3. Caratterizzazione delle sorgenti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3. Caratterizzazione delle sorgenti"

Transcript

1 pag Caratterizzazione delle sorgenti 3.1. Caratterizzazione sorgenti connesse al ciclo di trattamento e smaltimento RU Termovalorizzatore Per quanto riguarda il processo di termovalorizzazione dei rifiuti nella presente fase di studio si è analizzata la soluzione di localizzare tale impianto presso il sito individuato dal Piano Provinciale dei rifiuti approvato, a cui faceva riferimento anche la fase preliminare di screening della Valutazione di Impatto Sanitario (VIS). Secondo le specifiche dei flussi definite nel Piano Provinciale di gestione dei rifiuti, l impianto, localizzato presso Osmannoro (in località denominata Osmannoro 2000), provvederà al trattamento termico delle seguenti frazioni: rifiuti indifferenziati provenienti dalle aree di raccolta della piana fiorentina (facenti parte del bacino di utenza servito dalla società di gestione Quadrifoglio) a valle di una preliminare selezione avente come scopo l allontanamento di parte delle frazioni di rifiuti organici presenti; fanghi di risulta dei trattamenti di depurazione delle acque reflue civili (trattate presso l impianto di San Colombano) convogliati presso l area tecnologica di Case Passerini per la fase di centrifugazione. Volendo identificare delle ipotesi di possibili scenari di impatto in atmosfera connessi con la conduzione di un impianto di trattamento termico di rifiuti, avente le specifiche di massima indicate dal Piano Provinciale, si è fatto riferimento alla ipotesi tecnologiche di sistema di trattamento predisposte dalla società Quadrifoglio che sono basate sull analisi comparativa tra una serie di possibili scenari: - trattamento termico dei rifiuti in forno di combustione adiabatico (assenza di sezioni di scambio termico all interno della zona di combustione); - trattamento termico dei rifiuti in forno di combustione non adiabatico, ovvero corrispondente a soluzioni tecnologiche che prevedono la presenza di sezioni di scambio termico all interno della zona di combustione; - trattamento termico dei rifiuti mediante comburenti arricchiti di ossigeno; - trattamento termico dei fanghi tal quali, ovvero allo stato di umidità con la quale si trovano al termine delle fasi di disidratazione; - trattamento termico dei fanghi essiccati, ovvero dopo una apposita fase di trattamento fisico che ne preveda la essiccazione spinta, per ridurne drasticamente il contenuto di umidità, prima dell inserimento al termovalorizzatore. Per quanto attiene ai sistemi di trattamento dei fumi di combustione, anche in questo caso l ipotesi tecnologica presa in esame, sulla base delle indicazioni di definizione progettuale preliminare predisposta da Quadrifoglio, non fa riferimento ad una specifica linea di trattamento, ma indica le condizioni di emissione al camino che è possibile ottenere con diverse soluzioni di linee di trattamento applicate ad altre realtà impiantistiche similari, per tipologia di rifiuto trattato e per carico nominale medio di trattamento.

2 Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 32 Le condizioni di marcia dell impianto di termovalorizzazione riportate di seguito, riferite allo scenario di flusso di rifiuti previsti dal Piano Provinciale, sono relative ad elaborazioni termodinamiche predisposte sempre da parte dei comuni interessati, e quindi fatte pervenire dall ATO n 6, per le diverse ipotesi di trattamento indicate precedentemente e, quindi, non si riferiscono ad alcune specifica soluzione tecnologica, tra quelle presenti sul mercato. Le elaborazioni predisposte permettono altresì di definire una serie di ipotesi progettuali specificatamente per quanto riguarda la produzione di fumi di combustione e l impatto ambientale connesso con tali emissioni. La scelta fatta in una prima fase di analisi progettuale svolta dai comuni interessati da parte dell ATO n 6 è stata quella di fornire un quadro delle possibili soluzioni progettuali applicabili, senza identificarne una in modo particolare, fornendo al tempo stesso delle prime elaborazioni valide per la stima degli impatti ambientali. Sulla base di queste indicazioni è stato possibile determinare un modello di impianto per quanto riguarda le problematiche di inserimento e di impatto ambientale e quindi per una valutazione delle possibili ricadute dal punto di vista sanitario determinati dall implementazione e dalla messa in funzione di un impianto di termovalorizzazione nell area presa in esame. L ipotesi progettuale preso in esame considera, tra le diverse possibilità di configurazione di processo, sei diversi scenari come indicato di seguito: - caso 1: combustione di fanghi allo stato di umidità posseduto dopo semplice disidratazione (30% ss), reattore di combustione adiabatico e impiego di aria come comburente - caso 2: combustione di fanghi allo stato di umidità posseduto dopo semplice disidratazione (30% ss), reattore di combustione dotato di scambiatore di calore (sistema a caldaia integrata) e impiego di aria come comburente - caso 3: combustione di fanghi allo stato di umidità posseduto dopo semplice disidratazione (30% ss), reattore di combustione dotato di scambiatore di calore (sistema a caldaia integrata) e impiego di aria arricchita in ossigeno come comburente - caso 4: combustione di fanghi dopo essiccazione termica, reattore di combustione adiabatico e impiego di aria come comburente - caso 5: combustione di fanghi dopo essiccazione termica, reattore di combustione dotato di scambiatore di calore (sistema a caldaia integrata) e impiego di aria come comburente - caso 6: combustione di fanghi dopo essiccazione termica, reattore di combustione dotato di scambiatore di calore (sistema a caldaia integrata) e impiego di aria arricchita in ossigeno come comburente Di seguito sono riportati i risultati delle elaborazioni termodinamiche predisposte.

3 Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 33 CASO 1 Fanghi non essiccati (al 30% di s.s.) Combustione in reattore adiabatico Comburente aria ambiente Portata di combustione totale [t/h] 19.2 [t/a] 153,760 Portata totale di rifiuto [t/h] 14.2 [t/a] 113,760 Portata totale di fanghi [t/h] 5.0 [t/a] 40,000 ore di funzionamento [h/a] 8,000 Potere Calorifico Inferiore medio [kcal/kg] 2,319 Carico Termico medio di combustione [kw] 51,834 Umidità media [%] 37.2 bottom ash + ceneri caldaia prodotte [kg/h] 2,606 fly ash prodotte [kg/h] 261 Aria comburente totale [kg/h] 134,532 Portata fumi totali [kg/h] 150,499 Portata fumi totali [Nm3/h] 119,139 Temperatura fumi alla CPC [ C] 950 Densità fumi [kg/nm3] Componenti principali fumi CO2 [%] 7.60% H2O [%] 13.53% O2 [%] 9.08% N2 [%] 69.30% Tabella 3.1 Combustione di fanghi allo stato di umidità posseduto dopo semplice disidratazione (30% ss), reattore di combustione adiabatico e impiego di aria come comburente CASO 2 Fanghi non essiccati (al 30% di s.s.) Combustione in caldaia integrata Comburente aria ambiente Portata di combustione totale [t/h] 19.2 [t/a] 153,760 Portata totale di rifiuto [t/h] 14.2 [t/a] 113,760 Portata totale di fanghi [t/h] 5.0 [t/a] 40,000 ore di funzionamento [h/a] 8,000 Potere Calorifico Inferiore medio [kcal/kg] 2,319 Carico Termico medio di combustione [kw] 51,834 Umidità media [%] 37.2 bottom ash + ceneri caldaia prodotte [kg/h] 2,606 fly ash prodotte [kg/h] 261 Aria comburente totale [kg/h] 121,793 Portata fumi totali [kg/h] 137,760 Portata fumi totali [Nm3/h] 109,242 Temperatura fumi alla CPC [ C] 950 Densità fumi [kg/nm3] Componenti principali fumi CO2 [%] 8.29% H2O [%] 14.76% O2 [%] 8.00% N2 [%] 68.42% Tabella 3.2 Combustione di fanghi allo stato di umidità posseduto dopo semplice disidratazione (30% ss), reattore di combustione dotato di scambiatore di calore (sistema a caldaia integrata) e impiego di aria come comburente

4 Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 34 CASO 3 Fanghi non essiccati (al 30% di s.s.) Combustione in caldaia integrata Comburente "enriched oxigen" Portata di combustione totale [t/h] 19.2 [t/a] 153,760 Portata totale di rifiuto [t/h] 14.2 [t/a] 113,760 Portata totale di fanghi [t/h] 5.0 [t/a] 40,000 ore di funzionamento [h/a] 8,000 Potere Calorifico Inferiore medio [kcal/kg] 2,319 Carico Termico medio di combustione [kw] 51,834 Umidità media [%] 37.2 bottom ash + ceneri caldaia prodotte [kg/h] 2,606 fly ash prodotte [kg/h] 261 Aria comburente totale [kg/h] 110,399 Portata fumi totali [kg/h] 126,366 Portata fumi totali [Nm3/h] 100,229 Temperatura fumi alla CPC [ C] 950 Densità fumi [kg/nm3] Componenti principali fumi CO2 [%] 9.03% H2O [%] 16.09% O2 [%] 8.00% N2 [%] 66.30% Tabella 3.3 Combustione di fanghi allo stato di umidità posseduto dopo semplice disidratazione (30% ss), reattore di combustione dotato di scambiatore di calore (sistema a caldaia integrata) e impiego di aria arricchita in ossigeno come comburente CASO 4 Fanghi essiccati (al 89% di s.s.) Combustione in reattore adiabatico Comburente aria ambiente Portata di combustione totale [t/h] 15.9 [t/a] 127,260 Portata totale di rifiuto [t/h] 14.2 [t/a] 113,760 Portata totale di fanghi [t/h] 1.7 [t/a] 13,500 ore di funzionamento [h/a] 8,000 Potere Calorifico Inferiore medio [kcal/kg] 2,927 Carico Termico medio di combustione [kw] 54,147 Umidità media [%] 24.2 bottom ash + ceneri caldaia prodotte [kg/h] 2,607 fly ash prodotte [kg/h] 261 Aria comburente totale [kg/h] 147,657 Portata fumi totali [kg/h] 160,310 Portata fumi totali [Nm3/h] 125,212 Temperatura fumi alla CPC [ C] 950 Densità fumi [kg/nm3] Componenti principali fumi CO2 [%] 7.23% H2O [%] 9.59% O2 [%] 10.35% N2 [%] 72.37% Tabella 3.4 Combustione di fanghi dopo essiccazione termica, reattore di combustione adiabatico e impiego di aria come comburente

5 Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 35 CASO 5 Fanghi essiccati (al 89% di s.s.) Combustione in caldaia integrata Comburente aria ambiente Portata di combustione totale [t/h] 15.9 [t/a] 127,260 Portata totale di rifiuto [t/h] 14.2 [t/a] 113,760 Portata totale di fanghi [t/h] 1.7 [t/a] 13,500 ore di funzionamento [h/a] 8,000 Potere Calorifico Inferiore medio [kcal/kg] 2,927 Carico Termico medio di combustione [kw] 54,147 Umidità media [%] 24.2 bottom ash + ceneri caldaia prodotte [kg/h] 2,607 fly ash prodotte [kg/h] 261 Aria comburente totale [kg/h] 118,549 Portata fumi totali [kg/h] 131,203 Portata fumi totali [Nm3/h] 102,599 Temperatura fumi alla CPC [ C] 950 Densità fumi [kg/nm3] Componenti principali fumi CO2 [%] 8.82% H2O [%] 11.70% O2 [%] 8.00% N2 [%] 70.91% Tabella 3.5 Combustione di fanghi dopo essiccazione termica, reattore di combustione dotato di scambiatore di calore (sistema a caldaia integrata) e impiego di aria come comburente CASO 6 Fanghi essiccati (al 89% di s.s.) Combustione in caldaia integrata Comburente "enriched oxigen" Portata di combustione totale [t/h] 15.9 [t/a] 127,260 Portata totale di rifiuto [t/h] 14.2 [t/a] 113,760 Portata totale di fanghi [t/h] 1.7 [t/a] 13,500 ore di funzionamento [h/a] 8,000 Potere Calorifico Inferiore medio [kcal/kg] 2,927 Carico Termico medio di combustione [kw] 54,147 Umidità media [%] 24.2 bottom ash + ceneri caldaia prodotte [kg/h] 2,607 fly ash prodotte [kg/h] 261 Aria comburente totale [kg/h] 107,155 Portata fumi totali [kg/h] 119,809 Portata fumi totali [Nm3/h] 93,586 Temperatura fumi alla CPC [ C] 950 Densità fumi [kg/nm3] Componenti principali fumi CO2 [%] 9.67% H2O [%] 12.82% O2 [%] 8.00% N2 [%] 68.88% Tabella 3.6 Combustione di fanghi dopo essiccazione termica, reattore di combustione dotato di scambiatore di calore (sistema a caldaia integrata) e impiego di aria arricchita in ossigeno come comburente

6 Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 36 In tabella 3.7 è riportato il resoconto relativo al variare delle portate di fumi prodotti con le condizioni di processo di trattamento termico di combustione preso in esame. Portata fumi [kg/h] Portata fumi [Nm 3 /h] Caso 1 150, ,139 Caso 2 137, ,242 Caso 3 126, ,229 Caso 4 160, ,212 Caso 5 131, ,599 Caso 6 119,809 93,586 Tabella 3.7 Portate di fumi di combustione al variare delle condizioni di processo La scelta del processo specifico di trattamento permette, come reso evidente in tabella 3.7, di avere portate di fumi variabili da un massimo di 160,310 kg/h (caso impiantistico 4) fino ad un minimo di 119,809 kg/h (caso impiantistico 6). Tale condizione è estremamente importante, essendo la concentrazione di inquinanti al camino pressoché indipendente dalla tecnologia di combustione e dipendente unicamente dal processo di depurazione applicato sui fumi. D'altronde la diversa tecnologia di trattamento dei fumi permette di definire delle condizioni di garanzia rispetto alle concentrazioni di inquinanti al camino e quindi, a parità di flusso di massa di fumi prodotti, di emissioni in atmosfera nell unità di tempo. Le diverse soluzioni di processi termici applicabili al trattamento dei rifiuti e fanghi, permettono di variare anche in modo sensibile la produzione specifica di fumi, a parità di efficienza del processo stesso (ore di funzionamento in continuo garantite). Anche variando la tecnologia di base scelta per la realizzazione del processo, stante le attuali normative esistenti in materia di emissioni in atmosfera, un termovalorizzatore di rifiuti necessita comunque di tecnologie di trattamento dei fumi che permettano di ridurre fortemente le concentrazioni dei diversi inquinanti presenti: gas acidi (HCl, HF, HBr, SO 2, SO 3 ) ossidi di azoto (NO X ) polveri volanti (PTS) microinquinanti inorganici (metalli pesanti) microinquinanti organici (IPA, PCDD/F) La linea scelta per la individuazione di un modello di impianto (rispetto alle prestazioni di impatto ambientale ipotizzabili) è stata quella di fare riferimento una serie di casi di studio relativi all applicazione a impianti di termovalorizzazione, di taglia e tipologia di rifiuto trattato similari. Tra le diverse tipologie di tecnologie di trattamento fumi sono stati individuati in modo particolare tre tipologie di processi, basati tutti sul trattamento specifico dei gas acidi (HCl, HF, HBr, SO 2 e SO 3 ): - processi di trattamento dei gas acidi mediante processo a secco - processi di trattamento dei gas acidi mediante processo a semi-secco - processi di trattamento dei gas acidi mediante processo a umido Rispetto alle diverse possibili combinazioni di processi di trattamento dei fumi di combustione, secondo l ipotesi di progetto predisposta, sono stati quindi individuati una serie di dati validi a caratterizzare quattro tipologie di processi, di cui di seguito si riportano le variabili caratteristiche di processo:

7 Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 37 Linea di trattamento fumi n 1: 1. elettrofiltro 2. scrubber (con aggiunta di calce) 3. SCR + DeDIOX catalitico Temperatura [ C] 167 CO [mg/nm 3 ] 12.0 COT [mg/nm 3 ] 0.16 NOX [mg/nm 3 ] 75.0 PTS [mg/nm 3 ] 2.27 HCl [mg/nm 3 ] 1.44 HF [mg/nm 3 ] 0.05 SO2 [mg/nm 3 ] 7.1 PCDD/F TE [ng/nm 3 TE] IPA [ng/nm 3 ] PCB [ng/nm 3 ] Hg [mg/nm 3 ] Cd+Tl [mg/nm 3 ] Metalli pesanti [mg/nm 3 ] Linea di trattamento fumi n 2: 1. SNCR 2. scrubber (con aggiunta di soda) 3. Dosaggio di carbone attivo 4. Filtro a maniche Temperatura [ C] 108 CO [mg/nm 3 ] 13.8 COT [mg/nm 3 ] 1.27 NOX [mg/nm 3 ] PTS [mg/nm 3 ] 0.43 HCl [mg/nm 3 ] 2.48 HF [mg/nm 3 ] 0.04 SO2 [mg/nm 3 ] 11.9 PCDD/F TE [ng/nm 3 TE] IPA [ng/nm 3 ] PCB [ng/nm 3 ] Hg [mg/nm 3 ] Cd+Tl [mg/nm 3 ] Metalli pesanti [mg/nm 3 ] 0.091

8 Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 38 Linea di trattamento fumi n 3: 1. SNCR 2. elettrofiltro 3. dosaggio a secco di calce e carbone attivo 4. Filtro a maniche Temperatura [ C] CO [mg/nm 3 ] COT [mg/nm 3 ] NOX [mg/nm 3 ] 159 PTS [mg/nm 3 ] 0.3 HCl [mg/nm 3 ] 6.6 HF [mg/nm 3 ] SO2 [mg/nm 3 ] 3.1 PCDD/F TE [ng/nm 3 TE] IPA [ng/nm 3 ] PCB [ng/nm 3 ] Hg [mg/nm 3 ] Cd+Tl [mg/nm 3 ] Metalli pesanti [mg/nm 3 ] (*) I dati mancanti di questa tabella sono attualmente in fase di acquisizione. Saranno forniti appena disponibili. In realtà questa tipologia impiantistica ha prestazioni ambientali inferiori alle altre e quindi è poco interessante per Osmannoro Linea di trattamento fumi n 4: 1. SNCR 2. Reattore a semi secco (Spray adsorber a calce e carboni attivi) 3. Filtro a maniche Temperatura [ C] CO [mg/nm 3 ] 16.3 COT [mg/nm 3 ] 0.64 NOX [mg/nm 3 ] 85.5 PTS [mg/nm 3 ] 0.19 HCl [mg/nm 3 ] HF [mg/nm 3 ] SO2 [mg/nm 3 ] PCDD/F TE [ng/nm 3 TE] IPA [ng/nm 3 ] PCB [ng/nm 3 ] Hg [mg/nm 3 ] Cd+Tl [mg/nm 3 ] < Metalli pesanti [mg/nm 3 ] La scelta finale dei parametri di emissione sarà descritta nel paragrafo 5.8.

9 Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag Impianto di selezione e compostaggio di Case Passerini Al confine tra i territori comunali di Sesto Fiorentino e Campi Bisenzio sorge l'impianto di selezione e compostaggio di rifiuti urbani di Case Passerini. L'impianto è finalizzato al trattamento dei rifiuti solidi urbani con produzione di: combustibile derivato dai rifiuti (CDR, originariamente destinato al trattamento presso l impianto di gassificazione di Testi); compost di qualità e destinato a recupero ambientale e ricopertura discariche; materiali ferrosi, avviati a recupero. L'impianto ha una potenzialità di circa tonnellate/giorno. Il progetto prevedeva un ingresso di 500 t/g RS, con produzione di 40 t/g organico; 50 t/g fanghi depurazione (30% secco); 50 t/g rifiuto combustibile. Da un punto di vista impiantistico il processo del compostaggio è preceduto da una fase di selezione dei rifiuti conferiti che permette di separare le frazioni organiche dalle frazioni secche e combustibili. Tale fase può essere più o meno spinta a seconda che si abbia a che fare con frazione organica già selezionata all origine (raccolta) o da selezionare da raccolte indifferenziate. L impianto rispetto alla configurazione originaria, ha subito un numero notevole di interventi al fine della sua ottimizzazione e semplificazione e pertanto il modello di sistema descritto riesce di fatto a descrivere la logica del processo senza definirne una esatta configurazione di dettaglio, dato il continuo modificarsi del ciclo per le finalità sopra indicate. Di seguito viene descritto in modo sommario lo schema del processo per le diverse sezioni componenti. Selezione Nella linea di selezione di Case Passerini schematizzata in figura vengono separate: la frazione combustibile (RDF) da inviare ad una eventuale linea di termodistruzione, il ferro pulito da raccogliere in apposito container, la frazione organica putrescibile da inviare alla sezione di compostaggio gli scarti da inviare in discarica;

10 Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag FOSSA 2. BENNA 3. CARROPONTE 4. TRAMOGGIA DI CARICO 5. ESTRATTORE A PIASTRE 6. VAGLIO PRIMARIO 7. TAVOLA DENSIMETRICA 8. SEPARATORE ELTTROMAGNETICO 9. SEPARATORE BALISTICO 10. SEPARATORE AERAULICO 11. FOSSA SCARTI 12. TRITURATORE PRIMARIO 13. MISCELATORE 14. VAGLIO DI RAFFINAZIONE 15. TRITURATORE DI RAFFINAZIONE Figura 3.1 Linea di selezione dell impianto di Case Passerini I rifiuti conferiti all impianto vengono scaricati e stoccati in fossa di accumulo da cui sono immessi nella tramoggia di carico e qui, attraverso una serie di vagli e separatori, avviene la suddivisione fra componente secca ed umida, con produzione di una terza componente residuale di scarto. La parte umida, frutto della selezione, viene avviata ad un apposito reattore che, accelerandone la fermentazione aerobica, la trasforma in compost, che dopo la raffinazione può essere utilizzato come materiale per ricopertura di discarica o come prodotto di impiego per ripristini ambientali. Similarmente, i rifiuti verdi e organici, provenienti da raccolta differenziata subiscono lo stesso trattamento ma la miglior qualità del compost ottenuto, premette di qualificarlo (ai sensi del DM 748/84) come ammendante organico di uso come prodotto in agricoltura. La componente secca ottenuta, dopo le necessarie fasi di triturazione ed essiccazione (per la qualificazione di CDR ai sensi del DM 5 febbraio 1998), viene ridotta in piccoli cilindretti (pellets) ad elevato potere calorifico e può quindi essere impiegata in impianti dedicati e non di recupero di energia. Le emissioni atmosferiche dovute a questo processo sono sostanzialmente quelle dovute alla fase di essiccazione della frazione combustibile per la produzione del prodotto finale denominato RDF (Refuse Derived Fuel) o CDR secondo l acronimo attualmente impiegato

11 Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 41 dalla normativa (che definisce comunque nuove condizioni parametriche di distinzione rispetto alla precedente definizione sulla base della quale era stato implementato il sistema). Con riferimento all anno 1999, la produzione di RDF è valutata in t/anno. Considerando un rapporto fra frazione combustibile prima dell essiccazione e frazione combustibile essiccata (RDF) pari a 1,22; noto il consumo specifico del processo di essiccazione dai dati di gestione dell impianto stesso, pari a 1,9 kwh/kg; è possibile valutare un consumo di energia pari a kwh/anno, equivalente a GJ/anno. Considerando che tale energia viene fornita per mezzo della combustione di gas naturale, è possibile calcolare per mezzo dell applicazione di specifici fattori di emissione, mostrati nelle tabelle seguenti tabelle la produzione di emissioni gassose, relativamente agli inquinanti di interesse. Dal momento che alcuni fattori di emissione vengono forniti per unità di volume di gas naturale, assumendo per il gas naturale un potere calorifico inferiore pari a kj/kg ed una densità di 0,77 kg/m 3, si stima un consumo annuo di gas naturale pari a m 3 /anno. Considerando un funzionamento dell impianto di essiccazione pari a 314 giorni/anno e 8 ore/giorno [3], è possibile stimare il valore dell emissione media oraria per gli inquinanti di interesse. NOx * SO 2 ** PM ** Cd ** Pb ** Hg * Benzene ** Toluene ** Xilene PCDD/PCDF IPA ** g/gj mg/m3 mg/m3 mg/m3 mg/m3 g/tj mg/m3 mg/m3 mg/m3 mg/m3 mg/m ,6 121,6 1,76E-02 8,00E-03 0,1 3,36E-02 5,44E ,41E-03 * CORINAIR, 1999 ** US-EPA, 1995 Tabella 3.8 Fattori di emissione per la combustione di gas naturale [kg/anno] NOx SO 2 PM Cd Pb Hg Benzene Toluene Xilene PCDD/PCDF IPA ,44E-02 2,02E-02 8,70E-03 8,48E-02 1,37E ,56E-03 [kg/ora] 4,33E+00 9,64E-03 1,22E-01 1,77E-05 8,04E-06 3,46E-06 3,37E-05 5,4639E ,42E-06 Tabella Emissioni dovute al processo di essiccazione della frazione combustibile. Ai fini della modellistica diffusionale sono necessari alcuni dati aggiunti sulle caratteristiche del punto di emissione. Tali informazioni sono state ricavate dalle indicazioni fornite da Quadrifoglio nella richiesta di autorizzazione alle emissioni in atmosfera, concessa con Atto della Provincia di Firenze n del 01/10/2002 [3], e sono riportate in tabella Portata Superficie Velocità Temperatura Altezza Durata m 3 /h m 2 m/s C m h/g g/a , Tabella 3.10 Quadro emissivo dello scarico dei fumi dell essiccazione Per la caratterizzazione della tipologia di polveri emesse, si è considerato il tipo di dispositivo di abbattimento installato su tale linea di trattamento aeriformi. Si tratta di torri a piatti (t.p.), le

12 Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 42 quali riescono a raggiungere efficienze di rimozioni dichiarate dell ordine del 95% su particelle solide con diametro equivalente superiore a 10 µm [4]. Dunque, è ragionevole pensare che le emissioni di polveri siano caratterizzate da dimensioni equivalenti delle particelle inferiori a 10 µm (PM 10 ) e quindi rispetto a tale definizione sono state considerate nel presente studio. Infine, si sottolinea come rispetto al limite di concentrazione sulle polveri emesse dall impianto di essiccazione, la stima effettuata rientri abbondantemente entro tale limite, che porterebbe ad una produzione oraria di polveri pari a 5.74 kg/h. Compostaggio È importante sottolineare che, negli impianti di compostaggio, la principale emissione in atmosfera è costituita da sostanze che provocano problemi di molestie olfattive (H 2 S, NH 3, ammine, mercaptani), ma anche possibili effetti di tipo sanitario. Le molestie olfattive più sgradevoli possono essere causate anche da minime concentrazioni di sostanze che generano l effetto olfattivo. Soprattutto nel caso degli impianti di compostaggio di biomasse da raccolta differenziata (scarti di cibo, prodotti derivanti da attività di potatura e manutenzione del verde, ecc.), che sono costituite da frazioni a basso livello di contaminazione da parte di residui di altro genere recanti possibili traccianti chimici organici ed inorganici, le emissioni odorose sono caratterizzate da intermedi volatili della degradazione microbica di questi substrati, ovvero molecole presenti in natura, con scarso impatto sulla salute umana [5]. Effetti di produzione di molecole tossiche possono altresì manifestarsi, ma queste sono prevalentemente da collegarsi non tanto ai processi, quanto a contaminazioni preesistenti delle matrici alimentate al trattamento e quindi maggiormente connesse al trattamento di matrici non differenziate di residui. Altri problemi di emissioni in atmosfera ascrivibili al processo di compostaggio, e di interesse all interno di un percorso di analisi degli impatti di tipo sanitario, sono individuabili nella produzione di polveri, alle quali possono anche connettersi eventuali effetti di trasporto di molecole microinquinanti, sia organiche che inorganiche, trasferite al sistema come composti ubiquitari. Alcune ricerche bibliografiche effettuano una caratterizzazione delle possibili contaminazioni in termini di microinquinanti, ma tali dati appaiono essere non generalizzabili, rispetto ai processi di riferimento, in quanto legati fortemente alle specificità gestionali complessive dei sistemi sui quali tali valutazioni sono state effettuate. Da un punto di vista di dati presenti in letteratura scientifica, le emissioni relative agli impianti di compostaggio riportano numerose indagini effettuate sulla categoria dei composti organici volatili (VOC) [6], ma nessuna indicazione affidabile è stata reperita per poter effettuare una stima dei composti di interesse in questo studio, che, nella maggior parte dei casi, risultano assenti o comunque non campionati in modo specifico. Sarebbe comunque non corretto tralasciare la presenza di polveri, che possono essere presenti nelle emissioni atmosferiche degli impianti di compostaggio. In mancanza di dati generali su questa emissione, si è scelto di riferirsi ai valori limite imposti sullo sbocco del flusso aeriforme convogliato dalla sezione di compostaggio dell impianto di Case Passini. Tale limite, pari a 10 mg/nm 3, è stato imposto in attuazione del DPR 203/88 dalla Provincia di Firenze con atto n del 01/10/2002 [3]. La tabella 3.11 riporta i dettagli del quadro emissivo relativi a tale sbocco [3].

13 Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 43 Portata Superficie Velocità Temperatura Altezza Durata Polveri m 3 /h m 2 m/s C m h/g g/a mg/nm ,8 10,9 Ambiente Tabella 3.11 Quadro emissivo della sezione di compostaggio di Case Passerini Per la caratterizzazione della tipologia di polveri emesse, si è considerato il tipo di dispositivo di abbattimento installato su tale linea di trattamento aeriformi. Si tratta di torri a riempimento statico (t.r.s.), le quali riescono a raggiungere efficienze di rimozioni dichiarate dell ordine del 95% su particelle solide con diametro equivalente superiore a 10 µm [4]. Dunque, è ragionevole pensare che le emissioni di polveri siano caratterizzate da dimensioni equivalenti delle particelle inferiori a 10 µm (PM 10 ). Relativamente allo scenario corrispondente all eventuale realizzazione del termovalorizzatore (2007), è previsto un incremento della quantità di rifiuti avviati al trattamento di compostaggio, soprattutto derivanti da raccolte differenziate di scarti verdi ed organico. In ogni caso, comunque, la caratterizzazione delle emissioni legate a questo impianto rimane riferita ai valori riportati in tabella 3.1-5, poiché comunque l autorizzazione da cui sono stati ricavati questi dati è riferita ad una dimensione dell impianto capace di trattare quantitativi ben superiori a quelli attualmente avviati a compostaggio.

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Schema di riferimento generale Raccolta rifiuti Controllo radioattività / allarme Ricevimento / Fossa di stoccaggio Sistema

Dettagli

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO.

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. Allegato 2b VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. In questa memoria si analizzano le risultanze dello Studio di Impatto Ambientale

Dettagli

Parametro Valore Unità misura

Parametro Valore Unità misura Parametro Valore Unità di misura Dimensione lotto 268.660 m 2 Potenza elettrica lorda 16,8 MWe Potenza elettrica netta 14,0 MWe Producibilità media lorda annua 126 GWh/anno Tensione di rete 150 kv Potenza

Dettagli

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Depurazione fumi Emissioni inquinanti Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Macroinquinanti (g m -3 o mg m -3 ) Microinquinanti (µg m -3 o ng m -3 ) rganici (es. PCDD/F) Inorganici Es.

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia. Il Termovalorizzatore di Padova 13 Maggio 2011

LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia. Il Termovalorizzatore di Padova 13 Maggio 2011 LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia Il Termovalorizzatore di Padova 13 ENERGIA GAS ACQUA AMBIENTE E SERVIZI Cristiano Piccinin Responsabile Operativo

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Capitolo 6 Risultati pag. 301 6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Come già detto nel paragrafo 5.8, i risultati riportati in questo paragrafo fanno riferimento alle concentrazione

Dettagli

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase Schema Sezione 1 La seconda fase, quella più "calda", dove i rifiuti vengono bruciati e, col calore ottenuto,

Dettagli

L impianto di termovalorizzazione di Torino. Ing. Riccardo Statini TM.E. S.p.A. Termomeccanica Ecologia

L impianto di termovalorizzazione di Torino. Ing. Riccardo Statini TM.E. S.p.A. Termomeccanica Ecologia L impianto di termovalorizzazione di Torino Ing. Riccardo Statini TM.E. S.p.A. Termomeccanica Ecologia Soggetto aggiudicatario Costituenda Associazione Temporanea di Imprese tra TM.E. S.p.A. termomeccanica

Dettagli

Confronto attuale-futuro (con termovalorizzatore a Case Passerini) sistema rifiuti e riscaldamento

Confronto attuale-futuro (con termovalorizzatore a Case Passerini) sistema rifiuti e riscaldamento Capitolo 6 Risultati pag. 447 Confronto attuale-futuro (con termovalorizzatore a Case Passerini) sistema rifiuti e riscaldamento Come già detto nel paragrafo 5.8, i risultati riportati in questo paragrafo

Dettagli

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document Page : 1/8 12. GARANZIE Page : 2/8 SOMMARIO 12.1 Basi di definizione delle garanzie... 3 12.2 Garanzie di prestazioni... 3 12.2.1 Potenzialità di trattamento... 3 12.2.2 Caratteristiche e portate vapore

Dettagli

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Indice 1. Introduzione... 2 2. L'impianto proposto... 3 3. Schema a blocchi dell'impianto... 4 4. Descrizione dell'impianto... 5 4.1 Trattamenti meccanici...

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 44

Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 44 Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 44 3.1.3. Discarica di Case Passerini La discarica di Case Passerini è localizzata di fianco all'impianto di selezione e compostaggio nel territorio comunale

Dettagli

Amministrazioni comunali di Rezzato e Mazzano

Amministrazioni comunali di Rezzato e Mazzano C.F. n CRRRRT48B06D117X; Partita IVA n 0073846016 1 Amministrazioni comunali di Rezzato e Mazzano Adeguamento tecnologico della cementeria Italcementi di Rezzato-Mazzano Obiettivi di riduzione delle emissioni

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

Produzione suole per scarpe. Comparazione Combustori

Produzione suole per scarpe. Comparazione Combustori Produzione suole per scarpe Comparazione Combustori INTRODUZIONE Un industriale marchigiano ci ha segnalato che la Regione Marche, dopo una recente serie di controlli sul territorio, sta imponendo limiti

Dettagli

FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT

FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT ESPERIENZE INNOVATIVE IN ITALIA SUGLI ASPETTI DEPURATIVI: UN FOCUS SUI FANGHI Bologna, 22 ottobre 2014 FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT Ing. Marco ACRI Direttore Generale SOCIETÀ METROPOLITANA

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA AGLI IMPIANTI DI COMBUSTIONE RICADENTI NELL'AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TITOLO I DEL DECRETO LEGISLATIVO 152/06

Dettagli

TERMODISTRUZIONE RIFIUTI SOLIDI E PRODOTTI DERIVATI

TERMODISTRUZIONE RIFIUTI SOLIDI E PRODOTTI DERIVATI TERMODISTRUZIONE RIFIUTI SOLIDI E PRODOTTI DERIVATI Principi generali combustione potere calorifico bilanci di massa: stechiometria, volume fumi, eccessi d aria Recupero energetico bilanci termici, rendimenti

Dettagli

Gli scenari di sviluppo del termovalorizzatore. (o impianto di trasformazione e produzione?) Gianni Bidini

Gli scenari di sviluppo del termovalorizzatore. (o impianto di trasformazione e produzione?) Gianni Bidini Gli scenari di sviluppo del termovalorizzatore (o impianto di trasformazione e produzione?) Gianni Bidini Dipartimento di Ingegneria Università degli Studi di Perugia 1 2 3 PRINCIPALI IMPIANTI DI TRATTAMENTO

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2008 secondo le più moderne

Dettagli

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca Bologna, 15 maggio 2006 Hera Bologna s.r.l. 1 COGEN OSPEDALE MAGGIORE RIVA CALZONI BARCA BECCACCINO 2 La rete 3 Le condotte Posa tubazioni

Dettagli

Domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi dell art. 269, D.lgs. 152/2006 (stabilimenti anteriori al 2006).

Domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi dell art. 269, D.lgs. 152/2006 (stabilimenti anteriori al 2006). Marca da Al SUAP del Comune di Bollo Domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi dell art. 269, D.lgs. 152/2006 (stabilimenti anteriori al 2006). Il/la sottoscritto/a nato/a a il residente

Dettagli

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI.

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI. WORKSHOP I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI 31 Maggio 2005 Centro Congressi SGR Via Chiabrera 34/B Produzione e recupero

Dettagli

Fase di screening - I

Fase di screening - I Documenti dell'agenzia Regionale di Sanità della Toscana Localizzazione e caratterizzazione dell'area e della popolazione Osservatorio di Epidemiologia Motivazioni per la valutazione Prima descrizione

Dettagli

LINEA DI TRATTAMENTO. Rifiuti solidi. Impianto di selezione per la produzione di Cdr e Cnc

LINEA DI TRATTAMENTO. Rifiuti solidi. Impianto di selezione per la produzione di Cdr e Cnc LINEA DI TRATTAMENTO Rifiuti solidi Impianto di selezione per la produzione di Cdr e Cnc Impianto di recupero energetico mediante forno a letto fluido Produzione di CdR e/o CnC SCHEMA A BLOCCHI IMPIANTO

Dettagli

Il termovalorizzatore di Torino

Il termovalorizzatore di Torino Il termovalorizzatore di Torino Funzionamento Andamento 2015 13 febbraio 2016 La Società TRM S.p.A - Trattamento Rifiuti Metropolitani èlasocietà che ha progettato, costruito e, attualmente, gestisce il

Dettagli

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia)

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) OPET SEED (Italia) Impianto di realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) ENERGIE Introduzione L impianto di in esame è installato presso un azienda

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA Produzione energetica da biomasse: aspetti tecnici, elementi gestionali, sostenibilità ambientale Cooperazione Trentina PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI

Dettagli

5 ANALISI DELLE ALTERNATIVE

5 ANALISI DELLE ALTERNATIVE Pag. 1 di 14 5 ANALISI DELLE ALTERNATIVE Pag. 2 di 14 5.1 PREMESSA... 3 5.2 ALTERNATIVE TECNOLOGICHE: SEZIONE DI COMBUSTIONE RECUPERO ENERGETICO... 6 5.3 ALTERNATIVE TECNOLOGICHE: SEZIONE DI TRATTAMENTO

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Riduzione degli NOx tramite applicazione di membrane catalitiche su filtri a maniche del Termovalorizzatore. Cristiano PICCININ WTE Padova

Riduzione degli NOx tramite applicazione di membrane catalitiche su filtri a maniche del Termovalorizzatore. Cristiano PICCININ WTE Padova Riduzione degli NOx tramite applicazione di membrane catalitiche su filtri a maniche del Termovalorizzatore Cristiano PICCININ WTE Padova INTRODUZIONE Nel 2007 venne deliberato il rifacimento delle linee

Dettagli

Tecnologie di valorizzazione energetica di biomasse e termotrattamento di RSU non preselezionati/preselezionati

Tecnologie di valorizzazione energetica di biomasse e termotrattamento di RSU non preselezionati/preselezionati Tecnologie di valorizzazione energetica di biomasse e termotrattamento di RSU non preselezionati/preselezionati Incenerimento a griglia * raffreddati ad aria o ad acqua; * a griglia fissa o mobile Combustione

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Aspetti Ambientali Combustione del legno e inquinamento atmosferico Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Luca Colombo, ufficio protezione aria,

Dettagli

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC Seminario Tecnico Stabilimenti IPPC: Piano di Monitoraggio e Controllo (PMC) e Sistemi di Monitoraggio delle emissioni (SME) Provincia di

Dettagli

Relazione Tecnica. Allegato n 1. Valutazione Impatto Ambientale CENTRALE DI COGENERAZIONE. IMPIANTO DI POST COMBUSTIONE DEL CHP3 (Camino n 3)

Relazione Tecnica. Allegato n 1. Valutazione Impatto Ambientale CENTRALE DI COGENERAZIONE. IMPIANTO DI POST COMBUSTIONE DEL CHP3 (Camino n 3) Relazione Tecnica Allegato n 1 Valutazione Impatto Ambientale Impianto IPPC SEDAMYL S.p.A. AIA n.1018 del 12/10/2007 in fase di rinnovo Comune SALUZZO CENTRALE DI COGENERAZIONE IMPIANTO DI POST COMBUSTIONE

Dettagli

ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato. RIGENERGIA12, Aosta 26 maggio 2012 ARPA VdA

ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato. RIGENERGIA12, Aosta 26 maggio 2012 ARPA VdA ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato Uniformare gli strumenti e i sistemi di monitoraggio della qualità dell aria. Potenziare le misure di tutela (es. Piani

Dettagli

Termovalorizzatore di Acerra

Termovalorizzatore di Acerra Termovalorizzatore di Acerra Il termovalorizzatore di Acerra è uno dei più grandi impianti d Europa, con una capacità di smaltimento pari a 600.000 t/anno di RSU pretrattato; esso produce 600 milioni di

Dettagli

Il trattamento delle emissioni in atmosfera prodotte dai termovalorizzatori

Il trattamento delle emissioni in atmosfera prodotte dai termovalorizzatori Università degli Studi di Palermo Il trattamento delle emissioni in atmosfera prodotte dai termovalorizzatori Prof. Ing. Giorgio Micale, Dott. Ing. Onofrio Scialdone Dipartimento di Ingegneria Chimica

Dettagli

Impianto di preselezione RSU e stabilizzazione della frazione organica sporca

Impianto di preselezione RSU e stabilizzazione della frazione organica sporca Impianto di preselezione RSU e stabilizzazione della frazione organica sporca LOCALIZZAZIONE: STRADA RONCAGLIA 4/C CASALE MONFERRATO ORARIO DI APERTURA: DAL LUNEDI AL VENERDI dalle 8.00 alle 12,30 e dalle

Dettagli

Valutazione comparativa delle tecnologie di termovalorizzazione dei rifiuti urbani attraverso l incenerimento diretto o dopo trasformazione in CDR

Valutazione comparativa delle tecnologie di termovalorizzazione dei rifiuti urbani attraverso l incenerimento diretto o dopo trasformazione in CDR Valutazione comparativa delle tecnologie di termovalorizzazione dei rifiuti urbani attraverso l incenerimento diretto o dopo trasformazione in CDR Angelo Bonomi Consulente ambientale Verbania (VB) angelo.bonomi2@tin.it

Dettagli

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA.

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01 Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Finalità Fissare i limiti di emissione ed i criteri per le autorizzazione

Dettagli

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIRO L Landesagentur für Umwelt PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Agenzia provinciale per l ambiente Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici Nel

Dettagli

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA SINTESI DEI DATI RELATIVI ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA - ANNO 2012 1 ANALISI DELLA TIPOLOGIA, QUANTITÀ E PROVENIENZA GEOGRAFICA DEI RIFIUTI TRATTATI NELL IMPIANTO Analisi della

Dettagli

Le biomasse ESEMPIO IMPIANTISTICO. Università di Roma La Sapienza

Le biomasse ESEMPIO IMPIANTISTICO. Università di Roma La Sapienza Le biomasse ESEMPIO IMPIANTISTICO La combustione è un processo di ossidazione rapido che avviene con emissione di luce e calore (fiamma) durante il quale l energia chimica si trasforma (degradandosi) in

Dettagli

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000 pag. 217 6. Risultati Di seguito si riportano i risultati relativi alle diverse simulazioni di diffusione atmosferica degli inquinanti effettuate. In particolare sono riportati i risultati sotto forma

Dettagli

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17):

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): 4. LE SEZIONI DI UN IMPIANTO DI TEMODISTRUZIONE Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): Fig.17: sezioni fondamentali di un

Dettagli

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto ELV: criticità del sistema I trattamenti post frantumazione Ing. - Feralpi Siderurgica SpA Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA Obiettivi - Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche più promettenti

Dettagli

Sistemi energetici di piccola taglia, gassificazione e uso di motori Stirling

Sistemi energetici di piccola taglia, gassificazione e uso di motori Stirling Sistemi energetici di piccola taglia, gassificazione e uso di motori Stirling Biomasse: prospettive di uso energetico in Emilia-Romagna e sistemi di calcolo e monitoraggio su GIS Ing. Filippo Marini La

Dettagli

Evoluzione tecnologica e mercato degli apparecchi ad uso privato

Evoluzione tecnologica e mercato degli apparecchi ad uso privato Evoluzione tecnologica e mercato degli apparecchi ad uso privato Sessione 1 Biogas, Biomassa: La filiera della legna per il riscaldamento domestico: dal bosco al caminetto Ing. Roberta ROBERTO - Ricercatrice

Dettagli

Informazioni relative all'impianto di trattamento di terreni della ARE Deutzen GmbH di Neukieritzsch OT Deutzen

Informazioni relative all'impianto di trattamento di terreni della ARE Deutzen GmbH di Neukieritzsch OT Deutzen Informazioni relative all'impianto di trattamento di terreni della ARE Deutzen GmbH di Neukieritzsch OT Deutzen 1. RIFERIMENTI NORMATIVI 1.1. IMPIANTO DI TRATTAMENTO DELLA ARE Deutzen GmbH In base alla

Dettagli

Relazione annuale per l anno 2013 ai sensi del D.Lgs. 133/05 art. 15 comma 3 e del Decreto n. 5149 del 17/05/2010.

Relazione annuale per l anno 2013 ai sensi del D.Lgs. 133/05 art. 15 comma 3 e del Decreto n. 5149 del 17/05/2010. ACCAM S.P.A. Strada Comunale di Arconate 21052 Busto Arsizio Tel 0331-351560 Fax 0331-351780 COD FISC PIVA 00234060127 Relazione annuale art. 15 D.Lgs. 133/05 Pagina 1 di 17 Data: 18.06.2014 Relazione

Dettagli

SCHEDA TECNICA PUNTO DI EMISSIONE N. Dati caratteristici dell emissione

SCHEDA TECNICA PUNTO DI EMISSIONE N. Dati caratteristici dell emissione Dati caratteristici dell emissione Portata normalizzata umida.................................................................. Nm3/h... Portata normalizzata secca...................................................................

Dettagli

ALLEGATO "A" Alla Provincia di Latina (istanza originale in bollo +una copia dell istanza + documentazione)

ALLEGATO A Alla Provincia di Latina (istanza originale in bollo +una copia dell istanza + documentazione) ALLEGATO "A" Alla Provincia di Latina (istanza originale in bollo +una copia dell istanza + documentazione) All A.R.P.A.-LAZIO di Latina - (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale) (una copia dell

Dettagli

Power Syn. Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili. da 199 a 999 kwe

Power Syn. Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili. da 199 a 999 kwe Power Syn Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili da 199 a 999 kwe INTRODUZIONE La gassificazione è un processo di conversione termochimica di una massa organica

Dettagli

Tecnologie e Metodologie per la Conversione Termochimica dei Rifiuti Solidi Urbani

Tecnologie e Metodologie per la Conversione Termochimica dei Rifiuti Solidi Urbani Tecnologie e Metodologie per la Conversione Termochimica dei Rifiuti Solidi Urbani Francesco Pepe Dipartimento di Ingegneria Università del Sannio, Benevento LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI La gestione

Dettagli

Conversione a biomassa di centrali a olio combustibile: Risultati delle simulazioni 3D. Lucia Giovannini -Sandro Merlini

Conversione a biomassa di centrali a olio combustibile: Risultati delle simulazioni 3D. Lucia Giovannini -Sandro Merlini Conversione a biomassa di centrali a olio combustibile: Risultati delle simulazioni 3D Lucia Giovannini -Sandro Merlini Attività svolte Messa a punto di strumenti di calcolo per la simulazione di sistemi

Dettagli

Tecnico incaricato: Cognome Nome Sede di lavoro: Comune (prov. ) Via/P.zza n. CAP Tel. ; Cellulare ; Fax Email @

Tecnico incaricato: Cognome Nome Sede di lavoro: Comune (prov. ) Via/P.zza n. CAP Tel. ; Cellulare ; Fax Email @ Alla Provincia di Pistoia Servizio Tutela dell Ambiente P.zza della Resistenza 54 51100 PISTOIA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE RELATIVA AD IMPIANTI INDUSTRIALI CON EMISSIONI IN ATMOSFERA Ai sensi dell art.

Dettagli

TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DA IMPIANTO DI PRODUZIONE COMBUSTIBILI DA MATERIALE DI RIFIUTO.

TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DA IMPIANTO DI PRODUZIONE COMBUSTIBILI DA MATERIALE DI RIFIUTO. TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DA IMPIANTO DI PRODUZIONE COMBUSTIBILI DA MATERIALE DI RIFIUTO. Viene qui presentato il progetto generale dell impianto di trattamento del refluo liquido proveniente dall

Dettagli

Analisi delle principali tecnologie per il recupero di energia dai rifiuti

Analisi delle principali tecnologie per il recupero di energia dai rifiuti Analisi delle principali tecnologie per il recupero di energia dai rifiuti relatori: Adelmo Benassi (*) Adelio Peroni (*) (*) Soci ATIA-ISWA, Consulenti, docenti incaricati presso Università di Modena

Dettagli

REGIONE DEL VENETO. Impianto di messa in riserva e recupero di rifiuti speciali non pericolosi presso il Comune di San Pietro di Morubio

REGIONE DEL VENETO. Impianto di messa in riserva e recupero di rifiuti speciali non pericolosi presso il Comune di San Pietro di Morubio REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN PIETRO DI MORUBIO Impianto di messa in riserva e recupero di rifiuti speciali non pericolosi presso il Comune di San Pietro di Morubio DITTA A.E.T.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA TRIENNALE IN: Gassificazione Di Rifiuti Solidi Urbani Con

Dettagli

Incenerimento di rifiuti Recupero di energia e materia. SAIE 2008 Risparmio energetico e sostenibilità ambientale nelle aree industriali

Incenerimento di rifiuti Recupero di energia e materia. SAIE 2008 Risparmio energetico e sostenibilità ambientale nelle aree industriali Incenerimento di rifiuti Recupero di energia e materia SAIE 2008 Risparmio energetico e sostenibilità ambientale nelle aree industriali Bologna, 18.10.2008 CONTENUTI DELLA PRESENTAZIONE Il gruppo HERA

Dettagli

Impianti di selezione meccanica dei rifiuti

Impianti di selezione meccanica dei rifiuti Impianti di selezione meccanica dei rifiuti Gli impianti di selezione meccanica dei rifiuti solidi possono fare parte di un sistema integrato per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Essi producono:

Dettagli

Produzione di Energia Elettrica da Rifiuti Urbani

Produzione di Energia Elettrica da Rifiuti Urbani 1 Appendice al Cap. 3 (della Parte Seconda del Corso) Produzione di Energia Elettrica da Rifiuti Urbani 1. Generalità Per quanto riguarda l Italia, il Decreto Legislativo n 22 del 5/02/97 (Decreto Ronchi),

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI

PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI Il TEAM di Si-Web ha lavorato con impegno e professionalità utilizzando informazioni provenienti da autorevoli fonti sia nazionali che internazionali,

Dettagli

INGEGNERIA INDUSTRIALE Impianti per la produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili

INGEGNERIA INDUSTRIALE Impianti per la produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili ICARIA s.r.l. SOCIETA DI SERVIZI DI INGEGNERIA Sede legale: Via La Spezia, 6 00182 Roma Sedi Operative: Corso Cavour, 445 05018 Orvieto Tel. 0763.340875 Fax 0763.341251 Viale Liegi, 42 00198 Roma e_mail

Dettagli

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde Menz & Gasser Spa Tri-generazione, energia verde Relazione del: 04/12/2015 1 1974-2015: 41 anni a Novaledo 2004 2016: 85 milioni di Euro di investimenti 2 Relazione del: 04/12/2015 Collaboratori & Fatturato

Dettagli

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti Con contributi di: Dario Sciunnach S. Cappa, L. Losa, U. Parravicini, P. Zerbinati (Regione Lombardia) M. Lombardi (ARPA Lombardia)

Dettagli

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Rimini, 7 Novembre 2006 Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Relatore: M. Gugliotta Autori: V. Gerardi - M. Gugliotta M. X Cabibbo - G. Spina - F.Vanni Chi è e di cosa

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Negli ultimi anni in Italia sono stati costruiti diversi impianti funzionanti a biomasse (biogas). BIOMASSE: in base all art. 2 del D.Lgs 387/2003

Dettagli

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone LO STABILIMENTO Lo stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il

Dettagli

SERVIZIO: CHIUSURA DEL CICLO DEI RIFIUTI URBANI

SERVIZIO: CHIUSURA DEL CICLO DEI RIFIUTI URBANI Allegato a) - SCHEDE TECNICHE DEI SERVIZI RESI SCHEDA a.3 SERVIZIO: CHIUSURA DEL CICLO DEI RIFIUTI URBANI DEFINIZIONE Oggetto del servizio è la gestione dei rifiuti urbani provenienti dalla raccolta per

Dettagli

DIFENDERE AMBIENTE E IMPRESE

DIFENDERE AMBIENTE E IMPRESE Poste Italiane Spa - Sped. in a.p. - D.L. 353/2003 conv. in L. 46/2004, art.1, c.1 - CB-NO/Torino Anno 7 n. 26 DEA edizioni s.a.s. Strada del Portone, 127-10095 Grugliasco (TO) marzo 2014 anno vii numero

Dettagli

Gassificazione di legna vergine per la produzione di syngas. Dott. Massimiliano Livi

Gassificazione di legna vergine per la produzione di syngas. Dott. Massimiliano Livi Gassificazione di legna vergine per la produzione di syngas Dott. Massimiliano Livi Bioenergie: Perché l uso delle biomasse legnose? Negli ultimi 50 anni la superficie boschiva è raddoppiata, raggiungendo

Dettagli

IMPIANTO DI COGENERAZIONE ALIMENTATO A BIOMASSE VEGETALI SOLIDE

IMPIANTO DI COGENERAZIONE ALIMENTATO A BIOMASSE VEGETALI SOLIDE IMPIANTO DI COGENERAZIONE ALIMENTATO A BIOMASSE VEGETALI SOLIDE S. Agata di Puglia (FG) PROPONENTE/PROMOTER IL PRESIDENTE VIA ZUCCHERIFICIO, 10-48213 - MEZZANO (RA) DOCUMENTAZIONE TECNICA AI FINI AUTORIZZATIVI

Dettagli

Esperienze Hera nella progettazione di soluzioni per la termovalorizzazione dei rifiuti

Esperienze Hera nella progettazione di soluzioni per la termovalorizzazione dei rifiuti Esperienze Hera nella progettazione di soluzioni per la termovalorizzazione dei rifiuti Direzione Ingegneria Davide Corrente Indice 1 - Gruppo HERA 2 - Impianti progettati, costruiti e messi in marcia

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di progetto (mc/s) Sezione del camino (mq) Percentuale di materiale particolato con

Dettagli

PROGETTO AMBIENTE BACINO LECCE DUE S.R.L.

PROGETTO AMBIENTE BACINO LECCE DUE S.R.L. PROGETTO AMBIENTE BACINO LECCE DUE S.R.L. PROGETTO COFINANZIATO DALLA COMUNITA EUROPEA POR PUGLIA 2000-2006 Misura 1.8 L opera: Progetto Ambiente Bacino Lecce Due Il Progetto Lecce 2 inteso come progettazione,

Dettagli

Prove di combustione

Prove di combustione Giornata Dimostrativa del Progetto BioTec Analisi delle tecniche di combustione e ricerca sui processi di produzione di biocombustibili da biomasse agro-forestali Prove di combustione Andrea Cristoforetti

Dettagli

La gestione dei rifiuti

La gestione dei rifiuti La gestione dei rifiuti Se consideriamo l aspetto quantitativo del problema rifiuti vediamo che negli ultimi anni la produzione di rifiuti è cresciuta notevolmente. In particolare dal 1976 al 1993 il loro

Dettagli

tecnologia che migliora il mondo

tecnologia che migliora il mondo tecnologia che migliora il mondo Company profile AURORA energy solution è l unione di due società la AURORA INVEST Srl e ICMEA Srl società di ingegneria dedicata alla progettazione e realizzazione di

Dettagli

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 514 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 515 Conclusioni Le Considerazioni conclusive sulla Fase 2 della VIS possono essere sintetizzate in tre punti: 1. La seconda fase dopo lo screening ha approfondito in primo

Dettagli

E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno. sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA.

E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno. sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA. E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA energy La nostra missione: Produrre energia rinnovabile Ridurre

Dettagli

Focus Valutazione degli impatti in atmosfera

Focus Valutazione degli impatti in atmosfera Focus Valutazione degli impatti in atmosfera VALUTAZIONE di IMPATTO AMBIENTALE ai sensi del D. Lgs 152/2006 e smi e Legge Regionale 9/99 di un Impianto per la valorizzazione energetica di sottoprodotti

Dettagli

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica.

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. 1 Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. A2A Calore & Servizi, società del gruppo A2A attiva nella gestione del teleriscaldamento nelle città di Milano, Brescia

Dettagli

BIOMASSA: Biomasse combustibili e limiti di emissione: Normativa e prospettive. Maurizio Tava

BIOMASSA: Biomasse combustibili e limiti di emissione: Normativa e prospettive. Maurizio Tava BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Biomasse combustibili e limiti di emissione: Normativa e prospettive Maurizio Tava APPA Responsabile

Dettagli

PROGETTO AMBIENTE PROVINCIA DI LECCE S.R.L.

PROGETTO AMBIENTE PROVINCIA DI LECCE S.R.L. PROGETTO AMBIENTE PROVINCIA DI LECCE S.R.L. PROGETTO COFINANZIATO DALLA COMUNITA EUROPEA POR PUGLIA 2000-2006 Misura 1.8 L opera: Progetto Ambiente Provincia di Lecce La progettazione, realizzazione e

Dettagli

problematiche olfattive in Veneto

problematiche olfattive in Veneto La definizione di una Linea Guida per la gestione delle problematiche olfattive in Veneto Dr Alessandro Benassi Regione del Veneto Direttore e Dipartimento Ambiente Dr. Alessandro Benassi Direzione Ambiente

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITENIO DI TORINO ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE Prima sessione ANNO 009 Settore INDUSTRIALE - lasse 33/S Ingegneria Energetica e nucleare Terza prova (prova pratica

Dettagli

La conceria e l impatto ambientale

La conceria e l impatto ambientale La conceria e l impatto ambientale 1 Inquinamento da attività conciaria L industria conciaria, pur non essendo peggiore di molte altre attività industriale, è considerata altamente inquinante. Ciò è dovuto

Dettagli

IMPIANTI DI INCENERIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI

IMPIANTI DI INCENERIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI IMPIANTI DI INCENERIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI Eliminazione efficiente di sostanze inquinanti e recupero energetico Un azienda di Bayer e LANXESS Soluzioni estremamente pulite Fornitore competente di servizi,

Dettagli

LA FRAZIONE RESIDUA DEI RIFIUTI URBANI: CONFRONTO TRA TECNOLOGIE E MODALITÀ DI GESTIONE

LA FRAZIONE RESIDUA DEI RIFIUTI URBANI: CONFRONTO TRA TECNOLOGIE E MODALITÀ DI GESTIONE LA FRAZIONE RESIDUA DEI RIFIUTI URBANI: CONFRONTO TRA TECNOLOGIE E MODALITÀ DI GESTIONE IL SISTEMA BEA DI GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI RIFIUTO URBANO RESIDUO FRAZIONI DIFFERENZIATE R E C U P E R O E

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2005 secondo le più moderne

Dettagli

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti PROGRAMMA DI MASSIMA DELL ATTIVITA DI DOTTORATO DI RICERCA IN TECNOLOGIE CHIMICHE ED ENERGETICHE INQUINAMENTO E DEPURAZIONE DELL AMBIENTE XXIII CICLO Dottoranda: Titolo dell attività di dottorato di ricerca:

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA rapport d essai test report. Nota tecnica Utilizzo di un prodotto derivato da RSU in sistemi energetici

RAPPORTO DI PROVA rapport d essai test report. Nota tecnica Utilizzo di un prodotto derivato da RSU in sistemi energetici ISO 9001 - Cert. n. 5203 Cliente Client client Impianto/Progetto Project subject Titolo object title 4-D Engineering Impianto Pilota REFOLO Roccaraso (AQ) RAPPORTO DI PROVA Data Commessa marchè project

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

ISOTHERM PWR. Flameless Oxy-combustion. Energia con emissioni prossime allo zero

ISOTHERM PWR. Flameless Oxy-combustion. Energia con emissioni prossime allo zero ISOTHERM PWR Flameless Oxy-combustion Energia con emissioni prossime allo zero FLAMELESS OXY-COMBUSTION Energia dagli scarti a zero emissioni Energia da combustibili poveri: Rifiuti industriali liquidi

Dettagli