EDISU REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E DI CONTABILITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EDISU REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E DI CONTABILITA"

Transcript

1 EDISU REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E DI CONTABILITA

2 INDICE TITOLO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità Art. 2 Impostazione ed organizzazione Art. 3 Principi generali Art. 4 Strutture organizzative di gestione Art. 5 Indirizzo politico-amministrativo e gestione delle risorse Art. 6 La relazione programmatica TITOLO II: BILANCIO DI PREVISIONE, GESTIONE ECONOMICO FINANZIARIA, RENDICONTAZIONE CAPO I Bilancio di Previsione Art. 7 Il Bilancio di Previsione pluriennale Art. 8 Principi informatori per la formazione e la gestione del bilancio di previsione annuale Art. 9 Il Bilancio di Previsione annuale Art. 10 Formazione del preventivo finanziario annuale Art. 11 Esercizio provvisorio Art. 12 Classificazione delle entrate e delle uscite del preventivo finanziario Art. 13 Partite di giro e contabilità speciali Art. 14 Quadro riassuntivo Art. 15 Avanzo o Disavanzo di amministrazione Art. 16 Fondo di riserva Art. 17 Fondo speciale per i rinnovi contrattuali in corso Art. 18 La relazione del Collegio dei revisori dei conti Art. 19 Assestamento e variazioni di bilancio CAPO II Gestione Economico-Finanziaria Art. 20 Assegnazione delle risorse Art. 21 Assunzioni di mutui ed anticipazioni di cassa CAPO III La Gestione Finanziaria delle Entrate Art. 22 Fasi dell entrata ed accertamento delle entrate Art. 23 Riscossione delle entrate Art. 24 Reversali di incasso Art. 25 Versamento delle entrate Art. 26 Anticipazioni di cassa su finanziamenti esterni Art. 27 Vigilanza sulla gestione delle entrate 2

3 CAPO IV La Gestione finanziaria delle Spese Art. 28 Fasi della spesa ed assunzioni di impegni Art. 29 Prenotazioni di impegno Art. 30 Registrazioni degli impegni di spesa Art. 31 Liquidazione della spesa Art. 32 Ordinazione della spesa Art. 33 Modalità di estinzione dei mandati di pagamento Art. 34 Documentazione dei mandati di pagamento Art. 35 Mandati di pagamento non pagati alla fine dell esercizio CAPO V Servizio di Cassa Art. 36 Affidamento del servizio Art. 37 Gestione del fondo economale Art. 38 Carte di credito CAPO VI Sistema di Scritture Art. 39 Rilevazioni finanziarie Art. 40 Rilevazioni economiche Art. 41 Rilevazioni patrimoniali Art. 42 Sistemi di elaborazione automatica delle informazioni Art. 43 Manuale di amministrazione e contabilità CAPO VII La Rendicontazione Art. 44 Il Rendiconto generale Art. 45 Rendiconto finanziario Art. 46 Situazione amministrativa Art. 47 Situazione patrimoniale Art. 48 La relazione sulla gestione Art. 49 La nota integrativa Art. 50 La relazione del Collegio dei revisori dei conti Art. 51 Riaccertamento dei residui Art. 52 Perenzione dei residui passivi TITOLO III: GESTIONE PATRIMONIALE Art. 53 Patrimonio Art. 54 Inventario dei beni immobili Art. 55 Consegnatari dei beni immobili Art. 56 Classificazione dei beni mobili Art. 57 Inventario dei beni mobili Art. 58 Consegnatari di beni mobili Art. 59 Carico e scarico di beni mobili 3

4 Art. 60 Ricognizione ed adeguamento di valore dei beni inventariati Art. 61 Gestione Automezzi Art. 62 Materiali di consumo Art. 63 Inesigibilità dei crediti TITOLO IV: ATTIVITA DI CONTROLLO E VALUTAZIONE Art. 64 Revisione amministrativo-contabile TITOLO V: NORME FINALI Art. 65 Entrata in vigore Art. 66 Rapporti contrattuali in corso Art. 67 Rinvio alle normative nazionali e comunitarie. 4

5 Art. 1 Finalità TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI 1. Il presente Regolamento disciplina i criteri della gestione finanziaria e contabile, le relative procedure amministrative e le connesse responsabilità, le forme di controllo interno e l amministrazione del patrimonio dell EDiSU di Pavia (d ora in avanti definito Ente) e delle sue strutture organizzative. 2. Il presente Regolamento è adottato in attuazione della legge 09/05/1989, n. 168 e dello Statuto dell Ente e tende a garantire l efficiente, l efficace e l economica amministrazione delle risorse nel rispetto delle finalità istituzionali dell Ente stesso. Art. 2 Impostazione ed organizzazione 1. La gestione dell'ente deve assicurare il perseguimento dei suoi fini istituzionali, la rapidità e l'efficienza della sua azione e la chiara individuazione delle responsabilità. 2. Al fine di favorire la valutazione dell'efficienza, dell'efficacia e dell'economicità, l'ente adotta gli opportuni sistemi di rilevazione degli aspetti finanziari, economici e patrimoniali della gestione sia a livello generale che nelle sue componenti analitiche. 3. Le procedure amministrativo-contabili sono svolte utilizzando gli strumenti resi disponibili dalle tecnologie più avanzate, in modo tale che risultino sempre assicurate la certezza delle informazioni, l'efficacia dei controlli e la rapidità dell'azione. Art. 3 Principi generali 1. Il Regolamento si informa ai seguenti principi generali: a) legalità, certezza, pubblicità, trasparenza, economicità e speditezza degli atti e delle procedure amministrativo-contabili; b) individuazione delle competenze e delle responsabilità degli organi dell amministrazione delle strutture organizzative di gestione; c) decentramento decisionale accompagnato da assunzione di responsabilità; d) annualità, unità, universalità, integrità, pubblicità, veridicità e specificazione dei bilanci; e) divieto di effettuare gestioni fuori bilancio; f) equilibrio tra le entrate e le spese; g) individuazione dei titolari dei centri di costo; 5

6 h) utilizzazione degli stanziamenti finalizzati nel rispetto del vincolo di destinazione; i) obbligo del rispetto della destinazione del patrimonio a finalità istituzionali; j) controllo sull efficienza e sui risultati di gestione. 2. Nelle materie disciplinate dal presente Regolamento, l attività di amministrazione e gestione è conformata alle regole della trasparenza e della imparzialità, secondo i principi sanciti dalla Legge 07/08/90, n. 241 e successive modificazioni ed integrazioni. 3. L Ente conforma la propria gestione ai principi contabili generali della gestione e della contabilità pubblica cui le amministrazioni pubbliche devono uniformare i propri sistemi informativo-contabili ed i documenti di bilancio ed ai connessi aggiornamenti che intervengono in relazione al processo evolutivo delle fonti normative che concorrono a costituirne il presupposto. Art. 4 Strutture organizzative di gestione 1. In attuazione dello Statuto, l'attività amministrativa e contabile dell Ente si realizza mediante l affidamento ai responsabili delle strutture organizzative della gestione dei servizi determinati con delibera del Consiglio d Amministrazione. 2. Il responsabile del servizio finanziario impartisce le istruzioni operative ai preposti dei vari centri di costo. Art. 5 Indirizzo politico-amministrativo e gestione delle risorse 1. Fermo restando quanto previsto da norme legislative nazionali, applicabili all Ente, in materia di separazione tra direzione politica e controllo, da un lato, ed attuazione della programmazione e gestione delle risorse, dall altro, il Consiglio d Amministrazione provvede: a) a definire, almeno annualmente, sulla base delle proposte formulate dalle strutture organizzative di gestione, le linee strategiche delle attività dell Ente; b) ad emanare le direttive generali per lo svolgimento delle attività dell Ente e per la connessa gestione. Art. 6 La relazione programmatica 1. La relazione programmatica, redatta ogni anno dal Consiglio d Amministrazione, ha carattere generale e descrive le linee strategiche dell Ente da intraprendere o sviluppare in un arco temporale coincidente con la durata del mandato. 2. La relazione programmatica descrive sia le finalità istituzionali che quelle 6

7 innovative precisando le risorse umane, strumentali e finanziarie necessarie per realizzarle. Essa, inoltre, motiva le eventuali variazioni rispetto alla relazione programmatica del precedente anno. 3. La relazione programmatica comprende una puntuale descrizione delle fonti di finanziamento necessarie per la realizzazione delle strategie, evidenziandone le opportunità ed i vincoli di acquisizione, ed indica le principali voci di impegni che debbono essere previste nel periodo preso a base della programmazione gestionale. TITOLO II BILANCIO DI PREVISIONE, GESTIONE ECONOMICO FINANZIARIA, RENDICONTAZIONE CAPO I BILANCIO DI PREVISIONE Art. 7 Il bilancio di previsione pluriennale 1. Al fine di descrivere in termini finanziari le indicazioni dei programmi pluriennali di sviluppo dell Ente, l amministrazione può dotarsi di un bilancio triennale a scorrimento, espresso in termini di competenza, che viene allegato al bilancio di previsione annuale e non forma oggetto di approvazione. 2. Il bilancio triennale è aggiornato annualmente in occasione della presentazione del bilancio di previsione annuale, non ha valore autorizzativo e non determina vincoli alla gestione finanziaria. Art. 8 Principi informatori per la formazione e la gestione del bilancio di previsione annuale 1. L esercizio finanziario ha la durata di un anno. Esso inizia il 1 gennaio e termina con il 31 dicembre di ciascun anno. 2. La gestione finanziaria è unica e si svolge sulla base di un unico bilancio annuale di previsione deliberato dal Consiglio d Amministrazione entro il 31 dicembre di ogni anno. 3. Il bilancio mette a confronto gli stanziamenti proposti con quelli dell esercizio precedente. 4. Tutte le entrate e tutte le spese debbono essere iscritte in bilancio nel loro importo 7

8 integrale, senza alcuna riduzione per effetto di correlative spese o entrate. 5. Le spese indicate devono essere contenute, nel loro complessivo ammontare, entro i limiti delle entrate previste in maniera che il bilancio risulti in pareggio. Ai soli fini del conseguimento del pareggio si può tener conto del presunto avanzo di amministrazione di cui al successivo art. 15, con esclusione dei fondi destinati a specifiche finalità. 6. E vietata ogni gestione di fondi al di fuori del bilancio. 7. I mezzi finanziari trasferiti dalla Regione Lombardia sono iscritti in bilancio in misura pari a quelli assegnati per l anno in corso, oppure nel diverso importo se risultante da comunicazioni. Art. 9 Il bilancio di previsione annuale 1. Il bilancio di previsione è predisposto dal Direttore Amministrativo, sulla base degli obiettivi e dei programmi da attuare definiti periodicamente dal Consiglio d Amministrazione ed è presentato al Consiglio d Amministrazione stesso non oltre il 20 dicembre di ciascun anno. 2. Il bilancio di previsione è composto dai seguenti documenti: a) il preventivo finanziario; b) il quadro generale riassuntivo della gestione finanziaria. 3. Costituiscono allegati al bilancio di previsione: a) il bilancio pluriennale, se adottato; b) la relazione programmatica; c) la tabella dimostrativa del presunto risultato di amministrazione; d) la relazione del Collegio dei revisori dei conti. 4. Copia del bilancio di previsione e dei relativi allegati è inviata per gli adempimenti di competenza alla Regione Lombardia ed alla Università degli Studi di Pavia entro 30 giorni dall avvenuta approvazione da parte del Consiglio d Amministrazione. Art. 10 Formazione del preventivo finanziario annuale 1. Il preventivo finanziario viene formulato in termini di competenza. Il preventivo esprime, in termini finanziari, limitatamente per categorie, gli obiettivi ed i programmi da attuare nell ambito degli indirizzi definiti nella relazione programmatica. 2. Il preventivo finanziario è illustrato da una nota preliminare ed integrato da un allegato tecnico in cui sono descritti i programmi, i progetti e le attività da realizzare nell esercizio ed i criteri adottati per la formulazione delle valutazioni 8

9 finanziarie, nonché la consistenza del personale in servizio. 3. Le previsioni delle entrate debbono essere riferite ad entrate certe o ragionevolmente attendibili e specificamente motivate, mentre gli stanziamenti di spesa debbono essere iscritti in bilancio in relazione ai programmi definiti ed alle concrete capacità operative dell Ente nel periodo di riferimento. 4. Il preventivo finanziario gestionale indica per ciascun Capitolo di entrata e di spesa l ammontare delle entrate che si prevede di accertare e delle spese che possono essere impegnate nell esercizio cui esso si riferisce. Art. 11 Esercizio provvisorio 1. Quando l approvazione del bilancio di previsione non intervenga prima dell inizio dell esercizio cui lo stesso si riferisce, il Consiglio d Amministrazione può autorizzare, per non oltre quattro mesi, l esercizio provvisorio, fissandone i limiti di importo nella misura di un dodicesimo degli stanziamenti previsti nell ultimo bilancio di previsione regolarmente approvato ovvero della maggior spesa necessaria ove si tratti di spese obbligatorie e non suscettibili di impegno e pagamento frazionabili in dodicesimi. Art. 12 Classificazione delle entrate e delle uscite del preventivo finanziario 1. Le entrate e le spese del preventivo finanziario sono così classificate: TITOLO I - Correnti; TITOLO II - Capitali; TITOLO III - Partite di giro. Art. 13 Partite di giro e contabilità speciali 1. Le partite di giro comprendono le entrate e le uscite che si fanno per conto di terzi e quelle che comunque non incidono sulle risultanze del bilancio. 2. Tra le partite di giro sono indicate le somme anticipate al cassiere e ai Titolari dei Centri di responsabilità e da questi rimborsate o rendicontate, nonché le altre somme la cui anticipazione sia prevista da disposizioni e regolamenti. 3. Nei casi di assoluta necessità, da motivarsi debitamente, è ammessa l allocazione tra le partite di giro, per il tempo strettamente indispensabile, delle riscossioni avvenute indipendentemente dalla previa effettuazione dell accertamento e della relativa formalizzazione. 4. Le contabilità speciali evidenziano, per risultati complessivi, le operazioni inerenti attività per le quali leggi e regolamenti consentono la contabilità stessa. 9

10 Art. 14 Quadro riassuntivo 1. Il bilancio di previsione comprende un quadro riassuntivo nel quale le entrate e le uscite sono riassunte per Categorie e per Titoli, secondo lo schema definito nel Manuale previsto dal successivo art. 43. Art. 15 Avanzo o disavanzo di amministrazione 1. Nel bilancio di previsione la prima posta, sia dell entrata che della uscita, è preceduta dall indicazione rispettivamente dell avanzo o del disavanzo di amministrazione presunto al 31 dicembre dell esercizio precedente a quello cui il preventivo si riferisce. 2. Al bilancio di previsione è allegata una tabella dimostrativa dell avanzo o disavanzo di amministrazione presunto, redatta secondo lo schema definito nel Manuale di cui al successivo art. 43, nella quale sono indicati i singoli stanziamenti di spesa correlati all utilizzazione dello stesso avanzo di amministrazione presunto. Su detti stanziamenti l Ente non può assumere impegni se non è dimostrata l effettiva consistenza dell avanzo di amministrazione in misura non inferiore agli stessi. 3. Fatto salvo quanto disposto dal comma 7 del successivo articolo 19 relativo all utilizzo delle risorse finanziarie accantonate nell avanzo di amministrazione per specifiche finalità, ai fini dell utilizzo dell avanzo si provvede con apposita delibera del Consiglio d Amministrazione, anche antecedentemente all approvazione del conto consuntivo, man mano che ne sia dimostrata l effettiva consistenza. 4. Del disavanzo di amministrazione presunto, risultante dalla tabella di cui al comma 2, deve tenersi obbligatoriamente conto nella formulazione delle previsioni di esercizio, al fine del suo assorbimento; il Consiglio d Amministrazione, nella deliberazione del bilancio preventivo, deve illustrare i criteri adottati per pervenire all assorbimento dello stesso disavanzo di amministrazione. 5. Il Consiglio d Amministrazione se accerta, in sede consuntiva, un maggiore disavanzo di amministrazione rispetto a quello presunto, delibera i provvedimenti necessari ad eliminare gli effetti dello scostamento. Art. 16 Fondo di riserva 1. E iscritto in apposito Capitolo fra le uscite correnti del bilancio di previsione un fondo di riserva per le spese impreviste e per le maggiori spese che potranno verificarsi durante l esercizio, il cui ammontare non può superare il 5% delle spese correnti complessivamente previste. Su tale Capitolo non possono essere assunti impegni né possono essere emessi mandati di pagamento. 10

11 2. Il fondo di riserva, fatto salvo quanto previsto dall art. 19, comma 3, può essere utilizzato, con provvedimento del Direttore Amministrativo, esclusivamente per aumentare l importo degli stanziamenti dei Capitoli di spesa la cui entità si sia dimostrata insufficiente ovvero per la creazione di stanziamenti di nuovi Capitoli di spesa qualora ciò si renda necessario. Art. 17 Fondo speciale per i rinnovi contrattuali in corso 1. Nel bilancio di previsione è istituito un fondo speciale per i presumibili oneri lordi connessi con i rinnovi del contratto di lavoro del personale dipendente nei limiti delle quantificazioni risultanti dal Documento di programmazione economicofinanziaria. Su tale Capitolo non possono essere assunti impegni né possono essere emessi mandati di pagamento. 2. In caso di mancata sottoscrizione del contratto collettivo di lavoro le somme non impegnate confluiscono nell avanzo di amministrazione e costituiscono fondo vincolato, ai sensi dell art. 28, comma 7, del presente Regolamento. Art. 18 La relazione del Collegio dei revisori dei conti 1. Il bilancio di previsione, almeno 10 giorni prima della delibera del Consiglio d Amministrazione, è sottoposto all attenzione del Collegio dei revisori dei conti che redige apposita relazione. 2. La relazione deve contenere considerazioni e valutazioni sull attendibilità delle entrate previste nei vari Capitoli di bilancio sulla base della documentazione e degli elementi di conoscenza forniti dall Ente nella relazione programmatica, nonché sulla congruità delle spese, tenendo presente l ammontare delle risorse utilizzate negli esercizi precedenti, le variazioni apportate e gli stanziamenti proposti. Art. 19 Assestamento e variazioni di bilancio 1. Il Consiglio d Amministrazione delibera l assestamento di bilancio dopo l approvazione del conto consuntivo dell esercizio precedente a quello in corso. 2. Con l assestamento di bilancio si provvede: a. all aggiornamento dell eventuale avanzo o disavanzo di amministrazione dell esercizio precedente a quello in corso; b. all adeguamento delle previsioni di entrata e di spesa in relazione alla entità dell avanzo o del disavanzo di amministrazione accertato rispetto a quello iscritto; c. ad apportare le altre variazioni opportune alle entrate e alle spese iscritte. 11

12 3. Le variazioni di bilancio sono adottate con deliberazione del Consiglio d Amministrazione. In caso di necessità e di urgenza le variazioni possono essere disposte con decreto motivato del Presidente dell Ente, il quale le sottopone per la ratifica al Consiglio d Amministrazione nella prima adunanza successiva, corredate dal parere del Collegio dei revisori dei conti. 4. Le variazioni per nuove o maggiori spese possono proporsi soltanto se è assicurata la necessaria copertura finanziaria. 5. Le variazioni di bilancio sono presentate al Consiglio d Amministrazione dal Presidente dell Ente, con motivata relazione e corredate dal parere del Collegio dei revisori dei conti. 6. Sono vietati gli storni nella gestione dei residui nonché tra la gestione dei residui e della competenza e viceversa. 7. Le variazioni connesse con l utilizzo delle risorse finanziarie accantonate nell avanzo di amministrazione per specifiche finalità e quelle connesse ad accertamenti di entrate strettamente finalizzate nella loro destinazione e che pervengono nel corso dell esercizio sono disposte dal Direttore Amministrativo con l assegnazione diretta alla corrispondente unità di spesa. 8. Delle variazioni di cui al comma 7 viene data notizia al Consiglio d Amministrazione. CAPO II GESTIONE ECONOMICO-FINANZIARIA Art. 20 Assegnazione delle risorse 1. Le risorse sono assegnate ai titolari dei centri di responsabilità, dopo l approvazione del bilancio preventivo annuale, previa definizione degli obiettivi che l Ente intende perseguire e l indicazione del livello dei servizi, degli interventi, dei programmi e dei progetti finanziati nell ambito del bilancio stesso. 2. La gestione di talune spese a carattere strumentale, comuni a più centri di responsabilità, può essere affidata ad un unica struttura al fine di realizzare economie di scala e di evitare duplicazioni di strutture. Art. 21 Assunzione di mutui ed anticipazioni di cassa 12

13 1. Il Consiglio d Amministrazione, con motivata delibera, da adottare di norma in occasione della approvazione del bilancio di previsione ovvero in sede di variazione del bilancio stesso, può deliberare il ricorso al mercato finanziario per attivare mutui od altre forme di finanziamento da destinare esclusivamente a spese di investimento. 2. Tale delibera deve contenere le indicazioni relative alle caratteristiche dell operazione di mutuo o prestito ed alla spesa di investimento per la quale l indebitamento viene consentito, nonché l incidenza della spesa sull esercizio in corso e su quelli futuri. 3. L onere complessivo delle quote di ammortamento annuo, entro il limite stabilito dalle disposizioni di legge, dovrà garantire il funzionamento ordinario della gestione dell Ente; in proposito la delibera del Consiglio d Amministrazione dovrà contenere una valutazione esplicita. 4. Qualora la giacenza media di cassa consenta l autofinanziamento dell investimento da attuare, il Consiglio d Amministrazione può, definendo i tempi del ripianamento in relazione alla tipologia del singolo intervento, deliberare di finanziare l investimento utilizzando la giacenza medesima. 5. Il Consiglio d Amministrazione, con motivata delibera, da adottare di norma in occasione della approvazione del bilancio di previsione ovvero in sede di variazione del bilancio stesso, può autorizzare, limitatamente all esercizio finanziario di riferimento, il ricorso ad anticipazioni di cassa da parte dell Istituto cassiere nel caso di previste temporanee deficienze di cassa. Le condizioni ed i termini di dette anticipazioni sono regolati dalla convenzione per il servizio di cassa. CAPO III LA GESTIONE FINANZIARIA DELLE ENTRATE Art. 22 Fasi dell entrata ed accertamento delle entrate 1. La gestione delle entrate si attua attraverso le fasi dell accertamento, della riscossione e del versamento. 2. L entrata è accertata quando l Ente appura la ragione del suo credito e la persona debitrice ed è iscritta nei rispettivi Capitoli di bilancio come competenza dell esercizio finanziario per l ammontare del credito che viene a scadenza entro l anno. 3. L accertamento delle entrate avviene sulla base di idonea documentazione e dà 13

14 luogo ad annotazioni da parte del servizio finanziario nelle apposite scritture con imputazione ai pertinenti Capitoli di bilancio. 4. Le entrate accertate e non riscosse entro il termine dell esercizio costituiscono i residui attivi che sono compresi tra le attività del conto patrimoniale. 5. Le operazioni di accertamento delle entrate e le relative registrazioni sono di competenza del Responsabile del servizio finanziario, cui devono essere trasmessi tutti i documenti che comportano accertamento di entrata. Art. 23 Riscossione delle entrate 1. Le entrate sono riscosse dall Istituto o Azienda di credito che gestisce il servizio di cassa mediante reversali di incasso. 2. Le riscossioni possono avvenire anche mediante il servizio di conti correnti postali le cui giacenze devono affluire periodicamente all Istituto di credito di cui al comma precedente. 3. Le somme pervenute direttamente all Ente sono annotate in appositi registri e versate al cassiere entro e non oltre il quindicesimo giorno dal loro arrivo, previa emissione di reversale di incasso. 4. Gli agenti della riscossione formalmente autorizzati, provvedono, previa annotazione cronologica in apposito registro o bollettario, al versamento delle somme riscosse all Istituto cassiere, con le modalità previste per i singoli procedimenti di riscossione e di versamento. 5. E vietato disporre pagamenti di spese con disponibilità esistenti sui conti correnti postali ovvero con le somme pervenute direttamente. 6. Con la delibera di approvazione del conto consuntivo, il Consiglio d Amministrazione può disporre la rinuncia alla riscossione di entrate quando il costo di accertamento, riscossione e versamento per ogni singola entrata risulti eccessivo rispetto alla medesima. Art. 24 Reversali di incasso 1. Le reversali di incasso, numerate in ordine progressivo per ciascun esercizio finanziario, sono firmate dal Presidente, dal Direttore Amministrativo e dal Responsabile del servizio finanziario o dalle persone dagli stessi delegati o che legittimamente li sostituiscono. 2. Le reversali contengono almeno le seguenti indicazioni: 14

15 a) esercizio finanziario; b) Categoria e Capitolo di bilancio; c) Centro di responsabilità; d) nome e cognome o denominazione del debitore; e) causale della riscossione; f) importo in cifre e in lettere; g) data di emissione; h) il codice gestionale relativo al sistema SIOPE ed altre eventuali codifiche indicative per il controllo della gestione. 3. Le reversali che si riferiscono ad entrate dell esercizio in corso sono tenute distinte da quelle relative agli esercizi precedenti da contraddistinguersi con l indicazione "residui". 4. Le reversali sono cronologicamente registrate nell apposito giornale di cassa e nei partitari di entrata prima dell invio al cassiere. 5. Le reversali di incasso non riscosse entro la chiusura dell esercizio vengono restituite dal cassiere all Ente per l annullamento e la riemissione in conto residui. 6. Il cassiere deve accettare, senza pregiudizi per i diritti dell Ente, la riscossione di ogni somma che venga versata in favore dell Ente, anche senza la preventiva emissione della reversale di incasso. In tale ipotesi il cassiere ne dà immediata comunicazione all Ente, richiedendo la regolarizzazione contabile cui lo stesso Ente deve ottemperare entro 15 giorni. Art. 25 Versamento delle entrate 1. Gli incaricati della riscossione interni all Ente, designati con provvedimento formale dell amministrazione, versano al cassiere le somme riscosse nei termini e nei modi fissati dal presente Regolamento. Art. 26 Anticipazioni di cassa su finanziamenti esterni 1. E ammessa l anticipazione dei fondi necessari allo svolgimento di attività a fronte di finanziamenti assegnati all Ente e relativi a contributi, contratti e convenzioni con enti pubblici e privati, sia italiani che stranieri, per i quali siano previste erogazioni posticipate. 2. Il reintegro della somma anticipata avviene all atto della riscossione del finanziamento. 3. Qualora il finanziamento a posteriori venisse a mancare, la somma anticipata sarà recuperata sui fondi a disposizione della struttura organizzativa che l ha utilizzata, con modalità definite dal Consiglio, salva ogni iniziativa per l accertamento di 15

16 responsabilità individuali. Art. 27 Vigilanza sulla gestione delle entrate 1. I Titolari dei Centri di responsabilità dell Ente che hanno la gestione di entrate curano, nei limiti delle rispettive attribuzioni e sotto la loro personale responsabilità, che l accertamento, la riscossione ed il versamento delle entrate siano effettuati prontamente ed integralmente. Se nel corso della gestione si accertano significativi elementi di variazione nella gestione delle entrate rispetto alle previsioni formulate, i suddetti responsabili devono darne immediata comunicazione al Direttore Amministrativo ed al Responsabile del servizio finanziario per l adozione dei necessari provvedimenti di competenza. CAPO IV LA GESTIONE FINANZIARIA DELLE SPESE Art. 28 Fasi della spesa ed assunzioni di impegni 5. La gestione delle spese si attua attraverso le fasi dell impegno, della liquidazione, della ordinazione e del pagamento. 6. Gli impegni di spesa a carico dei singoli Capitoli di bilancio sono assunti dal Consiglio, nel rispetto delle disposizioni relative alle competenze, ai limiti di importo ed alle modalità indicate dal presente Regolamento. 7. Con l approvazione del bilancio di previsione e successive variazioni e senza la necessità di ulteriori atti, costituiscono impegno sui relativi stanziamenti le risorse impiegate per spese a carattere continuativo quali: a) il trattamento economico già attribuito al personale dipendente e per i relativi oneri riflessi; b) le obbligazioni assunte in base a contratti già stipulati o disposizioni di legge in essere; c) le rate di ammortamento dei mutui e dei prestiti, interessi di preammortamento ed ulteriori oneri accessori; d) la fornitura di beni e servizi e per lavori di manutenzione ordinaria necessari per il funzionamento dei servizi dell'ente. 4. Gli impegni di spesa a carattere non continuativo vengono assunti dal Consiglio d'amministrazione, dal Presidente, dal Direttore Amministrativo e dai Responsabili degli uffici nell'ambito delle attribuzioni ad essi demandati dalla Legge nonché dal 16

17 presente Regolamento e nei limiti dei rispettivi stanziamenti di competenza del bilancio, previa verifica da parte del Servizio finanziario dell'esistenza della disponibilità sul relativo capitolo. 5. Formano impegni sugli stanziamenti di competenza dell esercizio le somme dovute dall Ente ai creditori determinati in base alla legge, a contratto o ad altro titolo giuridicamente valido, sempre che il perfezionamento dell obbligazione avvenga entro il termine dell esercizio stesso. 6. Gli impegni non possono in nessun caso superare l ammontare degli stanziamenti dei singoli Capitoli di bilancio. 7. Gli impegni si riferiscono all esercizio finanziario in corso, ad eccezione di quelli relativi a: a. spese in conto capitale ripartite in più esercizi, per le quali l impegno può estendersi a più anni; i pagamenti devono comunque essere contenuti nei limiti dei fondi assegnati per ogni esercizio; b. spese per l estinzione di mutui e prestiti; c. spese correnti per le quali sia indispensabile, allo scopo di assicurare la continuità del servizio, assumere impegni a carico dell esercizio successivo; d. spese per affitti ed altre spese continuative e ricorrenti per le quali l impegno può estendersi a più esercizi quando l Ente ne riconosca la necessità o la convenienza e, comunque, per un periodo non superiore ai nove anni, ivi compresi i rinnovi. 8. Gli stanziamenti riferiti a spese in conto capitale, nonché quelli specificamente finalizzati in forza di legge, di atti contrattuali, convenzionali, nonché di delibere del Consiglio d Amministrazione, che non risultano formalmente impegnati alla chiusura dell esercizio, sono reiscritti in aggiunta agli stanziamenti dei corrispondenti Capitoli nel bilancio dell esercizio successivo. Detti stanziamenti sono evidenziati in calce alla situazione finanziaria presunta ed a quella amministrativa e possono essere utilizzati anche prima dell approvazione del conto consuntivo sulla base di apposito provvedimento di variazione del bilancio adottato dal Presidente dell Ente e da comunicare al Consiglio d Amministrazione. 9. Dopo la chiusura dell esercizio finanziario nessun impegno può essere assunto a carico dell esercizio scaduto. 10. La differenza che risulta tra la somma stanziata nei rispettivi Capitoli di spesa e la somma impegnata costituisce economia di spesa. 11. Le spese impegnate e non pagate entro la chiusura dell esercizio costituiscono residui passivi i quali sono compresi tra le passività del conto patrimoniale. Art. 29 Prenotazioni di impegno 17

18 1. Le strutture organizzative di gestione devono comunicare al Servizio finanziario, prima dell assunzione di qualsiasi impegno formale, gli atti di qualsiasi natura relativi a procedure in via di espletamento, dai quali possano derivare impegni di spesa, indicando l ammontare presunto degli oneri correlativi, nonché l esercizio e il Capitolo di bilancio cui devono essere imputati. 2. Il Servizio finanziario prenota nelle scritture, in sede separata, gli impegni in corso di formazione. 3. Le prenotazioni per le quali entro il termine dell esercizio non sia stata assunta dall Ente la relativa obbligazione di spesa verso i terzi decadono e costituiscono economia di bilancio, concorrendo alla determinazione del risultato di esercizio. Qualora la prenotazione di impegno sia riferita a spese connesse con procedure di scelta del contraente bandite prima della fine dell esercizio e non concluse entro tale termine, il relativo importo confluisce nella parte vincolata dell avanzo di amministrazione, unitamente agli stanziamenti di cui all art. 28, comma 7 e viene utilizzata con la medesima procedura. Art. 30 Registrazione degli impegni di spesa 1. Tutti gli atti comportanti oneri a carico del bilancio devono essere inoltrati, unitamente ai provvedimenti che autorizzano la spesa, al Servizio finanziario dell Ente che provvede alla registrazione degli impegni per la spesa effettivamente assunta, previa verifica della regolarità formale della relativa documentazione e della esatta imputazione al Capitolo di pertinenza nel limite della disponibilità del bilancio di previsione. 2. Il Servizio finanziario non deve dare corso agli atti che comportino spese eccedenti il relativo stanziamento oppure riferibili ai residui anziché alla competenza o viceversa. 3. Gli atti non ammessi alla registrazione di impegno, con le osservazioni del Responsabile del servizio finanziario, sono restituiti alla struttura organizzativa di provenienza. 4. L impegno assunto contestualmente all ordinazione della prestazione è comunicato al terzo contraente, il quale nella fattura è obbligato ad indicare gli estremi della suddetta comunicazione. Art. 31 Liquidazione della spesa 1. La liquidazione della spesa, che consiste nella determinazione dell esatto importo dovuto e nell individuazione del soggetto creditore, è effettuata dal Responsabile 18

19 della struttura organizzativa che ha disposto il relativo impegno. Essa è effettuata, previo accertamento dell esistenza dell impegno, a seguito del riscontro operato sulla regolarità della fornitura o della prestazione e sulla rispondenza della stessa ai requisiti quantitativi e qualitativi ai termini ed alle condizioni pattuite. 2. L atto di liquidazione con tutti i relativi documenti giustificativi ed i riferimenti contabili è trasmesso al Servizio finanziario per i conseguenti adempimenti. Art. 32 Ordinazione della spesa 1. Il pagamento delle spese è ordinato mediante l emissione di mandati di pagamento numerati in ordine progressivo e tratti sull Istituto di credito incaricato del servizio di cassa. 2. I mandati di pagamento sono firmati dal Presidente, dal Direttore Amministrativo e dal Responsabile del servizio finanziario o dalle persone dagli stessi delegate o che legittimamente li sostituiscono. 3. I mandati contengono almeno le seguenti indicazioni: a) esercizio finanziario; b) Categoria e Capitolo del bilancio; c) Centro di responsabilità; d) nome e cognome o denominazione del creditore; e) causale del pagamento; f) importo in cifre e in lettere; g) modalità di estinzione del titolo; h) data di emissione; i) il codice gestionale relativo al sistema SIOPE ed altre eventuali codifiche indicative per il controllo della gestione. 4. Possono essere emessi mandati di pagamento collettivi per i pagamenti da farsi per lo stesso titolo distintamente a favore di diversi creditori, indicati in apposita nota nominativa allegata al mandato stesso. 5. Ogni mandato di pagamento è riferito ad un solo Capitolo di bilancio. 6. I mandati di pagamento che si riferiscono a spese dell esercizio in corso debbono essere distinti da quelli relativi a spese di esercizi precedenti da contraddistinguersi con l indicazione "residui". 7. L Istituto cassiere può provvedere al pagamento di atti di spesa aventi carattere obbligatorio pur mancando la preventiva emissione del mandato limitatamente al pagamento di rate o di spese o cauzioni fissate a scadenza periodica per cui abbia avuto il preventivo incarico. In tale ipotesi il cassiere ne dà immediata 19

20 comunicazione all Ente, richiedendo la regolarizzazione contabile cui lo stesso Ente deve ottemperare entro 15 giorni. Art. 33 Modalità di estinzione dei mandati di pagamento 1. E ammessa qualsiasi modalità di estinzione dei mandati di pagamento mediante tutti i mezzi disponibili sul circuito bancario e postale e senza oneri a carico del bilancio dell Ente, salvo quanto diversamente previsto dalla convenzione con l Istituto cassiere. 2. Gli estremi delle operazioni di pagamento devono essere espressamente annotati sul mandato di pagamento e recare il timbro del cassiere. Art. 34 Documentazione dei mandati di pagamento 1. Ogni mandato di pagamento è corredato, a seconda dei casi, da documenti comprovanti la regolare esecuzione dei lavori, forniture e servizi, dai verbali di collaudo richiesti, dai buoni di carico quando si tratta di beni inventariabili, dalla copia degli atti di impegno o dalla annotazione degli estremi di essi, dalle note di liquidazione e da ogni altro documento che ne giustifichi la spesa. Al mandato estinto è allegata la documentazione della spesa, che deve essere conservata per non meno di cinque anni. Art. 35 Mandati di pagamento non pagati alla fine dell esercizio 1. I mandati di pagamento non pagati entro il termine dell esercizio sono restituiti dal cassiere all Ente per il loro annullamento e per la riemissione in conto residui. 2. I mandati di pagamento individuali e quelli collettivi rimasti interamente o parzialmente inestinti alla data del 31 dicembre possono peraltro essere commutati in assegni circolari o di bonifico non trasferibili all ordine del creditore da spedire, a cura dell Istituto cassiere, all indirizzo dei medesimi, di norma, con spese a loro carico. CAPO V SERVIZI DI CASSA Art. 36 Affidamento del servizio 1. Il servizio di cassa è affidato, in base ad apposita convenzione deliberata dal 20

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO

ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO Docente: Dott. Martino Loddo mloddo@uniss.it Durata: : 8 ore Orario delle lezioni: 2626 febbraio h. 15,00-17,00 17,00 Aula F Scipol 44 marzo h.

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA IL SERVIZIO DI TESORERIA DELLO STATO TITOLO I ORDINAMENTO E FUNZIONI

INDICE PARTE PRIMA IL SERVIZIO DI TESORERIA DELLO STATO TITOLO I ORDINAMENTO E FUNZIONI INDICE Glossario PARTE PRIMA IL SERVIZIO DI TESORERIA DELLO STATO TITOLO I ORDINAMENTO E FUNZIONI Art. 1 - Articolazione del servizio di tesoreria dello Stato 16 Art. 2 - Vigilanza sul servizio di tesoreria

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

COMUNE DI FORIO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI CONTABILITA

COMUNE DI FORIO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI CONTABILITA COMUNE DI FORIO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI CONTABILITA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.82 del 03.04.2013 INDICE CAPO I: FINALITÀ E CONTENUTI Art. 1 Finalità e contenuti del Regolamento

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Interno Osservatorio per la finanza e la contabilità degli enti locali FINALITA E POSTULATI DEI PRINCIPI CONTABILI DEGLI ENTI LOCALI Testo approvato dall Osservatorio il 12 marzo 2008 1

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli