di un sistema di valori condiviso. La realizzazione di un progetto di fattibilità che evidenzi il valore aggiunto della rete e i diversi apporti. (le 6

7 La creazione. LE FASI Decisione da parte di un gruppo di imprese di costruire una Rete. Conoscenza reciproca ed esperienze di collaborazione/partenariato. Definizione dei processi da integrare. Definizione degli obiettivi di ciascuna impresa della rete. Individuazione della forma giuridica più idonea e condivisa. Implementazione del modello organizzativo e piano di adeguamento di ciascuna azienda. Costituzione di un livello di coordinamento. Implementazione di un piano marketing condiviso. Implementazione di un piano economico finanziario di ciascuna azienda e della Rete e condivisione di alcune funzioni. Start up della Rete. 7

8 Le collaborazioni La collaborazione tra imprese, molte volte, rappresenta un fenomeno economico privo di regolamentazione formale e per svolgere la loro funzione, tuttavia, queste relazioni devono essere stabili e affidabili, in modo che le imprese possano contare sul comportamento e sulle competenze degli altri, favorendo la reciproca specializzazione. Tra le forme di collaborazione riscontriamo: 1) COLLABORAZIONE ORIZZONTALE. 2) COLLABORAZIONE VERTICALE. 3) COLLABORAZIONE MISTA. 8

9 Le collaborazioni COLLABORAZIONE ORIZZONTALE Si instaura tra: imprese che svolgono la stessa attività, finalizzate a sfruttare, ad esempio, le economie di scala; imprese che svolgono attività diverse ma connesse, come tra fornitori per lo stesso gruppo di clienti o di prodotti complementari e interdipendenti che costituiscono un sottogruppo del prodotto finito 9

10 Le collaborazioni COLLABORAZIONE VERTICALE Con questa forma le imprese delegano ad un nodo centrale il ruolo gestionale, decisionale e di rappresentanza. In genere è la forma di aggregazione esistente tra aziende che appartengono a diversi stadi della catena del valore. Si caratterizza per una maggiore integrazione delle competenze interne ed esterne, le imprese mirano al miglioramento della qualità o al superamento delle barriere per lo sviluppo di nuovi prodotti o l accesso a nuovi mercati. 10

11 Le collaborazioni COLLABORAZIONE MISTA E una forma flessibile con la quale, a seconda delle condizioni di mercato, si vengono a creare nodi che assumono un ruolo centrale per tutto il sistema. Si possono così formare, ad esempio, accordi sulla dimensione verticale che però riguarda un processo di integrazione orizzontale. 11

12 Strumenti giuridici. Accordo quadro Scrittura privata di collaborazione Società Società consortili Associazioni temporanee di impresa A.T.I./A.T.S A.T.I./A.T.S. A.T.S. Contratto di rete 12

13 Strumenti giuridici. Accordo quadro. Si tratta di un accordo tra due o più soggetti con cui si instaura un rapporto di stabile collaborazione (partnership) per la realizzazione di determinate attività e il perseguimento di determinati obiettivi. Viene generalmente utilizzato nel mondo associativo per la realizzazione di progetti legati alla formazione e alla ricerca. 13

14 Strumenti giuridici. Scrittura privata di collaborazione. Si concretizza in un accordo tra due o più parti con cui si regola la propria partnership attraverso la redazione di un atto nella forma della scrittura privata. Viene utilizzata in forme semplici e poco strutturate di collaborazione caratterizzate da un numero molto limitato di imprese. 14

15 Strumenti giuridici. Forme Consortili. Con questo strumento si procede alla creazione di un organismo il consorzio che rappresenta un gruppo di imprese che si danno un organizzazione comune per coordinare determinate fasi della propria attività produttiva o di scambio. I consorzi possono nascere dalla volontà dei singoli consorziati (contratto consortile), da atto della pubblica autorità (consorzi obbligati) o dalla legge (consorzi coattivi). L art. 2615ter del Cod.Civ. prevede la facoltà di usare lo schema societario per il perseguimento dei fini consortili (società consortili). 15

16 Strumenti giuridici. Associazioni temporanee di imprese (A.T.I. A.T.S.). A.T.S.). Sono forme di aggregazione temporanee ed occasionali per cooperare alla realizzazione di opere pubbliche o di altre operazioni complesse. Si caratterizzano per un mandato con rappresentanza conferito ad una delle parti contraenti capogruppo dalle restanti partecipanti. Il rapporto di mandato non determina organizzazione e associazione degli operatori economici riuniti, ognuno dei quali conserva la propria autonomia ai fini della gestione, degli adempimenti fiscali e degli oneri sociali. Le A.T.I. quindi non hanno personalità giuridica e non sono soggetti rilevanti ai fini fiscali; la loro forma contrattuale però è prevista nel Codice dei Contratti, che le distingue in ATI Orizzontali (mandatario e mandanti eseguono il medesimo tipo di prestazione ex art. 37) e ATI Verticali (il mandatario esegue la parte principale della prestazione e i mandanti quella secondaria). Le A.T.S. sono una forma di A.T.I. costituita per il raggiungimento di un determinato scopo (es. l esecuzione di un determinato lavoro a seguito dell aggiudicazione di un bando di gara). 16

17 Strumenti giuridici. IL CONTRATTO DI RETE (Legge 9/4/2009 N.33) Il contratto di rete è stato introdotto e disciplinato dalla Legge 9 aprile 2009, n. 33 che ha convertito, con modificazioni, il D.L. febbraio 2009 n. 5, 5 recante misure urgenti a sostegno dei settori industriali in crisi. Con il contratto di rete due o più imprese si obbligano ad esercitare in comune una o più attività economiche rientranti nei rispettivi oggetti sociali allo scopo di accrescere la reciproca capacità innovativa e la competitività sul mercato. 17

18 Il contratto di rete. FORMA E CONTENUTO (art.4 ter) ter) Il contratto deve essere redatto per atto pubblico o per scrittura privata autenticata, e deve indicare: a) la denominazione sociale delle imprese aderenti alla rete; b) l'indicazione delle attività comuni poste a base della rete; c) l'individuazione di un programma di rete; d) la durata del contratto e le relative ipotesi di recesso; e) l'organo comune incaricato di eseguire il programma di rete, i suoi poteri anche di rappresentanza e le modalità di partecipazione di ogni impresa all attività dell'organo. 18

19 Il contratto di rete. IL PROGRAMMA DI RETE (art.4 ter) ter) Il contratto di rete deve contenere: 1) l'enunciazione dei diritti e degli obblighi assunti da ciascuna impresa partecipante; 2) le modalità di realizzazione dello scopo comune da perseguirsi attraverso l'istituzione di un fondo patrimoniale comune, in relazione al quale sono stabiliti i criteri di valutazione dei conferimenti che ciascun contraente si obbliga ad eseguire per la sua costituzione e le relative modalità di gestione, ovvero mediante ricorso alla costituzione da parte di ciascun contraente di un patrimonio destinato all'affare, ai sensi dell'articolo 2447bis, primo comma, lettera a) del codice civile; 19

20 Il contratto di rete. CARATTERISTICHE PRINCIPALI La forma del contratto: contratto atto pubblico o scrittura privata autenticata, fondamentale quindi è ricorrere ad un notaio L oggetto del contratto: contratto è una obbligazione reciproca tra le imprese aderenti al contratto di rete ad esercitare in comune una o più attività economiche rientranti nei rispettivi oggetti sociali Lo scopo del contratto: contratto accrescere la competitività sul mercato e la reciproca capacità innovativa 20

21 Il contratto di rete. ELEMENTI ESSENZIALI L individuazione di un programma di rete (che contenga l enunciazione dei diritti e degli obblighi assunti da ciascuna impresa partecipante e le modalità di realizzazione dello scopo comune) L indicazione degli obiettivi strategici e delle attività comuni poste a base della rete, che dimostrino il miglioramento della capacità innovativa e della competitività sul mercato L individuazione dell dell organo comune incaricato di eseguire il contratto di rete, i suoi poteri anche di rappresentanza e le modalità di partecipazione di ogni impresa alla attività dell organo. Salvo che sia diversamente disposto nel contratto di rete, l organo agisce in rappresentanza delle imprese nei casi espressamente previsti dalla legge L istituzione di un fondo patrimoniale comune in relazione al quale sono stabiliti i criteri di valutazione dei conferimenti che ciascun contraente si obbliga ad eseguire per la sua costituzione e le relative modalità di gestione (si vedano artt e 2615 c.c.) L indicazione della durata del contratto, contratto delle modalità di adesione di altre imprese e delle relative ipotesi di recesso. 21

22 Il contratto di rete. PUBBLICITA PUBBLICITA (Art.4 quater) quater) Il legislatore ha previsto che il contratto di rete debba essere iscritto nel registro delle imprese ove hanno sede le parti contraenti. NORME CORRELATE (Art.4 quinquies) quinquies) Alle reti delle imprese si applicano le disposizioni dell'articolo 1, comma 368, lettera b), della legge 23 dicembre 2005, n. 266 e successive modificazioni. (DISTRETTI PRODUTTIVI) 22

23 Il contratto di rete. AGEVOLAZIONI (Legge 122/2010). Per le imprese che sottoscrivono o aderiscono a un contratto di rete è prevista un agevolazione che consiste in un regime di sospensione di imposta di cui possono usufruire gli utili di esercizio accantonati ad apposita riserva e destinati alla realizzazione di investimenti previsti dal programma comune. (Art. 42 del D.L. 78/2010 convertito con modificazioni nella Legge 122/2010). 23

24 Il contratto di rete. AGEVOLAZIONI (Legge 122/2010). CONDIZIONI Detto beneficio spetta a condizione che: a) il programma comune di rete sia preventivamente asseverato asseverato da appositi organismi previsti con decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze ovvero, in via sussidiaria da organismi pubblici individuati con il medesimo decreto (art.42, comma quater); b) le somme accantonate siano destinate al fondo patrimoniale comune comune o al patrimonio destinato all affare per realizzare entro l esercizio successivo gli investimenti previsti dal programma di rete. 24

25 Il contratto di rete. AGEVOLAZIONI (Legge 122/2010). LIMITI In merito alla determinazione dell importo agevolabile viene stabilito che gli utili che non concorrono alla formazione del reddito non possono eccedere, in ogni caso, il limite di per ciascuna impresa, nonché per ciascun periodo d imposta in cui è consentito l accesso all agevolazione e fermo restando il limite stabilito dal comma 2- quinquies pari a 20 milioni di euro per l anno 2011 e 14 milioni di euro per ciascuno degli anni 2012 e

26 Il contratto di rete. AGEVOLAZIONI (Legge 122/2010). PERDITA REQUISITI Il regime di sospensione di imposta cessa, e quindi gli utili accantonati concorrono alla formazione del reddito, nell esercizio in cui la riserva è utilizzata per scopi diversi dalla copertura di perdite di esercizio ovvero in cui viene meno l adesione al contratto di rete. 26

27 Il contratto di rete. ESEMPI 01Wiring Meccanica C.M.E. (Costruzioni Meccaniche Estensi) Estensi) Consorzio Imprese Subforniture Italia DICO SERVICE NETWORK : MECCANICA GENERALE DIGICONS INFORMATICA Distretto Nord Est Packaging ENERPRO : impiantistica GRUPPO CMS MECCANICA HIHI-MEC.IT : MECCANICA GENERALE I.Style : aziende di mobili concorrenti in Italia ma unite sui mercati esteri MEC IN BO MECNET METALMETAL-LINK 27

28 Il contratto di rete. NORMATIVA E PRASSI Normativa istitutiva: Art. 3, commi 4ter-4quinquies, D.L. 10/2/2009, N. 5 convertito con modificazioni nella Legge 9 aprile 2009, n. 33. Normativa correlata: Legge 23 dicembre 2005, n. 266, commi , Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge finanziaria 2006 ) - (Distretti produttivi); Art.42, comma 2 quater, D.L. 78/2010 convertito con modificazioni nella Legge 122/2010 (Agevolazioni reti d impresa). Prassi: Circolare n. 4/E del 15 febbraio

29 Il contratto di rete. PUBBLICAZIONI AIP (a cura di) Associazione Italiana della produzione, Fare reti d impresa. Dai nodi distrettuali alle maglie lunghe: una nuova dimensione per competere, Il Sole 24Ore, Milano, AIP (a cura di) - Associazione Italiana della produzione, Reti d impresa oltre i distretti. Nuove forme di organizzazione produttiva, di coordinamento e di assetto giuridico, Il Sole 24 Ore, Milano, Cafaggi F., Il contratto di rete Commentario, Il Mulino, Cafaggi F. e Iamiceli P.,Reti di imprese tra crescita e innovazione organizzativa, Il Mulino, Bologna, Cafaggi F., Reti di imprese tra regolazione e norme sociali, Il Mulino, Izzo F., Ricciardi A., Relazioni di cooperazione e reti di imprese, Franco Angeli, Milano Ricciardi A., Le reti di imprese. Vantaggi competitivi e pianificazione strategica, Franco Angeli, Milano,

30 Il contratto di rete. LINKS

31 CONTRATTI DI RETE Quando l unione fa realmente la forza! 31

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Documento di consultazione I contratti di rete nell ambito delle procedure di gara Sommario Premessa... 1 1. Inquadramento

Dettagli

IL CONTRATTO DI RETE - BREVI CENNI LA RETE DI IMPRESE: CARATTERISTICHE E OPPORTUNITA

IL CONTRATTO DI RETE - BREVI CENNI LA RETE DI IMPRESE: CARATTERISTICHE E OPPORTUNITA IL CONTRATTO DI RETE - BREVI CENNI LA RETE DI IMPRESE: CARATTERISTICHE E OPPORTUNITA 1 IL CONTRATTO DI RETE NORMATIVA E PRASSI Articolo 3, commi 4-ter e 4-quater D.L. 10 febbraio 2009 n. 5 (convertito

Dettagli

LA DISCIPLINA SUL CONTRATTO DI RETE

LA DISCIPLINA SUL CONTRATTO DI RETE LA DISCIPLINA SUL CONTRATTO DI RETE Legge 33/2009, di conversione del D.L. 5/2009, art. 3, commi 4-ter e seguenti 1 4-ter. Con il contratto di rete più imprenditori perseguono lo scopo di accrescere, individualmente

Dettagli

IL CONTRATTO DI RETE ED IL RUOLO DEL NOTAIO. Massimo Stefani Vicenza, 23 gennaio 2012

IL CONTRATTO DI RETE ED IL RUOLO DEL NOTAIO. Massimo Stefani Vicenza, 23 gennaio 2012 IL CONTRATTO DI RETE ED IL RUOLO DEL NOTAIO Massimo Stefani Vicenza, 23 gennaio 2012 CONTRATTI DI RETE Art. 3, comma 4-ter D.L. 5/2009, convertito, con modificazioni, dalla Legge 33/2009, norma successivamente

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E INDICE

CIRCOLARE N. 20/E INDICE CIRCOLARE N. 20/E Roma, 18 giugno 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Articolo 3 del decreto-legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito con modificazioni dalla legge 9 aprile 2009, n. 33, e successive

Dettagli

Reti di imprese. Cosa sono e perché farle.

Reti di imprese. Cosa sono e perché farle. Reti di imprese. Cosa sono e perché farle. Ing. Giovanni Moser Consulente d impresa Provincia di Pavia Agriturismo Corte Montini 18 aprile 2012 Contenuti Rete d imprese. Cos è pag 4 o Le parole chiave

Dettagli

NEWSLETTER Italian Corporate Department

NEWSLETTER Italian Corporate Department NEWSLETTER Italian Corporate Department REQUISITI DEGLI ORGANISMI ESPRESSIONE DELL'ASSOCIAZIONISMO IMPRENDITORIALE: LE RETI DI IMPRESE Con la pubblicazione del Decreto Ministeriale del 25 febbraio 2011

Dettagli

5. Quali sono gli elementi facoltativi nella sottoscrizione di un Contratto di rete?

5. Quali sono gli elementi facoltativi nella sottoscrizione di un Contratto di rete? RETI DI IMPRESE FAQ 1. Che cosa sono le Reti d impresa? 2. Qual è l obiettivo del Contratto di rete? 3. Come aderire ad una rete? 4. Quali sono i contenuti obbligatori del Contratto di rete? 5. Quali sono

Dettagli

DEFINIZIONE (art. 3, c. 4ter, I parte, D.l. 5/2009, convertito in L. 33/2009 e modificato dalla L. 122/2010, di conversione del D.l. 78/2010).

DEFINIZIONE (art. 3, c. 4ter, I parte, D.l. 5/2009, convertito in L. 33/2009 e modificato dalla L. 122/2010, di conversione del D.l. 78/2010). DEFINIZIONE (art. 3, c. 4ter, I parte, D.l. 5/2009, convertito in L. 33/2009 e modificato dalla L. 122/2010, di conversione del D.l. 78/2010). Con il contratto di rete più imprenditori perseguono lo scopo

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

Aggregazioni per una nuova competitività delle imprese

Aggregazioni per una nuova competitività delle imprese INSIEME E MEGLIO? Aggregazioni per una nuova competitività delle imprese Daniele Dondarini Responsabile CNA Servizi alla Comunità Emilia Romagna Angelo Cornacchione Presidenza CNA Servizi alla Comunità

Dettagli

Legge 9 aprile 2009, n. 33

Legge 9 aprile 2009, n. 33 Legge 9 aprile 2009, n. 33 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 10 febbraio 2009, n. 5, recante misure urgenti a sostegno dei settori industriali in crisi" pubblicata nella Gazzetta

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, IMPLEMENTAZIONE ED AVVIO DEL SISTEMA GESTIONALE (ERP) ACQUISTATO DALLA SOCIETA SAP ITALIA S.P.

APPALTO PER IL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, IMPLEMENTAZIONE ED AVVIO DEL SISTEMA GESTIONALE (ERP) ACQUISTATO DALLA SOCIETA SAP ITALIA S.P. A TPER SPA APPALTO PER IL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, IMPLEMENTAZIONE ED AVVIO DEL SISTEMA GESTIONALE (ERP) ACQUISTATO DALLA SOCIETA SAP ITALIA S.P.A., NELLE AZIENDE DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE DI PERSONE

Dettagli

I SISTEMI QUALITÀ NEI RAGGRUPPAMENTI DI IMPRESE E NEI CONSORZI

I SISTEMI QUALITÀ NEI RAGGRUPPAMENTI DI IMPRESE E NEI CONSORZI I SISTEMI QUALITÀ NEI RAGGRUPPAMENTI DI IMPRESE E NEI CONSORZI DINO BOGAZZI Direttore Qualità e Organizzazione Consorzio Cooperative Costruzioni e Vicepresidente Settore Costruzioni AICQ 1. Premessa Il

Dettagli

QUESITO n. 1 Quesito n. 1 Risposta Dichiarazione esclusione automatica QUESITO n. 2 Quesito n. 2 Risposta

QUESITO n. 1 Quesito n. 1 Risposta Dichiarazione esclusione automatica QUESITO n. 2 Quesito n. 2 Risposta ai quesiti pervenuti, in merito alla richiesta di chiarimento di carattere amministrativo, alla Stazione Appaltante in ordine alla Gara n. 02/2014 Lavori di realizzazione di nuove piazzole di emergenza

Dettagli

CONTRATTO DI RETE D IMPRESE REPUBBLICA ITALIANA

CONTRATTO DI RETE D IMPRESE REPUBBLICA ITALIANA ESEMPIO CONTRATTO DI RETE: Repertorio n.. CONTRATTO DI RETE D IMPRESE REPUBBLICA ITALIANA Raccolta n.. Innanzi a me Dottor xxxxxxxxxxxxxxx, Notaio residente in xxxxxxxxxxx, con studio in via xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

LE RETI DI IMPRESA. Un nuovo modello di sviluppo economico. Con il contributo di

LE RETI DI IMPRESA. Un nuovo modello di sviluppo economico. Con il contributo di LE RETI DI IMPRESA Un nuovo modello di sviluppo economico Con il contributo di INDICE Cos è una rete di impresa 3 I vantaggi di aggregarsi 4 Il contratto di rete 5 La governance della rete 6 Il fondo patrimoniale

Dettagli

RETI DI IMPRESE Il rating e il Bond di Rete. Vincenzo BOLDRINI Direzione Network Emilia Romagna di UniCredit

RETI DI IMPRESE Il rating e il Bond di Rete. Vincenzo BOLDRINI Direzione Network Emilia Romagna di UniCredit RETI DI IMPRESE Il rating e il Bond di Rete Vincenzo BOLDRINI Direzione Network Emilia Romagna di UniCredit Bologna, 3 Aprile 2012 Logiche e contesto La crisi finanziaria dei mercati, evoluta in crisi

Dettagli

AGEVOLAZIONI - RETI DI IMPRESE - TERMINI, ASPETTI PROCEDURALI E APPLICAZIONE

AGEVOLAZIONI - RETI DI IMPRESE - TERMINI, ASPETTI PROCEDURALI E APPLICAZIONE Agenzia delle Entrate Circolare 14 aprile 2011, n.15/e Articolo 42, decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con modificazioni dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 - Reti di imprese. AGEVOLAZIONI

Dettagli

BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA Codice Identificativo Gara (CIG) 5493686D17. denominazione UNIVERSITA DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA UNISOB

BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA Codice Identificativo Gara (CIG) 5493686D17. denominazione UNIVERSITA DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA UNISOB BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA Codice Identificativo Gara (CIG) 5493686D17 1. Amministrazione aggiudicatrice: denominazione UNIVERSITA DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA UNISOB indirizzo VIA SUOR ORSOLA

Dettagli

ALLEGATO 1 - DICHIARAZIONE DI PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA APERTA. nato a... il... residente nel Comune di...(...) Stato... via..

ALLEGATO 1 - DICHIARAZIONE DI PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA APERTA. nato a... il... residente nel Comune di...(...) Stato... via.. ALLEGATO 1 - DICHIARAZIONE DI PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA APERTA Codice CUP: E29D09000100007 Codice CIG: 0985907C2E (1) Il /la sottoscritto/a...... nato a...... il... residente nel Comune di......(...)

Dettagli

Fondo patrimoniale e organo comune di rappresentanza: elementi accessori del contratto di rete

Fondo patrimoniale e organo comune di rappresentanza: elementi accessori del contratto di rete Focus di pratica professionale di Luca Miele e Valeria Russo Fondo patrimoniale e organo comune di rappresentanza: elementi accessori del contratto di rete Il contratto di rete prevede, quali elementi

Dettagli

Il contratto di Rete

Il contratto di Rete 18 settembre 2014 Numero 2 Il contratto di Rete Speciale Contratto di Rete Con l art. 3, comma 4 ter, D.L. 5/2009, convertito con modificazioni in L. 33/2009, e successive modifiche e integrazioni, è stato

Dettagli

AGGREGAZIONI D IMPRESE E CONTRATTO DI RETE: UNO STRUMENTO PER AFFRONTARE I MERCATI ESTERI

AGGREGAZIONI D IMPRESE E CONTRATTO DI RETE: UNO STRUMENTO PER AFFRONTARE I MERCATI ESTERI AGGREGAZIONI D IMPRESE E CONTRATTO DI RETE: UNO STRUMENTO PER AFFRONTARE I MERCATI ESTERI Nel dibattito sulla competitività del sistema industriale italiano la ridotta dimensione viene spesso considerata

Dettagli

SCHEMA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA

SCHEMA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA SCHEMA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA Spett. Tea S.p.A. Via Taliercio n.3 46100 MANTOVA OGGETTO: Procedura aperta per la selezione del socio privato di Tea Reteluce S.r.l. con attribuzione di compiti

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE UNICA

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE UNICA 1/11 Allegato A) DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE UNICA Spett. le COMUNE DI AMALFI Piazza Municipio, 6 84011 A M A L F I (SA) Oggetto e importo dell appalto: Procedura ristretta per

Dettagli

GRUPPO TORINESE TRASPORTI S.p.A. Corso Turati 19/6 - Torino Tel. 011/5764.1 - Telefax 011/5764.330 - Sito Internet: www.gtt.to.it APPALTO GTT N. 138/2012 - SETTORI SPECIALI QUALIFICAZIONE PER SERVIZI DI

Dettagli

Dott. Luca Castagnetti

Dott. Luca Castagnetti La valutazione economica della consistenza ottimale del fondo patrimoniale rispetto allo sviluppo degli obiettivi dichiarati nel Programma del Contratto di rete. Dott. Luca Castagnetti Introduzione Il

Dettagli

(eventualmente) giusta procura generale/speciale n in data del Notaio,

(eventualmente) giusta procura generale/speciale n in data del Notaio, COMUNE DI GREVE IN CHIANTI -Provincia di Firenze - Servizio lavori Pubblici - Progettazione ALLEGATO A al disciplinare MARCA DA BOLLO DA. 14,62 PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO IN PROJECT FINANCING DELLA

Dettagli

ASPETTI ECONOMICO-AZIENDALI DEL CONTRATTO DI RETE

ASPETTI ECONOMICO-AZIENDALI DEL CONTRATTO DI RETE ASPETTI ECONOMICO-AZIENDALI DEL CONTRATTO DI RETE Tommaso Perfetti dottore di ricerca in economia aziendale dottore commercialista e revisore dei conti 8 febbraio 2013 Il concetto di aggregazione aziendale

Dettagli

Modello A ISTANZA DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA E CONTESTUALE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE PER I REQUISITI DI ORDINE GENERALE

Modello A ISTANZA DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA E CONTESTUALE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE PER I REQUISITI DI ORDINE GENERALE Modello A ISTANZA DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA E CONTESTUALE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE PER I REQUISITI DI ORDINE GENERALE Spett.le Stazione appalrtante OGGETTO: PROCEDURA APERTA PER L

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Circolare n. 11 dell 11 settembre 2014 DL 24.6.2014 n. 91

Dettagli

DICHIARAZIONE A. Procedura negoziata per l affidamento di SERVIZI ASSICURATIVI dell Azienda U.L.S.S. 13, LOTTO UNICO INSCINDIBILE:

DICHIARAZIONE A. Procedura negoziata per l affidamento di SERVIZI ASSICURATIVI dell Azienda U.L.S.S. 13, LOTTO UNICO INSCINDIBILE: DICHIARAZIONE A Spett.le Azienda U.l.s.s. 13 Mirano Via Mariutto 76 30035 Mirano (VE) Procedura negoziata per l affidamento di SERVIZI ASSICURATIVI dell Azienda U.L.S.S. 13, LOTTO UNICO INSCINDIBILE: ASSICURAZIONE

Dettagli

Nel bando di gara viene indicata per la categoria scorporabile OS21 una incidenza del 12,53%.

Nel bando di gara viene indicata per la categoria scorporabile OS21 una incidenza del 12,53%. RISPOSTE A QUESITI (28 Gennaio 2015) 1) DOMANDA Nel bando di gara viene indicata per la categoria scorporabile OS21 una incidenza del 12,53%. Nel disciplinare di gara viene riportato come lavori appartenenti

Dettagli

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA Introduzione: Il Decreto Legge n. 91 del 24 giugno 2014 (c.d. Decreto Competitività ) e la relativa Legge di Conversione (Legge n. 116

Dettagli

Quesito n. 1: Risposta a quesito n. 1: Quesito n. 2 Risposta al quesito n. 2 Quesito n. 3 Risposta al quesito n. 3 Quesito n. 4

Quesito n. 1: Risposta a quesito n. 1: Quesito n. 2 Risposta al quesito n. 2 Quesito n. 3 Risposta al quesito n. 3 Quesito n. 4 Oggetto: Appalto integrato per la progettazione esecutiva e l'esecuzione dei lavori e delle forniture necessarie per la realizzazione dell'acquedotto del Sinni - III lotto. Con riferimento alle gare, mediante

Dettagli

Il sottoscritto nato il a in qualità di dell impresa con sede in con codice fiscale n e con partita IVA n CHIEDE

Il sottoscritto nato il a in qualità di dell impresa con sede in con codice fiscale n e con partita IVA n CHIEDE 1 ALLEGATO A DOMANDA DI PARTECIPAZIONE A PROCEDURA APERTA E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA AI SENSI DEL D.P.R. 28 DICEMBRE 2000 N 445 A CORREDO DELL OFFERTA AL COMUNE DI PRIZZI Corso Umberto I n 56 90038 PRIZZI

Dettagli

V A D M E C U M R TI DI IMPRESA

V A D M E C U M R TI DI IMPRESA V A D e M E C U M R TI DI IMPRESA INDICE PREFAZIONE di Carlo Sangalli INTRODUZIONE - Le potenzialità delle Reti di Impresa e perché un Vademecum 3 5 SEZIONE 1- ASPETTI LEGALI E FISCALI 1. Il Contratto

Dettagli

DOCUMENTO DI CUI AL PUNTO N. 10.1 DEL BANDO DOMANDA DI PARTECIPAZIONE PER I SOGGETTI DI CUI ALLA LETTERA A) B) E C) ART. 34 D.LGS.

DOCUMENTO DI CUI AL PUNTO N. 10.1 DEL BANDO DOMANDA DI PARTECIPAZIONE PER I SOGGETTI DI CUI ALLA LETTERA A) B) E C) ART. 34 D.LGS. (Modello Allegato A) (regolarizzare con marca da Euro 14,62) DOCUMENTO DI CUI AL PUNTO N. 10.1 DEL BANDO DOMANDA DI PARTECIPAZIONE PER I SOGGETTI DI CUI ALLA LETTERA A) B) E C) ART. 34 D.LGS. 163/2006

Dettagli

Comune di Gravina in Puglia

Comune di Gravina in Puglia Comune di Gravina in Puglia c.a.p. 70024 Partita Iva 0036498722 Codice Fiscale PROVINCIA DI BARI DISCIPLINARE DI GARA PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO VISITA E DI UNA RETE SENTIERISTICA NEL SIC BOSCO

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

BANDO D ASTA PUBBLICA

BANDO D ASTA PUBBLICA CONSORZIO DI GESTIONE DEL PARCO REGIONALE DEI GESSI BOLOGNESI E CALANCHI DELL ABBADESSA Via JUSSI n. 171 Loc. Farneto 40068 San Lazzaro di Savena (BO) Tel 051/6251934 Fax 051/6254521 http://www.parcogessibolognesi.it

Dettagli

Gara europea per la fornitura di gas naturale ai punti di prelievo SAT. presso l Aeroporto G. Galilei di Pisa

Gara europea per la fornitura di gas naturale ai punti di prelievo SAT. presso l Aeroporto G. Galilei di Pisa Gara europea per la fornitura di gas naturale ai punti di prelievo SAT presso l Aeroporto G. Galilei di Pisa MODELLO 1 DICHIARAZIONE DI INSUSSISTENZA DELLE CAUSE D ESCLUSIONE EX ART. 38 D.Lgs n. 163/2006

Dettagli

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI LAVORI PREPARATORI Senato della Repubblica (atto n. 3396): Presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri ( MONTI ), dal Ministro dell economia e finanze (MONTI ) e dal Ministro per i rapporti con

Dettagli

L organo comune. La nomina dell organo comune non è un requisito essenziale ai fini della configurabilità del contratto di rete.

L organo comune. La nomina dell organo comune non è un requisito essenziale ai fini della configurabilità del contratto di rete. LEZIONE 2 L organo comune La nomina dell organo comune non è un requisito essenziale ai fini della configurabilità del contratto di rete. Infatti, nella rete di imprese l esecuzione del programma comune

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia LE FORME AGGREGATIVE NELLE IMPRESE TURISTICHE 2 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Globalizzazione

Dettagli

insieme per competere Innovazione e internazionalizzazione per le imprese liguri

insieme per competere Innovazione e internazionalizzazione per le imprese liguri Le Guide brevi CNA regione liguria Assessorato alla Formazione liguria insieme per competere Innovazione e internazionalizzazione per le imprese liguri Vademecum per la creazione di consorzi, associazioni

Dettagli

La costituzione di raggruppamenti d imprese è finalizzata a dimostrare uno o più dei seguenti requisiti:

La costituzione di raggruppamenti d imprese è finalizzata a dimostrare uno o più dei seguenti requisiti: SCHEDA FORME ASSOCIATIVE DI PARTECIPAZIONE Nessun concorrente partecipante a RTI può presentare più offerte, né potrà subentrare successivamente alla gara ove abbia presentato offerta in una qualsiasi

Dettagli

COMUNE DI VERNATE (PROVINCIA DI MILANO) Il sottoscritto1. nato a il. residente in. Via. chiede

COMUNE DI VERNATE (PROVINCIA DI MILANO) Il sottoscritto1. nato a il. residente in. Via. chiede N.B.: Assolvere imposta di bollo ALLEGATO A COMUNE DI VERNATE (PROVINCIA DI MILANO) PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEI LAVORI DI MODELLO DI DICHIARAZIONE PER LA PARTECIPAZIONE ALLA GARA Il sottoscritto1

Dettagli

I Contratti di Rete: aspetti giuridici, finanziari ed organizzativi. Silvana Marcotulli Donatello Aspromonte Alessandro Addari

I Contratti di Rete: aspetti giuridici, finanziari ed organizzativi. Silvana Marcotulli Donatello Aspromonte Alessandro Addari I Contratti di Rete: aspetti giuridici, finanziari ed organizzativi Silvana Marcotulli Donatello Aspromonte Alessandro Addari Gli elementi costitutivi del Contratto di Rete Contratto di Rete Il Contratto

Dettagli

Via n. con sede operativa in. Via n. con sede legale in Via con sede operativa in Via n. Via n. con sede operativa in Via n.

Via n. con sede operativa in. Via n. con sede legale in Via con sede operativa in Via n. Via n. con sede operativa in Via n. n.1 Marca da Bollo 14,62 x la sola parte dell istanza ALLEGATO 1 - (da compilare e inserire nella busta A) Al COMUNE DI DICOMANO Ufficio Protocollo P.zza della Repubblica, 3 50062 DICOMANO (FI) ISTANZA

Dettagli

Scheda Progetto. Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale. Indirizzo Sede Amministrativa. Nome del Referente. Telefono del Referente

Scheda Progetto. Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale. Indirizzo Sede Amministrativa. Nome del Referente. Telefono del Referente Scheda Progetto Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale Indirizzo Sede Amministrativa Nome del Referente Telefono del Referente 1 1. In quale fase si colloca la Tua Impresa? (inserisci

Dettagli

Reti d impresa La nuova dimensione delle Imprese che vogliono crescere. Il supporto del Gruppo Intesa Sanpaolo

Reti d impresa La nuova dimensione delle Imprese che vogliono crescere. Il supporto del Gruppo Intesa Sanpaolo Reti d impresa La nuova dimensione delle Imprese che vogliono crescere. Il supporto del Gruppo Intesa Sanpaolo Guidizzolo, 25 novembre Contratto di Rete Descrizione Caratteristiche Obiettivi strategici

Dettagli

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione mercoledì 8 luglio 2015 dalle ore 14,30 alle 17,00 presso Hotel Congress Centre "Al Mulino di San Michele (Alessandria), in

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI COPERTURA ASSICURATIVA DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA PER UN TRIENNIO

DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI COPERTURA ASSICURATIVA DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA PER UN TRIENNIO DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI COPERTURA ASSICURATIVA DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA PER UN TRIENNIO 1.OGGETTO Oggetto della presente gara è l affidamento del servizio

Dettagli

MANUALE DI BUONE PRATICHE COSTITUZIONE E GESTIONE DI UNA RETE D IMPRESA

MANUALE DI BUONE PRATICHE COSTITUZIONE E GESTIONE DI UNA RETE D IMPRESA PROGRAMMA DI COOPERAZIONE TRANSFRONTALIERA ITALIA-FRANCIA MARITTIMO PROGRAMME DE COOPERATION TRANFRONTALIÈRE ITALIE-FRANCE MARITIME La Cooperazione al cuore Del Mediterraneo La Coopération au coeur de

Dettagli

OGGETTO: Procedura di gara aperta per l appalto del servizio di Assistenza domiciliare ed educativa scolastica ed extra scolastica

OGGETTO: Procedura di gara aperta per l appalto del servizio di Assistenza domiciliare ed educativa scolastica ed extra scolastica ALL. A Al Comune di OGGETTO: Procedura di gara aperta per l appalto del servizio di Assistenza domiciliare ed educativa scolastica ed extra scolastica Il sottoscritto nato a ( ) il residente a ( ) in Via,

Dettagli

Punti dell intervento

Punti dell intervento Punti dell intervento 1. Premessa definitoria 2. Cosa pensa un campione d aziende delle aggregazioni aziendali (ricerca nella Regione Marche) 3. Possibilità/limiti della cooperazione tra aziende 4. Vantaggi

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 10 del 20 Gennaio 2011 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Tracciabilità appalti: nuovi chiarimenti operativi Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla in merito

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

E DI ATTO NOTORIO via XX Settembre 42 AI SENSI DEL DPR 445/2000 e s.m.i. 16121 Genova CONCORRENTE

E DI ATTO NOTORIO via XX Settembre 42 AI SENSI DEL DPR 445/2000 e s.m.i. 16121 Genova CONCORRENTE Allegato A.3 FAC-SIMILE DI Spettabile DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Datasiel Spa E DI ATTO NOTORIO via XX Settembre 42 AI SENSI DEL DPR 445/2000 e s.m.i. 16121 Genova CONCORRENTE Oggetto: Gara europea a procedura

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

SOCIETÀ AEROPORTO TOSCANO S.p.A. Oggetto: Pulizia locali aerostazione e aree land side, Sala vip, Parcheggi, giardinaggio, DISCIPLINARE DI GARA

SOCIETÀ AEROPORTO TOSCANO S.p.A. Oggetto: Pulizia locali aerostazione e aree land side, Sala vip, Parcheggi, giardinaggio, DISCIPLINARE DI GARA SOCIETÀ AEROPORTO TOSCANO S.p.A. Oggetto: Pulizia locali aerostazione e aree land side, Sala vip, Parcheggi, giardinaggio, movimentazione arredi e materiali vari, raccolta rifiuti Importo a base d asta

Dettagli

AL COMUNE DI BOLOGNA SETTORE GARE ISTANZA DI PARTECIPAZIONE

AL COMUNE DI BOLOGNA SETTORE GARE ISTANZA DI PARTECIPAZIONE ALLEGATO 1 - (da compilare e inserire nella busta A del lotto per cui si partecipa) Marca da Bollo. 14,62 per la sola parte dell istanza AL COMUNE DI BOLOGNA SETTORE GARE Piazza Liber Paradisus 10 40129

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONE A CORREDO DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA PER LA FORNITURA DI IPOCLORITO DI SODIO IN SOLUZIONE ACQUOSA.

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONE A CORREDO DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA PER LA FORNITURA DI IPOCLORITO DI SODIO IN SOLUZIONE ACQUOSA. ALLEGATO A ISTANZA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONE A CORREDO DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA PER LA FORNITURA DI IPOCLORITO DI SODIO IN SOLUZIONE ACQUOSA. Spett.le A.S.R. MOLISE Acque Via A. Depretis 15

Dettagli

Le reti di imprese e i bacini di finanziamento nazionale ed europeo

Le reti di imprese e i bacini di finanziamento nazionale ed europeo Le reti di imprese e i bacini di finanziamento nazionale ed europeo AGGREGAZIONE PERCHE aggregarsi SOPRAVVIVENZA SINERGIE ECONOMIE DI SCALA diminuzione dei margini operativi e dei volumi assoluti condividere

Dettagli

AEROPORTI DI ROMA Società per Azioni

AEROPORTI DI ROMA Società per Azioni AEROPORTI DI ROMA Società per Azioni Fornitura di energia elettrica sul mercato libero nell anno 2005 presso tre punti di prelievo ubicati nell aeroporto L. da Vinci di Fiumicino e un punto di prelievo

Dettagli

COMUNE DI MONTECICCARDO (Provincia di Pesaro e Urbino)

COMUNE DI MONTECICCARDO (Provincia di Pesaro e Urbino) BANDO PUBBLICO PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELL'IMPIANTO SPORTIVO CAMPO DA CALCIO E RELATIVE PERTINENZE FRAZIONE DI MONTEGAUDIO C.I.G. CODICE IDENTIFICATIVO GARA: 5689423462 1. AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari Capitolo 1 L impresa L IMPRESA E LE SOCIETÀ La nozione di impresa si desume implicitamente dal codice civile che delinea la figura dell imprenditore. Manca, infatti, nel nostro codice, una definizione

Dettagli

Sostegno finanziario alle reti di imprese. L approccio di UBI - Banca Popolare di Bergamo

Sostegno finanziario alle reti di imprese. L approccio di UBI - Banca Popolare di Bergamo Aggregarsi per essere più competitivi Sostegno finanziario alle reti di imprese L approccio di UBI - Banca Popolare di Bergamo Bergamo, 27 settembre 2013 Paolo Vitali UBI Private & Corporate Unity 1 Le

Dettagli

IMPORTO A OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA A BASE D'ASTA DELLA GARA INFORMALE:

IMPORTO A OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA A BASE D'ASTA DELLA GARA INFORMALE: Prot. n. 1485 AVVISO PER L AVVIO DELLE PROCEDURE PER LA COSTITUZIONE DI UNA LISTA DI ACCREDITAMENTO DI POTENZIALI FORNITORI DA INVITARE A GARA INFORMALE PER IL SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE,

Dettagli

Axioma Business Consultant Program

Axioma Business Consultant Program Axioma Business Consultant Program L esclusivo programma Axioma riservato a Consulenti di Direzione, Organizzazione e Gestione Aziendale Le nostre soluzioni, il tuo valore Axioma da 25 anni è partner di

Dettagli

PRIMO SETTORE - AFFARI GENERALI

PRIMO SETTORE - AFFARI GENERALI Nr. Gen.: 83 Nr. Sett.: 17 COMUNE DI CARMIANO PROVINCIA DI LECCE PRIMO SETTORE - AFFARI GENERALI Determinazione Originale del Responsabile ASSUNTA IN DATA 12/02/2015 OGGETTO: Determinazione a contrattare

Dettagli

ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE UNICA

ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE UNICA ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE UNICA STAZIONE APPALTANTE: Società d Ambito Catania Ambiente S.p.a. ATO CT4 Viale XX Settembre n.45 - CATANIA. TEL. 095/7167492 OGGETTO: lavori di realizzazione

Dettagli

Start up innovative Le possibilità del crowdfunding

Start up innovative Le possibilità del crowdfunding Start up innovative Le possibilità del crowdfunding Roma, 10 giugno 2014 Silvia Carbone Ufficio Analisi di Impatto della Regolamentazione Quadro normativo e deleghe alla Consob Perché la Consob ha disciplinato

Dettagli

Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative

Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative Ai gentili clienti Loro sedi Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative Con il DL n. 3 del 24.01.2015 il legislatore ha introdotto nel nostro ordinamento un nuovo regime

Dettagli

Aggregazioni aziendali: possibili tipologie. Antonella Paolini 11 aprile 2012

Aggregazioni aziendali: possibili tipologie. Antonella Paolini 11 aprile 2012 Aggregazioni aziendali: possibili tipologie Antonella Paolini 11 aprile 2012 1. Aspetti definitori I n d i 2. Le ragioni, le modalità, i vantaggi e gli svantaggi delle aggregazioni tra aziende 3. Una classificazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE AREA SISTEMA INFORMATIVO LAVORO VENETO

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE AREA SISTEMA INFORMATIVO LAVORO VENETO N. 18 DEL 06/05/2015 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE AREA SISTEMA INFORMATIVO LAVORO VENETO OGGETTO: Procedura negoziata di cottimo fiduciario su sistema CONSIP per la fornitura di prodotti e servizi relativi

Dettagli

Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni

Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni Abstract: La costituzione dell Unione dei Comuni per la gestione associata delle funzioni fondamentali dei comuni è

Dettagli

BANDO DI GARA - SETTORI SPECIALI

BANDO DI GARA - SETTORI SPECIALI BANDO DI GARA - SETTORI SPECIALI SEZIONE I: ENTE AGGIUDICATORE I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione Ufficiale: SORGEAQUA SRL Indirizzo Postale: Piazza Verdi 6 Città: Finale Emilia

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA ACCORDO DI PROGRAMMA (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA LE SOCIETÀ con sede in Bologna, in qualità di soggetti gestori delle piattaforme di conferimento

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

del d.lgs. 163 del 2006 e s.m.i. recante il Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture.

del d.lgs. 163 del 2006 e s.m.i. recante il Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture. BANDO DI GARA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER l AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEL MUSEO NAZIONALE DELLE ARTI DEL XXI SECOLO - MAXXI CIG 593815615A SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE DENOMINAZIONE,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Comune di Talmassons

Comune di Talmassons Comune di Talmassons Provincia di Udine Ufficio Tecnico Via Tomadini, 15 - C.A.P. 33030 tel 0432/766020 fax 0432/765235 Cod.Fisc. 80010190306 P.IVA 00544040306 Prot. 632 U.T. Talmassons, lì 20 gennaio

Dettagli

CITTÀ DI AVOLA Ufficio tecnici informatici

CITTÀ DI AVOLA Ufficio tecnici informatici Ufficio tecnici informatici DISCIPLINARE DI GARA Affidamento del servizio di manutenzione e assistenza di un Sistema Informativo Integrato - piattaforma software con banca dati unificata per tutti gli

Dettagli

L Approccio con il cliente si caratterizza per:

L Approccio con il cliente si caratterizza per: TMFA: PROFESSIONISTI ASSOCIATI Storia TMFA nasce come associazione professionale su iniziativa dei suoi fondatori attivi già nei settori della consulenza fiscale, legale, tributaria e del lavoro. L unione

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i. ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.) Fra LA PROVINCIA DI VICENZA I SOGGETTI GESTORI DEL CIRCUITO

Dettagli

FAC SIMILE DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

FAC SIMILE DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 Modello B Gara 3-f-2015 FAC SIMILE DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UFFICIO GARE E

Dettagli

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI Cosa si intende per Open Innovation Angela Rotellini, LIUC Università Cattaneo Lomazzo, 22 Aprile 2015 Agenda Definizione di Open Innovation I vantaggi dell Open

Dettagli

ASSOCIAZIONE APRITICIELO BANDO DI GARA

ASSOCIAZIONE APRITICIELO BANDO DI GARA ASSOCIAZIONE APRITICIELO BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) Denominazione, indirizzo amministrazione aggiudicatrice, punti di contatto: Associazione Apriticielo Strada Osservatorio

Dettagli

Accordo di Rete. fra i CTP della provincia di Modena

Accordo di Rete. fra i CTP della provincia di Modena Accordo di Rete fra i CTP della provincia di Modena 1 L anno duemilanove il giorno 22 gennaio 2010 i Dirigenti Scolastici - Stentarelli Claudio CTP di Carpi - Campagnoli Paola CTP di Mirandola - Calanchi

Dettagli

gli amministratori della società soggetta ad attività di direzione e coordinamento

gli amministratori della società soggetta ad attività di direzione e coordinamento Iscrizione in apposita sezione dei soggetti che esercitano attività di direzione e coordinamento e dei soggetti che vi sono sottoposti, e relativa cessazione (2497 bis c.c.) gli amministratori della società

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L APPALTO

PROCEDURA APERTA PER L APPALTO Allegato A1 PROCEDURA APERTA PER L APPALTO SERVIZIO DI CONCESSIONE DI UN MUTUO CHIROGRAFO PARI AD 5.000.000,00 ALLA VALLE UMBRA SERVIZI S.P.A. GARANTITO DA DELEGAZIONI DI PAGAMENTO SULLE ENTRATE ORDINARIE

Dettagli

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti concretizza le potenzialità dei tuoi progetti BusinessPlanCenter è un centro di servizi specializzato, che assiste e supporta professionalmente manager, imprenditori e aspiranti imprenditori nella pianificazione/valutazione

Dettagli

Modelli organizzativi nelle reti di pmi e relazioni di finanziamento

Modelli organizzativi nelle reti di pmi e relazioni di finanziamento Modelli organizzativi nelle reti di pmi e relazioni di finanziamento Milano, 7 marzo 2005 Prof. Fabrizio Cafaggi Istituto Universitario Europeo fabrizio.cafaggi@iue.it 1 Alcune premesse concettuali: (I)

Dettagli

CITTA DI CINISELLO BALSAMO VIA XXV APRILE, 4

CITTA DI CINISELLO BALSAMO VIA XXV APRILE, 4 CITTA DI CINISELLO BALSAMO VIA XXV APRILE, 4 20092 Cinisello Balsamo (MI) Tel.02/660231 Fax 02/66011464 www.comune.cinisello-balsamo.mi.it E indetta con Determinazione Dirigenziale n.246 del 06/03/2007

Dettagli