ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE"

Transcript

1 ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza economica e la prudenza I valori economici di competenza dell esercizio Le scritture di assestamento e rettifica Scritture di integrazione Scritture di storno 2 Pag. 1

2 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO SCRITTURE CONTINUATIVE FASE DELL ASSESTAMENTO REDDITO DI ESERCIZIO E CAPITALE DI FUNZIONAMENTO 3 Prima di avviare la nuova fase contabile è utile esporre in un prospetto detto BILANCIO DI VERIFICA i valori raccolti con le scritture continuative 1 CASSA 2 CLIENTI 3 FORNITORI 4 MOBILI 5 AUTOMEZZI 8 VENDITE 9 CAPITALE INIZIALE TOTALI LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO 6 MATERIE PRIME 7 ONERI BANCARI CONTI TOTALI ECCEDENZE Pag. 2

3 IL BILANCIO DI VERIFICA Strumento informativo utile per ottenere: UN RISCONTRO SULLA CORRETTA ESECUZIONE DELLA FASE DI INSERIMENTO DEI VALORI (somma zero, assenza di errori di rilevazione ) UN APPREZZAMENTO SINTETICO DEL SISTEMA DEI VALORI E DELLA SITUAZIONE DEI SINGOLI CONTI (volumi di vendite, livelli di costi, esposizione bancaria, crediti non incassati, situazione finanziaria complessiva, ecc.) UN CONFRONTO CON DATI DI PREVISIONE (cui possono seguire eventuali azioni correttive) 5 IL PASSAGGIO DAL BILANCIO DI VERIFICA AL BILANCIO DI ESERCIZIO ESERCIZIO INSIEME DI CICLI ECONOMICI CHE FORMANO UNA UNITA ECONOMICA RELATIVA, PER CUI ASSUMA SIGNIFICATO IL CALCOLO DEL REDDITO PRODOTTO DURATA TEMPORALE DI UNA UNITA ECONOMICA RELATIVA (PER CONVENZIONE 12 MESI) PERIODO AMMINISTRATIVO (DI SOLITO COINCIDENTE CON ANNO SOLARE) 6 Pag. 3

4 IL SISTEMA DEI VALORI DI BILANCIO I VALORI CHE SCATURISCONO DALLA VALUTAZIONE DI PROCESSI IN CORSO ALL INIZIO E AL TERMINE DELL ESERCIZIO - STIME E CONGETTURE - SONO SOGGETTIVI IN QUANTO DETERMINATI SULLA BASE DI IPOTESI SOTTOSTANTI E CON IL RILEVANTE APPORTO DEL GIUDIZIO DEL SOGGETTO ECONOMICO (Imprenditore, Amministratore) 7 IL SISTEMA DEI VALORI DI BILANCIO I VALORI ECONOMICI POSTO CHE LA FINALITA PRINCIPALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E LA DETERMINAZIONE DEL REDDITO (IL RISULTATO PRODOTTO DALLA GESTIONE NEL PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO) LA MASSIMA ATTENZIONE DEVE ESSERE POSTA ALLA INDIVIDUAZIONE DEI CICLI REDDITUALI CONCLUSI E NON CONCLUSI E ALLA CORRETTA ATTRIBUZIONE AGLI ESERCIZI DEI VALORI (COSTI E RICAVI) DAGLI STESSI ORIGINATI SECONDO LOGICA ECONOMICA 8 Pag. 4

5 IL SISTEMA DEI VALORI DI BILANCIO I VALORI ECONOMICI IL REDDITO D ESERCIZIO, FORMATO DA VALORI OGGETTIVI E SOGGETTIVI, CERTI, STIMATI E CONGETTURATI, E UN VALORE CONGETTURATO NON UN VALORE CERTO/OGGETTIVO, CHE DEVE ESSERE ASSUNTO COME INDICATORE DELLA ECONOMICITA DELLA GESTIONE PRUDENZA 9 I COSTI E I RICAVI GENERATI DA PROCESSI CONCLUSI I RICAVI SONO INTEGRALMENTE DI COMPETENZA DELL ESERCIZIO SE IL CICLO TECNICO (PROCESSO PRODUTTIVO) E CONCLUSO E LO SCAMBIO (VENDITA) E AVVENUTO, OVVERO SE LA PRESTAZIONE E STATA EROGATA I COSTI SONO DI COMPETENZA SE CORRELATI AI RICAVI DELL ESERCIZIO, CIOE CONSUMATI NEL PROCESSO PRODUTTIVO CHE LI HA GENERATI 10 Pag. 5

6 LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO La correlazione tra ricavi e costi di competenza dell esercizio si realizza mediante SCRITTURE DI ASSESTAMENTO DI STORNO rettificano costi e ricavi rilevati nell esercizio esercizio (anticipati) ma, in tutto o in parte, non di competenza DI INTEGRAZIONE rettificano costi e ricavi non rilevati nell esercizio esercizio (posticipati) ma, in tutto o in parte, di competenza 11 LE SCRITTURE DI INTEGRAZIONE FINE: riconoscimento di costi e ricavi che non hanno avuto manifestazione finanziaria e pertanto non sono stati rilevati, ma che sono di competenza dell esercizio e devono incidere sul reddito del periodo. Per INTEGRARE il sistema dei valori con un costo occorre rilevare: Costo a Debito presunto mentre per rilevare un ricavo: Credito presunto a Ricavo 12 Pag. 6

7 LE SCRITTURE DI INTEGRAZIONE Le principali e più frequenti scritture di integrazione sono originate dall esigenza di rilevare costi e ricavi correlati a: Fatture da emettere e da ricevere Partite attive e passive da liquidare Ratei attivi e passivi Fondi spese future Fondi rischi 13 LE FATTURE DA EMETTERE Integrano il sistema contabile con i ricavi di competenza dell esercizio per scambi effettivamente avvenuti, non rilevati dalle scritture continuative a motivo della mancata emissione della fattura di vendita entro il termine del periodo amministrativo (fatturazione successiva alla vendita) 14 Pag. 7

8 LE FATTURE DA EMETTERE Il 27 dicembre è stata effettuata la consegna ad un cliente nazionale di prodotti finiti per La fattura di vendita sarà emessa il successivo 15 gennaio maggiorata di IVA al 20%. Fatture da emettere a Diversi Prodotti finiti c/vendite Iva a debito Nel caso di cessione di beni l IVA deve essere indicata nella scrittura se il documento di trasporto è stato emesso; in questa ipotesi infatti l imposta rientra nella liquidazione del mese di riferimento (dicembre). 15 LE FATTURE DA RICEVERE Si è in presenza di un costo di competenza dell esercizio in chiusura perché lo scambio è avvenuto, non rilevato dal sistema contabile in quanto la fattura del fornitore non è pervenuta entro il termine del periodo amministrativo. Occorre integrare il sistema dei valori rilevando il costo medesimo. 16 Pag. 8

9 LE FATTURE DA RICEVERE Il 15 dicembre è pervenuta una partita di materie prime per in precedenza ordinata al fornitore Beta S.r.l.. La relativa fattura sarà ricevuta dagli uffici amministrativi e contabilizzata nel mese di gennaio successivo. Materie prime a Fatture da ricevere LE PARTITE ATTIVE DA LIQUIDARE Integrano il sistema contabile con ricavi di competenza dell esercizio, non rilevati dalle scritture continuative per la mancanza dei documenti formali (emessi nell esercizio successivo): Interessi attivi bancari maturati non liquidati Indennizzi assicurativi da ricevere Partite attive da a Ricavi liquidare 18 Pag. 9

10 LE PARTITE PASSIVE DA LIQUIDARE Integrano il sistema contabile con costi di competenza dell esercizio, non rilevati dalle scritture continuative per la mancanza dei documenti formali (emessi nell esercizio successivo): Interessi passivi, commissioni e oneri bancari maturati, non liquidati Retribuzioni a dipendenti (e connessi oneri sociali) maturate, da liquidare Imposte da liquidare sul reddito dell esercizio Costi a Partite passive da liquidare 19 LE PARTITE DA LIQUIDARE Al la Alfa S.p.A. stima in il costo complessivo per tributi diretti dovuti all Erario. La dichiarazione dei redditi sarà formalmente presentata nell esercizio successivo, nel quale si effettuerà anche il versamento del saldo dovuto. Imposte sul reddito a Debiti v/erario per imposte sul reddito da liquidare Pag. 10

11 I RATEI ATTIVI E PASSIVI Quote di ricavi e costi, espressione di cicli economici non conclusi comuni a due esercizi, non rilevati per mancanza della manifestazione finanziaria (posticipata). Occorre integrare il sistema contabile con la quota parte maturata attribuibile all esercizio in chiusura. Il criterio di ripartizione è quello della proporzionalità rispetto al tempo. Ratei Attivi a Ricavi Costi a Ratei Passivi 21 I RATEI ATTIVI E PASSIVI La Alfa S.p.A. utilizza un fabbricato industriale di terzi, pagando un canone di locazione annuo di da corrispondere in unica soluzione posticipata, il 30/3 di ogni anno : 12 = x : quota di costo di competenza dell esercizio in chiusura (dal 30/3 al ) RATEO quota di costo di competenza dell esercizio successivo (dall 1/1 al 30/3) Affitti passivi a Ratei Passivi Nell esercizio successivo: 30/3 Diversi a Banca c/c Ratei Passivi Affitti passivi Pag. 11

12 I RATEI ATTIVI E PASSIVI Il 10/10 la Alfa S.p.A. ha investito eccedenze di liquidità in una operazione bancaria a 6 mesi. Alla scadenza gli interessi attivi maturati pari a saranno accreditati sul c/c bancario : 180 = x : 80 x= Ratei Attivi a Interessi Attivi Nell esercizio successivo: 10/4 Banca c/c a Diversi Ratei Attivi Interessi Attivi I FONDI SPESE FUTURE Integrano il sistema dei valori rilevando costi, correlati ai ricavi di competenza, e connessi a uscite finanziarie future delle quali non è noto il momento di effettiva manifestazione. Le cause che originano tali uscite sono molteplici; le più diffuse determinano la creazione di: Fondo trattamento fine rapporto Fondo manutenzioni cicliche Fondo imposte differite Accantonamento a Fondo spese future 24 Pag. 12

13 I FONDI SPESE FUTURE La Alfa S.p.A., sulla base delle retribuzioni lorde liquidate nell esercizio e delle rivalutazioni applicate al fondo preesistente, determina in la quota da accantonare al fondo TFR per l esercizio in chiusura. Accantonamento TFR a Fondo TFR I FONDI RISCHI Integrano il sistema dei valori rilevando costi per rischi particolari che gravano sull impresa e che sono correlati ai ricavi di competenza. L evento negativo potrebbe non verificarsi in futuro e non è comunque noto il momento di manifestazione. I rischi considerati sono molteplici; i più frequenti determinano la creazione di: Fondo svalutazione crediti Fondo garanzie prodotti Fondo oscillazione cambi Accantonamento a Fondo Rischi 26 Pag. 13

14 I FONDI RISCHI La Alfa S.p.A. teme di non riuscire ad ottenere il pagamento integrale dei crediti vantati per nei confronti del cliente Beta S.r.l., il quale ha recentemente manifestato forti tensioni finanziarie. In via prudenziale gli amministratori stimano una possibile perdita per minor incasso di e stanziano un corrispondente fondo rischi in bilancio. Accantonamento per a Fondo svalutazione crediti svalutazione crediti (Perdite presunte su crediti) 27 I FONDI RISCHI La Alfa S.p.A. produce e distribuisce frigoriferi e congelatori che vengono venduti con una garanzia di 3 mesi. Sulla base degli interventi già realizzati nel corso dei mesi di gennaio e di febbraio in relazione alle vendite degli ultimi tre mesi dell esercizio in chiusura e di dati storici basati sull esperienza consolidata negli anni precedenti, l azienda stima in il costo da sostenere. Il fondo garanzia prodotti presenta un saldo di prima della effettuazione delle scritture di assestamento. Accantonamento per a Fondo garanzia prodotti garanzie prodotti 28 Pag. 14

15 LE SCRITTURE DI STORNO Fine delle scritture di storno è il rinvio ad esercizi successivi (uno o più) di costi e ricavi che hanno avuto manifestazione finanziaria nel periodo amministrativo e pertanto sono stati rilevati, ma che in tutto o in parte non sono di competenza dell esercizio. Se viene stornato un costo la scrittura si presenta: Costo sospeso a Storno di costo (si usa un conto apposito) (si usa il conto dell esercizio) Se viene stornato un ricavo la scrittura si presenta: Storno di ricavo a Ricavo sospeso (si usa il conto dell esercizio) (si usa un conto apposito) 29 LE SCRITTURE DI STORNO Pongono l esigenza di rilevare scritture di storno: Partite sospese attive e passive Rimanenze di magazzino Risconti attivi e passivi Ammortamento di fattori pluriennali Costruzioni in economia e altre capitalizzazioni di costi 30 Pag. 15

16 LE PARTITE SOSPESE ATTIVE E PASSIVE Le partite sospese attive e passive esprimono rispettivamente costi e ricavi interamente di competenza dell esercizio successivo (o di più esercizi successivi) che sono stati rilevati nell esercizio in chiusura per il verificarsi in via anticipata della variazione finanziaria. Occorre stornare il costo e il ricavo e rinviarlo all esercizio futuro. La Alfa S.p.A. ha sostenuto in data 30/12 il pagamento di 500 (+ IVA 20%) per il canone di assicurazione relativo ai primi sei mesi dell esercizio successivo. Partite sospese attive a Canoni di assicurazione LE PARTITE SOSPESE ATTIVE E PASSIVE Nell esercizio successivo, all 1/1, il conto partite sospese attive viene riaperto unitamente a tutti i conti patrimoniali attivi e successivamente chiuso al conto canoni di assicurazione, che al termine dell esercizio in oggetto confluirà nel Conto economico. 1/1 Canoni di assicurazione a Partite sospese attive Pag. 16

17 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO Le rimanenze esprimono cicli economici non conclusi, in corso di svolgimento alla data di chiusura dell esercizio. Attraverso la loro rilevazione si sottraggono alla formazione del reddito d esercizio e si rinviano all esercizio successivo i costi di acquisizione dei fattori produttivi non correlati ai ricavi di competenza. Il costo sospeso iscritto nell attivo dello stato patrimoniale esprime il valore delle condizioni produttive non consumate che sono a disposizione dell impresa nell esercizio successivo. Lo storno del costo avviene in modo indistinto e con tecnica di rettifica indiretta Rimanenze Finali a Variazione rimanenze (costo sospeso) (costo stornato) 33 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO Nell esercizio successivo: 1/1 Rimanenze Iniziali a Rimanenze Finali 1/1 Variazione rimanenze a Rimanenze Iniziali 34 Pag. 17

18 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO La Alfa S.p.A. produce oggetti in vetro. Al termine dell esercizio 00 risultano in giacenza materie prime per e prodotti finiti per Al termine dell esercizio 01 le consistenze sono rispettivamente di e di /00 Rimanenze finali di Materie prime a Variazione riman. Materie prime /00 Rimanenze finali di Prodotti finiti a Variazione riman. Prodotti finiti Nell esercizio successivo: 01/01/01 Rimanenze Iniziali di Materie prime a Rimanenze finali di Materie prime /01/01 Rimanenze Iniziali di Prodotti finiti a Rimanenze 35 finali di Prodotti finiti LE RIMANENZE DI MAGAZZINO 1/1/01 Variazione riman. Materie prime a Rimanenze Iniziali di Materie Prime /1/01 Variazione riman. Prodotti finiti a Rimanenze Iniziali di Prodotti finiti /01 Rimanenze Finali di Materie prime a Variazione riman. Materie prime /01 Rimanenze Finali di Prodotti finiti a Variazione riman. Prodotti finiti Pag. 18

19 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO Al /01 i mastri si presentano: Variazione rimanenze di Materie prime Rimanenze finali di Materie Prime Variazione rimanenze di Prodotti finiti Rimanenze finali di Prodotti finiti LE RIMANENZE DI MAGAZZINO Nel bilancio chiuso al /01 si presentano i seguenti valori: Conto Economico Stato Patrimoniale Variazione rimanenze Rimanenze di di Prodotti finiti Prodotti finiti Variazione rimanenze Rimanenze di di Materie prime Materie prime Pag. 19

20 I RISCONTI ATTIVI E PASSIVI I risconti sono QUOTE DI COSTI O DI RICAVI che hanno avuto manifestazione finanziaria nell esercizio in chiusura, ma che attengono a processi produttivi che troveranno compimento nel futuro esercizio. Si tratta di costi e ricavi rilevati in via anticipata la cui competenza è associata in parte all esercizio successivo. Risconti attivi a Storno di costo Storno di ricavo a Risconti passivi 39 I RISCONTI ATTIVI E PASSIVI La Alfa S.p.A. ha stipulato una polizza assicurativa incendio. Il premio annuo viene corrisposto in via anticipata il 30 gennaio di ogni anno. Per l esercizio in chiusura il premio pagato alla compagnia ammonta a Il 30/1 è stato effettuato il pagamento anticipato di premi assicurativi che coprono il periodo 30/1/00 30/1/01. Il costo matura in relazione al tempo pertanto può essere ripartito tra : quota a carico dell esercizio 2000 pari a (11/12 di dal 30/1/00 al /00) quota a carico dell esercizio 2001 pari a 800 (1/12 di dal 1/1/01 al 30/1/01). Risconti attivi a Premi di assicurazione 800 (Costo sospeso) (Costo stornato) 40 Pag. 20

21 I RISCONTI ATTIVI E PASSIVI Nell esercizio successivo 1/1/01 Premi di assicurazione a Risconti attivi L AMMORTAMENTO DI COSTI PLURIENNALI La procedura di ammortamento rivolta a immobilizzazioni materiali ed immateriali soggette a deperimento fisico e superamento tecnologico presuppone la definizione di : valore da ammortizzare vita utile del fattore produttivo criterio di ammortamento Metodo di rilevazione diretto (o in conto) Quota di ammortamento a Costo pluriennale Metodo di rilevazione indiretto (o fuori conto) Quota di ammortamento a Fondo ammortamento 42 Pag. 21

22 L AMMORTAMENTO DI COSTI PLURIENNALI La Alfa S.p.A. determina gli ammortamenti al delle proprie immobilizzazioni materiali (metodo indiretto) e immateriali (metodo diretto) con le seguenti aliquote: Fabbricati e Terreni (costo storico ) 5% Macchinari e Attrezzature (costo storico ) 15% Brevetti (costo storico ) 10% Oneri di costituzione(costo storico ) 25% 43 L AMMORTAMENTO DI COSTI PLURIENNALI Diversi a Diversi Quota ammortamento fabbricati Quota ammortamento macchinari Quota ammortamento brevetti Quota ammortamento oneri di costituzione a Fondo ammortamento fabbricati a Fondo ammortamento macchinari a Brevetti a Oneri di costituzione Pag. 22

23 LA CAPITALIZZAZIONE DI COSTI Le scritture di storno relative alle capitalizzazioni di costi sono originate dalla valutazione effettuata in sede di formazione del bilancio, sull impiego pluriennale di fattori produttivi inizialmente rilevati come costi di esercizio. Al riconoscimento della valenza pluriennale di tali fattori, segue la costruzione del correlato piano di ammortamento Costo pluriennale sospeso a Storno di costo 45 LA CAPITALIZZAZIONE DI COSTI La Alfa S.p.A. ha sostenuto nel corso dell esercizio 00 costi di pubblicità per In sede di formazione del bilancio gli amministratori stimano che il 50% di questi costi abbia utilità pluriennale. Oneri pluriennali di pubblicità a Consulenze e servizi di pubblicità Quota ammortamento a Fondo ammortamento oneri oneri pluriennali di pubblicità pluriennali di pubblicità 46 Pag. 23

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Scopo contabilità determinare: Reddito di esercizio Patrimonio di funzionamento Passaggio da valori contabili a valori di bilancio Determinazione della corretta competenza

Dettagli

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento consentono di passare dal criterio della manifestazione finanziaria al criterio della competenza economica e sono effettuate

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento sono le scritture di fine periodo che modificano, con operazioni di storno e di integrazione, i «dati grezzi» desunti dalla contabilità generale

Dettagli

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA CONTABILITA GENERALE 21 H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA 8 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 H. Scritture di assestamento

Dettagli

UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Bilancio d esercizio ART. 2423 Codice Civile Stato Patrimoniale Conto economico Nota integrativa ART.

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

NELLA CONTABILITA GENERALE

NELLA CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 9 H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO 24 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 CLASSIFICAZIONE DELLE SCRITTURE NELLA CONTABILITA GENERALE

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA LETTURA E COMPRENSIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PER GIURISTI III INCONTRO

INTRODUZIONE ALLA LETTURA E COMPRENSIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PER GIURISTI III INCONTRO INTRODUZIONE ALLA LETTURA E COMPRENSIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PER GIURISTI III INCONTRO LE COMPONENTI DEL REDDITO DI ESERCIZIO - Rilevazioni contabili durante l esercizio, anche dette VARIAZIONI DI

Dettagli

La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati

La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati Alla data odierna i bilanci approvati nei 120 giorni, entro cioè il 30 aprile, risulteranno essere tutti depositati. Per le società

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE

ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE RIPASSO GENERALE DELLE REGOLE DI PARTITA DOPPIA NON È MATERIALE DIDATTICO DA STUDIARE AI FINI DEL CORSO DI ECONOMIA DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE D'IMPRESA A.A. 2010/2011

Dettagli

QUADERNO DI CONTABILITA GENERALE ESERCIZI N. 3: ECONOMIA AZIENDALE I. Insegnamento di CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO

QUADERNO DI CONTABILITA GENERALE ESERCIZI N. 3: ECONOMIA AZIENDALE I. Insegnamento di CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO Insegnamento di ECONOMIA AZIENDALE I CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO UNIVERSITÀ DI FIRENZE A.A. 2007/08 A CURA DI GIACOMO MANETTI QUADERNO DI ESERCIZI N. 3: CONTABILITA GENERALE

Dettagli

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 a cura di Ericka Costa SCRITTURE IN P.D. 1. L utile dell esercizio precedente viene distribuito come segue: 7.000 tra i soci,

Dettagli

9. CONTABILITA GENERALE H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

9. CONTABILITA GENERALE H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO 9. CONTABILITA GENERALE H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO 1 CLASSIFICAZIONE DELLE SCRITTURE NELLA CONTABILITA GENERALE Scritture di COSTITUZIONE Scritture di GESTIONE Scritture di CHIUSURA Scritture di assestamento

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato da: Firma Rilasciato il: Segnare con una l unica risposta

Dettagli

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE DEL 03 LUGLIO 2008 I Il candidato illustri le finalità economico

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 31/12 La società X fitta un capannone a 10000 annuali. La riscossione avviene il 20/5 di ogni anno, in maniera anticipata. Redigere le scritture. 31/12 La società X fitta

Dettagli

9b. Scritture di interazione e rettifica. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo

9b. Scritture di interazione e rettifica. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo 9b. Scritture di interazione e rettifica Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano, Febbraio 2015 Le scritture di integrazione e rettifica.. CONTO ECONOMICO COSTI RICAVI. ATTIVITÀ PASSIVITÀ APPLICAZIONE

Dettagli

CONTO SALDI DARE AVERE

CONTO SALDI DARE AVERE Simulazione n. 1 La situazione dei conti al 30/11/2014 della società Even Srl che svolge attività mercantile, presenta i seguenti saldi: CONTO SALDI DARE AVERE Attrezzature 200.000,00 Banca di Roma c/c

Dettagli

Le rimanenze finali. Nella prima fase si rileverà il costo sospeso nell apposito conto Merci 31.12.2001. Merci a Merci c/rimanenze finali

Le rimanenze finali. Nella prima fase si rileverà il costo sospeso nell apposito conto Merci 31.12.2001. Merci a Merci c/rimanenze finali Le rimanenze finali Durante l esercizio le imprese sostengono costi relativi a: l acquisto di materie prime e merci; la trasformazione delle materie prime in prodotti finiti; la gestione e l immagazzinamento

Dettagli

AZIENDA LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA CONDIZIONI PRODUTTIVE ACQUISITE

AZIENDA LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA CONDIZIONI PRODUTTIVE ACQUISITE LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA FATTORI CONDIZIONI PRODUTTIVE BENI E SERVIZI PRODOTTI USCITE MONETARIE O AUMENTO DI DEBITI AZIENDA ENTRATE MONETARIE

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Le principali scritture di fine esercizio

Le principali scritture di fine esercizio Le principali scritture di fine esercizio A cura di: Dott Renzo Gangai Alberton Dott Cristian Gangai Alberton Dott.ssa Michela Bettella Dott Maurizio Reffo Prima di procedere con la rilevazione delle scritture

Dettagli

Telepass + classe quinta Unità A Aspetti economico-aziendali delle imprese industriali

Telepass + classe quinta Unità A Aspetti economico-aziendali delle imprese industriali Telepass + classe quinta Unità A Aspetti economico-aziendali delle imprese industriali A L.7-8-9 Scritture di assestamento e di chiusura dei conti 29 La Situazione contabile al /n della S.n.c. Antonio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ESERCIZI RIASSUNTIVI (senza soluzione) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 (prof. MICHELE GALEOTTI Economia aziendale) 31/12 La società X fitta un capannone a 10000 annuali. La riscossione avviene il 20/5 di ogni anno, in maniera anticipata. 31/12

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices COMUNE DI ALESSANDRIA DIREZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA SERVIZIO ECONOMICO-FINANZIARIO Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 Premessa

Dettagli

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato da: Firma Rilasciato il: Segnare con una X l unica risposta

Dettagli

Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Ragioneria generale M.Scricco. Il conto

Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Ragioneria generale M.Scricco. Il conto Il conto Il conto, strumento di rilevazione delle scritture complesse, è un insieme di valori riferibili ad un determinato oggetto (un costo: materie c/acquisto, oneri assicurativi ; un credito, un ricavo)

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

SCRITTURE DI ASSESTAMENTO PROMEMORIA DELLE REGISTRAZIONI A MASTRO E GIORNALE

SCRITTURE DI ASSESTAMENTO PROMEMORIA DELLE REGISTRAZIONI A MASTRO E GIORNALE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO PROMEMORIA DELLE REGISTRAZIONI A MASTRO E GIORNALE Questa dispensa intende presentare, in modo schematico, le rilevazioni a Libro Mastro e a Giornale delle principali scritture

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Economia. Metodologie e Determinazioni Quantitative d Azienda II canale (E-O) Simona Arduini

Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Economia. Metodologie e Determinazioni Quantitative d Azienda II canale (E-O) Simona Arduini Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Economia Metodologie e Determinazioni Quantitative d Azienda II canale (E-O) Simona Arduini Appunti in tema di contabilità A.A. 2003-2004 Appunti di contabilità

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CAVA DE' TIRRENI viale GUGLIELMO MARCONI, 52 Capitale Sociale versato e 100.000,00 C.C.I.A.A. SALERNO n. R.E.A317123 Partita IVA: 03734100658 Codice Fiscale: 03734100658 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA IL TRATTAMENTO CONTINUATIVO E SISTEMATICO DEL FLUSSO INFORMATIVO CONSENTE L

Dettagli

SCRITTURE DI STORNO MANIFESTAZIONE FINANZIARIA ESERCIZIO IN CORSO COMPETENZA ESERCIZIO SUCCESSIVO

SCRITTURE DI STORNO MANIFESTAZIONE FINANZIARIA ESERCIZIO IN CORSO COMPETENZA ESERCIZIO SUCCESSIVO SCRITTURE DI STORNO HANNO LO SCOPO DI RINVIARE ALL ESERCIZIO SUCCESSIVO COSTI E RICAVI GIA RILEVATI IN CONTABILITA CHE PER IL LORO VALORE INTERO, O SOLO PER UNA QUOTA, SONO CONSIDERATI NON DI COMPETENZA

Dettagli

CONTABILITÀ ECONOMICA

CONTABILITÀ ECONOMICA CONTABILITÀ ECONOMICA PREVISIONE LIQUIDAZIONE RILEVAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI RICLASSIFICAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI IN BASE ALLA CAUSALE ECONOMICA: DI CAPITALE FINANZIARIO E DI REDDITO RILEVAZIONE

Dettagli

La liquidazione dell IVA (cenni teorici)

La liquidazione dell IVA (cenni teorici) La liquidazione dell IVA (cenni teorici) L IVA (Imposta sul Valore Aggiunto) è un imposta indiretta che si applica alle cessioni di beni, alle prestazioni di servizi ed alle importazioni. Sulla base delle

Dettagli

TRACCIA A ESERCIZIO 1

TRACCIA A ESERCIZIO 1 TRACCIA A ESERCIZIO 1 Nel corso del 2009 la ditta individuale Verdi ha effettuato, tra le altre, le operazioni di gestione di seguito riportate. Presentare le scritture a libro giornale (gestione e assestamenti;

Dettagli

Le costruzioni in economia

Le costruzioni in economia 1 L acquisizione delle immobilizzazioni MODALITÀ DI ACQUISIZIONE Le immobilizzazioni possono essere acquisite: in proprietà in godimento 2 ACQUISIZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI (IN PROPRIETÀ) Acquisti da

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009 SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Reg. Imp. 02329330597 Rea 162878 Sede in PIAZZA GARIBALDI SNC - 04010 SONNINO (LT) Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

Dettagli

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO L Alba Spa è società svolgente attività industriale e al 31/12/n prima di procedere alle scritture di assestamento di bilancio presenta le seguenti situazioni contabili:

Dettagli

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015 1 ü I crediti di natura commerciale ü Le partite da liquidare ü I crediti dubbi e in contenzioso ü i crediti tributari ü I crediti verso altri 2 1 COLLOCAZIONE NELLO STATO PATRIMONIALE Schema di sintesi

Dettagli

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO Es. n. 1 Presentare le parti tabellari delle seguenti fatture: lo/lo ricevuta fattura della ditta Romano

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Le immobilizzazioni materiali Definizione e riferimenti Definizione: Le immobilizzazioni sono gli elementi patrimoniali destinati ad essere

Dettagli

1. Indicare se le seguenti affermazioni sono VERE o FALSE VERO FALSO

1. Indicare se le seguenti affermazioni sono VERE o FALSE VERO FALSO 1. Indicare se le seguenti affermazioni sono VERE o FALSE VERO FALSO Nel codice civile non sono presenti principi contabili. per correttezza tecnica come clausola generale di formazione del bilancio si

Dettagli

ESERC. N. 2 SCRITURE ASSESTAMENTO ESERCITAZIONE. Pagina 1 di 17

ESERC. N. 2 SCRITURE ASSESTAMENTO ESERCITAZIONE. Pagina 1 di 17 ESERCITAZIONE N. 2 SCRITTURE ASSESTAMENTO Pagina 1 di 17 SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento si effettuano in sede di chiusura dei conti per determinare il risultato economico di competenza

Dettagli

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale.

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Capitolo 11 Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini Esercizio 1 Una Società, il 31-12-2 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Terreni Immobilizzazioni tecniche Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

SCRITTURE CONTABILI E BILANCIO D'ESERCIZIO

SCRITTURE CONTABILI E BILANCIO D'ESERCIZIO Corso di Ragioneria applicata - Esercitazione Relatore: Dott. Andrea Fidanza 28 gennaio 2012 Mail: andrea@fidanzastudio.it Internet: www.fidanzastudio.it Comporre le scritture di assestamento sulla base

Dettagli

ETICA SERVIZI S.R.L. SOC. UNIPERSONALE. Bilancio al 31/12/2010

ETICA SERVIZI S.R.L. SOC. UNIPERSONALE. Bilancio al 31/12/2010 Società soggetta a direzione e coordinamento di BANCA POPOLARE ETICA S.C. Sede in VIA NAZARIO SAURO N. 15-35100 PADOVA (PD) Capitale sociale Euro 150.000,00 i.v. Bilancio al 31/12/2010 Reg. Imp. 04464490285

Dettagli

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare  nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi La vendita di beni e la prestazione di servizi L operazione di vendita, analogamente all operazione di acquisto, è caratterizzata da uno schema di svolgimento tipico composto in particolare dalle seguenti

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL VIA PALLODOLA 23 19038 - SARZANA (SP) CODICE FISCALE 00148620115 CAPITALE SOCIALE EURO 844.650 BILANCIO DI ESERCIZIO CHIUSO AL 31.12.2013 Nota integrativa La presente

Dettagli

ESERCIZI SULLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI E FINANZIARIE

ESERCIZI SULLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI E FINANZIARIE ESERCIZI SULLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI E FINANZIARIE Oneri pluriennali Il candidato, sulla base dei seguenti dati, determini l utile distribuibile. Spese di impianto 5.000. STATO PATRIMONIALE t Capitale

Dettagli

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 Bilancio 2014 Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 AITR ASSOCIAZIONE ITALIANA TURISMO RESPONSABILE Codice fiscale 97219890155 Partita iva 08693820964 VIA TOMMASO DA CAZZANIGA SNC - 20144

Dettagli

Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2012

Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2012 Reg. Imp. 01538960491 Rea 136501 S.E.FI. CAMPIGLIA MARITTIMA SRL unipersonale Società soggetta a direzione e coordinamento di COMUNE DI CAMPIGLIA MARITTIMA Società unipersonale Sede in VENTURINA Via don

Dettagli

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011 EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Codice fiscale 02225450309 Partita iva 02225450309 VIA CARNIA LIBERA 1944, 15-33028 TOLMEZZO UD Numero R.E.A. 244558 Registro Imprese di UDINE n. 02225450309 Capitale Sociale

Dettagli

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015 1 ü Rigidità dello schema e sua struttura ü Attivo B) Immobilizzazioni ü Attivo C) Attivo circolante ü Attivo D) Ratei e risconti attivi ü Passivo A) Patrimonio netto ü Passivo B) Fondi per rischi e oneri

Dettagli

20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I

20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I 20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I Il candidato proceda preventivamente ad illustrare sotto il profilo civilistico e fiscale le caratteristiche dell operazione di cessione d azienda. Successivamente

Dettagli

Contabilità e Bilancio. La sintesi dei valori contabili. ..e poi. Prof. Matteo POZZOLI

Contabilità e Bilancio. La sintesi dei valori contabili. ..e poi. Prof. Matteo POZZOLI Contabilità e Bilancio Prof. Matteo POZZOLI Le scritture di assestamento La sintesi dei valori contabili Siamo al 31.12 dell esercizio X o meglio stiamo predisponendo il bilancio dell esercizio X - cosa

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO CONSENTONO DI PASSARE DAL CRITERIO DELLA MANIFESTAZIONE FINANZIARIA AL CRITERIO DELLA COMPETENZA ECONOMICA DETERMINARE: - RISULTATO ECONOMICO DELL

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO CONSENTONO DI PASSARE DAL CRITERIO DELLA MANIFESTAZIONE FINANZIARIA AL CRITERIO DELLA COMPETENZA ECONOMICA DETERMINARE: - RISULTATO ECONOMICO DELL

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI PIANO DEI CONTI 1. COMPONENTI POSITIVE DI REDDITO 1.1. Ricavi di vendita 1.1.1. Prodotti c/vendite 1.1.2. Merci c/vendite 1.1.3. Servizi c/vendite 1.1.4. Prodotti c/vendite estero 1.1.5. Merci c/vendite

Dettagli

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili)

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IMPOSTA INDIRETTA sui consumi che si applica alle: 1. cessioni di beni; 2. prestazioni di servizi; compiute nel territorio

Dettagli

FASE UNO SRL UNIPERSONALE

FASE UNO SRL UNIPERSONALE Reg. Imp. 03085840928 Rea 245496 FASE UNO SRL UNIPERSONALE Sede in VIALE TRENTO 69-09100 CAGLIARI (CA) Capitale sociale Euro 120.000,00 i.v. Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in

Dettagli

INFRATARAS SPA IN LIQUIDAZIONE. Controllata da Comune di Taranto Societa' per azioni con socio unico

INFRATARAS SPA IN LIQUIDAZIONE. Controllata da Comune di Taranto Societa' per azioni con socio unico Sede in TARANTO - VIA CESARE BATTISTI 1016, 1018 Capitale Sociale versato Euro 516.400,00 Iscritto alla C.C.I.A.A. di TARANTO Codice Fiscale e N. iscrizione Registro Imprese 90110860732 Partita IVA: 02255820736

Dettagli

BENI STRUMENTALI GESTIONE DEL PERSONALE

BENI STRUMENTALI GESTIONE DEL PERSONALE BENI STRUMENTALI 1) In data 02/05/n l industriale Federico Pizzetto stipula un contratto di acquisto di un macchinario con la Vortici srl alle seguenti condizioni: costo complessivo 60.000 euro + iva ordinaria

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia ESERCITAZIONE PRATICA DI CONTABILITA GENERALE Prof.ssa Mara Del Baldo Dott. Antonio Rizzuto Dott.ssa Elena De Renzio Fano, 03 dicembre 2009

Dettagli

VARIAZIONE NUMERARIA ASSIMILATA NEGATIVA COSTITUITA DALLA DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA SUL C/C BANCARIO PER 18.000.

VARIAZIONE NUMERARIA ASSIMILATA NEGATIVA COSTITUITA DALLA DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA SUL C/C BANCARIO PER 18.000. OPERAZIONE 1 Acquisto di attrezzature per 15.000, IVA 20%, regolamento con assegno bancario; ASPETTO ORIGINARIO: VARIAZIONE NUMERARIA ASSIMILATA NEGATIVA COSTITUITA DALLA DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA

Dettagli

Nota integrativa al 31 dicembre 2014

Nota integrativa al 31 dicembre 2014 Nota integrativa al 31 dicembre 2014 Premessa Sig.ri Associati, nell che si è appena concluso la Vostra Associazione ha mantenuto la qualifica di ONLUS ricorrendone tutti i requisiti di legge. Nel corso

Dettagli

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa TESTO ESERCITAZIONE CODIFICATO 1. In data 2/12 si paga al fornitore Le bottiglie Srl, tramite bonifico bancario, un

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI

ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI ESERCITAZIONE N. 2 - ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI Dott.ssa Carlotta del Sordo Corso di Economia Aziendale CLEGA Facoltà di Economia di Forlì Università degli Studi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2014 TEMI D ESAME PRIMA PROVA SCRITTA (19/11/2014) TEMA N. 1 Una società di capitali, esercente attività di fonderia, risulta produttivamente articolata

Dettagli

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE Sede in TORRE EUROPA - VIA ANNOVAZZI, 00053 CIVITAVECCHIA (RM) Codice Fiscale 03908900586 - Numero Rea RM 911152 P.I.: 01259061008 Capitale Sociale Euro - i.v. Forma

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale 2006

Commento al tema di Economia aziendale 2006 Commento al tema di Economia aziendale 2006 Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici Commerciali è incentrato sulla gestione finanziaria dell impresa ed è articolato in

Dettagli

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 11 Scritture di gestione; scritture di assestamento, epilogo, chiusura; Situazione contabile finale; bilancio d esercizio Conoscenza: natura

Dettagli

DYNAMO ACADEMY SRL IMPRESA SOCIALE UNIPERSONALE. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2010

DYNAMO ACADEMY SRL IMPRESA SOCIALE UNIPERSONALE. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2010 DYNAMO ACADEMY SRL IMPRESA SOCIALE UNIPERSONALE Sede in VIA XIMENES N. 662-51028 SAN PARCELLO PISTOIESE (PT) Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. Cod. fisc. e Reg. Imp. Pistoia 01722500475 - Rea 173738

Dettagli

GALEN SOC. MUTUA COOP.VA / FONDO SANITARIO INTEGRATIVO - Bilancio al 31/12/2013

GALEN SOC. MUTUA COOP.VA / FONDO SANITARIO INTEGRATIVO - Bilancio al 31/12/2013 GALENO SOC. MUTUA COOP.VA/ FONDO SANITARIO INTEGRATIVO. Sede in: VIA G.BATTISTA DE ROSSI N.12-00161 - ROMA (RM) Codice fiscale: 04273791006 Partita IVA: 04273791006 Capitale sociale: Euro 272.428,00 Capitale

Dettagli

ANTICA FIERA DEL SOCO SRL Società con unico socio NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO AL 31.10.2012

ANTICA FIERA DEL SOCO SRL Società con unico socio NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO AL 31.10.2012 Antica Fiera del Soco Srl - società con unico socio ANTICA FIERA DEL SOCO SRL Società con unico socio Sede in Grisignano di Zocco (VI) Capitale Sociale: Euro 235.400,00= i.v. Codice Fiscale e Numero Iscrizione

Dettagli

Esempi scritture contabili Costituzione Spa

Esempi scritture contabili Costituzione Spa Esempi scritture contabili Costituzione Spa 1 Esempi scritture contabili Vincolo 25% 2 Esempi scritture contabili Versamento restante parte del capitale sociale 3 Esempi scritture contabili Registrazione

Dettagli

UNIONE MUSICALE ONLUS. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2013

UNIONE MUSICALE ONLUS. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2013 UNIONE MUSICALE ONLUS Rea 878729 Sede in PIAZZA CASTELLO N.29-10123 TORINO (TO) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2013 Premessa Signori Associati, il presente bilancio, sottoposto al Vostro

Dettagli

INDICE SEZIONE 1 LE PROCEDURE DEL CICLO CONTABILE SEZIONE 2 IL PIANO DEI CONTI

INDICE SEZIONE 1 LE PROCEDURE DEL CICLO CONTABILE SEZIONE 2 IL PIANO DEI CONTI MANUALE DI CONTABILITA (Art.8 del Regolamento di Contabilità) Roma, Gennaio 2002 INDICE SEZIONE 1 LE PROCEDURE DEL CICLO CONTABILE 1. PREMESSA...5 2. GLI ASPETTI ORGANIZZATIVI...6 3. PROCESSI DEL CICLO

Dettagli

Parte Seconda Le prove precedentemente assegnate all esame di Stato

Parte Seconda Le prove precedentemente assegnate all esame di Stato Parte Seconda Le prove precedentemente assegnate all esame di Stato La traccia Il candidato illustri le differenze tra reddito d esercizio e flusso di risorse generato dalla gestione reddituale. Presenti,

Dettagli

VERSILIA AMBIENTE SRL

VERSILIA AMBIENTE SRL VERSILIA AMBIENTE SRL Sede in VIAREGGIO - VIETTA DEI COMPARINI, 186 Codice Fiscale 02286460460 - Numero Rea LUCCA LU-212120 P.I.: 02286460460 Capitale Sociale Euro 10.000 Forma giuridica: SRL Società in

Dettagli

CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6. Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A.

CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6. Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A. CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6 Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A. Milano REA n. 1693279 Codice fiscale e partita Iva: 03508790171 NOTA INTEGRATIVA

Dettagli

RATEI ATTIVI E PASSIVI

RATEI ATTIVI E PASSIVI RATEI ATTIVI E PASSIVI Costituiscono ratei attivi o passivi rispettivamente i crediti o debiti, relativi a ricavi o costi di competenza dell esercizio che si chiude e di esercizi successivi, i quali avranno

Dettagli

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10.

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10. ESERCITAZIONE N 2 (anno n e anno n+1) In questa esercitazione, partendo dalla costituzione di una S.p.A., vengono eseguite le scritture continuative relative alle operazioni svolte durante l esercizio;

Dettagli

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1 Tema n. 1 In data 31/12/02 si decide lo scorporo di un ramo d azienda dalla società Gamma S.p.A. - che ha i- niziato la propria attività in data 1/1/1995 - ed il suo successivo conferimento nella società

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

RAGIONERIA GENERALE ED APPLICATA

RAGIONERIA GENERALE ED APPLICATA 1. Premessa: le scritture di rettifica e di integrazione 2. Le scritture di integrazione. 2.1 Gli ammortamenti. 2.2. La svalutazione di poste attive. 2.3. I ratei 2.4. Gli interessi di fine anno 2.5. L

Dettagli

CHIUSURA GENERALE DEI CONTI

CHIUSURA GENERALE DEI CONTI CHIUSURA GENERALE DEI CONTI Una volta effettuate le scritture di assestamento per la determinazione della competenza economica dei costi e dei ricavi, si procede all'epilogo dei conti al "Conto del Risultato

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI & ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI Sede in VIA N. COLAJANNI 4-00100 ROMA Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013 A) Immobilizzazioni I. Immateriali 24.229

Dettagli

Le scritture di assestamento. Classe III ITC

Le scritture di assestamento. Classe III ITC Le scritture di assestamento Classe III ITC L assestamento dei conti Le scritture di assestamento consentono di determinare contemporaneamente la competenza dei componenti positivi e negativi del risultato

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli