Collaborazioni coordinate e continuative a progetto e Partite IVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Collaborazioni coordinate e continuative a progetto e Partite IVA"

Transcript

1 Progetto Servizi innovativi per l incontro tra domanda e offerta di lavoro 2 PON Governance e Azioni di Sistema - Obiettivo Convergenza (FSE) Collaborazioni coordinate e continuative a progetto e Partite IVA Avv. Francesca Sgarrella Aggiornato al 29 maggio

2 INDICE Le Collaborazioni Coordinate e Continuative a Progetto (Co.Co.Pro.) I. - Definizione e Norme applicabili II. Gli elementi delle Co.Co.Pro. ai sensi degli artt. 61 e ss. del D.Lgs. 276/2003, come integrati e modificati dalla cd. Riforma Fornero II. a) Il costo delle Co.Co.Pro II. b) Il Progetto. Caratteristiche, fattispecie non genuine, contenuto del contratto II. c) Il Compenso II. d) La cessazione del rapporto II. e) Le sanzioni III. Quali tutele per il collaboratore a progetto? Le Partite Iva I. Quadro normativo di riferimento - Disciplina

3 Le Collaborazioni Coordinate e Continuative a Progetto (Co.Co.Pro.) I. - Definizione e Norme applicabili Delle collaborazioni coordinate e continuative (conosciute anche come co.co.co.) non esiste una definizione legislativa. I primi riferimenti normativi sono da individuarsi nell art. 409, comma 1, n. 3, c.p.c., ai sensi del quale sono soggette al rito speciale del lavoro di cui appunto all art. 409 e ss. c.p.c. anche le controversie relative a rapporti di collaborazione che si concretino in una prestazione di opera continuativa e coordinata, prevalentemente personale, anche se non a carattere subordinato. Trattasi quindi di rapporti di lavoro parasubordinato, che si differenziano dal lavoro dipendente di cui all art c.c. (per l assenza del vincolo di subordinazione e di assoggettamento all altrui potere direttivo, gerarchico e disciplinare) e dal lavoro autonomo di cui agli art e ss. c.c. (in cui manca qualsivoglia coordinamento con il committente). Le co.co.co. si caratterizzano quindi: - per l autonomia organizzativa e temporale riservata al Collaboratore, che può discrezionalmente decidere come e con quale scansione temporale prestare la propria attività in funzione del risultato da conseguire; - per la continuità della collaborazione, che non è meramente occasionale ma perdura invece nel tempo e comporta un impegno costante del Collaboratore in favore del Committente; - per il coordinamento che il Collaboratore deve attuare con il Committente e con la struttura organizzativa di esso in funzione del risultato finale; - per la prevalenza del carattere personale dell apporto lavorativo del Collaboratore. Con gli artt. 61 e ss. della Legge Biagi (D.Lgs. 276/2003) le co.co.co. sono state ricondotte per la prima volta, nel tentativo di eliminare o comunque sensibilmente arginare i fenomeni elusivi provocati da un abuso della fattispecie contrattuale (cui si faceva generalmente ricorso anche per regolare rapporti più correttamente da ricondursi al lavoro subordinato) ad un progetto, programma di lavoro o fase di esso. Da tale momento, si parla di collaborazioni coordinate e continuative a progetto (o Co.Co.Pro.), per distinguerle da quelle forme residue di co.co.co. (senza obbligo di riconduzione ad un progetto o programma di lavoro o fase di esso) pure ancora consentite dall Ordinamento 1. Più precisamente, le norme introdotte dalla Legge Biagi prevedevano che: - la co.co.co. dovesse appunto obbligatoriamente essere ricondotta ad un progetto, programma di lavoro o fase di esso, di talché l attività del collaboratore fosse riconducibile ad un risultato finale e non si concretizzasse nella mera messa a disposizione delle energie lavorative; - il contratto, da redigersi in forma scritta ad probationem, dovesse contenere, tra l altro, l indicazione del progetto o programma o fase di lavoro (art. 62, vecchia formulazione); 1 Stante il disposto dell art. 61, commi 1, 2 e 3, del D.Lgs. 276 del

4 - il corrispettivo per il collaboratore fosse proporzionato alla quantità e qualità del lavoro prestato, tenuto conto dei compensi normalmente corrisposti per analoghe prestazioni di lavoro autonomo nel luogo di esecuzione del rapporto (art. 63, vecchia formulazione); - il rapporto potesse estinguersi, oltre che per la scadenza del termine eventualmente fissato ovvero per la anticipata risoluzione del progetto, programma di lavoro o fase di esso, per giusta causa ovvero secondo le diverse causali e modalità, incluso il preavviso, stabilite dalle parti nel contratto (art. 67, vecchia formulazione); - in mancanza del progetto o programma di lavoro o fase di esso, ovvero qualora il rapporto si fosse svolto con le modalità tipiche della subordinazione, vi fosse la conversione in rapporto di lavoro subordinato (art. 69, vecchia formulazione). Nell ottica di contrastare ancor più efficacemente l uso improprio, abusivo e strumentale delle forme di lavoro flessibili che ancora aveva luogo pur dopo l entrata in vigore della Legge Biagi (in particolare, il riferimento al programma di lavoro o fase di esso aveva comunque in qualche modo agevolato l elusione della norma per la mancanza del requisito e della finalità progettuale), la Riforma Fornero (Legge n. 92 del 18 giugno 2012) è intervenuta in maniera sensibile sulle collaborazioni coordinate e continuative a progetto, modificando e integrando gli artt. 61 e ss. del D.Lgs. 276/2003. Sinteticamente, le NOVITA introdotte dalla Riforma Fornero, applicabili solo ai rapporti di collaborazione coordinata e continuativa a progetto instaurati successivamente alla data di entrata in vigore della Riforma (ossia, 18 luglio 2012) consistono: 1) nell aver previsto un incremento proporzionale del carico contributivo legato alle co.co.pro.; 2) nell avere eliminato dall art. 61 ogni riferimento al programma di lavoro o fase di esso, di talché attualmente le co.co.pro. per essere valide, devono essere necessariamente ricondotte ad uno o più progetti specifici determinati dal committente e gestiti autonomamente dal collaboratore e funzionalmente collegati ad un risultato finale; 3) nell avere sancito il diritto del Collaboratore ad un compenso minimo; 4) nell avere sensibilmente limitato le possibilità di recesso del Committente; 5) nell avere, con una norma di cd. interpretazione autentica (art. 1, comma 24, Legge 92/2012) dell art. 69 della Legge Biagi, introdotto una presunzione assoluta di subordinazione per il caso di mancanza formale o sostanziale del progetto. II. Gli elementi delle Co.Co.Pro. ai sensi degli artt. 61 e ss. del D.Lgs. 276/2003, come integrati e modificati dalla cd. Riforma Fornero Analizziamo ora in dettaglio i profili di novità apportati dalla Legge n. 92/2012. II. a) Il costo delle Co.Co.Pro Per effetto dell art. 2, comma 57, della Legge n. 92 del 2012, è previsto un graduale incremento delle aliquote contributive relative alla Co.Co.Pro., al fine di rendere meno appetibili tali forme di lavoro flessibile a quei Committenti interessati esclusivamente, nella scelta della forma contrattuale da adottare, all aspetto del costo del lavoro. 4

5 L incremento incide anche sul Collaboratore (in quanto la contribuzione dovuta per le Co.Co.Pro. si ripartisce per 2/3 in capo al Committente e per 1/3 in capo al Collaboratore), e alla luce anche delle recenti modifiche introdotte dall art. 46 bis, comma 1, lett. g) del D.L. 83/2012 convertito in Legge 134 del 2012, può essere così riepilogato: 2013 : 27% 2014 : 28% 2015 : 30% 2016 : 31% 2017 : 32% 2018 : 33%. II. b) Il Progetto. Caratteristiche, fattispecie non genuine, contenuto del contratto Ai sensi dell art. 61, comma 1, nuova formulazione, le co.co.co. devono essere riconducibili a uno o più progetti specifici determinati dal committente e gestititi autonomamente dal collaboratore. Il progetto deve essere funzionalmente collegato ad un risultato finale e non può consistere in una mera riproposizione dell oggetto sociale del committente, avuto riguardo al coordinamento con l organizzazione del committente e indipendentemente dal tempo impiegato per l esecuzione dell attività lavorativa. Il progetto non può comportare lo svolgimento di compiti meramente esecutivi o ripetitivi, che possono essere individuati dai contratti collettivi stipulati dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. Il Progetto, quindi, deve essere: - determinato dal Committente; - gestito in autonomia dal Collaboratore; - funzionalmente collegato ad un risultato finale 2. Il Progetto, invece, NON deve: - essere la mera riproposizione dell oggetto sociale del Committente, potendo senz altro avere ad oggetto attività rientranti nel normale ciclo produttivo dell impresa, ma dovendo pur sempre distinguersi da essa, costituendo un obiettivo o un tipo di attività che si affianca all attività principale senza confondersi con essa : Circ. Min. Lav. n. 29/2012, cit.; - consistere nello svolgimento di compiti meramente esecutivi o ripetitivi 3. 2 Secondo il Ministero del Lavoro, il risultato finale che si attende dalla attività prestata dal collaboratore costituisce parte integrante del progetto e allo stesso tempo elemento necessario ai fini della sua validità. Il risultato finale va inoltre inteso chiarisce il Ministero del lavoro quale modificazione della realtà materiale che il Collaboratore si impegna a realizzare in un determinato arco temporale : Circ. Min. Lavoro n. 29 del 11 dicembre Devono cioè mancare, affinché il progetto sia genuino, gli elementi della elementarietà e della routinarietà: Circ. Min. Lav. n. 29/2012, cit., e il Collaboratore deve avere autonomia anche operativa nello svolgimento dei compiti assegnati. 5

6 A titolo esemplificativo, con la medesima Circ. n. 29/ 2012, cit., il Ministero del Lavoro ha individuato una serie di fattispecie certamente non genuine di Co.Co.Pro., ossia una serie di lavoratori o attività lavorative che non possono validamente ricondursi alla tipologia delle Co.Co.Pro., mancando sostanzialmente la finalità del raggiungimento del risultato finale. Tra queste, si annoverano: - i baristi e i camerieri; - gli addetti alle pulizie, alla distribuzione di bollette o giornali o elenchi telefonici, alle agenzie ippiche; - le estetiste e i parrucchieri; - gli addetti alla segreteria; - gli addetti ai call center in-bound (ossia quei call centers che si caratterizzano per il fatto di ricevere telefonate). In aggiunta, sono da considerarsi certamente non genuine le Co.Co.Pro. stipulate con commessi o addetti alle vendite o promoters (Circ. Min. Lav. n. 7 del 20 febbraio 2013). Quanto al contratto, esso come già rilevato deve essere redatto ad probationem (ossia ai fini della prova) in forma scritta, e deve contenere: - la durata (determinata o determinabile) del rapporto; - la descrizione (e dunque non più solo la mera indicazione, come era previsto dalla vecchia formulazione dell art. 61) del progetto, con il relativo contenuto caratterizzante; - l indicazione del corrispettivo spettante al Collaboratore ed i relativi criteri di determinazione; - le forme di coordinamento, anche temporale, con il Committente; - le eventuali misure per la sicurezza del Collaboratore 4. Si è accennato all inizio della presente trattazione che residuano talune tipologie di collaborazioni che pur pacificamente di natura coordinata e continuativa con apporto prevalentemente personale del lavoratore sono esenti dall obbligo di riconduzione a uno o più progetti specifici determinati dal Committente. Alla regola della necessaria e obbligatoria riconducibilità ad un progetto fanno infatti eccezione, ai sensi dell art. 61, commi 1, 2 e 3: - gli agenti e i rappresentanti di commercio; - le co.co.co. cd. occasionali (intendendosi per tali quelle che hanno una durata non superiore a 30 giorni ovvero 240 ore nel caso di servizi di cura e assistenza alle persone - nell anno solare e per le quali il Collaboratore percepisce un compenso non superiore a euro lordi nel medesimo anno solare); - le collaborazioni con professionisti aventi obbligo di iscrizione ai rispettivi albi professionali 5 ; 4 Ai sensi dell art. 66, comma 4, al Collaboratore si applicano infatti le norme sulla sicurezza e igiene del lavoro si cui al T.U. 81/2008 allorquando la prestazione di lavoro debba essere svolta nei luoghi di lavoro del Committente. 5 Con norma sempre di interpretazione autentica la Riforma Fornero (art. 1, comma 27) ha specificato che l esclusione riguarda solo quelle collaborazioni coordinate e continuative il cui contenuto concreto sia riconducibile alle attività professionali intellettuali per le quali è necessaria l iscrizione in apposti albi professionali. In caso contrario, l iscrizione del Collaboratore ad albi professionali non è circostanza idonea di per sé a determinare l esenzione dall obbligo di riconduzione ad un progetto ex art. 61, comma 1, Legge Biagi. 6

7 - collaborazioni in favore di associazioni e società sportive a fini dilettantisitici affiliate alle federazioni sportive nazionali; - i rapporti con gli amministratori di società e i membri degli organi di controllo; - le collaborazioni con coloro che percepiscono il trattamento della pensione di vecchiaia; - le collaborazioni nell ambito attività di vendita diretta di beni e servizi realizzate attraverso call centers outbound (intendendosi per tali quelli ove i collaboratori effettuano le chiamate verso l esterno: Circ. Min. Lav. n. 17 del 14 giugno 2006). L eccezione prevista per le attività di vendita diretta di beni e servizi attraverso call centers out-bound merita un approfondimento. Innanzitutto, si tratta di una eccezione che non era prevista dall originario testo dell art. 61 Legge Biagi, e che non era stata inserita nemmeno dalla Riforma Fornero. L esclusione delle collaborazioni rese nell ambito delle attività di vendita diretta di beni e servizi attraverso call centers out-bound dall obbligo di riconducibilità a un progetto e dalla applicazione delle norme in tema di Co.Co.Pro. trova invero la sua genesi nell art. 24 bis del D.L. 83/2012, convertito in Legge n. 134/2012. All indomani dell entrata in vigore della Legge n. 92/2012 fu subito chiaro che i più stringenti limiti e vincoli imposti dalla nuova normativa in materia di lavoro a progetto avrebbero di fatto reso impossibile per le società di gestione di call centers continuare a contrattualizzare la propria forza lavoro per il tramite di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, così ragionevolmente determinando la perdita di posti, pur flessibili, di lavoro. In realtà, il problema era stato affrontato già prima della entrata in vigore della Riforma Fornero, vigente dunque la vecchia disciplina introdotta dalla Legge Biagi. Infatti, con Circ. n. 17/2006, cit. che costituisce ancora il punto di riferimento per la individuazione dei call centers out-bound e quindi per la differenziazione di questi dai call centers in-bound il Ministero del Lavoro aveva già sancito la legittimità del ricorso alle Co.Co.Pro. in quei call centers (out-bound, appunto) nei quali il Collaboratore fosse attivo nel contattare i clienti e potesse autodeterminare la quantità della prestazione da eseguire e la relativa collocazione temporale, ferma restando la possibilità che il coordinamento con il Committente si realizzasse per il tramite della previsione concordata di fasce orarie in cui eseguire l attività, della presenza in sala di un assistente tecnico deputato a risolvere eventuali problematiche di natura, appunto, tecnica, ovvero per il tramite dell utilizzo da parte del Collaboratore del sistema operativo e degli strumenti del Committente. Ebbene, per effetto delle integrazioni introdotte dalla Legge n. 134 del 2012 all art. 61 del D.Lgs. 276 del 2003, tali tipi di collaborazioni sono ora espressamente esentate dall obbligo di riconducibilità ad un progetto, a condizione, tuttavia, che il contratto preveda la corresponsione al Collaboratore di un corrispettivo definito dal CCNL di riferimento (art. 61, comma 1) 6. Per il resto, si applicano le altre norme dettate in materia dalla Legge Biagi (con esclusione, ovviamente, della presunzione assoluta di subordinazione di cui all art. 69, comma 1, in quanto in tal caso la mancanza del progetto è autorizzata ex lege). 6 Secondo Circ. Min. Lav. n. 14/2013, cit., la previsione di tale corrispettivo ha funzione autorizzatoria, che ne legittima l eccezione. In mancanza di tale compenso, la co.co.co. è illegittima. 7

8 II. c) Il Compenso Un altra delle novità introdotte dalla Riforma Fornero riguarda i criteri di determinazione del compenso del Collaboratore. Prima dell entrata in vigore della Legge n. 92 del 2012, il compenso doveva essere proporzionato alla quantità e qualità del lavoro prestato, tenuto conto dei compensi normalmente corrisposti per analoghe prestazioni di lavoro autonomo nel luogo di esecuzione del rapporto. Adesso, invece, l art. 63 stabilisce che il corrispettivo, oltre che proporzionato alla quantità e qualità del lavoro prestato, deve essere NON inferiore ai minimi stabiliti in modo specifico per ciascun settore di attività, eventualmente articolati per i relativi profili professionali tipici e in ogni caso sulla base dei minimi salariali applicati nel settore medesimo alle mansioni equiparabili svolte dai lavoratori subordinati, dai contratti collettivi sottoscritti dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale a livello interconfederale o di categoria ovvero, su loro delega, a livello decentrato. In assenza di contrattazione collettiva specifica, il compenso non può essere inferiore, a parità di estensione temporale dell attività oggetto della prestazione, alle retribuzioni minime previste dai contratti collettivi nazionali di categoria applicati nel settore di riferimento alle figure professionali il cui profilo di competenza e di esperienza sia analogo a quello del collaboratore a progetto. Viene quindi introdotto l obbligo di un corrispettivo minimo 7 in favore del Collaboratore, la cui determinazione è ancorata alla contrattazione collettiva specifica di settore o, in mancanza, è da effettuarsi sulla base dei minimi retributivi previsti dalla contrattazione collettiva nazionale di categoria nel settore di riferimento dunque, per i lavoratori subordinati tenuto conto dei profili analoghi per competenze ed esperienza. II. d) La cessazione del rapporto Rilevanti sono le nuove norme anche sotto il profilo delle cause di cessazione delle Co.co.Pro. Se prima, infatti, una collaborazione a progetto poteva cessare, oltre che per la naturale scadenza del termine o per la anticipata realizzazione del progetto o programma di lavoro o fase di esso, ovvero ancora per giusta causa e per le altre causali, incluso il preavviso, stabilite dalle parti nel contratto, adesso le Co.Co.Pro. possono cessare solo: - per scadenza del termine iniziale o prorogato d accordo tra le parti 8 ; - per la anticipata realizzazione del progetto; - per recesso per giusta causa (da parte sia del Committente che del Collaboratore); 7 Il Ministero del Lavoro, con la nota Circ. 29/2012, cit., ha chiarito che il riferimento ai minimi salariali di cui all art. 63 è da intendersi come effettuato alle retribuzioni minime, ossia ai minimi tabellari stabiliti dai CCNL di categoria, con esclusione di tutte le eventuali altre voci retributive previste dai detti CCNL. 8 La legge infatti non pone limiti alla possibilità per le parti di prorogare, una o più volte, il contratto a progetto, ovvero di stipulare più contratti a progetto anche in successione tra loro. L unico limite è dato dalla esistenza in concreto del progetto e delle circostanze che determinano la necessità di proroga. 8

9 - per recesso determinato da oggettivi profili di inidoneità del Collaboratore che rendono impossibile la realizzazione del progetto; - per recesso con preavviso, ove previsto in contratto, da parte del solo Collaboratore. E stata quindi sensibilmente limitata la possibilità di recesso del Committente, che ora, salvi i casi di giusta causa, ossia di fatti che ledono gravemente e irrimediabilmente il vincolo fiduciario e non consentono la prosecuzione nemmeno temporanea del rapporto, non può più riservarsi in contratto la possibilità di recedere dando semplicemente il preavviso ciò che ora è consentito al solo Collaboratore ma potrà sciogliere anzi tempo il vincolo contrattuale solo qualora emergano oggettivi profili di inidoneità del Collaboratore che rendono impossibile la realizzazione del progetto. Tali restrizioni poste a carico della posizione del Committente è da credere che influiscano negativamente anche sulla concreta possibilità di anticipato recesso da parte del Collaboratore, essendo ragionevole ritenere che il Committente sarà restio a concedere tale facoltà al Collaboratore in assenza di una analoga in suo favore. II. e) Le sanzioni Rispetto alle sanzioni già previste dalla Legge Biagi nella sua originaria formulazione, la Riforma Fornero non ne ha introdotte di nuove. Tuttavia, con l art. 1, co. 24, la Legge n. 92 del 2012 ha fornito una interpretazione autentica cui dunque la Magistratura deve attenersi allorquando venga chiamata a giudicare di contratti a progetto asseritamente illegittimi del comma 1 dell art. 69, che testualmente recita: I rapporti di collaborazione coordinata e continuativa instaurati senza l individuazione di uno specifico progetto ai sensi dell art. 61, comma 1, sono considerati rapporti di lavoro subordinato a tempo indeterminato sin dalla data di costituzione del rapporto. Sciogliendo un acceso dibattito giurisprudenziale tra coloro che ritenevano che la presunzione di cui all art. 69, comma 1, fosse di natura relativa e ammettesse, quindi, la prova contraria da parte del Committente, e coloro che invece valutavano la stessa come assoluta e quindi iuris et de iure, la Riforma Fornero ha stabilito che la mancanza del progetto 9 determina iuris et de iure la conversione in rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato. Il rapporto è da considerarsi altresì quale lavoro subordinato qualora si accerti che esso si è svolto con modalità analoghe a quelle degli altri dipendenti del Committente (art. 69, comma 2, secondo periodo): in tal caso, tuttavia, il Committente è ammesso a fornire eventualmente la prova contraria, la prova, cioè, di un rapporto genuinamente di natura parasubordinata. E da dirsi inoltre che tale presunzione (in questo caso relativa) di subordinazione non è operante giusta il disposto del medesimo art. 69, comma 2 - quando la collaborazione abbia ad oggetto prestazioni di elevata professionalità che possono essere individuate dalla contrattazione collettiva La mancanza del progetto è da intendersi sia in senso formale che in senso sostanziale, ogni qualvolta cioè il progetto sia carente dei requisiti indicati per legge: Circ. Min. Lav. n. 29/2012, cit. 10 L intervento delle parti sociali nelle individuazione di tali prestazioni di elevata professionalità non condiziona, peraltro, la già piena operatività della presunzione e della causa di esenzione dalla stessa: così la Circ. Min. Lav. n. 29/2012, cit. 9

10 Infine, occorre ricordare che qualora la Co.Co.Pro. cessi per recesso del Committente e questo sia ritenuto illegittimo, il Collaboratore ha l onere, stante il disposto dell art. 32, comma 3, lett. b), della Legge n. 183 del 2010 (cd. Collegato Lavoro), di impugnare con qualsiasi atto scritto, anche stragiudiziale, il recesso entro 60 giorni dalla data del recesso stesso a pena di decadenza dalla impugnativa - nonché, nei successivi 180 giorni, di depositare il relativo ricorso giudiziale ovvero di fare istanza per l attivazione del tentativo di conciliazione (a pena, in questo caso, di sopravvenuta inefficacia della impugnativa già effettuata). Qualora si opti per la richiesta di tentativo di conciliazione, il ricorso giudiziale deve essere depositato entro i 60 giorni successivi al rifiuto della conciliazione da parte del Committente ovvero alla data del verbale di mancato accordo. III. Quali tutele per il collaboratore a progetto? Ai sensi dell art. 66, la gravidanza, la malattia o l infortunio non estinguono il rapporto, che rimane sospeso senza diritto alla erogazione del corrispettivo. In caso di malattia o infortunio, il rapporto rimane sospeso per la durata dell evento, senza che peraltro il termine finale subisca alcuna proroga (salvo, ovviamente, eventuale diverso accordo tra le parti) Qualora l evento di malattia o infortunio abbia una durata superiore a 1/6 della durata del contratto (ovvero a 30 giorni nel caso di rapporti con durata indeterminata), il Committente ha facoltà di recedere dal contratto. In caso di gravidanza, la durata del contratto viene invece prorogata ex lege per un periodo di 180 giorni, salva diversa disposizione più favorevole del contratto individuale di lavoro. Le Partite Iva I. Quadro normativo di riferimento - Disciplina 69 bis. La legge n. 92 del 2012 ha inserito ex novo nel corpo del titolo VII, Capo I, del D.Lgs. 276/2003, l art. Anche in questo caso, la ratio dell intervento legislativo è da rinvenirsi nella volontà di evitare o comunque sensibilmente ridurre quei fenomeni di utilizzo improprio dei rapporti di lavoro (solo formalmente) autonomo mediante, nella specie, l introduzione di una presunzione relativa di parasubordinazione per quei rapporti di lavoro instaurati con soggetti titolari di partita IVA, successivi al , che presentino almeno 2 dei seguenti requisiti: - la collaborazione di svolge con il medesimo Committente per una durata complessiva superiore a 8 mesi/anno per due anni consecutivi; 11 Per rapporti in corso a tale data, le nuove disposizioni di applicano con decorrenza : art. 69 bis, comma 4. 10

11 - il Collaboratore ha una postazione fissa presso una delle sedi del Committente; - il corrispettivo della collaborazione, anche se fatturato a soggetti diversi ma facenti capo ad un unico centro di imputazione di interessi, supera l 80% dei corrispettivi annui percepiti dal Collaboratore in due anni solari consecutivi 12. La presunzione di parasubordinazione, tuttavia, NON opera se, alternativamente: - la prestazione del Collaboratore è connotata da competenze teoriche elevate acquisite con significativi percorsi formativi o da capacità tecnico-pratiche acquisite con rilevanti esperienze maturate in pregresse attività; - la prestazione è svolta da un soggetto che è titolare di un reddito annuo da lavoro autonomo non inferiore a 1,25 volte il livello minimo imponibile ai fini del versamento dei contributi previdenziali di cui all art. 1, comma 3, della legge 2 agosto 1990, n. 233 (attualmente, euro ,00); - la prestazione è svolta nell esercizio di attività professionali per cui è necessaria l iscrizione ad albi, registri, albi, ruoli o elenchi qualificati. Per concludere, merita richiamare l attenzione su quanto segue. Se è vero che la presunzione, in presenza di almeno due dei requisiti sopra elencati e salve le ipotesi alternative di inoperatività pure poc anzi esaminate, è di mera parasubordinazione, è altresì vero che ai sensi dell art. 61 e ss. della Legge Biagi le collaborazioni coordinate e continuative devono essere obbligatoriamente ricondotte ad un progetto. Pertanto, operando la presunzione relativa di parasubordinazione e qualora il Committente non riesca a fornire la prova contraria della genuinità del rapporto di lavoro autonomo a partita IVA, la conseguenza è, in assenza di specifico progetto, la presunzione assoluta di subordinazione del rapporto per assenza di progetto, ex art. 69, comma 1, D.Lgs. 276 del 2003 (così il Ministero del Lavoro con Circ. n. 32/2012, cit.). 12 Per chiarimenti circa le modalità di computo degli anni solari/civili e, comunque più in generale, in materia di Partite IVA, cfr. Circ. Min. Lav. n. 32 del 27 dicembre

Dalla dicotomia Lavoro Autonomo Lavoro Subordinato alla nascita del Tertium Genus, la parasubordinazione

Dalla dicotomia Lavoro Autonomo Lavoro Subordinato alla nascita del Tertium Genus, la parasubordinazione IL CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA NELLA MODALITA A PROGETTO DOPO LA LEGGE 28/06/2012 N 92; ASPETTI OPERATIVI ALLA LUCE DELLA CIRC. N 29/2012 a cura del Dr. Enrico Gallo funzionario

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10 Roma, 8 gennaio 2004 Alle Direzioni Regionali del Lavoro - LORO SEDI Alle

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Il tramonto delle collaborazioni a programma ma anche di quelle a progetto?

Il tramonto delle collaborazioni a programma ma anche di quelle a progetto? Il tramonto delle collaborazioni a programma ma anche di quelle a progetto? di Gabriele Bubola, Flavia Pasquini Gli interventi sulle collaborazioni coordinate e continuative a progetto e a programma proposti

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

Il lavoro autonomo dopo la riforma del Governo Monti 1. Marco Marazza

Il lavoro autonomo dopo la riforma del Governo Monti 1. Marco Marazza Il lavoro autonomo dopo la riforma del Governo Monti 1 Marco Marazza 1. Premessa. 2. La riforma del lavoro autonomo, tra fattispecie ed effetti (previdenziali e non). - 3. I due principali nodi critici

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero

Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero Premessa La presente Guida pratica ai contratti di lavoro si pone l obiettivo di fornire, in modo agile e sintetico, una panoramica delle diverse

Dettagli

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Luciana Pomara Giuseppe Scibetta Onorina Zilioli Alessia Carla Vinci Roberto Scibetta Stefania Zilioli Rosaria Marano Sabrina Iannuzzi Your

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Associazione in partecipazione

Associazione in partecipazione Guida_2_2013_Guida_2_2013.qxd 25/03/2014 11:17 Pagina I Associazione in partecipazione a cura di Patrizia Clementi Elisabetta Mapelli 2/2013 Guida_2_2013_Guida_2_2013.qxd 25/03/2014 11:17 Pagina II Guida_2_2013_Guida_2_2013.qxd

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione generale per l'attività Ispettiva Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Roma, 14 Giugno 2006 Circolare n. 17/2006 Prot. N.

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

APPENDICE DI AGGIORNAMENTO DIRITTO DEL LAVORO EDIZIONE 2011 AGGIORNATA A FEBBRAIO 2013. Con la collaborazione di Paola Bozzao e Lucia Valente

APPENDICE DI AGGIORNAMENTO DIRITTO DEL LAVORO EDIZIONE 2011 AGGIORNATA A FEBBRAIO 2013. Con la collaborazione di Paola Bozzao e Lucia Valente APPENDICE DI AGGIORNAMENTO Edoardo Ghera DIRITTO DEL LAVORO EDIZIONE 2011 AGGIORNATA A FEBBRAIO 2013 Con la collaborazione di Paola Bozzao e Lucia Valente CACUCCI EDITORE 2013 proprietà letteraria riservata

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Lo scudo della certificazione sui contratti a progetto

Lo scudo della certificazione sui contratti a progetto Le pagine del professionista Lo scudo della certificazione sui contratti a progetto a cura di Vitantonio Lippolis Funzionario della DPL di Modena e membro del gruppo nazionale del MLPS che si occupa di

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse)

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse) ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI ART. 1 (Risorse) 1) Al finanziamento del Fondo costituito ai sensi dell'art. 14 del DPR 16

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Il nostro ordinamento prevedeva originariamente il divieto di interposizione

Il nostro ordinamento prevedeva originariamente il divieto di interposizione La somministrazione di lavoro. Appalto di servizi e distacco 57 Capitolo Sesto La somministrazione di lavoro. Appalto di servizi e distacco Il nostro ordinamento prevedeva originariamente il divieto di

Dettagli

computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate

computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate MERCATO DEL LAVORO: ADEMPIMENTI E INCENTIVI ALL occupazione 9 computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate a cura di Alberto Bosco e Cristian Valsiglio IN COLLABORAZIONE CON LA RIFORMA DEL LAVORO

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli