Volumi di produzione del trimestre Totale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Volumi di produzione del trimestre Totale 31.800 23.200"

Transcript

1 Esercizio 10.1 Conto economico preventivo, budget operativi 1. Budget delle vendite (trimestre gennaio-marzo) Pastine Omogeneizzat TOT i Gennaio Febbraio Marzo Tot Piano di produzione (trimestre gennaio-marzo) in hg. Pastine Gennaio Febbraio Marzo Omogeneizzati - Rimanenze Iniziali Volumi di vendita Rimanenze Finali Volume produzione Rimanenze Iniziali Volumi di vendita Rimanenze Finali Volume produzione Rimanenze Iniziali Volumi di vendita Rimanenze Finali Volume produzione Volumi di produzione del trimestre Totale

2

3 Budget dei consumi e degli acquisti di materie prime principali (mese di gennaio 2006) Pastine Omogeneizzati Volume di produzione (hg) Standard fisico unitario (Kg per hg di prodotto finito) 0,09 0,08 Consumo di materie prime (Kg) Rimanenze Iniziali (mp) = 10%*Volume produzione* Standard fisico unitario Rimanenze Finali (mp) Acquisti (Kg) Acquisti ( )

4 Budget delle rimanenze finali a fine gennaio 2006 Calcolo del costo standard pieno di fabbricazione Pastine Omogeneizzati Tot Materie prime principali 0,045 0,160 Materie prime sussidiarie 0,30 0,60 Totale costi diretti variabili di fabbricazione unitari 0,345 0,76 Energia elettrica 0,10 0,10 Materiale confezionamento 0,30 0,40 Tot costi indiretti variabili di fabbricazione unitari 0,40 0,50 Tot costi variabili di fabbricazione unitari 0,745 1,26 Tot costi variabili di fabbricazione imputati (Vol Prod trim*cv unitario) , , ,00 Costi indiretti fissi di fabbricazione comuni (totali-trimestrali) ,55 Coefficiente di imputaz costi ind fissi comuni (cf comuni/tot cv imputati) 85% Tot costi indiretti fissi di fabbricazione comuni imputati (85% cv imputati) , , ,55 Quota costi indiretti fissi di fabbricazione imputati (c comuni imput/tot) 45% 55% Costi indiretti fissi di fabbricazione specifici (totali-trimestrali) 3.900, ,00 Tot costi indiretti fissi di fabbricazione unitari 0,76 1,25 Costo pieno standard di fabbricazione unitario 1,50 2,51 Budget delle rimanenze finali (fine gennaio 2006) Pastine Omogeneizzati Tot

5 Volume hg Valore 3.602, , ,21

6

7 Budget del costo del venduto del mese di gennaio 2006 Pastine Omogeneizzati Volume di vendita Costo pieno standard di fabbricazione 1,50 2,51 Costo del venduto pieno di fabbricazione standard , ,28 VERIFICA II METODO Volume di produzione Materie prime principali Materie prime sussidiarie Energia elettrica Materiale confezionamento Totale Costi indiretti fissi di fabbricazione (specifici mensili + q.ta input comuni mensile) 8.012, ,40 *Rimanenze Iniziali (valutate al costo pieno di fabbricazione) Rimanenze Finali (valutate al costo pieno di fabbricazione) Costo del venduto pieno di fabbricazione standard , ,59

8 Conto economico preventivo - Gennaio 2006 Pastine Omogeneizzati Tot Ricavi Costo Del Venduto (pieno di fabbricazione standard) Margine industriale Pubblicità Costi Commerciali Generali & Amministrativi Risultato Economico Esercizio 10.2 Conto economico preventivo, budget operativi: Manifatture Palma 1. Piano di produzione TOTALE Palmbeach Palm Volume di vendita Rimanenze finali Rimanenze iniziali Volume di produzione

9 2. Budget degli acquisti delle materie prime Kg Acciaio Palmbeach Palm Totale Volume di produzione Standard fisico in kg 10 8 Fabbisogno (in Kg) Rimanenze finali Rimanenze iniziali Totale acquisti Prezzo acquisto 10 Totale acquisti Teli Canapa Palmbeach Palm Totale Volume di produzione Standard fisico in unità 2 1 Fabbisogno (in unità) Rimanenze finali Rimanenze iniziali Totale acquisti Prezzo acquisto 15 Totale acquisti

10 3. Budget della manodopera diretta Palmbeach Palm Totale Volume di produzione Standard fisico 5 8 Totale Manodopera diretta Prezzo unitario Totale Budget dei costi indiretti di fabbricazione Palmbeach Palm Totale Volumi di produzione Standard fisico 5 8 Totale Manodopera diretta Totale costi indiretti variabili Coefficiente imputazione costi indiretti variabili = tot costi indiretti variabili / totale Manodopera diretta ,14 Costi indiretti fissi Totale costi indiretti di fabbricazione

11 5. Budget del costo del venduto Totale Consumi Materie Prime Acciaio Teli canapa Manodopera diretta Costi indiretti fissi e variabili Totale costo di fabbricazione Rimanenze iniziali (valutate al costo di prodotto) Rimanenze finali Costo del venduto

12 6. Budget delle rimanenze dei prodotti finiti Palmbeach Palm Volume in rimanenze di fine periodo Costo di prodotto Totale Calcolo costo di prodotto Palmbeach Palm Materie Prime Acciaio Teli canapa Manodopera diretta Costi indiretti Variabili (coefficiente costi variabili*n ore) 6 9 Coefficiente costi fissi ,86 Fissi ( coefficiente costi fissi* n ore) Totale costi indiretti Costo di prodotto (materie prime + manodopera diretta +costi indiretti)

13 7. Budget del conto economico articolato per prodotto Palmbeach Palm Totale Ricavi Costo del venduto Margine lordo Costi di vendita e amministrativi Reddito operativo ante imposte Esercizio 10.3 Conto economico preventivo, budget operativi: Produzioni Brambilla S.p.A. 1. Budget delle Vendite Gennaio Febbraio Marzo Totale Volume di vendita Prezzo vendita Totale ricavi di vendita Piano di Produzione Gennaio Febbraio Marzo Totale Volume di vendita Rimanenze finali Rimanenze iniziali Volume di produzione

14 3. Budget degli Acquisti di Materie Prime Materia Prima SM325 Gennaio Febbraio Marzo Totale Volume di produzione Standard fisico Fabbisogno (in unità) Rimanenze finali Rimanenze iniziali Totale acquisti Prezzo acquisto Totale acquisto SM Materia Prima SM326 Gennaio Febbraio Marzo Totale Volume di produzione Standard fisico Fabbisogno (in unità) Rimanenze finali Rimanenze iniziali Totale acquisti Prezzo acquisto Totale acquisto SM

15 4. Budget della Manodopera Diretta Gennaio Febbraio Marzo Totale Volume di produzione Standard fisico Totale Manodopera diretta Prezzo unitario 9,25 9,25 9,25 9,25 Totale Budget dei Costi Indiretti di fabbricazione Gennaio Febbraio Marzo Totale Volume di produzione Standard fisico Totale Manodopera diretta Coefficiente imputazione Costi indiretti variabili 3,40 3,40 3,40 3,40 Totale costi indiretti variabili Costi indiretti fissi Totale costi indiretti di fabbricazione

16 6. Budget dei Costi di Vendita ed Amministrativi Gennaio Febbraio Marzo Totale Volume di vendita Coefficiente imputazione Costi variabili Vendita & Amministrativi 1,80 1,80 1,80 1,80 Totale costi indiretti variabili Vendita & Amministrativi Costi fissi Vendita & Amministrativi Totale costi Vendita & Amministrativi Budget delle Rimanenze Finali - Prodotti Finiti al 31 marzo Totale Volumi in rimanenze al Costo di prodotto 77,41 Totale

17 Calcolo costo di prodotto Materie Prime SM ,00 SM326 6,00 46,00 Manodopera diretta 18,50 Costi indiretti Variabili (3,40*2 ora Manodopera diretta) 6,80 (componente variabile costi indiretti* ora Manodopera diretta) Coefficiente costi indiretti fissi = tot costi indiretti fissi a budget / tot ore manodopera diretta ,00/ = /ora Manodopera diretta 6,11 Fissi ( 3,055*2 ora Manodopera (coefficiente costi fissi * ora diretta) Manodopera diretta) Totale costi indiretti x volume 12,91 Costo di prodotto 77,41

18 8. Budget del Costo del Venduto Totale Consumi Materie Prime SM * SM Manodopera diretta Costi indiretti fissi e variabili Totale costo di fabbricazione Rimanenze iniziali Rimanenze finali Costo del venduto * = tot a budget valore Rimanenze Finali + valore Rimanenze Iniziali 9. Conto Economico Preventivo TOTALE Ricavi ,00 Costo del venduto ,00 Margine lordo ,00 Costi di vendita e amministravi ,00 Reddito operativo ante imposte ,00

19 Esercizio 10.4 Budget di cassa 1. Budget di cassa (valori in Euro) Entrate: Otturazioni ( 50x90) Corone ( 300x19) Devitalizzazioni ( 170x8) Ponti ( 500x7) Estrazioni ( 45x30) Pulizia ( 25x108) Lastre ( 15x150) Totale entrate Uscite: Salari Benefits Affitto Forniture dentali Pulizie 300 Utilities 400 Telefono 150 Forniture per l ufficio 100 Tasse laboratorio Interessi mutuo 570 Interessi bancari 500 Varie 500 Totale fabbisogno di cassa Flusso di cassa netto (2.904) Il budget mostra che le uscite superano le entrate per un importo pari a

20 2. Il dottor Jones deve o incrementare le uscite o tagliare i costi o una combinazione delle due azioni per coprire il deficit di cassa. Tre possibili approcci sono descritti di seguito: Estendere gli orari di apertura dello studio per poter raggiungere le 40 ore lavorative tutte le settimane. Questo potrebbe provocare un aumento dei ricavi di circa Ipotizzando che ogni mese è composto da 4 settimane, gli attuali ricavi orari sono di 166,88 ( /128). Per cui l aumento dei ricavi totali possibili è di 166,88x32ore = Il dottor Jones dovrebbe informare gli assistenti e l addetto alla reception dell estensione dell orario e dell aumento dello stipendio del 15%. (Lo studio attualmente opera per 34 ore ogni settimana). Vantaggi: anche il premio assicurativo dei dipendenti aumenta. Le spese che possono crescere con un aumento dei ricavi sono le forniture dentali, le tasse del laboratorio e le utilities (rappresentano il 31% delle vendite). Il resto delle spese appaiono fisse. L aumento del cash flow è calcolato di seguito: Ricavi incrementali Aumento stipendi (0,15x3.400 ) (510) Benefits ( 1.344/ ) ( 510) (54) Spese variabili (0,31x 5.340) (1.655) Incremento del cash flow L approccio comporta alcuni rischi. L estensione dell orario di lavoro potrebbe non portare a un aumento del volume di attività. Se il volume di attività non cresce come previsto i problemi di cash flow potrebbero aggravarsi anziché risolversi. La probabilità che il volume di attività aumenti cresce se le ore addizionali di apertura vengono collocate nel tardo pomeriggio anziché il venerdì pomeriggio, perché sono più adatte ai pazienti che lavorano e che sono restii a perdere ore di lavoro.

21 Budget di cassa rivisto (valori in euro) Totale entrate ( ) Uscite: Salari ( ) Benefits ( ) Affitto Forniture dentali ( ) Pulizie 300 Utilities ( ) 500 Telefono 150 Forniture per l ufficio 100 Tasse laboratorio ( ) Interessi mutuo 570 Interessi bancari 500 Varie 500 Totale fabbisogno di cassa Flusso di cassa netto (217) Licenziare un assistente, eliminare il salario della signora Jones e le attività da lei svolte, e ridurre lo stipendio del dottor Jones di al mese. I risparmi ottenuti sono descritti di seguito: Assistente (stipendio e benefits) 1.052* Stipendi Totale * ( 1.900/2) + ( 950/ ) x = (arrotondato).

22 Nonostante questo approccio permetta di coprire il deficit, la soluzione potrebbe non essere fattibile. La soluzione dipende fortemente da quanto la famiglia Jones possa accettare di vivere con in meno ogni mese. Con tutta probabilità la famiglia Jones non accetterebbe questa soluzione. Inoltre, licenziare un assistente estenderebbe le funzioni in capo all addetto alla reception con il rischio che alcune telefonate vengano perse e i pazienti all ingresso vengano ignorati. Una terza possibilità è di incrementare le tariffe per ogni servizio offerto. Ipotizzando un tasso di aumento dei costi variabili del 31% (dalla soluzione 1), l incremento dei ricavi che dovrebbero coprire di deficit è calcolato di seguito: 0,69R = R = 2.900/0,69 R = Questo aumento comporterebbe un aumento medio delle tariffe del 19,7%. Il fatto che questo aumento sia possibile o meno dipende dalle tariffe imposte dagli altri dentisti della zona. Se qualche incremento è possibile, l incremento dovrebbe essere poi completato con soluzioni degli approcci precedenti (ad esempio un aumento del 10% delle tariffe e l estensione delle ore di lavoro di 4 ore ogni settimana). Probabilmente il dottor Jones accetterebbe di adottare una combinazione dei tre approcci anziché uno solo.

23 Esercizio 10.5 Budget di cassa, conto economico e stato patrimoniale preventivi 1. Tabella A Entrate di cassa previste mensilmente Newport Stationery Store Settembre Ottobre Novembre Dicembre Fatturato * * * * Crediti v/clienti * * Incassi dai clienti Entrate: Incassi dai clienti * Riscossione crediti * ,000 commerciali Totale * *dati. 2. Tabella B Uscite di cassa per pagamenti ai fornitori si merci previste mensilmente Ottobre Novembre Dicembre Trimestre Acquisti * % sconto pagamento 840* 1, contanti Totale * *dati. Si noti che gli acquisti sono pari al 70% delle vendite del mese successivo (Margine lordo è 30%).

24 3. Tabella C Uscite di cassa per pagamenti di costi operativi previsti mensilmente Ottobre Novembre Dicembre Trimestre Salari e stipendi (15% vendite) 7.200* Affitti (5% vendite) 2.400* Altri costi operativi(4% vendite) 1.920* Totale * *dati. 4. Tabella D Uscite di cassa totali previste mensilmente Ottobre Novembre Dicembre Trimestre Acquisti * Costi operativi * Attrezzature 600* Totale * *dati. 5. Tabella E Entrate ed uscite di cassa previste Ottobre Novembre Dicembre Trimestre Entrate totali * Uscite totali * Incremento netto Decremento 7.280*

25 netto *dati. 6. Tabella F Richieste di finanziamento Ottobre Novembre Dicembre Trimestre Saldo attivo iniziale * 8,720* 8,040 12,000 Incremento netto 31,104 11,144 Decremento netto 7.280* 12,680 Saldo di cassa prima dell assunzione dei prestiti (a) 4.720* (3,960) 39,144 23,144 Saldo attivo minimo Richiesto 8.000* 8,000 8,00 8,000 0 Avanzo (Disavanzo) (3.280)* (11,960) 31,144 15,144 Prestito richiesto (b) 4.000* 12,000 16,000 Interessi pagati (c) Prestito rimborsato (d) 16,000 16,000 Saldo attivo finale (a+b-c-d) 8.720* 8,040 22,604 22,604 *dati. Calcolo degli interessi: 18% per 3 mesi = % per 2 mesi = 360 Totale spesa per interessi 540

26 7. Newport Stationery Store Conto Economico preventivo Per il trimestre fino al 31 dicembre 200x Fatturato Tabella A Costo del venduto (70%vendite) * Margine lordo Costi operativi Salari e stipendi Tabella C Affitti Tabella C Altri costi operativi Tabella C Ammortamenti ( x 3mesi) Reddito operativo Interessi Tabella F 540 Sconti sugli acquisti Tabella B Reddito netto (ante imposte) *Note: Rimanenze finali e formazione del costo del venduto:

27 Rimanenze al 30 settembre Acquisti - Tabella B Rimanenze al 31 dicembre: Scorta minima Acquisti dicembre Tabella B Costo del venduto

28 Newport Stationery Store Rendiconto finanziario preventivo Per il trimestre fino al 31 dicembre 200x Reddito netto Ammortamenti Flusso di cassa potenziale Variazioni capitale circolante operativo ( ) (1.600) Flusso di cassa operativo Flusso di cassa da attività d investimento (1.000) Flusso di cassa da attività di finanziamento Prestiti Rimborso prestiti (16.000) 0 Flusso di cassa netto Saldo iniziale Saldo finale

29 Newport Stationery Store Stato patrimoniale preventivo Al 31 dicembre 200x Attività: Attivo circolante: Cassa Tabella F Crediti commerciali Tabella A Rimanenze (vedi note) Totale attivo Impianti e attrezzature: Impianti netti ( 100, ammortamento) Attrezzature Tabella D Totale Passività e patrimonio netto: Passività 0 Patrimonio netto * Totale

30 *Patrimonio netto al 30 settembre: (dato) Reddito netto,trimestre fino al 31 dicembre Patrimonio netto al 31 dicembre Tutte le operazioni sono state semplificate per esempio, non si considerano crediti insoluti. Inoltre, molte attività fanno fronte ad ampie variazioni dei flussi di cassa mensili; per esempio, i ritardi negli incassi da clienti sono raggruppati verso la fine del mese e le uscite sono previste uniformemente per tutto il mese o raggruppate all inizio del mese. Il bisogno di liquidità potrebbe poi necessitare di una valutazione su base settimanale o addirittura giornaliera piuttosto che su base mensile. Esercizio 10.6 Budget di cassa e piano di contingenza 1. Budget di cassa per le settimane 1 a 6 Sett 1 Sett 2 Sett 3 Sett 4 Sett 5 Sett 6 Incassi dai clienti Pagamenti: a fornitori Manodopera diretta costi variabili di gestione costi fissi di gestione Totale uscite Flusso di cassa (300) (4.200) (1.400) Saldo di apertura (3.500) Saldo di chiusura (700) (3500)

31 Debitori Sett 1 Sett 2 Sett 3 Sett 4 Sett 5 Sett 6 Unità vendute Vendite ( ) Denaro ricevuto (70%) (30%) Dati Totale entrate Creditori Sett 1 Sett 2 Sett 3 Sett 4 Sett 5 Sett 6 Materiali consumati a Variazione scorte Materiali acquistati Pagamenti ai fornitori Stipendi Sett 1 Sett 2 Sett 3 Sett 4 Sett 5 Sett 6 Salari consumati a Salari pagati

32

33 Costi variabili di gestione = produzione a budget *costo unitario a budget Costi fissi di gestione per le settimane 1-2 = costi fissi per settimana ( 9.000) - ammortamento settimanale ( 700) Costi fissi di gestione per le settimane 3-6 = pagamento ordinario per settimana Commenti Sarà necessario un finanziamento per coprire il deficit di cassa nella settimana 2, ma una diminuzione forniture di materiali alla fine della settimana 1 ridurrà l ammontare di denaro da prendere in prestito alla fine della settimana 2 Il surplus dopo la fine della settimana 2 dovrà essere investito a breve termine Dopo la settimana 6 non ci saranno più entrate di cassa ma le uscite di cassa saranno di la settimana. Il saldo di chiusura alla fine della settimana 6 sarà sufficiente per finanziare le uscite per le successive 5-6 settimane ( / la settimana) 2. La risposta dovrebbe includere la discussione sul concetto di matching, enfatizzando che le entrate e le uscite potrebbero non essere attribuite al periodo nel quale le entrate e uscite di cassa hanno avuto luogo. Inoltre anche alcuni elementi di spesa non influenzano le uscite di cassa (es. ammortamento) Esercizio 10.7 Master budget 1. Budget delle vendite (unità in migliaia) I trim II trim III trim IV trim Totale Unità Prezzo unità ( ) Totale vendite ( )

34 2. Piano della produzione I trim II trim III trim IV trim Totale Volumi di vendita Rimanenze finali Totale volumi Esistenze iniziali 0 (13.000) (15.000) (20.000) 0 Volume di produzione Budget degli acquisti di materie prime (valori in migliaia) I trim II trim III trim IV trim Totale Volume di produzione Unità materie prime x 3 x 3 x 3 x 3 x 3 Totale Rimanenze finali Fabbisogno complessivo Esistenze iniziali (65.7) (63.0) (67.5) (81.0) (65.7) Totale materie prime da acquistare Prezzo acquisto ( ) x 80 x 80 x 80 x 80 x 80 Acquisti materie prime ( ) Budget della manodopera diretta (valori in migliaia) I trim II trim III trim IV trim Totale Volume di produzione Ore per unità x 5 x 5 x 5 x 5 x 5 Totale fabbisogno Costo per ora x 10 x 10 x 10 x 10 x 10 Totale costo Mandopera diretta ( )

35 5. Budget delle spese generali (valori in migliaia) I trim II trim III trim IV trim Totale Ore budget Coeff spese variabili x 6 x 6 x 6 x 6 x 6 Totale spese variabili ( ) Totale spese fisse ( ) Totale spese generali ( ) Budget dei costi operativi (valori in migliaia) I trim II trim III trim IV trim Totale Vendite pianificate Coeff costi variabili x 10 x 10 x 10 x 10 x 10 Totale costi variabili ( ) Totale costi fisse ( ) Totale costi operativi ( ) Budget delle rimanenze finali Calcolo del costo unitario Materie prime ( 3 unità x 80) Manodopera diretta ( 5 ore x 10) Spese generali: variabili ( 5 ore x 6) fissi ( / ) Totale costo unitario Prodotti finiti = x =

36 8. Budget del costo del venduto (valori in Euro) Materie prime utilizzate (punto 3) Manodopera diretta utilizzate (punto 4) Spese generali (punto 5) Costo di fabbricazione Esistenze iniziali prodotti finiti 0 Rimanenze finali prodotti finiti (punto 7) ( ) Costo del venduto Budget di cassa (valori in migliaia di Euro) I trim II trim III trim IV trim Totale Saldo di cassa iniziale Incassi: Trimestre corrente Trimestre precedente Totale Uscite Materie prime Trimestre corrente Trimestre precedente Manodopera diretta Spese generali Amministrativi/vendita Dividendi Attrezzature Totale fabbisogno di cassa Saldo di cassa finale

37 10. Conto economico preventivo anno 2009 (valori in Euro) Vendite Costo del venduto ( ) Margine lordo Costi amministrativi e di vendita ( ) Reddito ante imposte

38 11. Stato patrimoniale preventivo al 31/12/2009 (valori in Euro) Attività Cassa Crediti v/clienti Rimanenze materie prime Rimanenze prodotti finiti Impianti e attrezzature ¹ Totale attività Passività e patrimonio netto Debiti v/fornitori Capitale sociale Utili portati a nuovo ² Totale passività e patrimonio netto ¹ Impianti e attrezzature iniziali Nuove attrezzature Quota ammortamento ( ) Impianti e attrezzature finali ² Utili portati a nuovo iniziali Utile netto* Dividendi pagati ( ) Utili portati a nuovo finali * Ignorare le tasse

10.1 BABY FOOD BIO Spa: CONTO ECONOMICO PREVENTIVO BUDGET OPERATIVI E PUNTO DI PAREGGIO

10.1 BABY FOOD BIO Spa: CONTO ECONOMICO PREVENTIVO BUDGET OPERATIVI E PUNTO DI PAREGGIO CAPITOLO 10 SOLUZIONI ESERCIZI DI RIEPILOGO 10.1 BABY FOOD BIO Spa: CONTO ECONOMICO PREVENTIVO BUDGET OPERATIVI E PUNTO DI PAREGGIO 1. Budget delle vendite (trimestre gennaio-marzo) Pastine Omogeneizzati

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario.

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario. Il processo di formulazione del budget dell impresa si conclude con il consolidamento dei singoli budget settoriali in un unico bilancio previsionale (MASTER BUDGET), che si compone dei seguenti documenti

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

Costi indiretti 2.800.000 1.000.000 Ore macchina 70.000 8.200 Ore MOD 35.000 50.000

Costi indiretti 2.800.000 1.000.000 Ore macchina 70.000 8.200 Ore MOD 35.000 50.000 Capitolo 2 La Arredo s.r.l produce mobili in serie, tavoli e sedie, in due reparti, produzione e imballaggio. Un tavolo richiede: - 5 ore macchina e 2 ore MOD nel reparto produzione - 15 minuti macchina

Dettagli

La redazione del bilancio preventivo. Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati

La redazione del bilancio preventivo. Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati Michele Pisani La redazione del bilancio preventivo modulo 4 Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati Le macro-fasi di redazione del preventivo operazioni

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

al budget di cassa mensile

al budget di cassa mensile un esempio molto semplice : dal bilancio previsionale al budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO PASSIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche Scorte 100.000 Capitale

Dettagli

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali v Evidenziare gli investimenti iniziali v Valutare economicità v Evidenziare i flussi di cassa netti v Predisporre la copertura finanziaria

Dettagli

IL BUDGET FINANZIARIO. Corso di PROGRAMMAZIONE AZIENDALE Attilio Mucelli 1

IL BUDGET FINANZIARIO. Corso di PROGRAMMAZIONE AZIENDALE Attilio Mucelli 1 IL BUDGET FINANZIARIO Corso di PROGRAMMAZIONE AZIENDALE Attilio Mucelli 1 IL BUDGET FINANZIARIO Verifica della fattibilità finanziaria dei budget operativi: Quantificazione del fabbisogno finanziario del

Dettagli

ESERCIZIO 1. La Zelig S.p.A. viene costituita il 1 gennaio 2004 con 1) il versamento da parte degli azionisti di capitale per 1.000.

ESERCIZIO 1. La Zelig S.p.A. viene costituita il 1 gennaio 2004 con 1) il versamento da parte degli azionisti di capitale per 1.000. ESERCIZIO 1 La Zelig S.p.A. viene costituita il 1 gennaio 2004 con 1) il versamento da parte degli azionisti di capitale per 1.000. Nel corso del periodo 1 gennaio 2004 31 dicembre 2004 si svolgono le

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti CASO VERLIES&WINST SCG-E05 Pagina 0 di 10 Durante i primi nove mesi del 19X0, l unico stabilimento della Verlies

Dettagli

l Innovazione nella Professione:

l Innovazione nella Professione: Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale IL SISTEMA DI BUDGET UN CASO AZIENDALE Dr. Gaia Bassani Bergamo, 26 Novembre 2010 IL SISTEMA DI BUDGET: UN CASO AZIENDALE Bergamo,

Dettagli

Srl La predisposizione del piano finanziario

Srl La predisposizione del piano finanziario Srl La predisposizione del piano finanziario 1 Srl stato patrimoniale al 31/12/24 Attività Passività Software e licenze 55., 22., Impianti generici 15., 28., Mobili ed arredi 124., 12., Macchine elettroniche

Dettagli

determinazione della quantità fisica di prodotti da realizzare nel periodo considerato BUDGET DI PRODUZIONE BUDGET della PRODUZIONE

determinazione della quantità fisica di prodotti da realizzare nel periodo considerato BUDGET DI PRODUZIONE BUDGET della PRODUZIONE Budget delle vendite L articolazione per Centri di Costo determinazione della quantità fisica di prodotti da realizzare nel periodo considerato 1 I criteri per individuare i centri di costo sono: Rilevanza

Dettagli

(Cash Flow Statements)

(Cash Flow Statements) RENDICONTO FINANZIARIO IAS 7 (Cash Flow Statements) 1 SOMMARIO Concetti generali sul Rendiconto Finanziario Come si fa a redigere un Rendiconto Finanziario? 2 1 Concetti generali sul Rendiconto Finanziario

Dettagli

SITUAZIONE PATRIMONIALE DI LIQUIDITA' TO KIATOUR

SITUAZIONE PATRIMONIALE DI LIQUIDITA' TO KIATOUR SITUAZIONE PATRIMONIALE DI LIQUIDITA' TO KIATOUR ATTIVITA' PASSIVITA' e NETTO Attività Immobilizzate Capitale Netto Sistemi hardware e sofware 76.000 Capitale sociale 800.000 Immobili 990.000 Fondo di

Dettagli

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Le attività da svolgere per la realizzazione del Business Plan da parte del sono le seguenti: 1. Inserimento del resoconto dell'anno 2.

Dettagli

queste ricordiamo: la direzione del personale; la direzione della ricerca e sviluppo; la direzione generale.

queste ricordiamo: la direzione del personale; la direzione della ricerca e sviluppo; la direzione generale. IL BUDGET DELLE STRUTTURE CENTRALI Le strutture centrali riguardano le funzioni aziendali non coinvolte direttamente nel processo produttivo - distributivo. Tra queste ricordiamo: la direzione del personale;

Dettagli

!"# $ "% $ &# * ' "&() * + ' &( ) " + ' &(), ""! - -. / "

!# $ % $ &# * ' &() * + ' &( )  + ' &(), ! - -. / !"# $ "% $ &# * ' "&() * + ' &( ) " + ' &(), ""! - -. / "!" #$% & ( '!"# &#!% $ "% "% # # ' "&() + ' *# *# &( ) + ' # # &() & ) ) )*+ *" ' "&() + ' *# &( ) + ' # &(), ""! - * &%,( -. *- / " ./ 0-1/1/ 1

Dettagli

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1) Immobilizzazioni Macchinari e attrezzature di produzione 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno a) 20% 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 b) 20% 33,0% 0,00 0,00

Dettagli

ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta

ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta ESERCIZIO 1 - Riporto a capitale, reddito e rendiconto di liquidità. Analisi dei valori e delle variazioni Alla fine

Dettagli

PARTE A 1. Si valuti la convenienza della operazione di acquisto di una posizione di cambio a termine a tre mesi, in assenza di costi di negoziazione.

PARTE A 1. Si valuti la convenienza della operazione di acquisto di una posizione di cambio a termine a tre mesi, in assenza di costi di negoziazione. PARTE A 1 A1) L azienda Beta presenta questi due problemi: a) L azienda vende i propri prodotti ad una società straniera per un importo di 480.000 $, con pagamento a tre mesi. L azienda ha sostenuto i

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo di via Pitagora

Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo di via Pitagora FAC-SIMILE Mod.PEF/Pitagora Comune di Monza Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo di via Pitagora PROSPETTI DI CONTO ECONOMICO,

Dettagli

TEMA 2: Pianificazione finanziaria a breve termine

TEMA 2: Pianificazione finanziaria a breve termine TEMA 2: Pianificazione finanziaria a breve termine Legame tra decisioni di finanziamento a lungo e breve termine e prospetto fonti-impieghi (Brealey, Meyers, Allen, Sandri: cap. 3) Corso di: GESTIONI FINANZIARIE

Dettagli

Capitolo 29. Pianificazione finanziaria a breve termine. Principi di finanza aziendale. Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri.

Capitolo 29. Pianificazione finanziaria a breve termine. Principi di finanza aziendale. Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri. Principi di finanza aziendale Capitolo 29 IV Edizione Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri Pianificazione finanziaria a breve termine Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 29-2 Argomenti

Dettagli

La ASK s.r.l. produce due differenti articoli di cancelleria, ciascuno in un unico modello: raccoglitori in cartone cartelline in cartoncino

La ASK s.r.l. produce due differenti articoli di cancelleria, ciascuno in un unico modello: raccoglitori in cartone cartelline in cartoncino CARTELLINE RACCOGLITORI ASK S.R.L. BUDGET DELLE VENDITE La ASK s.r.l. produce due differenti articoli di cancelleria, ciascuno in un unico modello: raccoglitori in cartone cartelline in cartoncino Nel

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN RICHIEDENTE Azienda, ragione sociale Indirizzo Persona di contatto Numero di telefono E-mail Luogo e data Firma e qualifica della persona autorizzata Business

Dettagli

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi MODELLO DI BUSINESS PLAN Schema esemplificativo per la redazione del piano d impresa 1) CURRICULUM VITA DEI PROPONENTI O SOCI DELL IMPRESA 2) DESCRIZIONE DEL PROGETTO 2.1 DESCRIZIONE ANALITICA DEL PRODOTTO/SERVIZIO

Dettagli

- Salumificio - Business plan

- Salumificio - Business plan - Salumificio - Business plan (tabelle) 1 INDICE 1. Pianificazione economico-finanziaria 2009-2012... 3 a. Conto economico... 3 Ricavi... 3 Costi... 4 b. Stato Patrimoniale... 6 c. Analisi finanziaria...

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario OIC 10 Parma, 1 Ottobre 2014 1 Indice 1. Finalità del principio 3 2. Ambito di applicazione 4 3. Definizioni 5 4. Contenuto e struttura 6 5. Classificazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

CONTI PATRIMONIALI (E FINANZIARI )

CONTI PATRIMONIALI (E FINANZIARI ) IL BILANCIO D ESERCIZIO: COSA E E COME SI LEGGE (e soprattutto come si utilizza nel controllo di gestione dell impresa) STATO PATRIMONIALE = FOTOGRAFIA DEL PATRIMONIO CONTO ECONOMICO = FILM DELLA GESTIONE

Dettagli

Analisi delle configurazioni dei costi

Analisi delle configurazioni dei costi Analisi delle configurazioni dei costi i costi riferiti ad un medesimo oggetto possono assumere varie configurazioni a seconda del tipo di attività e dei fattori produttivi che s intende analizzare in

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo AMBROSINI

Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo AMBROSINI FAC SIMILE mod/pef Ambrosini Comune di Monza Schema di Piano economico-finanziario per la gara di affidamento in concessione della gestione del Centro Sportivo AMBROSINI anni 20 PROSPETTI DI CONTO ECONOMICO,

Dettagli

Budget e Cash Flow per Professionisti e Ditte individuali

Budget e Cash Flow per Professionisti e Ditte individuali Budget e Cash Flow per Professionisti e Ditte individuali E' un Software ideato e realizzato per poter essere facilmente utilizzato dalle Piccole e Medie Imprese che non possono contare su una struttura

Dettagli

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO Es. n. 1 Presentare le parti tabellari delle seguenti fatture: lo/lo ricevuta fattura della ditta Romano

Dettagli

Indici Basilea 2 + Business Plan Società di persone e Autonomi

Indici Basilea 2 + Business Plan Società di persone e Autonomi Indici Basilea 2 + Business Plan Società di persone e Autonomi La procedura è quasi tutta automatizzata restando a carico dell'utente le seguenti, limitate, attività: 1. Inserimento degli ultimi 2 Bilanci

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DEL PRIMO TRIMESTRE 2003 Scenario economico La crescita dell economia

Dettagli

Ipotesi su ulteriori costi relativi alla produzione ed alla gestione dell'azienda in generale

Ipotesi su ulteriori costi relativi alla produzione ed alla gestione dell'azienda in generale Presentare i budget settoriali, il budget economico ed il budget patrimoniale della azienda Alfa spa, impresa industriale, che si è costituita per produrre e vendere il prodotto X. con riferimento all'anno

Dettagli

Esercitazione di Economia aziendale

Esercitazione di Economia aziendale Esercitazione di Economia aziendale Il bilancio di previsione per la programmazione economica e finanziaria: il caso Olistar S.r.l. Corso di Economia aziendale Presentazione della situazione aziendale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2015 TEMI D ESAME PRIMA PROVA SCRITTA (18/11/2015) TEMA N. 1 Ammortamenti e svalutazioni con riferimento alle immobilizzazioni immateriali, materiali e

Dettagli

L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi

L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Management Sergio Branciari s.branciari@univpm.it Simone Poli s.poli@univpm.it L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi San Benedetto

Dettagli

Scegliere gli investimenti

Scegliere gli investimenti 1-1 Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso 6 Scegliere gli investimenti A. con il metodo del valore attuale netto 1- Argomenti Come si determinano i flussi di cassa da attualizzare Le decisioni di investimento

Dettagli

1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito

1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito 1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito Esercizio: utile (euro) tasso d'inflazione aliquota fiscale (t) anno 2009 100 3,00% 50% anno 2010 120 4,00% 50% anno 2011 80 5,00% 50% Eventi: -Nel 2009:

Dettagli

Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE

Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO IGEA Anno 2000 Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

I processi di finanziamento (segue)

I processi di finanziamento (segue) I processi di finanziamento (segue) Finanziamenti a titolo di capitale + capitale proprio Finanziamenti a titolo di credito + debiti a breve e a lungo termine Realizzi derivanti dalle vendite di prodotti/servizi

Dettagli

Esercitazione di riepilogo. Stato Patrimoniale della Beta al 9/10/2012. Conto Economico della Beta al 31/12/2012

Esercitazione di riepilogo. Stato Patrimoniale della Beta al 9/10/2012. Conto Economico della Beta al 31/12/2012 Esercitazione di riepilogo Stato Patrimoniale della Beta al 9/10/2012 Conto Economico della Beta al 31/12/2012 1. Transazioni a. Il 2 settembre 2012 viene acquistato un brevetto per un valore di 35000

Dettagli

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5 focus modulo 4 lezione 50 La gestione finanziaria La correlazione tra investimenti e finanziamenti L analisi dei flussi finanziari 1. I flussi finanziari I flussi finanziari che hanno origine dall attività

Dettagli

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE Business Plan (PIANO DI IMPRESA) DELL IMPRESA CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE PAGE \*Arabic 1 PARTE DESCRITTIVA Parte generale a a descrizione dell impresa: - denominazione - forma giuridica

Dettagli

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500 Il 4 gennaio 20xx arriva in azienda la fattura relativa ad un acquisto di merce per 5.000 + IVA 10% che al 31/12 era stato registrato senza il relativo documento. 3/1/20xx DARE AVERE Fatture da ricevere

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

Allegato D CONCEDENTE

Allegato D CONCEDENTE Allegato D CONCEDENTE FinBard S.p.a. Loc. Grand Chemin, 34 11020 - Saint-Christophe(AO) Telefono: +39.0165.230053 - Fax: +39.0165.236214 finbard@netvallee.it www.infobard.it OGGETTO: CONCESSIONI-CONTRATTO

Dettagli

I PROCESSI FINANZIARI DELLE IMPRESE

I PROCESSI FINANZIARI DELLE IMPRESE I PROCESSI FINANZIARI DELLE IMPRESE Alessandro Russo Università degli studi di Catania Corso di Economia e Gestione delle Imprese IL RUOLO DEL MANAGER FINANZIARIO Ruolo del manager finanziario quale intermediario

Dettagli

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

FINANZA AZIENDALE. III anno I semestre A.A. 2015/2016

FINANZA AZIENDALE. III anno I semestre A.A. 2015/2016 1-1 FINANZA AZIENDALE III anno I semestre A.A. 2015/2016 Docente Pierluigi Murro (p.murro@lumsa.it) Libro di testo 1-2 Principi di Finanza aziendale Autori: R.A. Brealey S.C. Myers F. Allen S. Sandri Settima

Dettagli

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 11 Scritture di gestione; scritture di assestamento, epilogo, chiusura; Situazione contabile finale; bilancio d esercizio Conoscenza: natura

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA Anno 2000 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare un attività imprenditoriale in

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO RATTI IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI RATTI S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2012 RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO

Dettagli

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale.

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Capitolo 11 Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini Esercizio 1 Una Società, il 31-12-2 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Terreni Immobilizzazioni tecniche Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA IL TRATTAMENTO CONTINUATIVO E SISTEMATICO DEL FLUSSO INFORMATIVO CONSENTE L

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a UNITÀ B La gestione e i suoi risultati: il patrimonio e il reddito Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a La gestione delle aziende di produzione: settori e profili di analisi Documento Esercizi Operazioni

Dettagli

Budget e Cash flow Agenzie di Viaggi e Turismo

Budget e Cash flow Agenzie di Viaggi e Turismo Budget e Cash flow Agenzie di Viaggi e Turismo E un software dedicato alla categoria che, oltre a tutte le elaborazioni de Budget e Cash-Flow elabora una serie di prospetti che aiutano l Azienda a determinare

Dettagli

ESEMPI DI STAMPE E GRAFICI OTTENIBILI CON I VARI SOFTWARE DELLA SUITE

ESEMPI DI STAMPE E GRAFICI OTTENIBILI CON I VARI SOFTWARE DELLA SUITE ESEMPI DI STAMPE E GRAFICI OTTENIBILI CON I VARI SOFTWARE DELLA SUITE ALCUNE STAMPE OTTENIBILI CON IL SOFTWARE BUDGET & BUSINESS PLAN BUDGET DELLE VENDITE (Euro) PRODOTTI E 2014 2015 2016 2017 2018 2019

Dettagli

Lezione 17. Fabbisogno di finanziamento. Attivo fisso / Attivo circolante. La valutazione dell equilibrio finanziario e autofinanziamento

Lezione 17. Fabbisogno di finanziamento. Attivo fisso / Attivo circolante. La valutazione dell equilibrio finanziario e autofinanziamento Lezione 17 La valutazione dell equilibrio finanziario e autofinanziamento Fabbisogno di finanziamento Impieghi (Investimenti) Possibili classificazioni 1. Attivo fisso/attivo circolante 2. Immobilizzazioni/disponibilità

Dettagli

CASI PARTICOLARI UTILI PER LA RICLASSIFICAZIONE

CASI PARTICOLARI UTILI PER LA RICLASSIFICAZIONE CASI PARTICOLARI UTILI PER LA RICLASSIFICAZIONE ANTICIPI DA CLIENTI 1) ANTICIPI PER MERCI E/O MATERIE PRIME 2) ANTICIPI DA CLIENTI PER SERVIZI IN DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA PASSIVO CORRENTE Nel caso

Dettagli

IL BUDGET GLOBALE D AZIENDA

IL BUDGET GLOBALE D AZIENDA IL BUDGET GLOBALE D AZIENDA BUDGET ECONOMICO BUDGET FINANZIARIO BUDGET FONTI - IMPIEGHI BUDGET DI CASSA BUDGET PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO (RICAVI E COSTI) BUDGET COMMERCIALE COSTI COMMERCIALI RICAVI

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

finanziari e rendiconto finanziario

finanziari e rendiconto finanziario Le analisi di bilancio: i flussi finanziari e rendiconto finanziario Prof. Luca IANNI Docente di Controllo di Gestione Università G.d Annunzio di Chieti Pescara Revisore Legale dei Conti Le analisi per

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli

PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO 2013-2015

PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO 2013-2015 PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO 2013-2015 SMA Campania SpA Dati di base Start up piano industriale 2013 2014 2015 Check-up and assesment Altri costi di start-up Aliquota di ammortamento 20% 20% 20% Financials

Dettagli

Leverage massimo 2 Dividendi normali e consueti. Valuation ratio 1 Capitale sociale reperibile in borsa

Leverage massimo 2 Dividendi normali e consueti. Valuation ratio 1 Capitale sociale reperibile in borsa ESERCIZIO N.1 Il candidato verifichi se nell azienda GAMMA, quotata in borsa, è soddisfatta la motivazione della sicurezza dopo aver effettuato i nuovi investimenti indispensabili, considerando che gli

Dettagli

CONTI FINANZIARI. Contanti. Cassa. Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 2. C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c.

CONTI FINANZIARI. Contanti. Cassa. Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 2. C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c. CONTI FINANZIARI Cassa Contanti Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 1 - cassa negozio 2 C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c CLIENTI Italia Estero Un sottoconto per ogni cliente

Dettagli

Il Break Even Point. Soluzione: BEP = CF/(p-cv) CF=522.800 cv =.6 p =.70 BEP = 522.800/(70-6) = 8.168,75 BEP giornaliero = 8.

Il Break Even Point. Soluzione: BEP = CF/(p-cv) CF=522.800 cv =.6 p =.70 BEP = 522.800/(70-6) = 8.168,75 BEP giornaliero = 8. Il Break Even Point Esercizio 1 Un albergo con 40 camere doppie, aperto tutto l anno, vende i pernottamenti a un prezzo medio di.70 per camera con trattamento B&B. Presenta i seguenti costi fissi relativi

Dettagli

Soluzioni per il fac-simile di prova d esame

Soluzioni per il fac-simile di prova d esame Soluzioni per il fac-simile di prova d esame È da notare che le soluzioni proposte nel presente fac-simile rappresentano solo un esempio di quelle possibili. L obiettivo della presente proposta di soluzioni

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 09 05.03.2014 Il rendiconto finanziario nel nuovo OIC 10 Aggiornamento principi contabili Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Aggiornamento

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

P.E.F. previsionale connesso alla gara per la concessione del Centro Sportivo AMBROSINI

P.E.F. previsionale connesso alla gara per la concessione del Centro Sportivo AMBROSINI FACSIMILE mod/pef Ambrosini Comune di Monza P.E.F. previsionale connesso alla gara per la concessione del Centro Sportivo AMBROSINI PROSPETTI DI CONTO ECONOMICO, STATO PATRIMONIALE E FLUSSI DI CASSA PREVISIONALI

Dettagli

Conto economico. Prospetti contabili infrannuali 2007 62. (importi in migliaia di euro)

Conto economico. Prospetti contabili infrannuali 2007 62. (importi in migliaia di euro) Prospetti contabili infrannuali della Capogruppo per il semestre chiuso al 30 giugno 2007 Conto economico 1 semestre 2007 1 semestre 2006 Ricavi verso terzi 14.025 8.851 Ricavi parti correlati 2.772 3.521

Dettagli

FONDAZIONE THEVENIN - Onlus. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2014

FONDAZIONE THEVENIN - Onlus. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2014 C.F. 80000150518 P.I. 02106220516 FONDAZIONE THEVENIN - Onlus Sede in via Sassoverde n.32-52100 AREZZO (AR) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2014 Premessa Attività svolte La Fondazione svolge

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

Aziende Commerciali e servizi:budget e cash flow per Reparti e Consolidato

Aziende Commerciali e servizi:budget e cash flow per Reparti e Consolidato Aziende Commerciali e servizi:budget e cash flow per Reparti e Consolidato Molto spesso nelle Aziende commerciali e/o di Servizi si ha la necessità di analizzare, sia a livello economico che finanziario,

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT Completa, con l inserimento dei dati mancanti, l analisi dei seguenti fatti di gestione effettuati dalla ditta Mario Rossi & c. (titolare di conto corrente bancario presso la BANCA DI ROMA) 1) la ditta

Dettagli

BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE. Indirizzo: ECONOMICO AZIENDALE - Progetto BROCCA. Tema di: ECONOMIA AZIENDALE

BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE. Indirizzo: ECONOMICO AZIENDALE - Progetto BROCCA. Tema di: ECONOMIA AZIENDALE BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE Indirizzo: ECONOMICO AZIENDALE - Progetto BROCCA Anno 1999 CORSO SPERIMENTALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE La riduzione dei tassi di interesse e l avanzamento

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it Con il contributo di IL BILANCIO DELLA FARMACIA HA DUE DOCUMENTI >LO STATO PATRIMONIALE >IL CONTO ECONOMICO

Dettagli

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015 RISULTATI CONSOLIDATI Ricavi a 60,5 milioni (69,3 milioni nel 2014) EBITDA 1 a 2,9 milioni (0,4 milioni nel 2014) EBIT 2

Dettagli